Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 04/03/2011 @ 12:00:34, in ro - Stiinta si Societate, read 1312 times)

 In privinta asa-numitului monstru din lacul scotian Loch Ness, lumea este impartita firesc in cei ce cred si cei ce nu cred in existenta lui. Oricum, in 1934, medicul londonez Robert Kenneth Wilson a facut o fotografie destul de confuza, care a inconjurat lumea. Se observa deasupra apei ceva ce aduce cu un gât lung, terminat cu un cap mic, usor alungit si având in urma un fel de cocoasa. Imaginea in alb-negru a deschis calea unui nesfârsit sir de ipoteze, realiste ori fanteziste.

Imposibila creatura

Ideea ca Nessie ar fi un plesiosaur (reptila marina despre care oamenii de stiinta spun ca ar fi disparut acum 65 milioane de ani) a generat cele mai numeroase controverse. O armata de biologi a demontat teoria, pe baza a trei argumente principale. Primul arata ca Loch Ness s-a format la sfârsitul ultimei ere glaciare, ceea ce pune problema modului cum plesiosaurii - daca ar mai fi existat atunci - ar fi putut coloniza acest lac in formare.

In al doilea rând, era vorba despre animale cu sânge rece. Or, apele lacului sunt si ele suficient de reci pentru a nu le fi permis supravietuirea. In fine, pentru perpetuarea in timp a unei specii este nevoie de câteva zeci de masculi si femele, care sa se reproduca. Numarul mare necesar si faptul ca plesiosaurii nu aveau branhii, ci plamâni, impun concluzia ca animalele ar fi trebuit sa iasa frecvent la suprafata: un comportament care le-ar fi facut foarte usor de observat.

Si totusi, pâna si NASA si-a trimis in Scotia o tehnologie moderna de sondare a apelor, fara insa a descoperi macar umbra lui Nessie. Cercetatorii au destul de furca pentru a combate marturiile a sute de persoane, conform carora ar fi vazut „monstrul” (in 2005 au existat patru perioade de asemenea presupuse observatii).

Sute de observatii...

Contrareplicile sunt dintre cele mai diferite. Valuri neobisnuite, produse de vânt, de vapoare sau de miscari seismice de profunzime ar fi putut lua forme asemanatoare unui animal. S-a mai constatat ca lutre sau caprioare care traversau inot lacul evocau uneori creaturi stranii. Si otaria cu gâtul lung a fost luata in calcul, ca si trunchiurile de copaci cazute pe fundul lacului si revenite periodic la suprafata, sub impulsul gazelor acumulate. Pentru paleontologul Neil Clark, nici una dintre respectivele ipoteze nu explica faimoasa fotografie. Dupa o perioada de bâjbâiala, el s-a oprit la o explicatie propusa prin 1980, care ar veni sa dea o dimensiune absolut fireasca siluetei din imagine, aruncând totodata in ridicol teoriile anterioare.

Elefantii adora inotul!

 Ei, da: nimic altceva, decât un elefant facând baie in Loch Ness, aceasta ar fi faimoasa creatura cu renume de monstru. Ce-i drept, ca imagine, totul se potriveste. Totusi, tinuturile scotiene sunt vestite datorita oilor, iar elefanti care sa pasca iarba lor grasa nu prea s-au vazut. Asa ca a venit dezlegarea misterului: fie fotografia era un montaj, fie fusese facuta pe undeva, prin India. Neil Clark nu s-a multumit insa cu asemenea posibile speculatii. Rasfoind arhivele referitoare la regiunile nord-scotiene, a aflat ca in anii 30, circurile care se deplasau intre Glasgow si Inverness faceau popasuri in apropierea lacului Loch Ness.

In 1933, un anume Bertram Mills, directorul unui asemenea circ, a promis o suma exorbitanta (circa 1,5 milioane de euro, astazi!) celui care va captura „monstrul”, pentru menajeria lui. Se presupune ca el nu ar fi riscat atât, daca nu ar fi stiut ca legendarele animale nemaivazute erau, de fapt, propriii sai elefanti. Care ii dadusera si ideea de publicitate de mare clasa, pur si simplu imbaindu-se in apele lacului.

*

Asadar, iata-l pe Nessie „demascat”. Cum ramâne insa cu sutele de observatii anterioare? Poate ca, intr-adevar, e vorba despre trunchiuri de copaci, valuri seismice, caprioare, otarii... Macar pentru amatorii de enigme, un semn de intrebare persista totusi asupra altui aspect: „monstrul” scotian nu e rodul fanteziei unui mercantil director de circ, nici o umbra pe o fotografie din 1934; de sute de ani, localnicii si-au transmis din generatie in generatie credinta ca in adâncurile lacului Loch Ness vietuiesc creaturi terifiante, pesti gigantici si dragoni submarini...

Autor: ADRIAN-NICOLAE POPESCU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

2000

Don Giorgio Mazzoccato condannato a 6 anni per abusi e violenze a 10 bambine e bambini quando era parroco ad Arpinova (Fg). Oggi lavora nella parrocchia di Castelluccio dei Sauri.

Si suicida don Giuseppe Rassello, condannato a 3 anni e 6 mesi, in appello ridotti a 2, per abusi sessuali su un 14enne del rione Sanità, a Napoli. I funerali sono celebrati dal cardinale Michele Giordano.

Don Marco Gamba, parroco a Chiusa San Michele (To) condannato a 4 anni per abusi nei confronti di due chierichetti e possesso di materiale pedo-pornografico.

2001

Don Giuseppe Carpi condannato al pagamento di 30 milioni di lire per molestie ad una ragazza 14enne quando era parroco a Santa Margherita Ligure. Oggi è parroco di S. Maria di Nazareth a Sestri Levante (Ge).

Don Renato Mariani condannato a 4 anni per violenza sessuale a minori quando era parroco a San Giuliano Milanese. Oggi è parroco della Natività di San Giovanni Battista a Melegnano.

2003

Don Bruno Tancredi, parroco di Monticelli (Te), condannato a 6 anni per violenze ai danni di due minori, uno dei quali disabile. Oggi lavora in diocesi, senza alcun incarico specifico.

2004

Don Roberto Volaterra, parroco di Castagnole Piemonte (To), condannato a 1 anno e 8 mesi e pagamento di 45mila euro per violenza sessuale nei confronti di una bambina di 13 anni che frequentava l'oratorio. Oggi è collaboratore parrocchiale a S. Andrea a Savigliano (Cn).

Don Paolo Pellegrini, parroco di San Gioacchino a Colleferro (Roma), in passato già segnalato ai carabinieri per atti osceni, condannato a 6 anni e al pagamento di 60mila euro per violenza sessuale e istigazione all'uso di sostanze stupefacenti su un minorenne.

Don Roberto Mornati, prete di Gavirate (Va), condannato a 3 anni e 4 mesi e al pagamento di 280mila euro per abusi nei confronti di 12 minori. In passato aveva già subito un processo per molestie.

Patteggia 2 anni e 6 mesi don Felice Cini, condannato per aver molestato alcuni bambini della parrocchia di Arcille (Gr).

VIDEO RAI 2 - AnnoZero: Preti pedofili protetti dal Vaticano.

Patteggia 2 anni e 6 mesi don Bruno Puleo per abusi sessuali nei confronti di 7 ragazzi che frequentavano il seminario di Agrigento. A Marco Marchese, una delle vittime, il vescovo di Agrigento, da cui si era recato prima di rivolgersi alla Procura, chiede un risarcimento di 200mila euro per danni arrecati all'immagine della Chiesa agrigentina, salvo poi ritirare la richiesta [Puleo è stato denunciato dapprima al parroco don Giuseppe Veneziano (il vice-rettore), poi al preside del seminario don Gaetano Montana ed in seguito anche all'Arcivescovo metropolita di Agrigento S.E. Mons. Carmelo Ferraro, tutti citati poi nel processo come persone informate sui fatti - n.d.Red.TA].

Patteggia 3 anni per pedofilia padre Domenico Marcanti, animatore alla scuola media dell'Istituto Don Orione di Alessandria.

Don Giorgio Barbacini condannato a 3 anni e mezzo per abusi sessuali nei confronti di un minorenne extracomunitario che aveva in custodia presso la comunità "Migrantes" di Savona. Oggi lavora in un'altra diocesi.

2007

Don Mauro Stefanoni, parroco di Laglio (Co), condannato a 8 anni e al pagamento di 150mila euro per abusi sessuali nei confronti di un minore disabile. Oggi lavora nella diocesi di Como, senza alcun incarico specifico.

Don Pierangelo Bertagna, parroco di Farneta (Ar), condannato a 8 anni per violenze sessuali a diversi minorenni. Viene sospeso dal vescovo di Arezzo e dimesso dallo stato clericale da papa Benedetto XVI. Č la prima volta che l'autorità ecclesiastica punisce un prete pedofilo.

2008

Don Emilio Manzolini condannato a 4 anni per violenze sessuali a due bambine di 9 anni quando era parroco di Santa Rosa da Viterbo, a Roma. Oggi lavora nella comunità di Albavilla (Co) della congregazione del Sacro Cuore di Gesù.

Don Antonio Calcedonio Di Maggio condannato a 4 anni per molestie sessuali a due minorenni della parrocchia romana Madonna di Czestochowa e della scuola media "Salvo D'Acquisto", dove insegnava religione. Già in passato aveva avuto una condanna per reati simili. Oggi risulta essere ancora viceparroco nella stessa parrocchia.

Don Lelio Cantini, ex parroco della Regina della Pace a Firenze, viene dimesso dallo stato clericale da papa Benedetto XVI perchè ritenuto responsabile di abusi e violenze sessuali su decine di minori fra il 1973 e il 1987. Nel 2005, l'allora vescovo di Firenze, il cardinale Ennio Antonelli, a cui le vittime si erano rivolte, si era limitato a vietare a don Cantini di celebrare la messa in pubblico per 5 anni.

Fonte: agenzia Adista & rivista La Voce delle Voci

LEGGI ANCHE: Il prete che ha violentato bambini per vent’anni rimarrà impunito! L’inchiesta su Don Lelio Cantini, accusato di abusi sessuali su minori, è stata archiviata: i reati sono prescritti o mancano le querele. (ARTICOLO DISPONIBILE DAL 14/08/2012)

LEGGI ANCHE: Chiesa: ennesimo caso di perversione. Sicilia, arrestato a Sciacca Don Davide Mordino, pagava minorenni per fare sesso! (ARTICOLO DISPONIBILE DAL 16/08/2012)

LEGGI ANCHE: Don Antonio Calcedonio Di Maggio in passato condannato dieci anni fa per una storia di pedofilia, scontata la pena, era tornato alla sua attività a scuola e all’oratorio. (ARTICOLO DISPONIBILE DAL 24/08/2012)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 04/03/2011 @ 08:00:17, in en - Global Observatory, read 1221 times)

A potentially ‘green’ energy storage device which will help to power electric transport is to be officially launched at The University of Nottingham’s Malaysia Campus (UNMC) this week.

The Sahz-UNMC Pilot Plant produces ‘supercapacitors’ which are electrochemical storage devices with high power density. They are used to improve the lifetime of the batteries in electric vehicles.

The plant has developed the new supercapacitors under the brand name Enerstora. They are cost-saving and more environmentally-friendly when used in the manufacturing of electric cars, trains and other electric transportation. The supercapacitor also has important applications in other areas like solar energy and mobile devices where extremely fast charging is a valuable feature.

The unit was established by the UNMC Faculty of Engineering with industry partner Sahz Holdings to design and manufacture the devices with the eventual aim of building a high volume manufacturing plant in Malaysia. The fabrication process for this new technology was developed in collaboration with the Chemical Engineering Department at the University Park campus in Nottingham, UK.

The plant is sponsored by the Malaysian government and the country’s former Prime Minister, Tun Mahathir, will conduct the official opening on Tuesday 11 January 2011. The event will also see the signing of a memorandum of understanding between Sahz and two future partners, 2M Engineering of the Netherlands and Semyung Ever Energy Co.Ltd of South Korea.

Electric vehicles and ‘green’ cars will account for up to a third of total global sales by 2020, according to a recent report from Deloitte's global manufacturing industry group. At present most electric vehicle batteries typically need replacing every three to five years. The motivation for establishing the pilot plant was to develop the supercapacitor which will extend and maximise the life of the batteries to help conserve the natural environment and global energy resources.

A low state of battery charge leads to sulphurication and stratification, both of which shorten the life of the cell. Short battery life is caused by continuous draining and charging which has a detrimental effect on the battery. By using the new supercapacitor-battery hybrid technology for energy storage in electric vehicles the battery life can be lengthened, the battery size reduced and a higher state of charge can be maintained for a longer period of time.
The pilot plant is now manufacturing Electronic Double Layer Capacitors (EDLCs) in a reproducible and economically viable way. Historically it has been difficult to scale up production to economically viable levels without losing quality and performance of the product because the equipment and processes in a large plant are significantly different to a pilot plant. The Sahz-UNMC plant is also aiming to design a system capable of predicting the yield and quality of the product when it is eventually manufactured on a large scale.

At the launch and signing ceremony Malaysia’s former Prime Minister Tun Mahathir will be given a guided tour of the lab facilities. Leading the pilot plant at UNMC, Professor Dino Isa said:

“The project is one which is leading the market. We are gambling on the demise of hydrocarbon driven vehicles and the eventual emergence of the pure electric vehicle as the dominant means of transport in the next ten years.

“We are also looking to capitalize on the popularity of mobile devices which, as platforms and technologies converge, will require energy storage systems to deliver pulsed voltage and current that drains and eventually kills normal batteries if unaided by a supercapacitor integrated within the system. We thank the Malaysian Ministry of Science, Technology and Innovation (MOSTI) and Sahz for their trust and insight, I personally thank the University for providing me with an environment conducive to inquisitive research, my students for their patience and hard work and not least Prof George Chen for his input during the initial stages of the project."

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 03/03/2011 @ 12:00:12, in it - Scienze e Societa, read 1607 times)

Nella piazza al centro del paese, volgendo lo sguardo all’insù, ci si sente protetti da una culla verdeggiante, imponente e rassicurante allo stesso tempo: il borgo montano è Pergine Valsugana, in provincia di Trento, e la cornice tutt’intorno è fatta di montagne e foreste, di vallate che si intersecano fondendo le proprie storie millenarie, avvicinando tradizioni diverse e confondendo la leggenda con la realtà. Siamo nel capoluogo del comprensorio Alta Valsugana, in Trentino Alto Adige, all’inizio della Valsugana e allo sbocco della Valle del Fersina, dove comincia la Valle dei Mocheni.

Posizionata in un’ampia valle, inondata di sole per molte ore al giorno, Pergine si trova a 490 metri di quota ed è circondata da vari rilievi: le curve dolci del colle Tegazzo, la sagoma del Monte Marzola e quella del Monte Celva, il Cimirlo verso Trento, la Panarotta con le sue piste da sci e tanti altri giganti, che come imponenti sculture abbelliscono una regione fiabesca. Un ricamo argenteo e alcune chiazze di cielo spezzano il velluto verde: sono il fiume Fersina, che scivola lungo la catena dei Lagorai e raggiunge l’Adige, il Lago di Caldonazzo e altri specchi d’acqua cristallini, come il lago di Costa, il lago Pudro, il Canzolino e il lago di Madrano.

Mentre le forze della natura, nel corso dei secoli, davano il meglio di sé per creare il magnifico paesaggio trentino, la maggior parte degli italiani non conosceva le meraviglie che se ne stavano nascoste tra le Alpi: la Valle dei Mocheni ad esempio, culla di una delle minoranze linguistiche del nostro paese, fu raggiunta dalle vie di comunicazione nella seconda metà del Novencento, e presenta tutt’ora un sapore misterioso, dove le tradizioni sono rimaste intatte e genuine come un tempo. Un clima autentico che si respira anche a Pergine Valsugana, con i suoi 20 mila abitanti, le sue testimonianze storiche e architettoniche, le abitazioni rustiche ma anche i palazzi eleganti, per non parlare delle attività economiche ancora legate alla terra e l’irresistibile arte culinaria, che fa innamorare qualunque forestiero.

Tra gli edifici più affascinanti, degno di un libro illustrato, c’è il Castello di Pergine, che impettito e fiero si erge sulla cima del colle Tegazzo. Fondato in epoca medievale, il maniero occupa una posizione strategica sulle terre che spaziano dall’Alta Valsugana ai monti Celva e Calisio, facendo da spartiacque tra il Veneto e il Trentino. La cinta muraria esterna, costellata di torri di guardia, si interrompe in corrispondenza di una torre quadrata per consentire l’accesso alla fortezza: al pianterreno si scoprono così le cucine, le cantine e l’ingresso al giardino, mentre la sala del trono (oggi utilizzata come reception), la Cappella di sant’Andrea, un bar e un prestigioso ristorante si trovano il primo piano. Le cinque sale del secondo piano sono occupate da mostre di vario tipo, dedicate alla storia della regione e alle tradizioni paesane.
Il mistero non manca nel castello: narra la leggenda che il fantasma di una dama bianca sia stato avvistato tra i corridoi del castello, e lungo le scale si apre una macabra sala di tortura, dove i prigionieri venivano sottoposti al temutissimo stillicidio.

Ma lo spirito autentico di Pergine si respira soprattutto nel centro storico, ad esempio nel cosiddetto Spiaz de le Oche, antica piazza originariamente destinata all’agricoltura, costeggiata sino alla fine del Settecento dalla palude compresa tra il paese e la vicina località di San Cristoforo. Oggi si possono ammirare le vecchie case tipiche, strette le une alle altre, coi loro ballatoi in legno e i caratteristici graticci in cui si essiccava il granturco.

Interessante anche l’edificio del Municipio, formato da due nuclei distinti e di età differenti. La parte più antica risale al 1697, e originariamente consisteva in un piano terra adibito a Dogana e in un primo piano con le stanze del Monte dei Pegni, la sala riunioni del Consiglio e un piccolo archivio. Danneggiata da un incendio all’inizio del Settecento, la Casa Comunale venne ampliata nella seconda metà del secolo, mentre a metà Ottocento venne sopraelevato assumendo l’aspetto attuale. Da vedere, nelle immediate vicinanze, la casa Ochner a pianta decagonale e il Capitello dei Cerri, con un pregevole affresco di Raffaele Fanton, datato 1984.

Numerose sono le chiese, testimoni della devozione popolare. Tra le più belle c’è quella di San Rocco, di piccole dimensioni, fondata nel 1631 dopo un’epidemia di peste per ringraziare della grazia ricevuta. Ampliata a più riprese nell’arco del Seicento, nel 1908 ha visto la rimessa a nuovo dell’affresco del timpano, raffigurante San Sebastiano e San Rocco.
A due passi dalla chiesa, in via della Pontara, si incontra il Museo della Banda Sociale di Pergine.

Chi visita Pergine Valsugana, aldilà del centro storico grazioso e curato, cerca il contatto con la natura e il relax assoluto che solo l’alta montagna può regalare. I più sportivi potranno optare per le escursioni nella stagione estiva, oppure per lo sci nel periodo invernale: a una decina di chilometri da Levico, nota città termale, ci sono le piste della Panarotta 2002, maggiore centro sciistico della Valsugana, situato alle porte del Lagorai; in alternativa, se si cercano maggiore adrenalina e una scelta di piste più ampia, ci si può spostare nella vicina Val di Fassa.

Per rilassarsi e divertirsi in paese, invece, si può contare su numerosi eventi e manifestazioni. A inizio luglio c’è la Notte Bianca affiancata dalla Festa dei Piccoli Frutti, in occasione della rassegna culturale ‘Pergine Spettacolo Aperto’. Alla fine di luglio, con le Serate e le Feste Medievali, il Castello e le vie del borgo trasportano i visitatori indietro nel tempo, alla riscoperta di un’epoca intrigante, mentre alla fine di agosto si fa onore alla tradizione culinaria locale con il trekking gastronomico ‘Perzenando’, una passeggiata a tappe lungo le frazioni del Perginese, tra aperitivi e stuzzichini, pasti gustosi e fresche golosità, accompagnati dall’animazione dei cittadini, trasformati per l’occasione in briganti e cavalieri, dame e cortigiane. L’autunno colora di oro il bellissimo Parco ai Tre Castagni, dove si svolge la golosa Festa della Zucca, ma è l’inverno a portare la vera magia in paese: nel 2010 parte il progetto Perzenland – La Valle Incantata e Il Villaggio delle Meraviglie, realizzato dal Comune e pro loco di Pergine, dal Consorzio delle pro loco della Valle dei Mocheni e dall’associazione Pergine Spettacolo Aperto. Dal 23 novembre al 24 dicembre si mette in atto una nuova sfida: proporre nell’arco di pochi chilometri un ventaglio innovativo di mercatini, spettacoli e eventi collaterali, rispettando l’antica tradizione delle feste natalizie ma con alcune peculiarità inedite. La ristorazione a chilometro zero e le luminarie ecologiche testimonieranno la sensibilità per l’ambiente montano; il villaggio per bambini, la ricerca dell’oro nel Fersina, la giostra settecentesca e lo spazio per inviare le e-mail a Babbo Natale saranno apprezzati dai più piccoli, e non mancheranno gli intrattenimenti per i più grandi, che potranno cimentarsi nello sport e imparare a conoscere questa valle incantata.

Il clima è fondamentale per creare l’incantesimo, e qui le caratteristiche sono quelle tipiche dell’ambiente montano: inverni freddi e secchi e estati piacevolissime, ideali per assaporare il paesaggio. Il gennaio, il mese più freddo, le temperature medie vanno da una minima di -5°C a una massima di 6°C, mentre in luglio e agosto si passa dai 15°C ai 29°C. Le precipitazioni sono nevose nei mesi più freddi, mentre la pioggia si concentra tra luglio e agosto, quando cadono in media 92-93 mm al mese.

Per raggiungere Pergine Valsugana si possono valutare diverse soluzioni: chi viaggia in auto deve percorrere l’autostrada A22 del Brennero, uscire a Trento Centro e continuare sulla SS47 della Valsugana per circa 13 km. La stazione ferroviaria di Pergine Valsugana si trova sulla linea Valsugana-Trento-Venezia, mentre l’aeroporto più vicino è quello di Bolzano.

Fonte: ilturista.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 03/03/2011 @ 10:00:31, in en - Science and Society, read 1618 times)

Southwest Windpower, maker of the Skystream 3.7, unveiled a new version of the popular turbine at CES 2011 called Skystream 600.  The turbine features an improved design with larger blades, enhanced software, and an improved integrated inverter.  And, according to a press release, Skystream 600 will be the “first fully smart grid-enabled wind turbine” on the market when available in April 2011.

With the improvements, Skystream 600 is estimated to produce about 74% more energy than Skystream 3.7.  The small wind turbine can provide an average of 7,400 kWh of energy per year in 12 mph average annual wind speeds.

These numbers are pretty good — about 60% of an average American’s home energy needs — but everything depends on siting, wind conditions, tower height, and several other factors.

Skystream 600 comes with the internet-accessible Skyview system showing users how much energy is produced in real time.  Southwest Windpower told Jetson Green in an email that the company has not yet decided on a price for the new turbine.

Source: JetsonGreen

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 03/03/2011 @ 08:00:32, in ro - Observator Global, read 1106 times)

 De miliarde de ani, Soarele da lumina si caldura Pamantului, intretinand viata pe planeta albastra si - probabil - si pe alte corpuri ceresti din Sistemul Solar. Venerat de oameni din cele mai vechi timpuri, numit fie Ra, fie Helios si considerat un zeu atotputernic, astrul aducator de belsug a reprezentat intotdeauna „steaua buna” a pamantenilor. Dar Soarele pare sa fi devenit, in ultimii ani, un adevarat pericol pentru viata pe Terra, intrucat din cauza diminuarii stratului de ozon, radiatiile electromagnetice emise de el sunt tot mai puternice si mai periculoase. Cum vom scapa, in aceste conditii, de cosmarul incalzirii globale?

De trei decenii, semnalele de alarma sunt tot mai dese: planeta se incalzeste ingrijorator de rapid si de periculos. Gaura din stratul de ozon, la Poli, a atins proportii nemaiintalnite, variatiile climatice sunt tot mai haotice si mai greu de prevazut. Savantii pledeaza pentru masuri ferme: reducerea numarului de autovehicule, inchiderea uzinelor poluante, promovarea surselor de energie neconventionala (eoliana, solara etc.).

Dar o descoperire de ultima ora arata ca Pamantul ar putea fi salvat de la o catastrofa considerata de specialisti drept „iminenta” de catre un aliat neasteptat: insusi Soarele! Studiind schimbarile climatice din ultimele secole, oamenii de stiinta britanici au ajuns la concluzia ca exista multe similitudini intre perioada actuala si mini-glaciatiunea din jurul anului 1700, cand Europa a fost traversata de un val de frig fara precedent iar petele solare au disparut de pe suprafata astrului zilei.

Un balon de oxigen pentru planeta

      „Se stie ca numarul mare de pete solare este asociat cu o crestere a activitatii solare. Or, la sfarsitul secolului XVIII, astronomii au remarcat ca petele disparusera complet de pe suprafata Soarelui”, spune profesorul Sami Solanki, de la Institutul Max Planck pentru Cercetari Solare din Katlenberg-Lindau. Pana nu demult se stia ca Soarele atinge un apogeu al activitatii sale la intervale regulate, de aproximativ 11 ani. La ora actuala, savantii iau in considerare faptul ca ar putea sa apara, la intervale mult mai mari de timp, de ordinul secolelor, cicluri inverse, cand activitatea solara se diminueza considerabil.

Cercetarea atenta a suprafetei astrului zilei ii determina pe astronomi sa creada ca tocmai am intrat intr-un asemenea ciclu, in conditiile in care numarul petelor solare s-a redus cu circa 40%. Potrivit lui Solanki, acest lucru s-ar traduce printr-o scadere sensibila a temperaturii globale, de pana la cateva grade.

„Este un fel de balon de oxigen primit de planeta, o amanare cu cateva decenii a colapsului pe care incalzirea globala l-ar putea provoca. Avem deci o perioada de timp in care am putea lua masuri drastice pentru reducerea poluarii, in asa fel incat refacerea stratului de ozon, ce se va produce cu siguranta, sa nu fie urmata apoi de o degradare si mai rapida a acestuia, din cauza poluarii. Sa speram ca macar in al doisprezecelea ceas, omenirea se va trezi si va constientiza pericolul la care se expune”, afirma dr. Joanna Haigh, de la Colegiul Imperial din Londra.

Autor: Gabriel TUDOR - Revista Magazin

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 02/03/2011 @ 12:00:20, in it - Scienze e Societa, read 1981 times)

In estate i pini e i larici frusciano alle carezze del vento, spandendo nell’aria un profumo fresco di resina, in inverno, quando una coltre di neve ricopre le montagne, fanno capolino dalla coperta bianca come vedette curiose che controllano gli sciatori. E’ questo il paesaggio che abbraccia Champoluc, frazione del comune di Ayasnella val d’Ayas, in Valle d’Aosta. Situata nel lembo finale della val d’Ayas, Champoluc è la cittadina più importante della zona, appollaiata a 1568 m di quota e sormontata dal suggestivo pianoro Crest, fulcro degli sport invernali.

Il clima della Valle d’Aosta contribuisce a rendere la natura ancora più affascinante, colorando il paesaggio di luci diverse o congelandone la bellezza nella neve, nella stagione più fredda. Gli inverni, in effetti, sono piuttosto rigidi, e di notte si raggiungono anche minime di -15/-20°C, specialmente quando il cielo è limpido. Le precipitazioni in generale non sono molto abbondanti, ad eccezione delle belle nevicate che glassano le vette più alte, preparando le piste da sci al periodo turistico. Per godere di temperature più alte, adatte alla vita all’aria aperta, bisogna attendere la tarda primavera, quando si può arrivare a 20/22°C, e soprattutto l’estate: questa è la stagione delle lunghe passeggiate lungo i prati montani, baciata da temperature piacevoli e mai eccessivamente elevate, con serate fresche e qualche temporale passeggero.

Intuite le potenzialità di Champoluc, nel 1905 vi si stabilì il primo hotel: da quel momento in poi il borgo ha sprigionato tutta la sua vitalità, diventando in poco tempo una delle mete turistiche più rinomate della regione: in estate i visitatori possono esplorare innumerevoli sentieri, o servirsi della funivia che li conduce alla cima del Crest; in inverno gli impianti di risalita consentono l’accesso alle discese e alle piste di fondo. Le funivie per il Crest, infatti, portano ad altri impianti: subito dopo c’è la seggiovia per l’alpe di Ostafa e infine la seggiovia del Frachney, che sorvola il corso del torrente Evançon.

La stazione sciistica di Champoluc è un paradiso di divertimenti, arricchito di panoramici idillici e servizi impeccabili: inserita nel comprensorio del Monterosa Ski, comprende un’area sciistica collegata con quella di Gressoney-La-Trinité e, da questo punto, con il versante di Alagna Velsesia. Il Colle Bettaforca, con i suoi 2672 metri di altitudine, è la vetta più elevata del comprensorio, e permette di accedere alla Valle del Lys.

Ma l’aspetto più accattivante di Champoluc è forse la sua capacità di fondere passato e presente, divertimento e relax, paesaggio e tradizione. In questo borgo silenzioso e mite, incastonato tra le montagne più sublimi, la vivacità degli abitanti si manifesta al meglio in occasione del Festival diChampoluc, un attesissimo evento che si svolge in paese nel mese di agosto. Si tratta di un festeggiamento colorito e bizzarro, che cambia ogni anno il tema principale: si è passati dal festival sui pigri a quello sui grassi, fino alla festa dedicata ai bugiardi. In un turbinio simpatico di vizi e virtù, il festival è un’ottima occasione per conoscere l’ospitalità del luogo e le prelibatezze tipiche della cucina locale.

Per raggiungere Champoluc ci sono diverse possibilità. Da Torino, da Milano e dalla Francia si può percorrere l’autostrada A5 fino all’uscita di Verres, per poi imboccare la SR 45 e, dopo 25 km, giungere a destinazione. Chi preferisce il treno e viene da Torino o Milano deve arrivare alla stazione di Chivasso, per poi prendere la coincidenza per Aosta fino alla stazione ferroviaria di Verres. A questo punto si può usufruire delle autolinee fino al centro di Champoluc. Gli aeroporti più vicini sono quelli di Torino e Milano Linate, rispettivamente a 108 km e 191 km.

Fonte: andareingiro.net

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 02/03/2011 @ 10:00:45, in en - Global Observatory, read 1592 times)

Nissan Motors' X-Trail Fuel Cell Vehicle, seen here in 2006. Toyota, Honda and Nissan, along with 10 Japanese energy groups including natural gas refiners and distributors, want to build 100 hydrogen filling stations by 2015 in Tokyo, Nagoya, Osaka and Fukuoka.

Along with 10 Japanese energy groups including natural gas refiners and distributors, the companies are aiming to build 100 filling stations by 2015 in Tokyo, Nagoya, Osaka and Fukuoka, the companies said in a statement Thursday.

The automakers are making a renewed push behind Fuel Cell Vehicles (FCVs), which covert hydrogen into electricity and emit nothing more harmful than water vapour.

The companies say that the creation of a hydrogen supply infrastructure network is crucial as manufacturers work to reduce the production cost of hydrogen-powered vehicles in order to make them commercially viable.

"Japanese automakers are continuing to drastically reduce the cost of manufacturing such systems and are aiming to launch FCVs in the Japanese market -- mainly in the country's four major metropolitan areas -- in 2015," they said.

"With an aim to significantly reduce the amount of CO2 emitted by the transportation sector, automakers and hydrogen fuel suppliers will work together to expand the introduction of FCVs and develop the hydrogen supply network throughout Japan."

water drains from the tailpipe of an hydrogen fuel cell powered vehicle. Toyota, Honda and Nissan have united with Japanese energy firms in a push to commercialise greener hydrogen fuel cell cars and build a network of fuelling stations.

The companies did not say how much they planned to invest in the project.
While all-electric vehicles such as Nissan's Leaf or hybrids like Toyota's Prius have hogged the limelight recently, fuel cells are seen as a more powerful alternative, but expensive production and a lack of a comprehensive fuelling network has been seen as prohibitive.

Toyota, pioneer of hybrids powered by a petrol engine and an electric motor, has said it plans to launch a fuel-cell car by 2015. It is applying its hybrid technology to the vehicles, swapping the petrol engine for a fuel-cell stack.

Honda in 2008 began delivering about 200 FCX Clarity hydrogen-powered cars on lease to customers in the United States, Japan and later in Europe.

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 02/03/2011 @ 08:00:40, in ro - Observator Global, read 1187 times)

 Din când in când, pe tot cuprinsul Terrei se descopera schelete care trimit catre o origine humanoida, dar au caracteristici absolut socante. Amintim doar in treacat ca si pe teritoriul României s-au gasit oseminte de dimensiuni neobisnuit de mari, alimentând astfel mitul despre vremuri demult trecute, când Pamântul ar fi fost stapânit de uriasi. Pierdute, distruse sau chiar ascunse, asemenea relicve par a mai avea astazi doar o valoare spirituala. Nu mai putin tulburatoare sunt insa craniile cu totul „atipice”, descoperite pe alte meleaguri.

Craniile alungite provin din diferite zone, unele din America de Sud, altele din Africa, altele chiar din Europa. In frecvente cazuri, ele prezinta un mic orificiu in crestet, cu marginile slefuite, fapt care trimite indiscutabil la ideea ca nu este vorba despre orificii naturale. Totusi, cercetatorul Robert Connolly, care a studiat asemenea relicve, sustine ca deformatiile respective (alungirea craniilor) nu au fost provocate artificial si ca, de fapt, capacitatea cerebrala a acestora ar fi fost diferita de a noastra. Cu alte cuvinte, am avea de-a face cu o rasa (?) umana radical diferita de Homo sapiens, cel pe care-l reprezentam noi insine.

Deformatiile rituale se practica la diferite populatii, incepând din copilarie, când se stie ca oasele craniene sunt inca destul de fragile. De pilda, la populatia mangbetu, acest rezultat se obtine cu ajutorul unor bandaje strânse intr-un anumit sens, la fel ca aranjarea strânsa a coafurii, astfel ca, ajunsi la maturitate, indivizii supusi unui asemenea tratament au capetele mult alungite. Aici este vorba insa despre un fel de canon de frumusete. Totusi, faptul ca fenomenul nu e singular deschide si alte directii de cercetare.

 Faraonul Amenofis al IV-lea, rebotezat Akhenaton (foto), fondatorul cultului monoteist al lui Aton, de fapt nu avea numai sânge egiptean! Bunica si mama sa erau straine si insusi faraonul pare sa fi fost venit de pe alte meleaguri, daca ne gândim numai la reprezentarile sale: in toate apare cu un cap alungit, cu umerii si bratele subtiri, cu soldurile si pieptul supradezvoltate. In lipsa altor indicii, cercetatorii ne ofera explicatia cea mai comoda, si anume ca trimisul zeilor pe Pamânt se nascuse cu tarele respective, pe care de altfel acesta a stiut sa le disimuleze catre... sublimare, ridicându-le la rang de arta, prin impunerea lor ca un canon de frumusete. Evident, de un alt „gen” decât cel intâlnit la mangbetu.

Fiicele faraonului apar insa reprezentate in aceeasi maniera. Vor fi „beneficiat” ele de deformarile respective pe filiera genetica sau au fost supuse de mici transformarii respective, cu ajutorul amintitelor bandaje capilare? Sau poate ca nu e vorba decât despre simplul canon al reprezentarilor personajelor de rang inalt? Probabil nu vom sti niciodata raspunsul. In orice caz, in arta respectiva ramâne interesant faptul ca reprezentarile au in vedere pâna la cel mai mic detaliu, cum ar fi cutele circulare din jurul gâtului. De unde si ideea ca alungirea capetelor era de fapt cât se poate de reala. Numai ca toate mumiile egiptene descoperite pâna acum au craniile de forma clasica.

In America de Sud, fenomenul pare si mai curios. Anumiti copii cu sânge nobil aveau dreptul (!) la prinderea foarte strânsa a unei mici scânduri pe frunte, pentru ca in câtiva ani sa se bucure de un cap deformat. Si mai bizar este faptul ca in Peru s-au gasit mumii având urme clare de trepanatii, uneori repetate. Iar subiectii au supravietuit operatiilor respective. De ce insa au fost ele facute? Nimeni nu poate explica. Un alt caz, de-a dreptul socant, il constituie mumia din Uberaba (Brazilia).

Nu se mai stie când si unde a fost descoperita, cert este ca ea are câte sase degete la picioare si ca doua timide ipoteze trimit catre originea sa egipteana sau... extraterestra. Ramânând insa cu picioarele pe planeta noastra, e cazul sa amintim si ca, in anumite conditii, unii copii se nasc cu malformatii semnificative (vezi numai cazul siamezilor), iar situatii de indivizi cu câte sase degete la mâini sau la picioare s-au mai vazut. Cu toate acestea, câta vreme stiinta nu poate explica fenomenele mentionate mai sus, ele ramân sub o aura de mister.

Autor: ADRIAN-NICOLAE POPESCU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 01/03/2011 @ 12:00:17, in it - Scienze e Societa, read 2129 times)

La Valle d’Ayas è un’incantevole vallata della Valle d’Aosta, incastonata tra montagne imponenti e ghiacciai, cosparsa di vegetazione color smeraldo e spesso scintillante di neve. Qui sorge una costellazione di borghi sparsi, che insieme formano il comune di Ayas, tra cui spicca il pittoresco paese di Antagnod: il nome significa “prima del bosco”, a testimoniare la vicinanza della foresta nel periodo della sua fondazione, e la sua bellezza gentile ha fatto si che nel 2008 venisse incluso tra i Borghi più Belli d’Italia.

Antagnod fa parte della Comunità Montana Evançon, e come una scultura da ammirare se ne sta appollaiato a 1710 metri di quota, abbarbicato al versante occidentale della valle di Ayas, da cui si gode una vista spettacolare del Monte Rosa. Ad allungare il collo oltre i tetti dell’abitato, tra il fumo dei comignoli, c’è il campanile della chiesetta locale: è lui che saluta il sole, e cattura gli ultimi raggi d’oro, prima che questo cali dietro le montagne disegnando le sagome degli abeti. La chiesa, le stradicciole tortuose e le abitazioni di legno, timide a confronto delle montagne imponenti, basterebbero a far innamorare di questa località, ma ad attirare così tanti turisti ad Antagnod sono gli impianti sciistici all’avanguardia.

Ci sono voluti anni di interventi, manutenzione e progettazione per realizzare degli impianti adeguati, che offrissero ai visitatori un servizio impeccabile senza alterare il paesaggio splendido della Valle d’Aosta. Il risultato è strabiliante: in uno scenario magico si inseriscono ottime strutture alberghiere, piste mozzafiato, spazi di divertimento per i più piccoli e locali accoglienti in cui rilassarsi tra una discesa e l’altra. Le piste non sono estese come in altre località montane, ma riescono a soddisfare anche gli sciatori più esigenti: 18 chilometri adibiti allo sci alpino e 3 chilometri per lo sci nordico sono i tracciati del complesso di Antagnod, incluso nell’ampio comprensorio del Monterosa Ski. Le piste sono spaziose, panoramiche e non eccessivamente ripide, perfette per chi ama scivolare in tutta calma, divertendosi ma anche assaporando la brezza pungente tra i capelli, godendo il profumo degli abeti e lanciando lontano lo sguardo sognante.

I bambini apprezzeranno la pista per lo slittino, e tutta la famiglia potrà avventurarsi lungo i sentieri innevati nei dintorni di Antagnod, con le ciaspole ai piedi. Chi invece non rinuncia alla tintarella neppure in montagna sarà lieto di sapere che l’esposizione al sole di Antagnod è eccellente: fuori dal rifugio, in prossimità delle piste, ci si può rilassare con il volto rivolto al sole, per respirare l’aria pura delle Alpi, assaporare il profumo del vin brulé e, allo stesso tempo, guadagnare un colorito da vacanza.

In effetti il clima locale è a dir poco idilliaco. L’esposizione geografica garantisce tante ore di sole sia in inverno che in estate, gli inverni hanno temperature spesso al di sotto dello zero che regalano nevicate strepitose, e le estati sono fresche quanto basta per godere appieno della bellezza della natura. Le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di -3°C a una massima di 3°C, mentre in luglio e agosto variano tra i 17°C e i 27°C. Le piogge danno il meglio di sé in giugno, quando si presentano anche per dieci giorni sul totale, mentre in inverno le precipitazioni sono a carattere nevoso, suggestive e cariche di atmosfera festosa.

Se non vi accontentate dello sport e delle vedute panoramiche, preferirete le passeggiate nel centro vero e proprio del borgo: è un dedalo grazioso di viuzze e piazzole, con costruzioni suggestive tipiche della montagna e abitanti ospitali, e non mancano i piccoli tesori culturali. Tra gli edifici da non perdere c’è la Chiesa di Saint Martin de Tours, una chiesetta millenaria più volte rimaneggiata, ristrutturata nel XV secolo e nel XIX. All’interno si può ammirare l’altare barocco, intagliato nel legno con maestria, e altri due altari del Seicento, un reliquario e alcuni dipinti realizzati nel XVI secolo.

Se siete curiosi di conoscere le tradizioni di Antagnod dovete visitare la “Maison Fournier”, una delle abitazioni tipiche più suggestive, che ospita la mostra permanente dedicata ai prodotti dell’artigianato locale, oppure potete assistere a uno degli eventi culturali organizzati in paese dalle AIAT e dal comune di Ayas.

Raggiungere la Valle di Ayas significa immergersi in una costellazione appassionante di borghi e tesori naturali: per farlo basta scegliere il mezzo più indicato e partire, carichi di entusiasmo e curiosità. Chi viaggia in macchina, venendo dall’Italia, dovrà imboccare l’autostrada A5 Torino-Aosta fino al casello di Verres, poi proseguire lungo la regionale 45 della Valle di Ayas. Dopo i primi tornanti, che da Verres salgono verso la cima dei monti, si arriva a Challand-Saint-Victor e a Challand-Saint-Anselme, si raggiunge poi il cuore di Brusson, prima stazione sciistica, e superato l'abitato di Extrepieraz si accede al comune di Ayas. Sin dal bivio di Corbet si può scegliere di deviare sulla strada panoramica che attraversa i villaggi di Lignod e, finalmente, Antagnod.

Chi preferisce il treno dovrà scendere a Verres: da Torino e da Milano bisogna dirigersi a Chivasso per prendere la coincidenza con la linea Chivasso-Aosta. Giunti a Verres si trovano i pullman diretti alla Valle d’Ayas. Gli aeroporti più vicini sono quelli di Torino, Milano Malpensa e Milano Linate, rispettivamente a 107 km, 168 km e 191 km.

Fonte: ilturista.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 484 persone collegate

< ottobre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo
I am not sure where you are getting your info, but great topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for fantastic information I was looking for this info for my...
21/11/2016 @ 09:40:41
By Anonimo


Titolo


TurismoAssociati.it uses cookies to ensure you get the best experience on the internet (European Union User Consent Policy)

More info



Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.



Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.



Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.



Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Turkey: Saudi hunt for Khashoggi killers must go 'top to bottom'

Lockheed Martin third-quarter profit beats, helped by F-35, lower tax rate

Players on edge for record $1.6 billion jackpot in Mega Millions drawing

Wall Street tumbles as weak industrial forecasts add to sour mood

Instant View: Wall Street shares resume tumble

Saudi crown prince proclaims investment conference despite boycott

Ultimele articole - Antena3.roVariante-surpriza de schimbari în Guvern. Ce remanieri face Dragnea

Obi?nuia sa î?i roada unghiile ?i a facut gestul acesta ani la rând. Barbatul a fost la un pas de moarte: Am fost în atât de multa durere, nu ma puteam mi?ca

365 de eroi ai României. Ion Dacian, o voce pentru istorie

Situa?ie cutremuratoare în Prahova. O mama a fost filmata cum îsi bate crunt copilul de doi anisori - VIDEO

A?a faci cei mai buni cartofi prajiti

Bani de la stat pentru tinerii care se vor orienta catre domeniul IT. Ce condi?ie trebuie îndeplinita





23/10/2018 @ 18:43:13
script eseguito in 884 ms