Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
 
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Il cosiddetto "scandalo fiscale planetario". A finire sotto la lente d'ingrandimento dell'ICIJ questa volta è la Deutsche Bank, la più grande banca tedesca.

Secondo quanto rivelato dall'ICIJ, in collaborazione con il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung, la Deutsche Bank avrebbe aiutato i propri clienti a sviluppare e mantenere oltre 300 compagnie "offshore" (per la precisione, 309) all'interno di paradisi fiscali attraverso una sua filiale che ha sede a Singapore.

I dipendenti della banca tedesca coinvolti sarebbero più di un centinaio. Quest'ultimi, con l'aiuto di un'altra compagnia con sede a Singapore, la Portcullis TrustNet, avrebbero aiutato i clienti della Deutsche Bank a creare entità offshore dai nomi più strani come “Thrilling Returns Incorporated,” “Amazing Opportunity Limited” e “Market Dollar Group Limited”.

La banca tedesca, per adesso, si è rifiutata di rispondere a domande precise ma ha solamente fornito un commento generale. "La Deutsche Bank non sta offrendo nessun consiglio fiscale o servizio di registrazione di compagnie in paradisi fiscali" si legge in una nota di un portavoce.

Nonostante queste dichiarazioni, tuttavia, l'imbarazzo delle grandi istituzioni finanziarie continua a crescere. Secondo Frank Wehrheim, capo dell'unità investigazioni fiscali nella città di Francoforte, le grandi banche come la Deutsche Bank sono responsabili per "complicità in frode fiscale, riciclaggio di denaro e crimini simili".

Nonostante ciò, i paradisi fiscali mantengono legislazioni tributarie e fiscali molto complesse che, nella maggior parte dei casi, non permettono alle autorità di andare a fondo.

Fonte: it.ibtimes.com - Autore: Dario Saltari

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Sono Marcello Foa sono un giornalista (e docente) di scuola montanelliana. Ho incentrato le mie ricerche e la mia analisi, anche quotidiana, sul modo in cui i governi e le istituzioni riescono ad orientare i media, spesso all'insaputa sia dei giornalisti e sia dell'opinione pubblica.

Come si producono verità più "vere" di altre. Marcello Foa, giornalista e docente, parla di Spin Doctor, di "Frame" e delle strategie per inattivare i grandi cambiamenti sociali.

Produzione e diritti: www.byoblu.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

According to eBay, there were only two bids on the historic document, but the competition was enough to bump the sale to just above the asking price of $3 million, i09 notes.

However, when the auction was announced earlier this month, Eric Gazin, president of the Los Angeles-based auction house that handled the sale, speculated the item might triple its opening bid threshold, Fox News reports.

The auction closed Oct. 18, 2012.

The handwritten letter, sent to Jewish philosopher Erik Gutkind shortly before Einstein's death, references several philosophical and theological themes including religion and tribalism. The letter also expresses Einstein's belief that God does not exist.

Here is a partial translation of Einstein's letter (via Auction Cause):

The word God is for me nothing more than the expression and product of human weaknesses, the Bible a collection of honorable, but still primitive legends which are nevertheless pretty childish. No interpretation no matter how subtle can (for me) change this. These subtilised interpretations are highly manifold according to their nature and have almost nothing to do with the original text. For me the Jewish religion like all other religions is an incarnation of the most childish superstitions. And the Jewish people to whom I gladly belong and with whose mentality I have a deep affinity have no different quality for me than all other people. As far as my experience goes, they are also no better than other human groups, although they are protected from the worst cancers by a lack of power. Otherwise I cannot see anything 'chosen' about them.


The letter was auctioned with its envelope, stamp and postmark.

Its anonymous seller turned quite a profit on the sale: The item was purchased from Bloomsbury Auctions in London in 2008 for $404,000, according to Reuters. That auction, which revived interest in the letter, “poured gasoline on the culture wars between science and religion,” according to The New York Times. Among the bidders who reportedly lost out in 2008 was the well-known atheist and scientist Richard Dawkins.

Fonte: huffingtonpost.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

And a new study recently published in the journal Antiviral Therapy affirms this, having found that bee venom, which is released during a bee sting, may hold the key to targeting and destroying HIV.

As reported by U.S. News & World Report, scientists from the Washington University (WU) School of Medicine in St. Louis, Missouri, identified the presence of a compound known as melittin that they say exhibits powerful anti-HIV effects. The bee venom toxin was visibly observed to destroy the viral components of HIV while leaving healthy cells unharmed.

For their research, Joshua Hood and his colleagues from WU attached melittin to nanoparticles that are smaller than HIV. They then applied the resulting substance to HIV itself, where it was clearly observed to "rip holes" in the outer layer of the virus, effectively destroying it. But because of the particles' size, they did not harm healthy cells in the body.

According to ScienceNews.org, the team also applied the solution to healthy human cells obtained from vaginal walls. They observed that the substance did not visibly affect these healthy cells at all, illustrating the unique nature of the bee venom in differentiating between the cells it is supposed to attack, and the cells it is supposed to leave unharmed.

"Based on this finding, we propose that melittin-loaded nanoparticles are well-suited for use as topical vaginal HIV virucidal agents," wrote the authors in their paper. "Out hope is that in places where HIV is running rampant, people could use this as a preventative measure to stop the initial infections."

As far as HIV potentially growing resistance to the treatment later on down the road, researchers believe such a scenario will never materialize due to the nature of the mechanistic action. Because bee venom specifically destroys the outer layer of the virus, which results in the virus itself dying, there is little or no chance of resistance ever developing.

"Theoretically, melittin nanoparticles are not susceptible to HIV mutational resistance seen with standard HIV therapies," added the research team. "By disintegrating the [virus'] lipid envelope, [it's] less likely to develop resistance to the melittin nanoparticles."

Propolis, royal jelly, bee pollen, and raw honey may also target HIV

However, the use of nanoparticles, which have never been proven safe, is not actually necessary for bee venom to do its work. A patent issued to Vespa Laboratories, Inc. back in 1989 reveals that the use of melittin as a natural antiretroviral treatment was known long before nanoparticles were even invented (or discovered), which means the substance itself, without modification, possesses anti-HIV properties.

And besides bee venom, many other bee products may also target HIV naturally without the need for deadly antiretroviral drugs and therapies. Numerous scientific studies have shown that bee propolis, for instance, is loaded with biologically-active substances that stimulate immunity and prevent HIV replication. And royal jelly, which is considered by many to be a "perfect food," contains all sorts of beneficial hormones, vitamins, and other nutrients that naturally promote strong immunity and the proliferation of healthy cells.

"Five bee products are involved in apitherapy protocol for the treatment of HIV/AIDS," explains an article posted on ProNutrition.org. "These are honey, pollen, royal jelly, propolis, and bee venom. The first four can be used as food supplements and [medications], while bee venom is only applicable as medicine for HIV/AIDS and other disease conditions."

Sources for this article include:

usnews.com

sciencenews.org

pronutrition.org

Learn more: naturalnews.com - Author: Ethan A. Huff, staff writer

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

BANCNOTA DE 500 €

Paul, cu o fata abatuta si ganditoare, se intalneste cu o prietena, Laura, sa bea o cafea, intr-un bar. Deprimat, se descarca, spunandu-i problemele lui: cu munca, cu banii... relatia cu iubita lui, vocatia sa!...

Laura baga mana in geanta, scoase o bancnota de 500 € si-i spuse:  - Vrei bancnota asta?

Paul, un pic confuz la inceput, i-a raspuns:
           - Bineinteles, Laura… Sunt 500 €. Cine nu i-ar vrea?

Atunci Laura lua bancnota in pumn si o mototoli, facand-o ghem…

Aratandu-i bancnota mototolita, l-a intrebat din nou pe Paul:  - Si acum o mai vrei?
          - Laura, nu stiu ce pretinzi cu asta, dar sunt tot 500 €.
Bineinteles ca-i vreau daca mi-i dai.

Laura desfacu bancnota, o arunca pe jos si o calca in picioare, apoi o ridica, prafuita si murdara.Tot o mai vrei?

 - Uite, Laura, tot nu inteleg ce vrei sa spui, dar este o bancnota de 500 € si atat timp cat nu o rupi, are aceeasi valoare…

Paul, trebuie sa stii ca, chiar daca uneori nu iese cum vrei, chiar daca viata te mototoleste sau te calca in picioare, continui sa fii la fel de valoros cum ai fost mereu…

Ceea ce trebuie sa te intrebi este cat valorezi in realitate si nu cat esti de lovit la un moment dat.

Paul ramase privind-o pe Laura fara sa spuna nimic, timp in care impactul mesajului lucra in mintea sa…

Laura a pus bancnota mototolita pe masa si cu un zambet complice a adaugat:
  -Poftim, pastreaz-o, pentru ca sa-ti amintesti de asta cand te simti rau… dar imi datorezi o bancnota noua de 500€ pentru a o putea folosi cu urmatorul prieten care va avea nevoie... si s-a indreptat spre iesire.

 Paul a privit din nou bancnota, a zambit, a pus-o bine, si cu o energie noua a chemat ospatarul sa plateasca nota...

De cate ori nu ne indoim de propria noastra valoare, de ceea ce meritam cu adevarat si ca putem reusi daca ne-o propunem?

   Bineinteles ca nu ajunge doar a-ti propune…
    Trebuie trecut la actiune si exista multe cai…

Incearca sa raspunzi la aceste cerinte:
1. Numeste cele mai bogate 5 persoane din lume.
2. Numeste ultimele 5 castigatoare ale concursului Miss Univers.
3. Numeste 5 castigatori ai premiului Nobel.
4. Numeste ultimii 5 castigatori de Oscar pentru cel mai bun actor sau actrita.

Cum este? Rau? Nu-ti face probleme! Niciunul dintre noi nu-si aminteste. Aplauzele vin si se duc! Trofeele se prafuiesc ! Frumusetea e trecatoare...

Acum raspunde la acestea:  
1. Numeste 5 persoane care te-au ajutat in educatia ta.
2. Numeste 5 persoane care te-au ajutat in momente dificile.
3. Numeste 5 persoane care te-au facut sa simti ceva special.
4. Numeste 5 persoane cu care-ti place sa-ti petreci timpul liber.

Cum este?  Mai bine?
     Persoanele care te marcheaza in viata nu sunt acelea cu cele mai multe bunuri, cu mai multi bani sau cu cele mai mari premii…

          … Sunt acelea care se preocupa pentru tine, care te ingrijesc, care in multe feluri sunt aproape de tine...

  Reflecteaza un moment… Viata este foarte scurta…

Tu?... Pe ce lista esti ? ...  

     Nu esti printre cei bogati si faimosi, dar esti printre cei de care mi-am amintit pentru a-i trimite acest mesaj…

      ...si aceasta floare, simbol al prieteniei...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admins (from 06/04/2013 @ 16:25:12, in en - Video Alert, read 251 times)

Is it getting better, or do you feel the same?
Will it make it easier on you, now you got someone to blame?
You say one love, one life, when it's one need in the night.
One love, we get to share it
Leaves you baby if you don't care for it.

Did I disappoint you or leave a bad taste in your mouth?
You act like you never had love and you want me to go without.
Well, it's too late tonight to drag the past out into the light.
We're one, but we're not the same.
We get to carry each other, carry each other... one

Have you come here for forgiveness,
Have you come to raise the dead
Have you come here to play Jesus to the lepers in your head
Did I ask too much, more than a lot
You gave me nothing, now it's all I got.
We're one, but we're not the same.
Well, we hurt each other, then we do it again.

You say love is a temple, love a higher law
Love is a temple, love the higher law.
You ask me to enter, but then you make me crawl
And I can't be holding on to what you got, when all you got is hurt.

One love, one blood, one life, you got to do what you should.
One life with each other: sisters, brothers.
One life, but we're not the same.
We get to carry each other, carry each other.
One, one.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Ciononostante, ogni mese, tonnellate di scorie nucleari ad altissima radioattività viaggiano sui binari ferroviari delle nostre città, senza che la popolazione ne venga messa al corrente. Ho chiesto a Stefano Ciafani, vicedirettore nazionale di Legambiente, di raccontarlo al blog.

I TRENI DELLA MORTE

intervista a Stefano Ciafani, vicepresidente di Legambiente

 Il nostro Paese continua ad essere interessato, ormai da qualche anno, dall’esportazione soprattutto di barre di uranio irraggiato, ovvero il combustibile che veniva utilizzato nelle quattro centrali italiane che erano in funzione fino agli anni ’80, e che poi fortunatamente sono state spente grazie al referendum approvato e poi votato dalla maggioranza degli Italiani nell’’87. Quelle barre vengono esportate su rotaia, e dovrebbe essere segnalato chiaramente agli abitanti dei territori che vengono attraversati. Cosa che succede abbastanza normalmente negli altri Paesi. Noi non stiamo facendo nulla di tutto ciò.

 In questo periodo la direttrice principale è Piemonte- Francia, anche se qualche mese fa c’era stato un viaggio, di cui non si è parlato adeguatamente e che ha scatenato molte polemiche sul territorio, che dalla provincia di Vercelli doveva andare verso Trieste, perché in quel caso i rifiuti radioattivi sarebbero stati imbarcati su una nave per essere poi destinati all’esportazione via mare. Diciamo che ci sono magari differenze nelle tratte, ma la costante è la totale assenza di corretta informazione su questi viaggi molto pericolosi che, se in alcuni casi sono inevitabili, devono esser fatti nel rispetto delle norme, nel rispetto della giusta necessità da parte dei cittadini di essere informati. E questo purtroppo non si sta facendo.

 I treni con le scorie radioattive viaggiano sui binari tradizionali: quindi sulle ferrovie che vengono ogni giorno seguite dai treni dei pendolari, dai treni di chi si sposta da una città all’altra piuttosto che dai treni merci. Ed è per questo che è fondamentale informare le popolazioni, perché ad esempio quei treni passano nelle stazioni, dove magari ci sono persone che stanno aspettando il treno per andare al lavoro, o per andarsene in un’altra città o per andarsene in vacanza e magari rischiano di vedersi passare il treno coi rifiuti radioattivi davanti senza saperlo. Ecco, questo è il punto: si deve rendere consapevole la popolazione che a quell’ora, in quella stazione ferroviaria, oppure a quell’ora, a quel passaggio a livello, oppure a quell'ora, davanti a una casa, passa il treno. Si devono informare tutti che sta passando un treno coi rifiuti radioattivi. Chi non vuole starci, accanto a un treno coi rifiuti radioattivi, deve essere adeguatamente informato perché si deve allontanare quantomeno per quei minuti in cui il treno sta passando. Se non si dice a che ora e dove passerà il treno, i cittadini non potranno scegliere, saranno in qualche modo obbligati a subire il passaggio del treno con le scorie.

 La legge esiste. Viene previsto l’obbligo della corretta informazione. Il vuoto sta nella politica locale e nel network delle prefetture e dei territori che vengono interessati dal passaggio del treno, che non fanno quello che è previsto dalla norma. Questa è la cosa più grave che abbiamo denunciato per l’ennesima qualche lunedì fa. Un treno di scorie è più sicuro rispetto alle scorie che possono viaggiare su un TIR, su gomma, ma è possibile che si verifichino incidenti ferroviari. I cittadini devono essere informati sugli scenari possibili, anche quelli più catastrofici, che speriamo non si concretizzino mai. Senza un'adeguata informazione aumentano i rischi di coinvolgimento delle popolazioni o dei territori in potenziali incidenti. Dovremmo imparare dagli altri Paesi: continuiamo a gestire questa partita in maniera sbagliata, e questo finisce per creare inutili polemiche, che a loro volta producono tanti ritardi. Ma si tratta di ritardi voluti da chi decide di realizzare le opere: pensano di poter fare le cose alla chetichella, ma poi questa mancata informazione si paga. In Francia esiste una legge da diversi anni: la legge sul cosiddetto dibattito pubblico che prevede una fase di consultazione vera del territorio che sarà oggetto di questa nuova infrastruttura stradale, autostradale, ferroviaria, impiantistica eccetera... Insomma c’è una fase di discussione, a volte anche accesa, nella quale si mette in discussione il progetto o i suoi dettagli. Si perde un po’ di tempo prima, ma poi quel tempo che tu perdi prima dell’approvazione dell’impianto lo recuperi nel momento in cui l’impianto o l’infrastruttura trasportistica la devi realizzare, dopo.

 Stiamo facendo una cosa molto discutibile: inviamo i nostri rifiuti radioattivi all’estero, negli impianti di riprocessamento delle scorie. Li inviamo in quello francese piuttosto che in quello inglese di Sellafield. Poi le barre, dopo essere state trattate adeguatamente, vengono rispedite al mittente, nella loro parte, diciamo, di rifiuto, con tutto il loro contenuto altamente radioattivo. Quel tipo di radioattività decade con intervalli di tempo lunghissimi: si parla di decine di migliaia di anni. Questi rifiuti torneranno in Italia vetrificati, cementificati, ma con tutto il loro contenuto radioattivo che dovrà essere depositato nel famigerato deposito nazionale di rifiuti radioattivi che ancora ad oggi non è stato realizzato, e che ancora ad oggi non è stato neanche localizzato, dopo il folle percorso che il governo Berlusconi nel novembre del 2003 decise di imboccare quando decise la localizzazione di Scanzano Jonico in Basilicata. Volevano realizzare un deposito di rifiuti radioattivi senza aver fatto la minima condivisione con il territorio. Non lo sapevano gli enti locali, non lo sapevano i cittadini, non lo sapevano le categorie produttive, gli agricoltori e gli operatori turistici. Il risultato fu che come ricordiamo tutti la Basilicata fu bloccata dalle proteste popolari per un mese. E dopo un mese, il governo Berlusconi fece il secondo errore: dopo aver individuato un sito senza condividerlo con nessuno, decise di ritirare quella localizzazione, creando un precedente assolutamente pericoloso perché innanzitutto non abbiamo bisogno di un deposito per rifiuti ad alta attività, visto che fortunatamente dalla fine degli anni ’80 non ne produciamo più (e mi auguro non ne produrremo più, visto che il NO al nucleare detto in maniera chiara dagli Italiani nell’’87 è stato ribadito poi con altrettanta forza nel referendum del 2011).

Quei pochi rifiuti radioattivi ad alta produttività, l’Italia può stoccarli in quelli che la direttiva europea sullo smaltimento dei rifiuti radioattivi definisce depositi internazionali, nei confini europei, magari realizzati in quei Paesi che continuano a produrre elettricità dall’atomo, e che quindi continuano a produrre rifiuti radioattivi. Tuttavia, dalla fine degli anni ’80, continuiamo a produrre ogni anni circa 2 mila metri cubi di rifiuti radioattivi a media e bassa attività, che sono i rifiuti che sono prodotti nell’industria, piuttosto che negli ospedali, piuttosto che nei centri di ricerca. Ecco, li stiamo producendo anche nel 2013 e, quindi, è comunque necessario individuare uno o più siti che li possano ospitare, per le decine di anni in cui quei rifiuti continueranno ad emettere radioattività. Per questo genere di scorie in qualche modo bisognerà trovare una sistemazione nei confini nazionali. Ma  con il precedente di Scanzano ora sarà complicatissimo anche trovare una localizzazione per i rifiuti a media e bassa attività. Quindi è stato fatto un doppio disastro dall’allora governo Berlusconi, che purtroppo ancora oggi paghiamo perché, ad esempio, le scorie che stiamo inviando in Francia, le scorie che abbiano inviato nel passato in Gran Bretagna, quelle torneranno indietro, qui, con tutto il loro corico di radioattività. E noi, ad oggi, non sappiamo dove metterle. Non abbiamo neanche firmato un accordo con un altro Paese, nel rispetto della direttiva europea, per conferirli. Ad oggi, è bene ricordare che nessun Paese del mondo ha realizzato un deposito per rifiuti ad alta attività, un deposito definitivo. E non ce n’è neanche uno in attività. L'unico che c'è, negli Stati Uniti, è per rifiuti nucleari derivanti dalle attività militari, ma un deposito per rifiuti radioattivi civili non è attivo, parlo di depositi definitivi. E questo dimostra, se mai ce ne fosse ancora bisogno, la follia che sta dietro a questa tecnologia per produrre elettricità, in Europa così come nel resto del mondo.

Fonte: byoblu.com - Autore: Valerio Valentini

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admins (from 05/04/2013 @ 23:05:01, in en - Video Alert, read 962 times)

When I'm alone I dream of the horizon and words fail me.
There is no light in a room where there is no sun
and there is no sun if you're not here with me, with me.
From every window unfurls my heart the heart that you have won.
Into me you've poured the light,
the light that you found by the side of the road.

Time to say goodbye.
Places that I've never seen or experienced with you.
Now I shall, I'll sail with you upon ships across the seas,
seas that exist no more,
it's time to say goodbye.

Andrea Bocelli
When you're far away I dream of the horizon and words fail me.
And of course I know that you're with me, with me.
You, my moon, you are with me.
My sun, you're here with me with me, with me, with me.

Time to say goodbye.
Places that I've never seen or experienced with you.
Now I shall, I'll sail with you upon ships across the seas,
seas that exist no more,

Both:
I'll revive them with you.
I'll go with you upon ships across the seas,
seas that exist no more,
I'll revive them with you.
I'll go with you.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

In Germania il settore delle energie rinnovabili è la principale via di uscita di una politica energetica basata in precedenza sull’utilizzo del nucleare e del carbone e non sono pochi i progetti ambiziosi sviluppati in questi ultimi mesi. Oltre ad aver dichiarato l’abbandono definitivo del nucleare entro il 2022, qualcuno di voi ricorderà anche l’annuncio sulla futura conversione in senso rinnovabile del sistema ferroviario entro il 2050.

Adesso un altro importante progetto sta portando la Germania in pole position come uno dei Paesi più attenti alle politiche ambientali. Vicino alla città di Senftenberg, nel Brandeburgo in Germania, è stato inaugurato un parco solare su una vecchia miniera a cielo aperto della superficie di 200 ettari. Il terreno, da anni dismesso e inutilizzabile a scopo agricolo, è stato affidato ai lavori di tre importanti aziende leader nella costruzione degli impianti fotovoltaici: Safe Ray, Canadian Solar e GP JOULE. Sono bastati solo 3 mesi per installare 330.000 moduli solari con 62 centrali inverter necessarie per la conversione dell’energia.

Al momento si tratta del parco solare più grande del mondo, un vero e proprio fiore all’occhiello per i tedeschi a dimostrazione di come sia possibile osare con successo. Si stima che verranno prodotti 166 MW di energia che raggiungeranno le abitazioni di 50.000 famiglie. Il progetto, sviluppato dalla società berlinese Unlimited Energy GmbH, è stato possibile grazie all’intervento di tre primari istituti bancari tedeschi a sostegno dell’investimento necessario.

Ma l’impegno green della Germania non finisce qui, perchè come ha dichiarato Torsten Kash, managing director della GmbH, sono stati messi a punto dei progetti per la ripopolazione della fauna e della flora locale.

Sono stati lasciati 24 ettari al di fuori dell’area coparta dagli impianti fotovoltaici per le allodole, mentre i moduli solari sono stati integrati nel territorio garantendo un habitat il più possibile naturale per le altre specie di uccelli.

Nel complesso, un modo creativo e produttivo di recupero del territorio, a cui bisogna guardare con grande attenzione.

Fonte: tuttogreen.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The DIVINE Titles of ancient leaders become the Mythological Characters of the Bible & other sacred books NOT FOUND in recorded history... millennia of mistranslations languages evolution, oral traditions, interpretations, semiotics... makes TITLES to become REAL PEOPLE that nobody can find.

 

Documentary film about a linguist and a Catholic priest, who search for and find the origins of Christianity and the real historical Jesus: Julius Caesar.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

< luglio 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
29
30
31
     
             

Titolo
en - Global Observatory (568)
en - Science and Society (555)
en - Video Alert (321)
it - Osservatorio Globale (500)
it - Scienze e Societa (552)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (362)
ro - Stiinta si Societate (447)
ro - TV Network (132)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
right on!!
12/07/2014 @ 20:07:45
By Brian Barton
Cannabis is the best medicine in nature. Best everything. But shit, thc is important to!
10/07/2014 @ 13:26:01
By Jason Bond
Keys
06/07/2014 @ 02:59:37
By Altan
Thanks I was just looking for a recipe - gotta love the way the Spirit moves
04/07/2014 @ 19:06:54
By Ginamarie Pezzi
unfortunately that is a reality these days - we humans - especially in the west - only want to hear "a" truth that fits our own limited perspective rather than one that is open & is truth in many ...
04/07/2014 @ 18:57:31
By Ginamarie Pezzi
CON L'UMANITŕ COSě MESSA CI MANCANO LE DROGHE ?
03/07/2014 @ 08:48:35
By Anna Forte
Mmmmm candy
02/07/2014 @ 12:26:50
By Drizzy Dre


Titolo




Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.




Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.




Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.



Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Azarius offers regular kanna herb as well as a variety of more potent kanna extracts.

These extracts of well-known herbs contain a higher concentration of the active substances which makes their effects stronger than the herbs themselves.

Category lists all our herbs under our Herbs of the Gods label, which includes some potent herbal extracts. Where to Buy?

Turismo Associati's partner shop Azarius offers legal highs, supplements and formulas for whatever mood you're in.

Kratom (Mitragyna speciosa) is indigenous to Thailand and Malaysia where it is used as a substitute for opium. The main alkaloid in kratom is mitragynine, known for its positive effects on one's mood.

Salvia divinorum is available in the form of leaves, standardized extracts of varying potencies, live Salvia plant cuttings as well as in our special trial packs.

Lloyds Bank fined $370 million for rigging Libor interest rates

Hague court orders Russia to pay over $50 billion in Yukos case

Gaza fighting abates as diplomatic tension flares

U.S. pending home sales unexpectedly fall in June

Ukraine claims more territory as fight intensifies with rebels

Rocket ignites blaze near Tripoli airport, Libya in chaos

Ultimele articole - Antena3.roDan Voiculescu a fost din nou la sediul IPJ Ilfov

Creste impozitul pe apartament. Cu cât vor plati în plus românii care stau la bloc

Mit sau adevar? 8 leacuri babesti studiate de medicina

Romeo Stavarache ramâne în arest. Primarul Bacaului, acuzat de o mita de doua milioane lei

Medicii avertizeaza: Virusul hepatitic A, care a stat cuminte ani în sir, acum vine în forme fulminante. Boala poate fi prevenita prin VACCINARE

Basescu i-a scris, din nou, Avocatului Poporului în legatura cu OUG privind Legea Educatiei





28/07/2014 @ 16.22.23
script eseguito in 1093 ms