\\ Home Page : Articolo : Stampa
Anche in periodo di crisi il sesso tira sempre...
By Admin (from 21/09/2010 @ 09:52:20, in it - Osservatorio Globale, read 1658 times)

Si dice che sia il “mestiere” più antico del mondo ed è certamente intramontabile: nonostante i rincari, la crisi e le leggi più severe attuate da alcuni comuni, la prostituzione non scompare, tutt'altro.

 

Sono proprio le “crociate” contro il suo esercizio a rincararne i prezzi e a trasformare questo mercato che si adegua sempre più alle nuove tecnologie.

 

Se prima infatti era praticato molto di più in strada, oggi ritorna nelle, proibite, "case chiuse", nei "falsi" centri massaggi e negli appartamenti. E se una volta gli annunci erano cartacei, ora le prostitute si trovano soprattutto su internet, con foto e tanto di video di presentazione.

 

Lo comunica il Codacons, che ha realizzato un'indagine mediante 1.500 interviste telefoniche e 230 chiamate ad annunci di accompagnatrici e centri massaggi sulle nuove modalità e costi della prostituzione nelle maggiori città in cui viene esercitata: Milano, Roma e Napoli.

Riguardo ai costi, che erano già lievitati del 150% con l'arrivo dell'euro, nelle 3 città sono aumentati di un valore medio tra il 25% e il 40%.

 

Se a Napoli prevalgono ancora (per poco?) le prostitute italiane, a Roma e Milano primeggiano le cinesi. Le orientali, più in generale, rappresentano il 40% dell'offerta, mentre il 25% è rappresentato dalle nostre connazionali. Per il 20% sono donne provenienti dai paesi dell'Est, mentre il 3% è rappresentato da donne di altra provenienza.

 

Anche in questo settore, il mercato cinese risulta più forte in ragione della competitività delle "tariffe" che contraddistingue anche questi "servizi" e dell'organizzazione che controlla tutto il sistema in modo molto puntiglioso. 

Fonte: milanoweb.com

WIE VAN DE DRIE