Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Cercetarea publicata în jurnalul Molecular Psychiatry arata ca violenta nu lasa urme doar pe corpurile copiilor, ci si în interiorul lor, modificându-le ADN-ul.

Oamenii de stiinta au studiat extremitatile cromozomilor, unde se gasesc telomerele, structuri speciale de ADN ce au rolul de a proteja cromozomii (asemanându-se cu structurile de plastic ce se gasesc la capetele sireturilor). Telomerele se scurteaza cu ocazia fiecarei diviziuni a celulelor, pâna când nu se mai pot diviza si mor.

Violența îmbătrânește copiii cu 10 ani, modificându-le ADN-ul

Specialistii au identificat mai multi factori ce duc la scurtarea telomerelor, printre care se numara fumatul, radiatia si factori de stres psihologic precum maltratarea în copilarie sau îngrijirea unei persoane bolnave cronic.

Noua cercetare a examinat daca expunerea la violenta poate face ca telomerele copiilor sa se scurteze mai repede decât în mod normal. Oamenii de stiinta au intervievat mamele a 236 de copii în vârsta de 5, 7 si 10 ani, întrebându-i daca tinerii au fost martori la incidente de violenta domestica între mama si partener, daca au fost maltratati de catre un adult sau daca au fost expusi agresiunilor din partea altor copii. Apoi, cercetatorii au masurat telomerele copiilor la vârsta de 5 ani si la vârsta de 10 ani.

Idan Shalev, conducatorul studiului, a descoperit ca telomerele copiilor expusi la doua tipuri de violenta s-au scurtat mai rapid, ceea ce înseamna ca acesti copii vor dezvolta afectiuni tipice îmbatrânirii, precum atacuri de cord sau pierderea memoriei, cu 7-10 ani mai devreme decât ceilalti copii.

Studiul pare sa confirme concluzia rezultata din mai multe cercetari recente: dificultatile din copilarie îsi lasa amprenta în cromozomi, afectând victimele de-a lungul întregii vieti.

Într-un studiu din 2011 efectuat de specialisti de la Scoala Medicala Harvard asupra copiilor din România s-a observat ca cei care copilarisera în orfelinate prezentau telomere mai scurte decât copii care avusesera parte de asistenta maternala.

„Stim ca stresul este nociv. Acest studiu arata mecanismul prin care acest tip de stres patrunde în gene”, a explicat Nathan Fox, profesor la Universitatea din Maryland.

Sursa: USA Today - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

"In some wealthy countries, the difference in the quality of life between the older generation and todays youth is the greatest ever recorded," said the WHO director general, speaking at the opening of the body's board meeting.

"Last year was a time when many countries realised they were losing their middle classes, the very foundation of democracy and economic productivity," she said, urging that a commitment to public health must be sustained.

In a text version of her speech Chan cited a recent Organization for Economic Cooperation and Development report showing income inequality in wealthy nations has reached the worst levels in nearly 25 years.

"That report further concluded that societies with the least inequality had the best health outcomes, regardless of the levels of spending on health," Chan said, noting, "money alone does not buy better health."

She stated: "Those who suffer or who benefit least deserve help from those who benefit most," but this is not what happened last year, particularly in well-off nations, according to numerous reports. In large parts of the developing world vast inequalities in access to health care also exist, she explained.

"But misery, for many groups, for many diseases, is actually going down. Those who benefit least are getting help from those who benefit most," said Chan.

She noted that in the first decade of the 21st century, HIV/AIDS and tuberculosis epidemics peaked, beginning a slow decline along with a turn around in a deteriorating malaria situation. "Young child mortality dropped below 10 million for the first time in nearly six decades. Compared with 12 million under-five deaths in 1990, the figure for 2010 was 7.6 million, a drop of more than 40 percent."

Chan said that in sub-Saharan Africa the fall in the under-five mortality rate was accelerating at double the rate it had shown between 1990 and 2000. Maternal deaths worldwide, "the starkest statistic in public health," have also begun to fall, she said. In addition, "In 2009 alone, an estimated 800 million people received preventive chemotherapy for at least one of the neglected tropical diseases."

Source: MedicalXpress - via ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Verrà usato per le pentole, ma era pensato per le armi nucleari.

Gli inizi di carriera per il Teflon non furono dei più gloriosi, anzi. Prima di invadere le cucine come rivestimento antiaderente di pentole e padelle l’ultimo prodotto di casa DuPont era arrivato nei laboratori dove, durante la Seconda guerra mondiale, si stavano fabbricando le bombe atomiche. C’era finito proprio grazie alle sorprendenti proprietà che lo avevano contraddistinto da subito: era un buon isolante elettrico, chimicamente inerte, impermeabile, resistente alle alte e basse temperature, e soprattutto particolarmente scivoloso. Tutte caratteristiche che lo rendevano il materiale ideale da impiegare negli oggetti con cui maneggiare l' esafluoruro di uranio, corrosivo, usato per la costruzione delle bombe atomiche. Perché invece diventasse un prodotto di uso comune ci sarebbe voluto ancora qualche anno.

Il boom sarebbe arrivato solo nel dopoguerra, consolidandosi poi intorno agli anni Sessanta. Quando ormai erano passati più di vent’anni da quella mattina del  6 aprile 1938, quando il giovane chimico della DuPont, Roy J. Plunkett prendeva nota che le cose, con quell’esperimento, non erano andate esattamente nel modo in cui avrebbero dovuto. E per fortuna.

La scoperta del teflon fu infatti come spesso accade del tutto casuale. Plunkett nei laboratori del New Jersey della DuPont si occupava di sviluppare analoghi di un altro prodotto di punta dell’azienda statunitense: il Freon, cercando di produrre un altro fluido refrigerante. Era convinto che ci sarebbe riuscito servendosi di tetrafluoroetilene (TFE) come prodotto di partenza, fatto reagire con acido cloridrico. Il punto di partenza era innanzi tutto procurarsi il gas, tanto gas, così da averne abbastanza a disposizione per i suoi esperimenti. Una volta ottenuto il TFE lo immagazzinò in un contenitore pressurizzato e lo mise per una notte nel ghiaccio secco.

Ma la mattina successiva aprendo la valvola nessun gas uscì dal contenitore, quasi come fosse vuoto. Eppure quel contenitore pesava. Incuriosito Plunkett sbirciò all’interno, trovandoci dentro della polvere bianca, piuttosto cerosa. I test di laboratorio rivelarono che quella sostanza era estremamente resistente al calore e chimicamente inerte, era il prodotto della polimerizzazione del TFE, ovvero il politetrafluoroetilene (PTFE).

Fu così che quell’ incidente di percorso si trasformò in un vero colpo di fortuna, che la DuPont, la casa del freon ma anche del nylon, seppe trasformare in una miniera d’oro. Plunkett così si mise al lavoro, cercando di riprodurre e ottimizzare le condizioni in cui era avvenuta la polimerizzazione, e ottenne il brevetto della sua fortuita invenzione nel 1941.

Lasciando da parte gli impieghi per la costruzione di armi nucleari, il trampolino di lancio per il teflon furono in parte, così come per il velcro, le missioni spaziali. Il politetrafluoroetilene fu infatti impiegato come sistema di rivestimento delle taniche di carburante dei razzi e perfino nelle divise degli astronauti del programma Apollo. Il successo spaziale avrebbe aperto le porte a quello casalingo.

Ma, intorno agli anni Duemila, il teflon cominciò a essere guardato con sospetto, dopo che negli Usa una sostanza utilizzata per la sua fabbricazione era stata classificata come potenziale cancerogena. Un rischio che avrebbe spinto a rimarcare il corretto uso delle pentole rivestite di teflon: buttandole via e non utilizzandole più nel momento in cui il materiale, da molti definito come il più scivoloso al mondo, si graffi e cominci a staccarsi.

Fonte: Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Imensa constructie atinge dimensiunile partii de sud a insulei Manhattan. Dupa o serie de pregatiri prealabile, care au durat circa 14 luni, centrala a fost pusa în functiune si poate furniza 605 Megawati - o cantitate de energie suficienta pentru a alimenta un oras de marime medie.

Centrala a fost pusa în functiune pe data de 19 aprilie, anul curent, iar planurile de extindere continua, astfel încât autoritatile spera ca, în anul 2013, centrala sa furnizeze 1.000 Megawati. Centrala a fost construita pe o suprafata de peste 2.000 hectare, în apropierea satului Charanka, districtul Patan, din nordul statului Gujarat.

India a inaugurat cea mai mare centrală solară din lume

India intentioneaza ca, pâna în anul 2020, circa 15 % din totalul de energie necesara tarii sa provina din surse nepoluante. Prin comparatie, la ora actuala doar 6% din energia necesara Indiei provine din surse "verzi".

Cu toate acestea, India este deja pe cale sa fie detronata de catre Tunisia. Acest stat nord-african intentioneaza sa inaugureze în anul 2016 o centrala similara, care sa furnizeze energie în cantitate de 2.000 de Megawati.

Centrala din Charanka a costat circa 280 milioane USD si produce aceesi cantitate de energie precum o termocentrala care ar arde anual o cantitate de 900.000 tone de carbuni si gaze. Centrala solara din Gujarat salveaza astfel atmosfera de poluarea anuala cu circa 8 milioane tone de dioxid de carbon.

Sursa: Grist - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Procesul de „crestere” dureaza doar câteva saptamâni; se porneste de la celule prelevate din mâna pacientului, rezultând formatiuni tubulare ce pot fi folosite într-o variatate de proceduri medicale: pentru realizarea operatiei de bypass cardiac, pentru ameliorarea starii pacientilor cu boli de rinichi si care necesita dializa sau pentru repararea defectelor congenitale ale inimii la copii.

„Piese de schimb” pentru corpul uman: au fost obținute în laborator vase de sânge necesare pentru operațiile pe inimă

Încercarile precedente utilizau în general materiale sintetice (care maresc riscul de infectie),iar putinele încercari cu materiale naturale produsesera tuburi care nu erau suficient de rezistente.

Actuala metoda, dezvoltata de cercetatorii firmei americane Cytograft Tissue Engineering, se bazeaza pe cultivarea în laborator a celuleleor extrase chiar de la viitorul pacient.

Mostra de tesut este prelevata de pe dosul mâinii; celulele producatoare de colagen (o proteina ce formeaza fibrele elastice, rezistente, din piele) , sunt mentinute într-un mediu de cultura special, unde se înmultesc, dând nastere unei pelicule subtiri - un strat de celule.

Pelicula este apoi rulata, iar celulele fuzioneaza, formând un tub; tubul este captusit în interior cu un strat format dintr-un alt tip de celule, provenit din vasele de sânge superficiale prelevate odata cu pielea de pe mâna pacientului.

Alternativ, pelicula de celule poate fi taiata în fâsii subtiri, care sunt apoi tesute pe un razboi de tesut miniatural, în mediu steril.

Prin aceasta metoda, pot fi produse, în numai doua luni, tuburi lungi de 20 centimetri.

Tuburile astfel obtinute au fost testate, deocamdata, pe trei pacienti, cu rezultate foarte bune. Nu au existat probleme legate de respingerea transplantului.

Totusi, sunt necesare înca multe cercetari, astfel încât tehnologia ar putea fi disponibila pe piata în 5-10 ani, estimeaza oamenii de stiinta.

Sursa: Mail Online - Sursa foto: Cytograft Tissue Engineering - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Completing one orbit in only 18 hours, the alien planet is 26 times closer to its parent star than Mercury is to the Sun. If Earth were in the same position, the soil beneath our feet would heat up to about 3200 F. Researchers have long thought that 55 Cancri e must be a wasteland of parched rock.

Now they’re thinking again. New observations by NASA's Spitzer Space Telescope suggest that 55 Cancri e may be wetter and weirder than anyone imagined.

Spitzer recently measured the extraordinarily small amount of light 55 Cancri e blocks when it crosses in front of its star. These transits occur every 18 hours, giving researchers repeated opportunities to gather the data they need to estimate the width, volume and density of the planet.

According to the new observations, 55 Cancri e has a mass 7.8 times and a radius just over twice that of Earth. Those properties place 55 Cancri e in the "super-Earth" class of exoplanets, a few dozen of which have been found. Only a handful of known super-Earths, however, cross the face of their stars as viewed from our vantage point in the cosmos, so 55 Cancri e is better understood than most.

When 55 Cancri e was discovered in 2004, initial estimates of its size and mass were consistent with a dense planet of solid rock. Spitzer data suggest otherwise: About a fifth of the planet's mass must be made of light elements and compounds--including water. Given the intense heat and high pressure these materials likely experience, researchers think the compounds likely exist in a "supercritical" fluid state.

A supercritical fluid is a high-pressure, high-temperature state of matter best described as a liquid-like gas, and a marvelous solvent. Water becomes supercritical in some steam turbines--and it tends to dissolve the tips of the turbine blades. Supercritical carbon dioxide is used to remove caffeine from coffee beans, and sometimes to dry-clean clothes. Liquid-fueled rocket propellant is also supercritical when it emerges from the tail of a spaceship.

On 55 Cancri e, this stuff may be literally oozing--or is it steaming?--out of the rocks.

With supercritical solvents rising from the planet’s surface, a star of terrifying proportions filling much of the daytime sky, and whole years rushing past in a matter of hours, 55 Cancri e teaches a valuable lesson: Just because a planet is similar in size to Earth does not mean the planet is like Earth.

It’s something to re-think about.

Provided by Science@NASA - via ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Cosa è stato davvero fatto dopo il terremoto?

C’è un ritornello spettrale che aleggia sopra il terzo anniversario del terremoto che ha sconvolto L’Aquila, una frase che rimbalza cristallina dall’Aquila nella Rete e nell’Italia tutta: “ Tre anni dopo, nulla è cambiato”. Si tratta di un frase piuttosto vera, soprattutto se si concentra l’attenzione sul centro storico della città e sui cittadini che lì avevano le proprie case e che da quello sciagurato 6 aprile 2009 non ci sono più potuti tornare. Per questo Wired Italia ha deciso di organizzare la campagna #occupylaquila.


A 36 mesi di distanza dal terribile sisma che ha sfregiato per sempre il volto dell’Aquila almeno 26.787 persone non hanno ancora fatto ritorno alle proprie case (più della metà dei 45mila sfollati iniziali). Di questi 13mila vivono attualmente nelle abitazione del progetto C.A.S.E. (organizzate nelle famose 19 new town volute dal Governo Berlusconi), 2.700 occupano moduli abitativi prefabbricati, mentre altri 380 ancora tirano avanti negli alberghi.

Con una situazione del genere verrebbe da pensare a una mancanza di fondi. E invece i fondi ci sono, in tre anni il Governo Italiano ha stanziato la bellezza di 10,6 miliardi di euro, dei quali 2,9 sono stati utilizzati per gestire l’emergenza nell’immediato, rimangono 7,7 miliardi ancora da sbloccare. Per ricostruire le abitazioni del centro storico servirebbero quasi 4 miliardi di euro, eppure lo stato di attuazione dei lavori è ancora ai primordi. Perché? Secondo alcuni esperti urbanisti è in parte colpa di rallentamenti burocratici, e della scelta di attende la realizzazione di Piani di Ricostruzione non sempre necessari e che hanno chiesto tempi lunghissimi per essere approvato.

L'Aquila L'Aquila

“ Tre anni dopo, nulla cambiato” è dunque una frase vera, ma solo in parte. Se il centro storico versa ancora in condizioni di devasto, qualcosa è stato ricostruito. Merito delle attività autonome di ricostruzione dei beni culturali che, stando ai dati forniti dal Ministro Fabrizio Barca, hanno portato alla ristrutturazione di 119 chiese e all’apertura di 40 cantieri per altrettanti edifici adibiti al culto.

Cosa è cambiato, dunque? O per formulare meglio l’interrogativo: quanti lavori sono stati effettuati in questi tre anni, quali edifici e quali monumenti sono stati messi in sicurezza, e quanti cantieri devono ancora essere aperti?

In un cronoprogramma pubblicato dal sindaco Massimo Cialente intorno a gennaio, viene fatta una stima (da alcuni considerata volutamente ottimista) della tabella di marcia per i lavori pubblici (sia ordinari che di ricostruzione post-terremoto). Secondo il cronoprogramma, a inizio dell’anno i cantieri aperti ammontavano al 39% di quelli previsti, i lavori portati a compimento invece costituivano una fetta minima della torta.

Nelle previsioni di Sindaco e Amministrazione Comunale di qui a giugno la percentuale di lavori terminati potrebbe raggiungere quota 47%, lasciando un 41% di lavori in esecuzione e solo il 12% in fase di bando di gara o contratto.

Nell’ambito di una parziale operazione di trasparenza, sul sito del Commissario delegato per la Ricostruzione, la Presidenza della Regione Abbruzzo ha recentemente pubblicato una planimetria che consente di farsi un’idea chiara degli interventi pubblici eseguiti, quelli in corso d’opera e quelli ancora inchiodati sulla linea di partenza. È interessante notare come dei 38 interventi pianificati, solo 6 siano stati portati a termine e solo 8 cantieri siano tuttora in attività. Gli altri 24 interventi sono ancora in attesa di superare la fase d’appalto o della formalizzazione di un progetto esecutivo.

Uno dei primi lavori portati è a termine è stato il restauro della Fontana delle 99 cannelle, uno dei monumenti più antichi e memorabili della città. Grazie ai 500mila euro del Fai (Fondo Ambiente Italiano), la ristrutturazione è stata terminata nel dicembre del 2010. Un altro importante lavoro consegnato è la ristrutturazione delle Mura Urbiche a Borgo Rivera, mentre i lavori di restauro di Porta Rivera sono ancora in fase di esecuzione, il costo dei due interventi ammonta a 800mila euro.

Tra le Porte colpite dal sisma ci sono poi Porta Castello e Porta Napoli. Porta Castello, edificata nel Cinquecento e distrutta già in precedenza da un terremoto nel 1703, ha già subito l’intervento necessario: riportava danni diffusi in tutta la struttura e ci sono voluti 25mila euro (donati da Lions Club – L’Aquila Host) per rimetterla in sesto. Porta Napoli invece è stata interessata da diversi crolli e la sua ricostruzione ha richiesto oltre 260mila euro (Fondazione Carispaq), i lavori sono ancora in corso.

Altri due interventi completati sono quelli che hanno interessato Caserma Campomizzi (13 milioni di euro) e la Casa della Giovane Italiana – Ex Isef che ora ospiterà gli uffici della struttura commissariale per la ricostruzione (1,9 milioni di euro).

Passando agli edifici religiosi, sono stati già smantellati i cantieri per la ricostruzione del Complesso di Sant’Amico, un ex-convento che per i danni riportati in seguito al sisma ha richiesto lavori per un totale di un milione di euro.

Tra i cantieri aperti ci sono quello della Chiesa di San Biagio d’Aminterum (termine previsto per il 18 luglio 2012, con 2,9 milioni di euro di finanziamento) e la Chiesa di San Giuseppe dei Minimi (chiusura cantiere prevista per fine 2012, con 1,7 milioni stanziati dal Governo del Lazio). Procedono anche i lavori alla Chiesa di San Pietro di Coppito, il luogo di culto fu edificato intorno alla fine del 1200 e in seguito al terremoto ha riportato gravi lesioni alle strutture portanti, con il conseguente crollo del campanile e di parte della facciata. Per l’intervento sono stati erogati 750mila euro.

Per la Chiesa di Cristo Re invece sono stati stanziati 720mila euro e anche in questo caso il cantiere è ancora aperto.

Sono stati poi completati i lavori preliminari di messa in sicurezza della cupola e del tamburo della Basilica di San Bernardino, le cui condizioni sono ora favorevoli all’inizio dei lavori previsti per Luglio 2012, per cui il Cipe ha stanziato 25 milioni di euro. Quasi ultimata invece la ristrutturazione della Basilica di Santa Maria di Collemaggio che ha richiesto finora oltre tre milioni di euro.

Tra gli edifici non adibiti al culto, quelli attualmente in fase di effettiva ricostruzione sono il Palazzetto dei Nobili (1,1 milioni di euro donati dalla Camera dei Deputati), l’edificio della Questura, per cui il Cipe ha stanziato quasi 13 milioni di euro (conclusione prevista per settembre 2012) e il Palazzo di Giustizia. In quest’ultimo caso, i 40 milioni stanziati dal Cipe sono stati in parte impiegati per i lavori sul corpo centrale, che verranno indicativamente portati a termine entro fine estate 2012. I lavori relativi all’Ala Uffici sono invece ancora in corso d’appalto e dovrebbero essere terminati entro l’estate del 2013.

In alcuni casi, agli interventi di ricostruzione sono stati affiancati lavori di costruzione di nuovi edifici, è il caso del complesso che oggi ospita la Procura Generale e la Corte D’Appello, i 7 milioni di euro stanziati dal Cipe hanno consentito di riqualificare la palazzina dell’ex-stazione ferroviaria e di procedere alla costruzione di un nuovo edificio circolare inaugurato lo scorso 23 settembre.

Tra i progetti ancora fermi è il caso di menzionare il Teatro San Filippo, la Scuola De Amicis e il Conservatorio Alfredo Casella. Al Teatro San Filippo i lavori sarebbero dovuti partire lo scorso Agosto e durare in tutto quattro mesi, a otto mesi di distanza il Teatro San Filippo è ancora inagibile e la Compagnia dell’Uovo ha lamentato il rischio di perdere i finanziamenti ministeriali

I lavori di ricostruzione alla Scuola De Amicis sono ancora fermi, nonostante sul sito CommissarioPerLaRicostruzione.it l’inizio fosse stato previsto per febbraio/marzo. Parte del finanziamento per questo cantiere era stato raccolto nella cornice dell’iniziativa Amiche Per l’Abruzzo, patrocinate da una serie di star femminili della musica italiana. Una sorte simile è toccata a un’altra iniziativa, patrocinata da Jovanotti, che a due settimane dal terremoto aveva raccolto 1,2 milioni di euro con la canzone all-star “Domani”: gran parte dei fondi sono stati allocati per la ricostruzione del Conservatorio Alfredo Casella, i lavori però non sono ancora partiti.

Una piccola parte delle donazioni raccolte con “Domani” erano invece destinati alla ricostruzione del Teatro Comunale, per il quale l’avvio dei lavori è previsto per inizio maggio.

Ma al di là delle cifre e dei progetti che abbiamo elencato, la situazione intorno alla ricostruzione de l’Aquila rimane tuttaltro che trasparente, e a tre anni di distanza i cittadini non possono più attendere. Per questo nelle scorse settimane un gruppo di cittadini ha lanciato un’operazione di trasparenza chiamata Appello Per L’Aquila. L’obbiettivo: la diffusione dei dati che le istituzioni possiedono e la costituzione di un osservatorio partecipato per vegliare sulla ricostruzione.

Fonte: Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dispozitivul de iluminat a fost premiat la competitia Bright Tomorrow, organizata de Departamentul Energiei din SUA, fiind singurul care a putut îndeplini standardele extrem de riguroase cerute de organizatori.

Competitia a avut ca scop identificarea unei alternative a becului incandescent de 60 de wati, înca utilizat pe scara larga în SUA, dar care urmeaza sa fie scos din productie în curând. (Fabricarea becurilor de 100 wati a fost deja sistata în SUA si Europa; în Europa a fost oprita si cea a becurilor de 60 de wati.)

„Becul” care durează 20 de ani va fi pus în vânzare în SUA

Organizatorii au cerut participantilor sa fabrice un dispozitiv care sa dea aceeasi lumina calda ca si cea a unui bec incandescent, dar sa fie mult mai efcieinte din punct de vedere energetic.

Produsul prezentat de compania olandeza Philips a fost singurul care a corespuns standardelor de performanta impuse, iar premiul a fost acordat abia dupa 18 luni de testari.

Dispozitivul realizat de Philips foloseste capacitatile LED-urilor (diode emitatoare de lumina) în locul filamentelor incandescente; la o durata de functionare de peste 4 ore pe zi, durata sa de viata este de 20 de ani.

Performanta are un pret: un asemenea "bec" costa, în prezent, 60 USD, desi firma Philips a facut, cu anumite magazine, aranjamente financiare care vor permite vinderea dispozitivelor la pretul redus de 20 USD.

Sursa: BBC News - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

"What we see in other animals is that when females are scarce, males become more competitive. They compete more for access to mates," says Vladas Griskevicius, an assistant professor of marketing at the Carlson School and lead author of the study. "How do humans compete for access to mates? What you find across cultures is that men often do it through money, through status and through products."

To test their theory that the sex ratio affects economic decisions, the researchers had participants read news articles that described their local population as having more men or more women. They were then asked to indicate how much money they would save each month from a paycheck, as well as how much they would borrow with credit cards for immediate expenditures. When led to believe women were scarce, the savings rates for men decreased by 42 percent. Men were also willing to borrow 84 percent more money each month.

In another study, participants saw photo arrays of men and women that had more men, more women, or were neutral. After looking at the photographs, participants were asked to choose between receiving some money tomorrow or a larger amount in a month. When women were scarce in the photos, men were much more likely to take an immediate $20 rather than wait for $30 in a month.

According to Griskevicius, participants were unaware that sex ratios were having any effect on their behavior. Merely seeing more men than women automatically led men to simply be more impulsive and want to save less while borrowing more to spend on immediate purchases.

"Economics tells us that humans make decisions by carefully thinking through our choices; that we're not like animals," he says. "It turns out we have a lot in common with other animals. Some of our behaviors are much more reflexive and subconscious. We see that there are more men than women in our environment and it automatically changes our desires, our behaviors, and our entire psychology."

"The Financial Consequences of Too Many Men: Sex Ratio Effects on Savings, Borrowing, and Spending" will be published this month in the Journal of Personality and Social Psychology. Co-authors of the study include Joshua Tybur (VU University Amsterdam), Joshua M. Ackerman (M.I.T.), Andrew Delton and Theresa Robertson (University of California, Santa Barbara), and Andrew E. White (Arizona State University).

Sex Ratios Affect Expectations of Women

While sex ratios do not influence the financial choices women make, they do shape women's expectations of how men should spend their money when courting. After reading a news article informing women that there are more men than women, women expected men to spend more on dinner dates, Valentine's gifts, and engagement rings.

"When there's a scarcity of women, women felt men should go out of their way to court them," adds Griskevicius.

In a male-biased environment, men also expected they would need to spend more in their mating efforts.

Population Data Supports Research Findings

In addition to conducting laboratory experiments, the researchers reviewed archival data and calculated the sex ratios of more than 120 U.S. cities. Consistent with their hypothesis, communities with an abundance of single men showed greater ownership of credit cards and had higher debt levels.

One striking example was found in two communities located less than 100 miles apart. In Columbus, Ga., where there are 1.18 single men for every single woman, the average consumer debt was $3,479 higher than it was in Macon, Ga., where there were 0.78 single men for every woman.

Research Implications for Marketers and Society

Whereas previous research has found that merely seeing an attractive woman in advertising would make a man more aggressive or make a man more interested in conspicuously consuming, "The Financial Consequences of Too Many Men" study suggests it may not be that simple. According to the findings, whether a woman is alone or surrounded by many or few men can have a great impact on the reaction it elicits.

Griskevicius says the effects of sex ratios go beyond marketing and influence all sorts of behavior. He cites other studies showing the strong correlation between male-biased sex ratios and aggressive behavior.

"We're just scratching the tip of the iceberg when it comes to financial behavior," says Griskevicius. "One of the troubling implications of sex ratios for the world in general is that it's about more than just money. It's about violence and survival."

Source: University of Minnesota - via ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Alle 00.38 del 5 aprile 2012, una nuova collisione di due fasci di protoni da 4 Teraelettronvolt (TeV) è avvenuta al Large Hadron Collider di Ginevra. La collisione, dall'energia complessiva di 8 TeV, è un nuovo record mondiale e ha dato il via alla raccolta dati all'Lhc per l'anno 2012.

" Dopo due anni di esperienza con entrambi i raggi a 3,5 TeV, ci siamo sentiti in grado di aumentare l'energia senza introdurre rischi significativi per le nostre apparecchiature" ha spiegato il responsabile tecnologico dell'acceleratore Cern Steve Myers: " Ora si apre la strada a sperimentazioni che possono sfruttare un potenziale energetico ancora maggiore!".

Nonostante l'aumento dell'energia di collisione sia piuttosto modesto, si tratta sempre di miliardi di volt. Per i ricercatori del Cern, questo significa capacità di sperimentazione e scoperta per gli esperimenti che riguardano le particelle ipotetiche, come per esempio quelle previste dalla teoria della Supersimmetria. Queste particelle potrebbero essere prodotte in quantità molto superiore alle alte energie, così come per il bosone di Higgs, la sfuggente particella ipotetica su cui si concentrano da sempre gli sforzi di Lhc (e a cui si potrebbe presto cambiare nome). Tuttavia, questa potenza superiore porterà anche molto rumore di fondo, cioè segnali che sembrano essere associati a quelli delle particelle del modello Standard, ma che in realtà non lo sono. Questo significa che ci vorrà più tempo per analizzare i dati, e che per confermare gli indizi sul Bosone di Higg o per affermare con certezza la sua inesistenza ci vorrà almeno un anno di esperimenti.

" L'aumento di energia ci permetterà di massimizzare le nostre possibilità di scoperta scientifica", ha dichiarato il direttore di ricerca del Cern Sergio Bertolucci. " Il 2012 si preannuncia come un anno importante per la fisica delle particelle". Lhc funzionerà a pieno ritmo fino alla fine dell'anno, per poi essere disattivato per un lungo periodo per prepararsi a girare ad una potenza di 6,5 TeV per facio di protoni verso la fine del 2014. L'obiettivo finale è di raggiungere una potenza massima di 7 TeV per fascio, una potenza quasi doppia a quella attuale.

La storia di Lhc, la più grande macchina mai costruita dall'uomo (e anche una delle più costose, con un budget stimato di 7,5 miliardi di euro), è stata spesso funestata di incidenti e inconvenienti. Il tunnel di 27 chilometri si trova a 100 metri sotto il confine tra Francia e Svizzera. Dopo aver inaugurato le operazioni nel 2008, un gruppo di scienziati tentò di fermare gli esperimenti perché convinti che avrebbero causato un buco nero capace di distruggere la Terra. Una serie di incidenti (tra cui il più bizzarro è sicuramente quello dell' uccello e della baguette) ha costretto Lhc a riparazioni massicce per l'intero 2009, ed è quindi solo nel 2010 che sono cominciati gli esperimenti. Da allora, numerosi falsi allarmi non hanno ancora portato alla scoperta del famigerato bosone.

Fonte: Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 674 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Exclusive: Electric Hummer could be part of GM's move into EV trucks, SUVs - sources

U.S. energy secretary will not comply with congressional Democrats' impeachment probe

Hong Kong's leader backs police use of force as protesters plan 'illegal' march

U.S. oil major Chevron set to receive Venezuelan crude cargo: document

Protests sweep Lebanon as fury at ruling elite grows over economic corruption

Exclusive: Huawei in early talks with U.S. firms to license 5G platform - Huawei executive

Ultimele articole - Antena3.roHOROSCOP DRAGOSTE 19 OCTOMBRIE. Racii trebuie sa fie aten?i la via?a amoroasa, Balan?ele trebuie sa fie în?elegatoare în iubire

HOROSCOP. Mesajul Fecioarei Maria pentru zodii 19 octombrie. Berbecii sunt sensibili, Racii primesc semne

HOROSCOP. Sfatul Arhanghelului Mihail pentru zodii 19 octombrie. Leii trebuie sa gândeasca pozitiv, Capricornii pot inspira al?i oameni

HOROSCOP 19 OCTOMBRIE. Gemenii sunt vorbare?i, Scorpionii au parte de succes

CALENDAR ORTODOX 19 OCTOMBRIE. Ce sfânt mare sarbatorim astazi

Au o rela?ie interzisa. Femeia visurilor sale e casatorita cu un batrân bogata?. Se întâlnesc mereu sa faca amor, dar într-o zi fata i-a marturisit un secret incredibil: Nu sunt bogat, dar...





19/10/2019 @ 06:19:26
script eseguito in 979 ms