Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
\\ Home Page : Articolo
Dove sono le armi chimiche in Italia? Il golfo di Napoli, l'Adriatico di fronte a Pesaro e Colleferro. Sono solo alcune delle aree pericolose, ereditŕ della Seconda Guerra Mondiale.
By Admin (from 24/04/2012 @ 08:08:25, in it - Osservatorio Globale, read 2059 times)

Molfetta, Lago di Vico e Colleferro. Ai siti tristemente noti come bacini di inquinamento derivante da armi chimiche, se ne aggiungono altri, come quello del golfo di Napoli o del mare Adriatico di fronte a Pesaro. A suggerirlo sono i documenti militari consultati dall’associazione ambientalista Legambiente, che domani presenterà in Senato il dossier nazionale Armi chimiche: un’eredità ancora pericolosa. In attesa di conoscere la mappa dettagliata dei siti a rischio, e le tecniche di monitoraggio e di bonifica necessarie a contenere i pericoli, Repubblica svela in esclusiva i luoghi e le storie (militari) portati alla luce dal report di Legambiente.

Si scopre così che a essere a rischio sono soprattutto gli ambienti e le popolazioni dell’ Italia centro meridionale, dove giacciono dalla Seconda guerra mondiale sostanze tossiche, irritanti e cancerogene come l’ iprite, la lewisite, l’ arsenico e il fosgene. Ma se da un lato si conosce, almeno in parte, che faccia abbia il pericolo, dall’altra manca ancora di capire esattamente quanto grande esso sia, vale a dire di conoscere le quantità di armi chimiche abbandonate sul suolo o seppellite sotto terra o in fondo al mare. L’unico modo per provare a capire l’entità del fenomeno è consultare i documenti militari. Esattamente quello che ha fatto Legambiente.

Si scopre così che i tedeschi, in ritirata incalzati dall’avanzata anglo-americana, scaricarono nel mare di fronte a Pesaro circa 4.300 bombe chimiche contenenti 1.316 tonnellate di iprite, cui si aggiungono 84 tonnellate di testate all’arsenico. Mentre subito dopo la fine del conflitto mondiale, sarebbero stati gli americani a utilizzare il Golfo di Napoli come sito per discarica, gettandovi bombe al fosgene, alla lewisite, proiettili (13mila) e barili all’iprite (438). Come spiegano Repubblica e Veleni di Stato, i dati arrivano dai cosiddetti rapporti Brankowitz, documenti militari resi pubblici e poi secretati di nuovo (durante l’amministrazione Clinton e poi quella di Bush, rispettivamente). 

Ma oltre al Golfo di Napoli e al mare Adriatico di fronte a Pesaro, il dossier di Legambiente mette in luce altri particolari di siti a rischio chimico più noti, già presi in considerazione da studi di monitoraggio e bonifica. Č il caso del basso Adriatico, che oltre alle bombe chimiche disperse in mare durante il secondo conflitto mondiale, nel 1999 è diventato anche il bacino di quelle sganciate dalla Nato durante la guerra in Kosovo. Per questa zona inoltre è stato già possibile stimare in parte il danno causato dall’inquinamento chimico (da iprite e arsenico) sui pesci, cui ora la regione Puglia cerca di rimediare con fondi destinati al ripopolamento.

Infine la mappa del rischio colpisce anche zone in passato dichiarate bonificate, in cui più recentemente è stata rivelata la presenza di inquinanti. Č il caso di Ronciglione, cittadina del viterbese sul lago di Vico, che in passato, durante il fascismo, ospitò fabbriche per la produzione di armi chimiche. E sempre legato all’industria è il caso di Colleferro, in provincia di Frosinone, dove però, a differenza di Ronciglione, la produzione di armi chimiche non sarebbe così lontana nel tempo (con  rifornimenti diretti in tempi recenti verso l’Iraq e la Libia, come riportano Repubblica e Veleni di Stato).  

Fonte: Wired.it

Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa  Share
Cannabis seeds, Autoflowering seeds, Greenhouse, Sweet Seeds, Dutch Passion
comments powered by Disqus
 
Nessun commento trovato. No comments found. Nici un comentariu găsit.

Anti-Spam: dial the numbers CAPTCHA
Text (max 5000 characters)
Nome - Name - Nume
Link ( OPTIONAL - visible on the site - NOT a must )


Disclaimer
Tuo commento sarŕ visibile dopo la moderazione. - Your comment will be visible after the moderation. - Comentariul tău va fi vizibil după moderare.
Ci sono 4313 persone collegate

< settembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo





19/09/2021 @ 16:39:53
script eseguito in 781 ms