Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
\\ Home Page : Storico : it - Osservatorio Globale (invert the order)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 

Al termine della missione di valutazione a Bucarest, gli esperti del Fondo Monetario Internazionale e della Commissione Europea a Bucarest hanno annunciato che la Romania ha adempiuto agli obblighi stabiliti con l’accordo stand-by firmato nel 2009 e che non sono necessari cambiamenti più duri di politiche economiche. Di conseguenza, la Romania riceverà a settembre circa 2 miliardi di euro, di cui 1,2 miliardi dalla CE destinati al finanziamento del deficit, e 900 milioni dal Fmi alla Banca centrale, per consolidare la riserva valutaria e mantenere il corso di cambio. Gli esperti del Fmi e della CE hanno raccomandato alle autorità di Bucarest di proseguire le riforme nella previdenza sociale e la ristrutturazione delle aziende di stato. Inoltre, Bucarest deve adottare subito la legge sulla retribuzione unica nel sistema pubblico e quella delle pensioni, e ridurre gli arretrati. Criticato, invece, lo scarso impiego dei fondi europei, vera trasfusione benefica per l’economia. D’altra parte, il Fmi ha rivisto verso il basso la prognosi di crescita economica per il 2010, anticipando una contrazione dell’1,9% del PIL, rispetto allo 0,5% previsto prima.

La Banca Nazionale Rumena ha deciso questa settimana di mantenere l’interesse di politica monetaria al 6,25% nonchè il livello dei tassi delle reserve minime obbligatorie appliccabili ai passivi in lei e valuta. La decisione di mantenere l’interesse non ha colto di sorpresa gli analisti, che la ritengono normale, dato l’aumento dell’inflazione provocato dalla crescita dell’IVA. Nel futuro, essi non escludono però la possibilità che la Banca Nazionale riprenda l’aumento dell’interesse di politica monetaria. Il governatore della Banca centrale, Mugur Isarescu, ha presentato il Rapporto sull’inflazione per il 2010. La Banca ha rivisto la prognosi dell’inflazione dal 3,7 al 7,8% fino alla fine dell’anno, in seguito all’aumento dell’IVA. Motivo per cui si stimano anche rincari dei prezzi del 3%.

La Francia riprende il discorso sull’integrazione dei rom. Il segretario di stato agli Affari Europei, Pierre Lellouche, ha dichiarato che Bucarest potrebbe pagare il modo inefficace di gestione di questo problema con la perdita dei fondi europei, che ammontano a 20 miliardi di euro fino al 2013. Il monito avviene a pochi giorni dopo che la Francia aveva placato i toni nel problema dei clandestini rom residenti sul suo territorio e contro i quali ha annunciato di recente misure severe, quali l’espulsione, ma anche all’indirizzo dei Paesi di origine. L’intento di Parigi di smantellare metà dei campi nomadi e di rimpatriare quasi subito i rom della Romania e Bulgaria che comettono reati, ha generato le critiche dell’opposizione e le proteste delle organizzazioni per la difesa dei diritti umani. Il dovere di integrare gli etnici rom spetta prima ai Paesi di origine, e stati quali la Francia hanno solo l’obbligo di offrire assistenza, ha spiegato Lellouche. Il segretario di stato francese ha sottolineato che Parigi sta costruendo un partenariato con Bucarest e ha salutato la nomina, in Romania, di un segretario di stato al Ministero del Lavoro incaricato al reinserimento dei rom.

La Romania ha aggiunto un nuovo tassello sulla lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Il monastero Sucevita (nord) è stato inserito nella lista dei 900 siti di eccezionale valore universale di 148 Paesi. Il pezzo forte del Monastero è la Chiesa della Risurrezione, con dipinti interni ed esterni risalenti ai secoli XV-XVI, tra i meglio conservati fra il gruppo di monasteri della Bucovina, nel nord della Romania, gia’ inclusi nel patrimonio UNESCO. Sul lato settentrionale della chiesa di Sucevita, che abbina il gotico al bizantino e a elementi delle antiche chiese di legno della Moldavia, spicca “La Scala delle Virtù”, che raffigura la lotta tra il bene e il male. Inoltre, nella lista del patrimonio mondiale Unesco, la Romania vanta la Riserva della Biosfera del Delta del Danubio (sud-est), il complesso di villaggi e chiese fortificate della Transilvania (centro), il Monastero di Horezu (sud), le cittadelle daciche di Orastie (centro-ovest), le chiese di legno del Maramures (nord) e il centro storico della cittadella medioevale di Sighisoara (centro).

Dopo un breve periodo di respiro, in Romania tornano le allerte di maltempo, afa e inondazioni. Nel sud-ovest la gente si confronta con nubifragi, temporali e inondazioni, che hanno provocato in varie località l’interruzione dell’energia elettrica, danni alle abitazioni, ingorghi nel traffico. Nell’altra metà del paese domina l’afa eccessiva, con temperature che superano spesso i 35-36 gradi. A causa del caldo e dell’elevatissima umidità, molte persone sono svenute per strada e altre migliaia hanno chiamato il pronto soccorso. I medici hanno consigliato cautela alle persone che vivono nelle zone meridionali e orientali, per l’elevato grado di radiazioni. A causa del caldo la Ferrovie Romene hanno imposto restrizioni di velocità per i treni che percorrono queste regioni.

Fonte: rri.ro

WIE VAN DE DRIE

Sofi Iveta Julia Gordon
Sofi | Iveta | Julia
 
By Admin (from 07/08/2010 @ 11:03:41, in it - Osservatorio Globale, read 1290 times)

L'ufficio meteorologico britannico ha rilevato un surriscaldamento del pianeta da imputarsi, con molta probabilità, all'attività umana. Per giungere a tale risultato, gli scienziati del Met Office hanno fatto riferimento a 10 indicatori del clima, come la temperatura dell'aria, il tasso di umidità, i livelli del mare, lo scioglimento dei ghiacciai...

 

I dati pubblicati dal National Oceanographic and Athmospheric Administration (Noaa), in relazione alle temperature della terra e dei mari, hanno in particolare rivelato come lo scorso Giugno abbia risentito di un caldo record, e in generale, come i primi 6 mesi del 2010 siano stati tra quelli più caldi degli ultimi anni.

 

I mesi del 2010 da Gennaio a Giugno, infatti, hanno registrato delle anomalie rispetto alle normali temperature medie che si sono registrate nel corso del XX secolo, tanto che l'andamento della temperatura globale odierna si configura come il più alto mai raggiunto prima, da quando sono iniziate le registrazioni.

 

Fino ad ora è stato registrato che la temperatura media è stata al di sotto della normale, l'ultima volta, nel Febbraio del 1985. Fino ad ora invece la temperatura più alta registrata è stata quella del Giugno 1998, e il Giugno 2010 non si allontana molto da quei livelli.

Fonte: MilanoWeb.com; Autore: Caterina Bigliardo

 

L'opposizione romena è partita a testa bassa contro il presidente Traian Basescu che, nei giorni scorsi, aveva lodato la scelta di emigrare dalla Romania. Secondo gli avversari del capo dello stato, le sue dichiarazioni sarebbero un irresponsabile incitamento a lasciare il paese.

La colpa di Basescu è quella di aver dichiarato che i circa 2 milioni di romeni che lavorano all'estero sono da ringraziare perché hanno alleggerito i costi del sistema di protezione sociale rumeno. Il presidente ha sostenuto che i sistemi di protezione sociale in Spagna o Italia sono tanto migliori di quello romeno "da permettere a italiani e spagnoli di restare disoccupati piuttosto che fare lavori manuali". Per questo, ha dichiarato Basescu, "quelle persone che sono emigrate le dobbiamo ringraziare per quel che fanno per la Romania".

Affermazioni che hanno mandato su tutte le furie l'opposizione. Dan Voiculescu, senatore del Partito conservatore, ha deprecato l'invito all'emigrazione indirettamente inserito nelle dichiarazioni del presidente. Il leader del sindacato insegnanti Gheorghe Isvoranu, dal canto suo, ha detto che Basescu vuole "un paese non educato, un paese senza infermiere".

Secondo l'analista politico Stelian Tanase, in realtà, le dichiarazioni del presidente sarebbero semplicemente un tentativo di ingraziarsi gli elettori romeni all'estero.

Fonte: Ap-Nuova Europa

WIE VAN DE DRIE

Bree Carol Avy
Bree | Carol | Avy
 

In seguito alla chiusura del traffico aereo per l'aeroporto di Milano Linate disposta dall'Enav, in programma domenica 8 agosto dalle 7 alle 10 e dalle 12 alle 16, Meridiana ha provveduto a modificare gli orari di partenza di alcuni voli. Fra i voli presenti nell'elenco visibile cliccando sul link in fondo alla news, Meridiana fly segnala che quelli contrassegnati in rosso, prevedono un orario di partenza precedente rispetto a quello previsto. La compagnia si scusa per gli eventuali disagi che dovessero derivare da queste variazioni, indipendenti dalla propria volontà.


In vetta c'è la Basilica di San Pietro a Roma, ma nella top ten figurano anche l'Etna, Ostia Antica e il Canal Grande a Venezia. Sono questi, secondo Tripadvisor, i siti italiani italiane nella classifica delle 10 attrazioni gratuite più amate in Europa, almeno a stare all'esito di una graduatoria stilata dagli editor del sito di recensioni viaggi.
Sul podio con la Basilica romana ci sono il museo di Stato di Auschwitz-Birkenau in Polonia e l'Etna. Qundi il Palazzo del Parlamento (Reichstag) di Berlino, seguito dalla Fontana magica di Barcellona e dal Museo Imperiale della Guerra di Londra. Il 7° posto è del Mercato di San Miguel a Madrid mentre l'8° della National Gallery di Londra. Le ultime due posizioni sono occupate da Ostia Antica e dal Canal Grande di Venezia.


E' Parigi Charles de Gaulle lo scalo peggiore dove trascorrere alcune ore o una notte intera in attesa di ripartire per un'altra destinazione. Nella classifica dei 'peggiori', Fiumicino si piazza ottavo, dopo quello di Manila, nelle Filippine, e prima di Francoforte-Hahn. E' quanto emerge da un sondaggio realizzato dal sito internet canadese 'The Guide to Sleeping in Airports' su 844 aeroporti.  Dello scalo parigino, dove circolano ogni giorno 160 mila passeggeri, vengono soprattutto criticate la sporcizia, il caos e la mancanza di igiene dei bagni. C'é anche chi lo considera molto brutto e chi non si sente al sicuro. Nella classifica dell'inospitalità aeroportuale, il secondo posto lo conquista il Sheremetyevo di Mosca, seguito da Delhi, Los Angeles e il JFK di New York.  I viaggiatori premiano invece lo scalo di Singapore Changi, giudicato il migliore al mondo per rilassarsi tra un volo e l'altro, seguito da Seul e Hong Kong.

Fonte: travelnostop.com

 
By Admin (from 06/08/2010 @ 09:54:05, in it - Osservatorio Globale, read 1739 times)

 La polizia italiana ha smantellato una rete criminale legata alla mafia napoletana che dimostra l’infiltrazione della Camorra nella ricostruzione di L’Aquila, distrutta dal sisma del 6 aprile 2009.

Questa operazione battezzata “Untouchable” (Intoccabile), ha portato all’arresto di sei persone accusate di associazione a delinquere di stampo mafioso e alla confisca di 21 società, 118 immobili e altri beni per un valore di 100 milioni di euro.

Le persone arrestate sono considerate come “espressioni economiche” del clan dei casalesi (uno dei più potenti della Camorra), localizzata nella zona di Caserta, ma con ramificazioni in altre regioni come il Lazio, l’Abruzzo e la Toscana.

Nel corso dell’inchiesta, alcune intercettazioni telefoniche hanno permesso di scoprire come gli arrestati di giovedì organizzavano trasferimenti di denaro per finanziare imprese create ad hoc a L’Aquila con lo scopo di aggiudicarsi alcuni appalti per la ricostruzione della città.

Il sisma del 6 aprile 2009 a L’Aquila ha causato 308 morti e distrutto il suo centro storico, le chiese medievali e molte altre località della zona.

Fonte: italiadallestero.info ; Articolo originale "Un réseau mafieux démantelé à L’Aquila" di Agence France Presse

 

Una bustina contenente due o tre "pietruzze sporche": fu questo il regalo che, in una notte del settembre 1997, Naomi Campbell ricevette da due sconosciuti che le bussarono alla porta della sua stanza d'albergo.
Dinanzi al Tribunale Speciale per la Sierra Leone che, all'Aja, giudica l'ex presidente liberiano, Charles Taylor, ha sfilato come testimone la regina delle passerelle. Definendo il fatto di esser costretta a comparire dinanzi a un tribunale come "un terribile inconveniente", la Campbell ha ammesso di aver ricevuto diamanti grezzi dal sanguinario despota.

La testimonianza non avrà alcuna conseguenza legale pe Naomi, ma è cruciale per un processo in cui Taylor è accusato di aver finanziato la guerriglia della Sierra Leone con i cosiddetti 'diamanti di sangue'.
"Dormivo e un bussare alla porta mi svegliò. C'erano due uomini e mi diedero un sacchetto, dicendo: “Un regalo per te”, ha raccontato la Campbell alla corte. “Tornai a letto e nel sacchetto guardai la mattina seguente. Vidi poche pietre, piccole, sporche pietruzze”. “Sono abituata a vedere i diamanti in una scatola... Se qualcuno non mi avesse detto che erano diamanti, non lo avrei mai saputo”.

I procuratori hanno convocato la Campbell a sostegno della tesi che Taylor avesse portato i 'diamanti di sangue' nel suo viaggio in Sudafrica per comprare armi da destinare alla guerriglia. Taylor - che è accusato di 11 capi di imputazione per gli stupri, le mutilazioni, la schiavitù sessuale e l'arruolamento di bambini soldato durante le guerre in Liberia e Sierra Leone in cui morirono più di 250mila persone – ha sempre negato le accuse.

Interrogata dalla difesa, la Campbell ha detto di non sapere se le pietre provenissero direttamente da Taylor, ma ha raccontato che il giorno dopo le consegnò al direttore della Nelson Mandela Children's Fund con l'invito a "fare qualcosa di buono" per i bambini africani. Ma in una lettera presentata in giudizio dalla difesa, il Nelson Mandela Children Fund ha detto di “non aver mai ricevuto un diamante o diamanti dalla signora Campbell”.

Il mattino seguente al fatto, la top model raccontò l'episodio notturno all'attrice Mia Farrow e alla sua ex-agente, Carole White. “Una delle due mi disse: “E'chiaramente Charles Taylor”. Ma non rimase sorpresa dal regalo, ha aggiunto, perché è abituata e ne riceve "in continuazione". Parlando con voce ferma, la Campbell si è mostrata tranquilla. Anche quando l'avvocato della difesa, Courtenay Griffiths, le ha ricordato che, secondo le dichiarazioni dell'ex agente White, Taylor e lei quella sera flirtarono e lui le preannunciò l'arrivo dei diamanti. "Non è vero affatto", ha replicato.

Fonte: rainews24.rai.it

News @ TurismoAssociati.it/dBlog

Who We Are

www.charlestaylortrial.org


This monitoring site is a project of the Open Society Justice Initiative

The Open Society Justice Initiative, an operational program of the Open Society Institute, pursues law reform activities grounded in the protection of human rights, and contributes to the development of legal capacity for open societies worldwide. The Justice Initiative combines litigation, legal advocacy, technical assistance, and the dissemination of knowledge to secure advances in the following priority areas: national criminal justice, international justice, freedom of information and expression, and equality and citizenship. Its offices are in Abuja, Budapest, London, New York, and Washington D.C.

The Justice Initiative’s full-time monitor of the Taylor trial is Alpha Sesay, a human rights lawyer from Sierra Leone. He holds a law degree from Fourah Bay College, University of Sierra Leone and an LL.M in International human rights law from the University of Notre Dame, USA. Mr. Sesay has worked with several local and international NGOs including Human Rights Watch, International Center for Transitional Justice, Campaign for Good Governance, Post Conflict Reintegration Initiative for Development and Empowerment (PRIDE) and Defence for Children International. He is founding president of the Fourah Bay College Human Rights Clinic and former National Director of the Sierra Leone Court Monitoring Program. He has also worked with the Defence Office of the Special Court for Sierra Leone. Mr. Sesay has presented several papers at conferences, workshops, and trainings and has undertaken extensive research on issues relating to human rights and transitional justice in Africa. He is a member of the Sierra Leone Bar Association. He started working on the Charles Taylor Trial Monitoring Program in April 2008.

The Justice Initiative is partnering with the War Crimes Studies Center (WCSC), a nonprofit center that supports and analyzes the work of internationalized criminal tribunals and human rights courts in Sierra Leone, Indonesia, East Timor, and Cambodia. Founded in December 2000 at the University of California at Berkeley, the WCSC serves as a major public information resource for the trial records of national and international war crimes trials conducted by more than twenty countries in Europe, Asia, and the Pacific in the aftermath of World War II. Its activities include trial monitoring, the production of community outreach films, judicial exchanges, and legal training.

This project has also gratefully received research assistance from White & Case LLP.  The International Senior Lawyers Project and Clifford Chance LLP previously collaborated on this project.

 

 

Problemi di mercato richiedono soluzioni di mercato. Questa è la risposta piccata di Google alla U.S Federal Trade a proposito delle politiche per far tornare a livelli accettabili i ricavi dei media.

La Federal Trade in un documento sulla crisi editoriale aveva mostrato scetticismo sul potere salvifico delle news online. Tra le varie possibilità per far rinascere il settore aveva incluso soluzioni come la riduzione della quantità di materiale protetto "incorporabile" da aggregatori e motori di ricerca e la nascita di un'agenzia antitrust che permettesse ai giornali di fare degli accordi su tariffe standard per indicizzare i propri contenuti. 

"Il giornalismo può salvarsi anche senza l'aiuto del governo", tuonano da Mountain View, "queste proposte sarebbero dannosissime per i consumatori". E dai blog vicini alla creatura di Page e Brin emerge un chiaro appello al governo: concentratevi sulla promozione di innovazione e creatività piuttosto che innalzare inutili barriere protezionistiche.

Fonte: reporters.blogosfere.it

 

La crisi in Grecia non ha scoraggiato migliaia di italiani a scegliere Atene e le isole elleniche per le vacanze estive. E anche se al momento è prematuro fare un consuntivo sui mesi estivi, l'estate 2010 per la Grecia potrà chiudersi con un bilancio positivo.

Di questo sembra certo Marios Sklivaniotis, direttore della sede di Roma dell'Ente nazionale ellenico per il turismo, secondo il quale la crisi economica non farà lievitare i costi. "No, penso proprio l'opposto", spiega. "Credo anzi che mai come quest'anno i greci stiano aspettando i turisti e sono sicuro, e mi auguro, per riservare loro la migliore accoglienza a tutti i livelli". Le mete preferite dagli italiani, spiega ancora Sklivaniotis, "rimangono più o meno le stesse.

Di solito la scelta cade  sulle isole: le Cicladi, le Ionie, il Dodecanneso, le Sporadi e Creta, anche se prediligono il Peloponneso, l'Eubea o la Calcidica. E forse proprio grazie agli investimenti del governo mirati a promuovere forme alternative di turismo abbiamo portato qualche italiano a scegliere la Grecia anche al di fuori del binomio stereotipato di sole e mare".

Fonte: travelnostop.com

 

BUENOS AIRES. Ancora una volta a Buenos Aires è il momento di Evita Peron. Tra gigantografie, le note dell'intramontabile ‘Don't cry for me Argentina' e fiaccolate per le strade, si torna a parlare della leader dei ‘descamisados'. Nonostante siano passati 58 anni dalla sua morte. A spingere, e organizzare, con grande determinazione il ‘revival' di Eva Peron è stata la presidente peronista Cristina Fernandez Kirchner, e suo marito e predecessore, Nestor Kichner, vero ‘uomo forte' dell'Argentina, sempre al centro della politica e dell'economia del Paese.

L'occasione per far risaltare la figura di Maria Eva Duarte de Peron, morta a soli 33 anni di cancro nel 1952, è il ‘bicentenario' (i 200 anni dalla liberazione del paese dalla Spagna) che l'Argentina sta ricordando quest'anno con numerose iniziative, alcune delle quali di grande suggestione e ben riuscite. Nella tarda serata di lunedì, circa 50 mila persone hanno preso parte a una commemorazione nel centro di Buenos Aires, tra le fiaccolate e i grandi manifesti con l'immagine di quella che continua ad essere la donna più amata per tanti argentini. Le iniziative sono tante: per esempio, una mostra centrata sulla "portabandiera degli umili", oppure la costruzione di un nuovo monumento che le renderà omaggio. Senza dimenticare uno show a Cordoba dove la cantante Nora Barrantes ha interpretato ‘Don't cry for me, Argentina'.

Il governo della Fernandez ha quindi deciso di non aspettare il 60/o anniversario della ricorrenza, risaltando proprio quest'anno la figura della moglie dell'ex presidente Juan Domingo Peron. La spiegazione di tanta fretta è che nel 2010 ci sono le presidenziali, e il Paese è ormai da tempo di fatto in piena campagna elettorale. Non è un caso che l'oratore chiave nel mega-evento di ieri a Buenos Aires sia stato proprio Nestor Kirchner, che potrebbe puntare a tornare alla Casa Rosada per un secondo mandato, dopo quello tra il 2003 e il 2007. Accompagnato da diversi leader del Pj (Partito giustizialista), e con un ‘look' da sindacalismo peronista anni '60-'70 - con pesanti giubbottoni di cuoio - Kirchner ha sottolineato di lottare "per un paese più giusto e plurale", e per un'alleanza tra "lavoratori, classe media e imprenditori nazionali". L'obiettivo di fondo - ha precisato - è quello di "raggiungere una distribuzione della ricchezza 50% per il capitale e 50% per il lavoro".

Un discorso ‘alla Evità, e al 100%, rilevano gli analisti locali, sottolineando che fra qualche settimana, sarà d'altra parte difficile passeggiare per la ‘9 de juliò (la più importante ‘avenidà di Baires) senza scorgere il viso di Eva Peron: il governo ha infatti annunciato che farà appendere in un edificio della via quattro gigantografie proprio con l'immagine "dell'eterno simbolo" dei più poveri.

Fonte: AmericaOggi.info

 

Circa 200 immigrati, la maggior parte lavoratori sudamericani che volevano tornare a casa per il periodo di ferie, hanno pagato tra i 1000 e 3000 euro ad un'agenzia di viaggio per biglietti aerei scoprendo solo all'aeroporto che i voli non erano mai stati prenotati. Gli immigrati, quasi tutti di Perù, Ecuador, Honduras, si erano affidati ad un'agenzia milanese, denominata Dy Aerei di Anita Mayo, gestita da ecuadoregni in via Tadino. Per alcuni mesi l'agenzia, ha accolto le prenotazioni di viaggi per l'estate ad offerte vantaggiose. I clienti hanno pagato sempre in anticipo ma solo nelle settimane scorse, quando i primi che avevano prenotato si sono presentati in aeroporto hanno scoperto che non c'era alcun biglietto a loro nome. Si sono presentati quindi in agenzia, senza più trovare nessuno. Per un certo periodo la titolare ha risposto al cellulare proponendo incontri chiarificatori e attribuendo la responsabilità di quanto accaduto, ad altre agenzie, alle quali a sua volta aveva versato i soldi ricevuti per fare le prenotazioni. Poi anche quel canale si è interrotto.


La sporcizia di traghetti, treni e autobus rovina le vacanze di un italiano su due in partenza per le vacanze estive. Va un poco meglio per le aree di servizio mentre sono promossi aerei ed aeroporti. E' quanto emerge da un'indagine condotta da AfidampFab, che rappresenta le aziende operanti nel settore del cleaning professionale. Sotto accusa ci sono i cattivi odori nelle aree di transito, bagni sporchi e privi di dotazioni di base come carta igienica e sapone, poggiatesta sporchi. Gli italiani comunque dichiarano di non essere disposti a pagare un prezzo più alto per avere un luogo più pulito, perché ritenuto un dovere di chi offre i servizi di trasporto e dei gestori dei luoghi pubblici.  


Dal 22 al 24 settembre Lima ospiterà per la seconda volta ‘Travel Mart Latin America 2010', la fiera dell'America Latina che raduna buyer e fornitori di servizi turistici provenienti da diversi Paesi del mondo giunta alla 34esima edizione. È prevista la partecipazione di circa un migliaio di delegati interessati anche a conoscere la storia, la ricchezza archeologica e culturale del Perù. Numerosi gli appuntamenti prefissati, attraverso cui i partecipanti hanno concrete opportunità di far business, conoscere nuovi prodotti unitamente all'ampia offerta turistica sudamericana.  Saranno oltre 40 i fornitori peruviani presenti tra TO locali, catene alberghiere e compagnie aeree. "L'evento si svolge per la seconda volta in Perù - ha spiegato Tibisay Monsalve, coordinatrice generale Tmla - e dalla sua istituzione, avvenuta oltre trent'anni fa proprio nel nostro Paese, questa manifestazione continua ad essere riconosciuta a livello mondiale per la sua qualità e per i suoi risultati. L'edizione del 2005, tenutasi a Lima, aveva generato un giro d'affari di circa 300 milioni di dollari: ci si aspetta che quest'anno possa essere di molto superiore, malgrado la crisi finanziaria". Questa edizione avrà luogo presso la Fortaleza del Real Felipe a Lima.


Fonti: travelnostop.com e travelmartlatinamerica.com

 
Ci sono 4098 persone collegate

< marzo 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo





05/03/2021 @ 20:14:18
script eseguito in 679 ms