Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 17/12/2010 @ 16:00:12, in it - Scienze e Societa, read 2086 times)

di Andy Greenberg

Che lo ammiriate o che lo ingiuriate, Julian Assange di WikiLeaks è il profeta di un’età a venire di involontaria trasparenza, il leader di un’organizzazione devota alla divulgazione dei segreti del mondo che utilizza tecnologie inimmaginabili una generazione fa. Nel corso dell’ultimo anno la sua rivolta dell’informazione ha scaricato nel dominio pubblico 76.000 documenti segreti sulla guerra afgana e un altro tesoro di 392.000 files dalla guerra in Iraq – la più grande violazione di sicurezza militare di materiale riservato della storia. Domenica, WikiLeaks ha reso pubblico il primo di 250.000 cable riservati del Dipartimento di Stato americano, offrendo una vista senza precedenti di come i maggiori diplomatici americani vedono nemici e amici allo stesso modo.

Ma, come mi ha spiegato Assange all’inizio di questo mese, i documenti segreti del Pentagono e del Dipartimento di Stato sono solo l’inizio.

In una rara intervista di due ore effettuata a Londra, l’11 novembre, Assange ha detto che sta ancora seduto su un tesoro di documenti segreti, la metà dei quali correlata al settore privato. E il prossimo obiettivo di WikiLeaks sarà una delle principali banche americane. “Questo darà un’intuizione vera e rappresentativa di come le banche di comportano a livello esecutivo in un modo che stimolerà indagini e riforme, suppongo” dice, aggiungendo: “Per questo, c’è solo un esempio simile. E’ come le email della Enron”.

Ecco una trascrizione di questa discussione.

Forbes: Per cominciare, è vero che siede su un tesoro di documenti non pubblicati?
J.A.:
Certamente. Questo è normalmente il caso. Non appena abbiamo avuto più successo, si è creato un gap fra la velocità della nostra pipeline di pubblicazione e la velocità della nostra pipeline di ricezione di documenti. La nostra pipeline di documenti segreti è cresciuta esponenzialmente man mano che il nostro profilo cresceva, mentre la nostra capacità di pubblicare è cresciuta linearmente.

Intende, man mano che il suo profilo è cresciuto?
Si, il profilo crescente dell’organizzazione e anche il mio profilo crescente. E c’è un effetto di rete per tutto ciò che ha a che fare con la fiducia. Una volta che qualcosa inizia a girare e inizia ad essere considerata affidabile in un’arena particolare, e incontri qualcuno e questo qualcuno dice “Ho sentito che è affidabile”, allora tutto d’un tratto si riconferma il tuo sospetto che la cosa è affidabile.
Ecco perchè la marca è così importante, così come lo è con qualsiasi cosa di cui dovete fidarvi.

E questo gap fra le vostre risorse di pubblicazione e il materiale che ricevete è il motivo per cui la funzione di presentazione (di documenti) è stata inibita da ottobre?
Ne abbiamo troppi.

Prima di interrompere la ricezione di documenti, quanti ne ricevevate al giorno?
Come ho detto, stava aumentando esponenzialmente. Quando otteniamo tanta stampa, possiamo raggiungere picchi di centinaia o di migliaia. La qualità a volte non è così alta. Se la prima pagina di Pirate Bay ci linka, come hanno fatto occasionalmente, riceviamo un sacco di documenti, ma la qualità non è molto alta.

Quanto di questo tesoro di documenti su cui sta sedendo è in relazione al settore privato?
Circa il 50%.

Vi siete focalizzati principalmente sull’esercito americano in quest’ultimo anno. Questo significa che sono in lavoro dei leaks focalizzati sul settore privato?
Si. Se ci pensa, abbiamo una pipeline di pubblicazione che cresce linearmente, e un numero esponenziale di leaks, così ci troviamo in una posizione nella quale dobbiamo mettere delle priorità alle nostre risorse in modo che il materiale di maggior impatto venga rilasciato per primo.

Quindi avete del materiale aziendale di grande impatto da rilasciare.
Si, ma non di grandissimo impatto… Intendo dire, potrebbe buttar giù una banca o due.

Sembra di grande impatto.
Non così grande impatto come la storia di un’intera guerra. Ma dipende da come vengono misurate queste cose.

Quando tornerà WikiLeaks al suo modello più vecchio di leaks più frequenti ma con meno quantità di materiale?
Se guardate al numero medio di documenti che stiamo rilasciando, stiamo largamente superando quello dello scorso anno. Sono insiemi di dati enormi.
Quindi in realtà è molto efficiente per noi fare così.
Se guardate al numero di pacchetti, questo è diminuito. Ma se guardate al numero medio di documenti, quest’ultimo è tremendamente cresciuto.

Quindi ritornerete al modello “più alto numero di obiettivi e fonti”?
Si, sebbene effettivamente penso che… [pausa] Questo grande pacco di documenti rilasciati. Dovremmo trovare un nome simpatico da dargli.

Megaleaks?
Megaleaks. Sta bene. Questi megaleaks… Sono un fenomeno importante, e stanno per aumentare. Quando c’è un enorme insieme di dati, che copre un intero periodo storico o che colpisce un intero gruppo di persone, vale la pena specializzarsi e fare un unica produzione pre ogni dato, che è quello che abbiamo fatto.

Di questi megaleaks, come li chiama lei, non ne abbiamo visto nessuno riguardante il settore privato.
No, non nella stessa scala di quelli visti per l’esercito.

Li vedremo?
Si. Ne abbiamo uno in arrivo riguardante una banca, che è un megaleak. Non è grande in scala come il materiale dell’Iraq, ma ci in entrambi ci sono decine o centinaia di migliaia di documenti a seconda di come volete definirli.

E’ una banca statunitense?
Si, una banca degli Stati Uniti.

Una ancora esistente?
Si, una grande banca degli Stati Uniti.

La più grande banca degli Stati Uniti?
No comment.

Quando succederà?
All’inizio del prossimo anno. Non dirò nulla di più.

Quale volete che sia il risultato di questo rilascio?
[Pausa] Non sono sicuro.
Farà intuire in modo chiaro e rappresentativo la maniera in cui le banche si comportano a livello esecutivo, e ciò stimolerà indagini e riforme, presumo
Generalmente, quando si ottengono leaks a questo livello, riguardano un caso particolare o una particolare violazione. Per questo, c’è solo un esempio simile. E’ come il caso delle email della Enron. Perchè sono così preziose? Quando la Enron collassò, attraverso i processi in tribunale, migliaia e migliaia di email interne vennero alla luce, e questo fornì una finestra per vedere come l’intera compagnia era gestita. Furono tutte le piccole decisioni che sostennero le flagranti violazioni.
Questo sarà lo stesso. Si, ci saranno delle flagranti violazioni, pratiche non etiche che verranno rivelate, ma quello che verrà fuori saranno tutte le strutture che supportano il prendere decisioni, e l’ethos esecutivo interno che ne verrà fuori, e questo ha un valore enorme. Come per i Warlog iracheni, sì, c’erano incidenti di massa che facevano notizia, ma il valore maggiore consisteva nel vedere lo spettro completo della guerra.
Puoi chiamarlo l’ecosistema della corruzione. Ma sono anche tutte le decisioni normili che portavano a non vedere e a sostenere pratiche non etiche: la supervisione mancata, le priorità degli esecutivi, il modo in cui pensano di soddisfare i propri interessi. Il modo in cui ne parlavano.

Quanti dollari sono in gioco in tutto ciò?
Stiamo ancora indagando. Tutto quello che posso dire è che è evidente che c’erano pratiche poco etiche, ma è presto per suggerire che c’era della criminalità. Dobbiamo stare attenti nell’applicare l’etichetta di criminale a delle persone fino a quando non ne siamo sicuri.

Mi può dire qualcosa sul tipo di comportamento non etico di cui stiamo parlando?
No.

Una volta ha detto a un mio collega che WikiLeaks ha del materiale sulla BP. Che cosa avete?
Ne abbiamo molto, ma non abbiamo ancora determinato quanto sia originale. C’è stato un gran parlare del caso BP, e gli avvocati, e la gente hanno tirato fuori molto materiale. Pertanto sospetto che il materiale che abbiamo sulla BP non sia quello originale. Dovremo vedere se quello che abbiamo è particolamente unico.

La stampa russa ha riportato che state pianificando di colpire le compagnie e i politici russi. Ho sentito da altre fonti di WikiLeaks che questo è stato gonfiato a dismisura.
E’ stato gonfiato a dismisura quando la FSB ha detto di non preoccuparsi, che potevano buttarci giù. Ma sì, abbiamo materiale su molte aziende e molti governi, inclusa la Russia. E’ sbagliato dire che ci sarà un focus particolare sulla Russia.

Passiamo alle altre industrie. Cosa mi dice delle compagnie farmaceutiche?
Sì… Per essere chiari, abbiamo ancora così tanto materiale non elaborato, che non sono ancora sicuro di tutto questo. Ci sono giusto delle cose che ho guardato brevemente o che qualcuno dei nostri me ne ha parlato.

Quanto materiale avete? Quanti giga o terabyte?
Non lo so. Non ho avuto tempo di calcolare.

Continuiamo, quindi: l’industria tecnologica?
Abbiamo del materiale sullo spionaggio da parte di uno dei principali governi sull’industria tecnologica. Spionaggio industriale.

Stati Uniti? China?
Gli Stati Uniti sono fra le vittime.

E a proposito dell’industria energetica?
Si.

A parte la BP?
Si.

Sulle materie ambientali?
Un’intera gamma di fascicoli.

Può farmi degli esempi?
Un esempio: inizia con qualcosa che abbiamo rilasciato lo scorso anno, un caso piuttosto interessante che non è stato considerato da nessuno. C’è un’azienda petrolifera di Canadian, Texas, il cui nome mi sfugge. Ed hanno questi pozzi in Albania che sono scoppiati. Piuttosto grave. Otteniamo questo rapporto su quello che stava succedendo da un consulente tecnico , che diceva che c’erano dei furgoni che giravano nel bel mezzo della notte facendo qualcosa ai pozzi. Venivano sabotati. Il governo albanese era coinvolto assieme a un’altra compagnia. Erano produttori rivali e uno era proprietà del governo, mentre l’altro era privato.
Così, quando otteniamo questo rapporto, questo non aveva un’intestazione. Non diceva il nome della firma o a chi appartenessero i pozzi.

Così non venne raccolto perchè mancavano dei dati chiave.
Quella volta sì. Così dissi, che diavolo dobbiamo fare con questo? E’ impossibile verificare se non sappiamo neppure da dove salta fuori. Potrebbe essere stata una società che cerca di inquadrare l’altra. Così facemmo una cosa veramente inusuale, e la pubblicammo dicendo: “Abbiamo ricevuto questo documento, sembrerebbe scritto da una società rivale nel tentativo di diffamare l’altra, ma non possiamo verificarlo. Vogliamo maggiori informazioni.” Che fosse un documento falso o vero, qualcosa sarebbe successo. Che fosse il tentativo di una società di colpire l’altra, o che fosse un documento vero, era comunque interessante.
E’ lì che la questione rimase fino a quando non ricevemmo una lettera di indagione da una società di consulenza ingegneristica che ci chiedeva di rimuoverlo. Noi chiedemmo che prima provassero che ne erano i proprietari.

E’ come se la Apple confermasse che l’iPhone 4 perduto era reale, chiedendo a Gizmodo di restituirlo.
Si, come Apple e l’iPhone. Ci inviarono un’immagine della schermata con l’intestazione mancante e altre informazioni.

Che cosa stavano pensando?
Non lo so.

Quindi ci sarà l’intera pubblicazione?
Si.

Avete di più sulla finanza?
Abbiamo un sacco di cose correlate alla finanza. Del settore commerciale che abbiamo coperto, la finanza è la più significativa.
Prima che le banche fallissero a Dubai, pubblicammo alcuni leaks che mostravano che non erano in salute. Ci minacciarono di mandarci in prigione a Dubai, che è un po’ grave, se fossimo andati là.

Giusto per elencarli, quali direbbe che sono i 5 maggiori settori privati di cui parlano i leaks nella storia di WikiLeaks?
Dipende se è si considera di più l’importanza del materiale o il suo impatto. Kaupthing (Bank) fu uno dei più importanti, per la catena di eventi che scatenò una serie di esami in Islanda e nel resto della Scandinavia. Anche il caso della Bank Julius Baer fu importante.
Il leak sulla Kaupthing era veramente un buon leak. Il libro dei prestiti descriveva in termini molto franchi la rispettabilità del credito di tutte queste grandi aziende, dei miliardari e dei mutuatari, non solo interni alla banca, ma uno spettro aperto di tutto il mondo, una valutazione di un intero gruppo di affari nel mondo. Fu un leak piuttosto interessante. Non espose solo la Kaupthing, ma molte società.
La banca Julius Baer espose una fitta rete di individui che nascondevano i loro patrimoni alle isole Cayman, e andammo avanti facendo una serie di rilasci che espose la struttura delle tassazioni interne della banca. E’ interessante sapere che anche le banche svizzere nascondono i loro beni al di fuori dalla Svizzera utilizzando banche offshore. Ha scatenato un sacco di indagini interessanti.

Regolamentazione: è questo quello che spera ne derivi?
Non sono un grande fan delle regolamentazioni: chiunque ami la libertà di stampa non può esserlo. Ma ci sono degli abusi che andrebbero regolati, e questo è uno di quelli.
Riguardo questi leaks aziendali posso dire: C’è una sovrapposizione fra i leaks aziendali e quelli relativi ai governi. Quando rilasciammo il report Kroll su tre di quattro milioni contrabbandati fuori dall’ex presidente keniota Daniel arap Moip e i suoi compari, dove finirono i soldi? Non c’è megacorruzione – come la chiamano in Africa, è piuttosto sensazionale, ma si parla di miliardi – senza il supporto di società e banche occidentali.
Quei soldi finirono in proprietà londinesi, banche svizzere, proprietà a New York, società che erano state messe su per spostare quel denaro.
Ne abbiamo avuto un altro interessante dall’industria farmaceutica: era abbastanza auto-referenziale. I lobbisti avevano avuto fughe di notizie dall’OMS. La relazione della loro intelligence interna era tale da compromettere la regolamentazione sugli investimenti. Ce ne è arrivata una copia. Era un meta-leak. Era abbastanza influente, sebbene fosse un leak relativamente piccolo – fu pubblicato su Nature e su altri giornali farmaceutici.

Che cosa pensa WikiLeaks significhi per il commercio? Come deve aggiustarsi il commercio per un mondo dove esiste WikiLeaks?
WikiLeaks significa che è più facile fare “buoni” affari e più difficile farne di “cattivi”, e tutto il CEO dovrebbe essere incoraggiato da questo. Penso al caso in China, dove le aziende produttrici di latte in polvere iniziarono a tagliare le proteine nel latte in polvere con plastiche. Questo avvenne in diverse aziende produttrici.
Diciamo che tu voglia mandare avanti una buona società. E’ una cosa bella avere un luogo di lavoro etico. I tuoi dipendenti sono meno propensi a fotterti se non stanno fottendo altra gente.
Poi un’azienda inizia a tagliare il suo latte in polvere con la melanina, e diventa più redditizia. Puoi seguire il suo esempio, o lentamente andare in bancarotta e e quello che sta tagliando latte in polvere ti fa fuori. E questo è il peggiore degli esiti.
L’altra possibilità è che la prima azienda che taglia il latte in polvere venga esposta. E tu quindi non devi tagliare il tuo latte in polvere. C’è una minaccia di regolamentazione che produce auto-regolamentazione.
Ciò significa che è più facile per i CEO onesti avere un business onesto, se i commercianti disonesti vengono colpiti di più dai leaks rispetto ai commercianti onesti. Questa è l’idea generale. Nella lotta fra aziende aperte e oneste e aziende chiuse e disoneste, stiamo creando un’enorme rassa reputazionale sulle aziende non etiche.
Nessuno vuole che le proprie cose trapelino. Ci addolora avere leaks interni. Ma in qualsiasi settore, è un bene avere questi leaks sia per il settore intero, che, specialmente, per i buoni giocatori.

Ma, a parte il mercato nella sua interezza, come dovrebbero le società cambiare il loro comportamento comprendendo che i leaks aumenteranno?
Fare cose che incoraggiano i leaks dai concorrenti disonesti. Essere il più aperte e oneste possibile. Trattare bene i propri dipendenti.
Io penso che sia estremamente positivo. Finisci in una situazione dove le aziende oneste che producono prodotti di qualità sono più competitive rispetto alle aziende disoneste che producono materiale cattivo. E le aziende che trattano bene i loro dipendenti fanno le cose meglio rispetto a quelle che li trattano male.

Lei si definirebbe un proponente del libero mercato?
Assolutamente. Ho mescolato atteggiamenti che vanno verso il capitalismo, ma io amo i mercati. Avendo vissuto e lavorato in molti paesi, posso vedere l’enorme vivacità in, diciamo, il settore delle telecomunicazioni malesi rispetto al settore statunitense. Negli Stati Uniti ogni cosa è integrata verticalmente e cucita, così non c’è libero mercato. In Malesi, si ha un largo spettro di giocatori, e si possono vedere i benefici per tutti come risultato.

Come si adattano i vostri leaks a questo?
Per dirla in modo semplice, perchè ci sia un mercato, deve esserci informazione. Un mercato perfetto richiede un’informazione perfetta.
C’è il famoso esempio del bidone nel mercato delle auto usate. E’ dura per gli acquirenti distinguere bidoni da buone auto, e i venditori non possono mettere un prezzo buono, anche se hanno una buona macchina.
Per farla più semplice, per vedere dove stanno i problemi nelle società, identifichiamo i bidoni. Ciò significa che c’è un mercato migliore per le buone aziende. Perchè un mercato sia libero, la gente deve sapere con chi ha a che fare.

Vi siete sviluppati una reputazione come anti-istituzionali e anti-imprese.
Non del tutto. Creare un’istituzione ben gestita è una cosa difficile da fare, e io sono stato in paesi dove le istituzioni sono in una situazione di collasso, così capisco la difficoltà di gestire una società. Le istituzioni non nascono da nulla.
Non è corretto mettermi in uno specifico campo economico o filosofico, poiché ho imparato da molti. Ma uno è il libertarismo Americano, liberitarismo del mercato. Così, per quanto riguarda i mercati interessati, sono un libertario, ma ho abbastanza esperienza in politica e in storia da comprendere che un libero mercato confluisce in un monopolio, a meno che non venga forzato a essere libero.
WikiLeaks è progettata per rendere il capitalismo più libero ed etico.
Ma allo stesso tempo, ci potrebbe essere un sacco di dolore per questi scandali, ovviamente.
Dolore per i colpevoli.

Voi ricevete piacere da questi scandali che esponete e dalle aziende che fate vergognare?
E’ un lavoro immensamente piacevole vedere sorgere riforme e stimolarne la nascita. Vedere portare il conto agli opportunisti e agli abusatori.

Lei era un hacker tradizionale. Come ha trovato questo nuovo modello di ottenere informazioni dalle società?
E’ piuttosto seccante, in realtà. Poiché ho collaborato alla stesura di un libro che parlava dell’essere un hacker, ci sono documentari su questo, la gente ne ha parlato abbastanza. Possono far copia e incolla. Ma è roba di 20 anni fa. E’ molto seccante vedere articoli di oggigiorno definirmi un hacker.
Non mi vergogno di questo, anzi, ne sono piuttosto orgoglioso. Ma capisco il motivo per cui insinuano che sono un hacker oggi. C’è una ragione specifica.
Aprii uno dei primi ISP in Australia, noto come Suburbia, nel 1993. Da quella volta sono stato editore, e ,in vari momenti, giornalista. C’è un tentativo deliberato di ridefinire quello che facciamo non come pubblicazione, che viene protetta in molti paesi, o attività giornalistica, che viene protetta in altri modi, ma come qualcosa che non ha protezioni, come l’hacking dei computer, e pertanto ci separano dal resto della stampa e da quelle protezioni legali. E’ fatto in modo piuttosto deliberato da alcuni dei nostri oppositori. E’ anche fatto per paura, da editori come il New York Times che verrebbero regolamentati e investigati se includessero le nostre attività nell’editoria e nel giornalismo.

Non sto sostenendo che lei sia un hacker adesso. Ma se diciamo che sia quello che faceva allora, che quello che sta facendo ora riguarda l’ottenere accesso alle informazioni, quando ha cambiato la sua strategia, dall’entrare e prenderle a semplicemente chiederle?
La mentalità hacker aveva grande valore per me. Ma chi sta dentro (alla società, ad esempio) sa dove sono gli orgnani. E’ molto più efficace avere qualcuno di interno. Conosce i problemi, capisce come esporli.

Come iniziò l’approccio alla sua strategia dei leak?
Quando aprimmo Suburbia nel 1993, io sapevo che portare le informazioni alla gente era molto importante. Facilitammo molti gruppi: eravamo la stampante digitale, se vuole, per molte aziende e individui che ci usavano per pubblicare informazioni. Ci portavano informazioni, e alcuni di questi erano gruppi di attivisti, avvocati. E alcuni portavano informazioni sulle società, come Telstra, il gigante delle telecomunicazioni australiano. Pubblicammo informazioni su di loro. E’ qualcosa che stavo facendo negli anni ’90.
Eravamo l’ISP che parlava liberamente in Australia. Un sito web australiano anticlericale di scientology fu cacciato dalla Victoria University da minacce legali dalla California e cacciato da moltri altri posti. Alla fine arrivò da noi.
La gente stava scappando dagli ISP che si sarebbero piegati sotto minacce legali, anche da un culto negli Stati Uniti. E’ qualcosa che vidi prematuramente, e senza realizzarlo: potenziamento di persone per far rivelare loro delle informazioni, creando un passaggio. Senza aver nessun altro editore robusto sul mercato, la gente venne a noi.

Vorrei chiederle di “Mudge” [alias Peter Zatko, un hacker leggendario e ricercatore sulla sicurezza]
Si, conosco Mudge. E’ un tipo molto acuto.

Mudge è ora leader di un progetto alla Defense Advanced Research Projects Agency del Pentagono che cerca di trovare una tecnologia che possa fermare i leaks, cosa che sembra correlata alla tua organizzazione. Può dirmi qualcosa sul suo passato rapporto con Mudge?
Beh, io… no comment.

Lei faceva parte dello stesso quadro di hacker? Quando lei era un hacker, deve averlo conosciuto molto bene.
Eravamo nello stesso ambiente. Parlavo con tutti in quell’ambiente.

Che cosa pensa del suo corrente lavoro per la prevenzione di leaks digitali nelle organizzazioni, un progetto chiamato Cyber Insider Threat o Cinder?
Non ne so nulla.

Che cosa pensa del potenziale di qualsiasi tecnologia progettata per prevenire i leaks?
E’ marginale.

Che cosa intende dire?
Si stanno costantemente ritagliando nuovi formati e nuovi modi di comunicare. Fermare i leaks è una nuova forma di censura. Nello stesso modo in cui in Cina si spendono risorse significative per i firewall, il risultato è che chiunque sia motivato può lavorarci attorno. Non solo la piccola frazione di utenti, ma chiunque voglia davvero lavorarci sopra.
Gli strumenti di elusione della censura [come il programma Tor] si focalizzano anche sui leaks. Facilitano i leaks.
Le reti Air Gap sono diverse. Dove non c’è letteralmente connessione fra la rete e internet. Hai bisogno di un essere umano per portare qualcosa. Ma non hanno portato nulla intenzionalmente. Potrebbe essere un virus su una penna USB, come ha dimostrato il worm Stuxnet, sebbene questo andasse in un’altra direzione. Potresti far uscire le informazioni per mezzo di qualcuno che non sa di essere un mulo.

Torniamo a Mudge e a Cinder.: Pensa che, conoscendo la sua intelligenza personalmente, potrebbe risolvere il problema dei leaks?
No, ma non significa che la difficoltà non possa venir aumentata. Ma penso che sia un caso molto difficile, e la ragione per cui suggerisco che è un caso impossibile da risolvere completamente è che la maggior parte della gente non fa trapelare documenti. E le varie minacce o pene già significano che essi devono essere molto motivati per andare incontro a queste minacce e pene. Questa è gente altamente motivata. La censura può funzionare per la persona media, ma non per gente altamente motivata. E la nostra gente lo è.
Mudge è un tipo intelligente, ed è anche molto etico. Sospetto che si preoccuperebbe di creare un sistema per occultare autentici abusi .
Ma il suo obiettivo di prevenire i leaks non fa differenze sul contenuto. Fermerebbe gli informatori proprio come fermerebbe la fuoriscita di dati causata da hacker estranei.
Sono sicuro che le direbbe che la Cina spia gli Stati Uniti, la Russia e la Francia. Questi sono autentiche preoccupazioni su questi poteri che fanno fuoriuscire dati. Ed è possibilimente etico combattere questo processo. Ma spiare significa anche stabilizzare le relazioni. Le tue paure su dove sta o non sta un paese sono sempre peggiori della realtà. Se hai solo una scatola nera, puoi metterci dentro le tue paure, in particolare opportunisti nei governi o industrie private che vogliono indirizzare un problema che potrebbe non esistere. Se sai quello che un governo sta facendo, si possono ridurre le tensioni.

Ci sono state voci che dicono che Daniel Domscheit-Berg, un Tedesco che lavorava con WikiLeajs, abbia lasciato per creare la sua personale organizzazione tipo WikiLeaks. Il Wall Street Journal lo descrive come un “competitore” di WikiLeaks. Lei vede in lui un concorrente?
La fornitura di leaks è molto grande. E’ utile per noi avere più persone nel campo. E’ protettivo per noi.

Che cosa pensa dell’idea di imitazioni e spinoff di WikiLeaks?
Ce ne sono già state, e sono state molto pericolose. Non è qualcosa che sia facile fare nel modo corretto. Questo è il problema. Sarebbe bello avere più gente che parla cinese che lavora con noi in modo dedicato. Ma ciò che hanno fatto non ha avuto sicurezza significativa. Non hanno una reputazione di cui ci si possa fidare. E’ molto facile e molto pericoloso farlo nel modo sbagliato.

Lei pensa che la Icelandic Modern Media Initiative [una serie di banconote fatte per rendere l'Islanda il paese in cui c'è maggior libertà di parola e maggior protezione degli informatori nel mondo] renderebbe più semplice farlo correttamente se passasse?
Non ai livelli più alti. Abbiamo a che fare con organizzazioni che non obbediscono alle regole della legge. Pertanto le leggi non contano.
Le agenzie di intelligence tengono le cose segrete perchè spesso violano le regole della legge o del buon comportamento.

E a proposito dei leaks corporativi?
Per quanto riguarda i leaks corporativi, si, leggi sulla libertà di parola renderebbero le cose più semplici Non per i contractors militari, poiché vanno a braccetto con le agenzie di intelligence. Se un’agenzia di spionaggio è coinvolta, l’IMMI non ti aiuterebbe. Ad eccezione del fatto che potrebbe aumentare il costo diplomatico , se venisse presa.

Ci sono altre organizzazioni di leaking che lei approva?
No, non ce ne sono.

Lei spera che l’IMMI favorirà una nuova generazione di organizzazioni come WikiLeaks?
Più che WikiLeaks: pubblicazione generale. Siamo il canarino nella miniera di carbone. Noi siamo l’avanguardia. Ma gli attacchi contro gli editori in genere sono severi.

Se lei avesse una lista dei desideri riguardante società o governi, di quale cercherebbe i leaks?
Di tutti i governi, di tutte le società. Accettiamo tutto il materiale che abbia un significato diplomatico, storico o etico che non sia stato rilasciato prima e che sia in fase di soppressione attiva.
C’è una domanda circa quali aziende hanno il più grande potenziale di riforma. Potrebbero essere quelle di cui non abbiamo ancora sentito parlare. Pertanto, cosa c’è di grosso dietro l’angolo? La vera risposta è che non lo so. Nessuno pubblicamente lo sa. Ma qualcuno dentro lo sa.

Ma ci sono anche aziende che hanno più segreti, quindi deve sapere che ci sono cose che vorrebbe e che non ha ancora ottenuto.
Vero. Quello che c’è dentro l’intelligence industriale, per esempio. Hanno il livello di segretezza più alto. E lo stesso vale per l’industria delle banche.
Altre industrie che sono estremamente ben pagate, dice Goldman Sachs, potrebbero avere maggiori incentivi per non perdere i loro lavori.
Quindi ci sono solo le cose ovvie che vogliamo: cose che hanno a che fare con l’intelligence e la guerra, e le frodi finanziarie di massa. Perchè colpiscono molte persone pesantemente.

E queste hanno leaks più duri da ottenere.
L’intelligence in particolare, perchè le pene sono molto severe. Sebbene pochissime persone siano state prese, vale la pena saperlo. Le pene possono essere molto severe, ma quasi tutti la fanno franca.
Per tenere la gente sotto controllo, hai solo bisogno di renderla impaurita. La CIA non ha paura di un gruppo di persone che fanno trapelare documenti. Ha paura che la gente venga a sapere che ci sono persone che fanno uscire documenti. Se questo succede, l’amministrazione perde il controllo.

E WikiLeaks ha una strategia opposta?
Vero. E’ riassunta nella frase “il coraggio è contagioso”. Se dimostri che degli individui possono fare fuoriuscire qualcosa e continuare a vivere bene, è una cosa molto incentivante per le persone.

Traduzione: wikileaksitalia.org - Fonte: blogs.forbes.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Turismo Associati has shared a video with you on YouTube: "Who is Silvio Berlusconi?"

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 17/12/2010 @ 12:00:48, in it - Scienze e Societa, read 1547 times)

Romantici specchi d'acqua dolce, freschi e limpidi, con verdi e soleggiati prati rivieraschi e magari qualche barchetta a remi che invita a scoprire la sponda opposta. Sono i laghi balneari dell'Alto Adige, piccoli gioielli della natura che sembrano spuntare come d'incanto qua e là in mezzo al paesaggio.

 

Gioielli come lo sono ad esempio i due laghi di Monticolo in mezzo ai boschi dell'Oltradige, con uno splendido lido attrezzato con vasca riscaldata, trampolino e reparto bambini con maxiscivolo. Un piccolo paradiso per i bagnanti e per gli amanti della natura è il laghetto di Fiè, situato a 1.036 m a Fiè allo Sciliar e un vero passaparola è anche il lago di Favogna, nella bassa atesina.

Poi, ovviamente, c'è il lago di Caldaro, che con i suoi 147 ettari è il più grande tra i laghi naturali altoatesini. Con l'acqua che spesso raggiunge una temperatura di 28 °C, questo splendido lago balneare circondato da vigneti è uno tra i più temperati dell'arco alpino.

Oltre ai laghi balneari veri e propri, ci sono poi alcuni piccoli laghetti naturali adibiti alla balneazione, alimentati con acqua potabile che rimane pulitissima grazie all'effetto filtrante del ghiaino e della vegetazione acquatica e rivierasca adeguatamente scelta e curata. Attualmente di questi laghetti in Alto Adige ce ne sono quattro e si trovano a Dobbiaco, a Campo Tures (il primo del genere in Italia), a Luson e a Gargazzone. Per saperne di più cliccate su laghetti balneari naturali in Alto Adige.

Fonte: dolomiten.eu

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 17/12/2010 @ 10:00:12, in en - Video Alert, read 1324 times)

J.D. is annoyed that Turk's games always end up with him winning. In return he wants to play "tip over the rubbish bin" much to the annoyance of Janitor. Dr. Cox doesn't like that J.D. gave Mr. Hoffner lots of medical options, including surgical. As a surgical consult, Turk advises Mr. Hoffner to do the surgery which makes J.D. upset because he would prefer to treat him medically. Mr. Hoffner opts for surgery. When J.D. goes to talk to Dr. Cox about his decision, Dr. Cox doesn't have time to listen. J.D. in turn talks to Mr. Hoffner himself who says he made the decision himself, based on advice from other people, including Janitor. When J.D. is trying to convince his next patient that he should go the medical route, he is convinced by J.D.'s new confidence - and a thumbs up from Janitor.

Elliot tries to impress Sean

 

Elliot's patient, Sean Kelly, immediately attracts her. Elliot flirts with Sean on the cardiograph and finds out he is single. Elliot takes Carla away and asks why Sean didn't ask her out, even though she told him she was single. Carla tells her to wait and see what happens but shortly afterward he gets released. When Elliot gussies up to impress him, Laverne informs her that she needs to immediately see a patient. When she is through, she is covered in trash including poo, which leads into an awkward conversation about poop with Sean. In the parking lot, Elliot chases after Sean but is splashed by a puddle. She tastes it to prove it's not poo to Sean, she pulls him in for a kiss and makes him ask her out.

 

Dr. Cox is really happy with the coffee made by a special nurse even though Carla mentions Dr. Kelso has just fired two nurses. Dr. Cox tells Dr. Kelso it was wrong to fire two good nurses, and in turn Bob fires the coffee nurse and Carla blames Perry for arguing with him. The nurses are upset about the extra workload, and give Dr. Cox the cold shoulder.


Read more: http://scrubs.wikia.com/wiki/My_Way_or_the_Highway#ixzz14hOWo7j4

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 17/12/2010 @ 08:00:40, in ro - Stiinta si Societate, read 1298 times)

 Doi cercetatori de la Muzeul de istorie naturala din Paris radiografiaza specimene de peste-coelacant, vechi de 390 de milioane de ani, pentru a realiza un model in trei dimensiuni in scopul de a determina locul acestui animal in evolutia speciilor.

Unul dintre „pacienti”, pescuit in largul insulelor Comore, cu o lungime de 1,5 m si 60 kg, se afla pe o masa de examinare, fiind investigat cu ajutorul scanerului. Corpul sau naclait degaja un puternic miros de formol, in care a stat scufundat timp de patru ani. Din inotatoarele sale au ramas doar oasele iar pântecele ascunde o relicva de plamân.

Coelacantul este un animal bizar; o enigma pentru stiinta. Cu atât mai mult cu cât se stia ca a disparut odata cu dinozaurii, in urma cu 65 milioane de ani. Iata ca lucrurile nu stau asa: acesti pesti au continuat sa sfideze timpul, supravietuind in mici grupuri in apele adânci ale Oceanului Indian.

Doi cercetatori de la Muzeul de istorie naturala din Paris s-au deplasat recent intr-un spital, pentru a radiografia specimenul, urmând astfel unul dintre cele mai pasionante proiecte legate de aceasta „fosila vie”: realizarea unui model in trei dimensiuni (3D) al ansamblului organelor pestelui, pentru a-l putea compara cu specii mai recente si pentru a determina locul pe care-l ocupa in arborele stufos al evolutiei.

Tainele unei relicve

Cum au reusit pestii sa iasa din ape? Ce specii au dat nastere primelor tetrapode, ai caror descendenti indepartati suntem? Iata doar doua dintre intrebarile care-i framânta pe oamenii de stiinta. Prin anatomia si vechimea sa - 390 milioane de ani - coelacantul poate oferi o mare parte din raspunsuri. Un peste de adâncime care detine informatii capitale despre vietuitoarele de pe uscat. Una dintre caracteristicile extraordinare ale animalului o constituie inotatoarele, care nu seamana cu cele ale pestilor clasici.

Sunt atasate direct pe corp si se prezinta sub forma unui lob carnos cu schelet osos. Succesiunea oaselor aminteste de humerus, cubitus, radius, in inotatoarea pectorala, si de femur, tibie, peroneu, in inotatoarea pelviana. Nici un organism nu se prezinta in acest mod. E interesant de stiut cum s-a produs transformarea inotatoarei. O alta caracteristica unica o constituie prezenta in mijlocul abdomenului a unui diverticul cu o lungime de 8 cm, in locul plamânului.

Nu se stie de ce a avut loc aceasta regresie. Deocamdata e loc doar de ipoteze. Una dintre acestea se sprijina pe existenta unui organ pe care doar coelacantul il poseda: un manson umplut cu grasime care ocupa cavitatea abdominala invecinata. Fata de pestii clasici, acest animal nu are vezica inotatoare care sa-i asigure flotabilitatea. In locul ei, foloseste acest organ, ca balast. Probabil ca la inceput avea un plamân functional, care a regresat intr-o anumita perioada a evolutiei. Motivul? Necunoscut.

Un blestem ancestral?

Prima radiografie a pestelui, realizata in 2005, s-a dovedit a fi cvasi-utilizabila si asta datorita prezentei in intestin a unei mase dure, stralucitoare, care altera o parte din imagini. A fost nevoie sa se faca o incizie in animal (in aprilie 2007), pentru a extrage ceea ce s-a dovedit a fi o masa de materii fecale mineralizate, dupa care s-a reluat scanarea.

In laborator a fost adus un al doilea exemplar, o femela. Si, surpriza! De asta data, ficatul a fost cel care a afectat imaginile. Specialistii n-au indraznit sa deschida animalul, intrucât era singura femela completa de care dispunea muzeul. O problema care in acest moment nu poate fi rezolvata pentru a se continua investigatiile. Alte exemplare nu pot fi obtinute intrucât e interzis pescuitul de coelacant in Comore, chiar si cel in scopuri stiintifice (pâna in prezent, nici un exemplar n-a supravietuit in apele de suprafata sau in captivitate). Se pare ca cei care se intereseaza de acest peste se confrunta cu o serie de neajunsuri. Se vorbeste chiar de un „blestem” al coelacantilor!... Fiecare epoca are un Tutankamon al sau...

Flash-back istoric si sentimental

Redescoperirea acestui peste marcheaza o poveste care a inceput in 1938 in Africa de Sud, unde a fost capturat un exemplar, expediat custodelui Muzeului East London. Pestele e desenat si trimis unui ihtiolog. Acesta ramâne inmarmurit, vazând imaginea unui animal care... a disparut in urma cu 65 milioane de ani! Dupa 14 ani plini de peripetii, e capturat un al doilea exemplar, in Comore, de asta data.

Ihtiologul marturiseste emotionat: „Am ingenuncheat pentru a privi pestele cât mai de aproape si, in timp ce-l mângâiam, mi se scurgeau lacrimi pe mâini”. De atunci, au fost capturate 200 de specimene, fiind conservate, in mare parte, in muzee din lumea intreaga sau in colectiile particulare ale unor „nababi”. Printre care cea a fostului dictator Saddam Hussein sau a celebrului bogatas, Aga Khan, care au platit o mica avere pentru câte un exemplar.

Un proiect continuu

Exemplare complete pastrate sunt rare. Majoritatea pestilor au fost disecati in sectiuni histologice fine, care au oferit o imagine completa a animalului, dar care nu i-au ajutat pe cercetatori sa compare dispunerea organelor, sa inteleaga cum au evoluat aceste animale. Acest lucru devine acum posibil prin realizarea unor modele virtuale 3D ale oaselor si muschilor si compararea lor cu cele ale tetrapodelor. O munca ce va dura ani de zile.

Dupa ce proiectul va fi finalizat, echipa de cercetatori va repeta experienta cu o alta specie de pesti (dipnoi), din aceeasi „generatie” cu coelacantul, care au capacitatea de a respira si in apa, si in aer, datorita legaturii dintre branhii si plamâni. Studiile comparative (legate de cele doua specii) ar putea furniza informatii capitale referitoare la momentul crucial in care unele animale au parasit viata acvatica in favoarea destinului terestru.

DORIN MARAN - revista Magazin

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 16/12/2010 @ 21:12:05, in en - Global Observatory, read 1554 times)

 Ben Stansall/Agence France-Presse — Getty Images - The WikiLeaks founder Julian Assange was released on bail on Thursday by the High Court in London.

Following the Crown Prosecution Service's decision to appeal the bail granted on Tuesday by the Westminster Magistrates' Court, another hearing will take place today at 11:30 GMT at the High Court.

Peter Alexander of NBC News noted on Twitter that "Assange lawyer says defense has collected $315K bail. He's free if appeal's denied." The court had requested on Tuesday that the full bail amount be presented in cash.

Journalists present at the court, including a team from The Guardian, report that Julian Assange and his legal team have already arrived at the court for the hearing, which is expected to take two hours. It is unclear at this point whether live updates via Twitter will be allowed from the courtroom, as was the case at Tuesday's hearing.

In the meantime, please don't miss Peter Kemp's continued legal analysis of the bail and extradition arguments: Extradition Part 2--Bail, and Bail Arguments and the Appeal.

Update 1: Justice Ouseley has ruled that no Twitter updates will be allowed from the courtroom today, reports The Guardian's Luke Harding.

Update 2: The Guardian's Luke Harding quoted Justice Ouseley as saying, "The history of the way it [the case] has been dealt with by the Swedish prosecutors would give Mr Assange some basis that he might be acquitted following a trial." According to Mr Harding, "the case is looking good" for Julian Assange.

Update 3: The prosecution's appeal has been denied, reports Channel 4. Julian Assange has been granted bail, on slightly modified conditions compared to those specified at Tuesday's hearing, namely additional sureties, reports Guy Rundle for Crikey.

The next extradition hearing will take place on January 11.

According to testimony at Tuesday's hearing, Julian Assange will stay at the estate of Captain Vaughan Smith, founder of the Frontline Club. You can read Mr Smith's exclusive piece in yesterday's Independent, explaining his support for Julian Assange and WikiLeaks, concluding: "If to fight for this country we will have to fight for its fundamental principles of justice then I declare my position in the ranks."

Update 4: Guy Rundle reports that hearing costs have been awarded against the Crown Prosecution Service.

Update 5: After the formalities were completed, Julian Assange was released today at 6pm London time. He gave a short speech on the steps of the High Court, thanking supporters, his lawyers, members of the press "who were not all taken in," and the British justice system. He called on people to support those facing conditions harder than he did in prison, and promised to continue his work and reveal the evidence behind the allegations.

A video of the statement is available via the New York Times.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 16/12/2010 @ 16:00:38, in it - Osservatorio Globale, read 2341 times)

La notizia ha già fatto il giro del mondo: Julian Assange è stato arrestato in Inghilterra per un presunto stupro consumatosi l’estate scorsa in Svezia.
Il ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini, nel dirsi soddisfatto del risultato, lo ha rivendicato come un successo della diplomazia internazionale: «Era ora, per fortuna l’accerchiamento internazionale ha avuto successo».

La dichiarazione del nostro ministro degli Esteri è di inaudita gravità e tale da rendere indispensabile che Frattini riferisca immediatamente in Parlamento sull’accaduto e, probabilmente, che rassegni le sue dimissioni.

Julian Assange è, allo stato, un cittadino australiano, che si è consegnato alla giustizia inglese perché destinatario di un mandato di cattura emesso in relazione ad un presunto episodio di stupro che si sarebbe consumato in Svezia la scorsa estate.
Niente di tutto ciò legittima l’operazione di “accerchiamento internazionale” che secondo le parole del nostro ministro avrebbe consentito di pervenire a tale risultato.
Sul punto, pertanto, è innanzitutto necessario che il ministro sia, senza ritardo, chiamato a riferire in Parlamento perché chiarisca se davvero l’Italia ha preso parte a questa manovra di “accerchiamento internazionale” ed in cosa tale operazione sia consistita.

In una pressione sulle Autorità britanniche? In un lavoro di intelligence? In indebite pressioni su soggetti economici affinché chiudessero l’ossigeno a Julian Assange?

Non c’è nessun dubbio che i cittadini italiani abbiano diritto di conoscere la verità sull’attività di “accerchiamento” cui il nostro Governo avrebbe preso parte e sarebbe davvero il colmo se dovessero apprenderla attraverso nuovi cablogrammi diffusi da Wikileaks.
A Julian Assange, sin qui, non è stato contestato alcun reato tale da legittimare, alla stregua del diritto internazionale, l’accerchiamento del quale parla il ministro ed in assenza delle accuse di stupro provenienti dalla Svezia, il fondatore di Wikileaks, sarebbe un uomo libero e innocente sino a prova contraria.

Persino lo statuto della corte penale internazionale, prevede, che a quanti si macchino di orrendi delitti quali crimini di guerra, genocidi o crimini contro l’umanità, sia riconosciuto il diritto ad un giusto processo che, naturalmente, inizia con un’accurata fase di indagini e, quindi, con la formalizzazione di uno o più capi di accusa.
Che Assange ed i suoi abbiano torto o ragione, non è dubitabile, che, l’ordinamento internazionale, riconosca loro il diritto ad un giusto processo, privo di ingerenze politiche.

Se, pertanto, la comunità internazionale – Italia inclusa – ha promosso un’azione di “accerchiamento internazionale” nei confronti di Assange ha dato vita ad un’attività di “persecuzione”, per ragioni, evidentemente, politiche, rendendo configurabile – almeno a livello di tentativo – quello che proprio l’art. 7 dello Statuto della Corte Penale internazionale, qualifica come un “crimine contro l’umanità”.
Ci troveremmo, dunque, dinanzi ad una diplomazia internazionale che punta l’indice contro Assange e lo definisce un “criminale” pur senza avere il coraggio di formalizzare, nei suoi confronti, nessuna accusa, rendendosi, così, rea – lei si – di un crimine contro l’umanità.

In assenza di chiarimenti, pertanto, allo stato, il ministro degli esteri italiano, avrebbe rivendicato la possibile commissione, da parte della comunità internazionale, di un’attività di persecuzione politica, vietata dal diritto internazionale.

Le dimissioni del ministro degli esteri sarebbero un atto dovuto.

Si tratta di una vicenda che non può essere lasciata passare in sordina soprattutto perché, come ho già scritto, il reale obiettivo della diplomazia internazionale non è – né può essere – Julian Assange ma, invece, il diritto a sapere di tutti, contrapposto al preteso diritto al segreto di pochi.

Sono le regole dell’informazione del XXI secolo che, in queste ore, si stanno trascinando sul banco degli imputati e contro le quali si sta celebrando un ignobile processo politico, iniquo ed ingiusto che, peraltro, non risponde all’interesse dei cittadini ma solo ed esclusivamente a quello di un nugolo di uomini che, sin qui, ha amministrato la cosa pubblica, utilizzando il segreto come strumento di potere.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dupa turul de forta executat de presedinte in ultimele zile, interviuri, conferinte de presa si prezente in emisiuni ale posturilor publice de radio si televiziune, Traian Basescu a reusit sa transmita in sfarsit ideea de baza a prezentului.

 

Tara este pe buza prapastiei, eroul Boc se straduieste din greu sa o scoata la liman, exista speranta, insa Opozitia nu le da pace si nu se lasa pana nu baga Romania in derapaj.

Pentru orice om cu mintea intreaga si sanatoasa, dotat cu minima inteligenta, necesara pentru a exersa acte obisnuite precum mancatul sau mersul biped, afirmatia lui Traian Basescu ca Opozitia si doi moguli se fac vinovati pentru colapsul in care se pregateste sa intre Romania trebuie sa ramana maxim o gluma proasta, daca nu chiar o declaratie cu totul si cu totul iresponsabila.

O judecata care poate fi usor incadrata ca un atac la adresa democratiei insasi si a statului de drept, asa cum sunt aceste concepte cunoscute si exersate in toate tarile civilizate ale lumii. Sa lasam deoparte placerea perversa a politicianului Traian Basescu de a isi justifica si explica esecurile si nerealizari dintotdeauna prin prisma celor care nu l-au lasat sa faca. In cazul lui mereu a fost cineva care i s-a opus si din cazua caruia nu a reusit nimic.

Ca si cum existenta Opozitiei nu ar fi prima regula de baza a unei democratii. Si ca si cum incercarea de a opri unele initiative ale Puterii, despre care tu - Opozitie - crezi ca sunt abuzive, nu sunt in slujba cetateanului sau in numele interesului national, nu ar fi principiul de baza al oricarei democratii, oriunde ar fi ea aplicata in lume. Nu insa si pentru presedintele nostru.

Pentru Traian Basescu Opozitia este toxica, maligna si prin insasi existenta ei, prin exercitarea dreptului de a i se opune Puterii, il deranjeaza si il incomodeaza. Ea este de vina ca Boc a trebuit sa taie salariile bugetarilor, sa impoziteze pensiile, sa creasca TVA-ul si sa reduca concediile de maternitate. Opozitia este vinovata si pentru prezentul catastrofal pe care ar il traim, si pentru haosul politicilor de guvernare si va fi, cu siguranta, de vina si pentru tot raul care va urma sub mandatul lui Traian Basescu.

In acest caz, daca Opozitia pune in pericol existenta statului roman, daca doi oameni de afaceri si doi politicieni pericliteaza viitorul Romaniei, de ce nu sunt ei scosi in afara legii si interzisi sa isi mai propage malefica otrava. Daca insasi ideea de Opozitie il incomodeaza pe presedinte si ameninta Romania de ce nu voteaza majoritatea parlamentara excluderea Opozitiei din Parlament. Pentru ca daca salvarea Romaniei sta in linistirea oricarei urme de opozitie in fata actualei puteri, sa nu sacrificam viitorul nostru si al copiilor nostri de dragul unei iluzii a democratiei.

Dupa ultimele manifestari si declaratii, lui Traian Basescu ii poate fi adresata din nou intrebarea cu "camasa de forta", pe care un ziarist o formula - e adevarat intr-un mod mai putin elegant - zilele trecute in legatura cu ce a reprezentat acordul cu FMI pentru romani. Asadar, domnule Traian Basescu cine credeti ca are mai mare nevoie de o "camasa de forta" - Opozitia, Puterea, poporul roman sau cel care detine intreaga putere in stat?

Sursa: ziare.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 16/12/2010 @ 12:00:44, in it - Scienze e Societa, read 1380 times)

Borbera è il nome del caratteristico torrente che per millenni ha modellato questa valle creando un ambiente suggestivo e unico.

 

Il suo corso, lungo una quarantina di chilometri, e i suoi affluenti, interessano un ampio territorio. Un territorio strategicamente collocato a est del torrente Scrivia, che pur rimanendo nel confine della parte più meridionale del Piemonte, si arricchisce delle forti influenze climatiche della non lontana costa.

 

Genova è molto vicina, e se ne toccano quasi le frontiere alle Capanne di Cosola dove è posto il crocevia di quattro regioni: il Piemonte, la Liguria, la Lombardia e l'Emilia. Parallela alla val Borbera e più prossima al confine con la Liguria, troviamo la valle Spinti che, prendendo il nome dall'omonimo torrente, trova nella parlata e nelle tradizioni affinità culturali con la confinante valle.

 

Dalle realtà e dalle tradizioni delle due valli nasce un'unica Comunità Montana: "Valli Borbera e Spinti". La Comunità Montana comprende undici comuni di cui sette nell'alta valle Borbera (Cantalupo Ligure, Albera Ligure, Cabella Ligure, Carrega Ligure, Rocchetta Ligure, Roccaforte Ligure, Mongiardino Ligure), due nella bassa valle (Borghetto Borbera e Vignole Borbera), uno in valle Spinti (Grondona) ed uno tra la val Borbera e la valle Scrivia (Stazzano).

Fonte: viaggialitalia.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Buongiorno a tutti, il nano bollito ha appena parlato al Senato, discorso miserello, promesse, autoelogi, autoimbrodature, “abbiamo fatto cose straordinarie”: non si spiegherebbe, se fosse vero, per quale motivo un pezzo importante della sua maggioranza se ne è andato e da oggi, come ha annunciato ieri Fini, passa decisamente all’opposizione, quindi non è più un alleato critico dall’esterno, ma Futuro e Libertà è un oppositore.

La politica dilaga, il Paese si ribella.

Più che quello che succede al Senato però sarebbe interessante vedere quello che succede in Italia, cioè nel mondo reale, nel mondo dei vivi e, da questo punto di vista, ci sono due bei segnali che indicano proprio come il berlusconismo sia finito come forza in grado di ottenere un consenso maggioritario nel Paese.
I segnali si sono verificati questa mattina fuori dal Parlamento e l’altro ieri fuori dalla villa di Arcore: in entrambi i luoghi simbolici dell’attuale potere delegazioni di agenti di Polizia e delle forze dell’ordine hanno manifestato contro il governo, fuori da Arcore ha manifestato la Polizia contro i tagli alla sicurezza da parte del governo che prometteva sicurezza e oggi il Ministro La Russa, il Ministro della Difesa, uno dei due Ministri cruciali per quanto riguarda le politiche di sicurezza, perché è quello che ha la responsabilità dei Carabinieri e delle forze armate, è stato fischiato dalle forze dell’ordine e dai rappresentanti delle forze dell’ordine sempre per i tagli che sono stati imposti alle forze dell’ordine. Quando le forze dell’ordine fischiano e contestano il governo - è un fatto piuttosto raro - significa, soprattutto se quel governo è il governo della cosiddetta destra, un campanello d’allarme o forse di più, significa proprio una catastrofe dal punto di vista mediatico e anche dell’efficacia delle politiche di questo governo. Non stiamo parlando di metalmeccanici politicizzati, non stiamo parlando di intellettuali, di attori di sinistra, non stiamo parlando del Popolo Viola, non stiamo parlando dei grillini, non stiamo parlando dei dipietristi, non stiamo parlando di pidini, non stiamo parlando di finiani, ma stiamo parlando di agenti delle forze dell’ordine contro questo governo. Credo che quello sia molto più importante per quanto riguarda il Paese reale di quello che avviene nel mondo a parte del Senato, dove invece per strane alchimie, per probabili corruzioni e per sicure compravendite il governo Berlusconi probabilmente domani ce la farà a ottenere, sia pure per uno o due voti di maggioranza, la fiducia. Questa almeno è la previsione che si fa, poi naturalmente speriamo - almeno io spero - di essere smentiti dai fatti. Sembra abbastanza incredibile che ce la faccia, quando il Cavaliere un mese fa era dato per morto anche dentro il regno dei morti, cioè il Parlamento. Che cosa è successo in questo mese? Beh, come al solito siamo lesti a dimenticarci le cose, ma un mese fa il capo dello Stato e il Presidente del Senato e quindi Napolitano e Schifani convinsero il Presidente della Camera Fini a aspettare per la presentazione della mozione di sfiducia, anzi per il voto sulla mozione di sfiducia dopo l’approvazione della Legge Finanziaria, dando così a Berlusconi un mese di tempo per comprarsi i parlamentari che gli mancavano. Non dimentichiamo che Berlusconi sta cercando di comprarseli da quest’estate, quando scoprì che l’espulsione dei finiani non significava perdere quattro gatti: significava perderne 44, tra Camera e Senato; 44 che poi sono diventati anche di più e conseguentemente non c’era più la maggioranza a Montecitorio. Berlusconi per settimane ha cercato di comprarseli, per settimane ha cercato di rendere ininfluente la posizione dei finiani: in realtà, invece quando si è andati a votare in Parlamento, alla Camera si è scoperto che il voto dei finiani era decisivo, perché? Perché Berlusconi non era riuscito a comprarsi tutti quelli che gli occorreva comprare. In quest’ultimo mese invece è riuscito a comprare anche quelli che gli occorrevano per rendere ininfluente l’apporto dei finiani alla sua maggioranza, o almeno per arrivare a uno in più. Ha sbagliato Fini, che per un misto di ingenuità e di responsabilità istituzionale ha accettato il pressante invito del capo dello Stato e dell’infiltrato che c’è nelle istituzioni per conto di Berlusconi, cioè Schifani, a rinviare. E’ stato un grande regalo, l’ennesimo grande regalo che il Presidente della Repubblica ha fatto a Berlusconi in un momento di difficoltà. “L’Italia sta attraversando un momento piuttosto difficile”, ha detto il capo dello Stato con grande presenza di spirito, l’altro giorno e quindi, se si fosse votata la mozione di sfiducia un mese fa, Berlusconi sarebbe spacciato, non sarebbe più al governo, avrebbe già dovuto dimettersi, probabilmente avremmo già qualcun altro al suo posto per un governo provvisorio tecnico che per pochi mesi gestisca l’ordinaria amministrazione e porti l’Italia alle elezioni anticipate. L’attesa di quel mese è stata fatale, perché sappiamo benissimo di che cosa è capace Berlusconi, che è una persona capace di tutto, pronta a tutto, capace di tutto anche in termini economici. Non solo, ma una settimana fa il capo dello Stato ha fatto un appello al Consiglio Superiore della Magistratura, che si apprestava a votare una pratica a tutela dei magistrati che Berlusconi aveva definito “ associazione per delinquere”, in particolare di uno, il Pubblico Ministero Fabio De Pasquale, che Berlusconi aveva definito “ il famigerato De Pasquale”, accusandolo addirittura di aver indotto al suicidio il povero Gabriele Cagliari, Presidente dell’Eni, tangentaro. Il capo dello Stato ha raccomandato ufficialmente prudenza e riserbo al Consiglio Superiore della Magistratura nel difendere i magistrati, perché ha detto che “ in una fase politica delicatissima bisogna evitare tensioni”: non l’ha detto a Berlusconi per intimargli di smetterla di insultare la magistratura, l’ha detto al Consiglio Superiore della Magistratura che, per suo dovere istituzionale, ha il compito di tutelare la magistratura dagli attacchi esterni. Quel messaggio, quello del momento delicatissimo in cui non bisogna creare tensioni fatto a suocera e a nuora perché suocera intenda, è stato recepito anche dalla Corte Costituzionale, che l’altro giorno ha incredibilmente deciso di rinviare l’udienza prevista da mesi per il 14 dicembre, cioè per domani sulla legge che consente a Berlusconi di non essere processato (il legittimo impedimento). Chi ha fissato la data del 14 dicembre prima? L’ha fissata la Corte per decidere sul legittimo impedimento, o l’ha fissata il vertice del Parlamento per decidere sulla fiducia? Naturalmente ha deciso la Corte prima: perché hanno deciso proprio di votare la fiducia lo stesso giorno in cui la Corte avrebbe dovuto riunirsi per decidere sul legittimo impedimento? Per fare spostare in avanti la decisione, naturalmente la Corte non è un organo politico, la Corte non deve minimamente interessarsi degli appuntamenti politici che avvengono durante le sue decisioni, o prima o dopo, perché? Perché non deve essere influenzata, deve essere impermeabile ai venti della politica sulla carta: in realtà il Presidente De Siervo, appena eletto con una maggioranza minuscola (otto a sette), sventando tra l’altro una specie di colpo di mano che tentava il centrodestra dentro la Corte Costituzionale, dove sette esponenti giudici costituzionali vicini al governo hanno tentato di eleggere Presidente un certo Quaranta, che è molto meno anziano di De Siervo, mentre invece il Presidente è sempre il più anziano della Corte, anziano come servizio e non come anagrafe, quel Quaranta che tra l’altro era relatore nella sentenza, secondo me scandalosa, che la Corte fece avallando il segreto di Stato sul sequestro di Abu Omar, mandando praticamente in fumo il processo ai dirigenti del Sismi che avevano partecipato o favorito quel sequestro sul nostro territorio nazionale da parte di agenti della Cia. Quaranta ha preso un voto in meno di De Siervo, De Siervo appena eletto ha immediatamente deciso di spostare l’udienza sul legittimo impedimento dal 14 dicembre all’11 o addirittura al 25 gennaio e l’ha spiegato in un’incredibile conferenza stampa, dicendo che il momento politico è surriscaldato e bisogna evitare che ogni decisione della Corte possa essere scambiata per la decisione di un organo politico: in realtà il rinvio è proprio una decisione politica, perché risente di un appuntamento politico che è stato fissato dopo che la Corte aveva fissato la sua data al 14 dicembre e quindi ha ceduto evidentemente, platealmente a una pressione politica del governo, dando a Berlusconi un altro mese di respiro con il suo bel legittimo impedimento per evitare che faccia il matto, perché poi questa è la ragione per cui hanno rinviato. Qualunque sia la decisione che prenderanno a gennaio purtroppo dobbiamo trarne la conseguenza che la Corte Costituzionale si è messa nel gioco politico, ha accettato le regole del gioco politico addirittura nella fissazione del suo calendario, speriamo non anche nella fissazione o nella decisione sul merito. Merito che tutti i giuristi danno per scontato, se la decisione sarà giuridica e non politica e cioè, siccome la legge è uguale per tutti, non ci possono essere il Presidente del Consiglio e i suoi Ministri che non rispondono alla giustizia per i reati non connessi alle funzioni parlamentari, perché sapete che il legittimo impedimento li copre per i reati non connessi alle funzioni di governo: perché? Perché sono già coperti dall’istituto dell’autorizzazione a procedere per i reati commessi nell’esercizio delle funzioni di governo.
Allontanata la Corte Costituzionale a fra un mese o a quando sarà, perché poi può essere pure che a gennaio il clima sia ancora surriscaldato, e allora che cosa farà la Corte? Continuerà a rinviare sine die, in attesa che il clima politico italiano si raffreddi, o ci farà finalmente sapere se questa porcata del legittimo impedimento è conforme o no alla Costituzione? Allontanata la decisione della Corte, regalato un mese di tempo a Berlusconi per comprarsi i parlamentari che gli mancavano per ottenere la maggioranza, silenzio assoluto del capo dello Stato sullo sconcio che sta scandalizzando il mondo dell’asta dei parlamentari, che si vendono un tanto al chilo e lo dicono addirittura, lo fanno alla luce del sole, dobbiamo parlare del perché questo avviene. Questo avviene perché Di Pietro sceglie male certi suoi candidati, tipo Razzi, Scilipoti e prima De Gregorio, prima ancora Carrara e poi Pisicchio e poi Porfidia, che hanno abbandonato il suo gruppo consiliare in questa e nella precedente legislatura?

Saldi di fine impero.

Beh, non c’è partito che sia immune dalle fuoriuscite, il PD ne ha persi 18: è vero che è più grosso, ma ne ha persi parecchi, l’Udc ne ha persi parecchi, il PDL ha perso i finiani, forse il partito più monolitico è l’ultimo partito leninista che c’è in Italia, ossia la Lega Nord, ma perché la Lega Nord?
Perché è l’unico partito che è in grado di garantire ai suoi eletti la ricandidatura e la rielezione sicura, in base a questa legge elettorale: perché? Perché nei sondaggi è l’unico partito, tra quelli rappresentati in Parlamento, che è dato più avanti rispetto ai voti che ha preso due anni fa e conseguentemente ha dei seggi non solo da garantire a quelli che già ce li hanno, ma ha dei seggi in più da promettere, per cui la Lega Nord ci sta larga con l’attuale rappresentanza parlamentare. Ecco perché questa volta rispetto a altre non c’è nessuno che va cercando un posto al sole: perché? Perché non c’è posto al sole più sicuro, più illuminato e più caldo di quello della Lega Nord. Per il resto gli altri partiti, che nei sondaggi sono tutti al di sotto o più o meno in pari.. l’Udc è più o meno in pari, Di Pietro è un po’ al di sopra rispetto alle elezioni del 2008, il PD è dieci punti sotto rispetto alle elezioni del 2008, il PDL è dieci punti sotto rispetto alle elezioni del 2008, ecco perché queste transumanze, questo formicaio, questo termitaio di gente che freneticamente cerca un approdo più sicuro, perché si sa che si va a votare tra poco e non si ha la garanzia di essere ricandidati, rinominati e rieletti. Il problema non è tanto.. sì, è anche la selezione dei candidati, ma è soprattutto che cosa c’è nella testa dei candidati con l’attuale legge elettorale: il candidato eletto in un collegio uninominale, dove di solito si fronteggiano il candidato del centrodestra e il candidato del centrosinistra e gli elettori di quel collegio possono votare o uno o l’altro, beh, quando viene eletto sa di averci messo del suo, sa di aver fatto una campagna elettorale, sa di averci messo la faccia, sa di aver schivato eventuali colpi bassi dell’avversario, sa di avere un consenso. Perché? Perché i voti li hanno dati proprio a lui, alla sua faccia, alla sua persona. La stessa cosa avviene quando si vota con il proporzionale e con le preferenze, che è un sistema molto esposto ai voti di scambio, alle infiltrazioni mafiose etc., quello delle preferenze, ma anche lì quando uno prende la preferenza, o perché l’hanno votato per simpatia, o perché l’hanno votato per competenza, o perché l’hanno votato perché li ha comprati, in ogni caso il parlamentare sa che i voti sono suoi e quindi sa che il partito deve dire grazie a lui e non soltanto e non tanto lui deve dire grazie al partito. Se invece il parlamentare è nominato dal segretario del suo partito, che l’ha sistemato nelle prime posizioni della lista in quella quota che sicuramente viene eletta, visto che il voto più o meno è prevedibile, allora lui sa di essere una nullità assoluta, sa di non aver fatto nulla per essere eletto, sa di dover ringraziare non migliaia o centinaia di migliaia di elettori, ma una sola persona, ossia il segretario del suo partito che l’ha messo in lista. Il che cosa significa? Beh, significa che in un sistema come questo lui non deve rispondere agli elettori: se il suo leader lo ricandida lui si può ripresentare con lo stesso partito, ma se quel partito è un po’ sotto nei sondaggi allora lui comincia a rischiare e, se viene lusingato da un altro partito, che magari invece sta andando meglio nei sondaggi, allora - tanto non deve mica rendere conto ai suoi elettori! - può anche spostarsi da destra a sinistra, dal comunismo al nazismo senza dover rendere conto a nessuno, perché? Perché c’è solo lui con la sua ansia di conservare la poltrona e nessuno potrà chiedergli conto, perché lui manco l’hanno visto in faccia gli elettori, manco ha fatto la campagna elettorale. Ecco il perché di questi spostamenti senza il minimo scrupolo di coscienza, un po’ perché c’è gente che la coscienza non ce l’ha, un po’ perché c’è gente che giustamente se ne infischia degli elettori: perché? Perché sta lì grazie a una persona e, se ne trova un’altra che gli garantisce il seggio, “Francia o Spagna pur che se magna”, questo è lo sconcio vero, l’aspetto politico istituzionale e morale vero di questa compravendita, cioè una legge elettorale che la favorisce e che spesso la rende addirittura inutile, se parliamo di compravendita di soldi, perché molto spesso non sono i soldi che vengono offerti, molto spesso sono i posti e come fai a processare uno che è stato nominato da un segretario di partito a parlamentare e che cambia bandiera, casacca - idee no, perché non ne ha mai avute né gliene hanno mai chieste, né ha mai avuto la possibilità di esporle a qualcuno - perché c’è un altro che gli garantisce lo stesso posto con maggiori probabilità di ottenerlo, rispetto a rimanere nel posto precedente? Questa è la cosa oscenamente antidemocratica di questa legge elettorale: che non puoi neanche prendertela con quelli che hanno tradito i loro elettori, perché non hanno elettori, a tradire un segretario di partito per un altro ci impieghi poco e non ti crea grandi crisi di coscienza, se devi dire qualcosa ai tuoi elettori magari ci pensi due volte. Il problema è che il tradimento è insito in questa legge elettorale e questi signori sono già comprati e già venduti nel momento in cui vengono portati in Parlamento dai segretari dei partiti: perché? Perché a loro non è stato chiesto come la pensano, non è stata chiesta loro neanche la coerenza, non è stato chiesto loro neanche di restare fedeli al partito e di non farsi comprare da altri, è stato chiesto loro semplicemente di essere fedeli al segretario che li ha portati lì, al leader che li ha portati lì, non per evitare che vadano in un altro partito, ma per evitare che nelle guerre per bande interne ai partiti il parlamentare si schieri con un altro rivale del segretario. E’ così che vengono scelti i parlamentari, per la fedeltà alla persona del loro segretario, non al partito, non agli elettori. Per cui se ne stanno andando da una parte all’altra perché nessuno ha mai verificato se credono nel progetto del partito: sono di solito i portaborse, gli amici e i parenti del segretario che in quel momento fa le liste del partito, il quale è molto sensibile a mantenere la maggioranza dentro il suo partito, non a mantenere un certo numero di parlamentari, possibilmente gli stessi che sono andati in Parlamento, per evitare che se ne vadano in un altro partito; quello che importa è che non si schierino con il suo rivale interno. Se invece si schierano con un altro partito chi se ne frega: l’importante è che gli equilibri interni ai partiti non cambino mai, questa è la logica, è per questo che i partiti hanno sempre le stesse classi dirigenti, è per questo che nessuno ha mai messo in discussione il politburo del PD , dove il massimo dell’alternanza è tra un dalemiano e un veltroniano, nessuno ha mai messo in discussione la leadership di Casini e Cesa nell’Udc, nessuno ha mai messo in discussione la leadership di altri partiti: lasciamo perdere i partiti come quello di Di Pietro, quello di Bossi e quello di Berlusconi, che senza il loro leader non esisterebbero e quindi è evidente che sono partiti quasi personali, ovviamente non possono immaginare di perdere il leader, che è anche il loro marchio di qualità. Ma questo è quello che sta succedendo: sono già venduti nel momento in cui entrano in Parlamento, il fatto che poi si rivendano una seconda o una terza volta è assolutamente consequenziale al fatto che sono entrati già comprati e già venduti, mediante un meccanismo che è quello che ho cercato di descrivere. Se a ciò aggiungete che in Parlamento regna sovrano il conflitto d’interessi avrete la spiegazione di quello che è successo in quest’ultimo mese. Il conflitto d’interessi in questi quindici anni ha consentito a Berlusconi di fare il bello e il cattivo tempo e di ottenere sempre molto di più di quello che avrebbe ottenuto sulla base del famoso consenso popolare. L’altro giorno su Il Fatto Quotidiano Gianni Barbacetto ha scritto un ottimo pezzo per spiegare come Berlusconi sta utilizzando tutto il suo conflitto d’interessi per comprarsi la gente. Il modo di comprare un parlamentare non è soltanto quello di dargli una mazzetta o di promettergli una mazzetta dopo che avrà votato bene, come faceva Achille Lauro, che ai suoi elettori dava una scarpa prima delle elezioni e poi, se veniva eletto, dava la seconda scarpa, la scarpa destra e la scarpa sinistra, dopo che era stato eletto: no, qui c’è una cosa molto più raffinata, ossia Berlusconi, ogni volta che chiama qualcuno a parlare con lui, mette sul tavolo non la pistola, ma un impero da 6 miliardi di Euro - 6 miliardi di Euro! - e 6 miliardi di Euro vogliono dire un quarto della Finanziaria, vogliono dire mezzo punto di Pil, forse. Potrei sbagliare, ma credo che ci siamo vicini. Un impero da 6 miliardi di Euro è un patrimonio che dal 94 ad oggi in sedici anni si è decuplicato: stiamo parlando di 220 milioni di Euro di utili delle holding di famiglia l’anno scorso, di cui 120 se li è messi in tasca lui soltanto l’anno scorso di utili (120 milioni!). Senza contare che nelle holding che controllano il suo impero riposano - scrive Barbacetto - 623 milioni pronti in cassa per lui all’occorrenza. Che cosa volete che siano i 500. 000 Euro che, secondo Calearo, vengono offerti, sono stati offerti in questi giorni? Fino a venerdì, eh, figuratevi come è salito il prezzario nel weekend e nella giornata di oggi! Per Berlusconi, come disse lui un giorno, è fare così: li guadagna nello spazio in cui schiocca le dita 500. 000 Euro per comprarsi un parlamentare pręt à porter. Ma non c’è soltanto il vile danaro, che comunque è stato offerto: Razzi, ex Italia dei Valori, che pare voterà per Berlusconi, dice “ mi hanno proposto di pagare il mutuo e di cambiarmi la vita molto in meglio”, e te credo! Razzi è un ex operaio italiano emigrato in Svizzera, eletto nel collegio estero e sono mesi che gli fanno capire che gli pagano il mutuo; “se mi offrissero una bella somma potrei anche accettarla per fare opere sociali”, dice Giampiero Catone, che ha cambiato una serie di partiti da fare impressione e che attualmente è stato imbarcato da Futuro e Libertà, ma forse è già uscito, forse domani vota la fiducia e c’è chi dice che, dato che è il vero padrone della Discussione, che è il giornale che faceva capo all’Udc quando lui stava con Buttiglione.. fu anche arrestato Catone, poi dice di essere stato assolto da tutto: credo che abbia ancora qualche processo aperto, ma dobbiamo verificare, essendo il vero padrone della Discussione c’è chi ha scritto in questi giorni - lui ha smentito - che Publitalia potrebbe fargli avere dei lauti contratti pubblicitari.

Poltrone e contratti: B. prova a salvarsi.

Come si fa a stabilire se un contratto pubblicitario ha il valore giusto o è sopravvalutato? Quanto ti possono dare per una pagina di pubblicità o per una campagna pubblicitaria?
Quanto vale una pubblicità sulla discussione? Non so se c’è qualcuno di voi, tra quelli che stanno vedendo Passaparola, che ha mai avuto tra le mani una copia della discussione: potete immaginare la diffusione che ha, il fatto stesso che ci sia qualcuno che fa pubblicità lì sopra è già curioso e quanto vale quella pubblicità? Non mi interessa se poi gliela fanno o non gliela fanno, lui dice che non è vero, che fa tutto per nobili scopi ideali e perché cambia un partito dopo l’altro, in quanto è continuamente tormentato da crisi di coscienza: può essere, il problema è che è possibile, quando ti siedi davanti a Berlusconi sai che, se hai un giornale o una radio, o una qualche attività, ti possono fare delle campagne pubblicitarie e portarti dei soldi senza il bisogno di dover giustificare una mazzetta, naturalmente, perché un contratto pubblicitario è regolarmente fatturato. Il problema è che magari la controprestazione vale zero. Ma c’è dell’altro: abbiamo Paolo Guzzanti, grande giornalista berlusconiano, turboberlusconiano fino a un anno fa, poi rompe furibondo con Berlusconi a causa della sua liason con Putin, adesso si scopre che però, siccome era vicedirettore del Giornale di Berlusconi, di Paolo Berlusconi, ha ancora un contratto da 7. 000 Euro al mese: io non penso che Paolo Guzzanti deciderà il suo voto al Senato in base all’interesse di conservare o meno questo contratto, anche perché poi i contratti non è che possano essere rescissi così, i contratti, se vengono firmati, devono seguire un iter giuridico, siamo in uno Stato di diritto per fortuna, ma soprattutto perché Guzzanti, essendo parlamentare e essendo un grande giornalista, avendo guadagnato bene per tutta la vita, non ha bisogno pure dei 7.000 Euro del Giornale, però intanto vedete come quando uno si siede lì davanti può essere già dipendente o potrebbe diventarlo subito dopo: consulente, collaboratore. Cosa ci impiega uno che ha un patrimonio come quello che abbiamo descritto e decine di giornali, televisioni, aziende, una banca, un’assicurazione etc. a farti un contrattino, una consulenza o una presentazione? Lo sai quando ti siedi lì, quando ti siedi davanti a Prodi non ti fa niente, non ti può dare niente, quando ti siedi davanti a Berlusconi ti può dare, ti può cambiare la vita, se tu cambi il voto lui fa così e ti cambia la vita. Pensate a quello che venne fuori nelle intercettazioni per l’inchiesta sulla precedente compravendita dei voti, quella dei Senatori dell’Unione che, nel 2006, nei desideri del Cavaliere dovevano rovesciare il governo Prodi con la spallata al Senato: all’epoca il centrosinistra era al Senato che aveva debole, aveva un solo voto o due voti al massimo, spesso erano necessari i senatori a vita, quando c’era qualche assenza. E allora Berlusconi cominciò la compravendita e come faceva? A uno mandò avanti un tizio a offrirgli dei soldi, a un altro, Bordon.. lo dico senza dire che Bordon è stato comprato, perché poi Bordon non è stato comprato, nel senso che non ha votato contro il governo, ma loro ci stavano tentando e come volevano fare? Volevano, speravano di accaparrarselo dando delle buone parti alla moglie di Bordon, che fa l’attrice e parlavano di questa cosa il membro dell’autorità per le comunicazioni (Agcom) Innocenzi, uomo fedelissimo di Berlusconi e vari produttori o personaggi impegnati nelle fiction RAI e Mediaset. A un certo punto, quando pensavano di averlo conquistato e poi lui invece votò a favore del governo Prodi, allora Innocenzi disse al produttore Guido De Angelis “ sai, lui (Bordon) ora va quattro sere su sei da Fede, Mimun lo chiama, l’ho mandato da Panorama, gli faccio fare l’intervista dal Giornale, insomma sono tutti a disposizione. Bisogna che gli facciamo capire che, se lui ha un percorso vicino al nostro, noi possiamo continuare con questo supporto: se invece lui fa un po’.. se strumentalizza e usa troppo questa cosa per sé allora niente più interviste, niente più comparsate in televisione” e voi capite che, quando uno si siede davanti a Berlusconi, non c’è bisogno che Berlusconi gli offra qualcosa, già sai che se vai con lui Fede comincerà a intervistarti, il TG5 comincerà a intervistarti, il TG1 comincerà a parlare bene di te, sarai ospite nei programmi Mediaset e anche RAI, che ormai è diventata la stessa cosa, salvo rare eccezioni, se invece dici di no sono affari tuoi, non ti fila nessuno, non ti chiama nessuno, nessuno ti conosce, non potrai soddisfare la tua vanità e soprattutto entri nel cono d’ombra, anziché nel cono di luce. Quindi pensate a che ventaglio di possibilità corruttive ha Berlusconi, quasi tutte legittime, quasi tutte lecite: quando si parla di corruzione non si parla sempre di mazzette, penalmente rilevanti, ma quando uno si siede davanti a Berlusconi sa anche che i suoi giornali e le sue televisioni, come li può usare per dare parti a tua moglie, ospitate a te, consulenze etc., può usarli anche per massacrarti, dipende da come ti comporti. Può usarli anche per bastonarti: vedi quello che si è scoperto sulle minacce alla Marcegaglia, che aveva parlato male del governo Berlusconi da parte dei giornalisti del Giornale, vedi il caso Boffo, vedi tanti altri casi, tra cui Fini, Di Pietro, L’Ariosto, Veronica, tutto il pool di Milano, la Boccassini e il pool di Palermo massacrati di botte a reti unificate e a edicole quasi unificate. Quando uno si siede lì sa benissimo che cosa gli succede se dice di sì e che razza di vita infernale fa se dice di no, senza contare che in questi giorni, per fare capire ancora meglio che c’è il conflitto di interessi e che l’azienda di Berlusconi è disposta a dare a quelli che vanno con Berlusconi tutto quello che chiedono, cioè che il conflitto di interessi è consustanziale mai come in questo momento di difficoltà, è sceso a Roma il signor Confalonieri. Perché Confalonieri sta a Roma, incontra Casini, fa dichiarazioni politiche? Cosa c’entra Confalonieri? E’ una bella spia luminosa che gira e dice “ signori, guardate che qua c’è Mediaset, eh, sapete che cosa è Mediaset, fatevi due conti” e non c’è bisogno di mazzette in un sistema come questo, basta fare capire, basta ricordare, basta fare balenare, fare annusare i vantaggi che si otterrebbero in un modo e gli svantaggi che si subirebbero in un altro. Poi naturalmente ci sono anche i reati: se si scopre che qualcuno ha avuto denaro o altra utilità in cambio del suo voto non c’è tutela costituzionale che tenga, eh. Guardate che l’articolo 67 della Costituzione dice che il parlamentare è eletto senza vincolo di mandato: il che significa che può votare in Parlamento come gli pare, perché? Perché è libero rispetto ai suoi elettori, in quanto rappresentando tutto l’elettorato può decidere in coscienza che è meglio per l’elettorato votare contro il partito che l’ha fatto eleggere. Poi c’è l’articolo 68 della Costituzione, che dice che il parlamentare non può essere chiamato a rispondere in giudizio per le opinioni che dà in Parlamento e per i voti che esprime in Parlamento. Quindi nessun parlamentare può essere incriminato per aver votato la sfiducia a Berlusconi dopo essere stato eletto nel partito di Berlusconi, ma può essere chiamato a rispondere del fatto di aver ricevuto delle mazzette per votare in quel modo lì. E’ una totale follia l’idea che il parlamentare, visto che è insindacabile quando vota, sia insindacabile anche quando prende dei soldi o delle prebende in cambio del suo voto! Il voto deve essere libero dagli elettori, ma anche a maggior ragione dalle mazzette, ovviamente.

Cosa succede domani.

La Costituzione non tutela affatto la corruzione in cambio di un voto in Parlamento, tutela il voto, ma la corruzione la punisce, la corruzione continua a essere punita dal Codice Penale.
Naturalmente bisogna dimostrarla, o si trovano le tracce della mazzetta, o chi l’ha presa o chi l’ha pagata la confessa, o c’è un’intercettazione non sul telefono del parlamentare, che non può essere intercettato e quindi da parte del corruttore, sempre che non sia parlamentare, perché se il corruttore e il corrotto sono entrambi parlamentari la corruzione non si può scoprire con le intercettazioni, perché nessuno dei due parlamentari può essere intercettato, c’è da sperare che il corruttore sia un esterno, uno intercettabile. Se invece uno viene ricompensato con un posto, con un posto a sua moglie, con un posto a suo figlio, con un posto alla sua amante o con un posto per lui.. perché ci sono anche quelli a cui non garantiscono la rielezione, perché non la possono garantire e allora gli garantiscono che, nella successiva legislatura, lavoreranno per il partito con uno stipendio pari a quello che prendono adesso come parlamentari, ce ne sono due del PDL che hanno votato contro Prodi e che adesso lavorano con un contratto di? consulenza? lavorano: prendono gli stessi soldi che prendevano prima, l’ha scritto qualche mese fa Repubblica e non l’ha smentito nessuno. Lì è difficile dimostrare il do ut des, perché? Perché basta dire “ ho votato secondo coscienza e poi loro, gentili, mi hanno fatto questo contratto” e salta la corruzione, perché la corruzione presuppone un accordo prima che tu faccia una cosa, anche se poi il contraccambio arriva dopo, per cui è molto difficile da dimostrare e questo è il vero problema, non è che non sia punibile. Naturalmente - e ho finito - Berlusconi ha fatto tutto questo- immaginate quanto gli è costato, perché ne ha dovuti comprare parecchi, eh, stiamo parlando almeno da una quindicina - perché deve restare a Palazzo Chigi e perché deve restare ossessivamente a Palazzo Chigi? L’ha spiegato Fini ieri nell’intervista a Lucia Annunziata, avendo il coraggio di dire quello che tutti sanno in Parlamento, che tutti sanno nei giorni, ma nessuno ha mai il coraggio di dire, ossia che Berlusconi deve restare a Palazzo Chigi per il legittimo impedimento, perché se il Premier è un altro e lui non fa quantomeno il Ministro non c’è legittimo impedimento, perché il legittimo impedimento è riservato al Premier o ai Ministri, quindi va nuovamente sotto processo, anche se la Corte Costituzionale dovesse ritenere legittimo il legittimo impedimento lui non ne avrebbe più diritto, perché non sarebbe più né Premier né Ministro, è per quello che vuole restare lì, non perché abbia paura delle speculazioni finanziarie o perché deve fare le grandi opere o il federalismo fiscale, sono tutte stronzate: vuole rimanere lì per salvarsi le chiappe dai processi e è incredibile che sabato alla manifestazione del PD non abbia avuto il coraggio di dirlo nessuno, per cui abbiamo dovuto aspettare Fini per sentircelo dire papale papale. Che cosa succede domani? Ci sono quattro varianti, tre su quattro dicono che Berlusconi ce la fa: potrebbe vincere addirittura 316 contro 308, se le tre partorienti, che purtroppo sono tutte e tre all’opposizione, cioè una del PD e due di Futuro e Libertà, mi pare di ricordare, fossero assenti. In quel caso, se le tre partorienti sono assenti e Guzzanti, un certo Merlo dell’Udc in transito e Moffa, il finiano malpancista votano anche loro con Berlusconi, Berlusconi vince 316 a 308. Se le partorienti riescono a andare a votare e votano no - e voteranno no, se ci vanno, ovviamente - e Moffa, il finiano, si convince a restare fedele a Fini e Merlo a restare fedele a Casini, allora Berlusconi vince ma di un solo voto, 314 a 313. Se invece Calearo, che oggi sembra orientato a votare la fiducia, si dovesse astenere allora ci sarebbe il pareggio, 313 a 313, ma Berlusconi vincerebbe lo stesso, perché con il pareggio la mozione di sfiducia verrebbe respinta e quindi lui, sebbene non abbia neanche un voto in più in Parlamento, scantonerebbe la mozione di sfiducia e resterebbe lì in piedi galleggiante. L’unica possibilità che Berlusconi vada sotto è che gli voti contro anche Paolo Guzzanti, che le partorienti riescano a andare a votare e a votare no, che Moffa, Merlo e Calearo gli votino contro o almeno che uno dei tre si astenga e gli altri due gli votino contro. Quindi diciamo che oggi i bookmaker dicono che Berlusconi ce la fa a arrivare fino a dopodomani, dopodiché è ovvio che, con un voto di maggioranza, la Lega Nord lo impallinerà immediatamente e lo costringerà immediatamente a andare alle elezioni e quindi paradossalmente, se Berlusconi ce la fa con un voto di maggioranza o poco più, le elezioni sono più vicine, perché lui potrà dire “ io ho un voto in più e quindi non c’è spazio per un nuovo governo” e allora vorrebbe dire che si va a votare con lui che gestisce la fase intermedia per le elezioni. Se invece non ce la fa, allora cominceranno manovre di ogni genere per fare governi tecnici che però comunque, anche se inglobassero tutti gli altri tranne Berlusconi e Bossi, avrebbero sempre uno o due voti di maggioranza e quindi non sarebbero in grado di stare in piedi o per stare in piedi dovrebbero non fare assolutamente nulla, per cui credo che comunque vada in questa legislatura questo governo abbia i giorni contati e si vada alle elezioni, a meno che naturalmente Fini impazzisca e torni indietro, ma non credo sia capace di tanto, oppure che Casini decida di portare il soccorso bianco al Cavaliere morente, ma di questo naturalmente è inutile parlare, perché per adesso siamo nel futurismo, nella fantascienza, nel futuribile e quindi ne parliamo la settimana prossima.

 Passate parola, buona serata.

Fonte: beppegrillo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 5859 persone collegate

< luglio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Republican support for Trump rises after racially charged tweets: Reuters/Ipsos poll

As Fed nears rate cut, policymakers debate how deep, and even if

From Viet Cong to Team USA: Hanoi garment factory's Olympic transformation

U.S. diplomat vows to help South Korea, Japan resolve worsening dispute

War risk costs drag on UAE marine fuel sales, benefit Singapore: trade sources

Jeffrey Epstein's treatment is 'worse' because of his wealth, his lawyers say

Ultimele articole - Antena3.roCântare?ul R. Kelly, acuzat de numeroase abuzuri sexuale, a pledat nevinovat. Va ramâne în continuare în arest

La câteva zile dupa ce s-a mutat în casa noua, o femeie a facut o descoperire de-a dreptul bizara în gradina: „Sunt blestemata?” (FOTO)

Sf. Ilie, tradi?ii ?i obiceiuri. Ce este interzis sa faci în aceasta zi

Întâlnire cruciala la Guvern între Eugen Teodorovici ?i primari. Ministrul Finan?elor vrea impozitarea pensiilor de lux

Viorica Dancila i-a telefonat lui Klaus Iohannis. Ce i-a spus ?eful statului

Situa?ie revoltatoare în Vaslui! O batrâna a facut infarct dupa ce a fost pacalita prin metoda „Accidentul”





17/07/2019 @ 10:54:17
script eseguito in 1006 ms