Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 25/04/2011 @ 08:00:07, in ro - Observator Global, read 2581 times)

 Numit oficial RMS Titanic, cel mai faimos vapor din toate timpurile a facut parte dintr-un trio de transatlantice detinute de compania White Star Line si construite la santierele navale Harland&Wolff. La vremea lui, Titanicul a fost cel mai mare vas de pasageri din lume, avand o lungime de 270 metri, un tonaj de 46.000 tone si putand atinge o viteza de 21 de noduri (circa 40 km/ora). Vasul si-a inceput voiajul inaugural miercuri, 10 aprilie 1912, din portul englez Southampton, pornind spre New York sub comanda capitanului Edward J. Smith.

Dupa ce a traversat Canalul Manecii, vaporul a acostat la Cherbourg, in Franta, pentru a mai lua la bord pasageri si s-a oprit din nou, a doua zi, la Queenstown, in Irlanda (astazi, orasul Cobh), inainte de a se indrepta cu toata viteza spre America, avand la bord 2223 oameni. Printre ei  se aflau unii dintre cei mai bogati si mai influenti oameni din lume – milionarul John Astor, industriasul Benjamin Guggenheim, Isidor Strauss, Archibald Butt, consilier al presedintelui SUA. In seara de 13 aprilie, dupa ce primise mai multe avertismente privind existenta unor aisberguri, capitanul Smith a ordonat devierea cursului spre sud.

A doua zi, la orele amiezii, vasul cu aburi Amerika a emis un nou avertisment, anuntand ca blocuri mari de gheata se afla in calea Titanicului dar in mod inexplicabil, acest avertisment n-a mai ajuns la capitan, ca si avertizari similare, venite la orele serii din partea navei Mesaba. La ora 23:40 noaptea, vaporul a lovit in plin un aisberg urias si, in doua ore, s-a scufundat. Naufragiul a provocat moartea a peste 1500 de persoane, fiind unul dintre cele mai mari dezastre maritime, numarul mare al victimelor fiind cauzat, spun specialistii, tocmai de convingerea constructorilor ca Titanicul ar fi fost „nescufundabil”.

Presa epocii a tesut numeroase legende privind soarta celebrului vapor, iar catastrofa a dus la modificari radicale ale normelor de securitate maritima. Descoperirea, in 1985, a epavei vaporului, de catre echipa lui Robert Ballard, a reinviat mitul Titanicului iar filmul de Oscar, cu Leonardo di Caprio si Kate Winslett va readuce vaporul in atentia intregii lumi.

GABRIEL TUDOR - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 24/04/2011 @ 14:00:33, in ro - Stiinta si Societate, read 1655 times)

 Singurul fiu al regelui Carol XI al Suediei si al Eleonorei de Danemarca, faimos pentru vitejia si curajul sau, ca si pentru patima cu care si-a dorit sa faca din tara sa una dintre marile puteri ale Europei Occidentale, Carol al XII-lea ramane una dintre cele mai controversate personalitati ale istoriei, supranumit pe drept cuvant „un Napoleon al Nordului”. Ajuns rege la doar 15 ani, el si-a aparat cu pricepere tara, angrenata in sangerosul „razboi nordic”, in care Suedia a avut de infruntat o coalitie puternica, formata din Rusia, Danemarca, Norvegia, Polonia si Saxonia. Dar dorinta lui de glorie il va face in cele din urma, ca si pe Bonaparte, sa se recunoasca invins si sa asiste neputincios la sfarsitul visului de glorie al unui imperiu suedez...

O victorie adusa de viscol

 Prima campanie a tanarului rege a fost cea impotriva varului sau, Frederick IV al Danemarcei; un motiv de razboi s-a gasit usor, atunci cand regele danez l-a atacat pe cumnatul lui Carol, Frederick de Holstein. Cu acordul tacit al Angliei si al Olandei, ambele puteri maritime ingrijorate de pretentiile daneze, Carol a invadat provincia Zeelanda si l-a obligat pe regele Frederick sa semneze tratatul de la Travendal, din 1700, acaparand unele provincii ale acestuia. Dupa infrangerea Danemarcei, regele Carol si-a indreptat atentia spre alti doi vecini puternici, August II al Poloniei si Petru cel Mare, al Rusiei.

Acesta din urma, sesizand caracterul agresiv al noului sau vecin, a atacat primul, invadand Livonia si Estonia, aflate atunci in stapanirea suedeza. Desi nu avea decat zece mii de oameni iar rusii erau de patru ori mai numerosi, Carol i-a atacat la Narva, profitand de un viscol naprasnic, care batea spre liniile inamice. Sarja sa vijelioasa a despicat in doua armata rusa si trupele lui Petru cel Mare au intrat in panica. Multi rusi au fost masacrati, altii s-au inecat in apele raului Nerva.

Numarul total al victimelor, la finalul bataliei, a fost de 17.000 rusi si doar 667 suedezi. Greseala lui Carol a fost insa ca nu a dat atunci lovitura de gratie lui Petru cel Mare, preferand in schimb sa atace Polonia, obtinand o halca zdravana din teritoriul acesteia si instaland pe tronul sau un rege-marioneta, Stanislaw Leszczynski. Greseala de a-i „ierta” pe rusi de la distrugerea totala se va dovedi in cele din urma fatala pentru el...

Regele fara astampar

Atunci cand i-a atacat din nou pe rusi, cu o armata puternica si aliindu-se cu hatmanul ucrainian Ivan Mazepa, Carol va suferi cea mai umilitoare infrangere a sa, ce va constitui si inceputul sfarsitului pentru efemerul lui imperiu. El va savarsi greseala pe care o va repeta ulterior Napoleon, atacandu-i pe rusi la ei acasa si intrand in jocul lor de hartuire. Dupa cateva luni de razboi de gherila, marea armata suedeza fusese macinata de boli si de foame, transporturile cu hrana distruse, iar Carol, ranit, incapabil sa-si conduca oamenii in lupta decisiva de la Poltava.

Trupele sale au fost efectiv zdrobite aici si, cu doar o mie de oameni, regele a reusit sa se refugieze in Imperiul Otoman, la Bender. Initial bine privit de otomani, care au platit toate cheltuielile de sedere pentru rege si oamenii sai, Carol a devenit insa in cele din urma un „ghimpe” in coasta turcilor. Sultanul Ahmed III a hotarat sa asedieze orasul, luandu-l prizonier pe Carol si aducandu-l la Istanbul. Dar regele nu era omul care sa lancezeasca prea mult in palatul sultanului, jucand sah si studiind flota otomana. In 1716, el a reusit sa fuga din captivitate si in doar doua saptamani a strabatut ca un fulger Europa, pana in tara natala, aventura sa fiind comparata cu fuga lui Napoleon de pe insula Elba.

In 1716, regele va invada Norvegia, cucerind capitala, Oslo, dar va fi nevoit sa se retraga din fata fortaretei Akershus. Peste doi ani, o noua tentativa se va sfarsi tragic pentru el. La asediul cetatii Fredriksten, in vreme ce inspecta transeele trupelor sale, Carol a fost ranit mortal de un glonte venit de nicaieri. Circumstantele mortii sale au ramas, pana in zilele noastre, neclare. Cea mai des imbratisata teorie e ca ar fi fost lovit de un proiectil de muscheta venit dinspre liniile norvegiene sau de un srapnel de tun. Dar nu putini sunt cei ce sustin ca moartea regelui ar fi fost de fapt un asasinat, autorul fiind un ofiter din garda personala a lui Carol, care dorea astfel sa puna capat unei domnii nepopulare, care adusese Suediei numai razboaie si nenorociri.

Ucis in lupta sau asasinat?

O echipa de arheologi suedezi spera acum sa primeasca permisiunea de a exhuma osemintele regelui intr-o tentativa de a lamuri, o data pentru totdeauna, enigma disparitiei sale. Ramasitele pamantesti ale lui Carol au avut o istorie la fel de aventuroasa ca si viata regelui, dar din 1917, cand se odihnesc intr-un mormant din Stockholm, linistea controversatului conducator nu a mai fost tulburata.

„Astazi beneficiem de metode de analiza mult mai precise si mai avansate, astfel incat vom putea examina urmele lasate de glontele care i-a strapuns craniul regelui. Chiar daca exista doar urme microscopice, vom putea preciza compozitia lor chimica si le putem compara cu compozitia tipurilor de gloante folosite de norvegieni si de suedezi, la epoca respectiva. Astfel vom sti daca regele a fost ucis de inamici sau asasinat de un membru al garzii sale. Este, daca vreti, o investigatie criminalistica desfasurata la trei secole dupa comiterea crimei, dar important este ca vom face lumina in acest caz complex”, spune Stefan Jonsson, profesor la Institutul Regal de Tehnologie din Stockholm.

GABRIEL TUDOR - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 24/04/2011 @ 11:00:32, in it - Scienze e Societa, read 2973 times)

Il Piemonte (unito storicamente e geograficamente alla Val d'Aosta) è la Regione d'Italia con il maggior numero di castelli; ne esistono tutt'ora oltre cinquecento!

Nel rinnovato interesse verso i castelli piemontesi, alcuni aleggianti di fantasmi e leggende, ne descriveremo sinteticamente i più importanti e conosciuti: per evidenti motivi di spazio molti non saranno citati e rimandiamo quindi l'appassionato alla consultazione delle pubblicazioni esistenti.
I castelli piemontesi, edificati in varie epoche per contrastare gli eserciti nemici e a difesa dei feudi, godettero quasi sempre di autonomia e quando lo stato Sabaudo si consolidò con Emanuele Filiberto (1528 - 1580) cinte e roccaforti vennero mantenute per un certo periodo perché utili alla tutela del nuovo Stato.
 
Abbiamo suddiviso il nostro piccolo ciclo sui Castelli Piemontesi in 4 sezioni riguardanti: il Torinese, il Canavese, il Pinerolese e la Valle di Susa ; il Cuneese e le Langhe ; il Monferrato, l'Alessandrino e l'Astigiano il Biellese, il Novarese e il Vercellese . Quelli dell'area Torinese qui di seguito trattati sono: Mazzé, Pavone, Bardassano (Gassino), Montalto Dora, Masino, Ivrea, Macello, Pralormo, Pinerolo, Osasco e Santena; da ricordare tra i tanti altri: Airasca, Arignano, Azeglio, Buriasco, Candia, Drosso (Torino), Castelvecchio (Testona), Casalborgone, Castellamonte, Cavoretto, Chieri, Cinzano, Favria, Frossasco, Giaveno, La Mandria (Venaria), Lanzo, Vernone (Marentino), Montaldo Torinese, Montestrutto, Ozegna, Pavarolo, Piossasco, Poirino, Reano, Rivalba, Rivalta Torinese, Rivara, Rivarolo, Salassa, San Giorgio Canavese, San Sebastiano Po, Susa, Valperga, Villardora e la fortezza di Verrua Savoia (storicamente molto importante, ma ormai ridotta a un rudere).

Castelli del Torinese
La zona di Torino si ritiene sia stata, già fin dall'antichità, un'area fortificata perché situata alla confluenza di due fiumi (la Dora Riparia con il Po) e importante via per le comunicazioni fra la pianura Padana e le Gallie, l'attuale Francia. Della sua millenaria storia, si ha notizia già dal 218 a.C., il cartaginese Annibale dopo avere attraversato le Alpi conquistò e distrusse l'insediamento dei Taurini.
La sua grande cittadella , cardine della storia fortificata piemontese, fu fatta costruire ad iniziare dal 1564 da Emanuele Filiberto di Savoia: era a pianta pentagonale difesa da 5 bastioni oltre ad altri 16 bastioni e mura che cingevano tutta Torino. Di questa possente struttura rimane solo il Mastio ora adibito a Museo Nazionale dell'Artiglieria.

Alcuni Castelli dell'area Torinese non verranno qui trattati perché descritti in precedenti conferenze con relativi fogli monografici. Essi sono: il Castello Medioevale - Palazzo Madama di Torino, il Castello e la Rocca del Valentino, il Castello - Reggia della Venaria, il Castello di Moncalieri e il Castello di Rivoli, il Castello - Palazzina di Caccia di Stupinigi, il Castello di Aglié, le fortezze alpine piemontesi di Fenestrelle ed Exilles.

Castello di Mazzé
Si trova nel Canavese a 37 km a Nord di Torino; le prime tracce lo indicano sovrapposto ad un edificio fortificato romano. Fu dei signori locali, Conti di Valperga, che lo costruirono per la difesa dei loro possedimenti nell'ambito della contesa con i Marchesi del Monferrato e i Conti di Savoia per il dominio di tutta la zona. Al castello antico di origine medioevale se ne è successivamente aggiunto un altro come residenza signorile, senza destinazione militare-difensiva.
I castelli recentemente restaurati, sono stati restituiti all'antico splendore con tracce di varie epoche e stili: nuovamente leggibili affreschi e volte medioevali, suggestivi momenti artistici del 1600 / 1700, e i rimaneggiamenti in stile romanico voluti nel 1850 dal Conte Eugenio Brunetta d'Usseaux. La visita alle interessanti sale è ricca di suggestioni artistiche e storiche, in essa si sente l'aleggiare di antiche leggende e misteri.

Per informazioni
Tel. 011 9835250

Castello di Pavone
Imponente e pittoresco è situato su un colle dominante l'abitato a circa 55 km a Nord di Torino vicino ad Ivrea.
Fu un'antica roccaforte; muro di cinta, mastio e cappella risalgono al X secolo; torri, muraglie e alcune sale furono costruite fra XI e XV secolo. Nella sua storia subì invasioni saracene e ungare; dal secolo XI fu feudo del vescovado di Ivrea. Nel 1885 il castello fu acquistato dall'Arch. Alfredo d'Andrade, raffinato intellettuale portoghese Sovrintendente ai Monumenti del Piemonte che lo scelse come sua dimora, lo restaurò con vari anni di lavoro e lo riportò alle condizioni originarie ricostruendolo in gran parte. Attualmente è adibito a sale per congressi, ristorante e hotel.

Per informazioni
Tel. 0125 672111

Castello di Bardassano
Gioiello artistico medioevale della collina perfettamente conservato, è posto nei pressi di Gassino a 18 km a Nord-Est di Torino.
È di antichissima costruzione (XI sec.); la tradizione vuole vi abbia svernato l'imperatore Barbarossa dopo la distruzione di Chieri (1156).
Nel corso degli anni subì alcuni restauri; una scala marmorea conduce al cortiletto interno in stile rinascimentale con un antico pozzo; al pianterreno esistono alcuni fastosi saloni con soffitti in legno; l'arredamento, le decorazioni interne e gli eleganti dipinti sono del '600.

Per informazioni
Tel. 011 9605822

Castello di Montalto Dora
È posto a 54 km da Torino, poco a Nord di Ivrea. E' una imponente struttura fortificata situata su un colle che da secoli domina la strada per la Valle d'Aosta; risale al 1300; nel XVII secolo fu teatro di scontri con le truppe francesi e poi fra "principisti" (sostenitori dei principi Maurizio e Tommaso di Savoia) e "madamisti" (partigiani della Madama Reale torinese Cristina di Francia).
Dopo un lungo periodo di degrado verso al fine del 1800 fu restaurato ad opera di Alfredo D'Andrade, innamorato delle antiche glorie del Piemonte. Il castello ebbe poi un ulteriore restauro negli anni 1960-70.

Per informazioni
Municipio: tel. 0125 650014

Castello di Masino
Il castello si trova a 40 chilometri a Nord-Est di Torino e domina il bel panorama canavesano dall'alto di una collina morenica quasi di fronte alla Serra di Ivrea.
Notevole il suo valore storico. Il primo documento che cita il castello è del 1070. Fu della famiglia Valperga di Masino, orgogliosa discendente di Arduino di Ivrea; nella sua cappella (dopo memorabili vicende nel primo medioevo) riposano le spoglie mortali del mitico primo Re d'Italia.
Nel corso della sua storia il castello di Masino subì tre distruzioni, cui seguirono graduali ricostruzioni e trasformazioni da rocca medioevale a elegante dimora settecentesca.
Visitando le sale del castello si è partecipi di quasi mille anni di storia e si ha "una traccia per riconoscere nei suoi muri possenti, nei suoi affreschi, nei suoi mobili e nelle stoffe preziose, il gusto di chi lo ha abitato, arredato ed amato; una traccia, ancora, per leggere negli occhi di decine di ritratti di cavalieri e di dame le espressioni di fierezza e di dignità di numerosi membri del casato Valperga di Masino, che, contro i Savoia prima, e con i Savoia in seguito, costruirono una buona parte della storia del Piemonte. Il castello di Masino è stato negli anni recenti acquistato e restaurato dal F.A.I. (Fondo per l'Ambiente Italiano), costituito con la generosità di molti appassionati alla loro terra. E' ora museo dell'Arredamento Piemontese dal 1600 alla fine del 1800, vanta inoltre una ricca biblioteca posta nella grande torre centrale.

Per informazioni
Tel. 0125 778100

Castello di Ivrea
E' posto a 55 km a Nord di Torino nel centro storico di Ivrea. L'insediamento difensivo ha origini antichissime, forse addirittura dall'epoca dei Salassi (100 a.C.). - Nel corso del medioevo tutta la zona di Ivrea e del territorio circostante furono sottoposti a varie dominazioni, fra le quali quelle di Federico Barbarossa e quella dei Marchesi del Monferrato. L'iniziativa della costruzione o meglio di una sua ricostruzione nella posizione attuale risulta attribuibile al Conte Verde Amedeo VI di Savoia (XIV sec.). Questa possente costruzione a base trapezia, ha quattro torri rotonde e porta tuttora il nome di Castello delle Quattro Torri; la maggiore ospitava una polveriera che nel 1676 colpita da un fulmine esplose causando gravissimi danni (con 51 morti e 187 case gravemente danneggiate) rimanendo tronca anche ai giorni nostri.
Il castello fu adibito a carcere fino al 1970. E' stato immortalato nell'ode "Piemonte" da Giosuè Carducci ("... con le sue rosse torri si specchia nella cerulea Dora ..."). La storia di Ivrea e del suo castello sono da tempo immemorabile connesse a quella del suo famoso Carnevale.

Per informazioni
Associazione Castello di Ivrea): tel. 0125 44415

Castello di Macello
E' posto a circa 36 km da Torino in direzione Sud-Ovest sulla strada per Pinerolo. Il suo nome deriverebbe da quello italianizzato, un po' arbitrariamente, di una delle ultime famiglie feudatarie proprietarie, Masell di Caresano. Attualmente è di proprietà dei Conti Rogeri di Villanova.
Le origini della costruzione risalgono alla fine del XIV secolo: sulla storia di questo castello non esistono notizie di particolari fatti d'armi, se si esclude il saccheggio del 1798 durante gli sconvolgimenti dell'epoca napoleonica.

Per informazioni
Municipio: tel. 0121 340301

Palazzo Castello di Pinerolo
Quanto rimane di questo castello medioevale, ora palazzo, si trova in posizione dominante sull'abitato di Pinerolo; posto a 35 km a Sud-Ovest di Torino, il primo nucleo del castello fu eretto sulla collina già nel X secolo. Nel 1244 divenne residenza del Conte Tommaso II di Savoia da cui fu cinto con mura munite di sei torri e trasformato in una importante cittadella difensiva, fu poi dei Principi Savoia d'Acaia e nel 1536 fu ulteriormente ampliato dal Re di Francia Francesco I, riconquistato dai Savoia venne poi espugnato dalle armate francesi del Cardinale Richelieu; nel 1696 il complesso fortificato fu quasi completamente demolito per ordine dello stesso Cardinale.
Il castello fu destinato nel XVII secolo per molto tempo a prigione di Stato dei Re di Francia; ad esso è legato il ricordo della prigionia della leggendaria "Maschera di Ferro" nella quale si vollero identificare vari personaggi, fra i quali: Il Conte di Vermantois figlio di Luigi XIV Re di Francia e il Conte Ercole Mattioli segretario del Duca di Mantova. Una lapide posta su una casa nei pressi di un piccolo monumento alla "Maschera di Ferro", eretto nella zona della distrutta cittadella in viale Gabotto (vicino al piazzale della Chiesa di San Maurizio), ricorda la storia di quei lontani eventi. Nelle parti restanti del castello è notevole il porticato interno originario del XII secolo ed il grande salone.

Per informazioni
Municipio: tel. 0121 322802

Castello di Pralormo
Si trova 33 km a Sud di Torino sulla strada per Alba; la sua origine risale al XII secolo. Si presenta con torri rotonde, conserva una vaga struttura militare di epoca trecentesca; si tratta ovviamente di una semplice apparenza perché ora la costruzione ha chiaramente carattere residenziale. Appartiene dal 1830 ai Conti Beraudo di Pralormo.

Per informazioni
Municipio: tel. 011 9481103
Segreteria Castello di Pralormo: tel .011 884870 - 011 8140981 - 011 887040
Email: pralormo.design@libero.it

Castello di Osasco
Il castello è posto a 41 km a Sud-Ovest di Torino e si erge con le sue 4 torri angolari tonde risalenti al sec. XIII. Alla fine del 1600 fu sopraelevato di un piano e contemporaneamente furono abbassate le torri. E' di proprietà dei Conti Cacherano di Osasco, famiglia che annovera insigni personaggi della storia piemontese. Parecchi furono gli assedi che il castello ebbe a subire; curioso è sapere quanto avvenne in quello dei francesi del 1704: la guarnigione del castello (assente il Conte Cacherano) trovate le cantine ripiene di buoni vini, si ubriacò a tal punto da non essere più in grado di provvedere alla difesa, fu la governante dei figli del Conte a dover trattare coi francesi una resa "onorevole" dei soldati ubriachi.

Per informazioni
Tel. 0121.54.11.92

Villa - Castello di Santena
Il castello si trova nell'abitato a circa 20 km a Sud di Torino, costruito nel 1709 è detto anche "castellazzo"; sorge in un parco che divenne poi proprietà dei Benso di Cavour e Santena; fu la casa preferita del grande statista piemontese; all'interno di essa è sistemato un interessante museo gestito dalla fondazione Camillo Benso Conte di Cavour.

Per informazioni
Tel. 011.94.92.578

Fonte: Sito Comune di Torino

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 24/04/2011 @ 08:00:22, in en - Science and Society, read 2178 times)

Having a computer that can read our emotions could lead to all sorts of new applications, including computer games where the player has to control their emotions while playing. Thomas Christy, a Computer Science PhD student at Bangor University is hoping to bring this reality a little nearer by developing a system that will enable computers to read and interpret our emotions and moods in real time.

Tom’s work focuses on ‘hands-on’ pattern recognition and machine learning. His supervisor Professor Lucy Kuncheva at the University’s School of Computer Science is a world expert in pattern recognition and classification, specifically in classifier ensembles. A classifier ensemble is a group of programmes that independently analyse data and decide to which label or group the data belongs. The final decision is reached by a ‘majority’ or consensus, and is often more accurate than individual classifier decisions.

The plan is to combine brain wave information collected from a single electrode that sits on the forehead as part of a ‘headset’, a skin conductance response (which will detect tiny changes in perspiration as first indicators of stress) and a pulse signal, reflecting the wearer’s heart rate. This information will form the data fed into a classifier ensemble set to determine which emotion a person is experiencing.

“I am particularly interested in developing a real-time ‘mood sensing’ device. It will combine already existing biometric detection devices into a lightweight portable system that will be able to perceive and indicate a person’s mood and level of stress and anxiety,” said Tom.

Tom is aiming to pioneer classification software techniques that will allow players’ emotions to be identified within the gaming environment. This will open up new and exciting markets for the gaming industry. New games can be created; where players must control their feelings in order to advance within their virtual environment.

“This area of emotional study is fast becoming an important part of research within Computer Science and is known as Affective Computing,” explained Prof. Lucy Kuncheva.

There are many other possible applications for this type of technology, for example marketing to determine customer preferences and brand effectiveness, monitoring anxiety levels of prospective soldiers during military training, providing instant neuro-feedback to combat addictive behaviours; the list is seemingly endless.

Tom is working in close collaboration with the Bangor University’s Schools of Electronic Engineering and Psychology and has had talks with Massachusetts Institute of Technology (MIT) in Boston, USA in pursuit of his research. He is looking for industrial collaborators and innovators who would be interested in this area.

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Once upon a time..... products were made to last. Then, at the beginning of the 1920s, a group of businessmen were struck by the following insight: 'A product that refuses to wear out is a tragedy of business' (1928). Thus Planned Obsolescence was born. Shortly after, the first worldwide cartel was set up expressly to reduce the life span of the incandescent light bulb, a symbol for innovation and bright new ideas, and the first official victim of Planned Obsolescence. During the 1950s, with the birth of the consumer society, the concept took on a whole new meaning, as explained by flamboyant designer Brooks Stevens: 'Planned Obsolescence, the desire to own something a little newer, a little better, a little sooner than is necessary...'. The growth society flourished, everybody had everything, the waste was piling up (preferably far away in illegal dumps in the Third World) - until consumers started rebelling... Can the modern growth society survive without Planned Obsolescence? Did the eternal light bulb ever exist? How can a tiny chip 'kill' a product? How did two artists from New York manage to extend the lives of millions of iPods? Is Planned Obsolescence itself becoming obsolete? Written by Cosima Dannoritzer



The Light Bulb Conspiracy (2010) This is the story of companies who engineered their products to fail. VIDEO DOCUMENTARY

Director: Cosima Dannoritzer
Writer: Cosima Dannoritzer
Stars: Mike Anane, Michael Braungart and Steve Bunn

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Under the terms of an interior ministry decree, riot police will no longer be allowed to wash down their lunch with a glass or two of beer or wine.

Officials were angered in 2010 when photos emerged of riot police drinking beer while policing a demonstration.

Riot police are sent into warring football crowds, street demonstrations and troubled estates.

One police union has called for alcohol to be allowed if meals are taken out of the view of the public.

Articulating the sense of outrage among the rank and file, Didier Mangione, who heads one French police union, wrote to the interior ministry defending the rights of riot police to drink on duty.

Like most other workers in France, officers serving in the Compagnies Republicaines de Securite (CRS) should be entitled to "a small quarter litre of red to accompany meals on the ground", Mr Mangione wrote.

"CRS officers do not have any more or less alcohol problems than anybody else in society. They should be allowed to drink in moderation," he said.

National tradition


According to French law alcohol is banned while employees are at work - with the exception of "wine, beer, apple cider and pear cider".

That has traditionally been taken to mean that a moderate amount of beer or wine is an entirely acceptable way to punctuate a French working day.

Reports suggest the relaxed attitude to alcohol even meant that cans of beer were included in packed lunches issued to riot police while out on the streets.

But images of riot police swigging beer on the sidelines of a student demonstration in late 2010 provoked a strong reaction - and prompted an even stronger reaction from police unions.

In his complaint, Mr Mangione suggested officers should be allowed to continue as before, providing the meal is not eaten in public view.

Paul Le Guennec, of Unite Police SGP-FO, a riot police union, suggested police bosses should look at their own behaviour.

"Does the fact that having a glass of wine while eating prevent any kind of worker from carrying out their job? I don't think the chief of police drinks water when he's having a meal," he told the JDD newspaper.

Source: bbc.co.uk

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 23/04/2011 @ 14:00:34, in ro - Observator Global, read 1637 times)

 In urma cu un an, mai multe clanuri ale tribului indian tlingit, din sud-estul statului Alaska, s-au reunit in cadrul unei ceremonii inedite in care au sarbatorit recuperarea unei statui, dupa un secol de absenta. O statuie sculptata in lemn reprezentand un castor, esentiala pentru istoria si cultura tlingitilor. Aceasta orna altadata prora unei canoe de razboi care aproviziona cu alimente clanurile dupa bombardarea satelor indiene de catre marina americana, in 1881. Mai tarziu, un membru al tribului a vandut obiectul, din proprie initiativa, unui colectionar. Odata cu dispersarea obiectelor, s-a creat un vid in comunitate.

Indienii si-au pierdut treptat onoarea si valorile, s-au confruntat cu probleme sociale: suicid, alcoolism.Flash back In 1998, un batran al tribului viziteaza depozitele Muzeului american de istorie naturala din New-York. Deodata, aude o voce interioara care il dirijeaza spre o etajera pe care, spre marea sa uimire, descopera castorul din lemn. Folosindu-se de o lege „revolutionara” adoptata in 1990, populatia tlingit a cerut restituirea castorului si muzeul a avizat favorabil solicitarea. In ziua in care sculptura a revenit in trib, s-a adunat tot satul. Oamenii plangeau. Pentru ei, aceasta sculptura nu era un obiect de arta, ci unul cu o dimensiune spirituala deosebita si cu putere de vindecare.

O lege controversata

Legea pentru protectia mormintelor indiene si restituirea obiectelor a fost semnata de George Bush in 1990, dupa lungi ani de negocieri intre oameni de stiinta, politicieni si comunitati indiene. Legea impune tuturor muzeelor si organismelor federale care poseda obiecte indiene si schelete umane sa procedeze la inventarierea lor, sa identifice triburile de origine si sa semnaleze prezenta triburilor descendente. Muzeele americane detineau in 1990 500.000 de schelete umane si milioane de obiecte.

In urma acestei legi au fost restituite 20.000 de loturi de ramasite umane si 385.000 de obiecte. Cifre care nu reflectau realitatea. O perla neinsemnata sau un ciob de ceramica erau bifate. Drepturile comunitatii indiene de a-si pastra specificul cultural sunt pe deplin legitime, dar si cercetarea stiintifica isi are legitimitatea ei, in viziunea americanilor.

Obiectele funerare, de pilda, al caror loc e sub pamant, langa corpurile defunctilor, sunt expuse si in muzee, constituind marturii extraordinare ale disparitiei unei culturi, dar in acelasi timp sunt si modele menite sa resusciteze sau sa dezvolte stiluri artistice traditionale. O mare parte dintre indieni a ajuns la concluzia ca unele obiecte isi au locul in muzee pentru a putea fi vizionate de un public cat mai numeros. Cu conditia sa se respecte anumite obiceiuri: sa fie orientate intr-o anumita directie, sa fie „pudrate” periodic cu tutun sau cu polen de grau etc.

Field Museum din Chicago, care detine cea mai importanta colectie de obiecte indiene, a restituit 12 piese importante in ultimii ani (vase totemice cu reprezentari sculpturale animale, in special) culese dintr-un sat abandonat in 1899 al tribului Cape Fox din Alaska. „Scopul acestei legi nu e acela de a goli muzeele de obiecte indiene, ci de a permite restituirea unui anumit numar de obiecte fundamentale care n-ar fi trebuit sa dispara din locul lor de origine”, comenteaza directorul de la Field Museum.

Restituirea lor nu e intotdeauna usoara. Numeroase triburi nu au posibilitati financiare pentru derularea procedurilor de restituire. Pe de alta parte, unele au fost tratate chimic, uneori cu arsenic, ceea ce le face improprii pentru ceremonii. Sefii de trib afirma ca toate aceste obiectele apartin indienilor. Legea din 1990 se opune acestei opinii numite „pan-indiene”, stipuland ca, pentru a reclama obiecte sau ramasite pamantesti, un trib trebuie sa dovedeasca faptul ca e descendent direct al tribului proprietar. Pe de alta parte legea favorizeaza anumite triburi si le defavorizeaza pe altele, cum ar fi cele din est, de pilda, care au fost decimate de valurile succesive de colonisti europeni.

O alta problema o constituie incercarea de a recupera schelete vechi de mii de ani, aflate in atentia cercetatorilor care incearca sa descopere elemente esentiale pentru istoria migratiilor pe continentul american.

DORIN MARAN - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 23/04/2011 @ 11:00:48, in it - Scienze e Societa, read 2329 times)

Parlare di "residenze Sabaude in Piemonte" è argomento vastissimo; basti considerare, che ne sono state classificate, pur nella loro diversa importanza ben 62! Molte sono le trattazioni e di notevole pregio che illustrano tali dimore. Noi, in questa sede, considerato anche la limitatezza dello spazio, tralasceremo quelle in Torino (Palazzo Reale, Palazzo Madama, Palazzo Carignano, Castello del Valentino, ecc.) e daremo un breve e modesto cenno alle più importanti che fanno corona al capoluogo torinese, sperando di suscitare interesse per una loro visita o rivisita e contribuire un poco a ridare ai nostri concittadini l'orgoglio della propria storia e la conoscenza delle grandi tradizioni della capitale subalpina.

Reggia di Venaria Reale

Il monumentale complesso alle porte di Torino, già definito la piccola Versailles dei duchi di Savoia, fu edificato a partire dal 1658 per volontà del duca Carlo Emanuele II. Fu un simbolo dello sfarzo dei Savoia; reca le importanti firme del barocco piemontese degli architetti Amedeo di Castellamonte, Michelangelo Garove e Filippo Juvarra. I capolavori più notevoli sono la galleria di Diana e la chiesa di Sant'Uberto nonché il padiglione Garovaniano e il torrione progettato da Benedetto Alfieri. Il tutto, anticamente, era compreso in un perimetro di circa 30 km con giardini, viali, boschetti, statue, confinante con la grande tenuta reale della Mandria (ora in parte visitabile).
Ebbe sovente vita travagliata. Nel 1693 le truppe francesi del Maresciallo Catinat la distrussero in buona parte. Fu ricostruita ed ebbe frequentazioni festose fino a quando i Savoia non preferirono la nuova "delizia" di Stupinigi.
Attualmente è visitabile la parte restaurata e sono in programma attività espositive e concertistiche.

Castello di Moncalieri

Questo imponente avamposto in posizione panoramica a Sud di Torino, costruito prima del 1200, fu roccaforte del comune di Moncalieri, poi degli Acaia e infine dei Savoia. Jolanda di Valois, consorte di Amedeo IX, fu l'ispiratrice di un primo ampliamento con le torri angolari.
Passò a splendida vita fra Seicento e Settecento per opera di Carlo e Amedeo di Castellamonte, dello Juvarra e di Benedetto Alfieri.
Alla fine del Settecento, sotto il regno di Vittorio Amedeo III con l'architetto Francesco Martinez assunse le caratteristiche attuali; alla sua regale sontuosità contribuirono i pittori Michele A. Rapous e Angelo A. Cignaroli (figlio di Vittorio) nonché mobilieri insigni come Giuseppe Bonzanigo e Pietro Piffetti. Ebbe anche travagliate vicende storiche.
Vittorio Emanuele II lo fece restaurare nella seconda metà dell'ottocento.
E' dimora fervida di memorie: qui nel 1475 fu firmato il "trattato di Moncalieri" fra Carlo di Borgogna e Galeazzo Sforza; il "Padre della Patria" firmò, dopo l'abdicazione di Carlo Alberto avvenuta nel 1849, il proclama ispirato da Massimo d'Azeglio.
Meritevoli di visita sono gli appartamenti reali, con i ricordi di Vittorio Emanuele II, di Maria Clotilde e di Maria Letizia di Savoia.
Attualmente è anche sede del I° Battaglione dell'Arma dei Carabinieri.

Castello di Rivoli

E' situato su un colle morenico e ha origini antichissime, risalenti al medioevo; nel '400 è fortezza con un Savoia, il Conte Verde.
Emanuele Filiberto vi soggiorna nel 1562, poi il figlio Carlo Emanuele la trasforma in "delizia" con un progetto di Carlo di Castellamonte; semidistrutto nel 1693 dalle armate Francesi, Vittorio Amedeo II affida la ricostruzione all'architetto Michelangelo Garove che muore prima di completarla.
Tocca a Filippo Juvarra continuare l'opera con l'incarico di creare un simbolo della magnificenza reale dei Savoia poi interrotta per difficoltà economiche. Parecchie sale conservano ancora gli affreschi di Isidoro Bianchi, l'appartamento del Re ha decorazioni di Filippo Juvarra e quello del Principe di Piemonte gli affreschi di Giovan Battista Van Loo e gli stucchi del Luganese Piero Somasso.
Attualmente è adibito a Museo d'Arte contemporanea ed esposizioni temporanee.

Castello di Racconigi

Nel '600 era una fortezza circondata da un fossato con quattro torrioni e un mastio. Fu abitato dai marchesi di Saluzzo, dai principi d'Acaia e poi dai conti di Racconigi. Nel 1675 Guarino Guarini lo trasformò in residenza su incarico di Emanuele Filiberto di Savoia Carignano. Carlo Alberto nel 1845 fa ampliare la facciata con due bassi padiglioni a torre dall'architetto Ernesto Melano.
Notevoli sono i suoi interni, particolarmente il salone di Diana disegnato da Giovanni Battista Bona e adornati con stucchi di Giuseppe Boliva.
E' visitabile previo appuntamento telefonico al n.0172/84005. Nella parte retrostante ha un grande parco.

Castello di Agliè

Fu roccaforte medievale; nel '600 Filippo di San Martino, all'apice della sua fortuna mondana e politica (era intimo di Madama Reale e suo consigliere), volle fare di Agliè un gioiello capace di competere con le residenze patrizie che costellavano la piana di Torino. L'artefice fu Amedeo di Castellamonte. Poi iniziò la decadenza; fu anche spogliato e devastato dai francesi nel 1706. Carlo Emanuele III lo acquistò nel 1764 per donarlo al figlio Benedetto Maurizio che lo fece ampliare su progetto di Ignazio Birago da Borgaro. Il magnifico parco che lo circonda è ricordato spesso dal poeta Guido Gozzano.
Successivamente il castello passò in eredità a Carlo Felice, ma fu la regina Maria Cristina a lasciare la sua impronta con la raccolta archeologica della Sala Tuscolana, gli arredi e i dipinti di ispirazione storica.
Nel 1939, con l'acquisto da parte dello stato, il castello di Agliè ha conosciuto un altro lungo periodo di abbandono e degrado dal quale si sta riprendendo in questi ultimi anni. Il castello è visitabile unitamente al magnifico parco. (telefono n. 0124/330102).

Castello o Palazzina di caccia di Stupinigi

Venne edificato su incarico di Vittorio Amedeo II nel 1729 da Filippo Juvarra. E' la dimora Sabauda più gradevole e meglio conservata. Lo Juvarra escogitò l'inconsueta pianta stellare con un salone ellittico al centro e quattro bracci a croce di Sant'Andrea; i successivi ampliamenti con prolungamento del parco e dei bracci in direzione di Torino furono opera degli architetti Prinotto Birago di Borgaro e Antonio Bo (1767-1777).
Molti noti artisti lavorarono a Stupinigi fra i quali i pittori veneti Giuseppe e Domenico Valeriani (1732) per il trionfo di Diana nel Salone centrale (che ha pure un magnifico lampadario di Murano del peso 1400 kg.); Carlo Andrea Van Loo affrescò la camera della Regina e Giovanni Battista Crosato affrescò l'anticappella, Cignaroli e altri dipinsero (1770-1777) le scene di caccia e di svago nella sala degli scudieri.
Il cervo di bronzo che adorna il culmine della palazzina è opera dello Scultore torinese Francesco Ladatte. La palazzina ospita il Museo dell'Arredamento e dell'Ammobiliamento artistico con opere di grandi maestri ebanisti piemontesi come Prinotto e Piffetti.

Villa della Regina

Fu realizzata a partire dal 1620 dall'architetto Carlo di Castellamonte su commissione del Cardinale Maurizio di Savoia. Questa dimora addossata alle prime propagini della collina torinese è disposta su cinque livelli con una serie di terrazze belvedere aperte sul panorama della città e delle Alpi; aveva uno stupendo giardino.
Il cardinale Maurizio, coltissimo e mecenate fondò a Torino fra le delizie della Villa, l'Accademia dei Solinghi, i cui esercizi da buoni torinesi, non consistevano "nel recitar sonetti e madrigali" bensì "in ricerche filosofiche, in dottissime disquisizioni e in ricerche matematiche".
Nel tempo, alla Villa vi lavorarono Amedeo di Castellamonte, Filippo Juvarra e Giovanni Baroni di Savigliano.
La Villa fu dimora prediletta del Cardinal Maurizio, poi delle sovrane Anna d'Orlèans, consorte di Vittorio Amedeo II, e di Maria Antonia Borbone sposa di Vittorio Amedeo III: di qui il nome della dimora è rimasto.
Gravemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale è stata acquistata dalla Provincia di Torino per ospitare, in futuro, mostre e attività culturali. E' stata di recente restaurata e aperta al pubblico..

Fonte: Sito Comune di Torino

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 23/04/2011 @ 08:00:50, in en - Science and Society, read 1910 times)

A new scientific discovery could have profound implications for nanoelectronic components. Researchers from the Nano-Science Center at the Niels Bohr Institute, University of Copenhagen, in collaboration with Japanese researchers, have shown how electrons on thin tubes of graphite exhibit a unique interaction between their motion and their attached magnetic field – the so-called spin. The discovery paves the way for unprecedented control over the spin of electrons and may have a big impact on applications for spin-based nanoelectronics. The results have been published in the prestigious journal Nature Physics.

Carbon is a wonderfully versatile element. It is a basic building block in living organisms, one of the most beautiful and hardest materials in the form of diamonds and is found in pencils as graphite. Carbon also has great potential as the foundation for computers of the future as components can be produced from flat, atom thin graphite layers, observed for the first time in the laboratory in 2004 – a discovery which elicited last year's Nobel Prize in Physics.

In addition to a charge all electrons have an attached magnetic field – a so-called spin. One can imagine that all electrons carry around a little bar magnet. The electron's spin has great potential as the basis for future computer chips, but this development has been hindered by the fact that the spin has proved difficult to control and measure.

In flat graphite layers the movement of the electrons do not affect the spin and the small bar magnets point in random directions. As a result, graphite was not an obvious candidate for spin based electronics at first.

New spin in curved carbon

"However, our results show that if the graphite layer is curved into a tube with a diameter of just a few nanometers, the spin of the individual electrons are suddenly strongly influenced by the motion of the electrons. When the electrons on the nanotube are further forced to move in simple circles around the tube the result is that all the spins turn in along the direction of the tube", explain the researchers Thomas Sand Jespersen and Kasper Grove-Rasmussen at the Nano-Science Center at the Niels Bohr Institute.

It has previously been assumed that this phenomenon could only happen in special cases of a single electron on a perfect carbon nanotube, floating freely in a vacuum – a situation that is very difficult to realize in reality. Now the researchers' results show that the alignment takes place in general cases with arbitrary numbers of electrons on carbon tubes with defects and impurities, which will always be present in realistic components.

The interaction between motion and spin was measured by sending a current through a nanotube, where the number of electrons can be individually controlled. The two Danish researchers explain that they have further demonstrated how you can control the strength of the effect or even turn it off entirely by choosing the right number of electrons. This opens up a whole range of new possibilities for the control of and application of the spin.

Unique Properties

In other materials, like gold for example, the motion of the electrons also have a strong influence on the direction of the spin, but as the motion is irregular, one cannot achieve control over the spin of the electrons. Carbon distinguishes itself once again from other materials by possessing entirely unique properties – properties that may be important for future nanoelectronics.

Source: eurekalert.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Hello everyone,

I hope everyone is getting the right feed of information on recent movement developments. I hope to be able to give further clarification on what will happen from now on.

TVP's desire to disassociate from TZM: 

Last night during a very long meeting on Teamspeak Roxanne has stated that TVP wants to move on, on its own as they felt we werent going in the right direction. Numerous questions on the actual meaning of that statement were ignored. In fact the answer was never provided and that is probably because it was untrue.

It became apparant that:

1. They were not happy that we did not openly endorsed and pursued donations for their movie project
2. They felt they werent given ground to " control " The Zeitgeist Movement and its operations
3. They thought that Peter wanted to be the director of The Venus Project ( or something to this extent it was really all vague talk )
4. According to TVP, Jacque should be the only credible/reliable source to explain a resource based economy
5. We can no longer use official TVP materials such as logo's, images and designs however due to the term RBE not being trademarked/copyrighted there is no limitation on that for us. This became apparant due to Roxanne's explicit statement about this.
6. TVP now wishes to coordinate the activism teams themselves and in the meeting openly called for people to perform activism under their umbrella. 
7. There was no ground for a reasonable discussion, TVP had made up their mind and it was not going to be changed

There were many other silly statements that were quite hurtfull to a lot of members.

The Zeitgeist Movement and consequential steps: 

As much as we regret this development in which we feel we had no part and feel we could not have prevented. This does not affect movement operations in the long run.

This has no direct effect on our basic operation as a movement. To myself and a lot of coordinators it has allways been about promoting this direction, targeting the value system and informing our fellow human beings about the need and possibilities for a transition out of a self destructing and wastefull sytem.

We will continue to advocate the train of thought behind a Resource Based Economy and will likely expand and incorporate more ideas and scientifically viable solutions into our " package ".

Not particularly instigated by this situation but now certainly under attention is the development of a more structured movement. This means a higher level of organisation. More direct and tangible activism. 2011 is the year we are going to lose our Diapers as a movement. 

This means that we will need a larger team for the global day to day management of the movement. Active news updates on the front page. Feeds/Streams of Chapter news. Frequent Press releases. More street activism and appearances in public. More lecturers and Spokespersons. Increased media stalking:P and appearances etc.

And we have set the stage and framework in order to achieve this. As Global Chapters Coordinator in service of the movement i have had the privilege of having the most complete overview of the growth of this movement and its perils and i can attest to the fact that we are now gaining momentum and increased potential to become the most influential / widespread and active social movement this planet has seen till date. And seen the state of this planet and society, this is very much needed. So lets go for it!

Chapter Instructions: 

Refrain from bombarding TVP with what,how and why questions: 

While it is understandable that many of you have questions about this event, we do not want to flood TVP with questions. If you do have questions, perhaps you can send them by email in consideration of their privacy. 

Venus Project Images and essays: 

Please remove all images and writings on official chapter sites that are produced by The Venus Project as Roxanne has requested this not to be used by TZM anymore.

Chapter coordination: 

As much as TZM will continue and expand its activities, so will its Chapters and with the move by TVP to take " control " of its own activism (as far as that exists).... ,a clear distinction will need to be made in our Chapter structure. While more complex parts of this event will have to be discussed at soon planned Coordinator and International meetings, i have no reason to suspect any international chapter coordinator to wish to transition to a venus project chapter coordinator, but if that is the case you may send your resignation as a Coordinator to gilbert[at]thezeitgeistmovement.com so that we may keep an accurate account of active TZM Chapter coordinators and seek replacement.

In conclusion: 

Until this subject has been properly discussed at a meeting, i feel we should refrain from other heavy comments or speculation.

In General i would like to express my thanks for the TREMENDOUS work everyone has done so far, and that i enjoy working with all of you and am immensely proud we have already come this far.

Let it be known that there is allways a willingness to conversate with The Venus Project from our side and that it would be great if they turned around and started acting sensible again. Putting the direction in front of the label, not behind. In any case, i thank Jacque and Roxanne for 2 years of great cooperation and wish them good luck with their efforts. 

Gilbert Ismail
Global Chapters Coordinator
The Zeitgeist Movement

ps:

" The true meaning of life is to plant trees, under whose shade you do not expect to sit." 
Nelson Henderson

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 5066 persone collegate

< settembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (143)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo





26/09/2021 @ 20:17:30
script eseguito in 969 ms