Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
 
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 14/12/2011 @ 11:05:14, in en - Global Observatory, read 416 times)

To look at the Russian RadioAstron spacecraft, which launched from Kazakhstan in July, it doesn't seem particularly record-breaking. Its 10-meter (33-foot) antenna is certainly no match for those on earthbound radio telescopes, which can be up to 300 meters (984 feet) across. Once in orbit, however, its signal will join forces with those from ground-based telescopes to form one giant virtual telescope. Using a process known as interferometry, they will form the equivalent of a single radio telescope dish that at over 350,000 kilometers (217,480 miles) across is almost 30 times wider than the Earth. Although it's not actually one physical object, it is nonetheless being heralded as the largest telescope ever created.

Interferometry itself is nothing new, having been around since the 1960s. Very basically speaking, it involves combining the output of two or more geographically-separated telescopes to obtain one image with a resolution higher than either telescope could achieve on its own.

While radio telescopes have been sent into space for this purpose before, the plan is for RadioAstron's oval-shaped orbit to take it up to ten times farther than any of those other spacecraft have traveled, at 10,000 to 390,000 kilometers (6,214 to 242,335 miles) from Earth. Working with telescopes in locations such as West Virginia, Germany and Puerto Rico, it should be able to capture details at 10,000 times the resolution of the Hubble Space Telescope.

Plans for its use include the observation of a huge black hole at the center of a nearby galaxy, M87.

Although already launched, it will still be a few months before the spacecraft reaches the starting point of its orbit, and then goes through a check-out period with its ground control team at Russia's Lebedev Physical Institute Astro Space Center. Once it starts receiving and transmitting data ... well, there will be a lot of it. It's estimated that RadioAstron will be taking in up to 144 megabits per second, which will be continuously relayed to the ground.

So far, however, there is only one 22-meter (72-foot) dish set up to receive that data, near Moscow. This means that much of the data will simply be lost. It is hoped that throughout RadioAstron's five-year mission, more receiving stations can be set up.

Source: GizMag

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Si chiama Savalia lucifica ed è stata rinvenuta nelle acque di Capo San Vito, parte ovest della Sicilia, durante una campagna di ricerca effettuata con la nave oceanografica Astrea dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra).

Il corallo è stato trovato a una profondità di 270 metri da un sofisticato robot sottomarino e si distingue da specie simili, come la Savalia savaglia - il cosiddetto falso corallo nero - non solo per il substrato che parassita (la gorgonia di profondità Callogorgia verticillata), ma anche perché si illumina quando viene stimolata dal contatto fisico. La rarissima specie fa parte del gruppo degli zoantidei e non era mai stata segnalata prima nel Mar Mediterraneo.

La scoperta è avvenuta nel corso di una campagna di ricerca mirata allo studio delle popolazioni profonde di corallo rosso nell’arcipelago delle Egadi, finanziata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. A questa campagna hanno partecipato i ricercatori dell’università Politecnica delle Marche, l’Università di Pisa, gli atenei di Napoli “Parthenope” e Bologna e i ricercatori dell’Ispra, che hanno condiviso questo ritrovamento.

Fonte: galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

... CONTINUA. LEGATURA AICI.

Reactia lumii stiintifice

Care este reactia lumii stiintifice la teorie? O revista stiintifica în particular se preocupa sa urmareasca cazul. Nu o revista oarecare, ci una dintre cele mai prestigioase din lume... pe care deja o cunoasteti... “Science”: “Dezbatere asupra originii SIDA. Rolling Stone îsi spune parerea.” Teoria lui Curtis este o “pura speculatie” .

La acest punct, pe un subiect stiintific, pe cine credeti? Pe Rolling Stone, o revista de muzica rock, sau pe “Science”, una dintre cele mai importante reviste de stiinta din lume? Nu! Încercati sa gânditi cu capul dumneavoastra si cititi articolul! “Science” nu furnizeaza nici o proba care sa poata respinge teoria, citând doar ca “expertii” caracterizeaza teoria ca neverosimila.

Curtis nu accepta si scrie la “Science” pentru a contesta critica si confirma pozitia sa. Scrisoarea este publicata în mai de catre “Science” si doar la acest punct intervine Hilary Koprowski:

“Ca om de stiinta, nu aveam de gând sa raspund lui Tom Curtis când a prezentat ipoteza sa despre originea SIDA în revista Rolling Stone. Publicarea scrisorii sale în “Science”, însa, transfera dezbaterea din presa populara la un ziar stiintific deosebit de respectat. Doresc acum sa prezint punctul meu de vedere, bazat pe fapte, pentru a respinge si a repudia ipoteza lui Curtis asupra originii SIDA.”

Întelegeti? Pe baza rationamentului lui Koprowski o teorie poate fi discutata doar daca a fost prezentata într-o revista stiintifica. Deci argumentele mele (voastre), daca nu au fost publicate într-o revista de stiinta, nu au importanta.

Bineînteles revistele de stiinta nu pot publica orice lucru, trebuie sa faca un control de calitate. Lucrul curios este ca tocmai scrisoarea lui Koprowski este plina de erori si de imprecizii, pâna si notele sunt gresite si nici una dintre datele expuse de Koprowski nu respinge cu adevarat teoria.

Curtis, înca o data nu accepta si rescrie catre “Science” pentru a evidentia erorile scrisorii lui Koprowski dar ce face “Science”? Nu publica scrisoarea! Sa admitem ca pentru a avea merit, o teorie trebuie sa apara într-o revista stiintifica, dar daca nu ma publici cum se poate discuta?

Originea Răului - Istoria unei controversate teorii despre originea SIDA. Un documentar teatral de Christian Biasco - Traducerea si adaptarea: Radu Trofin

VA URMA ... LEGATURA AICI

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Designed as a therapeutic option for those trying to break their addiction, the vaccine produces antibodies that stop heroin as well as other psychoactive compounds metabolized from heroin from reaching the brain to produce euphoric effects.

 

Previous efforts to create a clinically viable heroin vaccine have struggled because heroin is metabolized into multiple substances that each produce psychoactive effects. To overcome this problem the researchers, led by the study's principal investigator, Kim D. Janda, targeted not just the heroin itself, but also the chemical it quickly degrades into, 6-acetylmorphine (6AM), and morphine.

They linked a heroin-like hapten (a small molecule that elicits an immune response only when attached to a large carrier) to a generic carrier protein called keyhole limpet hemocyanin (KLH), and mixed it with Alum, a vaccine additive, to create a vaccine "cocktail." This mixture slowly degraded in the body, exposing the immune system to different psychoactive metabolites of heroin such as 6AM and morphine.

"Critically, the vaccine produces antibodies to a constantly changing drug target," said G. Neil Stowe, who is first author of the new study. "Such an approach has never before been engaged with drug-of-abuse vaccines."

Testing the vaccine on rats provided promising results. After several booster shots of the vaccine, heroin addicted rates were found to be less likely to self-administer heroin by pressing on a lever. Only three of the seven rats that received the vaccine self-administered heroin compared to all of the control rats, including those that had been given a vaccine that only targeted morphine.

The team also found that the heroin vaccine was highly specific, only producing an antibody response to heroin and 6AM and not to other opioid-related drugs tested, such as oxycodone, and drugs used to treat opioid dependence, such as methadone, naltrexone, and naloxone.

"The importance of this is that it indicates these vaccines could be used in combination with other heroin rehabilitation therapies," said Janda.

"In my 25 years of making drug-of-abuse vaccines, I haven't seen such a strong immune response as I have with what we term a dynamic anti-heroin vaccine," Janda added. "It is just extremely effective. The hope is that such a protective vaccine will be an effective therapeutic option for those trying to break their addiction to heroin."

The Scripps Research team has also recently begun collaborating with researchers at Walter Reed Army Institute of Research to see if it is feasible to develop a dual-purpose vaccine against HIV and for the treatment of heroin addiction in a single shot.

Source: GizMag

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Ma questo di cui si parla oggi su Nature è diverso da tutti gli altri: più che rappezzarsi, infatti, potrebbe essere in grado di rigenerarsi come fosse un vero e proprio organismo vivente. In pratica, potrebbe comportarsi come una lucertola che si fa ricrescere la coda.

Detail-replicatingpatterns

Siamo ancora molto lontani da tutto ciò, ma la ricerca, frutto del lavoro di chimici e fisici della New York University (Usa), dimostra che si è sulla buona strada. Per ora, gli scienziati hanno creato un dna artificiale in grado di replicarsi da solo. Per capire cosa sia stato fatto esattamente bisogna ricordare che in natura il dna è formato da due filamenti appaiati e avvolti in una doppia elica. L’appaiamento non è casuale, ma dipende dalla disposizione delle quattro unità fondamentali del dna, chiamate nucleotidi: adenina (A), guanina (G), timina (T) e citosina (C). Queste unità devono appaiarsi due a due secondo regole di complementarietà: A con T, C con G.

Il dna artificiale creato nei lab della Nyu è completamente diverso, ma si basa sullo stesso concetto di complementarietà. Invece di usare solo 4 nucleotidi, i ricercatori ne hanno scelti 7 e, invece di avvolgere solo 2 filamenti, ne hanno intrecciati 4 in una struttura che nel complesso presenta 3 doppie eliche. Questa molecola, chiamata Btx (dall’inglese Bent triple helix) è in grado di legarsi a un’altra Btx complementare, in una configurazione molto complessa di 10 doppie eliche in tutto (tre della prima Btx da una parte, 3 della seconda Btx dall’altra, raccordate da altre 4 doppie eliche più corte). In questo modo, le combinazioni possono essere migliaia.

A questo punto, per arrivare a un ipotetico materiale auto-rigenerante era necessario disporre di una sequenza di Btx che potesse replicare se stessa in modo perfetto. Ecco come hanno proceduto i ricercatori: hanno creato una prima struttura di 7 Btx definita progenitrice e l’hanno posta in una soluzione chimica contenente altre singole Btx; la progenitrice ha allora dato il via all’assemblaggio di una nuova sequenza di Btx a lei complementare: la figlia; a quel punto le due sequenze sono state separate attraverso shock termico (riscaldando la soluzione a 40°C) e la figlia è stata riutilizzata per promuovere l’assemblamento di un’altra sequenza a lei complementare, la nipote, che, giocoforza, era identica alla progenitrice.

Quello messo a punto dagli scienziati è dunque un processo di replicazione a tutti gli effetti, anche se di naturale c’è ben poco: non lo è il materiale genetico, né l’apparato molecolare necessario al processo (per esempio gli enzimi).

“Questo è il primo passo verso la creazione di materiali autoreplicanti di composizione arbitraria”, ha commentato Paul Chaikin, uno degli autori dello studio: “Il prossimo obiettivo sarà una replicazione che non duri solo per poche generazioni, ma abbastanza a lungo da favorire una crescita esponenziale”.

In effetti, per ora il processo funziona grazie alle manipolazioni chimiche e termiche innescate dall’esterno e ha una durata limitata. Indubbiamente, però, per la prima volta è stato dimostrato che la capacità di autoreplicarsi non è esclusiva di molecole biologiche come dna e rna, ma può appartenere anche a strutture artificiali che possono, in teoria, assumere forme e caratteristiche funzionali diverse.

Via: Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

... CONTINUA. LEGATURA AICI.

Tom Curtis

Sau poate ca explicatia e alta... Poate ca lumea, masele, tu si cu mine, suntem considerati prea prosti pentru a întelege o tema atât de complexa. Nu avem cunostintele si am putea trage concluzii grabite si gresite, ... cum ca vaccinurile ar fi rele ... ca stiinta ar face greata...

Dar de ce nu putem fi considerate persoane adulte, capabile de a întelege, a reflecta, a decide liberi? Cred ca daca lucrurile sunt explicate cu calm si claritate se pot întelege. Poate costa mai mult sa explici bine, dar pe urma are de câstigat întreaga societate.

Cine stie, poate ca asa a gândit Tom Curtis, când în martie 1992 trimite la tiparit articolul sau despre teoria vaccinului oral antipolio: “Originea SIDA. O noua surprinzatoare teorie încearca sa raspunda întrebarii: ‘A fost un act divin sau mâna omului?’”

Si unde publica Tom Curtis? În Rolling Stone!


Capitolul al Patrulea: suprimare disidentei

Louis Pascal

În 1987, un cercetator independent pe nume Louis Pascal, ajunge sa formuleze aceeasi teorie despre originea SIDA: vaccinuri antipolio, SV40, experimente în Congo si tot restul. Scrie un articol si îl expediaza la 13 biologi  si cercetatori din câmpul SIDA: Nici o reactie.

Dupa care trimite manuscrisul la trei reviste stiintifice: una refuza fara sa motiveze, alta pentru ca retine teoria neplauzibila si cea de a treia nu raspunde. O alta versiune este acceptata de o revista medicala africana, care însa falimenteaza înainte de a publica. Atunci acest Pascal scrie unei reviste de etica medicala, care refuza pentru ca articolul este prea lung.

În sfârsit, acest lung articol este publicat în decembrie 1991, pe lânga o universitate australiana, dupa mai bine de patru ani si doar pentru ca un profesor pe nume Brian Martin considera ca Pascal este victima a ceea ce el numeste “suprimarea disidentei”, si anume cenzura sau blocarea unei idei incomode de catre un grup de putere, în acest caz comunitatea stiintifica.

De ce ideile lui Pascal nu erau luate în consideratie? Poate pentru ca ideile lui Pascal reprezentau o amenintare la imaginea medicinei si a cercetarii medicale? Sau pentru ca Pascal nu este un cercetator profesionist si nu este afiliat la nici o institutie? Daca nu ai o bucata de hârtie sa demonstreze cine esti, nu contezi.

Dar nu, este ca articolele lui Pascal nu sunt scrise într-un stil sec si concis cum este cerut de catre revistele stiintifice. Pascal pune întotdeauna prea multa pasiune. Este vina lui: ar fi trebuit sa respecte regulile revistelor de stiinta!

La sfârsit este însa publicat... 500 de copii? Nimeni nu observa. Dar când dupa putine luni iese articolul lui Curtis în Rolling Stone, lucrurile se schimba. Rolling Stone are un tiraj de sute de mii de copii.

Originea Răului - Istoria unei controversate teorii despre originea SIDA. Un documentar teatral de Christian Biasco - Traducerea si adaptarea: Radu Trofin

VA URMA ... LEGATURA AICI

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

We don't mean to trade in your gas-guzzler for a high mileage vehicle, or swap your Toyota Prius for a Nissan Leaf, or even agree to trundling around in a G-Wiz. In this case, we're talking going automotive cold turkey. What would it take for you to make that jump? Would a lifetime of free public transportation do it for you?

Well, this is what the city of Murcia, Spain is offering. The city is trying to lure residents into a unique trade-in offer: turn over your car, and you get an unlimited pass to the city's new public transportation system.

Like many cities in Europe, Murcia has become a constant traffic jam. Car owners are also finding it harder and harder to find a place to park. City planners in the U.S. might prescribe construction of additional parking lots and new highway lanes as the solution, but Murcia is taking this other route. Sound like a deal?

Source: Autoblog Green

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

È quanto emerge dallo studio condotto dai ricercatori guidati da James C. Engert della McGill University, in Canada, su oltre 27 mila persone di diversa nazionalità. I risultati della ricerca, pubblicati su Plos Medicine, confermano ciò che i biologi sanno da tempo: che siamo il prodotto dell’interazione tra i geni e l’ambiente in cui viviamo. 

Detail-dieta cuore

Il rischio di sviluppare malattie dell’apparato cardiocircolatorio può aumentare a causa di variazioni genetiche a carico di specifiche regioni del Dna. Tra queste, le più rilevanti sono rappresentate da un gruppo di cosiddetti polimorfismi a singolo nucleotide (Snps, cioè differenze negli elementi che costituiscono il Dna) localizzati in una regione cromosomica chiamata 9p21. Ma non è ancora chiaro se e in che misura fattori ambientali come la dieta possano influire sul profilo genetico. Inoltre la maggior parte degli studi condotti finora ha riguardato campioni di popolazione omogenei, appartenenti per lo più al ceppo europeo.

L’equipe di Engert ha analizzato invece il Dna di oltre otto mila soggetti (Europei, Asiatici, Cinesi, Latinoamericani, Arabi) coinvolti nel progetto Interheart, uno studio che investiga sui rischi di infarto del miocardio. Ha così individuato quattro Snps particolarmente critici. Nelle persone che  possiedono queste varianti, infatti, la probabilità di un attacco di cuore aumenta di un quinto. Ma l’effetto negativo di questi polimorfismi può essere mitigato da una buona alimentazione (soprattutto per il Snp chiamato rs2383206). A parità di dieta poco equilibrata, infatti, i pazienti portatori della variante rs2383206 hanno il doppio delle possibilità di essere colpiti da infarto rispetto alle persone senza predisposizione genetica. Tuttavia, se la dieta è ricca di frutta e verdura, il rischio di un attacco di cuore diventa uguale in tutti i soggetti, a prescindere dal profilo genetico.

Gli stessi risultati sono emersi dall’analisi genetico-ambientale di oltre 19 mila finlandesi coinvolti in un progetto analogo all’Interheart. Anche se bisognerà replicare i risultati su un campione più ampio, lo studio dimostra comunque che, anche nelle malattie, l’azione dei geni non è mai isolata, ma risente dell’influenza dell’ambiente circostante.

Riferimenti: PLoS Med doi:10.1371/journal.pmed.1001106

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

"Stefan Molyneux may be perhaps the most eloquent "red pill" in the alternative media. A self-described philosopher, Molyneux has a strong knowledge of history and a core compass reading of freedom and non-violence.  He hosts a popular radio broadcast on his FreedomainRadio; his Youtube uploads have been viewed over 6 million times on his channel alone, and his site claims over 25 million downloads making his ideas the "largest and most popular philosophical conversation in the world."  His articles can be seen on mega-sites like Lew Rockwell and others; he has published several books on the philosophy of liberty and non-violence (many of which are offered FREE from his site) and how they apply in today's world, and he is a frequent guest on RT's Adam Vs. The Man  and the Keiser Report.  Despite his overwhelming knowledge of the corrupt system, Molyneux always remains optimistic in his presentation, which is quite refreshing among all the doom-and-gloom.  Molyneux remains authentic in that he survives solely from donations and book sales -- so please support his efforts.  We expect Molyneux to end up as one of the most important voices of our time."


A drug, broadly speaking, is any substance that, when absorbed into the body of a living organism, alters normal bodily function. There is no single, precise definition, as there are different meanings in drug control law, government regulations, medicine, and colloquial usage.

In pharmacology, a drug is "a chemical substance used in the treatment, cure, prevention, or diagnosis of disease or used to otherwise enhance physical or mental well-being." Drugs may be prescribed for a limited duration, or on a regular basis for chronic disorders.

Recreational drugs are chemical substances that affect the central nervous system, such as opioids or hallucinogens. They may be used for perceived beneficial effects on perception, consciousness, personality, and behavior. Some drugs can cause addiction and/or habituation.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Per capire che non si tratta di una semplice protesta, basta dare uno sguardo al sito della loro campagna: Europe vs Facebook. L'obiettivo della mobilitazione è quello di demolire la barriera impenetrabile che divide gli utenti dal caveau digitale in cui il social network conserva i loro dati sensibili. I pochi che finora ci sono riusciti, sono rimasti a bocca aperta: Facebook detiene più di 800 pagine di informazioni personali per ciascuno dei suoi iscritti.

Detail-credits

I dati a cui hanno avuto accesso gli attivisti sono ben diversi dal semplice memorandum scaricabile da Facebook che riporta foto, video, post, messaggi e chat condivisi sul profilo personale. In realtà, il social network dispone di una quantità di dati di gran lunga maggiore: i suoi archivi comprendono ogni singola informazione - anche se apparentemente cancellata dall'utente - che riguardi messaggi privati, eventi a cui si è partecipato, numero della carta di credito, geotags delle foto e indirizzi IP dei computer usati per connettersi.

Secondo la legislazione europea, ogni cittadino dell'Unione ha diritto ad avere accesso a un elenco di tutti i propri dati sensibili detenuti da una qualsiasi azienda privata presente sul territorio comunitario. Facebook, però, ha la sua sede legale a Palo Alto, dall'altra parte dell'oceano. Un semplice dettaglio geografico che fa cadere nel vuoto ogni tipo di rivendicazione. Ma gli attivisti austriaci non si sono arresi, e hanno trovato una legge a cui appellarsi.

Quando Facebook è sbarcato in Europa lo ha fatto adottando una strategia aziendale ben precisa: creare una succursale Ue nel paese dove avrebbe pagato meno tasse. La scelta è caduta perciò sull'Irlanda, dove è stata fondata la sede legale della affiliata Facebook Ireland Limited. Questo significa che la branca europea di Facebook è soggetta a tutte le leggi comunitarie. In particolare, all'articolo 12 della Direttiva 95/46/Ue, si prevede che le aziende spediscano una copia dei dati sensibili dietro richiesta dei cittadini.

Secondo le disposizioni di legge, Facebook ha a disposizione 40 giorni per soddisfare le richieste degli utenti e spedire loro un Cd contenete un file pdf con tutti i dati sensibili trattenuti. Tuttavia, la succursale irlandese del social network ha ignorato la maggior parte delle richieste pervenute finora (è possibile inoltrarle attraverso questo link), rifiutandosi di rispondere apertamente ai suoi utenti e depistandoli verso lo scarno memorandum online. Chi scrive, per esempio, ha inoltrato la propria domanda formale il 4 ottobre. Sono passati dieci giorni e Facebook non ha ancora dato alcuna risposta. Tuttavia, manca un mese allo scadere del termine di legge.

Gli attivisti puntano il dito contro il comportamento poco rispettoso da parte dell’azienda, che non terrebbe conto del diritto a conoscere quali siano - e come vengano trattate - le informazioni personali conservate nei suoi archivi. Al centro della contesa ci sono soprattutto i dati sensibili che si credevano rimossi ma che sopravvivono ancora nei database del social network. Che fine farebbero le informazioni personali degli utenti - si chiede il gruppo austriaco - se un attacco hacker riuscisse a svaligiare i server del social network?

Il 19 settembre, dopo aver invitato gli utenti europei a sostenere le loro richieste per ottenere i dati completi, Europe vs Facebook ha inoltrato all'ufficio irlandese per il Data Protection l'ultimo di una ventina di richiami nei confronti del social network. Secondo gli attivisti, l'azienda di Palo Alto non rispetterebbe a pieno la tutela della privacy garantita dalle leggi europee. Ora toccherà all'autorità irlandese decidere se accogliere le rimostranze degli utenti e procedere con delle sanzioni.

Fonte: galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

< luglio 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
29
30
31
     
             

Titolo
en - Global Observatory (568)
en - Science and Society (555)
en - Video Alert (321)
it - Osservatorio Globale (500)
it - Scienze e Societa (552)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (362)
ro - Stiinta si Societate (447)
ro - TV Network (132)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
right on!!
12/07/2014 @ 20:07:45
By Brian Barton
Cannabis is the best medicine in nature. Best everything. But shit, thc is important to!
10/07/2014 @ 13:26:01
By Jason Bond
Keys
06/07/2014 @ 02:59:37
By Altan
Thanks I was just looking for a recipe - gotta love the way the Spirit moves
04/07/2014 @ 19:06:54
By Ginamarie Pezzi
unfortunately that is a reality these days - we humans - especially in the west - only want to hear "a" truth that fits our own limited perspective rather than one that is open & is truth in many ...
04/07/2014 @ 18:57:31
By Ginamarie Pezzi
CON L'UMANITŕ COSě MESSA CI MANCANO LE DROGHE ?
03/07/2014 @ 08:48:35
By Anna Forte
Mmmmm candy
02/07/2014 @ 12:26:50
By Drizzy Dre


Titolo




Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.




Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.




Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.



Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Azarius offers regular kanna herb as well as a variety of more potent kanna extracts.

These extracts of well-known herbs contain a higher concentration of the active substances which makes their effects stronger than the herbs themselves.

Category lists all our herbs under our Herbs of the Gods label, which includes some potent herbal extracts. Where to Buy?

Turismo Associati's partner shop Azarius offers legal highs, supplements and formulas for whatever mood you're in.

Kratom (Mitragyna speciosa) is indigenous to Thailand and Malaysia where it is used as a substitute for opium. The main alkaloid in kratom is mitragynine, known for its positive effects on one's mood.

Salvia divinorum is available in the form of leaves, standardized extracts of varying potencies, live Salvia plant cuttings as well as in our special trial packs.

Dollar Tree to buy Family Dollar for $8.5 billion

Hague court orders Russia to pay over $50 billion in Yukos case

Gaza fighting abates as diplomatic tension flares

South Korean teens tell how they were left to escape sinking ferry

Australian police to renew bid to access Ukraine crash site

Obama could curb corporate 'inversions' on his own: ex-U.S. official

Ultimele articole - Antena3.roCutiile negre confirma: Prabusirea avionului malaysian, provocata de o depresurizare cauzata de explozia unei rachete

Tunis: o adevarata atractie turistica

Ministrul Sanatatii neaga majorarea contributiilor la Sanatate: NU vor fi majorate nici în acest an si nici în anii urmatori

Fortele ucrainene au intrat în mai multe orase din zona unde s-a prabusit avionul malaysian

Vedeta alimentatiei de vara si cele 10 beneficii uluitoare ale sale: pepenele rosu

„Toate pânzele sus” - O evadare imaginara din Epoca de Aur





28/07/2014 @ 14.20.57
script eseguito in 1156 ms