Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Note

Here we find the usual wit of Bertrand Russell, intent on clearing the way of dangerous myths and noxious opinions. Towards the end of the essay, there is a slight drop in critical awareness, and Russell himself appears to believe that the social sciences have already produced successful ideas, for instance in dealing with large scale unemployment. The fact is that large scale unemployment is still with us but mass production, through advanced technology, has made it less and less of a survival problem.

This text has been later republished in "Unpopular Essays" (1950).

Pride of creed is another variety of the same kind of feeling. When I had recently returned from China I lectured on that country to a number of women's clubs in America. There was always one elderly woman who appeared to be sleeping throughout the lecture, but at the end would ask me, somewhat portentously, why I had omitted to mention that the Chinese, being heathen, could of course have no virtues. I imagine that the Mormons of Salt Lake City must have had a similar attitude when non-Mormons were first admitted among them. Throughout the Middle Ages, Christians and Mohammedans were entirely persuaded of each other's wickedness and were incapable of doubting their own superiority.

All these are pleasant ways of feeling 'grand'. In order to be happy we require all kinds of supports to our self-esteem. We are human beings, therefore human beings are the purpose of creation. We are Americans, therefore America is God's own country. We are white, and therefore God cursed Ham and his descendants who were black. We are Protestant or Catholic, as the case may be, therefore Catholics or Protestants, as the case may be, are an abomination. We are male, and therefore women are unreasonable; or female, and therefore men are brutes. We are Easterners, and therefore the West is wild and woolly; or Westerners, and therefore the East is effete. We work with our brains, and therefore it is the educated classes that are important; or we work with our hands, and therefore manual labour alone gives dignity. Finally, and above all, we each have one merit which is entirely unique, we are Ourself. With these comforting reflections we go out to do battle with the world; without them our courage might fail. Without them, as things are, we should feel inferior because we have not learnt the sentiment of equality. If we could feel genuinely that we are the equals of our neighbours, neither their betters nor their inferiors, perhaps life would become less of a battle, and we should need less in the way of intoxicating myth to give us Dutch courage.

One of the most interesting and harmful delusions to which men and nations can be subjected, is that of imagining themselves special instruments of the Divine Will. We know that when the Israelites invaded the Promised Land it was they who were fulfilling the Divine Purpose, and not the Hittites, the Girgashites, the Amorites, the Canaanites, the Perizites, the Hivites, or the Jebbusites. Perhaps if these others had written long history books the matter might have looked a little different. In fact, the Hittites did leave some inscriptions, from which you would never guess what abandoned wretches they were. It was discovered, 'after the fact', that Rome was destined by the gods for the conquest of the world. Then came Islam with its fanatical belief that every soldier dying in battle for the True Faith went straight to a Paradise more attractive than that of the Christians, as houris (in Islamic faith, one of the beautiful young women who attend Muslim men in paradise) are more attractive than harps. Cromwell was persuaded that he was the Divinely appointed instrument of justice for suppressing Catholics and malignants. Andrew Jackson was the agent of Manifest Destiny in freeing North America from the incubus of Sabbath-breaking Spaniards. In our day, the sword of the Lord has been put into the hands of the Marxists. Hegel thought that the Dialectic with fatalistic logic had given supremacy to Germany. 'No,' said Marx, 'not to Germany, but to the Proletariat'. This doctrine has kinship with the earlier doctrines of the Chosen People and Manifest Destiny. In its character of fatalism it has viewed the struggle of opponents as one against destiny, and argued that therefore the wise man would put himself on the winning side as quickly as possible. That is why this argument is such a useful one politically. The only objection to it is that it assumes a knowledge of the Divine purposes to which no rational man can lay claim, and that in the execution of them it justifies a ruthless cruelty which would be condemned if our programme had a merely mundane origin. It is good to know that God is on our side, but a little confusing when you find the enemy equally convinced of the opposite. To quote the immortal lines of the poet during the first World War:

Gott strafe England, and God save the King.
God this, and God that, and God the other thing.
'Good God,' said God, 'I've got my work cut out.'

Belief in a Divine mission is one of the many forms of certainty that have afflicted the human race. I think perhaps one of the wisest things ever said was when Cromwell said to the Scots before the battle of Dunbar: 'I beseech you in the bowels of Christ, think it possible that you may be mistaken.' But the Scots did not, and so he had to defeat them in battle. It is a pity that Cromwell never addressed the same remark to himself. Most of the greatest evils that man has inflicted upon man have come through people feeling quite certain about something which, in fact, was false. To know the truth is more difficult than most men suppose, and to act with ruthless determination in the belief that truth is the monopoly of their party is to invite disaster. Long calculations that certain evil in the present is worth inflicting for the sake of some doubtful benefit in the future are always to be viewed with suspicion, for, as Shakespeare says: 'What's to come is still unsure.' Even the shrewdest men are apt to be wildly astray if they prophesy so much as ten years ahead. Some people will consider this doctrine immoral, but after all it is the Gospel which says 'take no thought for the morrow'.

In public, as in private life, the important thing is tolerance and kindliness, without the presumption of a superhuman ability to read the future.

Instead of calling this essay 'Ideas that have harmed mankind', I might perhaps have called it simply 'Ideas have harmed mankind', for, seeing that the future cannot be foretold and that there is an almost endless variety of possible beliefs about it, the chance that any belief which a man may hold may be true is very slender. Whatever you think is going to happen ten years hence, unless it is something like the sun rising tomorrow that has nothing to do with human relations, you are almost sure to be wrong. I find this thought consoling when I remember some gloomy prophesies of which I myself have rashly been guilty.

But you will say: how is statesmanship possible except on the assumption that the future can be to some extent foretold. I admit that some degree of prevision is necessary, and I am not suggesting that we are completely ignorant. It is a fair prophecy that if you tell a man he is a knave and a fool he will not love you, and it is a fair prophecy that if you say the same thing to seventy million people they will not love you. It is safe to assume that cutthroat competition will not produce a feeling of good fellowship between the competitors. It is highly probable that if two States equipped with modern armament face each other across a frontier, and if their leading statesmen devote themselves to mutual insults, the population of each side will in time become nervous, and one side will attack for fear of the other doing so. It is safe to assume that a great modern war will not raise the level of prosperity even among the victors. Such generalizations are not difficult to know. What is difficult is to foresee in detail the long-run consequences of a concrete policy. Bismarck with extreme astuteness won three wars and unified Germany. The long run result of his policy has been that Germany has suffered two colossal defeats. These resulted because he taught Germans to be indifferent to the interests of all countries except Germany, and generated an aggressive spirit which in the end united the world against his successors. Selfishness beyond a point, whether individual or national, is not wise. It may with luck succeed, but if it fails failure is terrible. Few men will run this risk unless they are supported by a theory, for it is only theory that makes men completely incautious.

Passing from the moral to the purely intellectual point of view, we have to ask ourselves what social science can do in the way of establishing such causal laws as should be a help to statesmen in making political decisions. Some things of real importance have begun to be known, for example how to avoid slumps and large scale unemployment such as afflicted the world after the last war. It is also now generally known by those who have taken the trouble to look into the matter that only an international government can prevent war, and that civilization is hardly likely to survive more than one more great war, if that. But although these things are known, the knowledge is not effective; it has not penetrated to the great masses of men, and it is not strong enough to control sinister interests. There is, in fact, a great deal more social science than politicians are willing or able to apply. Some people attribute this failure to democracy, but it seems to me to be more marked in autocracy than anywhere else. Belief in democracy, however, like any other belief, may be carried to the point where it becomes fanatical, and therefore harmful. A democrat need not believe that the majority will always decide wisely; what he must believe is that the decision of the majority, whether wise or unwise, must be accepted until such time as the majority decides otherwise. And this he believes not from any mystic conception of the wisdom of the plain man, but as the best practical device for putting the reign of law in place of the reign of arbitrary force. Nor does the democrat necessarily believe that democracy is the best system always and everywhere. There are many nations which lack the self-restraint and political experience that are required for the success of parliamentary institutions, where the democrat, while he would wish them to acquire the necessary political education, will recognize that it is useless to thrust upon them prematurely a system which is almost certain to break down. In politics, as elsewhere, it does not do to deal in absolutes; what is good in one time and place may be bad in another, and what satisfies the political instincts of one nation may to another seem wholly futile. The general aim of the democrat is to substitute government by general assent for government by force, but this requires a population that has undergone a certain kind of training. Given a nation divided into two nearly equal portions which hate each other and long to fly at each other's throats, that portion which is just less than half will not submit tamely to the domination of the other portion, nor will the portion which is just more than half show, in the moment of victory, the kind of moderation which might heal the breach.

The world at the present day stands in need of two kinds of things. On the one hand, organization - political organization for the elimination of wars, economic organization to enable men to work productively, especially in the countries that have been devastated by war, educational organization to generate a sane internationalism. On the other hand it needs certain moral qualities, the qualities which have been advocated by moralists for many ages, but hitherto with little success. The qualities most needed are charity and tolerance, not some form of fanatical faith such as is offered to us by the various rampant isms. I think these two aims, the organizational and the ethical, are closely interwoven; given either the other would soon follow. But, in effect, if the world is to move in the right direction it will have to move simultaneously in both respects. There will have to be a gradual lessening of the evil passions which are the natural aftermath of war, and a gradual increase of the organizations by means of which mankind can bring each other mutual help. There will have to be a realization at once intellectual and moral that we are all one family, and that the happiness of no one branch of this family can be built securely upon the ruin of another. At the present time, moral defects stand in the way of clear thinking, and muddled thinking encourages moral defects. Perhaps, though I scarcely dare to hope it, the hydrogen bomb will terrify mankind into sanity and tolerance. If this should happen we shall have reason to bless its inventors.

SOURCE: panarchy.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Il gruppo anti-islamico English Defence League si prepara a manifestare ad Amsterdam a sostegno del leader del Pvv Geert Wilders. La sua formula trasversale sta trovando imitatori in tutta Europa.

 

La English Defence League (Edl), "esercito di strada" islamofobo apparso l'anno scorso sulle prime pagine dei giornali britannici a causa delle sue violente dimostrazioni, si prepara a sbarcare ad Amsterdam il prossimo ottobre. L'Edl marcerà a sostegno di Geert Wilders, il portabandiera del movimento xenofobo olandese. Alla manifestazione parteciperanno anche la Ligue Francaise de Defense e la Dutch Defence League, recentemente fondate sul modello ingese, insieme ad altri militanti di tutta Europa.

 

Fondata nel 2009, nel corso dell'ultimo anno l'Edl ha organizzato più di una dozzina di marce e dimostrazioni, spesso violente, in tutto il Regno Unito. Le manifestazioni che alla fine dell'anno scorso attiravano appena un paio di centinaia di militanti vedono oggi la partecipazione di migliaia di cittadini.

 

Il 28 agosto una dimostrazione a Bradford, West Yorkshire, sede della seconda comunità di sud asiatici del Regno Unito, ha preso una brutta piega quando i militanti si sono scontrati con la polizia e hanno attaccato gli attivisti antirazzisti con mattoni, bottiglie e fumogeni. Sono stati arrestati in 13.  

Le organizzazioni di controllo sui fenomeni razzisti sostengono che l'Edl sia una delle creature più preoccupanti apparse sulla scena dell'estrema destra britannica dal 1970 e dai giorni del National Front, un partito politico apertamente basato sulla supremazia della razza bianca e le teorie naziste.

Sembra che l'Edl stia riuscendo a esportare nel continente la sua formula, una combinazione tra l'invettiva anti-islamica, la violenza e la pratica di agganciarsi ai gruppi di hooligans, fissando le marce allo stesso orario delle partite di calcio.  

Diversamente da quanto accadeva con l'estrema destra tradizionale, l'Edl, originariamente sviluppatasi nell'ambito della subcultura "football casual", si considera un movimento multietnico, nato per combattere il "jihadismo" più che i musulmani in generale. L'organizzazione fa uso di una retorica legata alle nuove teorie dell'anti-islamismo e del neoconservatorismo, trascurando la nostalgia per il nazismo cara alle altre formazioni di estrema destra.

"La English Defence League vuole fermare la minaccia a ogni costo. I nostri amici cristiani, ebrei, sikh e induisti hanno molto da raccontare a proposito dell'imperialismo islamico", si legge sulla pagina "smascherare i falsi miti" del sito del gruppo. Guramit Singh è uno dei leader dell'Edl. Sikh nato in Gran Bretagna, come Geert Wilders si dichara filoisraeliano e utilizza la colonna ebrea e quella Lgbt (gay, lesbiche, bisessuali e transgender) nella sua lotta alla costruzione di nuove moschee e nella missione di far dichiarare il burqa fuori legge. Durante una dimostrazione tenutasi in marzo a Bolton, un uomo reggeva un triangolo rosa insieme ai cartelloni e alle bandiere anti-islamiche. In questo momento la divisione Lgbt del movimento conta 107 membri. 
 
In totale contrasto con la tradizione dell'estrema destra antisemita, il gruppo ha cominciato a sventolare durante le manifestazioni la bandiera di Israele, e secondo il Jewish Chronicle la divisione ebrea ha ricevuto il sostegno di migliaia di cittadini su Facebook, fino a quando, di recente, la sua pagina è stata cancellata.

Xenofobia light

Al pari di altre formazioni che le organizzazioni di monitoraggio definiscono "estrema destra light", in particolare quella di Wilders, il Partito popolare danese e gli accoliti del deceduto Pim Fortuyn, alcuni membri dell'Edl cercano di prendere le distanze dai  "cavernicoli adoratori di Adolf" (definizione tratta dal sito del gruppo). Tuttavia, nonostante l'Edl non sia propriamente una formazione neo-nazista e neo-fascista, i collegamenti con l'estrema destra tradizionale non sembrano essere stati eliminati. 
 
Tutte le manifestazioni dello scorso anno (tranne due) si sono concluse con decine di arresti. Le marce dell'Edl passano frequentemente dagli slogan anti-islamici all'uso della violenza. Durante una manifestazione a Dudley svoltasi a giugno sono stati presi d'assalto negozi, macchine, abitazioni private e anche un tempio induista.
È difficile trovare statistiche affidabili sulle dimensioni dell'organizzazione, e mancano i dati sulle filiali continentali. Il gruppo sostiene di avere "migliaia" di sostenitori. La polizia ha stimato che durante la marcia di Newcastle upon Tyne di maggio, una delle più grandi organizzate dall'Edl, hanno partecipato fra le 1.500 e le 2.000 persone. 

Stando al sito dell'Edl la manifestazione di Amsterdam dovrebbe svolgersi il prossimo 30 ottobre. Geert wilders dovrà presentarsi in tribunale alla fine del mese prossimo per rispondere dell'accusa di incitamento all'odio razziale. Il processo inizierà il 5 ottobre e il verdetto è atteso per il 2 novembre. 
 
In occasione della marcia saranno presenti i membri della Ligue Francaise de Defense e della Dutch Defence League, formatesi di recente ed entrambe modellate sulla struttura dell'Edl. La Ligue Francaise de Defense si presenta anche con la denominazione anglofona "French Defence League", e recentemente ha adottato il nome di Ligue 732, in onore di un gruppo di tifosi del Paris Saint Gemain nato con la missione di "unificare tutti i tifosi, gli ultras e gli appassionati di calcio francesi per lottare contro l'Islam radicale". Il numero 732 è un riferimento all'anno in cui il re francese Carlo Martello, nonno di Carlo Magno, riportò la vittoria nella Battaglia di Tours, fermando l'avanzata islamica nell'Europa occidentale. 
 
Steve Simmons, portavoce dell'English Defence League, ha dichiarato a EUObserver che i militanti del "movimento anti Jihad" in Germania, Belgio, Svizzera e "altri paesi europei" si uniranno all'Edl ad Amsterdam per fondare quella che dovrebbe chiamarsi "European Defence League", o in alternativa, ricorrendo a un eufemismo, "European Friendship Initiative".
 
"Come saprete, Geert Wilders sta subendo un processo per odio razziale", prosegue Simmons. "Noi siamo convinti che sia in atto un attacco alla libertà di parola, e in generale una sorta di sottomissione al radicalismo islamico e all'Islam. Geert ha il coraggio di affrontare questo problema, e noi intendiamo sostenerlo". 
Simmons minimizza sulla violenza del movimento: "Vogliamo che l'evento sia una festa più che un momento di protesta, con cibo, alcol e divertimento". Il portavoce sostiene che alcuni soldati britannici, olandesi e tedeschi fuori servizio legati alle "Armed Forces Unite" (nate dalla "Armed Forces Defence League", un gruppo Facebook di militari e marinai sostenitori della Edl), si sono offerti di aiutare la polizia olandese a mantenere l'ordine durante l'evento.

Traduzione: Andrea Sparacino; Fonte: EUobserver.com - Bruxelles - presseurop.eu

WIE VAN DE DRIE [+BONUS]

Caprice  
Caprice | Monica | Miguela

Bonus: 4 Hot chicks on a Holiday!
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Nel bel mezzo della della alta Val Badia, a a circa 1600 m di altitudine in una posizione ottima ai piedi del Gruppo del Sella, nella valle soleggiata, si trova Corvara, importante centro turistico dell'Alta Badia adagiato ai piedi del passo Campolongo ad ovest e del passo Gardena a Nord.

Le radici di Corvara come stazione turistica per la pratica degli sport invernali risalgono ai primi del secolo scorso, quando nel 1936 venne aperto lo slittone, primo impianto sulla linea che sale al Col Alt, sulla stessa linea si sono succeduti fino ad oggi impianti sempre all'avanguardia della tecnica, nel 2006 è stata installata una modernissima cabinovia ad otto posti che garantisce rapide e comode risalite al riparo dalle intemperie.

L'essere posta al centro della valle fa di Corvara un punto di riferimento obbligato per chi pianifica la propria vacanza per poter usufruire dei caroselli sciistici del Superski Dolomiti, ogni mattina posso decidere verso quale valle dirigermi o se rimanere in loco per godere delle meravigliose piste del carosello del Pralongià, oppure chi cerca pendii di maggior livello tecnico non può assolutamente perdersi le piste del Boé che si snodano alle pendici del gruppo del Sella.

Corvara offre al turista un giusto mix di shopping e sport, alla sera dopo una giornata sugli sci posso fare quattro passi tra i negozi del centro, sorseggiare una cioccolata calda accompagnata da una fetta di torta in una delle pasticcerie del centro, oppure scegliere tra uno degli ottimi ristoranti della valle per una cena tradizionale.

Sulla sinistra orografica della valle che scende dal passo Gardena è morbidamente adagiato su prati assolati il pittoresco paese di Colfosco, frazione del comune di Corvara è il centro abitato più alto della valle posto a ben 1645 metri di quota.

Corvara gode di un accesso privilegiato al circuito del Sella Ronda, e assieme alla vicina Colfosco dispone anche di un piccolo comprensorio sciistico che si snoda alle pendici del Col Pradat ed offre piste di ottimo livello tecnico e famose tra gli sciatori per la qualità della cura e dell'innevamento.

Dalla stagione sciistica 2006/2007 oltre al già citato collegamento del Sella Ronda con il giro dei quattro passi si è aggiunta per gli sciatori della valle la possibilità di raggiungere le piste del Plan de Corones, da Pedraces un rapido skibus ci porta in località Piculin da dove una nuova telecabina risale fino al Piz de Plaies e da qui scendendo fino a San Viglio di Marebbe ho accesso alle piste del Plan de Corones.

Come in ogni comprensorio che si rispetti anche in Alta Badia è presente uno snowpark dove gli snowboarders si possono lanciare nelle loro spericolate evoluzioni tra boardercross, rail e jump, in particolare lo snowpark “Campai” è suddiviso in due parti una per i più esperti ed una più accessibile per chi si sta cimentando per le prime volte.

 

Fuoripista da non perdere e’ il percorso della Val Mezdì che dall’arrivo della funivia del Sass Pordoi conduce tra le ripide pareti del gruppo del Sella percorrendo l’omonima valle ci porta fino alle porte di Corvara. Per raggiungere questo fuoripista bisogna percorrere il Sella Ronda fino al Passo Pordoi (entrambi i sensi di percorrenza sono validi), si sale al Sass Pordoi in funivia da dove un percorso a piedi di circa 40 minuti ci porta all’imbocco del fuoripista, pur trattandosi di un percorso tecnicamente non particolarmente impegnativo, si raccomanda sempre la presenza di un maestro di sci o di una guida alpina.

La stagione estiva offre l'Alta Badia indossare un bellissimo abito verde che sale fino ai piedi delle pareti rocciose dei monti pallidi che sul fare della sera quando sono illuminate dagli ultimi raggio del sole di tingono di rosa dando luogo al famoso e unico fenomeno chiamato “Enrosadira”, termine ladino che letteralmente vuol dire “diventare di color rosa”. ( Fonte: ilturista.info)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Il governo rumeno ha approvato la lettera supplementare di intenti verso il Fondo Monetario Internazionale, con cui Bucarest ha firmato nel 2009 un accordo di prestito. Nel documento, le autorità di Bucarest si impegnano a licenziare entro fine anno 74.000 pubblici dipendenti, oltre ai 27.000 già mandati a casa. Inoltre, le spese per beni e servizi sarano diminuite del 10%. Le misure sono volte a rispettare il deficit del 6,8%. Per il 2011, Bucarest ha come target un deficit del 4,4%, ciò che richiederebbe, tra l’altro, il proseguimento dei licenziamenti nel settore pubblico. Altre restrizioni consistono nel congelamento delle pensioni nel 2011, l’eliminazione della tredicesima e la modifica del sistema di previdenza sociale.

L’Esecutivo di Bucarest ha modificato il modo di pagamento delle assicurazioni per le persone che ottengono dei redditi dai diritti d’autore. Il ministro del Lavoro, Ioan Botis, ha annunciato che l’ordinanza entrerà in vigore all’inizio della prossima settimana. “Il datore di lavoro dovrà fare la dichiarazione di reddito e pagherà i contributi mensilmente. Così, eliminiamo i problemi creati dal fatto che erano i contribuenti a dover inoltrare la dichiarazione. Il valore totale dei contributi individuali resta al 16,5%”, ha spiegato il ministro. Il mese scorso, la maniera in cui venivano raccolti i contributi dalle persone che incassavano diritti d’autore, introdotti di recente nel Codice fiscale, ha generato malconteto tra gli interessati, costretti a ore di file davanti a più sportelli.

Entro fine anno, le autorità romene elaboreranno una strategia per l’integrazione dei rrom e collaboreranno con quelle francesi ad un piano in base al quale siano ottenuti dei fondi europei per l’inclusione sociale di questa minoranza. Le decisioni sono state annunciate giovedì, dopo i colloqui svolti con le autorità di Bucarest dal segretario di stato agli Affari Europei francese Pierre Lellouche e dal ministro per l’Immigrazione Eric Besson. I due ministri hanno detto, d’altra parte, che “non è neppure in discussione” che Parigi sospenda i rimpatri, come richiesto in una risoluzione votata dal Parlamento Europeo.

Bruxelles ha condannato le azioni del governo francese di rimpatriare alcuni gruppi di rrom, provenienti dalla Romania e Bulgaria, e ha chiesto l’immediata cessazione di queste misure. Il documento menziona, inoltre, che la problematica dei rrom non deve influenzare l’ingresso dei due Paesi nell’area Schengen. A Bucarest, il capo della diplomazia romena, Teodor Baconschi, ha dichiarato che desidera evitare le polemiche. “Non leggiamo la risoluzione adottata nel Parlamento Europeo come una mano porsa alla Romania. Abbiamo degli obiettivi da raggiungere, dobbiamo mobilitarci di più e lo faremo”, ha sottolineato Teodor Baconschi.

I deputati romeni hanno bocciato una mozione sull’agricoltura promossa dall’opposizione socialdemocratica, che accusava il governo di non avere un programma di investimenti coerente. Un’altra critica era che gli agricoltori romeni non hanno ricevuto sostegno, motivo per cui la maggior parte delle colture agricole di quest’anno sono andate perse. Il Governo, tramite il ministro dell’agricoltura, Valeriu Tabara, che ha assunto di recente questo dicastero, considera che la responsabilità per la situazione è di tutti i partiti, della maggioranza o all’opposizione. Il ministro ha ricordato che i problemi sottolineati nella mozione sono stati sollevati periodicamente negli ultimi 20 anni e sinora non ne sono state trovate delle soluzioni.

Fonte: rri.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 13/09/2010 @ 12:14:30, in it - Osservatorio Globale, read 12276 times)

La strategia dell’Unione Europea sulla regione del Danubio si propone di puntare su trasporti, ambiente e sviluppo economico. Come anche la strategia per il Mar Baltico – la prima iniziativa coordinata di Bruxelles a favore di una macro-regione, la strategia per il Danubio include misure che verranno applicate da tutti gli stati rivieraschi. Si tratta di dieci Paesi, di cui sei membri dell’UE, che ocntano complessivamente 200 milioni di abitanti, di cui 75 milioni vivono sulle rive del fiume. Il progetto regionale di cooperazione è stato promosso a livello dell’Unione Europea dalla Romania e dall’Austria e punta su tre direzioni: connettività, tutela ambientale e sviluppo socio-economico. Il documento che sta alla base del progetto, avviato a marzo 2009, ricorda “l’unicità e la fragilità del Danubio e del suo Delta, ecosistema che conserva specie rare di piante, minacciate dall’inquinamento provocato dalle azioni umane intense, che potrebbe causare danni irreparabili”. Situata alle foci del Danubio, bagnata da un lungo tratto dello stesso fiume e con una superficie importante del Delta sul suo territorio, la Romania concede una grande importanza alla strategia. Per le autorità romene le opportunità di sviluppo coprono settori che vanno dai trasporti, alla ricostruzione dell’infrastruttura portuale e del canale navigabile, fino a investimenti nella tutela ambientale e della biodiversità.

Parlando dei benefici dell’applicazione di questo progetto europeo, l’eurodeputata romena Ramona Manescu, che si è impegnata nell’elaborazione della strategia per il Danubio, ricorda l’ottimizzazione del trasporto sul Danubio dopo l’ampliamento del canale navigabile, soprattutto del settore vicino alle foci. “Il grosso problema del Danubio e del canale navigabile nella zona è che le navi di grande tonnellaggio, che trasportavano merci sul Mar Nero, non potevano passare. Arrivavano sul Danubio fino ad un certo punto, dopo di che non ce la facevano più a passare. Un settore di circa 300 km era impraticabile. A quel punto la nave veniva scaricata, le merci - spostate su navi più piccole, oppure trasportate via terra. Ciò faceva aumentare anche i costi. Con l’ampliamento del canale navigabile, le navi di grande tonnellaggio potranno viaggiare sul Danubio e arrivare più vicino all’Europa Occidentale”, spiega Ramona Manescu.

Ciò non è un fatto privo di importanza, perché il Danubio rappresenta un’asse prioritaria di trasporto all’interno dell’Unione Europea. “Sono stati compiuti molti studi e siamo stati sostenuti anche dal governo olandese, che ha pagato il più costoso studio di fattibilità, il quale ha rilevato chiaramente che per l’Europa Occidentale la variante più economica è quella di ricevere delle merci dall’Asia attraverso il Mar Nero, sul percorso Costanza - Danubio - Rotterdam. Costa molto meno del classico itinerario sul Mediterraneo. Tale fatto è, in primo luogo, a nostro vantaggio. Le città sul Danubio sono al momento quasi deserte. Il tasso di disoccupazione è alto, ci sono poche scuole e pochi ospedali, per non parlare dell’infrastruttura, che è quasi inesistente. Potete immaginare quanti posti di lavoro saranno creati in quelle città. Questo progetto contribuirà allo sviluppo dei porti sul Danubio. E mi riferisco non solo alla zona di deposito, ma anche al trasporto multimodale, allo sviluppo dell’infrastruttura stradale e ferroviaria”, aggiunge l’eurodeputata Ramona Manescu.

La strategia dell’Unione Europea per la regione del Danubio è anche un’occasione per un approccio integrato ai progetti di sviluppo turistico, spiega da parte sua Viorel Ardeleanu, il coordinatore romeno per la strategia del Danubio. E’ già in via di svolgimento una strategia nazionale di sviluppo durevole della zona rivierasca del Danubio, con emfasi sul turismo, alla quale partecipano 16 istituzioni di sette paesi. Viorel Ardeleanu sottolinea inoltre che la strategia UE per il Danubio rappresenta un’occasione straordinaria per lanciare progetti connessi allo sviluppo urbano delle località in riva al Danubio. Non in ultimo, la strategia includerà anche progetti per la ricostruzione del patrimonio culturale della zona.

Fonte: rri.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Fulcro determinante della vita commerciale e turistica della Valle Gardena, Ortisei è una ridente località di villeggiatura nelle Dolomiti, famosa per le sue vicine piste da sci, il clima fresco in estate e secco in inverno, e per la sua secolare tradizione dell'artigianato in legno che qui trova valenti scultori famosi in tutte le Alpi.

Dal punto di vista storico la città di Ortisei, St. Ulrich in tedesco o se preferite Urtijëi il lingua ladina, possiede radice che affondano nel medioevo.

 

Risale infatti alla fine del '200 il toponimo che dovrebbe significare semplicemente una località legata alle ortiche. La versione tedesca nasce invece per una devozione particolare dei suoi abitanti a Sant'Udalrico, un vescovo della Baviera.

E' certo comunque che gran parte della notorietà di Ortisei risieda nella sua magnifica posizione panoramica: una volta risaliti dalla valle del fiume Isarco, sia da Chiusa che da Ponte Gardena. La valle si addolcisce e si allarga in una mirabile distesa di verdi prati, che diventano dolci pianure innevate durante l'inverno. Più in alto il bosco crea una cornice naturale, mentre le montagne della conca dominano solenni all'orizzonte: a sud troviamo l'Alpe di Siusi, e più lontano gli inconfondibili profili del Sasso Lungo e del Sasso Piatto (Lang kofel e Plattkofel), mentre a nord troviamo la Rasciesa e più avanti le nude rocce del gruppo delle Odle con il monte Seceda.

Dove sciare a Ortisei
Ad ortisei si ha la possibilità di utilizzare ben 175 km di piste da discesa, questo grazie al collegamento con Santa Cristina, nell'ottica del circuito Dolimiti Superski. I tracciati, di varia difficoltà, sono serviti da 55 impianti di risalita. I dislivelli sono buoni, il Monte Saceda tocca i 2500 m di altitudine, garantedo più di 1200 m complessiv di dislivello, in grado di fare divertire sia gli sciatore di livello base che quelli più tecnici. Non mancano poi i tracciati per lo sci di fondo, e grazie agli anelli dell'Alpe di Siusi i chilometri dedicati allo sci nordico superano il ragguardevole valore di 100 km.

Gli impianti partono direttamente dalla città e si può decidere di salire con la seggiovia della Rasciesa, oppure prendere l'ovovia che si dirige verso le Odle e quindi sul Monte Saceda, oppure dirigersi verso sud con la cabinovia che ha come obiettivo le piste dell'Alpe di Siusi (Seiser Alm), raggiungibili dal Monte Piz. La prima soluzione si ottiene salendo dal centro città verso nord, lungo la streda Sneton e la streda Rasciesa: una seggiovia conduce a quello che è considerato il balcone di Ortisei. Da qui si domina la vallata con ottime viste su tutta l'alta Val Gardena e il Sasso Lungo e il Gruppo Sella verso sud-est.

Oppure si può salire sul Monte Seceda dove si trova una più ampia scelta di piste, che tra l'altro si collegano a quelle di santa Cristina. Da qui partono i collegamenti per aggangiarsi al famoso Sellaronda, e si può arrivare con gli sci ai piedi fino alle Dolomiti venete. Salendo invece verso il monte Piz, che domina a sud, ci si può collegare agli impianti dell'Alpe di Siusi che rappresentano un vero paradiso per gli amanti dello sci alpino, ma soprattutto per i fondisti che qui trovano terreni davvero interessanti su cui cimentarsi.

Per coloro che non sciano Ortisei offre il suo piacevole centro pedonale, ricco di negozi sparsi nelle caratteristiche viuzze della cittadina: non si può rimanere indifferenti alle botteghe che espongono le magnifiche sculture in legno dei maestri artigiani della Val Gardena.

 

Da visitare segnaliamo la bella scenografia della Piazza della Chiesa (Kirchplatz), con due belle statue, e le chiese di Sant'Anna e S.Antonio. Anche in estate Ortisei offre interessanti spunti tur

 

istici, vuoi per il suo clima fresco, che per i numerosi sentieri che attraversano boschi ed alpeggi, che richiamano escursionisti, amanti del trekking ed anche tanti appasionati della ricerca dei funghi. ( Fonte: ilturista.info)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Qualche giorno fa il ministro bulgaro dell'energia, Traicho Traikov,ha annunciato che il costo del progetto per la costruzione della seconda centrale nucleare a Belene ha raggiunto ormai i 9 miliardi di euro e che sono in corso negoziati con la Russia per ridurre il prezzo. Il costo iniziale previsto per la centrale nucleare era di 4 miliardi di euro.

 

Eppure, secondo Traikov, anche la Grecia avrebbe espresso interesse per il progetto nell'ultimo incontro bilaterale con la Bulgaria, ma è difficile che un Paese in crisi nera possa investire un solo centesimo di euro quando la proposta di partecipazione è stata avanzata ad Atene ormai da più di un anno.

 

I lavori sul sito di Belene, sulla riva del Danubio, nel nord della Bulgaria, sono addirittura partiti nel 1981, quando Sofia era il più fedele alleato dell'Urss, ma poi non solo mai decollati ed ora il nuovo governo di destra si trova con un ferrovecchio sovietico da completare.

 

La scorsa primavera la russa Atomstroyexport, che dovrebbe costruire la centrale di Belene, ha offerto alla Bulgaria un prestito statale di 2 miliardi di euro solo per continur ere a mantenere in piedi l'impianto fino a quando il governo di Sofia non troverà quel nuovo investitore strategico dell'Europa occidentale che sogna il primo ministro Boyko Borisov. Purtroppo per lui fino ad ora si è fatta avanti solo la Serbia che ha espresso interesse per la centrale nucleare durante i recenti colloqui tra Borisov e presidente serbo Boris Tadic.

Della questione dei costi crescenti ed imprevisti delle centrali nucleari se ne occupa anche James Janter sul suo "Blog about energy and the environment" del New York Times che, oltre al caso limite di Belene, fa una breve disamina dei costi presunti e quelli effettivi di diverse centrali nucleari in costruzione in giro per l'Europa.

 

A fine agosto il ministro dell'energia della Gran Bretagna, Charles Hendry, in un'intervista a l Bloomberg News ha detto di aspettarsi che il costo di ogni nuovo impianto nucleare nel Regno Unito salga a circa 6 miliardi di sterline, cioè 9,3 miliardi dollari. Hendry ha anche detto di sperare che le industria del nucleare trovino da sole tutti questi soldi, senza il sostegno dello Stato, ma poi non ha trovato di meglio che prospettare di trovare i necessari incentivi per la costruzione di centrali nucleari imponendo una specie di carbon tax sulle emissioni di CO2 delle centrali a gas e carbone che andrebbe a finanziare il nucleare. Insomma, i contribuenti quel che lo Stato dice di non voler dare lo pagherebbero in bolletta e una tassa "virtuosa" andrebbe al nucleare invece che alle energie rinnovabili.

 

Il problema per Hendry e per gli altri cantori del Rinascimento nucleare è che sempre più esperti, non necessariamente anti-nuke, dicono che molti nuovi progetti nucleari sono semplicemente troppo grandi e che non potranno mai essere costruiti senza massicci finanziamenti pubblici.

 

La cosa è venuta clamorosamente a galla con l'Epr di Olkiluoto, in Finlandia, dove la francese Areva sta ancora costruendo una centrale che avrebbe dovuto essere operativa nel 2009 e che nel 2005 avrebbe dovuto costare 3 miliardi di euro. Orai costi sono praticamente raddoppiati e forse l'impianto entrerà in funzione nel 2012, mentre le liti sugli aspetti tecnici, economici e di sicurezza tra Areva e il suo cliente finlandese, l'utility finlandese Teollisuuden Voima Oyj, sono all'ordine del giorno.

 

Dei costi del nucleare "pubblico" cinese e russo si sa solo quello che fanno filtrare i governi, ma la Russia non disdegna nel continuare a costruire centrali nucleari in Paesi come l'Iran e si tiene stretta la sua eredità nucleare sovietica di cui fanno parte anche Chernobyl ed i vetusti impianti nucleari militari e civili, circondati dai recenti incendi, e per i quali nessuno parla di dismissione.

 

Il Giappone sta rinunciando a un accordo nucleare con l'India perché la nuova legge sul nucleare civile sulla quale il governo di New Delhi ha trovato un accordo con l'opposizione della destra induista sarebbe troppo oneroso, in caso di incidente, per i costruttori e i fornitori di attrezzature nucleari. La cosa non sembra piacere nemmeno a russi e americani eppure è stato proprio l'accordo con quest'ultimi a rendere necessaria la nuova legge.

Solo i sudcoreani sembrano a loro agio in questo mercato concorrenziale al rialzo, come dimostra il "colpo" fatto negli Emirati Arabi Uniti a danno dei francesi.

 

I cinesi vanno come sempre avanti per la loro strada ed usano anche il nucleare come strumento din scambio con americani, francesi e russi e per espandere la loro egemonia economica (sempre più anche politica) in Asia, magari in Pakistan, dove le recenti devastanti alluvioni hanno dimostrato tutta la pericolosità del nucleare autoctono e come investire sull'atomo non incida minimamente sul livello di benessere della popolazione e sullo sviluppo tecnologico del Paese... anzi.

Fonte: greenreport.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 14/09/2010 @ 11:59:24, in en - Global Observatory, read 1446 times)

Italian Premier Silvio Berlusconi says young women should follow the money when looking for a partner, noting that women seem to like him and "I'm loaded."

Berlusconi, who was embroiled in a sex scandal last year and is known for his gaffes, also raised eyebrows with a joke about Hitler's followers urging him to return to power.

The billionaire businessman appeared at a convention Sunday of the youth wing of his People of Freedom party. When questioned by one of his Cabinet ministers -- a woman -- he joked about marriages of convenience, saying women were lining up for him because "I'm a nice guy" and "I'm loaded."

He also recalled a much-criticized TV interview he once gave, when "I said to a girl to look for a wealthy boyfriend. This suggestion is not unrealistic."

He also claimed women favor older men, thinking that "he's old. He dies and I inherit."

The 73-year-old Berlusconi was engulfed in a sex scandal last year centering on his purported dalliances with young women, including an escort. Berlusconi's wife Veronica Lario said last year she was seeking a divorce. They are now separated.

The media baron has said he is "no saint" but denied ever paying for sex.

In Italy, a divorce can only be sought after three years of separation. Media reports this summer suggested that Berlusconi's wife has rejected his early proposals for a financial settlement.

Berlusconi often gets criticized for his earthy sense of humor, and this time an opposition political demanded he apologize to Italy's Jewish community for his Hitler joke.

Before telling it, he said "I already know I am going to be criticized."

Berlusconi, who claims prosecutors have led corruption investigations against him because they are left-wing, also appeared to be poking fun at himself when commenting on the loss of his AC Milan soccer team on Saturday. He contended the referee robbed the team of three goals and that Milan often gets "leftist referees."

Source: mail.com ; Author: VICTOR L. SIMPSON

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

În cel mult 10 ani, va fi lansat pe piată medicamentul care va preveni si va trata defectul de vedere constând în imposibilitatea de a distinge clar obiectele situate la o distantă mai mare. În acest fel, milioane de persoane nu vor mai fi nevoite să poarte ochelari sau lentile de contact si nici să apeleze la costisitoarele interventii cu laser.

Grupul de firme TROFIN,

Grupul de firme TROFIN,
"Moldoptic Invest"
si
"Smart Optical Glasses",

prin vasta experienta dobindita
incepind cu anul 1986 sub indrumarea profesorului universitar doctor Sergiu Buiuc, confectioneaza proteze oculare de o calitate recunoscuta in tara si peste hotare.

Sos. Nationala, nr. 180
Bloc: A 3, sc. E, parter
IASI - Romania


Telefon:
0040 / 232 / 266 039

Aproximativ 26 la sută din populatia lumii suferă de miopie, iar această afectiune este din ce în ce mai des întâlnită din cauza timpului mare petrecut în fata calculatorului si a televizorului. Defectul de vedere este cauzat de alungirea globului ocular si, de obicei, începe să se manifeste încă din copilărie.

Pentru a descoperi gena asociată cu miopia, expertii din cadrul King's College London au comparat ADN-ul a peste 4.000 de gemeni din Marea Britanie. Ulterior, ei si-au confirmat rezultatele prin studierea informatiilor genetice ale altor 13.000 de britanici, olandezi si australieni.

Gena se numeste RASGRF1 si are un rol foarte important în dezvoltarea globului ocular, precum si în trimiterea semnalelor vizuale către creier pentru a fi procesate.

Concluziile studiului au fost publicate de curând în revista „Nature Genetics”.

Sursa: Evenimentul.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 15/09/2010 @ 08:30:03, in ro - Observator Global, read 1288 times)

Biroul presedintelui Nicolas Sarkozy va fi dat în judecată de cotidianul Le Monde. Motivul pare să îl fi constituit spionajul pesedintiei asupra jurnalistilor ziarului, potrivit BBC.

Biroul presedintelui Nicolas Sarkozy va fi dat în judecată de cotidianul Le Monde. Motivul pare să îl fi constituit spionajul pesedintiei asupra jurnalistilor ziarului, potrivit BBC.

Foto: Intact Images

Avocatii Le Monde detin probe care arată că există înregistrări ce redau convorbirile telefonice ale jurnalistilor, în scopul aflării unor surse. Aceste înregistrări au legătură cu scandalul L'Oreal, în care este implicat presedintele Sarkozy, si care ar fi fost comandate chiar de conducerea statului.

Într-un articol publicat în luna iulie, Ministrul Muncii era acuzat de un  conflict de interese deoarece în timp ce era ministru al bugetului si analiza dosarul fiscal al companiei L'Oreal, sotia sa, Florence, lucra pentru societatea ce administra averea lui Bettencourt.

Presedintia a respins însă toate acuzatiile publicatiei si a anuntat că nu o dat nici o instructiune serviciilor de informatii de a investiga sursele Le Monde.

Sursa: Antena3.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2226 persone collegate

< settembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo


TurismoAssociati.it uses cookies to ensure you get the best experience on the internet (European Union User Consent Policy)

More info



Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.



Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.



Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.



Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Japan lunar exploration firm to head for moon on SpaceX rockets

Brent oil trades near four-year high, but U.S. crude retreats

Exclusive: With six months to go before Brexit, 630 finance jobs have left - Reuters survey

Factbox: Reuters surveys UK financial services jobs post-Brexit

Brexit and the City: A barometer for London's financial outlook

Timeline: Brexit at breaking point? Diary dates for Britain's EU departure

Ultimele articole - Antena3.roHOROSCOP. Mesaje de la îngerii pazitori pentru zodii în saptamâna 26 septembrie – 3 octombrie 2018. Berbecii î?i rezolva problemele sentimentale, Gemenii sunt sfatui?i sa aiba încredere

Salariul mediu lunar net, în cre?tere. Cât este acum

Anun?ul pe care îl a?teapta cu sufletul la gura to?i ?oferii

Programul Rabla pentru electrocasnice. Românii vor primi vouchere între 200 si 400 lei pentru înlocuirea echipamentelor vechi

Reduceri eMAG. Cele mai bune oferte la frigidere de astazi

Protestul transportatorilor blocheaza Capitala. Se cere interzicerea Uber ?i Taxify





26/09/2018 @ 09:29:06
script eseguito in 941 ms