Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
 
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

I pm di Palermo hanno firmato la richiesta di rinvio a giudizio dei 12 indagati per la trattativa Stato-mafia tra i quali l'ex presidente del Senato Nicola Mancino, l'ex ministro Calogero Mannino, capi mafia, ufficiali dell'Arma e Ciancimino Jr. Il procuratore avrebbe vistato la richiesta che sarà trasmessa al gip nelle prossime ore.

I destinatari del provvedimento. La richiesta, firmata dal procuratore aggiunto Antonio Ingroia e dai pm Nino Di Matteo, Lia Sava e Francesco Del Bene e vistata ma non firmata dal procuratore, riguarda i capimafia Totò Riina, Giovanni Brusca, Nino Cinà, Leoluca Bagarella e Bernardo Provenzano. Il processo verrà richiesto anche per il figlio dell'ex sindaco Vito Ciancimino, Massimo, per il generale dei carabinieri, Mario Mori, per l'ex capitano dell'Arma, Giuseppe De Donno e per l'ex capo del Ros, Antonio Subranni. L'istanza riguarda, inoltre, l'ex ministro dell'Interno, Nicola Mancino, il senatore del Pdl, Marcello Dell'Utri e l'ex ministro Calogero Mannino.

Le accuse. Gli imputati sono accusati a vario titolo di violenza o minaccia a corpo politico dello Stato e concorso in associazione mafiosa. Mancino risponde di falsa testimonianza e Ciancimino, oltre che di concorso in associazione mafiosa, di calunnia.

Mancino: dimostrerò mia estraneità. «Preferisco farmi giudicare da un giudice terzo. Dimostrerò la mia estraneità ai fatti addebitatimi ritenuti falsa testimonianza, e la mia fedeltà allo Stato», commenta Nicola Mancino. «Dopo la comunicazione della conclusione delle indagini sulla cosiddetta trattativa fra uomini dello Stato ed esponenti della mafia, ho chiesto inutilmente al Pubblico ministero di Palermo di ascoltare i responsabili nazionale dell'ordine e della sicurezza pubblica (capi di gabinetto, direttori della Dia, capi della mia segreteria, prof. Arlacchi, ad esempio), i soli in grado di dichiarare se erano mai stati a conoscenza o se mi avessero parlato di contatti fra gli ufficiali dei carabinieri e Vito Ciancimino e, tramite questi, con esponenti di Cosa Nostra. A questo punto - aggiunge - ho rinunciato al proposito di farmi di nuovo interrogare e di esibire documenti».

Fonte: ilmessaggero.it - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Basescu a fost întrebat, într-o emisiune la Money Channel, cum vede declaratiile recente ale premierului Victor Ponta, potrivit caruia cursul euro-leu va reveni dupa referendumul din 29 iulie.

"Numai un naiv spune «îsi va reveni leul», se va întari peste noapte. Nu, va fi foarte greu sa mai revina la valorile care au fost câd domnul Ponta a primit mandatul pentru ca cursul, stiti si dumneavoastra foarte bine, are o componenta de încredere extrem de ricata. Vreo 60-70% din stabilitatea cursului este data de încrederea în stabilitatea politica. Nu vom reveni, dar macar stopam deprecierea", a afirmat Basescu.

Presedintele suspendat a mentionat ca nici BNR nu poate controla deprecierea leului.

Băsescu dărâmă leul. BNR nu mai primeşte resurse de la Uniunea Europeană

"Nici macar Banca Nationala nu mai are resurse enorme sa intervina pe piata sa tina leul la un curs acceptabil, pentru ca ne apropriem de limita sub care nu putem coborî din punct de vedere al rezervelor BNR.

Banca Nationala trebuie sa astepte un moment de acalmie, cu o perspectiva buna pe stabilitatea politica, sa poata sa faca eficient interventiile, altfel e poveste", a mai afirmat Basescu.

Evolutia monedei nationale în raport cu euro se va "normaliza" de saptamâna viitoare, iar leul chiar se va întari dupa ce criza politica se va încheia prin votul la referendumul pentru demiterea presedintelui si dupa ce rezultatele Guvernului vor fi certificate de misiunea FMI, spune premierul Ponta.

"Sunt absolut convins ca, saptamâna viitoare, lucrurile vor reveni spre normal", a spus Ponta, la postul public de televiziune.

Presedintele interimar Crin Antonescu a declarat, luni, ca s-a întâlnit cu guvernatorul BNR Mugur Isarescu în prima zi de interimat pentru a întelege "foarte bine" raportul dintre criza politica si cursul de schimb si ce trebuie declarat pentru a influenta benefic evolutiile economice.

"Am avut de altfel în prima zi a acestui scurt mandat interimar o întâlnire, printre altii, si cu guvernatorul BNR. Nu am avut-o, asa, ca sa fac pe presedintele. Am avut-o pur si simplu - pentru ca eram în mijlocul unei crize politice - sa înteleg foarte bine, pe de o parte, care e raportul între aceste întâmplari politice din România si cursul valutar. Si doi: ce trebuie sa evitam, chiar si la nivel de declaratii, sau ce trebuie sa declaram noi, cei care avem anumite pozitii în stat, pentru a influenta benefic toate aceste evolutii", a spus Antonescu, la Digi 24.

Întrebat daca dupa 30 iulie se vor calma lucrurile în ceea ce priveste cursul de schimb leu-euro, Antonescu a spus ca este convins ca lucrurile se vor "aseza", însa "doar într-una din variante".

"Cert este ca dupa 30 iulie, în chip absolut firesc, lucrurile se aseaza. Se aseaza, trebuie sa o spun, într-una din variante. În cealalta mai putin", a spus Antonescu.

Reprezentantii Bancii Nationale nu au dorit sa comenteze afirmatiile facute de presedintele suspendat Traian Basescu chiar daca acestea au implicat în mod direct institutia.

Sursa: zf.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Her landmark deal for Vitol to export Libyan crude heralded the return of commodity houses to their swashbuckling roots, trading oil and grain with countries troubled by war and debt.

After years of backroom work focused on the dry business of building out storage, shipping and logistics operations, a small club of trading houses has jumped at the chance to land some old-fashioned big-profit deals.

They have had plenty of choice over the past year: war or unrest in Libya, Egypt, Syria, Yemen and South Sudan, sanctions on Iran, Greece on the brink of default.

A Libyan rebel vehicle passes a liquefied petroleum gas tank as it burns outside the town of Brega, 240km (149 miles) southwest of the eastern city of Benghazi, August 28, 2011. REUTERS-Darrin Zammit Lupi

"Trading houses are not shying away from places with high risk profiles if these profiles also lead to higher profit margins. It's about risk versus reward," said Ton Schurink at Geneva-based Commodity Finance Trading Advisory Services.

Vitol, Glencore, Gunvor and Trafigura in oil and Cargill, Louis Dreyfus and Bunge in grains have demonstrated that, for some at least, the security, credit and reputational risks are worth taking if the rewards are big enough.

Traders can operate in risky places because their business model is fundamentally different from the likes of BP or ExxonMobil.

Oil majors tend to be more wary of upsetting their home governments or shareholders and are bound to stricter rules when it comes to daily operations.

A sign is pictured in front of Vitol Group trading commodities company building in Geneva October 4, 2011. REUTERS-Denis Balibouse

And because trading companies are mostly private, there is nobody to second-guess their internal decisions and more room for a star trader to take a bold initiative.

"Can you imagine someone at Exxon saying I'm just going to override that rule and send my tanker into pirate waters because it's a good trade? In a trading house, you don't have to listen to the model as it's privately owned," said an industry source working for a European oil firm.

Estimates from rivals suggest a trader who dares to sell grains to sanctions-straitened Iran could pocket $2 million profit per Panamax-size cargo as opposed to $200,000 if the cargo is sold to a low-risk buyer.

Premiums of at least $1.25 million were charged per diesel fuel cargo heading to unrest-prone Egypt in June this year, just days before the presidential election.

"Everyone has the same commodity to sell so you have to take risks to distinguish yourself and then manage them," said Robert Petritsch, Chief Financial Officer of Swiss-based Quadra Commodities.

SAVING GREECE

Greece's credit rating is now worse than many African nations.

Perhaps not surprising then that many firms are cautious about supplying the partly state-owned Greek refiner Hellenic Petroleum with crude oil.

"If a country defaults, then it's a different ball game entirely. Credit dries up. So costs go up," said a trader with a Swiss-based trading house.

The prospect of default hasn't scared off Glencore and Vitol.

The two traders are estimated to have given Greece at least 300 million euros in open credit financing - meaning it does not need guarantees from banks to buy crude. Both firms declined to comment.

The financial might of big trading houses enables them to act as both bank and supplier to clients who have limited access to credit, at the expense of others who either cannot or will not take that risk.

"No doubt the credit comes at a cost and can possibly provide an interesting margin," said Schurink. A Swiss-based oil trader agreed: "Every company tight on credit is prepared to pay a premium to the market."

Industry sources said that the traders had probably also negotiated refined products or oil assets as collateral.

In a similar scenario, Egypt's military rulers sought record supplies of fuel for the summer months, trying to avoid a repeat of shortages that led to public anger earlier this year.

But difficulty obtaining payments for earlier purchases and other costly delays prompted some suppliers to think again before participating in the record tender.

In the end, Egypt purchased close to $1.2 billion worth of fuel from trading houses including Vitol and Glencore, paying above market prices ahead of the first presidential election and amid fears of renewed instability. Again, both firms declined to comment on the deal.

"The premium is considerable - if the threat is real enough ... maybe 25 percent," said one trader with a firm that supplies fuel to Egypt.

A typical diesel cargo of 30,000 metric tons is worth some $25 million at current prices and so even a 5 percent premium would mean an additional cost of $1.25 million.

PLAYING WITH FIRE IN SYRIA

If in Libya traders bet on the rebels, in Syria the gamble was different.

Firms with investments there were reluctant to move out at first, but most dropped out as the death toll mounted and sanctions made it increasingly difficult to operate.

Around September 2011, Vitol and Trafigura abandoned the multi-million dollar Syrian market, but others like Switzerland's AOT Trading, Galaxy Group, based in Monaco, and Greek-based Naftomar exploited gaps in the sanctions regime.

This small pool kept the Syrian state supplied with diesel and heating gas for cooking throughout the winter, risking western opprobrium at a time when Assad's long-time allies Russia and Venezuela were the only other suppliers.

The deliveries were controversial not least because diesel is mainly used to power heavy vehicles including army tanks.

Naftomar, which supplied Syria with about $55 million a month of cooking gas, defended its position on the grounds its fuel may have prevented a worse humanitarian crisis.

Critics said that Naftomar, by delivering the fuel, might have been helping to extend Assad's rule.

Naftomar denied it was supporting Assad. "We were simply executing a contract that we had to sell LPG to a Syrian government related company. We stopped delivering to Syria when the sanctions were imposed," a Naftomar director said.

AOT and Galaxy Group did not respond to a request for comment.

EU sanctions targeting Syria's state-owned fuel distributor Mahrukat had forced trade to a halt by April this year.

Naftomar said that margins during the winter were "not excessive at all" and that it had since turned down requests to deliver fuel with "excellent" margins because of the embargo.

As in Syria, violence has deterred traditional suppliers from Yemen. Attacks on the energy infrastructure are costing up to $15 million a day in lost oil export revenue. Attacks on pipelines have halted flows to Yemen's, leaving the impoverished country even more dependent on imports.

Over the past year, Saudi Arabia has stepped in with donations worth hundreds of millions of dollars.

But when donations from Riyadh dried up Yemen became more reliant on Vitol and Trafigura for refined products supplies under long-term and spot deals.

"If you get it wrong, Yemen can lose you a lot more money," said a trader with experience of doing business with its government.

Both Vitol and Trafigura declined to comment.

FEEDING IRAN

Gripped by U.S. and European oil and banking sanctions, Iran has become a profitable trade for grains suppliers including U.S.-based Cargill and Bunge, France's Louis Dreyfus and Glencore.

The measures against Iran's disputed nuclear program have led to a complex array of global restrictions on doing business there, stifling Iran's oil sales and forcing Tehran to pay more for food imports.

While grain and sugar trade are not under embargo, a freeze on financial dollar transactions has caused some former suppliers to Iran either to drop out or cut volumes.

But big trading firms with multi-billion dollar credit lines and a team of lawyers are able to find ways of navigating through the restrictions legally, industry sources said.

Margins for grain deliveries can be between $15-$30 a metric ton, industry sources familiar with the deals said, indicating a gross margin of up to $2 million for a typical shipment.

The Swiss-based trading arms of Cargill and Bunge are able to continue food deliveries to Iran using non-dollar payments.

"Dealing with countries under sanctions of the U.S., EU, Switzerland is always more difficult," said Henri Rieux, vice president of corporate affairs at Bunge.

"Nonetheless, such sanctions do always provide the potential trading companies with some, while admittedly limited, latitude to grant the countries under sanctions with the required food for their population," he added.

Glencore confirmed that it was able to continue deliveries of corn and soymeal to Iran in compliance with sanctions without giving details. Louis Dreyfus did not respond to a request for comment. Cargill declined to comment.

"I think with grains that you will never get into moral arguments. Even if you are providing one side of a conflict that is starving the other - is it better to let them starve as well?," a Swiss-based industry source said.

SWISS HAVEN

The majority of the big players are Swiss-based. Traders say Geneva makes a good hub for pulling the strings on deals such as food trade with Iran as traders need no special permission from Swiss authorities.

In theory, Swiss-based firms can still trade Iranian oil as Switzerland is outside the European Union's oil embargo, although most big traders say they have stopped dealing with Tehran.

Marie Avet, spokeswoman for the Swiss federal department responsible for sanctions, said that food payments to Iran needed to be declared to the government and confirmed that these transactions were continuing.

Rules for U.S. companies are more onerous since they require a special license from the Office of Foreign Asset Controls. EU firms have to get clearance from national authorities.

But even this perfectly legal trade comes with some occupational hazards as traders can get hit by fines for delays while waiting for Iranian counterparties to transfer payment.

"You can't get trade finance for deals involving Iran, so transactions have to be "cash against documents", which is risky if anything goes wrong," said lawyer Matthew Parish at Geneva law firm Holman Fenwick Willan.

When payment falls through, it can be hard to negotiate a resale of a distressed cargo to a third party near Iranian waters.

BACKFIRING

Sometimes the big bets backfire in unexpected ways.

In February, Swiss-based Trafigura bought a cargo of discounted oil the South Sudanese government said was seized by Sudan, its northern neighbor.

Trafigura says it made significant efforts to establish ownership but proceeds from the deal were seized by a British court and the matter is legally unresolved.

The row between the two countries led to border fighting and prompted South Sudan to shut oil production despite sourcing 98 percent of its revenue from the commodity.

Also in South Sudan, the government scrapped a contract with Glencore for crude marketing and other services citing unfavorable terms.

But in some places, like Libya, the pay-off can be huge.

In October 2011, Libya's interim council said it owed $1 billion in payments for fuel - a large portion of which was supplied by traders.

Vitol was the first trader to supply Muammar Gaddafi's opponents with a fuel lifeline and was subsequently granted access to half of the crude production from Libya's eastern oil firm Agoco as repayment.

In November, Vitol, Glencore, Gunvor and Trafigura were among those awarded term contracts, in a break with former Libyan policy of restricting sales only to refiners.

"We can't just eliminate the traders. They are a necessary evil," Ahmed Shawki, general manager for oil marketing at Libya's National Oil Corporation, said at the time.

Source: Reuters.com - additional reporting by Jonathan Saul in London, Michael Hogan in Hamburg. Editing by Richard Mably and William Hardy

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 25/07/2012 @ 07:04:59, in it - Osservatorio Globale, read 551 times)

«Sappiamo già che l’attuale sistema crollerà tra il 2030 e il 2070. Il vero esercizio di fantascienza è prevedere che cosa succederà tra cinque anni». Serge Latouche non ha dubbi: faremo la fine dell’Impero Romano, o del Sacro Romano Impero di Carlo Magno che fu travolto dai Barbari. «Purtroppo siamo già dentro il capitalismo catastrofico». Ed è solo l’inizio, nel bluff chiamato Europa. «La barca affonda e andremo giù tutti insieme. Ma non è detto che questo avverrà senza violenza e dolore». Quanto all’Italia, «l’unica soluzione è la bancarotta: da Monti in giù, tutti sanno che il debito non potrà essere ripagato». Sono alcune delle affermazioni che l’ideologo francese della Decrescita ha rilasciato a Giovanna Faggionato per “Lettera 43”. Il sistema, dice Latouche, non ha mantenuto nessuna promessa: «Dicevano che la concorrenza ci avrebbe fatto lavorare di più per guadagnare di più, e invece ci fa lavorare di più e guadagnare sempre meno: questo è sotto gli occhi di tutti».

Serge Latouche

Lei ha un’idea?
L’Europa nata nel Dopoguerra farà la fine del Sacro Romano Impero di Carlo Magno che cercò di restaurare un regno crollato, durò per 50 anni e fu travolto dai barbari.

Che cosa c’entra l’impero romano?
Crollò alla fine del V secolo, ma non morì: continuò a sopravvivere per centinaia di anni con Carlo Magno, l’impero d’Oriente e poi quello germanico. Un declino proseguito nel tempo, con disastri in successione. Come succederà a noi.

Č la fine della globalizzazione?
Io la considero una crisi di civiltà, della civiltà occidentale. Solo che, visto che l’Occidente è mondializzato, si tratta di crisi globale. Ecologica, culturale e sociale insieme.

Più di un crollo finanziario…
Se vogliamo andare oltre è la crisi dell’Antropocene: l’era in cui l’uomo ha cominciato a modificare e perturbare l’ecosistema.

E il sogno degli Stati Uniti europei?
Č un’illusione. Perché è solo un prodotto della globalizzazione: non hanno costruito un’Unione, ma un mercato liberista.

Che fine farà il Vecchio continente?
L’Europa è schiacciata tra due movimenti. Uno politico e centrifugo che si è sviluppato anche in Italia con la stessa Padania. E uno economico e centripeto, la globalizzazione.

Per ora l’economia batte la politica…
Sì, il movimento centripeto ha il sopravvento. Ma è anche quello che nel lungo periodo andrà a crollare. Non può funzionare senza il petrolio e il blocco delle risorse materiali. Alla fine, con tutta probabilità l’Europa si dividerà in macro regioni autonome.

Come ci arriveremo?
La barca affonda e andremo giù tutti insieme. Ma non è detto che questo avverrà senza violenza e dolore.

Parla del conflitto sociale in Grecia e Spagna?
Ecco, purtroppo siamo già dentro il capitalismo catastrofico. Č solo l’inizio del processo, ma vediamo già gli effetti del mix di austerità e crescita voluto dai leader europei.

Č comunque meglio della sola austerità…
Crede che l’imperativo della crescita funzioni? Basta guardare alla Francia: questo governo socialista vuole allo stesso tempo la prosperità e l’austerità. Ma non riuscirà a ottenere la crescita. O, se avverrà, sarà per pochi. Mentre l’austerità è sicura per molti.

Mario Monti

Perché?
Perché non hanno scelta.

In che senso?
Sono chiusi dentro questo paradigma del produttivismo, del Prodotto interno lordo (Pil). Č per questo che la decrescita è una rivoluzione. Perché prima di tutto è un cambiamento di paradigma.

Facile dirlo. Ma lei che cosa farebbe se fosse il premier italiano?
L’Italia dovrebbe andare in bancarotta.

Che cosa intende?
Pensi al debito.

Secondo l’Fmi quello italiano è quasi al 140% del Pil.
Appunto: non sarà ripagato, lo sanno tutti. Ne è consapevole anche Mario Monti. Il problema, per l’attuale classe dirigente, non è ripagare il debito. Ma è fingere di poter continuare il gioco: cioè ottenere prestiti e rilanciare un’economia che è solo speculativa.

Peugeot

Quali sono le prime cinque misure che adotterebbe al posto di Monti?
Innanzitutto, cancellerei il debito. Parlo come teorico, so che ci sono cose che Monti non potrebbe fare comunque, neppure se fosse di sinistra o un decrescente. Ma sto parlando di bancarotta dello Stato.

La bancarotta è la soluzione?
Č più che altro la condizione per trovare le soluzioni.

In che senso?
Non porta necessariamente alla soluzione, anzi in un primo momento le cose possono peggiorare. Ma non c’è altro modo, perché non esiste via d’uscita dentro la gabbia di ferro del sistema attuale. L’Italia non sarebbe la prima né l’ultima. Tutti quelli che l’hanno fatto si sono sentiti meglio, da Carlo V all’Argentina.

Ma l’Argentina non era dentro una moneta unica.
Questo significherebbe uscire dall’euro, ovviamente, dentro non si può fare niente. Per questo dico che parlo come teorico: nemmeno i greci hanno avuto il coraggio di abbandonare l’Unione.

Siamo al terzo punto allora: uscire dall’euro, cancellare il debito e poi?
Rilocalizzare l’attività. C’è tutto un sistema di piccole imprese, di saper fare diffuso, che è stato distrutto dalla concorrenza globale.

Sì, ma come si fa?
Devo usare una parola che in Italia fa sempre paura: serve una politica risolutamente protezionista.

Bce

Su questo, il dibattito è annoso…
Esiste un cattivo protezionismo, è vero. Ma c’è anche un cattivissimo libero scambio. Mentre esiste un buon protezionismo, ma non un buon libero scambio.

Perché no?
Perché la concorrenza leale sempre invocata non esiste. E non esisterà mai. Semplicemente perché tutti i Paesi sono diversi. Come si può competere con la Cina? Č una barzelletta.

Parla come se facesse parte della Lega Nord.
Lo so, lo so. E anche come uno del Front National. Sa perché ha successo l’estrema destra?

Frédéric Lordon

Me lo dica lei…
Perché non tutto quel che dicono è stupido. C’è una parte insopportabile, ma se sono popolari – e lo saranno sempre di più – è perché hanno capito alcune cose, hanno ragione. Č questo che fa paura.

Quindi qual è la ricetta della decrescita?
Il protezionismo ci permette di non essere competitivi per forza. Se lo siamo in alcuni settori, bene. Ma possiamo anche sviluppare produzioni non concorrenziali. Stimoliamo la concorrenza all’interno, ma con Paesi che hanno altri sistemi sociali, altre norme ambientali, altri livelli salariali, questo non è possibile. D’altra parte, è stata l’eccessiva specializzazione a renderci così fragili.

Siamo alla quarta misura, quindi.
La tragedia attuale, per me, è soprattutto la disoccupazione.

E come pensa di risolverla?
Lavorando meno, ma lavorando tutti.

Una formula già sentita…
Sì, ma ci dicevano anche che la concorrenza attuale ci avrebbe fatto lavorare di più per guadagnare di più, come ha dichiarato quello sciagurato di Nicolas Sarkozy. E invece ci fa lavorare di più e guadagnare sempre meno: questo è sotto gli occhi di tutti.

Ma è una questione di denaro?
No, si tratta di vivere. Dobbiamo ritrovare il tempo per dedicarci al resto, alla vita. Questa è un’utopia, ma l’utopia concreta della decrescita: superare il lavoro.

Sì, ma come?
Partendo dalla riconversione ecologica. Tornando a un’agricoltura contadina, senza pesticidi e concimi chimici. In questo modo, la produttività per l’uomo sarà più bassa, ma si creeranno milioni di posti di lavoro nel settore agricolo. E questa è la quinta misura.

Basta l’agricoltura?
Dobbiamo affrontare la fine degli idrocarburi, sviluppare le energie rinnovabili e riconvertire le attività parassitarie che danneggiano l’ambiente.

Per esempio?
Le fabbriche di automobili, che oggi sono in crisi.

Peugeot ha annunciato 8 mila licenziamenti...
Bisognava aspettarselo da anni. Si sa che l’industria dell’auto non ha futuro: con lo stesso know how potrebbero essere trasformati in stabilimenti che producono sistemi di cogenerazione.

Parla di una globale ristrutturazione del mercato del lavoro?
La quota di occupati in agricoltura potrebbe arrivare al 10%. Ci sono industrie nocive come l’automobile, il nucleare, la grande distribuzione che vanno ripensate. E c’è la necessità di una riconversione energetica. In Germania, con le energie rinnovabili hanno creato decine di migliaia di posti di lavoro.

Ma sono dati contestati…
Il dibattito è aperto: si dice che chiudere le centrali nucleari francesi cancellerà 30 mila posti di lavoro ma, allo stesso tempo, prima bisogna smantellare. E nessuno lo sa fare. Quanti posti di lavoro si potrebbero creare allora?

Norberto Bobbio

E la grande distribuzione?
Sicuramente ha effetti distruttivi per l’ambiente e alimenta un alto tasso di spreco alimentare, pari a circa il 40% della produzione.

E allora?
Cancellarla significa essere pronti a ripensare tutto il sistema della città e soprattutto delle periferie.

Come?
La gente ha bisogno di piccoli negozi. Di fare la spesa più spesso, con più tempo a disposizione. Quando si comincia a cambiare un anello, come in una catena cambia tutto.

E i trasporti?
Dobbiamo pensare che il 99% dell’umanità ha passato la propria vita senza allontanarsi più di 30 chilometri dal proprio luogo di nascita. Quelli che si sono spostati di più, cioè noi, sono solo l’1%. Anche questo è un fenomeno molto recente e la maggioranza delle persone non ne soffrirà, poi ci saranno sempre i grandi viaggiatori alla Marco Polo.

Ne è certo?
Č stata la pubblicità a creare il turismo di massa. In ogni modo, con la fine del petrolio, non ci sarà il traffico aereo di oggi, i trasporti costeranno sempre di più, andranno meno veloce. Muoversi sarà sempre più difficile.

E a livello fiscale?
Bisognerebbe introdurre una tassazione diretta e progressiva. Che può arrivare anche al 100%, se i redditi superano un certo livello. E poi una tassazione sul sovraconsumo dei beni comuni. A partire dall’acqua.

Quindi meno lavoro e più agricoltura. Per ottenere cosa?
Un mondo di abbondanza frugale.

Cioè?
Una società capace di non creare bisogni inutili, ma di soddisfarli. E per soddisfarli, bisogna limitarli.
Le sembra possibile, quando gli operai cinesi si suicidano per un iPad?
In una società sana non esiste questa forma di patologia dell’insoddisfazione.

Ci può essere una forma di seduzione, ma non un’insoddisfazione permanente. Questo fenomeno è esacerbato dalla pubblicità.

Cioè?
Ci convince che siamo insoddisfatti di ciò che abbiamo, per farci desiderare ciò che non abbiamo.

Vorrebbe spazzare via il marketing?
Una delle prime misure della società della decrescita riguarda la pubblicità: non si tratta di cancellarla – perché non siamo terroristi – ma di tassarla fortemente, questo sì.

Con che motivazione?
Č lo strumento di una gigantesca manipolazione, il veicolo della colonizzazione dell’immaginario.

E la finanza che rappresenta il 10% del Pil britannico?
Penso che questa crollerà da sola. Sarebbe già successo se questi sciagurati di governi non avessero salvato le banche.

Che cosa intende?
Č colossale quello che è stato fatto per le banche negli Usa: secondo l’Ocse, 11.400 miliardi di dollari di fondi pubblici sono stati destinati agli istituti di credito.

Se facciamo crollare le banche si affossa il sistema...
Sì, meglio così. Abbiamo bisogno che il sistema crolli.

E i cittadini?
Dobbiamo pensare a come riorganizzare il funzionamento della società. Ma bisogna ricordarsi che questo sistema così come lo conosciamo è piuttosto recente.

Quanto?
Non ha più di 30-40 anni, prima era un sistema capitalista, ma non funzionava su queste basi finanziarie.

Che misure bisognerebbe adottare?
Il primo passo, prima di rimettere in discussione l’intero sistema bancario, è cancellare il mercato dei futures: pura speculazione. Un economista francese, Frédéric Lordon, ha anche proposto di chiudere le Borse. E non sarebbe un’idea stupida.

Che cosa succede alle società che ci lavorano? E ai dipendenti?
La situazione attuale è talmente tragica che possiamo affrontare con serenità anche un cambiamento difficile.

Nella società della decrescita circola denaro?
La moneta è un bene comune che favorisce lo scambio tra i cittadini. Ma se è un bene comune non deve essere privatizzata. Le banche sono degli enti privati. E allora dico sempre che noi vogliamo riappropriarci della moneta.

Come?
Magari partendo dai sistemi di scambio locali che utilizzano monete regionali. Come ha funzionato per due o tre anni in Argentina, dopo il crollo del peso.

E chi governa il commercio?
Diciamo che sarà necessario trovare un coordinamento tra le varie autonomie.

Ma nel suo modello ogni regione fa da sé?
Ogni Paese deve trovare la sua strada. Una volta che siamo riusciti a uscire dal mondo del pensiero unico, dell’homo oeconomicus, a una sola dimensione, allora ritroviamo la diversità. Ogni cultura ha il suo modo di concepire e realizzare la felicità.

Esistono già esperienze in questa direzione?
In Sud America sono sulla strada giusta. In Ecuador e Bolivia, ispirandosi alla cultura india, hanno inserito nella Costituzione il principio del bien vivìr: del buon vivere. Ma, con la crisi, la decrescita ha avuto un successo incredibile anche in Giappone.

Come mai?
I giapponesi stanno riscoprendo i valori del buddismo zen che si basa sul principio di autolimitazione. E sono convinto che la stessa cosa potrebbe succedere in Cina nei prossimi anni, anche attraverso il confucianesimo.

La Cina però è anche la più grande fabbrica del mondo...
Lì la crisi è già arrivata. La situazione cinese è bifronte: 200 milioni di abitanti hanno un livello di vita quasi occidentale e altri 700 milioni sono stati proletarizzati. Cacciati dalla terra, si accumulano nelle periferie delle metropoli, dove c’è un tasso di suicidi altissimo.

Ma l’economia continua comunque a crescere.
Anche il ministro dell’Ambiente cinese ha riconosciuto che se si dovesse sottrarre dal Pil di Pechino la quota di distruzione dell’ambiente questo calerebbe del 12%.

Come immagina la transizione?
Può avvenire spontaneamente, dolcemente. Ma anche in un modo violento.

Lei sogna la democrazia diretta?
Se si deve prendere la parola sul serio, ha senso solo la democrazia diretta. Ma direi che su questo punto, recentemente, le mie idee sono cambiate.

In che direzione?
Prima immaginavo un’organizzazione piramidale con alla base piccole democrazie locali e delegati al livello superiore.

E ora?
Oggi penso che la democrazia sia un’utopia che ha senso come direzione. Ma la cosa importante è che il potere, quale che sia, porti avanti una politica che corrisponde al bene comune, alla volontà popolare, anche se si tratta di una dittatura o di un dispotismo illuminato.

Si spieghi meglio.
Norberto Bobbio si chiedeva quale è la differenza tra un buono e un cattivo governo. Il primo lavora per il bene comune. Il secondo lo fa per se stesso. Questa è la vera differenza.

Va bene, ma come si ottiene un buon governo?
Con un contropotere forte. Un sistema è democratico – non è la democrazia, attenzione, ma è democratico – quando il popolo ha la possibilità di fare pressione sul governo, qualunque esso sia, in modo da far pesare le proprie esigenze e idee.

Ma non sta rinnegando la democrazia?
L’ideale sarebbe naturalmente l’autogoverno del popolo, ma questo è un sogno che forse non arriverà mai.

Non pensa alla presa del potere?
Gandhi l’aveva spiegato a proposito del suo Paese: «Al limite gli inglesi possono restare a governare, ma allora devono fare una politica che corrisponde alla volontà dell’India. Meglio avere degli inglesi piuttosto che degli indiani corrotti». Mi sembrano parole di saggezza.

Sa che Silvio Berlusconi vuole tornare in politica?
Ah, lo so, ma lui è pazzo.

(Giovanna Faggionato, “Il debito non sarà ripagato, meglio partire da zero”, intervista a Serge Latouche pubblicata su “Lettera 43” il 17 luglio 2012).

Fonte: libreidee.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 24/07/2012 @ 07:06:39, in en - Video Alert, read 573 times)

A video has recently exploded on the internet of Microsoft Chairman Bill Gates speaking about the potential worldly benefits of veganism. In it, Gates discusses a future in which science will allow the production of vegetarian “meat”.

Gates notes that the product will likely be cheaper, more efficiently produced and better for the planet.

Examining our issue-ridden food system from a business-oriented perspective, it’s interesting that Gates comes to the same conclusion that many ethically-minded vegans and vegetarians come to: eating meat is harming everyone and everything, and a meat-free diet will help the world tremendously.

Source: intellectualyst.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

L'assenso al pacchetto di aiuti alla Spagna da parte del Parlamento di Helsinki rappresenta inoltre un voto di fiducia per la coalizione di governo guidata dal primo ministro Jyrki Katainen, duramente criticata dai partiti dell'opposizione.

Location of  Finland  (dark green)– in Europe  (green & dark grey)– in the European Union  (green)  —  [Legend]

Il Parlamento finlandese ha approvato il sostegno al programma europeo di assistenza al sistema bancario spagnolo, con 109 voti favorevoli e 73 contrari, a seguito di un acceso dibattito.

L'assenso al pacchetto di aiuti alla Spagna da parte del Parlamento di Helsinki rappresenta inoltre un voto di fiducia per la coalizione di governo guidata dal primo ministro Jyrki Katainen, duramente criticata dai partiti dell'opposizione, che ritengono che il programma di assistenza al sistema bancario iberico avrà forti ripercussioni sui contribuenti finlandesi.

Katainen ha dichiarato che un voto negativo al pacchetto di aiuti alla Spagna avrebbe fatto crollare il Governo di Madrid, scatenando un contagio che in ultima istanza avrebbe potuto colpire anche l'economia finlandese.

Fonte: italiaoggi.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

1. Respectarea statului de drept si a independentei sistemului judiciar (aflat deasupra intereselor partidelor politice)

*Reinstaurarea atributiilor Curtii Constitutionale de a verifica inclusiv constitutionalitatea deciziilor adoptate de Parlament: abrogarea Ordonantei de Urgenta nr. 38

*Reinstaurarea regulii majoritatii necesare pentru validarea rezultatelor referendumului (jumatate plus unu din numarul celor înregistrati pe listele electorale): abrogarea OUG nr. 41

Lista cerinţelor impuse României de Comisia Europeană

*Renuntarea la folosirea de ordonante de urgenta în cazul unor decizii care afecteaza statutul institutiilor fundamentale ale statului ori Constitutia si în situatii care nu prezinta urgenta

*Evitarea utilizarii publicarii selective în Monitorul Oficial pentru a urmari scopuri politice si mai ales pentru a evita decizii judiciare.

*Conformarea imediata în fata tuturor deciziilor Curtii Constitutionale.

*Angajamentul autoritatilor publice de a respecta independenta sistemului judiciar si evitarea criticarii acestor decizii judiciare.

2. Redarea încrederii:

*Numirea unui Avocat al Poporului care sa se bucure de sprijinul majoritatii partidelor politice, printr-un proces de numire transparent si obiectiv

*Nicio numire în posturile de procuror general si procuror-sef al Directiei Nationale Anticoruptie sub actuala presedintie: proceduri publice si transparente si liste deschise pentru oricine, selectii bazate pe criterii de profesionalism si integritate si de palmares în domeniul luptei anti-coruptie.

*Nicio gratiere prezidentiala în cursul actualei presedintii

*Numirea unor ministri împotriva carora sa nu fi fost formulate decizii ca nu respecta criteriile de integritate. Obligatia celor care nu respecta aceste criterii sa paraseasca posturile.

*Demisia membrilor Parlamentului care au primit decizii finale privind incompatibilitatea, conflictul de interese sau coruptie la nivel înalt”.

Sursa: cronicaromana.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

In crestere cu 70% fata de aceeasi perioada din 2011, când exporturile au totalizat 1.691 tone, potrivit datelor furnizate AGERPRES de Ministerul Agriculturii si Dezvoltarii Rurale (MADR).

Încasarile din exporturile de miere au însumat 8,73 milioane de euro în primele patru luni, cu 60,8 procente mai mult decât cele 5,43 milioane euro încasate în anul precedent.

Potrivit datelor MADR, valoarea importurilor de miere în perioada mentionata a depasit 1,464 milioane de euro, pentru o cantitate de 581,9 tone, în timp ce în perioada similara a anului trecut au totalizat 963.401 euro pentru 375 tone de miere aduse de pe pietele externe.

Atât exporturile cât si importurile de miere au fost realizate din tarile Uniunii Europene si cele extracomunitare.

Românii consuma, în medie, 400-500 de grame de miere anual, mult sub nivelul înregistrat în tarile UE si cele nordice, unde anual se manânca între 1,5 si 3 kilograme de miere.

Potrivit Asociatiei Crescatorilor de Albine din România (ACAR), productia de miere din 2012 este estimata la 18.000- 20.000 de tone, similara ce cea din 2011. România ocupala ora actuala locul patru în Europa din punct de vedere al productiei de miere, dupa Germania, Franta si Ungaria, si locul sapte la numarul de familii de albine, cu aproape 1,3 milioane.

Sursa: capital.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Parada Cetatii, la care vor participa toate ordinele cavaleresti, domnite, trubaduri si trupele de muzica medievala deschid, vineri dupa amiaza, cea de-a XX-a editie a Festivalului Sighisoara Medievala.

Parada Cetatii începe la ora 16,00 si, timp de trei zile, iubitorii de arta medievala vor avea posibilitatea sa asiste la turnire organizate de ordinele cavaleresti sosite la Sighisoara din Bulgaria, Ungaria si România – Ordinul Cavalerilor Chigot din Bulgaria, Ordinul Cavalerilor Crux Alba din Ungaria, Ordinul Cavalerilor de Medias, Ordinul Cavalerilor Lup din Târgu Mures si Ordinul Cavalerilor ArtGotica din Sibiu – si la spectacole de animatie medievala, dar si la concerte sustinute de trupe de muzica medievala.

Mii de turişti, la Festivalul Sighişoara Medievală

Dupa Parada Cetatii si deschiderea oficiala, programul va continua cu un spectacol oferit de Tobosarul Cetatii Sighisoara si Garda Cetatii, apoi de Ordinul Cavalerilor ArtGotica – Sibiu (Spectacol cu Steaguri), Trupa Cameleon din Sighisoara, iar de la ora 18,00 vor intra în scena participantii la Festivalul Interetnic ProEtnica – Uniunea Democrata Maghiara din România cu Ansamblul de dans Kikerics, Uniunea Bulgara din Banat cu Ansamblul Balgarce si Uniunea Ucrainenilor din România cu Ansamblul Zorea Bucuresti.

De la ora 20,00 va concerta No’Mads, apoi Nomen est Omen, Truverii si Lupus Dacus din Arad.

Aceasta editie a Festivalului Sighisoara Medievala se va desfasura pâna duminica, iar în cadrul manifestarilor se va derula si Festivalul ProEtnica, astfel încât muzica si animatia medievala va fi completata cu obiceiurile si traditiile celor opt etnii care si-au anuntat participarea.

Una dintre piesele de greutate ale evenimentului va fi spectacolul de muzica medievala ‘King Wolf’, un spectacol muzical special realizat de Filarmonica din Timisoara, formatia Lupus Dacus si Ordinul Cavalerilor Lup, care se doreste a fi o Carmina Burana româneasca.
Cu aceasta ocazie, în cetatea medievala va fi amenajata o piata de înnobilare, unde vor fi decernate titluri pentru cei mai de seama cavaleri sau mestesugari.

În cadrul festivalului, presedintele subcomisiei Premiului Europei din cadrul Adunarii Parlamentare a Consiliului Europei (APCE), Sir Alan Meale si primarul orasului german Hunfeld, dr. Eberhard Fennel, vor înmâna Primariei Sighisoara, sâmbata, în cadrul unei ceremonii, Premiul Europei 2012.

Din cauza referendumului pentru demiterea presedintelui României, durata initiala a Festivalului Sighisoara Medievala s-a redus de la 10 zile, la trei zile, iar programul a suferit mari modificari, în sensul renuntarii la o serie de spectacole valoroase, care erau programate exact în perioada la care s-a renuntat.

Din programul initial vor lipsi spectacolul ‘Ioana d’Arc’, pregatit de actori ai Teatrului National din Târgu Mures, studenti ai Universitatii de Arta Teatrala din Târgu Mures si 4 ordine cavaleresti, care era productia proprie a festivalului si avea în jur de 70 de actori în distributie, precum si la faurirea spadei Transylvanian Excalibur, înalta de 2 metri si jumatate, care urma sa fie înfipta într-o piatra si sa fie oferita ca ofranda acestei editii aniversare a Festivalului Sighisoara Medievala.

Sursa: cronicaromana.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Sono 248 le persone rimaste uccise ieri in tutto il paese, secondo l'osservatorio siriano per i diritti dell'uomo. Si tratta, sottolinea l'Ong, «del bilancio più pesante, per una sola giornata, da 16 mesi» di scontri. I combattimenti, secondo l'osservatorio, sono proseguiti tutta la notte in diversi quartieri di Damasco, per il sesto giorno consecutivo. Di fronte all'offensiva dei ribelli, spiega ancora l'Ong, l'esercito ha intensificato le operazioni nel centro di Damasco schierando oltre 15 carri armati.

Le forze militari siriane hanno respinto i combattenti ribelli e preso il controllo completo del distretto Midan di Damasco. Lo ha reso noto la tv locale nonostante l'Osservatorio siriano per i diritti umani sostenga che i combattimenti siano ancora in corso. ''I nostri coraggiosi militari hanno ripulito completamente l'area Midan della capitale dagli ultimi terroristi e hanno ristabilito la sicurezza'', ha spiegato la tv. L'ong ha invece riferito di violenti scontri a fuoco avvenuti ancora nel corso della notte. I combattimenti, secondo l'Osservatorio, sarebbero ancora in corso in diverse zone della capitale.

Il regime siriano ha rivendicato la riconquista del quartiere di al-Midan, uno dei più centrali di Damasco, dove da giorni erano in corso furibondi combattimenti contro gli insorti. «Le nostre coraggiose Forze Armate hanno completamente ripulito dai restanti mercenari terroristi la zona di Midan a Damasco», ha annunciato la televisione di Stato, «e vi hanno ripristinato la sicurezza».
Intanto i ribelli siriani hanno assunto il controllo di un valico di frontiera con la Turchia, dopo violenti combattimenti scoppiati ieri con l'esercito siriano. Lo ha constato un fotografo della France Presse. Mezzi pesanti turchi sono stati incendiati durante i combattimenti all'ingresso di Bab al Hawa, controllato da circa 150 ribelli armati pesantemente. Questa postazione si trova di fronte a quella turca di Cilvegozu, nella provincia di Hatay (sud).

Fonte: lastampa.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

< novembre 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Titolo
en - Global Observatory (586)
en - Science and Society (574)
en - Video Alert (330)
it - Osservatorio Globale (502)
it - Scienze e Societa (553)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (387)
ro - Stiinta si Societate (461)
ro - TV Network (141)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
sir are you encouraging people participate in some kind of game? ...where people give up their power? It never worked before .... that’s why I suggest instead of give up your power, exercise it from y...
05/10/2014 @ 08:45:09
By James Smith
Asta e marihoana nu?ei cine te poate opri so faci ,eu nu prefer astfel de fistractie deoarece am vazut ca dupa nu mai faci altceva fecit ca dormi bine,nu am incercat nu incerc dar nu opresc pe nimeni ...
30/09/2014 @ 09:34:56
By Miulesvu Corina Lucia
tovaraseilor .. nu confundati un sifonar sau turnator cuun ofiter sub acoperire.. e o mare diferenta ...
29/09/2014 @ 13:07:51
By Alex Andu
... deci şi Toma e securist, logic!
27/09/2014 @ 15:49:04
By Bogdan Sith Huşanu
Mai voinicilor,voi nu stiati ca inainte de 89,securistii erau omul si copacul,,ei acum sint si mai multi,cred ca au dat si lastari,ce naiba..!..
27/09/2014 @ 15:45:01
By Toma Pasculea
E greu de crezut că mişcă ceva de calibru în massmedia din orice ţară care să nu aibă vre-o treabă cu 'serviciile'. Cred că massmedia, instituţiile me...
27/09/2014 @ 15:41:52
By Alterul EgoulMeu
Manipulare, marca Basescu.
27/09/2014 @ 15:38:18
By Stela Andreica


Titolo




Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.




Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.



Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.







01/11/2014 @ 4.00.40
script eseguito in 844 ms