Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

By adjusting these fields, the transmission of nerve impulses becomes possible and the operation of modern data storage is fulfilled by saving electrical charges (so-called Flash Memories). What researchers have not been able to do is get an ultra-precise reading of electrical fields by using physical measurement techniques. Until now, that is. With the help of one single defect centre in diamond, scientists at the University of Stuttgart in Germany successfully measured electrical fields. Presented in the journal Nature Physics, the study was funded in part by the EU.

Diamond center defect helps scientists measure electrical fields

Electrical charges use varied ways to control almost 100 % of all physical, chemical or biological processes. A case in point is deoxyribonucleic acid (DNA) and the exact distribution of electrons on it. This distribution is critical for the precise transmission of genetic information, and modern electric circuits trigger electric currents up to single electrons.

Experts say that measuring minor electronic fields linked to the charge is no easy task. Enter the Stuttgart team that devised a new sensor consisting of just one single atom. This nitrogen atom is an impurity captured in diamond, they say.

The team points out that the diamond lattice 'fixes' the atom and enables a laser to address the nuclear vacancy center. "The interaction of the atom with the measured field can be determined by the light emitted by the impurity and, therefore, electrical fields can be measured which are just a fracture of theelectrical field of an elementary charge in 0.1 um distance," the scientists explain.

Because the sensor is about the size of an atom, scientists can measure electrical fields with the same spatial precision. The sensor-generated optical readout enables it to be placed in any geometry. The process also attains its sensitivity and resolution at room temperature and ambient conditions.

While researchers have succeeded in demonstrating the existence of small magnetic fields, this latest finding of combining both measurement techniques permits the measurement of electrical and magnetic fields in a single place without changing the sensor, the team points out.
Thanks to this latest development, novel applications can and will emerge. Measuring the magnetic moments' distribution of the chemical compounds' nuclei at the same time is an example, they say, adding that the structure of a substance and its chemical reactivity can be measured simultaneously.

"The ability to sensitively detect individual charges under ambient conditions would benefit a wide range of applications across disciplines," the authors write. "However, most current techniques are limited to low-temperature methods such as single-electron transistors, single-electron electrostatic force microscopy and scanning tunnelling microscopy. Here we introduce a quantum-metrology technique demonstrating precision three-dimensional electric-field measurement using a single nitrogen-vacancy defect centre spin in diamond."

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

 Actul de justitie a constituit unul dintre fundamentele  societatii umane si fara indoiala ca omenirea a ajuns la nivelul de civilizatie atins astazi si gratie implementarii, de-a lungul epocilor istorice, a unor norme morale si juridice capabile sa tina in frau violenta, infractionalitatea sau anarhia. Au existat numeroase procese rasunatoare, de la cel al lui Iisus pana la procesul templierilor, dar putini stiu ca, pe langa aceste acte de justitie in care acuzatii erau persoane in viata s-au desfasurat unele bizare judecati. Ne referim la procesele unde invinuitilor li s-au adus cele mai grele acuze, chiar daca nu se mai puteau apara, din simplul si irevocabilul motiv ca erau morti...

Papa Formosus

Primul caz de judecata post-mortem s-a derulat in 897. Atunci, noul Papa, Stefan VI, l-a acuzat pe predecesorul sau, Formosus, de blasfemie si profanare a simbolurilor crestine, amenintandu-l cu judecata. Faptul ca acesta era mort de aproape un an nu l-a interesat pe vajnicul aparator al catolicismului. Stefan a poruncit ca trupul lui Formosus sa fie deshumat, curatat de viermi si imbracat in vesmintele papale. Apoi, l-a asezat pe un scaun, in sala de judecata, si cel mai bizar proces din istorie a inceput. Procuror a fost chiar el, aruncand o ploaie de acuzatii si invective deloc crestinesti asupra bietului cadavru. La spectacol, ramas in memoria posteritatii drept „sinodul cadavrului”, au fost obligati sa asiste toti cardinalii catolici, care l-au condamnat, la unison, pe Formosus, ca fiind eretic. Gestul lui Stefan i-a maniat si indignat insa in asemenea masura pe cetatenii Romei incat acestia au pus la cale un complot si l-au asasinat. Peste un an, noul Papa a acceptat ca Formosus, aruncat intr-o groapa de gunoi in urma procesului, sa fie reinhumat, cu toate onorurile cuvenite.

Thomas Becket

Peste cateva secole va veni randul marelui ganditor englez, precursor al umanismului si fara indoiala una dintre cele mai stralucite minti ale perioadei medievale, Thomas Becket, sa fie judecat dupa moarte. Becket s-a opus vehement reformelor initiate de regele Henric II, ce vizau intarirea prerogativelor monarhice in detrimentul puterii Bisericii, ca si slabirea legaturii dintre biserica insulara si Papalitate – initiativa care va duce, peste veacuri, la despartirea totala a Bisericii Anglicane de Roma. Enervat de predicile lui Becket si deranjat de influenta pe care acesta, ca arhiepiscop de Canterbury, o avea asupra opiniei publice din regat, Henric si-a manifestat dorinta de a-l vedea mort. Nu le-a trebuit mai mult cavalerilor sai spre a duce acest ordin voalat la indeplinire. Trei aristocrati englezi l-au ucis pe Becket chiar in catedrala, in timp ce oficia slujba, o crima care a zguduit intreaga Europa si ameninta sa dea nastere la tulburari. Pentru a calma spiritele, Henric II si-a manifestat public cainta pentru faptul ca vorbele sale necugetate fusese luate ad literam de supusii sai si a declarat ca regreta sincer disparitia lui Becket, desi este evident ca se bucura enorm ca scapase de un inamic atat de inversunat.

El a facut chiar demersurile necesare pentru ca fostul arhiepiscop sa fie sanctificat. Dar dupa trei secole, Henric VIII, care provocase schisma totala fata de Vatican si faurise Biserica Anglicana, enervat de faptul ca Papa refuzase sa-i dea consimtamantul spre a divorta de sotia legitima spre a se casatori cu amanta, a hotarat sa se rafuiasca pe toate caile cu catolicismul. A inchis manastirile, i-a arestat, schingiuit sau ucis pe calugari si, nu in ultimul rand, a considerat de cuviinta sa-i dea lui Thomas Becket o lectie post-mortem. Ca atare, osemintele acestuia au fost scoase din sicriu, aduse in sala de judecata si puse pe un scaun, de unde au ascultat, cuminti, pledoariile acuzarii. Dupa ce, bineinteles, juratii l-au gasit vinovat de sperjur si tradare, osemintele lui Becket au fost arse in piata publica si mormantul lui de pana atunci profanat. Totusi, in ciuda acestui tratament, astazi Sfantul Thomas Becket este venerat de Biserica Anglicana.

Ioana d’Arc

La un sfert de veac dupa ce Ioana d’Arc a fost arsa pe rug din porunca regelui Angliei si cu incuviintarea tacita a nevrednicului suveran francez Carol VI, cazul „fecioarei din Orleans” a fost redeschis de catre Papa Calixt III (la cererea mamei Ioanei, Isabelle Romee si a lui Jean Brehal, conducatorul oficiului Sfintei Inchizitii – ca sa vedeti ca Inchizitia facea si fapte bune). S-a descoperit astfel ca procesul fusese de fapt o imensa inscenare, plina de marturii false, erori judiciare si decizii contradictorii. Prin urmare, Ioana a fost declarata exonerata de acuzatiile aduse si in iunie 1456 a devenit, prin decizia Papei, „martir”, in vreme ce infamul Pierre Cauchon, cel care o judecase, a fost considerat eretic „pentru ca a ucis o crestina urmarind sa duca la capat o razbunare non-religioasa”. O jumatate de mileniu mai tarziu, Ioana a fost sanctificata de catre Papa Benedict XV.

John Wycliffe

A fost un redutabil teolog al secolului XIV, predecesor si inspirator al ideilor lui Martin Luther si al celorlalti lideri reformati ce vor trai in veacul urmator. Desi crescut in spiritul credintei catolice, el s-a opus cu vehementa puterii papale, sugerand ca aceasta n-ar trebui sa se amestece in treburile lumesti si nici sa aiba proprietati si putere temporala. Ca si Luther, mai tarziu, care a tradus Biblia in germana, Wycliffe a realizat o traducere deosebit de expresiva a Cartii Sfinte in limba engleza. Dar, in ciuda faptului ca invataturile sale au fost privite cu ingrijorare de catre mai marii Bisericii Catolice, teologul englez nu a fost excomunicat in timpul vietii. El a decedat in timp ce tinea o slujba liturgica, in decembrie 1384. Trei decenii mai tarziu, Conciliul de la Constance l-a declarat eretic si a decis ca lucrarile sale sa fie arse iar trupul exhumat. Acest lucru nu s-a intamplat insa decat dupa doisprezece ani, cand din porunca Papei Martin V, manios probabil ca nu putuse pune mana pe Luther, cadavrul lui Wycliffe a fost scos din mormant, ars iar cenusa aruncata in raul Swift.

Martin Bormann

A fost un lider nazist de prim rang, care s-a aflat in preajma lui Hitler pana in ultimele zile ale celui de-al doilea razboi mondial. In aceasta perioada haotica au existat multe zvonuri contradictorii referitoare la soarta lui. De pilda Jakob Glas, soferul lui Bormann, a declarat ca l-a vazut pe acesta la München, in vara anului 1945. In plus, cadavrul lui Bormann nu a fost gasit si s-a declansat astfel urmarirea internationala a temutei capetenii naziste. Fara vreo dovada certa care sa confirme sau sa infirme moartea lui Bormann, Tribunalul Militar International de la Nurnberg l-a condamnat in contumacie la moarte, in octombrie 1946. Dupa multe decenii s-a dovedit ca argumentele avocatului sau, care sustinuse pe toata desfasurarea procesului ca Bormann era deja mort, fusesera adevarate, probe ADN analizate cu cele mai moderne mijloace, in anii din urma, demonstrand fara echivoc ca acest „lacheu al lui Hitler” era intr-adevar mort la data procesului.

GABRIEL TUDOR - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Buongiorno a tutti, mentre vi parlo sono in vacanza e quindi questo Passaparola è stato registrato il primo agosto. Parliamo del processo lungo, che è stato approvato la settimana scorsa dal Senato e che adesso a settembre quando riaprirà il Parlamento, purtroppo riapre, dovrebbe essere approvato dalla maggioranza comprata, anche alla Camera e quindi diventare legge.

La Lega della sicurezza fa un favore ai criminali.

Salvo che il Capo dello Stato in un sussulto di dignità costituzionale non abbia il coraggio di respingere la prima legge ad personam del suo mandato presidenziale, visto che finora non ha respinto mai alcuna legge che servisse a Berlusconi, si tratta della 42° legge ad personam che serve a Berlusconi, naturalmente come quasi tutte le altre, serve anche a altri imputati, ovviamente serve ai colpevoli perché gli innocenti e le vittime dei reati non hanno alcun interesse a un processo lungo, hanno interesse invece a un processo rapido per uscirne il prima possibile e smettere di pagare la parcella all’avvocato il prima possibile.

Quindi è una norma fatta per gli imputati colpevoli, non a caso l’ha fatta Berlusconi! Questa norma è quasi umoristica, se toccasse a un altro paese ci sarebbe da ridere perché dopo mesi di geremiadi sul processo che è troppo lungo, sull’Europa che ci condanna per la lunghezza dei nostri processi, abbiamo una norma che allunga ulteriormente i tempi dei processi, è una norma in tre mosse:

1) la modifica all’Art. 190 del Codice di Procedura Penale sul diritto alla prova, cosa stabilisce? Che mentre oggi il giudice può escludere le prove e le testimonianze quindi superflue e irrilevanti, da domani se sarà approvata questa porcata, non potrà più respingere le testimonianze che gli porta la difesa, che siano manifestamente… non potrà respingere i testimoni, se sono pertinenti all’oggetto del processo e quindi potrà respingere soltanto quelli manifestamente non pertinenti, cosa vuole dire questo? Che se qualcuno c’entra in qualche modo con l’oggetto del processo, anche se non ha nulla da dire, il giudice non lo può respingere, quindi gli avvocati dovranno essere molto bravi e lo saranno, sicuramente a portare centinaia e migliaia di testimoni non manifestamente impertinenti, almeno apparentemente pertinenti in modo che il giudice se li debba ciucciare tutti, allungando ovviamente a dismisura il processo fino all’arrivo della prescrizione perché ovviamente la prescrizione continua a correre, mentre si sente gente inutile, ma non manifestamente impertinente.

2) questa porcata entra in vigore subito per i processi in primo grado, anche quelli in corso, te credo, la stanno facendo a posta per mandare in prescrizione i processi in corso a carico di Berlusconi e a carico di tutti gli altri, ovviamente;

3) cambia un’altra norma, l’Art. 238 bis che era una norma che aveva fatto inserire Giovanni Falcone, cosa stabiliva questo bis al 238? Che sentenze definitive si possono usare come prova in altri processi, diversi da quello in cui sono state pronunciate, per esempio se io faccio una rapina con un mio complice, faccio il rito abbreviato e mi processano prima, il mio complice fa il rito ordinario e lo processano dietro, il mio processo arriva in cassazione, mi condannano in cassazione per quella rapina e naturalmente nella sentenza c’è scritto che la rapina l’abbiamo fatta in due, perché? Perché in quel processo già vengono esaminate tutte le prove che dimostrano che la rapina l’abbiamo fatta io e il mio complice, il processo all’altro complice è molto semplice, perché nel momento in cui c’è la cassazione che dice che l’abbiamo fatta io e lui, anche per lui non ce ne è più, è inutile riesaminare tutte le prove, si prende quello che ha già stabilito la cassazione nel mio processo e la si applica anche al mio complice, il quale viene condannato rapidamente anche lui. Con la nuova norma è come se io non fossi mai stato condannato e quindi nel processo al mio complice, dovranno riesaminare tutto, sentire tutti i testimoni, riesaminare tutte le prove etc., che hanno già esaminato nel mio perché il mio processo è come se non fosse mai esistito, la sentenza di Cassazione nei miei confronti non può essere usata nei confronti del mio complice, perché lo fanno? Perché nel caso Mills, la Cassazione ha già stabilito che Mills è stato corrotto con soldi di Berlusconi nell’interesse di Berlusconi e quindi c’è il rischio che i giudici facciano in fretta a condannare Berlusconi alla luce di una sentenza della Cassazione che ha già dichiarato colpevole il corretto e che deve occuparsi semplicemente di sanzionare il corruttore e cioè Berlusconi.
Invece senza l’utilizzabilità di quella sentenza, ovviamente i tempi saranno più lunghi e poi la prescrizione del caso Mills arriva a gennaio, a meno che Berlusconi, cosa che non ha mai fatto e quindi non farà neanche questa volta rinunci alla prescrizione. Dicevo che questa porcheria oltre a mandare in fumo tutti i processi a Berlusconi, salvo forse quello per il caso Ruby ma nel senso che i fatti sono dell’anno scorso e quindi c’è più tempo per fare il processo, ma se gli avvocati sono bravi, riusciranno a far sentire qualche centinaio o migliaio di prostitute per sapere se andavano o non andavano a Villa Certosa naturalmente e quindi di prostitute ce ne sono parecchie da chiamare come testimoni a Milano e Brianza, quindi i processi a Berlusconi ce li scordiamo, ma ci scordiamo anche tutti gli altri processi, perché la norma vale per tutti, ovviamente, è una legge ad canaglias, più che ad personam, tra le canaglias naturalmente ce ne è una che l’ha promossa, ma poi ci sono tutte le altre che ne beneficiano, ci sono molti utilizzatori finali, tutti gli imputati colpevoli.
Questa porcheria avrà degli effetti naturalmente paradossali, ridicoli che sono stati illustrati in Parlamento sotto gli occhi del Presidente Schifani che se ne è bellamente infischiato e ha fatto passare il tutto, addirittura con la mozione di fiducia, che per una legge di iniziativa parlamentare e non governativa è quantomeno curiosa, ma serve comunque a strozzare il dibattito e a accelerare l’iter per approvare il processo lungo, hanno fatto un iter breve per approvare il processo lungo.
Se il giudice ha l’obbligo di emettere nei processi tutti i testimoni pertinenti alla causa che le difese chiedono di sentire, nel processo Parmalat si starebbe ancora - scrive Ferrarella su Il Corriere – a ascoltare i 35 mila azionisti che Tanzi, furbo, aveva chiesto al Tribunale di interrogare sul perché avessero deciso di investire i loro soldi nei bond, Parmalat, aveva detto “sentiamo i 35 mila azionisti” provate a fare un calcolo di quanti decenni ci vogliono per sentire 35 mila persone in un’aula di Tribunale.
Nel processo Eternit, dove ci sono 1500 morti di amianto a carico degli ex responsabili di questa multinazionale dell’amianto, gli avvocati avevano chiesto di sentire 9841 testimoni, naturalmente i giudici hanno sforbiciato perché erano testimoni inutili, la gran parte, con questa norma, dato che quei testimoni sono tutti pertinenti, in teoria, li dovrebbero sentire tutti, il processo è ancora in corso, quindi si fa ancora in tempo a bloccarlo quel processo per 1500 morti da amianto, ma ci saranno altri casi, l’asilo nido di ?Lignano Flaminio? dove ci sono quei sospetti casi di pedofilia da parti degli insegnanti, i difensori potrebbero citare l’intera scuola, l’intero corpo docente, tutti gli scolari, tutti i genitori degli scolari, tutti i parenti degli scolari, nel caso delle violenze che hanno portato alla morte il povero Cucchi, si potrebbero sentire tutti quelli che l’hanno visto in carcere, quindi tutti i detenuti nel carcere dove è stato portato, a Paleremo c’è un processo contro un deputato di forza del sud, un certo Mineo che è un sospetto prestanome dei boss, i legali potrebbero sentire tutto il quartiere dove operava, per sapere se era una brava persona o meno. L’Avvocato Li Gotti, parlamentare dell’Italia dei Valori ha fatto un altro esempio, tutte le perizie, in un processo, stabiliscono che un tale è stato ucciso con due colpi di pistola, la difesa potrebbe sostenere che sono pertinenti alla causa tutti i testimoni presenti nelle adiacenze del luogo del delitto, un condominio intero o magari se il tizio è stato ammazzato a pistolettate vicino a uno stadio durante una partita, sentire tutti i tifosi presenti nello stadio, per vedere se hanno sentito uno, due, tre colpi, nessuno, tutti questi testi sebbene siano superflui sono pertinenti, perché avrebbero potuto teoricamente sentire l’esplosione dei colpi di pistola.
Altro caso, un omicidio commesso in un’affollatissima discoteca, spiega un membro del Csm, l’Avvocato Calvi, la nuova norma imporrebbe alla Corte d’Assise di convocare, se richiesto dalla difesa, tutti i presenti in una discoteca, oggi invece si sentono ovviamente soltanto quelli più vicini o quelli più informati dei fatti o se ne sente qualcuno a campione. Calvi fa anche notare che sarà divertente vedere Totò Riina che interroga Spatuzza perché nella norma hanno scritto che l’imputato, tramite il difensore, ha facoltà davanti al Giudice di interrogare o fare interrogare le persone che rendono dichiarazioni a suo carico, quindi le può interrogare lo stesso imputato le persone che lo accusano, pensate Totò Riina che interroga il pentito o pensate un capo mafia che interroga il commerciante che ha denunciato il pizzo, lo guarda negli occhi, lo interroga lui! Secondo voi quante vittime del pizzo confermeranno di avere subito richieste estorsive se a interrogarle è colui che il pizzo lo imponeva? L’imputato? Gianrico Carofiglio, magistrato, parlamentare del PD ha spiegato con alcuni altri esempi quello che succederà, dato che è uno scrittore e che è molto in gamba, vi lascio con questo suo agghiacciante racconto dedicato gli elettori della Lega e del centro-destra che hanno votato per questo governo all’insegna dello slogan “più legalità, legge e ordine, tolleranza zero, città più sicure, lotta al crimine, linea dura, pacchetti sicurezza” se lo sono meritano questo governo questi poveretti o questi ingenui.

10, 100, 1000 testimoni.

“Signor Presidente – dice Carofiglio – visto che con apprezzabile coerenza la prima firmataria non ha ritenuto di rimuovere la sua firma dal testo in esame, ove mai il presente Disegno di Legge fosse approvato, verrà ricordato come legge Lussana – Lussana è una simpatica deputata leghista che non sa quello che fa evidentemente, ha ricevuto un ordine e vi ha obbedito – è bene rammentarlo perché quando questa legge produrrà i suoi effetti, potremo figurare lo scenario che verrà a definirsi in tutta l’Italia, quindi anche al nord, quindi anche nella Città di Bergamo dove credo provenga l’On. il Lussana.
Immaginiamo una banda di pericolosi rapinatori, magari provenienti dai paesi dell’est o dal nord – Africa, quelli che piacciono tanto alla Lega, per massacrarli, questa banda decide di dedicarsi alle rapine nelle ricche ville nelle immediate vicinanze di Bergamo, la banda non va troppo per il sottile, entrano, spaccano tutto, stuprano, picchiano, feriscono e diventa il terrore della Provincia di Bergamo, naturalmente scatta un’emergenza di Polizia, per cui la Procura, la Polizia di Stato, i Carabinieri si dedicano all’attività investigativa, riescono a ritrovare per esempio, succede, delle videoriprese, telecamere puntate qua e là per cui abbiamo le loro facce che sono molto ben visibili, in qualche caso abbiamo le impronte digitali, la Polizia arresta, 5, 6, 7 rapinatori. Nell’attuale situazione della nostra legislazione processuale questi signori consigliati da un difensore munito da un minimo di competenza, chiederebbero il giudizio abbreviato, perché sono incastrati, li hanno beccati con la loro faccia mentre stavano facendo la rapina o stavano scappando con il bottino. Di fronte a una situazione normativa mutata, con la nuova legge, prescindendo dalle questioni sull’ammissibilità del rito abbreviato, immaginiamo che non abbiano commesso omicidi, ma solo rapine, violenze e stupri, loro non lo chiederanno mai, sarebbero pazzi a farlo e lo sarebbero perché il processo svolgerebbe più o meno nel modo che vado a raccontarvi: la difesa naturalmente deve fare il suo lavoro e il suo lavoro è quello di tutelare i clienti, di cercare di ottenere la loro liberazione e di farli assolvere, anche se magari l’avvocato sa benissimo che sono colpevoli, le riprese… ottenere la liberazione non sarà difficilissimo in relazione alla scadenza dei termini di custodia e vi spiego perché: come vi ho detto all’inizio abbiamo delle videoriprese e delle impronte digitali, questo renderebbe superflua per esempio l’audizione di un gran numero di testimoni, immaginiamo che per 10 o 5 rapine ci siano 100 testimoni potenziali, nessuno dei quali di fronte a un quadro probatorio come quello che ho indicato, videoregistrazioni e impronte digitali, sarebbe necessario, la loro audizione sarebbe perlomeno in quel numero manifestamente superflua, ma non priva di pertinenza. Secondo la legge che volete approvare, tutti questi testimoni, essendo pertinenti, ancorché manifestamente superflui, dovranno essere ammessi dal giudice e se il giudice non dovesse ammetterli, produrrebbe un provvedimento nullo, il quale farebbe cadere l’intero processo. Quindi gli avvocati di questi rapinatori, efferati stupratori violenti, chiederanno 100 testimoni a difesa sulle più varie circostanze, perché come ho cercato di ricordare, oltre le circostanze che hanno a che fare con il fatto – reato, le rapine, le violenze, gli stupri, costituiscono oggetto di prova e quindi oggetto di questa nuova disciplina e di un dovere di ammissione del giudice, a pena di nullità del processo, tutte queste altre belle cose: la natura, la specie, i mezzi, l’oggetto, il tempo e il luogo oltre ogni altra modalità dell’azione. Se avevano delle pistole o dei mitra la difesa potrà chiedere accurate perizie anche se la cosa non è interessante, per verificare specificamente, si tratta di cosa superflua ma non priva di pertinenza, il loro livello di funzionalità, potrà chiedere ogni tipo di accertamento o di testimonianza per esempio sulle condizione di vita individuale, familiare e sociale dei rapinatori, potrà convocare 100 testimoni per dire che a casa questi signori sono dei bravi ragazzi, amano i cani e trattano bene i bambini, il processo dunque con l’ammissione di 200 testimoni comincia in Tribunale in cui non si possono pagare gli straordinari al personale, per cui le udienze, tutte le udienze finiscono alle 14, dunque il processo comincia e sapete come? Con l’audizione dei testimoni dell’accusa, magari le vittime, i soggetti che li hanno rapinati, violentati e stuprati potranno direttamente interrogare, guardando negli occhi le persone a cui qualche tempo prima hanno fatto qualcosa, allo stesso modo guardandole negli occhi.
Dopo questo interessante passaggio di esame diretto di cittadini, forse elettori leghisti della Provincia di Bergamo da parte di assassini e stupratori, i loro assassini e stupratori, seguirà tutta questa interessantissima fase di istruttorie dibattimentale in cui il Tribunale non avrà alcun potere di intervento o di revoca su prove manifestamente superflue, ma pertinenti in astratto e che in quanto tali, a seguito di questa legge, dovranno comunque obbligatoriamente essere ammesse, tutte!
Il processo si trascinerà per un tempo assolutamente incontrollabile per il Tribunale che ad un certo punto si troverà a verificare la scadenza dei termini di custodia cautelare, certo durante il processo di primo grado, non è che uno può essere tenuto in carcere per 5 anni, ci sono delle scadenze oltre le quali uno anche se è sotto processo per gravi reati come questi, se non è arrivata la sentenza di primo grado, dopodiché si applica la custodia cautelare per l’appello, viene liberato in attesa che cominci l’appello e chi lo ritrova più in attesa che ricominci l’appello? Il processo si trascinerà per un tempo incontrollabile per il Tribunale che a un certo punto si troverà a verificare la prossima scadenza dei termini di custodia cautelare per poi verificare invece che gli stessi sono scaduti, mentre l’istruttore dibattimentale, cioè il processo, il dibattimento è anche in corso per sentire importanti testi che non servono a nulla, ma se non si possono più non sentire, altrimenti è nullo il processo.

Il giudice quindi grazie alla legge Lussana non potrà fare altro che scarcerare questi assassini, rapinatori o stupratori, i quali usciranno dal carcere e faranno marameo ai cittadini, alla giustizia e alla decenza di questo paese, grazie Lega Nord, grazie Lussana, grazie Pdl, grazie responsabili o come diavolo si chiamano gli amici di Scilipoti, passate parola!

Fonte: beppegrillo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 10/08/2011 @ 14:00:47, in ro - Observator Global, read 1669 times)

 Daca temperatura va urca cu inca 2-3 grade Celsius, Pamantul va arata complet diferit. Aerul va fi dezgustator, irespirabil. In numeroase puncte ale globului oceanele vor fi infestate cu mercur si cu microscopice particule de carbune. Pestii vor deveni necomestibili. Seceta si incendiile in paduri se vor intensifica si vor deveni un fenomen banal in regiunile mediteraneene, in vestul Americii, in Australia si in cea mai mare parte a Africii. In unele regiuni ale globului ploile torentiale vor deveni tot mai dese iar solul nu va reusi sa le absoarba. Vor aparea inundatii record.

Alimentate de caldura latenta a vaporizarii, furtunile, tornadele, uraganele vor fi din ce in ce mai puternice. Tarile mai putin afectate vor refuza sa primeasca milioanele de refugiati. Renasterea economica a Chinei se va stinge odata cu marile inundatii in cele mai bogate provincii (Jiangsu unde se afla Shanghai sau Guangdong unde se afla Hong Kong). Haosul economic, politic si social se va instala in Europa. Belgia si Tarile de Jos vor fi confruntate cu ridicarea nivelului apelor marine. SUA va plati cu varf si indesat pacatul emiterii gazelor cu efect de sera. Infrastructura din Florida va fi coplesita de ape. Washingtonul nu va scapa de inundatii, Casa Alba urmand sa fie mutata in California. Apa potabila va fi tot mai rara odata cu disparitia ghetarilor.

Aceasta viziune de cosmar ar putea deveni realitate. Alternativa? Un viitor in care sa se reduca drastic consumul necontrolat de combustibili fosili. Carbunele trebuie sa fie eliminat, exceptie facand centralele termice curate care capteaza si stocheaza dioxidul de carbon, mercurul si toate celelalte produse contaminante.

Se impun noi tehnologii in domeniul energetic si al folosirii energiilor alternative. Un viitor posibil dar nu sigur. Cei care pot face toate astea sunt regii industriilor care nu vor renunta la profiturile lor in sistemul actual al fabricatiei. Pe de alta parte, acestia au o influenta puternica in guverne care le vor face jocul. Ce pot face cetatenii? Sa ia atitudine cerand guvernelor referendumuri prin care sa decida asupra problemelor acut ecologice (ex.: desfiintarea centralelor cu carbune, promovarea energiilor alternative etc.). Concluzia e clara: omenirea nu trebuie sa lase interesele financiare sa decida asupra viitorului. A vietii descendentilor nostri.

DORIN MARAN - Revista Magazin

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 10/08/2011 @ 11:00:16, in it - Osservatorio Globale, read 1069 times)

Calano drasticamente le emissioni di anidride carbonica nei cieli italiani: oltre il nove per cento in meno nel biennio 2008-2009, secondo l’Annuario dei dati ambientali 2010 presentato dall’Ispra (Istituto per la Protezione Ambientale) lo scorso 25 maggio a Roma. Tuttavia c’è poco da rallegrarsi, avvertono i ricercatori:  la Co2 è diminuita più per colpa della crisi economica che per effetto di comportamenti virtuosi.

Detail-factory emissions1

Le concentrazioni in atmosfera dei gas che accentuano l’effetto serra (la naturale capacità del nostro pianeta di trattenere nell’atmosfera parte del calore proveniente dal sole), e conseguentemente fanno aumentare la temperatura terrestre, sono andate inesorabilmente crescendo a partire dal secondo dopoguerra, parallelamente all’aumento delle attività antropiche. Ma da qualche anno, mentre nei paesi emergenti le emissioni crescono esponenzialmente, nel mondo più industrializzato la tendenza si è invertita.  Nel biennio 2008-09 l'Italia con il suo 9,3 per cento in meno è il paese europeo in cui questa riduzione è stata maggiore, tuttavia, ci sono altre nazioni in tutto il mondo in cui il calo è stato altrettanto se non più accentuato. Primo tra tutti il Giappone, dove nello stesso periodo di riferimento la diminuzione delle emissioni è pari all'11,8%. A questo seguono regno Unito (-8,6%) e Germania (-7%) e Stati Uniti (-6,8%). Al contrario nei paesi emergenti - Cina, India e Corea del Sud - le emissioni di CO2 continuano ad aumentare.

In particolare, i dati relativi al nostro paese per quanto riguarda l’anidride carbonica, principale gas serra, mostrano che l’inversione di tendenza ha iniziato a verificarsi a partire dal 2005 (anno in cui si è osservata una riduzione annua di emissioni pari a 1,8%). Tra il 2005 e il 2008, poi, la riduzione è stata del 5%, ma il calo più importante si è registrato nel biennio 2008-2009. “In particolare, tra il 2007 e il 2008 - dice Domenico Gaudioso, responsabile del servizio Atmosfera e clima dell'Ispra -  una riduzione delle emissioni è stata riscontrata un po' in tutti i settori, ma è stata più significativa per le industrie energetiche, che invece avevano avuto un trend di crescita nel periodo precedente, per quelle manifatturiere e, per la prima volta, anche per i trasporti”.

Secondo gli esperti l’effetto sarebbe dovuto proprio alla recessione, che negli ultimi anni ha portato a una riduzione delle attività industriali. “Per valutare le emissioni – spiega Gaudioso – si utilizzano degli indicatori: uno dei più significativi in questo caso è proprio quello del consumo di energia elettrica”. Cambiamenti nel valore di questo indicatore possono dipendere da modifiche nelle tecnologie o nelle tipologie di combustibili usati, ma anche dalla riduzione delle attività. “Il fatto che nel negli ultimi anni abbiamo avuto una decrescita sistematica dell'economia (e quindi dell'attività, ndr.) in tutti i settori -  energia, riscaldamento, trasporti, eccetera - ci fa capire che alla base delle ridotte emissioni di gas serra non vi è una causa specifica, ma una causa generica, che li interessa tutti”.

Fonte: galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

In a presentation during the 3rd Annual La Jolla Research & Innovation Summit this week, Norman said that the amount of digital data generated just by instruments such as DNA sequencers, cameras, telescopes, and MRIs is now doubling every 18 months.

“Digital data is advancing at least as fast, and probably faster, than Moore’s Law,” said Norman, referring to the computing hardware belief that the number of transistors which can be placed inexpensively on an integrated circuit doubles approximately every 18 months. “But I/O (input/output) transfer rates are not keeping pace – that is what SDSC’s supercomputers are designed to solve.”

Norman

SDSC, a key resource for UCSD researchers as well as the UC system and nationally, will later this year deploy a new data-intensive supercomputer system named Gordon, which will be the first high-performance supercomputer to use large amounts of flash-based SSD (solid state drive) memory. Flash memory is more common in smaller devices such as mobile phones and laptop computers, but unique for supercomputers, which generally use slower spinning disk technology.

The result of a five-year, $20 million grant from the National Science Foundation, Gordon will have 250 trillion bytes of flash memory and 64 I/O nodes, and be capable of handling massive data bases while providing up to 100 times faster speeds when compared to hard drive disk systems for some queries.

“We are re-engineering the entire data infrastructure in SDSC to support the capabilities offered by Gordon,” Norman said.

This makes Gordon ideal for data mining and data exploration, where researchers have to churn through tremendous amounts of data just to find a small amount of valuable information, not unlike a web search.

“Gordon is a supercomputer that will do for scientific data analysis what Google does for web search,” Norman told the summit, adding that SDSC likes to call the new system “the largest thumbdrive in the world.”

SDSC researchers are already doing preliminary tests on several potential applications using 16 I/O nodes of the Gordon system now in operation. Such data mining applications include ‘de novo,’ or ‘from the beginning’ genome assembly from sequencer reads, or classification of objects found in massive astronomical surveys.

“The future of personalized genomic medicine will require technologies like those prototyped in Gordon,” Norman said.

The new supercomputer also is expected to aid researchers in conducting interaction network analysis for new drug discovery. Other data-intensive computational science that will benefit from Gordon’s unique configuration include the solution of inverse problems – or converting observed measurements into information about a physical object or system – in oceanography, atmospheric science, and oil exploration, as well as using the system’s large shared memory system to research modestly scalable codes in quantum chemistry, structural engineering, and computer-aided design/computer-aided manufacturing (CAD/CAM) applications.

Earlier this year, SDSC deployed a new high-performance computer called Trestles, the result of a $2.8 million award from the NSF. Trestles is appropriately named because it will serve as a bridge between SDSC’s unique, data-intensive resources available to a wide community of users both now and into the future.

“These new systems were designed with one goal in mind, and that is to enable as much productive science as possible as we enter a data-intensive era of computing,” said Norman.

The annual La Jolla Research & Innovation Summit is organized by CONNECT, a San Diego-based group that links inventors and entrepreneurs with resources needed for commercialization by promoting collaborations between industry, venture capital sources, and research organizations including academic institutions such as UCSD.

Source: UC San Diego

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 09/08/2011 @ 14:00:34, in ro - Observator Global, read 1276 times)

 Un apel la prudenta, in ce priveste utilizarea extrem de raspanditelor telefoane mobile, a fost lansat recent de douazeci de oameni de stiinta, relansand astfel – pentru a cata oara? – dezbaterea asupra riscurilor legate de aceste aparate. Partea extrem de neplacuta a lucrurilor se refera la faptul ca impactul cu undele electromagnetice emise de celular ar putea avea efecte grave in special asupra copiilor, in primul rand din cauza structurii anatomice si functionale a organismului acestora si apoi, pentru ca un organism aflat in proces de dezvoltare poate fi perturbat de aparatura electronica.

In cursul acestui an, va ajunge la final cea mai vasta ancheta epidemiologica realizata vreodata in legatura cu riscul aparitiei tumorilor cerebrale in raport cu utilizarea mobilelor. Deocamdata, cercetatori reuniti in 16 echipe din 13 tari dezbat rezultate uneori contradictorii. Lucrarile releva in parte existenta unor riscuri, in timp ce altele convin ca totul este in regula. In acelasi timp, studiile comporta ocolisuri care – dupa caz – conduc la o supraestimare ori la o subestimare a riscurilor aparitiei tumorilor la nivelul creierului. De pilda, persoanele care utilizeaza mai frecvent mobilul accepta mai usor sa raspunda intrebarilor, ceea ce poate duce la supraestimarea riscurilor.

Ne putem intreba, de exemplu, si care este influenta maladiei atunci cand un pacient afectat de cancer in zona dreapta a creierului pretinde ca el folosea telefonul exclusiv pe partea dreapta. Inconstient, se poate stabili o legatura cauza-efect, fara corespondent in realitate. In ce priveste riscul crescut pentru copii, singura concluzie rezonabila, deocamdata, se concentreaza in comentariul unuia dintre cercetatori: „In general, sunt de acord cu restrangerea utilizarii in randul celor tineri, fara a merge totusi la interdictia totala. Telefonul portabil poate fi deosebit de important, nu numai in caz de urgenta, ci si pentru mentinerea contactului intre copii si parinti si deci pentru o relatie mai apropiata si mai linistitoare pentru toti.”

 Cercetatorii au semnat un apel continand zece recomandari, pe care vi le prezentam si noi mai jos.
 – Nu dati copiilor mai mici de 12 ani acordul de a utiliza un telefon mobil, decat in caz de urgenta.
 – In timpul comunicarii, mentineti aparatul la cel putin 1 metru departare de corp, utilizand sistemul hands free sau casti.
 – Ramaneti la peste 1 metru distanta de persoanele care vorbesc la telefonul mobil si evitati folosirea aparatului dumneavoastra in locurile publice (metrou, tren, autobuz etc.).
 – Evitati purtarea telefonului asupra dumneavoastra, chiar daca acesta este inchis si nu-l tineti in apropierea corpului in timpul noptii.

– Atunci cand il aveti asupra dumneavoastra, asigurati-va ca aparatul e orientat cu tastatura catre corp si cu fata antenei catre exterior.
 – Nu utilizati mobilul decat pentru a stabili contacte sau pentru convorbiri de numai cateva minute.
 – Cand faceti un apel, asteptati ca persoana sunata sa raspunda, inainte sa duceti aparatul la ureche, apoi schimbati periodic partea pe care il tineti.
 – Evitati utilizarea telefonului mobil cand forta semnalului este scazuta sau in timpul deplasarilor rapide (in masina, in tren etc.).
 – Comunicati mai degraba prin SMS, decat prin telefon.
 – Alegeti un aparat cu debitul de absorbtie specific cat mai scazut.

ADRIAN-NICOLAE POPESCU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 09/08/2011 @ 11:00:38, in it - Osservatorio Globale, read 1254 times)

Cellulari e computer di ultima generazione, lampade led, celle solari. Tutti gli oggetti elettronici e le applicazioni tecnologiche più all’avanguardia contengono metalli, come piombo, cadmio, oro, cobalto. Risorse in parte rare, estratte e trasformate con un grande impatto sull’ambiente e dispendio di energia. Ma, soprattutto, risorse esauribili. Quando termineranno, molte delle attuali tecnologie potrebbero finire con esse. Cosa fare allora? Per prima cosa, tirare fuori dai cassetti i vecchi cellulari e i computer in disuso. In una parola, riciclare. È il motto dell’United Nations Environment Programme (Unep) e del rapporto Recycling rates of metals: a status report, lanciato durante la Green Week dell’Unione europa. Secondo cui la percentuale di recupero è ancora drammaticamente bassa.

Detail-riciclo metalli

Soltanto 18 dei 60 metalli presi in esame ha un tasso di riciclo superiore al 50 per cento, con percentuali più basse in alcune economie emergenti; 34 elementi sono addirittura sotto l’1 per cento. Questo nonostante le grandi potenzialità del riutilizzo. “A differenza di altri materiali, i metalli sono interamente riciclabili”, ha dichiarato il direttore esecutivo dell’Unep Achim Steiner durante la conferenza di Bruxelles. “Possono essere usati più e più volte, minimizzando la necessità di nuove estrazioni e i processi di trasformazioni dei materiali vergini, evitando sprechi di acqua e di energia, e salvaguardando quindi l’ambiente”. Come sottolinea anche il rapporto infatti, riciclare i metalli è dalle due alle dieci volte più efficiente, dal punto di vista energetico, che fonderli dopo l’estrazione. Proprio l’estrazione mineraria, inoltre, da sola incide per il 7 per cento sul consumo mondiale di energia, con emissioni che contribuiscono significativamente al cambiamento climatico.

Il piombo è il metallo più riutilizzato: quasi l’80 per cento dei prodotti che contengono componenti in piombo, soprattutto batterie, va al riciclo. Più della metà del ferro e altri componenti principali di acciaio e acciaio inox, come anche platino, oro, argento e altri metalli preziosi, viene recuperato. Con delle differenze, però. Per esempio, il 70-90 per cento dell’oro utilizzato nelle applicazioni industriali viene riciclato, contro solo il 10-15 per cento di quello derivante dai beni elettronici. Tra i metalli con un tasso di riciclo che va dal 25 al 50 per cento abbiamo il magnesio, il molibdeno e l’iridio.

Tugsteno, rutenio (usato nell’elettronica e nell’elettrochimica) e cadmio, invece, fanno registrare tassi di riciclo dal 10 al 25 per cento. È inferiore al 10 per cento il recupero del mercurio e dell’antimonio, mentre ultimi in classifica troviamo metalli fondamentali per l’industria elettronica e per la green economy: l’indio (usato nei semiconduttori , nelle lampade a risparmio energetico, nel fotovoltaico), il gallio (diodi, led, celle solari), il selenio (led, fotovoltaico, ottica a infrarossi), il tellurio (termo-elettronica e celle solari), il neodimio e il diprosio (magneti per turbine solari) e il lantanio (batterie dei veicoli ibridi).

Di questo passo, le economie mondiali perderanno la possibilità di fare scorta in vista dell’esaurimento delle risorse, e buona parte delle tecnologie del futuro potrebbe non vedere mai la luce. Secondo un altro rapporto, “Decoupling: natural resource use and environmental impacts from economic growth”, illustrato sempre ieri dall’International Resource Panel dell’Unep, entro il 2050 l’umanità potrebbe arrivare a consumare ogni anno qualcosa come 140 miliardi di tonnellate di minerali, metalli, combustibili fossili e biomasse: tre volte ciò che consumiamo oggi. L’era degli approvvigionamenti facili e a prezzi ragionevoli, quindi, sembra che stia per finire.

Gli esperti propongono una serie di raccomandazioni: in primis ridurre il consumo di risorse per ciascuna attività economica, secondo, incoraggiare design che rendano più semplice la scomposizione dei prodotti, migliorare la gestione e il riciclo dei rifiuti nei paesi in via di sviluppo, e invogliare gli abitanti di quelli sviluppati a riciclare vecchi cellulari, cavi usb e computer. Solo questo permetterebbe di risparmiare miliardi di tonnellate di emissioni di gas serra e di creare nuovi posti di lavoro.

Fonte: galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The National Renewable Energy Laboratory is the Department of Energy's green tech incubation lab, so perhaps it's no surprise that the research agency is attempting to lead America to greener pastures by example. The NREL just put the finishing touches on its new Research Support Facility (RSF) in Golden, Colo., -- the largest zero-energy office building in the nation -- hoping other developers will follow its lead.

The 220,000 square-foot facility will be home to more than 800 employees when it opens its doors in August, and is expected to achieve platinum LEED certification, the highest distinction a building can get from the U.S. Green Building Council. To create a structure that consumes no more energy than it produces in a year, the engineers behind the office complex took into account both the technologies of the future and the building practices of the past.

For instance, before electric lighting and climate control became ubiquitous architects situated and designed buildings to take advantage of natural light, with lots of windows that also provided ventilation. A slender 60-foot width and an east-west orientation allow lots of natural daylight to illuminate interior spaces of the RSF. That centuries-old building practice is coupled with smart technology that constantly compares interior and exterior temperatures, and even sends messages to occupants' computer screens when its time to open or close the windows for optimum natural climate control.

The building is also built largely of recycled or reclaimed materials, and the exterior is designed to absorb heat from the sun that can then either contain the heat during the day during warmer months or release it into the building during cooler months. The interior climate is further controlled using an radiant system that uses water pipes embedded in the floor to circulate either hot or cold water.

Of course, the NREL's new green building pales in comparison to China's ambitious 800,000 square-foot "Sun Dial" office building or the scope of projects like Masdar City outside Abu Dhabi. But it's a good -- and good looking -- first step toward better building practices. To make sure the drive for net-zero architecture doesn't stall in Golden, the NREL will be offering its design for the building to developers for free starting this fall.

Source: PopSci

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Geoff Dembicki reports extensively on the growing political influence of Alberta's oil sands industry and other climate change-related issues for TheTyee.ca, an award-winning online newspaper based in Vancouver, Canada.

Driving south from Vancouver, Canada, towards Seattle, the scenery is perfectly pastoral with rolling hills and grazing cows. But suddenly, dominating the horizon, the view is interrupted by a phalanx of refinery towers shooting white-gray plumes into the sky. These industrial spires of BP's Cherry Point refinery loom high over Whatcom county, a lush border region a little more than 100 kilometers north of Seattle.

Washington State's largest refining complex provides jet fuel, gasoline and diesel to markets up and down the west coast of North America. I had driven there on a rainy morning last month, hoping to learn more about the economic alchemy that transforms crude oil from Alberta's oil sands and elsewhere into ever ubiquitous aluminum beverage cans.

Photo by Dustin Hicks

Cherry Point plays a little known but critical role in the manufacture of these cans - in fact one-sixth of the world's output would not be possible without an industrial substance produced here in massive volumes each day.

Every year 100 billion soda, beer, and juice cans are cracked open by North Americans each year, almost one can for every person every day. That vast market suggests that transitioning off fossil fuels to halt climate change will be more complicated than the oft-proclaimed solution of switching to a greener forms of transportation.

From Alaska to Alberta

Inside a low brick building at the front of the BP refinery, I shook hands with Bill Kidd, BP's local director of external affairs. “How're you doing?” he exclaimed with a broad smile that made lines appear at the corners of his eyes.

The 52-year-old Kidd, dressed smartly in sleeveless black sweater, slacks and white dress shirt, led me to what passes here as a spacious corner office. Here he explained how Cherry Point is a showcase of North America's oil-boom past and its more troubled future. With the dwindling of easy oil that has gushed from the ground for the last century, the energy industry is in a full-bore search for rich, new reserves, including the oil sands of western Canada.

Built by the Atlantic Richfield Company (ARCO) in 1971 specifically to process crude oil shipped from Alaska's North Slope, Cherry Point was acquired by British Petroleum after the two companies merged in 2000. Today BP (the company dropped the original name in 2001) has become North America's largest oil and gas producer. The company generated profits of US$16.6 billion in 2010 even after a deadly explosion at its offshore Gulf of Mexico Macondo rig created the worst environmental disaster in U.S. history.

For over a decade, the massive Prudhoe Bay reserves and other frigid deposits nearby helped supply refineries on the west coast. Indeed Cherry Point still memorializes those early glory days with a four-foot tall sculpture of a flower with sheet metal petals surrounding an old Prudhoe Bay drill bit.

But production, which peaked at 2.1 million barrels per day in 1989, “has fallen off a cliff,” Kidd told me. Today, daily yield has plummeted to just over 600,000 barrels.  

The refinery now sources only half its oil from Alaska, with places as varied as West Africa and Russia helping make up the difference, Kidd said. Most significantly, up to 14 percent of Cherry Point's current crude supply can be traced back to Alberta's vast oil sands reserves, according to trade research conducted by the Borealis Centre for Environment and Trade Research, based on data from the U.S. Department of Energy.

“How much we use specifically is sensitive information,” Kidd told me when I asked him about the figure. “But that is not an outlandish number.”

From Crude to Can

About 90 percent of the crude oil that gets pumped into Cherry Point comes out as gasoline, diesel and jet fuel - the bread and butter of North America's refining industry. But the Washington state complex is unique in that it is one of the world's leading providers of a substance essential to the aluminum industry.

When transportation fuels are separated from crude oil, they leave behind a tarry residue. Break down that substance with high temperatures and pressure, and it becomes petroleum coke, a valuable industrial solid. Petcoke, as it is known, gives off intense heat when it burns, making it ideal for the production of cement, steel and certain specialty chemicals. It is also extremely carbon-intensive, releasing almost double the greenhouse emissions of natural gas.

At Cherry Point, some of this petcoke is sent via conveyor belt to the calciner, a collection of large hearths that Kidd compared to a “2,300F degree coffee roaster.”

The finished product, “calcined coke,” is then loaded onto tankers and shipped to aluminum smelters in Australia, Brazil, New Zealand, Canada, and South Africa, according to Borealis. Those smelters in turn outsource their metal to beverage can producers around the world.

When you follow the supply chain all the way back, “one in six aluminum cans is made using BP Cherry Point's calcinated coke,” the company's website brags.

It used to be that most of the refinery's output stayed onshore, Kidd said. Only a generation ago, the U.S. aluminum industry was thriving, shipping 7.3 million tons of metal in 1973, up 21 percent from the year before.

But a booming trend towards global trade hit domestic smelters fast and hard. “Nearly all our aluminum in the next century is probably going to come from offshore countries,” a spokesperson from Ferndale's smelter, only a few kilometers south of Cherry Point, lamented in 1986. The industry could not escape the same economic factors that killed off domestic steel production: relatively high labor and energy costs.

Energy Security

Tune into any discussion on the future of U.S. oil supply and you're going to hear the phrase “energy security” an awful lot. . The debate's gained even more urgency since the Paris-based International Energy Agency (IEA) announced late last year that world conventional oil production likely peaked in 2006.

Critics of continued reliance on fossil fuels argue that these dwindling conventional oil reserves mandate a switch to renewable or even nuclear power. The oil industry however is banking on a different strategy. Notably Republican legislators in the U.S., oil industry lobbyists and Canada's own prime minister, Stephen Harper, have seized onto this fear as a way to promote the oil sands business.

Cherry Point, by relying on the oil sands for up to 14 percent of its crude supply, is helping push the shift from crude oil to unconventional sources. And though the refinery isn't currently considering the pricey upgrades that would let it process even more, BP's Kidd said the prospect isn't too hard to imagine.

“This refinery was built when you had a huge pool of crude in Alaska, the biggest gasoline markets in the world in California and we were right in between. Now you're just moving the supply a little bit east,” he said. “I think it's reasonable to think that more [oil sands] will come this way.”

The refinery's supply-chain narrative - once mighty oil fields in decline, greater reliance on higher-carbon unconventional sources - is being replayed globally. Other North American refineries - such as BP's Whiting complex in Indiana - have invested billions of dollars to handle fast-growing shipments of oil sands crude.

The plan to bring the oil industry into line with changing conditions also includes Keystone XL, a proposed 3,200 kilometer mega-pipeline that travels south from the Canadian province of Alberta to refineries lining the Gulf coast of Texas.

Supporters such as TransCanada, the company proposing to build it, say Keystone XL would “reduce dependence on foreign oil from the Middle East and Venezuela,” and thereby “improve U.S. energy security.”

Toxic “Mordor”

One of the main reasons why environmental activists oppose this strategy is the impact that the extraction of oil sands have on the province of Alberta, a thousand kilometers to the north west of Cherry Point.

There are up to an estimated 2.5 trillion barrels of crude waiting to be extracted in Alberta. This makes the oil sands North America's largest single source of petroleum, far surpassing Saudi Arabia. But developing those reserves is not an easy - or pretty -- task. Each barrel of oil sands crude must either be clawed from frigid muskeg bogs with industrial-scale shovels, or melted out of underground formations with high-pressure steam and toxic chemicals.

A United Nations water advisor in 2008 compared the region's strip-mined panoramas and sprawling toxic lakes to Mordor, the fictional dark realm of Middle Earth created by J. R. R. Tolkien.

“The air is foul, the water is being drained and poisoned and giant tailing ponds line the Athabasca River,” Canadian environmentalist and author Maude Barlow said at the time.

Alberta's oil sands industry also produces 23 percent more greenhouse gas emissions per barrel than more conventional operations such as those in Prudhoe Bay, a recent European Union report estimated.

The provincial government has argued that report is “unfair” because it uses out-of-date figures. And in 2009 outgoing premier Ed Stelmach told an economic forum in Geneva, Switzerland, that “no matter which extraction method is used, Alberta has some of the most stringent environmental regulations in the world.”

Climate Change Threat

The other reason that critics cite in opposing the oil sand industry is global warming. Only days after I drove to Cherry Point, delegates from more than 180 countries were gathering in Bonn, Germany, for two weeks of climate talks. The mood on day one was sombre as they were confronted by an IEA report showing that greenhouse gases were at record highs, despite 20 years of attempts to control them.

“A serious setback,” is how the IEA's chief economist, Fatih Birol, described the figures.

Part of the reason is that global oil consumption is not going down even though supplies of easy-to-access conventional oil, the very commodity that made a global trade in aluminum cans possible, likely peaked five years ago, as the IEA pointed out last November.

Instead the IEA expects that oil sands, oil shale and extra heavy crude - among the most greenhouse gas-intensive fuel sources on the planet - are filling the gap and are projected to make up roughly 11 percent of global supply by 2030.

This trend “risks tipping the world over the brink in terms of climate damage,” according to a 2010 report by Friends of the Earth Europe.

Yet a radical shift in global efforts to fight climate change -one of the most pressing crises in human history -- seems less and less likely each year. If the world's nations can't limit the Earth's average temperature rise to two degrees above pre-industrial levels, scientists predict that everything from global agriculture to the world's coastal cities will be in peril.

Many environmentalists believe the Obama administration can make a difference by canceling TransCanada's Keystone XL proposal, a pipeline that would pump 800,000 barrels of high-carbon Alberta oil sands crude into the U.S. every day.

“The best way to build energy security in America is through clean, home-grown sources of energy that won't run out -- such as wind and solar for electric vehicles and fuel efficiency and smart growth to reduce our dependence on oil,” Natural Resources Defense Council's Susan Casey-Lefkowitz wrote earlier this year.

Yet switching power and transportation sources are only part of the answer. Closing up my interview at the Cherry Point refinery, I asked Kidd how North America can possibly square its global warming goals with a fossil fuel industry so ubiquitous it's difficult to imagine life without it.

“Obviously,” he replied, the smile now gone from his face, “we're going to have to do something radically different.”

I asked Kidd one final question: “Could we have a global pop, beer and juice can industry without crude oil?”

“Nope,” he replied. “Hydrocarbons in general are incredibly ubiquitous in our economic engine. It isn't just transportation fuel that will be the issue.”

On my drive back to Vancouver I saw crude oil wherever I looked - like an invisible coating on every concrete overpass, eighteen-wheeler semi-truck and pop can discarded on the side of the road.

The question of “energy security” had never seemed so complex.

Source: CorpWatch.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2551 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

China says it hopes to reach phased trade pact with U.S. as early as possible

UAW, GM leaders have a deal to end strike, now workers will decide

Exclusive: Satellite images reveal China's aircraft carrier 'factory,' analysts say

Pence to urge Turkey to halt Syria offensive as threat of further sanctions loom

Hungary would have to 'use force' to fend off new wave of migrants: PM

Exclusive: Iran-backed militias deployed snipers in Iraq protests - sources

Ultimele articole - Antena3.roMinistrul demis al Comunicatiilor, apel catre PNL: Prin desfiintarea ministerului s-ar pierde extrem de multi bani europeni

Indicii ROBOR scad si ating noi minime. ROBOR la trei luni este la cel mai mic nivel din ultimele 10 luni

Doliu în lumea sportului. Un pugilist a murit la patru zile dupa un KO

BCR opre?te sistemul de carduri. Anun? important pentru clien?i

Gheorghe Dinca, fata în fata cu procurorii DIICOT. Criminalul din Caracal afla cât mai ramâne dupa gratii - VIDEO

Concert The Motans ?i un spectacol de flamenco în închiderea Festivalului Tânar de la Sibiu 2019





17/10/2019 @ 11:05:58
script eseguito in 882 ms