\\ Home Page : Articolo : Stampa
Il premio Nobel per la pace é stato conferito all’Unione Europea: Sembra un’allucinazione, di Marco Cedolin
By Admin (from 29/10/2012 @ 04:02:54, in it - Osservatorio Globale, read 2181 times)

Pur non avendo mai fatto uso di droghe ed essendomi allontanato dai superalcolici da almeno una decina di anni, sempre più spesso mi accade di leggere i giornali o accendere la TV (ritornata mio malgrado ad occhieggiare nella sala) e trovarmi disorientato nel carpire le coordinate di quanto sta accadendo intorno a me. Le notizie inverosimili, i cortocircuiti logici, il non sense diventato regola, la mancanza di qualche briciola di buon senso e le sterili caricature di mestieranti impegnati ad urlarsi addosso disquisendo del nulla, si affastellamo gli uni sugli altri in una sorta di allucinazione, in tutto simile a quella dell’incubo in cui urli ed urli perchè vuoi svegliarti, ma non ti svegli mai.

Il premio Nobel per la pace é stato conferito all’Unione Europea, probabilmente la macchina da guerra che più di ogni altra (in collaborazione con il padrone americano) durante gli ultimi decenni ha dispensato morte e distruzioni in ogni parte del mondo e oggi sta rubando ogni prospettiva di futuro ai suoi stessi figli illegittimi che ha iniziato a nutrire con il cibo scaduto.

In un paese come l’Italia, da 70 anni colonia USA, deprivato di qualsiasi briciola di sovranità, re Giorgio Napolitano ha affermato di ritenere necessario che l’Italia ceda quote di sovranità alla UE, per tornare a crescere e vincere la crisi.

Il governo golpista di Mario Monti, dopo avere a lungo negato qualsiasi ipotesi di manovra finanziaria, ha aumentato l’IVA durante la notte, agendo con il favore delle tenebre, come fanno i ladri.

Un Berlusconi sempre più macchietta di sè stesso, ormai privo perfino del senso dell’umorismo é riuscito nel corso della stessa settimana a scendere in campo contro Monti, contro l’euro, contro la UE e contro tutte le leggi da lui stesso votate nel corso dell’ultimo anno, per poi tornare in un battito di ciglia là da dove era venuto, annunciando il sostegno ad un proseguimento del governo Monti anche nella prossima legislatura.

Le primarie farsa di un partito farsa come il PD, tengono banco sulle prime pagine dei giornali, quasi si trattasse di un evento serio dal quale potesse dipendere il futuro della nazione. I battibecchi da asilo con protagonisti camerieri prezzolati pessimi anche nella recitazione vengono caricati di un’importanza quale  mai potrebbero aspirare ad avere, mentre l’immagine di Renzi, Bersani, Vendola che si litigano paletta e secchiello é di quelle che dimostrano inequivocabilmente in quali miserie umane si sia ormai calata la politica italiana.

Nel frattempo i “premi nobel per la pace” continuano a far soffiare venti di guerra verso la Siria e l'Iran, il territorio italiano cade a pezzi ogni volta che piove, ma il denaro del contribuente viene destinato alla costruzione del TAV (790 milioni stanziati solamente qualche giorno fa per quello in Val di Susa) anzichè alla riduzione del dissesto idrogeologico, la polizia dopo avere picchiato a sangue i ragazzini del liceo inizia a fare esperimenti anche con i bimbi di 10 anni, “l’americano” Marchionne propone che Monti diventi premier a vita.

Qualcuno per favore mi dia un pizzicotto che a furia di gridare sta iniziando a bruciarmi la gola e se non mi sveglio al più presto potrei iniziare a convincermi che si tratti della realtà.

Autore: Marco Cedolin - Fonte: marcocedolin.blogspot.it - via: informarexresistere.fr - Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!