Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
\\ Home Page : Storico : it - Osservatorio Globale (invert the order)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 23/07/2010 @ 10:47:39, in it - Osservatorio Globale, read 1154 times)

"Parliamo una lingua comune la maggior parte del tempo", ha detto Obama subito dopo il primo incontro con il Premier inglese Cameron alla Casa Bianca. Le sue parole lasciano intendere che non sempre c'é stata la stessa lunghezza d'onda nelle discussioni su temi come Lockerbie e Bp, ma anche sull'approccio alla crisi e alle misure di riduzione del deficit. D'altra parte, in conferenza stampa Cameron, oltre ad escludere un'inchiesta sul caso Lockerbie, ha ricordato all'opinione pubblica americana che il colosso del greggio è importante per l'economia di entrambi i paesi: "E' nell'interesse di tutti che resti forte".


NEW YORK.  Il 'tappo' del pozzo Macondo per lo meno ieri ha tenuto, arginando ulteriori veleni sul menù del primo 'lunch' ufficiale a Washington tra David Cameron e Barack Obama. Ed è stata una fortuna, perché c'era tanta carne al fuoco. "La marea nera è una catastrofe. Capisco la rabbia dell'America. Bp deve pagare per quel che ha fatto, però non c'entra con la decisione di liberare l'attentatore di Lockernie Abdelbaset al Megrahi. Quella fu presa dal governo scozzese ed era sbagliata", ha detto Cameron dopo il primo faccia a faccia alla Casa Bianca con il presidente americano. Il conservatore Cameron e il democratico Obama si stanno simpatici. L'americano ha portato l'inglese a visitare le stanze della East Wing ricevendone i complimenti per come "Sasha e Malia tengono ordinate la camera". Ma al di là delle battute e della 'chemistry', dei rapporti di pelle tra i due leader che - hanno notato i reporter - sono entrambi mancini, l'incontro di ieri non è caduto in un momento d'oro per la 'relazione speciale' tra Usa e Gb.


"Parliamo una lingua comune la maggior parte del tempo", ha detto Obama quasi a significare che nelle discussioni su temi come Lockerbie e Bp, ma anche sull'approccio alla crisi e alle misure di riduzione del deficit, non sempre c'é stata la stessa lunghezza d'onda. Cameron, arrivato su un volo civile a Washington in omaggio all'austerity chiesta ai suoi concittadini, vuole tagli del 25 per cento per ogni ministero, un approccio che lo ha messo fuori sintonia con le strategie di ripresa volute da Obama: "L'unica differenza con l'America sono i tempì, ha minimizzato il premier britannico alla Npr: "Non siamo gli Stati Uniti. Non possiamo prenderci il lusso di aspettare". Ma i temi economici e quelli piu tradizionalmente di politica estera (Afghanistan, Iran, Medio Oriente e, una novità, la cyber-sicurezza) sono stati oscurati dal nodo Bp-Megrahi: per proteggere la multinazionale dalla rabbia di Washington Cameron ha ricordato che la responsabilità finale nel rilascio dell'uomo di Lockerbie sta nel governo scozzese: "Non fu una decisione di Bp, la presero i ministri scozzesi".


Secondo Cameron "Megrahi avrebbe dovuto morire in prigione". Intanto però il premier britannico che ha ceduto alle pressioni di incontrare i quattro senatori del New Jersey, New York e California che gli chiedono di far luce sul caso Lockerbie.
Nella conferenza stampa congiunta con Obama, Cameron ha respinto l'idea di un'inchiesta formale ma ha ordinato al suo Cabinet Secretary (l'equivalente del capo di gabinetto) Gus O'Donnell di valutare l'eventuale pubblicazione delle telefonate intercorse tra l'allora ministro della Giustizia Jack Straw e Bp sull'accordo con la Libia per lo scambio dei prigionieri: accordo che che avrebbe aperto la strada nel 2009 alla liberazione di Megrahi. Quanto a Bp, per Cameron "ha sbagliato" nel Golfo del Messico e dovrà pagare. Ma il premier britannico ha ricordato all'opinione pubblica americana che il colosso del greggio è importante per l'economia di entrambi i paesi: "E' nell'interesse di tutti che resti forte". Per far fronte alle spese legate alla marea nera ieri il gruppo petrolifero ha messo in vendita asset in Vietnam e Pakistan pari a 1,7 miliardi di dollari. Finiranno nel fondo da 20 miliardi di dollari per ripulire mari e coste e risarcire i danni alle popolazioni colpite.

Fonte: AmericaOggi.info

 

Intervista integrale al “Venerabile” Gioele Magaldi, leader  di “Grande Oriente Democratico” di Francesco Esposito


1. Come valuta il nuovo scandalo P3? E’ solo un teatrino, come ha detto il Gran Maestro Raffi o sono 4 pensionati un po’ sfigati?

Né l’una né l’altra cosa. Parlare di P3 è vero e falso allo stesso tempo. E’ falso perché, in senso stretto, le  Logge Propaganda 1 e Propaganda 2 sono storicamente esistite in seno al G.O.I., mentre il nome “P3” è una creazione giornalistica. Ma solo il nome. La “realtà” cui allude il nome è vera, anzi sin troppo vera, se ci si riferisce ad una specifica vicenda della Massoneria italiana negli ultimi 28 anni, dal 1982 in avanti. Definire Marcello Dell’Utri, Denis Verdini, Flavio Carboni e altri nomi molto importanti (tanti ancora da scoprire…) come “pensionati un po’ sfigati” è troppo anche per un “barzellettiere” come il Fratello Silvio Berlusconi...

2. Il Grande Oriente d’Italia non aveva già fatto pulizia al tempo della P2 e poi con l’arrivo di Raffi? O esistono logge che sfuggono al suo controllo?

Raffi non ha fatto alcuna pulizia. Solo proclami retorici e mistificatori. E nessuna realtà massonica rilevante, in Italia, può sfuggire al “controllo” del Grande Oriente. Quanto “al tempo della P2”, non è mai finito. Ha solo assunto nuove maschere, senza alcuna effettiva soluzione di continuità rispetto all’opera di Licio Gelli, che era perfettamente organico ai vertici di Palazzo Giustiniani.

3. Lei ha detto che gli elenchi della P2 sono incompleti…

Ci sono alcune copie degli elenchi completi, con migliaia di nomi. Roba abbastanza “esplosiva”, anche a quasi trent’anni dalla scoperta degli elenchi incompleti di Castiglion Fibocchi. Ho avuto modo di visionarli di persona e so che, se fosse necessario e opportuno, chi li custodisce li renderebbe pubblici, con conseguenze piuttosto traumatiche per tanta gente. Anche perché non si tratta di meri elenchi di nomi, ma di una documentazione piuttosto corposa e articolata…

4. L’ingresso in una loggia è reversibile? I rapporti di Berlusconi con il mondo massonico si sono chiusi con la fine della P2?

L’iniziazione alla Massoneria ha carattere indelebile. Come l’ordinazione sacerdotale. Una volta affiliati, si rimane massoni per tutta la vita. A proposito dei rapporti di Berlusconi con il mondo massonico, giova sottolineare che il “pensionato” Flavio Carboni è stato il tramite dei costanti e reiterati rapporti del Fratello Berlusconi con il Fratello Armando Corona, Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia dal 1982 al 1990. Flavio Carboni è sempre stato anche grande amico di Giuseppe Pisanu, già Ministro dell’Interno nel secondo e terzo governo Berlusconi (2002-2006). Giuseppe Pisanu e soprattutto il Gran Maestro Armando Corona ebbero anche il “merito” di facilitare incontri e rapporti del Fratello Berlusconi con l’allora Presidente della Repubblica Francesco Cossiga (1985-1992). Sui rapporti di Silvio Berlusconi e dell’entourage berlusconiano con il mondo massonico italiano e internazionale negli anni successivi al 1990 e fino ad oggi, è di prossima uscita-presso un’importante casa editrice italiana- un libro molto interessante, di cui sono co-autore.

5. Quali sono i rapporti tra il Grande Oriente guidato da Raffi e la politica italiana? Si è molto parlato dei 4000 iscritti del PD…

Come ho già avuto modo di spiegare altrove, l’allusione del Gran Maestro Raffi ai “4000 massoni nel PD” era un modo per suggerire, ammiccando, che, degli altri 21.000 aderenti ufficiali al G.O.I., la maggioranza sarebbe filo-Berlusconi o filo-PDL. Cosa non vera, ma che Raffi, evidentemente, aveva necessità di segnalare pubblicamente a qualcuno…In ogni caso, sia  per la gestione autoritaria dentro Palazzo Giustiniani- insofferente di qualsiasi dissenso, critica o libero dibattito di opinioni- sia per i “messaggi cifrati” rivolti alla politica italiana, è sempre più difficile non riconoscere la “deriva berlusconiana” che Raffi vorrebbe imprimere al Grande Oriente d’Italia da lui guidato.

6. Perché ha scelto lo scontro aperto col Gran Maestro?

Per approfondire la questione rimando i lettori di Vanity Fair  al Sito del mio Gruppo: www.grandeoriente-democratico.com , in continuo aggiornamento. In questa sede, mi limiterò a dire che non sopporto i tiranni, i despoti e soprattutto gli ipocriti: quelli che hanno sempre in bocca parole come libertà, popolo, democrazia, dialogo, ma in realtà disprezzano qualunque forma di pluralismo democratico e liberale. Gustavo Raffi assomiglia molto al Fratello Silvio Berlusconi: entrambi non tollerano il dissenso, amano solo i cortigiani obbedienti e sognano un potere elitario che manipoli la volontà popolare. Entrambi mostrano disprezzo per le Costituzioni e le leggi, qualora non siano funzionali ai propri interessi personali.

7. Il Grande Oriente diventerà mai davvero “democratico”?

Sarà dura, ma ce la faremo. Dalla prima democrazia massonica del Mondo, oltre-oceano, soffia un vento di rinnovamento e rigenerazione sia per la politica che per la massoneria internazionale. E l’Italia non potrà rimanerne indenne…

8. Chi sono oggi i massoni?

Ci sono i furbi, gli arrivisti, gli assetati di potere, come sempre accade anche in altre importanti istituzioni o associazioni. Ma ci sono soprattutto molti giovani e anziani appassionati e disinteressati. Gente che crede fermamente negli ideali costitutivi della Libera Muratoria: libertà, democrazia, tolleranza, dialogo multi-religioso e multi-culturale, laicità delle istituzioni, solidarietà e filantropia concreta verso le classi più disagiate e i popoli più diseredati. E ci sono coloro che si impegnano seriamente per il proprio e altrui perfezionamento spirituale e morale, secondo i principi specifici della via iniziatica massonica.

9. Ci sono anche uomini di Chiesa?

Si, anche alti e altissimi prelati. Si tratta per lo più di persone che furono iniziate alcuni decenni fa e che adesso sono molto riservate e defilate rispetto alla loro appartenenza. Però ci tengono moltissimo ad essere considerati convinti massoni. Sono uomini dalla spiritualità aperta e complessa, insofferenti di ogni dogmatismo e angustia fideistica. Perciò vivono con disagio lo spirito anti-conciliare, conservatore e reazionario propugnato dall’attuale Papa, Benedetto XVI.

10. Dove sono finiti i massoni che portano l’eredità dei grandi uomini che hanno fatto l’Italia?

Certo Gustavo Raffi non crederà che si possano onorare grandi massoni come Garibaldi, celebrandoli con qualche convegno e qualche busto di marmo. Se si vuole essere all’altezza dei nostri Padri, che dal ‘700 in avanti hanno rivoluzionato e modernizzato il mondo, bisogna voler combattere oggi battaglie di uguale asprezza e importanza contro tutti i nemici della laicità, della libertà e della democrazia. Che sono tanti, anche in pieno XXI secolo. Noi di “Grande Oriente Democratico” ce la metteremo tutta…

Fonte: grandeoriente-democratico.com

 
By Admin (from 25/07/2010 @ 13:57:11, in it - Osservatorio Globale, read 1586 times)

Ultimamente diversi politici ed economisti romeni, al posto dei tagli salariali e pensionistici e dei licenziamenti, hanno avanzato l'idea che le spese dello Stato siano coperte dalla riserva della Banca centrale. L'istituzione richiama però l'attenzione che tale fatto non è possibile. Il governatore Mugur Isarescu ha spiegato che la Banca nazionale non può finanziare direttamente il deficit di bilancio, in quanto vietato dalle regole europee. Il governatore ha aggiunto che, fosse anche legale, un finanziamento dalle riserve internazionali del deficit ridurrebbe drasticamente la capacità dello Stato di prendere dei prestiti dai mercati esteri. “Quest'anno, la Romania deve prendere in prestito 8-9 miliardi di euro per il settore governativo, sia dal mercato interno, sia da quello esterno. Dietro ci deve essere una garanzia di poter restituirli ad un certo momento. Tutti questi prestiti non sarebbero stati possibili se il Paese non avesse avuto delle riserve”, ha precisato Mugur Isarescu.

Il governatore ha aggiunto che l'intera riserva d'oro della Romania sarebbe esaurita in un solo anno, se venisse destinata a coprire il deficit nel sistema pensionistico. Il governatore ha spiegato che le riserve internazionali in valuta e oro sono volte a rafforzare la credibilità di uno Stato e di offrirgli la possibilità di prendere dei prestiti in buone condizioni dai mercati esteri e di consolidare l'attendibilità della politica economica e monetaria e del tasso di cambio. “La riserva è un elemento di credibilità. Quindi, nella misura in cui un Paese ha una riserva internazionale, allora può attirare altri soldi”, ha aggiunto Mugur Isarescu. Il governatore ha spiegato che se la riserva venisse destinata al pagamento delle pensioni o di altre forme di assistenza, lo Stato non potrebbe contrarre altri prestiti per coprire il deficit di bilancio, utilizzato proprio a questa meta.

Comunque, l'80% del profitto ricavato dalla Banca centrale dalla gestione della riserva, precisamente gli interessi ottenuti dalle istituzioni dove viene depositata, va al budget dello Stato, ha sottolineato il governatore. L'anno scorso, il contributo ha toccato i 300 milioni di euro, cioè circa 25 milioni di euro al mese, che equivalgono 150.000 pensioni medie. La Banca centrale ha precisato che, alla fine dello scorso mese, le riserve della Romania di valuta e ore ammontavano a circa 35 miliardi di euro.

Fonte: rri.ro

 
By Admin (from 25/07/2010 @ 15:02:47, in it - Osservatorio Globale, read 2975 times)

WASHINGTON. E' morto da più di sessant'anni ma il mito di Al Capone continua a vivere e a scatenare passioni. Stavolta si tratta dello scontro tra i suoi discendenti, raccontato in prima pagina dal Wall Street Journal. Al centro della guerra tra i 'Capones', non c'é alcun patrimonio da ereditare. Le enormi proprietà di 'Scarface' furono infatti tutte confiscate dallo Stato. Piuttosto, a provocare la faida familiare è un altro bene altrettanto prezioso: la memoria, il marchio, e i possibili guadagni conseguenti.


E' bastato che una pronipote, Deirdre Marie Capone, oggi settantenne, scrivesse un libro di ricordi per far scoppiare la bagarre tra i discendenti, veri o presunti. Il volume in questione, che uscirà in autunno, s'intitola "Uncle Al", dedicato appunto ad Alphonse Gabriel Capone, il boss dei boss, simbolo del gangsterismo americano, morto per un arresto cardiaco nel 1947 a soli 48 anni.


Nel libro, Deirdre, una tranquilla nonna della Florida, vuota il sacco e racconta cosa vuol dire crescere con un cognome così ingombrante. Deirdre scrive che lei, come tantissimi altri parenti, appena ha potuto ha scelto di cambiare cognome e per anni ha tenuto nascosto ai suoi figli la sua vera storia. Un libro che però non è andato giù ad altri discendenti di Al. "Lo zio è morto sessant'anni fa. Lasciamolo riposare in pace...", protesta Theresa Hall, anche lei pronipote del boss. La pensa così anche un'altra parente, citata dal Wall Street Journal: "E' il momento di fermarci, e chiederci tutti a chi giova riparlare di quella storia". Ovviamente Deirdre replica a ogni critica senza battere ciglio: "Sono stata seduta sulle sue ginocchia, ho toccato la sua cicatrice: quanti storici hanno scritto di lui senza aver mai ascoltato la sua voce?".


Ma il libro non è l'unico motivo di scontro tra i 'Capones'. Nessuno di loro ha mai avuto problemi con la giustizia, spesso si tratta di persone umili, al massimo della middle class. Per anni hanno preferito evitare ogni pubblicità. Recentemente però, le cose sono cambiate. Chris Knight Capone, un giovane newyorchese, ha scritto due anni fa un libro in cui sostiene di essere il nipote di Scarface: il padre Bill sarebbe il frutto di una relazione extramatrimoniale. E per dimostrarlo ha chiesto alla Corte di Chicago di riesumare il corpo di Al Capone e fare il test del Dna. Richiesta che ha fatto insorgere indignati decine di eredi. Ma al di là delle prove di laboratorio, ormai a scatenare l'avidità di queste famiglie è la chimera di poter lucrare sulla memoria di un parente così celebre. Tanto che alcuni hanno proposto di mettere in piedi una società in grado di tutelare i diritti d'immagine del 'brand' 'Al Capone'. Deirdre ha già fatto sapere che ci proverà in California, l'unico Stato americano dove è possibile fare i soldi trasformando un proprio caro estinto in un marchio di fabbrica. La stessa idea che ha avuto anche Chris.

Fonte: AmericaOggi.info

WIE VAN DE DRIE

Kati Jacky Ralina
Kati | Jacky | Ralina
 

Unico settore in crescita l'elettronico, mentre l'alimentare in flessione del 4%.

Le vendite al dettaglio a maggio sono calate dell’1,9% su base annua e dello 0,3% su base mensile. L’impietosa foto dei consumi degli italiani la scatta l’Istat. L’istituto sottolinea che si tratta di un “risultato negativo”, il secondo consecutivo, spalmato omogeneamente a livello tendenziale sia sul comparto alimentare (-2%), che su quello non alimentare (-2%).

Si tratta di una diminuzione che deriva da variazioni negative relative sia alle vendite della grande distribuzione sia a quelle imprese operanti su piccole superfici (rispettivamente -0,5% e -2,9%). Nella grande distribuzione le vendite dei prodotti alimentari e quelle dei prodotti non alimentari sono diminuite, rispettivamente, dello 0,8% e dello 0,2%. Anche per i piccoli negozi, che hanno segnato il calo maggiore, entrambi i comparti hanno registrato una variazione negativa: -3,9% per gli alimentari e -2,7% per i non alimentari. Guardando più da vicino la grande distribuzione, su base annua si registrano risultati negativi per tutte le tipologie di impresa, con la sola eccezione degli esercizi specializzati (+0,7%).

Tra gli esercizi non specializzati, gli ipermercati hanno segnato la flessione più ampia (-1%) e i supermercati quella più contenuta (-0,5%). Focalizzandosi sulle dimensioni delle imprese, in termini tendenziali quelle piccole (fino a cinque addetti) hanno subito un calo del 3,1%, quelle medie (dai 6 ai 49 addetti del 3,3%) e al contrario le imprese più grandi (con almeno 50 addetti) hanno messo a punto un lieve aumento dello 0,1%.

Non solo i prodotti alimentari hanno registrato una flessione. Maggio tutti i gruppi hanno evidenziato risultati negativi, con l’eccezione dei settori ‘supporti magnetici, strumenti musicali ed elettrodomestici, radio, tv e registratori (rispettivamente +3,6% e +1,6%). I gruppi calzature, articoli in cuoio e da viaggio e abbigliamento e pelliccerie hanno, invece, segnato le riduzioni più marcate (rispettivamente -5,2% e -4,5%).

Fonte: ilfattoquotidiano.it

 

Il rapporto della Commissione Europea sulla giustizia romena, reso pubblico ieri, è il più critico di tutti quelli elaborati dopo l’ingresso della Romania nell’Ue, il primo gennaio del 2007. Per la prima volta, la Commissione Europea afferma esplicitamente che Bucarest non adempie agli impegni assunti all’adesione. Il rapporto critica, soprattutto, la nuova forma della legge sul funzionamento dell’Agenzia Nazionale per l’Integrità (ANI), incaricata a controllare i conflitti d'interesse e la legalità dei patrimoni dei dignitari. Stando alla Commissione, la legge ANI, nella variante adottata dal Senato dopo essere stata bocciata dalla Corte Costituzionale, rappresenta un grande passo indietro nella lotta alla corruzione.

Il principale difetto della legge sarebbe quello di eliminare la possibilità di sanzionare le dissonanze tra i beni e i redditi individuati e, implicitamente, quella di controllare i patrimoni ottenuti durante l'esercizio di un incarico pubblico. L'ultima variante della legge è stata, però, dichiarata anch’essa incostituzionale, cosicchè il Parlamento ha, adesso, la chance di correggerla. È quello che si augura anche il presidente romeno Traian Basescu, che ha convocato il Parlamento in sessione straordinaria, per accelerare il processo legislativo nel caso dell’Agenzia Nazionale per l’Integrità. Un’altra vulnerabilità individuata dalla Commissione Europea è il fatto che le autorità romene non scoprono e quindi non sanzionano quasi nessun caso di conflitto d’interesse e dichiarano nulli pochissimi appalti pubblici su cui pende il sospetto di truffa.

Se la Direzione Nazionale Anticorruzione è anche questa volta lodata per indagare i casi di corruzione al vertice, i tribunali vengono, invece, criticati per la lentezza delle cause. Nonostante le carenze riscontrate nel sistema giudiziario romeno, la Commissione Europea non parla di eventuali sanzioni. Il portavoce della Commissione, Mark Grey, notava il sostegno del pubblico alle raccomandazioni fatte da Bruxelles e dichiarava che è l’ora che le autorità romene rispettino i propri impegni.

Senza contestare la sua correttezza tecnica, il presidente Traian Basescu rimprovera al rapporto il tono esageratamente politico e l’affermazione, che ha definito inaccettabile, che la Romania non si attenga agli impegni assunti quando è entrata a far parte dell'Ue. Il capo dello stato ha annunciato che Bucarest elaborerà il proprio rapporto sulla giustizia romena, che invierà agli stati membri e alla Commisione Europea. Dal canto suo, il Guardasigilli romeno Catalin Predoiu non ha celato il suo disappunto che il regresso registrato per quanto riguarda l’Agenzia Nazionale per l’Integrità abbia buttato in un cono d'ombra dei progressi importanti, mentre il Procuratore generale della Romania, Laura Codruta Kovesi, ha valutato che l’analisi della Commissione è oggettiva e che le riforme del sistema giuridico vanno continuate.

Fonte: rri.ro

 
By Admin (from 27/07/2010 @ 11:50:33, in it - Osservatorio Globale, read 3919 times)

Dopo il parere espresso dalla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja, la quale ha deciso che la dichiarazione unilaterale di indipendenza di Kosovo non ha violato il diritto internazionale, le reazioni sono state contraddittorie. Da una parte, Pristina ha salutato la decisione, annunciando che consegnerà ai governi di 121 stati la richiesta di riconoscimento ufficiale dell’indipendenza e che il prossimo anno solleciterà l’adesione all’ONU. Kosovo, con una popolazione di due milioni di abitanti, di cui il 90% albanesi, è stato riconosciuto da 69 Paesi, tra cui gli Stati Uniti e 22 dei 27 stati membri dell’Ue. Al polo opposto, Belgrado ha lasciato intendere che il parere della Corte ha reso molto più difficile l’impegno per una soluzione giusta di compromesso sul futuro status della provincia meridionale della Serbia. Il presidente Boris Tadici ha ribadito che il suo Paese non riconoscerà mai l’indipendenza del Kosovo.

Il parere della Corte è solo consultivo e l’intera comunità internazionale si augura una ripresa del dialogo tra Pristina e Belgrado. Posizione questa sostenuta anche dalla Romania, che, per la voce del suo ministro degli Esteri, Teodor Baconschi, ha ribadito la fiducia in una soluzione negoziata. “La Corte ha analizzato solo la legalità dell’atto propriamente-detto, di fare una dichiarazione di indipendenza, senza esaminare i suoi effetti giuridici, cioè il problema della legalità della creazione di un preteso nuovo stato. Ribadisco, dunque, la posizione già nota, di nonriconoscimento della statalità del Kosovo, che la Romania ha espresso costantemente negli ultimi anni. Ci auguriamo la ripresa del dialogo tra Belgrado e Pristina, per individuare una soluzione che corrisponda agli interessi di ambo le parti e che contempli la stabilità e la prospettiva europea della regione”, ha sottolineato il capo della diplomazia romena.

D’altra parte, il giudizio della Corte Internazionale di Giustizia ha stimolato l’impegno per il riconoscimento dell’autonomia in alcune reppubliche autoproclamate nello spazio est-europeo. E’ il caso della Transnistria (regione separatista nella Moldova confinante con la Romania) dove, a differenza del Kosovo, il conflitto delle autorità filo-russe con la filo-romena Moldova, ha un carattere politico e non etnico. Il vicepresidente del Parlamento Europeo, Laszlo Tokes, dell’Unione democratica magiari di Romania, ha affermato che se una microregione come Kosovo ha conquistato l’autonomia, ciò sarebbe possibile anche per la Contrada dei Sekleri, al centro della Romania. La dichiarazione è stata duramente criticata dalla classe politica romena, che l’ha ritenuta inaccettabile e persino un attacco allo stato nazionale e alla Costituzione.

Fonte: rri.ro

 
By Admin (from 28/07/2010 @ 15:00:26, in it - Osservatorio Globale, read 1327 times)

Se oggi vedere una mamma che ha il primo figlio dopo i 40 anni sembra ancora strano, nel giro di qualche generazione potrebbe essere la norma. Lo affermano i ricercatori dell'universita' di Sheffield, secondo cui l'evoluzione 'selezionerà' le donne in grado di procreare piu' tardi, dando loro un vantaggio sulle altre.

La teoria dei ricercatori nasce da uno studio, pubblicato dalla rivista The American Naturalist, sui registri dei matrimoni in Finlandia nel 1700 e nel 1800, per un totale di 1591 donne. In questo periodo le condizioni erano opposte a quelle attuali: le donne si sposavano molto prima, ma con uomini di solito molto piu' vecchi, il che rendeva piu' probabile che rimanessero vedove presto, al punto che dopo i 35 anni il numero di donne sposate declinava. Il risultato 'genetico' di queste abitudini era che si facevano figli molto prima rispetto ad ora, mentre le poche donne che avevano la capacità di generare la prole anche in eta' più avanzata non avevano la possibilita' di farlo.

"Nelle società moderne, invece - spiega Duncan Gillespie, uno degli autori - la maternità inizia in età avanzata, perché il matrimonio avviene più tardi. Il risultato potrebbe essere che la selezione naturale che prima manteneva la fertilità in età molto giovane si indebolisca, mentre verrà favorita quella in età avanzata. Questo potrebbe portare in diverse generazioni ad avere più donne capaci di generare figli dopo i 40".

Anche se la tendenza a fare figli sempre piu' tardi e' gia' in atto nelle societa' occidentali, i segni 'genetici' di questo passaggio non si sono ancora visti: "L'essere riusciti a spostare l'eta' media del primo figlio e' una conquista di questo secolo - spiega Giorgio Vittori, presidente della Societa' italiana di Ginecologia e Ostetricia (Sigo) - anche se e' probabile che la selezione naturale spingera' verso donne in grado di procreare piu' tardi, questi segni non si sono ancora visti. Biologicamente quello che vediamo e' che l'eta' della menopausa e' rimasta la stessa, quello che e' cambiato e' il numero di figli procapite, che in Italia per esempio e' sceso a 1,2, molto al di sotto del tasso necessario a garantire la sopravvivenza della specie che e' di 2,11".

Fonte: Tio.ch

WIE VAN DE DRIE

Verunka Monica Adrienne
Verunka | Monica | Adrienne
 

Il 31enne spagnolo che ha subito il primo trapianto completo di faccia al mondo è stato dimesso e ha fatto la sua prima comparsa in pubblico.

All'ospedale di Barcellona Vall d'Hebron, durante una conferenza stampa, l'uomo, conosciuto semplicemente come Oscar, ha voluto ringraziare l'anonimo donatore e l'equipe medica che ha effettuato l'operazione. "Vorrei ringraziare tutto il team medico, la famiglia del donatore e soprattutto i miei familiari per il sostegno che mi hanno dato fino alla fine".

Il volto di Oscar era stato distrutto da colpi d'arma da fuoco esplosi accidentalmente cinque anni fa. L'operazione era stata effettuata in marzo sotto la supervisione del chirurgo plastico Joan Pere Barret. Il percorso di Oscar, pero' inizia qui. Ha bisogno di fisioterapia estensiva, terapia del linguaggio e altre operazioni nei prossimi mesi, ma alla fine dovrebbe recuperare l'80-90% delle sue funzioni.

Il trapianto è il piu' completo portato a termine fino ad oggi: ha riguardato tutta la pelle e i muscoli, il naso, le labbra, la mascella superiore, tutti i denti, il palato, gli zigomi e la mandibola, cosi' come il sistema lacrimale.

Fonte: Tio.ch - Foto apertura: Keystone / AP Davis Ramos

 
By Admin (from 29/07/2010 @ 15:30:14, in it - Osservatorio Globale, read 1440 times)

Siamo alla resa dei conti. Dicono. Ore 19.00, stasera. Ufficio di Presidenza Pdl. Fini ed i Finiani, dentro o fuori. In quel vertice, può accadere di tutto.

Gianfranco Fini
 ha appena chiesto al Cavaliere di deporre le armi. Un no secco, la risposta del Premier, oramai è tardi, la tua è una trappola. Il Santo Papi non perdona. L'espulsione è proprio lì, a poche ore di distanza, sarebbe già pronto un documento di "censura politica", così lo chiamano: Fini, Bocchino, Granata, Briguglio, ora basta, quelle teste devono cadere. C'è chi parla di campagna acquisti - "Fini è finito, ora comprerò tutti i suoi uomini", sbottava il Premier ad aprile - chi di imminenti elezioni anticipate, Berlusconi si è insomma deciso, la metastasi va asportata, con qualunque mezzo. Sia chiaro, può pure finire tutto a tarallucci e vino (probabile), ma sta di fatto che l'apparato mediatico papale è scatenato, affila i bisturi, prepara lacci emostatici e disinfettante e morfina base, quello di Feltri e Belpietro (e non solo) è un attacco simultaneo: si va daicalzoncini corti di Italo Bocchino ai cognati di Gianfranco Fini passando per traditor Granata, se serve con l'aiuto postumo di Oriana Fallaci e di Giorgio Almirante, pagine e pagine di delegittimazione sistemica perfetta per frollare dinnanzi all'opinione pubblica le decisioni del Partito, che potrebbero essere pesantissime. Le reazioni all'epurazione di chi chiede legalità e democrazia all'interno del Pdl, anche se a scoppio ritardato, potrebbero essere ... beh, fate voi, da qui il martellamento giornalistico degli ultimi giorni.

In ogni caso ci siamo. Il Parlamentare Pdl Giuseppe Ciarrapico non ha dubbi sulla determinazione del Cavaliere, e ai giornalisti di Liberorivela: "Stavolta Berlusconi sta a cazzo dritto" (cito testualmente), non farà sopravvissuti. "Ci sono rimasto malissimo quando ho scoperto che Bocchino era un deputato e non un punto del nostro programma", scherza a poca distanza il Cavaliere, questo per dirvi del clima che si respira in Transatlantico.

In realtà potrebbe essere molto ma molto difficile cacciare i dissidenti finiani, ed in particolare l'ex leader di An, essendo uno dei fondatori del Pdl. Fini compare in quell'atto notarile firmato il 27 febbraio 2008, assieme ad altri 9 nomi, tra cui spiccano Berlusconi, Bondi e Verdini. E stando alle parole di un notiaio interpellato da Libero, quello statuto non prevede "né il recesso, né l'esclusione", "in soldoni nessuno può cacciare nessuno". Ma sappiamo bene di chi stiamo parlando, di uno che ha stracciato senza troppi problemi l'articolo 3 della Costituzione Italiana, pur di trincerarsi in impunità, e diosolosa cosa potrebbe fare con lo statuto del proprio Partito. Ore diciannove.
 
Autore: Wil; Fonte: nonleggerlo.blogspot.com
 
Ci sono 6041 persone collegate

< maggio 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo





07/05/2021 @ 18:55:40
script eseguito in 814 ms