Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

"Un nou scandal de spionaj pune fatã în fatã România si Rusia. Serviciul Federal de Securitate rus (FSB) a anuntat cã l-a arestat pe primul secretar al Ambasadei României la Moscova, pentru încercare de a obtine informatii militare secrete. Potrivit serviciului de presã al institutiei, citat de AFP si Interfax, "FSB a retinut la Moscova, în flagrant delict, în timp ce încerca sã obtinã informatii militare secrete de la un cetãtean rus, un membru al serviciilor de informatii române, Gabriel Grecu, care lucra sub acoperire în calitate de secretar I al ambasadei tãrii sale". Conform AFP, diplomatul se afla în posesia "unor materiale de spionaj care demonstreazã deplin activitatea sa ostilã în Rusia". El a fost declarat, ieri, persona non grata.
La Bucuresti, informatia nu a fost confirmatã decât de surse din Ministerul Afacerilor Externe (MAE), pentru Mediafax.

Scandalul izbucneste la un an dupã ce România a expulzat doi diplomati ucraineni acuzati cã spionau în favoarea Moscovei, în urma arestãrii subofiterului Floricel Achim si a bulgarului Marinov Zikolov, care le furnizau informatii.
Gabriel Grecu este, probabil, printre cei mai "sãraci" diplomati români, dacã este sã ne luãm dupã declaratia de avere postatã pe site-ul MAE. Potrivit acesteia, Grecu, care ocupa postul de prim-secretar la Departamentul Politic al Ambasadei României la Moscova, nu detine nici bunuri imobile, nici terenuri, nici alte clãdiri (inclusiv aflate în alte tãri), nici autovehicule/autoturisme, tractoare, masini agricole, salupe, iahturi si alte mijloace de transport care sunt supuse înmatriculãrii, potrivit legii, nici metale pretioase, nici obiecte de patrimoniu, nici conturi bancare, dar nici nu are datorii.

Potrivit datelor postate, singurele venituri ale declarantului realizate în ultimul an fiscal sunt dintr-un salariu de 20.000 RON anual, încasat de la SC RONIMED FARM. Firma respectivã, specializatã în comertul cu amãnuntul al produselor farmaceutice, în magazine specializate, a fost înregistratã la data de 30 martie 2005, functionând în Bucuresti, în Sectorul 6. Grecu a completat declaratia la 18.11.2008, ea fiind înregistratã la Departamentul de Resurse Umane al MAE în ianuarie 2009.

Sursa: Jurnalul.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 17/08/2010 @ 13:06:20, in it - Scienze e Societa, read 1238 times)

Lerici ci accoglie con il suo splendido scenario, celebrato da poeti e scrittori, e con le sue ville sparpagliate sulla collina che domina il golfo.L’acqua del mare, scintillante di mille luci e colori, è promessa di un soggiorno fantastico, ideale sia per rilassarsi che per cimentarsi nei tanti sport nautici.

 

 I paesi situati lungo la costa: San Terenzo, Fiascherino, Tellaro o sulle pendici della collina: Pugliola, Solaro, La Serra, Cerri, Montemarcello sono incantevoli e ben degni di essere visitati; hanno tutti origine medievale e i loro vicoli e le loro piazzette ci dimostrano che l’"antico" è sacro e il "nuovo" viene inserito in totale armonia.

 

Ma è osservando l’attività quotidiana dei pescatori o assaggiando la genuina cucina locale in una delle numerosi feste folcloristiche di paese che si può veramente assaporare il vivere mediterraneo.
Le origini di Lerici sono molto antiche. In epoca romana è stata una base navale. Nel Medioevo, quando Genova e Pisa erano in costante lotta per il dominio di questo tratto di mare, Lerici fu sempre contesa, a causa della sua collocazione proprio sulla linea di confine tra le due potenze marinare.

 

All’inizio del XIII secolo i Pisani vinsero la disputa e costruirono a Lerici una base navale fortificata, un castello ed un villaggio che presero il posto del piccolo villaggio preesistente e della Chiesa di san Martino, distrutta dai saraceni.
Nel 1256 Lerici fu occupata da Genova e rimase sotto il suo dominio fino alla caduta della potenza marinara.
La porta turrita tra le antiche mura vicino alla Calata è memoria dell’antico villaggio pisano.

 

In alcune ville aristocratiche del XVI secolo, tra le quali quella in cui visse Andrea Doria nel 1527, sono visibili anche resti del periodo genovese.

 

Il Castello, che ospita il Museo Geopaleontologico è il monumento più importante di Lerici: E’ un capolavoro di architettura militare italiana del Medioevo. La torre ha una base pentagonale sovrastata da piccoli archi sovrapposti; i bastioni esterni sono del XVII secolo.

 

All’interno si trova una cappella dedicata a Sant’Anastasia, un capolavoro di architettura gotica ligure. L’Oratorio di San Rocco un tempo era la Chiesa di San Martino e Cristoforo, i cui resti storici risalgono al XIII secolo. E’ una costruzione barocca con campanile con punta a cuspide poliedrica in stile gotico con caratteristiche orientali. L’interno, non molto grande, presenta alcuni importanti dipinti: un quadro del XVI secolo sopra l’altare principale, un dipinto del Fiasella e alcuni piccoli dipinti "ex voto" realizzati dalla gente di mare.

La chiesa parrocchiale è dedicata a San Francesco ed è del XVII secolo. La facciata, ricostruita negli anni ’60 in tipica pietra rosa ligure, è ricca di decorazioni barocche mentre all’interno sono custoditi numerosi dipinti di Domenico Fiasella, Bernardo Carbone, Domenico Bocciardo, Domenico Capponi, Domenico Gar e del pittore fiammingo Giovanni Miel. (Fonte: cinqueterre.com)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 17/08/2010 @ 14:06:44, in ro - Observator Global, read 1105 times)

Stephanie Lippiat, magistrat in varsta de 63 de ani din Kingston-Upon-Thames si-a pierdut credibilitatea si respectul atunci cand a fost arestata pentru ca a incercat s-o arunce in strada pe chiriasa sa romanca, Mariana Perec. Prietenul acesteia, George Stanca, a filmat totul cu telefonul mobil si astfel compatriotii nostri au putut sa-si faca dreptate.

Proprietara a recunoscut in fata tribunalului din Croydon fapta sa, iar Maria Perec a declarat ca au fost numiti "gandaci romani" si insultati incontinuu. Tot scandalul a pornit de la faptul ca magistrata voia 250 de lire pe luna si obiecta la faptul ca prietenul femeii dormea des la ea. Insa Maria a spus juratilor ca incaperea in care locuia era insalubra si-n plus, extrem de mica. "Camera in care locuiesc acum e de 6 ori mai mare" a mai adaugat ea.

Maria Perec locuia cu chirie in casa veche a magistratei si intr-o seara, in timp ce se afla cu prietenul sau in camaruta pe care platea 150 de lire, s-au trezit cu doamna Lippit, impreuna cu un alt barbat, Victor Hawes, de 41 de ani care s-au napustit asupra lor, lovindu-i si incercand sa-i evacueze cu forta. Mai mult decat atat, lucrurile i-au fost aruncate pe scari si in strada.

Proprietara a recunoscut in fata tribunalului din Croydon fapta sa, iar Maria Perec a declarat ca au fost numiti "gandaci romani" si insultati incontinuu. Tot scandalul a pornit de la faptul ca magistrata voia 250 de lire pe luna si obiecta la faptul ca prietenul femeii dormea des la ea. Insa Maria a spus juratilor ca incaperea in care locuia era insalubra si-n plus, extrem de mica. "Camera in care locuiesc acum e de 6 ori mai mare" a mai adaugat ea.

Sursa: clickromania.co.uk

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 17/08/2010 @ 16:25:33, in ro - TV Network, read 1561 times)

 Sidney Lumet (născut pe 25 Iunie 1924) este un regizor de film American cu peste 50 de filme printre care 12 Angry Men (1957) , Serpico (1973) , După-amiază de câine (1975) , Network (1976) și Verdictul (1982) , filme pentru care a fost nominalizat la Premiul Oscar pentru Cel mai Bun Regizor , cu excepția lui Serpico .

Conform Encyclopedia of Hollywood , Lumet este unul dintre cei mai prolifici regizori ai erei moderne realizând , în medie , mai mult de un film pe an de la debutul său regizoral în 1957 . Este recunoscut pentru abilitatea de a atrage actori mari în proiectele sale .

Una dintre temele sale constante pe parcursul carierei a fost "fragilitatea justiției și a poliției și corupția din cadrul lor" conform Biographical Dictionary of Film al lui Thomson .

Lumet a început ca regizor off-Broadway , devenind apoi un foarte eficient regizor de film . Primul său film se numără și printre cele mai reușite din cariera lui: un film bine jucat și scris , un adevărat "film problematic" ,12 Angry Men (1957) . De-atunci Lumet și-a împărțit energia în realizarea altor filme de acet gen dar și a unor adaptări după piese de teatru și romane . Ca rezultat al regiei filmului 12 Angry Men , este responsabil pentru îndrumarea primului val de regizori care au făcut trecerea de la televiziune la film . În 2005 Lumet a primit un premiu Oscar pentru Întreaga Activitate pentru "serviciile briliante aduse scenariștilor , actorilor și artei filmului" .

 Sursa: wikipedia.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 18/08/2010 @ 10:05:40, in ro - TV Network, read 6310 times)

Despre politica, justitie, politia, pitipoance, Romania, viata de zi cu zi, ziare, autostrazi si multe multe altele. Cu comentariile lui amuzante sau amare, pornite de la subiectele abordate de presa in ziua respectiva, Mircea Badea spune ceea ce gandesc multi dintre romani, deranjand deseori mai-marii zilei si devenind una din vocile influente ale vietii publice.

Gata vacanta! La noapte am emisiune...

keywords: Mircea Badea, In gura presei, politica, social, revista presei, Badea, Mircea Badea Video, Video, Antena 1, Antena 3, Emisiune, Live

Emisiunea din 16 aug 2010.

Sursa: http://ingurapresei.antena1.ro/emisiuni

WIE VAN DE DRIE

  Anastasia
Calla | Monika | Anastasia
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

- Io ho rapinato due banche, e tu?
- Io tutte quante.

Autore della vignetta:  Chappatte- International Herald Tribune ( Paris)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 18/08/2010 @ 12:59:09, in it - Scienze e Societa, read 2369 times)

Le origini del toponimo Porto Venere sono documentate a partire dal II sec. d.C. quando in un antico itinerario nautico "Portus Veneris" è indicato quale stazione navale delle triremi romane per le rotte della Gallia e della Spagna.Sicuramente antecedente a questa data è però l’insediamento nel promontorio che a partire dal 1113 divenne "baluardo di Genova nel Tirreno" a seguito della cessione che ne fu fatta alla Repubblica marinara dai Signori di Vezzano.

Furono per l’appunto i Genovesi a costruire il borgo fortificato così come lo vediamo ancora oggi e ad erigervi nel 1160 la cinta muraria ed il Castello che oggi svetta sull’abitato nelle massicce forme rimaneggiate nel XVI secolo.
Il Borgo di Porto Venere si offre, nelle sue forme pressoché immutate nel corso di 8 secoli, alla visita del turista che ne può apprezzare l’ineguagliabile panorama, gli scorci caratteristici e pittoreschi, l’unicità degli antichi portali delle case torri che si allineano strette l’una all’altra sui carruggi e sulla calata.
Dare suggerimenti per una visita turistica di Porto Venere appare semplice, bisogna lasciarsi andare alla suggestione della salsedine e dei colori, del volo dei gabbiani, delle rocce ardite, delle testimonianze della storia e dell’arte che ammiccano in ogni angolo del paese.

 

Senza dubbio per tutti il nome di Porto Venere evoca la Chiesina di San Pietro, arroccata sulla roccia del promontorio e con essa quasi fusa in un’armonia architettonica unica al mondo: il paese però non è solo quello ed invita il visitatore a scoprire e ad apprezzare tutti i sui tesori, non solo storici ed artistici, ma anche paesaggistici e naturalistici.

 

Non dimentichiamo che in prossimità dell’antica cinta muraria si trova il punto di arrivo (o di partenza) del famoso sentiero N°1 che collega Porto Venere alle 5 Terre e che è meta ogni anno di un crescente turismo escursionistico: il sentiero, che si snoda a mezza costa lungo le pendici del Muzzerone e della Castellana, offre panorami unici ed emozioni indimenticabili.

 

Dal molo prospiciente la palazzata partono inoltre numerosi battelli diretti alle Isole, Palmaria, Tino e Tinetto, a Lerici ed alle Cinque Terre. (Fonte: www.cinqueterre.com)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Nelle stesse ore in cui il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Margaret Chan, attraverso una conferenza stampa, annunciava che è cessato l’allarme riguardante la diffusione del virus h1n1 ad un uomo, a Monza, veniva diagnosticata una polmonite riconducibile proprio al ceppo batteriologico.

In Italia a fasi alterne del virus si è continuato a parlare tanto che all’inizio del mese il Ministro della Salute aveva fatto sapere che la prossima campagna di vaccinazioni prevederà anche un antidoto contro la pandemia.

Ferruccio Fazio, malgrado la comunicazione ufficiale dell’Oms, non cambia idea e ribadisce quanto annunciato lo scorso gennaio. Secondo quanto pubblicato da Altreconomia l’esponente politico avrebbe deciso dell’anno la diffusione del vaccino per smaltire le dosi che non sono state utilizzate durante la fase pandemica del virus h1n1.

Attraverso una scrittura privata, sosteneva nei mesi scorsi la rivista, lo Stato italiano avrebbe acquistato dalla multinazionale Novartis per 184 milioni di euro 24 milioni di vaccini. Di questi solo l’8,5% sarebbe stato realmente utilizzato nel nostro paese.

Ad oggi per tanto le unità da smaltire sarebbero quasi 22 milioni. Più di 170 milioni di euro spesi a scapito della sanità pubblica a cui il Ministro, per far quadrare i conti, ha dovuto decurtare i finanziamenti.

Contrario ai tagli decisi da Ferruccio Fazio si è già detto il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano secondo il quale durante una crisi economica il Governo dovrebbe garantire ai cittadini un’assistenza medica migliore proprio perché le possibilità di curarsi privatamente diminuiscono.

Fonte: Polisblog.it - Autore: Giovanni Molaschi

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Elections : the rise of xenophobic groups.
Cartoon pubblicato da: presseurop.eu . Autore: Vauro.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 19/08/2010 @ 12:03:06, in it - Scienze e Societa, read 1165 times)

Ritagli di cielo. Si aprono lassù, quando lo sguardo abbandona le linee verticali e buie delle case, e si spinge oltre rivoli di muri, verso sprazzi di luce modulati da panni e lenzuoli svolazzanti, appesi ad asciugare su corde tese da una finestra e l’altra. Č facile perdersi nei carruggi di Genova, il centro medioevale più grande d’Europa. Scoprire a piedi i suoi vicoli, stretti e bui, che ricordano certi budelli della medina di Marrakech, è la soluzione migliore e più suggestiva.

Il treno è il miglior approccio per avvicinare la Superba; in piazza Acquaverde, dove si affaccia la stazione Principe (la più antica di Genova, l’altra è Brignole) il primo incontro è con la statua di Cristoforo Colombo, scopritore delle Americhe. Per entrare nel cuore dei carruggi basta scendere gli scalini, ripidi e veloci, di Salita S. Giovanni, che separano dalla Commenda di Prè, complesso religioso che secoli passati dava conforto e ospitalità ai pellegrini diretti in Terrasanta.Via di Prè, tra sguardi di bottegai, cartomanti, ragazze di vita e genti di culture e religioni diverse, conduce all’ingresso di ponente della città: porta dei Vacca. Si percorre via del Campo e una canzone carica di emozione torna in mente: “nei quartieri dove il sole del buon Dio non dà i suoi raggi”. Così cantava la sua città il cantautore genovese, Fabrizio De André.

 

Oltrepassata piazza Fossatello si prosegue in via San Luca. La luce si impadronisce brevemente delle prospettive in piazza Banchi: la chiesa di San Pietro pare sospesa sopra botteghe e laboratori di orafi. Ai banchi di notai e cambiavalute, che nel medioevo favorivano le transazioni fra mercanti, fanno oggi riscontro quelli poveri ma vivaci degli ambulanti senegalesi, disposti proprio dinanzi a quello che un tempo rappresentava il fulcro delle attività commerciali della città: la Loggia dei Mercanti, sede nell’Ottocento della prima Borsa Valori italiana.

Proseguendo lungo via degli Orefici, fino a Campetto, dove i fabbri battevano il ferro finché, nel XVI secolo, la famiglia Imperiale decise di trasformare il sito in una piazza residenziale, si giunge nella vicina piazza Soziglia e allo storico Caffè Klainguti, meta abituale di Giuseppe Verdi, goloso di brioche, cittadino onorario di questa città dove trovò ispirazione per comporre una parte di Aida. Dopo tanto camminare, è facile lasciarsi andare davanti alle vetrine colme di cioccolatini, dolciumi e sapori. Una nuova indecisione sopraggiunge, costretti a scegliere una delle vie parallele che raggiungono piazza Fontane Marose: Macelli di Soziglia o la più raffinata via Luccoli, tirata a lucido ultimamente.
Senza fare torto a nessuna delle due si prende per Vico Casana, dove sta la più antica tripperia di Genova, per poi sbucare in Via XXV Aprile e nel “salotto cittadino” di Galleria Mazzini, coperta e illuminata da quattro grandi lampadari in bronzo.

 

Parallela, via Roma – delimitata da palazzi neoclassici finemente decorati – sale verso piazza Corvetto, dove si erge al centro il monumento equestre di Vittorio Emanuele II e, poco distante, quello di Giuseppe Mazzini. Dalla piazza, trafficato crocevia della città, si scende lungo Salita Santa Caterina fino a piazza Fontane Marose. Lungo via Garibaldi, strada che incantò Rubens, si trovano alcuni dei più bei palazzi aristocratici della città, che portano i nomi delle famiglie nobili di Genova. Percorrendo via Lomellini, lasciato alle spalle palazzo Grimaldi della Meridiana, si raggiunge piazza della Nunziata, dove si affaccia la chiesa della Santissima Annunziata del Vastato, trionfo del barocco genovese.
Ultima salita, ultima meraviglia. Č via Balbi, nome della potente famiglia di finanzieri e commercianti che nella prima metà del Settecento commissionò i maestosi palazzi ancora affacciati sulla via, oggetto di un recente quanto felice recupero.

Palazzo dell’Università, palazzo del Levante, palazzo Balbi-Senarega e, soprattutto, palazzo Reale, sede della Galleria Nazionale e custode di un magnifico giardino pensile, capace di regalare una veduta d’insieme sul porto Vecchio e la sottostante Via di Prè. Ecco nuovamente piazza Acquaverde e Cristoforo Colombo. Ma non è finita qui, perché via Andrea Doria può riserbarvi ancora una sorpresa: Palazzo Doria del Principe, recentemente riportato all’antico splendore.

Fonte: www.trekking.it; Autori: Davide Battaglia e Enrico Bottino

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 726 persone collegate

< dicembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo


TurismoAssociati.it uses cookies to ensure you get the best experience on the internet (European Union User Consent Policy)

More info



Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.



Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.



Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.







09/12/2018 @ 21:29:39
script eseguito in 898 ms