Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 15/08/2010 @ 15:00:38, in it - Video Alerta, read 1644 times)

Jennifer è una bellissima cheerleader, Needy la sua migliore amica dalla popolarità piuttosto scarsa. Le due si recano a un concerto in un locale in città, durante il quale scoppia un incendio. Jennifer viene portata via dalla band e durante la notte si presenta a casa di Needy coperta di sangue. La ragazza si rende immediatamente conto del fatto che qualcosa è andato storto e che Jennifer non è più la stessa persona. Ma la sua nuova consapevolezza la pone di fronte ad un grosso dilemma.

C'è un solo modo per andare fino in fondo a questo film: puntare alla parte meglio girata e più interessante dell'intero plot, i titoli di coda.

Intanto segnalano la fine della storia, e con essa del tormento dei neuroni dello spettatore, e inoltre l'effetto catartico che sprigionano è di quelli che motiva abbondantemente il tempo speso a guardare un teen movie abbastanza datato e poco avvincente.
Megan Fox è un'improbabile cheerleader, molto bellla, corteggiata e inspiegabilmente vergine.
Particolare questo di importanza capitale per l'altrettanto improbabile seguito della storia.

La sua amica del cuore Needy ha invece un ragazzo che si secca un pochino del fatto che l'attraente Jennifer le chieda di accompagnarla a rimorchiare il cantante di un gruppo rock locale. La serata ovviamente sarà un disastro, e il coniglietto impaurito che in realtà abita il corpo di Jennifer lascia misteriosamente il posto a una pericolosa e famelica belva.

Il resto è puro slasher anni settanta. Con tanto di corpulenti giocatori fagocitati letteralmente dalla libidine e dalla sensualissima bocca di Jennifer. Il suo corpo, oggetto di fantasie più che naturali, diviene ricettacolo dell'altrettanto naturale paura del femminile che viene abbondantemente mascherato da comportamenti predatori. Il tutto si capovolge, come nella fantasie più sfrenate di ogni teenager che si rispetti, e trattandosi di un film americano, invece del solito travaglio interiore tipico dell'adolescenza che abbonda nella vecchia Europa, avremo una catartica orgia, se non di sesso, almeno di sangue.

Inutile invocare la simbolica dei riti di passaggio adolescenziali, e la trita storia del ballo di fine anno distrutto dalla parte oscura del cuore giovanile americano. Un cuore che, da troppo tempo ormai, coltiva omicidi e macellamenti in apparente ribellione ad una società che queste cose usa esportarle.

La povera Jennifer sembra dapprima una decerebrata vittima dell'ingordigia maschile e della volontà universale di fama e potere, e poi un prodotto assai pericoloso della commistione tra i due. Il tenebroso Nik è il sinistro catalizzatore prima degli ormoni della piccola Jennifer, e poi del lato oscuro che finisce per prevalere sul normale andamento di queste cose.

Il sesso, ormai si sa, da anni è usato come parafrasi dell'individuazione e della crescita, che sempre segna una separazione dalla famiglia di origine, solitamente costituita da persone che soffrono un po' a veder crescere i pargoli, e li assillano con divieti e paure, al solo scopo di tenerli ancora un po' al sicuro tra le pareti di casa.

Ma qua siamo in presenza di uno strappo, segno e simbolo della mancata volontà di crescita e individuazione, che finisce per affogare il tutto nell'elemento fusionale per eccellenza: il sangue.

Il racconto si svolge piuttosto prevedibilmente tra omicidi, sparizioni e inseguimenti, e solo il summenzionato finale, catartico e ben fotografato, salva dall'assoluto e meritato oblio una pellicola tra le tante, il cui solo eventuale merito può essere quello di aver mostrato una bella ragazza che fa a pezzi tutti quelli che mirano soltanto al suo corpo. ( Fonte: cinemalia.it)

Autore della recensione: Anna Maria Pelella

WIE VAN DE DRIE

 Kelly Brook 
Sarah | Kelly Brook | Hanah
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 15/08/2010 @ 11:12:51, in it - Scienze e Societa, read 1631 times)

Cari precari,

non la tiro troppo per le lunghe. Una delle ragioni della nascita del feudalesimo è stato un vuoto di comando che ha trasformato il potere concesso dallo Stato ai funzionari (conti, duchi e marchesi) in qualcosa di privato, scardinando velocemente le strutture pubbliche e lasciando il territorio in mano a una masnada di figli di mignotta che si sono dati un nuovo ordine fondato, soprattutto, sull’ereditarietà dei beni e delle cariche. Oggi la situazione non è proprio così. Forse è peggiore.

Diciamo che noi italiani brava gente, lasciamo, giorno dopo giorno, che un pezzetto di potere pubblico, di territorio, di diritto se ne vada a finire nelle mani di potenti di turno. Ricchi arroganti che, tra una riunione e l’altra, amano infilarsi in qualsiasi buco tranne quello della moglie, in festini a base di sesso e chissà cos’altro. Uomini e donne (anche se in minor parte) assettati di potere e denaro.

Si dice che sia in atto uno scontro, una guerra tra magistratura e altri soggetti. Č vero, non potrebbe essere altrimenti. Lo dimostra il fatto che, con tutti i benefici del dubbio, ci mancherebbe, ogni giorno ti ritrovi qualcuno sbattuto in prima pagina: qualcuno che prova a fare del bene pubblico un patrimonio privato, dell’economia un disastro. Ieri il povero babbo della Marcegaglia, finito in una storia di rifiuti. Poco tempo fa Del Bono, Berlusconi, Marrazzo, Mele, Cuffaro, Del Turco, Mastella/Lonardo, qualche lady ASL qui e la per la nazione. Oggi Bertolaso e tutta la protezione civile s.p.a. per appalti e altre storielle saporite. La domanda adesso è: domani a chi tocca? – Arnald (Fonte: diversamenteoccupati.it)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 15/08/2010 @ 11:03:21, in it - Scienze e Societa, read 2550 times)

Il paese di Falcade, vicino a Belluno, nel nord Italia, è un piccolo gioiello incastonato nelle Dolomiti, uno dei gruppi montuosi più belli d'Italia. Le Dolomiti sono una delle destinazioni di viaggio preferito da tutti gli amanti della montagna, grazie a paesaggi meravigliosi (non è un caso che nel 2009 sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità dall'UNESCO) e grazie anche al gran numero di attività che si possono praticare, sia in inverno che in estate.

Falcade, nella Valle del Biois, è un piccolo ma famoso villaggio, che attrae turisti italiani e stranieri sia in inverno che in estate, ed è famosa soprattutto per il meraviglioso luogo in cui sorge. La Valle del Biois, infatti, è considerato come una delle valli più belle delle Dolomiti: situato tra Marmolada, Monte Civetta e il gruppo Pala, in altre parole, alcune delle più famose e affascinanti montagne d'Italia, la valle è una festa per gli occhi e un punto di riferimento per tutti coloro che hanno una passione per la montagna e l'arrampicata, che inizia da qui per esplorare le montagne circostanti. Inoltre, nel Falcade potrete gustare una dei migliori viste sulle Dolomiti: non c'è da stupirsi che molti turisti scelgono questo piccolo villaggio di montagna per trascorrere le loro vacanze.

In inverno Falcade è la destinazione ideale per godere di una vacanza sugli sci: coloro che amano lo sci alpino possono sciare in una splendida cornice e divertirsi grazie alle aree attrezzate, per gli impianti di risalita moderni e le piste da sci che sono sempre perfettamente curate e ricoperte di neve, mentre se si preferisce lo sci di fondo ci sono chilometri di percorsi tra i boschi e altri spazi del paese. Non importa se siete sciatori esperti o principianti, a Falcade potete trovare il sentiero che meglio si adatta alle vostre esigenze, e se si desidera migliorare o si desidera avviare i bambini allo sci ci si può affidare alle scuole di sci, che offrono diversi tipi di corsi, per bambini e adulti, in gruppo o lezioni private. Oltre allo sci, è possibile scegliere altri sport invernali, come lo snowboard e pattinaggio sul ghiaccio, ma Falcade è perfetto per una vacanza, o se volete semplicemente trascorrere un week-end spensierato. Ultimo ma non meno importante, il paese è apprezzato non solo dagli sportivi, ma anche da coloro che si aspettano solo una cosa da una vacanza: relax. Accomodati davanti al camino di un pittoresco chalet o comodamente seduti al sole sulla terrazza di una baita di montagna mentre si ammirano le montagne coperte di neve, a Falcade si può godere la vacanza più rilassante.

Falcade è perfetto anche per trascorrere le vostre vacanze estive. Sulle sue montagne, infatti, si può fare arrampicata, trekking, equitazione, mountain bike o pesca in un ambiente mozzafiato sia in estate che in inverno. Tra le montagne di Falcade, inoltre, si può cercare refrigerio lontano dal caldo delle città roventi e respirare aria pulita, alternando piacevoli passeggiate nella natura e stuzzichini con prodotti tipici in rifugio.

Autore: Francesca Tessarollo; Fonte: turismoalpino.blogspot.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 15/08/2010 @ 10:51:52, in it - Scienze e Societa, read 1550 times)

Situata alle pendici del Monte Bondone, e a pochi chilometri in linea d’aria da Trento, Garniga era una località isolata dal resto del mondo, raggiungibile unicamente a piedi attraverso una vetusta mulattiera che partiva dal villaggio di fondovalle di Aldeno e saliva serpeggiando sulla costa della montagna, lasciandosi alle spalle i vigneti e i frutteti della val d’Adige, i boschi e le macchie, arrivando in questo paradiso della tranquillità, posto a circa 800 m di quota, tra le cime austere del Cornetto e del Palòn.
Proprio per la sua particolare collocazione geografica la località di Garniga Terme è la meta ideale per chi cerca una vacanza al contatto con la natura incontaminata e vuole rilassarsi nella pace più totale. Qui si trovano numerosi sentieri che attraverso boschi e pascoli consentono di scoprire passo - passo le bellezze del Monte Bondone.

Per arrivare a Garniga Terme è molto semplice, ed è quindi una meta perfetta per un week-end, sprecando poco tempo in marce di avvicinamento. Si utilizza l’autostrada del Brennero A22, con uscita Rovereto Nord per chi procede da sud, e Trento centro per chi arriva invece da nord. Da Rovereto si segue la strada in destra Agide in direzione di Ardeno, raggiunta la quale si piega a sinistra per Garniga, superando le località di Cimone e Gatter prima di arrivare in circa 20 minuti di percorso dall’uscita autostradale. Uscendo Trento Centro si procede sempre sulla provinciale in destra agide (Via dei Pomari), superando le frazioni di Ravina e Romagnano, prima di arrivare ad Ardeno e seguire lo stesso percorso di prima.

Garniga ha anche una lunga storia da raccontare, che risale a circa 5.000 anni fa. Le prime tracce di insediamenti umani sono riferibili a dei ritrovamenti archeologici risalenti al neolitico e cioè circa al 3.000 avanti Cristo, in accordi al vasellame tipico del periodo ivi rivenuto. Anche durante l’impero romano Garniga era una meta conosciuta, e in questa zona sono state trovate delle monete di epoca imperiale. Lo sviluppo ufficiale della località avvenne però qualche secolo più tardi, in piena epoca medioevale quando fu l’impulso minerario a richiamare popolazione in queste lande solitarie, anche da nazioni estere, a nord delle Alpi. Esiste infatti un documento ufficiale, risalente alla metà del tredicesimo secolo che parla di una miniera di Garniga. Una tradizione popolare fa risalire proprio agli immigrati germanici la scelta del nome della città, che quindi deriverebbe dal tedesco “Gar Nichts”, cioè traducibile in assolutamente nulla, visto le scarse riserve minerarie effettivamente riscontrate, termine poi contrattosi in Garniga.

Dal punto di vista climatico la posizione privilegiata di Garniga sul versante sud del monte Bondone rende i soggiorno piacevole ad ogni stagione. In inverno si può salire in pochi minuti al Bondone di giorno per praticare lo scii, e ridiscendere la sera a Garniga e rilassarsi nelle sue terme gradevoli.

 

Le minime invernali scendono sotto lo zero, ma la buona esposizione sul versante meridionale della montagna consente un clima asciutto e gradevole di giorno.

 

Il periodo più caldo dell’anno corrisponde all’estate che è però anche la stagione più foriera di precipitazioni. Fortunatamente i fenomeni assumono carattere temporalesco, e seppur intensi hanno di solito una breve durata. D’estate è anche il miglior momento quindi per gli appassionati di funghi da scoprire nelle camminate all’interno dei boschi.

Garniga Terme è il luogo giusto per rilassarsi e cercare il contatto con la natura. Le numerose passeggiate conducono, tra prati e boschi, in luoghi affascinanti come l'antichissima Chiesa di S. Osvaldo, posta su un colle dove il tempo sembra essersi fermato, oppure ad assaggiare i latticini freschi di malga Albi, adagiata a quasi 1500 metri, in un dolce conca ai piedi della Cima Verde.

La Chiesa di S. Osvaldo è il monumento principale della cittadina e si trova si di un balcone naturale posto in periferia della cittadina, denominato il “dos dei Nòzi”. E’ una chiesa di origine medioevale che possiede un semplice stile gotico ed è affiancata da un grazioso cimitero di montagna. Una altra chiesa da visitare è la più recente Chiesa del Sacro Cuore di Gesù situata in centro paese e ben visibile per il suo slanciato campanile.

Prima delle Terme Garniga era una località ben nota per il suo clima gradevole e salutare, per la proverbiale e sentità ospitalità degli abitanti, per il sapore dei cibi semplici e la cucina a base di verdure e gli ortaggi, ma soprattutto la presenza di erbe dalle proprietà terapeutiche.

Le Terme di Garniga si contraddistinguono proprio per essere l’unico centro termale in Italia veramente specializzato nella cosiddetta fitobalneoterapia, e cioè i bagni d’erbe.

 

Allo scopo vengono selezionate delle erbe d’alta quota, prelevate dai parti del monte Bondone e in cui viene immerso il paziente, che si rilassa inebriato dagli aromi di piante salutari come il timo, la genziana e il tarassaco.

 

Questa tipologia di bagni è particolarmente indicata per le osteoartrosi, i reumatismi, i dolori lombari, le lombosciatalgie e malattie professionali come la sindrome del tunnel carpale . Le terme sono anche dotate di centro benessere

Accanto allo stabilimento termale si trovano ottime strutture ricettive e tutti i servizi che possono rendere ancora più gradevole il soggiorno dei turisti: qui troviamo un parco giochi situato nei pressi di un laghetto pittoresco, un centro sportivo dotato di campo da calcio ed il classico campo da bocce, perfetto per il relax delle serate estive. (Fonte:
www.ilturista.info)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The Iliad data centre where Presseurop.eu is hosted, in Vitry-sur-Seine, near Paris.

 The Iliad data centre where Presseurop.eu is hosted, in Vitry-sur-Seine, near Paris.

What the European Union is giving to Internet users and online privacy activists with one hand, it's taking away with the other, argues an American newspaper, reporting on a groundswell of opposition to increased surveillance of personal data.

The EU has tighter restrictions than the United States does on the collection, use, and sale of data by online companies, but also requires Internet service providers to store personal data in case the government ever wants to investigate an individual user. The European Parliament is currently considering passing a law called "Smile29" that would require the Google search engine – which processes billions of searches a month on the Continent – to retain data on users as well.

The EU effort is just the latest of government's around the globe seeking to glean more about their citizens from their online behavior. To critics, the EU laws amount to a surveillance land-grab that has prompted a groundswell of opposition across Europe. Now a group in Ireland is challenging the new regime – seeking permission from the Irish courts to sue the European Court of Justice (ECJ) to strike down new Irish laws designed to bring the country into line with broader European standards. If Digital Rights Ireland, which argues that the laws violate the European Convention on Human Rights, wins, it would set the stage for successful challenges to the rules across Europe. "The main thing we want to see is our data retention laws repealed," says T.J. McIntyre, a law lecturer at University College Dublin and head of the organisation. Mr. McIntyre says the laws criminalize ordinary citizens.

Online privacy has become a key civil liberty battleground. Facebook and Google are amassing colossal amounts of data about users' thoughts, desires, and impulses, which businesses covet and pay handsomely for. And across Europe, a backlash against the storage of private data is growing. Civil society groups like the European Federation of Journalists have criticized the practice, and in Germany almost 35,000 people, including Justice Minister Sabine Leutheusser-Schnarrenberger, sued their own government over the issue. "There is a real problem in Europe today. It is a breach of the European Convention on Human Rights, which says that everyone has the right to a private life. That fundamental right has to extend into digital life," says Christian Engström, a member of the European Parliament for Sweden's controversial Pirate Party, elected on a platform of digital rights.

In Ireland at present, telephone data must be retained for three years, but there are currently no provisions requiring Internet service providers to retain data, something both the EU and the Irish government want to change. McIntyre says the government already has the upper hand. "In 2002 the Irish government secretly introduced data retention. They did it by ministerial order, and to this day the department of justice has not confirmed it." McIntyre expects the case to be decided by the ECJ.

The EU itself seems to be of two minds when it comes to Internet privacy. While monitoring and surveillance powers have been greatly expanded, the EU body overseeing the effort to expand data retention to search engines under Smile29 complained in a report that EU members are already collecting more information on citizens than they should and "have scarcely provided statistics on the use of data retained under the Directive, which limits the possibilities to verify the usefulness of data retention."

The group advocates major changes to the law, including a reduction of the maximum retention period, reconsideration of the overall security of traffic data by the European Commission, clarification of the concept of "serious crime" at member state level, and "disclosure to all the relevant stakeholders of the list of the entities authorized to access the data." According to Mr. Engström of the Pirate Party, the problem with the EU is a democracy deficit: "Most of the power is with commissioners and [other] unelected officials."

Engström also points to the EU's various bureaucracies, often at loggerheads with one another, as a problem. "It's important to recognize that this is not 'evil'; there is no dark lord pulling the strings, but the EU has become very close to various interests and this in conjunction with an unelected executive is very worrying." Engström contends that law enforcement agencies are seeking access to data simply because it exists: "These things don't have anything to do with real police work. The measures might catch really stupid criminals bumbling about, but real criminals will know how to get around them." He also points to the danger of false accusations, complaining that data mining amounts to little more than pattern recognition: "The human brain is fantastic at seeing patterns – even when they don't exist."

Back in Ireland, McIntyre says his fight will go on for just this reason: "You can't have automated crime detection. For some reason that idea is beloved of law enforcement. The related idea is one of stopping people in advance. Data mining creates too many false positives. From a commercial perspective it doesn't matter – who cares if you get an irrelevant ad on your Facebook page? But with, say, terrorism, a vanishingly small number of people are engaged so you simply don't have the evidence base from which to profile people."

Source: Presseurop.eu

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 15/08/2010 @ 08:12:23, in it - Scienze e Societa, read 1238 times)

Sul sito della testata The Atlantic è disponibile una intervista video con Jeffrey Goldberg a Christopher Hitchens. Sebbene in condizioni visibilmente non buone, Hitchens con grande dignità parla della sua malattia e delle cure che sta seguendo.

“Sto morendo” inizia con franchezza l’intervista il giornalista: “tutti devono morire, ma mi sembra che questo processo sia accelerato con me”. “Sto morendo” inizia con franchezza l’intervista il giornalista: “tutti devono morire, ma mi sembra che questo processo sia accelerato con me”. “Sono realista, obiettivo” commenta Hitchens parlando delle sue condizioni “il mio non è un cancro buono, le statistiche sono molto deprimenti”, “sarei un uomo fortunato se vivessi per altri 5 anni”. Si parla, inevitabilmente, anche di religione e in particolare del dibattito su una sua possibile conversione (Ultimissima del 7 luglio).

“Non mi disturba che la gente preghi per me” afferma lo scrittore, “ma non diventerà mai un credente neanche con la morte vicina”. “Se sentiste parlare di una mia conversione” ribadisce Hitchens con decisione “sarebbe una menzogna della comunità religiosa, o un effetto delle cure per il cancro che non mi fanno più essere me stesso”.

Da segnalare anche un’altra intervista per la CNN, con Anderson Cooper, in cui Hitchens lucidamente parla delle sue condizioni.

Fonte: uaar.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

 

The Commission proposal to introduce a European tax is an attractive one, especially for countries which are net contributors to the EU. However, De Volkskrant argues that it will have little chance of overcoming opposition from national governments, who are reluctant to surrender control in an area as delicate as taxation.

Ten years after the introduction of the single currency, are Europeans ready to pay a tax directly to Brussels? The European Commissioner for Financial Programming and the Budget, Janusz Lewandowski, who has launched a trial balloon to this effect in the German edition of the Financial Times, believes that now is the right time to take this step towards the establishment of a European federal state. But his proposal has no chance of being implemented.

The bait that Lewandowski is using to encourage EU member states to take a position on the issue will be relatively hard to ignore: in exchange for a tax on financial transactions or passenger flights, they will be able to reduce the cost of their contributions to the administration in Brussels. Countries like Germany and the Netherlands will certainly pleased with the concept. For years they have had to contend with the political tensions that surround their status as net contributors to the EU, and now they also have to cope with the budgetary austerity required by the stability pact. So any measure that reduces the amount they have to pay to the EU would be more than welcome.

However, the disadvantages still outweigh the advantages. Member states’ fiscal authorities will be effectively sidelined by any tax that is paid directly to Brussels: and individual countries will also be concerned about exceeding limits for tax pressure on their citizens, even if these are not well defined. At the same time, a mandate to raise taxes remains the prerogative of national governments and they would like to keep it that way. In the UK, where fear of the European Superstate is inculcated from a very young age, the British are already insisting that "if you give Brussels an inch, it will take a mile." And in recent years, voters in other European countries appear to be adopting a similar position: especially in the Netherlands and France, where the rejection of the European Constitution in 2005 marked a radical departure in European politics. Commissioner Lewandowski’s proposals do nothing to address this growing phenomenon of Euroscepticism.

But it should be pointed that the measures he aims to implement are not the product of solipsistic thinking on the part of Brussels bureaucrats, as Eurosceptics would like to believe, but a survival strategy for the Commission which is anticipating that negotiations for the 2014-2021 EU budget will be particularly hard-fought. In view of the financial problems that prevail in many of Europe’s member states, an alternative source of revenue could offer a convenient solution, but in all likelihood it will be shelved in response to the fierce opposition to " more Europe," which exists in EU member states.

VIEW FROM GERMANY 
Towards a more transparent EU budget

 

The idea of yet another tax is unlikely to attract much popular support, notes theSüddeutsche Zeitung. However, the daily points out that the establishment of a European tax in Germany, where every member of the population indirectly contributed 260 euros to the annual budget of the EU in 2010, will not result in “an additional burden on the taxpayer.” One positive consequence of such a measure could be the reform of the current system for funding the EU, which is vulnerable to "behind the scenes deals between member states." At the same time it could also result in greater accountability: "If citizens paid directly for the cost of running Europe, they might pay more attention to how their money is being used. In particular they might question the logic of a 21st-century EU budget that is largely devoted to funding for agriculture – a sector that dominated the economy in the 18th century."

Source: presseurop.eu

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 14/08/2010 @ 11:10:39, in it - Scienze e Societa, read 1283 times)

Le rivelazioni sui casi di pedofilia in seno alla chiesa e alle sue istituzioni si moltiplicano in Europa. Le autorità nazionali cominciano a intervenire, mentre le gerarchie ecclesiastiche non sembrano ancora disposte ad ammettere le proprie responsabilità.

 

Petar Pismestrovic, Kleine Zeitung (Graz)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Secondo quanto riporta la testata Irish Catholic, il papa ha respinto le dimissioni rassegnate a fine dicembre da Eamonn Walsh e Raymond Field, due vescovi ausiliari di Dublino coinvolti nello scandalo dei preti pedofili. Con una lettera – per ora non pubblicata – inviata da Diarmuid Martin, vescovo di Dublino, le dimissioni dei prelati in questione sono state respinte. Field e Walsh, come altri alti esponenti della Chiesa cattolica irlandese, sono stati accusati dal Rapporto Murphy di aver coperto gli abusi da parte di sacerdoti pedofili.

Critiche le associazioni di vittime dei preti pedofili. Barbara Blaine, esponente di Snap (Survivors Network of those Abused by Priest) parla di “altro sale versato nella già profonda e fresca ferita di migliaia di bambini vittime di abusi e di milioni di cattolici traditi”.

Fonte: uaar.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 14/08/2010 @ 07:58:17, in it - Scienze e Societa, read 1580 times)

Barack Obama difende il progetto di una moschea a Ground Zero, luogo degli attentati dell'11 settembre a New York, in nome della libertà di culto garantita dalla Costituzione americana.

"In quanto cittadino, in quanto presidente, credo che i musulmani abbiano lo stesso diritto di chiunque altro in questo Paese di praticare la loro religione. Questo include il diritto di costruire un luogo di culto e un centro di una comunità in una proprietà privata di South Manhattan", ha affermato il presidente degli Stati Uniti davanti ad alcuni rappresentanti della comunità musulmana, prima di una cena alla Casa Bianca per celebrare l'inizio del ramadam, il mese sacro islamico. "Siamo negli Stati Uniti e il nostro impegno in favore della libertà di culto deve essere inalterabile.

Il principio secondo il quale i popoli di tutte le fedi siano i benvenuti in questo paese e quello secondo il quale non saranno trattati in modo diverso dal loro governo è essenziale per essere quello che siamo", ha aggiunto il presidente citando il primo emedamento della Costituzione degli Stati Uniti che garantisce la libertà di culto. I partigiani del progetto di New York sostengono che la "Casa Cordoba" aiuterà a superare i pregiudizi di cui continua a soffrire la comunità musulmana della città, dal giorno degli attacchi contro le Torri gemelle, costati la vita a circa 3.0000 persone.

Gli oppositori ritengono invece che costruire una moschea a Ground Zero sia un insulto alla memoria delle vittime. Obama, consapevole della delicatezza della questione, ha sottolineato come "gli attentati dell'11 settembre siano stati un evento profondamente traumatizzante per il nostro paese. Il dolore e la sofferenza di coloro che hanno perduto i propri cari è inimmaginabile. Quindi comprendo l'emozione che provoca questo dossier. Ground Zero è senza dubbio un'area sacra".

Fonte: apcom.net

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 5236 persone collegate

< settembre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (143)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo





26/09/2021 @ 20:59:27
script eseguito in 861 ms