Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

The study, which appears in Science, reveals a unique pattern of brain activity when false memories are formed – one that hints at a surprising connection between our social selves and memory.

The experiment, conducted by Prof. Yadin Dudai and research student Micah Edelson of the Institute's Neurobiology Department with Prof. Raymond Dolan and Dr. Tali Sharot of University College London, took place in four stages. In the first, volunteers watched a documentary film in small groups. Three days later, they returned to the lab individually to take a memory test, answering questions about the film. They were also asked how confident they were in their answers.

They were later invited back to the lab to retake the test while being scanned in a functional MRI (fMRI) that revealed their brain activity. This time, the subjects were also given a "lifeline": the supposed answers of the others in their film viewing group (along with social-media-style photos). Planted among these were false answers to questions the volunteers had previously answered correctly and confidently. The participants conformed to the group on these "planted" responses, giving incorrect answers nearly 70% of the time.

 

But were they simply conforming to perceived social demands, or had their memory of the film actually undergone a change? To find out, the researchers invited the subjects back to the lab to take the memory test once again, telling them that the answers they had previously been fed were not those of their fellow film watchers, but random computer generations. Some of the responses reverted back to the original, correct ones, but close to half remained erroneous, implying that the subjects were relying on false memories implanted in the earlier session.

An analysis of the fMRI data showed differences in brain activity between the persistent false memories and the temporary errors of social compliance. The most outstanding feature of the false memories was a strong co-activation and connectivity between two brain areas: the hippocampus and the amygdala. The hippocampus is known to play a role in long-term memory formation, while the amygdala, sometimes known as the emotion center of the brain, plays a role in social interaction. The scientists think that the amygdala may act as a gateway connecting the social and memory processing parts of our brain; its "stamp" may be needed for some types of memories, giving them approval to be uploaded to the memory banks. Thus social reinforcement could act on the amygdala to persuade our brains to replace a strong memory with a false one.

Source: MedicalXpress

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Si chiamano Lin28a e Lin28b e sono tra le prime molecole a mettere in collegamento le due patologie. A identificare la via comune tra cancro e diabete sono stati i ricercatori della Harvard Medical School (Usa) guidati da George Daley, analizzando il metabolismo del glucosio in alcuni topi transgenici. Lo studio è stato pubblicato su Cell.

Detail-sugar

L'idea che cancro e diabete condividessero qualche processo biologico è diffusa da tempo, e nasce soprattutto da un osservazione: le cellule, acquisendo il fenotipo tumorale, cambiano il loro modo di utilizzare il glucosio. In particolare, le cellule cancerose ne assumono di più, una strategia che permetterebbe loro di crescere più velocemente (un fenomeno noto come “effetto Warburg”).

Nello studio, i ricercatori hanno focalizzato l’attenzione su due proteine: Lin28a e la Lin28b. Si tratta di due molecole che agiscono bloccando un microRNA (cioè un piccolo pezzetto di Rna che regola l'espressione genica) chiamato Let-7; questo viene espresso nelle cellule staminali e ha una funzione protettiva verso il cancro. Bloccando Let-7 con alti livelli di Lin28, viene quindi meno uno dei freni alla formazione della neoplasia.

Sulla base di questi dati, i ricercatori hanno creato dei topi transgenici capaci di produrre alti livelli di Lin28 (entrambe le forme, la “a” e la “b”). Per capire se questa via molecolare fosse legata anche al diabete, gli scienziati hanno poi sottoposto i topi a una dieta a elevato contenuto di grassi, osservando che i roditori diventavano particolarmente grossi, ma non obesi, e non sviluppavano forme diabetiche o prediabetiche. Al contrario, nei topi in cui le proteina Lin28a era stata silenziata (o anche quelli in cui Let-7 era espressa ad alti livelli) il metabolismo del glucosio era compromesso, con l'insorgere di forme di insulino-resistenza, condizione considerata l'anticamera del diabete di tipo 2.

Fonte: galileonet.it - Riferimenti: Cell DOI 10.1016/j.cell.2011.08.033

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 29/10/2011 @ 14:00:52, in ro - Observator Global, read 1074 times)

Autismul implică mai puţină genetică decât se credea

Până în prezent, se considera că factorii genetici contribuie în proprotie de 90% la riscul unui copil de a avea autism, dar un nou studiu, realizat de cercetătorii de la Facultatea de Medicină din cadrul Universitatii Stanford, SUA, sugerează că factorii de mediu ar putea juca un rol mai important decât se credea anterior.

Cel mai mare studiu de acest gen a cercetat cazurile a 192 de perechi de gemeni care au autism - 54 identici (s-au dezvoltat din acelasi ovul) si 138 diferiti (s-au dezvoltat din ovule diferite).

Surpriza cercetătorilor a fost aceea de a descoperi un număr mai mare de gemeni diferiti care au autism, decât identici. Gemenii care s-au dezvoltat din ovule diferite au doar jumătate din gene identice. Rezultatul sugerează că există alti factori, diferiti de cei genetici, care influentează aparitia autismului.

Cercetătorii bănuiau de mult timp că există factori de mediu care contribuie la aparitia autismului, sustine doctor Joachim Hallmayer, principalul autor al acestui studiu. Cercetări anterioare au demonstrat că această boală apare în primele săptămâni de viată intrauterină. Există si dovezi care indică faptul că vârsta părintilor este la fel de importantă precum factorii ambientali. De asemenea, sexul reprezintă un factor important: autismul este mult mai răspândit la bărbati decât la femei.

Deoarece există multiple forme ale autismului, Hallmayer subliniază importanta efectuării unor studii suplimentare cu privire la autismul si factorii care contribuie la aparitia acestei boli, inclusiv interactiunea dintre factorii genetici si cei de mediu, care poate influenta în mod diferit.

Sursa: npr.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Sandia National Laboratories has developed a new technology with the potential to dramatically alter the air-cooling landscape in computing and microelectronics, and lab officials are now seeking licensees in the electronics chip cooling field to license and commercialize the device.

Sandia’s “Cooler” technology offers fundamental breakthrough in heat transfer for microelectronics, other cooling applicationsThe “Sandia Cooler,” also known as the “Air Bearing Heat Exchanger,” is a novel, proprietary air-cooling invention developed by Sandia researcher Jeff Koplow, who was recently selected by the National Academy of Engineering (NAE) to take part in the NAE’s 17th annual U.S. Frontiers of Engineering symposium.

Koplow said the Sandia Cooler technology, which is patent-pending, will significantly reduce the energy needed to cool the processor chips in data centers and large-scale computing environments. The yearly electricity bill paid by the information technology sector in the U.S. is currently on the order of seven billion dollars and continues to grow.

Dramatic improvements in cooling, other benefits

In a conventional CPU cooler, the heat transfer bottleneck is the boundary layer of “dead air” that clings to the cooling fins. With the Sandia Cooler, heat is efficiently transferred across a narrow air gap from a stationary base to a rotating structure. The normally stagnant boundary layer of air enveloping the cooling fins is subjected to a powerful centrifugal pumping effect, causing the boundary layer thickness to be reduced to ten times thinner than normal. This reduction enables a dramatic improvement in cooling performance within a much smaller package.

Additionally, the high speed rotation of the heat exchanger fins minimizes the problem of heat exchanger fouling. The way the redesigned cooling fins slice through the air greatly improves aerodynamic efficiency, which translates to extremely quiet operation. The Sandia Cooler’s benefits have been verified by lab researchers on a proof-of-concept prototype approximately sized to cool computer CPUs. The technology, Koplow said, also shows great potential for personal computer applications.

Broader energy sector applications

The Sandia Cooler also offers benefits in other applications where thermal management and energy efficiency are important, particularly heating, ventilation and air-conditioning (HVAC). Koplow said that if Air Bearing Heat Exchanger technology proves amenable to size scaling, it has the potential to decrease overall electrical power consumption in the U.S. by more than seven percent.

Companies interested in licensing the Sandia Cooler are invited to review and respond to the solicitation through July 15. The solicitation can be found here. Although it is first focused on licensing opportunities in the field of electronics chip cooling, Sandia will soon establish a separate process for exploring partnering and/or licensing opportunities in other fields.

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

O, meglio, non era. Dal  Max-Planck-Institut per la Chimica di Mainz (Germania) arriva infatti un nuovo sistema che permette di misurare con estrema precisione la concentrazione e il tempo di sopravvivenza degli ossidi azoto, basandosi unicamente sulle correnti d’aria e le rilevazioni eseguite dai satelliti. Il metodo, descritto sulle pagine di Science, potrebbe rivelarsi estremamente utile per valutare i livelli di sostanze inquinanti prodotti nelle città dei paesi in via di sviluppo, dove le rilevazioni ambientali sono effettuate con meno frequenza.

Detail-città spazio

Gli ossidi di azoto (sia il mono che il di) sono dei sottoprodotti dei processi di combustione e giocano un ruolo chiave in molti processi di inquinamento della troposfera (i primi 15 chilometri di strato atmosferico). Oltre a essere tossiche, infatti, queste sostanze chimiche contribuiscono alla formazione di piogge acide, agiscono da precursori di aerosol inquinanti e catalizzano la formazione di ozono. Informazioni dettagliate sulle loro emissioni nelle megalopoli (città con oltre 10 milioni di abitanti) sono considerate essenziali per la costruzione di modelli sull’inquinamento sia a scala locale che globale.

Finora, uno dei problemi principali è stato come stimare la persistenza degli ossidi nell’atmosfera. Se da un lato, infatti, alcune strumentazioni satellitari sono in grado di stimare le emissioni di queste molecole nell’aria, dall’altro il calcolo della loro vita si è sempre basato unicamente su modelli teorici (nel giro di poche ore, infatti, il diossido di azoto interagisce con gruppi di idrossido che ne riducono la tossicità). Adesso, invece, grazie alla tecnica sviluppata da Steffen Beirle, è possibile stimare con precisione la quantità e la sopravvivenza degli ossidi di azoto, analizzando gli spostamenti dei composti in base alle condizioni ventose e alla distanza percorsa prima di reagire con i gruppi idrossilici.

Per testare il metodo, il team tedesco si è focalizzato inizialmente sulla capitale dell’Arabia Saudita, Riyadh, per via delle sue “caratteristiche favorevoli allo studio”. La città, infatti, conta oltre 5 milioni di abitanti e ha emissioni di ossidi di azoto molto elevate; non è soggetta a venti costanti, raramente è coperta da nuvole e soprattutto è estremamente isolata (nell’arco di 200 chilometri non sono presenti altri centri densamente abitati). Così, analizzando i dati satellitari, gli studiosi sono riusciti a calcolare un tempo di sopravvivenza degli ossidi pari a quattro ore.

Poi hanno allargato la loro analisi ad altre metropoli, scoprendo diversi tempi di sopravvivenza.

“Questo metodo rappresenta un passo in avanti rispetto ai modelli attuali poiché consente di avere delle informazioni più precise per ogni luogo preso in esame”, ha spiegato Steffen Beirle su Science. “ I modelli precedenti, invece, sovrastimavano o sottostimavano la persistenza di queste specie tossiche”. Come hanno sottolineato i ricercatori, la tecnica può essere applicata a diverse fonti di emissione di ossidi di azoto e potrebbe essere allargata anche ad altre sostanze inquinanti, qualora si trovasse il modo di farle rilevare dai satelliti.

L’ultimo numero di Science non affronta il problema azoto solo dall’alto, ma anche dal basso, ossia dal punto di vista degli oceani. Un gruppo di ricercatori coreani, infatti, è riuscito a dimostrare per la prima volta gli effetti negativi che l’eccesso di azoto ha sulla chimica delle acque. “ Per anni gli scienziati hanno sospettato che il deposito di azoto reattivo sulla superficie degli oceani provocasse cambiamenti nella loro composizione chimica. Ora abbiamo mostrato che l’eccesso di azoto è in grado di alterare il normale equilibrio tra azoto e fosforo”, ha detto Tae-Wook Kim, ricercatore della University of Science and Technology di Pohang. Kim, in particolare, ha confrontato le misurazioni di nitrato e fosfato effettuate nei mari che circondano la Corea e il Giappone tra gli anni Ottanta e il decennio 2000-2010. Ha così scoperto che l’accumulo di azoto atmosferico ha rotto l’equilibrio con l’azoto disciolto, alterando il rapporto azoto-fosforo nel Pacifico. “ Se la tendenza dovesse continuare – sostengono gli autori – la vita marina dell’area potrebbe subire gli effetti della mancanza di fosforo”.

Riferimenti: Science DOI: 10.1126/science.1207824
Via: wired.it
Credits immagine: NASA

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 28/10/2011 @ 14:00:39, in ro - Stiinta si Societate, read 1184 times)

Un dispozitiv de testare a sângelui, ieftin si portabil, ar putea reprezenta un progres în diagnosticarea infectiilor locuitorilor zonelor îndepărtate ale lumii, sugerează un studiu stiintific.

„Cardul” care depistează infecţiile

De mărimea unui card de credit, mChip poate diagnostica infectiile în câteva minute. Prototipul a fost testat pentru infectii cu HIV si sifilis în Rwanda si s-a dovedit remarcabil de precis.

Costul unui dispozitiv de testare este de un dolar, mult mai mic decât pretul plătit pentru realizarea testelor actuale de laborator.

Chip-ul este realizat dintr-un material plastic si contine zece zone de detectie. Un dispozitiv poate testa, pentru mai multe tipuri de infectii, sângele obtinut printr-o singură întepătură în deget. Rezultatele pot fi observate atât cu ochiul liber, cât si cu un detector ieftin.

Sute de dispozitive de acest tip au fost transportate în Kigali, Rwanda; acestea au avut o precizie de 95% în cazul detectării virusului HIV si de 76% în cazul detectării sifilisului.

Cercetătorii de la Universitatea Columbia, SUA, autorii proiectului, speră să utilizeze mChip în vederea detectării bolilor cu transmitere sexuală (BTS) pentru femeile însărcinate, în special pentru cele din Africa.

O versiune a acestui dispozitiv a fost, de asemenea, proiectată pentru a descoperi cancerul de prostată.

Sursa: BBC

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

New research by Joel E. Cohen and colleagues in Norway found that, at least among a population of Norwegian women, childbearing impeded education more than education impeded childbearing. The surprising findings are reported online this week in the Proceedings of the National Academy of Sciences.

 

"These results suggest that women with advanced degrees have lower completed fertility on the average principally because women who have one or more children early are more likely to leave or not enter long educational tracks and never attain a high educational level," says Cohen, who is the Abby Rockefeller Mauzé Professor and head of the Laboratory of Populations at Rockefeller University and at Columbia University's Earth Institute.

Cohen and his co-authors, Øystein Kravdal and Nico Keilman from the University of Oslo, followed all the women born in Norway in 1964 through the end of their childbearing, using year-by-year data on education, enrollment and reproduction.

"We did this study in Norway because that's where we could get such beautiful data, not because that's where there's a big problem," Cohen says.

The researchers expected to find that women around 40 years old with more education bear fewer children mainly because education reduces childbearing. However, they found the opposite: women who have children early seem not to go on to higher education, much more than higher education reduces childbearing. "That's the main contribution of our paper," co-author Kravdal says. "We quantified the relative important of fertility for education and vice versa."

Cohen and his colleagues offer several possible policy implications based on their findings. For example, should women be discouraged from bearing children at an early age? The authors suggest that policy makers could recognize that early childbearing may be a result of decisions made by well-informed individuals. On the other hand, if society places a large value on education that is inadequately taken into account through individuals' decision making, policies could be adopted that discourage people from having children at an early age.

In addition, if women underestimate how much childbearing interferes with further education — along with potentially adverse consequences for their long-term quality of life — then a case could be made that it would be a good idea to create more awareness about the educational consequences of early childbearing.

Finally, a policy could be implemented that offset the effect of childbearing on education by, for example, lowering the cost of child care for students who are mothers. Such a policy, the authors say, could in principle make more women interested in having a child early; however, it would increase the educational levels for those who would have a child (whether wanted or not) while they are still young, with potentially beneficial effects also on others' well-being. "We discussed the policy implications at length, but with hesitation because more and better analyses need to be done, especially in developing countries," says Cohen.

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Detail-ammasso galassie

Le prove che la gravità dei corpi distorca lo spazio e il tempo non mancano, ma, finora, le misurazioni astronomiche erano state compiute solo nelle "vicinanze". Ora, uno studio pubblicato su Nature da un gruppo di ricerca del Dark Cosmology Centre del Niels Bohr Institute, in Danimarca, sta facendo tirare un sospiro di sollievo a tutti gli astrofisici che hanno basato i loro modelli cosmologici sulla teoria di Einstein.
Non si tratta di quella della Relatività ristretta (o speciale) messa in discussione in questi giorni da quella che potrebbe essere la scoperta del secolo (vedi Galileo, "
Neutrini più veloci della luce, ecco le perplessità"), ma di quella pubblicata circa 10 anni più tardi. Qui i neutrini non c’entrano. C’entra, piuttosto, un effetto su cui si basa quasi tutto ciò che sappiamo oggi sull’Universo: il cosiddetto spostamento verso il rosso (redshift), cioè quel fenomeno per cui la lunghezza d’onda della radiazione luminosa emessa da stelle e galassie tende ad aumentare (spostandosi verso il colore rosso dello spettro elettromagnetico) man mano che si avvicina alla Terra. Una delle cause del redshift - che è tanto più marcato quanto più lontana è la sorgente luminosa - è l’espansione dell’Universo. Un’altra, secondo la teoria della Relatività generale, è il campo gravitazionale generato dalle galassie attraverso il quale si muove la luce.

E qui arriviamo al nocciolo della questione. Sino ad oggi, il redshift gravitazionale era stato verificato con misurazioni condotte all’interno del Sistema Solare, ma mai nessuno lo aveva testato nello Spazio più profondo. Ora, grazie a una tecnologia sempre più raffinata, i ricercatori danesi sono riusciti a misurare lo spettro della radiazione luminosa emessa da galassie lontane mille volte i corpi celesti presenti nel nostro sistema. E le osservazioni hanno confermato la teoria. “È meraviglioso, viviamo in un’epoca in cui i progressi della tecnologia ci permettono di misurare fenomeni come il redshift gravitazionale cosmologico”, ha commentato Radek Wojtak, a capo dello studio.

Wojtak ha osservato lo spettro della radiazione luminosa emessa da circa 8mila ammassi di galassie, ovvero insiemi di centinaia di galassie tenute incollate dalla loro stessa gravità. Le loro misurazioni sono state effettuate sia su quelle posizionate al centro dei gruppi, sia su quelle periferiche. Secondo la teoria della Relatività generale, infatti, la luce perde energia quando attraversa un campo gravitazionale: più forte è il campo e più energia viene consumata. Di conseguenza, ci si aspetta che la luce proveniente dal centro degli ammassi (dove il campo gravitazione è molto intenso) perda più energia di quella emessa dai bordi. Questo è esattamente ciò che Wojtak e colleghi hanno verificato, "pesando2 la massa delle galassie e calcolando l’energia potenziale gravitazionale.

La scoperta è importante anche sotto un altro aspetto: è in perfetto accordo con i modelli cosmologici che prevedono l’esistenza della materia oscura, quella parte dell’Universo che i ricercatori non riescono a osservare perché non emette né riflette la luce. Non solo. Le nuove misurazioni segnano anche un punto a favore dell’energia oscura, che le speculazioni teoriche indicano come la responsabile dell’accelerazione dell’espansione dell’Universo. Secondo i calcoli derivati dalla Relatività generale, questa costituirebbe circa il 72% di tutto ciò che si trova là fuori.

Riferimento: Nature doi:10.1038/nature10445
Via Wired.it
Credit per l'immagine: Nasa

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 27/10/2011 @ 14:00:52, in it - Osservatorio Globale, read 1679 times)

Appena videro affiorare i resti dell’imponente edificio romano a pianta rettangolare, rinvenuti tra Ostia e Fiumicino, pensarono si trattasse di un magazzino per lo stoccaggio delle merci, dall’architettura molto simile a quella dei Mercati Traianei. Procedendo negli scavi, però, gli archeologi dell’Università di Southampton dovettero ricredersi: quei pilastri larghi tre metri piantati nel II secolo d.C a metà strada tra i porti di Traiano e di Claudio, sul litorale romano, erano probabilmente la struttura portante di un gigantesco cantiere navale. Forse il più grande di tutta la Roma Imperiale, niente a che vedere con gli altri due finora noti, quello fluviale di Testaccio e l’altro marittimo di Ostia. 

Detail-shipyard-model

Bisogna immaginarselo come un casermone in pietra, con otto vani paralleli, dai soffitti a volta ricoperti in legno (oggi li chiameremmo box), che ospitavano le navi per la costruzione, riparazione e rimessa invernale.

Con i suoi 145 metri di lunghezza, 60 di profondità e 15 di altezza, quello che è stato chiamato l’“arsenale di Traiano” - di cui per ora è stata portata alla luce solo la prima delle otto navate - ha tutti i requisiti per venire considerato il principale cantiere navale dell’Urbe, l’unico in grado di soddisfare le sue ambizioni egemoniche sul mare. A questo scopo venne costruito durante il regno di Traiano (98-117 d.C) e solamente dopo, nel V secolo, trasformato in magazzino per la conservazione del grano.

A convincere i ricercatori di Southampton, che hanno condotto gli scavi in collaborazione con la British School at Rome e la Soprintendenza archeologica di Roma, hanno contribuito una serie di eloquenti indizi. Innanzitutto la posizione: gli otto “box” avevano un doppio affaccio, da una parte sull’antico porto di Claudio e dall’altra sul bacino esagonale di Traiano. Poi ci sono le incisioni rinvenute che parlano di un “collegium” dei “fabri navales portuensis”, una sorta di associazione di lavoratori del cantiere. La ricostruzione al computer che i ricercatori hanno realizzato con i dati a disposizione ricorda molto, infine, il soggetto rappresentato nel mosaico della Villa di Livia sulla via Labicana, con una nave in ognuna delle otto gigantesche nicchie. La nuova scoperta spiegherebbe anche la natura di un palazzo rinvenuto dalla stessa squadra di archeologi nel 2009, poco lontano dall’officina navale: si tratterebbe della sede di un comando operativo, guidato da un ufficiale dell’Impero con il compito di controllare e coordinare le attività del cantiere.

Manca però la “prova del nove”: “Dobbiamo ammettere che non c’è traccia delle rampe su cui le navi appena costruite avrebbero dovuto scivolare per entrare in acqua. Ma potrebbero essere finite nel fondo del mare in seguito ai lavori di costruzione degli argini del 1900. Trovandole, potremmo confermare la nostra ipotesi, anche se potrebbero non esistere più” spiega Simon Keay che guida la campagna archeologica (Portus Project). Si scaverà ancora, a partire dal prossimo mese, in cerca di ulteriori conferme.

Riferimenti: Portus Project; Università di Southampton - via Galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 27/10/2011 @ 11:00:00, in ro - Stiinta si Societate, read 1002 times)

Consumul de vin sau struguri ar putea să ne protejeze de efectele negative ale razelor solare, sustine un nou studiu, care a descoperit în fructe o substantă ce poate limita deteriorarea celulelor.

Strugurii şi vinul ne salvează pielea – la propriu

Razele ultraviolete emise de Soare sunt principala cauză externă care duce la afectiuni ale pielii, îmbătrânire prematură, arsuri solare sau chiar cancer cutanat.

Oamenii de stiintă spanioli de la Universitatea din Barcelona si Consiliul National Spaniol de Cercetare au descoperit în struguri anumite substante care protejează celulele pielii. Deja companiile cosmetice si-au arătat interesul fată de aceste substante, în ideea de a dezvolta noi creme si pastile care să imite procesul creat de ele.

Cercetători au analizat reactia chimică ce se produce la nivelul pielii atunci când aceasta intră în contact cu razele UV provenite de la Soare. Ei au descoperit că flavonoizii din struguri pot bloca reactia chimică ce cauzează distrugerea celulelor si provoacă, ulterior, afectiuni ale pielii.

Studiul a fost efectuat în conditii de laborator, iar rezultatele au fost publicate în Jurnalul de Agricultură si Chimie Alimentară.

Sursa: The Telegraph

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2296 persone collegate

< luglio 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo


TurismoAssociati.it uses cookies to ensure you get the best experience on the internet (European Union User Consent Policy)

More info



Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.



Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.



Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.







16/07/2018 @ 14:33:02
script eseguito in 946 ms