Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, românã. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 03/04/2011 @ 11:00:39, in ro - Stiinta si Societate, read 1728 times)

 Poate parea o magie: pereti, draperii, chiar si haine, pot deveni transparente atunci când sunt scaldate intr-o raza de lumina de o constructie speciala. Echipele de salvatori ar putea folosi asemenea raze pentru a depista, printre gramezile de moloz, eventualii supravietuitori ai unui seism, in vreme ce doctorii ar putea examina plamânii afectati ai unui pacient fara sa-l mai supuna la radiografii ci doar indreptând aceasta raza cu totul inofensiva spre pieptul lui. Si totusi, ceea ce pare un truc remarcabil, desprins parca din cartile cu Harry Potter, prefigureaza poate o realitate posibila peste nu multi ani...

La urma urmei, atât magia cât si stiinta isi au radacinile in nevoia fundamentala pe care omul o resimte in a da un sens lumii, in asa fel incât sa o poata manipula in propriul lui folos. Si, daca acceptam ideea ca vrajitorii mai exista si astazi, ii putem considera pe savantii Societatii Regale, academia nationala de stiinta a Marii Britanii, ca fiind unii dintre ei...

Astfel, o echipa condusa de profesorul Chris Phillips, de la Imperial College din Londra, alaturi de una de la Royal Society, au dus la bun sfârsit un proiect senzational: trecerea unui obiect in starea de invizibilitate. Chiar daca nu a fost vorba decât despre o portiune liliputana dintr-un material special, iar transformarea a durat numai o zecime de milionime de secunda, faptul in sine merita consemnat, ca un inceput revolutionar.

 Dupa cum se stie, obiectele sunt vizibile din cauza modului in care atomii ce le compun interactioneaza cu razele de lumina. Când o raza, deci o unda electromagnetica, intâlneste un atom aflat pe pagina pe care o cititi acum, electronii cu cea mai slaba energie vor absorbi energia undei si astfel imbogatiti, vor accede la un nivel superior. Doar lumina de exact aceeasi culoare, cea care corespunde diferentei energetice dintre cele doua nivele, va fi absorbita, cele specifice altor culori vor trece prin hârtie.

Pentru a demonstra insa ca si aceasta raza de lumina poate totusi trece prin hârtie, prof. Phillips si colegii sai, dr. Frogley si specialistii de la universitatea din Neuchatel, Elvetia, au creat un atom ideal, pe cale artificiala, in interiorul caruia electronii erau astfel dispusi incât sa raspunda intr-un mod predictibil la contactul cu o raza laser. Pentru aceasta, prof. Phillips a folosit fascicule intense de lumina infrarosie. Acestea erau generate de lasere bazate pe semiconductori speciali, inventati cu ani in urma, in fosta Uniune Sovietica.

Folosind doua fascicule puternice de acest gen, echipa de savanti a fost capabila sa faca atomii artificiali sa devina transparenti pentru o raza atunci când a doua raza ii ilumina, simultan. "Focalizând fasciculul unui laser foarte puternic pe acesti atomi artificiali, am invatat cum sa controlam miscarea electronilor pentru ca ei sa nu mai absoarba lumina: când laserul este pornit, atomii devin instantaneu invizibili, pentru a-si relua starea normala când laserul se intrerupe. Efectul ar putea fi folosit, in viitor, si la unele aplicatii practice.

De pilda, imaginati-va un laser care lucreaza la frecvente invizibile pentru ochi si care, indreptat asupra corpului uman, va trece prin el ca prin ceva absolut transparent. In plus, obiectele aflate dincolo de organismul strabatut de raza laser vor parea mai stralucitoare si vor fi mai vizibile", explica prof. Phillips.

Gabriel TUDOR - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 03/04/2011 @ 08:00:32, in it - Scienze e Societa, read 1846 times)

La città di Garmisch-Partenkirchen - 708 metri di altitudine e 26.500 abitanti - è situata nel sud della Baviera quasi al confine con l'Austria. Nata nel 1935 dall'unione delle due cittadine di Garmisch e Partenkirchen, ha ospitato le Olimpiadi invernali (1936) e i Mondiali di sci alpino (1978 e 2011), diventando così la località sciistica più famosa della Germania e tra le più rinomate d'Europa.

Una visita a questo splendido centro alpino non è esclusiva degli appassionati di sci e della neve: anche in primavera e in estate una visita è azzeccata per l'aria sempre pulita e per il paesaggio, veramente incantevole!
 
La cittadina, che si distingue da sempre per la sua mondanità, custodisce anche alcuni pregevoli monumenti: la chiesa "vecchia" di St. Martin in stile gotico con antiche vetrate e affreschi raffiguranti la Passione di Cristo (XV secolo), l'omonima chiesa "nuova" edificata tra il 1730 e il 1734 dall'architetto Joseph Schmuzer e, poco fuori dal centro, il santuario di St. Anton in stile barocco (1704-1739).

Da percorrere le principali vie del centro caratterizzate da una ricca serie di case affrescate con temi a carattere religioso e agricolo, ornate di fiori sui balconi (soprattutto gerani): si segnalano in particolare la Hauptstraße, la Bahnhofstraße e la Ludwigstraße.
 
In quest'ultima, che attraversa il cuore della città, si trovava l'antica locanda della Posta - oggi Atlas Grand Hotel, Ludwigstraße 49 - dove re Ludwig II era solito fermarsi e far riposare i cavalli prima di intraprendere la lunga salita al suo chalet di Schachen a 1.866 metri d'altezza.
 
Oltre ai numerosi eventi e gare in ambito sportivo che si svolgono principalmente nel famoso trampolino, rifatto nel 2007, e nel vicino Stadio olimpico, che ha invece mantenuto l'originaria struttura del 1936, Garmisch è nota per l'annuale festival musicale dedicato al compositore e direttore d'orchestra Richard Strauss, che qui morì nel 1949.
 
Garmisch in numeri:
 
Altezza: 708 m
Stazione di risalita più alta: 2.950 m
Chilometri di piste: 108,7 km
Pista di discesa più lunga: 5 km
Sentieri invernali: 100 km
Piste da fondo: 30 km
Sentieri estivi: 300 km

Fonte: tuttobaviera.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

If someone told you there was a way you could save 2.5 million to 3 million lives a year and simultaneously halt global warming, reduce air and water pollution and develop secure, reliable energy sources – nearly all with existing technology and at costs comparable with what we spend on energy today – why wouldn't you do it?

According to a new study coauthored by Stanford researcher Mark Z. Jacobson, we could accomplish all that by converting the world to clean, renewable energy sources and forgoing fossil fuels.

"Based on our findings, there are no technological or economic barriers to converting the entire world to clean, renewable energy sources," said Jacobson, a professor of civil and environmental engineering. "It is a question of whether we have the societal and political will."

He and Mark Delucchi, of the University of California-Davis, have written a two-part paper in Energy Policy in which they assess the costs, technology and material requirements of converting the planet, using a plan they developed.

The world they envision would run largely on electricity. Their plan calls for using wind, water and solar energy to generate power, with wind and solar power contributing 90 percent of the needed energy.

Geothermal and hydroelectric sources would each contribute about 4 percent in their plan (70 percent of the hydroelectric is already in place), with the remaining 2 percent from wave and tidal power.

Vehicles, ships and trains would be powered by electricity and hydrogen fuel cells. Aircraft would run on liquid hydrogen. Homes would be cooled and warmed with electric heaters – no more natural gas or coal – and water would be preheated by the sun.

Commercial processes would be powered by electricity and hydrogen. In all cases, the hydrogen would be produced from electricity. Thus, wind, water and sun would power the world.

The researchers approached the conversion with the goal that by 2030, all new energy generation would come from wind, water and solar, and by 2050, all pre-existing energy production would be converted as well.

"We wanted to quantify what is necessary in order to replace all the current energy infrastructure – for all purposes – with a really clean and sustainable energy infrastructure within 20 to 40 years," said Jacobson.

One of the benefits of the plan is that it results in a 30 percent reduction in world energy demand since it involves converting combustion processes to electrical or hydrogen fuel cell processes. Electricity is much more efficient than combustion.

That reduction in the amount of power needed, along with the millions of lives saved by the reduction in air pollution from elimination of fossil fuels, would help keep the costs of the conversion down.

"When you actually account for all the costs to society – including medical costs – of the current fuel structure, the costs of our plan are relatively similar to what we have today," Jacobson said.

One of the biggest hurdles with wind and solar energy is that both can be highly variable, which has raised doubts about whether either source is reliable enough to provide "base load" energy, the minimum amount of energy that must be available to customers at any given hour of the day.

Jacobson said that the variability can be overcome.

"The most important thing is to combine renewable energy sources into a bundle," he said. "If you combine them as one commodity and use hydroelectric to fill in gaps, it is a lot easier to match demand."

Wind and solar are complementary, Jacobson said, as wind often peaks at night and sunlight peaks during the day. Using hydroelectric power to fill in the gaps, as it does in our current infrastructure, allows demand to be precisely met by supply in most cases. Other renewable sources such as geothermal and tidal power can also be used to supplement the power from wind and solar sources.

"One of the most promising methods of insuring that supply matches demand is using long-distance transmission to connect widely dispersed sites," said Delucchi. Even if conditions are poor for wind or solar energy generation in one area on a given day, a few hundred miles away the winds could be blowing steadily and the sun shining.

"With a system that is 100 percent wind, water and solar, you can't use normal methods for matching supply and demand. You have to have what people call a supergrid, with long-distance transmission and really good management," he said.

Another method of meeting demand could entail building a bigger renewable-energy infrastructure to match peak hourly demand and use the off-hours excess electricity to produce hydrogen for the industrial and transportation sectors.

Using pricing to control peak demands, a tool that is used today, would also help.

Jacobson and Delucchi assessed whether their plan might run into problems with the amounts of material needed to build all the turbines, solar collectors and other devices.

They found that even materials such as platinum and the rare earth metals, the most obvious potential supply bottlenecks, are available in sufficient amounts. And recycling could effectively extend the supply.

"For solar cells there are different materials, but there are so many choices that if one becomes short, you can switch," Jacobson said. "Major materials for wind energy are concrete and steel and there is no shortage of those."

Jacobson and Delucchi calculated the number of wind turbines needed to implement their plan, as well as the number of solar plants, rooftop photovoltaic cells, geothermal, hydroelectric, tidal and wave-energy installations.

They found that to power 100 percent of the world for all purposes from wind, water and solar resources, the footprint needed is about 0.4 percent of the world's land (mostly solar footprint) and the spacing between installations is another 0.6 percent of the world's land (mostly wind-turbine spacing), Jacobson said.

One of the criticisms of wind power is that wind farms require large amounts of land, due to the spacing required between the windmills to prevent interference of turbulence from one turbine on another.

"Most of the land between wind turbines is available for other uses, such as pasture or farming," Jacobson said. "The actual footprint required by wind turbines to power half the world's energy is less than the area of Manhattan." If half the wind farms were located offshore, a single Manhattan would suffice.

Jacobson said that about 1 percent of the wind turbines required are already in place, and a lesser percentage for solar power.

"This really involves a large scale transformation," he said. "It would require an effort comparable to the Apollo moon project or constructing the interstate highway system."

"But it is possible, without even having to go to new technologies," Jacobson said. "We really need to just decide collectively that this is the direction we want to head as a society."

Source: EurekAlert

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 02/04/2011 @ 11:00:46, in ro - Stiinta si Societate, read 1986 times)

 Cine spune ca mariajul este o loterie, in care totul depinde de noroc si de hazard, pare sa se insele amarnic, cel putin din punctul de vedere al matematicianului american James Murray. Acesta crede ca ar fi capabil sa intuiasca daca un cuplu proaspat casatorit va rezista in timp sau nu, folosind algebra. Murray, care este profesor de matematica la Universitatea Washington din Seattle, sustine ca formula pe care a dezvoltat-o are o rata de succes de 94%, ceea ce anuleaza posibilitatea unor simple coincidente. Dupa studierea comportamentului a peste 700 de cupluri, in ultimul deceniu, Murray a elaborat o veritabila „formula a casniciei perfecte”, care poate lua forma unei ecuatii matematice. Este suficient ca savantul american, asistat de un psiholog, sa observe comportamentul unui cuplu, timp de o ora, in perioada imediat urmatoare casatoriei, pentru a-si da seama daca mariajul va dura. „Este o ecuatie in care introduc o multime de termeni. Abilitatea cuplului de a comunica in domenii precum sexul, cresterea copiilor sau problemele financiare este luata in calcul, cu plusuri pentru un comportament tandru din partea sotilor si minusuri pentru stari de nervozitate, ridicularizarea partenerului in societate sau priviri piezise. Numerele sunt puse in doua ecuatii, una pentru barbat si una pentru femeie, iar daca rezultatele finale sunt asemanatoare, mariajul va rezista, in vreme ce, daca cifrele difera, el se va destrama. Cu cat diferenta dintre rezultatul ecuatiei pentru barbat si cel pentru femeie este mai mare, cu atat cresc posibilitatile ca ei sa se desparta”, este de parere profesorul Murray.

Sursa: Magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Da una delle piu belle valli alpine attraverso il suggestivo castello medievale dei conti di Celje fino alla misteriosa zona del Kozjansko si scoprono angoli di natura intatta, centri termali e climatici, abitati e citta dall’interessante passato e dal vivace presente, ospitali fattorie, molti capisaldi di sfide sportive, ...
 
La Logarska dolina, una delle piu belle valli glaciali d'Europa, sorprende il suo visitatore con le cime delle Alpi di Kamnik e della Savinja, con la Rinka e tante altre cascate, con il ricco patrimonio naturale e culturale che arricchiscono anche le valli vicine di Robanov kot e Matkov kot. La valle e il punto di partenza per varie gite e arrampicate, vi si puo praticare ciclismo, tiro con l'arco, equitazione, sci escursionismo, sci di fondo, slittino, arrampicata su cascate ghiacciate. Nella vicina Solèava, villaggio di alta montagna dalle varie curiosita, e stato attrezzato anche un poligono artificiale per l'arrampicata su ghiaccio. Da Luèe la strada porta fino alla Snežna jama (Grotta della neve) sul monte Raduha, che toglie il fiato con il suo abisso lungo 100 metri, fatto di concrezioni calcaree ghiacciate. A Ljubno ob Savinji, cittadina che ancor oggi cura la tradizione degli zatterieri, il fiume Savinja diventa adatto a molti sport acquatici. Non e lontana Radmirje con il prezioso tesoro della sua chiesa, e Gornji Grad con la grandiosa chiesa e le collezioni museali nella torre difensiva. Il castello Vrbovec di Nazarje ospita il museo della lavorazione del legno e della silvicoltura. Il centro della valle superiore della Savinja e Mozirje con l'attraente parco floreale, arricchito da strutture etnologiche, Mozirski gaj. Sopra la citta sorgono gli alpeggi Dobrovlje, Menina e la zona protetta dell'altopiano di Golte con un popolare centro di attivita sportive e turistiche con piste da sci e una ricca offerta di attivita estive. Dal monte Oljka, meta di pellegrinaggio, si ha un meraviglioso panorama del Golte, della valle della Savinja e delle Alpi di Kamnik e della Savinja; accesso da Šmartno ob Paki e da Polzela.
 
La valle inferiore della Savinja e famosa come la valle del luppolo, ma anche come patria dei famosi conti di Celje, dapprima signori del castello Žovnek vicino all'odierna Braslovèe, interessante con i suoi tre laghi. La natura e i resti del passato invitano inoltre a Šempeter v Savinjski dolini. La Parco archeologico Necropoli romana si ritiene uno dei piu bei monumenti archeologici in Slovenia, mentre la vicina grotta Pekel (Inferno) e un meraviglioso esempio di carso isolato. Tra le localita turistiche piu antiche della valle rientra Prebold, dove gia nel primo dopoguerra funzionava un albergo. Il centro della valle dell'oro verde (luppolo) e Žalec con il museo della coltivazione del luppolo, con piantagioni di erbe officinali, con il vicino stagno Vrbje, con la galleria d'arte di Oskar Kogoj e con altre curiosita sia nella cittadina che nei dintorni.

 


Il fiume Savinja gia dall'antichita sta creando una particolare immagine della conca con la citta principesca sotto il restaurato castello di Celje, Celje. Centro regionale di economia, commercio, cultura, educazione, un importante centro fieristico, ha un interessante nucleo medievale con musei, gallerie d'arte, vecchie chiese, ... Vicino alla citta si trova il lago Šmartinsko jezero, il maggiore lago artificiale in Slovenia. Celje non dista molto dai famosi centri termali – Dobrna, Topolšica, Laško, Rimske Toplice, Rogaška Slatina e Podèetrtek. E' degna di una visita anche la valle Šaleška dolina con la vivace città di Velenje che attrae i turisti con lo straordinario Museo sotterraneo dell'industria carbonifera della Slovenia, con l'ottimo centro turistico e ricreativo sul lago di Velenje e con il Museo di Velenje, allestito al castello, che ospita 11 collezioni museali.
 
Andando verso il confine meridionale, oltre alle terme con una lunga tradizione, invitano anche le cittadine di Šentjur, famosa su scala europea per il sito archeologico tardoantico Rifnik, nonché per i compositori Ipavec e il beato A.M. Slomšek, Šmarje pri Jelšah con la famosa Via Crucis sotto la chiesa di Sv. Rok, Olimje con il suo monastero con annessa la più antica farmacia della Slovenia, situata nel pittoresco castello, Kozje con il vicino parco del Kozjansko ed il poderoso castello di Podsreda che ospita una collezione di oggetti in vetro, Rogatec con il restaurato castello Strmol e il museo etnologico nella natura (skansen), e Bistrica ob Sotli con Svete gore (monti santi), uno dei piu grandi monumenti d'arte sacra in Slovenia.
 
Al punto di contatto di strade, ferrovie e nel passato anche strade sull’acqua lungo il più lungo fiume sloveno, sorge Radeèe, importante centro di industria della carta che sta cercando di attirare più visitatori. Qui hanno iniziato di organizzare anche il festival mondiale di patate abbrustolite. Nella città sotto il ripido Grajski hrib, il fiume Sava viene attraversato del pittoresco ponte ferroviario del 1893, oggi monumento del patrimonio tecnico. Tra le mete attraenti nei dintorni troviamo la valle protetta del fiumicello Sopota.

 

Fonte: slovenia.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 01/04/2011 @ 14:00:15, in en - Video Alert, read 1448 times)

German robotics researchers have built a hyper-strong hand that can withstand hammer blows!

This hand and its high-tech robophalanges come to you courtesy of the Institute of Robotics and Mechatronics at The German Aerospace Center (Deutsches Zentrum für Luft- und Raumfahrt e.V.).

The DLR hand is one of the most durable robotic hands ever built and was specifically built tough for jobs that might ding it up.

As IE EE Spectrum describes: The hand has the shape and size of a human hand, with five articulated fingers powered by a web of 38 tendons, each connected to an individual motor on the forearm.
The main capability that makes the DLR hand different from other robot hands is that it can control its stiffness. The motors can tension the tendons, allowing the hand to absorb violent shocks. In one test, the researchers hit the hand with a baseball bat-a 66 G impact. The hand survived.

The hand has a total of 19 degrees of freedom, or only one less than the real thing, and it can move the fingers independently to grasp varied objects. The fingers can exert a force of up to 30 newtons at the fingertips, which makes this hand also one of the strongest ever built.

Additionally, the hand can catch heavy balls, adjust its level of stiffness to accomplish tasks that require a daintier touch, and snap its fingers. That's right, we're looking at the next star of the future's all-robot revue of West Side Story.

This type of robot, which is so incredibly versaitile, can be applied in a number of areas. It could, for example, be used for manufacturing. In places where handling the product demands high strenght and durability. Or in places where machines are endangered of being damaged, like mining.   On the other side, it also helps to give robot hands the flexibility of the human hand, with a dozen times its strenght. This could prove very usefull in household robots, for example.

Source: PopSci

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 01/04/2011 @ 11:00:40, in ro - Observator Global, read 1676 times)

Stiinta si tehnologia progreseaza incomparabil mai rapid decat nivelul de trai general al populatiei. Este si firesc, de altfel, dupa cum explicabila (dar nicidecum acceptabila) consideram ca e utilizarea multor descoperiri, inventii, inovatii de mare valoare, in scopuri nefaste, cum ar fi inarmarea si alte asemenea tendinte agresive. La fel de reprobabila este ignorarea ori chiar ascunderea unor realizari extraordinare, in numele unor interese meschine (vezi problema combustibililor s.a.m.d.). Totusi, pentru confortul nostru cotidian, se mai gasesc solutii, unele de-a dreptul insolite, chiar daca risca totodata sa transforme inteligenta fiinta umana intr-un fel de... Homo sedentarens absolut!

 La birou, mereu nou

 Va aflati la serviciu, absorbiti de redactarea unui text, de intocmirea unui bilant ori – de ce nu? – de un joc video, cand deodata resimtiti o sete puternica. Fara sa slabiti din ochi ecranul, intindeti mana catre recipientul cu suc sau cu apa minerala, luati o gura zdravana de lichid dulce si cald, dar efectul e mai degraba dezgustator. Ei, bine, un asemenea micro-scenariu poate fi deja plasat in trecut, meritul apartinandu-i firmei Coolitsystems, specializata in sistemele de racire a procesoarelor, dar care a realizat si un racitor de bauturi. Obiectul respectiv se prezinta sub forma unei placi de dimensiuni mici, dotata cu un sistem simplu de racordare la orice tip de calculator, situatie in care temperatura sa scade la 7ºC. Racoarea se transmite sticlei sau paharului si mai departe, bauturii. Coolitsystems nu a facut de fapt altceva decat sa aplice tehnologia de care se foloseste in mod obisnuit pentru racirea unitatilor centrale ale ordinatoarelor.

Umbrela-meteorolog

 Sa recunoastem ca multi dintre noi, in materie de prognoze meteo, deseori avem mai multa incredere in ce zic batranii ori in durerile oaselor noastre, decat in buletinele prezentate la radio, la televizor sau in ziare. Daca insa nici un asemenea mijloc de informare nu ne sta la dispozitie, putem sa apelam la serviciile unei... umbrele. E drept, nu vorbim despre o chinezarie din sarma si carpa, ci despre realizarea companiei Ambient Devices, o umbrela capabila sa anticipeze evolutia vremii. De fapt, ea se conecteaza la Internet sau la un site de prognoze meteo si transmite informatia catre propriul sau maner. La randul sau, acesta e inzestrat cu un beculet care clipeste in functie de probabilitatea de a ploua. La 30% risc de precipitatii, manerul palpaie la intervale de 3-4 secunde; la 60%, frecventa creste la o secunda; daca e sigur 100% ca va ploua, „agitatia” creste vertiginos, la 100 de flashuri pe secunda. Umbrela-meteorolog este alimentata cu baterii simple si ar fi de dorit sa ajunga repede si la noi, deoarece ar fi poate mai eficienta decat „avertizarile” molatice trecute prin guvern.

Cu caruciorul, la atac!

 Orice loc public care se respecta trebuie sa aiba rampe de acces pentru fotoliile rulante ale persoanelor cu handicap locomotor. In ce priveste locurile mai putin frecventate, bolnavii trebuie sa conteze pe bunavointa insotitorului ori a vreunui voluntar, daca nu chiar sa se resemneze, ramanand pe margine. A constatat acest lucru si inventatorul Brad Soden, a carui sotie nu se putea deplasa oriunde ar fi dorit. Si-atunci, barbatul a realizat un scaun cu senile in loc de rotile, care-i permite acesteia sa se deplaseze si pe terenuri accidentate. De altfel, aspectul micului vehicul i-a inspirat inventatorului un nume „mare”: Tank Chair („Caruciorul-tanc” sau, in traducere libera, „Caruciorul blindat”). Deplasarea se realizeaza datorita unui motor electric, autonomia este de 15 kilometri si se poate adapta pentru persoanele obeze. Este insa exclusa utilizarea pseudo-tancului in scopuri militare!

ADRIAN-NICOLAE POPESCU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 01/04/2011 @ 08:00:15, in it - Scienze e Societa, read 1933 times)

L'origine di Regensburg risale al 179 d.C., anno in cui, su comando dell'imperatore Marco Aurelio, venne fondato l'accampamento fortificato di Castra Regina di fronte alla confluenza del fiume Regen con il Danubio. Nel corso dei secoli molti sono gli eventi che hanno caratterizzato la storia della città: all'inizio del sesto secolo diventa prima capitale della Baviera, tra il XII e il XIII secolo raggiunge il culmine della sua ricchezza politica e commerciale, anche in virtù del titolo di "libera città imperiale" di cui venne insignita nel 1245. Verso la fine del 1300 le rotte commerciali si spostano gradualmente verso Augsburg, Norimberga e Vienna e la città perde la sua posizione di supremazia.
 


Nel 1748 il principe Alexander Ferdinand von Thurn und Taxis viene nominato dall'imperatore Francesco I commissario principale della città e rappresentante nella Dieta. Nell'occasione sposta la sua residenza da Francoforte a Regensburg. La celebre famiglia aristocratica, discendente dai Tassi di Bergamo e probabilmente dai Della Torre di Milano, ha avuto sin dalla fine del '400 l'incarico esclusivo di organizzare il servizio postale dell'Impero. Perse questo monopolio nell'Ottocento ma fu riccamente ricompensata, dandole così anche modo di ampliare l'antico complesso conventuale di St. Emmeram, residenza ufficiale della famiglia dal 1812 e che oggi è in parte un museo. Va ricordato che nel 1858 il principe Maximilian von Thurn und Taxis sposò a Possenhofen (lago di Starnberg) la duchessa Helene di Baviera, detta Nené e sorella dell'imperatrice Sissi.
 
Alcune sale del palazzo possono essere concesse ai privati per occasioni speciali in un contesto principesco.
Il cortile d'onore è il set ideale per party all'aperto nei mesi estivi, per concerti e ricevimenti.
Tutte queste stanze possono essere decorate con fiori e luci secondo le esigenze del cliente, il tutto gestito direttamente dall'amministrazione del palazzo, che è in grado di fornire anche il personale di servizio, il catering e la musica sia per occasioni formali che per ricevimenti privati.

 

 L'edificio più importante e maestoso della città è però il Duomo di St. Peter, la cui costruzione iniziò nel 1254 (anche se già nel 788 è documentata la presenza di una chiesa dedicata al Santo) per concludersi alla fine del '500. Da notare le due alte torri gemelle e le vetrate che abbracciano un periodo che va dall'XI al XX secolo. Meritano una particolare menzione i Domspatzen, i fanciulli del coro dei "passerotti del Duomo", che animano la Messa domenicale delle 10:00 e sono famosi in tutta la Germania per la loro bravura e disciplina. Per oltre vent'anni il coro è stato diretto da mons. Georg Ratzinger, fratello di Papa Benedetto XVI.
 
Altri edifici religiosi da vedere sono la chiesa di St. Ulrich, la barocca St. Joseph costruita per i Carmelitani nella metà del '600 e per finire la splendida Alte Kapelle, già chiesa di corte, che alterna un esterno semplice e severo nelle linee ad un interno riccamente decorato secondo i dettami del rococò.
 
Interessante costruzione è lo Steinerne Brücke ("ponte di pietra"), costruito tra il 1135 e il 1146 e ritenuto dai superstiziosi un'opera del diavolo che si dice abbia aiutato il costruttore del ponte in cambio delle prime tre anime che lo avessero attraversato ma egli lo ingannò facendo passare un cane, una lepre ed una gallina.

All'inizio del ponte si trova la famosa
Wurstküche, un antico locale dove vengono cotte alla griglia le salsicce di maiale mentre il fumo sale per la cappa del camino inondando la zona circostante di un aroma saporito. Tra le 20 torri la più alta nonchè uno dei simboli cittadini è la Goldene Turm ("torre dorata") che con i suoi nove piani raggiunge i 50 metri di altezza.
 
Per lo shopping percorrere le vie pedonali del centro storico, piccoli vicoli in stile medievale dai nomi originali: vicolo dei galli bianchi (Weiße Hahnengasse), via dell'orso dorato (Goldene-Bären-Straße) e il vicolo della collina del grasso (Schmerbühlgasse). Prestigiosa l'Università che sorge in una zona a sud di Regensburg dal 1965. All'anno del debutto gli studenti erano 600, oggi sono oltre 17.000.
 
Per concludere, una curiosità: nessun'altra città in Europa può vantare una ricchezza di appellativi come Regensburg che viene addirittura definita con sette nomi diversi nella tragedia "Doctor Faustus" di Marlowe dove il demoniaco Mefistofele, dirigendosi in volo verso la città danubiana, la chiama Tiberia, Quadrata, Hyaspolis, Reginopolis, Imbripolis, Ratisbona e Regensburg.

Fonte: tuttobaviera.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Buongiorno a tutti, il tempo di fare le condoglianze a Angela Merkel, l’ultima vittima delle nomination porta sfiga di Berlusconi, sapete che non appena Frattini ha annunciato un’iniziativa comune franco – tedesca sulla Libia, la Merkel ha perso rovinosamente le elezioni, la sua speranza è che si smarchi dalla linea Berlusconi, in modo che potrà garantirsi un sereno e proficuo e meraviglioso futuro politico, il tempo di avvertire che è partita la battaglia per chiudere Anno Zero e quindi altre trasmissioni di approfondimento televisivo per un mese e mezzo con la scusa delle elezioni amministrative, esattamente come era stato fatto l’anno scorso.

Figuranti al Tribunale.

Il tempo di domandarsi il perché dello stupore se la Signora Rita Dalla Chiesa a Forum utilizza una figurante, spacciandola per una terremotata de L’Aquila che in diretta spiega ai cittadini italiani come è andata bene la ricostruzione, come è completata la ricostruzione de L’Aquila, mentre basta andare a L’Aquila per rendersi conto del fatto che non hanno ricostruito neanche una capanna, neanche un canile, è tutto un paese di figuranti.
Berlusconi questa mattina ne aveva reclutati un certo numero, cioè un suo sottosegretario, un certo Mantovani che via sms aveva lanciato il reclutamento, la chiamata alle armi per assieparsi tutti quanti sulla scalinata del Palazzo di Giustizia di Milano per testimoniare la propria solidarietà a un imputato per reati gravissimi che tra l’altro è anche il Presidente del Consiglio, si sono presentati al suo ingresso in 49 e alla sua uscita, dopo l’udienza preliminare erano arrivati a 100, quindi diciamo che le capacità di reclutamento del Presidente del Consiglio che dice di avere dalla sua parte la stragrande maggioranza degli italiani, sono piuttosto scarsine e probabilmente stasera nei telegiornali ci racconteranno che una folla oceanica ha accompagnato, anzi forse ha portato in trionfo il Premier verso uno dei suoi processi, il processo Mediatrade dove è accusato di frode fiscale e appropriazione indebita, di avere derubato la sua azienda, peraltro quotata in borsa, per mettersi in tasca fondi neri insieme ai suoi manager, utilizzando le triangolazioni tra società estere e società estera nell’acquisto di diritti di film, di programmi televisivi dall’America, fatti rimbalzare da una società all’altra e a ogni rimbalzo gonfiandone artificiosamente il prezzo.

Era poca gente, tant’è che forse amichevolmente si potrebbe invitare Piero Ricca a disertare, in futuro insieme alle persone di cui Milano Libera, in futuro le manifestazioni almeno pubbliche o a assistervi in silenzio perché questo forse è il momento di lasciarlo solo Berlusconi, è di questo che volevo un po’ parlare oggi, di quello che è più utile fare per accompagnarlo alla sua tomba politica che lo sta aspettando ormai da tempo, stiamo parlando di un personaggio sfigato, ridicolo, che dice cose strane, spesso non dice cose a proposito della Libia perché ha già detto tutto e il contrario di tutto e aspetta di capire chi vince per buttarsi, tanto per cambiare, sul carro del vincitore, è un uomo disperato che annuncia decine di leggi che ben sa che non saranno mai approvate o se saranno approvate non entreranno mai in vigore perché saranno incostituzionali o bocciate dai referendum, ho l’impressione che stia cercando un nemico e quindi in questo momento forse è il caso di non farglielo trovare il nemico, lasciarlo solo, far vedere che è circondato da 4 poveracci, di solito pagati, figuranti, potrebbe essere una strategia utile da questo punto di vista sbagliano anche i magistrati a enfatizzare con una comunicazione stonata certe leggi che vengono fatte contro di loro, ma soprattutto contro di noi, come sbaglia secondo me un quotidiano come La Repubblica a titolare gli articoli sulle leggi ad personam o antigiustizia, la legge contro i giudici, ancora oggi c’era un bell’articolo del giudice scrittore Giancarlo De Cataldo che però aveva purtroppo questo brutto titolo “La cattiva legge che vuole punire le toghe” siamo alle solite, se ci sono leggi con cui il governo vuole punire i giudici, i cittadini se ne fottono perché non sono né il governo, né i giudici, se si continua a parlare di guerra tra politici e giudici, i cittadini che non sono né politici e né giudici se ne infischiano, bisognerebbe invece emettere comunicati un po’ freddi, un po’ algidi nei quali si spiega esattamente cosa cambia non per i giudici, ma per i cittadini nel caso eventuale, improbabile in cui queste leggi passassero e entrassero in vigore, in modo che si riesca a capire che non è un derby tra Berlusconi e i giudici, è una guerra di Berlusconi a noi italiani che è una cosa diversa, Berlusconi contro la guerra alla Libia ma è favorevole alla guerra contro l’Italia, questa è l’unica guerra che lui sta combattendo ininterrottamente da 17 anni perché sa benissimo che i suoi interessi sono incompatibili con i nostri e quindi tra i nostri e i suoi, ha sempre, giustamente dal suo punto di vista, scelto i suoi.
Perché oggi ha tentato anche se poi gli è andata male, questa ridicola gazzarra salendo sul Predellino e salutando una folla inesistente? Questa naturalmente dà il segno della farsa e della tragedia insieme di questo uomo ridicolo, un uomo che sale sul Predellino, si guarda intorno e saluta il nulla, una piazza praticamente vuota, sapete quanto è grande lo spazio antistante il Palazzo di Giustizia in Corso di Porta Vittoria e quanta gente ci vuole per riempirlo, lo sappiamo perché Menotti di noi hanno manifestato nel 1992/1993/1994 in difesa del pool Mani Pulite, c’erano lì sì, folle sterminate che occupavano tutto il Corso addirittura, oggi 49 quando è arrivato e 98/99 quando è uscito, immaginate la pochezza, la miseria se non ci fossero stati i giornalisti e i ragazzi di cui Milano Libera, probabilmente si sarebbe sentita anche l’eco di quello che diceva Berlusconi tanto la piazza era vuota e perché allora lui va e tenta queste prove di forza, questi bagni di folla come vengono chiamati dalla stampa e dalla televisione compiacente? Per vari motivi:

1) per dipingersi ancora una volta sotto assedio, mentre non è sotto assedio per niente, ci sono dei processi, peraltro iniziati diversi anni fa, il processo Mills è iniziato nel 2005, il processo Mediaset è iniziato addirittura prima, il processo Mediatrade è iniziato da 3 anni, l’ultimo è il processo Ruby, non c’è nessun assedio, ci sono vecchi e nuovi processi che dipendono dal fatto che lui continua imperterrito a violare le leggi e a delinquere, però gli serve far vedere che c’è un assedio, che lui è assediato.

2) ragione è quella di buttare in burla i suoi processi, definirli ridicoli, farci una risata sopra, fare le battute sul Bunga, Bunga, dire “porto le ragazze, porto le escort” è un modo per svilire la gravità di ciò di cui è accusato, di depotenziare i processi che lui sa che questa volta si terranno, non c’è modo di evitarli. 3) motivo è quello che dicevo prima, dipingersi come il soggetto di uno scontro con la magistratura, lui solo contro 9000 magistrati e dietro questi magistrati forze occulte potentissime, poteri forti, complotti internazionali, diplomazie che ce l’hanno con lui etc., quindi apparire addirittura eroico in questo sforzo titanico di resistere a cotanto urto. 4) spaventare i magistrati con la piazza, peraltro vuota e con le leggi contro la giustizia, per fare un discorso tipicamente mafioso “o mi assolvete, o vi fermate o lasciate perdere o la smettete di indagare e processarmi oppure io vi faccio del male” e intanto soprattutto faccio del male ai cittadini, questa intimidazione non è fatta soltanto pro domo sua, è fatta anche pro domo di tutti i suoi compari, tra i quali il più pulito ha la rogna!
Ci sono molti personaggi nell’entourage del Cavaliere, il vecchio entourage, la ristretta cerchia e il nuovo entourage che si è recentemente allargato addirittura ai cosiddetti responsabili che arrivano un po’ da tutte le parti, ce ne sono molti che rischiano di finire male, pensate soltanto a Dell’Utri che è in attesa della sentenza di Cassazione del suo processo per mafia che a furia di dire che i politici non vanno in galera, poi finisce che qualcuno ci va in galera, Cuffaro è in galera! Essendo stato condannato in appello a 7 anni, confermato in Cassazione, Dell’Utri è stato condannato in appello a 7 anni, se tra qualche mese, quando la Cassazione si pronuncia dovesse confermare la sentenza di appello, anche Dell’Utri finisce in galera!

Immaginate come può stare tranquillo Berlusconi con Dell’Utri in galera, con tutto quello che sa Dell’Utri. L’ultima new entry è Francesco Saverio Romano che ha fatto tutta la sua carriera politica nella Democrazia Cristiana, poi nel partito di Casini che a un certo punto si è chiamato Udc, lui era il gemello di Cuffaro, lo accompagnava da tutte le parti, anche agli incontri con i mafiosi. Tra i responsabili che sono una trentina alla Camera, Romano è l’unico che ha un’indagine per concorso esterno in associazione mafiosa, più una per corruzione aggravata dalla volontà di favorire Cosa Nostra, quella per corruzione riguarda la spartizione di una parte del tesoro di Vito Ciancimino che è il contabile di Ciancimino, il tributarista, il ragioniere Lapis ed il figlio di Ciancimino Massimo, qualche anno fa avrebbero distribuito tra alcuni politici che avevano dei crediti nei confronti del vecchio Ciancimino o per esserne stati soci o per averne favorito gli affari, ci sono delle intercettazioni che misteriosamente i Carabinieri e la vecchia Procura ai tempi di Piero Grasso e Pignatone non avevano trascritto, sono state scoperte, un paio di anni fa e adesso la Procura sta per mandare queste intercettazioni alla Camera per chiedere l’autorizzazione a utilizzarle nei confronti di chi? Nei confronti di Cuffaro, di Vizzini, di Romano.

Se la Camera desse l’autorizzazione a utilizzarle questi signori che sono indagati per corruzione aggravata dalla fattispecie mafiosa, rischierebbero ovviamente guai, grane, Romano in più ha un’inchiesta per concorso esterno in associazione mafiosa, qualche mese fa la Procura al termine di lungo indagine ha chiesto al G.I.P. di archiviarla, perché? Perché si sono raggiunti molti elementi per ritenere che Romano sia in rapporti con i mafiosi, ma non si sono raggiunti, secondo la Procura elementi sufficienti per garantire che poi al dibattimento Romano venga condannato e quindi cosa si fa in questi casi? Non si chiede il suo rinvio a giudizio con il rischio di vederselo assolvere o prosciogliere addirittura in udienza preliminare, si chiede l’archiviazione, si dice al G.I.P. “mettiamo in freezer questo fascicolo, se emergessero elementi nuovi lo riapriamo, cosa che invece non si potrebbe fare se si chiedesse il rinvio a giudizio e l’imputato venisse prosciolto dal G.I.P. o se si chiedesse il rinvio a giudizio lo si ottenesse e poi al dibattito l’imputato venisse assolto, nel caso in cui emergessero elementi nuovi questo signore non potrebbe più essere giudicato per gli stessi fatti per i quali è già stato prosciolto o assolto, ecco cosa vuole dire l’archiviazione, per questo la Procura ha detto “congediamo in attesa di eventuali elementi nuovi”.

Il ministro di Napolitano.

Il G.I.P. però ha tenuto lì, ha detto “aspettiamo perché nel frattempo è uscita la sentenza Cuffaro definitiva della Cassazione, nella sentenza Cuffaro, siccome Cuffaro alcuni rapporti con i mafiosi li aveva insieme a Romano, nel senso che andava a incontrarli insieme a Romano che era il suo gemellaggio, il suo braccio destro potremmo dire volgarmente, è interessante capire cosa ha stabilito la Cassazione su quello che faceva Cuffaro insieme a Romano, perché una sentenza di Cassazione ha valore di prova, anche in processi diversi, quindi anche in un eventuale processo a Romano, se la Cassazione dovesse dire qualcosa di pesante sul ruolo di Romano al fianco di Cuffaro, ecco che il G.I.P. potrebbe decidere che c’è ormai una prova cristallizzata sulle collusioni di questo personaggio e quindi invece di archiviare, dire alla Procura di chiedere il rinvio a giudizio, perché c’è un elemento nuovo.

Cosa potrebbe dire la Cassazione? Non lo sappiamo perché la Cassazione su Cuffaro ci ha già dato il dispositivo condannato a 7 anni definitivi per favoreggiamento alla mafia, ma non ci ha ancora dato le motivazioni che saranno depositate tra qualche settimana.
In Corte d’Appello però gli stessi fatti erano già stati valutati, tant’è che la sentenza d’appello è stata confermata in toto dalla Cassazione, ci mancano le motivazioni della Cassazione, ma quelle d’appello confermate dalla cassazione le sappiamo, allora per esempio si dice che nel 1991, 20 anni fa quando iniziavano la loro carriera Romano e Cuffaro, andarono da Angelo Siino che era il Ministro dei lavori pubblici di Cosa Nostra e gli chiesero i voti, naturalmente Siino che voti controllava, ovviamente controllava voti mafiosi, era l’uomo messo dal Dott. Riina a gestire il tavolino degli appalti con i politici e gli imprenditori siciliani.

Lo stesso tandem Romano – Cuffaro secondo i giudici d’appello lo ritroviamo nel giro Guttadauro, Giuseppe Guttadauro era il capo della mafia di Brancaccio, quello per avere avvertito il quale delle indagini, delle intercettazioni a suo carico Cuffaro è stato condannato. Guttadauro parlava con un suo uomo, un certo Mimmo Miceli, anche lui poi condannato per mafia e Miceli dice al boss Guttadauro “ho rappresentato e ricordato a Cuffaro alla presenza del candidato Senatore Saverio Romano, la disponibilità e tutto l’impegno da lui manifestati per conto di Guttadauro suo referente” questa è la sintesi che fanno i giudici, quindi Miceli riferisce al boss di avere ricordato a Cuffaro, alla presenza di Romano la disponibilità e l’impegno che lui manifestava per conto di Guttadauro che era il suo referente, quindi lui si è messo a disposizione per conto di Guttadauro nelle mani di Cuffaro e di Romano, questo dice Miceli secondo i giudici di appello e poi Miceli stesso consiglia al boss, scrivono i giudici “di assecondare la scelta del candidato Senatore fatto da Cuffaro - e chi è il candidato senatore? E’ Romano. - in modo da poter accampare specifiche richieste successivamente per le competizioni regionali”, mettiamo il cappello su Romano, sposiamocelo questo candidato fedelissimo di Cuffaro e così poi dopo quando l’abbiamo fatto eleggere gli chiediamo i favori.

Infine - e questo succedeva nel 2001 – sempre nel 2001, il 2001 è l’anno in cui Berlusconi torna trionfalmente a Palazzo Chigi per la seconda volta, ma soprattutto in cui in Sicilia la mafia fa l'enplein, 61 collegi su 61 per il centro-destra.

Nel 2001 in campagna elettorale, scrivono sempre i giudici, citando il mafioso pentito Francesco Campanella, c’è un pranzo a Roma dove ci sono: Campanella (mafioso di Villa Abbate, braccio destro del boss Nino Mandalà, boss, è stato condannato in primo grado, quindi dobbiamo dire ancora presunto boss di Villa Abbate Nino Mandalà, era quello che era amico pure di Schifani), Cuffaro, Romano e altri. A un certo punto una delle persone, dei commensali dice a Romano, ma guarda che Campanella mica ti vota? Pare che sia una battuta, uno scherzo conviviale e invece racconta Campanella, Romano si alzò e disse seriamente, rivolgendosi a me: tu mi devi votare perché noi altri siamo la stessa famiglia! E aggiunge vai a Villa Abbate e ti informi, che famiglia? Non certo la famiglia di sangue, Campanella si chiama Campanella e Romano si chiama Romano, non sono parenti, che vuole dire “siamo della stessa famiglia vai a Villa Abbate e ti informi?” siamo della stessa famiglia di Villa Abbate, evidentemente la famiglia che secondo i giudici ha come boss Mandalà e lasciò attoniti tutti i commensali, un politico che a Roma a una cena o a un pranzo dice esplicitamente a Campanella “siamo della stessa famiglia vai a Villa Abbate” persino per una città italiana, una scena del genere evidentemente lascia un po’ di stucco e poi dice Campanella che Mandalà mi spiegò che Romano era stato autorizzato a candidarsi in quel collegio, perché in quel collegio non c’è candidato che non è espressione di mafia, quindi Mandalà confermò che Romano era della famiglia giusta, la sua!

Se per caso su questi punti e su altri contenuti nella sentenza Cuffaro, la Cassazione dovesse mettere il timbro di autenticità finale, consacrerebbe questi fatti come prove, non più necessarie di dimostrazione nel processo eventuale a Romano, ecco perché il G.I.P. prima di archiviare o di decidere altrimenti sta aspettando che la Cassazione si pronunci.

Intanto però Romano è diventato Ministro, tra tutti i responsabili che sono 30, l’unico che ha un’indagine di concorso esterno in associazione mafiosa, più corruzione, è diventato Ministro, potevano farne gli altri 29? No hanno fatto lui! Gli altri avevano un handicap, non avevano indagini per concorso esterno in associazione mafiosa, Napolitano ha fatto come al solito, prima l’ha nominato Ministro, poi ha assistito al giuramento e poi mentre quello usciva ha fatto un comunicato prendendo le distanze da sé stesso anche, perché è lui che l’ha nominato, secondo l’Art. 92, mi pare, della Costituzione è il Presidente della Repubblica che nomina il Presidente del Consiglio e, su indicazione del Presidente del Consiglio, nomina i Ministri, quindi non è Berlusconi che nomina Romano Ministro dell’agricoltura, Berlusconi propone a Napolitano quel Ministro lì, Napolitano se lo nomina, vuole dire che gli sta bene!

Perché dico questo? Perché sapete che ci sono Ministri che non stavano bene a capi dello Stato e che non sono diventati Ministri, quando Berlusconi portò Previti a Scalfaro, nel 1994 Previti non aveva indagini, era solo l’Avvocato di Berlusconi, quindi era in conflitto di interessi, Scalfaro disse “no, il tuo Avvocato no” e Previti non diventò Ministro della Giustizia. Quando nel 2001 Berlusconi portò Maroni Ministro della Giustizia, io feci un pezzo dicendo “beh ma è proprio il caso di mettere un condannato per resistenza a pubblico ufficiale, un condannato alla giustizia definitivo?” non so se Ciampi abbia letto il mio articolo o si sia informato diversamente, sta di fatto che Maroni non diventò Ministro della Giustizia, ma del Welfare, c’è voluto Napolitano per nominare Ministro dell’interno Maroni condannato per avere picchiato dei poliziotti, Ministro dell’Interno, cioè della Polizia, ma Ciampi non lo fece diventare Ministro della Giustizia e Scalfaro addirittura un Premier mandò indietro, perché nel 1992 in primavera, dopo le elezioni dell’aprile, era iniziata Mani Pulite da due mesi, era finito dentro Mario Chiesa, erano stati indagati Tonioli e Pillitteri i due ex sindaci craxiani socialisti di Milano, pochi altri manager socialisti, Craxi non aveva neanche un avviso di garanzia ancora, si sapeva che l’inchiesta avrebbe potuto arrivare a lui e quando il pentapartito che aveva appena vinto le elezioni, indicò Craxi come Premier, Scalfaro disse “no, io non lo nomino, portatemene un altro e nominò Giuliano Amato” dello stesso partito di Craxi ma meno compromesso con del sistema che stava venendo fuori.

Quindi non c’è bisogno né che uno sia indagato, né che uno sia condannato per non diventare Ministro o Presidente del Consiglio, perché? Perché il Capo dello Stato può decidere se una persona è degna o meno di diventarlo e lo può decidere sulla base di criteri di opportunità, di decenza, di decoro, sentenze penali, fatti documentati, conflitti di interessi, quello che si vuole, immagine… Napolitano invece ha detto di avere preso informazioni sulla situazione giudiziaria di Romano che è quella che vi ho descritto, poi l’ha nominato, poi ha detto: ho preso informazioni sulle gravi imputazioni che pesano sul suo capo e mi auguro, cito a memoria, un chiarimento rapido, forse era il caso di non nominarlo, un Ministro indagato per mafia e corruzione, magari il prossimo giro, magari mi mandi un altro dei responsabili.

E’ anche vero che sarebbe stato difficile giustificare il fatto di negare la nomina di un Ministro indagato per concorso esterno in associazione mafiosa con richiesta di archiviazione e indagato per corruzione, dopo avere nominato Presidente del Consiglio un imputato per corruzione giudiziaria, frode fiscale, appropriazione indebita, falso in bilancio e adesso pure concussione di prostituzione minorile, e indagato a Firenze, ce lo dimentichiamo sempre per le stragi del 1993 che non è mica stata chiesta l’archiviazione, ancora no, dalla Procura di Firenze, l’anno scorso anzi è stata chiesta e ottenuta una proroga delle indagini su Berlusconi, indagato per concorso nella strage.

Forse bisognerebbe chiedere chiarimenti anche su Schifani che come ben sapete è indagato su concorso esterno a Palermo, quindi deve essere per tutto questo che Napolitano decide di nominare pure Romano, facendo però sapere che non gli era piaciuto tanto, adesso si vedrà quando uscirà la sentenza Cuffaro della Cassazione, Romano rischia grosso, quindi voi capite che Berlusconi quando deve spaventare la magistratura, non la deve spaventare soltanto per sé, la deve spaventare anche per conto e in nome di tutti di quegli che gli stanno intorno, che sono così, perché hanno capito che dura poco questa cosa, quindi si stanno giocando le ultime cartucce, una volta che non abbiano più un padrino che li copre e li protegge e lavora per tutti loro a Palazzo Chigi, saranno soli al mondo e se sono colpevoli i finiranno a trenino in galera nei prossimi anni, vedrete, sarà esattamente come quando crollò la Prima Repubblica, quando i Ministri… c’era la ressa davanti a San Vittore e a Poggio Reale, all'Ucciardone e a Regina Celi, tanti erano i Ministri che entravano in galera, vedrete quando cadrà Berlusconi quanta gente finirà in galera, perché? Perché sarà saltato il tappo che teneva tutto compresso.

Lasciamolo solo.

Quindi spaventare finché si è in tempo i magistrati sono tutte mosse disperate naturalmente, ecco perché dicevo che forse è venuto il momento di lasciarlo un po’ solo, perché si capirebbe ancora meglio che siamo di fronte a un caso umano, invece di enfatizzare questo scontro che in realtà non c’è perché è lui che sta dichiarando guerra come al solito a tutto il mondo, tranne al suo amico Gheddafi, gli dispiace non vuole disturbare.

Faccio un esempio per concludere, la legge sulla responsabilità civile dei magistrati, ne avevamo già parlato, adesso è diventata urgente perché c’è un parlamentare della Lega, di cui non mi ricordo neanche il nome perché ti spuntano come i funghi per conquistarsi 15 minuti di celebrità fanno subito una legge per il padrone, che ha infilato in una normativa europea una roba che stravolge completamente la vecchia legge sulla responsabilità civile dei giudici, cos’è la responsabilità dei giudici? E’ una norma che consente ai cittadini che hanno subito un errore giudiziario di avere un risarcimento dei danni, sacrosanto, i giudici che sbagliano devono pagare, è sacrosanto, il problema è come, l’abbiamo già detto! Oggi abbiamo una legge che è nata dal referendum del 1987 è la legge N. 117/88 firmata da un giurista, socialista, padre del nostro Codice di Procedura Penale Giuliano Vassalli, capo partigiano, figura eminente, cosa stabilisce? Se un giudice fa un errore, deve risarcire il danno, naturalmente il cittadino che ritiene di averlo subito, denuncia lo Stato, lo Stato se accerta che ha subito il danno lo risarcisce e poi se quel danno deriva da colpa grave, da un errore pesante del giudice, non da una svista, da un errore pesante fatto da un giudice incapace oppure da dolo addirittura, se il giudice l’ha fatto a posta a fargli quel torto, allora il giudice per quanto riguarda.

La legge è giusta, come fa notare l’ex Giudice Tinti su Il Fatto Quotidiano c’è un errore in quella legge, una cosa sbagliata, che il giudice restituisce allo Stato la somma che lo Stato ha già refuso alla vittima dell’errore, ma fino al massimo di 1/3 del suo stipendio, questo è sbagliato, se il giudice ha sbagliato deve pagare tutto, non fino a 1/3 del suo stipendio, peggio per lui se ha sbagliato!
Non stiamo parlando di sviste, stiamo parlando di errori marchiani dolo e colpa grave, questo dice la legge.
Adesso questo codicillo infilato da questo leghista ineffabile, cosa dice? Dice una cosa diversa: che il giudice oltre che per dolo e per colpa grave, deve pagare – si chiama Pini il leghista – di tasca sua anche nel caso di violazione manifesta del diritto, cosa vuole dire “violazione manifesta del diritto?” se tu hai interpretato o applicato male una norma della procedura, facendo il processo penale o civile.
Per le presunte violazioni del dritto, in tutti gli stati di diritto, non si denuncia il giudice, si fa ricorso in appello o in Cassazione, anzi il ricorso in Cassazione è proprio quello specifico per le presunte, ritenute violazioni del diritto fatto dal giudice che ha giudicato nel merito, c’è sempre un giudizio di merito, di appello e poi le eventuali questioni di diritto si denunciano eventualmente in Cassazione, che senso ha, dopo che tu hai già avuto un verdetto di Cassazione, favorevole o contrario a te non mi interessa, denunciare il giudice per violazione del diritto? E qual è la violazione manifesta del diritto? Chi lo decide se hai fatto una violazione manifesta del diritto, è una cosa che non sta né in cielo e né in terra, il risultato è che con questa formula ampia che non vuole dire niente “violazione manifesta del diritto” qualunque giudice o PM potrà essere denunciato o chiamato a rispondere di tasca sua non “io denuncio lo Stato e lo Stato si rivale sul giudice se ha commesso il dolo o colpa brave, ma io denuncio direttamente il giudice ogni volta che voglio” con questa scusa della violazione del diritto.

Eppure già oggi con la legge che abbiamo e che va benissimo, salvo con quella faccenda del terzo dello stipendio, lo Stato già si rivale sui giudici in caso di grave violazione di legge, dovuta a negligenza inescusabile, certo se il giudice ha fatto un abuso causa negligenza inescusabile, non ha letto un pezzo delle carte degli atti del processo, per esempio grave negligenza inescusabile, il giudice per decidere deve leggere tutte le carte, affermazione determinata da negligenza inescusabile di un fatto la cui esistenza risulta incontrastabilmente agli atti del processo, se tu dici il contrario di quello che risulta dagli atti inequivocabilmente non è una tua interpretazione è che proprio hai preso un abbaglio, negazione dovuta a negligenza inescusabile, di un fatto la cui esistenza risulta dagli atti, è certo, se affermi un fatto che è smentito dagli atti o se neghi un fatto che è inequivocabilmente affermato dai fatti, oppure se limiti la libertà di una persona al di fuori dei casi consentiti dalla legge, oppure senza motivazione, certo se non spieghi perché hai arrestato uno o se lo arresti per un reato per il quale non è previsto arrestarlo o senza i presupposti che consentono di arrestarlo, lì non è che è opinabile, li hai fatto un grave fallo!

Cosa dice questo leghista naturalmente in Commissione Giustizia questa porcata è passata con il solito voto del radicale, ci sono sempre questi radicali che quando c’è bisogno di dare una mano a Berlusconi si danno immediatamente da fare, e quindi hanno introdotto centro-destra, relazione di Pini, voto del radicale eletto con il PD che dà una mano al Cavaliere, il principio della violazione manifesta del diritto, che come vi ho detto non si sa cosa sia.
L’Avvocato Caputo di Giustizia e libertà di Torino mi fa notare che a questo punto ai giudici resteranno due strade per evitare di essere continuamente denunciati: o non condannare, non arrestare, non inquisire più nessuno, ogni volta che arriva una notizia di reato non guardarla, far finta di non vedere, darsi malati, mangiarsi le prove, mangiarsi le bobine con le intercettazioni telefoniche, oppure mettersi d’accordo per fare sentenze tutte uguali primo, secondo e terzo grado in modo che comunque se tutte le decisioni prese dai magistrati in un procedimento vengono confermate nei gradi successivi, nessuno potrà dire che c’è stata nessuna violazione e nessun torto, è questa la giustizia che vogliamo? Abbiamo vari gradi di giudizio e facciamo una legge che indurrà i giudici o a non decidere più o a decidere di darsi sempre ragione, anche quando hanno torto, per paura di essere denunciati? E’ questa la giustizia che vogliamo? Infatti lui dice maliziosamente è ovvio che sarebbero dei mascalzoni i giudici che lo facessero, ma a questo potrebbe portare la legge e se i giudici si mettessero tacitamente d’accordo nel senso che tutte le sentenze di primo grado venissero acriticamente confermate nei successivi gradi di giudizio, dove starebbe la manifesta violazione del diritto? Formalmente si metterebbero a posto gli uni con gli altri, ma il bello è quello che scrive Bruno Tinti che ha la rara capacità di fare degli esempi, su Il Fatto Bruno Tinti, andatevi a vedere il pezzo perché è molto divertente, l’abbiamo intitolato “Una boiata pazzesca” fa due esempi: rapina alle Poste, due testimoni vedono in faccia il rapinatore e in Questura lo riconoscono da una foto segnaletica, è Pippo già condannato 3 volte per lo stesso reato, il PM chiede la cattura di Pippo e il G.I.P. è d’accordo, così dopo un paio di mesi Pippo finisce in prigione, dice che è innocente e che il giorno della rapina lui era in Spagna a Marbella insieme con la sua fidanzata Lucia. Rogatoria estera; al giudice spagnolo la ragazza dice che è proprio vero, il 25 marzo stavano insieme. “Siamo andati a Porto Banus, poi abbiamo mangiato a La Moraga, poi siamo andati a fare compere al Corte Inglès, poi siamo andati a giocare a tennis al circolo di Manolo Santana e poi abbiamo cenato lì.” Il giudice chiede da quanti giorni Pippo era a Marbella. “Eh, 2 o 3”. “E il giorno prima, il 24 marzo, cosa avete fatto?” “Eh, boh, cioè, non so. Ah sì, siamo stati al mare.” “Al mare dove? Nikki Beach? Play Fantastica?” “Mah, al mare, adesso non mi ricordo.” “Tutto il giorno?” “Beh no, poi siamo andati a fare compere.” “Dove?” “Mhhh” “E il giorno dopo, il 26 marzo?” “Ma insomma, adesso non mi ricordo, e poi che c’entra con la rapina?” Il Pm non crede a Lucia, crede ai testimoni che hanno riconosciuto Pippo e chiede il rinvio a giudizio; il Gip la pensa come il Pm e anche il Tribunale: 5 anni di galera in primo grado a Pippo per la rapina. In Appello l’avvocato di Pippo dice che Lucia ha importanti rivelazioni da fare (la fidanzata), in Tribunale non era stata sentita, era irreperibile e quindi sono state accettate come prova le dichiarazioni per rogatoria in Spagna. Lucia arriva al processo d’appello e spiega tutte quelle cose che prima non ricordava adesso se le ricorda, racconta tutto per filo e per segno dove sono stati il giorno prima, il giorno stesso e il giorno successivo e allora la Corte d’Appello le crede e assolve Pippo. Chi ha sbagliato? I giudici del Tribunale che hanno creduto al G.I.P., che aveva creduto al PM che non aveva creduto a Lucia? O hanno sbagliato i giudici d’appello che hanno creduto a Lucia? Nessuno dei due, ha sbagliato dal punto di vista di Pippo, perché? Perché c’erano elementi tali, i testimoni all’accusa per ritenerlo colpevole e le titubanze della Lucia in primo grado.
In appello Lucia ha sfoderato una memoria di ferro peraltro recentissimamente riempita di quei buchi che aveva in primo grado e quindi i giudici hanno avuto dei dubbi e nel dubbio, dato che bisogna condannare solo oltre ogni ragionevole dubbio, allora hanno assolto, non hanno detto che quelli di prima avevano sbagliato, hanno detto che a loro è venuto il dubbio che avesse ragione Pippo in base a quello che ha detto la fidanzata.

Non c’è nessun errore giudiziario né prima, né dopo, per convenzione noi accettiamo la sentenza che arriva dopo, se viene confermata in Cassazione, questa sentenza di assoluzione in appello diventa definitiva, c’è stato mica un errore giudiziario? No, Pippo può essere risarcito? Assolutamente no, ci mancherebbe altro che tutti quelli che vengono prima indagati, poi arrestati o anche solo indagati e rinviati a giudizio, condannati in un grado e assolti in un altro, potessero avere il risarcimento, sarebbe la fine!

Ecco com’è facile suggestionare la gente con questa storia che il giudice deve pagare quando sbagliata e in realtà poi non sappiamo bene cosa vuole dire quando sbaglia, adesso l’altro esempio che riguarda Berlusconi, processato per prostituzione minorile.
Berlusconi è processato per prostituzione minorile, perché? Perché ritengono i giudici che sapesse che Ruby era minorenne, quando, secondo l’accusa andava a letto con lei e poi la pagava. Se i giudici lo condannano in primo grado e poi lo assolvono in appello, è semplicemente perché in primo grado hanno creduto agli elementi notevoli che ha portato l’accusa e in appello è venuto il dubbio che possa avere ragione lui, mettete per esempio che qualcuno insinui il dubbio che hanno sbagliato a registrare la data di nascita all’anagrafe in Marocco, sapete che erano anche andati alcuni emissari, come abbiamo raccontato su Il Fatto per cercare di alterare quei registri, quindi mettiamo che in questo pro e contro, processo indiziario, è chiaro che nel processo dove c’è la foto del colpevole che infila il coltello nella pancia della vittima non è un processo indiziario, ma ci sono i processi indiziari dove è importante il mosaico per rendere più probabile la tesi dell’accusa e della difesa e in quei processi la valutazione soggettiva del giudice varia, uno può essere convinto della consapevolezza e un altro può avere un dubbio in più e convincersi dell’innocenza, oppure può emergere un fatto nuovo dopo che supera la decisione che è stata presa prima o può essere valutato diversamente, quindi non c’è nessun errore se viene condannato da una parte e assolto dall’altra, semplicemente c’è una diversa valutazione del materiale.

L’errore sarebbe se ci fosse un’intercettazione negli atti in cui Emilio Fede dice a Berlusconi “guarda che ho controllato, è maggiorenne, puoi andarci a letto tranquillamente” e Berlusconi “ah grazie, io controllo sempre, mi raccomando!” in questo caso Berlusconi avrebbe la prova che era stato buggerato, avrebbe la prova che lui credeva veramente che era maggiorenne, se i giudici ignorassero questa intercettazione per condannare Berlusconi, ecco il dolo, ecco la colpa grave, ecco la negligenza inescusabile, non hanno guardato bene oppure hanno letto quell’intercettazione e l’hanno imboscata, nel primo caso colpa grave, nel secondo caso dolo, hanno fatto apposta, in quel caso sì che Berlusconi condannato in assenza di quella telefonata e poi assolto in presenza di quella telefonata avrebbe tutto il diritto di richiedere il risarcimento allo Stato che poi chiederebbe i danni ai giudici che hanno fatto quella porcata.

Forse è questo che si chiede all’informazione e anche alla Magistratura associata: meno strepiti. "Berlusconi ce l’ha con noi, ci vuole punire", lo sappiamo che vi vuole punire, ma ai cittadini non gliene frega niente, invece è molto importante far capire ai cittadini che razza di processo viene fuori, se l’imputato può far causa al suo giudice, quindi freddezza, nervi saldi da parte di tutti, anche di quelli che vogliono andare a manifestare contro quelli che manifestano per Berlusconi e possibilmente cercare di spiegare chirurgicamente e freddamente ai cittadini cosa succede a noi se passano queste leggi, ben sapendo che ormai per fortuna se Dio vuole ne passeranno ben poche. Bisogna cercare di fare questo salto, vi do solo un dato: l’altro giorno a un convegno il sondaggista Pagnoncelli ha raccontato che per gli italiani l’emergenza N. 1 non è né la Libia, né quei poveri immigrati a Lampedusa, né tanto meno il federalismo, l’emergenza vera dell’Italia è l’evasione fiscale e la corruzione e le mafie, i soldi che sfuggono allo Stato con il nero e che quindi i cittadini onesti sono costretti ogni anno a rabboccare pagandone di più di tasse. Questa è l’emergenza N. 1 per i cittadini italiani nei sondaggi, vi pare normale che il politico più votato alle ultime elezioni sia stato un signore imputato di evasione fiscale e corruzione? Bisogna cercare di unire queste due informazioni: è giusto avercela con l’evasione fiscale, con la corruzione e con le mafie finalmente siamo arrivati a avercela con questi che sono i veri problemi dell’Italia e quindi per favore non facciamoci più rappresentare da un imputato di corruzione e evasione fiscale, è questo link che manca, abbiamo le due informazioni ma non riusciamo ancora a metterle insieme, strepitare gli uni contro gli altri non serve, invece far passare questi messaggi per chi lo può fare è molto più utile, passate parola, buona settimana!

Fonte: beppegrillo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 31/03/2011 @ 17:00:50, in en - Video Alert, read 2436 times)

This video is by the awesome internet philosopher Stefan Moleneux of freedomainradio. His website can be found here :

http://www.freedomainradio.com

and his channel can be found here :

http://www.youtube.com/user/stefbot



Stefan Basil Molyneux (born 24 September 1966) is a Canadian philosopher, blogger, essayist, author, and host of the Freedomain Radio series of podcasts, living in Mississauga, Canada. He has written numerous articles and smaller essays which have been published on libertarian websites such as LewRockwell.com, antiwar.com and Strike The Root, recorded over 1800 podcasts, produced over 500 videos, and written numerous books which are all self-published except for his first, which was published by Publish America. In 2006 Stefan Molyneux quit his previous job in the field of computer software and works full-time on Freedomain Radio, a philosophical community website which is funded through donations.

@rockerme4u fucking hell, you are such a facist, do you even realise that?

voting will never change anything, all your doing is choosing directors of the corporation that is run for profit and poses as the benevolent caring force of stability in society when infact its causing most of the problems!

Neither stef in the video or myself are americans you dumbass.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 6021 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

U.S. defense secretary securing military bases after Florida shooting

French government says it is determined on pension reform as strikes continue

Hong Kong sees biggest protests since democrats' election boost

Johnson pledges transformative Brexit as nerves are rattled by UK polls

Britain's PM Johnson says election race not over yet

United States and Iran swap prisoners in rare act of cooperation

Ultimele articole - Antena3.roUn barbat din Suceava a fost gasit carbonizat în zona unui incendiu de vegetatie uscata

HOROSCOP. Acestea sunt zodiile care duc totul la extrem

Verificari în toata tara privind eliberarea fiselor medicale pentru permisul de conducere. Ce nereguli au gasit poli?i?tii

Presedintele interimar al PSD ataca Guvernul PNL: „Observ ca actioneaza nedemocratic si neconstitutional”

ANM anun?a vreme închisa. Cum arata prognoza meteo pentru zilele urmatoare

Subiect ?i Predicat. Adriana Saftoiu: „Daca îi sco?i din politica, mul?i politicieni sunt fara loc de munca”





08/12/2019 @ 16:15:08
script eseguito in 898 ms