Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, românã. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
 
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Christine Assange confirmed her son's candidacy on Wednesday after WikiLeaks tweeted the news.
"He will be awesome," she said.

"In the House of Representatives we get to choose between US lackey party number one and US lackey party number two - between the major parties.

"So it will be great to 'Assange" the Senate for some Aussie oversight."

Queensland-born Assange, who founded the secret-leaking website WikiLeaks, announced his Senate ambition last December from Ecuador's London embassy.

He sought refuge there last June in a bid to avoid extradition to Sweden.

Mr Assange fears if he goes to Sweden to be questioned over rape allegations, authorities will allow him to be extradited to the US to be questioned over WikiLeaks' release of thousands of US diplomatic cables.

He said last year he would run as a Senate candidate under a yet-to-be-formed WikiLeaks party banner and was recruiting others to stand with him.

The election will be held on September 14.

Source: theage.com.au

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Incepand cu data de 21 aprilie, Federatia Mondiala de Sah (FIDE), Federatia Romana de Sah, Primaria Municipiului Iasi, Consiliul Judetean Iasi, Directia de Sport si Tineret Iasi, Asociatia Judeteana de Sah Iasi, C.S. Politehnica Iasi, Palatul Copiilor Iasi organizeaza la Sala Sporturilor, in premiera in Romania, Campionatul Mondial de Sah Amatori.

Evenimentul este motivat de succesul Campionatului Mondial de Sah Scolar, din mai 2012, care a reunit peste 500 de copii din 38 de tari.

"Are drept de participare orice jucator ce nu a depasit 2.000 puncte ELO (internationale), indiferent de varsta. Datorita traditiei scolii iesene de sah, asteptam sa participe foarte multi copii din judet, dar si parinti, bunici. Speram ca acestia sa ne aduca din nou titlul mondial, dupa ce, in 2009, sportivul Stefan Parlog, de la C.S. Politehnica Iasi, a ocupat primul loc", anunta organizatorii.

Pana in acest moment s-au inscris jucatori din Venezuela, Brazilia, Paraguai, Statele Unite ale Americii, Mexic, Nigeria, Africa de Sud, Uganda, Egipt, Nepal, Dubai, Siria, India, Iran, Brunei, Emiratele Arabe Unite, Singapore, Malaezia, Noua Zeelanda,  Anglia, Suedia, Rusia, Turcia, Moldova, Bulgaria, Ucraina, Grecia, Georgia, Armenia, Franta. Termenul limita pentru inscrieri este 4 martie 2013.

Sursa: bzi.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Pe-al nostru steag e scris intoleranta.

Inteleg ca super-nationalistii romani au o tresarire cand aud ca intr-un loc din oras, niste cetateni se uita la un film cu doua lesbiene care cresc un copil. (vezi imaginile)

Oroare! Cum adica, lesbienele nu sunt pentru ca sa faca filme porno? Da, alea pe care le downloadam duminica dupa ce venim de la intrunirea Asociatiei Looserilor Care Stiu Imnul pe Dinafara Dar Nimic Altceva?

Ete ca nu. Lesbienele si gay-ii se uita la un film decent, in public, in loc sa se ascunda intr-o gaura de sarpe unde sa-l astepte pe Arhanghelul Mihail sa vina sa-i duca direct in sectiunea romaneasca a iadului, aia cu foc mai mic si cu mult fum.

Dar pana vine el, reprezentantii Lui pe pamant se organizeaza si se duc sa demonstreze, cu steag, cu imn si cu pancarte, pentru ca la Muzeul Taranului Roman se intampla asa orori pe-un ecran.

Cu toate astea, lesbienele de la fata locului nu se indragostesc de ei, asa cum fara indoiala era planul initial si fantezia oricarui heterosexual patriot, a carui iubita il asteapta acasa, in capot si bigudiuri si cu unghiile facute proaspat, la Craciunul trecut. Urmeaza retragerea, dupa o ora si ceva de injuraturi care, fara indoiala, arata caracterul crestin al intregii tarasenii. Stiti, religia aia care zice sa intorci si obrazul celalalt...!

Epilog: Romania e fara indoiala mai curata acum ca niste patrioti tocmai au mancat rahat cu steagul drept babetica.

Muzeul e si el mai bogat, pentru ca ii lipseau din galerie tocmai cateva exponate de tarani urbani vii.

Iar doamna plinutza din primele cadre probabil ca viseaza deja la o campanie nationala prin care sa faca tandretea fata de activistele uratele si isterice o datorie patriotica!

Autor: Lucian Mindruta

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Let's take a second to remember all the great things rich people have done for our planet:

WAR CULTURE
GENOCIDE
CORRUPTING YOUTH
SLAVERY
BORDERS
CORPORATE GREED
POLLUTION
CLOSED SOCIETY
FEUDALISM
FASCISM
CAPITALISM

CLASS WARFARE
PROPAGANDA
SEGREGATION
BANKS
HARD LABOR
CRIME
MINIMUM WAGE
GESTAPO
MASS INEQUALITY
DICTATORS
STARVATION
AUSTERITY
PRIVATE PROPERTY
RACISM
ORGANIZED RELIGION
CIA
NEO-NAZISM
NAZISM
9/11
WARMONGERING
TRAITORS
CASTE SYSTEMS
VOLUNTARY SERVITUDE

You have to realize that the people working at the highest ranks of government and the corporatocracy, are all spoiled children. They were all given these positions thanks to their elite status, and Ivy League selection. These people are imbeciles, who have never in their lives been told they were wrong, by someone other than their friends and families.

Source: www.anarchadia.com -

About

Free Censored Unspun Mainstream News Since 2010 www.anarchadia.com
Company Overview
Anarchadia is a Non-Profit watch dog journal. An objective source of information, which works at bringing you the best redacted information on the web about current and past events. We have no personal agenda only common sense and an anarchist philosophy. We have created this website because we feel that sites and organizations like Infowars, Huffington Post, Zeitgeist Movement, We are Change, Reuters, Wikileaks, and AP do not present a broad enough vision of our world. Sure they have plenty of content; yet there always seems to be something contradicting the other. Our promise is to remain independent from all interests. Objectivity is our motto. And Peace our hope! 

Website: www.anarchadia.com 

About Us: http://anarchadia.com/aboutus

Donations: http://anarchadia.com/donations/

OR DIRECTLY --- Since Anarchadia is run by exiles... we have a trusted person in Hawaii who make sure our organization get it... Every donation given... will be credited in the work it funded... And remember sharing us is more important than money... because money is obviously not our ultimate goal here... we aren't a very marketable enterprise... if you know what I mean : 

Anarchadia
P.O. Box 61713
Honolulu Hawaii
96839
Description
FREE Unspun News Since 2010
General information
Join our profile, for updates, information, or FAQs : http://www.facebook.com/profile.php?id=100002615365636

*** LEGAL DOCUMENT ***
Warning--any person and/or institution and/or Agent and/or Agency of any governmental structure including but not limited to the Australian Federal Government also using or monitoring/using this website or any of its associated websites, you do NOT have my permission to utilize any of my profile information nor any of the content contained herein including, but not limited to my photos, and/ or the comments made about my photo's or any other "picture" art posted on my profile. You are hereby notified that you are strictly prohibited from disclosing, copying, filtering, censoring, distributing, disseminating, or taking any other action against me with regard to this profile and the contents herein. The foregoing prohibitions also apply to your employee(s), agent(s), student(s) or any personnel under your direction or control. The contents of this profile are private and legally privileged and confidential information, and the violation of my personal privacy is punishable by law.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Tra queste, e certo non meno lecita di altre, l'idea della resa del Papa.  Sì, perché in fondo Ratzinger ha abbandonato la sua faticosa crociata spirituale. Una resa ufficializzata con l'annuncio shock delle 11.46 dello scorso lunedì 11 febbraio. Una resa non più custodita dalle Mura Leonine, dall'invalicabile reticolato di storia che separa la Città del Vaticano dal resto del mondo. Ma nell'era della globalizzazione diventa sempre più difficile mantenere quest'isolamento. Già nel 2012 email, memorie, lettere, appunti e documenti segreti le hanno attraversate per finire sulla scrivania di magistrati e sulle prime pagine di giornali e rotocalchi. Il cosidetto "Vatileaks", la fuga di notizie che è solo uno dei tasselli nel mosaico interrotto di Ratzinger.

A uscirne indebolito è stato il Santo Padre ed il cattolicesimo in generale. Una situazione paradossale dal momento che Benedetto XVI doveva essere il papa della rinascita spirituale.  "Quando è stato eletto, Ratzinger aveva promesso di fare pulizia e di riportare la Chiesa alla sua funzione pastorale, quella della salvezza delle anime - spiega una fonte gesuita anglosassone, che per ovvi motivi vuole rimanere anonima -. Un compito che ha portato avanti per diversi anni. Poi, improvvisamente, ha fatto marcia indietro." Perché? Sicuramente uno dei codici per decifrare Vatileaks è proprio il comportamento, che alcuni definiscono "schizofrenico" del Papa nei confronti della pulizia spirituale.
Tra le battaglie interrotte c'è sicuramente quella contro la pedofilia, una lancia nel fianco della comunità cattolica di cui Wojtyla aveva per anni ignorato l'esistenza. Benedetto XVI, invece, questa lancia la voleva estrarre, tanto che ha rimosso ben 50 vescovi. Improvvisamente, però, tutto è tornato come ai tempi di Giovanni Paolo II. Irrisolto rimane anche il mistero di Emanuela Orlandi, la quindicenne figlia di un impiegato del Vaticano, scomparsa senza lasciar traccia nel 1983. Una pista porta addirittura a denaro mafioso. Ipotesi secondo la quale a far sparire la ragazza sarebbe stata, per conto di qualche boss mafioso, la famigerata banda della Magliana, che a cavallo tra gli anni Settanta ed Ottanta spadroneggiava a Roma. Vatileaks però ne introduce una seconda: la ragazza potrebbe essere stata vittima della pedofilia.
Non tutti gli sforzi del Pontefice sono andati perduti; tra gli obiettivi raggiunti c'è quello di mettere ordine nelle caotiche finanze del Vaticano. Peccato che si tratti di una vittoria di Pirro, e vediamo perché. Nel maggio del 2009 Ratzinger affida questo delicato compito a monsignor Carlo Maria Viganò, nominato segretario generale del Governatorato, il ministero dell'economia del Vaticano. È questo uno snodo cruciale della gestione dello Stato del Vaticano, poiché sovrintende a tutti gli appalti, le forniture, le spese dello Stato più piccolo al mondo. "Viganò non ci mise molto a scoprire che i motivi delle perdite ingenti del Governatorato erano legati alla pessima gestione di quest'istituzione e lo disse al Santo Padre," spiega la nostra fonte gesuita.
In una sua relazione  - pubblicata nel libro "Sua Santità" di Gianluigi Luzzi - monsignor Viganò denuncia anche l'operato del comitato finanza e gestione, che investiva il portafoglio finanziario del Vaticano (circa 400 milioni di euro l'anno) non nell'interesse della Santa Sede, ma dei banchieri che ne facevano parte. Ed infatti nel dicembre del 2009 si registra, in una sola operazione, una perdita di 2 milioni e mezzo di dollari che Viganò fa notare a Ratzinger. Il comitato, va detto, è composto dai grandi nomi della finanza cattolica: Pellegrino Capaldo, presidente coordinatore, ex Banca di Roma; Ettore Gotti Tedeschi, ex Banco Santander e ai tempi a capo dello Ior, l'Istituto per le Opere di Religione, la banca del Vaticano; Carlo Fatta Pasini, della Popolare di Verona e Massimo Ponzellini, allora a capo della Popolare di Milano.
Ma è nell'amministrazione della Città del Vaticano, divisa letteralmente in piccoli feudi, che il nuovo segretario generale scopre l'esistenza di una fitta rete di corruzione, nella quale sono coinvolti alti funzionari del Vaticano ed una cricca di appaltatori italiani. Dentro le Mura Leonine, insomma, tutto costa di più. Nel 2009, ad esempio, si spendono ben 550 mila euro per il presepe di Piazza San Pietro; una cifra esorbitante. Il risanamento delle finanze apparentemente funziona ed il bilancio del Governatorato passa da una perdita di quasi 8 milioni di euro nel  2009 ad un attivo di 34 milioni nel 2010. Missione compiuta, dunque. Ma non è così.
Monsignor Viganò si è fatto molti nemici dentro e fuori del Vaticano, gente potente che non rimane certo con le mani in mano, ma passa subito all'attacco. Nel marzo del 2011, sul Giornale, il quotidiano di proprietà di Berlusconi, escono un paio di articoli non firmati che lo attaccano e preannunciano la sua rimozione. Ed infatti, poco dopo, il Papa lo nomina Nunzio apostolico negli Stati Uniti e lo spedisce oltre oceano.
È una promozione, ma anche una rimozione. In una lettera indirizzata al Santo Padre e mostrata nella trasmissione tv "Gli intoccabili", Viganò esprime grande amarezza per questa decisione; la sua partenza da Roma è infatti un segnale inconfondibile che lo status quo antes verrà ristabilito. Perché il Papa, invece di difenderlo, lo allontana  dal governatorato? È una delle domande chiave del giallo in Vaticano.

L'eminenza grigia del Vaticano
Dai documenti privati trafugati dalla Santa Sede risulta che a far pressione su Benedetto XVI per abbandonare la crociata spirituale, e quindi cambiare atteggiamento nei confronti dell'opera di pulizia in Vaticano, sia stato il cardinal Tarcisio Bertone, segretario di Stato, considerato dalla stampa italiana una sorta di eminenza grigia, è infatti lui l'uomo forte del Vaticano. "A Bertone l'opera di pulizia di Viganò non andava proprio a genio, perché metteva il naso nei rapporti che la sua corte mantiene con alcuni segmenti dell'élite del potere in Italia," spiega un banchiere vicino al comitato di gestione.  In qualità di segretario di Stato Bertone svolge le mansioni di primo ministro dello stato del Vaticano, che sebbene sia una monarchia assoluta, nella quotidianità viene gestito, appunto, dalla segreteria di Stato.
Tarcisio Bertone è accanto a Ratzinger dal 1995, quando venne nominato segretario della Congregazione per la Dottrina di Fede, di cui ai tempi Benedetto XVI era il prefetto. Nel 2003 venne nominato cardinale ed inviato a Genova,  dove mostrò subito grandi capacità imprenditoriali. Nel libro "La colata", sugli scandali edilizi italiani, gli autori raccontano come Bertone lanciò la Chiesa in una serie di attività immobiliari che fruttano ottimi profitti, tra le quali la gestione della sanità cattolica nella regione. Intorno al cardinale ronzavano come api politici, imprese ed appaltatori, alcuni dei quali finiti anche sotto inchiesta.
Di carattere aperto, con una grande facilità nell'istaurare relazioni amichevoli con tutti e ben introdotto negli ambienti politici, Bertone aveva tutte le carte in regola per diventare segretario di Stato di un papa teologo, poco interessato dunque alla dimensione temporale della Chiesa.
"Benedetto XVI è un intellettuale, un grande pensatore, ma non ha la stoffa del politico Wojtyla, un Papa che parlava alla pari con i capi di Stato in un periodo storico di grandi tensioni. Questo tipo di relazioni le tiene Bertone," spiega un sacerdote domenicano in pensione, che ha conosciuto Giovanni Paolo II dopo l'attentato in Piazza San Pietro. A Genova Bertone si fa le ossa investendo nel settore immobiliare, un successo che lo fa approdare alla segreteria di Stato e quando viene chiamato a dirigerla ne è subito all'altezza. È lui, non il Papa, che nel gennaio del 2011 invia all'ufficio Cifra della nunziatura spagnola un cablo su come gestire, in modo diplomatico, la sorprendente richiesta dell'Eta di concordare una tregua con il governo spagnolo coinvolgendo nelle trattative la Chiesa.
Ma è nei rapporti con la classe politica italiana che il rodaggio genovese di Tarcisio Bertone dà i suoi frutti migliori.

La relazione speciale tra Vaticano e Italia
Il Vaticano riceve ogni anno l'otto per mille del valore totale dell'Irpef, l'imposta sul reddito delle persone fisiche italiana. Fino al 1984 l'Italia pagava ai sacerdoti soltanto la congrua, uno stipendio fisso, ma dato che le proiezioni al 2015 mostravano una riduzione del 50% nel numero dei sacerdoti dovuta alla crisi delle vocazioni, si decise di agganciare il contributo all'Irpef. L'idea fu di Giulio Tremonti, ai tempi consulente del governo socialista di Bettino Craxi, ex ministro delle finanze di quello di Berlusconi e da sempre tratto d'unione tra classe politica italiana e Vaticano. Naturalmente le pressioni per questo cambiamento provenivano dalla Santa Sede.
Sbaglia, però, chi pensa che nel rapporto tra questi due Stati il Vaticano sia il socio di maggioranza. "Il rapporto tra Chiesa e Stato italiano poggia su un'intricata rete di 'do ut des', di scambi e di favori, insomma," spiega un ex democristiano. Propaganda Fide, il ministero vaticano che coordina le missioni nel mondo e che possiede il patrimonio immobiliare più bello e prestigioso di Roma, ad esempio, affitta regolarmente ai vip dell'élite politica italiana appartamenti principeschi a prezzi accessibilissimi. "Per abitare a Piazza di Spagna o in via della Conciliazione non basta essere benestanti, bisogna essere classe dirigente e avere almeno un contatto elevato. Come se in cambio dell'affitto si garantisse una qualche benemerenza", spiega nel suo programma "Report" la giornalista investigativa Milena Gabanelli. A sua volta il governo italiano non applicava al patrimonio immobiliare di Propaganda Fide (pari a più di 8 miliardi di euro)  la tassa sugli immobili Ici,abolita da Berlusconi. E così via, la spirale di favori ed agevolazioni è infinita.
Naturalmente Tarcisio Bertone non gestisce questa macchina infernale, ma in quanto segretario di Stato è al centro della complessa ragnatela di relazioni che ne permette l'esistenza. "Viganò voleva distruggere questo meccanismo, non solo per la corruzione che genera in Vaticano ed altrove, ma per le perdite ingenti che produce alle finanze della Santa Sede," spiega la nostra fonte gesuita. Senza saperlo il suo alleato più forte è sempre stata l'Unione Europea.
Sebbene Berlusconi abbia esentato i luoghi di culto religioso dal pagamento dell'Ici, e Prodi abbia trovato uno stratagemma per mettere a tacere le proteste di Comuni, Province e Regioni riguardo a questo trattamento "speciale" con il decreto Bersani, all'Unione Europea questa politica non piace. La Commissione europea non ha gradito la creazione nel decreto della categoria "immobile non esclusivamente commerciale", una dicitura che esenta dalla tassa tutti i luoghi dove si può celebrare messa, ed ha dichiarato che l'esenzione va contro le direttive dell'Unione europea. All'inizio del 2011 l'Eu ha parlato di "multa sul Vaticano" qualora non accettasse di pagare l'imposta e tutti gli arretrati.
Solo a questo punto governo italiano e Santa Sede si attivano per trovare una soluzione. In una memoria del settembre del 2011, inviata da Gotti Tedeschi a Bertone e pubblicata da Pierluigi Nuzzi, il banchiere avanza alcune strategie che Mario Monti userà, meno di un anno dopo, per risolvere la questione.
Nonostante l'austerità nella primavera del 2012, infatti, Monti stanzia 200 milioni di euro di contributi  alle scuole private, per lo più gestite dal clero. Si tratta di una sorta di compensazione per la perdita dell'esenzione dell'Ici, oggi ribattezzata Imu. Monti lascia fuori dalla tassazione le scuole religiose non a scopo di lucro e concede la classe B a conventi, collegi, oratori e seminari per fargli pagare la vecchia aliquota, più bassa di quella nuova imposta dalle politiche di austerità.
In Italia che un governo tecnico tratti il Vaticano con i guanti bianchi non sorprende proprio nessuno. Berlusconi aveva due diplomatici che facevano da trait d'union con il Vaticano: Gianni Letta e Giulio Tremonti. Monti ne ha avuti a disposizione di più. Tra questi spiccano Andrea Riccardi, il fondatore della comunità di Sant'Egidio; Lorenzo Ornaghi (ex rettore dell'università Cattolica) e Corrado Passera (che si è fatto le ossa nella banca San Paolo di Torino). Il suo è stato uno dei governi più filo Vaticano dai tempi della Democrazia cristiana.
Ed infatti il governo Monti ha giocato un ruolo di primo piano nelle indagini riguardo alle accuse di riciclaggio dello Ior; indagini alle quali il Vaticano si è dovuto sottomettere a causa delle pressioni dell'Eu. Nell'estate del 2012, Moneyval, l'organismo antiriciclaggio del Consiglio d'Europa riunito in seduta plenaria a Strasburgo, emette un giudizio ambiguo, che evita al Vaticano di finire nella lista nera dei paradisi fiscali. Il Governo italiano, guarda caso, ha scelto di non parlare nella sessione plenaria in cui si discuteva il caso. Per protesta Giovanni Castaldi, direttore della Financial Intelligence Unit della Banca d'Italia,  ha ritirato i suoi due dirigenti dalla delegazione a Strasburgo per non essere complice di una posizione sbagliata.

La Banca di Dio
Lo Ior è un altro tassello importante. La banca nasce nel 1929 con i Patti lateranensi firmati da Mussolini, che sanciscono il risarcimento dei beni dello Stato Pontificio espropriati dopo l'unità d'Italia. Mussolini versò alla Santa Sede 750 milioni di lire in contanti e un miliardo in titoli. Capitali con i quali lo Ior cominciò a lavorare. Sebbene sia a tutti gli effetti una banca straniera, fino a poco tempo fa il sistema bancario italiano la considerava alla stregua di un corrispondente estero di banche italiane. Che significa? "Che non applicava alle sue operazioni i controlli anti-riciclaggio richiesti dalla legge - spiega Gabbanelli sempre a Report -. Alla fine degli anni Novanta, ad esempio, tra la Banca di Roma e lo Ior inizia un traffico di denaro che ammonta mensilmente a 50, 60 milioni di euro. A che servono questi soldi e di chi sono? Molti pensano a tangenti, denaro mafioso ed evasione fiscale. Si tratta infatti di assegni in bianco, conti cifrati, operazioni irregolari, che però non destano alcun sospetto perché lo Ior è considerato alla stregua di una filiale." Il traffico continua per anni, chiude più di un occhio la Banca d'Italia, diretta fino al 2005 - quando verrà rimosso per ingerenze nell'acquisto della Banca Antonveneta - da Antonio Fazio, uomo religiosissimo e vicino ai vertici del Vaticano.  Nel 2008 sarà la magistratura italiana e l'Unione europea a costringere le istituzioni  ad investigare l'operato dello Ior.
La crisi economica del 2008, la recessione e la situazione critica dell'economia italiana fanno sì che la classe politica ceda alle pressioni di Bruxelles. È una delle tante conseguenze negative che il mutato clima economico e finanziario esercitano sullo stato della Chiesa

Salvare il capitalismo per salvare la Chiesa
Anche se Tarcisio Bertone gestisce il potere temporale della Chiesa, a decidere deve sempre essere il Papa, poiché la Santa Sede è una monarchia assoluta. È stato il Papa a rimuovere Viganò, non Bertone. Ed il Pontefice poteva dire di no, ma non l'ha fatto. Cade dunque la tesi della congiura di palazzo secondo la quale Vatileaks è stato frutto dello scontro di potere tra segretario di Stato e Papa; l'alleanza tra i due, infatti, non è stata mai così forte.
Dato che tutti concordano che Ratzinger si fida ciecamente di Bertone,  la domanda da porsi è: come ha fatto Bertone a convincere il Pontefice a fare marcia indietro? La risposta ce la fornisce la nostra fonte gesuita: "In un momento di crisi economica tanto profonda la crociata spirituale rischiava di spaccare l'istituzione della Chiesa e Ratzinger non voleva proprio correre questo rischio." La crisi finanziaria e la recessione che  affligge l'Occidente, forzano il pppa teologo ad indossare i panni del Pontefice politico, quelli prediletti da Wojtyla, ed il sarto che li confeziona è Tarcisio Bertone.
"Ratzinger è asceso al trono di Cristo dopo il papato di Wojtyla, che ha trasformato la Chiesa in un baluardo contro il comunismo - spiega la nostra fonte gesuita -. Il nostro ordine, che storicamente ha bilanciato gli interessi temporali con quelli spirituali in Vaticano, si è trovato spiazzato da altre istituzioni come l'Opus Dei o Comunione e Liberazione. Negli anni Novanta, molti di noi, tra cui un drappello di spagnoli, sono stati letteralmente messi alla porta ed hanno dovuto lasciare Roma. Non  è stato un cambiamento repentino, ma graduale, senza improvvisi licenziamenti. Così, quasi senza accorgercene, la gestione del Vaticano è passata di mano, da un ordine all'altro, e cambiata è anche l'enfasi del ruolo della Chiesa nel mondo. L'obiettivo prioritario del papato di Giovanni Paolo II è stato la caduta del comunismo, sicuramente un evento epocale, ma la Chiesa ha altri, più importanti compiti da svolgere quali l'evangelizzazione e la cura delle anime." Benedetto XVI condivideva quest'analisi, ne ha dato prova durante i primi anni del suo papato. Ma improvvisamente la Chiesa ed il suo alleato di sempre, il capitalismo occidentale, si sono trovati a dover fronteggiare un nuovo nemico, forse più potente del comunismo: la peggior crisi economica dal 1929.
Dalla caduta della Lehman Brothers il Vaticano, come tutto l'Occidente, naviga in cattive acque. Il bilancio della Santa Sede, che ha 2.700 dipendenti e riceve il grosso delle sue entrate dalla gestione del patrimonio immobiliare e dalle offerte, è infatti in perdita. Mentre nel 2007 si registrava un attivo di 6,7 milioni di euro, dal 2008 in poi il bilancio è in deficit, raggiungendo i 15 milioni di euro nel 2011. Unica eccezione il 2010, quando si è prodotto un modesto attivo, grazie anche a Viganò. Come spiegato da Viganò il Vaticano gestisce male le proprie finanze: in perdita è la Radio Vaticana, la Bbc del cattolicesimo, e l'Osservatore Romano, il quotidiano del Vaticano, ed in perdita è il portafoglio finanziario. Lo si legge in un documento della Curia pubblicato dal settimanale L'Espresso: "Su questo risultato (il deficit) ha influito l'andamento negativo dei mercati finanziari mondiali, che non ha consentito di raggiungere gli obiettivi preventivati." A spulciare nei bilanci ci si accorge che l'Obolo di San Pietro, e cioè le offerte che il Papa riceve personalmente ogni anno, sono in calo perché le tre nazioni tradizionalmente più generose - Stati Uniti, Spagna ed Italia-  sono in recessione. In particolare le finanze cattoliche americane sono provate dai risarcimenti che hanno dovuto pagare alle vittime della pedofilia, un'emorragia che proprio non ci voleva in questo momento di crisi.
Ecco spiegato perché l'economia e non la cura delle anime o l'impeto riformatore è al centro del dialogo che il Papa conduce da qualche tempo con il mondo, non solo con i fedeli, ma anche con le forze politiche. Ecco il motivo della sua inversione a U. La preoccupazione principale del papato di Benedetto XVI non è più spirituale, ma temporale. Anche lui, come il predecessore, ha indossato la corazza del paladino del capitalismo occidentale. Il nemico di oggi è l'avanzata delle economie emergenti, prima fra tutte la Cina, nazioni non cattoliche e spesso laiche, paesi che la Chiesa avrebbe dovuto evangelizzare, impresa ormai quasi impossibile a causa della loro crescita economica rapida. Il Vaticano teme non solo l'impoverimento dei Paesi occidentali, ma l'ascesa di nazioni come la Cina che potrebbero esportare e diffondere l'ateismo.

La Rivincita della Vecchia Guardia
L'abbandono della crociata spirituale consolida in Vaticano il potere di quelle forze interne alla Chiesa che non l'hanno mai vista di buon occhio. Così la già schiacciante presenza dell'Opus Dei si rafforza, mentre quella dei Gesuiti e Domenicani continua a scemare. Ed infatti le indagini sull'ormai famosa fuga di notizie sono state affidate al cardinale Julian Herranz, giurista di fiducia del Papa, ex presidente del dicastero dei testi legislativo e della commissione disciplinare della Curia Romana, e uomo dell'Opus Dei. Come il giornalista americano Greg Burke di Fox News, numerario dell'Obra, viene chiamato per  rimediare al danno che Vatileaks ha causato all'immagine del Vaticano nel mondo. Cambiamenti che rappresentano un duro colpo per chi aveva visto in Ratzinger  l'uomo del grande rinnovamento spirituale, in particolare per gesuiti, domenicani ed un esercito di fedeli. Adolfo Nicolas, a capo della Compagnia di Gesù, soprannominato il "Papa nero", manifesta al Pontefice questa delusione in una lettera che invia insieme a quella di un benefattore cattolico olandese, entrambe pubblicate da Nuzzi. "Perché il denaro gioca un ruolo centrale presso i diversi pastori della curia Romana - domanda il benefattore -, in alcune diocesi europee, come anche nel patriarcato di Gerusalemme?". Subito dopo - scrive Nuzzi - arrivano le accuse  alla cerchia più ristretta  di Ratzinger, dove si è accumulata in modo visibile e tangibile una misura considerevole di potere: "Alcune prove scritte pertinenti, in mia mano, servono a sostegno di quanto appena detto."

La delusione, la rabbia ed malcontento di quella fetta della Chiesa che si è vista privare del grande riformatore, hanno fatto da la miscela ideale per Vatileaks. "Come con il presidente Obama, il papato di Benedetto XIV aveva stimolato grandi aspettative," confessa un giovane padre domenicano di stanza in Vaticano. Quando queste si sono infrante la fuga di notizie è diventata l'ultima spiaggia per evitare che si insabbiasse il lavoro di anni.
Le dimissioni del papa sono legate alla lotta tra potere temporale e spirituale, una battaglia intestina che si combatte non solo dentro le Mura Leonine ma nel mondo intero? È possibile, forse anche probabile anche se questo non è un conflitto nuovo, ma solo una nuova fase della guerra centenaria tra i due volti della Chiesa. Ratzinger ha deciso di abbandonare il campo e lasciare al prossimo pontefice la continuazione di questa guerra.

Fonte: caffe.ch - Autore: Loretta Napoleoni

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Per la maggior parte del tempo viviamo rinnegando la nostra negatività intrinseca, spesso domandandoci come mai il mondo sia così mediocre e sconsiderato.

Forse è vero che a differenza dei cani non siamo nati come eterni ottimisti, ma la positività è qualcosa che può essere assorbita, anche se con un pò di sforzo, come ad esempio cercando di modificare il nostro senso dell'umorismo, il nostro modo di reagire ad una determinata situazione, cercando di essere più piacevoli e tenendo conto che anche gli altri ragionano con il loro cervello, e sorridendo ogni volta che qualcuno ti dice "grazie". Mentre la positività è uno stato mentale, la risposta sta nella nostra prospettiva. Qua trovate 18 cose che potete iniziare a fare ora per diventare una persona più amorevole e positiva.
Una cosa è provare piacere nella positività, un'altra è essere una persona positiva nel cuore. Nonostante crediamo di avere un atteggiamento positivo, diamo immancabilmente prima peso ai contro che ai pro. In più c'è il fatto che preferiamo l’inutile sarcasmo all'umorismo, facendo magari un sorrisetto ironico a una cosa che invece è genuinamente divertente, credendo che in fondo il bicchiere sia veramente mezzo vuoto.

18 cose che potete fare per cambiare la vostra prospettiva:

1. Desiderarlo

Per diventare una persona positiva devi avere un forte desiderio di esserlo, e questo lo si ottiene solo se si è convinti che diventare una persona positiva migliorerà la qualità della vostra vita. La positività è come un'aura, e sai di esserlo quando le persone iniziano a fidarsi di te, quando persone a caso diventano gentili con voi, i colleghi al lavoro rispettano la vostra visione positiva e iniziate a legare e creare rapporti con facilità.

2. Credi in tutte le possibilità

Su che cosa puoi o non puoi fare. Su quello che è possibile e quello che è impossibile. Non permettere alle tue convinzioni limitanti di tenerti bloccato nel posto sbagliato. Apri le tue ali e prendi il volo! Una volta che ti rendi conto che tutto è possibile, le porte dei limiti che sono state chiuse nella tua mente si apriranno collegandosi con tutti gli aspetti della coscienza.

3. Sii realista: Non cercare di diventare un santo

Diventare una persona positiva non vuol dire che non potrai mai avere qualche emozione negativa o imbatterti in una situazione negativa. È l'atteggiamento complessivo e la reazione ad ogni esperienza che conta. Non restare impantanato nel fallimento, e non deluderti se le tue aspettative non vengono soddisfatte. Devi rendervi conto che tutto è al tuo servizio. Tutte le esperienze sono neutrali ed è la tua percezione di esse che creano la tua visione positiva o negativa.

4. Prova a valorizzare, piuttosto che criticare

Abbandona il tuo costante bisogno di lamentarti e criticare le persone, le situazioni o gli eventi che ti rendono triste, infelice o depresso. Nessuno può farti infelice, nessuna situazione può renderti triste o miserabile a meno che non sei tu a permetterlo. Quando critichi qualcosa tu esprimi un giudizio personale su qualcosa che manca nella tua vita e che rifiuti di lasciar andare. Mai sottovalutare il potere del pensiero positivo. In ogni occasione in cui senti il bisogno di criticare, prova a pensare a come quella specifica situazione ti stia aiutando o stia beneficiando gli altri.

5. Sperimenta

Diventa un acuto osservatore. Usa gli episodi giornalieri per vedere in che modo in cui questi si possono gestire in maniera più positiva. Ti serviranno come casi perfetti per trasformare la tua visione in una più positiva. Per chi è agli inizi, iniziate a riflettere su come potete gestire meglio una situazione essendo meno ostili e più indulgenti. Trovate per esempio cinque modi che avrebbero potuto salvare la giornata e imparate a prendere le cose per quello che valgono. Ricordatevi poi che la vostra capacità di fidarvi delle persone riflette anche la vostra genuinità.

6. Accettare la responsabilità

Il senso di colpa è un trucco della mente. Accetta la responsabilità per te stesso, per la tua vita e per le tue azioni. Tu solo sei in grado di risponderne. Sei adulto. Essere responsabile significa che lo sei per tutte le decisioni che prendi. L’hai fatto per una ragione: per imparare. Se tu che scegli di farlo; devi accettarne le conseguenze e capire che lo fai per una ragione...per imparare. Se continui a sentirti in colpa, smetti di imparare.

7. Comunicazione e linguaggio del corpo

Cerca di rendere parole positive parte del tuo gergo quotidiano e lavora sul tuo linguaggio corporeo in modo che possa essere amichevole ed accessibile. Guarda divertito qualcosa di divertente, ridi quando qualcosa è divertente, complimentati quando serve e dai agli altri la possibilità di raccontare la loro versione dei fatti. Non pensare mai di essere l'unico interessante e saccente che c’è in giro.

8. Sii te stesso

Sei unico. Goditi la tua unicità. Nessuno, in tutto il mondo è esattamente come te. Smettila di cercare in tutti i modi di essere qualcuno che non sei solo per farti piacere dagli altri. Nel momento in cui ti toglierai tutte le maschere, nel momento in cui accetterai ed abbraccerai il tuo vero essere, allora si che la gente sarà attratta da te, senza sforzo.

9. Compagnia

Un modo di diventare positivi è quello di ricercare una compagnia positiva visto che sia la negatività e la positività sono infettive. Se per la maggior parte del tempo frequenti persone che sono scontrose o che hanno un punto di vista pessimistico vedrai che inavvertitamente rispecchierai le loro emozioni. Al fine di inculcare positività è importante che la gente che frequenti sia positiva, energica e felice. Vedrai che così porterai la stessa positività con te dovunque andrai.

10. Pensa al presente

Il passato ed il futuro spesso ci portano su un percorso di tumulto emotivo. Spesso pensiamo che il passato era molto meglio e che il futuro sarà spaventoso, bisogna però prendere in considerazione il fatto che il momento presente è tutto quello che si ha e tutto quello che si potrà mai avere. Sappi che il passato che stai cercando - il passato che ora magari stai sognando - lo ignoravi quando era “il presente”. Smettila di illuderti. Sii presente in tutto quello che fai e goditi la vita. Dopo tutto la vita è un viaggio e non una destinazione. Cerca di avere una chiara visione del futuro, preparati, ma sii sempre presente nel tuo presente.

11. Attività

Non essere poco attivo. Fai attività positive da solo o con altri. Condividi una battuta, racconta un episodio piacevole, partecipa ad attività sportive, vai a correre la sera dopo il lavoro, fai del sano sesso e ti ritroverai con una ribollente energia positiva.

12. Prendetela con calma

La vita quotidiana è fatta per darti delle scosse. Sii preparato nel minimizzarne l'impatto e a scrollartele di dosso. Potresti per esempio diventare troppo stressato guidando ogni giorno o cercando di parcheggiare l'auto. Nel momento che accetti che certi fatti non posso essere cambiati, sarai molto più a tuo agio con te stesso e con le persone che ti stanno attorno.

13. Getta le aspettative

Lasciati alle spalle eventuali previsioni che hai su te stesso e che ti limiteranno la crescita. Se tendi ad avere alte aspettative su come gli altri dovrebbero comportarsi sarai spesso deluso quando questo non accadrà. Sono solo le tue aspettative sulle persone che causano il fatto che tu le giudichi quando in definitiva dai un giudizio su te stesso. Veramente molte persone vivono una vita che non dovrebbe essere vissuta da loro. Vivono la loro vita secondo quello che gli altri pensano sia meglio, secondo quello che i genitori pensano sia meglio, i loro amici, i loro nemici e i loro insegnanti, il governo e i media pensano siano meglio per loro. Ignorano la loro voce interna, la loro chiamata interiore. Spesso si dimenticano di che cosa li fa felici, di che cosa vogliono, di che cosa hanno bisogno. Hai una vita sola - questa, di questo momento - che devi vivere, ed evitare che le opinioni di altre persone ti distraggano dal tuo percorso.

14. Tieni un diario 

Invece di raccontare tutto quello che ti accade, filtra solo gli avvenimenti positivi e prendine nota. Potrebbe essere una qualsiasi cosa, anche banale, da un’autobus che arriva in orario, alla deliziosa colazione cucinata da tua madre, o al fatto di esserti ricordato di pagare le bollette in tempo. È quando cerchiamo la positività nelle piccole cose che ci rendiamo conto che vale la pena vivere, dove non lasciamo spazio per negatività. Prova consapevolmente a fare questo per 10 giorni, alla fine del decimo giorno quando leggerai il tuo diario avrai solo i ricordi delle cose belle che ti sono accadute

15. Medita

Non solo meditare secerne ormoni della felicità ma ti crea anche un senso di consapevolezza interno. Imparererai a controllare il tuo respiro, e per mezzo di esso, controllare il vagare della tua mente. Ogni volta che si medita si sente un impulso di energia positiva che attraversa il corpo e calma i nervi, calma la mente, eleva l'umore, per non parlare poi del miglioramento del vostro livello di tolleranza.

16. Abbraccia il cambiamento

Il cambiamento è un bene. Cambiare ti aiuterà a passare da A a B. Cambiare ti aiuterà a migliorare la tua vita e quella di chi ti circonda. Segui la tua beatitudine, abbraccia il cambiamento e non resistergli.

17. Re-inventa il tuo bisogno di avere ragione

Molti di noi non sopportano l'idea di essere nel torto, vogliono sempre avere ragione, anche al rischio di troncare degli ottimi rapporti o di causare grandi quantità di stress e di dolore, sia a noi stessi che agli altri. Ci piace controbattere ad ogni costo anche quando siamo nel torto. Semplicemente non ne vale la pena perché l'essere nel giusto è del tutto soggettivo, con tanti strati di prospettive di verità. Ogni volta che sentite l' "urgente" bisogno di entrare nel merito di chi ha ragione o torto, fatevi questa domanda. "Preferisco avere ragione, o essere gentile?" Wayne Dyer.

18. Dite "grazie"

Ringraziate il cielo, i vostri genitori, i vostri amici e ringraziate voi stessi per tutti il duro lavoro che avete fatto, per tutto quello che avete raggiunto. Dire grazie spesso vi rende umili, e una persona umile raramente è cinica.

Fonte: networkedblogs.com via TrueActivist.com - Autore: Josh Richardson - Traduzione: Daniel Iversen

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admins (from 18/02/2013 @ 02:03:09, in en - Video Alert, read 723 times)

An informational film produced to encourage farmers to grow hemp for the war effort during WW2. The film details the many industrial uses of hemp, including cloth and cordage, as well as a detailed history of the plant's use. Was required viewing for all US farmers during WWII by federal mandate.

Produced by .... U.S. Department of Agriculture
Lee D. Vickers .... Narrator (voice)
Reuben Ford .... sound
Walter K. Scott .... camera operator
Directed by .... Raymond Evans
Writing credits .... Brittain B. Robinson

As this film was released by the U.S. Department of Agriculture, it is in the public domain and can be downloaded free at http://archive.org/details/Hemp_for_victory_1942

Kick back spark one up and Enjoy!

 

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Investigators at the University of California, Davis Medical Center conducted a double-blind, placebo-controlled, crossover study evaluating the analgesic efficacy of vaporized cannabis in 39 subjects, the majority of whom were experiencing neuropathic pain despite traditional treatment. Subjects inhaled cannabis of either moderate THC (3.53 percent), low dose THC (1.29 percent), or zero THC (placebo). Subjects continued to take all other concurrent medications as per their normal routine during the 3- to 4-week study period. Spontaneous pain relief, the primary outcome variable, was assessed by asking participants to indicate the intensity of their current pain on a 100-mm visual analog scale (VAS) between 0 (no pain) and 100 (worst possible pain).

Researchers reported: “Both the low and medium doses proved to be salutary analgesics for the heterogeneous collection of neuropathic pain conditions studied. Both active study medications provided statistically significant 30% reductions in pain intensity when compared to placebo.”

They concluded: “Both the 1.29% and 3.53% vaporized THC study medications produced equal antinociception at every time point. ... The use of low doses could potentially be prescribed by physicians interested in helping patients use cannabis effectively while minimizing cognitive and psychological side effects. Viewed with this in mind, the present study adds to a growing body of literature supporting the use of cannabis for the treatment of neuropathic pain. It provides additional evidence of the efficacy of vaporized cannabis as well as establishes low-dose cannabis (1.29%) as having a favorable risk-benefit ratio.”

Previous clinical trials have indicated that inhaled cannabis can safety and effectively relieve various types of pain, particularly neuropathy — a hard-to-treat nerve condition often associated with cancer, HIV, spinal cord injury, diabetes, multiple sclerosis, and other conditions. These include the following double-blind, placebo-controlled (FDA gold-standard) studies:

Ware et al. 2010. Smoked cannabis for chronic neuropathic pain: a randomized controlled trial. CMAJ182: 694-701.

Wilsey et al. 2008. A randomized, placebo-controlled, crossover trial of cannabis cigarettes in neuropathic pain. Journal of Pain 9: 506-521.

Ellis et al. 2008. Smoked medicinal cannabis for neuropathic pain in HIV: a randomized, crossover clinical trial. Neuropsychopharmacology 34: 672-80.

Abrams et al. 2007. Cannabis in painful HIV-associated sensory neuropathy: a randomized placebo-controlled trial. Neurology 68: 515-521.

Wallace et al. 2007. Dose-dependent Effects of Smoked Cannabis on Capsaicin-induced Pain and Hyperalgesia in Healthy Volunteers Anesthesiology 107: 785-796.

Separate clinical trial data also reports that inhaled “cannabis augments the analgesic effect of opioids” and therefore “may allow for opioid treatment at lower doses with fewer side effects.”

Source: secretsofthefed.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Moving consciousness and understanding forward. One blog post at a time.

VIDEO.

Source: http://www.theparadigmshift.ca/

 

The Joe Rogan Experience Blog #16 from JoeRogan on Vimeo.

About:
Peter Joseph [Official Page] http://peterjoseph.info/


Biography:
Peter Joseph, creator of The Zeitgeist Film Series.
http://www.turismoassociati.it/lang1/blog_talk_radio.html


Description:
http://peterjoseph.info/
http://zeitgeistmovie.com/
http://cultureindecline.com/

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admins (from 15/02/2013 @ 02:04:47, in en - Video Alert, read 506 times)

In philosophy, reality is the state of things as they actually exist, rather than as they may appear or might be imagined.

In a wider definition, reality includes everything that is and has been, whether or not it is observable or comprehensible. A still more broad definition includes everything that has existed, exists, or will exist.

Philosophers, mathematicians, and other ancient and modern thinkers, such as Aristotle, Plato, Frege, Wittgenstein, and Russell have made a distinction between thought corresponding to reality, coherent abstractions, and that which cannot even be rationally thought. By contrast existence is often restricted solely to that which has physical existence or has a direct basis in it in the way that thoughts do in the brain.

 

Reality is often contrasted with what is imaginary, delusional, (only) in the mind, dreams, what is abstract, what is false, or what is fictional. The truth refers to what is real, while falsity refers to what is not. Fictions are considered not real.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

< novembre 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
27
28
29
30
             

Titolo
en - Global Observatory (592)
en - Science and Society (583)
en - Video Alert (334)
it - Osservatorio Globale (502)
it - Scienze e Societa (553)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (392)
ro - Stiinta si Societate (464)
ro - TV Network (141)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
sir are you encouraging people participate in some kind of game? ...where people give up their power? It never worked before .... that’s why I suggest instead of give up your power, exercise it from y...
05/10/2014 @ 08:45:09
By James Smith
Asta e marihoana nu?ei cine te poate opri so faci ,eu nu prefer astfel de fistractie deoarece am vazut ca dupa nu mai faci altceva fecit ca dormi bine,nu am incercat nu incerc dar nu opresc pe nimeni ...
30/09/2014 @ 09:34:56
By Miulesvu Corina Lucia
tovaraseilor .. nu confundati un sifonar sau turnator cuun ofiter sub acoperire.. e o mare diferenta ...
29/09/2014 @ 13:07:51
By Alex Andu
... deci şi Toma e securist, logic!
27/09/2014 @ 15:49:04
By Bogdan Sith Huşanu
Mai voinicilor,voi nu stiati ca inainte de 89,securistii erau omul si copacul,,ei acum sint si mai multi,cred ca au dat si lastari,ce naiba..!..
27/09/2014 @ 15:45:01
By Toma Pasculea
E greu de crezut că mişcă ceva de calibru în massmedia din orice ţară care să nu aibă vre-o treabă cu 'serviciile'. Cred că massmedia, instituţiile me...
27/09/2014 @ 15:41:52
By Alterul EgoulMeu
Manipulare, marca Basescu.
27/09/2014 @ 15:38:18
By Stela Andreica


Titolo




Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.




Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.



Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.



Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

When was the last execution by guillotine in France?

How a series of alternative informational videos get systematically censured by and from YouTube.

Hemp seeds are packed with nutrients and can be effortlessly added to many recipes.

Although medical marijuana is illegal in many parts of the world, its use as a medicine dates back thousands of years.

Anxiety and marijuana have a complicated relationship, but different types of cannabis may play a role.

A new survey finds Canadian rheumatologists are evenly split in their opinion of cannabis as a medicine.

Streets of Ferguson quiet after two nights of racial unrest

Pakistan under pressure to save trade agenda at South Asia summit

U.S. regulator orders national Takata driver-side air bag recall

Exclusive - Japan eyes military aid to spur defense exports, build security ties: sources

Exclusive: Poor and besieged, Myanmar's Rakhine join Rohingya exodus

East Coast storm hampers Thanksgiving travel

Ultimele articole - Antena3.roPlanul care va pune Europa pe picioare. 315 MILIARDE de euro vor stimula economia UE

FIERBE Republica Moldova cu trei zile înainte de alegeri. "RUSIA pregateste ceva"

Mircea Diaconu, meci final cu ANI. Magistratii anunta verdictul în procesul intentat de Agentia Nationala de Integritate europarlamentarului

UDMR-ul simte "miros" de schimbare. Anuntul uimitor facut de partidul care a fost mereu la guvernare: "Nu a fost un scop în sine"

Viitorul PSD-ului se decide astazi. Prima reuniune a conducerii partidului, dupa prezidentiale

Tragedie pentru o familie din Suceava. Mama si baietelul de 3 ani au murit arsi de vii





27/11/2014 @ 6.19.50
script eseguito in 860 ms