Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 15/05/2011 @ 11:00:45, in en - Science and Society, read 1222 times)

Last December at the Future of Electric Vehicles conference in San Jose, a representative from The Netherlands' Eindhoven University of Technology presented research that his institution had been doing into a novel type of electromagnetic vehicle suspension. Now that a test car equipped with the suspension is about to appear at the AutoRAI exhibition in Amsterdam, the university has released some more details about the technology. For starters, it is claimed to improve the overall ride quality of cars by 60 percent.

The Eindhoven suspension is not only electromagnetic but also active, meaning that it doesn't just mechanically respond to bumps in the road, but is controlled by an onboard computer. That computer receives input from accelerometers and other sensors on the vehicle, and adjusts the suspension accordingly within a fraction of a second. While active suspension is nothing new (at least, not for cars), it has previously mainly been integrated into hydraulic systems. According to the Eindhoven researchers, however, hydraulics can't react as quickly as their electromagnetic system, and therefore can't match the smoothness of its ride.

As with existing active suspension systems, this one should also make driving safer, as it would reportedly keep cars from swaying into corners.

About the same size as a conventional shock absorber, the system consists of a passive spring, an electromagnetic actuator, a control unit and batteries. The spring – appropriately enough – provides springing action, while the magnets provide passive shock absorption. If the batteries should fail, the system will still work as a purely mechanical suspension.

With a peak consumption of 500 watts, the suspension uses about a quarter of the power of hydraulic systems. It also stretches its battery life by using road vibrations to generate electricity. The designers believe that with refinements, the suspension's energy-efficiency could be improved even further.

The 60 percent ride improvement figure was obtained when a single wheel equipped with the system was mounted on a laboratory testbed that simulates road conditions. Last month, a test car had the system installed on two of its wheels, for actual on-road testing. At the moment, each wheel equipped with the suspension acts independently, so the researchers are now developing systems for allowing the individual suspension units to communicate with one another and coordinate their actions.

Source: GizMag

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 15/05/2011 @ 08:00:20, in ro - Stiinta si Societate, read 1678 times)

 Una dintre cele mai fericite îmbinari între arta - în special sculptura - si natura mama este reprezentata de ceea ce se numeste „fantana artistica”. Element purificator esential (vezi si botezul crestin traditional), apa este componenta cea mai atragatoare forma care poate pune în valoare un monument sculptural. De altfel, miscarea „eterna” a jetului translucid, alimentat de un izvor subteran, a fost un fascinant motiv de visare înca din antichitate. Sistemele hidraulice realizate de inginerii Greciei antice si ai vechii Rome, alaturi de maestrii Indiei medievale au condus la aparitia sculptorilor care au ornamentat fantanile publice, alaturandu-le unor simboluri mitologice consacrate si, uneori, unor puteri magice capabile sa înnobileze spiritul uman.

      În iconografia crestina, chiar de timpuriu apare conceptul de „Fantana a vietii”, legata de sacralitatea botezului cu ajutorul apei de izvor. Manuscrise ilustrate din secolul V d.Ch. Si picturi pe paneluri ne arata o fantana superba, unde apa îsi are rolul purificator în interiorul unui dom hexagonal sustinut de opt coloane; în jur sunt animale asociate cu taina botezului, precum cerbii si caprioarele. Una dintre cele mai faimoase fantani ritualice reprezentate în arta este cea din Evangherierul Godesclac (781), realizat cu prilejul botezului unuia dintre fiii lui Carol cel Mare si al sotiei sale, Hildegard.

      „Fantana tineretii” este o alta reprezentare grandioasa a puterii de simbol a apei asociata cu arta vizuala. Maestrul german Lucas Granach cel Batran (1472-1553) si-a imaginat aceasta miraculoasa putere a apei printr-o uriasa piscina (am spune astazi), în centru carei strajuieste o fabuloasa fantana arteziana, alimentata de un izvor secret al zeilor. Cu acest prilej artistic, Cranach lanseaza în pictura si celebrul motiv al „femeii la baie”, care va face valva abia în secolul XIX. În secolul care a urmat decoperirii Americii, aceasta „Fantana a tineretii” chiar a fost cautata pe Noul Continent de catre exploratori, asa cum alchimistii cautau piatra filosofala sau elixirul vietii. În statul american Florida chiar exista astazi Parcul National al Fantanii Tineretii.

 Perioada de gloriei a transformarii unei fantani în pretext pentru marea arta a fost barocul italian. Impunatoare grupuri statuare, de inspiratie mitologica în principal, au aparut la Roma, dar si în alte capitale europene. Nume precum cel al lui Gian Lorenzo Bernini (1598-1680) - de exemplu - va ramane vesnic legat de fantanile decorative ale cetatii Eterne.

      Arta si miscarea fluidului au si alte exemple uluitoare, care au însa statut de exceptie. Astfel, sculptorul american Alexander Calder (1898-1976) a realizat la Barcelona, în 1937, unica Fantana cu mercur cu lume (în memoria minerilor din Almaden), expusa în cutie de sticla din cauza toxicitatii metalului fluid. La randul sau, designerul Gene Moore (1910-1998), celebrul decorator al vitrinelor Tiffany's din New York, a avut ideea sa realizeze o fantana cu... gin, ornata cu diamante - în perioada unei mari secete de pe coasta de est a SUA. Ironicul artist a avertizat trecatorii: „ Aici nu curge scumpa apa a New York-ului. Este gin!”

      Actualmente, cel mai înalt jet de apa din lume este asigurat la „Fantana regelui Fahd” din Arabia Saudita, în localitatea Jeddah. Apa tasneste pana la 312 metri înaltime. În unele mari orase au fost amenajate hidraulofoane, adica fantani muzicale în care apa circula prin multiple gaurele, fiecare reprezentand o nota muzicala.

PAUL IOAN - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 14/05/2011 @ 14:00:33, in it - Video Alerta, read 1725 times)

Un ragazzo indossa grosse cuffie audio di fronte a un mucchio di verdura e infila il jack in una rapa per sentire che suono ha. Un cacciatore si innamora perdutamente di un orso che rifiuta le sue avance. Un cavaliere valoroso cerca per lande desolate l'ultimo uomo buono sulla terra in compagnia di un cavallo senza pelle. Questo è un assaggio delle 25 opere vincitrici della biennale di video creativi YouTube Play.

Perché YouTube non è soltanto un covo di bulli pronti a mostrare al mondo la loro ultima malefatta, ma anche un tesoro della video-arte. L'ha capito perfino il Guggenheim di New York, che con il progetto YouTube Play ha deciso di aprire le sue porte alla comunità di artisti online. Si tratta della prima biennale di video creativi organizzata dal museo di arte contemporanea più famoso del mondo in collaborazione con YouTube, Intel e HP. Andy Berndt, vicepresidente del laboratorio creativo di YouTube, spiega che lo scopo del progetto è di “attrarre video innovativi, originali e sorprendenti, senza badare a genere, tecnica, contesto o budget”. Unici discrimini: originalità e valore artistico.

I 23 mila partecipanti sono stati ridotti a una lista di 125 finalisti, tra cui figurava anche un italiano. Tra questi, una giuria di esperti nominata dal museo avrebbe dovuto scegliere i venti migliori, ma i lavori sono piaciuti così tanto che si è deciso di premiarne cinque in più, racconta Nancy Spector, curatrice progetto.
 Non c'è che dire, i 25 video vincitori annunciati il 21 ottobre a New York sono davvero ciò che di meglio può offrire la rete: cortometraggi, video musicali, filmati sperimentali, brevi documentari e animazioni. E tra tecniche all'avanguardia e volutamente retrò, una cosa è certa: niente spazio al tradizionalismo. Tra i premiati, diversi artisti già affermati, molti improvvisati, per la maggior parte statunitensi e quasi tutti nati dopo il 1970.

Dopo la cerimonia di premiazione i video sono stati proiettati dal 22 al 24 ottobre nei musei Guggenheim di New York, Bilbao, Berlino e Venezia e rimarranno disponibili su YouTube e sul sito del Guggenheim. Anche noi ce li siamo goduti e vale davvero la pena vederli. Ve li mostriamo tutti, con una breve descrizione.

Clicca qui per andare all'elenco dei video.

Autore: Sara Zapponi - Fonte: Focus.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 14/05/2011 @ 11:00:30, in en - Global Observatory, read 2401 times)

Although the lungless salamander and some frog species have developed ballistic tongues, the chameleon's ballistic tongue is the fastest, the longest, and the one that can catch the heaviest prey. A chameleon’s tongue can elongate more than six times its rest length, zipping forward at speeds of 3.5-10.5 meters/second – faster than a human eye can follow. The tongue is called ballistic because, like all ballistic objects, it moves freely without any applied force during its forward motion. Once the chameleon's accordion-like tongue is ejected, it continues moving forward under its own inertia.

With the aim to mimic the mechanisms and performance of the chameleon’s tongue, researcher Alexis Debray of Canon, Inc., in Tokyo, Japan, has developed four ballistic robotic manipulators. Each of the four manipulators excels at copying a certain part of the chameleon’s tongue, and insights from each design could eventually be combined to create a more advanced chameleon tongue that could have manufacturing applications. Debray’s study is published in a recent issue of Bioinspiration & Biomimetics.

“As far as I know, this is the first published demonstration of manipulators based on the chameleon tongue,” Debray told PhysOrg.com. “The particular mechanism of the tongue of the chameleon allows for fast accelerations and velocities and also applies no force during most of the motion.

As Debray explains, what we normally think of as the tongue of the chameleon is actually a larger system called the hyolingual apparatus. The tongue is just a small component on the front tip of the hyolingual apparatus. The majority of the hyolingual apparatus consists of the long, thin hyoglossus complex, which is the part that folds up like an accordion inside the chameleon’s mouth.

The rapid movement of the chameleon’s hyolingual apparatus involves three phases: projection, catching, and retraction. Each of these three phases is controlled by a different system. The tongue (tip of the hyolingual apparatus) contains the accelerator muscle and collagens that control the projection. When the chameleon is ready to project, it slowly protrudes its tongue out of its mouth. Then, the tongue’s accelerator muscle projects the tongue off a bone inside the chameleon’s mouth. No applied force is needed to keep the tongue – and the rest of the hyolingual apparatus – moving forward. When the tongue reaches its prey, a tongue pad containing a small suction on the tip of the tongue can stick to the prey. Finally, the hyoglossus muscle in the accordion-like hyoglossus complex retracts the tongue at a constant velocity. Although the three phases are controlled by different systems, they occur in a single smooth, continuous motion.

Like the chameleon tongue, Debray’s robotic manipulators use different specialized systems for projection, catching, and retraction. To project, all four manipulators use a coilgun in place of the chameleon tongue’s accelerator muscle. Elastomers and/or cotton string is used in place of the chameleon’s hyolingual apparatus. Instead of folding up like an accordion, the elastomers and string are wound around a reel. As for catching, the robotic manipulators use magnets on the tip of the elastomers, which attract magnetic “prey.” For retraction, the manipulators use either an elastomer, a DC motor connected to a reel and string, or a combination of both. One of the manipulators also had wings on the mobile part, which could allow researchers to take advantage of aerodynamic effects.

“In the future, movable wings will allow controlling the trajectory after the ejection of the tongue, which is not possible now,” Debray said. “In our experiments, the wings are not movable. However, their aerodynamic effect on the trajectory of the tongue has been demonstrated experimentally. So far, aerodynamic effects have been poorly studied in the field of manipulators.”

Using a high-speed camera, Debray could track the manipulators in motion. The results showed that the robotic manipulators could reach a projection velocity of 3.8 meters/second without the need for a continuously applied force, which is similar to the velocity of the chameleon tongue. In addition, the robotic manipulators could reach an acceleration of 919 meters/second2, which exceeds that of the chameleon (374 meters/second2). The manipulators that used a DC motor and string for retraction had the same extension ability as the chameleon tongue, and could also adapt to variations in the targets’ distances, as chameleons can.

By incorporating various end effectors onto the robotic manipulators, the devices could have a variety of applications, especially for products passing on a factory line. For example, manipulators with sensors could be used to sense data on products. Stamps and catching devices could be used to deposit patterns and manipulate objects, respectively. Using a mechanism based on the chameleon’s ballistic tongue could provide certain advantages compared with other manipulators due to the small size and flexibility. Further, because ballistic manipulators do not apply a continuous force during their forward motion, an accidental collision would be less severe and likely cause less damage compared to a device being pushed forward. As Debray explained, the current manipulators lack reliability, and so they cannot yet be put to practical use.

“The work presented in the paper is a first step towards manipulators inspired by the chameleon tongue,” Debray said. “Further development is needed in order to use them in factory lines. However, the ultimate goal of this work is the manufacture of Canon products such as cameras and printers, among others.”

Source: PhysOrg

More information: Alexis Debray. “Manipulators inspired by the tongue of the chameleon.” Bioinsp. Biomim. 6 (2011) 026002 (15pp). DOI:10.1088/1748-3182/6/2/026002

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 14/05/2011 @ 08:00:14, in ro - Stiinta si Societate, read 1511 times)

 Arthuromania nu constituie o noutate, fenomenul situandu-se in secolul XIII. Aventurile prestigiosului suveran pasioneaza multimile: intre anii 1200 si 1600 povestile despre regele Arthur sunt traduse in engleza, scotiana, franceza, italiana, portugheza, provensala, islandeza, elvetiana, suedeza, daneza, greaca, turca, rusa... chiar si in yiddish! Despre ce vorbesc ele?

      Despre faptul ca Arthur era rege al Bretaniei (Anglia actuala) la inceputul Evului Mediu, ca era foarte viteaz si foarte pios, cautator al Graalului, posesor al unei spade miraculoase, Excalibur. Ca manuia cu abilitate armele. Ca a ucis o serie de monstri care populau Pamantul, invadatori barbari care nu-si taiau niciodata parul (saxoni). Ca se intalnea in mod regulat in superbul sau castel din Camelot cu prietenii sai cavaleri in jurul unei mese rotunde. Ca era curtenitor cu doamnele fiind in acelasi timp foarte atasat de superba sa sotie Guenievre. Pe scurt, avea un CV aproape perfect.

Un personaj fara „amprente”

      Despre castelul sau nu se stie nimic; nici un indiciu care sa-l identifice. Despre spada sa? Nimic. Doar din descrierile unui autor medieval. Cautarea Graalului? Un truc inventat de calugari. Masa rotunda exista insa si se afla suspendata in ma-rele hol al castelului din Winchester. Dar aceasta masa a fost construita la 900 de ani dupa moartea regelui. A fost Arthur intr-adevar un rege adevarat? Dupa unii istorici, numele sau ar veni din latinul Artorius fiind vorba de un ofiter roman, (Roma a fost integral ocupata de Anglia timp de mai multe secole) un sef de razboi care ar fi luptat impotriva diversilor invadatori. S-au gasit chiar urme ale cartierului sau general. Istoria a fost insa modificata, Artorius devenind rege iar oamenii sai, cavaleri.

O alta pista e cea a lui Riothamus, rege al englezilor din acea epoca, ale carui fapte sunt atestate, un mare numar din ele corespunzand cu cele ale lui Arthur: lupte din Galia, faptul ca a fost tradat de cel caruia i-a incredintat regatul in absenta sa. Riothamus a murit insa prin anul 470. Nu a putut participa, asadar, la unele evenimente esentiale, cum ar fi de pilda, marea victorie atribuita lui Arthur impotriva saxonilor pe muntele Badon, prin anul 500.

      S-ar putea vorbi si de un print scotian, un anume Artuir. Pe de alta parte, cariera sa nu e remarcabila. Mai ramane o ipoteza: prezenta anterioara a unui ilustru roman, un anume Lucius Artorius Castus, comandant trimis in nordul tarii pentru a lupta impotriva cotropitorilor scotieni. Dar aceste evenimente s-au derulat prin anul 175. (Va urma)

DORIN MARAN - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 13/05/2011 @ 16:00:42, in en - Video Alert, read 1602 times)

Anonymous (used as a mass noun) is an Internet meme originating 2003 on the imageboard 4chan, representing the concept of many online community users simultaneously existing as an anarchic, digitized global brain. It is also generally considered to be a blanket term for members of certain Internet subcultures, a way to refer to the actions of people in an environment where their actual identities are not known.


In its early form, the concept has been adopted by a decentralized on-line community acting anonymously in a coordinated manner, usually toward a loosely self-agreed goal, and primarily focused on entertainment. Beginning with 2008, the Anonymous collective has become increasingly associated with collaborative, international hacktivism, undertaking protests and other actions, often with the goal of promoting internet freedom and freedom of speech. Actions credited to "Anonymous" are undertaken by unidentified individuals who apply the Anonymous label to themselves as attribution.

Although not necessarily tied to a single on-line entity, many websites are strongly associated with Anonymous. This includes notable imageboards such as 4chan, Futaba, their associated wikis, Encyclopaedia Dramatica, and a number of forums. After a series of controversial, widely-publicized protests and distributed denial of service (DDoS) attacks by Anonymous in 2008, incidents linked to its cadre members have increased. In consideration of its capabilities, Anonymous has been posited by CNN to be one of the three major successors to WikiLeaks.

Source: wikipedia

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

La Nasa ha annunciato la scoperta di una nuova forma di vita caratterizzata da una biochimica completamente nuova e sconosciuta che si nutre di arsenico. Ritrovata in un lago salino della California, potrebbe rivoluzionare  il concetto di vita. Sulla Terra, ma anche altrove.

Avranno trovato ET? Oppure SETI avrà finalmente captato un segnale di indubbia origine aliena? E la Casa Bianca? Sarà già stata informata? L’annuncio pubblicato sul sito della NASA lasciava ben sperare: una conferenza stampa programmata per le 11.00, ora della costa orientale, nella quale sarebbero state presentate delle evidenze scientifiche destinate a cambiare il nostro modo di cercare la vita extraterrestre. Roba grossa insomma…
E in effetti gli scienziati americani, anche se nemmeno questa volta hanno portato davanti ai media omini verdi o dischi volanti, non hanno deluso le aspettative.

Arsenico... e nuovi batteri

Un team di astrobiologi guidato da Felisa Wolfe-Simon ha isolato per la prima volta nel Mono Lake, un lago salino della California, un microrganismo capace di svilupparsi e riprodursi utilizzando come elemento base l’arsenico al posto del fosforo. La notizia è rivoluzionaria perché il fosforo è uno degli elementi chimici che compone l’ossatura di DNA e RNA, le strutture che portano le informazioni genetiche indispensabili alla vita. Fino a oggi era considerato uno degli elementi indispensabili per tutte le cellule viventi, insieme a carbonio, idrogeno, ossigeno, zolfo e nitrati. Anche la cellula sintetica realizzata qualche mese fa da Craig Venter ha una biochimica fondata su queste sostanze.
"Il concetto di vita si è ampliato" dichiara durante la conferenza stampa Ed Weiler, dirigente dell’ente spaziale americano, "dato che i nostri sforzi sono finalizzati alla ricerca di tracce di vita nel Sistema Solare, ora dobbiamo pensare in modo diverso e considerare la vita come non siamo abituati a fare".

Il fosforo è un elemento fondamentale dell’ATP (adenosina trifosfato), il composto ad alta energia richiesto dalla stragrande maggioranza delle reazioni metaboliche cellulari, e dei fosfolipidi che compongono tutte le membrane cellulari. L’arsenico, chimicamente molto simile al fosforo, è invece tossico per quasi tutte le forme di vita terrestri.
"Sappiamo che alcuni microbi possono respirare arsenico", spiega la Wolfe-Simon "ma ciò che abbiamo trovato qui è del tutto nuovo: questo microrganismo utilizza l’arsenico per costruire parti di se stesso. E se qualcosa sulla Terra può comportarsi in modo così sorprendente, cosa potrebbe succedere su altri pianeti?"

Dieta velenosa

Il nuovo microbo, del ceppo GFAJ-1, appartiene alla famiglia dei Gammaprotobatteri: i ricercatori lo hanno prelevato dal lago e lo hanno "allevato" in laboratorio eliminando progressivamente dal suo ambiente il fosforo fino a somministrargli esclusivamente arsenico. E il batterio sembra aver apprezzato, visto che ha continuato a crescere e riprodursi. Le analisi hanno indicato che il veleno veniva utilizzato per sintetizzare gli elementi costitutivi di nuove cellule di GFAJ-1.
Il punto chiave della ricerca è stato capire se l’arsenico veniva effettivamente incorporato nel batterio: con grande sorpresa degli scienziati, molecole di arsenico sono state trovate nel DNA del microrganismo al posto del fosforo.

C'è chi dice no

La notizia ha sollevato un gran polverone in tutta la comunità scientifica: Steve Benner, un chimico della Foundation for Applied Molecular Evolution di Gainsville (Florida) ha dichiarato a New Scientist di non essere convinto della validità dei risultati della ricerca: "Per analizzare il DNA del batterio avrebbero dovuto metterlo a bagno in un gel a base di acqua, che avrebbe rapidamente dissolto ogni molecola di arsenico".
E anche Robert Shapiro della New York University, uno dei massimi esperti mondiali su DNA e origini della vita, si mostra scettico: "Molti esperti sono concordi nel ritenere che questi microrganismi non siano poi così strani" ha spiegato al Wall Street Journal , "sono solo dei cugini di forme di vita ben note [gli organismi estremofili, ndr], con abitudini singolari".

Fonte: Focus.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

You might think indestructible things are a figment of the imagination of advertising. Even plastic components that have to stand up to major mechanical loads can break. The reason for this are microcracks that may be found in any component part. Researchers have now come up with elastic polymers that really heal themselves to put an end to the growth of cracks.

It can be a total surprise: car tires burst, sealing rings fail and even your dearly beloved panton chair or your freely oscillating plastic chair develops cracks and the material gets fatigued. The reason for this often sudden and unforeseen material failure is triggered by microcracks that may be found in any component. You may hardly see these cracks and they may grow fast or slow. This also applies to fractures in components made of plastic that can be elastically formed. Sealing rings or tires are made of these elastomers and they can withstand mechanical loads especially well.

In the OSIRIS project of the German Federal Ministry of Education and Research BMBF, researchers at the Fraunhofer Institute for Environmental, Safety and Energy Technology UMSICHT in Oberhausen, Germany have come up with self-healing elastomers that can repair themselves autonomously, in order to put a stop to the growth of cracks already from the start while avoiding spontaneous material failure. The source of their inspiration was the caoutchouc tree hevea brasiliensis and plants that conduct latex, such as the Weeping Benjamin. This latex contains capsules that are filled with the protein hevein. If the caoutchouc tree is damaged, the latex escapes and the capsules break open to release hevein, which also links the latex particles in the latex to form a wound closure.

The scientists have applied this principle to elastomers. Dr. Anke Nellesen, who is a scientist at the Fraunhofer Institute for Environmental, Safety and Energy Technology, provides the explanation: "We loaded microcapsules with a one-component adhesive (polyisobutylene) and put it in elastomers made of synthetic caoutchouc to stimulate a self-healing process in plastics. If pressure is put on the capsules, they break open and separate this viscous material. Then this mixes with the polymer chains of the elastomers and closes the cracks. We were successful at making capsules stable to production, although they did not provide the self-healing effect we wanted." However, the researchers obtained good results by putting the self-healing component (i.e., the polyisobutylene) into the elastomer uncapsulised. Various test bodies from different synthetic caoutchoucs indicated clear self-healing properties, since the restored tension expansion was 40 percent after a healing period of 24 hours.

The experts even achieved better results by supplying elastomers with ions. Here, the caoutchouc tree also acted as the model for this method. The hevein proteins that are released when there is damage link up to each other through ions and stick in this process so that the crack closes. Therefore, if the elastomer material is damaged, the particles with opposite charges are looking for a new bonding partner – in other words, a plus ion attracts a minus ion, which makes it adhere. Anke Nellesen points out the advantage in relation to the microcapsule process: "We make sure that the wound closure is stable by charging the elastomers with ions, which means that the healing process can take place as often as needed. The scientist remarks that "there are already duromers with self-healing functions in the form of self-repairing paints in cars. We still haven't developed elastomers that can close their cracks without interference from outside."

The automobile industry could profit from this latest development, which is why you can see the prototype of self-repairing muffler suspension at the Hannover Fair in Hannover, Germany from April 4-8 at the joint Biokon stand in Hall 2.

Source: PhysOrg

Provided by Fraunhofer-Gesellschaft

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 13/05/2011 @ 08:00:31, in ro - Stiinta si Societate, read 1952 times)

 Un numar mare de sugari contracteaza infectii acute respiratorii, care, spre deosebire de cele ale copiilor scolari, au tendinta de a evolua sever. Ele apar în special în sezonul rece, frigul, curentii de aer si umezeala constituind factori favorizanti. Sugarul se poate îmbolnavi de boli usoare, dar si severe, ca laringita acuta sufocanta, pneumonia (bronsita capilara) sau catarul sufocant al plamânului. Mama sugarului poate fi un ajutor pretios în prevenirea îmbolnavirilor respiratorii, atunci când recunoaste primele semne ale acestora si acorda ea însasi îngrijirile initiale, pâna la venirea medicului pediatru.

 Rinofaringita acuta este cunoscuta sub denumirea de guturai sau raceala comuna si consta în inflamatia mucoasei nasului si a faringelui. Ea poate constitui o boala de sine statatoare sau poate însoti gripa, rujeola ori alta maladie infecto-contagioasa. Boala începe cu febra (38-39ºC), indispozitie, lipsa poftei de mâncare si somn agitat. Nasucul se înfunda, iar respiratia este fornaita, greoaie si pe gura.

Sugarul începe sa aiba o tuse uscata, stranuta si uneori are probleme digestive: varsaturi, diaree, refuz al mâncarii. La unii copii, mai ales când febra se ridica, pot aparea convulsii (contractii musculare involuntare). De la aparitia primelor semne, copilul trebuie tinut în casa, iar încaperea va fi bine aerisita, încalzita optim, cu aer umidificat. Pâna la sosirea medicului, mama va pune sugarului de 3-4 ori pe zi, în ambele nari, picaturi de ser fiziologic simplu sau efedrinat.

Se mai pot administra: piramidon, supozitoare cu aminofenazona, simple sau cu luminal (la sugarul agitat), asociate cu o fiola de vitamina C, pe gura. De asemenea, se dau ceaiuri calde din flori de tei, musetel, soc, îndulcite cu miere de albine; în 3-4 zile, pâna la o saptamâna, copilul se vindeca.

ADRIAN-NICOLAE POPESCU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Sono giunte alla mia attenzione alcune voci secondo cui “Zeitgeist” e, per estensione, il Movimento Zeitgeist, sarebbe un gruppo massonico satanista che vuole sterminare il 90% della popolazione mondiale tramite un piano segreto del “Nuovo Ordine Mondiale” (NWO), fare sacrifici umani a Lucifero, il tutto farcito da uno spiritualismo New Age.

Per quanto possano sembrare considerazioni idiote e non degne di nota, ho purtroppo notato che molte persone ci cascano. Vorrei prendere quindi alcuni minuti per fare chiarezza una volta per tutte su questa questione, così da non perdere più tempo in futuro a sbugiardare certe idiozie.

"Illuminati", di cui noi dovremmo fare parte. Buono a scoprisi, perché nonostante abbia fondato il movimento in Italia ed essendone coordinatore nazionale non lo sapevo!

Cominciamo dall’inizio. Da dove originano queste proposizioni alquanto bizzarre? Bastano pochi minuti su Google per tracciare tutto a due articoli, il primo del sito nwo-truthresearch intitolato “Il Comunismo New Age: Il Programma “Zeitgeist”” che altro non è che la traduzione in italiano di un articolo del blog americano Revolution Harry.

Non mi soffermo in considerazioni sulla poverissima traduzione (nomi sbagliati, accenti, etc...) e cercherò di concentrarmi sul contenuto. L’autore inizia col dire:

Sarei giunto a capire che gran parte del cosiddetto 'Movimento per la Verità' era una 'psy-op' controllata, uno dei cui principali obiettivi, in termini semplici, era quello di orientare in direzione di un governo mondiale 'buono' chi aveva compreso che era in corso di sviluppo il Nuovo Ordine Mondiale orwelliano.

Logo del "Club of Rome"

Ovviamente non viene data alcuna spiegazione del perché sia venuto a pensare una cosa simile, secondo quali criteri e quali prove l’abbiano indotto a giungere a questa conclusione. Eppure, da lì costruisce tutta la sua argomentazione, continua infatti:

Inoltre, questo governo mondiale 'buono' avrebbe avuto armonie New Age (Teosofiche). In breve, si sarebbe trattato del Nuovo Ordine Mondiale al quale il PTB aveva sempre mirato.

Da qui in poi è una lunga lista di quello che in logica viene chiamato non sequitur, ovvero una serie di considerazioni che non conseguono dalle premesse, ma che poi vengono utilizzate successivamente per costruire altri ragionamenti, invalidando tutto il discorso.

Harry non si pone minimamente il problema di spiegare nulla di tutto ciò (quello che dice è, dobbiamo credergli sulla parola), rimanda invece ad un articolo ancora più sconclusionato di Richard Evans intitolato “La Soluzione Zeitgeist è il Comunismo riconfezionato per attirare il cercatore della verità del 21mo secolo”. Evans (a parte sbagliare i nomi di Jacque Fresco e Peter Joseph, mostrando quanto abbia ricercato accuratamente per scrivere questo articolo), inizia una serie di attacchi ad personam, per poi prendere la tangente e lanciarsi in speculazioni che trovo tanto esilaranti quanto deliranti.

Per cominciare, Jacque Fresco sarebbe un “associato ONU”. Dato che l’ONU non è un’associazione non capisco come lo possa essere, immagino intenda “membro dell’organizzazione”, ma non fermiamoci sui dettagli. Come unica fonte cita un video dove Roxanne Meadows, partner di Jacque, racconta che in passato hanno partecipato ad una conferenza per parlare del Venus Project, dove erano presenti alcuni membri dell’ONU. Mi pare un po’ debole come collegamento, anche perché io posso partecipare ad una conferenza per parlare di pace ad una tavola di discussione dove è presente il capo militare di qualche esercito. Questo non significa che io faccia parte dell’esercito o che ne sostenga le sua attività, anzi, mi troverei proprio lì per il motivo opposto. Comunque, immaginiamo per assurdo che il collegamento sia giusto e che Jacque effettivamente sia un membro delle Nazioni Unite. Certamente dovrebbe comparire nei loro archivi, dato che sono pubblici. Eppure, in tutto il loro sito, non c’è una singola ricorrenza di Jacque Fresco, nemmeno una citazione. Bastano cinque secondi e un motore di ricerca per verificarlo, non è difficile.

Insomma, abbiamo stabilito che Jacque con la Nazioni Unite non ha nulla a che fare, se non aver conosciuto alcuni che ci lavorano ad una conferenza. Evans va avanti dicendo:

È associato all’ONU e promuove il familiare programma degli Illuminati.

Abbiamo già stabilito che la prima parte della frase è falsa, da qui in poi vengono commessi una caterva di errori logici. Il primo si chiama ex falso sequitur quodlibet, ovvero partendo da un presupposto falso posso far conseguire qualunque cosa. Per esempio: sono un marziano, quindi sono alto 10 metri.

Un’altra premessa, data per assunto e tutta da dimostrare, è che le Nazioni Unite sostengano dei misteriosi piani di questa élite chiamata “illuminati”, che prevedono lo sterminio del 90% della popolazione mondiale e il controllo delle menti delle persone tramite varie tecniche di manipolazione chimica e biologica. Non voglio entrare nel merito della questione e non voglio prendere posizione a riguardo, ma faccio semplicemente notare che viene dato come assunto senza dimostrare nulla.

Per spiegare la prossima falla logica immaginiamo, sempre per assurdo, che Jacque effettivamente faccia parte della Nazioni Unite, che gli illuminati abbiano questi piani diabolici segreti e che siano infiltrati nell’organizzazione. Significa forse che tutti i membri dell’ONU ne sono a conoscenza e sottoscrivono questi piani? Ho un amico che lavora all’ONU come diplomatico per la risoluzione dei conflitti in Africa e per portare la pace in quei villaggi devastati della guerra. Anche lui fa parte di questa megacospirazione, e vuole in realtà sterminare miliardi di persone innocenti? Questo si chiama in logica falso sillogismo, ovvero applicare a tutti una cosa non generalizzabile. Esempio: Marco ha gli occhi blu, Marco è un uomo, tutti gli uomini hanno gli occhi blu. Si tratta di logica basilare, nulla più.

Da qui in poi è comicità allo stato puro. Gli stessi errori logici vengono ripetuti decine di volte senza la minima verifica di fonti o ragionamenti razionali, quindi non mi dilungherò oltre. Se volete farvi due risate leggete il resto articolo.

Il secondo è scritto da Marcella Fraschi, e presenta gli stessi errori del primo, sia di forma che di contenuto. Inizia attaccando:

Questi docu-film non sono stati realizzati gratuitamente, hanno avuto finanziamenti da colossi della tecnologia come la Sony e la Siemens.

Certo, non sono stati realizzati gratuitamente. Il regista americano Peter Joseph ha messo di tasca sua centinaia di migliaia di dollari per poi distribuirli gratuitamente in rete, senza alcun profitto (cattivone!). Era stanco di lavorare per la pubblicità, e voleva scappare dai meccanismi di profitto e vendita, così ha deciso di prendere quasi tutti i suoi risparmi e di investirli in un progetto per migliorare questa società, senza chiedere nulla in cambio. Per chi vuole sostenere il progetto è possibile comunque acquistare il DVD al prezzo simbolico di 5 dollari (3 euro). Dall’uscita del primo film nel 2007, Peter ha dichiarato che è ancora ampiamente in rosso e che spera al massimo di rientrare nei costi di produzione nel lungo termine.

Anche in questo caso non viene data alcuna spiegazione. Io però ricordo che alcuni notarono una breve scena in Addendum in cui veniva mostrato uno schermo con la scritta “Siemens”. Le riprese di quella scena sono state fatte a Times square, dove sono presenti centinaia di marche di multinazionali. Peter aveva applicato un filtro gaussiano per rendere sfocate le scritte, ma quella Siemens, essendo molto più grande delle altre, risultava ancora leggibile. Questo ha dato ampio spazio ai cospiratori per partire con le loro ipotesi di complotto strampalate. Consapevole di questo, nel film successivo, Moving Forward, Peter ha voluto ironizzare girando un’altra scena in Times square, questa volta però storpiando i nomi delle aziende, come “Siemells” e “Banosonic”. Un tocco di classe.

Bene, siamo solo all’inizio del delirio. L’articolo continua dicendo:

Tra i sostenitori del PV ci sono personaggi importanti come Bill Gates (che in una conferenza rivelò il desiderio di ridurre la popolazione tramite un vaccino). Non so voi, ma io ci trovo del ridicolo, o meglio, del tragi-comico.

Anch’io ci trovo del ridicolo, o meglio del tragicomico, perché di nuovo non viene data alcuna fonte sul fatto che Bill Gates sostenga il Venus Project (per favore, smettetela di chiamarlo Progetto Venus, l’era di Mussolini è finita e non dobbiamo tradurre tutti i nomi stranieri), ma soprattutto non c’è alcuna fonte che Gates voglia sterminare la popolazione con un vaccino. Per assurdo, anche se volesse farlo e anche se sostenesse il VP, non c’è alcun collegamento tra il Movimento Zeitgeist e questo fantomatico vaccino!

Tutto il resto dell’articolo è una disquisizione su un ipotetico collegamento New Age con il Movimento Zeitgeist. Sì, non vi sto prendendo in giro, avete letto bene: non solo saremmo dei satanisti, illuminati, vaccinatori sterminatori orwelliani, ma anche New Age. Siete pronti a sentire il collegamento logico? Tenetevi forte e leggiamo:

Tra i personaggi che vengono intervistati in questi documentari spiccano: Krishnamurti, Acharya S, Michael Tsarion e Joran Maxwell.

A parte sbagliare per l’ennesima volta i nomi, gli individui citati sono presenti solo nel primo dei tre film, che come è stato spiegato più volte non ha nulla a che fare con il Movimento Zeitgeist. Si tratta infatti dell’espressione artistica del regista Peter Joseph, che aveva creato un’opera musicale in stile vaudevilliano in cui raccontava come le superstizioni si progagano nella società, con effetti disastrosi. Con il secondo film, Addendum, Joseph prende le distanze in maniera netta dal primo, non limitandosi ad analizzare i problemi della società, ma presentando anche una direzione sociale basata sulla sostenibilità ambientale, la pace e un cambiamento culturale non violento su scala globale. Nasce così il Movimento Zeitgeist, un’organizzazione senza leader a respiro globale, formata da migliaia di attivisti di tutto il mondo che mettono a disposizione il proprio tempo come volontari non pagati.

Ma non perdiamoci, ecco che arriva il punto cardine da cui consegue il resto dell’articolo:

Essi sono tra i maggiori esponenti della New Age, quindi i film e di conseguenza il Venus Project, sono basati su questa filosofia.

A questo punto non penso sia necessario dovervi spiegare cosa ci sia di sbagliato in questa frase, ho troppo rispetto per la vostra intelligenza. Vi dico solo che in una sola riga riesce a commettere tutti gli errori logici che ho citato prima. Roba da record.

Una piccola nota di forma: pare che molti, parlando del Movimento Zeitgeist, facciano riferimento a un fantomatico “Zeitgeist” e basta, come se fosse un’organizzazione o un’istituzione con un’identità propria. Zeitgeist (spirito del tempo in lingua tedesca) è un'espressione adottata nell'Ottocento che indica la tendenza culturale predominante in una determinata epoca. Come tale, è stata utilizzata in una varietà di contesti, dalla cultura popolare alle multinazionali. Per esempio, molti hanno associato il movimento al Google Zeitgeist, una collezione di elenchi delle parole chiave più ricercate di Google, affermando poi che noi saremmo finanziati da David Mayer de Rothschild. Ovviamente non esiste alcun collegamento, se non la parola Zeitgeist in comune. Comunque, il collegamento tra Google e Rothschild è nuovamente buttato a casaccio, solo perché è andato a parlare allo Zeitgeist Europe 2007. Zeitgeist è però anche un album dei The Levellers del 1995, un EP dei Frogcircus del 2002, o ancora un album dei The Smashing Pumpkins del 2007 e del nostrano Dj Nais del 2009. E ancora, Zeitgeist è un framework scritto in Python per Linux e un personaggio della Marvel Comics, ma non troviamo associazione del movimento a questi, come mai?

Il fatto che ci chiamiamo Movimento Zeitgeist non è casuale, siamo infatti un movimento spontaneo di persone e non una setta, un’azienda o un’istituzione. Fare riferimento a Zeigeist e basta per riferirsi al nostro movimento è un po’ come dire “stelle” per parlare dei ragazzi del “Movimento a 5 stelle” di Beppe Grillo, non ha molto senso.

In conclusione, non mi stupisce che certi articoli vengano scritti, e non posso di certo biasimare gli autori. Viviamo in una società di profonda ignoranza scientifica e letteraria. Secondo un articolo del linguista Tullio de Mauro, cinque italiani su cento tra i 14 e i 65 anni non sanno distinguere una lettera da un'altra, una cifra dall'altra. Trentotto lo sanno fare, ma riescono solo a leggere con difficoltà una scritta e a decifrare qualche cifra. Trentatré superano questa condizione ma qui si fermano: un testo scritto che riguardi fatti collettivi, di rilievo anche nella vita quotidiana, è oltre la portata delle loro capacità di lettura e scrittura, pertanto, un grafico con qualche percentuale è un'icona incomprensibile. Secondo specialisti internazionali, soltanto il 20 per cento della popolazione adulta italiana possiede gli strumenti minimi indispensabili di lettura, scrittura e calcolo necessari per orientarsi in una società contemporanea. Non c’è quindi da stupirsi se questi articoli non solo vengono scritti, ma anche condivisi a spron battuto, senza il minimo spirito critico e la verifica delle fonti.

Non posso che lasciarvi con un invito: non fatevi abbindolare da qualunque cosa troviate, sia essa su Internet, in televisione o nei libri. Non è facile navigare nell’oceano delle informazioni e stimoli che ci circondano, ed è per questo che la specie umana ha perfezionato il metodo scientifico, che ci permette di raggiungere una conoscenza della realtà oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile.

Detto ciò, lascio da parte questa attività di “debunking” per parlarvi di qualcosa di molto più rilevante. Ciò che importa di più è che, anche se per assurdo tutto quello in cui credono i complottisti si rivelasse vero, le idee e i valori proposti dal movimento non verrebbero minimamente falsificati. Si tratta di un movimento sociale non-profit, che mira ad un cambio di valori su scala globale. Lo scopo è elevare lo Zeitgeist (spirito del tempo), appunto, lo spirito culturale delle società, ad un livello più umano e sano, in modo che sia basato sulle risorse della Terra, sulle nostre conoscenze scientifiche e tecnologiche, e sulla liberazione delle persone, che possano finalmente realizzare il loro potenziale, nel rispetto della natura. Perché non si parla di queste cose, piuttosto che lanciarsi in appassionati e irrazionali attacchi a Peter e Jacque? Vi ricordo che il movimento è formato da migliaia di attivisti e che non ha alcun leader. Se un domani venisse fuori che Peter e Jacque siano davvero dei satanisti new age del nuovo ordine mondiale, non faremo altro che staccarci dall’organizzazione e cambiare il nome da movimento zeitgeist a “movimento perepepè”, oppure “movimento per la pace e sostenibilità”, oppure “movimento per l’economia delle risorse” o qualunque altro nome ci venga in mente. Quello che conta sono le idee, e di quelle dovremmo parlare. I nomi non importano, dietro ai nomi ci sono delle idee “e le idee sono a prova di proiettile”. (V)

Se volete sapere chi c’è veramente dietro al Movimento Zeitgeist, visitate la pagina di attivismo o venite a trovarci su teamspeak la domenica sera alle 21:00 (qui trovate le istruzioni su come connettervi), avrete la possibilità di parlare con noi. Non fatevi intimorire, in 47 incontri ufficiali non abbiamo mai litigato, mai ci sono mai stati insulti o attacchi ad personam per coloro che non la pensavano come noi, anzi! (ci sono le registrazioni a provarlo :P)

Siete tutti invitati a venire a parlare, discutere e soprattutto portare nuove idee e punti di vista: è l’unico modo grazie al quale riusciremo a crescere, insieme.

Federico Pistono
coordinatore del Movimento Zeitgeist

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 575 persone collegate

< luglio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Puerto Rico governor faces calls for impeachment over chats

More Puerto Rico protests planned as governor resists calls to resign

A rally and a redirect: why the markets are so focused on the Fed

Iran says it seized British tanker, denies U.S. brought down drone

U.S. Democratic lawmakers slam Trump's latest border initiatives

Britain says Iran seizes two oil tankers in Gulf, Iran says captured one

Ultimele articole - Antena3.roHOROSCOP 20 iulie 2019. Berbecii au o oportunitate de a face bani, Gemenii au un mod unic de a privi lumea

CALENDAR ORTODOX 20 IULIE. Mare sarbatoare astazi pentru cre?tinii ortodoc?i

Ionela e studenta ?i s-a apucat într-o zi sa cer?easca cu romii în Fran?a. Dupa doar câteva zile a descoperit ceva uluitor: Am intrat într-o camera ?i acolo erau cu zecile! "În dragoste, în razboi, totul e posibil"

"Sunt casatorita de 17 ani, am un so? minunat, faceam mereu amor, dar într-o zi ni s-a întâmplat ceva bizar. De atunci nu a vrut sa ma mai atinga în pat. Nu mai pot trai a?a, trebuie sa divor?ez"

Cutremur în România, vineri seara

Dar ?i Har. Daniela Costachel: Aici gre?e?te sistemul ?colar de stat





20/07/2019 @ 01:05:33
script eseguito in 932 ms