Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

România, al doilea mare client al Fondului Monetar International din Uniunea Europeana dupa Grecia, va gazdui în acest weekend reuniunea rotativa a constituantei FMI si a Bancii Mondiale, structura organizatorica condusa de Olanda si care reprezinta inclusiv interesele Bucurestiului în comitetele directoare ale celor doua institutii financiare internationale.

Acest eveniment a fost anuntat înca de la sfârsitul lunii aprilie de catre guvernatorul BNR, Mugur Isarescu. El spunea atunci ca la evenimentul organizat la Bucuresti si-au anuntat participarea 12 guvernatori de banci centrale si ministrii de finante din tarile care fac parte din acest grup.

Constituanta olandeza este formata din România, Olanda, Armenia, Bosnia si Hertegovina, Bulgaria, Croatia, Cipru, Georgia, Israel, Macedonia, Moldova, Muntenegru si Ucraina si voteaza în numele acestor tari în boardurile executive ale FMI si BM.
Este pentru a doua oara dupa Revolutie când România organizeaza acest eveniment, prima data reuniunea având loc în 1998.

Organizarea acestei reuniuni se realizeaza o data pe an, pe baza unui principiu de rotatie între tarile membre ale constituantei olandeze.

România înca este reprezentata la FMI de Mihai Tanasescu, care este senior advisor, iar la Banca Mondiala de Stefan Nanu, care ocupa pozitia de director adjunct al constituantei olandeze.

Din aceasta vara functia de negociator-sef al FMI pentru România va fi preluata de olandezul Erik Jan de Vrijer, care va avea misiunea de a supraveghea rambursarea de catre România a celor 10,5 miliarde de drepturi speciale de tragere (DST - moneda FMI) trase de la fond, peste 12 miliarde de euro la cotatia actuala a DST. Împrumutul reprezinta aproximativ 9% din PIB-ul tarii estimat la 140 miliarde de euro.

Schimbarea coincide cu apropiata încheiere a mandatului lui Mihai Tanasescu pe pozitia de reprezentant al României la FMI, functie pe care o detine de circa cinci ani.

Tanasescu urmeaza sa primeasca un post de viceprese­dinte la Banca Europeana de Investitii. În locul lui Tanasescu va pleca la Washington Serban Matei, seful Directiei opera­tiuni de piata din BNR, potrivit unor surse bancare.

În FMI sunt 24 de constituente. Tarile mari, precum SUA si China, au propriul lor loc în boardul FMI si voteaza direct.

Câti bani am luat de la FMI si BM si când îi dam înapoi ?

Pentru a face fata crizei, România a devenit la începutul lui 2009 unul dintre principalii clienti ai FMI din Uniunea Europeana, întrecând Ungaria, dar fiind depasita de Grecia. Ungaria a primit aprobarea de la FMI pentru un împrumut de 10,5 mld. DST si a tras 7,6 mld. DST, în timp ce împrumutull stand-by aprobat pentru Grecia a totalizat 26,4 mld. DST, suma trasa fiind de 17,5 mld. DST.

Pâna acum România a platit doar dobânzi aferente împrumutului record de aproape 20 mld. euro semnat cu FMI, Comisia Europeana (CE) si Banca Mondiala în urma cu trei ani - cel mai mare împrumut din istoria României si cât jumatate din bugetul tarii.

Prima plata a principalului catre FMI va avea loc pe data de 6 august 2012 si va fi în suma de 546 de milioane de drepturi speciale de tragere (DST, "moneda" FMI), peste 600 mil. euro la cotatia din prezent a DST.

Pe parcursul acestui an, România va trebui sa ramburseze catre FMI aproximativ 1,8 mld. euro.

Din acestia, Ministerul Finantelor trebuie sa dea înapoi 121 mil. euro FMI, iar BNR trebuie sa plateasca circa 1,4 mld. euro, diferenta reprezentând dobânzi.

Din împrumutul de la FMI, de aproximativ 12 mld. euro, la buget au ajuns doar circa 2 mld. euro, diferenta intrând la rezerva valutara a BNR.

Cea mai mare parte a împrumutului contractat în 2009 de la FMI se ramburseaza din rezervele valutare ale BNR, nu de la buget, astfel ca nu ar trebui sa existe constrângeri legate de rambursarea împrumutului, având în vedere ca în mai 2012 rezervele valutare au ajuns la 33,5 mld. euro.

De la Banca Mondiala România a împrumutat 1 mld. euro pe care începe sa-l ramburseze începând cu anul 2022. Recent, Banca Mondiala a aprobat o linie de credit de 1 mld. de euro pentru România, care va consolida rezerva de lichiditati a Ministerului Finantelor, reprezentând o plasa de siguranta în cazul în care tensiunile de pe pietele financiare se vor accentua.

Sursa: zf.ro - via gandeste.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Su internet girano varie ricette; io ho scelto questa perchè richiede ingredienti facilissimi da trovare e che costano veramente poco: glicerina, bicarbonato, comune sale da cucina. Più un olio essenziale per l’aroma.

Il vantaggio per il portafoglio è evidente. Per quanto riguarda l’ambiente, gli si risparmiano le risorse necessarie per produrre tubetto e scatola, e poi per riciclarli o smaltirle in discarica. Ecco il video...

A proposito del bicarbonato, l’ingrediente principale (la glicerina serve giusto ad “impastarlo”) so che esiste una polemica vecchia come il cucco: fa male ai denti e li corrode! No, non fa male e anzi li sbianca!

Secondo me, taglia la testa al toro il fatto che il bicarbonato – così almeno dice Wikipedia – rientra anche nella composizione dei dentifrici industriali.

Fonte: blogeko.iljournal.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 17/06/2012 @ 08:09:30, in en - Video Alert, read 1195 times)

If you’ve ever watched a cephalopod such as a squid changing color, then you’ll know that it’s a pretty amazing process – they can instantly change the appearance of their skin from dark to light and back again, or even create pulsating bands of color that travel across it. They are able to do this thanks to muscles that manipulate the pigmentation of their skin. Now, scientists from the University of Bristol have succeeded in creating artificial muscles and cells, that might someday allow for the same sort of color changes in smart clothing that can camouflage itself against different backgrounds.

The color-changing muscles of squids – along with various fish, reptiles and amphibians – work in unison with specialized cells known as chromatophores. In squids, each of these cells contains a sac, filled with granules of pigment. When the muscles surrounding a chromatophore contract, that colored sac expands, causing it to appear larger to an observer.

Zebrafish, another color-changing animal, take a slightly different approach. Their chromatophores contain a reservoir of liquid pigmentation. When activated, that liquid is pumped through to the skin, where it spreads out like ink.

The U Bristol researchers used dielectric elastomers – soft, stretchy electrically-activated polymers – to create man-made equivalents of both of these systems.

When an electrical current is applied to them, the elastomers themselves expand, creating the same illusion as a squid’s expanding pigment sac. As soon as the current is shut off, they return to their regular state.

To replicate the zebrafish’s process, an artificial cell was created by sandwiching a silicone bladder between two glass microscope slides. Dielectric elastomers were used to create two pumps, one located on either side of the bladder, and connected to it with silicone tubes. One of those pumps is able to send opaque white spirit into the bladder, while the other can pump in a mixture of black ink and water. By alternately activating the two muscle-pumps with an electrical current, the white and black “pigmentations” can displace one another within the bladder, causing it to appear all-white, all-black, or somewhere in between.

“Our artificial chromatophores are both scalable and adaptable and can be made into an artificial compliant skin which can stretch and deform, yet still operate effectively,” said project leader Jonathan Rossiter. “This means they can be used in many environments where conventional 'hard' technologies would be dangerous, for example at the physical interface with humans, such as smart clothing.”

A paper on the research was published today in the journal Bioinspiration and Biomimetics.

Source: Gizmag - via zeitnews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Sono, verosimilmente, i punti cardine del “piano B” in mano all’Unione Europea. Quel piano che, non sia mai, dovrebbe scattare se la Grecia lasciasse l’euro. O se per questo o altro consimile motivo i correntisti, quelli che hanno un conto in banca, corressero tutti in massa a trasformare i loro depositi in cash.  Anticipato dalla Reuters il piano in questione riempie oggi le pagine di tutti i quotidiani ma è, in realtà, un piano disperato nella sua ovvietà. Un piano che dovrebbe fermare l’ondata montante di panico, la prima e la più alta. Ma anche un piano che non appena fosse messo in atto produrrebbe panico ad ondate grandezza tsunami. Per curare la paura che si sta diffondendo, per salvare le banche dall’assalto e da se stesse serve altro: serve una garanzia unica europea per i depositi bancari, serve ora e serve subito.

“Schnell, Frau Merkel” titola oggi (12 giugno) il Sole 24 Ore, con una eco del “Fate presto” che aprì il quotidiano di Confindustria all’indomani della caduta di Berlusconi. “Presto, signora Merkel”, tre mesi e anche meno le hanno dato, a lei a noi tutti, prima il finanziere George Soros e ora Christine Lagarde per salvare la moneta unica. Novanta giorni, un’estate per dare una svolta ad una crisi in cui come europei ci trasciniamo ormai da più di due anni e per portare a compimento un processo politico rimasto monco da più di un decennio. La moneta unica ha bisogno di un’economia unica e, come ha ribadito Mario Draghi, tocca alla politica il compito di fare questo passo. Alla politica e a nessun altro. E la cancelliera Angela Merkel è colei che ha in mano le chiavi per fare questo passo. Certo non è la cancelliera tedesca l’unica attrice di questo processo, devono partecipare anche gli altri leader europei ma la Merkel, oltre ad essere stata sinora quella che ha difeso il rigore senza se e senza ma, e anche il leader del paese europeo economicamente più forte. Senza il suo avallo quindi gli altri possono poco, mentre il suo appoggio garantirebbe quasi certamente la forza politica necessaria per superare le residue difficoltà.

Il Sole 24 Ore, in un editoriale firmato dal direttore Roberto Napoletano, si spinge oltre e individua oltre alla garanzia europea per i depositi anche altri punti ineludibili per far tornare l’Eurozona a “riveder le stelle”. Scrive Napoletano:

“Il tempo delle parole è finito, con dieci anni di ritardo, il disegno di integrazione politica va portato a compimento attraverso scelte concrete, immediatamente operative. Almeno tre.

1 – Garanzia unica per i depositi bancari europei. A chi solleva problemi morali, non del tutto infondati, sulla sua introduzione, va spiegato che, in assenza di questo strumento, rischia di pagare di più anche chi si è comportato bene.

2 – Accesso diretto al Fondo salva-Stati (Efsf) da parte degli istituti di credito. Potrà sembrare un dettaglio ma non lo è: le turbolenze di ieri sui mercati sono figlie proprio della convinzione che gli aiuti arriveranno da un secondo fondo di stabilità, Esm, non dall’Efsf, e questo incide sulla qualità e il tasso di rischiosità dei titoli di Stato spagnoli.

3 – Unificazione dei debiti pubblici europei distinguendo (Paese per Paese) il carico degli interessi ma neutralizzando così l’azione della speculazione sui tassi dei titoli sovrani dei Paesi del Sud Europa (e non solo) che si è rivelata molto onerosa. Questo terzo punto è il più complicato. Si può raggiungere solo a patto che si scambi la protezione in comune con la modifica della Costituzione di ciascun Paese per cedere sovranità nazionale e acquistare sovranità europea sigillata da una nuova, vera carta costituzionale. Perché diventi realtà chi governa i singoli Paesi (Francia e Germania comprese) deve avere la forza di far capire ai suoi elettori gli indubbi benefici di breve e medio termine conquistabili con tale scelta. Può sembrare un processo ardito (di certo non è agevole) ma è addirittura obbligato se non si vuole fare la fine dei dieci piccoli indiani di Agatha Christie”.

Fa bene l’Europa a prepararsi nel frattempo allo scenario peggiore, cioè ad un’uscita della Grecia dalla moneta unica in assenza di quelle riforme indicate sopra. Sarebbe da incoscienti non prendere in esame questa possibilità. Ben vengano dunque le misure anticipate dalla Reuters. “Se la Grecia dovesse uscire dall’Eurozona,- scrive la Stampa – la Bce si troverebbe immediatamente costretta a interrompere i finanziamenti sul mercato della liquidità. Nel giro di una notte il sistema bancario fallirebbe. Con lui, le imprese. La conseguenza più evidente sarebbe una corsa dei correntisti alle filiali per recuperare il proprio denaro. E’ per questo che si è pensato di intervenire sulla liquidità disponibile agli sportelli automatici e alla circolazione dei capitali, cosa che potrebbe essere estesa anche alle persone, dunque con vincoli per i patti di Schengen. La traccia, in fondo, servirebbe a rendere impossibile un impazzimento dei denari e una diffusione rapida del malessere oltre il confine greco. Anche la Svizzera, lo scorso mese, ha detto di essere pronta a introdurre nuove misure di controllo sui capitali. Le fonti sottolineano che si tratta di opzioni teoriche per le quali non è nemmeno chiaro se esista la base legale. L’Unione monetaria è un matrimonio che non prevede divorzio. Da questo deriva che se la Grecia, o un altro paese, pensassero di lasciare il club, la procedura andrebbe inventata”.

Ben venga lo studio di queste misure perché la prudenza in questo caso è d’obbligo ma, facendo un paragone medico, il “piano B” somiglia tanto ad un’aspirina data ad un paziente affetto da una qualche grave infezione. L’aspirina abbasserà la febbre per qualche ora ma questa, poco dopo, tornerà ancora più violenta di prima. Di aspirine sinora, al sistema economico europeo, ne sono state somministrate diverse, per guarire serve dell’altro. E medici autorevoli hanno dato tre mesi di tempo per salvarsi al paziente euro.

Fonte: blitzquotidiano.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Un microorganism extrem de rar, ce ofera o noua perspectiva asupra vietii pe Terra acum 1.000 de milioane de ani.

Cercetatorii au studiat timp de doua decenii organismul microscopic ce traieste într-un lac din Norvegia, ajungând la concluzia ca este una dintre cele mai mai vechi vietati de pe Terra si totodata cel mai îndepartat stramos al tuturor vietuitoarelor, deci si al omului.

Cel mai îndepărtat strămoş al omului, descoperit într-un lac nămolos din Norvegia

Creatura unicelulara a evoluat acum un miliard de ani, iar oamenii de stiinta afirma ca nu se încadreaza în niciuna dintre categoriile în care sunt clasate organismele vii. Astfel, nu este nici animal, nici planta, nici protozoar, nici ciuperca, nici alga.

"Este vorba despre o ramura necunoscuta din arborele vietii - o ramura unica", a declarat Kamran Shalchian-Tabrizi, cercetator la Universitatea Oslo.

"Pâna acum, nu am descoperit vreun alt grup de organisme care sa fie mai aproape de «radacinile» arborele vietii decât aceasta specie. Este un telescop spre micro-cosmosul primordial", a adaugat omul de stiinta.

Noua categorie de organisme a capatat numele de Collodictyon. Microorganismul traieste în namolul aflat într-un mic lac norvegian, numit As, aflat la 30 de kilometri la sud de Oslo.

Cercetatorii cred ca descoperirea poate oferi perspective noi asupra vietii pe Pamânt de acum sute de milioane de ani.

Microorganismul are patru flageli - filamente ce seamana cu niste cozi, pe care acesta le foloseste pentru propulsie. Organismul masoara între 30 si 50 de micrometri, fiind observabil doar cu ajutorul unui microscop.

La fel ca plantele, ciupercile, algele si animalele (inclusiv oamenii), organismele Collodictyon sunt eucariote, continând nuclee celulare acoperite de o membrana, spre deosebire de bacterii.

Pornind de la caracteristicile lui Collodictyon, cercetatorii pot deduce cum aratau organismele eucariote preistorice. Tabrizi afirma ca acestea erau probabil organisme unicelulare cu prelungiri de forma unor degete, pe care le foloseau pentru a captura prada microscopica.

"Collodictyon nu sunt creaturi sociale. Prospera atunci când sunt singure, iar atunci când nu mai au hrana, recurg la canibalism", a explicat Dag Klaveness, un cercetator ce a luat parte la acest studiu.

Lacul As din Norvegia este singurul loc în care au fost descoperite aceste organisme, pâna în prezent.

"Este uluitor ca înca mai descoperim organisme de acest tip dupa atâtia ani. Acestea se gaseau în în apropierea casei noastre de milioane de ani si noi nu le-am vazut", a declarat Tabrizi.

Collodictyon a fost descoperit pentru prima data acum 20 de ani de cercetatori de la Universitatea din Oslo. Acestia au recunoscut la acea vreme ca organismul este neobisnuit, însa "nu si-au dat seama cât de important este", a concluzionat Tabrizi.

Surse: AFP, Science Daily - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The approval could open the door to a range of biologic drugs that are generated in plant cells and then transferred to human patients.

The drug, called Elelyso, is a treatment for a disorder known as Gaucher disease that results from the lack of a specific enzyme. Engineers at Israeli biotech firm Protalix Biotherapeutics figured out how to grow this enzyme in carrot cells by inserting a specific gene into them that encodes for this human enzyme. In trials, subjects who received the “bio-pharmed” version of the enzyme showed improvement comparable to that of subjects given another treatment for Gaucher disease derived from hamster cells.

The ability to manipulate the genes of plant cells to produce certain human enzymes isn’t new, but up until now concerns about human biologics derived from plant cells have kept them from gaining traction with the FDA. But plant-derived biologic treatments have proven successful in drugs given to animals in recent years, and for the first time the FDA seems to have softened its skepticism toward bio-pharmed treatments.

For those suffering from Gaucher disease (it’s a lysosomal storage disorder, in case you were curious) that means another treatment option, and one not susceptible to pathogens that can affect mammalian cell stocks and lead to a shortage of usable drugs--shortages that have actually occurred in recent years. But the bigger impact is in the world of bio-pharming itself. Now that plant-derived human biologics have a foot in the door with the FDA, researchers think they can create enzymes to treat a variety of disorders using bio-pharming techniques.

Source: Popular Science - via zeitnews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Nelle parole dell' inviato speciale delle Nazioni Unite Kofi Annan, è stato il "punto critico" nel conflitto in Siria: un massacro selvaggio di oltre 90 persone, prevalentemente donne e bambini, per i quali il regime siriano di Bashar al-Assad è stato immediatamente accusato da praticamente la totalità dei media occidentali. Pochi giorni dopo le prime notizie della strage di Houla, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Germania, e diversi altri paesi occidentali hanno annunciato che stavano espellendo gli ambasciatori della Siria in segno di protesta.

Welcome to ComeDonChisciotte

Ma secondo un nuovo rapporto condotto dal quotidiano tedesco, la Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ), il massacro di Houla è stato in realtà commesso da militanti sunniti anti-Assad, e la maggior parte delle vittime erano membri alawiti e di minoranze sciite, che in gran parte sostengono Assad. Per il racconto della strage, il rapporto cita oppositori di Assad, che, tuttavia, hanno rifiutato di dare le loro generalità per paura di rappresaglie da parte di gruppi armati dell' opposizione.

Secondo le fonti dell'articolo, il massacro si è verificato dopo che le forze ribelli hanno attaccato tre posti di blocco controllate dall'esercito al di fuori di Houla. I posti di blocco erano stati istituiti per proteggere i vicini villaggi a maggioranza alauita da attacchi da parte delle milizie sunnite. L’attacco dei ribelli ha provocato una richiesta di rinforzi da parte delle unità dell'esercito assediati. Le forze armate siriane e ribelli, viene riportato, si sono impegnate nella battaglia per circa 90 minuti, durante i quali "dozzine di soldati e ribelli" sono stati uccisi.

"Secondo testimoni oculari," la relazione FAZ continua il massacro è avvenuto in questo frangente. Quelli uccisi erano quasi esclusivamente di famiglie alawita di Houla e minoranze sciite. Oltre il 90% della popolazione di Houla sono sunniti. Diverse decine di membri di una famiglia sono stati massacrati, che si erano convertiti da sunnita a sciita. I membri del Shomaliya, una famiglia alawita , sono stati uccisi, così come la famiglia di un membro sunnita del parlamento siriano, considerato un collaboratore. Subito dopo il massacro, gli autori si suppone abbiano filmato i corpi per poi presentarli come vittime sunnite nei video pubblicati su internet.

Il rapporto del Frankfurter Allgemeine Zeitung conta testimonianze oculari raccolte dai rifugiati provenienti dalla regione Houla dai membri del Monastero di San Giacomo a Qara, in Siria. Secondo queste fonti citate dal monastero secondo l’esperto tedesco di Medio Oriente Martin Janssen, ribelli armati hanno ucciso "intere famiglie alauiti" nel villaggio di Taldo nella regione Houla.

Già all'inizio di aprile, Madre Agnès-Mariam della Croce del Monastero di San Giacomo ha messo in guardia sulle atrocità commesse di ribelli 'resoconti riconfezionati dai media sia arabi e occidentali come atrocità di regime. Ha citato il caso di un massacro nel quartiere Khalidiya a Homs. Secondo un resoconto pubblicato in francese sul sito del monastero, i ribelli riuniti gli ostaggi cristiani e alawiti in un edificio a Khalidiya l'hanno fatto saltare in aria con la dinamite. Hanno poi attribuito questo massacro all’'esercito regolare siriano. "Anche se questa azione è stata attribuita alle forze dell'esercito regolare.. le prove e le testimonianze sono inconfutabili: E 'stata un'operazione intrapresa da parte di gruppi armati affiliati con l'opposizione," ha scritto Madre Agnès-Mariam.

Fonte: informationclearinghouse.info - Traduzione a cura di comedonchisciotte.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 18/06/2012 @ 14:06:29, in ro - Observator Global, read 1250 times)

Pe baza unor noi studii efectuate de catre o echipa de cercetatori suedezi, se pare ca agricultura s-a extins spre nordul continentului deoarece primii cultivatori ai pamântului au migrat spre nord, în pofida comunitatilor de vânatori si culegatori care nu au adoptat initial agricultura.

Oamenii de stiinta au analizat ADN-ul extras din patru schelete stravechi si l-au comparat cu datele genetice ale oamenilor moderni.

Noi dovezi ADN asupra începuturilor agriculturii în Europa

"Profilurile genetice a trei vânatori-culegatori neolitici si al unui agricultor primitiv care a trait în aceeasi perioada, undeva pe teritoriul Suediei de astazi, sunt considerabil diferite, fapt care poate rezolva o controversa de zeci de ani între arheologi, controversa care vizeaza originea agriculturii în Europa", sustine conducatorul studiului, profesorul Mattias Jacobson, un specialist în genetica din cadrul Universitatii din Uppsala.

Vânatorii-culegatori care traiau în Neolitic pe Insula Gotland aveau un profil genetic asemanator cu cel al comunitatilor umane care traiesc în prezent în nordul extrem al Europei, pe când ADN-ul fermierului primitiv, ale carui resturi fosile au fost descoperite lânga localitatea Gokhem, seamana mai mult cu ADN-ul oamenilor care traiesc astazi în sudul Europei.

Aprofundarea studiului va aduce mai multa lumina asupra teoriei conform careia agricultura ar fi aparut acum circa 11.000 ani în Orientul Mijlociu, raspândindu-se ulterior si în cadrul populatiilor umane din Europa, în decursul urmatoarelor milenii. Este un subiect care a fascinat generatii de arheologi, deoarece "depozitarea de bunuri si alimente a dus la aparitia banilor. Iar acel moment sta la baza întregii civilizatii umane de pe planeta.", este de parere si Joachim Burger, genetician în cadrul Universitatii Johannes Gutenberg din Mainz, Germania.

Odata cu descoperirea unor artefacte specifice precum piese de olarit sau unelte din piatra, reiese tot mai evident faptul ca unele comunitati umane neolitice erau alcatuite din vânatori-culegatori, iar altele contemporane lor, erau constituite din cultivatori ai pamântului. Cu toate acestea, oamenii de stiinta nu au reusit sa stabileasca în ce fel s-au influentat reciproc cele doua ocupatii de baza ale populatiilor umane din Neolitic.

În prima etapa a studiului, cercetarile s-au concentrat asupra ADN-ului mitocondrial, cu cele 13 gene care controleaza sursele de energie ale celulelor si sunt transmise direct de la mama la copil.

Apoi, profesorul Jacobson si colegii sai au examinat ADN-ul nuclear, mostenit de la ambii parinti, care contine informatii care controleaza toate aspectele dezvoltarii organismului. Astfel, cercetatorii suedezi au reusit sa studieze aproape 500 milioane de baze azotate (componente ale genelor) extrase din resturile fosile.

Înrudirea aparenta a agricultorului neolitic cu populatiile sud-europene si diferentele genetice dintre vânatori-culegatori si agricultori arata ca acestia din urma ar fi imigrat în Europa, contribuind la raspîndirea agriculturii spre nord.

Sursa: latimes.com - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Il nostro problema non è la Grecia. In Italia già due banche hanno bloccato gli accessi ai prelievi. Questo non accadeva dalla crisi dagli anni '30. Oggi i conti correnti non sono più sicuri come un tempo. Un'uscita dall'Euro? Vorrebbe dire la fine della moneta unica.

Le elezioni greche sembrano il bivio cruciale per la sopravvivenza dell'Euro. I conti correnti italiani sono a rischio?

Per i conti correnti italiani il problema non è tanto la Grecia o quello che succederà alle elezioni greche. Il problema è che in Italia il comportamento verso le banche è cambiato.

Si è lasciato che finissero sull'orlo del fallimento alcune banche, bloccando anche i conti correnti. E' successo sul finire del 2010 col banco Emiliano-Romagnolo, e pochi giorni fa con la banca Network. Banche piccole, d'accordo, ma quello che non era mai capitato in Italia (dagli anni '30), ovvero trovarsi il proprio conto in banca bloccato, è avvenuto già due volte.
Io credo che la possibile uscita della Grecia dall'Euro è un problema per i conti correnti in Grecia, non per quelli italiani o degli altri paesi. Però è vero, oggi, che i conti correnti non sono più sicuri come un tempo. La famosa frase "paga come un banchiere" non sembra più molto attuale.

I conti deposito tanto pubblicizzati, dove gli italiani magari hanno qualche risparmio, sono a rischio?

I conti deposito sono conti correnti bancari, quindi sono soldi prestati a delle banche. C'è un fondo di tutela dei depositi, che copre fino a 100mila euro e che verrà probabilmente attivato per la banca Network. Ma se si teme un crack generalizzato del sistema bancario, qualche paura si può avere.
E' molto probabile che gli stati cercheranno in tutti i modi di impedire una catena di fallimenti delle banche, perché questo causerebbe un blocco dei pagamenti. Una catastrofe economica. In un certo senso è più sicuro avere dei titoli che dei soldi sul conto corrente, perché i soldi sul conto corrente sono soldi prestati alle banche. I titoli, invece, almeno in prima istanza sono del cliente, non sono della banca.

Un'uscita dell'Italia dall'Euro se la immagina? E cosa significherebbe?

Un'uscita dell'Italia dall'Euro vorrebbe dire la fine della moneta unica. L'Italia è il terzo Stato più importante dell'Unione Europea. Poi gli eventi storici sono imprevedibili. Sembra tuttavia molto improbabile che si arrivi a tanto. Sembra molto improbabile che anche la Grecia esca dall'Euro, poiché l'uscita di un singolo Stato sarebbe già devastante per l'intero sistema monetario. Su questo tema, comunque, c'è una paura che hanno molti, ed è quella relativa ai mutui. C'è chi ha il mutuo in Euro e teme che un ritorno alla lira sarebbe insopportabile perché si prenderebbe lo stipendio in lire e si pagherebbe il mutuo in Euro. Beh, non è così. Se l'Italia uscisse dall'Euro anche i mutui verrebbero convertiti in lire.

Qual è lo scenario peggiore che possiamo aspettarci?

L'insolvenza degli stati. Lo Stato italiano non paga più gli interessi nel rimborso dei titoli, lo stesso fa quello spagnolo, quello francese ecc. ecc. Le banche falliscono, le obbligazioni pure, l'Euro finisce e si torna alle monete di un tempo, o a nuove monete. Per gli europei sarebbe questo il quadro peggiore. Come ci si può difendere da questo? Trasformare i propri risparmi in banconote non dell'area dell'Euro. Cioè: prelevare dalla banca il proprio denaro, cambiare valuta (in franchi svizzeri, sterline britanniche, dollari americani o canadesi...) e tenere il tutto in cassette di sicurezza. Questa sarebbe da un crack. Tuttavia non credo si sia arrivati a questo punto.

Fonte: www.cadoinpiedi.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Instead, it stretches across at least 23 million square miles of earth's tropical oceans; the uppermost layers of which make a prime natural source of thermal energy.

Regardless of time of day or cloud cover, Ocean Thermal Energy Conversion (OTEC) promises to harness this thermal sea-based resource year round.

OTEC production converts heat energy from seawater into kinetic energy using the ocean’s naturally steep temperature gradient.  It’s this juxtaposition of tropical (and sometimes subtropical) subsurface seawater at temperatures typically above 80 degrees F. and below 40 degrees F. that makes OTEC possible.

An OTEC plant literally pumps the warm surface seawater through a heat exchanger connected to a closed circuit filled with several hundred tons of liquid ammonia.  Since ammonia boils at lower temperatures and at lower pressures than water, once the warm seawater hits the heat exchanger, it causes the ammonia to vaporize and expand in volume.  As this ammonia vaporizes, it creates pressure to run a turbine coupled to a generator.  In most cases, the resulting electricity would be delivered onshore via an undersea cable.

Once this ammonia vapor exits the turbine, it flows through a second heat exchanger that is connected to a cold water pipe carrying tons of seawater pumped from depths of 3000 ft.  This cold seawater, in turn, condenses the spent ammonia vapor back into liquid and the whole OTEC process begins again.

But despite the fact that the idea for the technology is more than a century old; to date, OTEC has only been successfully demonstrated on small scales of less than a quarter of a megawatt (MW) and has yet to produce utility-scale power.

Source: Renewable Energy World - via zeitnews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2797 persone collegate

< luglio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Unbowed, Trump intensifies attacks on four Democratic congresswomen

UK foreign minister calls U.S. 'send her back' chanting deeply concerning: TV

Revolutionary Guards impound foreign oil tanker in the Gulf: state TV

UK government seeking further information on seized foreign tanker reports: spokeswoman

U.S. removing Turkey from F-35 program after its Russian missile defense purchase

Turkey says defense firms face temporary losses after F-35 removal

Ultimele articole - Antena3.roGabriela Firea a dezvaluit locul unde se afla ?i cum a reac?ionat atunci când a aflat de condamnarea definitiva a lui Liviu Dragnea. „Nu îmi venea sa cred. Niciodata nu ma voi bucura daca un om ajunge la pu?carie”

Rare? Bogdan, reac?ie la decizia CCR: „Klaus Iohannis nu a gre?it”

Au fost opri?i de poli?i?ti în trafic. ?oferul a fost perchezi?ionat ?i i-au gasit o cutiu?a ascunsa. Nimeni nu s-ar fi gândit la ce avea sa urmeze (VIDEO)

Explica?ia unui specialist, cu privire la bubuitura care a zguduit Ia?iul: „Meteoritul care a cazut avea 8 kg ?i diametru de 16 cm”

Purtatorul de cuvânt CNAS, prima reac?ie dupa controversata declara?ie: „Se poate întâmpla sa obosesti si sa gresesti”

ANTENA3.RO LIVE. Cardiologul Silviu Ionel Dumitrescu, despre cum sa ne protejam pe noi ?i inimile noastre





18/07/2019 @ 15:06:09
script eseguito in 998 ms