Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
\\ Home Page : Storico : it - Scienze e Societa (invert the order)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 25/04/2011 @ 14:00:38, in it - Scienze e Societa, read 2105 times)

Quando si parla di luoghi comuni! Inutile negare l'idea di compiere un viaggio in terra conosciuta più che altro per quel preponderante aspetto fatto di affari, economia e mercato non sembrava tentazione allettante.
Percorrerla tutta dalle Alpi alla pianura, attraverso campagne e corsi d'acqua, montagne ardite e sconfinati parchi, città piene di vita e di arte e solitari monasteri, ed ancora paesi, borghi, strade e autostrade senza fine non è decisione che si improvvisa.

Girovagando tra Castelli, per scoprire una Lombardia da sempre terra di confine. Una storia fatta di difese armate contro gli invasori venuti dalle alpi in una terra teatro di sanguinose battaglie ma anche di nobili eroi, di grandi Papi e di magnifiche residenze patrizie. Sulle tracce delle grandi figure carismatiche che l'hanno attraversata, dai magnifici templi cristiani alle Chiese, le cattedrali,le abbazie ed i monasteri disseminati ovunque sul territorio.

Con gli occhi rivolti al cielo per ammirare il Duomo di Milano, affacciati a un balcone panoramico per godersi tutto lo splendore di Bergamo Alta, placidamente accoccolati su un prato sulle sponde del Lago di Como e poi ancora Lecco, Sondrio, Varese e Brescia o forse Cremona e perché no Mantova, altera e bellissima come ogni Città d'arte. Perdersi tra il verde dei boschi, percorrere sentieri misteriosi, godere la carezza della brezza nella sera d'estate, quando la Montagna si risveglia tra i mille rumori, percorsa da fremiti di vita che tornano a popolarla dopo il lungo sonno invernale.

Fermarsi a riflettere nel silenzio delle nevi perenni, lanciarsi dalle cime imbiancate giù verso valle storditi da una sensazione di ebbrezza, per ritrovarsi la sera attorno alla danza del fuoco del camino.
Risalire il corso dei fiumi per vederla scorrere lenta; godere di ciò che la natura ha costruito dalle Acque del lago, tra piccole isole alla scoperta di borghi.

Assaporarla tutta, per conoscerla a fondo. Scoprirla nelle verdi distese della Franciacorta in un bicchiere di vino, riconoscerla in alta montagna nei pomeriggi d'alpeggio, coglierne l'aroma in riva al lago nell'olio dorato del Garda. Camminare lungo il sentiero dell'Enogastronomia per ripercorrere la storia ed il sapore antico delle tradizioni, per accogliere un po' di lei e donare un po' di se.

 
By Admin (from 24/04/2011 @ 11:00:32, in it - Scienze e Societa, read 2464 times)

Il Piemonte (unito storicamente e geograficamente alla Val d'Aosta) è la Regione d'Italia con il maggior numero di castelli; ne esistono tutt'ora oltre cinquecento!

Nel rinnovato interesse verso i castelli piemontesi, alcuni aleggianti di fantasmi e leggende, ne descriveremo sinteticamente i più importanti e conosciuti: per evidenti motivi di spazio molti non saranno citati e rimandiamo quindi l'appassionato alla consultazione delle pubblicazioni esistenti.
I castelli piemontesi, edificati in varie epoche per contrastare gli eserciti nemici e a difesa dei feudi, godettero quasi sempre di autonomia e quando lo stato Sabaudo si consolidò con Emanuele Filiberto (1528 - 1580) cinte e roccaforti vennero mantenute per un certo periodo perché utili alla tutela del nuovo Stato.
 
Abbiamo suddiviso il nostro piccolo ciclo sui Castelli Piemontesi in 4 sezioni riguardanti: il Torinese, il Canavese, il Pinerolese e la Valle di Susa ; il Cuneese e le Langhe ; il Monferrato, l'Alessandrino e l'Astigiano il Biellese, il Novarese e il Vercellese . Quelli dell'area Torinese qui di seguito trattati sono: Mazzé, Pavone, Bardassano (Gassino), Montalto Dora, Masino, Ivrea, Macello, Pralormo, Pinerolo, Osasco e Santena; da ricordare tra i tanti altri: Airasca, Arignano, Azeglio, Buriasco, Candia, Drosso (Torino), Castelvecchio (Testona), Casalborgone, Castellamonte, Cavoretto, Chieri, Cinzano, Favria, Frossasco, Giaveno, La Mandria (Venaria), Lanzo, Vernone (Marentino), Montaldo Torinese, Montestrutto, Ozegna, Pavarolo, Piossasco, Poirino, Reano, Rivalba, Rivalta Torinese, Rivara, Rivarolo, Salassa, San Giorgio Canavese, San Sebastiano Po, Susa, Valperga, Villardora e la fortezza di Verrua Savoia (storicamente molto importante, ma ormai ridotta a un rudere).

Castelli del Torinese
La zona di Torino si ritiene sia stata, già fin dall'antichità, un'area fortificata perché situata alla confluenza di due fiumi (la Dora Riparia con il Po) e importante via per le comunicazioni fra la pianura Padana e le Gallie, l'attuale Francia. Della sua millenaria storia, si ha notizia già dal 218 a.C., il cartaginese Annibale dopo avere attraversato le Alpi conquistò e distrusse l'insediamento dei Taurini.
La sua grande cittadella , cardine della storia fortificata piemontese, fu fatta costruire ad iniziare dal 1564 da Emanuele Filiberto di Savoia: era a pianta pentagonale difesa da 5 bastioni oltre ad altri 16 bastioni e mura che cingevano tutta Torino. Di questa possente struttura rimane solo il Mastio ora adibito a Museo Nazionale dell'Artiglieria.

Alcuni Castelli dell'area Torinese non verranno qui trattati perché descritti in precedenti conferenze con relativi fogli monografici. Essi sono: il Castello Medioevale - Palazzo Madama di Torino, il Castello e la Rocca del Valentino, il Castello - Reggia della Venaria, il Castello di Moncalieri e il Castello di Rivoli, il Castello - Palazzina di Caccia di Stupinigi, il Castello di Aglié, le fortezze alpine piemontesi di Fenestrelle ed Exilles.

Castello di Mazzé
Si trova nel Canavese a 37 km a Nord di Torino; le prime tracce lo indicano sovrapposto ad un edificio fortificato romano. Fu dei signori locali, Conti di Valperga, che lo costruirono per la difesa dei loro possedimenti nell'ambito della contesa con i Marchesi del Monferrato e i Conti di Savoia per il dominio di tutta la zona. Al castello antico di origine medioevale se ne è successivamente aggiunto un altro come residenza signorile, senza destinazione militare-difensiva.
I castelli recentemente restaurati, sono stati restituiti all'antico splendore con tracce di varie epoche e stili: nuovamente leggibili affreschi e volte medioevali, suggestivi momenti artistici del 1600 / 1700, e i rimaneggiamenti in stile romanico voluti nel 1850 dal Conte Eugenio Brunetta d'Usseaux. La visita alle interessanti sale è ricca di suggestioni artistiche e storiche, in essa si sente l'aleggiare di antiche leggende e misteri.

Per informazioni
Tel. 011 9835250

Castello di Pavone
Imponente e pittoresco è situato su un colle dominante l'abitato a circa 55 km a Nord di Torino vicino ad Ivrea.
Fu un'antica roccaforte; muro di cinta, mastio e cappella risalgono al X secolo; torri, muraglie e alcune sale furono costruite fra XI e XV secolo. Nella sua storia subì invasioni saracene e ungare; dal secolo XI fu feudo del vescovado di Ivrea. Nel 1885 il castello fu acquistato dall'Arch. Alfredo d'Andrade, raffinato intellettuale portoghese Sovrintendente ai Monumenti del Piemonte che lo scelse come sua dimora, lo restaurò con vari anni di lavoro e lo riportò alle condizioni originarie ricostruendolo in gran parte. Attualmente è adibito a sale per congressi, ristorante e hotel.

Per informazioni
Tel. 0125 672111

Castello di Bardassano
Gioiello artistico medioevale della collina perfettamente conservato, è posto nei pressi di Gassino a 18 km a Nord-Est di Torino.
È di antichissima costruzione (XI sec.); la tradizione vuole vi abbia svernato l'imperatore Barbarossa dopo la distruzione di Chieri (1156).
Nel corso degli anni subì alcuni restauri; una scala marmorea conduce al cortiletto interno in stile rinascimentale con un antico pozzo; al pianterreno esistono alcuni fastosi saloni con soffitti in legno; l'arredamento, le decorazioni interne e gli eleganti dipinti sono del '600.

Per informazioni
Tel. 011 9605822

Castello di Montalto Dora
È posto a 54 km da Torino, poco a Nord di Ivrea. E' una imponente struttura fortificata situata su un colle che da secoli domina la strada per la Valle d'Aosta; risale al 1300; nel XVII secolo fu teatro di scontri con le truppe francesi e poi fra "principisti" (sostenitori dei principi Maurizio e Tommaso di Savoia) e "madamisti" (partigiani della Madama Reale torinese Cristina di Francia).
Dopo un lungo periodo di degrado verso al fine del 1800 fu restaurato ad opera di Alfredo D'Andrade, innamorato delle antiche glorie del Piemonte. Il castello ebbe poi un ulteriore restauro negli anni 1960-70.

Per informazioni
Municipio: tel. 0125 650014

Castello di Masino
Il castello si trova a 40 chilometri a Nord-Est di Torino e domina il bel panorama canavesano dall'alto di una collina morenica quasi di fronte alla Serra di Ivrea.
Notevole il suo valore storico. Il primo documento che cita il castello è del 1070. Fu della famiglia Valperga di Masino, orgogliosa discendente di Arduino di Ivrea; nella sua cappella (dopo memorabili vicende nel primo medioevo) riposano le spoglie mortali del mitico primo Re d'Italia.
Nel corso della sua storia il castello di Masino subì tre distruzioni, cui seguirono graduali ricostruzioni e trasformazioni da rocca medioevale a elegante dimora settecentesca.
Visitando le sale del castello si è partecipi di quasi mille anni di storia e si ha "una traccia per riconoscere nei suoi muri possenti, nei suoi affreschi, nei suoi mobili e nelle stoffe preziose, il gusto di chi lo ha abitato, arredato ed amato; una traccia, ancora, per leggere negli occhi di decine di ritratti di cavalieri e di dame le espressioni di fierezza e di dignità di numerosi membri del casato Valperga di Masino, che, contro i Savoia prima, e con i Savoia in seguito, costruirono una buona parte della storia del Piemonte. Il castello di Masino è stato negli anni recenti acquistato e restaurato dal F.A.I. (Fondo per l'Ambiente Italiano), costituito con la generosità di molti appassionati alla loro terra. E' ora museo dell'Arredamento Piemontese dal 1600 alla fine del 1800, vanta inoltre una ricca biblioteca posta nella grande torre centrale.

Per informazioni
Tel. 0125 778100

Castello di Ivrea
E' posto a 55 km a Nord di Torino nel centro storico di Ivrea. L'insediamento difensivo ha origini antichissime, forse addirittura dall'epoca dei Salassi (100 a.C.). - Nel corso del medioevo tutta la zona di Ivrea e del territorio circostante furono sottoposti a varie dominazioni, fra le quali quelle di Federico Barbarossa e quella dei Marchesi del Monferrato. L'iniziativa della costruzione o meglio di una sua ricostruzione nella posizione attuale risulta attribuibile al Conte Verde Amedeo VI di Savoia (XIV sec.). Questa possente costruzione a base trapezia, ha quattro torri rotonde e porta tuttora il nome di Castello delle Quattro Torri; la maggiore ospitava una polveriera che nel 1676 colpita da un fulmine esplose causando gravissimi danni (con 51 morti e 187 case gravemente danneggiate) rimanendo tronca anche ai giorni nostri.
Il castello fu adibito a carcere fino al 1970. E' stato immortalato nell'ode "Piemonte" da Giosuè Carducci ("... con le sue rosse torri si specchia nella cerulea Dora ..."). La storia di Ivrea e del suo castello sono da tempo immemorabile connesse a quella del suo famoso Carnevale.

Per informazioni
Associazione Castello di Ivrea): tel. 0125 44415

Castello di Macello
E' posto a circa 36 km da Torino in direzione Sud-Ovest sulla strada per Pinerolo. Il suo nome deriverebbe da quello italianizzato, un po' arbitrariamente, di una delle ultime famiglie feudatarie proprietarie, Masell di Caresano. Attualmente è di proprietà dei Conti Rogeri di Villanova.
Le origini della costruzione risalgono alla fine del XIV secolo: sulla storia di questo castello non esistono notizie di particolari fatti d'armi, se si esclude il saccheggio del 1798 durante gli sconvolgimenti dell'epoca napoleonica.

Per informazioni
Municipio: tel. 0121 340301

Palazzo Castello di Pinerolo
Quanto rimane di questo castello medioevale, ora palazzo, si trova in posizione dominante sull'abitato di Pinerolo; posto a 35 km a Sud-Ovest di Torino, il primo nucleo del castello fu eretto sulla collina già nel X secolo. Nel 1244 divenne residenza del Conte Tommaso II di Savoia da cui fu cinto con mura munite di sei torri e trasformato in una importante cittadella difensiva, fu poi dei Principi Savoia d'Acaia e nel 1536 fu ulteriormente ampliato dal Re di Francia Francesco I, riconquistato dai Savoia venne poi espugnato dalle armate francesi del Cardinale Richelieu; nel 1696 il complesso fortificato fu quasi completamente demolito per ordine dello stesso Cardinale.
Il castello fu destinato nel XVII secolo per molto tempo a prigione di Stato dei Re di Francia; ad esso è legato il ricordo della prigionia della leggendaria "Maschera di Ferro" nella quale si vollero identificare vari personaggi, fra i quali: Il Conte di Vermantois figlio di Luigi XIV Re di Francia e il Conte Ercole Mattioli segretario del Duca di Mantova. Una lapide posta su una casa nei pressi di un piccolo monumento alla "Maschera di Ferro", eretto nella zona della distrutta cittadella in viale Gabotto (vicino al piazzale della Chiesa di San Maurizio), ricorda la storia di quei lontani eventi. Nelle parti restanti del castello è notevole il porticato interno originario del XII secolo ed il grande salone.

Per informazioni
Municipio: tel. 0121 322802

Castello di Pralormo
Si trova 33 km a Sud di Torino sulla strada per Alba; la sua origine risale al XII secolo. Si presenta con torri rotonde, conserva una vaga struttura militare di epoca trecentesca; si tratta ovviamente di una semplice apparenza perché ora la costruzione ha chiaramente carattere residenziale. Appartiene dal 1830 ai Conti Beraudo di Pralormo.

Per informazioni
Municipio: tel. 011 9481103
Segreteria Castello di Pralormo: tel .011 884870 - 011 8140981 - 011 887040
Email: pralormo.design@libero.it

Castello di Osasco
Il castello è posto a 41 km a Sud-Ovest di Torino e si erge con le sue 4 torri angolari tonde risalenti al sec. XIII. Alla fine del 1600 fu sopraelevato di un piano e contemporaneamente furono abbassate le torri. E' di proprietà dei Conti Cacherano di Osasco, famiglia che annovera insigni personaggi della storia piemontese. Parecchi furono gli assedi che il castello ebbe a subire; curioso è sapere quanto avvenne in quello dei francesi del 1704: la guarnigione del castello (assente il Conte Cacherano) trovate le cantine ripiene di buoni vini, si ubriacò a tal punto da non essere più in grado di provvedere alla difesa, fu la governante dei figli del Conte a dover trattare coi francesi una resa "onorevole" dei soldati ubriachi.

Per informazioni
Tel. 0121.54.11.92

Villa - Castello di Santena
Il castello si trova nell'abitato a circa 20 km a Sud di Torino, costruito nel 1709 è detto anche "castellazzo"; sorge in un parco che divenne poi proprietà dei Benso di Cavour e Santena; fu la casa preferita del grande statista piemontese; all'interno di essa è sistemato un interessante museo gestito dalla fondazione Camillo Benso Conte di Cavour.

Per informazioni
Tel. 011.94.92.578

Fonte: Sito Comune di Torino

 
By Admin (from 23/04/2011 @ 11:00:48, in it - Scienze e Societa, read 2140 times)

Parlare di "residenze Sabaude in Piemonte" è argomento vastissimo; basti considerare, che ne sono state classificate, pur nella loro diversa importanza ben 62! Molte sono le trattazioni e di notevole pregio che illustrano tali dimore. Noi, in questa sede, considerato anche la limitatezza dello spazio, tralasceremo quelle in Torino (Palazzo Reale, Palazzo Madama, Palazzo Carignano, Castello del Valentino, ecc.) e daremo un breve e modesto cenno alle più importanti che fanno corona al capoluogo torinese, sperando di suscitare interesse per una loro visita o rivisita e contribuire un poco a ridare ai nostri concittadini l'orgoglio della propria storia e la conoscenza delle grandi tradizioni della capitale subalpina.

Reggia di Venaria Reale

Il monumentale complesso alle porte di Torino, già definito la piccola Versailles dei duchi di Savoia, fu edificato a partire dal 1658 per volontà del duca Carlo Emanuele II. Fu un simbolo dello sfarzo dei Savoia; reca le importanti firme del barocco piemontese degli architetti Amedeo di Castellamonte, Michelangelo Garove e Filippo Juvarra. I capolavori più notevoli sono la galleria di Diana e la chiesa di Sant'Uberto nonché il padiglione Garovaniano e il torrione progettato da Benedetto Alfieri. Il tutto, anticamente, era compreso in un perimetro di circa 30 km con giardini, viali, boschetti, statue, confinante con la grande tenuta reale della Mandria (ora in parte visitabile).
Ebbe sovente vita travagliata. Nel 1693 le truppe francesi del Maresciallo Catinat la distrussero in buona parte. Fu ricostruita ed ebbe frequentazioni festose fino a quando i Savoia non preferirono la nuova "delizia" di Stupinigi.
Attualmente è visitabile la parte restaurata e sono in programma attività espositive e concertistiche.

Castello di Moncalieri

Questo imponente avamposto in posizione panoramica a Sud di Torino, costruito prima del 1200, fu roccaforte del comune di Moncalieri, poi degli Acaia e infine dei Savoia. Jolanda di Valois, consorte di Amedeo IX, fu l'ispiratrice di un primo ampliamento con le torri angolari.
Passò a splendida vita fra Seicento e Settecento per opera di Carlo e Amedeo di Castellamonte, dello Juvarra e di Benedetto Alfieri.
Alla fine del Settecento, sotto il regno di Vittorio Amedeo III con l'architetto Francesco Martinez assunse le caratteristiche attuali; alla sua regale sontuosità contribuirono i pittori Michele A. Rapous e Angelo A. Cignaroli (figlio di Vittorio) nonché mobilieri insigni come Giuseppe Bonzanigo e Pietro Piffetti. Ebbe anche travagliate vicende storiche.
Vittorio Emanuele II lo fece restaurare nella seconda metà dell'ottocento.
E' dimora fervida di memorie: qui nel 1475 fu firmato il "trattato di Moncalieri" fra Carlo di Borgogna e Galeazzo Sforza; il "Padre della Patria" firmò, dopo l'abdicazione di Carlo Alberto avvenuta nel 1849, il proclama ispirato da Massimo d'Azeglio.
Meritevoli di visita sono gli appartamenti reali, con i ricordi di Vittorio Emanuele II, di Maria Clotilde e di Maria Letizia di Savoia.
Attualmente è anche sede del I° Battaglione dell'Arma dei Carabinieri.

Castello di Rivoli

E' situato su un colle morenico e ha origini antichissime, risalenti al medioevo; nel '400 è fortezza con un Savoia, il Conte Verde.
Emanuele Filiberto vi soggiorna nel 1562, poi il figlio Carlo Emanuele la trasforma in "delizia" con un progetto di Carlo di Castellamonte; semidistrutto nel 1693 dalle armate Francesi, Vittorio Amedeo II affida la ricostruzione all'architetto Michelangelo Garove che muore prima di completarla.
Tocca a Filippo Juvarra continuare l'opera con l'incarico di creare un simbolo della magnificenza reale dei Savoia poi interrotta per difficoltà economiche. Parecchie sale conservano ancora gli affreschi di Isidoro Bianchi, l'appartamento del Re ha decorazioni di Filippo Juvarra e quello del Principe di Piemonte gli affreschi di Giovan Battista Van Loo e gli stucchi del Luganese Piero Somasso.
Attualmente è adibito a Museo d'Arte contemporanea ed esposizioni temporanee.

Castello di Racconigi

Nel '600 era una fortezza circondata da un fossato con quattro torrioni e un mastio. Fu abitato dai marchesi di Saluzzo, dai principi d'Acaia e poi dai conti di Racconigi. Nel 1675 Guarino Guarini lo trasformò in residenza su incarico di Emanuele Filiberto di Savoia Carignano. Carlo Alberto nel 1845 fa ampliare la facciata con due bassi padiglioni a torre dall'architetto Ernesto Melano.
Notevoli sono i suoi interni, particolarmente il salone di Diana disegnato da Giovanni Battista Bona e adornati con stucchi di Giuseppe Boliva.
E' visitabile previo appuntamento telefonico al n.0172/84005. Nella parte retrostante ha un grande parco.

Castello di Agliè

Fu roccaforte medievale; nel '600 Filippo di San Martino, all'apice della sua fortuna mondana e politica (era intimo di Madama Reale e suo consigliere), volle fare di Agliè un gioiello capace di competere con le residenze patrizie che costellavano la piana di Torino. L'artefice fu Amedeo di Castellamonte. Poi iniziò la decadenza; fu anche spogliato e devastato dai francesi nel 1706. Carlo Emanuele III lo acquistò nel 1764 per donarlo al figlio Benedetto Maurizio che lo fece ampliare su progetto di Ignazio Birago da Borgaro. Il magnifico parco che lo circonda è ricordato spesso dal poeta Guido Gozzano.
Successivamente il castello passò in eredità a Carlo Felice, ma fu la regina Maria Cristina a lasciare la sua impronta con la raccolta archeologica della Sala Tuscolana, gli arredi e i dipinti di ispirazione storica.
Nel 1939, con l'acquisto da parte dello stato, il castello di Agliè ha conosciuto un altro lungo periodo di abbandono e degrado dal quale si sta riprendendo in questi ultimi anni. Il castello è visitabile unitamente al magnifico parco. (telefono n. 0124/330102).

Castello o Palazzina di caccia di Stupinigi

Venne edificato su incarico di Vittorio Amedeo II nel 1729 da Filippo Juvarra. E' la dimora Sabauda più gradevole e meglio conservata. Lo Juvarra escogitò l'inconsueta pianta stellare con un salone ellittico al centro e quattro bracci a croce di Sant'Andrea; i successivi ampliamenti con prolungamento del parco e dei bracci in direzione di Torino furono opera degli architetti Prinotto Birago di Borgaro e Antonio Bo (1767-1777).
Molti noti artisti lavorarono a Stupinigi fra i quali i pittori veneti Giuseppe e Domenico Valeriani (1732) per il trionfo di Diana nel Salone centrale (che ha pure un magnifico lampadario di Murano del peso 1400 kg.); Carlo Andrea Van Loo affrescò la camera della Regina e Giovanni Battista Crosato affrescò l'anticappella, Cignaroli e altri dipinsero (1770-1777) le scene di caccia e di svago nella sala degli scudieri.
Il cervo di bronzo che adorna il culmine della palazzina è opera dello Scultore torinese Francesco Ladatte. La palazzina ospita il Museo dell'Arredamento e dell'Ammobiliamento artistico con opere di grandi maestri ebanisti piemontesi come Prinotto e Piffetti.

Villa della Regina

Fu realizzata a partire dal 1620 dall'architetto Carlo di Castellamonte su commissione del Cardinale Maurizio di Savoia. Questa dimora addossata alle prime propagini della collina torinese è disposta su cinque livelli con una serie di terrazze belvedere aperte sul panorama della città e delle Alpi; aveva uno stupendo giardino.
Il cardinale Maurizio, coltissimo e mecenate fondò a Torino fra le delizie della Villa, l'Accademia dei Solinghi, i cui esercizi da buoni torinesi, non consistevano "nel recitar sonetti e madrigali" bensì "in ricerche filosofiche, in dottissime disquisizioni e in ricerche matematiche".
Nel tempo, alla Villa vi lavorarono Amedeo di Castellamonte, Filippo Juvarra e Giovanni Baroni di Savigliano.
La Villa fu dimora prediletta del Cardinal Maurizio, poi delle sovrane Anna d'Orlèans, consorte di Vittorio Amedeo II, e di Maria Antonia Borbone sposa di Vittorio Amedeo III: di qui il nome della dimora è rimasto.
Gravemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale è stata acquistata dalla Provincia di Torino per ospitare, in futuro, mostre e attività culturali. E' stata di recente restaurata e aperta al pubblico..

Fonte: Sito Comune di Torino

 
By Admin (from 19/04/2011 @ 08:00:48, in it - Scienze e Societa, read 1238 times)

Questo singolare veicolo elettrico si guida spostando il baricentro. Una serie di microchip posizionati sulla pedana del guidatore rileva la pressione dei piedi. Quando il peso si sposta verso la punta dei piedi, il veicolo si muove in avanti; al contrario si muove all'indietro quando la pressione si sposta sui talloni. Le curve si effettuano con una barra di comando. Grossi pneumatici consentono di procedere fuori strada e sulla neve.

Chi vuole divertirsi sul percorso a ostacoli, può provare il veicolo tutti giorni, dalle ore 10 alle 12 e dalle 14 alle 22. I bambini di almeno 10 anni d'età possono provare il Segway sul percorso training, mentre alle escursioni possono partecipare anche i ragazzi purché abbiano compiuto almeno 12 anni.

Fonte: austria.info

 
By Admin (from 18/04/2011 @ 14:00:34, in it - Scienze e Societa, read 1994 times)

Lo Starnberger See si trova 20 km a sud di Monaco e oggi è noto soprattutto come il "lago dei vip" data l'altissima concentrazione di ville più o meno sontuose che ospitano esponenti del jet set tedesco, della politica, attori nonché numerosi esponenti delle più prestigiose famiglie aristocratiche tra le quali i Wittelsbach, l'ex famiglia reale bavarese. Tra le più belle si segnalano Villa Waldberta (Höhenbergstraße 25, Feldafing), costruita nel 1901-02 per un banchiere e oggi di proprietà del Comune di Monaco, e il castello di Ammerland, nell'omonima località che si affaccia sul lago.

Il 12 giugno 1886 re Ludwig II, ormai deposto dal trono e dichiarato pazzo da una commissione medica (che mai lo visitò!), venne trasferito da Neuschwanstein al castello di Berg, sullo sponde del lago di Starnberg e ancora oggi di proprietà dei Wittelsbach. Il giorno seguente, 13 giugno, il medico curante del sovrano, il dottor von Gudden, accompagna al pomeriggio Ludwig a fare una passeggiata in direzione del lago, sono soli, nessun infermiere o guardia reale li accompagna... è ormai sera e i due non fanno ritorno, iniziano le ricerche e poche ore dopo re Ludwig II viene trovato morto in acqua. Al suo fianco il corpo senza vita del dottore.

Le circostanze della morte ancora oggi sono oscure: un malore durante un tentativo di fuga? suicidio? omicidio? Sul "luogo del delitto" è stata eretta una Votivkapelle (cappella votiva) e una croce è stata posta all'inizio del '900 da Ludwig III nel punto del lago in cui venne rinvenuto il corpo del sovrano.
Nella sponda opposta del lago si trova la Roseninsel (Isola delle Rose) dove in un delizioso villino ("Casino"), aperto al pubblico da maggio al 15 ottobre tutti i giorni - tranne il lunedì - dalle 12 alle 18, Ludwig ha ricevuto Richard Wagner, la zarina di Russia e si incontrava con l'amata cugina Sissi, che trascorreva le vacanze nel castello di Possenhofen (proprietà privata, non è visitabile) e in seguito, diventata imperatrice, in un elegante albergo a Feldafing, oggi ribattezzato Hotel Kaiserin Elisabeth, che ospita nel parco una statua di Elisabetta.

I due erano soliti lasciarsi delle lettere e delle poesie che venivano poste nel villino pompeiano, tra cui la celebre "Saluto dal mare del Nord" in cui Sissi paragona se stessa ad un gabbiano e Ludwig ad un'aquila. Nell'ex sala di attesa reale della stazione di Possenhofen è allestito un piccolo ma interessante Sissi-Museum.
Nel paese di Bernried, a sud del lago, si trova il Buchheim Museum, ospitato in una moderna struttura che accoglie le collezioni del pittore, fotografo e scrittore Lothar-Günther Buchheim. Tra i capolavori si segnalano opere di Erich Heckel, Ernst Ludwig Kirchner e Otto Dix.
 
Il lago si raggiunge comodamente con la linea S6 della metropolitana e arrivati a destinazione si può fare un giro a piedi o su dei battelli che partono dalla cittadina di Starnberg e fanno il giro di tutto il lago.
 
Nei dintorni del lago, a circa 15 km a ovest di Seehaupt, si trova il paese di Polling nella cui chiesa parrocchiale è custodita e venerata una croce di legno, risalente all'VIII secolo e trovata dal duca Tassilo.
 
La croce è stata rivestita nel 1230-40 con una pergamena, che venne dorata e sulla quale è stato dipinto un Cristo ad altezza naturale. Nel 1700 la croce miracolosa, posta nell'altare maggiore, è stata arricchita da ornamenti rococò.
 
Fonte: tuttobaviera.it

 
By Admin (from 17/04/2011 @ 14:00:47, in it - Scienze e Societa, read 1158 times)

Nel distretto di Spittal non è situato solo il Millstättersee, ma anche il Weissensee, del quale acqua è meravigliosa nonchè bevibile, si trova ad un'altitudine di 930 metri. Le più di 2000 ore di sole e la favorevole temperatura di ben 24° C lo rendono un vero e proprio paradiso nella stagione estiva.

Lo sci nautico, l’immersione subacquea ed anche il salto dello scoglio (tanto amato dai giovani austriaci) Vi aspettano. L’immersione che raggiunge fino ai 20 metri di profondità è davvero unica per i laghi, e Vi vengono offerti dei corsi per provare, corsi speciali ed anche corsi di un giorno solo. Con il motoscafo è possibile provare a praticare il paracadutismo. Un'altra esperienza un pò diversa, ma molto divertente che Vi consigliamo assolutamente è il giro della banana oppure dei gommoni.
 
22 diverse specie di pesci sono presenti nel lago, e per i pescatori ci sarà la possibilità di gelare i pesci proprio subito dopo averli pescati. Il meraviglioso mondo montano intorno al lago con un panorama fiabesco, è anche il punto di partenza per tante escursioni. Quest'ultime vanno dai 930 metri fino ai 2300 metri di altitudine e sono ricchissime di leggende. Anche il nordic walking e la corsa in mountainbike sono praticabili in perfette condizioni.

 
In inverno Vi potrete divertire un mondo andando con gli sci da discesa e con gi sci da fondo. Quando il lago è ghiacciato, si può anche praticare il pattinaggio oppure l'hockey su giaccio.
Tanti hotel ed alberghi così come gli incantevoli paesaggi Vi aspettano. Gli amanti della natura troveranno inoltre un campeggio sul lago.

Fonte: austriavicina.it

 
By Admin (from 16/04/2011 @ 14:00:04, in it - Scienze e Societa, read 1515 times)

Il Millstättersee si trova nel distretto di Spittal e con i suoi 141 metri di profondità, è il lago più profondo della regione.

 

Le attività che esso Vi offre sono innumerevoli, come gli scivoli per bambini, lo sport nautico, il windsurf e la barca a vela, la più grande torre per il salto alta 10 metri, i parchi giochi per i piccoli e molto altro ancora...
Anche il remare sta diventando uno sport sempre più richiesto. In estate le temperature dell’acqua sono molto confortevoli per fare il bagno e divertirsi.
 

 

Oltre a questo, potrete anche fare dei giri in barca sul lago per esplorazioni più rilassati, giri in motoscafo facendo il giro della Banana, l’immersione subacquea ed andare a pesca. Chi non vuole restare sempre in acqua, può divertirsi giocando a tennis, volleyball, golf, oppure andando a cavallo. Intorno al lago potrete oltretutto trovare tante passeggiate e piste per andare in mountainbike, così come un tracciato di go-cart, nonchè la possibilità di praticare il paracadutismo. Inoltre gli hotel e gli alberghi Vi daranno la possibilità di campeggiare sul lago.
 
In inverno il lago si trasformerà in un'incantevole pista di pattinaggio, e potrete anche fare romantiche passeggiate nella natura bianca oppure attraversare le colline delle Alpi in sella ad un cavallo. Tutto ciò sarà sicuramente un completo distacco dallo stress della Vostra routine quotidiana!

Fonte: austriavicina.it

 
By Admin (from 15/04/2011 @ 11:00:21, in it - Scienze e Societa, read 1953 times)

Il capoluogo della Štajerska (Stiria slovena), il secondo centro della Slovenia per importanza, Vi invita nell'abbraccio delle colline vinifere e del verde Pohorje! Proprio ai piedi e lungo i pendii del Pohorje di Maribor si sta sviluppando un'importante area turistica che offre attivita di benessere e altre attivita piu o meno vivaci, d'inverno, d'estate o nelle stagioni intermedie quando la natura o si sveglia o si prepara al riposo.
 
E sulla luccicante superficie del fiume Drava, percorribile anche in zattera, nel centro della citta, ogni giorno si rispecchia la Vite antica, la piu antica vite del mondo. I vasti vigneti che dai margini della citta si arrampicano sulle colline di Maribor, sono percorsi da oltre 50 chilometri di strade del vino, che pullulano di mescite e di agriturismo che con l'ottimo vino locale e gli squisiti piatti allettano gli escursionisti, i ciclisti, i motociclisti e gli automobilisti. L'esplorazione della foresta vergine del Pohorje e delle acque intatte offre esperienze indimenticabili, riservate agli escursionisti, agli amanti dell'equitazione e della bici. Un'atmosfera ancor piu piacevole accompagna le manifestazioni - una delle piu importanti e la tradizionale Volpe d'Oro, gara femminile valida per la Coppa del mondo di sci alpino.
 
Gli abitanti di Maribor sono famosi per la loro ospitalita e la loro organizzazione: il festival internazionale multiculturale Lent nonché varie manifestazioni (Nell'abbraccio della Vite antica, il Settembre musicale, il Battesimo degli zatterieri, il carnevale cittadino, le gare di sci e di altri sport) sono un'ottima opportunita per svariatissime esperienze a Maribor. La vita notturna viene completata anche dal Casino di Maribor. Fate una passeggiata per il fiero centro della Slovenia nordorientale, la città universitaria di Maribor. Testimonia la fiorente storia della citta la ricca architettura dei secoli passati che si riflette nelle facciate delle case, e la citta, malgrado tutte le tempeste del passato, e riuscita a conservare bene il suo centro storico con visibili resti delle mura difensive. Maribor si sta sviluppando in un moderno centro commerciale e in uno dei piu grandi centri turistici del Paese.
 
Lungo il fiume Drava e costeggiando i numerosi caffè, arriverete alla Vite antica sul Lent, la più vecchia vite del mondo, inserita anche nel Guinness dei primati. Permettetevi un rinfrescante relax nelle trattorie o nelle cantine, nutrite anche la vostra anima, visitate musei, gallerie d’arte o una delle numerose manifestazioni. Potrete rilassare corpo e anima nel centro wellness & spa Habakuk oppure presso il centro sanitario e ricreativo Fontana. Abbandonatevi nell'abbraccio di Maribor che Vi offre numerose esperienze, per un'ora, un giorno, una settimana o più! A Maribor tornerete volentieri. ( Fonte: http://www.sloveniabenessere.it)
Editing: Angelo Marcotti
 
INFORMAZIONI MARIBOR
No. abitanti MARIBOR : 116000
Altitudine : 275 m

CLIMA
Clima salubre
Temperatura media estiva : 20 °C
Temperatura media invernale : -1 °C
No. giorni di sole/anno : 266

ACCESSIBILITA DELLA LOCALITA'
Auto : L'autostrada A1 (E 57) che collega Maribor con Graz a nord e con Lubiana a sud-est, attraversa la citta nella sua parte orientale. Da qualsiasi direzione si arrivi in citta, l'accesso e molto semplice e ben segnato (Maribor - center).
Treno : La citta e collegata da vari treni IC con Lubiana, Capodistria, Zagabria (HR), Fiume (Rijeka, HR), Graz (A) e Vienna (A). Da Pragersko c'e il collegamento tramite un IC con Venezia e Budapest (H).
Autobus : Molte linee automobilistiche interurbane ed internazionali collegano Maribor con Lubiana, Lendava, Pirano, Zagabria (HR), Graz (A) e con altre citta.
Aereo : L'aeroporto internazionale di Maribor a Slivnica negli ultimi anni e stato usato come scalo per aerei charter e da aeroporto da allenamento delle compagnie aeree straniere. Qui possono atterrare anche aerei sportivi e privati.
Elicottero : L'eliporto si trova nei pressi dell'albergo Habakuk sotto il Pohorje.

MARIBOR : INFORMAZIONI UTILI
Ufficio postale : Pošta Slovenije, PE Maribor
Partizanska cesta 54, 2000 Maribor
++386 2 449 20 00

Stazione degli autobus : Avtobusna postaja Maribor
Mlinska ulica 1, 2000 Maribor
www.certus.si

Stazione ferroviaria : Slovenske železnice, Železniška postaja Maribor
Partizanska cesta 50, 2000 Maribor
++386 2 29 22 100
www.slo-zeleznice.si

Noleggio automobili : MK ATLAS
Koseskega 19, 2000 Maribor
++386 41 680 940

Centro informazioni turistiche : Zavod za turizem Maribor
Agente Italiano : +39-0543-795968
www.sloveniabenessere.it/maribor_slovenia.asp

TIC 1 : TIC Maribor
Partizanska cesta 6a, 2000 Maribor
++386 2 603 42 11; F:++386 2 234 66 13
info@pohorje.si; tic@maribor.si
www.pohorje.si; www.maribor-tourism.si

TIC 2 : Center naravne in kulturne dedišèine Bolfenk
Na slemenu
++386 2 603 42 11
bolfenk@siol.net
www.pohorje.si; www.maribor-tourism.si

Polizia : Policijska postaja Maribor I.
Vošnjakova ulica 1, 2000 Maribor
113

Poliambulatorio : Zdravstveni dom dr. Adolfa Drolca
Ulica Talcev 9, 2000 Maribor
++386 2 228 62 00

 
By Admin (from 13/04/2011 @ 11:00:02, in it - Scienze e Societa, read 1605 times)

La città di Berchtesgaden (ca. 8.000 abitanti) è situata nel sud-est della Baviera, a pochi km dal confine con l'Austria; fino al 1809 era sotto il dominio del potente principe-vescovo di Salisburgo. E' una tipica città della Baviera, con un elegante e molto colorato centro storico: case riccamente decorate da affreschi e fiori, negozi di tipici prodotti locali, birrerie...

Questa celebre località alpina si trova ai piedi del monte Watzmann (2.713 m) e vanta un'antica e gloriosa storia: per secoli è stata infatti uno dei capisaldi della via del sale, grazie alle miniere saline che tuttora si possono visitare con un avventuroso percorso guidato che comprende la visita ad un lago sotterraneo, ed un importante feudo religioso.
 
A partire dal 1102 i Canonici Agostiniani edificarono un vasto complesso conventuale e la Stiftkirche (abbazia di St. Peter und Johannes), caratterizzata da un esterno in stile romanico e da un severo interno in stile gotico. Con la secolarizzazione di inizio Ottocento, il convento è passato ai Wittelsbach che lo hanno trasformato nel 1810 in una residenza per le vacanze.
Ancora oggi una parte del castello è abitata dai membri dell'ex famiglia reale bavarese mentre una parte è aperta al pubblico. Dal 1922 al 1933 qui ha vissuto il principe ereditario Rupprecht (1869-1955), figlio di re Ludwig III. Le visite guidate si svolgono da Pentecoste al 15 ottobre dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16 (tranne sabato) mentre dal 16 ottobre a Pentecoste solo alle 11 e alle 14 (tranne sabato, domenica e festivi).

 
Da vedere inoltre la barocca Pfarrkirche, il Rathaus (municipio) e la Franziskanerkirche, costruita nel 1480 per gli Agostiniani e passata ai Francescani nel 1695.
 
Fuori dall'abitato meritano una visita la parrocchiale di Ramsau, nell'omonimo paese, e il piccolo e grazioso santuario di Maria Gern, due attrazioni-cartolina della Baviera spesso ritratte in libri e depliant turistici come simbolo del perfetto connubio che regna nella regione tra arte e natura.

Fonte: tuttobaviera.it

 
By Admin (from 12/04/2011 @ 08:00:56, in it - Scienze e Societa, read 1597 times)

Adagiata sul fiume Abens e a pochi km dal Danubio e dalla città di Neustadt, Bad Gögging è una rinomata località termale e benessere della Baviera orientale.

 
Qui troverete una vacanza ricca di esperienze nuove: la scoperta dell'acqua come elisir di lunga vita, il quieto girovagare fra boschi e campi in un paesaggio che si rivela specchio dell'anima, tempo da dedicare a se stessi, al corpo ed alla mente affaticati dallo stress quotidiano: Bad Gögging significa avere tempo per sé e scegliere di affrontare le giornate con calma, come un rimedio terapeutico, e fare una volta tanto quella pausa tanto necessaria per poi rimettersi al passo con i ritmi sostenuti della quotidianità.

 
A Bad Gögging, dove il Limes, noto anche come Vallo Retico, terminava per lasciar spazio all'ampio baluardo fluviale del Danubio, i soldati romani costruirono uno dei complessi termali più grandi a nord delle Alpi: quanto vediamo oggi negli scavi del Römisches Museum è una parte piccola ma significativa di quanto Bad Gögging cela tuttora sotto le fondamenta dei suoi edifici. Il castrum Abusina, nell'odierna Eining, tuttavia, è stato riportato alla luce: una passeggiata in quest'area consente di ammirarne da vicino le fondamenta in pietra.
 
Il Limes termina vicino ad Hienheim, dove la tradizionale zattera trasporta ancor oggi ciclisti ed escursionisti da una sponda all'altra del Danubio, come in passato; qui è stata ricostruita una delle tipiche torri di guardia del Limes. Un'altra ricostruzione si trova in centro a Bad Gögging: molto più grande ed interamente realizzata in pietra, ospita al suo interno l'elegante sauna del moderno centro termale Limes-Therme.
 
Nessun'altra località termale in tutta la Baviera può vantare la presenza di questi tre preziosi elementi curativi naturali di riconosciuta efficacia: sorgenti sulfuree, fanghi termali e acqua minerale termale. Le sorgenti sulfuree erano già note agli antichi Romani, che ne utilizzavano l'acqua per curare la pelle, le articolazioni ed anche la tanto temuta gotta; probabilmente conoscevano anche l'effetto terapeutico dei fanghi.
 
Maggio e giugno sono i mesi degli asparagi: raccolti nelle campagne circostanti arrivano freschi nelle cucine dei ristoranti, che li trasformano in piatti leggeri e saporiti… una cura primaverile che inizia proprio a tavola. Magari anche con l'insalata di germogli di luppolo, una delicata specialità locale: non per nulla qui siamo nella regione di produzione del luppolo per antonomasia.

 
Bad Gögging è circondata da campagne: le oche e le anatre della regione si possono gustare anche alle sagre, ed i lucci, i salmerini e gli altri pesci appena pescati dai fiumi e dai ruscelli della zona sono una vera tentazione… per non parlare poi dell'arrosto di maiale con i canederli in salsa di birra, uno dei piatti forti della cucina bavarese, da assaporare magari in un "Biergarten", una delle tradizionali birrerie all'aperto, all'ombra di castagni secolari.
 
Basta poco per raggiungere la città di Neustadt a piedi o in bicicletta attraverso il parco cittadino, ed è sempre possibile passeggiare, fare shopping, bere un caffè o esplorare il centro storico con le sue viuzze medievali e le mura di cinta. E percorrendo ancora un paio di chilometri con una bella passeggiata si raggiunge Abensberg: nel XVI secolo quest'antica cittadina diede i natali allo storico Johann Turmair, detto anche Aventinus, autore della prima cronaca bavarese e stimato precettore di corte.
 
Gli ospiti che desiderano conoscere meglio il luogo in cui soggiornano, inoltre, possono prendere parte alle visite guidate a Bad Gögging e nei birrifici, dedicarsi alla ricerca di funghi con guide esperte oppure partecipare ad escursioni guidate alla scoperta dei dintorni: a pochi chilometri di distanza sorgono Regensburg e Ingolstadt. Nel Parco Naturale dell'Altmühltal vi è, ad esempio, la cittadina vescovile di Eichstätt, dove gotico e barocco si uniscono in un ensemble unico; da non perdere nemmeno l'abbazia di Weltenburg e Kelheim, antica capitale del ducato di Baviera adagiata sul Danubio, dove re Ludwig I fece edificare la Befreiungshalle, il padiglione della liberazione a ricordo della fine delle guerre contro Napoleone.

Fonte: tuttobaviera.it

 
Ci sono 457 persone collegate

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Asia shares pause near high ground, oil jumps on Libya shutdown

China confirms spread of coronavirus as new cases surge

South Korea confirms first case of new coronavirus in Chinese visitor

Police arrest organizer of Hong Kong protest after rally turns violent

'Parasite' scores historic upset at SAG awards, boosting Oscar chances

49ers and Chiefs to clash in Super Bowl after conference wins

Ultimele articole - Antena3.roVremea se schimba începând de mâine. Anuntul-surpriza facut de meteorologi

HOROSCOP pentru saptamâna 20-26 ianuarie. Începe sezonul Varsatorului! Gemenii sunt creativi ?i eficien?i, Leii au parte de noroc

BLUE MONDAY. 20 ianuarie este cea mai deprimanta zi a anului 2020. E lunea cu cel mai mare risc suicidar

HOROSCOP 20 ianuarie, cu Camelia Patrascanu. Certuri conjugale pentru Gemeni, conflicte la Pesti

Prostituate românce care taxau clien?ii cu POS-ul, prinse în Italia

Planul PSD pentru demiterea Guvernului. Ponta ar putea înclina balanta spre o tabara sau alta





20/01/2020 @ 08:18:47
script eseguito in 1141 ms