Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Originea Răului - Istoria unei controversate teorii despre originea SIDA. Un documentar teatral de Christian Biasco (2005). Traducerea si adaptarea: Radu Trofin

Cuprins

Prolog

Capitolul Întâi: poliomielita
Ce este poliomielita?
Vaccinurile Salk si Sabin
Cine sunt eu pentru a vă povesti această istorie?
Ce legătură au cu maimutele?
SV40

Capitolul al Doilea: SIDA
SIV / HIV
Teoria "trecerii naturale"
Vaccinurile antipolio si originea SIDA
Periculoasă imprudentă si speculatie nestiintifică
Ipoteză doar teoretică

Capitolul al Treilea: Congo-ul belgian
Vaccinările în coloniile belgiene
Hilary Koprowski
Ati publica sau nu?
Tom Curtis

Capitolul al Patrulea: Suprimarea disidentei
Louis Pascal
Reactia lumii stiintifice
Institutul Wistar
Marinarul din Manchester
Procesul legal împotriva lui Curtis
Lovitura de teatru

Capitolul al Cincilea: râul
Alte teorii
Cercetările lui Hooper
Cimpanzei
Experimentări în Africa
Râul

Capitolul al Saselea: Royal Society
Bill Hamilton
Royal Society
Critici la teoria "pasajului" natural
Teoria seringilor nesterilizate

Capitolul al Saptelea: final
Vechile vaccinuri
Cine decide?
Final

Surse: http://biasco.ch/wiki/index.php5/Originea_R%C4%83ului - Text integral: http://www.TurismoAssociati.it/dBlog/articolo.asp?articolo=2085

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admins (from 14/06/2014 @ 06:04:48, in ro - Stiinta si Societate, read 1169 times)

PRODUSE HÂRTIE
PLASTIC TURNAT
TEXTILE
PRODUSE ȊNGRIJIRE CORPORALĂ
CONSTRUCTII
HRANĂ ANIMALE
ASTERNUT ANIMALE
SUPLIMENTE NUTRITIONALE
ULEIURI ESENTIALE
MEDICAMENTE
ALIMENTE

Acestea sunt utilizarile canabisului (marihuana, canepa). Imagine.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Tutte condizioni in cui l'infiammazione cronica gioca un ruolo centrale. Lo studio

Si parla ancora della marijuana, e dei suoi princìpi attivi da sempre dibattuti.
Allo stato attuale, questo farmaco vegetale è utilizzato regolarmente e con discreto successo nell'alleviare gli effetti collaterali della chemioterapia come nausea e vomito, o nel contrastare la sindrome da deperimento che causa in alcuni pazienti affetti da AIDS la perdita di una quantità significativa di peso e di massa muscolare. Si utilizza anche per alleviare il dolore cronico che non risponde agli oppioidi e altre applicazioni ancora.

Un nuovo studio, ora, pone l'accento sulla possibilità che con la marijuana si possano combattere le malattie autoimmuni come, per esempio, artrite, lupus, colite, sclerosi multipla e simili. Tutte condizioni in cui l'infiammazione cronica gioca un ruolo centrale.

Ad aver esplorato le nuove potenzialità del THC - il primo principio attivo della marijuana - sono stati i ricercatori dell'Università della Carolina del Sud, dottori Mitzi Nagarkatti, Prakash Nagarkatti e Xiaoming Yang. Il team di ricerca ha condotto uno studio, pubblicato sul Journal of Biological Chemistry, in cui hanno scoperto un nuovo percorso attraverso il quale la marijuana può sopprimere le funzioni immunitarie del corpo.

Il lavoro dei ricercatori si basa sulle recenti scoperte scientifiche che suggeriscono come l'ambiente in cui l'uomo vive possa effettivamente innescare cambiamenti che si verificano al di fuori di DNA umano, ma che possono comunque causare alterazioni della funzione dei geni controllati dal DNA e modifiche a carico del DNA stesso o delle regioni che lo circondano.

Queste molecole e fattori esterni che hanno la capacità di alterare la funzione del DNA sono conosciuti collettivamente come epigenomi - e l'epigenetica è la scienza che studia questo fenomeno.

In questo studio, i ricercatori hanno voluto scoprire se il tetraidrocannabinolo (THC) presente nella marijuana avesse la capacità di influenzare l'espressione del DNA attraverso percorsi epigenetici al di fuori del DNA stesso. Il THC, come dimostrato da studi recenti, può modificare le molecole critiche di epigenomi chiamate istoni (proteine legate al DNA), portando alla soppressione dell'infiammazione.

Ecco pertanto come un'azione sul sistema immunitario, all'apparenza negativa, possa in realtà avere un potenziale terapeutico nelle malattie autoimmuni, riducendo l'infiammazione che è altresì implicata nell'esordio di questo genere di patologie.

Fonte: La Stampa via Cannabis.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Purpose and character of the use: The purpose and character is non-commercial, transformative use. No money is being earned or asked from the video, and the use of the music in the video qualifies as transformative because it adds new meaning and message to the song.

Nature of copyrighted work: Artistic (sound recording)

The amount and substantiality of the portion used: No more than necessary for the purpose used.

The effect of the use upon the potential market for, or value of, the original work: There is no negative effect on the value of the original work as my use does not substitute for or compete with the original. Moreover there is no negative effect on any licensing for the original song, as the major music labels have not provided any means to license music for use in YouTube videos.

This video shows how to use YouTube's new process for appealing reinstated Content ID copyright claims against your videos. YouTube established this new process in October 2012 after facing increasing criticism for allowing copyright claimants to unilaterally reinstate copyright claims effectively claim videos they had no rights in. The appeals process adds yet another hoop to jump through to get illegitimate copyright claims against your videos removed, but it is a step in the right direction. Since the process is fairly complicated, I created this tutorial to walk people through the process of appealing a Content ID claim based on fair use.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Are you talking to me? There is nobody here! So you must be talking to me! Instructions: play as a real life taxi driver in this taxi simulation game. Pickup passengers and drop them off to earn cash so you can upgrade your taxi. There are 3 game modes. New Game - Standard game can save and load progress. Practise - Learn how to earn cash with your taxi. Time Attack - Complete missions within the time to get a highscore. Keyboard control: UP - accelerate, DOWN - brake/reverse, LEFT/RIGHT - direction, M - music on, N - music off, R - radio, 123 radio channel. Now get me a cab!!!

Sim Taxi: Another day in the big city... from a taxi drivers point of view!

Controls: Keyboard: Accelerate Up Arrow Key Break / Reverse Down Arrow Key Steer Left / Right Arrow Keys Music On/Off M/N Radio R Switch Radio Stations Numpad 1, 2, 3

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Colpa di una procedura lenta e macchinosa che prevede una lunga sequenza di passaggi: medico curante, azienda sanitaria, Ministero della salute, mercato estero, importazione, farmacia ospedaliera. Iter che, di fatto, impedisce di ricorrere al farmaco tempestivamente. Accade così che i tempi della richiesta superino abitualmente i trenta giorni previsti e che, in alcuni casi, si dilatino fino a richiedere un intero anno di attesa. Il tema è stato al centro del convegno "La cannabis fa bene, la cannabis fa male. Una proposta di legge per l'accesso ai medicinali cannabinoidi" che si è tenuto al Senato presso la sala convegni di Palazzo Santa Maria in Aquiro, promosso dalle associazioni "Luca Coscioni" e "A Buon Diritto". Nel corso del convegno il senatore Luigi Manconi ha presentato un dossier sul tema. Al convegno sono intervenuti, tra gli altri, Lucia Borsellino (assessore Salute regione Sicilia), Elena Gentile (assessore Salute regione Puglia), Luigi Marroni (assessore Salute regione Toscana) e il sottosegretario di Stato alla Difesa, Domenico Rossi.

L'accesso limitato. Anche se la recente sentenza della Corte di Cassazione che dà il via libera alla riduzione delle pene per gli spacciatori di droghe leggere viene vista come un'apertura, resta ancora lunga la strada da percorrere perché anche la disinformazione di medici e farmacisti e i costi elevati della cannabis rendono difficile l'accesso a questa terapia. I dati del Ministero della salute, del resto, parlano chiaro: nel 2013 sono state rilasciate 213 autorizzazioni all'importazione di medicinali a base di cannabis dall'Olanda. Dal momento che ogni paziente è tenuto ad importare il farmaco per un dosaggio non superiore alle necessità di tre mesi di terapia, deve inoltrare la richiesta di importazione per quattro volte in un anno. Il dato di 213 autorizzazioni va diviso, dunque, per quattro, e da questo si deduce che nel 2013 meno di 60 persone sono riuscite a ottenere il farmaco. "Tutto ciò è assai grave" dice il senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione Straordinaria Diritti Umani, nell'introduzione al dossier sulla cannabis presentato oggi pomeriggio. "La mancata disponibilità di farmaci che, da decenni, la letteratura scientifica internazionale ha valutato efficaci, impedisce di operare per alleviare dolori intollerabili, resistenti alle tradizionali terapie; e più in generale per migliorare la qualità della vita e della salute dei pazienti".


Le storie dei pazienti. Sono davvero così pochi i pazienti che vorrebbero accedere a questa terapia? La risposta a questa domanda sta nelle storie di malati molto diversi tra loro per patologie, per età e per vicende personali, ma che condividono tutti le traversie quotidiane per accedere a una cura che possa attenuare il dolore e che restituisca loro una qualità di vita migliore nonostante la malattia. "Le storie di questi cittadini hanno dei tratti classici: sono tutti pazienti affetti da malattie croniche e resistenti alle terapie analgesiche tradizionali; la maggior parte di loro scopre la cannabis attraverso canali non medici, cioè amici o internet e si rifornisce al mercato nero" raccontano Antonella Soldo e Francesco Gentiloni nel dossier. Alcuni dei protagonisti di queste testimonianze hanno anche effettuato dei tentativi di auto-coltivazione, sempre finiti male (talvolta con l'arresto). Tutte queste storie sono state raccolte per testimonianza diretta e segnalate alla Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei Diritti umani del Senato, alle associazioni "Luca Coscioni" e "A Buon Diritto".

La disomogeneità regionale. Un altro problema è la differenza tra le regioni. Attualmente quelle che hanno introdotto dei provvedimenti che riguardano l'erogazione di medicinali a base di cannabis sono nove: Puglia, Toscana, Veneto, Liguria, Marche, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Sicilia, Umbria. Le normative regionali convergono tutte nel disciplinare l'erogazione dei medicinali a carico dei propri Servizi sanitari regionali (SSR), ma sotto altri aspetti presentano una grande disomogeneità: in alcuni casi si limitano semplicemente a recepire quanto già stabilito dalla normativa nazionale, in altri sono previste delle specifiche competenze regionali circa l'informazione al personale medico, in altri casi sono stanziati degli appositi capitoli di spesa nei bilanci regionali per garantire le disposizioni dei testi, in altri casi ancora vengono introdotti degli articoli che impegnano le regioni su iniziative quali l'avvio di progetti pilota per la coltivazione a scopi terapeutici.

Semplificare l'accesso. Ecco perché il disegno di legge sulla cannabis terapeutica promosso da Luigi Manconi che mira a semplificare e agevolare i meccanismi per la produzione, importazione, prescrizione e dispensazione di farmaci a base di cannabis. Tra le altre cose, il disegno di legge legittima espressamente la coltivazione di queste piante per farne uso personale, in relazione ad esigenze terapeutiche proprie, dei propri congiunti o conviventi. Inoltre, promuove, attraverso il Ministero della salute, una specifica attività di informazione rivolta agli operatori sanitari, con l'obiettivo di far conoscere l'impiego appropriato dei medicinali contenenti i princìpi attivi della pianta cannabis. "Gli ostacoli attualmente frapposti all'utilizzo di questi farmaci limitano la possibilità di intervenire su patologie come il glaucoma e sui sintomi di malattie neurologiche come la sclerosi multipla, o su effetti avversi come nausea e vomito di trattamenti particolarmente invasivi come la chemioterapia" sottolinea Manconi.

Il problema della produzione. Nessuna azienda farmaceutica italiana ha chiesto la licenza per produrre questi farmaci. Ma, secondo le associazioni "Luca Coscioni" e "A Buon Diritto", una prima soluzione c'è, è a portata di mano e consentirebbe di ridurre i tempi e i costi a carico del Sistema sanitario regionale, in un regime di assoluta sicurezza. "Si incarichi, attraverso un protocollo tra Ministero della difesa e Ministero della salute, lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze che già prepara diverse tipologie di materiali sanitari, farmaci e presidi chirurgici di produrre medicinali cannabinoidi per i pazienti italiani" propongono le associazioni.

Autore: Irma D'Aria - Fonte: La Repubblica via Cannabis.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admins (from 19/06/2014 @ 04:06:03, in en - Global Observatory, read 2614 times)

There is a Facebook group called The Exposing The Truth Group (link here) that has a very fascist way of banning members who try to tell any truth. We will only post the two comments we made on the group and let you, the reader, "judge" the situation...

"I do not agree with what you have to say, but I'll defend to the death your right to say it." - Voltaire

Somebody in that group posted the image bellow with this text: "Imagine what our country would be like if we legalized explosives. Can you imagine a world where that wouldn't be a safety hazard? Then share this to stand up for sensible gun control!". So we, from TurismoAssociati.it made this comment: "Let me tell you this: I lived in a society where guns were illegal to possess and I never had a gun pointed in my face. Time passes and the same country made legal guns with rubber bullets: heard of many cases where people lost an eye from people shooting at strangers casually when angry... My opinion: nobody should have guns, not the police pigs or the damn military!" What happened? Some paranoid Admin, called Cairenn Day (link here) answered: "Bye F T (Ford Turani - TA note), I warned folks about the nasty names for police" and quickly banned us from the group!

The thing is many members of that group have doubts of the True intentions of the administrators... Michael A. Pizza: "I thought this sight is all about Exposing the Truth? What you showed us all has nothing to do about any truth. It just your arrogance that your Exposing. Enough said time to move on and close this account , you cannot explain things to people that don't have any common sense!" or Ayeisha Quinones: "... the truth evades you and everyone else with your mindset. It is what it is. ... the people who keep denying the negative impact of widespread guns in society are deniers."

But here you have one of the admins, Cairenn Day that infiltrated the group just to hide and censure any position of truth: "M A P, we are doing our best to get folks to stop believing every piece of nonsense on the web".

That group is full of brainwashed individuals: Janice Gordon: "Besides which, openly flaunting such weapons only serves to make you the first target a criminal is likely to go after. Much better to carry concealed, like I do."

Who are we, to explain to the americans that, in the United Kingdom for example, the police DO NOT carry a gun! They are not allowed. So, in this way are avoided the situations where some rookie or racist cop shoots by mistake any bystander...

Some other user posted this message on the group: Colleen Vanskiver: "/ExposingTheTruthGroup/ What a joke this group is" and a genius asked: Andrew Hudak: "Why would you join a group that you do not like?" But here comes the admin: Cairenn Day: "What is your objection here, please?", but you must read this:
Mario E Gilberto: "There are plenty of facts. I can, for example, show you 2000+ peer-reviewed studies which show that GMOs are safe. Many of them come from independent outlets. Isn't that creditable?" Cairenn Day: "I can show you how contrails form and that chemtrails are a hoax" Dee Junior: "Gmo's are probably safe it's the government control of their producers that concerns me!" Cairenn Day: "The government doesn't control farmers or companies."

We asked Aaron Jackson (link here), the main Admin of the group to insert us again and we posted: "With fascist admins like Cairenn Day, that ban members for stating "police pigs should not have guns".., this should be called the Hiding The Fascist Joke Group!" and Cairenn answered: "F T has been sent to the woodshed again". Four likes for her/his statement!

Need any other proof that this group has nothing to do with the truth and the freedom of expression? Our advice: be very careful with the FascistBook groups, because any group can become administrated by false "truthers" who infiltrate to divide and destroy... "None are more hopelessly enslaved than those who falsely believe they are free." - Johann Wolfgang von Goethe

This article is dedicated to Richard Clarke, a truth researcher who posted his findings and observations on FaceBook, until his account got reported or/and cancelled and there was no trace of him on the "CIA social network"...

Doru Trifan for www.TurismoAssociati.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Le date dei solstizi boreali (Tempo universale):
Anno 2014 Solstizio d'estate (giugno): 2014 - 21 giu ore 10:51 Solstizio d'inverno (dicembre): 2014 - 21 dic ore 23:03

Massimo di declinazione positiva nel mese di giugno, in occasione del solstizio di estate boreale; massimo valore di declinazione negativa in dicembre, in occasione del solstizio di inverno boreale, corrispondente all'estate nell'emisfero australe. Il fenomeno del solstizio ritarda di circa sei ore ogni anno (5 ore, 48 minuti e 46 secondi per la precisione), salvo subire un nuovo riposizionamento indietro ogni quattro anni, in conseguenza degli anni bisestili, introdotti proprio per evitare un progressivo disallineamento delle stagioni con il calendario. A causa di queste variazioni ­può capitare che il solstizio astronomico cada nell'emisfero nord (emisfero boreale) il 20 o il 21 giugno per l'estate, o il 21 o 22 dicembre per l'inverno.

Detto in parole semplici, il solstizio d'estate è il momento dell'anno nel quale il Sole raggiunge il punto più settentrionale della sua corsa apparente nel cielo, segnando l'inizio della stagione estiva e costituendo il giorno in cui  si hanno il massimo di ore di luce.  Il termine "solstizio" significa "Sole stazionario" e indica che in questo momento astronomico il sole non si alza né si abbassa rispetto all'equatore celeste. L'astro in questo periodo sembra infatti fermarsi, sorgendo e tramontando sempre nello stesso punto sino al 24 giugno (per quello invernale il 25 dicembre) quando ricomincia a muoversi sorgendo gradualmente sempre più a sud sull'orizzonte (a nord per quello invernale).

Fin dall'antichità gli uomini hanno celebrato questo momento magico con diversi festeggiamenti: il cambio di direzione che il sole compie tra il 21 e il 22 giugno, riprendendo la sua corsa sull'orizzonte, era salutato come l'inizio di un nuovo periodo di vita. Questo giorno, detto solstizio estivo, è ancora oggi ricordato e atteso, in quanto primo giorno d'estate, anche se in realtà, dopo il giorno più lungo che è rappresentato dal 21 giugno, il sole comincia a calare, determinando l'accorciarsi graduale delle giornate.

I solstizi nell'antichità venivano festeggiati un po' ovunque dai popoli pagani, dalla Grecia, all'America precolombiana, fin quando la religione cristiana, conscia della portata di questi festeggiamenti, si premurò di incorporarne date sovrapponendovi solenni celebrazioni, così, come il solstizio invernale è stato sostituito dal Natale, quello d'estate dalla festa di San Giovanni che si celebra il 24 giugno. Se nell'antica Roma i due solstizi erano consacrati a Giano bifronte, il dio guardiano delle soglie e dei passaggi, oggi troviamo i due Giovanni, il Battista per il solstizio d'Estate e l'Evangelista per quello d'Inverno, come figure di riferimento per le festività legate rispettivamente al 21 giugno ed al 21 dicembre. Ancora una volta quindi una festa, originariamente pagana, diffusa in moltissime culture, poiché basata sull'antica osservazione del moto del solare, si è fusa con la tradizione cristiana. Ma pur se cristianizzata come festa di San Giovanni, la notte di mezza estate ha conservato tutte le sue valenze magiche.

Ancora oggi infatti moderni gruppi neopagani e neodruidici celebrano il giorno di "Midsummer", la Notte di Mezza estate cara a Shakespeare: molti sono i riti solstiziali che si svolgono in particolare a Stonehenge (Inghilterra), richiamando nel sito, ancora carico di misteri, migliaia di persone ogni anno, in nome della teoria "New Age" che sostiene che i monoliti che compongono il sito furono innalzati seguendo l'allineamento dei primi raggi del sole che spunta il giorno del solstizio.

Anche il gran numero di usanze e piccoli rituali ancora seguiti con grande attenzione, e tuttora vivi in Europa, testimoniano che il solstizio estivo, insieme a quello invernale, resta uno dei periodi più amati e profondamente intessuti nella cultura popolare, poichè basandosi sul dato che il sole trionfa nel cielo, le antiche tradizioni collegavano questo periodo dell'anno con la comunicazione diretta fra visibile e invisibile.

Nel Nord Europa la festa si celebra ancora il 21 giugno e in tutte le campagne l'attesa del sorgere del sole è propiziata dai falò accesi sulle colline e sui monti, poiché da sempre, con il fuoco, si mettono in fuga le tenebre e con esse gli spiriti maligni, le streghe e i demoni vaganti nel cielo. Attorno ai fuochi si danza e si canta, e nella notte magica sembra avvengano prodigi. Se una donna invece desiderava molti figli, ma anche più semplicemente bei capelli e una buona salute, deve stendersi nuda, o rotolarsi, nell'erba bagnata dalla rugiada del mattino del Solstizio.

Anche la notte di S. Giovanni, celebrata il 24 giugno, rientra nelle celebrazioni solstiziali. Il nome associatogli deriva dalla religione Cristiana, perche' secondo il suo calendario liturgico vi si celebra San Giovanni Battista. In questa festa, secondo un'antica credenza, il sole (fuoco) si sposa con la luna (acqua): da qui i riti e gli usi dei falo' e della rugiada, presenti nella tradizione contadina e popolare. Non a caso gli attributi di S. Giovanni sono il fuoco e l'acqua, con cui battezzava, una comoda associazione, da parte del cristianesimo, per sovrapporsi alle antiche celebrazioni.

I falò accesi nei campi la notte di S. Giovanni, in tempi passati considerati propiziatori e purificatori, costituivano un'usanza comune a moltissime regioni europee e persino nel nord Africa. I contadini si posizionavano principalmente in cima alle colline, e accendevano grandi falo' in onore del sole, per propiziarsene la benevolenza e rallentarne idealmente la discesa. Spesso con le fiamme di questi falo' venivano incendiate delle ruote di fascine, fatte poi precipitare lungo i pendii, accompagnate da grida e canti. A scopi purificatori vi si gettavano dentro cose vecchie, affinchè il fumo che ne scaturiva tenesse lontani spiriti maligni e streghe (che si riteneva uscissero in questa notte scorrazzando per le campagne alla ricerca di erbe). In alcuni casi si bruciava, come per l'epifania, un pupazzo, cosi' da bruciare in effige la malasorte e le avversita'. Inoltre si faceva passare il bestiame tra il fumo dei falo', in modo da togliere le malattie e proteggerlo sia da queste sia da chiunque vi potesse gettare fatture e malie. Anche le erbe raccolte in questa notte hanno un potere particolare, sono in grado di scacciare ogni malattia e tutte le loro caratteristiche e proprieta' sono esaltate e alla massima potenza. Era anche possibile fare "l'acqua di San Giovanni": si prendevano foglie e fiori di lavanda, iperico, mentuccia, ruta e rosmarino e si mettevano in un bacile colmo d'acqua che si lasciava per tutta la nottata fuori casa. La mattina successiva le donne prendevano quest'acqua e si lavavano per aumentare la bellezza e preservarsi dalle malattie. Alle prime luci del 24 giugno i contadini che possedevano alberi di noce dovevano invece andare a legare una corda di spighe di orzo ed avena intrecciate ai tronchi dei loro alberi. In questo modo avrebbero poi raccolto frutti buoni e abbondanti, mentre la rugiada della mattina di San Giovanni, come per le popolazioni del nord, ha il potere di curare,  purificare e fecondare.

Fonte: Leonardo

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

... altfel nu vei sti niciodată că suntem Toti Unul!

Există doar Clipa. Totul este acum, aici, doar că nu il putem simti asa de usor. Totul e un cerc, care in microcosmos este un punct. Si în momentul mortii, tot Clipa va fi. Încearcă să opresti Timpul prin meditatie, si vei Întelege...

Viitorul nu există, pentru că timpul e inventia umanilor. Ce ieri iti părea viitorul, acum este Acum. Azi!

După părerea mea, e tocmai faptul că Universul este in continua expansiune demonstrează Explozia. Big Bangul nu s-a terminat, ci lumea pe care noi o vedem este tocmai perfectiunea exploziei... Eu, ca si voi toti, sunt doar un Atom. În macrocosmos suntem două celule. Simplific: în microcosmos, suntem două celule din ficat ce se întreabă despre ceea ce sunt; eu mă îndrept cu viteza luminii spre inimă, tu aluneci prin fluxul sangvin spre creier; dar prin sistemul limfatic, ne difuzăm in tot corpul, suntem acelasi lucru în organism. În sistem matematic binar, suntem tot 0/1... Suntem toti Unul! Gânditi-vă la un foc de artificii...

Din videoclipul de mai sus reiese că teoria mea despre Big Bangul continuu, adică explozia creatoare a tot ce vedem, a Universului întreg, continuă si neîncetată, ar fi corectă. Nu a existat un Început, totul este doar o continuare, ca o oală sub presiune ce fierbe un lichid si gazul evaporat este preluat si rămâne tot lichid gazos in fierbere... neîncetat... Tot ceea ce noi observăm cu simturile noastre limitate, noi însine, nu reprezintă/tăm decât elemente componente: H, O, C, N, Ca...

Eu în 2007 am încercat ciupercile psilocybe (LINK AICI) si am avut revelatia Unitătii noastre ca specie cu toată natura. Am înteles manipularea realizată prin Religie, Finante si Politică de Unii. Straniu, că după putin timp, am avut sansa să aflu că Exact în acelasi an si lună cu Experienta mea, un documentar pe nume Zeitgeist (LINK AICI) divulga Exact ceea ce eu întelesesem...

99 la sută din materia din Galaxia noastră este detinută de Soare, cred că te poti conecta la un flux energetic comun, întru Bine sau Rău... Eu aleg Binele, altii Răul, cei mai multi sunt Zombi si se uită la Mărută sau la WowPiz...

Arturo Find pentru www.TurismoAssociati.it/dBlog

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

La manifestazione e' stata simultanea in 10 citta'. Solo a Santiago si sono contate piu' di 10.000 persone, secondo i dati degli organizzatori.

"Marciamo per una nuova politica sulle droghe, perche' non si criminalizzi il consumatore come il narcotraffico", ha detto all'agenzia Associated Press uno degli organizzatori della marcia che ha detto di chiamarsi solo col nome, Gustavo.
Laura, una donna di media eta', ha partecipato alla marcia "perche' chiedo una vita senza dolore, una vita tranquilla, e credo che la marijuana sia una alternativa per i dolori dei malati".

La manifestazione era accompagnata anche da musica e c'erano cartelli come "Niente da nascondere, si' alla autocoltivazione, e fumero' gratis".
La marijuana e' la sostanza illegale piu' consumata dai giovani cileni e, siccome il consumo privato non e' depenalizzato, i sostenitori di questa ipotesi chiedono una legge di regolamentazione che legalizzi l'autocoltivazione e stabilisca parametri per il consumo personale.

Secondo il governativo "Servicio Nacional para la Prevención y Rehabilitación del Consumo de Drogas y Alcohol", il 4,6% dei 17,5 milioni di cileni consuma marijuana. Gli uomini piu' delle donne (7,1% rispetto al 2,1, e i giovani tra 19 e 25 anni sono il gruppo che usa maggiormente questa droga, il 12,3%).

Ogni anno 85.000 finiscono in carcere per violazione della legge, come fa sapere la Red Chilena de Reducción de Dańos (Rete cilena per la riduzione del danno). Per il maggiore reato denunciato commesso in Cile, il furto con scasso, 17.000 persone sono in galera.
Nicolás Espinoza, coordinatore generale dell'organizzazione Movimental, che ha convocato la marcia, insiste sulla necessita' di avviare un dibattito democratico per una politiche sulle droghe che sia "giusta ed efficace". "Siamo molto contenti della convocazione di questa decimo appuntamento della marcia. La gente che vi partecipa e' ogni volta sempre di piu'", ha detto Espinoza.

Il senatore socialista Fulvio Rossi, che ha partecipato alla marcia, ha sottolineato la necessita' di iniziare un dibattito senza pregiudizi sulle politiche della droga in Cile. "La legge sulle droghe e' obsoleta, senza prospettive sanitarie, di sicurezza pubblica e di diritti umani, e inoltre criminalizza il consumatore". Rossi ha fatto appello perche' si rispetti "il diritto di ognuno a decidere per alcuni comportamenti individuali, senza ingerenza da parte dello Stato, specialmente quando questi comportamenti non rappresentano un pericolo per gli altri".

Fonte: ADUC via Cannabis.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 3113 persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Squabbles erupt as G7 leaders open summit in French resort

Brazilian states ask for military help as Amazon fires rage

As EU threatens trade retaliation, Brazil sends army to fight Amazon fires

French police fire tear gas, water cannons at anti-G7 protesters

Russian spacecraft carrying robot fails to dock with space station

Britain joins Germany in criticizing Macron's Mercosur threat

Ultimele articole - Antena3.roLOTO 6/49. Numerele extrase duminica, 25 august 2019. Anun? important facut de Loterie

Gheorghe Dinca are preten?ii în arest. A solicitat sa aiba acces la televizor ?i la ziare pentru a fi la curent cu tot ce se spune în cazul Caracal

Marinela, cea de-a treia victima a lui Gheorghe Dinca, rupe tacerea. „Am ?ipat ?i mi-a spus sa tac fiindca altfel ma omoara”

Tatal celei de-a treia fete disparute din Caracal, declara?ii cutremuratoare: „Nu mai am lacrimi. Mafia din Caracal nu va disparea niciodata”

O feti?a de zece ani, dusa de urgen?a la spital dupa ce a cazut din scaunul unui carusel. S-a întâmplat în jude?ul Mure?

Fost ofi?er de la Omoruri, despre cazul Caracal: „E pu?in probabil ca Gheorghe Dinca sa fi avut complici la crima”





24/08/2019 @ 21:58:08
script eseguito in 976 ms