Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Pensare in digitale. Non è lo slogan di una pubblicità ma l’ultimo traguardo della cibernetica. Dopo aver rivoluzionato il mondo delle protesi con l’ orecchio bionico e le gambe artificiali controllate dal pensiero, i ricercatori hanno rotto l’ultimo tabù: sostituire una parte del cervello con un impianto digitale perfettamente funzionante. Per la precisione, si tratta di un cervelletto elettronico che, impiantato nella testa di un topo, si è dimostrato in grado di ricevere e dare ordini al pari dell’organo vero.

La mente vola subito lontano, a un futuro popolato da cyborg con cervelli arricchiti da impianti digitali capaci di ristabilire funzioni o amplificare le capacità cognitive. Ma restando al presente, gli esperimenti appena presentati alla conferenza Strategies for Engineered Negligible Senescence di Cambridge, in Gran Bretagna, sono ugualmente suggestivi.

I creatori del dispositivo vengono dall’ Università di Tel Aviv, in Israele. Gli scienziati hanno prima di tutto analizzato i segnali emessi dal tronco encefalico di un cervello di topo verso il cervelletto, e quelli trasmessi dal cervelletto alle altre aree cerebrali. Basandosi su questi dati, i ricercatori hanno quindi costruito il dispositivo elettronico da impiantare nella testa di un topo anestetizzato con il cervelletto danneggiato.

Utilizzare dispositivi elettronici per ristabilire funzionalità compromesse era un traguardo già conquistato. Ma in questi casi si tratta di protesi che veicolano informazioni in un’unica direzione: dall’ambiente esterno al cervello (come nel caso dell’orecchio bionico che recepisce i rumori per trasferirli al nervo acustico) o vice versa (come nel caso dell’arto artificiale che obbedisce ai comandi del cervello). La cosa straordinaria del nuovo cervelletto elettronico, in effetti, è che si tratta di un dispositivo capace di una comunicazione a due sensi: dopo aver ricevuto un input dal tronco encefalico, infatti, lo elabora e lo trasmette alle altre aree cerebrali per coordinare il movimento.

Per testare le capacità di questa versione digitale di cervelletto, i ricercatori hanno provato a insegnare al topo un riflesso motorio condizionato (un battito di ciglia) combinando due stimoli: un suono e un soffio d’aria sugli occhi. La fisiologia vuole che se i due stimoli vengono ripetuti contemporaneamente e a lungo, alla fine il soggetto fa l’occhiolino anche solo sentendo il suono. Ebbene, è venuto fuori che il topo apprendeva il riflesso motorio condizionato solo se il suo cervelletto elettronico era attaccato alla corrente.

“È ormai dimostrato che si possono registrare le informazioni provenienti dal cervello, elaborarle in modo simile a una rete biologica e rimandarle indietro al cervello stesso”, ha commentato a New Scientist Matti Mintz, coordinatore dello studio.

Il prossimo passo sarà costruire una versione più grande e raffinata del dispositivo, in grado di gestire i comandi necessari a portare a termine azioni sempre più complesse.

“Non è cosa semplice, perché il dispositivo degrada il segnale”, ha sottolineato Robert Prueckl, un ricercatore del Guger Technologies di Graz, in Austria, che ha lavorato con Mintz. Non è semplice ma neanche impossibile, basterà migliorare i software impiegati nei dispositivi e le tecniche di impianto degli elettrodi. Il sogno, naturalmente, è quello di costruire protesi cerebrali talmente complesse da riuscire a sostituire perfettamente quelle aree del cervello che, a causa della vecchiaia o delle malattie, non sono più in grado di svolgere i loro compiti. Ma questa, per ora, resta fantascienza.

Fonte: daily.wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Protest in Romania 2012 - Romania CNN

DISTRIBUIE daca sustii libertatea de exprimare in Piata UNIVERSITATII.

IN LOC SA FIE DE PARTEA NOASTRA SUNT IMPOTRIVA NOASTRA.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Într-o lume în care catastrofele meteorologice au devenit evenimente obisnuite, noile avertismente venite din partea specialistilor anunta un viitor sumbru: mai multe inundatii, mai multe valuri de caldura, secete mai mari si costuri si mai mari pentru a ne reveni în urma lor.

Viitorul apropiat ne rezervă din ce în ce mai multe evenimente climatice extreme

Noile rapoarte stiintifice elaborate de o echipa internationala de cercetatori anunta ca evenimentele meteo extreme cauzate de încalzirea globala ar putea deveni atât de severe încât unele teritorii nu vor mai putea fi populate.

Raportul eliberat de Grupul interguvernamental de experti în evolutia climei (IPCC), organizatie careia i s-a decernat Premiul Nobel pentru Pace, marcheaza o schimbare în domeniul stiintei climatice. Astfel, oamenii de stiinta se nu se mai apleaca asupra schimbarilor înregistrate în temperatura medie, concentrându-se asupra catastrofelor climatice care au loc din ce în ce mai des.

Versiunea finala a studiului va fi discutata peste câteva saptamâni la o întâlnire a oamenilor de stiinta, ce va avea loc în Uganda. Din datele publicate pâna acum de specialisti reiese faptul ca evenimentele climatice extreme înregistrate în ultima vreme au devenit mai severe din cauza gazelor cu efect de sera emise în atmosfera în urma activitatii umane.

Specialistii spun ca, pâna la sfârsitul secolului, furtunile extreme care obisnuiau sa se petreaca odata la 20 de ani, vor fi mai dese, urmând sa fie înregistrate de cel putin doua ori într-un deceniu. La polul opus, secetele ar putea deveni evenimente banale, având în vedere ca ele vor fi din ce în ce mai dese, ca urmare a încalzirii globale continue. Din cauza faptului ca aerul cald poate retine mai multa apa, oamenii de stiinta prezic aparitia unor musoni cu intensitate mult mai crescuta decât a celor din prezent.

Rezumatul raportului are 18 pagini si se încheie cu o previziune despre care specialistii sunt 99% siguri ca va avea loc. Ei spun ca pâna la jumatatea secolului temperaturile medii vor creste cu aproape 5 grade Celsius, urmând ca pâna în 2100 ele sa fie cu 9 grade mai mari ca cele din prezent.

Sursa: SF Gate & descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Anul 2012 debuteaza cu un experiment extrem de interesant, dar, în aceeasi masura, de îngrijorator, materializat pe nu mai putin de doua planuri. Pe de o parte, privind absoluta relativitate a adevarului, pe de alta, referitor la posibilitatile aproape nelimitate de manipulare.

Daca cineva voia sa o ia razna, în circumstantele îndoielii în cel mai înalt grad în ceea ce priveste existenta unui singur adevar, n-avea decât sa urmareasca, simultan (mai dificil tehnic, dar nu imposibil), transmisiile televizate, în direct, ale manifestatiei de sâmbata, din Piata Universitatii (la ora scrierii acestor rânduri, duminica dimineata, eu pariam ca si la finele acestei zile urma sa asistam la repetarea fenomenelor, recte manifestatie & transmisii). În planul video, aproape ca nu exista nici o diferenta între ce ofereau canalele aservite puterii fata de ce înfatisau cele simpatizante cu opozitia. În cel audio (ma refer aici la comentariile facute din studiouri), în schimb, diferenta era ca de la cer la pamânt. Entuziasmului si multumirii unora - „iata ca, în sfârsit, încep sa se miste oamenii si în România”- li se contrapuneau indignarea si mânia altora -„niste galagiosi”, „niste huligani”, „miscarea e manipulata” etc.

Din pacate, nu am vazut la nici o televiziune adevarul gol-golut. Care, precum în foarte multe cazuri, se afla undeva la mijloc; care, în acest caz particular, ar fi putut fi evidentiat numai prin prezentarea imaginilor, orice comentarii nefacând altceva decât sa denatureze realitatea.

Personal, încercând sa pastrez un grad cât mai mare de obiectivitate, consider pozitiv si benefic faptul ca unii dintre români au început a se trezi, migrând din ipostaza de martori în cea de oameni activi, trecând din fata micilor ecrane în aceea a camerelor video (indiferent daca acestea apartineau televiziunilor sau organelor care urmau ca, ulterior, sa ia masuri punitive). Desigur, nu-mi pot reprima un repros: daca aceasta trezire ar fi avut loc atunci când au fost anuntate nejustificatele si criminalele taieri de salarii si pensii ori majorarea tva, guvernantii ar fi fost siliti sa stopeze ticaloasele lor planuri.

Ca argument în acest sens, de revazut declaratia din 2010 a flotantului de la Cotroceni, care sublinia ca va renunta la masurile de austeritate daca vor iesi 5 milioane de oameni în strada. Vineri si sâmbata au iesit doar câteva mii, dar au fost de ajuns pentru a baga spaima în nefastul personaj, care a facut de îndata un pas îndarat, demonstrând ca nu are nimic în comun cu calitati precum curajul sustinerii propriilor opinii, idei si proiecte pâna la capat ori consecventa...

Cel mentionat prenumara, printre emanatiile doveditoare ale geniului sau, afirmatia ca „iarna nu-i ca vara”. Gura pr... esedintelui adevar graieste, mai ales daca luam în discutie ca nici iarna româneasca nu-i taman ca primavara arabeasca. Dar, cu toate deosebirile dintre ultimele doua „anotimpuri” amintite, finalul ar putea fi unul si acelasi. Un popor, oricât de rabdator ar fi el, nu poate suporta la nesfârsit manifestari dictatoriale si paranoice. Si, daca alungarea de la putere a unor personaje cu aceste atribute a avut loc în tari care nu aveau nimic în comun cu democratia, de ce sa nu tragem speranta – dar mai ales sa actionam! – ca si în România, care, cel putin teoretic e pe orbita acestui concept, s-ar putea întâmpla la fel.

Doua cuvinte si despre scânteile declansatoare ale trezirii românilor. Se pare ca e un dat ca acestea sa vina, cumva, din afara:în 1989, a fost vorba despre un pastor maghiar, iar acum, despre un medic palestinian. Celui din urma i se cuvin multumiri nu doar pentru crearea unui sistem salvator de vieti, ci si pentru actualizarea si transformarea radicala a unui vechi proverb. Astazi, în România, poate fi valabila zicerea conform careia un doctor mare rastoarna un presedinte mic!

Autor: Dorian Obreja - Sursa: evenimentul.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The company's most recent launch includes new solar chargers that can power up your laptop while latched on to a durable backpack.

The new Array backpack pairs up with the Fuse 10W. The Fuse 10W is a detachable solar cell that can be attached to other packs or bike racks. But the Array is a great option for anyone from a student who needs extra battery power to hikers and campers who are off-grid.

According to Voltaic, the Fuse 10W provides as much as 30 minutes of laptop run-time for every hour in the sunlight. The charger will also work for tablet devices, digital cameras and other handheld devices. The holy grail for solar chargers is one powerful enough to run a laptop. While we don't have anything that can be basically plugged in and keep a laptop running all day long, this one sounds like a really solid option.

It's not exactly a cheap option though -- you pay for quality. The Fuse 10W is $339, and the Array backpack with the charger is $389. While it sounds expensive, this is actually competitive pricing for high end solar-powered backpacks. And the solar cell on the Array can be removed and attached elsewhere just like the Fuse 10W.

“Since we launched the first solar backpack in 2004, the number one customer request has been to make a backpack that charges laptops,” said Shayne McQuade, CEO of Voltaic Systems. “With the Array and Fuse 10W, we are giving our customers two great portable charging options.”

The battery included with the Fuse 10W has 60 watt hours of capacity, and the backpack can fit a laptop along with other items. And of course, as with other Voltaic packs, the fabric is made from 100% recycled PET.

Source: TreeHugger

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Ahwaz è una città iraniana che detiene un triste primato. Secondo i dati resi pubblici dall’ Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), infatti, è il posto più inquinato del mondo. La colpa è delle industrie e dell’uso massiccio di combustibili fossili per alimentare i trasporti. Ma nella lista nera dell’Oms figurano molte altre città del mondo arabo che, assieme ad alcuni stati africani e asiatici, è una delle aree del pianeta a soffrire maggiormente di inquinamento ambientale. La classifica è stata stilata monitorando la qualità dell’aria di circa 1100 città sparse in 91 paesi, tenute sotto controllo dal 2003 al 2009. Le misurazioni hanno interessato il cosiddetto particolato, cioè l’insieme delle particelle solide e liquide disperse nell’atmosfera con un diametro inferiore ai 10 micrometri (PM10) e ai 2,5 micrometri (PM2,5).

Ma veniamo ai numeri. Ahwaz si piazza al primo posto con una densità media di PM10 pari a 372 microgrammi per metro cubo all’anno. Una cifra mostruosa se pensiamo che il limite fissato dall’Oms per questo tipo di particelle è di 20 microgrammi per metro cubo. Segue la capitale della Mongolia con i suoi 279 microgrammi per metro cubo all’anno e Sanandaj, un’altra città dell’Iran con 254 microgrammi per metro cubo all’anno. Nei primi posti figurano anche il Pakistan, il Botswana e il Senegal, presenti nella top ten dei paesi più intossicati al mondo. E l’ Italia? Torino è la città più inquinata (47 microgrammi per metro cubo all’anno), ma anche Milano e Napoli non se la passano bene (44 microgrammi per metro cubo all’anno).

I maggiori responsabili di questo stato di cose, secondo l’Oms, sono l’ industrializzazione sfrenata e l’uso quasi esclusivo di combustibili fossili sia nei trasporti sia nella produzione di elettricità. E non è un caso che nelle prime posizioni della classifica figurino molti paesi emergenti, pronti a sacrificare l’ambiente (e la salute) in nome del progresso e della crescita economica. “ Le industrie emettono dense nuvole di fumo nell’aria e il governo non fa alcuno sforzo per controllare e frenare le loro attività”, si lamenta Mohammad Hasan, un cittadino di Karachi, in Pakistan. Va da sé che senza regolamentare il settore industriale, tutti i piccoli sforzi fatti per cercare di migliorare la qualità dell’aria (a Karachi, per esempio, i bus più inquinanti sono stati sostituiti con veicoli a basse emissioni) rischiano di essere vani.

A rimetterci sono le persone, sempre più a rischio di ammalarsi di tumore o malattie a carico dell’apparato respiratorio e cardio-circolatorio. I dati dell’Organizzazione mondiale della sanità parlano di circa 1,34 milioni di morti premature causate ogni anno dall’inquinamento. Un problema che non è solo etico, ma economico: investendo nella tutela dell’ambiente, infatti, i governi riuscirebbero a ridurre le spese sostenute per la sanità pubblica, recuperando fondi da investire altrove.

Č quello che hanno fatto nazioni come l’Australia e il Canada (13 microgrammi per metro cubo all’anno), l’Irlanda (15 microgrammi per metro cubo all’anno) o la Norvegia (22 microgrammi per metro cubo all’anno), agli ultimi posti di questa sfortunata classifica proprio perché hanno scelto di investire sull’ambiente. Anche se, per essere sinceri, dobbiamo ricordare che a differenza di altri paesi godono di situazioni geografiche e demografiche (densità di popolazione bassissime) certamente più favorevoli.

Sempre a onor del vero, bisognerebbe poi ricordare che la classifica dell’OMS soffre di alcune imperfezioni. Per esempio, analizza un campione eterogeneo, dove ci sono pochissimi dati per paesi coma la Russia e la Cina, due delle nazioni più inquinate al mondo. Inoltre, le misurazioni effettuate fanno riferimento ad anni diversi. Ma è comunque un’analisi utile per disegnare questa infelice mappa globale, dove tutti dovrebbero preoccuparsi della salute del pianeta. Perché nel cielo non ci sono linee di confine e l’inquinamento viaggia facilmente da un paese all’altro.

Fonte: daily.wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Domnule presedinte,

Va scrie cu intristare o tanara studenta, nascuta in Bucuresti care nu a crezut niciodata in dumneavoastra, nu v-a acordat votul si care a militat impotriva dumneavoastra ori de cate ori a avut ocazia. Puteti sa ma numiti instigatoare, sau opozanta. O opozanta, careia nu ii este frica de actuala putere, care nu are nimic de pierdut, ci are o viata pe care vrea sa o traiasca in Romania. Din perioada in care am inceput sa inteleg miscarile scenei politice, marturisesc ca m-au incercat o sumedenie de sentimente in ceea ce va priveste.

La inceput am fost amuzata, va vedeam ca pe o caricatura politica si nu intelegeam cum lumea din jurul meu, printre care si parintii mei ar putea aprecia un astfel de om. Era exact perioada in care dumnevoastra erati Ministrul Transporturilor si erati implicat fara niciun dubiu in traficul de armament la nivel mondial. Spun fara niciun dubiu, deoarece ati catalogat toate dovezile facute publice drept simple speculatii. Spuneati intr-o declaratie de presa ca multi speculeaza ca sunteti alcoolic, multi speculeaza ca sunteti bolnav, multi speculeaza ca sunteti nu stiti cum. Eu cred cu tarie despre dumneavostra ca sunteti un alcoolic notoriu, un om bolnav, plin de frustrari, cu o obsesie maladiva de putere. Dumneavostra ati recunoscut ca v-ati aflat sub influenta bauturilor alcoolice si tot dumneavoastra i-ati aratat lui Serban Huidu in urma cu ceva vreme in timpul unei emisiuni cum se bea whiskey. Sunteti un om frustrat domnule presedinte! Un om care calca pe cadavre, un om care a instaurat in Romania dupa 1989 un sistem sovietic mult mai bine pus la punct decat a avut Ceausescu. Un om care a politizat absolut toate institutiile statului roman. Iar noi romanii, suntem victimele frustrarilor si tulburarilor de personalitate ale unei caricaturi politice maniaco-obsesive.

Se implinesc opt ani de zile de cand in Romania,tara membra UE minciuna este crez politic. Nu pot decat sa te privesc cu scarba Traian Basescu si in acelasi timp sa privesc cu satisfactie suferinta celor care te-au reales in functia de presedinte pe un kg de malai si o sticla de ulei. Dar noi? Cei care nu te-am ales? Dar cei care au refuzat sa se prezinte la vot? Tineretul este satul de conducerea ta. Tineretul nu te-a votat in 2009. Tineretul a luat zilele acestea atitudine publica si va exercita presiuni asupra liderilor opozitiei pentru suspendarea ta din functia de presedinte!

In momentul de fata poporul roman a ajuns in situatia de a face orice sa scape tara de grupurile politico-economice portocalii de inspiratie mafiota, cu legaturi în lumea interlopa. Ai stiut sa profiti de ocazie Traian Basescu. Astfel de grupari mafiote n-au aparut peste noapte si au mai încercat sa preia controlul ori de câte ori au simtit ca statul este slab. La conducerea ta aceste grupari instrumenteaza dosare.

Este datoria noastra sa protestam. Este datoria noastra sa luptam pentru a le lasa mostenire copiiilor nostri o tara de prima mana (nu de mana a doua domnule presedinte). In contextul politic si social actual, manifestarile de strada din ultimele zile au fost inevitabile. Daca vreti sa faceti un lucru onorabil pentru aceasta tara, dati-va demisia domnule presedinte, pentru a evita noi proteste si noi violente. Macar atat sa faceti pentru aceasta tara.

Inchei aceasta epistola prin a va spune ca imi este pur si simplu scarba sa ma gandesc la dumneavoastra si tin sa va amintesc faptul ca si Ceausescu s-a crezut invincibil.

Fara pic de consideratie,

Un simplu cetatean !

Surse de informare amanuntita pentru cititori: www.mafiilepdl.ro/traian-basescu

Sursa: adelinabaescu.wordpress.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

La protesta era diretta contro il presidente Traian Basescu, ritenuto responsabile dell’abbassamento del tenore di vita dei rumeni e del minaccioso piano di austerità. La manifestazione nel centro di Bucarest, iniziata pacificamente, è ben presto degenerata in scontri con la polizia.

Alla fine si sono registrati 10 feriti, tra cui 4 agenti e un cameraman.

 

Una trentina i dimostranti fermati e condotti in commissariato.

In altre città della Romania si sono svolte manifestazioni contro la riforma della sanità che prevede di dare più spazio alle strutture private.

Fonte: Euronews.net


There have been violent scenes in the Romanian capital Bucharest between police and protestors demonstrating over health service cuts. Nine people were injured, as officers used tear gas while some in the crowd threw petrol bombs. Thousands have been taking to the streets across the country, angry at more government austerity measures needed to get new financial help from the International Monetary Fund. Opponents say the already outdated medical system will be further worsened and living standards reduced.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

La notizia è arrivata a una sola settimana di distanza dal rumoroso lancio del nuovo Facebook: Zuckerberg e soci daranno vita a un Political Action Committee. Insomma, Facebook entra in politica. E, com’è tradizione presso le grandi compagnie della Silicon Valley, lo fa imboccando la porta sul retro, dando vita a un comitato che si occuperà esclusivamente di fornire appoggio economico a partiti e candidati politici in vista delle elezioni presidenziali del 2012.

Ma cosa si intende, esattamente, con Political Action Committee (Pac)? Sostanzialmente, si tratta di un gruppo privato che raccoglie donazioni con il fine di promuovere l’elezione di un candidato e, transitivamente, influenzare le decisioni politiche in determinati ambiti.

In una lettera inviata al quotidiano The Hill, Facebook fornisce la sua spiegazione ufficiale in proposito: “ Il Pac di Facebook darà ai nostri impiegati la possibilità di farsi ascoltare da quei candidati che condividono con l’obiettivo di promuovere il valore dell’innovazione nella nostra economia, dando al contempo alla gente il potere di condividere e rendere il mondo più aperto e connesso”

Giri di parole a parte, quello compiuto da Zuckerberg e soci è un passo obbligatorio se si vuole finanziare legalmente, e in modo consistente, un partito politico o un suo candidato.

Naturalmente Facebook non sta iniziando ora a esercitare la sua influenza sulla politica americana. Com’è costume diffuso nel campo dell’information-tecnology (e non solo), la compagnia di Mark Zuckerberg investe da anni centinaia di migliaia di dollari in lobbying, per fare pressione sulla politica e sulle istituzioni legislative. Se nel 2010 a Palo Alto avevano investito 350mila dollari in lobbying, nel 2011 gli investimenti di questo tipo hanno raggiunto quota 550mila dollari. Una cifra importante, senz’altro, ma ancora parecchio lontana dalla montagne di denaro con cui le altre aziende leader del settore riempiono le tasche dei loro lobbisti. Come si può notare in questa classifica redatta da OpenSecrets.org, Amazon e Apple investono cifre annuali almeno doppie rispetto a quella di Facebook, rispettivamente 1 e 1,3 milioni di dollari, mentre sul podio se la giocano Microsoft, Google e HP, con investimenti che orbitano intorno ai 3 milioni di dollari annui.

Qualcuno di voi si starà chiedendo: a cosa servono, nello specifico, tutti questi investimenti? Per capirlo, basta dare un’occhiata al lobbying report ufficiale di Facebook. Niente di particolarmente sorprendente, tra i campi di riferimento dei vari investimenti compaiono voci come: “ restrictions on Internet access by foreign governments”, “ Children's Online Privacy Protection Act”, “ freedom of expression on the Internet”, “ discussion of location-based services”, “ use social media to engage with citizens” etc.

Ora, con il lancio di una propria Pac, Facebook punta a ridurre ulteriormente la distanza tra l’azienda e Washington.

La legge americana consente alle Pac di donare fino a 5mila dollari per candidato a ogni elezione (primarie, mid-term e presidenziali sono da considerarsi separate), un massimo di 15mila dollari all’anno per ogni partito politico, più una quantità imprecisata di contributi alla campagna elettorale che possono essere erogati sotto forma di pubblicità o iniziative a supporto dei singoli candidati.

Questo, in parole povere, significa avere l’opportunità di investire milioni di dollari per assicurarsi la benevolenza e l’appoggio di una consistente fetta della politica americana. E questo ci porta all’inevitabile interrogativo: chi appoggerà Zuckerberg? Lunedì, mentre in Rete veniva pubblicato l’annuncio del lancio della Pac, sul canale Facebook Live compariva una videointervista ai giovani rampolli della classe politica repubblicana. C’è chi ha subito collegato le due cose e dedotto che Zuckerberg abbia intenzione di schierarsi dalla parte dell’ elefante. La realtà, è che quando si tratta di fare pressioni politiche, le differenze tra democratici e repubblicani si assottigliano.

Prendiamo Google, per esempio. Da sempre il colosso di Mountain View è considerato vicino ai democratici, e in particolare a Barack Obama. Se però si vanno confrontare le donazioni che il Pac di Google (attivo dal 2006) ha elargito nel corso della campagna per le elezioni mid-term del 2010, si noterà che BigG ha finanziato in misura praticamente identica repubblicani e democratici. Lo stesso vale per il più  generoso fra i colossi dell’informatica, Microsoft. 

E Apple? Apple per ora rimane l’unico giocatore a non servirsi ufficialmente di un Pac. Questo però non significa che non esista un flusso di denaro (e di pressione politica) tra Cupertino e Washington. Apple tiene a libro paga qualcosa come 16 lobbisti, tramite i quali l’azienda ogni anno investe centinaia di migliaia di dollari (nel 2008 era 1,7 milioni) per oliare a dovere gli ingranaggi legislativi. A questo si aggiungono le donazioni rivolte a specifiche campagne politiche (come i 100mila dollari per contrastare la normativa contro i matrimoni gay) e le donazioni effettuate dai singoli impiegati, che nel caso di Apple sembrano essere decisamente orientate (86,3%) a favore dei democratici.

Insomma, a giudicare da questo trend, pare che influenzare la politica attraverso gruppi di pressione, per una compagnia che opera nel settore dell’information technology, non sia tanto una scelta strategica, quanto una necessità. Un esempio: da qualche tempo è stata presentata una petizione che chiede alla Casa Bianca di eliminare i brevetti per i software, rei di essersi trasformati in “ un mezzo che, invece che favorire l’innovazione e la competitività dei mercati, soffoca l’innovazione e impedire la libera concorrenza”.

In questi giorni (articolo del 27 septembrie 2011 - di Fabio Deotto) la petizione ha superato le 5mila firme necessarie e passerà dunque al vaglio delle camere. Sarebbe un bel problema per tutte quelle aziende che hanno costruito le fondamenta su simili brevetti. Ma avendo speso montagne di denaro per oliare gli ingranaggi giusti, possono assicurarsi che qualcuno, alla Casa Bianca, si straccerà le vesti per salvare i loro brevetti.

Fonte: daily.wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 15/01/2012 @ 11:04:19, in ro - Stiinta si Societate, read 2055 times)

Agentia Spatiala Americana a alocat fonduri importante pentru transpunerea în realitate a „razelor tractoare”, facute celebre în numeroase nuvele si filme de inspiratie S.F. între care se detaseaza seria Star Trek.

Mai multe genuri de raze tractoare au fost descrise în cadrul literaturii si cinematografiei S.F, dar în mod oficial lumea stiintifica nu a anuntat pâna în prezent ca acest concept de transport futurist ar fi devenit realitate.
Cu toate acestea, oficialii NASA iau fenomenul cât se poate de serios, si au anuntat recent ca au acordat în prima instanta fonduri în valoare de 100.000$ destinate cercetarii razelor laser cu proprietati tractoare.

NASA studiază serios „Raza Tractoare” (VIDEO)

"Cu toate ca pare o realizare imposibila, tehnologia generatoare de raze tractoare nu este cu mult deasupra tehnologiilor de ultima generatie de care dispunem în laboratoarele noastre. Tehnologia actuala s-a dovedit a avea un oarecare grad de succes, dar este limitata de costurile mari si de domeniul deocamdata restrâns de aplicatii. Pe de alta parte, un sistem de tractare pe baza optica, poate retine spre exemplu moleculele din atmosfera superioara si le poate atrage spre o nava spatiala de pe orbita. Cu alte cuvinte, am început deja sa facem progrese importante în domeniu", declara dr. Paul Stysley, cercertator în cadrul NASA's Goddard Space Flight Center.

Echipa sa a identificat pâna în prezent trei optiuni posibile pentru a captura si transporta pe viitor obiecte în spatiu.

Dintre toate acestea, se detaseaza asa numitele "raze solenoide", ale caror fascicole cu proprietati tractoare au fost demonstrate deja în experimente de laborator.

Sursa: BBC News & descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 657 persone collegate

< settembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (143)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo





24/09/2021 @ 21:17:01
script eseguito in 847 ms