Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
\\ Home Page : Storico : it - Osservatorio Globale (invert the order)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 

Un passo importante, che fissa la corretta interpretazione della normativa sulle droghe. Incapaci di produrre una innovazione politica all'altezza del mutato contesto internazionale, in Italia il testo unico sulle droghe viene rivisto e riscritto dalla giurisprudenza, ieri dalla Corte di cassazione, l'altro ieri dalla sentenza con cui la Corte costituzionale ha giudicato illegittima l'intera legge Fini-Giovanardi. Potrebbero tranquillamente riferirvisi le argomentazioni usate da Stefano Rodotà su la Repubblica di domenica scorsa a proposito della procreazione medicalmente assistita: "negli ultimi venti anni la tutela dei diritti è stata garantita quasi esclusivamente dai giudici costituzionali e ordinari, mentre il Parlamento cercava di ridurne illegittimamente l'ampiezza o rimaneva colpevolmente silenzioso". Un bel paradosso e il principale dei problemi per chi, come il Ministro Orlando, voglia riformare la giustizia nel solco della distinzione di ruoli tra politica e magistratura: se la politica continua a non decidere, o a decidere in senso contrario ai vincoli posti dalla Costituzione, come pretendere che non vi sia un conflitto con una giurisdizione cui sono delegate tutte le possibilità di riconoscimento dei diritti dei cittadini?

Non altro è il problema che abbiamo posto negli ultimi vent'anni in materia di droghe, sin dal referendum del 1993, che abrogò le parti più ideologiche e repressive della legge Iervolino-Vassalli, e poi qualche mese fa, all'indomani della abrogazione della legge Fini-Giovanardi. Spetta al Parlamento riscrivere da cima a fondo la legge sulla droga, tenendo conto del fallimento della war on drugs, del mutato contesto internazionale e dei cambiamenti nell'uso delle sostanze stupefacenti. E spetta al Parlamento risolvere i problemi di carattere generale sollevati da un corretto esercizio del potere giurisdizionale. Tra questi, quello delle migliaia di persone tutt'ora in carcere in forza di previsioni penali giudicate illegittime dalla sentenza della Corte costituzionale del febbraio scorso.

La perdurante ignavia del Parlamento – interrotta solo dal tentativo revanchista della Ministra Lorenzin, di reintrodurre per decreto l'intera legge Fini-Giovanardi (norme penali comprese) – ci ha costretto a riprendere la via giudiziaria. E' possibile tollerare ulteriormente il prolungarsi dell'esecuzione di pene giudicate, nella loro misura, illegittime dalla Corte costituzionale? La Corte di cassazione ha chiaramente detto di no, ma questo non basta quando il problema sia polverizzato in migliaia di situazioni personali che richiedono ricorsi individuali al giudice dell'esecuzione, ed essendo la gran parte degli interessati privi della minima cognizione giuridica e di un'adeguata assistenza legale. Tocca allora andare città per città e carcere per carcere, a informare i detenuti e spiegare loro che possono chiedere la rideterminazione della pena e, molto probabilmente, essere scarcerati. E' quello che stiamo facendo, con i garanti dei detenuti, le camere penali e le altre associazioni che hanno aderito alla campagna "Cancellare le pene illegittime". In Friuli, dove la campagna è stata presentata alla stampa il 2 agosto scorso, potrebbero essere 262 su 644 i detenuti interessati al ricalcolo delle pene, a Ferrara 50 su 300. Interessa al Ministro Orlando e ai riformatori della giustizia e delle istituzioni questa riaffermazione in concreto di principi basilari dello stato di diritto?

Fonte: FuoriLuogo.it

 

Senza che ce ne accorgiamo, miliardi di api stanno morendo e la nostra catena alimentare è a rischio. Le api non si limitano a fare il miele: sono una forza lavoro immensa e umile, che impollina il 75% delle piante che coltiviamo. Tra pochi giorni gli USA potrebbero decidere di vietare i pesticidi tossici che le stanno sterminando.

FIRMA

Arrivare a quel divieto è possibile e noi lo sappiamo bene: dopo una mega campagna Avaaz dell'anno scorso, l'Unione Europea ha proibito quel gruppo di veleni che numerosi scienziati accusano per la morte delle api. Proprio ora le società dell'industria chimica stanno facendo pressione senza tregua sulle autorità statunitensi per impedirlo. I nostri alleati interni, però, ci fanno sapere che l'opinione pubblica potrebbe rovesciare la situazione in favore del divieto. Facciamoci sentire, allora! Se gli USA si muovono, daranno il via ad una reazione a catena nel resto del mondo.

Aiutaci a far crescere questa campagna!

Non abbiamo tempo da perdere: la task force della Casa Bianca per le api presenterà le sue proposte tra pochi giorni. Non si tratta solo di salvare le api, si tratta della nostra stessa sopravvivenza. Firmate ora questa petizione urgente, facciamo arrivare il nostro appello agli USA affinché mettano al bando quei pesticidi assassini, prima che le api si estinguano.

Ai membri della task force della Casa Bianca:

"Chiediamo di vietare immediatamente l'uso dei pesticidi neonicotinoidi finché e a meno che nuovi studi indipendenti non dimostrino che sono sicuri. La morte catastrofica di intere colonie di api potrebbe mettere a repentaglio la nostra intera catena alimentare. Se agirete ora, con urgenza e considerazione, saremo in grado di salvare le api dall'estinzione..."

 

AVVISO IMPORTANTE!

A seguito delle numerose richieste di Prenotazione che ci avete inviato è andato in tilt il sistema di registrazione... Abbiamo Finalmente risolto il Problema, ADESSO potete effettuare la Richiesta di Prenotazione Biglietti per la Prima Fiera Internazionale sulla Canapa e il Naturale in Sicilia! Vi aspettiamo in Fiera!!!

DALLE ORE 09:00 DI VENERDĚ (INAUGURAZIONE) ALLE ORE 17:00 DI DOMENICA 26 (CHIUSURA), PRESSO IL CENTRO FIERISTICO "LE CIMINIERE" DI CATANIA.

"PERCHÉ MALACANAPA E LA CITTŔ DI CATANIA?


La natura offre un'ampia varietà di materie prime da cui è possibile sintetizzare diversi derivati ad impatto zero. Attualmente queste materie prime naturali sono scarsamente utilizzate a favore di derivati del petrolio trasformati con processi chimici altamente inquinanti o altre materie prime difficilmente rinnovabili e con elevato impatto ambientale.

In tal senso, la canapa rappresenta la materia prima dalla quale poter ricavare oltre 50mila derivati, tutti attraverso processi eco-sintonici. Risulta essere tra le colture più ecologiche e rinnovabili. Dalla coltivazione della canapa è possibile ottenere notevoli benefici sia in termini ambientali che sociali. La pianta viene impiegata per usi alimentari, terapeutici, cosmetici, nella bio-edilizia ed è anche una fonte di biomassa o combustibili come l'etanolo di canapa, da utilizzare in alternativa al carbone e altri combustibili fossili, in quanto al contrario di questi, non comporta un incremento di CO2, data anche l'immensa quantità di anidride carbonica sottratta dall'atmosfera durante la fase di crescita vegetativa della pianta. Nella realizzazione della carta, inoltre, si potrebbero risolvere gran parte del problema del disboscamento dato che la produzione annua di cellulosa, per ettaro di canapa, risulta quanto quella di quattro ettari di foreste almeno trentennale.

Nel considerare l'ambiente come un input di grandi valori e nella volontà di attuare cambiamenti sia nei modelli di investimento sia in quelli di consumo operando verso un'economia verde, si desume come la Fiera MALACANAPA rappresenti una grande opportunità per il territorio siciliano.

Catania è la città maggiormente ricettiva, parlando di canapa, con un vivo interesse dimostrato anche dalle università dell'ateneo catanese.

Dott. Giuseppe Nicosia Vice Presidente

---

PROGRAMMA

"In fiera esporranno aziende che si occupano di derivati della canapa:

- Per scopo industriale (principalmente produttori di materiale per la bio-edilizia e materiale innovativo per le aziende automobilistiche, nautiche, ecc.),

- Per scopo alimentare (il seme di canapa è riconosciuto dallo stesso Ministero della Salute, “Prodotto Salutistico” - Circolare del 22/05/2009),

- Per scopo terapeutico,

- Altro settore inerente vendita di semi da collezione e prodotti per il giardinaggio,

- Altro settore inerente vendita di prodotti per fumatori.

Esporranno inoltre operatori di vari settori inerenti la canapa, la corretta alimentazione, la cultura e l'arte; non classificabili nelle precedenti categorie.

Queste fiere hanno la finalità di informare agricoltori, imprenditori, ma anche studenti e curiosi, sugli usi della canapa.

Vi Aspettiamo Tutti in Fiera, Firmato il Presidente A.C.S. Giuseppe Sutera Sardo."

Fonte: malacanapa.it

 
Ci sono 5231 persone collegate

< maggio 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo





07/05/2021 @ 17:09:43
script eseguito in 766 ms