Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

The clash broke out when police evicted protesters who for two days had blocked a stretch of highway between Turin and Bardonecchia.

 

As police cleared their barricades, protesters set fire to tyres and threw rocks at police, who responded by launching tear-gas grenades.

RT on Twitter http://twitter.com/RT_com
RT on Facebook http://www.facebook.com/RTnews

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

A majority of Americans rate their current financial situation as poor or fair, and nearly half of Americans say they have encountered financial problems in the past year, according to the Pew Research Center. A University of Missouri researcher studied how parents' financial problems and resulting mental distress affect their relationships with their children. He found that parents who experience financial problems and depression are less likely to feel connected to their children, and their children are less likely to engage in prosocial behaviors, such as volunteering or helping others.

"The study serves as a reminder that children's behaviors are affected by issues beyond their immediate surroundings," said Gustavo Carlo, Millsap Professor of Diversity in the MU Department of Human Development and Family Studies. "Families' economic situations are affected by broader factors in our society, and those financial problems can lead to depression that hurts parent-child relationships."

Previous research has indicated that parent-child connectedness is an important indicator of prosocial behavior in children. Prosocial behaviors lead to moral development, better outcomes in relationships and enhanced performance at work and school.

Unlike previous research that has focused on high-risk and low-income families, Carlo and his colleagues studied middle- to upper-middle-class families. Parents and children answered questions about economic stress, depression and connectedness between parents and children. A year later, the children reported how often they engaged in prosocial behaviors toward strangers, family members and friends.

"Even middle-class families are having financial difficulties, and it's affecting their ability to be effective parents," Carlo said. "When parents are depressed, it affects their relationships with their kids."

Carlo suggests, when possible, that depressed parents seek treatment from a mental health professional. Parents also can seek help from their spouses, families, friends, churches and other community agencies. He recommends parents balance efforts to help themselves with spending quality time with their children.

"Raising kids is tough as it is," Carlo said. "When you have the added layers of financial difficulty and depression, it makes raising children even more challenging."

The study, "A Test of the Economic Strain Model on Adolescents' Prosocial Behaviors," was published in the Journal of Research on Adolescence earlier this year. Carlo collaborated with researchers Laura Padilla-Walker and Randal Day at Brigham Young University. The Department of Human Development and Family Studies is part of the College of Human Environmental Sciences.

Source: University of Missouri-Columbia via ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Gli  esordi nella piccola criminalità, le prime condanne, le auto sportive, gli eccessi, la vita al limite, i contatti con le parti più in vista dell’industria, le molte identità e l’ arresto rocambolesco (un’operazione di polizia in grande stile che ha messo al lavoro Fbi, Department of Justice e la polizia della Nuova Zelanda, Olanda, Germania, Canada e Filippine) fanno di Kimble o Kim Dotcom o Kim Schmitz o Kim Tim Jim Vestor il più grande malavitoso della Rete. Pur senza aver ucciso nessuno (almeno per quanto se ne sa) l’estensione delle sua attività apertamente illegale, i suoi ricavi, la crescita di un business sempre più mastodontico (18 i domini sequestrati che occupavano il 3% della banda del pianeta) e il suo atteggiamento ricordano da vicino i grandi boss dell’America proibizionista.

Ancora di più  Kimble, come ogni grande capo clan, stava operando il salto mortale della pulizia, stava passando cioè da un business organizzato e criminale ad un’attività lecita e redditizia. Megaupload da tempo ha un’area legale, utilizzata per scambio video e archiviazione che doveva essere il business del futuro, come anche l’annunciato servizio di rental e streaming legale di contenuti, per i quali si diceva fosse in trattativa con le major. Cosa che, se fosse vera, renderebbe l’attacco di stanotte una vera pugnalata alle spalle, roba da realtà che imita il cinema.

Ad ogni modo, vero o non vero, Kim Schmitz operava nel business della soddisfazione dei bisogni degli utenti in maniera non diversa da come  Al Capone faceva quando contrabbandava alcol. Non solo il modo di fare affari era lo stesso ma anche la maniera in cui si rapportava al resto del pianeta sembrava ricordare quell’idea di potere. Per questo e molti altri motivi, sebbene sia sempre meno possibile stare dalla parte dell’autorità quando si tratta di pirateria, copyright e SOPA varie, suona anche stonata la difesa armata operata da Anonymous (che per tutta la notte ha attaccato tramite DDoS diversi server illustri e poco simpatici da quello dell’Fbi, giù fino ad Hadopi). La libertà d’espressione e la ricerca di un’idea di copyright meno estremo possono passare attraverso la pirateria come sistema di scambio tra pari e “resistenza attiva” ad un sistema che non si adegua ma ingrossare il portafogli e aggiungere Rolls Royce, Lamborghini e Maserati al garge di un criminale, invece che foraggiare major ugualmente avide, non è molto diverso nè tantomeno utile o nobile.

Fonte: Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Come da programma, Planck ha portato a termine la sua missione. Il 14 gennaio scorso, infatti, l’osservatorio volante dell’ Agenzia Spaziale Europea a caccia delle prime luci dell’ Universo ha esaurito la riserva di liquido refrigerante necessario a far funzionare i sensori, di fatto ponendo fine alla sua esplorazione dello Spazio.

Ariane 5 Planck

Lanciato nel 2009, Planck è stato costruito per viaggiare nel tempo, alla ricerca cioè della radiazione di fondo a microonde (Cosmic Microwave Background, CMB), l’eco del Big Bang. Analizzando i  vagiti dello Spazio primordiale, prima che fossero create stelle e galassie, gli astronomi sperano così di riuscire a capire come l’Universo si sia creato ed evoluto nel corso del tempo.

In realtà, Planck chiude solo un occhio. A spegnersi è stato infatti l’ High Frequency Instrument (HFI), mentre il Low Frequency Instrument continuerà a lavorare per buona parte del 2012. Insieme, HFI e LFI, con i loro 74 sensori con nove rivelatori di microonde, hanno permesso all’osservatorio spaziale di catturare un ampio spettro di onde elettromagnetiche.

Che cosa ha scoperto Planck durante il suo viaggio? Per dirlo, dovremo aspettare il prossimo anno, quando i primi dati saranno stati elaborati. Per ora, però, sappiamo che Planck ha permesso di scoprire gruppi di galassie sconosciute e di ricostruire la mappa dell’Universo a microonde.

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Oamenii de stiinta au descoperit ca aceasta gena poate fi activata cu ajutorul medicamentelor anti-inflamatoare, precum aspirina.

A fost identificată gena care luptă împotriva cancerului de colon

Atunci când gena este activata, aceasta forteaza celulele maligne din tumori sa se transforme în celule benigne.

Echipa de cercetatori condusa de Curzio Rüegg spera ca aceasta descoperire sa duca la conceperea unor noi masuri preventive împotriva cancerului de colon.

Studiul a fost publicat în prestigiosul jurnal Oncogene, unul dintre cele mai importante publicatii dedicate cercetarii anti-cancer.

Cercetarile epidemiologice au aratat ca folosirea regulata a medicamentelor anti-inflamatoare non-steroidale reduc semnificativ riscul de a dezvolta tumori canceroase, însa acestea vin la rândul lor cu efecte secundare, precum ulcerul. Acum, oamenii de stiinta încearca sa reproduca efectele benefice ale acestor medicamente fara efectele secundare.

Surse: SwissInfo si UniFribourg - via descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The work, published this week in Science, applies well known processes of corrosion in a novel manner to produce highly complex cage-like nanoscale structures with potential applications in fields from medicine to industrial processing.

A common theme in nanoscience research is the recycling of "old" processes and protocols that were once applied crudely on bulk materials in trades and industrial settings, but which can now be applied to nano-sized structures with high precision and resolution using newly available instruments and know-how.

Examples of hollow nanoparticles produced by corrosion processes.

After several years of research, Spanish scientists at the Catalan Institute of Nanotechnology (ICN) have refined methods based on traditional corrosion techniques (the Kirkendall effect and galvanic, pitting, etching and de-alloying corrosion processes). They show that these methods, which are far more aggressive at the nanoscale than in bulk materials due to the higher surface area of nanostructures, provide interesting pathways for the production of new and exotic materials.

By making simple changes in the chemical environment it is possible to tightly control the reaction and diffusion processes at room temperatures, allowing for high yields and high consistency in form and structure. This should make the processes particularly attractive for commercial applications as they are easily adapted to industrial scales.

A wide range of structures can be formed, including open boxes, bimetallic and trimetallic double-walled open boxes with pores, multiwalled/multichamber boxes, double-walled, porous and multichamber nanotubes, nanoframes, noble metal fullerenes, and others.

Asides from their intrinsic beauty, such nanostructures present new options for drug delivery, catalysis, remediation of contaminants and even structural components for nanoscale robots.

Source: Institut Catala de Nanotecnologia

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Disse bene Eraclito, più di duemila anni fa. “Nessuno può fare il bagno due volte nello stesso fiume: non sarà più lo stesso fiume e non sarà più la stessa persona”. Il tempo fugge e ci sfugge, inesorabilmente. La sua stessa essenza resta un mistero. Se basta filosofeggiare un po’ sul tempo per avere mal di testa, immaginiamoci l’effetto di misurarsi con la quarta dimensione nel Cosmo, dove le leggi della fisica cambiano e succedono cose ben più strampalate di quanto l’esperienza sensibile aiuti ad afferrare. Ne sa qualcosa Jean-Pierre Luminet, astrofisico di fama internazionale, grande esperto di buchi neri, nonché prolifico scrittore, poeta, divulgatore scientifico e musicista: un tipo poliedrico, insomma, almeno quanto il modello cosmologico a forma di caleidoscopio che ha elaborato e battezzato, con un’iperbole linguistica, l' Universo stropicciato. Sua la lectio magistralis (presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma) per inaugurare la settima edizione del Festival delle Scienze 2012, dedicata quest’anno a “ ciò che accade quando non accade nient’altro”, direbbe Richard Feynman. Alias: il tempo. 

“Prima era assoluto, identico in ogni sistema di riferimento. Poi arrivò Einstein, e il tempo diventò elastico, relativo, indissolubilmente legato alle tre dimensioni nello spazio-tempo, piegato dalla distribuzione della materia e dell’energia”, spiega Luminet, attualmente direttore del Cnrs francese. “Questo ha aperto aspetti affascinanti, come il paradosso dei gemelli e la possibilità di congelare il tempo nei buchi neri”. Chi non ha mai fantasticato di poter fermare le lancette e dilatare il tempo, come in Alice nel paese delle meraviglie? Nello Spazio questo è possibile (anche se le condizioni sarebbero decisamente estreme per apprezzarne i vantaggi).

Chiarisce lo scienziato: “ Nei forti campi gravitazionali, come quelli generati dai buchi neri, il tempo apparente, quello misurato da un orologio fermo, è molto diverso dal tempo reale, quello misurato da un orologio in caduta dentro il buco nero.  È il motivo per cui il tempo apparente può essere congelato. In altre parole, un ipotetico osservatore esterno non vedrebbe mai nel suo futuro l’oggetto che cade nel buco nero, sebbene questo sia in realtà scomparso in pochi istanti”.

Hard? Che dire, allora, dell’origine del tempo? Esisteva prima del Big Bang? “Nel modello classico il tempo ha un punto d’inizio”, prosegue Luminet, autore tra gli altri libri de L’invenzione del Big Bang. Storia dell’origine dell’Universo (Dedalo, 2006). “In realtà questa è una limitazione che sottostà alla teoria della Relatività generale. In modelli più recenti, che prendono in considerazione gli effetti quantistici (in cui si applica la teoria della relatività di Einstein all’infinitamente piccolo, ndr), la nozione del tempo zero  svanisce. Significa che l’Universo potrebbe esistere prima del Big Bang, forse in uno stato fisico molto diverso”.

Potremo mai scoprire la verità su un passato così lontano, che risale a circa 13 miliardi e mezzo di anni fa? Forse sì. “Nello Spazio potrebbe essere ancora presente l’impronta delle onde gravitazionali generatesi nell’era pre-Big Bang”, avanza Luminet: “Le nostre attuali strumentazioni, però, non sono ancora così sensibili da testare questa ipotesi”. I telescopi gravitazionali di prossima generazione non si tireranno indietro di fronte alla sfida.

E se guardiamo avanti, quale futuro ci aspetta? Il tempo cosmologico finirà mai, o durerà per sempre? “Le recenti osservazioni sul futuro dell’Universo indicano che l’espansione sta accelerando, una scoperta che ha meritato il Premio Nobel per la fisica nel 2011: lo Spazio, infatti, sarebbe dominato da una forma di energia repulsiva chiamata energia oscura. Ma non ne conosciamo la natura e non possiamo quindi sapere se l’Universo continuerà ad accelerare per sempre o no”, risponde Luminet.

Nelle equazioni si potrà anche speculare che il tempo non esiste e che, se esiste, non finirà mai. Nella realtà, no. “Il tempo scorre uguale per tutti”, dice lo scienziato: “Ma può esser usato in modo più o meno efficiente. Il mio consiglio? Non spendetelo a fare cose insignificanti. Usatelo per accrescere la conoscenza, per il progresso della società e dell’umanità”. 

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Astfel, persoanele care consuma multa carne rosie prezinta un risc mai mare de a suferi un atac cerebral decât cei care consuma carne de pui sau curcan.

Cea mai importanta concluzie a acestui studiu este aceea ca tipul de proteine din dieta de zi cu zi afecteaza riscul unui atac cerebral în mod diferit. Trebuie sa evaluam beneficiile proteinelor tinând cont de contextul alimentelor pe care le consumam", a comentat Dr. Frank Hu, profesor la Scoala de Sanatate Publica Harvard, unul din autorii acestei cercetari.

Persoanele care consumă multă carne roşie prezintă un risc sporit de atac cerebral

Profesorul Hu si colegii sai au colectat date din doua studii vaste ce au urmarit starea de sanatate a zeci de mii de barbati si femei de la vârsta mijlocie pâna la moarte.

De-a lungul celor 20 de ani de studiu, aproximativ 1.400 de barbati si 2.600 de femei au suferit un atac cerebral.

Pentru a descoperi care este efectul proteinelor din dieta asupra riscului de a suferi un atac cerebral, cercetatorii au împartit persoanele studiate în functie de consumul zilnic de carne rosie, carne de pui, lactate si alte surse de proteine.

Barbatii care mâncau mai mult de doua portii de carne rosie pe zi prezentau un risc de a suferi un atac cerebral cu 28% mai mare decât cei care consumau o treime dintr-o portie de carne rosie pe zi. Cercetatorii au definit o portie de carne rosie în jurul valorii de 110-170 de grame.

Femeile care consumau aproximativ doua portii de carne rosie pe zi prezentau un risc de a suferi un atac cerebral cu 19% mai mare decât cele care mâncau mai putin de jumatate de portie zilnic.

Cercetatorii au descoperit ca persoanele care renuntau la o portie de carne rosie pe zi, obtinându-si proteinele dintr-o portie de carne de pui sau curcan, îsi reduceau riscul de atac cerebral cu 27%. În rândul celor care înlocuiau portia de carne rosie cu nuci sau peste riscul se reducea cu 17%, iar în rândul celor care înlocuiau carnea rosie cu lactate, riscul scadea cu 10%.

Dr. Adam Bernstein, unul dintre autorii studiului, spune ca nu este surprins de rezultatele care arata ca persoanele care consuma multa carne rosie sufera mai multe atacuri cerebrale.

"Am studiat si efectul pe care îl are carnea rosie asupra riscului de a face diabet sau de a suferi de afectiuni coronariene, asa ca mi se pare logic ca aceste afectiuni cardio-metabolice sa fie grupate", a afirmat Bernstein.

Cercetatorii au fost surprinsi sa descopere ca persoanele care au consumat peste nu au prezentat un risc mai mic de a suferi un atac cerebral. "Este posibil ca beneficiile oferite de peste sa depinda de modul în care acesta este preparat. Modul în care oamenii gatesc pestele variaza semnificativ, iar studiul nostru nu a fost suficient de detaliat pentru a ne permite sa studiem retetele", a explicat Bernstein.

În urma acestei cercetari, oamenii de stiinta recomanda limitarea consumului de carne rosie, în favoarea celei de pui si peste.

Sursa: Reuters - via descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Researchers at the U.S. Department of Energy's (DOE) Argonne National Laboratory have developed an extraordinarily efficient two-step process that electrolyzes, or separates, hydrogen atoms from water molecules before combining them to make molecular hydrogen (H2), which can be used in any number of applications from fuel cells to industrial processing.

Easier routes to the generation of hydrogen have long been a target of scientists and engineers, principally because the process to create the gas requires a great deal of energy. Approximately 2 percent of all electric power generated in the United States is dedicated to the production of molecular hydrogen, so scientists and engineers are searching for any way to cut that figure. "People understand that once you have hydrogen you can extract a lot of energy from it, but they don't realize just how hard it is to generate that hydrogen in the first place," said Nenad Markovic, an Argonne senior chemist who led the research.

This image depicts the series of reactions by which water is separated into hydrogen molecules and hydroxide (OH-) ions. The process is initiated by nickel-hydroxide clusters (green) embedded on a platinum framework (gray). Credit: Flikr

While a great deal of hydrogen is created by reforming natural gas at high temperatures, that process creates carbon-dioxide emissions. "Water electrolyzers are by far the cleanest way of producing hydrogen," Markovic said. "The method we've devised combines the capabilities of two of the best materials known for water-based electrolysis."

Most previous experiments in water-based electrolysis rely on special metals, like platinum, to adsorb and recombine reactive hydrogen intermediates into stable molecular hydrogen. Markovic's research focuses on the previous step, which involves improving the efficiency by which an incoming water molecule would disassociate into its fundamental components. To do this, Markovic and his colleagues added clusters of a metallic complex known as nickel-hydroxide—Ni(OH)2. Attached to a platinum framework, the clusters tore apart the water molecules, allowing for the freed hydrogen to be catalyzed by the platinum.

"One of the most important points of this experiment is that we're combining two materials with very different benefits," said Markovic. "The advantage of using both oxides and metals in conjunction dramatically improves the catalytic efficiency of the whole system."

According to Argonne materials scientist George Crabtree, who helped to initiate the establishment of Argonne's energy conversion program, the researchers' success is attributable to their ability to work on what are known as "single-crystal" systems—defect-free materials that allow scientists to accurately predict how certain materials will behave at the atomic level. "We have not only increased catalytic activity by a factor of 10, but also now understand how each part of the system works. By scaling up from the single crystal to a real-world catalyst, this work illustrates how fundamental understanding leads quickly to innovative new technologies."

This work, supported by the DOE Office of Science, is reported in the December 2 issue of Science.

Source: Argonne National Laboratory

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Ha iniziato con un semplice circuito audio e si è ritrovato miliardario. La storia di Ray Dolby, pioniere delle tecnologie digitali nato a Portland (Oregon, Usa) il 18 gennaio 1933, passa letteralmente attraverso il muro del suono. Nel 1949, a soli 16 anni, il suo lavoretto part-time alla Ampex gli permette di mettere le mani sul primo registratore a nastro sul mercato. Così, dopo una laurea a Stanford e un dottorato a Cambridge, il giovane Dolby decide di mettersi in proprio e cambiare il modo in cui percepiamo i suoni incisi sui nastri magnetici.

Esatto, quel Dolby

Tutto inizia con la costruzione del primo compansore, un dispositivo elettronico capace di ridurre il rumore di fondo e i disturbi all'interno dei segnali acustici. L'idea, nata nel 1965 quando Dolby attraversa l'Oceano per fondare i Dolby Labs in Inghilterra, riscosse un grande successo tra gli studi di registrazione professionali. Così, tre anni più tardi, la nuova versione del circuito – il Dolby B-type – venne integrato all'interno dei registratori commerciali: era l'inizio di una grande scalata al successo. 

Nel 1976, Dolby torna negli States e stabilisce definitivamente l'azienda a San Francisco, la città dove aveva trascorso gran parte della sua infanzia. Nel frattempo, grazie a un brevetto riconosciuto nel '69, era nato il Dolby Sound System, ossia la tecnologia che ha dato una svolta agli effetti audio del cinema. In pratica, si trattava di un sistema per migliorare la qualità del parlato all'interno delle pellicole, dove spesso colonna sonora e dialoghi si mescolavano con scarsa qualità. Tanto per capire, il primo film a utilizzare il sistema Dolby è stato un capolavoro del cinema: Arancia Meccanica.

Con il passare del tempo, la tecnologia audio ha fatto altri passi in avanti tenendosi a stretto contatto con il mondo del cinema. Nel 1992, l'atmosfera di Batman il Ritorno è diventata a tutti gli effetti molto più avvolgente di qualsiasi altro film mai proiettato fino a allora. Il capolavoro di Tim Burton è stato il primo a sperimentare l'uso del sistema surround Dolby Stereo Digital, dove la traccia audio veniva scomposta in diversi canali, ciascuno collegato ad amplificatori collocati di fronte, ai lati e alle spalle del pubblico.

Nell'arco di pochi anni, il suono inizia a circondare gli spettatori anche dentro le loro case. Nel 1995 il sistema surround viene applicato all' home vision e si conferma come uno degli standard audio preferiti dai produttori cinematografici. Così, l'impresa fondata da Dolby cresce a dismisura e nel 2005 viene quotata in borsa. Ma nel 2011, dopo 45 anni di attività, il papà del sorround ha lasciato il direttivo dell'azienda per ritirarsi a vita privata e godersi il gruzzolo accumulato nel tempo. Secondo la rivista Forbes, Dolby è uno dei 400 uomini più ricchi d'America: si posiziona al 144° posto con un patrimonio da 2,9 miliardi di dollari.

Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2810 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Striking unions battle Macron in pensions showdown

French railway workers vote to extend strike: railway union

U.S. House to draft impeachment charges against Trump: Pelosi

United Airlines picks Scott Kirby to replace Oscar Munoz as CEO

Wall Street set to rise again on trade deal hopes

GM, LC Chem announce $2.3 billion EV battery venture in Ohio

Ultimele articole - Antena3.roUn barbat din Sibiu a fost arestat dupa ce a recunoscut ca si-a omorât sotia

De câte ori traverseaza neregulamentar românii strada

Cum a trait Ludovic Orban cu 3.000 de lei pe luna. Explica?ia unui deputat PNL

Paul Stanescu, dezvaluiri-bomba, despre cum a stricat rela?ia cu Dancila: ”Batusem palma sa nu candideze la presedintie“

Scandal în Vrancea, dupa ce un barbat a lovit o eleva la o ?coala. De la ce a pornit conflictul 

Dacian Ciolo? cere schimbarea Monicai Anisie de la Ministerul Educa?iei: „E nevoie de o personalitate recunoscuta pentru performan?a în economia reala”





05/12/2019 @ 15:32:58
script eseguito in 882 ms