Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Principalul sindicat al politiei elene ameninta ca va solicita emiterea unor mandate de arestare pe numele membrilor delegatiilor UE si FMI, si BCE care tot fac "inspectii" la Atena, sub acuzatia ca acestia propun masuri de austeritate profund nepopulare, scrie cotidianul "The Guardian".

Conform unei scrisori obtinute de Reuters, Federatia Politiei Elene îi acuza pe reprezentantii CE, BCE si FMI de "santaj si erodarea democratiei si suveranitatii nationale" a Greciei. Sindicatul ameninta ca ar putea cere un mandat de arestare pe numele sefului delegatiei FMI la Atena, Poul Thomsen.

Amenintarea este simbolica deoarece mandatele de arestare trebuie aprobate de judecatori. Totusi, situatia reflecta furia cetatenilor greci fata de noile masuri de austeritate solicitate de Troica formata din BCE, CE si FMI pentru acordarea unui nou împrumut destinat evitarii intrarii Greciei în incapacitate de plata.

Poliţia nu mai vrea să lupte împotriva protestatarilor

În scrisoarea adresata sefului misiunii BCE în Grecia, Klaus Masuch, sindicatul politistilor greci se mai spune: "Dat fiind ca mentineti aceasta politica destructiva, va avertizam ca nu puteti sa ne faceti sa luptam împotriva fratilor nostri. Refuzam sa stam împotriva parintilor nostri, fratilor, copiilor si altor cetateni care protesteaza cerând schimbarea acestor politici".

Creditorii vor si mai multa austeritate în schimbul banilor

Ministrii de Finante din zona euro au decis joi seara la Bruxelles sa amâne pâna miercuri autorizarea unui nou plan de asistenta financiara pentru Grecia, punând acestei tari mai multe conditii, printre care si realizarea de noi economii la buget, a anuntat presedintele Eurogrupului, Jean-Claude Juncker, citat de AFP.

O noua întâlnire a ministrilor de Finante din statele zonei euro este prevazuta pentru miercuri, în cursul acesteia fiind asteptata aprobarea noului plan de asistenta pentru Grecia, sub rezerva îndeplinirii conditiilor de catre aceasta din urma. Prima conditie este ca Parlamentul grec sa aprobe, pâna duminica, planul de austeritate pe care guvernul de la Atena l-a convenit cu Troica.

În plus, pâna miercuri, guvernul grec trebuie sa identifice economii suplimentare de 325 de milioane de euro în bugetul pentru anul 2012, a precizat Juncker. Ultima conditie este ca partidele politice care formeaza coalitia de guvernare din Grecia sa furnizeze "garantii politice serioase" pentru sprijinirea planului de austeritate, a mai subliniat presedintele Eurogrupului, care a recunoscut ca în cursul reuniunii ministrilor de Finante din zona euro au existat "schimburi vii de opinii", fara sa ofere detalii.

În baza noului plan de asistenta financiara, Grecia ar urma sa primeasca împrumuturi în valoare de circa 130 de miliarde de euro.

Sursa: Adevarul.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Un altro duro colpo per chi sta cercando di smettere di fumare in mezzo a mille difficoltà: le terapie di sostituzione della nicotina (in inglese Nrt, Nicotine Replacement Therapies) non funzionano come dovrebbero. Cerotti e gomme alla nicotina, infatti, non sembrano efficaci, nel lungo periodo, per aiutare i fumatori ad abbandonare le bionde, anche quando combinati con il supporto psicologico di consulenti.

Lo studio poco incoraggiante proviene dai ricercatori della Harvard School of Public Health e della University of Massachusetts Boston, ed è stato pubblicato sulla rivista Tobacco Control. Introdotta per la prima volta in Svizzera 25 anni fa, l’obiettivo della terapia di sostituzione della nicotina è quello di fornire all’organismo nicotina per compensare la dose abituale quotidiana che viene a mancare con l’astensione dal fumo.  “Sulla base di questo studio, possiamo dire che le Nrt non producono i risultati sperati. E la Food and Drug Administration dovrebbe limitarsi ad approvare solo quei presidi farmaceutici che sono realmente efficaci e che effettivamente aiutano a smettere di fumare sul lungo termine abbassando progressivamente la nicotina in modo da ridurre la dipendenza dalle sigarette”, ha spiegato Gregory Connolly, co-autore dello studio.

La ricerca ha coinvolto 787 fumatori adulti del Massachusetts che avevano di recente smesso di fumare. I partecipanti sono stati monitorati in tre periodi di tempo: 2001-2002, 2003-2004 e 2005-2006. Ai volontari era stato chiesto se usassero una qualche forma di terapia di rimpiazzamento della nicotina (gomme, inalatori alla nicotina, sprai nasali) e qual era stato il periodo più lungo in cui avevano usato questi prodotti con continuità. Inoltre, è stato anche loro chiesto se si fossero rivolti a un qualche servizio di counseling. I risultati dell’indagine non sono stati positivi: circa un terzo dei volontari, in ogni periodo d’osservazione, era ricaduto nel vizio e gli scienziati non hanno trovato (in quei volontari che avevano seguito una NRT per almeno sei settimane) nessun effetto benefico dovuto al lavoro del counselor. Inoltre, non c’erano nemmeno differenze nei risultati delle Nrt fra fumatori leggeri e pesanti.

“Questo studio mostra che le Nrt, nel lungo termine, per smettere di fumare non sono più efficaci della decisione di chiudere con le sigarette che si può prendere in proprio, senza altri aiuti”, ha aggiunto Hillel Alpert del Harvard School of Public Health e primo autore dello studio. La ricerca si inserisce nel filone di studi che riguarda le Nrt e che mostra un certo scetticismo nei confronti di cerotto, gomme, inalatori e spray, che vengono mostrati come prodotti aventi tutti più o meno lo stesso livello di efficacia e nessuno dei quali è capace di essere risolutivo nel lungo termine.

Per esempio, quello di Scott Leischow, ricercatore dell’ Università dell’Arizona, che già nel 1999 pubblicò un articolo sull’ American Journal of Health Behavior in cui esponeva i risultati di uno studio da cui emergeva che i cerotti alla nicotina producessero basse percentuali di abbandono - del  4-5 per cento - in un anno, cioè  il tasso di cessazione dal fumo che si verifica spontaneamente.

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Greece's largest police union has threatened to issue arrest warrants for officials from the country's European Union and International Monetary Fund lenders for demanding deeply unpopular austerity measures.

In a letter obtained by Reuters Friday, the Federation of Greek Police accused the officials of "...blackmail, covertly abolishing or eroding democracy and national sovereignty" and said one target of its warrants would be the IMF's top official for Greece, Poul Thomsen.

The threat is largely symbolic since legal experts say a judge must first authorize such warrants, but it shows the depth of anger against foreign lenders who have demanded drastic wage and pension cuts in exchange for funds to keep Greece afloat.

"Since you are continuing this destructive policy, we warn you that you cannot make us fight against our brothers. We refuse to stand against our parents, our brothers, our children or any citizen who protests and demands a change of policy," said the union, which represents more than two-thirds of Greek policemen.

"We warn you that as legal representatives of Greek policemen, we will issue arrest warrants for a series of legal violations ... such as blackmail, covertly abolishing or eroding democracy and national sovereignty."

The letter was also addressed to the European Central Bank's mission chief in Greece, Klaus Masuch, and the former European Commission chief inspector for Greece, Servaas Deroose.

Policemen have borne the brunt of the anger of massed protesters who frequently march to parliament and clash with police in riot gear. Chants of "Cops, pigs, murderers!" are regularly hurled at policemen or scribbled on walls.

Thousands turned out Friday for the latest protest in Athens, this time against new austerity measures that include a 22 percent cut in the minimum wage.

A police union official said the threat to 'refuse to stand against' fellow Greeks was a symbolic expression of solidarity and did not mean police would halt their efforts to stop protests getting out of hand.

Source: Reuters - Reporting by Lila Chotzoglou, Writing by Deepa Babington, editing by Tim Pearce.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 16/02/2012 @ 08:05:36, in ro - TV Network, read 1328 times)

Mogees este un mic dispozitiv care, aplicat pe orice suprafata solida, transforma vibratiile acesteia în sunete, oferind oricui un mod cu totul nou de a se exprima prin muzica... inclusiv celor care nu au niciun fel de cunostinte muzicale.

Cum să faci un instrument muzical din... orice (VIDEO)

Mogees - "Mosaicing Gestural Surface" - cuprinde un mic microfon de contact care, lipit pe o suprafata oarecare, transforma în sunete vibratiile generate de atingerea suprafetei respective. Diferitele tipuri de interactiuni cu suprafata (frecarea, lovirea cu degetele, zgârierea) genereaza diferite tipuri de sunete.

Vibratia poate fi transformata direct în sunet sau poate fi utilizata pentru a selecta, dintr-o baza de date, o secventa audio de acelasi tip, care este si ea cântata instantaneu, oferind utilizatorului o experienta muzicala în timp real.

Mogees a fost creat de Bruno Zamborlin în contextul unui proiect de doctorat în arta si tehnologii informatice, în cadrul unei colaborari între Institutul de Cercetare si Coordonare în Acustica si Muzica, din Franta, si Universitatea din Londra - Goldsmiths.

În videoclipul urmator vedeti cum se poate cânta, cu ajutorul lui Mogees, la o varietate de "instrumente muzicale" noi: la fereastra, la oglinda, la copac sau la balon.

Sursa: gizmag - via descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

This would include what is referred to as the "exome," But as University of North Carolina at Chapel Hill medical geneticists point out, this avalanche of information also includes the totality of one's genetic mutations and as such arrives with both promise and threats associated with its use.

James P. Evans, MD, PhD is the Bryson Distinguished Professor of Genetics and Medicine at UNC and is a member of the Lineberger Comprehensive Cancer Center. He is also editor-in-chief of Genetics in Medicine, the journal of the American College of Medical Genetics. "What you're now dealing with is a real medical test, one that has the power to help, hurt and to confuse. I believe we need to think carefully about how to best use it and how that use should be regulated in order to maximize benefit and minimize harm," he said.

In a commentary published in JAMA on Wednesday, Dec. 7, 2011, Evans and UNC co-author Jonathan S. Berg, MD, PhD, Lineberger member and assistant professor of genetics and medicine, argue that whole genome and whole exome sequencing technology "will routinely uncover both trivial and important medical results, both welcome and unwelcome … and presents the medical community with new challenges."

"What we have had up until this point with direct-to-consumer genetic testing, despite all the hoopla, was arguably rather trivial from the standpoint of either benefits or threats. It was a fairly worthless technology because it really didn't give people medically significant findings," Evans said.

"Now we are entering an entirely different era due to the advent of robust sequencing technology. We have now the potential to tell people very real and important things about their genomes. Some of those things can be very useful and very welcome if acted upon in the right way, but some of that information may not be very welcome to people: being at high risk for an untreatable disease such as dementia, for example."

As to regulation, Evans and Berg suggest that it need not be draconian but must be nuanced. "Basically, what we call for is that this new generation of medical testing be treated like other medical tests that involve complex medical information – and that there should be a reasonable expectation that an individual who gets it done has some relationship with a qualified care provider."

That person doesn't need to be a physician, Evans adds. "There are genetic counselors capable of dealing with this. But it must be a person not employed by the company or laboratory doing the testing since that invites egregious conflict of interest."

As physicians pledged to avoid causing harm, the authors acknowledge the inevitable tension that exists between paternalism and the reasonable protection of people. They point to three compelling arbiters of whether the acquisition of medical information should require a relationship with a healthcare professional: the information's complexity, ability to mislead and potential for harm.

"The advent of next generation sequencing technology marks a threshold at which genomic testing easily meets these bars," they state.your complete set of protein-coding sequences.

Source: Medical Xpress

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Ci sono immagini che non si possono dimenticare. All'alba della grande depressione del 1929, vedere una schiera di lavoratori alienati costretti a marciare in un tunnel sotterraneo deve aver fatto una certa impressione. Era il 10 gennaio 1927, e sugli schermi dei cinematografi di Berlino veniva proiettato per la prima volta il film muto Metropolis. Oltre a essere uno dei capolavori indiscussi del regista austriaco Fritz Lang, la pellicola ha contribuito alla nascita del cinema fantascientifico.

Il male all'operaMetropolisIl golem 

Prima ancora che la Germania sprofondasse nell'incubo nazista, la repubblica di Weimar aveva dato largo spazio alle produzioni artistiche di qualità, e la pellicola di Lang è senza dubbio uno dei prodotti più significativi dell'epoca. La storia è ambientata in una megalopoli governata da una classe dirigente dispotica, una sorta di super città futuristica che prospera sullo sfruttamento dei lavoratori più poveri. Un misto di anticapitalismo, tradizione biblica e leggende ebraiche infusi in un capolavoro di due ore e mezza.

Il fulcro della narrazione ruota intorno all'inganno messo in atto dal perfido scienziato Rotwang in combutta con il reggente della città, Fredersen, che teme una rivolta operaia. Per soffocare l'impeto di ribellione, Rotwang rapisce Maria, leader ispiratrice dei lavoratori, e ne clona l'aspetto servendosi di un androide (o meglio ginoide, visto che ha apparenza femminile) ai suoi comandi: un  golem senza cuore sguinzagliato per la città con il solo scopo di seminare la discordia e gettare in rovina l'intera Metropolis.

Il film – girato allora con un budget astronomico di quelli che adesso sarebbero 15 milioni di dollari – è stato anche un grande laboratorio di effetti speciali. Le riprese sul set della megalopoli sono state girate grazie a una tecnica chiamata effetto Schüfftan, che attraverso un gioco di specchi permetteva di ricreare scenografie imponenti con spese minime. Inoltre, per volere di Lang, l'attrice protagonista Brigitte Helm interpretò sia la parte di Maria che quella del robot, indossando un costume futuristico realizzato su misura. Dettagli a parte, il costume della Helm era tanto scomodo e opprimente da procurarle tagli e abrasioni su tutto il corpo.

Nonostante il grande impatto visivo e la trama visionaria, la pellicola di Lang non riscosse un grande successo in Germania. Alla critica non era piaciuta affatto la forte carica retorica del film, a tratti considerata quasi eccessiva. Deve essere proprio per questi motivi che il film entusiasmò ben altri personaggi: Adolf Hitler e Joseph Goebbels rimasero piacevolmente colpiti dal potere espressivo di Metropolis.

L'improvviso interesse mostrato nei confronti della sua opera da parte degli esponenti del partito nazional-socialista disgustò profondamente Lang.

In seguito all'ascesa del nazismo il regista, nel timore di essere perseguitato per le proprie origini ebraiche, lasciò il paese e fuggì prima a Parigi (1934) e, successivamente, negli Stati Uniti. Si lasciò alle spalle anche il matrimonio con l'attrice Thea von Harbou – simpatizzante filonazista – con cui aveva scritto il soggetto del film.

Per fortuna, negli Stati Uniti Metropolis aveva riscosso un successo strepitoso e per Lang fu facile sfruttare il successo della sua opera per diventare un grande regista di Hollywood. Tuttavia, nelle sale americane (come in quelle europee) furono diffuse fin da subito delle versioni pesantemente ritoccate. Oltre ad accorciare le 2 ore e mezza di film, i cinema avevano deciso di proiettare la pellicola a 24 fotogrammi al secondo (fps) piuttosto che a 16 fps. Dopo aver sconvolto il ritmo del film, anche il montaggio subì delle modifiche estese, che portarono alla eliminazione di intere scene.

Nonostante tutto, Metropolis si affermò come una delle icone del XX secolo. I Queen inclusero vari spezzoni del film nel video del loro singolo Radio Ga Ga, mentre il mondo del cinema trasse ispirazione da più di uno dei personaggi della pellicola: basta pensare alla somiglianza tra Maria e C-3PO (il robot di Star Wars). La consacrazione definitiva della pellicola di Lang avvenne nel 2001, quando l'Unesco riconobbe come patrimonio dell'umanità una versione del film molto rispondente all'originale ricostruita grazie al lavoro della Friedrich Wilhelm Murnau Foundation. Sette anni più tardi, negli archivi del Museo del Cine di Buenos Aires vennero ritrovati dei negativi originali che si pensavano ormai perduti. Dopo una lunga opera di restauro, Metropolis venne proiettato al festival di Berlino nel 2010 in una versione da 154 minuti con tanto di colonna sonora eseguita dal vivo. Un vero spettacolo.

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Tinând cont de nivelul sperantei de viata, care este în continua crestere, cercetatorii spera sa gaseasca o cale prin care sa stopeze deteriorarea cognitiva.

Capacităţile cognitive scad mai repede decât am fi crezut

Capacitatile cognitive încep sa scada dupa vârsta de 45 de ani, nu dupa 60, cum se credea initial, sustine un studiu publicat în British Medical Journal.

Cercetarea a fost realizata de specialistii de la Centre for Research in Epidemiology and Population Health din Franta, în colaborare cu cei de la University College din Londra si a inclus 5.198 de barbati si 2.192 de femei care, începând din 1997, au fost monitorizati timp de 10 ani.

Voluntarii erau functionari publici din Londra cu vârste cuprinse între 54 si 70 de ani. De-a lungul studiului ei au fost testati de trei ori pentru a li se verifica memoria, vocabularul si abilitatile de întelegere vizuala si orala.

Astfel s-a constat ca declinul capacitatii de întelegere începe mai devreme decât se credea initial, cifrele indicând o scadere a capacitatilor cognitive de 3,6 procente la barbatii cu vârste cuprinse între 45 si 49 de ani si de 9,6% la cei cu vârste între 65 si 70. Pentru femei scaderea a fost de 3,6 procente, respectiv 7,4.

Scaderea capacitatilor cognitive este un lucru des întâlnit la persoanele de vârsta mijlocie (între 45 si 49 de ani). Acum, ca au reusit sa demonstreze acest lucru, specialistii spera sa poata crea alte studii prin care sa opreasca deteriorarea cognitiva. Gasirea unei metode de stopare a deteriorarii cognitive este deosebit de importanta în conditiile în care nivelul sperantei de viata contina sa creasca.

Sursa: AFP - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Prima sa destinatie a fost Londra, urmând ca alte orase din alte 16 tari sa fie apoi vizitate si imortalizate în pozele sale pe care le-a efectuat în mai bine de 343 de zile.

Ocolul Pământului în 290 de secunde (VIDEO)

La sfârsitul calatoriei sale, Lam a realizat montajul de mai jos, care poarta numele "Time is Nothing" (Timpul nu înseamna nimic). Montajul are 4 minute si jumatate si este alcatuit din 6.237 de imagini îmbinate perfect pentru a reda calatoriea fotografului.

 

De-a lungul calatoriei sale de 40.000 de kilometri, Lam a vizitat locuri din Anglia,Statele Unite, Franta, Portugalia, Spania, Maroc, Egipt, Turcia, Japonia, Thailanda, Indonezia, Japonia, Argentina, Uruguay, Chile, Bolivia si Peru. Cu ajutorul unei singure camere digitale cu lentile interschimbabile el a imortalizat o parte din cele mai cunoscute peisaje din lume.

Desi fiecare destinatie a primit aproximativ 4 secunde în video, Lam a reusit sa imortalizeze agitatia si încântarea turistilor.

Sursa: Daily Mail - Sursa foto: Kien Lam - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

These synthetic cricket hairs can now also be tuned very precisely for a certain range of frequencies: the hairs are 10 times more sensitive in this range. The researchers of the MESA+ Institute for Nanotechnology are presenting these new results in the scientific journal Applied Physics Letters.

Just as you always hear your own name if it is spoken at a busy gathering, these synthetic cricket hairs also suddenly become more sensitive to a specific frequency of air flow. The hair itself does not have to be modified for this, the enhanced sensitivity is achieved by adjusting its spring stiffness electronically.

The synthetic cricket hair is an example of biomimicry, the hairs on a cricket’s abdomen – on the projections known as ‘cerci’ - form the source of inspiration. These hairs enable the cricket to feel/hear the approach of its enemies and estimate their distance and direction unerringly. These characteristics can be simulated by making a hair that is suspended in a flexible microsystem. The hair is made of polymer SU8, is 0.9 millimetre in length and is thicker at the base than at the top. The smallest movements are registered by the flexibly-suspended plate to which the hair is attached; the electrical capacity changes as a result and gives a measure for the movement.

You could enhance sensitivity by using another type of hair that is not as stiff, but Harmen Droogendijk discovered that it is also possible to adjust the spring stiffness of the hair in question electronically. He investigated the alternating voltage needed to get the hair, or spring, ‘limp’ at the required moment, thus making it extra sensitive to the related frequencies. The effect is substantial: a hair is 10 times more sensitive at the adjusted frequency.

This makes the sensor more easily applicable without having to alter the design. Potential applications include direction sensors used by robots and the study of very specific air flows. In the longer term, the synthetic hairs could also be used in hearing aids. The hairs can be made extra sensitive to certain frequencies in all these applications.

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

I grandi appassionati di sudoku da oggi avranno un nuovo numero speciale: il 17. Un matematico irlandese sembra infatti aver dimostrato che questo è il numero minimo di indizi necessari per risolvere una griglia di sudoku: con meno indizi è impossibile riempire in modo univoco la griglia di 81 caselle che caratterizza il gioco numerico che, partito dal Giappone alla metà degli anni Ottanta, ha poi conquistato tutto il mondo.

Il matematico Gary McGuire dello University College Dublin ha annunciato questo risultato durante una conferenza che si è tenuta a Boston, Massachusetts, il 7 gennaio. A darne notizia è la rivista scientifica Nature.

Il sudoku è un ormai un gioco estremamente celebre. Per chi non lo conoscesse, le sue regole sono molto semplici. Si tratta di un gioco di logica che si svolge su una griglia di 9×9 celle, ciascuna delle quali può contenere un numero da 1 a 9. La griglia è suddivisa in 9 righe orizzontali, nove colonne verticali e, da bordi in neretto, in 9 “ sottogriglie”, chiamate “ regioni”, di 3×3 celle contigue. Scopo del gioco riempire le caselle con numeri da 1 a 9, in modo tale che in ogni riga, colonna e regione siano presenti tutte le cifre da 1 a 9 e senza ripetizioni.

Inizialmente, alcune celle contengono un numero, l'indizio di partenza. Mediamente, i sudoku proposti dai giornali hanno una ventina di indizi di partenza, ma nel mondo degli appassionati si aveva da tempo la sensazione che al di sotto dei 17 indizi non si potesse scendere. “E si era anche già scoperto che con 17 indizi, in certe particolari disposizioni, la soluzione era unica”, spiega Roberto Natalini, matematico dell’ Istituto Applicazioni del Calcolo M. Picone del Cnr di Roma.

Ora questa ricerca ha mostrato scientificamente, vagliando schema per schema (o quasi), che effettivamente 16 numeri di partenza sono insufficienti per arrivare a una univoca soluzione. “La novità in questo caso è proprio questa: mentre prima, con 17 indizi, in alcune condizioni c'era l'univocità della soluzione, ma in generale le soluzioni non si trovavano, si è visto che con 16 indizi non è mai possibile arrivare a un'unica soluzione. Questo è l'annuncio che è stato fatto, poi attualmente è in corso la verifica del peer-review” precisa Natalini.

In uno schema classico con 81 caselle, è possibile inserire 16 indizi in 6.670.903.752.021.072.936.960 (ossia circa 6.671 miliardi di miliardi) di modi. I tre ricercatori non hanno dovuto però studiare tutte le configurazioni iniziali possibili, perché molte di esse sono semplici varianti di un’unica configurazione.

Se – ad esempio – in una griglia si sostituiscono tutti gli 1 con un 7, il sudoku che ne risulterà sarà diverso ma la sua struttura geometrica resterà la stessa.

Alla fine, come risultato di uno studio preliminare, gli scienziati hanno mostrato che tutte le griglie possibili di partenza possono essere ridotte a 5.472.730.538 (riducendo il numero di partenza di oltre mille miliardi di volte) griglie “di base”.

Nonostante il numero si fosse ridotto così considerevolmente, non è stato comunque molto semplice per i matematici procedere alla verifica dell’ipotesi che con 16 indizi fosse impossibile venire a capo di uno schema classico di sudoku. Il gruppo di ricercatori ha elaborato un algoritmo capace di analizzare una griglia per determinare se poteva o non poteva essere risolta con soltanto 16 indizi e questo algoritmo è stato messo alla prova sugli oltre 5 miliardi di casi considerabili. 

“Si tratta di un algoritmo cosiddetto di 'forza bruta', cioè che va a vagliare tutti i casi possibili - nell'ambito di questa cerchia ristretta - e che al matematico classico abituato a dimostrazioni eleganti a tavolino potrebbe far storcere il naso. Ma nella matematica moderna,  a partire dal famoso problema dei Quattro colori risolto negli anni Settanta, il brute-force è ormai diventato una pratica corrente”, spiega Natalini.  

Le analisi del team di scienziati di McGuire si sono svolte in due anni, accumulando 7 milioni di ore di calcoli, nell’Irish Centre for High-End Computing di Dublino. Precisamente in 7,1 milioni di ore di analisi, il nuovo algoritmo ha provato che nessuno di questi quasi cinque miliardi e mezzo di modelli di griglie poteva avere un’unica soluzione partendo da soli 16 indizi. Il “ numero di Dio” del sudoku sembra dunque essere proprio il 17.

“Algoritmi simili si usano in casi in cui si devono trattare volumi enormi di dati, come nel sequenziamento delle basi del genoma umano. La matematica ha fatto passi da gigante in questi settori e proprio quest'anno, il 2012, è stato non a caso dichiarato 'Anno dei dati' dall'American Mathematical Society”, conclude Natalini.

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 5161 persone collegate

< settembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (143)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo





26/09/2021 @ 20:42:56
script eseguito in 828 ms