Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

When the jury in Department 34 of Santa Clara County Superior Court finally sits down to deliberate, the main question facing the nine men and three women sounds simple: Just who is the victim here?

William Lynch, 45, is accused of tracking down Father Jerold Lindner on May 10, 2010, and assaulting him at his Jesuit retirement home. Witnesses testified during the preliminary hearing that Lynch had punched and kicked the elderly priest, yelling: "You ruined my life. Turn yourself in. You molested me."

Lynch and his younger brother sued the Society of Jesus, Lindner's order, 15 years ago, alleging that the priest had raped them and forced them to have sex with each other when Lynch was 7 and his brother 4. The case was settled for $625,000, and Lindner was removed from Loyola High School in Los Angeles, where he had been teaching. The church never informed law enforcement about the allegations.

More than a dozen men and women have accused Lindner of molesting them through the years — including his sister, nieces and nephew. The Catholic Church has settled three cases brought against him, according to a Jesuit spokesman. But the 67-year-old has never faced charges because the statute of limitations for the alleged abuse had run out.

William Lynch, right, and his father, John Lynch

William Lynch, right, hugs his father, John Lynch, as they arrive at a San Jose courthouse. William Lynch is being tried on charges of assault and elder abuse. (Paul Sakuma / Associated Press / June 20, 2012)

Now Lynch has been charged with felony assault and elder abuse, facing up to four years in prison. He turned down a plea agreement, he said in an interview as his trial began here Wednesday, because "I realized it was the only way I could get Father Lindner in court and to have an opportunity to possibly find some justice that way."

Deputy Dist. Atty. Vicki Gemetti began her dramatic opening statement in silence, placing a larger-than-life photo of a dazed and bloodied Lindner on an easel before the jurors. Every seat in the courtroom was filled.

"Who beat up the old man?" Gemetti began. "That's what you thought about when you saw that picture and you didn't know anything else about it. The defendant beat up the old man. The defendant beat this man up because he's angry and wanted revenge.

"The defendant planned and executed a violent attack against the man who molested him over 30 years ago," she continued, saying Lynch had acted as a vigilante. And revenge, Gemetti said, "is not a defense, ever, to a criminal act."

Lynch — and possibly other alleged victims of Lindner — are scheduled to testify in the trial. To blunt the stories of stolen innocence and defuse the power of details that she called "gut-wrenching," Gemetti on Wednesday played a nine-minute video of Lynch describing for the San Jose Mercury News how Lindner had raped and strangled him and forced him to commit incest as the priest watched.

Then she told the jury that the evidence in the trial "will show that he molested the defendant all those years ago."

In addition, Gemetti said, Lindner "will probably lie to you" and say the abuse never happened. But Lynch is the one on trial, she said, and "the evidence in this case will establish that the defendant beat this man. It will be undeniable."

Defense attorney Pat Harris countered the photograph of a Lindner with an elementary school picture of Lynch, age 7, smiling, and a Polaroid of the Lynch boys and their sister. William has his arm around his younger brother.

"The case did not begin in 2010," Harris told the jury. "It began with a 7-year-old boy and his 4-year-old brother … the two of them were on a camping trip with their family."

It was Memorial Day weekend, 1974, and the campout in the Santa Cruz Mountains was sponsored by a group of devout lay Catholics called the Christian Family Movement. "Father Jerry," as he was known then, was the group's spiritual advisor.

Lindner lured Lynch into his tent twice and raped him, Harris said. The first time, the boy was alone. The second time he arrived at Lindner's tent, Lynch's little brother was already there, looking dazed.

Lindner proceeded to rape and sodomize Lynch, Harris said, "then he forced Mr. Lynch and his brother to have a sexual act." Afterward, Harris said, Lindner "told Mr. Lynch, 'You are no longer a child of God. You are dirty.'

"And he threatened that he would do unspeakable acts to his family if they ever told," Harris continued. "For years they didn't."

But Lynch did not act out of revenge, Harris said. After his brother told their parents about the abuse when the two young men were in their 20s, Lynch went to police and to the Catholic Church. He said he and his brother finally filed a civil suit in an effort to get Lindner out of the classroom and away from other young people.

In the years since the alleged abuse, Lynch has suffered from depression and alcohol abuse and twice attempted suicide. He and his brother have since become estranged. "I essentially died that day," Lynch said in an interview after the opening statements.

Source: Los Angeles Times - Copyright ©

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Membrii INTA au respins în schimb o alta propunere, care prevedea amânarea votului în plenul PE pâna la anuntarea opiniei Curtii Europene de Justitie în urma unei cereri a Comisiei Europene (propunere sustinuta mai ales de eurodeputatii PPE).

Astfel, comisia INTA, comisia responsabila de acest dosar, a adoptat raportul elaborat de eurodeputatul britanic David Martin (S&D), ce recomanda respingerea ACTA.

În urma cu trei saptamâni, Comisia pentru libertati civile, Comisia pentru industrie, cercetare si energie si Comisia pentru afaceri juridice ale Parlamentului European s-au pronuntat prin vot împotriva ACTA, iar ele au fost urmate acum zece zile de Comisia pentru dezvoltare.

Supunerea la vot a acordului în plenul Parlamentului European este prevazuta pentru luna iulie. Pentru a intra în vigoare în UE, tratatul are nevoie de aprobarea Parlamentului European, care nu poate aduce însa amendamente.

Toate statele UE - cu exceptia Ciprului, Estoniei, Slovaciei, Germaniei si Olandei - plus SUA, Australia, Canada, Japonia, Mexic, Maroc, Noua Zeelanda, Singapore, Coreea de Sud si Elvetia au semnat ACTA.

Daca plenul PE va vota în favoarea ACTA, atunci Ciprul, Estonia, Slovacia, Germania si Olanda vor trebui sa semneze acordul si toate statele membre vor trebui sa-l ratifice (plus cel putin cinci state din afara UE), înainte ca acesta sa poata intra în vigoare.

Daca Parlamentul European va respinge acordul, ACTA nu va putea intra în vigoare în UE. Totusi, daca sase state din afara UE vor ratifica acordul, acesta va intra în vigoare în tarile respective.

Sursa: AGERPRES

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Via libera dell'aula del Senato alla riduzione del numero dei deputati. Un sì quasi unanime. L'Assemblea, infatti, ha approvato con 212 sì, 11 no e 27 astenuti il primo articolo delle riforme costituzionali, che prevede che il numero dei deputati scenda dagli attuali 630 a 508, 8 dei quali eletti nella circoscrizione estero. Hanno votato a favore Pdl, Pd, Udc, Idv, Coesione Nazionale e Api. Astensione della Lega Nord. In dissenso dai rispettivi gurppi hanno votato contro l'esponente radicale Donatella Poretti, Luigi Li Gotti (Idv) e Mario Baldassarri (Fli).

Il Senato taglia i deputati, passano da 630 a 508 E per essere eletti basterà avere 21 anni

L'art. 1 del ddl sulle riforme, approvato oggi, dall'aula del Senato interviene sull'art.56 della Costituzione: ad essere modificato, oltre al numero dei deputati, anche i requisiti anagrafici per l'elettorato passivo. La nuova norma prevede che siano eleggibili a deputati tutti gli elettori che nel giorno delle elezioni hanno compiuto i ventuno anni di età, invece degli attuali 25. La ripartizione dei seggi tra le circoscrizioni, fatto salvo il numero dei seggi assegnati alla circoscrizione Estero, si effettua dividendo il numero degli abitanti della Repubblica, quale risulta dall'ultimo censimento generale della popolazione, per cinquecento e distribuendo i seggi in proporzione alla popolazione di ogni circoscrizione.

L'articolo due del testo per la riforma costituzionale sarà esaminato a Palazzo Madama nella giornata di mercoledì. L'articolo prevede la riduzione del numero dei senatori.

Scontro Schifani-Finocchiaro. E all'inizio della seduta, tensione in aula tra il presidente dei senatori Pd Anna Finocchiaro e il presidente del Senato Renato Schifani. La senatrice del Pd lamentava la dichiarazione di ammissibilità operata da Schifani per gli emendamenti sul semi-presidenzialismo del Pd, che avrebbero "violato" il patto politico che ha portato all'intesa in commissione: "Lei non è stato nè garante politico nè garante sotto 'notarile' come spesso si richiama del rispetto del Regolamento". Il presidente Schifani, pur riservandosi una risposta nel merito al momento in cui arriveranno al voto quegli emendamenti, ha sottolineato: "Non sono il segretario politico" di un partito, "non impongo scelte politiche che non mi competono", e le cariche istituzionali possono svolgere "solo moral suasion" e del resto "i miei predecessori, di qualunque parte politica, hanno riconosciuto alla sovranità dell'aula il diritto di esprimersi".

Fonte: repubblica.it - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

In the early 1990s, members of an elite Mexican military squad were trained at Fort Bragg, North Carolina, in counter-insurgency and counter-narcotics techniques. Ironically, somewhere between 30 and 200 of the approximately 500 Mexican soldiers who trained there went on to form the Zetas drug cartel, al-Jazeera reports.

 

Craig Deare, whom al-Jazeera describes as “a former US special operations commander,” told the news network that the Mexican soldiers “were given map reading courses, communications, standard special forces training, light to heavy weapons, machine guns and automatic weapons.”

Al-Jazeera reports:

The Mexican personnel who received US training and later formed the Zetas came from the Airmobile Special Forces Group (GAFE), which is considered an elite division of the Mexican military….
After US training, GAFE operatives defected from the Mexican military to become hired guns, providing security to the Gulf cartel, a well established trafficking organization, according to Laura Carlsen, director of the Americas program of the International Relations Center.
“They split from the Gulf cartel and formed as a cartel in their own right,” Carlsen, based in Mexico City, told Al Jazeera.
The Zetas’ alleged current leaders, Heriberto Lazcano, known as Z-3 and Miguel Trevino, or Z-40, were first recruited by Osiel Cardenas, the now-jailed leader of the Gulf cartel. The name “Zetas” originates from the radio code “Z” used by top military commanders in Mexico.
“Military forces from around the world train at Ft. Bragg, so there is nothing unique about Mexican operatives learning counter-insurgency tactics at the facility,” the news network notes. “However, critics say the specific skills learned by the Zetas primed them for careers as contract killers and drug dealers.”

An estimated 29,000 people have been killed since Mexican President Felipe Calderon declared war on the cartels in 2006.

In recent months the war has been marked with increasingly brazen and violent attacks, such as the slaughter of 72 migrants on the US-Mexico border in August. Police say the massacre may have been related to a dispute between the Zetas cartel and the group they spawned from, the Gulf Cartel.

In September, 27 gunmen believed to have links to cartels were found dead in Ciudad Mier. They were on property owned by the Zetas.

Last year, gunmen believed to be working for the Zetas broke 53 people out of a prison, part of a pattern of prison break-puts allegedly orchestrated by the group.

Source: Raw Story (http://s.tt/1ddz5)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Cel putin 10.480 de civili, 3.716 de soldati si 830 de dezertori si-au pierdut viata în represiune si în violentele legate de aceasta. Bilantul îi încadreaza în categoria 'civililor' pe combatantii rebeli civili care au pus mâna pe arme împotriva regimului, neavând o pregatire militara prealabila.

'Daca actorii internationali continua sa ramâna fara voce si sa se multumeasca doar cu observarea situatiei, în Siria va curge mai mult sânge', a explicat Rami Abdel Rahman, presedintele OSDH, o organizatie cu sediul în Marea Britanie. 'Violentele s-au intensificat în ultimele doua luni, iar situatia se va înrautati'.

Escaladarea violentelor i-a împins pe observatorii ONU sa îsi suspende misiunea, ramânând însa în tara, în contextul în care armistitiul anuntat la 12 aprilie nu a fost respectat.

Sursa: AGERPRES

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

La crisi si è trasformata in un attacco ai diritti di cittadinanza e del lavoro. Ma lo stesso sistema che ha generato la crisi non riesce a trovare vie d'uscita.

ll Rapporto sui diritti globali (Ediesse), curato dall'Associazione Società Informazione e promosso dalla CGIL, compie i suoi primi 10 anni di vita. Si tratta di un rapporto a tutto campo con analisi e documentazione sulla globalizzazione. Ogni anno, ovviamente, prende il titolo dalla questione emergente. Il Rapporto 2012, presentato questa mattina a Corso Italia, si intitola, non casualmente, “la Grecia è vicina” e anche quest'anno alla sua stesura hanno contribuito varie associazioni, tra cui l'Arci, Legambiente, Antigone, Cnca, Redattore Sociale, Gruppo Abele, Fondazione Basso, ecc.

Per gli operatori delle associazioni, per chi lavora nella pubblica amministrazione e nella scuola in particolare e per molti giornalisti è diventato uno strumento fondamentale d’informazione e formazione. Nell'edizione 2012 la prefazione è del Segretario Generale della CGIL, Susanna Camusso, “Con la crisi cresce la divaricazione tra l'Europa dei governi e quella dei cittadini”, mentre l'introduzione di Sergio Segio propone il titolo “crisi come guerra globale”. Moltissimi i contributi (tra cui quelli dei segretari confederali CGIL) su tutti gli aspetti della vita economica, sociale e politica.

“E' vero che la crisi, come dice Segio, rischia di trasformarsi in una guerra globale contro i più deboli – ha detto Danilo Barbi, segretario confederale CGIL che è intervenuto oggi alla presentazione del Rapporto – ma dobbiamo anche dire che la crisi rimane senza soluzioni. Stiamo vivendo ancora un tempo dell'ambiguità”.

Secondo Barbi, insomma, è vero che la crisi si è tradotta in un attacco senza precedenti al diritti di cittadinanza e del lavoro, ma è anche vero che il capitalismo non ha ancora trovato una soluzione alla crisi stessa, mentre i mercati rimangono tuttora in crisi. Siamo dunque in presenza di pericolose politiche difensive (si attaccano i più deboli perché è più facile e perché non si sa cosa fare d'altro); politiche che mostrano tutta l'attuale debolezza del sistema economico dominante.
I segni di questa crisi di egemonia e leadership globale sono diversi: dal diverso ruolo del Fondo monetario internazionale che non è più una pura emanazione della politica statunitense (vista anche la presenza e il peso dei nuovi entrati come la Cina e il Brasile), alle riunioni del G8 costruite per cercare di mettere in minoranza le posizioni rigidi alla Merkel, oppure il fatto che sono almeno quattro anni che non si riunisce più il Wto, mentre prendono sempre più piede politiche protezionistiche.

Le forze che lavorano per il cambiamento – è il suggerimento di Barbi – devono perciò tenere conto di queste contraddizioni e lavorare per una soluzione politica dei tanti problemi che rimangono aperti. La speculazione finanziaria – dice Barbi – se si vuole si può imbrigliare. Ma servono scelte politiche. Servono delle leggi.

Infine Barbi ha voluto sottolineare l'importanza del lavoro coordinato delle associazioni della società civile. Precisando di non essere particolarmente innamorato del concetto di società civile e mettendo comunque in guarda da semplici contrapposizioni buono-cattivo, la società civile sempre buona, la politica sempre cattiva. In realtà – ha concluso – sarebbe meglio parlare di “bella società” che resiste ed elabora pensieri lunghi alternativi per arrivare alle scelte politiche di cambiamento.

Fonte: cgil.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dopo l'annuncio della vittoria di Mohamed Morsi, in Egitto, piazza Tahrir è esplosa, folle di gioia. Il Paese, dopo aver deposto Hosni Mubarak, svolta verso l'Islam: alle elezioni vince il candidato dei Fratelli Musulmani. Morsi ha ottenuto 13 milioni di voti contro gli oltre 12 milioni raggranellanti dallo sfidante, Ahmad Shafiq, l'ex premier di Mubarak. Alle consultazioni ha votato il 51% degli aventi diritto.

Chi è Morsi - La parabola di Morsi è sorprendente: solo un anno e mezzo fa l'islamista era detenuto in carcere da Mubarak, e ora diventa il primo presidente egiziano dopo la deposizione del Raìs. Morsi è un ingegnere formatosi negli Stati Uniti,  membro del parlamento egizioano a partire dal 2005 come deputato formalmente indipendente, è diventuo il candidato dei Fratelli musulmani dopo che al leader del movimento, Khairat Saad El-Shater, è stata vietata la candidatura dalla commissione elettorale. Il programma di Morsi - favorevole al libero mercato - è quello di ridurre la disoccupazione al 7%, abbassare il tasso di inflazione e i debiti del settore pubblico. Il neo-presidente ha anche proposto un sostegno agli egiziani poveri attraverso un aumento della tassazione del 2 per cento.

"Sostegno alla Palestina" - Il leader dei Fratelli musulmani, per quel che concerne la politica estera, ha già espresso il suo sostegno ai palestinesi "nella loro lotta legittima". Morsi intende sviluppare migliori relazioni con i Paesi arabi del golfo persico, e di voler emancipare l'Egitto dagli Stati Uniti. Il presidente ha promesso di non voler trasformare il Paese in una teocrazia, e ha assicurato il rispetto dei diritti anche per le altre religioni, anche se riserverà all'Islam una parte centrale del suo governo.

Festa a Gaza - La svolta islamica avvenuta in Egitto è stata festeggiata anche a Gaza, dove in strada sono stati esplosi dei colpi di arma da fuoco per festeggiare il trionfo di Morsi. Hamas ha subito definito l'elezione dei Fratelli musulmani "un momento storico".

Fonte: liberoquotidiano.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Asociatia pentru protectia mediului a lansat harta suprafetelor despădurite din tara noastră, în perioada 2000-2011, solicitând, cu această ocazie, Ministrului Mediului si Pădurilor să ia măsuri urgente pentru protejarea pădurilor.

Studiul elaborat de Greenpeace arată că suprafata forestieră totală despădurită si degradată, în perioada 2000-2011 a fost de 280.108 hectare - aproximativ 28.000 hectare pe an. Cele mai afectate judete sunt Suceava, Harghita, Arges, Maramures si Cluj.

Pădurile acoperă aproximativ 29% din suprafata României fată de media tărilor Uniunii Europene, care este de 42%2 si sunt concentrate în principal în zona montană. 

"Studiul Greenpeace relevă că aproape jumătate, mai exact 48,95% din suprafetele despădurite în perioada 2000-2011 se află în actualele arii protejate. Mai grav este faptul că sunt afectate chiar pădurile virgine, acestea fiind printre cele mai valoroase. În comparatie cu alte tări din Europa, unde suprafetele rămase sunt mult mai mici, România are 218.500 de hectare de păduri virgine," declară Doina Danciu, coordonator de campanii Greenpeace Romania.

Greenpeace mai spune că fenomenul despăduririlor este foarte răspândit, mai ales în judetele montane, iar autoritătile au responsabilitatea de a gestiona si monitoriza interventiile forestiere. De asemenea, în cazul în care au loc tăieri ilegale de arbori, este responsabiilitatea autoritătilor să efectueze controale si să aplice sanctiunile necesare – iar unde este cazul, să întocmească dosare penale.

O cercetare realizată de Greenpeace România arată că, în perioada 2009-2011, s-au înregistrat peste 30.000 de cazuri de tăieri ilegale de arbori, care s-au soldat cu sanctiuni (amenzi contraventionale sau dosare penale, în functie de gravitatea faptei). Cele mai multe cazuri de tăieri ilegale s-au înregistrat în judetele Arges (peste 6.000), Gorj (2.500), Prahova (peste 2.000), Bacău (aproape 2.000). Cele mai putine cazuri de tăieri ilegale s-au înregistrat în Giurgiu si Teleorman, cu câte 8, respectiv 39 de cazuri, unde suprafata de pădure este semnificativ mai mică fată de alte judete.

Studiul a fost realizat de experti Greenpeace, folosind sisteme informatice geografice (GIS) si poate fi accesat pe pagina oficială Greenpeace România.  În acest studiu nu au fost incluse suprafetele acoperite de pădure mai mici de un hectar. În această cercetare, termenul de „pădure” a fost folosit pentru a defini o zonă de cel putin 1 hectar, acoperit în proportie de minimum 20% de arbori care au cel putin 5 metri înăltime.

 

 

Sursa: rtv.net

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Marchers following the lavender line painted on Fifth Avenue Sunday for New York's annual gay pride march marked the first anniversary of the state's same-sex marriage law.

Throngs of spectators crowded along the sidewalks on Fifth Avenue, waving rainbow-colored flags as participants including Cyndi Lauper as grand marshal, went by. The parade was held one year to the day of same-sex marriage being legalized in New York state.
Among those participating were Mayor Michael Bloomberg and City Council Speaker Christine Quinn, who was accompanied by her wife. They were married last month.

Bloomberg had a message to the rest of America: "The government should get out of your personal life."

"New York is a place where you can do whatever you want to do," he said, before stepping off onto the parade route.

Each year since 1970, the parade has had a different theme. This time, it's called "Share the Love." Organizers say they want other states to pass legislation that allows same-sex marriage in six states and the District of Columbia.

This year marked another first for the movement, with a float carrying active members of the U.S. military who can now openly declare their sexuality while being allowed to still serve.
"It's great to be proud of who we are," said Air Force 1st Lt. Josh Seefried, co-director of OutServe, a network of actively-serving LGBT military personnel.

Source: nypost.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

La rinuncia a nuovi impegni suscita le critiche della stampa e delle ong.

“Il vertice Rio+20 si è concluso con una dichiarazione d’intenti. Non è male, ma troppo poco”, così il Tages-Anzeiger e il Bund riassumono il sentimento che regna presso molti osservatori dopo la chiusura della grande conferenza dell’ONU sull’ambiente.
 
“La comunità internazionale voleva compiere un passo avanti nella concretizzazione di Agenda 21 – concordata nel 1992 al primo vertice di Rio – che costituisce un programma d’azione forte e ancora valido per sviluppare un mondo giusto dal profilo sociale ed economico, senza scaricare i problemi ambientali sulle prossime generazioni”, ricordano i due giornali.


 
“Sono però uscite dichiarazioni d’intenti che, perlomeno, non sono peggiori di quelle formulate 20 anni fa. Tenendo conto delle dispute in corso da mesi su ogni paragrafo, questo testo potrebbe addirittura apparire come un successo. Rispetto alle ambizioni del vertice, il risultato è tuttavia troppo modesto”.

Regole da applicare
Per il Tages-Anzeiger e il Bund, queste mega conferenze non sono però inutili, se si considera ad esempio, 20 anni dopo, ciò che ha lasciato il primo vertice di Rio. “I principi di Rio92 per uno sviluppo sostenibile sono entrati nella legislazione di molti Stati europei, tra cui la Svizzera. Ora le regole già esistono, si tratta soprattutto di metterle in pratica”.
 
“Il più grande successo di questi vertici si ritrova inoltre nei partenariati che vengono allacciati tra gli Stati e tra le aziende. Vedremo in futuro se queste cooperazioni daranno i loro frutti. La ricca Svizzera dispone delle premesse migliori per svolgere un ruolo di pioniere in quest’ambito, come ha già mostrato anche nel corso del vertice di Rio”.

Germogli positivi
Ancora meno positivo il bilancio tratto dalla Neue Zürcher Zeitung, secondo la quale “Rio+20 delude le aspettative”. Nel 1992 “erano state adottate decisioni importanti, che hanno valore ancora oggi. Molti speravano che la comunità internazionale potesse costruire qualcosa su questa base e concordare nuovi passi. Ma sono stati delusi”.
 
Rio+20 “non è stato un passo indietro”, rileva il quotidiano zurighese. "Ma la conferenza non ha dato  un contributo per condurre il mondo sul sentiero dello sviluppo sostenibile, che andrebbe imboccato il più presto possibile. Non sono stati infatti assunti nuovi impegni per lottare contro la fame e la povertà, ridurre le emissioni di gas ad effetto serra o impedire la distruzione della biodiversità”.
 
“Nel documento finale vi sono comunque dei germogli positivi, che potrebbero sbocciare nei prossimi anni. Tra questi, gli obbiettivi per uno sviluppo sostenibile. Affinché vengano concretizzati, gli Stati dovranno però compiere nei prossimi anni sforzi molto più grandi di quelli che hanno mostrato in questi giorni a Rio”, aggiunge la Neue Zürcher Zeitung.

Troppa prudenza
Per Le Temps, a Rio “è stata soprattutto la prudenza ad imporsi fino alla fine”. Il vertice “ha prodotto una dichiarazione estremamente prudente, piena di principi vaghi. Ma questo bilancio molle non deve trarre in inganno: i negoziati sono stati molto duri. Č stato perfino contestato il concetto di uno sviluppo sostenibile basato sui tre pilastri della crescita economica, del progresso sociale e della difesa dell’ambiente”.
 
“Visti i risultati, molti capi di Stato e di governo, che avevano previsto di partecipare al vertice, hanno per finire rinunciato a recarsi a Rio. Tra di loro anche la presidente della Confederazione Eveline Widmer-Schlumpf”, rileva il giornale romando. “Si tratta ora di vedere, se il piccolo lancio impresso da Rio+20 produrrà degli effetti o se scomparirà sotto l peso delle preoccupazioni correnti”.

Mancanza di ambizioni
Il bilancio è piuttosto deludente anche per le organizzazioni ambientaliste e non governative, che si sono recate a Rio per difendere il futuro del pianeta. “Il mondo politico non ha mostrato delle ambizioni per dare un seguito ai negoziati. Č una cosa spaventosa. Il pianeta ha bisogno molto di più che non di parole e di compromessi”, afferma Felix Gnehm, specialista di sviluppo del WWF e membro della delegazione svizzera a Rio.
 
“Lo scopo del vertice era di concretizzare lo sviluppo sostenibile e, su questo punto, è stato un insuccesso totale. La dichiarazione finale non assume nessun nuovo impegno. Non riconosce i limiti del pianeta. E non propone un cambiamento di paradigma per andare oltre il principio della crescita del Prodotto interno lordo”, sostiene Isolda Agazzi, responsabile della politica di sviluppo presso la Comunità di lavoro che riunisce 6 delle più grandi ong svizzere.

Direzione giusta
Molto meno negativo, seppure non entusiasta, il giudizio espresso dal Dipartimento federale dell’ambiente (DATEC), secondo il quale, “il documento approvato a Rio deve essere considerato positivo, se si tiene conto della crisi finanziaria che sta colpendo l'Europa e del nuovo ordine mondiale che si sta delineando con i paesi in transizione che mirano a garantire alle loro popolazioni uno standard di vita equivalente a quello dei paesi industrializzati”.
 
“Le nostre ambizioni erano più alte, ma abbiamo comunque delle risoluzioni che vanno nella buona direzione”, ha dichiarato da parte sua la ministra Doris Leuthard, responsabile del DATEC. A suo avviso, tra i punti positivi vi è da includere la dichiarazione in favore di “un’economia verde”. Si tratta ora di sfruttare questo segnale politico “per avanzare verso la trasformazione dell’economia svizzera in un’economia verde”, ha sottolineato la consigliera federale.
 
Una posizione difesa anche da Franz Perrez, responsabile degli affari internazionali presso l’Ufficio federale dell’ambiente: “Il vertice non può essere valutato soltanto in base ai risultati delle trattative. Si tratta anche di un forum importante di interazione con la società civile. E, in tale ambito, si è visto come molti dirigenti aziendali hanno espresso la loro volontà di applicare una politica di sviluppo sostenibile nelle loro imprese”.

Autore: Armando Mombelli - Fonte: swissinfo.ch

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2533 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

China says it hopes to reach phased trade pact with U.S. as early as possible

UAW, GM leaders have a deal to end strike, now workers will decide

Exclusive: Satellite images reveal China's aircraft carrier 'factory,' analysts say

Pence to urge Turkey to halt Syria offensive as threat of further sanctions loom

Hungary would have to 'use force' to fend off new wave of migrants: PM

Exclusive: Iran-backed militias deployed snipers in Iraq protests - sources

Ultimele articole - Antena3.roDoliu în lumea sportului. Un pugilist a murit la patru zile dupa un KO

BCR opre?te sistemul de carduri. Anun? important pentru clien?i

Gheorghe Dinca, fata în fata cu procurorii DIICOT. Criminalul din Caracal afla cât mai ramâne dupa gratii - VIDEO

Concert The Motans ?i un spectacol de flamenco în închiderea Festivalului Tânar de la Sibiu 2019

Drama „5 Minute”, regizata de Dan Chi?u, premiera mondiala astazi la Var?ovia IFF

HOROSCOP. Sufletul tau pereche în func?ie de zodie. Descopera cine este jumatatea ta adevarata





17/10/2019 @ 10:58:48
script eseguito in 935 ms