Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Se pensavate che il laser fosse una prerogativa della fisica e dell’ingegneria dovrete ricredervi: va conteggiata anche la biologia. I ricercatori dell’ Harvard Medical School, capeggiati da Seok-Hyun Yun e Malte Gather, sono infatti riusciti per la prima volta a creare un laser vivente. Gli ingredienti? Una cellula umana, una proteina fluorescente di una medusa e due piccoli specchi, il tutto assemblato insieme per produrre un fascio laser verde visibile a occhio nudo. La scoperta, che potrebbe migliorare le tecniche di imaging, è stata presentata sulle pagine di Nature Photonics.

Detail-laser-vivente

Perché un laser (l’acronimo per Light Amplification by Stimulated Emission of Radiation, ovvero amplificazione luminosa per mezzo di emissione stimolata di radiazioni) sia considerato tale è necessari che soddisfi due requisiti: primo, deve avere un mezzo che permetta di amplificare la luce (come gas e cristalli); secondo, deve essere presente una cavità ottica (due specchi, uno riflettente e uno semiriflettente, che racchiudano il mezzo di amplificazione) all’interno della quale la radiazione possa rimbalzare e allinearsi, fino a emergere in uno stretto fascio di luce.

Per il loro laser biologico, i ricercatori dell’Harvard Medical School hanno sostituito il mezzo di amplificazione con una proteina estratta dalla medusa Aequorea victoria, la Green Fluorescent Protein (Gfp, ampiamente utilizzata in biologia molecolare come tracciante luminoso, perché emette luce verde se illuminata con radiazione bluastra). La Gfp è stata quindi inserita, tramite tecniche di ingegneria genetica, all’interno di una cellula embrionale umana di rene, a sua volta montata all’interno di una camera ottica larga appena 20 micrometri.

Una volta costruito il laser, i ricercatori non hanno dovuto far altro che accenderlo: illuminando la cellula con luce blu, la GFP ha cominciato a emettere una radiazione verde, che rimbalzando all’interno della cavità ottica, si è allineata fino a emergere come uno stretto fascio di luce dallo specchio semiriflettente. Inoltre, durante il periodo in cui il laser biologico è stato acceso, la cellula non è stata affatto danneggiata dal processo di emissione stimolata di radiazione.

La tecnica potrebbe essere utilizzata per rivoluzionare i metodi di imaging, sia a livello della singola cellula laser (la luce emessa dipende dalla struttura e dalla composizione della cellula stessa) sia a livello dei tessuti e degli organi. In questo caso infatti, se in futuro fosse possibile creare dei laser viventi all’interno degli organismi, si potrebbero ottenere immagini più dettagliate rispetto a quelle oggi disponibili con la tomografia ottica a radiazione coerente (Oct).

Riferimenti: wired.it - Credits immagine: Malte Gather

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

 Povestea incepe de la sumerieni, care utilizau frunzele de salcie impotriva durerilor. Mult mai tarziu, insusi Hipocrate recomanda decoctul din coaja de salcie pentru combaterea febrei, la fel ca vechii amerindieni. Totusi, abia in secolul al XVIII-lea a inceput studierea mai riguroasa a acestui remediu extraordinar, brevetarea ca medicament numit Aspirina facandu-se si mai tarziu, in anul 1899. Din 1900, celebra firma Bayer a inceput fabricarea lui.

De la Pamant, la Luna

Aspirina e raspandita astazi pe tot globul, anual fabricandu-se peste 10.000 de tone. Ca amanunt insolit, se cuvine sa amintim ca ea a insotit si astronautii americani, in 1969, pe Luna. Prima sa indicatie este impotriva durerii si a febrei. Ca analgezic, combate cel mai bine durerile de cap, de dinti si de spate. Contribuind la scaderea febrei, potrivit medicilor este absolut necesara in tratarea sugarilor, pentru evitarea deshidratarii si a convulsiilor, foarte periculoase la aceasta varsta. De la 38-38,5sC, li se administreaza sugarilor aspirina pudra, in functie de greutate, dizolvata in apa, lapte sau suc de fructe. In bolile virale, aspirina este totusi contraindicata sub 12 ani, inlocuindu-se de obicei cu paracetamol. Luata in doze mari, este si un puternic antiinflamator si de aceea se utilizeaza in reumatisme, insa fara a se depasi 3 grame pe zi.

Sprijin pentru creier si inima

Blocarea producerii de prostaglandine (hormoni transmitatori ai durerii si responsabili cu inflamarea tesuturilor lovite) se realizeaza tot cu aspirina. Problema este ca in doze mari si cu precadere la varstnici antreneaza efecte secundare, ca tulburarile digestive, hemoragiile gastrice si cand mucoasa gastrica este protejata. O protectie sporita este asigurata de aspirina tamponata, a carei aciditate e in buna parte neutralizata, ceea ce o face mai putin agresiva fata de stomac. Ea este recomandata de obicei in cazul copiilor, varstnicilor si celor care, dupa examenul medical avizat, trebuie sa consume zilnic doze ridicate.

In doze mici, aspirina are proprietatea de a impiedica deopotriva coagularea sangelui si formarea de cheaguri in vasele sangvine, despre care se stie foarte bine ca este un proces periculos, chiar cu potential letal. De aceea, anumitor persoane li se prescrie aspirina pentru prevenirea atacurilor cerebrale si cardiace. Exista de altfel studii care demonstreaza eficacitatea sa la pacienti spitalizati in urma unui accident vascular cerebral, rata mortalitatii scazand cu 30% la cei tratati.

Prudenta in consum

Pe de alta parte, intrucat fluidifica sangele, aspirina nu trebuie luata inaintea interventiilor chirurgicale, de femei in timpul ciclului lunar, in cazul existentei unei rani destul de grave sau atunci cand poate aparea o hemoragie. Aspirina nu trebuie ingerata nici daca s-a consumat alcool; s-a demonstrat ca o masa bine „stropita” cu bautura creste alcoolemia, daca medicamentul s-a luat fie inainte, fie in timp ce se manca. In caz ca excesele bahice dau dureri de cap, trebuie asteptat cel putin patru ore, inainte sa se ia aspirina.

Paracetamolul nu reprezinta o alternativa, din cauza impactului negativ asupra ficatului, daca se combina cu alcool. Nici femeile insarcinate nu trebuie sa uite de prudenta, cand se pune problema folosirii aspirinei. Se banuieste ca aceasta ar putea produce malformatii la fat, ca si afectiuni renale sau cardiace. Luat in ultimul trimestru de sarcina, medicamentul poate inhiba contractiile uterine ori poate determina sangerari, si mamei, si copilului.

*  *  *

Este aspirina arma absoluta in tratarea durerilor? Numeroase teste si studii au dat rezultate incurajatoare in cazul unor asemenea suferinte de origine articulara si musculara. Trebuie sa se tina cont totusi de un adevar universal valabil: nu suntem toti egali (nici) in fata durerii. In consecinta, nici tratamentul nu va fi unul singur, ideea care atrage tot mai multi adepti fiind aceea a unui tratament personalizat pentru fiecare pacient in parte. Parametrii reali ii va stabili insa numai medicul.

Autor: ADRIAN-NICOLAE POPESCU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Developed by an interdisciplinary team at the University of Alberta and Canada's National Institute for Nanotechnology, this new process was developed to address some of the problems associated with the introduction of stainless steel into the human body.

Implanted biomedical devices, such as cardiac stents, are implanted in over 2 million people every year, with the majority made from stainless steel. Stainless steel has many benefits -- strength, generally stability, and the ability to maintain the required shape long after it has been implanted. But, it can also cause severe problems, including blood clotting if implanted in an artery, or an allergenic response due to release of metal ions such as nickel ions.

The University of Alberta campus is home to a highly multidisciplinary group of researchers, the CIHR Team in for Glyconanotechnology in Transplantation, that is looking to develop new synthetic nanomaterials that modify the body's immune response before an organ transplant. The ultimate goal is to allow cross-blood type organ transplants, meaning that blood types would not necessarily need to be matched between donor and recipient when an organ becomes available for transplantation. Developing new nanomaterials that engage and interact with the body's immune system are an important step in the process. In order to overcome the complex range of requirements and issues, the project team drew on expertise from three major areas: surface science chemistry and engineering, carbohydrate chemistry, and immunology and medicine.

For the transplantation goals of the project, sophisticated carbohydrate (sugar) molecules needed to be attached to the stainless steel surface to bring about the necessary interaction with the body's immune system. Its inherent stainless characteristic makes stainless steel a difficult material to augment with new functions, particularly with the controlled and close-to-perfect coverage needed for biomedical implants. The Edmonton-based team found that by first coating the surface of the stainless steel with a very thin layer (60 atoms deep) of glass silica using a technique available at the National Institute for Nanotechnology, called Atomic Layer Deposition (ALD), they could overcome the inherent non-reactivity of the stainless steel. The silica provide a well-defined "chemical handle" through which the carbohydrate molecules, prepared in the Alberta Ingenuity Centre for Carbohydrate Science, could be attached. Once the stainless steel had been controlled, the researchers demonstrated that the carbohydrate molecules covered the stainless steel in a highly controlled way, and in the correct orientation to interact with the immune system.

Source: Science Daily

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 10/09/2011 @ 11:00:22, in ro - Observator Global, read 750 times)

 Considerata una dintre cele mai frumoase asezari din Europa, capitala Ungariei, Budapesta, inalta spre soare o multime de statui, de parcuri, de biserici si palate. Printre acestea din urma se numara Muzeul de Istorie Nationala, al carui inceput poate fi datat in anul 1802 cand contele Ferenc Széchény a donat natiunii intreaga colectie de monede, manuscrise, carti rare, antichitati si cateva portrete, obtinand in acest scop aprobarea si sprijinul imparatului Franz Joseph.

La inceput, exponatele au fost gazduite in vechea manastire Paulina pentru ca apoi sa fie mutate la Universitate. In 1867 Dieta accepta statutul din institutie nationala pentru muzeu si donatiile publice se inmultesc. In 1832 se hotaraste alocarea sumei de o jumatate de milion pentru construirea unui nou sediu al muzeului.

Lucrarea este incredintata arhitectului Mihály Pollack si munca se desfasoara intre 1837-1847. Constructia a fost intrerupta in 1938 in timpul unei inundatii catastrofale, dar a fost gata la timp pentru a sluji ca fundal adunarii populare din 15 martie 1848, care a marcat inceputul revolutiei. Cu aceasta ocazie marele poet Sandor Petöfi recita imnul national si exemplare ale acestuia sunt impartite in public, momentul fiind considerat adevarata inaugurare a cladirii, mai presus decat orice alta ceremonie oficiala. De atunci muzeul a devenit un simbol al libertatii nationale pentru ca in parcul din fata lui se aduna locuitorii orasului pentru diverse adunari si pentru a sarbatori ziua nationala.

Muzeul are o inaltime de 24 metri, ocupa o suprafata de 7894 mp si o fatada cu coloane corintiene. Timpanul a fost realizat de sculptorul Raffael Monti din Milano si reprezinta o alegorie sugestiva. In centru se afla Pannonia avand la dreapta Stiinta si Arta si la stanga Istoria si Faima. Sculptura din coltul drept reprezinta Dunarea iar cea din coltul stang, Drava. Interiorul a fost realizat in stil clasic. Peretii si tavanul scarilor principale prezinta impresionante fresce alegorice opere ale lui Károly Lotz si Már Thau.

La parterul muzeului sunt expuse bijuteriile Coroanei Ungare, insemne ale puterii incepand cu coroana Sfantului Stefan si cea bizantina a imparatului Mihail Ducas. Tot aici se afla un tron de marmura rosie, obiecte de cult, arme si piese de mobilier. Sunt evocate domnia regelui Mathias, Rascoala lui Gheorghe Doja, batalia de la Mohács, perioada intunecata de dominatie otomana.

Salile de la etaj continua sa evoce istoria zbuciumata a tarii, de o importanta deosebita fiind cele inchinate anilor 1848, 1867, 1918. In parcul muzeului multe personalitati maghiare: scriitori, oameni de stiinta, artisti au propriile lor memoriale. In fata intrarii se afla monumentul poetului János Arany, ridicat in 1893 din bronz, pe un soclu de calcar.

Organizat cronologic si tematic, muzeul iti ofera o imagine ampla a istoriei Ungariei reprezentand munca unor echipe de istorici, arheologi, muzeografi, pe parcursul a doua secole de lupte si rasturnari spectaculoase. Cu toate distrugerile suferite in timpul celui de-al Doilea Razboi Mondial, Muzeul de Istorie Nationala si-a recapatat stralucirea de odinioara, impresionand atat prin eleganta constructiei si aerul ei impunator, cat si prin valoarea exponatelor acoperind secole de convulsii si de viata.

IRINA STOICA - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 10/09/2011 @ 08:00:23, in it - Scienze e Societa, read 793 times)

Il 6 giugno 2011 la Società Italiana della Contraccezione (SIC) e la Società Medica Italiana per la Contraccezione (SMIC) hanno redatto un documento comune, dal titolo “Position paper sulla contraccezione d’emergenza per via orale”.

Il documento illustra in primo luogo la definizione di contraccezione d’emergenza dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: “La contraccezione d’emergenza si definisce come “metodica contraccettiva”, poiché può solo prevenire e non interrompere una gravidanza”. Va assunta in caso di un rapporto sessuale non protetto o nel caso in cui sia stato usato scorrettamente un altro mezzo contraccettivo. L’effetto sarà inversamente proporzionale al tempo trascorso tra il rapporto a rischio e l’assunzione del farmaco.

Dopo le descrizioni tecniche sulle confezioni disponibili in Italia e autorizzate dall’Aifa, il documento si sofferma sulla questione più importante: come funziona la contraccezione d’emergenza. Nel paragrafo intitolato “Meccanismo d’azione della contraccezione d’emergenza” si afferma: “È ampiamente dimostrato che il LNG [levonorgestrel], quando somministrato in fase preovulatoria, interferisce con il processo ovulatorio, per inibizione o disfunzione dello stesso, e previene quindi la fertilizzazione. In particolare, se somministrato prima del picco preovulatorio di LH, È in grado di impedire l’ovulazione nella maggior parte dei casi. Inoltre, è stato evidenziato che nelle donne che assumono il LNG quando i parametri clinici, ecografici ed ormonali sono diagnostici di ovulazione già avvenuta, il LNG non ha alcun effetto. È evidente quindi che il LNG non interferisce con l’impianto dell’embrione, una volta avvenuta la fertilizzazione; ciò, non causa aborto, né è in grado di danneggiare una gravidanza in atto” (il corsivo è mio).

Non esiste una normativa ad hoc e, in modo condivisibile, il documento rimanda a due leggi: quella del 1975 sui consultori familiari (legge 405 del 29 luglio 1975; prima di allora i contraccettivi erano illegali) e quella del 1978 sulla interruzione volontaria di gravidanza (legge 194 del 22 maggio 1978). Queste leggi garantiscono l’accesso ai mezzi contraccettivi. Non solo: il Comunicato del Ministero della Sanità n. 254 del 1 novembre 2000 afferma esplicitamente che “l’uso di questa pillola non viola la legge dello Stato…il farmaco oggi a disposizione…si concretizza come un mezzo di prevenzione dell’aborto e sottrae la donna al rischio di trovarsi di fronte a scelte drammatiche”.

E ancora “nel documento di schema d’Intesa Stato–Regioni per una migliore applicazione della Legge 194, del 15 febbraio 2008, in cui si sottolinea la necessità di:

- Garantire congruo orario di apertura del Servizio Consultoriale, anche prevedendo l’accoglienza senza appuntamento, con carattere di precedenza, per alcune richieste come: contraccezione d’emergenza, inserimento di IUD, richiesta di certificazione urgente per interruzione volontaria di gravidanza;

- Prevedere la prescrizione della “contraccezione d’emergenza”, oltre che nei servizi consultoriali, anche nei Pronto Soccorso e nei servizi di continuità assistenziale (guardia medica).

Ben definito è quindi il diritto della donna alla prescrizione della contraccezione d’emergenza”.

Non è controversa nemmeno la possibilità di prescrivere e somministrare la contraccezione d’emergenza alle minori, ma è oggetto di discussione l’età minima - che per molti è 13 anni, età segnalata dalla legge 66/1996 sulla violenza sessuale (“non è punibile il minorenne che, al di fuori delle ipotesi previste nell’art. 609-bis, compie atti sessuali con un minorenne che abbia compiuto gli anni 13, se la differenza di età tra i soggetti non è superiore ai tre anni”).

Il documento nomina anche l’obiezione di coscienza e i due documenti del Comitato Nazionale per la Bioetica al riguardo (la Nota sulla contraccezione d’emergenza del 2004 e il parere del 2011 che commenteremo in seguito). Non è però affatto chiaro il motivo per cui sarebbe lecito sottrarsi alla prescrizione o alla vendita, nel caso dei farmacisti, di un contraccettivo. O meglio, sembra essere difficilmente giustificabile senza violare il diritto di procurarsi un prodotto legale e che non può essere neanche più accusato di provocare un aborto né di avere un effetto sull’ovocita fecondato e non ancora impiantato (sull’impianto si gioca la possibilità di indicare l’inizio della gravidanza: la questione però cade in questo caso, perché il levonorgestrel non ha effetto in entrambi i casi).

Il paper si chiude con alcune indicazioni tecniche e la bibliografia, ricca di riferimenti e particolarmente utile per evitare una pessima abitudine: esprimere un parere senza conoscere la letteratura, in questo caso medica e scientifica, in proposito.

Perché questo paper è importante? Perché molte volte i farmacisti si sono rifiutati di vendere la cosiddetta pillola del giorno dopo e alcuni medici di prescriverla. Come si ricorda nel comunicato stampa sul paper “Le difficoltà per le donne di reperire la ricetta per il contraccettivo d’emergenza sono state confermate anche di recente dal rapporto “Sos Pillola del giorno dopo” dell’Associazione Vita di Donna, dal quale emerge che oltre il 50% delle circa 8.000 persone che si sono rivolte al servizio in 3 anni lo ha fatto dopo essersi visto negare la prescrizione del farmaco. Secondo i dati raccolti, tra i medici che hanno rifiutato la ricetta il 34% lavora al pronto soccorso, il 30% alla guardia medica il 25% nei consultori e l’11% sono medici di famiglia”.

Perché il Comitato Nazionale per la Bioetica si è espresso nell’ultimo parere giocando sulla incertezza dell’effetto contraccettivo - come escludere l’effetto abortivo? Perché, come già sottolineato, il dibattito è caratterizzato spesso dall’ignoranza dell’oggetto di cui si discute e sul quale si dovrebbe decidere l’ammissibilità morale (e poi legale).

Alcuni documenti renderanno più chiaro il panorama in cui questo paper cerca di mettere ordine e la necessità di far conoscere il contenuto. Prima di tutto è utile ricordare quanto stabilito in Pichon and Sapious v. France (Corte europea dei diritti umani, 7 giugno 1999): la Corte ha stabilito che un farmacista che rifiuta di vendere i contraccettivi non può imporre la propria visione del mondo agli altri e che il diritto alla libertà religiosa - diritto individuale sacrosanto e strettamente intrecciato alla coscienza - non garantisce il diritto di comportarsi pubblicamente secondo le proprie credenze. “As long as the sale of contraceptives is legal and occurs on medical prescription nowhere other than in a pharmacy, the applicants cannot give precedence to their religious beliefs and impose them on others as justification for their refusal to sell such products, since they can manifest those beliefs in many ways outside the professional sphere”. Quando decido di fare il farmacista, o il medico o l’avvocato, la mia coscienza individuale non può pretendere di essere quella cui tutti gli altri dovrebbero sottostare o conformarsi. La scelta di una professione implica dei doveri e la considerazione che stiamo agendo su un piano pubblico in cui non possiamo agire egoisticamente e autisticamente. In un caso del genere invocare la libertà di coscienza è disonesto.

L’ultimo parere del Comitato Nazionale per la Bioetica sulla cosiddetta pillola del giorno dopo nasce così: “Lo scorso 25 febbraio, sollecitato da un quesito del deputato Udc Luisa Capitanio Santolini, al Comitato Nazionale per la Bioetica è stato chiesto di esprimersi riguardo alla possibilità per i farmacisti di fare obiezione di coscienza sulla cosiddetta pillola del giorno dopo, ovvero sulla possibilità di non vendere quei farmaci di emergenza «per i quali nel foglio illustrativo non si esclude la possibilità di un meccanismo d’azione che porti all’eliminazione di un embrione umano»”, ma i recenti studi, come abbiamo visto, sì, lo escludono eppure sono ignorati da Santolini e dai sostenitori della obiezione di coscienza.

“Il farmacista - continua il parere del Comitato Nazionale per la Bioetica - in quanto cittadino in una società democratica caratterizzata dal pluralismo etico, ha il diritto di non compiere una azione, indicata come scientificamente capace in determinate circostanze fisiologiche di impedire lo sviluppo di un embrione umano, quando questa confligga con i propri convincimenti morali circa il rispetto e la tutela che sono dovuti all’essere umano sin dall’inizio del suo sviluppo”.

Ma in quanto farmacista? Nessuno lo chiede solo in quanto cittadino, ma in quanto farmacista - ruolo liberamente scelto e che non può non avere regole e doveri, a meno che non si scelga di introdurre nella società civile e nella organizzazione dello Stato la legge dell’arbitrio. Proprio come i ristoranti o gli alberghi - e chi vi lavora - devono rispettare regole e doveri, i medici e i farmacisti devono mettere da parte la pretesa paternalistica di imporre il proprio punto di vista. Naturalmente vi saranno argomenti controversi, ma la contraccezione non sembra poter rientrare tra questi.

Almeno il Comitato Nazionale per la Bioetica vede il rischio: “Se si riconoscesse sul piano legislativo al farmacista il diritto all’obiezione di coscienza - attraverso il rifiuto di spedire prescrizioni mediche della c.d. pillola del giorno dopo - gli si conferirebbe una duplice facoltà: da un lato, di censurare l’operato del medico cui risale la prescrizione, che si presume redatta “in scienza e coscienza”; dall’altro, di interferire nella sfera privata e più intima della donna impedendone di fatto l’autodeterminazione. In entrambi i casi si deve rilevare come si crei una lesione dell’altrui diritto, con eventuali rischi - anche gravi - per la salute psicofisica della donna. Il farmacista, lungi dal rivestire un ruolo secondario e indiretto, finirebbe con l’assumere un ruolo decisionale, supervisionando la valutazione del medico e le scelte della donna senza un’approfondita conoscenza delle complessità delle ragioni e delle condizioni - mediche e esistenziali - che hanno motivato l’uno e l’altra”. Tuttavia non sembra preoccuparsene, lasciando ad altri il compito di pensare ai mezzi per garantire il diritto del richiedente e sorvolando sull’effetto esclusivamente contraccettivo.

Qualche anno fa Ellen Goodman sottolineava un altro aspetto importante (Dispensing Morality, The Washington Post, April 9, 2005), ovvero la pretesa di sottrarsi al proprio dovere senza pagare le conseguenze: “Indeed, in a conflict between your job and your ethics, you can quit. It happens every day. When Thoreau refused to pay taxes as a war protest, remember, he went to jail. What the pharmacists and others are asking for is conscience without consequence. The plea to protect their conscience is a thinly veiled ploy for conquest. [...] the drugstore is not an altar. The last time I looked, the pharmacist’s license did not include the right to dispense morality”.

Insomma nel caso della contraccezione d’emergenza, la libertà di coscienza non c’entra nulla con l’esercizio della obiezione di coscienza. Se non consideriamo i doveri professionali derivanti da una libera scelta, trasformiamo l’esercizio della nostra libertà in privilegio e oppressione moralistica.
Ma soprattutto, il paper mette fine alla discussione - protrattasi già troppo a lungo - sul meccanismo d’azione della cosiddetta pillola del giorno dopo.

A questo punto i sostenitori della possibilità di fare obiezione di coscienza sulla contraccezione d’emergenza dovranno inventare qualche altra scusa per giustificare il sottrarsi a un dovere professionale.

Fonte: galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

I meccanismi di causa-effetto non sono noti, ma ormai si conoscono almeno 60 geni coinvolti. Ora quattro nuovi studi, apparsi su Neuron e su Science Translational Medicine, aggiungono importanti mutazioni alla lista.

Detail-genetica autismo

Si tratta delle cosiddette variazioni nel numero di copie (Cnv) di uno stesso gene (che normalmente è ripetuto anche molte volte lungo uno stesso cromosoma): ciò che accade è che pezzetti di Dna vengono duplicati (come in un copia e incolla) oppure cancellati durante la replicazione del genoma. I ricercatori del Cold Spring Harbor Laboratory di New York e della Yale University (New Haven), indipendentemente, hanno individuato centinaia di nuove mutazioni Cvn implicate nello sviluppo dei disturbi autistici, e ne hanno confermate molte altre già note. Anche in passato, infatti, erano state indagate mutazioni di questo tipo (vedi Galileo). Questa volta, però, sono stati analizzati esclusivamente i genomi di famiglie con un solo caso di autismo, in cui manca quindi la componente ereditaria.

Gli scienziati hanno confrontato il genoma di bambini con Dsa con quello dei familiari sani, utilizzando la tecnica del “gene-chip”, che permette di trovare le caratteristiche genetiche che accomunano gli individui affetti da autismo. Entrambi gli studi hanno evidenziato l’esistenza di numerose mutazioni Cnv sporadiche, che si presentano cioè una sola volta nel campione, e di altre che sono invece ricorrenti. È stata inoltre riscontrata una forte associazione tra le mutazioni sui cromosomi 16 e 7 e la presenza della malattia. In particolare, i ricercatori hanno osservato che variazioni nella regione p11.2 del cromosoma 16 sembrano determinare, da sole, più dell’1% dei casi di autismo: si tratta di un valore statisticamente significativo se si considera che, tra le persone affette dalla patologia, raramente vengono rilevate mutazioni analoghe sugli stessi geni. E c’è di più: la perdita di geni in quelle stesse regioni è nota per essere correlata a personalità particolarmente inclini alla socialità. “Aver trovato le prove che l’aumento di materiale genetico in una particolare posizione porta alla minore socialità tipica dei Dsa, mentre la perdita di tale materiale comporta esattamente l’effetto opposto è particolarmente eccitante”, ha sottolineato Matthew W. State della Yale Univerisity.

Un altro importante pezzo del puzzle lo hanno poi aggiunto i ricercatori della Columbia University. Invece che concentrarsi sui geni, gli studiosi sono andati a guardare le interazioni tra le proteine che questi esprimono e le altre proteine dell’organismo. La sorpresa è stata scoprire che la rete di relazioni è la stessa per tutte le mutazioni legate all’autismo analizzate. Non solo: questa rete è implicata nello sviluppo del cervello e, se alterata, viene compromessa la corretta formazione di neuroni e sinapsi. “Questa analisi – scrivono i ricercatori – supporta l’ipotesi che l’alterazione nella creazione delle sinapsi sia al cuore dell’autismo”.

Alla stessa conclusione sono arrivati i genetisti del Baylor College of Medicine e del Jan and Dan Duncan Neurological Research Institute del Texas Children's Hospital. Anche in questo caso, infatti, è emerso che le interazioni tra le proteine prodotte dai geni mutati e le altre proteine dell’organismo, modificando le stesse funzioni biologiche, determinano disturbi comportamentali simili.

Fonte e riferimenti: galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

It seems it might be something as mundane as adding in the tiny forces that occur when minute traces of heat from the plutonium on board the probes bounce off their receiving dishes, creating a counterforce, which in turn, causes the craft to slow; if ever so slightly.

The Pioneer anomaly, as it’s come to be known, has had physicists scratching their heads ever since an astronomer by the name of John Anderson, working for NASA’s Jet Propulsion Laboratory, back in 1980, noticed a discrepancy between the slowdown rate projections for the craft and the rates they were actually experiencing, which led to the basic question, how could both probes be slowing down faster than the laws of physics projected? Possible explanations ranged from unknown mechanical issues with both craft, to dark matter pushing back, to possible flaws in the physics theories themselves.

But now, Frederico Francisco of the Instituto de Plasmas e Fusao Nuclear, Lisbon Portugal and colleagues, as they describe in their paper published inarXiv, seem to have solved the problem using a simple old technology.

Schematics of the configuration of Lambertian sources used to model the lateral walls of the main equipment compartment.

Suspecting that heat was involved, they started with follow-up work by Anderson in 2002 and Slava Turyshev in 2006, also from NASA’s Jet Propulsion Laboratories, who both showed that heat released from the plutonium onboard the spacecraft could very well explain a slowdown. Unfortunately, both concluded that such heat emissions could not possibly account for the amount of slowdown seen. But this was because neither man thought to consider the impact of heat hitting the backside of the satellite dish (antennae) and then bouncing back. Francisco and his team used a computer modeling technique called Phong shading to show how the flow of heat as it was emitted from the main equipment compartment could emanate outwards, eventually bouncing off the back of the dish, resulting in just enough counterforce to explain the gravitational discrepancy.

Case closed, as far as Francisco et al are concerned, but of course this being science, others will have to replicate the results before any sort of consensus can be found.

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 09/09/2011 @ 08:00:18, in ro - Observator Global, read 976 times)

 Spre deosebire de Schliemann sau Arthur Evans, care au descoperit fabuloase tezaure ale regilor din vechime cu pretul unor eforturi uriase si excavand mii de tone de pamant, arheologii viitorului vor beneficia de un ajutor venit... de sus. Acesta le va permite sa localizeze orice urma de edificii si obiecte aflate in adancurile Pamantului si sa sape la sigur, fara eforturi suplimentare.

Primele rezultate in domeniul arheologiei spatiale, cum a mai fost numita aceasta inedita ramura a stiintei moderne, dateaza de acum un deceniu, cand au fost puse in evidenta cu ajutorul satelitilor urmele unui oras antic, in estul Saharei. Dar cea mai recenta performanta in domeniu apartine italienilor Nicola Masini si Rosa Lasaponara, de la Consiliul National pentru Cercetare (CNR) si vizeaza descoperirea in regiunea adiacenta desertului Cahuachi a unor stravechi piramide ascunse sub straturi de noroi si piatra. Analizand imaginile transmise de satelitul Quickbird, cercetatorii peninsulari au relevat existenta unor vaste structuri piramidale acoperite in prezent de vegetatie, de-a lungul raului Nazca, nu departe de ruinele celui mai mare oras construit integral din caramizi de lut din lume.

Misterioasa populatie Nazca

Cu ajutorul imaginilor multispectrale si de inalta rezolutie s-a obtinut vizualizarea unor piramide care nu putusera fi  identificate prin intermediul imageriei conventionale. „Stim ca multe capetenii importante au fost ingropate aici, sub tumuli piramidali dar acestia s-au erodat, in decursul secolelor, au fost acoperiti cu pamant si acum sunt aproape imposibil de localizat prin procedeele clasice”, spune Masini. Cahuachi este cel mai renumit sit arheologic al civilizatiei Nazca, infloritoare in Peru intre secolul I i.Hr. si secolul V d.Hr si decazand pe masura ce imperiul incas isi incepea ascensiunea.

Faimoase pentru „sculptarea” in desertul peruvian a sute de figuri geometrice si animaliere, ce nu se pot vedea in intregime decat din aer, populatia Nazca a construit Cahuachi ca pe un centru ceremonial, inconjurat de piramide, temple si piete unde preotii isi desfasurau ceremoniile macabre, incluzand si sacrificii umane, ce atrageau locuitori din toata regiunea. Intre anii 300 –350, doua dezastre naturale – o puternica inundatie si un seism devastator – au lovit Cahuachi.

Locul si-a pierdut sacralitatea, in acceptia populatiei Nazca, si a fost abandonat, nu inainte ca localnicii sa astupe cu pamant si nisip piramidele, din motive necunoscute. „Pana in prezent, am scos complet la iveala o structura uriasa, pe care am numit-o Marea Piramida. Un templu terasat si alte doua piramide mai mici se afla intr-o stare avansata de excavatie”, afirma veteranul Giuseppe Orefici, un arheolog care si-a petrecut zeci de ani din  viata explorand Cahuachi si care in prezent colaboreaza cu CNR.

Avand o baza de 100 pe 109 metri, piramida nou descoperita consta in cel putin „patru terase etajate, ce sugereaza similitudini cu piramidele altor populatii amerindiene. „Este foarte probabil ca in interiorul acestor structuri sa descoperim oseminte umane, precizeaza Andrea Drusini, antropolog la Universitatea Padova, cu atat mai mult cu cat sapaturile anterioare au dus la identificarea, pe platoul peruan, a circa 20 de capete retezate, aduse ca sacrificii zeilor. In momentul de fata, arheologii investigheaza noilor piramide scoase la iveala cu ajutorul satelitului, sperand ca ramasitele umane si artefactele pe care cu siguranta le vor gasi in interiorul acestor structuri vor arunca o noua lumina asupra enigmaticei civilizatii Nazca.

Autor: GABRIEL TUDOR

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Quelle che, fino a questo momento, si pensavano essere le "detonazioni" più luminose dell’Universo.

Detail-1746-mosaic_medium

Si tratta di un tipo completamente diverso dalle supernovae conosciute, tanto da meritarsi una categoria a parte, creata da Robert Quimby e dal suo gruppo di astronomi del Californian Institute of Technology, cui va il merito della loro scoperta, raccontata su Nature.

Le supernovae sono esplosioni di stelle morenti o il risultato dello scontro tra due soli. Non passano inosservate perché liberano nell’Universo un’enorme quantità di luce, così intensa da eguagliare (anche se per poco tempo) la luminosità dell’intera galassia che le ospita. Gli astrofisici le classificano in diversi gruppi, a seconda del tipo di radiazione che emettono, rivelatore della composizione chimica. Questa carta di identità dipende dal decadimento radioattivo degli elementi generati durante l’esplosione, dello shock termico interno alla stella o dell’interazione tra la polvere stellare liberata durante l’esplosione e il materiale circostante. Il tipo Ia, per esempio, si ha quando vi è traccia di idrogeno e si verifica quando i resti di un sole morente succhia materiale da una stella compagna; il tipo II, che contiene idrogeno, si ha quando il core di una stella massiva collassa su se stesso. Al momento sembra che nessuno dei processi elencati possa però spiegare la formazione di queste nuove sei supernovae, che contengono ossigeno (e niente idrogeno) e liberano fasci di raggi ultravioletti per un tempo molto lungo. Secondo i ricercatori, questi dati si spiegherebbero solo in presenza di supernovae a grande raggio che si espandono ad altissima velocità.

Quimby ne ha individuate 4 tra il 2009 e il 2010, grazie al Telescopio Oschin sull’Osservatorio californiano del Monte Palomar. Le loro caratteristiche - la grande luminosità nonché la durata - gli avevano ricordato altre due strane esplosioni, osservate nel 2005 e nel 2006.

Dal momento che questa nuova classe di stelle in esplosione continua a emettere radiazione anche per anni, i ricercatori vogliono sfruttarle come fossero dei fari per illuminare gli angoli più remoti e primitivi delle galassie.

Credit immagine: Caltech/Robert Quimby/Nature - Riferimento: doi:10.1038/nature10095 - Fonte: wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Scientists at the University of Illinois (U of I) believe they've stumbled upon a breakthrough that could eventually lead to the development of a lithium-ion battery that, much like some parts of the human body, actually heals itself. The researchers took an in-depth look at rechargeable li-ion batteries used in everyday items – cellphones, laptop computers and digital cameras – and discovered that those batteries tend to degrade over time.

self healing battery

Scott White, a University of Illinois materials engineer, stated, "There are many different types of degradation that happen, and fixing this degradation could help us make longer-lasting batteries." White claims that a battery's anode, which swells while charging and then shrinks during the discharge cycle, can eventually crack and that, in due time, is what can lead to a battery's demise.

After extensive testing, the U of I scientists discovered that by embedding tiny self-healing polymers that tear open and release indium gallium arsenide (a liquid metal alloy) the microscopic cracks in the anode could be filled in, thus rejuvenating the battery and potentially extending its useful life.

Source: Autoblog Green

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

< giugno 2016 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
MY HUSBAND WAS CURED OF LIVER CANCER WITH CANNABIS OIL TREATMENT BY RICK SIMPSON:ricksimpsoncureoil@gmail.comMy name is Victoria Mugasin DAV from DUBLIN IRELAND and my husband was diagnosed of liver c...
05/05/2016 @ 10:09:53
By victoria
PLEASE just GROW UP! On your own. Do not take any chance with/of any possible scam... just for your money... CANNABIS REALLY CURES and TREATS CANCER, any University/medical study shows it's TRUE... Ju...
16/02/2016 @ 18:14:15
By Turismo Associati
Hello to you all, my name is Amanda Roger , i am from California here in united state, i wish to tell you all, how i find a Doctor that cure me from BREAST AND SKIN CANCER, which i had for over two ye...
20/11/2015 @ 05:25:41
By Amanda Roger
"Gasiti diferentele..."SCLAVÍE s. f. Stare, condiție de sclav; sclavaj, robie. ♦ Fig. Stare a celui aflat sub o stăpânire tiranică; stare de asuprire; aservire. – Sclav + suf. -ie...
22/10/2015 @ 22:13:13
By Ford Turani
Jordan Maxwell recommends to research: "Hanseatic League - Teutonic Zionism"
19/04/2015 @ 16:24:28
By Turismo Associati
sir are you encouraging people participate in some kind of game? ...where people give up their power? It never worked before .... that’s why I suggest instead of give up your power, exercise it from y...
05/10/2014 @ 08:45:09
By James Smith
Asta e marihoana nu?ei cine te poate opri so faci ,eu nu prefer astfel de fistractie deoarece am vazut ca dupa nu mai faci altceva fecit ca dormi bine,nu am incercat nu incerc dar nu opresc pe nimeni ...
30/09/2014 @ 09:34:56
By Miulesvu Corina Lucia


Titolo


TurismoAssociati.it uses cookies to ensure you get the best experience on the internet (European Union User Consent Policy)

More info




Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.




Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.



Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.







24/06/2016 @ 22:17:26
script eseguito in 813 ms