Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
 
   
 
\\ Home Page : Pubblicazioni
Di seguito gli articoli e le fotografie pubblicati nella giornata richiesta.
 
 
Articoli del 07/05/2012

Scientists are now trying to use plasmonic nanoparticles in cancer therapy whereby light energy is converted into heat in order to kill cancer cells. The advantage of such treatment is that it does not cause side effects that are common to chemotherapy. Mingyong Han at the A*STAR Institute of Materials Research and Engineering and co-workers have now developed gold plasmonic nanocrosses that are particularly suited to eliminating cancer cells in cancer therapy. The team demonstrated the usefulness of these nanocrosses by using them to kill human lung cancer cells.

In general, metallic nanostructures have a particular frequency at which light excites electrons close to their surface. The collective movement of electrons, or resonance, in the metal is what converts the light energy into heat. The wavelength at which the resonance occurs is strongly dependent on the size and shape of the nanostructures.

For biomedical applications, the nanostructures should be effective no matter which direction they are illuminated from. Furthermore, the nanostructures should be efficient in absorbing near- to mid-infrared wavelengths because tissue is transparent to the light of these wavelengths.

Based on these requirements, the researchers decided to make gold nanocrosses (see image). In normal synthesis, however, gold would usually grow into the shape of the nanorods. To fabricate nanocrosses, the researchers added copper ions to the growth solution. The incorporation of small amounts of copper caused a twinning of the gold’s crystal structure, which in turn led to the growth of side arms from the crystal facets. “The unique cross-shaped gold structure enables multi-directional excitation to achieve a strong plasmonic resonance in the near- and mid-infrared region. This greatly lowers the laser power required for photothermal cancer therapy compared to nanorods,” says Han.

The researchers tested the performance of their gold nanocrosses by modifying their surfaces and binding them to human lung cancer cells. When irradiated with near-infrared laser light of relatively modest powers of 4.2 W/cm2 for 30 seconds, all cancer cells were killed. The researchers are now planning to test the effectiveness of the gold nanocrosses on animal models in future experiments.

Other applications of the gold nanocrosses are also possible, including photothermal imaging, in which small amounts of light are converted into local heat, or the sterilization of surfaces. “In our current research, we are studying gold nanocrosses for the photothermal destruction of superbugs on biofilms,” says Han.

Source: Agency for Science, Technology and Research - via ZeitNews.org

 

Con tutto il tempo che aveva passato sott’acqua, ora a liberarsi di una camicia di forza, ora dalle catene che gli imprigionavano il corpo, era diventato un maestro delle fughe impossibili. Ma se lui, Harry Houdini (1874-1926) le usava per dar spettacolo e intrattenere la folla accorsa a vedere l’ultima maestria dell’illusionista ungherese, c’erano anche quelli per cui la fuga dall’acqua era una questione di vita e di morte più che di magia. Erano i soldati della marina militare e per loro Houdini avrebbe messo a disposizione le sue conoscenze di escapologo (così si chiama un mago delle fughe da costrizioni fisiche) sviluppando una speciale tuta da immersione, per la quale ricevette il brevetto il primo marzo 1921.

The Grim Game, 1919 Movie poster

A onor del vero, e a dispetto delle buone intenzioni, la tuta non fu un successo, pare per alcuni difetti di funzionamento. Era stata pensata per rendere più semplice ai soldati, in caso di pericolo, liberarsi dalla tuta stessa in acqua, senza bisogno di assistenza. Bastava staccare una giunzione in prossimità della vita che univa la parte superiore della divisa a quella inferiore, e via, in superficie in cerca di aria.

Non era la prima volta che Houdini metteva a disposizione le sue capacità di illusionista per gli altri. Si racconta infatti che a fine carriera fosse solito rivelare alcuni dei suoi trucchi di escapologo ai militari impegnati in guerra, come per esempio i consigli necessari a liberarsi dalle manette dei tedeschi o fuggire dalle prigioni. D’altronde lui era stato davvero un mago in questo, per sua stessa ammissione: “Non c’è prigione che può tenere; nessuna mano o gamba di ferro o serrature di acciaio che mi possono ammanettare. Non ci sono funi o catene che possono tenermi lontano dalla mia libertà”.

La passione per la magia era nata in lui da piccolo, come accade a molti bambini, solo che lui a differenza di molti altri, un mago, come quello che aveva visto quella volta con suo padre, lo sarebbe diventato davvero. Massima ispirazione un libro sulla vita di Jean Eugène Robert-Houdin, l’illusionista francese cui rubò professione e nome. Quello reale infatti era Ehrich Weiss, che prima il trasferimento dall’Ungheria, dove era nato, all’America, patria di adozione, e poi la passione per la magia avrebbero infine storpiato in Harry (americanizzazione di Ehrich) Houdini (la “ i” per differenziarsi dal collega francese).

Cominciò facendo l’ acrobata nei circhi ed esibendosi in occasione delle fiere e nei parchi, spesso giocando con le carte. A dare ancora più forza alla scelta della carriera di mago fu poi l'incontro con Beatrice  Bess Rahner, anche lei nel mondo dell’illusionismo, e sarebbe stata per Houdini non solo una moglie ma anche una compagna sulle scene. Ma l'abilità che lo rese famoso, la passione per la fuga da catene e costrizioni invece nacque, pare, dopo la vista di una camicia di forza.

Pensò che se avesse trovato il modo di liberarsene il pubblico sarebbe stato colpito dallo spettacolo. D’altronde poteva anche contare sul fatto che era sempre stato un valido atleta.

E così cominciò a guadagnarsi gli occhi delle stupite folle americane, davanti a cui riappariva dopo essersi liberato ora da una scatola chiusa in acqua ora da una camicia di forza appeso a testa in giù sopra le rotaie della metro. Anche se la fama l’avrebbe guadagnata soprattutto durante la tournée   europea di cinque anni, durante la quale lui e la moglie divennero delle vere e proprie star. Anche del cinema, grazie al quale potè mostrare a tutti, e ovunque, le sue fughe impossibili.

A fine carriera invece avrebbe virato i suoi interessi verso spettacoli meno impegnativi, ma non per questo meno plateali. Fu infatti un fervido attivista nello smascherare i trucchi usati dai medium per dar vita a fenomeni paranormali. Da mago infatti immaginava bene quello che potesse accadere durante una seduta spiritica. Eppure, malgrado questo, fu sempre intrigato dal paranormale e la moglie provò a lungo a contattarlo nell’aldilà una volta morto. Ma anche lui, il grande Houdini, nell’impresa di mettersi in contatto con i viventi, fallì.

Fonte: wired.it

 

Acest lucru îl propulseaza în situatia de a fi declarat „prim stramos” al tuturor animalelor si, implicit, al omului.

Creatura, denumita Otavia antiqua, a fost gasita în straturile de roci vechi de 790 milioane ani din Namibia.

"Fosilele de Otavia sunt foarte mici, de dimensiunea aproximativa a unei granule de nisip, dar am reusit sa identificam sute de mostre, ceea ce ne face sa credem ca micul burete marin era foarte raspândit în acele timpuri imemoriale", declara Anthony Prave, geolog în cadrul Universitatii St. Andrews din Marea Britanie.

A fost descoperit cel mai vechi animal din lume – strămoşul nostru, al tuturor

Pe baza analizelor preliminare ale cercetatorilor, se pare ca din acesti bureti primordiali au evoluat toate grupele de vietuitoare, de la insecte la dinozauri, mamuti si chiar hominide. Înainte de descoperirea lui Otavia antiqua, cel mai primitiv metazoar (animal multicelular, cu celule diferentiate ce formau tesuturi si organe) era o alta specie de spongier (burete) cu vârsta de aproximativ 650 milioane ani.

Cercetatorii cred ca Otavia se hranea cu alge si bacterii, pe care buretele le absorbea prin intermediul porilor de pe corpul sau tubular. Hrana era apoi digerata si absorbita direct în celulele corpului.

Dovezile fosile arata ca Otavia a fost un supravietuitor de cursa lunga, buretele primitiv trecând cu bine peste evenimente glaciare extrem de îndepartate, cum a fost episodul "Pamântul - Bulgare de Zapada", o perioda de timp în care planeta noastra a fost acoperita aproape în întregime de gheturi.

Oamenii de stiinta estimeaza ca Otavia antiqua a stapânit Terra pe o perioada de circa 200 milioane ani, dupa care din ea au evoluat toate formele de viata animala cunoscute.

Sursa: National Geographic - via Descopera.ro

 

Fotografie del 07/05/2012

Nessuna fotografia trovata.

< maggio 2012 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
     
             

Titolo
en - Global Observatory (572)
en - Science and Society (557)
en - Video Alert (323)
it - Osservatorio Globale (500)
it - Scienze e Societa (552)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (370)
ro - Stiinta si Societate (454)
ro - TV Network (137)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Stai linistit ca multinationalele farmaceutice producatori de citostatice exorbitant de scumpe, or sa lupte mereu impotriva legalizarii canabisului in scopuri terapeutice ........
14/08/2014 @ 21:16:00
By Petre Gulie
La cannabis e',la medicina
09/08/2014 @ 20:39:16
By Stefano Ferrari
right on!!
12/07/2014 @ 20:07:45
By Brian Barton
Cannabis is the best medicine in nature. Best everything. But shit, thc is important to!
10/07/2014 @ 13:26:01
By Jason Bond
Keys
06/07/2014 @ 02:59:37
By Altan
Thanks I was just looking for a recipe - gotta love the way the Spirit moves
04/07/2014 @ 19:06:54
By Ginamarie Pezzi
unfortunately that is a reality these days - we humans - especially in the west - only want to hear "a" truth that fits our own limited perspective rather than one that is open & is truth in many ...
04/07/2014 @ 18:57:31
By Ginamarie Pezzi


Titolo




Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.




Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.




Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.







23/08/2014 @ 11.26.19
script eseguito in 750 ms