\\ Home Page : Articolo : Stampa
Oggi l'Argentina si divide sui matrimoni omosessuali.
By Admin (from 15/07/2010 @ 09:17:00, in it - Osservatorio Globale, read 1266 times)

Oggi il senato argentino vota la proposta di legge per legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Il dibattito, che ha fatto salire la tensione tra governo e chiesa cattolica, sarà all’ultimo voto.

“Qualunque sarà il risultato, la società argentina è di fronte a un voto storico”, scrive La Nación. Anche perché l’Argentina diventerebbe il primo paese dell’America Latina ad approvare il matrimonio omosessuale.

Il paese sembra diviso in due, ma, come sottolineano i commenti di Joaquín Morales Solá eLuis Majul, il problema è che il dibattito è stato inquinato da interessi politici e religiosi.

Ieri migliaia di persone provenienti da ogni angolo del paese sono arrivate a Buenos Aires chiedendo di bocciare la legge e difendere la famiglia e i bambini, che “devono avere una mamma e un papà”. “Il matrimonio gay è una mancanza di rispetto per i cattolici”, ha dichiarato Eliana, una liceale di quindici anni, “Se vogliono stare insieme nessun problema, ma che non si facciano vedere”.

Secondo il Clarín, che ha intervistato gli autisti che hanno trasportato i manifestanti, la maggior parte delle persone ha ricevuto dei soldi per partecipare: cinquecento dollari per gli abitanti dalla periferia e tremila per chi arrivava da più lontano.

Anche il governo cerca di sfruttare la polemica a suo vantaggio. La proposta di legge era partita da una deputata di un piccolo gruppo di sinistra, Nuevo encuentro, e la presidente Cristina Fernández de Kirchner avrebbe scelto di appoggiarla per compiacere l’opinione pubblica, per lo più favorevole ai matrimoni omosessuali.

Secondo il New York Times è anche il tentativo dell’ex presidente Néstor Kirchner di riconquistare consensi in vista delle presidenziali del 2011.

Fonte: Internazionale.it

WIE VAN DE DRIE

  Nelly
Rita | Iveta | Nelly