Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
 
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

În urma cercetarilor, oamenii de stiinta au dedus ca într-o perioada mai calda, acum aproape 5000 de ani, Marte a avut apa. Însa aceasta perioada a fost de scurta durata si nu a permis vietii sa se stabileasca la suprafata.

Cercetarea s-a bazat pe probele prelevate în 2008, în timpul misiunii Phoenix, si a fost nevoie de trei ani de studiu pentru a se ajunge la cocluzia ca solul de pe Marte este prea arid pentru a gazdui viata.

Suprafaţa planetei Marte nu poate găzdui viaţă

Esantioanele au fost aduse din regiunea nordica a planetei, dar studii separate au demonstrat ca întreaga planeta este acoperita de acelasi tip de sol.

"Am descoperit ca, desi exista o abundenta de gheata, Marte se confrunta cu o super-seceta care pare sa dureze de sute de milioane de ani. Noi credem ca imaginea planetei Marte, asa cum o cunoastem azi, contrasteaza puternic cu istoria sa anterioara, în care au existat perioade mai calde si mai umede, propice pentru existenta vietii", a declarat dr. Tom Pike, de la Imperial College London.

Sursa: The Telegraph - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

While a simple tablet, taken by the patient with a sip of water, may be the easiest way to administer a drug, this may not always be the most suitable. Some drugs are subjected to degradation by the body, while others, such as cancer medications, can be more effective if they are delivered directly to the diseased tissue site. Such a delivery could improve the effectiveness of the treatment and potentially reduce side effects.

Yiyan Yang and Jeremy Tan from the A*STAR Institute of Bioengineering and Nanotechnology, working in collaboration with researchers from the IBM Almaden Research Center and Stanford University in the USA, have reported the preparation of biodegradable, water-soluble polymers that can be loaded with the cancer drug Paclitaxel and injected directly into tumor tissues. Warming to body temperature causes the release of the therapeutic cargo with the system showing improvement in killing cancer cells over treatment with the drug alone.

Rather than being made from repeating units of a single monomer, the polymers described are a type of block copolymer—a polymer with one block that contains hydrophilic and hydrophobic groups and another block that contains hydrophobic groups. It is through the careful balance between these groups that the temperature-responsive property of the polymer is achieved.

To make the copolymers, Yang and co-workers used the process of living polymerization, which allows the polymer chains to keep growing until the supply of monomer is exhausted. When more monomers are added, polymerization will restart. The approach allows polymers with different sized blocks of hydrophilic and hydrophobic groups to be built easily to optimize the properties. It also results in polymers with a narrow distribution of molecular weights—an important factor in producing polymers with consistent properties throughout a sample.

Thermoresponsive polymers have been studied before, with one of the most intensively investigated being poly(N-isopropylacrylamide) (PNIPAAm), which was first synthesized in the 1950s. The critical difference in the new polymers described by Yang and co-workers is that they are both non-toxic and biodegradable. “After these polymers performed their task of delivering their important cargos, they should break down and be excreted without significant additional side effects,” says Yang. “We are now planning to further work with the IBM Almaden Research Center and other industrial partners to evaluate the in vivo toxicity and efficacy of this system for the delivery of therapeutics.”

Source: Agency for Science, Technology and Research - via ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Più piccoli sono i transistor, più se ne possono stipare in un solo chip, e più quel chip sarà potente. Questa equazione guida la ricerca nel campo dell'elettronica e dell'informatica da sempre e la miniaturizzazione si è spinta così in là che si è riusciti persino a creare transistor di un singolo atomo. L'ultimo della serie monoatomica, realizzato con il fosforo, è appena uscito dai laboratori di  Michelle Simmons dell'Università di New South Wales di Sidney, in Australia, e sembra parecchio migliore dei suoi predecessori.

Un transistor è un pezzetto di un materiale in grado di condurre l' elettricità e che, posto tra due elettrodi, può funzionare come un interruttore e come un amplificatore del segnale.

I ricercatori hanno ricoperto un foglio di silicio con uno strato di idrogeno e hanno usato una punta di un particolare microscopio, detto a effetto tunnel, per rimuovere in modo estremamente preciso solo alcuni atomi di idrogeno, seguendo un disegno prestabilito. Poi hanno preso due paia di striscioline di questo materiale e le hanno disposte perpendicolarmente le une alle altre, giustapponendo un piccolo rettangolo di appena sei atomi di silicio nel mezzo. Il tutto è stato poi esposto a fosfuro di idrogeno (PH 3) gassoso ed è stato fornito calore: in questo modo gli atomi di fosforo, conduttivi, si sono legati al silicio e, in particolare, un solo atomo si è andato a posizionare sul rettangolo centrale.

E il bello sta proprio qua. La parte più difficile nella realizzazione di transistor monoatomici, infatti, sta nel riuscire a posizionarli esattamente là dove li si vuole. Un passaggio fondamentale perché questa tecnologia possa passare alla fase applicativa.

Il risultato del procedimento messo a punto da Simmons è un sistema formato da 4 elettrodi di fosforo e un atomo centrale dello stesso elemento. Come descritto su Nature Nanotechnology, ciascuna coppia di elettrodi sono separati da una distanza pari a 108 nanometri (milionesimi di millimetro). Se si crea una differenza di potenziale, la corrente passa per forza attraverso il singolo atomo di fosforo centrale, che quindi funziona da transistor.

L'applicazione, però, è lontana. Come fa notare il fisico Bruce Kane dell'Università del Maryland (che non ha partecipato allo studio) su New Scientist, il transistor funziona solo per temperature prossime allo zero assoluto (inferiori al grado Kelvin, -272,15 °C) e la sua realizzazione è ancora complicata e lenta. “Vero – ribatte Simmons – ma questa resta pur sempre una delle poche tecniche che permetteranno di costruire un dispositivo di un solo atomo”.

Intanto c'è chi crede che il futuro di questa tecnologia sia nei futuri computer quantistici, come Jeremy Levy dell'Università di Pittsburgh in Pennsylvania. “ Lo spin degli elettroni in atomi di fosforo isolati possono rappresentare i qubit, l'equivalente quantistico dei bit. Controllare l'interazione tra qubit richiede di conoscere esattamente dove questi atomi si trovano. Ora che questo primo passo è fatto, la prossima sfida è far comunicare due di questi transistor”.

Fonte: Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Un nou studiu, realizat de cercetatorii de la Universitatea Oxford în colaborare cu cei de la Universitatile din Liverpool, Manchester si Edinburgh, demonstreaza ca aceasta regiune a creierului este mai dezvoltata la persoanele care au un numar mare de prieteni.

Care este legătura între mărimea creierului şi numărul prietenilor?

Studiul sugereaza ca avem nevoie sa detinem un set de capacitati cognitive pentru a ne mentine un anumit numar de prieteni. Aceste capacitati sunt descrise de oamenii de stiinta drept mentalizare, abilitati prin care o persoana poate intui ce gândesc cei din jurul sau. Dezvoltarea acestor capacitîti, extrem de importante în gestionarea relatiilor si efectuarea comunicarii, este determinata de marimea cortexului prefrontal orbital.

În studiu au fost implicati 40 de voluntari ai caror creieri au fost observati cu ajutorul tehnicilor de imagistica. Astfel li s-a putut masura dimensiunea cortexului prefrontal, parte a creierului implicata în gândire. Mai departe, participantii au fost rugati sa întocmeasca o lista a tuturor persoanelor cu care au socializat în ultimele 7 zile, iar ulterior au fost supusi unui test pentru a li se determina capacitatea de mentalizare.

Rezultatele au indicat ca cei care aveau mai multi prieteni s-au descurcat mai bine la sarcinile care presupuneau mentalizare, având, la nivelul cortexului prefrontal orbital, un volum neuronal mai mare decât ceilalti participanti.

Întelegerea acestei legaturi dintre numarul de prieteni si marimea creierului unui individ îi poate ajuta pe oamenii de stiinta sa înteleaga mecanismele care au dus la dezvoltarea creierului uman si care, de-a lungul timpului, ne-au diferentiat pe noi de maimute.

Sursa: University of Oxford - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

While shoppers in minority religions may view malls and stores much differently: as central meeting places that "can play an active role in the creation of a sacred event."

The study, co-authored by Temple University Fox School of Business marketing professor Ayalla Ruvio, found that holiday consumption in dominant religious settings – such as Christians in the U.S. or Jews in Israel – can lead to greater frenzy and a "social tidal wave" that pushes people to excess during the holidays.

The researchers also found that consumers in minority or immigrant religions tend to seek the company of those who share their beliefs during holidays. For some, shopping outlets aren't shrines to spending. Instead, they can offer a gathering place for a "critical mass" in a religion to interact and temporarily overcome their minority religious status – creating a type of "marketplace sacralization."

"In effect, the marketplace, though normally viewed as profane and commercial, can, through the collective actions of religious devotees, be transformed into … a place of worship and fellowship," the authors wrote.

The researchers conducted 41 in-depth, in-home interviews with Muslims, Jews and Christians in the United States, Israel and Tunisia to examine consumers' behavior when their given religion represents either a majority, minority or immigrant faith. For example, Christians are a religious majority in the U.S., a minority in Israel, and an immigrant religion in Tunisia.

Some minority-religion consumers said they found comfort in marketplaces, or products, shared by those with similar beliefs. In one interview, a member of the Tunisian Jewish community used the animated Prince of Egypt movie to assist in his family's Passover observance. "Rather than the sacred being invaded by the secular, the sacred comes to inhabit the secular," the authors found.

In countries where a religious group was in the majority, the researchers found that the dominant religion experienced "consumption mass hysteria," which led to consequences of debt, drunkenness and overeating. Dominant religions also tend to view religious holidays as a time of national or ethnic glory and "perfection," while minority and immigrant religions report a stronger desire to preserve their traditions and customs, meaning these groups may be more orthodox in their observances.

Despite the many differences, the study found that, in every context and across the religious groups, participants emphasized charity and expressed the spiritual importance of helping others during the central holy days of Christmas, Ramadan and Passover.

Source: Temple University - via ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Molfetta, Lago di Vico e Colleferro. Ai siti tristemente noti come bacini di inquinamento derivante da armi chimiche, se ne aggiungono altri, come quello del golfo di Napoli o del mare Adriatico di fronte a Pesaro. A suggerirlo sono i documenti militari consultati dall’associazione ambientalista Legambiente, che domani presenterà in Senato il dossier nazionale Armi chimiche: un’eredità ancora pericolosa. In attesa di conoscere la mappa dettagliata dei siti a rischio, e le tecniche di monitoraggio e di bonifica necessarie a contenere i pericoli, Repubblica svela in esclusiva i luoghi e le storie (militari) portati alla luce dal report di Legambiente.

Si scopre così che a essere a rischio sono soprattutto gli ambienti e le popolazioni dell’ Italia centro meridionale, dove giacciono dalla Seconda guerra mondiale sostanze tossiche, irritanti e cancerogene come l’ iprite, la lewisite, l’ arsenico e il fosgene. Ma se da un lato si conosce, almeno in parte, che faccia abbia il pericolo, dall’altra manca ancora di capire esattamente quanto grande esso sia, vale a dire di conoscere le quantità di armi chimiche abbandonate sul suolo o seppellite sotto terra o in fondo al mare. L’unico modo per provare a capire l’entità del fenomeno è consultare i documenti militari. Esattamente quello che ha fatto Legambiente.

Si scopre così che i tedeschi, in ritirata incalzati dall’avanzata anglo-americana, scaricarono nel mare di fronte a Pesaro circa 4.300 bombe chimiche contenenti 1.316 tonnellate di iprite, cui si aggiungono 84 tonnellate di testate all’arsenico. Mentre subito dopo la fine del conflitto mondiale, sarebbero stati gli americani a utilizzare il Golfo di Napoli come sito per discarica, gettandovi bombe al fosgene, alla lewisite, proiettili (13mila) e barili all’iprite (438). Come spiegano Repubblica e Veleni di Stato, i dati arrivano dai cosiddetti rapporti Brankowitz, documenti militari resi pubblici e poi secretati di nuovo (durante l’amministrazione Clinton e poi quella di Bush, rispettivamente). 

Ma oltre al Golfo di Napoli e al mare Adriatico di fronte a Pesaro, il dossier di Legambiente mette in luce altri particolari di siti a rischio chimico più noti, già presi in considerazione da studi di monitoraggio e bonifica. Č il caso del basso Adriatico, che oltre alle bombe chimiche disperse in mare durante il secondo conflitto mondiale, nel 1999 è diventato anche il bacino di quelle sganciate dalla Nato durante la guerra in Kosovo. Per questa zona inoltre è stato già possibile stimare in parte il danno causato dall’inquinamento chimico (da iprite e arsenico) sui pesci, cui ora la regione Puglia cerca di rimediare con fondi destinati al ripopolamento.

Infine la mappa del rischio colpisce anche zone in passato dichiarate bonificate, in cui più recentemente è stata rivelata la presenza di inquinanti. Č il caso di Ronciglione, cittadina del viterbese sul lago di Vico, che in passato, durante il fascismo, ospitò fabbriche per la produzione di armi chimiche. E sempre legato all’industria è il caso di Colleferro, in provincia di Frosinone, dove però, a differenza di Ronciglione, la produzione di armi chimiche non sarebbe così lontana nel tempo (con  rifornimenti diretti in tempi recenti verso l’Iraq e la Libia, come riportano Repubblica e Veleni di Stato).  

Fonte: Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Ma Mountain View risponde: "Un errore, abbiamo risolto il problema".

Google e gli sviluppatori di app per Facebook, oltre ad almeno tre agenzie di pubblicità online, hanno l’abitudine di violare le impostazioni di sicurezza e privacy di Safari per installare file di testo con informazioni sulla navigazione (cookies) su Mac e iPhone. O almeno avevano: la notizia è stata divulgata dal Wall Street Journal, secondo cui Google, che per altro è parte del progetto sulla Tracking Protection del W3C, avrebbe interrotto la procedura dopo essere stata contattata dal giornale. Un consulente tecnico del Wsj ha verificato che la protezione di Safari viene bypassata in oltre venti dei cento principali siti.

Cupertino ha progettato Safari, oggi il più diffuso browser mobile, in modo tale che accetti di default solo cookies dai siti direttamente visitati dall’utente, mentre Google si è trovata ad aver bisogno di bypassare questo schema quando ha introdotto il +1 sugli ad, per mostrare ai propri utenti il messaggio “ il tuo amico John ha fatto +1 su questo”. Facebook invece suggerisce l’ exploit come best practice ai propri sviluppatori di app, ha rilevato il Wsj, per salvare informazioni come i punteggi nei giochi o le credenziali di login.

Il workaround era già stato trovato nel 2010 dallo sviluppatore Anan Grant, anche se è stato  Jonathan Mayer dell’università di Stanford a scoprire che Google lo usava. Il problema non è solo di Safari: affliggeva anche Internet Explorer 6 e 7. In pratica, Safari di default impedisce a siti terzi rispetto a quello che stiamo visitando di salvare cookies su computer o iPhone, a meno che non ci sia dell’interazione fra l’utente e il sito, per esempio attraverso la compilazione di un modulo. Per simulare questo comportamento, Google inseriva nel codice utilizzato per parlare con Safari un modulo compilato in bianco. I cookie così creati si autodistruggono in 12-24 ore, ma potrebbero essere sfruttati per un intensivo tracciamento degli utenti di Safari. Il browser infatti consente facilmente a un’azienda che ha già installato un cookie di aggiungerne altri, sottolinea il Wsj, a cui Apple ha spiegato che sta già cercando una soluzione. Il meccanismo del workaround è spiegato nei dettagli da un’ infografica del quotidiano americano, in cui è riportato un esempio del codice che compie questo lavoro.

L’ Electronic Frontier Foundation ha sottolineato come Google fosse pienamente cosciente della presenza di questi blocchi su Safari, al punto da avvertire gli utenti che, pur non avendo ancora Google un plugin per l’opt out nei confronti dei cookies pubblicitari, in Safari è presente un’opzione che ha lo stesso effetto. Affermazione ora rimossa.

Mountain View si è affrettata a spiegare che “ non vengono registrati dati personali”. Secondo l’accordo recentemente siglato con la Federal Trade Commission, con il quale aveva promesso di non  ingannare i propri utenti circa la privacy, ogni violazione equivale a una multa di 16 mila dollari per utente per giorno.

Google era già stata accusata dall’Electronic Privacy Information Center (Epic) di aver violato questo accordo con l’introduzione delle ricerche social.
 
In un comunicato ufficiale, Rachel Whetstone, Senior Vice President Communications e Public Policy di Google, ha dichiarato: “ Il Wall Street Journal ha mal descritto quanto è successo e il perché. Abbiamo utilizzato una funzionalità conosciuta di Safari per offrire agli utenti di Google loggati nel loro account funzioni da loro stessi abilitate. [...] Abbiamo creato un link temporaneo tra Safari e i server di Google, per verificare se un utente di Safari era anche loggato e aveva optato per un determinato tipo di personalizzazione. Il tutto in modo anonimo, creando una barriera effettiva tra le loro informazioni personali e il contenuto su cui stavano navigando. Tuttavia, il browser Safari conteneva altre funzionalità che hanno fatto sì che altri cookies pubblicitari di Google fossero installati nel browser. Non avevamo previsto che potesse succedere e ora abbiamo cominciato a rimuovere questi cookies pubblicitari dai browser Safari”.

Fonte: Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Specialistii americani de la Universitatea California avertizeaza ca un consum ridicat de produse care contin zahar este responsabil pentru dezvoltarea unor boli precum obezitatea, cancerul, problemele hepatice sau chiar cele de inima. Mai mult, ei spun ca zaharul contribuie anual la producerea a 35 de milioane de decese, motiv pentru care comercializarea sa ar trebui reglementata.

Zahărul este la fel de nociv ca ţigările

Autorii studiului au afirmat ca o cantitate mica de zahar nu creeaza probleme, însa consumul excesiv omoara lent. Totodata, ei au avertizat ca obezitatea a devenit o problema mai mare decât malnutritia si ca zaharul nu este vinovat doar pentru îngrasarea oamenilor, ci si pentru producerea anumitor schimbari la nivelul metabolismului, precum dezechilibrele hormonale. Afectiunile provocate de zahar sunt similare cu cele provocate de alcool (despre care autorii ne amintesc ca este distilat pornind de la lichide cu continut mare de zahar).

Specialistii considera ca informarea copiilor cu privire la importanta unei diete sanatoase si a exercitiilor fizice nu este de ajuns, motiv pentru care se impune o reglementare a comercializarii zaharului si a produselor care îl contin. În studiu se recomanda dublarea taxelor la bauturile racoritoare, interzicerea vinderii lor catre minori si instituirea de reguli mai stricte privind amplasarea automatelor de dulciuri si racoritoare în scoli.

Sursa: Daily Mail - via Descopera.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Highly excited Rydberg atoms can be 1,000 times larger than their ground state counterparts. Nearly ionized, they cling to faraway electrons almost beyond their reach. Trapping them efficiently is an important step in realizing their potential, the researchers say.

Giant Rydberg atoms become trapped in wells of laser light in a new highly efficient trap developed by University of Michigan physicists. They liken it to an egg carton. Image: Sarah Anderson

Here's how they did it:

"Our optical lattice is made from a pair of counter-propagating laser beams and forms a series of wells that can trap the atoms, similar to how an egg carton holds eggs," said Georg Raithel, a U-M physics professor and co-author of a paper on the work published in the current edition of Physical Review Letters. Other co-authors are physics doctoral student Sarah Anderson and recent doctoral graduate Kelly Younge.


In previous Rydberg atom traps, atoms came to rest at the top of the peaks of the laser light lattice, and tended to escape. University of Michigan researchers solved this problem by quickly flipping the lattice, trapping the giant Rydberg atoms in the wells, like eggs in a carton. Image: Sarah Anderson

The researchers developed a unique way to solve a problem that had been limiting trapping efficiency to single digit percentages. For Rydberg atoms to be trapped, they first have to be cooled to slow them down. The laser cooling process that accomplishes that tended to leave the atoms at the peaks of what the researchers call the "lattice hills." The atoms didn't often stay there.

"To overcome this obstacle, we implemented a method to rapidly invert the lattice after the Rydberg atoms are created at the tops of the hills," Anderson said. "We apply the lattice inversion before the atoms have time to move away, and they therefore quickly find themselves in the bottoms of the lattice wells, where they are trapped."

Raithel says there is plenty of technological room left to reach 100 percent trapping efficiency, which is necessary for advanced applications. Rydberg atoms are candidates to implement gates in future quantum computers that have the potential to solve problems too complicated for conventional computers. They could also be used in terahertz imaging and detection devices that could be used in airport scanners or surveillance equipment.

This work is supported by the National Science Foundation and the Department of Energy. The paper is titled "Trapping Rydberg atoms in an optical lattice."

Source: University of Michigan - via ZeitNews.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

“Forse tremate più voi nel pronunciare questa sentenza che io nell'ascoltarla”. Sono le parole pronunciate da Giordano Bruno di fronte al tribunale ecclesiastico che lo condanna a morte. Nel corso della sua vita il filosofo e scrittore aveva attraversato l'Italia e mezza Europa per sfuggire alle accuse di eresia e accrescere il suo sapere. Di lui ci restano molte opere, e il racconto della sua tragica fine, il 17 febbraio 1600.

Perché è proprio durante i lunghi interrogatori condotti dagli inquisitori che la storia di Bruno viene a galla, e arriva fino a noi. Se fosse rimasto nel piccolo villaggio di Nola, dove era nato nel 1548 con il nome di Filippo, il futuro filosofo forse non avrebbe mai potuto conoscere i testi di Aristotele e Averroè. A cambiare il destino di Giordano è un prete del paese, che insegna al giovane a leggere e scrivere: e il suo mondo cambia prospettiva. Bruno lascia il suo paese all'età di 14 anni e si trasferisce a Napoli per studiare lettere, logica e dialettica. Č qui che il suo pensiero viene plasmato da vari maestri di scuola averroista e agostiniana. Essendo deciso più di ogni altra cosa a proseguire i propri studi, sceglie di entrare in convento all'età di 17 anni e assumere il nome Giordano.

Ma l'abito da frate domenicano va decisamente stretto a Bruno, che fin dai primi anni trascorsi nel convento di San Domenico Maggiore a Napoli dà prova di non sopportare i dettami imposti dalla Controriforma, come il culto della Madonna. Come lo stesso Bruno racconta più tardi al processo, da giovane aveva rimosso tutte le immagini dei santi dalla sua cella, conservando solo il crocifisso.

A Napoli non ci vuole molto perché il suo pensiero poco ortodosso balzi davanti agli occhi di tutti. Come apprendono gli inquisitori, Bruno invita calorosamente un novizio a gettare via la sua copia della Historia delle sette allegrezze della Madonna e a sostituirla con qualcosa di meglio. Ma si spinge ben oltre, dato che legge di nascosto le opere proibite di Erasmo da Rotterdam e dichiara apertamente di avere qualche dubbio sul dogma della Trinità.

La prima accusa di eresia non tarda a arrivare. Nel 1576 fugge a Roma, che sotto il pontificato del vecchio e ormai debole papa Gregorio XIII era piombata nel caos più totale. Visto che per le strade la gente si uccideva con fin troppa facilità, Bruno ha la saggia idea di fare i bagagli e ripartire. Riprende il nome di Filippo per una breve lasso di tempo e peregrina incessantemente tra Savona, Torino e Venezia.

Dopo alcune avventure burrascose in Svizzera e Francia, si trasferisce in Inghilterra, dove ha il coraggio di difendere la teoria copernicana durante una lezione a Oxford: l'ateneo non gradisce affatto la cosa e lo caccia malamente. Nel 1586 Bruno raggiunge la Germania, dove colleziona una scomunica da parte della chiesa Luterana. Tuttavia, le sue opere – davvero poco ortodosse – iniziavano a circolare per tutta Europa e il suo nome acquisisce grande fama.

La stessa fama che, purtroppo, segna la sua fine. Nel 1591 Bruno accetta l'invito del patrizio veneziano Giovanni Mocenigo, che lo voleva come suo maestro nella Serenissima. Ma quando il filosofo accenna al fatto di voler tornare in Germania per pubblicare l'ultima delle sue opere, il Mocenigo non la prende troppo bene e lo denuncia come eretico, consegnandolo nelle mani dell'Inquisizione. La notizia giunge all'orecchio degli inquisitori di Roma, che con molta probabilità già conoscevano le opere di Bruno. Così, nel 1593 il filosofo viene estradato dalla Serenissima e consegnato al Sant'Uffizio. Il lungo processo a suo carico va avanti per 7 anni, ma nonostante le torture e alcuni cedimenti, alla fine il nolano non ritratta le sue idee sull'infinità dell'universo e l'eliocentrismo.

Tanto bastava all'Inquisizione, che lo bolla come eretico e ateo. L'8 febbraio 1600 il tribunale legge la sentenza di condanna al rogo. Nove giorni dopo, Bruno viene condotto in Campo de’ Fiori con la lingua serrata da una mordacchia, in modo che non possa parlare di fronte alla folla prima di essere denudato e arso vivo. Le sue ceneri, in segno di spregio, vengono gettate nel Tevere.

Fonte: Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

< aprile 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Titolo
en - Global Observatory (544)
en - Science and Society (531)
en - Video Alert (311)
it - Osservatorio Globale (492)
it - Scienze e Societa (546)
it - Video Alerta (131)
ro - Observator Global (361)
ro - Stiinta si Societate (440)
ro - TV Network (123)
z - Games Giochi Jocuri (52)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
There's lots of anecdotal evidence of THC/cbd actually curing cancer. The beauty of cb1 and cb2 receptors.
03/04/2014 @ 13:35:53
By Craig Daniel Smith
That is a very good point... read my comments and message me or comment on your ideas about my comment. Lets do something about this.Sounds like a stoner fundraiser needs to take place. These studies ...
03/04/2014 @ 12:29:32
By Brandon Smith
I concur, Ginamarie. I was going to say pretty much the same thing.
03/04/2014 @ 12:27:16
By Higino Alexandre
our best focus - in my opinion isn't focusing on paying for the funding for research - but freeing the system up to do the research - we need to get it out of schedule I - get it off the hit list so t...
03/04/2014 @ 12:26:30
By Ginamarie Pezzi
understanding the miraculous mechanics of how cannabinols work truly at the heart of nature's beautiful way
02/04/2014 @ 23:26:12
By Doc O'Zee
Scientists studying the benefits of cannabis are just finding out now what most pot smokers have known about for thousands of years. Of course, this is due to the prohibition of cannabis of the last 7...
02/04/2014 @ 20:48:14
By Higino Alexandre
Marijuana is a miracle plant.
02/04/2014 @ 18:46:17
By Mark Garnett


Titolo
cerca solo/ search only/ caută doar TurismoAssociati.it


Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.



World Clock by Poodwaddle.com

TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.




Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.



Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

New research suggests that chemicals in marijuana may help patients who suffer from a severe form of lung disease.

A lack of training may be why most doctors still hesitate to recommend medical marijuana, according to a recent study out of Colorado.

Proposed European Union Citizens Project: LEGALIZING CANNABIS. Click here to support this initiative!

A new study suggests that a compound in marijuana could help manage pain as well as slow disease progression in patients undergoing breast cancer treatment.

Propunerea de initiativa cetateneasca: Am dori sa vorbim de iarba. PETITIA UNIUNII EUROPENE PENTRU DISCRIMINAREA SI REGLEMENTAREA CANABISULUI.

Cum se combina alimentele? Carnea, legumele si cerealele, cele trei grupe de alimente.

Obama argues healthcare law is working, rejects Republican criticism

Nobel winner Garcia Marquez, master of magical realism, dies at 87

U.N. inquiry chief wants North Korea hauled before international court

U.S. special forces struggle with record suicides: admiral

U.S. envoy Power urges Myanmar action to stop Rakhine violence

After Nevada ranch stand-off, emboldened militias ask: where next?

Ultimele articole - Antena3.roBadea, mesaj catre fostul premier: Te-ai culcat Boc si te-ai trezit Kenenisa Bekele? Cam cât de nebun sa fii?

Sute dintre pasagerii feribotului naufragiat sunt dati disparuti. Ancheta a scos la iveala detalii cumplite

Scriitorul Gabriel Garcia Márquez A MURIT

Steaua s-a calificat în finala Cupei României, dupa 1-1 cu Dinamo

Ponta: Gratierile dubioase facute de Basescu sunt greu de explicat. Cine e cu el e bun, cine nu e cu el e rau

Ponta: Candidatura mea la prezidentiale, în functie de refacerea sau nu a USL-ului





18/04/2014 @ 2.13.35
script eseguito in 1031 ms