Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

... CONTINUES.

6. Not enough time has passed since you finished your meal.
You've just eaten lunch only to wonder: "Why am I still hungry?" Before you assume you didn't eat enough, consider that maybe you ate too quickly. "Appetite hormones need time to tell your brain you're full," explains Sandon. To prevent post-meal hunger pangs, keep these pointers in mind: Eat slowly, putting down your fork between bites; choose flavorful and satisfying foods; and include a combination of fat, protein and carbohydrates in every meal. If you're still hungry, try sucking on a mint to ward off your cravings.

 Woman exercising

7. The women around you are eating.
A joint study out of Duke University and Arizona State University found that women tend to mirror other women's eating habits. "When one overdoes it, the rest often follow along," Ansel confirms. To avoid this copycat effect, Lippert suggests taking a quick minute to reassess your own eating habits—or, if all else fails, grabbing a pal and evacuating the scene of the food. A more permanent fix? Be the one who sets a healthy example for your girlfriends to follow. Their waistlines will thank you! "Just as obesity is contagious, so are healthy habits," says Dawn Jackson Blatner, author of The Flexitarian Diet.

8. You've been drinking alcohol. 
It's long been suspected that alcohol contributes to an increased appetite. Though the underlying mechanisms are unknown, a common hypothesis is that it makes food more palatable. What we do know is that alcohol decreases our defenses, which is detrimental to those who restrict their eating, explains Jackson Blatner. Furthermore, "People expect that alcohol will make them eat more, which leads them to unabashedly do so," Sandon adds. The solution? Eat before you order that glass of wine, beer or cocktail. To prevent overeating the next day, especially after a night of heavy drinking, be sure to drink plenty of water to replenish your dehydrated body.

9. You smell or see food. 
"We tend to eat with our senses more than our stomachs," says Ansel. When we smell or see food—even if it's in a photo, advertisement or TV show—our mouths water, which stimulates our appetite. Onset factors can include smelling a batch of cupcakes baking, seeing snack food laid out on the counter or watching a cooking show. The clear-cut solution: "Out of sight, out of mind." Leave the room, hide the candy jar, turn off the TV—and the craving to eat will likely subside, says Ansel.

10. You're stressed out. 
"Studies show that when people recognize they're stressed, they are more likely to turn to high-fat, salty or sugary foods," says Sandon. "These foods both are comforting and feel good in the mouth," she adds. But it's not all about emotional eating. Sandon notes that your body's chemical reaction to stress could also cause hunger pangs. "Increased levels of the stress hormones cortisol and insulin may be associated with triggering appetite." Either way, appetite control boils down to decision-making. Before reaching for the ice cream tub, try quickly clearing your mind by completing one of these fifteen 10-second stress-busting techniques.

Source: womansday.com - Author: Brynn Mannino

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 05/02/2011 @ 12:00:10, in ro - Observator Global, read 1995 times)

 Este un lucru cert ca in unele tari din lume guvernele intreprind pe taram stiintific actiuni de cercetare si experimente stiintifice strict secrete, scoase la lumina la un an, doi sau patruzeci, de la declasarea lor. Uneori, desecretizarea se impune de la sine, alteori e fortata de incidente neprevazute, de investigatii mediatice ori de alta natura, de scurgerea unor informatii sau chiar de derularea unor evenimente tragice. Printre marile institutii de pe planeta implicate in pastrarea cu strictete a unor secrete esentiale pentru omenire - de natura religioasa, dar si culturala, istorica, tehnologica medicala etc. - se pare ca un rol de prim rang il ocupa Vaticanul, inima Bisericii Catolice.

In subteranele Vaticanului

      Foarte putin cunoscute de public, activitatile aplecate asupra dobandirii de informatii si a cunoasterii unor legi noi ale Universului reprezinta o parte importanta a existentei stiintifice active a celor din cetatea Vaticanului. In subteranele micului stat intins pe numai 44 de hectare, eminenti specialisti, majoritatea oameni ai bisericii, deschid usile unui secret imens. Descoperirile lor nu fac obiectul nici unui fel de publicitate, nici al vreunui rezumat care sa fi aparut in publicatii stiintifice internationale.

      Parintele Anstasio di Saporta se afla printre amintitii specialisti. Este un om de stiinta foarte capabil, dotat cu o exceptionala putere de munca. Pasionat de biologia moleculara, el s-a aratat interesat de genetica inca din preajma anului 1960. Dorea sa cunoasca totul despre celula umana si mai ales despre „miezul” ei, locul de rezidenta al moleculei de ADN, cea care contine patrimoniul genetic al fiecarui individ.

Revelatia Dolly

 In consecinta, aparitia oitei Dolly (1996) nu l-a surprins pe prelat, chiar daca valorile lui morale si religioase au avut de suferit in fata acestui pericol venit din partea stiintei, Dolly fiind prima clona reusita a unui mamifer adult. Se stie ca realizarea apartine cercetatorilor Institutului Roslin din Edimburg, Scotia, condusi de dr. Ian Wilmut, moment in care parintele di Saporta se confrunta cu o problema tehnica importanta, astfel ca aceasta oaie (mielul reprezinta o tema centrala in traditia iudeo-crestina) a fost pentru el o adevarata revelatie.

      De multi ani, rezervele de relicve se micsoreaza. Tot mai multi particulari doresc sa detina asemenea obiecte, iar noile biserici - foarte numeroase - trebuie sa aiba in altar relicve sfinte, pentru a fi consacrate. Cererea este deci extrem de mare, de ordinul milioanelor, context in care di Saporta a fost solicitat sa gaseasca o posibila solutie.

Fragmente de fragmente...

      Pornind de la experimentul Dolly, preotul-savant a pus la punct apoi a testat o metoda originala de clonare a relicvelor. Pentru aceasta a folosit mici fragmente de relicve sfinte, fierte intr-un amestec de ulei si apa sfintite, timp de sapte minute. Inserate in bacterii si cu ajutorul unui curent electric, se ajunge la noi relicve avand varsta si toate componentele fragmentelor initiale. Spre deosebire de clonarea animalelor sau a oamenilor, aceasta practica nu prezinta pericol, potrivit lui di Saporta, care vede in uimitoarea realizare cel mai frumos exemplu de interactiune intre credinta si stiinta, parere impartasita si de alti oameni ai bisericii si mireni. Pentru a risipi orice suspiciune, relicvele clonate vor fi autentificate de o comisie a RDOC (Relicve de denominare de origine controlata) si vor fi insotite de un certificat special. Acest document va fi scris pe un anume tip de hartie si va purta sigiliul si semnatura presedintelui comisiei, scrisa cu o cerneala rosie falsificabila. E inutil sa spunem ca, daca informatia este reala, importanta ei e incalculabila. Intre altele, un element de o valoare aparte ar putea fi demonstrarea faptului ca de mult contestata autenticitate si marea cantitate a relicvelor nu are nici un temei.

ADRIAN-NICOLAE POPESCU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 05/02/2011 @ 10:00:54, in it - Osservatorio Globale, read 1494 times)
Greenpeace rivela: una scatoletta su tre contiene specie differenti di tonno mescolate insieme.

Greenpeace rende noti i risultati delle analisi genetiche condotte dal laboratorio indipendente spagnolo AZTI Tecnalia su 165 scatolette di tonno, provenienti da 12 Paesi, europei e non, tra cui l’Italia. Una scatoletta su tre contiene specie differenti di tonno mescolate insieme o diverse da quanto indicato in etichetta o che possono variare a seconda del lotto di provenienza. Le scatolette analizzate appartengono tutte a marche molto popolari sul mercato mondiale, tra le altre Nostromo, Mare Aperto STAR, Riomare e Carrefour. 

Mescolare due specie diverse di tonno nella stessa scatoletta è una pratica illegale in Europa. Dalle nostre analisi risulta anche che, passando da una scatoletta all’altra dello stesso prodotto, il consumatore può trovare specie differenti di tonno. Questo avviene, per esempio, per i prodotti Nostromo e Mare Aperto STAR, testati in Italia. In questi casi viene usata un’etichetta del tutto generica “Ingredienti: tonno”, tanto legale quanto inaccettabile, che impedisce al consumatore di sapere con certezza cosa mangerà.

 

Le analisi, inoltre, rivelano che alcune delle scatolette campionate contengono specie diverse da quanto indicato in etichetta e che tra le specie inscatolate finiscono anche quelle sovrasfruttate, come il tonno obeso.

 

«Quando un consumatore mette nel carrello della spesa una scatoletta di tonno non sa realmente cosa compra. Purtroppo, la maggior parte dei prodotti presenti sul mercato - denuncia Giorgia Monti, responsabile della campagna mare di Greenpeace - non offrono sufficienti garanzie né sul tipo di tonno che portiamo in tavola né sulla sostenibilità dei metodi con cui è stato pescato».

"L’utilizzo dei FAD sta distruggendo l’ecosistema marino e conducendo gli stock di tonno verso il collasso".

Tra i principali fattori che contribuiscono a far finire nelle scatolette diverse specie di tonno, comprese alcune sovrasfruttate, Greenpeace ha identificato l’utilizzo di metodi di pesca poco sostenibili, come le reti a circuizione con “sistemi di aggregazione per pesci“ o FAD.

 

I FAD sono oggetti galleggianti che attirano esemplari giovani di tonno, ma anche specie minacciate come tartarughe marine, squali balena e altri pesci che regolarmente finiscono in queste reti in modo accidentale. Una volta pescati, tonni diversi vengono conservati e congelati tutti insieme a bordo, e la loro identificazione risulta difficile.

 

A quasi un anno dal lancio della classifica “Rompiscatole”, Greenpeace chiede che l’industria del tonno in scatola e le grandi catene di distribuzione garantiscano finalmente piena trasparenza ai consumatori  e si impegnino a vendere solo tonno pescato in maniera sostenibile.

 

«L’utilizzo dei FAD sta distruggendo l’ecosistema marino e conducendo gli stock di tonno verso il collasso. Se vogliamo salvare il tonno tropicale prima che venga totalmente compromesso, come è successo per il tonno rosso del Mediterraneo, è necessario eliminare i metodi di pesca più distruttivi, ridurre lo sforzo di pesca e tutelare con riserve marine le aree più importanti per la biologia di queste specie» conclude Giorgia Monti. 

 

Fonte: greenpeace

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

A staggering 63 percent of Americans are overweight. The most common cause? We eat more food than we need—and we're all guilty of doing it: mindlessly munching on a bag of pretzels during a reality TV marathon or treating ourselves to a second helping when the first was plenty. But boredom and indulgence aside, why else are we reaching for a snack when we should feel full? Some of it can be blamed on habit, while other triggers have more to do with our body's hunger signals. Check out the list below to find out the most common overeating pitfalls and simple solutions for avoiding these traps.

1. You didn't get enough sleep last night. 
Lack of rest stimulates two faux hunger triggers: energy deficiency, to which our natural reaction is to nourish our bodies, and appetite hormone confusion. "When our bodies are drained, levels of leptin—a hormone produced by our fat cells that controls our appetite—decrease, while levels of gherlin—a hormone produced by our stomach that stimulates our appetite—increase," explains American Dietetic Association spokeswoman Karen Ansel, RD. That's two hormones working against you. "Getting eight hours of sleep a night is the easiest thing you can do to prevent overeating." If you do fall short on zzz's, be sure to load up on nourishing, naturally energizing foods—such as fresh fruit, complex carbohydrates and lean proteins—throughout the day to help your body feel satisfied.

2. You're taking medication that causes hunger as a side effect. 
If you felt ravenous the last time you were taking an antibiotic to tame an allergic reaction, joint inflammation, acne or a bad cold, the medicine may be to blame. "Medication that contains mild steroids, like prednisone, a corticosteroid, ramp up hunger big time," says Milton Stokes, RD, owner of One Source Nutrition, LLC. "If you've already eaten a normal-size meal, ignore the drug-inflated hunger," says Stokes. Instead, try an oral fix like chewing gum, sipping warm coffee or brushing your teeth, he suggests. If you're on long-term steroid therapy, consult a dietitian to devise an eating plan that will help you feel more satisfied throughout the treatment.

3. You're thirsty or dehydrated. 
The symptoms of dehydration (sleepiness, low energy) closely mimic those of being overly hungry, which may lead you to think you need food to increase your energy level, explains Sandon. When you're thirsty, your mouth becomes dry, a symptom that eating will temporarily relieve, notes Sandon. She suggests drinking a tall glass of water or cup of herbal tea before eating and waiting for your body's hunger signals to adjust (about 10 minutes). "Doing so could save hundreds of calories."

4. It's "mealtime." 
As creatures of habit, we tend to eat on autopilot. While some regularity is encouraged so that you don't become overly hungry, which could lead to bingeing, it's also important to listen to hunger signals, says Ansel. "Next time you sit down to eat, ask yourself: 'Am I really hungry?' If the answer is 'no,' either eat a smaller portion or put off the meal for an hour—though no longer than that," suggests Ansel. This also applies to situations you associate with eating, like flying. "We've been conditioned to associate an airplane ride with eating," Ansel says. The solution: "Pay attention to timing," recommends Lona Sandon, MEd, RD, assistant professor of nutrition at University of Texas Southwestern. "Know how long the flight is and plan satisfying meals around it." Also, take advantage of the free (hydrating) beverages, she adds, as the enclosed space leads to hunger-causing dehydration.

5. You just worked out.
We are conditioned to feed ourselves after exercising. And, after a particularly strenuous exercise session like a spinning class or interval-training workout, we tend to feel ravenous. But that doesn't mean your body needs extra calories. "It means your body needs a specific kind of nourishment," says Marissa Lippert, RD, a nutrition consultant and dietitian in New York City. Opt for roasted chicken or other lean meats (protein will replenish your muscles) and brown rice or other whole grains (complex carbohydrates take a while to break down) to help your body recover faster and fend off hunger longer.

TO BE CONTINUED ...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 04/02/2011 @ 12:00:09, in it - Osservatorio Globale, read 2090 times)

Pioggia acida sulla foresta boreale

Negli anni Settanta c’erano le piogge acide. Migliaia di scienziati di tutto il mondo (emisfero settentrionale) si sono occupati della “questione ambientale più urgente del pianeta”. La foresta boreale è il più grande ecosistema della Terra e si diceva che i suoi milioni di laghi correvano il rischio di essere distrutti dall’acido proveniente dal cielo.

 

A causare le piogge acide erano le ciminiere degli impianti a carbone che vomitavano solfuri nell’atmosfera causando le precipitazioni nocive. In teoria, la pioggia acida interessava le terre e i laghi della foresta boreale, ma l’acidificazione era praticamente impossibile da individuare. I laghi incontaminati nel cuore dei parchi nazionali dovevano essere studiati per decenni nel tentativo di individuare una acidificazione statisticamente rilevante.

Nel frattempo, i laghi ed i loro bacini idrografici sono stati distrutti dall’artigianato, dall’agricoltura, dalle foreste, dalle miniere, dalla pesca intensiva e dal turismo. Nessuno di questi disastri locali è stato studiato e diffuso. Gli scienziati, invece, hanno preferito rivolgere la loro attenzione agli impianti di combustione del carbone ubicati in siti a grande distanza, all’inquinamento atmosferico e alle reazioni chimiche che si verificano nelle goccioline di pioggia. Uno studio ha trovato che le uova di una particolare specie di pesce depositate in un acquario sono estremamente sensibili all’acidità (pH). Sono stati scritti lunghi trattati a proposito dell’equilibrio e del trasporto dei cationi nell’atmosfera spostando l’attenzione dalla distruzione del suolo causata da sfruttatori privati facilmente identificabili verso complicati processi chimici dell’atmosfera frutto del progresso e della industrializzazione.

 

Come fisico e scienziato della Terra divenuto in seguito esperto ambientale, ho personalmente letto praticamente tutte le pubblicazioni scientifiche che si occupavano di piogge acide e non, e non ho mai trovato un esempio dimostrato di impatto negativo su laghi o foreste dovuto alle piogge acide. A mio avviso, contrariamente a quanto più volte sostenuto dagli scienziati autori di queste pubblicazioni, la ricerca sulle piogge acide dimostra che con ogni probabilità la pioggia acida non era un problema.

Questo schema messo in atto da gruppi organizzati di finti ricercatori dell’ambiente sarà applicato in scala molto maggiore solo decenni più tardi con la teoria del riscaldamento globale.


Il Riscaldamento Globale come una minaccia al genere umano

Nel 2005 e 2006, molti anni prima che lo scandalo Climategate nel novembre 2009 incendiasse i media che sospinsero l’opinione pubblica verso l’accettazione del sistema cap™ dei crediti di carbonio e il relativo trilione di dollari di generosi finanziamenti che aspettano ancora l’approvazione, parlai della truffa del riscaldamento globale in un saggio che Alexander Cockburn definì su The Nation “uno dei migliori saggi sul mito dell’effetto serra visto da una prospettiva di sinistra”. [4] [5] [6]

Il mio saggio indusse David F. Noble a studiare il problema e scrivere The Corporate Climate Coup, un libro che descrive come i media avevano accolto favorevolmente l’idea che la finanza potesse ottenere ricavi senza precedenti dalla causa ambientalista.[7]

 

I paragrafi introduttivi di Global Warming: Truth or Dare? sono i seguenti [4]:

“Parlai in anticipo delle forti motivazioni sociali, istituzionali e psicologiche che hanno contribuito a costruire e conservare il mito della minaccia dominante del riscaldamento globale (il mito del riscaldamento globale, in breve). Descrivo queste motivazioni partendo dai meccanismi di funzionamento della professione scientifica e della rete globale del mondo imprenditoriale e finanziario insieme ai suoi governi ombra”.

 

“La mia opinione è che la forza di gran lunga più distruttiva del pianeta è rappresentata dai finanzieri assetati di potere e dalle corporazioni orientate esclusivamente al profitto e dai loro cartelli sostenuti dalle forze militari; e che il mito del riscaldamento globale è un elemento di distrazione che contribuisce a nascondere questa verità. A mio parere, attivisti che, usando altri argomenti, alimentano il mito del riscaldamento globale sono stati in realtà cooptati dal sistema, o al massimo neutralizzati “.

Altri passaggi che approfondiscono questa tesi [4]:

“Scienziati ambientali e agenzie governative sono pagati per studiare e monitorare problemi che non mettono a rischio alcun interesse corporativo e finanziario. Non sorprende quindi che essi abbiano preferito criticare la devastazione del pianeta dovuta all’estrazione delle risorse parlando delle emissioni di CO2. Il problema principale di questa teoria è che non si può controllare un mostro affamato chiedendogli di cagare meno”.

 

“Il riscaldamento globale è sostanzialmente un falso problema creato dalla classe media del cosiddetto Primo Mondo. Nessun altro si preoccupa del riscaldamento globale. Gli operai sfruttati nel Terzo Mondo non si preoccupano del riscaldamento globale. I bambini iracheni nati con malformazioni genetiche a causa delle bombe a uranio impoverito non si preoccupano del riscaldamento globale. E neanche l’annientamento delle popolazioni aborigene in tutto il mondo può essere ricondotto al fenomeno del riscaldamento globale, fatta eccezione forse per il fatto che gli aborigeni potrebbero essere gli unici a comprenderci”.

 

“Non si tratta di risorse limitate. ["La quantità di denaro speso ogni anno in cibi per animali domestici negli Stati Uniti ed Europa sarebbe sufficiente a fornire cibo e assistenza sanitaria di base a tutta la popolazione dei paesi poveri, e ne avanzerebbe anche una discreta somma" (Human Development Report delle Nazioni Unite , 1999)] Parliamo di sfruttamento, oppressione, razzismo, potere e avidità. Giustizia economica, umana e animale portano a sostenibilità economica, che a sua volta è sempre basata su pratiche rinnovabili. Riconoscere i diritti fondamentali dei popoli nativi porta inevitabilmente ad estrarre risorse in maniera più oculata e nel rispetto degli habitat naturali. Impedendo le guerre e gli interventi imperialisti si abbatte automaticamente lo sfruttamento delle nazioni. Un vero controllo democratico sulla politica monetaria conduce nel lungo termine alla rimozione del sistema basato sul debito “.

 

Esiste anche una critica approfondita che definisce la scienza come un carrozzone starnazzante interessato solo ad ingannare se stesso [4]. Il Climategate conferma ciò che dovrebbe essere scontato per ogni scienziato: la scienza, quando non aiuta a dormire, è una mafia.

 

Conclusioni

E’ tutto questo continua anche oggi. Ai giorni nostri, cosa non è una bugia?

Guardate la recente truffa del virus H1N1, un altro esempio da manuale. E’ pazzesco quanto a lungo durino queste messe in scena: gel antisettici pronti in ogni angolo in un batter d’occhio; studenti delle scuole superiori che si sballano bevendo l’alcol contenuto nei gel; cessazione della diffusione del ceppo virale prima che i vaccini già pagati siano prodotti in massa; nessun obbligo per le case farmaceutiche di provarne l’efficacia; garanzie pubbliche ai produttori di vaccini in caso di contenziosi legali intentati dagli acquirenti; addetti della sicurezza sanitaria nelle università che insegnano agli studenti a tossire correttamente, ecc…

Pura follia. Da cosa scaturisce questa stupidità così radicata nel Primo Mondo? Fa parte del nostro cammino verso il fascismo [8]?

Qui c’è un’altra cosa da dire: gli educatori diffondono le menzogne che noi impariamo perché ci vengono insegnate. Questa falsa educazione viene spesso direttamente denunciata dagli stessi educatori più radicali [9] [10].

I professori universitari preparano i piani di studio come se gli studenti realmente imparassero tutto ciò che viene loro consegnato, mentre la verità è che gli studenti non imparano tutto ma solo ciò che devono imparare. Invertire l’ordine dei corsi non farebbe alcuna differenza sul numero degli studenti che imparano. Gli studenti possono anche consegnare delle sciocchezze e i professori non se ne preoccuperebbero. L’obbedienza e l’indottrinamento è tutto ciò che importa, e l’unico requisito richiesto è saper imbrogliare. Gli studenti lo sanno e coloro che non sanno ciò che devono sapere non conoscono neanche loro stessi. [8] [9] [10]

Ogni opinione di esperto o paradigma dominante fa parte di questo inganno.

Ci rifiutiamo di conoscere la verità perchè ci fa orrore. ( 3- Fine)

Versione originale:

Denis G. Rancourt è stato professore di ruolo presso l’Università di Ottawa in Canada. Si è formato come fisico e praticò la fisica, le scienze della Terra e ambientali, settori nei quali ricevette finanziamenti da un’agenzia nazionale esercitando in un laboratorio riconosciuto a livello internazionale. Ha pubblicato oltre 100 articoli sulle principali riviste scientifiche. Ha tenuto lezionii di attivismo popolare e fu un aperto critico dell’amministrazione universitaria e un difensore dei diritti dei palestinesi. E’ stato licenziato per la sua dissidenza nel 2009.

Fonte: www.globalresearch.ca
Link: http://www.globalresearch.ca/index.php?context=va&aid=19653
8.06.2010
Versione italiana:
Fonte: http://marcomessina.wordpress.com/
Link: http://marcomessina.wordpress.com/2010/07/22/alcune-grandi-menzogne-della-scienza-3/
Traduzione a cura di MARCO MESSINA


NOTE:
[1] “No Ivory Tower – book” by Ellen W. Schrecker.
[2] Radio interview with Dr. Barbara Starfield: CHUO 89.1 FM, Ottawa; January 21, 2010.
[3] Nature 449, 382-383 (2007).
[4] “Global Warming: Truth or Dare? – essay” by Denis G. Rancourt.
[5] “Questioning Climate Politics – Denis Rancourt says the ‘global warming myth’ is part of the problem”; April 11, 2007, interview in The Dominion.
[6] Climate Guy blog.
[7] “The Corporate Climate Coup – essay” by David F. Noble.
[8] “Canadian Education as an Impetus towards Fascism – essay” by Denis G. Rancourt.
[9] “Pedagogy of the Oppressed – book” by Paulo Freire.
[10] “The Ignorant Schoolmaster – book” by Jacques Rancière.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 04/02/2011 @ 10:00:25, in ro - Observator Global, read 1478 times)

 Dupa disparitia celor doua mari blocuri antagoniste si incetarea „razboiului rece”, singura amenintare cu adevarat importanta la adresa securitatii planetei o reprezinta terorismul. Atentatele comise in ultimele decenii - si in primul rand atacul de la 11 septembrie 2001, care a oripilat intreaga lume - sunt de natura sa dovedeasca uriasa putere de care acesti fanatici pot dispune. Pericolul este cu atat mai mare cu cat ei nu pot fi usor identificati, parand, pana la proba contrarie, cu nimic diferiti de oamenii din multime. Si totusi, nu este departe clipa in care pe teroristi ii va da de gol propriul creier...

Aceasta posibilitate va deveni certitudine, spera savantii, in cel mult cativa ani, Deja o echipa internationala de specialisti in neurologie a pus la punct o tehnologie eficienta, gratie careia se va putea „patrunde” in intimitatea creierului unei anumite persoane si se vor putea cunoaste intentiile ei inainte de a actiona. Cercetatorii au folosit scanari cerebrale de inalta rezolutie, pentru a identifica modele de activitate umana, inainte ca acestea sa fie transpuse in ganduri concrete, dezvaluind ce intentioneaza subiectul sa faca in viitorul apropiat. Este pentru prima oara cand savantii reusesc sa descifreze intentiile umane in acest mod. „Folosirea acestei tehnologii este ca si cum ai aprinde o torta si a-i citi cu ajutorul ei, incet-incet, inscriptiile de pe peretii unui templu antic.

Cu ajutorul scanerului, putem cauta anumite modele in functionarea creierului, identificand sentimente precum furia, frustrarea, dorinta de razbunare si citindu-le, putem oferi o imagine de ansamblu asupra intentiilor omului respectiv. Teroristii, raufacatorii, cei cu intentii necurate, vor fi tradati astfel de propriul lor creier”, sustine John-Dylan Haynes, de la Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences, din Germania. Haynes a condus un proiect de anvergura, desfasurat pe durata a patru ani, in colaborare cu oameni de stiinta de la University College London si Oxford University.

Crime, condamnate inainte de a fi comise

      Punand in evidenta imagini ale activitatii cerebrale la oameni manati de ura, comportament violent, prejudecati rasiale etc., savantii au reusit realizarea unor „clisee”, cu ajutorul carora, prin comparatie, ei spera sa poata depista orice eventual raufacator. Imediat ce aceasta „citire a creierelor” va fi pusa la punct, ea ar putea fi folosita la interogarea criminalilor si teroristilor si chiar ar putea produce situatii similare celei din controversatul film al lui Spielberg, „Minority Report”, unde gandurile criminale erau identificate si autorii lor pedepsiti chiar inainte de a le transpune in practica!

      „Este adevarat ca aceste tehnici progreseaza pe zi ce trece si de aceea am avea nevoie de o dezbatere din perspectiva morala, etica, a utilizarii lor, caci implicatiile citirii creierelor pot fi neasteptate. Multi ar putea vedea acest lucru ca pe o incalcare flagranta a intimitatii umane. Pe de alta parte, s-ar putea produce erori judiciare si oameni care nu au comis nici o crima vor fi incarcerati sau chiar omorati, doar pentru ca aparatele, care deocamdata au o acuratete de doar 70%, indica o anumita tendinta, in gandurile lor, tendinta careia ei poate ca nu-i vor da curs niciodata”, recunoaste profesorul Haynes.

Gabriel TUDOR - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 04/02/2011 @ 08:00:29, in en - Video Alert, read 4042 times)

"Hello, welcome to the Mental Health Hotline. 
 
If you are:
 
Obsessive-Compulsive, press 1, repeatedly.
 
Co-Dependent, please ask someone to press 2 for you.

Multiple Personalities, press 3, 4, 5, and 6.

Paranoid, we know who you are and what you want. Stay on the line so we can trace your call.

Delusional, press 7, and your call will be transferred to the Mother Ship.

Schizophrenic, listen carefully, and a small voice will tell you which number to press.

Manic-Depressive, it doesn't matter which number you press. No one will answer.

Dyslexic, press 96969696969696.

If you have:

Nervous Disorder, please fidget with the Pound Button until a representative comes on the line.

Amnesia, press 8 and state your name, address, phone number, date of birth, social security number, and your mother's and grandmothers' maiden names.

Post-Traumatic Stress Disorder, slowly and carefully press 911.

Bi-Polar Disorder, please leave a message after the beep. Or before the beep. Or after the beep. Please wait for the beep.

Short-Term Memory Loss, please try your call again later.

Low Self Esteem, please hang up. All our representatives are busy."

Source: holah.karoo.net

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 03/02/2011 @ 14:00:40, in en - Global Observatory, read 2259 times)

Snorre Valen, a member of the Norwegian parliament, has nominated WikiLeaks for this year's Nobel Peace Prize.

 

In motivating his nomination, Mr Valen writes:

"... many seek to redraw the map of information freedom with the emergence of institutions like Wikileaks. Political powers and institutions that ordinarily protect freedom of speech suddenly warn against the danger, the threat to security, yes even the “terrorism” that Wikileaks represent. In doing so, they fail in upholding democratic values and human rights. In fact, they contribute to the opposite. It is not, and should never be, the privilege of politicians to regulate which crimes the public should never be told about, and through which media those crimes become known.

Liu Xiabao was awarded the Nobel Peace Prize last year for his struggle for human rights, democracy and freedom of speech in China. Likewise: Wikileaks have contributed to the struggle for those very values globally, by exposing (among many other things) corruption, war crimes and torture – some times even conducted by allies of Norway. And most recently: By disclosing the economic arrangements by the presidential family in Tunisia, Wikileaks have made a small contribution to bringing down a 24-year-lasting dictatorship."

The Peace Prize winner will be announced in October. Unlike the other Nobel prizes, the Peace Prize is administered in Norway rather than in Sweden and is presented in a ceremony in Oslo each December in the presence of the king of Norway.

Source: wlcentral.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 03/02/2011 @ 12:00:04, in it - Osservatorio Globale, read 2913 times)

La medicina è la salute della menzogna

A tutti è capitato di ascoltare un medico, magari alla radio, dichiarare che l’aspettativa di vita è aumentata grazie alla medicina moderna. Nulla di più lontano dalla verità.

 

L’aspettativa di vita è aumentata nei paesi del Primo Mondo, grazie ad una mancanza storica di guerre civili e territoriali, cibi migliori e più accessibili, meno lavoro e infortuni sul lavoro, migliori condizioni di lavoro e di vita generale. L’indicatore più importante dello stato di salute di un paese è quello economico, a prescindere dall’accesso alla tecnologia medica e farmaceutica.

 

La medicina non ha allungato l’aspettativa di vita. Al contrario: essa ha in realtà avuto un impatto negativo sulla salute dell’uomo. Gli errori medici (senza contare i decessi attribuiti erroneamente a ‘trattamenti’ gestiti in maniera corretta) sono la terza causa di morte negli Stati Uniti, dopo le malattie cardiache e il cancro, e vi è un ampio divario tra questa stima conservativa del numero di morti causati da errori medici e la quarta principale causa di morte [2]. Dato che la medicina può fare ben poco per le patologie cardiache e il cancro, e dal momento che ha solo un effetto statistico positivo limitato nel settore degli interventi post-traumatici, possiamo concludere che la salute pubblica potrebbe migliorare se tutti i medici semplicemente sparissero. Basti pensare a tutte le perdite di tempo e lo stress che le persone malate risparmierebbero…

 

Uno dei luoghi più pericolosi per la società è l’ospedale. Negli errori medici rientrano le diagnosi e le prescrizioni sbagliate, le prescrizioni di farmaci che non dovrebbero essere combinati, interventi chirurgici inutili, superflui o trattamenti mal gestiti a base di chemioterapia, radioterapia e chirurgia correttiva.

 

In questa menzogna rientra anche l’idea che i medici riescano sempre a capire il funzionamento del corpo umano. E’ proprio questa falsa convinzione che ci porta a riporre la nostra fiducia nei medici, favorendo così i profitti delle grandi case farmaceutiche.

 

La prima cosa che i volontari di Medici Senza Frontiere (MSF) dovrebbero fare nelle zone colpite dai disastri è dimenticare la loro ‘formazione medica’ e darsi da fare per soddisfare i bisogni primari della popolazione, come acqua, cibo, riparo, e le misure necessarie alla prevenzione delle epidemie, e non somministrando vaccini, intervenendo chiururgicamente o somministrando farmaci…La salute pubblica deriva principalmente dalla sicurezza, stabilità e giustizia sociale, dal benessere economico, piuttosto che da risonanze magnetiche (MRI) e medicine.

 

Questi cialtroni applicano sistematicamente “trattamenti consigliati” mai testati e prescrivono pericolosi medicinali per ogni tipo di disturbo: pressione alta, stile di vita sedentario, cattiva alimentazione, apatia a scuola, ansia nei luoghi pubblici, disfunzioni erettili post-adolescenziali, disturbi del sonno, e tutti gli effetti collaterali causati proprio da questi farmaci.

 

Seguendo una incredibilmente perversa – seppur professionale – logica, i medici preferiscono somministrare farmaci per rimuovere i sintomi che sono indicatori di rischio, piuttosto che affrontare le vere cause delle patologie, ottenendo come unico risultato quello di aggredire ulteriormente l’organismo.

 

E’ assurdo ciò che oggi la medicina rappresenta per noi: essa è solo uno strumento per instupidirci (ovvero mantenerci ignoranti del funzionamento del nostro corpo) e renderci artificialmente dipendenti dalle gerarchie di potere. Le persone economicamente svantaggiate non muoiono per scarsità di cibo, ma per le precarie condizioni di vita e le sofferenze derivanti dalla loro povertà. I medici confesserebbero mai alla radio questa evidente verità?

 

Menzogne della scienza sull’ambiente

Lo sfruttamento estrattivo delle risorse, l’espropriazione delle terre e la creazione e la diffusione di schiavitù salariale sono devastanti per le popolazioni indigene e per l’ambiente su scala globale. E’ quindi fondamentale nascondere questi crimini sotto un velo di analisi di esperti e di vaghe politiche di sviluppo. Una prestigiosa classe di intellettuali, composta da studiosi dell’ambiente e consulenti, è utilie proprio questo scopo.

 

Gli esperti ambientali, più o meno consapevolmente, lavorano fianco a fianco con i truffatori della finanza, media mainstream, politici e burocrati nazionali e internazionali per mascherare i problemi reali e creare nuove opportunità di profitto per esclusive élite potere. Ecco alcuni casi particolari.

Freon e Ozono

Conoscete qualcuno che è stato ucciso dal buco dell’ozono?

Il Protocollo di Montreal del 1987 che vieta i clorofluorocarburi (CFC) è considerato un caso emblematico in cui la scienza e la governance globale raggiunsero un accordo per il bene della Terra e i suoi abitanti.

 

Ma quante volte questo accade per davvero?

Proprio in concomitanza con la scadenza del brevetto Du Pont per la produzione di freon (TM), il refrigerante più utilizzato del mondo, i media principali iniziarono a raccogliere osservazioni scientifiche altrimenti arcane e ipotesi circa la concentrazione di ozono negli strati alti dell’atmosfera al di sopra dei poli.

 

Questo ha portato ad una mobilitazione internazionale per criminalizzare i CFC, mentre DuPont sviluppava e brevettava un refrigerante sostitutivo che fu prontamente certificato per l’uso.

Nel 1995 fu assegnato un premio Nobel per la chimica a seguito di un esperimento di laboratorio che provava l’influenza dei CFC sulla riduzione del buco dell’ozono nell’atmosfera. Nel 2007 è stato dimostrato che questo esperimento era gravemente viziato da una sovrastima del tasso di riduzione pari ad un ordine di grandezza invalidando quindi il modello.[3] Senza considerare che qualsiasi esperimento di laboratorio non tiene in considerazione le particolari condizioni che si creano realmente nelle zone più alte dell’atmosfera. Possiamo dunque affermare che i meccanismi di assegnazione del Nobel sono influenzati dai mezzi di comunicazione e dai particolari interessi delle lobby?

 

Ma c’è di più. Si scopre che il nuovo refrigerante non è, come si temeva, inerte, caratteristica che invece il freon possedeva. Esso quindi corrode i componenti del ciclo frigorifero ad un ritmo molto più veloce di quanto non facesse il gas vietato. Frigoriferi e congelatori che un tempo duravano per sempre, ora diventano inutilizzabili dopo circa otto anni, riempiendo ad un ritmo vertiginoso le discariche di tutta l’America del nord; questo è avvenuto anche grazie al sostegno della propaganda verde per il risparmio energetico con il frigo chiuso (in condizioni di non utilizzo).

 

Inoltre, non abbiamo perso tempo a rinunciare al sole per paura che i raggi UV possano provocare il cancro, restando così dipendenti da soluzioni mediche come le creme solari, un mercato creato di recente. I ricercatori chimici più brillanti sono infatti già al lavoro per scoprire la molecola che sarà in grado di bloccare il sole e che sarà presto brevettata da Big Pharma. Non appena questo accadrà, già prevedo un forte aumento di interviste ad esperti che metteranno in guardia sul rischio di cancro alla pelle… ( 2- Segue)

 

Fonte: globalresearch.ca
Versione italiana:
Fonte: marcomessina.wordpress.com
Traduzione a cura di MARCO MESSINA

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 03/02/2011 @ 10:00:09, in en - Global Observatory, read 2302 times)

... CONTINUES.


9 – Six Senses Hideaway in Zighy Bay, Oman

Six Senses Hideaway in Zighy Bay


This small infinity pool might not look like much at first, but when you take into account that the pool comes with your own private section of beach, cabana, pool, and more; it gets pretty luxurious.
>>Six Senses Hideaway in Zighy Bay


10 – Perivolas Luxury Hotel in Santorini

Perivolas Luxury Hotel in Santorini


The infinity pool at the Perivolas Luxury Hotel may be one of the most famous hotel pools.  It has one of the best views from any hotel pool and has been featured on a large number of travel magazine covers.
>>Perivolas Luxury Hotel in Santorini


11 – Atlantis Resort in Paradise Island, Bahamas

Atlantis Resort in Paradise Island, Bahamas

The sheer size of the pool at the Atlantis Resort is enough to get it on the list.  But the pool features a number a slides, waterfalls, grottoes, and more.
>>Atlantis Resort in Paradise Island, Bahamas


12 – Hotel Villa Mahal in Turkey

Hotel Villa Mahal

The infinity pool at the Villa Mahal made our list because it is a simple infinity style pool that does what infinity pools were made to do; give you the illusion of a pool that drops into the sky.
>>Hotel Villa Mahal in Turkey


--------------------------------------------------------------------------------

All photos are copyrighted to their respective hotels.
Burj Al Arab By: iskandar
Four Seasons By: Shalo/Paolo
Hotel Villa Mahal By:  Couldzilla

Source: bootsnall.com - Author: Daved Brosch

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 4253 persone collegate

< settembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (143)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo





26/09/2021 @ 17:31:45
script eseguito in 801 ms