Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, românã. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 01/12/2010 @ 18:00:09, in en - Global Observatory, read 1334 times)

... CONTINUES after the First Part of the video.

The British Broadcasting Corporation: In a wide-ranging special interview, Jeremy Paxman talks to Christopher Hitchens about his cancer diagnosis, his life, his politics and his writing.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 01/12/2010 @ 12:00:01, in en - Science and Society, read 2644 times)

Politics Explained

FEUDALISM: You have two cows. Your lord takes some of the milk.

PURE SOCIALISM: You have two cows. The government takes them and puts them in a barn with everyone else's cows. You have to take care of all of the cows. The government gives you as much milk as you need.

BUREAUCRATIC SOCIALISM: You have two cows. The government takes them and put them in a barn with everyone else's cows. They are cared for by ex-chicken farmers. You have to take care of the chickens the government took from the chicken farmers. The government gives you as much milk and eggs as the regulations say you need.

FASCISM: You have two cows. The government takes both, hires you to take care of them and sells you the milk.

PURE COMMUNISM: You have two cows. Your neighbors help you take care of them, and you all share the milk.

RUSSIAN COMMUNISM: You have two cows. You have to take care of them, but the government takes all the milk.

CAMBODIAN COMMUNISM: You have two cows. The government takes both of them and shoots you.

DICTATORSHIP: You have two cows. The government takes both and drafts you.

PURE DEMOCRACY: You have two cows. Your neighbors decide who gets the milk.

REPRESENTATIVE DEMOCRACY: You have two cows. Your neighbors pick someone to tell you who gets the milk.

BUREAUCRACY: You have two cows. At first the government regulates what you can feed them and when you can milk them. Then it pays you not to milk them. Then it takes both, shoots one, milks the other and pours the milk down the drain. Then it requires you to fill out forms accounting for the missing cows.

PURE ANARCHY: You have two cows. Either you sell the milk at a fair price or your neighbors try to take the cows and kill you.

LIBERTARIAN/ANARCHO-CAPITALISM: You have two cows. You sell one and buy a bull.

SURREALISM: You have two giraffes. The government requires you to take harmonica lessons.

Source: sjgames.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 01/12/2010 @ 10:00:45, in ro - Stiinta si Societate, read 2161 times)

  Variola, SIDA, gripa si inca multe alte maladii grave care ne pun viata in pericol au la origine virusii. Dusmani de moarte ai omenirii? Dimpotriva, spun oamenii de stiinta; populatia virala nu cultiva nici un fel de intentii asasine fata de noi, ci - pur si simplu - se multumeste sa existe. Iar in multe cazuri ne ajuta pe noi insine sa existam! E poate greu de crezut, dar pentru aceasta va oferim sase argumente in sprijinul acestei idei.

Phoenix, un stramos pasnic

Virusul e orice particula constituita dintr-un acid nucleic (ADN sau ARN) inconjurat de un strat protector format din proteine si uneori de un invelis suplimentar. In mod surprinzator, unii cercetatori considera ca - nici mai mult, nici mai putin - virusii se afla la originea vietii terestre. Noi insine am fi un gen de suma de virusi.

Primele organisme unicelulare vii au fost compuse, fara nici un fel de indoiala, dintr-o membrana, o citoplasma si un material genetic rudimentar lipsit de nucleu. E foarte posibil ca ele sa fi fost infectate de virusi care, pe parcursul evolutiei, le-au furnizat structura nucleului, dând astfel nastere celulelor eucariote (cele din care suntem constituiti). Virusologii au avut marea surpriza sa constate, comparând patrimoniul genetic uman cu cel al virusilor cunoscuti, ca in jur de jumatate din genomul nostru este de origine virala!

Ceea ce e enorm de mult. Vechimea acestei „amicitii” se situeaza undeva, in trecut, la cel putin 5 milioane de ani. Contrariati de cele descoperite, cercetatorii au recreat o particula virala „fosila”, botezata Phoenix, infectioasa. Totusi, ineficace impotriva celulelor actuale ale corpului uman, care intre timp au dezvoltat mecanisme de aparare imbatabile.

Internetul ADN-ului

O intrebare esentiala i-a pus in incurcatura pe virusologi: cum se face ca, dupa infectarea celulelor-gazda de catre virusi, acestea nu au disparut? S-a demonstrat astfel ca virusii constituie un factor evolutiv de neinlocuit pentru genomul nostru, deoarece - daca evolutia s-ar fi realizat numai prin mutatii - n-ar fi existat astazi o atât de mare diversitate a speciilor.

Integrati putin câte putin in patrimoniul nostru genetic, retrovirusii nu numai ca l-au modificat, ci l-au si imbogatit cu secvente de ADN straine. O capacitate de difuzare a informatiei genetice universale, care face ca virusii sa fie considerati un fel de Internet al ADN-ului: virosfera a precedat deci infosfera cu câteva milioane de ani! Un amanunt deosebit de important este acela ca, pe parcursul dezvoltarii embrionare, numeroase elemente retrovirale endogene se activeaza in momente precis stabilite.

Daca fenomenul nu ar avea loc, nu ar mai exista nici dezvoltare. {i surprizele nu se opresc aici. In prezent, se cunosc circa 1031 virusi diferiti, mai mult decât organismele celorlalte specii vii. Unii dintre ei, fiind dusmani ai unor bacterii, inseamna ca sunt de fapt prietenii nostri. De altfel, deja se folosesc asemenea metode terapeutice, cu virusi pe post de substituenti ai antibioticelor. Domeniul cel mai important este cancerologia, unde asa-numitii virusi oncogeni pot infecta pâna la a ucide celulele tumorale.

Virusul HIV va trata... SIDA!

Pentru geneticieni, virusii reprezinta obiecte de analiza si unelte de cercetare ideale si datorita lor pot fi corectate problemele sau bolile genetice. Ideea e simpla: manipulati in laborator, virusii „prietenosi” sunt echipati cu gene ajutatoare pe care le vor depune in celulele bolnave. Astfel, cel considerat inca un dusman de moarte pentru organismul uman - virusul HIV-, „dezarmat” si dotat in schimb cu gene nepericuloase, ajunge un redutabil aliat al omului tocmai impotriva bolii.

Prin urmare, virusul nu e programat sa faca rau. Este un fel de animal extrem de mic, traitor in corpul nostru ca orice alta specie intr-un mediu anume: are un loc si functii. El nu-si contamineaza gazda pentru a o distruge, ci pentru a supravietui. In acest context, trebuie inteles ca boala este o ruptura in echilibrul ecosistemului. Sa recunoastem ca avem de-a face cu inversarea categorica a perspectivelor asupra domeniului, ceea ce e pe cale sa ne aduca imense avantaje.

Autor: ADRIAN-NICOLAE POPESCU - Sursa: magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Füssen im Allgäu - una città davvero pittoresca. Sul punto di incrocio tra la Strada Romantica e la Strada Tedesca delle Alpi, Füssen è uno degli indirizzi migliori della Baviera ed il punto di partenza ideale per visitare i castelli Neuschwanstein, Hohenschwangau, Linderhof e la chiesa Wieskirche, un gioiello rococò e "patrimonio dell’umanità" dell’UNESCO.

 

Intorno alla città vecchia, con le sue sontuose chiese barocche, sono situati, in un idilliaco paesaggio lacustre ai piedi della Alpi, i borghi Bad Falenbach, Hopfen am See e Weißensee.

La pittoresca città storica di Füssen entusiasma i visitatori con il castello Hohes Schloss, una delle costruzioni fortificate tardo-gotiche più belle della Germania meridionale, il convento barocco di St. Mang, le case medioevali e le piazze idilliache.

 

I castelli reali Neuschwanstein e Hohenschwangau (4 km) e la Wieskirche (25 km), Oberammergau (50 km) e la cima del Zugspitze (60 km) sono facilmente raggiungibili da Füssen.

 

Füssen propone un ricco programma di rappresentazioni come, ad esempio, tutti gli anni, i concerti nella sala dei principi (Fürstensaal) oppure il "Kaiserfest zu Füssen" (festa imperiale) dalla durata di tre giorni, e numerose prestigiose rappresentazioni singole. Nel teatro per concerti Neuschwanstein, sulle sponde del Forggensee di Füssen, il nuovo musical Ludwig fa rivivere il re bavarese Ludwig II.

 

Il Museo della città di Füssen nell’ex monastero St. Mang è una meta immancabile: negli ambienti barocchi sono esposti antichi liuti e violini ed è conservato l’affresco della "Danza macabra" (Füssener Totentanz).

Da non mancare la Bayerische Staatsgalerie nel castello Hohes Schloss, con opere del tardo gotico e del Rinascimento.

 

II "Königswinkel", l’angolo dei re che circonda Füssen e il castello Neuschwanstein, è uno dei paesaggi bavaresi più suggestivi tra alte montagne e le prealpi collinari; incastonati in questa cornice, rilucono il fiume Lech e oltre dieci laghi.

Come arrivare a Fussen?

La città si trova a sud di Monaco di Baviera, non distante dal confine con l'Austria.

Si può scegliere un percorso diretto, utilizzando la A 22 del Brennero e poi da Innsbruck prendere direzione Bregenz, uscire a Motz e seguire le indicazioni per Reutte lungo la 179, oltrepassata la quale si arriva in pochi minuti a Füssen im Allgäu.

Per chi viaggia in aereo gli aeroporti più vicini sono München, Stuttgart e Augsburg.

La città è servita da treni regionali con collegamenti ICE, IC, EC:

L'autostrada più prossima è la A7.

Il clima dell'Allgäu è tipicamente alpino, con inverni freddi e nevosi, mentre l'estate risulta il periodo più piovoso anche se le temperature della regione risultano in genere gradevoli.

Il mese che presenta gli accumuli di pioggia più consistenti è luglio, mentre febbraio è il mese più avaro di precipitazioni. Le temperature massime raggiungono i 22-24 àC a luglio, ma nella scelta dell'abbigliamento è da considerare che con le escursioni in montagna si possono raggiungere quote elevate dove fa più freddo.

Fonte: Ente Nazionale Germanico per il Turismo

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 30/11/2010 @ 18:00:36, in en - Global Observatory, read 1586 times)

The British Broadcasting Corporation: In a wide-ranging special interview, Jeremy Paxman talks to Christopher Hitchens about his cancer diagnosis, his life, his politics and his writing.

TO BE CONTINUED with Part 2 of the video ...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 30/11/2010 @ 13:00:59, in en - Video Alert, read 2735 times)

T-SHIRT STORE

We do ship internationally but as our orders are being handled by RedBubble whose operations are in the US, appropriate tax charges will be applied. Shipping rates are calculated just before purchase on selecting the country you want to ship to.

We have American Apparel unisex T-shirts, V-Necks, Long Sleeves, Girly-fitted T’s and Hoodies.
All the Slogans are available in a range of colours, while the rest are in white only.

Click on the thumbnails below to be taken to our store. Choose the type of shirt you want, where available the colour, where you’d like the design to be printed and proceed to checkout where you can see the tax and the shipping rates.

Source: hipsterhitler.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 30/11/2010 @ 11:00:29, in it - Scienze e Societa, read 3425 times)

Sulle colline dell’Emilia occidentale già nell’antichità erano conosciute delle sorgenti ricche di sali minerali. Acque così cariche di sali da far appellare una località dell’Appennino parmense con l’inequivocabile nome di Salso, appunto per il contenuto elevato di sale delle sue acque. Se già in epoca romana erano conosciute sorgenti da cui estrarre il sale, Salsomaggiore entra ufficialmente nella storia nel 798 quando l’imperatore Carlo Magno concesse ad alcuni cittadini di Salso il privilegio di estrarre il sale dalle acque minerali.

 

Devono però passare oltre mille anni perché Salsomaggiore scopra le proprietà benefiche e curative delle sue acque salsoiodiche, grazie al prezioso lavoro di Lorenzo Berzieri e Giovanni Valentini e dettero il la allo sviluppo degli stabilimenti termali ora famosi in tutto il mondo.

 

E’ facile e veloce arrivare a Salsomaggiore Terme. Gli aeroporti più vicini sono Linate, Orio al Serio e Bologna. Per chi arriva da ovest, dalla direzione Milano, o da est da Bologna si segue l’autostrada del Sole A1 con uscita a Fidenza – Salsomaggiore Terme. Da qui si segue direzione Fidenza, oltrepassata la quale si segue per la SS359 che in 9 km conduce alle prime colline su cui è adagiata Salsomaggiore Terme. Per chi arriva a Bergamo, all’aeroporto di Orio al Serio, conviene seguire per Brescia lungo l’A4 e prendere l’A21 e la diramazione per Firenzuola. Da qui si segue la A1 per Bologna e si esce a Fidenza, per poi seguire come spiegato in precedenza.

 

Per chi utilizza il treno ricordiamo che la stazione di Salsomaggiore si trova vicinissima al centrale Parco Mazzini, adiacente alle Terme Zoja ed è quindi molto comodo utilizzare il treno per arrivare agli stabilimenti termali.

Non c’è un periodo migliore per visitare Salsomaggiore Terme, come tutte le principali località termali italiane, l’offerta delle cure è abbinata ai centri benessere e wellness e spazia lungo tutto i mesi dell’anno. Un particolare boom di visite corrisponde al periodo intorno alla fine dell’estate quando a Salsomaggiore Terme si tiene la manifestazione di Miss Italia. Il clima della località è quello tipico emiliano, ma la posizione rialzata sulla pianura consente, di avere meno giorni di nebbia e un clima sostanzialmente asciutto. In estate il caldo (massime mediamente intorno ai 27-29 °C) presenta un minor tasso d’umidità, e le brezze di monte rendono piacevoli le serate.

 

Da vedere a Salsomaggiore Terme c’è l’eleganza del centro, piacevolissimo da passeggiare in rilassatezza, tra giardini ben curati, negozi e boutiques. La città offre anche un gran numero di caffè e bar, e poi ci sono i ristornati e le pizzerie che secondo la miglior tradizione emiliane offrono la loro cucina ricca e gustosa. Ma meno male che ci sono le terme per rimediare agli eccessi della tavola! Da segnalare a Salsomaggiore alcuni edifici davvero eleganti:

Le Terme Berzieri sono lo stabilimento termale che portano il nome dello “scopritore” delle proprietà terapeutiche delle acque salsoiodiche. Oggi sono una vera icona cittadina, grazie al lavoro dell’architetto Ugo Giusti che ha saputo dare uno stile orientaleggiante , impreziosito dalle decorazioni in stile Liberty di Galileo Chini in un mix davvero riuscito.

Nelle vicinanze delle Terme Berzieri, non distante dal magnifico Parco Mazzini, troviamo la Palazzina Warowland che è stata edificata con un particolare stile medioevale, di origine lombarda. Il vicino parco Mazzini è una delizia per gli occhi e i polmoni, un oasi di verde che ospita magnifici alberi, tra cui cedri, aceri ginko biloba e sequoie. All’interno del parco si trova uno splendido laghetto.

 

Il Grand Hotel des Thermes era l’albergo storico più famoso e raffinato di Salsomaggiore all’inizio del ‘900 (sempre con decorazioni di Galileo Chini) , ed oggi ospita il Palazzo dei Congressi. Le sue stanze hanno visto transitare personalità famose, tra i quali sono da ricordare l’attrice Eleonora Duse, il sommo poeta Gabriele d'Annunzio e la Regina Margherita. Se avete possibilità di visitare il palazzo vi segnaliamo la magnifica sala delle Cariatidi, la Taverna Rossa e il salone Moresco.

 

Le Terme Valentini si trovano invece in posizione rialzata nella parte più occidentale della città.

Salsomaggiore ha inoltre dei dintorni interessanti, che si possono visitare se siete auto muniti. Lungo il bacino idrografico del Torrente Stirone si trovano bei paesaggi collinari ed alcuni castelli come Scipione Castello e il borgo mediovale di Vigoleno. Il parco fluviale dello Stirone contiene un interessante muso dei fossili all’aperto, si trova vicino alla località di Scipione Ponte.

 

Manifestazioni a Salsomaggiore Terme.

Salsomaggiore ha legato il suo nome al concorso di Miss Italia. Le Terme sono state scelte più volte come sede finale della famosa manifestazione, in particolare nel 1950, dal 1960 al 1971 e dal 1983 fino almeno al 2009.

Tra i tre festival di Salsomaggiore, il Rock, Pop and Classic Festival è una manifestazione che si svolge tra i mesi di maggio, giugno e luglio e si distingue per la sua grande grande varietà di proposte e generi musicali, ed è in grado di unire le nuove generazioni assieme agli spettatori che sono tradizionalmente legati ai concerti sinfonici.

Recentemente Salsomaggiore ha cominciato ad ospitare il celebre Festival Beat, che si tiene nella prima settimana di luglio. Il terzo tipo di Festival, legato al jazz al femminile è il Woma Jazz Festival che si tiene in inverno.

Da segnalare la manifestazione primaverile di Vita Vitalis, le celebrazioni della festa di San Vitale, il patrono della città di Salsomaggiore, una vera e propria fiera paesana.

Fonte: ilturista.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 30/11/2010 @ 08:00:19, in ro - Stiinta si Societate, read 1342 times)

 Descifrarea codului genetic uman, actiune de anvergura, la care au trudit timp de zeci de ani cele mai stralucite minti ale omenirii, a insemnat un imens pas facut de stiinta. Stiind care este fiecare gena din organism si ce poate face ea, savantii spera sa gaseasca solutii pentru o serie intreaga de maladii genetice, inca incurabile. Dar pe lânga acest aspect al problemei, unii dintre cei implicati in cercetare au un scop mult mai ambitios: crearea formelor de viata artificiala. Ceea ce americanul Craig Venter, un veritabil „savant trasnit”, se lauda ca ar fi facut deja...

Venter sustine ca ar fi construit un cromozom sintetic din substante chimice si ca va anunta in curând realizarea primei forme de viata artificiala de pe Pamânt. Anuntul, care ar putea fi facut chiar in timpul apropiatei intâlniri anuale a Institutului de Cercetari din San Diego, va marca debutul unei noi ere in istoria stiintei.

Desigur, performanta savantului californian va suscita dezbateri aprinse, legate de etica crearii unor noi specii dar in acelasi timp ea va putea crea premisele utilizarii unor noi surse de energie si tehnici de combatere a incalzirii globale, intrucât ar putea fi create bacterii capabile sa „devoreze” emisiile excesive de dioxid de carbon sau sa produca butan, propan si alti combustibili pe baza de zaharuri.

O sabie cu doua taisuri

 „Este o piatra de hotar si un pas psihologic foarte important in istoria speciilor de pe Terra. Vreau sa dovedim ca, dupa ce am reusit sa citim genomul uman vom fi capabili sa-l si scriem. Acest lucru ne va da posibilitatea sa realizam lucruri la care nu mai departe de acum zece ani nici n-am fi indraznit sa visam”, spune Craig, care s-a implicat activ in descifrarea codului genetic.

Sub conducerea sa, o echipa formata din douazeci dintre cei mai reputati savanti din lume, printre care si laureatul premiului Nobel, Hamilton Smith, a realizat deja o opera de virtuozitate bioinginereasca niciodata atinsa pâna acum: un cromozom artificial compus din 381 gene si 580.000 de perechi bazice din codul genetic.

Secventa ADN este bazata pe bacteria Mycoplasma genitalium, pe care cercetatorii au „dezbracat-o” de toate componentele ei, in afara celor absolut necesare pentru sustinerea vietii, indepartând o cincime din structura ei genetica. Cromozomul reconstruit in intregime pe cale sintetica si numit Mycoplasma laboratorium, a fost inscriptionat cu o cerneala speciala, pentru a fi usor de recunoscut. Ulterior, el a fost transplantat la o celula bacteriana vie si se asteapta ca, in stadiul final al procesului, el sa preia controlul asupra celulei, devenind practic o noua forma de viata. Mai ceva ca-n Alien, veti spune...

Savantii americani au transplantat deja cu succes genomul unui tip de bacterii in celulele altuia, schimbând efectiv specia din care face parte celula. „Sunt 100% convins ca aceeasi tehnica va functiona si in cazul cromozomilor creati artificial”, spune Venter. Noua forma de viata va depinde de abilitatea ei de a se inmulti si metaboliza in mecanismul molecular al celulei in care a fost injectata si din acest punct de vedere s-ar putea spune ca nu avem de-a face cu o forma de viata in intregime sintetica. Totusi, ADN-ul va fi artificial si dupa cum se stie, acesta controleaza celula si este considerat a fi o „caramida a vietii”.

Pat Mooney, directorul unui grup canadian care militeaza pentru aplicarea principiilor etice in stiinta, s-a declarat impotriva unor asemenea experimente, pe care le considera „riscante”: „Omul nu trebuie sa se joace de-a Dumnezeu. Guvernele ar trebui sa se implice mai activ in interzicerea unor astfel de cercetari. Practic, domnul Venter a declansat o cursa care poate genera atât lucruri bune dar si situatii primejdioase. Formele de viata artificiala ar putea veni in ajutorul omului modern, acesta putând, prin intermediul lor, sa invinga boli considerate astazi incurabile, dar in egala masura pot ameninta soarta intregii omeniri, daca vor fi folosite ca arme biologice.”

Autor: GABRIEL TUDOR - Sursa: magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 29/11/2010 @ 13:00:41, in en - Video Alert, read 2045 times)

CREATORS

hai guise,

we wanted to make a more detailed ‘about’ page, and knowing that we have readers from a lot of different countries, we decided to write it, translate it to every language in google translate, then bring it back to english. If our calcualtions are correct, you should be able to run this through translate yourself to get a perfectly clear idea of who we are and what we do!

The researchers, along with friendliness toward the south, the main point of the race, now living in another continent, clan agensi house, through the Internet, have a strange sense of application.

JC + APK

If you have any questions, comments or death threats, be sure to email us at hipsterhitler@gmail.com

Source: hipsterhitler.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 29/11/2010 @ 11:00:09, in it - Scienze e Societa, read 3095 times)

Tra il Lago Maggiore e la catena alpina c’è una lingua di terra pianeggiante, la Valtravaglia, un piedistallo rigoglioso che accoglie il comune di Brezzo di Bedero e i suoi mille abitanti. Il paese lombardo, in provincia di Varese, è immerso nelle pennellate verdi di una vegetazione ricca, illuminata dai bagliori che le acque del lago rubano al cielo e riflettono quando sono accarezzate dal sole. Oggi il comune è un unico, piccolo, prezioso gioiello, ma in passato Brezzo e Bedero erano due nuclei urbani distinti, fisicamente separati dal corso argentino del torrente Varesella. In seguito sono stati uniti nella cittadina attuale, che come una dama vanitosa si specchia dalla sponda occidentale del Lago Maggiore. Non si può darle torto: dalla rocca di Caldé al Pasqué di Bedero, la località è un susseguirsi grazioso di casette, campanili e tetti pittoreschi, incorniciati dall’imponenza sublime delle Alpi sullo sfondo.

 

Chi decide di visitare Brezzo di Bedero avrà la sensazione di viaggiare nel tempo, tornando a un passato genuino e rassicurante, fatto di ritmi squisitamente lenti e piccoli dettagli curati. Qui si respira ancor l’atmosfera di una volta, quando la popolazione era impegnata a lavorare la terra e si trascorrevano le giornate nei prati di montagna e collina, raccogliendo il fieno, il frumento e il granoturco. Oltre a questi prodotti si coltivano tuttora orzo, segale, piselli, lenticchie, patate e canapa, ma il protagonista assoluto della campagna circostante è il castagno. Un cenno particolare meritano i vitigni della zona: già nel Cinquecento erano noti a Milano i vini deliziosi della Valtravaglia, che venivano trasportati sulle acque del lago verso le grandi città del Nord d’Italia, e ancora oggi i tradizionali raccolti continuano a regalare un prodotto squisito, ottimo per accompagnare le pietanze tipiche della gastronomia lombarda.

 

Quest’aria pacifica e un po’ antica basterebbe a fare di Brezzo di Bedero una meta da visitare. Semplicemente le case e le villette del paese, distribuite dalla zona collinare alle sponde lacustri, accarezzate dal verde selvaggio dei boschi o dall’eleganza dei giardini, sono delle piccole opere d’arte. Dalle finestre e dai balconi, inoltre, si assapora un panorama idilliaco sul paesaggio lombardo.

 

Questo però non significa che il paese sia privo di opere artistiche o architettoniche da vedere. Tutt’altro: in città si può ammirare la splendida Canonica di San Vittore, una basilica romanica di dimensioni e linee grandiose già in uso nel 1100. Tra il XII e il XIII secolo la chiesa madre aveva un dominio molto esteso, che spaziava da Laveno a Luino e forse, nel Quattrocento, raggiungeva addirittura le ultime valli prima del confine con la Svizzera. Originale è la sua collocazione: la canonica si erge alla sommità di uno sperone roccioso, circondata da dirupi scoscesi, e proprio per questa difficile accessibilità il colle venne scelto, durante la prima guerra mondiale, per costruirvi le trincee che avrebbero dovuto proteggere l’Italia dall’invasione tedesca. Ancora prima, però, la chiesa si presentava come un rifugio rassicurante in un territorio avverso, un vero conforto per il pellegrino che veniva da lontano e si dirigeva a Luino.

Proprio come i viandanti del passato, oggi vale la pena di partire da Luino e intraprendere la salita verso la chiesa: la fatica del percorso, lungo una manciata di chilometri, è ampiamente ripagato dall’apparizione della sagoma della Canonica all’orizzonte, per non parlare degli scorci panoramici sul lago.

 

Proprio nell’ultimo tratto di strada si apre di fronte agli occhi una visione spettacolare, che abbraccia l’intera Valtravaglia e vede sullo sfondo la rocca di Caldé e il Golfo Borromeo. Ma la Canonica di San Vittore non si limita a farsi ammirare dai turisti: è anche la sede d’eccezione di un importante evento culturale, tra le manifestazioni più importanti di Brezzo di Bedero. Si tratta della celebre stagione concertistica che si tiene tra luglio e settembre, e può contare sul suono paradisiaco dell’antico organo. Un altro evento particolarmente atteso dai paesani è a realizzazione del Presepe Vivente nel periodo natalizio. La festa si ripete ogni anno dal 1980, e ha sede dell’anfiteatro naturale antistante la Collegiata di San Vittore, dove prendono posto oltre 40 figuranti per mettere in scena la natività e l’arrivo dei Re Magi.

 

A rendere il tutto ancora più suggestivo c’è il clima di Brezzo di Bedero, caratterizzato da inverni rigidi, talvolta nevosi, e da estati calde ma piacevoli, mitigate dalla vicinanza del lago. Le temperature del mese più freddo, gennaio, vanno da una minima di -4°C a una massima di 6°C, mentre in luglio si passa da 15°C a 29°C. Le precipitazioni si concentrano soprattutto in primavera e autunno, quando cadono più di 100 mm di pioggia mensili.

Per raggiungere Brezzo di Bedero avete varie possibilità. Chi viene da lontano e deve prendere l’aereo potrà atterrare a Milano Malpensa, a circa 51 km dalla meta, a o Milano Linate, a 101 km. Se invece viaggiate in auto dovete prendere, da Milano, l’autostrada dei Laghi in direzione Varese, quindi uscire a Buguggiate e procedere in direzione Laveno e Luino.

Fonte: ilturista.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 4219 persone collegate

< settembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (143)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo





26/09/2021 @ 17:22:19
script eseguito in 801 ms