Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 04/06/2011 @ 11:00:00, in ro - Stiinta si Societate, read 1913 times)

 Enurezisul este o stare tranzitorie a copilariei. Copilul urineaza, ziua sau noaptea – la anumite intervale de timp – pe el sau în patul sau, la varsta la care mecanismele de control ale mictiunii nu s-au instalat înca. In general, dupa varsta de 24 de luni, copilul mic trebuie obisnuit cu starea de curatenie, de igiena.

Este varsta la care el poate întelege ca îi trebuie olita si pentru aceasta îi solicita pe cei din jur, iar la 3 ani, de regula, îsi poate face singur acest oficiu. Depasind, însa, varsta de 3-4 ani, daca ziua ori noaptea micutul îsi mai uda chiloteii si patul, cazul trebuie prezentat medicului. Daca au trecut cel putin 6 luni de zile dupa varsta de mai sus, de cand copilul nu a mai urinat în pat si dintr-o data reîncepe, aceasta constituie dovada certa a instalarii unui enurezis secundar. In astfel de cazuri, unii copii, desi raman curati toata ziua, îsi uda noaptea patul, motiv pentru care este bine sa li se aplice „pampers”-urile.

Specialistii nu au nici un argument pentru a demonstra ca aceasta tulburare este legata de ereditate, în schimb, se poate spune cu certitudine ca unul din zece cazuri de enurezis se declanseaza pe fond psihic. Asadar, dupa ce luni sau chiar ani de zile acesti copii erau mereu curati, dintr-o data încep sa ude patul, ca si în perioada primei copilarii. Ce s-a petrecut în sufletul copilului? Ce „drame”, ce îngrijorari l-au coplesit?

Uneori acest fenomen revine o data cu începerea scolii, pentru ca el, copilul, este incapabil sa se adapteze obligatiilor scolare. Ori cauza poate fi un nou fratior sau o surioara ce au aparut în familie, fata de care parintii sunt mai dragastosi si, pe el, copilul cel mare, l-au dat uitarii. Ori – de ce nu – unul din bunicii lui dragi este bolnav sau a decedat si sufletul lui mic a fost cuprins de durere. Dar daca tensiunile nervoase din familie sunt pentru copil insuportabile? Dumneavoastra, parintii, va certati, va agresati fizic, va insultati, îl neglijati pe cel mic ori îl uitati pe afara, ca pe un lucru de nimic? L-ati avertizat în ultimul timp cu pedepse corporale, cu umilinte, cu vorbe crunte.

Toate acestea s-au incrustat în sufletul lui atat de gingas si dumneavoastra nu stiti ce rana ati deschis. Iata, asadar, cateva motive pentru instalarea enurezisului secundar, asa-zis „psihogen”, cel mai frecvent întalnit în pediatrie. Nu-i mai putin adevarat ca, în asemenea cazuri, poate interveni si o imaturitate a circuitului nervos care comanda vezica si atunci, dormind profund, copilul urineaza în pat. Pentru asa-numitii enuretici diurni, cei care urineaza pe ei necontenit si ziua, mama, educatoarea, trebuie sa aiba grija ca din 2 în 2 ore sa-i trimita la toaleta. Insistent, dar calm, adoptand o astfel de atitudine, este posibil ca în cateva luni de zile enurezisul sa dispara. Cu o conditie: copilul enuretic trebuie sa se supuna acestor recomandari psiho-medicale, pentru ca totul sa reintre în normal.

Alte cazuri – este adevarat, mai putine – de enurezis nocturn sau/si diurn se pot datora unor malformatii ale cailor renouretrale, ale vezicii urinare sau ale uretrei si chiar unei anomalii de conformatie, unei vertebre din zona lombara, cunoscuta sub denumirea de spina bifida.

In sfarsit, o alta cauza, nu prea rara, care determina aparitia enurezisului la copil, o constituie infectia urinara, cu dispersie de microbi patogeni (colibacili, proteus, pioceanic etc.). Un examen clinic al copilului si una sau mai multe uroculturi vor evidentia prezenta unui anume microb în caile urinare si, în functie de rezultatul antibiogramei, se va institui un tratament medicamentos cu substante chimioterapice sau antibiotic. Este o medicatie meticuloasa care se va aplica numai cu recomandarea si sub supravegherea medicala.

Autor: ADRIAN-NICOLAE POPESCU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Progettare pezzi di pelle umana e di altri tessuti con un programma simile ad autocad e... stamparli con una speciale stampante 3D: non l’abbiamo visto in un film di fantascienza ma al convegno annuale della American Association for the Advancement of Science che si sta svolgendo in questi giorni a Washington DC.

La rivoluzionaria invenzione è stata presentata oggi da James Yoo della Wake Forest University School of Medicine di Winston-Salem, nel North Carolina, ed è già stata testata con successo su topi e maiali.

Toppe biotecnologiche

La macchina di Yoo effettua una scansione della ferita, per esempio un’ustione, determinandone esattamente forma, estensione e profondità. Questi dati vengono utilizzati per progettare in 3D il pezzo di pelle da sostituire che viene infine stampato direttamente sul paziente da una macchina del tutto analoga a una stampante inkjet: si tratta di una speciale bioprinter che al posto dell’inchiostro utilizza un cocktail di cellule umane della pelle, collagene e silicone.
Lo studio è stato finanziato e voluto dal Dipartimento americano della Difesa. Il 30% dei feriti in combattimento riporta anche gravi ustioni: poterli soccorrere sul campo con apparecchiature di questo tipo, aiuterebbe a contenere il rischio di infezioni e la perdita di fluidi che spesso accompagnano le bruciature.
Attualmente gli scienziati sono in grado di stampare pezzi di pelle di 10x10 centimetri e hanno già testato con successo la produzione di tessuti semplici come quelli cartilaginei.

Dal 2D al 3D

bioprinter

Concettualmente questa tecnologia potrebbe permettere la progettazione e la stampa di interi organi: dovrebbero essere realizzati da strati di cellule diverse sovrapposti uno all’altro fino all'ottenimento della forma desiderata.
Poter costruire organi su richiesta, oltre che risolvere il problema dei trapianti, permetterebbe di effettuare studi clinici e test farmacologici con grande facilità. Ma anche se gli scienziati sono ottimisti,  lo stato dell’arte della tecnologia non permette ancora di realizzare a macchina elementi complessi come un cuore o un fegato.

Fonte: Focus.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 03/06/2011 @ 14:00:35, in en - Science and Society, read 1384 times)

People who have strokes are often left with moderate to severe physical impairments. Now, thanks to a glove developed at McGill, stroke patients may be able to recover hand motion by playing video games. The Biomedical Sensor Glove was developed by four final-year McGill Mechanical Engineering undergrads under the supervision of Professor Rosaire Mongrain. It is designed to allow patients to exercise in their own homes with minimal supervision, while at the same time permitting doctors to monitor their progress from a distance, thus cutting down on hospital visits and costs.

Patients can monitor their progress thanks to software which will generate 3D models and display them on the screen, while at the same time sending the information to the treating physician.

The glove was developed by the students in response to a design request from the startup company Jintronix Inc. The students met with company representatives once a week for several months to develop the glove, which can track the movements of the wrist, the palm and the index finger using several Inertial Measurement Units. Although similar gloves currently exist, they cost approximately $30,000.

By using more accurate and less expensive sensors, the students were able to develop a glove that currently costs $1000 to produce.  Jintronix, Inc. has submitted the project to Grand Challenges Canada, which is an independent not-for-profit organization dedicated to improving the health and well-being of people in developing countries, in the hopes that they will receive funding for further development.

Source: physorg

Provided by McGill University for ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 03/06/2011 @ 11:00:13, in ro - Stiinta si Societate, read 1524 times)

 Educatia fizica este considerata de cei mai multi dintre noi o „disciplina” scolara mai degraba minora. Uitam insa ca miscarea, sportul inseamna si sanatate, ceea ce impune ca orice persoana, indiferent de varsta si in aproape  orice imprejurare, sa-si cunoasca limitele, nevoile  si sa opteze, fara cea mai mica ezitare, pentru un asemenea remediu etern valabil.

Natatia

Este un sport ce se poate practica oricand, cu moderatie, fara a implica, de pilda, dureri musculare ori sufocare, chiar daca il reluam dupa o perioada de intrerupere (se poate compara, din acest punct de vedere, cu alergarea). Ca orice sport de anduranta, inotul are drept efect principal destinderea profunda a organismului, cu atat mai mult, cu cat mediul acvatic favorizeaza relaxarea. O calitate foarte apreciata de persoanele ce presteaza activitati in urma carora se aleg cu dureri de spate (circa 80% din indivizii activi).

Pentru acestea, terapeutii nu recomanda stilul bras, care accentueaza curbura vertebrelor cervicale, ci craul, cu conditia mentinerii corpului cat mai intins posibil si cu privirea ridicata catre cer. In lombalgiile persistente, ideal este ca bratele sa fie tinute de-a lungul corpului si sa se efectueze baterea apei cu picioarele, pentru a nu se accentua curbura coloanei lombare. Un alt avantaj general: inotul pune la treaba toti muschii spatelui, confirmand astfel ideea ca bolile ne ating cu atat mai rar, cu cat avem o spinare mai dreapta, mai puternica.

Drumetia

Plimbarile lungi, printr-o padure sau pe un drum de tara marginit de iarba verde si de flori, la munte, in campie, pe dealuri, asemenea momente de calmare spirituala, mentala si de antrenament fizic nu ar trebui sa lipseasca din modul nostru de viata, oricat ne-ar grabi de mult ritmurile cotidiene ale orasului. Mersul pe jos se recomanda in orice perioada a anului si poate incepe chiar o data cu iesirea pe usa casei.

El pune in functiune toti muschii corpului, picioarele, bratele, abdomenul, spatele, realizand astfel un gen de masaj intern al tubului digestiv, ce favorizeaza tranzitul intestinal si lupta impotriva constipatiei. In plus, se imbunatateste rezistenta inimii si se dezvolta capacitatea respiratorie, oxigenandu-se intregul organism. Spiritul beneficiaza si el de binefacerile mersului pe jos. Astfel, in timp ce contemplam un peisaj care ne incanta, creierul produce endorfine, substante naturale ce provoaca o senzatie de bine. Rezultatul este ca, daca pornim la plimbare tensionati, ne intoarcem relaxati, senini. Nu e nimic exagerat in aceasta remarca, dovada concreta fiind faptul ca milioane de oameni agreeaza, si la noi, mersul pe jos.

Rolele

Aveti nevoie de ceva aer in plus? Puneti-va rolele (sau patinele cu rotile, cum mai sunt numite) si porniti! Pare, pentru unii, o extravaganta sau o joaca rezervata exclusiv copiilor si adolescentilor, dar, odata depasite prejudecatile, putem constata singuri ca oricine poate deveni roller, spre folosul sau, din punct de vedere al sanatatii. Avantajul acestui sport mai nou este ca antrenamentele pot fi efectuate la doi pasi de casa sau – de ce nu? – de birou. O conditie esentiala trebuie respectata: stapanirea unei minime tehnici de rulare, pentru incepatori recomandandu-se si doua-trei cursuri de initiere.

Altfel, crisparea, oboseala excesiva si... cazaturile vor transforma, inevitabil, o placere ce ne e necesara si utila, in repulsie. Practicarea in mod regulat a deplasarii pe role permite antrenarea sistemului cardio-vascular, la fel ca un sport de anduranta. Deoarece un numar de calorii semnificativ se consuma, din rezervele adipoase, dupa un timp si silueta va deveni mai supla, corpul mai ferm, mai tonic si mult mai mobil. La rolleri, toti muschii lucreaza: cei ai picioarelor si ai feselor, cei ai bratelor si ai abdomenului, cei ai gatului si ai spatelui s.a.m.d. Iar in plus, cei ce nu stiu inca de ce alte asemenea foloase putem avea parte trebuie sa afle ca deplasarea pe role este ca un inceput de zbor, dand o senzatie puternica de libertate.

Sursa: magazin.ro - ADRIAN-NICOLAE POPESCU

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Anestesia psicologica

Dove guardate durante un'iniezione o un qualsiasi altro evento doloroso che vi coinvolga in prima persona? Probabilmente ovunque tranne che verso l'ago, convinti che "meno si vede, meno fa male". Ebbene, sappiate che siete fuori strada: secondo un recente studio dell'Università di Milano-Bicocca e dello University College di Londra ,se volete se volete sentire meno dolore durante prelievi, medicazioni e sforacchiamenti vari dovete guardare proprio là dove aghi e stumenti chirurgici vi "straziano le carni". Non solo: secondo gli scienziati più l'immagine della scena è grande, meno male si sente.

 Un esperimento... bollente

Per provare questa teoria gli scienziati si sono serviti di 18 coraggiosi volontari: hanno appoggiato una resistenza elettrica sul dorso della loro mano e progressivamente l'hanno scaldata sempre di più. Non appena la faccenda iniziava a diventare dolorosa, interrompevano la prova e registravano la temperatura della sonda. In questo modo hanno potuto misurare in modo oggettivo la soglia del dolore di ogni partecipante al test.
I neuroscienziati hanno poi utilizzato una serie di specchi per manipolare ciò che i volontari potevano vedere e hanno scoperto che guardare la scena "hot" elevava di almeno 3C° la loro capacità di sopportazione. E se l'immagine della mano oggetto del test veniva ingrandita con speciali lenti, i volontari riuscivano a resistere ancora di più.
Al contrario, più la mano si rimpiccioliva, più bassa diventava la capacità di sopportazione.
Secondo Patrick Haggard, uno dei neuroscienziati responsabile dello studio, la propozionalità diretta tra dimensioni del corpo e male percepito permetterà di comprendere meglio le basi neurologiche del dolore e quindi di mettere a punto terapie sempre più efficaci per il suo trattamento.

Guardare e non urlare

"Le terapie psicologiche per il dolore si rivolgono generalmente alla sorgente del dolore, insegnando ad esempio tecniche di distrazione", afferma Flavia Mancini, prima autrice della ricerca. "Il nostro studio mostra che è importante considerare anche il contesto in cui avviene il dolore, ovvero il nostro corpo. Questa scoperta potrebbe far avanzare lo sviluppo di trattamenti clinici per il dolore».
«Di solito si consiglia ai bambini di non guardare durante un prelievo di sangue. Abbiamo tuttavia scoperto che guardare al corpo è analgesico. Il mio consiglio è dunque di cercare di tentare di evitare di guardare l'ago (può comunque fare impressione. ndr) ma guardare comunque il proprio corpo" spiega Haggard.

Fonte: Focus.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Innanzitutto, cos'è .lib, e perchè ha scritto questo documento?

.lib è un'associazione totalmente indipendente di persone che si interessano alla politica. Ci sta a cuore contrastare la disinformazione, e ne abbiamo vista molta negli ultimi tempi riguardo al referendum sull'acqua del 12 e 13 giugno. Siamo inoltre convinti che sia importante sapere come stanno le cose, per poter fare delle scelte consapevoli. Per questo abbiamo deciso di smascherare tutte le bugie che ci hanno detto.

Devo votare no per dire si? come funziona?

IL REFERENDUM Č ABROGATIVO. Questo significa che la domanda è fatta, all'incirca, in questa maniera: “vuoi tu abolire la legge Ronchi del 2009”? (in realtà si aboliscono parti di essa). Se si vota sì, si sceglie di far abolire la legge. Se si vota no, tutto rimane come prima. I quesiti sono due. Uno dei due, quello della scheda gialla, chiede se, dall'art. 154 del Decreto Legislativo n. 152/2006 (o “Codice dell’Ambiente”), vadano eliminate le parole “dell’adeguatezza della remunerazione del capitale investito”. Ciò significa che chi decide le tariffe per un ipotetico gestore privato, non può inserire costi aggiuntivi finalizzati a far guadagnare chi investe in obbligazioni o quote azionarie delle società di gestione degli acquedotti. Questo sarebbe un forte disincentivo per un privato, che non avrebbe interesse a investire sulle reti idriche, dato che non potrebbe ottenere nulla dal suo investimento. Č una norma suggerita dalla UE ai fini della trasparenza: poiché, altrimenti, si potrebbe cercare di remunerare il capitale investito per vie traverse (ad esempio tramite le tasse dei cittadini). Ricordiamo inoltre di tener conto dell'effetto di un disincentivo agli investimenti nonostante le reti italiane ne siano in disperata necessità, e nonostante l'Italia sia incapace di fornire denaro pubblico, vista la tragica situazione di indebitamento in cui si trova. Un particolare da notare è che il rendimento sul capitale investito è fissato in un'altro articolo di legge, il cosiddetto “metodo tariffario normalizzato”. Tale articolo fissa il rendimento al 7%, una cifra molto alta commisurata al rischio che si corre. Sull'altro quesito invece torniamo più avanti.

Ma stanno privatizzando l'acqua?

FALSO. l'acqua e gli acquedotti erano e rimarranno pubblici, sia che vinca il si, sia che vinca il no.

Che l'acqua sia un bene pubblico è un principio sancito dal numerose leggi ordinarie, tra cui l'articolo 822 del Codice Civile. Ciò è ribadito più volte dalla legge Ronchi del 2009, quella che il referendum vuole parzialmente abolire, la quale all'articolo 15 parla di "piena ed esclusiva proprietà pubblica delle risorse idriche, il cui governo spetta esclusivamente alle istituzioni pubbliche."

Allora cosa cambia?

POCHISSIMO. Di fatto, la legge Ronchi (quella che si vuole abolire col quesito della scheda rossa), dà la libertà, alle amministrazioni locali, di affidare, se lo vogliono, la sola gestione degli acquedotti (e non la loro proprietà) a imprese private, tramite gare ad evidenza pubblica. Se vince il si, si applicherà la normativa europea, che permette comunque di affidare la gestione a privati e sempre tramite gara pubblica.

La legge Ronchi stabilisce che la prassi per la gestione degli acquedotti è l'affidamento a società di qualunque tipo (sia pubblica che privata) con gara ad evidenza pubblica. Alternativamente è possibile affidare la gestione a società miste con almeno il 40% di partecipazione in società private, scelte con gara pubblica (si noti che è comunque meno del 50%+1 necessario a controllarle). Ma lascia anche la libertà di andare in deroga, e affidare la gestione a imprese totalmente pubbliche (senza in questo caso l'obbligo di gara), come succede adesso nella stragrande maggioranza dei casi. Di fatto, le amministrazioni locali (e quindi i cittadini, a livello dei comuni) possono scegliere ciò che ritengono più opportuno. Inoltre ricordiamo che la legge Ronchi non regola solo le norme sulla gestione del servizio idrico, ma anche di tutti i servizi pubblici locali di rilevanza economica esclusi trasporti ferroviari, energia elettrica, gas e farmacie. La sua abrogazione determinerebbe, quindi, una lacuna normativa in tutti i settori interessati da tale legge.

Se vince il si, a detta delle sentenze 24 e 25 del 12/1/11 della Corte Costituzionale, il vuoto normativo lasciato dalla legge Ronchi dovrà essere sostituito dall'applicazione generalizzata del principio della gara ad evidenza pubblica, pena il mancato rispetto delle norme europee. Ricordiamo che la legge Ronchi integra nella legge italiana le normative suggerite dall'Unione Europea (tuttavia non necessariamente vincolanti), le quali raccomandano che l'affidamento a privati con gara sia la pratica di uso comune. Le norme UE hanno importanza maggiore rispetto alle leggi ordinarie italiane, come stabilito dalla sentenza della Corte Costituzionale N.183 del 1973, in applicazione dell'articolo 11 della Costituzione. Uno dei quesiti referendari proposti, quello che prevedeva il divieto totale di affidamento ai privati, è stato infatti ritenuto inammissibile dalla Corte Costituzionale per inutilità, in quanto la vittoria del sì avrebbe riportato in vigore la normativa europea, che prevede l'affidamento con gara pubblica.

In che stato sono gli acquedotti italiani oggi?

PESSIMO. Le perdite ammontano in media al 30% (ciò significa che per ogni tre litri prelevati alla fonte, uno va sprecato per strada), con punte del 70% al sud. In più, spesso agli acquedotti è concesso andare in deroga (cioè ignorare) ai controlli sull'assenza di sostanze nocive nell'acqua. In molti comuni, specialmente al sud, non è garantita la fornitura di acqua corrente tutti i giorni, da anni. Il 30% circa della popolazione italiana non dispone di impianti di depurazione adeguati.

Si stima che siano necessari, per la riparazione e l'ampliamento delle reti idriche, circa 2 miliardi di euro all'anno per i prossimi 20-30 anni. Una cifra molto grande, e non è ben chiaro da chi verrà pagata. Finora, nella maggiorparte dei casi, si è scelto di investire pochissimo e saltuariamente, lasciando così come sono perdite, sprechi, inefficienze, inquinamento, con danni non solo ecologici ma anche economici ingenti. è stato reso poco trasparente il modo in cui questi danni vengono pagati.

Chi decide le tariffe e gli investimenti da fare?

I POLITICI. Finora, la decisione sulle tariffe è stata affidata ai politici: sindaci, presidenti di province e regioni, tramite i cosiddetti ATO (Autorità di ambito territoriale ottimale). Che spesso hanno scelto di tenerle bassissime (sono le più basse in Europa) per ricevere consensi elettorali. Così gli acquedotti si indebitavano, e i debiti venivano coperti con i soldi delle tasse (e non delle bollette). Questo significa che chi si è sforzato di consumare poca acqua per non sprecarla ha pagato, tramite i soldi delle tasse, i consumi di chi invece ha sperperato l'acqua. Con la legge Ronchi non cambia nulla in merito a questa questione, quindi, qualunque sia l'esito del referendum, questa situazione rimarrà immutata.

Come stabilito dal Decreto Ministeriale 1/08/96 , esiste un tetto massimo alle tariffe, ma non un limite minimo. La tariffa viene stabilita da un decreto annuale del Ministero dell'Ambiente in base a una serie di fattori che lasciano comunque un ampio margine di ritocco. In realtà sarebbe necessario reperire i i soldi per la manutenzione e l'ampliamento delle reti esistenti, che sono investimenti necessari. Non è affatto chiaro da dove questi soldi arriveranno (se arriveranno). I finanziamenti agli acquedotti con il denaro delle tasse rendono tutto poco trasparente: non si capisce bene chi paga. Si perde così, inoltre, la progressività: è infatti possibile che, anche chi ha meno e si sforza di sprecare meno acqua, debba pagare molto, mentre chi è più abbiente e sperpera acqua paghi relativamente poco. La legge Ronchi non entra affatto nel merito di questa questione, che andrebbe invece curata con grande attenzione da chi ci governa, e colpevolmente e interessatamente la ignora.

Esiste un organismo di controllo indipendente, che possa verificare il buon funzionamento degli acquedotti?

NO. Tutti gli organismi di controllo sono fortemente dipendenti dalla volontà dei politici. Così non c'è nessuno che controlli se sbagliano. O meglio, loro controllano sè stessi, e se sbagliano nessuno può punirli.

Fino a Gennaio 2011 la sorveglianza sulle reti idriche era affidata alle ATO ("Autorità d'ambito territoriale ottimale"), enti locali composti sostanzialmente da sindaci, presidenti di province e regioni. Le stesse che avevano il compito di gestire il servizio. Dal 2011 è lasciato alle Regioni il compito di istituire degli organismi di controllo decentrati, con modalità scelte arbitrariamente. A livello nazionale esiste il CONVIRI (Commissione Nazionale di Vigilanza sulle Risorse Idriche). Nessuna di queste istituzioni, però, ha il potere di multare o sanzionare in caso ci siano degli errori o delle negligenze. Spesso sono anche incapaci di raccogliere i dati necessari per l'analisi dell'andamento del servizio. Di fatto, sono inutili come organismi di controllo. In molti paesi europei esiste invece un'organismo di controllo al disopra dei politici, che può sanzionare chi fornisce male il servizio ai cittadini, e il tutto è sottoposto al controllo delle Autorità Antitrust.

Ma è vero che con la privatizzazione aumentano le tariffe?

NO. Almeno secondo i pochi dati disponibili. Al 1 gennaio 2011 gli unici ATO affidati ai privati (5 su 54) erano 4 in Sicilia e uno in Lazio. Gli altri “privati”, di cui si sente parlare spesso a sproposito, sono società miste pubblico/privato, dove la quota di partecipazione del pubblico è superiore al 50% (quindi i privati non hanno potere decisionale). Nel primo caso, non si registrano sensibili aumenti di tariffa rispetto alla media, almeno per la Sicilia. Acqualatina S.p.A. in Lazio, invece, ha visto un aumento notevole delle tariffe, in un contesto però di pessima e opaca gestione che durava da anni, che ha incluso anche indagini della magistratura e arresti. Dal 1 gennaio 2011 gli ATO sono stati aboliti, e le Regioni stanno lavorando per elaborare i nuovi sistemi di gestione della rete idrica.

Ribadiamo ulteriormente che se il sistema italiano fosse sano e trasparente, le tariffe dovrebbero essere sensibilmente più alte. Ad oggi, i soldi che i gestori perdono a causa delle tariffe troppo basse vengono rimpiazzati con il denaro delle tasse (che pagano tutti, quindi anche chi è meno abbiente o si sforza di non sprecare l'acqua).

Per approfondire, qui il documento scritto (anche in versione pdf o solo testo), e qui l'intera bibliografia.
Il video integra le correzioni agli errori del precedente (di cui ci scusiamo), e lo sostituisce interamente.

E la Puglia, come sta?

OBIETTIVAMENTE MALE. La rete idrica pugliese è gestita interamente dalla AQP S.p.A., società quotata in borsa, di proprietà totalmente pubblica dai primi di maggio 2011, per decreto del Consiglio Regionale. I consiglieri d'amministrazione sono scelti politicamente, su nomina della coalizione al governo. Riportiamo i dati della relazione al parlamento del CONVIRI 2009 (quella del 2010 non è reperibile). Si evince che la Puglia è sest'ultima su 54 ATO per il rapporto fra investimenti previsti e investimenti effettuati, con un tasso di realizzazione del 16% (laddove la media nazionale è del 54%), contando anche il denaro pubblico ricevuto a fondo perduto. Inoltre, è sest'ultima anche per quantità di perdite, con il 54%, per un totale di 284.506.690 metri cubi di acqua perduti per strada ogni anno. Infine, è l'acquedotto più grande d'Italia e d'Europa con più di 4 milioni di utenze (e ciò significa che porta questo servizio a una enorme quantità di cittadini). Non sappiamo se sia in virtù di questi dati che il presidente Vendola parla di «un'azienda presa a modello dalle principali riviste economiche e di settore perchè è un'azienda pubblica che ha saputo risanare e rilanciare la propria immagine (...) un'azienda sana» (dichiarazione del 27 aprile 2011).

Cosa ne pensa .lib?

Questa è l'unica parte del testo in cui esprimiamo opinioni nostre invece che dati di fatto. Pensiamo che, aldilà dello scontro sui referendum, innanzitutto, sia necessario avere più trasparenza nel servizio pubblico: deve essere chiaro di chi è la responsabilità per gli errori, chi si occupa di fare le decisioni, chi controlla e anche chi sta pagando per cosa, e al momento questo è quasi impossibile. Inoltre, pensiamo che sia necessaria una autorità di controllo indipendente dalla volontà dei politici, che stabilisca degli standard di qualità precisi e li faccia rispettare, come avviene nel resto d'Europa. I politicanti, alla ricerca di consenso elettorale a breve termine, prendono delle decisioni dannose per la collettività sul lungo termine, e non c'è nessuno a fermarli, sia perchè hanno potere assoluto, sia perchè sono difficili da controllare, poichè tutto il sistema non è assolutamente trasparente. Infine, siamo convinti che il problema non risieda nella gestione pubblica o privata degli acquedotti - per quanto in molti casi si sia visto che una gestione privata è più efficiente. Quello che conta è il modo in cui la gestione è effettuata - e ad oggi la situazione è pessima. Questo accade per precisa volontà dei politici, che rendendosi impossibili da controllare, hanno ancora più potere in mano.

Come posso essere sicuro che mi stiate dicendo tutta la verità?

Tutto quello che abbiamo scritto qui è documentato da fonti attendibili, spesso istituzionali, e liberamente reperibili su Internet. Se siete interessati a verificare che abbiamo detto la verità, oppure ad approfondire, potete consultare il sito: http://punto-lib.blogspot.com/ dove troverete la bibliografia completa che è stata utilizzata per scrivere questo documento, nonchè altri approfondimenti.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Julian Assange scratches his chin and then downs a generous gulp of his pint. "They called me a cat abuser. Now I don't like cats as it turns out, but as far as I know I've never 'abused' one," he says, looking around the table slightly bemused.

The WikiLeaks founder and editor-in-chief is now arguably the world's most recognisable -- and certainly the most notorious -- champion of free speech.

But he also knows first hand how it feels to be burned by the press, and Assange bristles as he recalls some of the more bizarre personal attacks on his character.

Assange has paid a heavy price for his global crusade against secrecy.

He has been hunted, jailed and put under house arrest. And his activities have subjected him to some of the most hate-filled and violent rhetoric imaginable.

Assange has also been pilloried and abused by certain sections of the media, whose freedoms he continues to fight for.

In an interview with the Irish Independent, the world's most famous whistleblower hit out at the "chilling effect" recent high profile 'super injunctions' have on free speech.

"It's not the case that the press is never wrong. I never maintain that the press is never wrong, and certainly I have been wronged many times by (some) tabloid media.

"However, when we erect a system to address that wrong we can produce a much greater wrong, which is to prevent the press from reporting the abuses of the powerful.

"The problem is that that system is used predominantly -- in fact overwhelmingly -- by people who already have a lot of power. They already have a lot of money, they already know how to use the court system. And so you end up in a situation where newspapers become reluctant to report on the abuses of the powerful, but completely willing to report on the abuses of the powerless, or to defame the powerless, and that is not an acceptable situation. So there has to be a level playing field, there has to be equal access to justice."

Six months ago Assange was -- albeit briefly -- the most famous fugitive in the world. And he remains, in many eyes, the 'public enemy number one', certainly for some of the shadowy US government agencies trying to shut down his organisation.

The interview took place in Ellingham Hall, the mansion on the border of Norfolk and Suffolk where Assange temporarily resides under house arrest while fighting extradition to Sweden. The Swedish authorities want to question Assange over allegations of sexual misconduct, including rape, made by two women, claims he strongly denies.

And he believes if he is extradited to Sweden, the US government will move to have him tried in America for espionage.

"I have been detained -- imprisoned or under house arrest -- without being charged for six months on June 6.

"So almost six months now detained without charge. There are no charges in this case, there is no allegation that there was any lack of consent in these cases -- not even an allegation of that."

His bail conditions stipulate Assange must stay at the 18th century manor, report to police daily and wear an electronic tag. The house is owned by Vaughan Smith, a former captain in the elite Grenadier Guards who was critical in securing bail for Assange.

When he first came to Britain, it was Smith who gave him refuge in an apartment in the Frontline Club -- the West London venue that Smith set up in 2003 to champion independent journalism. On the morning of our interview, Assange was anxious to finish on time. Smith was expecting up to 30 former army comrades for dinner and it was clear his famous guest did not wish to put out his host any more than necessary.

Afterwards, Assange and his assistant Sarah Harrison joined us for a few drinks in a cosy country pub a mile or so down the road. It is about as far as he is allowed to move without consulting the local police station, where he still has to sign on daily as part of his bail conditions.

Despite the enormous pressure he is under, Assange appeared relaxed about his fate and was looking forward to his next court battle -- a two-day High Court hearing on July 12-13 where he will fight a British judge's decision to extradite him to Sweden.

In person, the 39-year-old Australian is unfailingly polite and charming. But behind every carefully constructed sentence lies a remorseless, uncompromising logic, which has put him on a collision course with some of the most powerful forces on the planet.

To his fans, Assange is a valiant campaigner for truth. But to his fiercest critics he is a publicity seeker who has endangered lives by putting a mass of sensitive information into the public domain.

The controversial online activist succeeded in uniting the American Democratic left and Republican right against him and has been described as an "enemy combatant" engaged in a form of cyber terrorism against the US.

Assange said the level of "vitriolic" language that followed the release of the international tranche of US embassy cables last December has "eased off a bit" in recent months.

But he insists that, behind the scenes, the American government will still stop at nothing to silence him.

"The United States has brought out to the public an extremely aggressive response. In private, it is also doing other things.

"That response has been the most aggressive response to an international publisher ever.

"Arguably, if we look at its responses to domestic publishers it has been the most severe response since the McCarthyism era of the early 1950s.

"There has been pressure on many different countries -- individually by the US -- to take action against us.

That pressure on Australia, for instance, resulted in the Australian government publicly announcing that it would suspend my passport, that it would start a whole new government taskforce into us involving domestic and foreign intelligence agencies, the Australian Federal Police, the Australian Defence Department and the Attorney General's office.

"A prospective asylum application in Switzerland on my behalf had the US Ambassador to Switzerland threaten the Swiss government to not accept such an application.

"The sort of public rhetoric that you saw by the (US) vice president (Joe Biden) at the beginning of the year as saying that I was a 'hi-tech terrorist' -- this is being toned down a little bit.

"I think there is a perception that the public rhetoric went too far. But under the surface these investigations continue."

Author: Shane Doran; Source: belfasttelegraph.co.uk

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dimenticatevi body scanner, nasi elettronici e tecnologie da film di James Bond: la nuova frontiera della lotta al terrorismo passa... per l’orto. Una biologa dell’ Università del Colorado, con la collaborazione del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, è infatti riuscita a mettere a punto una pianta capace di rilevare gli esplosivi.

fiore poliziotto

Orchidee da guardia?

«Le piante non possono scappare di fronte al pericolo», ha spiegato qualche giorno fa ai media June Medford, la responsabile del progetto, «se vengono attaccate devono reagire». Quando una pianta viene per esempio infestata da un parassita, inizia a secernere alcune sostanze chiamate terpeni il cui compito è quello di ispessire lo strato protettivo esterno del fogliame rendendolo più resistente.
In questo meccanismo giocano un ruolo chiave alcuni recettori proteici che si trovano nel DNA del vegetale: sono loro che avvertono il pericolo e scatenano la risposta difensiva della pianta.
La Medford e il suo team hanno sviluppato un modello computerizzato che permette loro di manipolare queste proteine rendendole reattive ai componenti chimici di esplosivi, sostanze tossiche, veleni e inquinanti vari.

Bianche di paura

Dal punto di vista pratico, quando la pianta OGM percepisce la presenza di esplosivi diventa improvvisamente bianca. L’idea è quella di piantarla in aereoporti, stazioni e tutti i luoghi a rischio di attentato. E visto che questo recettore proteico può vivere in ogni pianta, potrà essere impiegato in tutto il mondo senza problemi di clima o stagionalità, all’aperto o al chiuso.
Il progetto, partito nel 2003, è stato finanziato a più riprese dal Dipartimento della Difesa con oltre 8 milioni di euro.
Al momento le piante della Medford riescono a scoprire con una discreta precisione il TNT, ma lavorano in laboratori a luce e temperatura costante, senza vento e in condizoni operative molto distanti da quelle reali. Prima di poterle impiegare concretamente a fianco dei poliziotti passeranno almeno altri 3-4 anni. Obiettivo della ricercatrice è quello di mettere a punto piante antiesplosivo sensibili come il naso di un cane.

Fonte: Focus.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

A little rain or fog may seem like an insignificant threat to a helicopter or airplane. But minor clouds and precipitation can be the cause of canceled flights -- or fatalities.

It's dangerously easy for water droplets to turn to ice and coat an airplane’s wings, unless something could prevent the ice from adhering, lessening or eliminating the problem.

That's what Ed Smith has dedicated his time and research to for the past decade.

"The basic problem is when you fly through an icing cloud, which is about freezing temperature and has water in the cloud, and water of a certain size, [the particles] hit and start forming," Smith, professor of aerospace engineering and director of the Penn State Rotorcraft Center of Excellence, explains. "They call it accreting on the surface of the blades—or the airplane itself—and it ruins the aerodynamic characteristics of the blades."

Smith, along with Jose Palacios, a research associate in aerospace engineering, run an adverse environment rotor test stand lab in Hammond Building. The idea was conceived 10 years ago and built in phases, Smith said.

The lab has two purposes, he says: to take measurements and quantify how ice builds up, in what shape and how fast it accretes; and to test how tightly ice grips to the surface of the blade, something they call "adhesion strength."

With the help of donated equipment from Boeing, Smith and his associates remodeled the lab. It was previously the high temperature testing lab before it was handed over to the Department of Aerospace Engineering.

After installing a motor, drive system and freezer in the lab, researchers spent the last three years completing the complicated process of creating an ice cloud. Smith and his researchers sought the help of NASA's icing center in Cleveland, which provided them with a series of nozzles required to create the cloud.

Besides NASA and Boeing, the lab has numerous sponsors that help fund its research: the Army, Navy and Goodrich, as well as several small companies in State College, including FBS, Inc.

The past year has seen substantial progress not only in verifying that the lab is getting proper icing conditions and proper icing shapes with its equipment, but also with the ice protection system itself—a new system involving ultrasound technology, instead of the existing electrothermal system.

"The current way ice protection is done is with heat. They imbed little heater elements just under the skin of the blade," Smith explains. But these systems are heavy and unreliable, and they use enormous amounts of power. This allows only the largest helicopters to even attempt to use them, meaning most helicopters simply can't fly in any type of icing condition in the winter.

Airplanes, however, have hot engines to help prevent icing. Many planes have a sophisticated system that uses the engines’ hot air to blow over the inlets, melting ice, Smith said -- but the systems are no guarantee.

"You always hear every winter, 'icing results in the crash of an airplane,'" Smith says. "If the ice forms on part of the blade and not the others, you can really have bad vibration problems, so it's a lot of fatalities over the last several decades. Usually either the ice protection system didn’t come on or it didn't work right."

For helicopters, no such hot air or de-icing system exists for its rotor blades. Ice can form, weighing down the rotor and causing blades to shed off. This leads to violent shaking, much like if one would attach a weighted object to a blade on a ceiling fan, Smith says.

Fortunately, he says the new ultrasound system has been very promising over the last eight years, since he and researchers started working on it.

Smith describes the new process as a mechanical stress—the ice forms on the blade and the blade shakes back and forth at high speeds, peeling the ice off.

"It's the same thing you're really doing when you use an ice scraper, hit the ice at an angle and shear it off, that's what it's doing."

Now, Smith says his team is working to develop the technology to make it work in a practical way. In addition to helicopters, it could be relevant to airplanes, engine inlets, wing turbines—anything that is outside and subject to the elements.

Another aspect of the system is a new, efficient way to evaluate the condition of the blades, further improving a helicopter's safety. The technology uses a piece of metal located in the front of each rotor blade intended to balance their center of gravity, Smith says.

The idea is to remove that and replace it with a ceramic material, which has the same density of lead. "We take this mass out and replace it with something that can move at high frequencies ... in this case, we take advantage of the fact that all blades and wings have this mass in the leading edge that don't do anything useful except moving the center of gravity forward," Smith explains. "So now we can make better use out of a heavy material in the nose—we think that is very attractive."

When blades and wings are manufactured, they are inspected using ultrasonic CAT scans to make sure there are no cracks and the bonds are in good shape. But usually, Smith says, they're never inspected again after they leave the factory.

The ceramic masses, however, serve as ultrasonic transducers and can double as vehicles for periodic inspection for damage, in addition to de-icing aids.

So far, Smith says he doesn't have any patents for the technology he's helped develop. Though he has filed several invention disclosures over the last few years, he says the university gets many invention disclosures and can only choose a certain number to pursue a patent. But that doesn't bother him.

"So far, we haven't had our disclosures picked up; a lot of things are in public domain," he says. "I'm personally not motivated by patents—that drives some people nuts. That's not what's driving us; we want to educate the community."

Smith says his lab's new ultrasound system could be useful, but implementing it would be tricky due to the decades-long history with the current, electrothermal system.

"It's kind of like a hybrid car—it takes a long time. You're so used to a gasoline engine, if you want to switch over, there are a lot of questions people have to ask before you can just replace everything," he explains. "We're trying to answer as many of those questions as we can."

Source: physorg

Provided by Pennsylvania State University for ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 02/06/2011 @ 08:00:21, in ro - Stiinta si Societate, read 1432 times)

 Mitologia greaca ne-a facut cunostinta cu o faptura monstruoasa, cu cap de leu, corp de capra si coada de sarpe, dar asemenea hibrizi sunt semnalati in culturile multor popoare, inclusiv la romani. De-a dreptul socanta este insa o informatie care se vrea credibila si potrivit careia, in curand, creaturi jumatate-om, jumatate-animal ar putea fi „fabricate” in laborator, pentru a revolutiona medicina.

Sirena din Fidji...

„Insula doctorului Moreau”, roman celebru al lui H.G. Wells, publicat in anul 1896, ar fi prima referinta evocata de ideea mentionata mai sus. La fel de infricosator ca mai cunoscutul Frankenstein, si Moreau s-a dedat la experiente terifiante. Pe o insula pustie, el incearca, prin grefe repetate si alte operatii chirurgicale, sa creeze oameni pornind de la animale, dar nu reuseste decat sa obtina himere: oameni-leopard, oameni-urs...

O menajerie de monstri aparent livresti, numai ca un grup de cercetatori englezi sustine azi, dupa mai bine de un veac, ca in curand s-ar putea crea in laborator omul-vaca! Exista de altfel un precedent de alta natura, dovedita totusi pana la urma a fi fost o farsa. Se spune ca in 1849 Circul Barnum expunea o himera adusa din Insulele Fidji. In 1973, intr-un muzeu american a fost gasita un fel de sirena, care s-a crezut ca era chiar acea himera. Analizele au demonstrat insa ca era un fals realizat dintr-o coada de peste si un cap, nu de om, ci de maimuta.

...si omul-vaca

Pare incredibil, dar agentia britanica de bioetica (Human Fertilization and Embryology Authority – HFEA) si-a dat acordul de principiu pentru ca laboratoarele de cercetari sa produca asemenea hibrizi. Embrionii ar fi fabricati prin inlocuirea nucleului unui ovul de vaca prin cel al unei celule umane. Chiar si numai prezentarea teoretica a proiectului e terifianta, dar oamenii de stiinta nu dau inapoi. Motivatia lor? Astfel ar dori – nu sa creeze monstri, ci sa obtina mai usor embrioni umani. In prezent, cercetatorii folosesc embrioni neutilizati de cuplurile care au recurs la fecundarea in vitro, dar numarul lor e insuficient pentru a exista un bun ritm in urmarea cercetarilor. De aici, ideea procedurii mentionate, intrucat in nucleul celulei se afla toata informatia genetica pentru construirea embrionului.

*

De ce un asemenea interes pentru embrioni? Deoarece ei contin celulele-suse capabile sa se diferentieze in oricare alt tip celular: nervoase, digestive, hepatice etc. Cercetatorii doresc sa descopere reteta chimica in masura sa le permita celulelor sa se specializeze. Rezultatul ar fi ca, atunci cand o vor cunoaste, vor putea sa transforme usor oricare celule si sa le injecteze pacientilor, pentru a le vindeca organele bolnave. O revolutionare a medicinei actuale? Poate ca da, doar ca ar fi oribil sa se ajunga la a vedea bebelusi cu coarne intr-o maternitate.

Autor: ADRIAN-NICOLAE POPESCU - Sursa: magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 659 persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

U.S. FAA head set to explain Boeing 737 MAX progress to divided world regulators

Thomas Cook collapse boosts rival holiday companies, budget airlines

British travel firm Thomas Cook collapses, leaving hundreds of thousands stranded

Thomas Cook's collapse strands about 50,000 in Greece, hotels fret

Canada's Trudeau pushes on with campaign after severe blow from blackface photos

At least 35 people at wedding party killed during nearby Afghan army raid

Ultimele articole - Antena3.roUn copil de noua ani se zbate între via?a ?i moarte. O poarta metalica de fotbal a cazut peste el

Imagini exclusive cu ma?ina folosita la rapirea Adrianei, feti?a de 11 ani ucisa de un ceta?ean olandez

Experien?a tragica pentru o familie! A plecat din Londra din cauza cre?terii criminalita?ii, dar a ajuns sa regrete decizia la scurt timp

E incredibil ce i s-a întâmplat unei femei dupa ce a fost la salon sa-?i faca manichiura. „Ar fi putut sa-?i piarda degetul sau chiar bra?ul”

Feti?a ucisa în Dâmbovi?a. Primarul comunei Gura ?u?ii: Putea sa fie oricare alt copil în locul Adrianei

Român de 42 de ani, batut ?i incendiat în Italia. Barbatul a murit în chinuri groaznice





23/09/2019 @ 13:18:20
script eseguito in 916 ms