Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, românã. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

On the screen behind Boagiu, slides showed a succession of maps with yet-to-be-built motorways, ring roads and bypasses. There were ambitious new national roads, upgraded railway lines, train stations, ports and airports. The conference room's 21st-floor windows gave onto a breathtaking view of the capital. Block after block, mile after mile was clogged with traffic.

 

"My task," she told the investors, eying them from behind rimless eye glasses, "is to recover delays in infrastructure."

The gaps Boagiu must fill are huge -- and common in scores of developing countries from eastern Europe to Africa to Asia. But Romania's story also exposes another issue, one which goes to the heart of the European project.

The country, which shook off communism in 1989 and joined the European Union in 2007, has a potential 4.6 billion euros (4 billion pounds) in EU funding for transport infrastructure, available until 2013. By the end of last year, Bucharest had managed to use just 47 million euros of that. If Boagiu can't find a way to speed up projects and use the funds, the country will lose them.

Like countries suddenly enriched by the discovery of oil, former communist states that have access to billions in European Union development funds can find them both blessing and curse. The funds -- some 160 billion euros between 2007 and 2013 across the former eastern bloc -- are meant to help new members catch up with the rest of the EU.

But what if a country like Romania simply can't absorb that cash? Should it concentrate on fixing its government services and institutions - its software, as it were -- before it can move to fancy new hardware like motorways? Is it possible to graft developed-world standards onto states whose institutions are running years behind those of the donors?

"Public investment spending is not small," Romania's central bank Governor Mugur Isarescu told a news conference last October. "But there are 42,000 unfinished investment projects in Romania. This is not efficient. We are the country of unfinished projects."

EXIT RAMP

Romania's massive infrastructure deficit dates back more than 20 years, to when the country was in the grip of Nicolae Ceausescu, one of Communism's most repressive dictators. In the 1980s, Ceausescu backed an export-led drive to clear Romania of billions of dollars in foreign debt, slashing investment to pay off creditors. That left infrastructure lagging behind even Romania's Balkan neighbours -- countries which historically had been much poorer.

According to a global competitiveness report by the World Economic Forum, Romania ranks just 134th out of 139 countries by the quality of its roads. The WEF says transport infrastructure is still one of the chief reasons hampering investment. The country is the EU's ninth-largest member by land area, but has only 331 km (211 miles) of motorway, less than half that of neighbouring Hungary (925 km) and not even three percent of Germany's 12,813 km.

Go for a drive in Romania (population 22 million) and you can bump for hours over gravel country roads to reach villages -- some without electricity, indoor plumbing or running water -- whose schools have closed because the young have moved away for a better life. Dusty national roads lead past lush farmland which is failing to achieve its potential because machinery is outdated and land ownership fragmented. Cities are choked with traffic because there's no way to drive round them. The rail system is no better. Outdated trains travel at an average 45 km per hour, while elsewhere in Europe the top speed can hit 320 km/hour.

When mobile phone maker Nokia announced it was moving a production plant to Romania from Germany in 2008, horses and carts still travelled the road to the new site. That same year Daimler chose Hungary over Romania or Poland as the site of a new 800 million-euro car factory with about 2,500 jobs. Hungary, which has higher labour costs and tax rates than Romania, credited the win to its dense network of motorways.

With a cheap and skilled labour force and attractive flat tax on income and profit, Romania has attracted investment by carmakers Renault and Ford. But even they have complained about the roads. "When it bought the plant, Ford wanted to build 1,000 cars a day and ... that would bring a lot of money and jobs to Romania," U.S. ambassador Mark Gitenstein told a Romanian television station in April. "But unless there is a motorway ... it will not make 1,000 cars a day or hire so many people. You need motorways."

None of Romania' existing motorways connect the country with its neighbours. It's a closed system. Even ambitious projects like the Transylvania Motorway have so far failed to live up to their promise.

TRANSYLVANIA MOTORWAY

U.S. construction group Bechtel broke official ground on Romania's biggest motorway at a site near the 15th-century Transylvanian village of Valisoara on a mild summer day in 2004. Then prime minister Adrian Nastase cut ceremonial ribbons and excavators bit into the ground to the soundtrack of Vivaldi's "Four Seasons."

On that day, the future seemed almost tangible: there would be a smooth, spacious four-lane motorway, 415 km long with more than 300 bridges, 70 overpasses and 19 interchanges, connecting the central Romanian region of Transylvania to Hungary. The road would bring jobs, tourists and foreign investors.

"A motorway is forever," Michael Mix, Bechtel's then project manager said in a 2007 company brief. "It is a legacy."

Seven years since the project began, a little more than 10 percent of the road has been delivered. The state has paid Bechtel more than 1 billion euros of public money and analysts say the project will end up costing at least double the initial estimate of 2.2 billion euros. The deadline has been pushed back a year to 2013, but could end up taking years longer.

Rather than being forever, "it feels as if this motorway may take forever," quipped Ana Otilia Nutu, an infrastructure expert at Romanian Academic Society, a think tank.

Infrastructure projects and overruns go hand in hand the world over. But a 2010 study by JASPERS, a European Union agency that helps eastern European states prepare projects eligible for EU cash, found cost overruns were more likely in Romania than in eight other central and eastern European states included in the study, largely due to weak public administration.

Even by Romanian standards, the Bechtel example is extreme. In the years since the groundbreaking, government inquiries have found the deal disadvantaged Bucharest from the start. The project was granted to Bechtel without a public tender, despite clear legislation demanding transparency. This angered international bodies including the European Union, which said it wouldn't support it, leaving the financing burden to the state.

At the time of the initial deal, Nastase said Romania could not afford to navigate a lengthy tender process if it wanted to catch up with affluent western European states. He lost power in late 2004, and a new centre-right coalition government put motorway works on hold while it renegotiated.

Those talks, which lasted for eight months, showed how the initial contract was bad for Romania. The deal committed the country to giving Bechtel an interest-free loan of 250 million euros, on top of monthly payments for works. It made it virtually impossible under Romanian law to pursue compensation if Bechtel failed to meet its obligations. It left Bechtel in charge of controlling costs, giving it a free hand to decide the route. It even contained translation errors unfavourable to Romania, the transport ministry said in 2005.

A revised contract cut 126 million euros off the overall price. It scrapped the interest-free loan, and the government took over road design -- which gave it more control over costs. At the same time, most of the terms were made public.

Source: Reuters

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Google colpisce ancora e porta le più grandi opere d’arte direttamente nei nostri computer. Foto da 7 Gigapixel, tecnologia Street View e oltre 1000 quadri di 17 musei per la gioia di tutti gli appassionati. Ed è meglio che dal vivo, assicurano gli esperti. Provare per credere.

E dopo Google Earth ecco che arriva... Google Art, o meglio Art Project, il nuovo prodotto dell’azienda di Mountain View che rende disponibili con un clic le collezioni di alcuni tra i più prestigiosi musei d’arte nel mondo.
Realizzato con una tecnologia analoga a quella di Street View, Art Project permette di passeggiare a colpi di mouse tra le sale e le gallerie del Museum of Modern Art di New York, dell’Hermitage di San Pietroburgo, degli Uffizi di Firenze e di altri 14 importanti musei, esplorando fin nei minimi dettagli alcuni dei capolavori dell’arte di tutti i tempi. I numeri del progetto sono impressionanti: 11 città, 9 paesi, 17 musei, 17 immagini in gigapixels, 1061 immagini di opere in alta risoluzione, 385 sale, 486 artisti, 600 panoramiche Street View.
Le opere che si possono ammirare dalle pagine di Google Art vanno dalla "Nascita di Venere" del Botticelli, icona della Galleria degli Uffizi di Firenze, a "No Woman, No cry" di Chris Offili, ai lavori post impressionisti di Cezanne sino all’iconografia bizantina. E ancora: i soffitti della Reggia di Versailles, i templi Egizi e una collezione che va da Whistler a Rembrandt.

Dalla strada alla galleria (d'arte)

Le immagini panoramiche degli ambienti sono state realizzate grazie ad uno speciale trolley Street View appositamente realizzato per questo progetto: in pratica una versione in scala ridotta della Google Car o del Google Trike, adatta a muoversi senza fare danni nei delicati spazi di un museo.

L’arte diventa giga

Ciascuno dei 17 musei che hanno aderito al progetto ha indicato un’opera da fotografare fin nei minimi dettagli, attraverso una tecnologia fotografica con risoluzione in "gigapixel". Ciascuna di queste immagini è cioè composta da circa 7 miliardi di pixel, una risoluzione 700 volte più elevata rispetto a quella di una comune reflex digitale, che permette di osservare dettagli altrimenti non visibili all’occhio umano, come i particolari delle pennellate o della patina.
Ogni opera è stata suddivisa in riquadri di pochi centimetri quadrati e ognuno di essi è stato fotografato singolarmente con un macchina professionale montata su un cavalletto motorizzato:  un computer ha gestito i microscopici spostamenti dell'apparecchiatura lungo il reticolo.
Le immagini, migliaia per ogni opera, sono state poi montate una accanto all'altro come in un gigantesco puzzle digitale, fino ad ottenere l'opera completa. Uno speciale software di compressione le ha ridimensionate in modo da renderle fruibili e zoomabili online in tempi rapidissimi.

Meglio che dal vivo

Art Project permette di apprezzare elementi solitamente invisibili quando si ammira guarda l’opera dal vivo: per esempio il piccolo distico latino che compare nell’opera "Georg Gisze, un mercante tedesco" di Hans Holbein il Giovane, oppure le persone nascoste dietro l’albero nell’ "Apparizione di Cristo al popolo" di Aleksandr Ivanov.
"Gli ultimi vent’anni hanno trasformato e reso più democratico il mondo dell’arte: un migliore accesso ai musei in molti paesi e una proliferazione di opere civiche", ha commentato Nelson Mattos, Vice President Engineering di Google. "Siamo entusiasti all’idea di avere collaborato con i più importanti musei del mondo per realizzare questa tecnologia allo stato dell’arte. Speriamo che ispiri persone di tutto il mondo ad avvicinarsi alle opere d’arte e ad esplorarle, anche nei loro dettagli più minuziosi".

Cultura digitale

Per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dopo l'accordo con Google Books per la digitalizzazione di un milione di volumi dalle Biblioteche nazionali di Roma e Firenze e quello con Street view per la mappatura delle principali aree archeologiche italiane, si tratta di una nuova collaborazione con l'azienda di Mountain View per promuovere in tutto il mondo il grande patrimonio storico artistico italiano.

Fonte: Focus.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

A flexible, controllable trailing edge for wind turbine blades has shown that it can reduce the loads on the turbine and in the end provide cheaper electricity from wind power.

The idea dates back to 2003 when researchers from Risø DTU was inspired by the prey's ability to maneuver in turbulent air currents, while they at the same time remained at a stable point in the air. Now a three-year project, with three industry partners, is launched and is to develop the promising technology forward to a robust and durable trailing edge which can be tested on a full-scale blade.

The fierce gusts and turbulence, such as wind turbines are exposed to constantly, contribute significantly to the cost of producing electricity from wind turbines. The turbines must be designed to resist these influences throughout their lifespan of at least 20 years since repairs are costly, especially when the turbines are located far out at sea and are more than 100 meters high. Therefore, researchers and industry are aimed at finding technical solutions that can alleviate the loads on the turbines.

"We have already had a good start of the project with our first project meeting in early March. The composition of project partners is well suited in order to solve the challenges in the project" says Research Specialist and Project Manager Helge Aagaard Madsen from Risø DTU.

Robust, reliable and durable

The buzz words for the project are to develop a technology that is: robust, reliable and durable. The specific solution that has been under development at Risø since 2006, supported by funds from Region Zealand, is a flexible trailing edge of rubber or plastic. Movement of the trailing edge is achieved by elastic deformations caused by fiber reinforced cavities that run through the rear and can be pressurized with air or hydraulics. It is these controlled movements that counteract the forces from the fierce wind gusts.

"The technology has already been tested under laboratory conditions and in a wind tunnel with promising results. Now the task is to have a prototype produced by the end of project that is ready for testing on a full-scale turbine "explains Research Specialist Helge Aagaard Madsen and continues:

"We want to develop and produce prototypes in 2m-long rubber or plastic in the project, depending on what's most robust and give the best result."

The three industrial partners in the project each contribute specific knowledge in key areas. Eg AVN is already experts in the hydraulic systems that are currently used for turbine pitch systems. Since AVN develops, manufactures and sells these systems for different wind turbine manufacturers they can contribute with a unique understanding of how the new flaps systems can operate together with the pitch system.

"The pitch system is what rotate the blades today so that they are positioned optimal towards the wind, but it costs both loads and energy to turn a 15-ton rotor blade as compared to what it will 'cost' for our small local movements with a flexible blade trailing edge that perhaps only has a weight of 1% of the blade's total weight, "explains Helge Aagaard Madsen.

The other two project partners is Rehau, that among other supplies plastic parts for the car industry and Dansk Gummi Industri which manufactures molded rubber and polyurethane to the industry. Rehau will contribute to develop the new materials that the trailing edge can be manufactured from, and the Dansk Gummi Industri will work on the production side of the trailing edge also called CRTEF (Controllable Rubber Trailing Edge Flap).

No mechanical parts

The flexible trailing edge is entirely without mechanical parts and we hope completely to avoid metal parts. And this part is important. Helge Aagaard Madsen explains:

"It is important that the technologies we develop now are virtually maintenance free. It is of no use to add another component on the turbine that needs a lot of maintenance and can break. This is also why it is very important that we have a good collaboration with the industry from this early stage. In this way we can ensure that the product matches what the industry needs and wants. Both when it comes to the production and the application side. "

From Risø DTU experts in wind turbines contribute, but also the expertise of the material scientists' is in focus, as there is great need for knowledge on fiber reinforcements and composite materials. From DTU Electrical Engineering researchers also contribute with knowledge about lightning, since wind turbines due to their height have an elevated risk of being hit by lightning. This factor must of course also be taken into account when the prototype developed.

Source: physorg

Provided by Technical University of Denmark for ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 31/05/2011 @ 08:00:37, in ro - Stiinta si Societate, read 1672 times)

 31 mai 2007 e o zi importanta din istoria recenta a geneticii. Este ziua in care un american, James Dewey Watson, a primit pe un disc, copia genomului sau, mai exact, ansamblul de informatii genetice continute in fiecare din celulele sale, in interiorul fiecaruia dintre cromozomii lor. Acest barbat a primit in 1952 premiul Nobel pentru medicina si fiziologie impreuna cu Francis Crick in urma descoperirii dublei elice a moleculei ADN-ului, cea care constituie cromozomii si contine totalitatea genelor noastre. In acea vreme, acidul dezoxiribonucleic sau ADN, era necunoscut marelui public.

Acest „card de identitate” e constituit dintr-un imens lant de 4 mici molecule, A, T, G, C, care se succed intr-o ordine precisa pentru a constitui un „text” de 3,3 miliarde de litere. Fiecare text e unic si propriu fiecarui individ. Asadar, in mai 2007, Watson a intrat in posesia propriului sau „text”, devenind primul om al carui genom individual a fost integral cunoscut si facut public.

Analiza ADN-ului lui Watson a costat 1 milion de dolari si a necesitat 2 luni de munca. Acum costurile pot fi reduse, iar timpul scurtat, dar nu intr-un mod semnificativ. Peste câtiva ani, perfectionarea tehnicii de decriptare va permite probabil ca fiecare dintre noi sa intre in posesia genomului individual, fara ca aceasta achizitie sa ne bulverseze bugetul. Medicii viitorului vor putea sa ne prescrie un medicament care sa-si atinga eficace tinta sau un regim alimentar special. Asadar, o viata mai lunga si mai sanatoasa. Cu toate astea, perspectiva de a avea genomul inscris intr-un „card de identitate” poate deveni nelinistitoare. Informatiile genetice ne pot da informatii asupra unui risc pe care nu vrem sa-l cunoastem. Asupra unei predispozitii spre o anumita maladie. Cum ar fi de pilda, maladia Alzheimer.

Având in vedere faptul ca nu se stie mare lucru pentru a preveni si trata aceasta maladie a sistemului nervos, e preferabil sa nu ai cunostinta de posibila sa evolutie. In schimb companiile de asigurare ar fi foarte interesate de acest tip de date a caror confidentialitate ar fi compromisa. Devenind public, ADN-ul poate constitui o sursa de stres si in cazul in care bunicii, parintii nostri vor dori sa-si descifreze genomul. In acest caz, am afla care sunt genele periculoase pe care, probabil, ni le-au transmis. Am fi tentati insa sa optam pentru ignoranta decât sa traim intr-un stres continuu. O chestiune de alegere, la urma urmei. Viitorul ne va spune, cu siguranta, daca decriptarea genomurilor individuale e mai bogata in binefaceri decât in „amenintari”...

DORIN MARAN - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dunque commette il reato di stampa clandestina chiunque abbia un diario in Internet e non lo registra come testata giornalistica presso il tribunale competente, come prevede la legge sulla stampa n° 47 del 1948.

La vicenda è paradossale e accade  in Italia. Lo storico e giornalista siciliano Carlo Ruta aveva un blog: si chiamava Accadeinsicilia e si occupava del delicato tema della corruzione politica e mafiosa. In seguito a una denuncia del procuratore della Repubblica di Ragusa, Agostino Fera, quel blog è stato sequestrato e chiuso nel 2004 e Ruta ha subito una condanna in primo grado nel 2008. Ora la Corte di Appello di Catania, nel 2011, ritiene che quel blog andava considerato come un giornale qualsiasi – ad esempio La Repubblica, Il Corriere della Sera o Il Giornale – è dunque doveva essere registrato presso il “registro della stampa” indicando il nome del direttore responsabile e l’editore. La notizia farà discutere a lungo la blogosfera italiana: cosa succederà ora?

Massimo Mantellini se la prende con Giuseppe Giulietti e Vannino Chiti per aver presentato in Parlamento la Legge 62 sull’editoria, che è stata poi approvata, con la quale si definisce la natura di prodotto editoriale nell’epoca di Internet. Ma il vero problema, a mio avviso, è la completa o scarsa conoscenza di cosa sia la Rete da parte di grandi pezzi dello Stato, incluso la magistratura. Migliaia di burocrati gestiscono quintali di carta e non sanno quasi nulla di cosa accade in Internet e nei social network. Questa sentenza, quindi, è un regalo alla politica cialtrona che tenterà ora di far chiudere i blog scomodi. Proveranno a imbavagliarci.

In Italia ci sono oltre 50 mila blog. Soltanto BlogBabel ne monitorizza 31 mila. Nel mondo esistono almeno 30 milioni di blog e forse sono anche di più. I blog nascono come diari liberi on line, può aprirne uno chiunque. Una casalinga. Uno studente. Un  professore universitario. Un operaio. Un filosofo. Chiunque. Ma adesso in Italia non è più possibile e possiamo dire che inizia il Medioevo Digitale. Nel mondo arabo i blog e i social network hanno acceso il vento della democrazia, il presidente americano Barack Obama plaude il valore di Internet e la libertà d’informazione, Wikileaks apre gli archivi segreti delle diplomazie, e noi, in Italia, in un polveroso palazzo di giustizia, celebriamo la morte dei blog.

Ma la vogliamo fare una rivoluzione? Vogliamo scendere in piazza come gli Indignados spagnoli e inventarci qualcosa che faccia notizia in tutto il mondo? Vogliamo innalzare una grande scritta davanti alla Corte Costituzionale con lo slogan “Io bloggo libero, non sono clandestino!”. Eggià: perché gli avvocati di Ruta faranno appello in Cassazione e a quei giudici bisognerà far sapere che in Italia ci sono 50 mila persone libere che hanno un blog e confidano nell’articolo 21 della Costituzione, che permette la libertà di espressione con qualunque mezzo.

Che ne dite? Ci proviamo?

Fonte: ilfattoquotidiano.it; Autore: Enzo Di Frenna.

Come nasce il movimento degli indignati? Quanto sta accadendo in Spagna tocca uno dei nodi della nostra societa': chi decide in una democrazia. I giovani scesi nelle piazze spagnole chiedono che a comandare non sia la finanza. Domandano pure la fine della corruzione. Sono temi attuali in tutta Europa. Le grandi banche hanno fatto in questi anni tutto quello che hanno voluto, i loro amministratori hanno ricevuto bonus stratosferici ma ora a pagare il prezzo della crisi sono soprattutto i giovani. Puo' essere considerato etico o corretto tutto questo?

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

 

Una scheda com­pleta sui quat­tro que­siti re­fe­ren­dari del 12 e 13 Giu­gno 2011, che ri­guar­dano: il le­git­timo im­pe­di­mento, la pri­va­tiz­za­zione di fatto dell’acqua pre­vi­sto dal de­creto “Ron­chi” (due que­siti) e il ri­torno all’energia nucleare.

COSA SONO I REFERENDUM

Il re­fe­ren­dum è uno stru­mento di eser­ci­zio della so­vra­nità po­po­lare, san­cita all’articolo 1 della Co­sti­tu­zione della Re­pub­blica Ita­liana, e l’esito re­fe­ren­da­rio è una fonte del di­ritto pri­ma­ria che vin­cola i le­gi­sla­tori al ri­spetto della vo­lontà del po­polo. Sono quat­tro le ti­po­lo­gie di re­fe­ren­dum con­tem­plate dalla Co­sti­tu­zione italiana:

  • il re­fe­ren­dum abro­ga­tivo di leggi e atti aventi forza di legge,
  • quello sulle leggi co­sti­tu­zio­nali e di re­vi­sione costituzionale,
  • quello ri­guar­dante la fu­sione di re­gioni esi­stenti o la crea­zione di nuove regioni,
  • quello ri­guar­dante il pas­sag­gio da una Re­gione ad un’altra di Pro­vince o Comuni.

Il re­fe­ren­dum abro­ga­tivo di leggi e atti aventi forza di legge (ar­ti­colo 75) si uti­lizza come so­lu­zione per abo­lire una legge già esi­stente o parte di questa.

DE­SCRI­ZIONE BREVE DEI RE­FE­REN­DUM DEL 12 E 13 GIU­GNO 2011

  • Il 12 e 13 giu­gno 2011 i cit­ta­dini ita­liani sono chia­mati ad espri­mere il pro­prio voto su 4 que­siti referendari.
  • L’elettore, per vo­tare, deve esi­bire al pre­si­dente del seg­gio la tes­sera elet­to­rale ed un do­cu­mento di riconoscimento.
  • L’elettore ri­ceve da un com­po­nente del seg­gio 4 schede di di­verso colore:
  • Il voto “SI”, trac­ciato sulla scheda, in­dica la vo­lontà di abro­gare la nor­ma­tiva ri­chia­mata dal que­sito referendario.
  • Il voto “NO”, trac­ciato sulla scheda, in­dica la vo­lontà di man­te­nere la vi­gente nor­ma­tiva ri­chia­mata dal que­sito referendario.

 Imagine: JULIEN BEHAL/CHERNOBYL'S CHILDREN PROJECT

QUANDO SI VOTA

Le ope­ra­zioni di voto si svolgono:

Do­me­nica 12 giu­gno 2011, dalle 8:00 alle 22:00

e

Lu­nedì 13 giu­gno 2011, dalle 7:00 alle 15:00.

Se­condo legge po­te­vano es­sere svolti tra il 15 aprile e il 15 giu­gno, ma i re­fe­ren­dum abro­ga­tivi sono stati in­fine fis­sati per il 12 e 13 giu­gno, quindi senza unire il voto con le ele­zioni am­mi­ni­stra­tive del 15–16 maggio.

Tale scelta è stata cri­ti­cata quale enorme spreco di de­naro pub­blico e come ten­ta­tivo di non far rag­giun­gere il quo­rum ai re­fe­ren­dum. Un ten­ta­tivo di boi­cot­tag­gio. In­fatti se non an­dranno a vo­tare il 50% + 1 de­gli aventi di­ritto i re­fe­ren­dum non sa­ranno validi.

referendumIl Mi­ni­stro de­gli In­terni Ro­berto Ma­roni (della Lega di “Roma la­drona”) ha scelto per la di­vi­sione delle due con­sul­ta­zioni. Di fatto que­sta de­ci­sione co­sterà alle casse dello stato, come evi­den­ziano al­cune stime ri­por­tate dalla stampa, uno spreco di 400 mi­lioni di euro in più ri­spetto ad un ipo­te­tico ac­cor­pa­mento delle ele­zioni am­mi­ni­stra­tive col referendum.

 DOVE SI VOTA

Gli elet­tori de­vono vo­tare nel pro­prio Co­mune di re­si­denza, nella se­zione elet­to­rale in­di­cata sulla prima fac­ciata della tes­sera elettorale.

 RE­FE­REN­DUM, IN CAMPO LA SO­CIETÀ CI­VILE: QUAT­TRO SÌ PER CAM­BIARE L’ITALIA

È im­por­tante – il 12–13 giu­gno – rag­giun­gere il quo­rum di 25 mi­lioni di vo­tanti ai Re­fe­ren­dum e sce­gliere il SI a tutti i que­siti. È un voto che può porre al­cuni li­miti a un mo­dello di svi­luppo in­so­ste­ni­bile, che ignora i co­sti am­bien­tali, so­ciali e i beni co­muni, e a un po­tere po­li­tico che cal­pe­sta giu­sti­zia e democrazia.

Un suc­cesso dei SI al Re­fe­ren­dum co­strin­ge­rebbe la po­li­tica – sia del go­verno che dell’opposizione – a fare i conti con la vo­lontà dei cit­ta­dini. L’impegno delle mo­bi­li­ta­zioni so­ciali non si li­mi­te­rebbe a ma­ni­fe­sta­zioni fi­nora ina­scol­tate, ma can­cel­le­rebbe al­cune delle peg­giori leggi in­tro­dotte dal governo.

[Leggi an­che: la lettera-appello di Adriano Ce­len­tano con­tro il nu­cleare, con­tro la priva­tizzazione dell’acqua, con­tro il le­git­timo im­pe­di­mento.]

QUE­SITO N. 1 – RE­FE­REN­DUM AC­QUA PUB­BLICA – ABRO­GA­ZIONE AF­FI­DA­MENTO SER­VI­ZIO AD OPE­RA­TORI PRIVATI

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 1 – SCHEDA DI COLORE ROSSO
“Vo­lete voi che sia abro­gato l’art. 23 bis (Ser­vizi pub­blici lo­cali di ri­le­vanza eco­no­mica) del de­creto legge 25 giu­gno 2008 n.112 “Di­spo­si­zioni ur­genti per lo svi­luppo eco­no­mico, la sem­pli­fi­ca­zione, la com­pe­ti­ti­vità, la sta­bi­liz­za­zione della fi­nanza pub­blica e la pe­re­qua­zione tri­bu­ta­ria” con­ver­tito, con mo­di­fi­ca­zioni, in legge 6 ago­sto 2008, n.133, come mo­di­fi­cato dall’art.30, comma 26 della legge 23 lu­glio 2009, n.99 re­cante “Di­spo­si­zioni per lo svi­luppo e l’internazionalizzazione delle im­prese, non­ché in ma­te­ria di ener­gia” e dall’art.15 del de­creto legge 25 set­tem­bre 2009, n.135, re­cante “Di­spo­si­zioni ur­genti per l’attuazione di ob­bli­ghi co­mu­ni­tari e per l’esecuzione di sen­tenze della corte di giu­sti­zia della Co­mu­nità eu­ro­pea” con­ver­tito, con mo­di­fi­ca­zioni, in legge 20 no­vem­bre 2009, n.166, nel te­sto ri­sul­tante a se­guito della sen­tenza n.325 del 2010 della Corte costituzionale?”.

Nota: Il primo que­sito sulla pri­va­tiz­za­zione dell’ac­qua pub­blica ri­guarda le mo­da­lità di af­fi­da­mento e ge­stione dei ser­vizi pub­blici lo­cali di ri­le­vanza economica.

Si deve vo­tare SÌ se si è con­tro la pri­va­tiz­za­zione dell’acqua e con­tro la ge­stione dei ser­vizi idrici da parte di pri­vati.

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione attuale.

QUE­SITO N. 2 – RE­FE­REN­DUM AC­QUA PUB­BLICA – ABRO­GA­ZIONE CAL­COLO TA­RIFFA SE­CONDO LO­GI­CHE DI “MERCATO”

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 2 – SCHEDA DI COLORE GIALLO
“Vo­lete voi che sia abro­gato il comma 1, dell’art. 154 (Ta­riffa del ser­vi­zio idrico in­te­grato) del De­creto Le­gi­sla­tivo n. 152 del 3 aprile 2006 “Norme in ma­te­ria am­bien­tale”, li­mi­ta­ta­mente alla se­guente parte: “dell’adeguatezza della re­mu­ne­ra­zione del ca­pi­tale investito”?”.

Nota: Il se­condo que­sito sulla pri­va­tiz­za­zione dell’ac­qua pub­blica ri­guarda la de­ter­mi­na­zione della ta­riffa del ser­vi­zio idrico in­te­grato in base all’adeguata re­mu­ne­ra­zione del ca­pi­tale in­ve­stito. In que­sto caso agli elet­tori viene pro­po­sta una abro­ga­zione par­ziale della norma.

Si deve vo­tare SÌ se si è con­tro la norma che per­met­tere il pro­fitto (non il re­cu­pero dei co­sti di ge­stione e di in­ve­sti­mento, ma il gua­da­gno d’impresa) nell’erogazione del bene Ac­qua po­ta­bile.

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione at­tuale che am­mette tale guadagno.

QUE­SITO N. 3 – RE­FE­REN­DUM ENER­GIA NUCLEARE

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 3 – SCHEDA DI COLORE GRIGIO
“Vo­lete voi che sia abro­gato il decreto-legge 25 giu­gno 2008, n. 112, con­ver­tito con mo­di­fi­ca­zioni, dalla legge 6 ago­sto 2008, n. 133, nel te­sto ri­sul­tante per ef­fetto di mo­di­fi­ca­zioni ed in­te­gra­zioni suc­ces­sive, re­cante Di­spo­si­zioni ur­genti per lo svi­luppo eco­no­mico, la sem­pli­fi­ca­zione, la com­pe­ti­ti­vità, la sta­bi­liz­za­zione della fi­nanza pub­blica e la pe­re­qua­zione tri­bu­ta­ria, li­mi­ta­ta­mente alle se­guenti parti: art. 7, comma 1, let­tera d: rea­liz­za­zione nel ter­ri­to­rio na­zio­nale di im­pianti di pro­du­zione di ener­gia nucleare?”.

Nota: Lungo e ar­ti­co­lato il que­sito re­fe­ren­da­rio per abro­gare la norma per la “rea­liz­za­zione nel ter­ri­to­rio na­zio­nale di im­pianti di pro­du­zione di ener­gia nu­cleare”. Si tratta di una parte del de­creto legge re­cante “Di­spo­si­zioni ur­genti per lo svi­luppo eco­no­mico, la sem­pli­fi­ca­zione, la com­pe­ti­ti­vità, la sta­bi­liz­za­zione della fi­nanza pub­blica e la pe­re­qua­zione tri­bu­ta­ria” fir­mato il 25 giu­gno 2008 e con­ver­tito in legge “con mo­di­fi­ca­zioni” il 6 ago­sto dello stesso anno. An­che que­sto que­sito è stato pre­sen­tato dall’Idv.

Si deve vo­tare SÌ se si è con­tro la co­stru­zione di Cen­trali Nu­cleari in Italia.

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione at­tuale che le prevede.

QUE­SITO N. 4 – RE­FE­REN­DUM LE­GIT­TIMO IMPEDIMENTO

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 4 – SCHEDA DI COLORE VERDE CHIARO

“Vo­lete voi che siano abro­gati l’articolo 1, commi 1, 2, 3, 5, 6 non­chè l’articolo 1 della legge 7 aprile 2010 nu­mero 51 re­cante “di­spo­si­zioni in ma­te­ria di im­pe­di­mento a com­pa­rire in udienza?”.

Nota: Que­sto que­sito, per abro­gare la legge sul le­git­timo im­pe­di­mento, è quello dalle pos­si­bili ri­per­cus­sioni po­li­ti­che più forti. A pro­porre il re­fe­ren­dum è stata l’Italia dei Va­lori. Dopo la di­chia­ra­zione di par­ziale in­co­sti­tu­zio­nale della legge sul le­git­timo im­pe­di­mento, la Corte di Cas­sa­zione ha au­to­riz­zato, con or­di­nanza, lo svol­gi­mento del referendum.

Si deve vo­tare SÌ se si è con­trari al prin­ci­pio che Pre­si­dente del con­si­glio o mi­ni­stro pos­sano de­ci­dere di non com­pa­rire in tri­bu­nale nei pro­cessi che li ri­guar­dano.

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione at­tuale che pre­vede que­sto “scudo” nei con­fronti del si­stema giudiziario.

LE PO­SI­ZIONI

Dif­fi­cile par­lare delle po­si­zioni rac­colte da Fo­rum Ci­vico, senza ca­dere nell’espressione di pa­reri. Ci pro­viamo qui. In­vi­tiamo i let­tori ad espri­mere la loro posizione/parere nella se­zioni con­tri­buti dei let­tori a fondo pagina.

Per i “NO” si schiera chi ac­cetta, so­prat­tutto per coe­renza ad una “lo­gica” di mer­cato, sia la spe­cu­la­zione sull’acqua (pur sa­pendo che sia un bene pub­blico es­sen­ziale per la vita); sia la spe­cu­la­zione sul nu­cleare (pur sa­pendo che que­sto sia gio­care d’azzardo con il di­sa­stro nu­cleare a spese del pia­neta e delle ta­sche dei con­tri­buenti); sia la “li­bertà” di farla sem­pre franca, in quanto po­tenti, nei pa­lazzi di giustizia.

Per i 4 “SI” vo­te­ranno quei cit­ta­dini in­ter­vi­stati che cre­dono in un’Italia pu­lita, so­li­dale, giu­sta e li­bera dai ten­ta­coli an­che po­li­tici della ma­la­vita. Che cre­dono che la giu­sti­zia, per es­sere tale, deve es­sere as­so­lu­ta­mente uguale per tutti, an­che per i ric­chi e i po­tenti, e so­prat­tutto per i pro­pri am­mi­ni­stra­tori (pre­si­denti del con­si­glio in­clusi). Cit­ta­dini che, pre­vi­denti se non per sé, per i pro­pri fi­gli, vo­gliono vi­vere in un’Italia al si­curo dai di­sa­stri nu­cleari (la “pe­ste ra­dioat­tiva”), al ri­paro delle spe­cu­la­zioni dei po­chi sulla vita dei molti. E che re­cla­mano l’acqua come un bene ine­sti­ma­bile, pro­prietà ir­ri­nun­cia­bile di ogni italiano.

IL RE­FE­REN­DUM SUL NUCLEARE

No­no­stante l’approvazione della mo­ra­to­ria di un anno sul nu­cleare in Ita­lia, il re­fe­ren­dum non si ferma. An­che per que­sto si vo­terà a giugno.

Ed è as­sai pro­ba­bile che con il re­fe­ren­dum del pros­simo giu­gno gli ita­liani di­ranno ‘no’ al nu­cleare. Se­condo al­cuni son­daggi, in­fatti, il 90 per cento circa de­gli ita­liani pre­fe­ri­sce le fonti rin­no­va­bili al nu­cleare. Non solo. A quanto pare, dopo il di­sa­stro in Giap­pone il 17 per cento della po­po­la­zione ha cam­biato idea sulla si­cu­rezza delle cen­trali nu­cleari, ora è pari al 69 per cento il nu­mero di per­sone con­tra­rie a que­sta misura.

[Si noti che il go­verno giap­po­nese ha man­te­nuti se­greti i dati su li­velli di ra­dia­zioni molto mag­giori a quelli ri­ve­lati si­nora. Si veda: Giap­pone: di­sa­stro nu­cleare di Fu­ku­shima peg­gio di Cher­no­byl]

IL VOTO DEI CIT­TA­DINI ITA­LIANI RE­SI­DENTI ALL’ESTERO

I cit­ta­dini ita­liani iscritti nelle li­ste elet­to­rali e re­si­denti all’estero vo­tano, di norma, per cor­ri­spon­denza, a meno che non ab­biano eser­ci­tato il di­ritto di op­zione per il voto in Ita­lia, dan­done co­mu­ni­ca­zione alla rap­pre­sen­tanza di­plo­ma­tica o con­so­lare com­pe­tente en­tro il de­cimo giorno suc­ces­sivo alla in­di­zione dei re­fe­ren­dum. Il ter­mine per i re­fe­ren­dum 2011 è sca­duto il 14 aprile 2011. Co­loro che non hanno eser­ci­tato tale op­zione, an­che se in Ita­lia nei giorni delle vo­ta­zioni, non pos­sono in al­cun modo es­sere am­messi al voto.

Il voto per cor­ri­spon­denza non è pos­si­bile, co­mun­que, per i cit­ta­dini che ri­sie­dono in stati che non hanno sot­to­scritto con l’Italia una ap­po­sita con­ven­zione (c.d. “stati senza in­tesa”). In que­sto caso, quindi, per eser­ci­tare il loro di­ritto di voto, de­vono rien­trare in Italia.

I cit­ta­dini ita­liani re­si­denti all’estero, che vo­tano per cor­ri­spon­denza, ri­ce­vono, al pro­prio do­mi­ci­lio estero, un plico con­te­nente le quat­tro schede re­la­tive ai quat­tro que­siti re­fe­ren­dari, un cer­ti­fi­cato elet­to­rale, una bu­sta bianca, una bu­sta pre­af­fran­cata (Bu­si­ness Re­ply En­ve­lope) con l’indirizzo del Con­so­lato ed un li­bretto con­te­nente il te­sto della Legge re­cante “Norme sul di­ritto di voto dei cit­ta­dini ita­liani re­si­denti all’estero”.

I cit­ta­dini ita­liani tem­po­ra­nea­mente all’estero che ap­par­ten­gono alle se­guenti categorie:

  • mi­li­tari o ap­par­te­nenti a forze di po­li­zia in mis­sione internazionale;
  • di­pen­denti di am­mi­ni­stra­zioni pub­bli­che per mo­tivi di ser­vi­zio qua­lora la du­rata pre­vi­sta della loro per­ma­nenza all’estero sia su­pe­riore a tre mesi, e loro fa­mi­liari conviventi;
  • pro­fes­sori e ri­cer­ca­tori uni­ver­si­tari, e i ri­spet­tivi fa­mi­liari con­vi­venti, che si tro­vano all’estero per una du­rata di al­meno sei mesi e che alla data del de­creto di in­di­zione delle con­sul­ta­zioni si tro­vano all’estero da al­meno tre mesi,

pos­sono espri­mere il voto per corrispondenza.

Gli ap­par­te­nenti alle ca­te­go­rie di cui ai punti 1 e 2 (mi­li­tari o ap­par­te­nenti a forze di po­li­zia, di­pen­denti di am­mi­ni­stra­zioni pub­bli­che in ser­vi­zio e loro fa­mi­liari con­vi­venti) de­vono far ri­chie­sta al co­mando a alla am­mi­ni­stra­zione di ap­par­te­nenza en­tro e non ol­tre il tren­ta­cin­que­simo giorno an­te­ce­dente la vo­ta­zione in Ita­lia (os­sia en­tro il giorno 8 mag­gio 2011).

I cit­ta­dini ap­par­te­nenti alla ca­te­go­ria di cui al punto 3 (pro­fes­sori o ri­cer­ca­tori uni­ver­si­tari, e loro fa­mi­liari) de­vono fare ri­chie­sta di­ret­ta­mente al Con­so­lato di ap­par­te­nenza, sem­pre en­tro e non ol­tre il tren­ta­cin­que­stimo giorno an­te­ce­dente la vo­ta­zione (os­sia sem­pre en­tro il giorno 8 mag­gio 2011).

Que­sti elet­tori ri­ce­vono a do­mi­ci­lio, da parte dell’Ufficio con­so­lare com­pe­tente, il plico elet­to­rale con­te­nente le schede e le istru­zioni sulle mo­da­lità di voto. In ogni caso, en­tro il ven­ti­tree­simo giorno dalle vo­ta­zioni (os­sia en­tro 20 mag­gio 2011), la ri­chie­sta di voto per cor­ri­spon­denza può es­sere re­vo­cata tra­mite espressa di­chia­ra­zione da in­viare al pro­prio Consolato .

Chi si trova tem­po­ra­nea­mente all’estero e non ap­par­tiene alle ca­te­go­rie so­pra in­di­cate, può vo­tare per i re­fe­ren­dum so­la­mente rien­trando in Ita­lia, nelle li­ste elet­to­rali del Co­mune presso cui sono iscritti.

L’elettore che non ri­ce­vesse il plico elet­to­rale en­tro il 29 mag­gio 2011, può re­carsi di per­sona all’Ufficio con­so­lare com­pe­tente per ve­ri­fi­care la sua po­si­zione elettorale.

Con­cluse le ope­ra­zioni, le schede vo­tate da­gli ita­liani re­si­denti all’estero per­ve­nute ai Con­so­lati en­tro le ore 16:00 del 9 giu­gno 2011 ven­gono tra­smesse in Ita­lia, dove ha luogo lo scru­ti­nio a cura dell’Ufficio cen­trale per la cir­co­scri­zione estero isti­tuito presso la Corte di Ap­pello di Roma.

VO­TARE PER I RE­FE­REN­DUM DALL’ESTERO, OP­PURE NON NEL CO­MUNE DI RESIDENZA

Per in­for­ma­zioni se e come sia pos­si­bile vo­tare per gli ita­liani re­si­denti all’estero, si veda an­che (nella se­zioni com­menti): Come vo­tare ai re­fe­ren­dum dall’estero (n. 6); si no­tino an­che le pre­ci­sa­zioni al com­mento n. 19 e al n. 34.

Per in­for­ma­zioni se sia pos­si­bile vo­tare in un co­mune che non sia quello di re­si­denza, si veda an­che (nella se­zione com­menti): Per le ele­zioni o re­fe­ren­dum, posso vo­tare in una città di­versa dalla mia città di re­si­denza? (n. 32)

Per in­for­ma­zioni se sia pos­si­bile vo­tare per chi, come la si­gnora Mad­da­lena (com­mento n. 42), ha fatto la ri­chie­sta per la cit­ta­di­nanza ita­liana, ma è an­cora in at­tesa di re­sponso fi­nale, si veda: Vo­tare senza cit­ta­di­nanza ita­liana si può? (n. 43).

In caso di ma­lat­tia che com­porti l’intrasportabilità del ma­lato al seg­gio si veda an­che il com­mento n. 758.

AGE­VO­LA­ZIONI DI VIAGGIO

Gli elet­tori che de­vono re­carsi nel Co­mune nelle cui li­ste sono iscritti hanno di­ritto, in al­cuni casi, ad al­cune age­vo­la­zioni di viag­gio. Sono pre­vi­ste ri­du­zioni del 60% per l’acquisto di bi­glietto fer­ro­via­rio e sui tra­ghetti. Inol­tre, sono pre­vi­ste an­che al­cune age­vo­la­zioni per l’acquisto del bi­glietto ae­reo di an­data alla sede elet­to­rale di iscri­zione e ri­torno. Per i viaggi ae­rei ef­fet­tuati sul ter­ri­to­rio na­zio­nale, la legge in­tro­duce un’agevolazione di viag­gio nella mi­sura del 40 per cento del prezzo del bi­glietto. L’importo mas­simo rim­bor­sa­bile, co­mun­que, non può es­sere su­pe­riore a 40 euro per il viag­gio di an­data e di ri­torno per ogni elet­tore (Legge 26 mag­gio 1969, n. 241 e suc­ces­sive modifiche).

Al­tre no­ti­zie sui rim­borsi di viag­gio pos­sono es­sere re­pe­rite sul sito di Tre­ni­ta­lia www.trenitalia.com, della so­cietà di na­vi­ga­zione Tir­re­nia http://www.tirrenia.it/ e su Ali­ta­lia http://www.alitalia.it/.

VOTO AS­SI­STITO

Gli elet­tori che sof­frono di una me­no­ma­zione fi­sica tale da im­pe­dire loro di vo­tare au­to­no­ma­mente (ad esem­pio i cie­chi, gli am­pu­tati di en­trambe le mani, ecc.) pos­sono farsi as­si­stere in ca­bina da un al­tro elettore.

Per usu­fruire di que­sto di­ritto è suf­fi­ciente pre­sen­tare al pre­si­dente del seg­gio un cer­ti­fi­cato ri­la­sciato da un me­dico di­ri­gente dell’Ulss o, per i non ve­denti, il li­bretto no­mi­na­tivo ri­la­sciato dall’Istituto Na­zio­nale della Pre­vi­denza So­ciale (Inps), op­pure ri­chie­dere all’Ufficio Elet­to­rale l’apposizione di un tim­bro spe­ciale sulla tes­sera elet­to­rale, pre­sen­tando la se­guente documentazione:

  • la carta di iden­tità o al­tro do­cu­mento di ri­co­no­sci­mento (pa­tente, pas­sa­porto, ecc.)
  • la tes­sera elet­to­rale ri­la­sciata dal Comune
  • cer­ti­fi­cato me­dico che at­te­sti l’invalidità fi­sica per­ma­nente. Gli elet­tori non ve­denti, per es­sere am­messi al voto as­si­stito, è suf­fi­ciente che esi­bi­scano il li­bretto no­mi­na­tivo ri­la­sciato dall’Inps.

La tes­sera con il tim­bro del Co­mune eso­nera l’elettore dall’esibire al pre­si­dente di seg­gio il cer­ti­fi­cato me­dico in tutte le elezioni.

La ri­chie­sta del cer­ti­fi­cato me­dico per avere di­ritto ad es­sere ac­com­pa­gnati in ca­bina va fatta presso una delle sedi de­gli am­bu­la­tori me­dici, senza bi­so­gno di appuntamento.

Du­rante le gior­nate di sa­bato 11 giu­gno e di do­me­nica 12 giu­gno non sono aperti gli am­bu­la­tori; in caso di as­so­luta ne­ces­sità la ri­chie­sta della cer­ti­fi­ca­zione deve es­sere ri­volta di­ret­ta­mente al me­dico re­pe­ri­bile di pronta di­spo­ni­bi­lità – tra­mite il cen­tra­lino dell’Azienda Ospe­da­liera della pro­pria città.

L’accompagnatore deve es­sere in pos­sesso della tes­sera elet­to­rale, e non può svol­gere que­sta fun­zione di so­ste­gno per più di una persona.

Sulla tes­sera elet­to­rale, all’interno dei uno de­gli spazi per la cer­ti­fi­ca­zione del voto, il pre­si­dente del seg­gio vi ap­pone una ap­po­sita an­no­ta­zione (“ac­com­pa­gna­tore”, con data e firma del pre­si­dente, senza ap­porre il tim­bro della se­zione elettorale).

VOTO DO­MI­CI­LIARE

Per gli elet­tori che sof­frono di grave in­fer­mità e che si tro­vano in di­pen­denza vi­tale da spe­ciali mac­chi­nari me­dici (chia­mate “ap­pa­rec­chia­ture elet­tro­me­di­cali”) o che sof­frono di una ma­lat­tia che rende loro im­pos­si­bile l’allontanamento dall’abitazione, è pos­si­bile vo­tare a casa. Per po­terlo fare bi­so­gna far per­ve­nire all’ufficio elet­to­rale al­meno venti giorni prima della data delle ele­zioni (quindi en­tro il 23 mag­gio 2011) la di­chia­ra­zione at­te­stante la vo­lontà di espri­mere il voto presso la pro­pria abi­ta­zione. La di­chia­ra­zione va re­datta in carta sem­plice e deve con­te­nere i dati esatti del pro­prio do­mi­ci­lio e il re­ca­pito te­le­fo­nico. Alla di­chia­ra­zione deve es­sere al­le­gato il cer­ti­fi­cato sa­ni­ta­rio ri­la­sciato dal fun­zio­na­rio me­dico de­si­gnato dall’Azienda sa­ni­ta­ria lo­cale nel quale è at­te­stato che l’elettore, per il suo stato di sa­lute, ha il di­ritto di vo­tare presso la pro­pria abi­ta­zione e, se ne­ces­sa­rio, che ha di­ritto a es­sere as­si­stito da un al­tro elet­tore per po­ter espri­mere il suo voto.

Il cer­ti­fi­cato deve es­sere ri­la­sciato in una data non an­te­riore al qua­ran­ta­cin­que­simo giorno prima delle ele­zioni (quindi non prima del 29 aprile 2011).

ATTENZIONE: I CERTIFICATI PER IL VOTO ASSISTITO E PER IL VOTO DOMICILIARE NON POSSONO ESSERE RILASCIATI DAL MEDICO DI GUARDIA MEDICA, NÈ DAL MEDICO DI MEDICINA GENERALE.

PER I SÌ, O PER I NO, MA VO­TIAMO TUTTI


Non vo­tare, adesso che tanto è stato fatto per ga­ran­tire una scelta de­mo­cra­tica del po­polo, vor­rebbe dire per­dere un’occasione im­por­tan­tis­sima per af­fer­mare con chia­rezza che i cit­ta­dini de­vono es­sere ascol­tati. Vo­tiamo tutti. Per i Sì o per i No, cia­scuno voti a se­conda della pro­pria co­scienza. Ma vo­tiamo tutti. Non la­sciamo la de­mo­cra­zia nelle mani dei pochi.

Ri­cor­diamo inol­tre, per cor­ret­tezza, che è pos­si­bile sce­gliere quali re­fe­ren­dum vo­tare, ri­ti­rando solo le schede che in­te­res­sano. Il quo­rum in­fatti viene cal­co­lato per ogni sin­golo quesito.

NOR­MA­TIVA DI RIFERIMENTO

  • Decreto-legge 11 aprile 2011, n. 37 “Di­spo­si­zioni ur­genti per le com­mis­sioni elet­to­rali cir­con­da­riali e per il voto dei cit­ta­dini tem­po­ra­nea­mente all’estero in oc­ca­sione delle con­sul­ta­zioni re­fe­ren­da­rie che si svol­gono nei giorni 12 e 13 giu­gno 2011″.
  • Legge n. 40 del 28 aprile 2009 “Di­sci­plina tran­si­to­ria per lo svol­gi­mento dei re­fe­ren­dum pre­vi­sti dall’articolo 75 della Co­sti­tu­zione da te­nersi nell’anno 2009″.
  • Legge n. 173 del 17 mag­gio 1995 “In­di­ca­zione sulle schede di vo­ta­zione della de­no­mi­na­zione di re­fe­ren­dum popolari”.
  • De­creto del Mi­ni­stero dell’Interno del 9 mag­gio 1995 “Ca­rat­te­ri­sti­che es­sen­ziali della parte esterna della scheda di vo­ta­zione in caso di svol­gi­mento di più re­fe­ren­dum po­po­lari pre­vi­sti dall’art. 75 della Costituzione”.
  • Decreto-legge n. 67 del 9 marzo 1995 “Mo­di­fi­che ur­genti alla legge 352 del 1970, re­cante norme sui re­fe­ren­dum pre­vi­sti dalla Co­sti­tu­zione e sulla ini­zia­tiva le­gi­sla­tiva del popolo”.
  • Legge n. 199 del 22 mag­gio 1978 “Mo­di­fi­ca­zioni alla legge 352 del 1970 sui re­fe­ren­dum pre­vi­sti dalla Co­sti­tu­zione e sulla ini­zia­tiva le­gi­sla­tiva del popolo”.
  • Legge n. 352 del 25 mag­gio 1970 “Norme sui re­fe­ren­dum pre­vi­sti dalla Co­sti­tu­zione e sulla ini­zia­tiva le­gi­sla­tiva del popolo”.
  • Co­sti­tu­zione della Re­pub­blica Ita­liana: ar­ti­coli 48, 71, 75, 132 e 138.

PUÒ AN­CHE INTERESSARE

Altri articoli su: Acqua Pubblica, Giustizia, Nucleare, Referendum.

Fonte: ForumCivico.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Romania ar putea sa nu adere la zona euro in 2015, dar nu este important cand face acest pas, ci cat de pregatita si sanatoasa este economia romaneasca in momentul aderarii, pentru a nu repeta greselile Greciei, a declarat joi analistul economic Nouriel Roubini, laureat al Premiului Nobel, prezent la Bucuresti, la Forumul Finance 2011, organizat de ForumInvest. "Sincer, nu cred ca tara dvs va putea fi gata sa adere in 2015, in primul rand pentru ca s-ar putea ca Romania sa nu fie gata sa adere si este mai bine sa asteptati inca un an sau doi, pana cand veti fi complet pregatiti. Sa te repezi in zona euro ar insemna sa repeti greseala facuta de Grecia", a subliniat Roubini, care a completat ca nu stie nici daca "veti putea adera, pentru ca situatia din Grecia si din alte tari determina o rezistenta crescuta din partea statelor care sunt deja membre ale zonei euro fata de ideea de a primi noi membri".


In opinia laureatului premiului Nobel, aderarea Romaniei nu se va intampla in 2015, dar mentinerea acestui obiectiv va fi avantajoasa pentru realizarea de reforme si continuarea ajustarilor. Pe de alta parte, in 2015 este posibil ca nici zona euro sa nu mai arate ca acum. "Daca nu are loc revenirea economica asteptata, s-ar putea produce situatii care par imposibile azi, respectiv ca unii membri sa paraseasca zona euro. Sa nu uitam ca unele tari se simt bine in afara zonei euro, ca Danemarca si Suedia, altele au decis sa adere, ca Irlanda si Spania, si le-a mers ingrozitor de prost, si asta nu din cauza zonei euro", a spus Roubini, amintind ca exista toate posibilitatile de state care s-au dezvoltat bine in zona euro sau in afara ei.

Nouriel Roubini

"Imi dau seama ca Romania aspira nu numai sa fie membra a UE, ci si a zonei euro, dar e mai bine sa o luati incet si sa va simtiti in siguranta, decat sa va para rau. Succesul Romaniei nu depinde de calitatea de membru al zonei euro sau de momentul in care aderati, ci de felul in care faceti reformele", a rezumat Roubini.

El a adaugat ca zona euro s-ar putea schimba pana in 2015. Roubini nu exclude posibilitatea ca unele state mai slabe sa nu mai faca parte din aceasta pana in 2015, in conditiile in care unii politicieni mai populari ar putea hotari revenirea la fostele monede nationale pentru a castiga competitivitate. "Este mai bine sa o luati incet. Este mai bine sa fiti siguri, decat sa regretati. Trebuie sa va faceti treaba indiferent daca sunteti afara sau inauntru (zonei euro - n.r.)", a spus economistul american.

Guvernul si BNR par sa nu auda

Guvernul si BNR au decis la inceputul acestei luni sa mentina anul 2015 ca obiectiv de aderare la zona euro, ceea ce tehnic nu inseamna, neaparat, 1 ianuarie. De fapt, chiar guvernatorul BNR, Mugur Isarescu, le-a spus politicienilor din coalitia de guvernamant ca cel mai potrivit ar fi ca moneda nationala sa circule in paralel cu euro pana in decembrie 2015.

Analistii considera ca procedura de aderare nu ar permite Romaniei sa intre in zona euro la 1 ianuarie 2015, termen care ar presupune intrarea in mecanismul ratelor de schimb (ERM II) cel mai tarziu la mijlocul anului viitor, pentru a iesi din aceasta anticamera in a doua jumatate a lui 2014. Dupa aceasta procedura, Banca Centrala Europeana si Parlamentul European trebuie sa-si dea acordul pentru aderare, procedura care dureaza cateva luni.

Intrarea in ERM-II este etapa premergatoare aderarii la zona euro. Inainte de a intra in zona euro, o tara trebuie sa respecte criteriile economice incluse in Tratatul de la Maastricht (deficitul bugetar nu poate depasi 3% din PIB, datoria publica trebuie limitata sub 60% din PIB, iar inflatia sa nu depaseasca cu 1,5% media celor mai performante tari din zona euro) si sa se afle timp de doi ani in ERM-II, in cadrul caruia moneda nationala sa fluctueze intr-un interval de plus-minus 15% fata de euro.

Sursa: bzi.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 30/05/2011 @ 14:00:45, in ro - Observator Global, read 2468 times)

 In Avignon, fosta Cetate a Papilor, pe o stanca inaltata intre Palatul Mare si Palatul Mic, domina orasul Catedrala, incununata de statuia aurita a Sfintei Fecioare. Numele frantuzesc al Catedralei este Notre-Dame-des Domes si se presupune ca vine din forma latina Dommus, titlu rezervat inaltelor autoritati eclesiastice, deoarece biserica era numita si „Notre-Dame a Episcopilor”. Originile constructiei sunt obscure. Fondata probabil in secolul al IV-lea, legenda atribuie ridicarea ei Sfintei Marta, care a inchinat locasul Sfintei Fecioare.

Edificiul a fost reconstruit in stil roman si sfintit cu solemnitate in 1069. Constructia actuala dateaza insa din 1140-1160 dar ansamblul roman al bisericii a suferit numeroase transformari de-a lungul timpurilor. Abandonata in timpul Revolutiei, a fost redata cultului in 1822. Istoria bisericii este bogata in evenimente. In 1333, inainte de plecarea in Cruciada impotriva turcilor, Fililp al VI-lea al Frantei, Filip de Navara si Ioan de Bohemia au primit de la papa Ioan al XXII-lea, crucea care trebuia sa binecuvanteze „razboiul lor sfant”. In 1388, tot aici a fost consacrat ca atare regele Siciliei si al Ierusalimului.

In 1341 biserica a fost reconstruita dupa ce fusese distrusa in timpul in care Palatul Papilor fusese asediat. In 1859 a fost ridicata in varf statuia de fonta aurita a Fecioarei. In exterior este amplasat un monument impunator reprezentand „Calvarul”. Grupul statuar a fost executat in 1819 de sculptorul Baussan. Este o lucrare impresionanta, realizata in spiritul antichitatii romane. Impresionanta este de asemenea intrarea cu fronton si coloane cu capiteluri corintiene. In interior exista o singura nava careia in secolele XIV, XV, XVI i s-au adaugat capelele laterale, iar corul (partea in care se afla altarul) a fost largit in 1675. In cursul aceluiasi secol s-a refacut complet absida dupa un proiect de Louis-François de la Valfenière cu aceasta ocazie peretele boltit fiind perforat de cinci ferestre.

In 1672 platforma altarului a fost inaltata, lucrarea in stil baroc fiind executata de Pierre Peru. Nava are o lungime de 25 de metri, latimea de 8,50 si inaltimea de 15 metri. La intrare se gasesc doua statui atribuite lui Pierre Mignard cel Tanar, reprezentandu-le pe Sfanta Marta (la dreapta) si Sfanta Maria Magdalena (la stanga). Printre numeroasele opere de arta de aici trebuie amintit scaunul episcopal sculptat in marmura alba si o impresionanta statuie a lui Iisus, policroma, din pamant ars, realizata in secolul al XVI-lea. In interiorul Catedralei au fost investiti 157 de cardinali si tot aici se afla mormintele a doi papi Benoit al XII-lea si Ioan al XXII-lea.

In spatele Catedralei se intinde un parc minunat, cel mai mare din oras, unde legenda spune ca Augustus ar fi vrut sa ridice un templu. Acum parcul, splendid amenajat, este presarat de bazine, poduri, statui si grote artificiale. Este locul in care localnicii si vizitatorii gasesc un colt de racoare in zilele toride de vara si de unde pot admira grandoarea Ronului, turnul lui Filip cel Frumos, aflat pe cealalta parte a fluviului, si, ceva mai departe de toate constructiile in piatra, Muntele Ventoux incercand sa strapunga norii.

IRINA STOICA - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

La Germania fermerà il suo ultimo reattore nucleare entro il 2022, diventando così la prima potenza industriale a rinunciare all'energia atomica: lo ha annunciato oggi il ministro per l'Ambiente. La maggior parte dei 17 reattori tedeschi non sarà più in servizio entro la fine dell'anno in corso; gli ultimi tre, i più recenti, funzioneranno fino al 2022 al più tardi, ha precisato il ministro Norbert Roettgen, che ha definito questa decisione "irreversibile".

La Germania conta 17 reattori nucleari sul suo territorio, di cui otto non sono più collegati alla rete di produzione dell'energia elettrica. Questi otto reattori non saranno più riattivati, ha sottolineato il ministro. La Germania dovrà trovare entro la fine del 2022 il modo di soddisfare il 22% del suo fabbisogno di elettricità, attualmente soddisfatto dalle centrali atomiche. Un arresto definitivo dei 17 reattori nucleari tedeschi nel 2022 rappresenta di fatto un ritorno al calendario fissato all'inizio degli anni 2000 dalla coalizione formata da social-democratici e verdi.

La cancelliera tedesca Angela Merkel aveva fatto approvare a fine 2010 l'estensione media di 12 anni della durata legale dello sfruttamento dei reattori del paese, contro la sua stessa opinione pubblica, provocando così l'esplosione di un sentimento anti-nucleare in Germania.

Ma dopo la catastrofe di Fukushima in Giappone, a seguito del sisma dell'11 marzo scorso, Angela Merkel aveva immediatamente fermato le centrali più vecchie ed aveva lanciato una riflessione sull'abbandono del nucleare civile, che dovrà essere ratificata formalmente in occasione del prossimo Consiglio dei ministri, il 6 giugno.

Sursa: La Stampa

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 30/05/2011 @ 08:00:35, in en - Global Observatory, read 1690 times)

Researchers at Wake Forest University have developed a new type of polymer solar-thermal device that combines photovoltaics with a system that captures the Sun's infrared radiation to generate heating. By taking advantage of both heat and light, researchers say the device could deliver up to 40 percent savings on the cost of heating, as well as helping reduce power bills by producing electricity.

The hybrid cell is designed with an integrated array of clear tubes, five millimeters (approx 1/4 inch) in diameter. Lying flat, visible sunlight shines into the clear tube which is filled with an oil blended with a proprietary dye, heating the oil which then flows into a heat pump to transfer the warmth inside a home.

Electrical current is produced via a polymer photovoltaic sprayed onto the back of the tubes.

The result is a solar-thermal device with an impressive 30 percent conversion efficiency.

In comparison to flat solar cells, the tube design also has the advantage of being able to capture light at oblique angles, so it can accumulate power for a much longer stretch in the day and be more readily integrated into building materials – it could be produced to resemble a roofing tile for example.

The research team aims to produce a 3 foot square solar thermal cell over the coming months, a key step in bringing the technology closer to market.

"It's a systems approach to making your home ultra-efficient because the device collects both solar energy and heat," said David Carroll, Ph.D., director of the Center for Nanotechnology and Molecular Materials at Wake Forest University. "Our solar-thermal device takes better advantage of the broad range of power delivered from the sun each day."

Source: Gizmag

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 4543 persone collegate

< settembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (143)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo





26/09/2021 @ 18:21:20
script eseguito in 848 ms