Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Observatia a fost facuta de oamenii de stiinta de la Institutul pentru Cercetarea Oceanelor si a Atmosferei din cadrul Universitatatii din Tokyo în urma unui studiu desfasurat în anii 2008 si 2009.

Studiul, condus de profesorul Katsufumi Sato, a presupus echiparea unui numar de 21 de pasari marine, din specia Calonectris leucomelas, cu sisteme GPS pentru a le monitoriza comportamentul.

Păsările au un orar de zbor

Astfel, specialistii au observat ca o pasare, aflata la 100 de km de cuib a renuntat sa manânce cu trei ore înainte de apus, pentru a ajunge la timp acasa. De asemenea, o alta pasare, care era la 400 de km departare de cuib, si-a început calatoria cu 14 ore înainte, ajungând la destinatie chiar înainte de apus.

Aproximativ 70% dintre pasarile monitorizate au ajuns la cuib la maximum 3 ore dupa apus. Acest lucru indica faptul ca ele se ghideaza dupa un orar bine stabilit, având, cel mai probabil, un fel de interdictie de a zbura dupa apusul soarelui.

"Cumva, aceste pasari stiu exact la ce distanta sunt de casa si cât timp va dura calatoria spre cuib", a încheiat Sato.

Sursa: yomiuri - via descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Cattolico, musulmano, buddista o kopimista? Già, da oggi, perlomeno in Svezia, esiste una nuova religione: quella dei seguaci della Church of Kopimism (da Kopimi, ovvero come si pronuncia copy me). E, come s’intuisce dal nome, il credo del movimento è presto detto: la comunità dei kopimisti riunisce 3.000 file sharer (cioè coloro che condividono di file)svedesi per i quali comunicazione e condivisione sono sacri, mentre sono da condannare controlli e spionaggi. “ L’informazione detiene un valore, in sé stessa e in quello che contiene”, si legge sul sito dell’organizzazione: “E il valore si moltiplica attraverso il copying. Copiare è perciò fondamentale per l’organizzazione e per i suoi membri”.

Gli adepti della neonata fede - consacrata proprio sotto Natale dall’autorità svedese Kammarkollegiet come vera e propria religione - avevano cominciato già nel 2010 le pratiche per vedersi riconosciuti ufficialmente. E adesso ci sono finalmente riusciti, in quello che per loro è “un passo verso il giorno in cui potremo vivere la nostra fede senza la paura della persecuzione”.

Anche se non esistono ancora vere e proprie professioni di fede o pratiche religiose. Per ora infatti il rituale è uno solo, come spiega a Wired.co.uk Isak Gerson, il leader spirituale del movimento: “Il nostro rito principale è quello di copiare e di connetterci l’un l’altro condividendo informazioni”. E aggiunge: “Solo l’essere stati riconosciuti dalle autorità svedesi ci aiuterà a rafforzare la nostra identità”.

A questo proposito, come si legge ancora sul sito, per diventare un adepto non occorre compilare un’adesione formale, ma solo sentirsi chiamati ad adorare la filosofia dell’informazione e del copying. Solo così di potrà diventare un kopimista, che Gerson sul suo sito definisce così: “Una persona che crede che tutte le informazioni debbano essere distribuite liberamente e senza restrizioni. La filosofia si oppone al copyright in tutte le sue forme e incoraggia la pirateria di tutti i tipi di media inclusi musica, film, programmi TV e software”. Questo non significa però che il copying e il file sharing potranno essere praticati liberamente in Svezia. Neanche per i kopimisti.

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The structures have potential applications in drug delivery to treat diseases and imaging for cancer research. Two types of nanotubes are created in the manufacturing process, metallic and semiconducting. Until now, however, there has been no technique to see both types in living cells and the bloodstream, said Ji-Xin Cheng, an associate professor of biomedical engineering and chemistry at Purdue University.

The imaging technique, called transient absorption, uses a pulsing near-infrared laser to deposit energy into the nanotubes, which then are probed by a second near-infrared laser.

The researchers have overcome key obstacles in using the imaging technology, detecting and monitoring the nanotubes in live cells and laboratory mice, Cheng said.

"Because we can do this at high speed, we can see what's happening in real time as the nanotubes are circulating in the bloodstream," he said.

Findings are detailed in a research paper posted online Sunday (Dec. 4) in the journal Nature Nanotechnology.

The imaging technique is "label free," meaning it does not require that the nanotubes be marked with dyes, making it potentially practical for research and medicine, Cheng said.

"It's a fundamental tool for research that will provide information for the scientific community to learn how to perfect the use of nanotubes for biomedical and clinical applications," he said.

The conventional imaging method uses luminescence, which is limited because it detects the semiconducting nanotubes but not the metallic ones.

The nanotubes have a diameter of about 1 nanometer, or roughly the length of 10 hydrogen atoms strung together, making them far too small to be seen with a conventional light microscope. One challenge in using the transient absorption imaging system for living cells was to eliminate the interference caused by the background glow of red blood cells, which is brighter than the nanotubes.

The researchers solved this problem by separating the signals from red blood cells and nanotubes in two separate "channels." Light from the red blood cells is slightly delayed compared to light emitted by the nanotubes. The two types of signals are "phase separated" by restricting them to different channels based on this delay.

Researchers used the technique to see nanotubes circulating in the blood vessels of mice earlobes.

"This is important for drug delivery because you want to know how long nanotubes remain in blood vessels after they are injected," Cheng said. "So you need to visualize them in real time circulating in the bloodstream."

The structures, called single-wall carbon nanotubes, are formed by rolling up a one-atom-thick layer of graphite called graphene. The nanotubes are inherently hydrophobic, so some of the nanotubes used in the study were coated with DNA to make them water-soluble, which is required for them to be transported in the bloodstream and into cells.

The researchers also have taken images of nanotubes in the liver and other organs to study their distribution in mice, and they are using the imaging technique to study other nanomaterials such as graphene.

More information: Label-Free Imaging of Semiconducting and Metallic Carbon Nanotubes in Cells and Mice Using Transient Absorption Microscopy, Nature Nanotechnology.

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 11/02/2012 @ 11:05:54, in ro - Observator Global, read 1273 times)

Cercetatorii americani sustin ca au descoperit o posibila cauza pentru disparitia a numeroase populatii locale de albine. Noul vinovat este o musca parazita, vinovata de comportamentul aberant al albinelor care ajung, în cele din urma, sa îsi abandoneze larvele si nimfele.

Muştele parazite distrug albinele americane

Entomologii sustin ca mustele parazite îsi depun ouale în interiorul cavitatii abdominale a albinelor, provocându-le astfel un comportament anormal. Albinele infestate merg în cerc, îsi pierd simtul echilibrului si al directiei. În cele din urma, albinele îsi abandoneaza larvele si nimfele din propriile colonii, iar acestea mor pe timpul noptii.

Fenomenul a devenit extrem de îngrijorator pentru agricultura americana, deoarece albinele din SUA polenizeaza circa o treime din legumele, cerealele si fructele care alcatuiesc rezerva de hrana a americanilor.

Musca parazita din specia Apocephalus borealis a distrus circa 70% din populatiile de albine din zona Golfului San Francisco.

Dupa parerea entomologului John Hafernik, combinatia fatala dintre musca parazita, stresul albinelor si alti factorii patogeni ar putea duce la exinctia totala a albinelor de pe continentul nord-american.

John Hafernik a descoperit în mod accidental musca parazita. În urma cu trei ani, acest profesor de biologie cauta prazi naturale pentru a-si hrani calugaritele din colectia personala.

Musca Apocephalus borealis era un parazit specializat pe bondari, dar se pare ca în ultimii ani si-a modificat comportamentul, extinzându-si preferintele si asupra altor specii de insecte-gazda, în speta albinele.

Din nefericire pentru apicultorii si agricultorii americani, aceasta specie de musca parazita se întâlneste pe întregul continent.

Sursa: AP - via descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

"You’ve been cheek’d". In metropolitana, al parco, al bar, a cena tra amici. "Ti ho visto, non mi staccavi gli occhi di dosso", oppure "Cercasi accompagnatore per il matrimonio di mia sorella". Se ricevi un biglietto da visita con una frase piccante sul retro, qualcuno vuole far colpo su di te con Cheek’d, l’ online dating al contrario che sta spopolando a New York. Come agganciare qualcuno che ti piace per strada? Basta lasciargli una Cheek’d card e sperare si faccia vivo online. "Ricevere un biglietto da visita da un perfetto sconosciuto e scoprire un messaggio sul retro è eccitante", sorride Lori Cheek, ideatrice di questo nuovo social network della seduzione. "Nelle Cheek’d card non ci sono informazioni personali, non c’è scritto dove lavori o che ruolo hai. C’è solo un codice… se poi il tuo obiettivo è interessato, può vedere il tuo profilo online".

E per fartene uno ci vogliono cinque minuti, con domande del tipo: cosa ascolti all’infinito sul tuo iPod? Qual è l’ultimo timbro nel tuo passaporto? Di cosa non puoi proprio fare a meno? "Con i tradizionali siti di incontri online, come Match.com, puoi assoldare un ghost writer e farti un ritratto meraviglioso, magari con una foto di 15 anni fa", continua Lori. "Con Cheek’d la selezione è reale e l’online dating inizia dalla strada, senza il rischio di appuntamenti al buio". A ciascuno il proprio mazzetto di biglietti da rimorchio a partire da 25 dollari. Per gli amanti dei cani che vogliono incontrare al parco “ Talk doggy to me” o “ Al mio cane piace il tuo” e per i gay più timidi esistono carte del tipo “ Io lo sono… e tu?”. Design essenziale, facile modo d’uso e la giusta dose di ironia, formula vincente perché uomini, ma soprattutto donne dai 20 ai 60 anni, inizino a cheekdare in fila in banca, alle cene tra amici, al check in dell’aeroporto.

"Alcune coppie che si sono conosciute con Cheek’d ora sono sposate", conclude Lori. "Io, dopo aver infilato la mia Cheek’d nel taschino della giacca di un tipo, ho vissuto una storia bellissima e lunga", continua, buttando l’occhio sul tavolo vicino. "Ehi, quello è Tony Goldwyn, l’attore… aspetta, corro a fargli cheek’d!".

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Settanta anni non sono pochi. Per uno però, come Stephen Hawking, che sarebbe dovuto morire più o meno 45 anni fa e che nella sua vita ha contribuito a definire i limiti dell’Universo e del Tempo, potrebbero essere una sciocchezza. Se non fosse per la malattia - la sclerosi laterale amiotrofica - che da quasi mezzo secolo lo costringe su una sedia, che pur essendo ipertecnologica resta a rotelle, potremmo dire con leggerezza che i settanta anni del grande fisico britannico siano stati una vera e propria galoppata là dove nessun uomo è mai giunto finora. Anzi, visto il tipo e il suo debole per donne e motori, potremmo addirittura immaginare questa galoppata con lui in smoking a bordo di una Austin Martin con al fianco una bionda infermiera. Una galoppata infinita attraverso i limiti dello Spazio e del Tempo alla ricerca di un Dio creatore che ora c’è e ora non c’è più. Quella di Hawking è stata fin qui, e siamo sicuri lo sarà anche in futuro, una vita davvero intensa, costantemente in bilico tra equazioni, cartoni animati, film, e persino rotocalchi. Nei sui viaggi interstellari sull'astronave Enterprise, è persino riuscito a giocare una partita a poker insieme a Newton ed Einstein.

Sulla sua pagina di Wikipedia viene definito matematico, fisico e cosmologo britannico. Ma forse sarà anche per quella sua vaga somiglianza a Andy Warhol, è anche una vera e propria popstar mondiale della scienza finita persino dentro cartoni animati cult ( I Simpson e I Griffin) e più pop come I Fantagenitori.

Non dobbiamo però farci distrarre dalle innumerevoli apparizioni fuori dall’ambito accademico del professor Hawking. Se infatti è riuscito a uscire dall’accademia, il merito è stato senza dubbio per la sua incredibile capacità di elaborare e di sviluppare matematicamente le sue teorie cosmologiche. Non è un caso se solo due anni fa ha lasciato la cattedra lucasiana della matematica a Cambridge (quella per intenderci ricoperta da Newton).

I modelli matematici relativistici
Il suo lavoro infatti comincia proprio da lì, dalla matematica ed è dalla matematica che nella seconda metà degli anni Sessanta, insieme a Roger Penrose ha messo a punto alcuni modelli che si sono rivelati determinanti poi per la sua prima importante scoperta in campo fisico e cioè la rilevanza delle singolarità gravitazionali nello spazio-tempo. In pratica, Hawking nel 1971 è riuscito a dimostrare matematicamente quello che Albert Einstein aveva previsto solo teoricamente nella sua teoria della Relatività generale e cioè che le singolarità sono una caratteristica ragionevole e non così occasionale della relatività generale, ossia che lo spazio-tempo, in determinate condizioni che sono meno speciali di quanto si pensava sino ad allora, può collassare sotto la spinta di una enorme massa gravitazionale.

Hawking, appunto, ha dimostrato che questo era possibile anche sotto il profilo teorico, ma anche che questo modello era molto più probabile di quanto ritenessero i suoi colleghi. Dopo questa scoperta il passo verso l’altra e più celebre scoperta del fisico britannico è davvero breve.

I buchi neri
Se proprio non è stato lui a scoprire questi affascinanti corpi celesti certo spetta ad Hawking il principale merito scientifico per averli meglio descritti e compresi. Infatti, è in questi punti particolari (matematicamente, i buchi neri sono dei punti privi di dimensioni) che la trama dello spazio-tempo si deforma e dà luogo a fenomeni particolari che soprattutto coinvolgono il cosiddetto  orizzonte degli eventi, quel confine ideale tracciato intorno al buco nero superato il quale è impossibile sfuggirgli, risucchiati dalla sua invincibile attrazione gravitazionale. Stephen Hawking, insieme ad altri scienziati, è riuscito a descriverne la fisica, esplorandone i meccanismi e cercando di conciliare le teorie e i modelli fino ad allora esistenti. E’ arrivato addirittura a definire le regole di base fornendo fondamentali contributi nel campo della termodinamica dei buchi neri.

La radiazione di Hawking
Proprio il lavoro fatto sui buchi neri porta infatti Hawking a teorizzare che quei corpi non fossero enormi mostri spaziali capaci unicamente di ingoiare e di intrappolare al loro interno materia e luce. Nel 1974, ha sorpreso il mondo scientifico internazionale con la sua teoria che prevedeva che un fascio di particelle potesse sfuggire a questi corpi celesti supermassivi. Quelle particelle in fuga avrebbero generato quella che poi è stata meglio conosciuta come la  radiazione di Hawking. Un fascio di energia che viene descritto molto dettagliatamente dal fisico britannico e che è stato osservato, ovviamente a scala ridotta, persino in laboratorio.

Un enorme Polo al posto del Big Bang
Dopo questi lavori Hawking si è messo a lavorare su una nuova teoria dell’Universo, che prevedeva, al posto del Big Bang come evento iniziale dell’Universo una regione simile a quella dei Poli terrestri, dove un eventuale osservatore non è in grado di andare più oltre verso Nord oppure al contrario, verso Sud.

Molto più recentemente lo scienziato in carrozzella, come in molti affettuosamente lo chiamano, ha cominciato a parlare e a rivedere le sue teorie anche in chiave teologica, arrivando a smentire sé stesso pochi anni fa, quando in un intervista al Times ha dichiarato che la teoria non prevede “ necessariamente la presenza di Dio come creatore dell’Universo”. In un'altra occasione ha anche detto di essere convinto che sia possibile viaggiare nel tempo e che l’umanità farebbe bene a cominciare a colonizzare altri pianeti. In un solo campo però, nella sua ultima intervista rilasciata al New Scientist, ha però ammesso di non aver ancora capito nulla, ed è l’Universo delle donne.

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

But it seems the Golden orb web spider has developed a way to keep its home clear of the little buggers. The secret uncovered by researchers from the National University of Singapore (NUS) and the University of Melbourne relates to a chemical compound the spider adds to its web that appears to repel ants. So not only are spider webs providing inspiration for better adhesives and stronger materials, they may also provide the basis for new, environmentally friendly, ant-repelling pesticides.

Golden orb web spiders are already in high demand amongst researchers due to the strength of their webs. The silk of this particular spider is almost as strong as Kevlar, and only a fraction of the weight. But NUS Associate Professor Daiqin Li was more interested in the possible ant-repelling nature of the spider's web after noting that, although ants were ever abundant near the webs of the orb web spiders, they don't typically end up trapped in the webs.

After observing spun webs and analyzing the compounds in the silk, the scientists soon discovered the mystery substance, which was later determined to be an alkaloid compound. Once discovered, scientists observed ants in the presence of the compound and discovered that they displayed evasive behavior whenever they came near the alkaloid.

"We found that large Golden orb web spiders add a defensive alkaloid chemical onto the silk, which stops the ants from walking onto the web when they come into contact with it," said Diaqin Li of Biological Sciences, NUS.

"The type of chemical deterrent found in the spider silk is known as a pyrrolidine alkaloid, which acts as a predator deterrent in many species of ants, moths and caterpillars," added Professor Mark Elgar from the University of Melbourne's Department of Zoology. "The orb spider is potentially vulnerable to attack from groups of ants while sitting in its web waiting for prey, so the chemical defense in web silk may have evolved to not only protect the spider, but to reduce the time and energy that would otherwise be required to chase away invading ants."

The discovery offers the prospect of the development of a pesticide for keeping ants away from where they aren't wanted.

Source: GIZMAG - via ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Presedintele Mexicului, Felipe Calderon, a inaugurat cel mai înalt pod din lume. Masurând 403 metri în înaltime, podul Baluarte traverseaza o prapastie adânca situata în partea de nord a Mexicului, în muntii Sierra Madre Occidental.

Podul face parte dintr-o noua autostrada ce traverseaza o zona accidentata a Mexicului, ce va lega orasul Mazatlan (situat pe coasta Oceanului Pacific) de Durango, un oras situat în interiorul tarii.

A fost inaugurat cel mai înalt pod din lume, ce se înalţă la 403 metri deasupra solului! (VIDEO)

Constructia-record este atât de înalta încât Turnul Eiffel ar putea încapea cu usurinta sub partea sa centrala.

La inaugurarea constructiei, presedintele Calderon a declarat ca "acest proiect va uni oamenii din nordul Mexicului ca niciodata pâna acum". Oficialul mexican a primit din partea celor de la Cartea Recordurilor Guinness un certificat ce atesta recordul de înaltime stabilit de constructie. Înainte ca proiectul mexican sa cucereasca titlul de "cel mai înalt pod din lume", acesta era detinut de viaductul Millau din Franta.

Podul masoara 1.124 de metri în lungime si 19,8 metri în latime. Podul este 86% finalizat, constructia urmând sa fie terminata la finalul lunii ianuarie, însa ceremonia de inaugurare a avut loc acum, cu ocazia sarbatoririi a 200 de ani de când Mexicul a obtinut independenta de Spania. El urmeaza sa fie deschis traficului peste câteva luni, iar oficialii mexicani spera ca acest pas sa stimuleze turismul si comertul în regiune.

Costul podului se ridica la 158,7 milioane de dolari, iar autostrada Durango-Mazatlan va costa în total 1,46 miliarde de dolari. Aceasta va înlocui un drum extrem de periculos, supranumit de localnici "coasta diavolului". Serpentinele soselei traverseaza muntii Sierra Madre Occidental.

Noua autostrada va include alte opt poduri situate la o înaltime de peste 300 de metri înaltime si 60 de tunele sapate prin munte.

Oficialii mexicani spun ca aceasta constructie va reduce timpul necesar pentru a ajunge din Mazatlan în Durango cu aproximativ 6 ore. Proiectul face parte dintr-un plan mai amplu, în cadrul caruia se doreste crearea unei autostrazi de la coasta Oceanului Pacific pâna la cea a Atlanticului.

Surse: BBC News si EFE - via descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Diciamolo, chi è che non sarebbe mai voluto essere Garry Kasparov, alle prese con la sfida mozzafiato contro  Deep Blue, il calcolatore dell'Ibm addestrato per battere gli umani a scacchi? Devono forse aver pensato anche a questo i ricercatori sparsi per il mondo che, per far fronte a diversi problemi complessi scientifici irrisolti, ci si potesse appellare alle capacità cognitive di giocatori di videogame e al loro spirito di competitività, più che a dei calcolatori. Ormai da qualche anno, infatti, gruppi di scienziati e sviluppatori informatici esperti in messa a punto di videogiochi creativi, hanno iniziato a pensare che una comunità di incalliti videogamers potesse essere più capace (e più veloce) nel riuscire a sbloccare questioni in stallo della scienza, come la ricerca della giusta conformazione di una certa proteina o di piccole molecole di rna di sintesi, oppure come l'allineamento di sequenze di dna multiple.

EteRNA Fold.it  Phylo

Questi compiti possono essere svolti dai più potenti calcolatori, ma potrebbe significare impiegarci moltissimo tempo per l'immensa quantità di calcoli sottesa alla risoluzione del problema. O più semplicemente la resa potrebbe essere minore rispetto alla soluzione trovata dal cervello umano, raffinato dall'evoluzione per compiere compiti cognitivi complessi, quale per esempio la visualizzazione e quindi il riconoscimento di schemi o motivi ripetitivi in mezzo a una moltitudine di altri dati, numeri o lettere.

L'esperimento pare essere riuscito perché sono sempre più numerosi i gamers amatori della scienza che si cimentano a sbrogliare matasse e risolvere rompicapo in ipotetiche sfide con moderni Deep Blue e altri giocatori in ogni angolo del mondo. Con la consapevolezza che il risultato è ben di più di uno score alto: il contributo all'avanzamento scientifico può anche sfociare (in qualche caso) nella citazione come autore in una pubblicazione scientifica, come vi abbiamo raccontato nel caso dell'Hiv. Per chi sta già scaldando i pollici e aguzzando la vista ed è pronto al gioco, di seguito forniamo un elenco degli esempi più giocati.

Fold.it - http://fold.it/portal/about
Sapere la sequenza aminoacidica (i mattoncini che formanno le proteine) di una proteina è un dato insufficiente per conoscere come funzioni. Il bello viene quando questa sequenza lineare deve diventare una massa tridimensionale. Come si ripiega? Che conformazione prenderà perché possa essere attiva? Tutti questi crucci potrebbero trovare una risposta tramite il videogame Fold.it (ora in versione beta), messo a punto dal Center for Game Science all' Università di Washington, in collaborazione con il dipartimento di biochimica. Gli appassionati di questo gioco in tutto il mondo sono ormai più di 350 mila, forse anche perchè risolvendo rompicapo in 3D della struttura di alcune proteine il risultato scientifico è stato ampiamente raggiunto e riconosciuto. Fold.it vanta infatti già diverse pubblicazioni scientifiche su riviste scientifiche di grande calibro, come Nature e Proceedings of the National Academy of Science (Pnas), in cui la comunità dei videogamers compare come co-autore al pari dei ricercatori che hanno raffinato la struttura e ne hanno studiato le proprietà biochimiche.

EteRNA - http://eterna.cmu.edu/
L'esperimento Fold.it ha fatto scuola, perché sulla base dell'intuizione di questo videogioco, EteRNA mira a ottenere gli stessi risultati ma utsando molecole di rna stabili, che possano essere poi sintetizzate dai ricercatori della Carnegie Mellon University e la Stanford University a capo del progetto (è appena partita la fase beta del protocollo di sintesi degli rna disegnati dai giocatori, che punta a sintetizzare in laboratorio in futuro fino a 20mila molecole al mese). Come, si spiega nel gioco, l'idea di usare un videogioco per risolvere rompicapo su strutture di rna nasce dal presupposto che la mente umana sia più duttile e predisposta a svolgere la risoluzione di questi problemi rispetto a un calcolatore.

Phylo - http://phylo.cs.mcgill.ca/
Se questo videogame sull'allineamento delle sequenze multiple di dna, rna e proteine vi appassiona, sappiate che esiste anche una versione mobile per risolvere appaiamenti ovunque. L'obiettivo di Phylo è proprio questo: riuscire ad appaiare sequenze per identificare regioni di similarità, che possono dare informazioni per esempio sulla condivisione di sequenze tra specie diverse (tracciando un quadro filogenetico), o anche capire da dove nascono alcune mutazioni, alla base di alcune malattie genetiche. Il gioco è ideato dal Center for BioInformatics della McGill University.

Zooniverse - http://www.zooniverse.org/ e Galaxy Zoo - http://www.galaxyzoo.org/
Con più di 500mila giocatori in tutto il mondo, Zoouniverse è conosciuto anche come uno dei progetti apripista della cosiddetta citizen science, cioè la ricerca condotta da cittadini amatori. Le origini di Zoouniverse risalgono al 2007, quando il singolo progetto Galaxy Zoo portava i giocatori a competere per classificare galassie sconosciute secondo la loro conformazione, a partire dalle immagini dell'archivio della Nasa scattate dall'Hubble Space Telescope. A questo gioco si sono poi uniti diversi progetti simili, su pianeti e sullo studio della luna (MoonZoo). Più recentemente, si sono aggiunti anche giochi su clima (attraverso I reperti delle osservazioni delle navi mercantili nel corso della storia) e sulla classificazione di tracce archeologiche.

MoonZoo - http://www.moonzoo.org/Explore_the_Moon
Classificare le foto della Nasa della superficie lunare? Un gioco da ragazzi per i partecipanti a MoonZoon, visto che hanno già messo ordine a 2.828.624 foto. Non è un classico videogioco, ma di fatto è una sfida che si basa sulla capacità di raccogliere informazioni descrittive dettagliate da parte dei giocatori per creare un database accurato delle immagini della superficie del nostro satellite.

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dubbed "Sliding Hub," these prefabricated cubes join together to create a temporary housing solution for multiple situations.

In the event that emergency shelters are required, the modules can be packed and transported to any destination. On arrival, the modules are easily joined together, with the flexibility to house individuals, small groups or large numbers without limitation. Each module incorporates an insulation system suitable for all kinds of weather conditions. In addition, the temporary accommodation units provide a comfortable standard of living, important to natural disaster victims.

Constructed with steel reinforcements, numerous modules can be assembled together to create various sizes and shapes, whilst sliding them open creates large internal spaces. According to Aramu, the system can be configured 64 different ways, whilst clever interior furnishing units transform rooms into a bathroom, kitchen or living room within minutes.

Aramu envisioned the Sliding Hub project for rural conditions and nomadic communities, however the sleek design would also be suitable for an urban setting. It's not hard to imagine these pods being used for temporary offices, film set trailers, festival events, portable holiday accommodation or simply as a cost-effective housing solution.

Source: Inhabitat - via GizMag

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 3154 persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Squabbles erupt as G7 leaders open summit in French resort

Brazilian states ask for military help as Amazon fires rage

As EU threatens trade retaliation, Brazil sends army to fight Amazon fires

French police fire tear gas, water cannons at anti-G7 protesters

Russian spacecraft carrying robot fails to dock with space station

Britain joins Germany in criticizing Macron's Mercosur threat

Ultimele articole - Antena3.roLOTO 6/49. Numerele extrase duminica, 25 august 2019. Anun? important facut de Loterie

Gheorghe Dinca are preten?ii în arest. A solicitat sa aiba acces la televizor ?i la ziare pentru a fi la curent cu tot ce se spune în cazul Caracal

Marinela, cea de-a treia victima a lui Gheorghe Dinca, rupe tacerea. „Am ?ipat ?i mi-a spus sa tac fiindca altfel ma omoara”

Tatal celei de-a treia fete disparute din Caracal, declara?ii cutremuratoare: „Nu mai am lacrimi. Mafia din Caracal nu va disparea niciodata”

O feti?a de zece ani, dusa de urgen?a la spital dupa ce a cazut din scaunul unui carusel. S-a întâmplat în jude?ul Mure?

Fost ofi?er de la Omoruri, despre cazul Caracal: „E pu?in probabil ca Gheorghe Dinca sa fi avut complici la crima”





24/08/2019 @ 22:03:09
script eseguito in 930 ms