Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 29/03/2011 @ 14:00:03, in it - Scienze e Societa, read 1288 times)

In Val d’Arda non si finisce mai di imparare, le proposte spaziano perché il territorio è vasto, nelle sue dimensioni e nei suoi significati.
 
Per gli amanti della natura il fulcro naturalistico è il Parco Monte Moria: qui pace e relax sposano divertimento e adrenalina. Il personale dell'Academy Adventure vi accompagnerà attraverso percorsi di equilibrio su tronchi e corde, vi insegnerà a riconoscere le tracce degli animali, il tiro con l’arco, l’arrampicata.

 
Per i più romantici ci sono i borghi medievali di Castell’Arquato e Vigoleno animati nelle notti di fiaba dai giullari e dai menestrelli di Ricordanze di sapori.
 
A Veleia l’affascinante sito archeologico è imperdibile nei mesi estivi, quando ospita la rassegna di Teatro Latino (1.2.3), per emozionarsi, divertirsi e commuoversi con i grandi classici.
 
Il tour dei castelli è adatto a tutti: si spazia da esperienze legate alla civiltà rurale e al Po, ad esposizioni di arte contemporanea, all’animazione del Parco delle Fiabe, a degustazioni di menù medievali con inservienti in costume.
Chi coltiva la propria interiorità e ricerca un percorso di equilibrio tra benessere e spiritualità, sosterà all’abbazia di Chiaravalle della Colomba, gioiello dell’architettura cistercense, dove i monaci producono liquori ed essenze in vendita nella piccola bottega.
 
Un’ulteriore possibilità è scoprire la vallata partendo dal suo personaggio più illustre:
a Sant’Agata si trova Villa Verdi, la dimora è la migliore chiave di lettura per comprendere il genio creativo del grande maestro.
 
Chi ama la vallata, ama le dimore nobiliari e le case di campagna, trasformate in aziende e in agriturismi, strumenti ideali per conoscere la civiltà rurale, con le loro piccole e interessanti esposizioni, con i laboratori del gusto, i gesti lenti e sempre uguali di mani esperte di chi conosce la materia, ama la natura e non tradisce la storia.
Infine è per tutti voi, sportivi, romantici, spirituali, intellettuali, una tappa ai tipici botteghini, per godere dei caldi chisolini, perfetti con salumi, formaggi e buon vino.

Fonte: piacenzaturismi.net

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 29/03/2011 @ 19:13:52, in en - Global Observatory, read 1874 times)

 

MSNBC host Cenk Uygur explains how the National Cancer Institute has recognized several possible medical benefits from marijuana use. This could lead to having marijuana reclassified from a Schedule 1 drug down to a Schedule III drug in which case the government could not crack down on medical marijuana shops.

US National Cancer Institute: "THE POTENTIAL BENEFITS OF MEDICINAL CANNABIS FOR PEOPLE LIVING WITH CANCER INCLUDE ANTIEMETIC EFFECTS, APPETITE STIMULATION, PAIN RELIEF AND IMPROVED SLEEP.

IN THE PRACTICE OF INTEGRATIVE ONCOLOGY, THE HEALTH CARE PROVIDER MAY RECOMMEND MEDICINAL CANNABIS NOT ONLY FOR SYMPTOM MANAGEMENT BUT ALSO FOR ITS POSSIBLE DIRECT ANTITUMOR EFFECT."

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 30/03/2011 @ 08:00:45, in ro - Stiinta si Societate, read 1924 times)

 Pretioasa matase, al carei secret de fabricatie era pastrat, odinioara, cu strictete, a devenit astazi un material la indemâna oricui, desi vesmintele croite din ea sunt la fel de apreciate. Se pare insa ca in viitor, matasea va fi utilizata nu doar pentru a-i imbraca pe cei dornici de haine elegante, ci si pentru a-i vindeca pe cei bolnavi! Potrivit unui proiect inedit, pus la punct de cercetatorii britanici, firele de matase vor stimula repararea nervilor distrusi. Deja s-a reusit cresterea unei „culturi” de celule nervoase de-a lungul unor fibre de matase artificiala, care are proprietati asemenanatoare cu pânza tesuta de paianjeni. Savantii spera ca matasea va incuraja cresterea celulelor de-a lungul nervilor sectionati, chiar si in cazul celor din coloana vertebrala, venind astfel in sprijinul a milioane de oameni paralizati. 
 

Matasea-minune, numita „spidrex”, provine de la viermi de matase modificati genetic, asa incât sa produca fibre cu insusiri speciale, care sa dea celulelor posibilitatea de a se lipi intre ele. Profesorul John Priestley, neurochirurg la Queen Mary’s School of Medicine and Dentistry din Londra, precizeaza ca firul de matase va actiona ca un „arac” pe care vor creste celulele nervoase.

Echipa de cercetatori britanici a testat deja matasea in cultura de tesut si pe animale si in ambele cazuri rezultatele au fost promitatoare. „Imaginile obtinute cu ajutorul microscopului electric, spune prof. Priestley, arata doua lucruri: procesorii colorati in rosu, care sunt fibre nervoase crescând de-a lungul firelor de matase; si celulele Schwann, colorate in albastru, care sunt foarte importante in sprijinirea regenerarii nervoase.

Atât in ceea ce priveste maduva spinarii cât si a nervilor periferici, firele de matase au stimulat cresterea nervului.” Principalul avantaj al acestui procedeu este ca firele de matase pot fi asamblate in tubulaturi complexe, pe dimensiunile nervilor sau ale „puntilor” ce trebuie completate. Britanicii spera ca aceste fire pot trata pacientii ai caror nervi periferici – cei care controleaza muschii si genereaza senzatiile – au fost sectionati, de pilda, in urma unui accident sau a unei taieturi adânci.

Sursa: magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 30/03/2011 @ 11:00:36, in en - Science and Society, read 1643 times)

Until now, scientists have thought that the process of erasing information requires energy. But a new study shows that, theoretically, information can be erased without using any energy at all. Instead, the cost of erasure can be paid in terms of another conserved quantity, such as spin angular momentum.

Scientists show how to erase information without using energy

In the study, physicists Joan Vaccaro from Griffith University in Queensland, Australia, and Stephen Barnett from the University of Strathclyde in Glasgow, UK, have quantitatively described how information can be erased without any energy, and they also explain why the result is not as contentious as it first appears. Their paper is published in a recent issue of the Proceedings of the Royal Society A.

Traditionally, the process of erasing information requires a cost that is calculated in terms of energy – more specifically, heat dissipation. In 1961, Rolf Landauer argued that there was a minimum amount of energy required to erase one bit of information, i.e. to put a bit in the logical zero state. The energy required is positively related to the temperature of the system’s thermal reservoir, and can be thought of as the system’s thermodynamic entropy. As such, this entropy is considered to be a fundamental cost of erasing a bit of information.

However, Vaccaro and Barnett have shown that an energy cost can be fully avoided by using a reservoir based on something other than energy, such as spin angular momentum. Subatomic particles have spin angular momentum, a quantity that, like energy, must be conserved. Basically, instead of heat being exchanged between a qubit and thermal reservoir, discrete quanta of angular momentum are exchanged between a qubit and spin reservoir. The scientists described how repeated logic operations between the qubit’s spin and a secondary spin in the zero state eventually result in both spins reaching the logical zero state. Most importantly, the scientists showed that the cost of erasing the qubit’s memory is given in terms of the quantity defining the logic states, which in this case is spin angular momentum and not energy.

The scientists explained that experimentally realizing this scheme would be very difficult. Nevertheless, their results show that physical laws do not forbid information erasure with a zero energy cost, which is contrary to previous studies. The researchers noted that, in practice, it will be especially difficult to ensure the system’s energy degeneracy (that different spin states of the qubit and reservoir have the exact same energy level). But even if imperfect conditions cause some energy loss, there is no fundamental reason to assume that the cost will be as large as that predicted by Landauer’s formula.

The possibility of erasing information without using energy has implications for a variety of areas. One example is the paradox of Maxwell’s demon, which appears to offer a way of violating the second law of thermodynamics. By opening and closing a door to separate hot and cold molecules, the demon supposedly extracts work from the reservoir, converting all heat into useful mechanical energy. Bennett’s resolution of the paradox in 1982 argues that the demon’s memory has to be erased to complete the cycle, and the cost of erasure is at least as much as the liberated energy. However, Vaccaro and Barnett’s results suggest that the demon’s memory can be erased at no energy cost by using a different kind of reservoir, where the cost would be in terms of spin angular momentum. In this scheme, the demon can extract all the energy from a heat reservoir as useful energy at a cost of another resource.

As the scientists explained, this result doesn't contradict historical statements of the second law of thermodynamics, which are exclusively within the context of heat and thermal reservoirs and do not allow for a broader class of reservoirs. Moreover, even though the example with Maxwell’s demon suggests that mechanical work can be extracted at zero energy cost, this extraction is associated with an increase in the information-theoretic entropy of the overall system.

“The maximization of entropy subject to a constraint need apply not only to heat reservoirs and the conservation of energy,” Vaccaro explained to PhysOrg.com.

The results could also apply to hypothetical Carnot heat engines, which operate at maximum efficiency. If these engines use angular momentum reservoirs instead of thermal reservoirs, they could generate angular momentum effort instead of mechanical work.

As for demonstrating the concept of erasing information at zero energy cost, the scientists said that it would take more research and time.

“We are currently looking at an idea to perform information erasure in atomic and optical systems, but it needs much more development to see if it would actually work in practice,” Vaccaro said.

She added that the result is of fundamental significance, and it’s not likely to have practical applications for memory devices.

“We don't see this as having a direct impact in terms of practical applications, because the current energy cost of information erasure is nowhere near Landauer's theoretical bound,” she said. “It's more a case of what it says about fundamental concepts. For example, Landauer said that information is physical because it takes energy to erase it. We are saying that the reason it is physical has a broader context than that.”

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 30/03/2011 @ 14:00:59, in it - Scienze e Societa, read 1400 times)

Da aprile a ottobre il divertimento è assicurato al Parco delle 100 Avventure di Pratospilla, sull’Appennino parmense.
 
Incorniciato dalle alte cime del Parco Regionale dei Cento laghi, circondato dai boschi e dagli splendidi laghetti di origine glaciale, il parco sa incantare in tutte le stagioni.

 
Volteggiare tra gli alberi, fra tirolesi e tronchi oscillanti, non è mai stato così facile con il propedeutico “Percorso Pratica”. Cinque percorsi suddivisi in base all’età e alle capacità degli aspiranti Tarzan completano l’offerta.
 
Per i più piccini si può scegliere tra i due percorsi “Baby” pensati per bambini di altezza compresa tra i 100 e i 140 centimetri. Ponte tibetano, tubi sospesi, passerelle a pioli o a tavole sono alla loro portata.
 
Gli adulti ed i ragazzi hanno solo l’imbarazzo della scelta; basta seguire la segnaletica con il simpatico castoro, la mascotte del Parco, che conduce ai diversi percorsi.
“Spillo 1” è quel che ci vuole per lanciarsi nel divertimento, tra tronchi oscillanti, travi, ponte nepalese e la tirolese finale. Occhio al trabocchetto nel percorso “Spillo 2”, dove non si va avanti senza superare la rete verticale. E, per i temerari, c’è “Spillo 3”: altalene, ponti a due e tre cavi, fino al volo finale sulla torbiera con tirolese di 76 metri, una delle più lunghe d’Italia.

 
Tra percorsi acrobatici e passeggiate nella natura il divertimento è assicurato: nella bella stagione, da giugno a ottobre, il “Parco delle 100 Avventure” diventa un’ottima base di partenza per rilassanti passeggiate con tutta la famiglia o per un’escursione naturalistica guidata, accompagnati da personale esperto.
 
Mountain bike a noleggio sono a disposizione degli amanti della bici. Nei pressi del Parco si può inoltre praticare la pesca sportiva o dedicarsi alla raccolta dei funghi che crescono numerosi nei boschi del territorio.
Il Parco è dotato di un’area attrezzata per il pic-nic e di uno spazio gioco bimbi. Nella vicina stazione turistica di Prato Spilla è attivo un servizio di albergo-rifugio (70 posti letto), bar, ristorante self-service (250 posti) e un ampio parcheggio.

Fonte: emiliaromagnaturismo.it - Per maggiori informazioni: 100avventure.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 31/03/2011 @ 08:00:15, in ro - Stiinta si Societate, read 1168 times)

 De decenii bune, cercetatorii nu mai prididesc sa traga semnale de alarma asupra pericolului pe care il reprezinta  tutunul, nu doar asupra celor ce sunt impatimiti de „iarba dracului”, dar mai ales a fumatorilor pasivi. Iar statisticile au dovedit, de altfel, ca fumatul este responsabil pentru mai bine de trei sferturi din totalitatea cazurilor de cancer, avand o influenta nefasta asupra starii de sanatate. Dar, oricat ar parea de curios, tutunul se pare ca nu doar imbolnaveste de cancer, ci poate sa si vindece de aceasta teribila maladie, dupa cum tin sa ne asigure virusologii americani.

Cei care au realizat aceasta paradoxala descoperire sunt biologii de la Kimmel Cancer Center din Philadelphia. Condusi de dr. Hilary Koprowski, ei au utilizat frunze de tutun pentru a obtine anticorpi care recunosc si anihileaza celulele responsabile de declansarea cancerelor mamare si colorectale. Si pâna in prezent se reusise crearea in laborator a unor asemenea anticorpi, dar singurul inconvenient rezida in costurile de productie ridicate, majoritatea acestor elemente fiind fabricate prin complicate procedee de sinteza chimica si generând unele efecte adverse asupra organismului.

 "Crearea de anticorpi din plante reprezinta o metoda mai sanatoasa, mai ieftina si mai usor de aplicat decit cele precedente, spune dr. Koprowski. Savantii americani au reusit sa sintetizeze, din frunzele de tutun, un anticorp impotriva antigenului Lewis Y, aflat in celulele ce declanseaza cancerele de sân si de colon. Dupa cum au demonstrat studiile preliminare, anticorpii produsi de aceste "fabrici ale Naturii" sunt deosebit de eficienti, chiar mai buni decât cei produsi prin modalitatile standard, din celule de mamifere, reusind sa suprime cresterea celulelor tumorale in câteva saptamini.

"Aceasta tehnologie are un imens potential, putind fi adoptata oriunde in lume. Nu exclud posibilitatea ca peste 5-10 ani, tutunul sa devina principala sursa de anticorpi folosita in terapia cancerelor", crede dr. Koprowski. Singura problema e cum sa convingi marile concerne sa produca din frunzele de tutun nu tigari, ci medicamente...

Gabriel TUDOR - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

A recent study confirmed that low socioeconomic status (SES) is associated with higher risk of depressive symptoms in patients with rheumatoid arthritis (RA). Statistically significant differences in race, public versus tertiary-care hospital, disability and medications were found between depressed and non-depressed patients. Study findings are reported in the February issue of Arthritis Care & Research, a journal published by Wiley-Blackwell on behalf of the American College of Rheumatology (ACR).

Roughly 1.3 million Americans are affected by RA—a chronic autoimmune disease that can cause functional limitations and may lead to physical disability in many patients. Prior studies have shown that depression is common, occurring in 13% to 42% of RA patients and is associated with worse outcomes, including greater risk of heart attack, suicide, and death. In the U.S., socioeconomic position as measured by race, gender, age, income, education and health access has significant impact on overall health.

Mary Margaretten, M.D., from the Arthritis Research Group at the University of California, San Francisco (UCSF) and lead study author explained, "We assessed the extent to which low SES influences the relationship between disability and depression in order to better identify those patients at higher risk for depression." Researchers used data obtained from the UCSF RA cohort in which participants were enrolled from an urban county, public hospital that serves the poor and a referral, tertiary-care medical center. The data included 824 visits for 466 patients, 223 from the public hospital and 243 from the tertiary-care clinic.

Analysis showed that 37% of participants had moderate to severe depression, scoring 10 or higher on the Patient Health Questionnaire (PHQ-9). The mean Health Assessment Questionnaire (HAQ) score was 1.2 and the disease activity score (DAS28) was 4, indicating fairly high levels of functional impairment and disease activity, respectively. Researchers also found significant differences between depressed and non-depressed patients related to race, public versus university hospital, functional limitation and disease modifying anti-rheumatic drug (DMARD) treatment. Differences in depression severity were not impacted by gender, age, disease duration, steroid use and dose, or biologic therapy.

Furthermore, the team found that county hospital patients also had significantly higher depression scores (PHQ-9 of 7.3) than patients at the university medical center (PHQ-9 of 5.7). An interaction existed between socioeconomic status and disability such that the association of functional limitation with depression scores was stronger for patients at the public hospital clinic compared to those at the tertiary-care clinic.

Dr. Margaretten concluded, "For the same level of disability, patients with low SES may be more likely to experience depression. Detection and documentation of the differing effects of disability on depression between patients of different socioeconomic status can help rheumatologists improve health outcomes by initiating appropriate and timely treatment for depression."

Source: EurekAlert

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

E’ il primo Parco Avventura nato in Emilia Romagna ed oggi il più grande d’Italia per numero di percorsi.
 
Situato nel Parco delle Fonti di Santa Lucia di Cervarezza, alle porte del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, Cerwood vi aspetta da aprile a novembre con i suoi percorsi attrezzati e il Cerwood Sport, un’area sportiva proprio in mezzo al bosco!

 
Nell’area, ultima novità del Parco, si trovano il campo da calcetto, campo di pallavolo, l’area go-kart, la pista quad elettrici e la bike park, mentre nel Parco ci si può divertire con 13 percorsi sospesi tra gli alberi, 2 nuove varianti, più di 150 giochi per bambini e adulti disseminati lungo ponti tibetani, passerelle, tunnel, tronchi oscillanti, corde, tirolesi.
 
I bambini possono sbizzarrirsi su quattro percorsi, ad un’altezza massima di due metri dal terreno.
 
Per i ragazzi e gli adulti è pronta la sfida sui 9 percorsi di difficoltà crescente: Verde, Giallo, Blu, Arancione, Rosso, Grande Tirola (più di 100 metri di discesa in carrucola), Nero, fino all’impegnativo Super Nero dove mettere alla prova le proprie capacità di coordinazione ed equilibrio. E poi l’ultimo nato, il percorso Impossibile. Il percorso Verde e quello Blu propongono due varianti, una facile e una difficile.
 
Prima di cominciare, un istruttore illustrerà le tecniche e le manovre di sicurezza.
Nell’area per il Tree Climbing si può tentare - in gruppo su prenotazione -la scalata degli alberi e muoversi tra le chiome con l’ausilio delle corde e di apposite attrezzature.
 
Dopo aver volteggiato tra gli alberi c’è tempo per una passeggiata di tutto relax nel Parco delle Fonti di Cervarezza (ingresso gratuito): il percorso circolare si completa in circa mezz’ora e non presenta particolari difficoltà. Qui, fra passerelle di legno e sentieri, si trovano anche aree attrezzate per il pic-nic con panche, tavoli e barbecue. E in un’ora di cammino si raggiunge il Lago Calamone, sotto il Monte Ventasso; il sentiero è ben segnalato e percorribile anche in mountain bike (noleggiabili presso il Parco).

Per i bambini dai due agli otto anni è presente un’area giochi dotata di pista per trattorini e macchinine a pedali, giochi gonfiabili, la mega sabbiera, tre pedane elastiche, le casette sugli alberi, il villaggio di casette di legno. E poi si può pedalare sui go-kart - rigorosamente ecologici - giocare a pallavolo, prenotare lezioni di arrampicata, orienteering e geocaching.
 
Guide Ambientali Escursionistiche abilitate o Guide Alpine organizzano attività di gruppo come escursioni, cacce al tesoro, educazione ambientale e torrentismo.
Il Ristorante del Bosco mette tutti d’accordo con i piatti della tradizione gastronomica reggiana.

Fonte: emiliaromagnaturismo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 31/03/2011 @ 17:00:50, in en - Video Alert, read 2378 times)

This video is by the awesome internet philosopher Stefan Moleneux of freedomainradio. His website can be found here :

http://www.freedomainradio.com

and his channel can be found here :

http://www.youtube.com/user/stefbot



Stefan Basil Molyneux (born 24 September 1966) is a Canadian philosopher, blogger, essayist, author, and host of the Freedomain Radio series of podcasts, living in Mississauga, Canada. He has written numerous articles and smaller essays which have been published on libertarian websites such as LewRockwell.com, antiwar.com and Strike The Root, recorded over 1800 podcasts, produced over 500 videos, and written numerous books which are all self-published except for his first, which was published by Publish America. In 2006 Stefan Molyneux quit his previous job in the field of computer software and works full-time on Freedomain Radio, a philosophical community website which is funded through donations.

@rockerme4u fucking hell, you are such a facist, do you even realise that?

voting will never change anything, all your doing is choosing directors of the corporation that is run for profit and poses as the benevolent caring force of stability in society when infact its causing most of the problems!

Neither stef in the video or myself are americans you dumbass.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Buongiorno a tutti, il tempo di fare le condoglianze a Angela Merkel, l’ultima vittima delle nomination porta sfiga di Berlusconi, sapete che non appena Frattini ha annunciato un’iniziativa comune franco – tedesca sulla Libia, la Merkel ha perso rovinosamente le elezioni, la sua speranza è che si smarchi dalla linea Berlusconi, in modo che potrà garantirsi un sereno e proficuo e meraviglioso futuro politico, il tempo di avvertire che è partita la battaglia per chiudere Anno Zero e quindi altre trasmissioni di approfondimento televisivo per un mese e mezzo con la scusa delle elezioni amministrative, esattamente come era stato fatto l’anno scorso.

Figuranti al Tribunale.

Il tempo di domandarsi il perché dello stupore se la Signora Rita Dalla Chiesa a Forum utilizza una figurante, spacciandola per una terremotata de L’Aquila che in diretta spiega ai cittadini italiani come è andata bene la ricostruzione, come è completata la ricostruzione de L’Aquila, mentre basta andare a L’Aquila per rendersi conto del fatto che non hanno ricostruito neanche una capanna, neanche un canile, è tutto un paese di figuranti.
Berlusconi questa mattina ne aveva reclutati un certo numero, cioè un suo sottosegretario, un certo Mantovani che via sms aveva lanciato il reclutamento, la chiamata alle armi per assieparsi tutti quanti sulla scalinata del Palazzo di Giustizia di Milano per testimoniare la propria solidarietà a un imputato per reati gravissimi che tra l’altro è anche il Presidente del Consiglio, si sono presentati al suo ingresso in 49 e alla sua uscita, dopo l’udienza preliminare erano arrivati a 100, quindi diciamo che le capacità di reclutamento del Presidente del Consiglio che dice di avere dalla sua parte la stragrande maggioranza degli italiani, sono piuttosto scarsine e probabilmente stasera nei telegiornali ci racconteranno che una folla oceanica ha accompagnato, anzi forse ha portato in trionfo il Premier verso uno dei suoi processi, il processo Mediatrade dove è accusato di frode fiscale e appropriazione indebita, di avere derubato la sua azienda, peraltro quotata in borsa, per mettersi in tasca fondi neri insieme ai suoi manager, utilizzando le triangolazioni tra società estere e società estera nell’acquisto di diritti di film, di programmi televisivi dall’America, fatti rimbalzare da una società all’altra e a ogni rimbalzo gonfiandone artificiosamente il prezzo.

Era poca gente, tant’è che forse amichevolmente si potrebbe invitare Piero Ricca a disertare, in futuro insieme alle persone di cui Milano Libera, in futuro le manifestazioni almeno pubbliche o a assistervi in silenzio perché questo forse è il momento di lasciarlo solo Berlusconi, è di questo che volevo un po’ parlare oggi, di quello che è più utile fare per accompagnarlo alla sua tomba politica che lo sta aspettando ormai da tempo, stiamo parlando di un personaggio sfigato, ridicolo, che dice cose strane, spesso non dice cose a proposito della Libia perché ha già detto tutto e il contrario di tutto e aspetta di capire chi vince per buttarsi, tanto per cambiare, sul carro del vincitore, è un uomo disperato che annuncia decine di leggi che ben sa che non saranno mai approvate o se saranno approvate non entreranno mai in vigore perché saranno incostituzionali o bocciate dai referendum, ho l’impressione che stia cercando un nemico e quindi in questo momento forse è il caso di non farglielo trovare il nemico, lasciarlo solo, far vedere che è circondato da 4 poveracci, di solito pagati, figuranti, potrebbe essere una strategia utile da questo punto di vista sbagliano anche i magistrati a enfatizzare con una comunicazione stonata certe leggi che vengono fatte contro di loro, ma soprattutto contro di noi, come sbaglia secondo me un quotidiano come La Repubblica a titolare gli articoli sulle leggi ad personam o antigiustizia, la legge contro i giudici, ancora oggi c’era un bell’articolo del giudice scrittore Giancarlo De Cataldo che però aveva purtroppo questo brutto titolo “La cattiva legge che vuole punire le toghe” siamo alle solite, se ci sono leggi con cui il governo vuole punire i giudici, i cittadini se ne fottono perché non sono né il governo, né i giudici, se si continua a parlare di guerra tra politici e giudici, i cittadini che non sono né politici e né giudici se ne infischiano, bisognerebbe invece emettere comunicati un po’ freddi, un po’ algidi nei quali si spiega esattamente cosa cambia non per i giudici, ma per i cittadini nel caso eventuale, improbabile in cui queste leggi passassero e entrassero in vigore, in modo che si riesca a capire che non è un derby tra Berlusconi e i giudici, è una guerra di Berlusconi a noi italiani che è una cosa diversa, Berlusconi contro la guerra alla Libia ma è favorevole alla guerra contro l’Italia, questa è l’unica guerra che lui sta combattendo ininterrottamente da 17 anni perché sa benissimo che i suoi interessi sono incompatibili con i nostri e quindi tra i nostri e i suoi, ha sempre, giustamente dal suo punto di vista, scelto i suoi.
Perché oggi ha tentato anche se poi gli è andata male, questa ridicola gazzarra salendo sul Predellino e salutando una folla inesistente? Questa naturalmente dà il segno della farsa e della tragedia insieme di questo uomo ridicolo, un uomo che sale sul Predellino, si guarda intorno e saluta il nulla, una piazza praticamente vuota, sapete quanto è grande lo spazio antistante il Palazzo di Giustizia in Corso di Porta Vittoria e quanta gente ci vuole per riempirlo, lo sappiamo perché Menotti di noi hanno manifestato nel 1992/1993/1994 in difesa del pool Mani Pulite, c’erano lì sì, folle sterminate che occupavano tutto il Corso addirittura, oggi 49 quando è arrivato e 98/99 quando è uscito, immaginate la pochezza, la miseria se non ci fossero stati i giornalisti e i ragazzi di cui Milano Libera, probabilmente si sarebbe sentita anche l’eco di quello che diceva Berlusconi tanto la piazza era vuota e perché allora lui va e tenta queste prove di forza, questi bagni di folla come vengono chiamati dalla stampa e dalla televisione compiacente? Per vari motivi:

1) per dipingersi ancora una volta sotto assedio, mentre non è sotto assedio per niente, ci sono dei processi, peraltro iniziati diversi anni fa, il processo Mills è iniziato nel 2005, il processo Mediaset è iniziato addirittura prima, il processo Mediatrade è iniziato da 3 anni, l’ultimo è il processo Ruby, non c’è nessun assedio, ci sono vecchi e nuovi processi che dipendono dal fatto che lui continua imperterrito a violare le leggi e a delinquere, però gli serve far vedere che c’è un assedio, che lui è assediato.

2) ragione è quella di buttare in burla i suoi processi, definirli ridicoli, farci una risata sopra, fare le battute sul Bunga, Bunga, dire “porto le ragazze, porto le escort” è un modo per svilire la gravità di ciò di cui è accusato, di depotenziare i processi che lui sa che questa volta si terranno, non c’è modo di evitarli. 3) motivo è quello che dicevo prima, dipingersi come il soggetto di uno scontro con la magistratura, lui solo contro 9000 magistrati e dietro questi magistrati forze occulte potentissime, poteri forti, complotti internazionali, diplomazie che ce l’hanno con lui etc., quindi apparire addirittura eroico in questo sforzo titanico di resistere a cotanto urto. 4) spaventare i magistrati con la piazza, peraltro vuota e con le leggi contro la giustizia, per fare un discorso tipicamente mafioso “o mi assolvete, o vi fermate o lasciate perdere o la smettete di indagare e processarmi oppure io vi faccio del male” e intanto soprattutto faccio del male ai cittadini, questa intimidazione non è fatta soltanto pro domo sua, è fatta anche pro domo di tutti i suoi compari, tra i quali il più pulito ha la rogna!
Ci sono molti personaggi nell’entourage del Cavaliere, il vecchio entourage, la ristretta cerchia e il nuovo entourage che si è recentemente allargato addirittura ai cosiddetti responsabili che arrivano un po’ da tutte le parti, ce ne sono molti che rischiano di finire male, pensate soltanto a Dell’Utri che è in attesa della sentenza di Cassazione del suo processo per mafia che a furia di dire che i politici non vanno in galera, poi finisce che qualcuno ci va in galera, Cuffaro è in galera! Essendo stato condannato in appello a 7 anni, confermato in Cassazione, Dell’Utri è stato condannato in appello a 7 anni, se tra qualche mese, quando la Cassazione si pronuncia dovesse confermare la sentenza di appello, anche Dell’Utri finisce in galera!

Immaginate come può stare tranquillo Berlusconi con Dell’Utri in galera, con tutto quello che sa Dell’Utri. L’ultima new entry è Francesco Saverio Romano che ha fatto tutta la sua carriera politica nella Democrazia Cristiana, poi nel partito di Casini che a un certo punto si è chiamato Udc, lui era il gemello di Cuffaro, lo accompagnava da tutte le parti, anche agli incontri con i mafiosi. Tra i responsabili che sono una trentina alla Camera, Romano è l’unico che ha un’indagine per concorso esterno in associazione mafiosa, più una per corruzione aggravata dalla volontà di favorire Cosa Nostra, quella per corruzione riguarda la spartizione di una parte del tesoro di Vito Ciancimino che è il contabile di Ciancimino, il tributarista, il ragioniere Lapis ed il figlio di Ciancimino Massimo, qualche anno fa avrebbero distribuito tra alcuni politici che avevano dei crediti nei confronti del vecchio Ciancimino o per esserne stati soci o per averne favorito gli affari, ci sono delle intercettazioni che misteriosamente i Carabinieri e la vecchia Procura ai tempi di Piero Grasso e Pignatone non avevano trascritto, sono state scoperte, un paio di anni fa e adesso la Procura sta per mandare queste intercettazioni alla Camera per chiedere l’autorizzazione a utilizzarle nei confronti di chi? Nei confronti di Cuffaro, di Vizzini, di Romano.

Se la Camera desse l’autorizzazione a utilizzarle questi signori che sono indagati per corruzione aggravata dalla fattispecie mafiosa, rischierebbero ovviamente guai, grane, Romano in più ha un’inchiesta per concorso esterno in associazione mafiosa, qualche mese fa la Procura al termine di lungo indagine ha chiesto al G.I.P. di archiviarla, perché? Perché si sono raggiunti molti elementi per ritenere che Romano sia in rapporti con i mafiosi, ma non si sono raggiunti, secondo la Procura elementi sufficienti per garantire che poi al dibattimento Romano venga condannato e quindi cosa si fa in questi casi? Non si chiede il suo rinvio a giudizio con il rischio di vederselo assolvere o prosciogliere addirittura in udienza preliminare, si chiede l’archiviazione, si dice al G.I.P. “mettiamo in freezer questo fascicolo, se emergessero elementi nuovi lo riapriamo, cosa che invece non si potrebbe fare se si chiedesse il rinvio a giudizio e l’imputato venisse prosciolto dal G.I.P. o se si chiedesse il rinvio a giudizio lo si ottenesse e poi al dibattito l’imputato venisse assolto, nel caso in cui emergessero elementi nuovi questo signore non potrebbe più essere giudicato per gli stessi fatti per i quali è già stato prosciolto o assolto, ecco cosa vuole dire l’archiviazione, per questo la Procura ha detto “congediamo in attesa di eventuali elementi nuovi”.

Il ministro di Napolitano.

Il G.I.P. però ha tenuto lì, ha detto “aspettiamo perché nel frattempo è uscita la sentenza Cuffaro definitiva della Cassazione, nella sentenza Cuffaro, siccome Cuffaro alcuni rapporti con i mafiosi li aveva insieme a Romano, nel senso che andava a incontrarli insieme a Romano che era il suo gemellaggio, il suo braccio destro potremmo dire volgarmente, è interessante capire cosa ha stabilito la Cassazione su quello che faceva Cuffaro insieme a Romano, perché una sentenza di Cassazione ha valore di prova, anche in processi diversi, quindi anche in un eventuale processo a Romano, se la Cassazione dovesse dire qualcosa di pesante sul ruolo di Romano al fianco di Cuffaro, ecco che il G.I.P. potrebbe decidere che c’è ormai una prova cristallizzata sulle collusioni di questo personaggio e quindi invece di archiviare, dire alla Procura di chiedere il rinvio a giudizio, perché c’è un elemento nuovo.

Cosa potrebbe dire la Cassazione? Non lo sappiamo perché la Cassazione su Cuffaro ci ha già dato il dispositivo condannato a 7 anni definitivi per favoreggiamento alla mafia, ma non ci ha ancora dato le motivazioni che saranno depositate tra qualche settimana.
In Corte d’Appello però gli stessi fatti erano già stati valutati, tant’è che la sentenza d’appello è stata confermata in toto dalla Cassazione, ci mancano le motivazioni della Cassazione, ma quelle d’appello confermate dalla cassazione le sappiamo, allora per esempio si dice che nel 1991, 20 anni fa quando iniziavano la loro carriera Romano e Cuffaro, andarono da Angelo Siino che era il Ministro dei lavori pubblici di Cosa Nostra e gli chiesero i voti, naturalmente Siino che voti controllava, ovviamente controllava voti mafiosi, era l’uomo messo dal Dott. Riina a gestire il tavolino degli appalti con i politici e gli imprenditori siciliani.

Lo stesso tandem Romano – Cuffaro secondo i giudici d’appello lo ritroviamo nel giro Guttadauro, Giuseppe Guttadauro era il capo della mafia di Brancaccio, quello per avere avvertito il quale delle indagini, delle intercettazioni a suo carico Cuffaro è stato condannato. Guttadauro parlava con un suo uomo, un certo Mimmo Miceli, anche lui poi condannato per mafia e Miceli dice al boss Guttadauro “ho rappresentato e ricordato a Cuffaro alla presenza del candidato Senatore Saverio Romano, la disponibilità e tutto l’impegno da lui manifestati per conto di Guttadauro suo referente” questa è la sintesi che fanno i giudici, quindi Miceli riferisce al boss di avere ricordato a Cuffaro, alla presenza di Romano la disponibilità e l’impegno che lui manifestava per conto di Guttadauro che era il suo referente, quindi lui si è messo a disposizione per conto di Guttadauro nelle mani di Cuffaro e di Romano, questo dice Miceli secondo i giudici di appello e poi Miceli stesso consiglia al boss, scrivono i giudici “di assecondare la scelta del candidato Senatore fatto da Cuffaro - e chi è il candidato senatore? E’ Romano. - in modo da poter accampare specifiche richieste successivamente per le competizioni regionali”, mettiamo il cappello su Romano, sposiamocelo questo candidato fedelissimo di Cuffaro e così poi dopo quando l’abbiamo fatto eleggere gli chiediamo i favori.

Infine - e questo succedeva nel 2001 – sempre nel 2001, il 2001 è l’anno in cui Berlusconi torna trionfalmente a Palazzo Chigi per la seconda volta, ma soprattutto in cui in Sicilia la mafia fa l'enplein, 61 collegi su 61 per il centro-destra.

Nel 2001 in campagna elettorale, scrivono sempre i giudici, citando il mafioso pentito Francesco Campanella, c’è un pranzo a Roma dove ci sono: Campanella (mafioso di Villa Abbate, braccio destro del boss Nino Mandalà, boss, è stato condannato in primo grado, quindi dobbiamo dire ancora presunto boss di Villa Abbate Nino Mandalà, era quello che era amico pure di Schifani), Cuffaro, Romano e altri. A un certo punto una delle persone, dei commensali dice a Romano, ma guarda che Campanella mica ti vota? Pare che sia una battuta, uno scherzo conviviale e invece racconta Campanella, Romano si alzò e disse seriamente, rivolgendosi a me: tu mi devi votare perché noi altri siamo la stessa famiglia! E aggiunge vai a Villa Abbate e ti informi, che famiglia? Non certo la famiglia di sangue, Campanella si chiama Campanella e Romano si chiama Romano, non sono parenti, che vuole dire “siamo della stessa famiglia vai a Villa Abbate e ti informi?” siamo della stessa famiglia di Villa Abbate, evidentemente la famiglia che secondo i giudici ha come boss Mandalà e lasciò attoniti tutti i commensali, un politico che a Roma a una cena o a un pranzo dice esplicitamente a Campanella “siamo della stessa famiglia vai a Villa Abbate” persino per una città italiana, una scena del genere evidentemente lascia un po’ di stucco e poi dice Campanella che Mandalà mi spiegò che Romano era stato autorizzato a candidarsi in quel collegio, perché in quel collegio non c’è candidato che non è espressione di mafia, quindi Mandalà confermò che Romano era della famiglia giusta, la sua!

Se per caso su questi punti e su altri contenuti nella sentenza Cuffaro, la Cassazione dovesse mettere il timbro di autenticità finale, consacrerebbe questi fatti come prove, non più necessarie di dimostrazione nel processo eventuale a Romano, ecco perché il G.I.P. prima di archiviare o di decidere altrimenti sta aspettando che la Cassazione si pronunci.

Intanto però Romano è diventato Ministro, tra tutti i responsabili che sono 30, l’unico che ha un’indagine di concorso esterno in associazione mafiosa, più corruzione, è diventato Ministro, potevano farne gli altri 29? No hanno fatto lui! Gli altri avevano un handicap, non avevano indagini per concorso esterno in associazione mafiosa, Napolitano ha fatto come al solito, prima l’ha nominato Ministro, poi ha assistito al giuramento e poi mentre quello usciva ha fatto un comunicato prendendo le distanze da sé stesso anche, perché è lui che l’ha nominato, secondo l’Art. 92, mi pare, della Costituzione è il Presidente della Repubblica che nomina il Presidente del Consiglio e, su indicazione del Presidente del Consiglio, nomina i Ministri, quindi non è Berlusconi che nomina Romano Ministro dell’agricoltura, Berlusconi propone a Napolitano quel Ministro lì, Napolitano se lo nomina, vuole dire che gli sta bene!

Perché dico questo? Perché sapete che ci sono Ministri che non stavano bene a capi dello Stato e che non sono diventati Ministri, quando Berlusconi portò Previti a Scalfaro, nel 1994 Previti non aveva indagini, era solo l’Avvocato di Berlusconi, quindi era in conflitto di interessi, Scalfaro disse “no, il tuo Avvocato no” e Previti non diventò Ministro della Giustizia. Quando nel 2001 Berlusconi portò Maroni Ministro della Giustizia, io feci un pezzo dicendo “beh ma è proprio il caso di mettere un condannato per resistenza a pubblico ufficiale, un condannato alla giustizia definitivo?” non so se Ciampi abbia letto il mio articolo o si sia informato diversamente, sta di fatto che Maroni non diventò Ministro della Giustizia, ma del Welfare, c’è voluto Napolitano per nominare Ministro dell’interno Maroni condannato per avere picchiato dei poliziotti, Ministro dell’Interno, cioè della Polizia, ma Ciampi non lo fece diventare Ministro della Giustizia e Scalfaro addirittura un Premier mandò indietro, perché nel 1992 in primavera, dopo le elezioni dell’aprile, era iniziata Mani Pulite da due mesi, era finito dentro Mario Chiesa, erano stati indagati Tonioli e Pillitteri i due ex sindaci craxiani socialisti di Milano, pochi altri manager socialisti, Craxi non aveva neanche un avviso di garanzia ancora, si sapeva che l’inchiesta avrebbe potuto arrivare a lui e quando il pentapartito che aveva appena vinto le elezioni, indicò Craxi come Premier, Scalfaro disse “no, io non lo nomino, portatemene un altro e nominò Giuliano Amato” dello stesso partito di Craxi ma meno compromesso con del sistema che stava venendo fuori.

Quindi non c’è bisogno né che uno sia indagato, né che uno sia condannato per non diventare Ministro o Presidente del Consiglio, perché? Perché il Capo dello Stato può decidere se una persona è degna o meno di diventarlo e lo può decidere sulla base di criteri di opportunità, di decenza, di decoro, sentenze penali, fatti documentati, conflitti di interessi, quello che si vuole, immagine… Napolitano invece ha detto di avere preso informazioni sulla situazione giudiziaria di Romano che è quella che vi ho descritto, poi l’ha nominato, poi ha detto: ho preso informazioni sulle gravi imputazioni che pesano sul suo capo e mi auguro, cito a memoria, un chiarimento rapido, forse era il caso di non nominarlo, un Ministro indagato per mafia e corruzione, magari il prossimo giro, magari mi mandi un altro dei responsabili.

E’ anche vero che sarebbe stato difficile giustificare il fatto di negare la nomina di un Ministro indagato per concorso esterno in associazione mafiosa con richiesta di archiviazione e indagato per corruzione, dopo avere nominato Presidente del Consiglio un imputato per corruzione giudiziaria, frode fiscale, appropriazione indebita, falso in bilancio e adesso pure concussione di prostituzione minorile, e indagato a Firenze, ce lo dimentichiamo sempre per le stragi del 1993 che non è mica stata chiesta l’archiviazione, ancora no, dalla Procura di Firenze, l’anno scorso anzi è stata chiesta e ottenuta una proroga delle indagini su Berlusconi, indagato per concorso nella strage.

Forse bisognerebbe chiedere chiarimenti anche su Schifani che come ben sapete è indagato su concorso esterno a Palermo, quindi deve essere per tutto questo che Napolitano decide di nominare pure Romano, facendo però sapere che non gli era piaciuto tanto, adesso si vedrà quando uscirà la sentenza Cuffaro della Cassazione, Romano rischia grosso, quindi voi capite che Berlusconi quando deve spaventare la magistratura, non la deve spaventare soltanto per sé, la deve spaventare anche per conto e in nome di tutti di quegli che gli stanno intorno, che sono così, perché hanno capito che dura poco questa cosa, quindi si stanno giocando le ultime cartucce, una volta che non abbiano più un padrino che li copre e li protegge e lavora per tutti loro a Palazzo Chigi, saranno soli al mondo e se sono colpevoli i finiranno a trenino in galera nei prossimi anni, vedrete, sarà esattamente come quando crollò la Prima Repubblica, quando i Ministri… c’era la ressa davanti a San Vittore e a Poggio Reale, all'Ucciardone e a Regina Celi, tanti erano i Ministri che entravano in galera, vedrete quando cadrà Berlusconi quanta gente finirà in galera, perché? Perché sarà saltato il tappo che teneva tutto compresso.

Lasciamolo solo.

Quindi spaventare finché si è in tempo i magistrati sono tutte mosse disperate naturalmente, ecco perché dicevo che forse è venuto il momento di lasciarlo un po’ solo, perché si capirebbe ancora meglio che siamo di fronte a un caso umano, invece di enfatizzare questo scontro che in realtà non c’è perché è lui che sta dichiarando guerra come al solito a tutto il mondo, tranne al suo amico Gheddafi, gli dispiace non vuole disturbare.

Faccio un esempio per concludere, la legge sulla responsabilità civile dei magistrati, ne avevamo già parlato, adesso è diventata urgente perché c’è un parlamentare della Lega, di cui non mi ricordo neanche il nome perché ti spuntano come i funghi per conquistarsi 15 minuti di celebrità fanno subito una legge per il padrone, che ha infilato in una normativa europea una roba che stravolge completamente la vecchia legge sulla responsabilità civile dei giudici, cos’è la responsabilità dei giudici? E’ una norma che consente ai cittadini che hanno subito un errore giudiziario di avere un risarcimento dei danni, sacrosanto, i giudici che sbagliano devono pagare, è sacrosanto, il problema è come, l’abbiamo già detto! Oggi abbiamo una legge che è nata dal referendum del 1987 è la legge N. 117/88 firmata da un giurista, socialista, padre del nostro Codice di Procedura Penale Giuliano Vassalli, capo partigiano, figura eminente, cosa stabilisce? Se un giudice fa un errore, deve risarcire il danno, naturalmente il cittadino che ritiene di averlo subito, denuncia lo Stato, lo Stato se accerta che ha subito il danno lo risarcisce e poi se quel danno deriva da colpa grave, da un errore pesante del giudice, non da una svista, da un errore pesante fatto da un giudice incapace oppure da dolo addirittura, se il giudice l’ha fatto a posta a fargli quel torto, allora il giudice per quanto riguarda.

La legge è giusta, come fa notare l’ex Giudice Tinti su Il Fatto Quotidiano c’è un errore in quella legge, una cosa sbagliata, che il giudice restituisce allo Stato la somma che lo Stato ha già refuso alla vittima dell’errore, ma fino al massimo di 1/3 del suo stipendio, questo è sbagliato, se il giudice ha sbagliato deve pagare tutto, non fino a 1/3 del suo stipendio, peggio per lui se ha sbagliato!
Non stiamo parlando di sviste, stiamo parlando di errori marchiani dolo e colpa grave, questo dice la legge.
Adesso questo codicillo infilato da questo leghista ineffabile, cosa dice? Dice una cosa diversa: che il giudice oltre che per dolo e per colpa grave, deve pagare – si chiama Pini il leghista – di tasca sua anche nel caso di violazione manifesta del diritto, cosa vuole dire “violazione manifesta del diritto?” se tu hai interpretato o applicato male una norma della procedura, facendo il processo penale o civile.
Per le presunte violazioni del dritto, in tutti gli stati di diritto, non si denuncia il giudice, si fa ricorso in appello o in Cassazione, anzi il ricorso in Cassazione è proprio quello specifico per le presunte, ritenute violazioni del diritto fatto dal giudice che ha giudicato nel merito, c’è sempre un giudizio di merito, di appello e poi le eventuali questioni di diritto si denunciano eventualmente in Cassazione, che senso ha, dopo che tu hai già avuto un verdetto di Cassazione, favorevole o contrario a te non mi interessa, denunciare il giudice per violazione del diritto? E qual è la violazione manifesta del diritto? Chi lo decide se hai fatto una violazione manifesta del diritto, è una cosa che non sta né in cielo e né in terra, il risultato è che con questa formula ampia che non vuole dire niente “violazione manifesta del diritto” qualunque giudice o PM potrà essere denunciato o chiamato a rispondere di tasca sua non “io denuncio lo Stato e lo Stato si rivale sul giudice se ha commesso il dolo o colpa brave, ma io denuncio direttamente il giudice ogni volta che voglio” con questa scusa della violazione del diritto.

Eppure già oggi con la legge che abbiamo e che va benissimo, salvo con quella faccenda del terzo dello stipendio, lo Stato già si rivale sui giudici in caso di grave violazione di legge, dovuta a negligenza inescusabile, certo se il giudice ha fatto un abuso causa negligenza inescusabile, non ha letto un pezzo delle carte degli atti del processo, per esempio grave negligenza inescusabile, il giudice per decidere deve leggere tutte le carte, affermazione determinata da negligenza inescusabile di un fatto la cui esistenza risulta incontrastabilmente agli atti del processo, se tu dici il contrario di quello che risulta dagli atti inequivocabilmente non è una tua interpretazione è che proprio hai preso un abbaglio, negazione dovuta a negligenza inescusabile, di un fatto la cui esistenza risulta dagli atti, è certo, se affermi un fatto che è smentito dagli atti o se neghi un fatto che è inequivocabilmente affermato dai fatti, oppure se limiti la libertà di una persona al di fuori dei casi consentiti dalla legge, oppure senza motivazione, certo se non spieghi perché hai arrestato uno o se lo arresti per un reato per il quale non è previsto arrestarlo o senza i presupposti che consentono di arrestarlo, lì non è che è opinabile, li hai fatto un grave fallo!

Cosa dice questo leghista naturalmente in Commissione Giustizia questa porcata è passata con il solito voto del radicale, ci sono sempre questi radicali che quando c’è bisogno di dare una mano a Berlusconi si danno immediatamente da fare, e quindi hanno introdotto centro-destra, relazione di Pini, voto del radicale eletto con il PD che dà una mano al Cavaliere, il principio della violazione manifesta del diritto, che come vi ho detto non si sa cosa sia.
L’Avvocato Caputo di Giustizia e libertà di Torino mi fa notare che a questo punto ai giudici resteranno due strade per evitare di essere continuamente denunciati: o non condannare, non arrestare, non inquisire più nessuno, ogni volta che arriva una notizia di reato non guardarla, far finta di non vedere, darsi malati, mangiarsi le prove, mangiarsi le bobine con le intercettazioni telefoniche, oppure mettersi d’accordo per fare sentenze tutte uguali primo, secondo e terzo grado in modo che comunque se tutte le decisioni prese dai magistrati in un procedimento vengono confermate nei gradi successivi, nessuno potrà dire che c’è stata nessuna violazione e nessun torto, è questa la giustizia che vogliamo? Abbiamo vari gradi di giudizio e facciamo una legge che indurrà i giudici o a non decidere più o a decidere di darsi sempre ragione, anche quando hanno torto, per paura di essere denunciati? E’ questa la giustizia che vogliamo? Infatti lui dice maliziosamente è ovvio che sarebbero dei mascalzoni i giudici che lo facessero, ma a questo potrebbe portare la legge e se i giudici si mettessero tacitamente d’accordo nel senso che tutte le sentenze di primo grado venissero acriticamente confermate nei successivi gradi di giudizio, dove starebbe la manifesta violazione del diritto? Formalmente si metterebbero a posto gli uni con gli altri, ma il bello è quello che scrive Bruno Tinti che ha la rara capacità di fare degli esempi, su Il Fatto Bruno Tinti, andatevi a vedere il pezzo perché è molto divertente, l’abbiamo intitolato “Una boiata pazzesca” fa due esempi: rapina alle Poste, due testimoni vedono in faccia il rapinatore e in Questura lo riconoscono da una foto segnaletica, è Pippo già condannato 3 volte per lo stesso reato, il PM chiede la cattura di Pippo e il G.I.P. è d’accordo, così dopo un paio di mesi Pippo finisce in prigione, dice che è innocente e che il giorno della rapina lui era in Spagna a Marbella insieme con la sua fidanzata Lucia. Rogatoria estera; al giudice spagnolo la ragazza dice che è proprio vero, il 25 marzo stavano insieme. “Siamo andati a Porto Banus, poi abbiamo mangiato a La Moraga, poi siamo andati a fare compere al Corte Inglès, poi siamo andati a giocare a tennis al circolo di Manolo Santana e poi abbiamo cenato lì.” Il giudice chiede da quanti giorni Pippo era a Marbella. “Eh, 2 o 3”. “E il giorno prima, il 24 marzo, cosa avete fatto?” “Eh, boh, cioè, non so. Ah sì, siamo stati al mare.” “Al mare dove? Nikki Beach? Play Fantastica?” “Mah, al mare, adesso non mi ricordo.” “Tutto il giorno?” “Beh no, poi siamo andati a fare compere.” “Dove?” “Mhhh” “E il giorno dopo, il 26 marzo?” “Ma insomma, adesso non mi ricordo, e poi che c’entra con la rapina?” Il Pm non crede a Lucia, crede ai testimoni che hanno riconosciuto Pippo e chiede il rinvio a giudizio; il Gip la pensa come il Pm e anche il Tribunale: 5 anni di galera in primo grado a Pippo per la rapina. In Appello l’avvocato di Pippo dice che Lucia ha importanti rivelazioni da fare (la fidanzata), in Tribunale non era stata sentita, era irreperibile e quindi sono state accettate come prova le dichiarazioni per rogatoria in Spagna. Lucia arriva al processo d’appello e spiega tutte quelle cose che prima non ricordava adesso se le ricorda, racconta tutto per filo e per segno dove sono stati il giorno prima, il giorno stesso e il giorno successivo e allora la Corte d’Appello le crede e assolve Pippo. Chi ha sbagliato? I giudici del Tribunale che hanno creduto al G.I.P., che aveva creduto al PM che non aveva creduto a Lucia? O hanno sbagliato i giudici d’appello che hanno creduto a Lucia? Nessuno dei due, ha sbagliato dal punto di vista di Pippo, perché? Perché c’erano elementi tali, i testimoni all’accusa per ritenerlo colpevole e le titubanze della Lucia in primo grado.
In appello Lucia ha sfoderato una memoria di ferro peraltro recentissimamente riempita di quei buchi che aveva in primo grado e quindi i giudici hanno avuto dei dubbi e nel dubbio, dato che bisogna condannare solo oltre ogni ragionevole dubbio, allora hanno assolto, non hanno detto che quelli di prima avevano sbagliato, hanno detto che a loro è venuto il dubbio che avesse ragione Pippo in base a quello che ha detto la fidanzata.

Non c’è nessun errore giudiziario né prima, né dopo, per convenzione noi accettiamo la sentenza che arriva dopo, se viene confermata in Cassazione, questa sentenza di assoluzione in appello diventa definitiva, c’è stato mica un errore giudiziario? No, Pippo può essere risarcito? Assolutamente no, ci mancherebbe altro che tutti quelli che vengono prima indagati, poi arrestati o anche solo indagati e rinviati a giudizio, condannati in un grado e assolti in un altro, potessero avere il risarcimento, sarebbe la fine!

Ecco com’è facile suggestionare la gente con questa storia che il giudice deve pagare quando sbagliata e in realtà poi non sappiamo bene cosa vuole dire quando sbaglia, adesso l’altro esempio che riguarda Berlusconi, processato per prostituzione minorile.
Berlusconi è processato per prostituzione minorile, perché? Perché ritengono i giudici che sapesse che Ruby era minorenne, quando, secondo l’accusa andava a letto con lei e poi la pagava. Se i giudici lo condannano in primo grado e poi lo assolvono in appello, è semplicemente perché in primo grado hanno creduto agli elementi notevoli che ha portato l’accusa e in appello è venuto il dubbio che possa avere ragione lui, mettete per esempio che qualcuno insinui il dubbio che hanno sbagliato a registrare la data di nascita all’anagrafe in Marocco, sapete che erano anche andati alcuni emissari, come abbiamo raccontato su Il Fatto per cercare di alterare quei registri, quindi mettiamo che in questo pro e contro, processo indiziario, è chiaro che nel processo dove c’è la foto del colpevole che infila il coltello nella pancia della vittima non è un processo indiziario, ma ci sono i processi indiziari dove è importante il mosaico per rendere più probabile la tesi dell’accusa e della difesa e in quei processi la valutazione soggettiva del giudice varia, uno può essere convinto della consapevolezza e un altro può avere un dubbio in più e convincersi dell’innocenza, oppure può emergere un fatto nuovo dopo che supera la decisione che è stata presa prima o può essere valutato diversamente, quindi non c’è nessun errore se viene condannato da una parte e assolto dall’altra, semplicemente c’è una diversa valutazione del materiale.

L’errore sarebbe se ci fosse un’intercettazione negli atti in cui Emilio Fede dice a Berlusconi “guarda che ho controllato, è maggiorenne, puoi andarci a letto tranquillamente” e Berlusconi “ah grazie, io controllo sempre, mi raccomando!” in questo caso Berlusconi avrebbe la prova che era stato buggerato, avrebbe la prova che lui credeva veramente che era maggiorenne, se i giudici ignorassero questa intercettazione per condannare Berlusconi, ecco il dolo, ecco la colpa grave, ecco la negligenza inescusabile, non hanno guardato bene oppure hanno letto quell’intercettazione e l’hanno imboscata, nel primo caso colpa grave, nel secondo caso dolo, hanno fatto apposta, in quel caso sì che Berlusconi condannato in assenza di quella telefonata e poi assolto in presenza di quella telefonata avrebbe tutto il diritto di richiedere il risarcimento allo Stato che poi chiederebbe i danni ai giudici che hanno fatto quella porcata.

Forse è questo che si chiede all’informazione e anche alla Magistratura associata: meno strepiti. "Berlusconi ce l’ha con noi, ci vuole punire", lo sappiamo che vi vuole punire, ma ai cittadini non gliene frega niente, invece è molto importante far capire ai cittadini che razza di processo viene fuori, se l’imputato può far causa al suo giudice, quindi freddezza, nervi saldi da parte di tutti, anche di quelli che vogliono andare a manifestare contro quelli che manifestano per Berlusconi e possibilmente cercare di spiegare chirurgicamente e freddamente ai cittadini cosa succede a noi se passano queste leggi, ben sapendo che ormai per fortuna se Dio vuole ne passeranno ben poche. Bisogna cercare di fare questo salto, vi do solo un dato: l’altro giorno a un convegno il sondaggista Pagnoncelli ha raccontato che per gli italiani l’emergenza N. 1 non è né la Libia, né quei poveri immigrati a Lampedusa, né tanto meno il federalismo, l’emergenza vera dell’Italia è l’evasione fiscale e la corruzione e le mafie, i soldi che sfuggono allo Stato con il nero e che quindi i cittadini onesti sono costretti ogni anno a rabboccare pagandone di più di tasse. Questa è l’emergenza N. 1 per i cittadini italiani nei sondaggi, vi pare normale che il politico più votato alle ultime elezioni sia stato un signore imputato di evasione fiscale e corruzione? Bisogna cercare di unire queste due informazioni: è giusto avercela con l’evasione fiscale, con la corruzione e con le mafie finalmente siamo arrivati a avercela con questi che sono i veri problemi dell’Italia e quindi per favore non facciamoci più rappresentare da un imputato di corruzione e evasione fiscale, è questo link che manca, abbiamo le due informazioni ma non riusciamo ancora a metterle insieme, strepitare gli uni contro gli altri non serve, invece far passare questi messaggi per chi lo può fare è molto più utile, passate parola, buona settimana!

Fonte: beppegrillo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 3133 persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Israel's Arab party support pushes Gantz ahead of Netanyahu

'Howdy, Modi!': Thousands, plus Trump, rally in Texas for India's leader

Hong Kong police fire tear gas after storming shopping mall

Schiff says Trump's Ukraine call could justify impeachment

Pompeo says U.S. mission is to avoid war with Iran but measures in place to deter

Travel group Thomas Cook battles for survival ahead of Monday deadline

Ultimele articole - Antena3.roO feti?a de 11 ani din jude?ul Ilfov a disparut. Copila plecase spre locuin?a unei colege, dar nu a mai ajuns acolo

Ministrul Muncii, anun? în premiera despre pensiilor românilor

O noua crima îngroze?te România. Feti?a din Dâmbovi?a nu mai era în viata când a fost anuntata politia! A fost ucisa în maxim 35 de minute de la rapire

Ramona Ioana Bruynseels a intrat în cursa pentru Cotroceni: „Voi face diferen?a la preziden?iale”

Alarmant! 2015-2019, cea mai calduroasa perioada de cinci ani din istoria înregistrarilor meteorologice

Florentin Pandele anun?a ca se retrage din cursa preziden?iala: În?eleg actualul context politic, sunt matur, sunt responsabil





22/09/2019 @ 20:22:50
script eseguito in 934 ms