\\ Home Page : Articolo : Stampa
La crisi del sistema porta con sť la fine del lavoro? Lavoro: sta semplicemente finendo, in tutto il mondo.
By Admin (from 09/01/2013 @ 04:03:50, in it - Osservatorio Globale, read 2198 times)

Lavorerai con sudore, partorirai con dolore". Chissà se la maledizione biblica vedeva un collegamento tra le due cose. Che sia per l'aumento della popolazione, o per la crisi economico-finanziaria, la situazione del lavoro è tragica per tutto il pianeta.

In Italia, le notizie recenti riportano come la disoccupazione stia crescendo a livelli record, e che il 2013 sarà se possibile anche peggio. Dagli USA, arrivano notiziole di poco valore che dovrebbero essere confortanti, la disoccupazione in calo per miseri 146 mila posti di lavoro creati a novembre.

Employment-Population-Ratio-2012.png

Se invece, come piace a noi, guardiamo i dati da una distanza un po' meno vicina che ieri mattina, ecco il drammatico grafico in apertura che si riferisce proprio agli States. Un crollo senza possibilità di scuse. Un Paese che, dal 95% di occupati del 1969, è passato a poco più del 58; dove un quarto della popolazione vive intorno alla soglia di povertà, dove chi lavora spesso deve fare tre lavori al giorno per arrivare a fine mese, dove i laureati lavorano gratis. La classe media è completamente distrutta.

Altrove non va meglio. In Spagna i senza lavoro sono 5 milioni, in Francia la disoccupazione è cresciuta al 10,3% nel terzo trimestre, in Grecia è al 26. Persino in Cina decine di migliaia di laureati e diplomati si affollano in file di ore per la speranza di un colloquio, mentre l'economia rallenta (guardate le foto, impressionanti).

La sensazione è che stia finendo il lavoro. Non ce n'è più per tutti, qualsiasi cosa si faccia, qualsiasi preparazione si abbia, qualsiasi capacità o conoscenza si sia in grado di offrire. E questa è probabilmente la prospettiva più agghiacciante nella fine del nostro sistema.

Fonte: crisis.blogosfere.it - Autore: Debora Billi