Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
 
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Concrete pavements are made by mixing cement with water, sand, and "virgin aggregates" obtained from rock quarries located in the proximity of the construction site. In Indiana most of these aggregates are quarried limestone.

"Some parts of Indiana have plenty of quarries near highway construction sites," said Nancy Whiting, a scientist with the Applied Concrete Research Initiative at Purdue's School of Civil Engineering. "In other places, it's more difficult to find quality aggregate. If you have to drive 50 or 100 miles to get a good quality aggregate, it's going to be much more cost effective to use recycled materials by crushing the concrete you have in place."

Concrete recycling may cut highway construction cost, landfill use

Whiting is leading the concrete recycling project funded by INDOT through the Joint Transportation Research Program with Jan Olek, a Purdue professor of civil engineering, postdoctoral research associate Jitendra Jain and graduate research assistant Kho Pin Verian.

"If you are going to pave, you may have to remove the old concrete and break it into pieces anyway, so recycling makes sense," Olek said. "And you avoid putting it in landfills."

Jain gave a research presentation about the work earlier this month during a meeting of the American Concrete Institute in Tampa, Fla.

The researchers are testing concrete mixtures that contain varying percentages of recycled concrete. They also are developing cost-analysis software that will enable the state and construction contractors to estimate how much they could save by using recycled concrete. Crushing old concrete pavements into aggregate that can be recycled in new concrete can potentially reduce materials costs by 10 percent to 20 percent, depending on whether any quarries are located near construction sites.

"Whether that would mean a comparable reduction in overall construction costs is part of what our research will determine," Whiting said.

Also involved in the work are Mark Snyder, an engineering consultant based in Pittsburgh, and Tommy Nantung, a project administrator at INDOT. Indiana currently allows the use of "recycled concrete as aggregate," or RCA, as a base layer to support new pavements. However, no existing specifications allow for use of this material in new concrete mixtures. The goal of the research project is to extend the use of the crushed concrete for manufacturing of mixtures that can be used to construct the pavement itself.

The team will finalize a report early next year, providing guidelines and recommendations to help create design and material standards. Standards are needed to control the quality of RCA and its proper use in creating the new concrete.

"Various other states have used crushed concrete as aggregate, but there has been no standardization, so the end result hasn't always been good," Whiting said. "We are trying to show INDOT that it can work and how to be consistent about getting a good product."

One aim is to ensure resistance of the RCA to cracking due to freezing and thawing cycles the pavements are exposed to during winter. Some aggregates are more susceptible to cracking than others. The focus of the standards will be on test methods for freeze-thaw durability and absorption of water and deicing chemicals.

The researchers are working with industry to produce nearly 400 test specimens of varying sizes and shapes containing different percentages of recycled aggregate. Concrete taken from State Route 26 when it was recently repaved in Lafayette has been crushed for use as RCA for the project.

"Slabs of concrete have been crushed into aggregate by Milestone Contractors LP under the direction of J. Beland," said Whiting.

A commercial concrete plant in Lafayette operated by Irving Materials Inc. is mixing the material. In addition, Jay Snider and Calvin Kingery of Irving Materials as well as Dick Newell of Milestone Contractors are working alongside the researchers, helping with issues ranging from adjusting mixture proportions to placement of trial slabs in the field.

Industry partners helped found the Applied Concrete Research Initiative in 2008 along with INDOT and academia, and are providing their services free of charge.

"They are doing this as a courtesy to us," Olek said. "This type of collaboration with practitioners is critical with respect to implementation of laboratory derived materials and technologies in the field."

More information: Predicting Long Term Durability of Concretes with Recycled Concrete as Coarse Aggregates

ABSTRACT:
 
The use of recycled concrete (RCA) as coarse aggregates in concrete is a sustainable, cost-effective alternative to disposing the old concrete pavements. Previous studies indicated that replacing up to 30% of the original (virgin) coarse aggregate in the mixture with RCA will have no negative effects on the freeze-thaw (F/T) resistance and mechanical properties of hardened concretes. In the present study, RCA was used in both plain and fly ash (20% of Class C fly ash) concretes to substitute for crushed limestone coarse virgin aggregates at four different replacement levels (0%, 30%, 50%, and 100%). The long-term durability of all concrete mixtures was evaluated by determining the F/T resistance (ASTM C666 procedure A), scaling resistance (ASTM C672), and rapid chloride penetration (RCP) resistance (ASTM C1202). In addition, the electrical impedance spectroscopy (EIS) measurements were performed on the same concrete specimens that were used for RCP test. EIS spectra were obtained using a Solartron™ 1260 gain-phase analyzer. A frequency range of 1 Hz–10 MHz using a 250 mV AC signal was employed, with 10 measurements per decade. The relationship between the values of final charge passed and bulk resistance obtained from EIS will be used to evaluate the effects of increase in temperature on charge passed during RCP for concretes with RCA. The different test results from this study would be useful to optimize the replacement levels as well as preferred tests to predict long-term durability of concretes with RCA.

Source: Physorg - Research Provided by Purdue University

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

We all make sure we've got our keys, wallet and phone before we head out the door, but more often than not, we are carrying around things that are better left at home. Some items we carry on a daily basis can be virtually impossible to replace, and others may leave us at risk for identity theft in the event of loss. We checked in with the personal finance experts at LearnVest to find the top 10 things you shouldn't carry in your purse or wallet.

Social Security Card

"You may carry it around thinking you need a back-up source of ID, but these days you don't really need it," says Maria Lin, editor in chief at Learnvest. If your Social Security card gets in the wrong hands, someone could open a credit card, apply for a loan, or even buy a car with the information. It's nine digits, just memorize it.

Your Passport

If you're traveling internationally, of course you can't leave your passport at home, but you can leave it in the hotel safe. When you are abroad, make a photocopy of your passport to have in your wallet for identification along with your driver's license. "If you lose your passport or get mugged in a foreign country, it's such a horrible hassle," says Lin. "You have to go to the embassy, and it's a vacation nightmare." If you're traveling in the U.S., use your driver's license instead. "Your passport is such a primo document for your identity, if someone gets a hold of it, you can really put yourself at risk for identity theft," says Lin.

Passwords/Pass codes

Although most PIN numbers are only four digits long, some people still write them down so they don't forget. "If you store any type of ATM password or even a code for your home alarm in your wallet, you have basically gifted a thief with access to your life," says Lin. If you absolutely can't remember important pass codes, store them digitally on a password-protected phone, but never write them down and leave them in your wallet or purse

A Non-Password Protected Phone

Today, many people have smart phones that allow them instant access to bank accounts, PayPal accounts, medical records, and more. Even if your phone only accesses e-mail, a thief could easily search for banking or ATM passwords or addresses, according to Lin. "Think about all the things you have digitally stored on your phone. You have to have it behind password protection. This way a thief can still erase your phone's memory and use it for themselves, but they won't have access to your data."

Your Checkbook

"As innocuous as it seems, your checkbook has your bank account number and routing number on it, your address, and possibly imprints of your signature," says Lin. Lin says that if you know you're going to need to write a check one day, peel off one check out of your book and take it with you. If you know you're going to need to write multiple checks in one day, go ahead and take your checkbook, but don't get into the habit of carrying it around with you all the time, Lin says. "You want to prevent someone's ability to just start writing out your blank checks and cashing them."

Too Many Credit Cards

"A lot of people put all their cards in their wallet and carry them with them at all times," says Lin. "But if your wallet gets lost or stolen, that means you're going to have to sit and cancel every single one, and wait a week without any credit cards before you receive a replacement." Only carry the one or two cards you use on a daily basis and a backup, and leave others at home. Also make sure you keep photocopies of the front and back of each card at home, Lin advises. The 1-800 number to call and report a lost or stolen card is very often on the back of your card -- which doesn't do you a lot of good once the card is no longer in your possession.

Too Much Cash

Lin offers the following rule of thumb when it comes to carrying cash: Bring only as much with you as you're willing to lose. "It's good to have a little cash on you at all times for emergencies, but you don't want to carry so much that you're going to feel a real hit if your wallet gets stolen." For people on a "cash diet," Lin recommends bringing only as much cash to cover the day's expenses.

Gift Cards/Certificates

"A lot of people carry these around thinking, 'I never know when I'm going to be passing this store,' but chances are, you're going to forget about it anyway, and if your wallet gets stolen, it's one of the first thing thieves are going to use," Lin says. Gift cards and gift certificates are just like cash -- they don't require ID for use. "Try to leave it at home and take it with you only when you are consciously going to shop at that store," Lin says. "Make it a special excursion; it's a treat to have free money to spend."

Jewelry or USB Devices

"It may sound silly, but if you're changing earrings or heading from a business meeting, it's very possible you may forget and toss these things in the zipper compartment of your wallet," says Lin. USB devices can be bad news in the hands of thieves if they contain confidential files. "It would be horrible to get your wallet stolen any day, but if you're also losing your grandmother's earrings or a presentation you've been working on for months, it's even worse!"

Receipts

Sometimes receipts can have your credit card information on them, as well as your signature, which thieves could do a lot of damage with. Additionally, if you've just purchased a big-ticket item like a new computer or jewelry, you may need that receipt for warranty purposes. "If you're planning to use your receipts for expense purposes at work, those few hundred dollars of business receipts can just vanish and your employer might not be so understanding," says Lin. "Get in the habit of taking out your receipts every night instead of carting them around with you."

Source: finance.yahoo.com - Author: Kathryn Tuggle

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Buongiorno a tutti, ci siamo arrivati come ci siamo detti per anni e cioè al tracollo ormai visibile anche della Seconda Repubblica che muore dello stesso virus che si era portato via la prima: l’illegalità, la corruzione e le collusioni con il malaffare finanziario e mafioso e curioso che quelle forze dell’ ordine che dovrebbero essere mandate a rastrellare il Parlamento colmo di inquisiti e di condannati, vengano mandate invece a picchiare la gente che si oppone alla costruzione di una di delle grandi opere che forse è l’ultimo cascame degli anni 80, della stagione delle opere faraoniche dello sperpero di denaro pubblico e della corruzione sottostante che è il Tav Torino – Lione.

Il Parlamento è peggio del Paese.

Si è sempre detto in questi anni, noi abbiamo sempre contrastato questa scemenza che il Parlamento è lo specchio del paese.
Abbiamo fatto dei libri, io insieme a altri colleghi come Peter Gomez, Gianni Barbacetto, Marco Lillo in cui si raccontava che in Parlamento ci sono fissi ormai da 3, 4 legislature un centinaio tra imputati e indagati e dai 20 ai 30 condannati definitivi, il che significa che in Parlamento c’è un parlamentare su 10 che ha seri guai con la giustizia, se il Parlamento fosse lo specchio del paese, significherebbe che su 60 milioni di abitanti, 6 milioni di abitanti sono sottoprocesso o sono già stati condannati, una cosa semplicemente impensabile, quindi il Parlamento non è lo specchio del paese, il Parlamento è molto peggio del paese, anche se il paese non scherza! Vedete con quali arzigogoli in questi giorni si cerca di giustificare quello che sta accadendo, questa escalation, questa accelerazione di indagini su tangenti, mafie, appalti truccati, si cerca di raccontare la vicenda a prescindere dalle tangenti perché questo è il modo che si è usato per raccontare anche la storia di Tangentopoli dopo qualche mese dall’entrata al governo di Berlusconi nel 1994, si cominciò a dire che Tangentopoli non era scoppiata perché i politici rubavano, ma perché i magistrati avevano dichiarato guerra ai politici e sono più o meno 20 anni che ci raccontano questa favoletta della guerra tra politica e magistratura, per non dover ammettere che le indagini sui politici che rubano e che mafiano nascono perché ci sono molti politici che rubano e che mafiano e sono molti di più i politici che rubano e che mafiano rispetto a quelli che vengono indagati, perché ovviamente su reati nati da associazioni per delinquere così omertose e così impenetrabili quali sono sia il sistema della corruzione, sia il sistema delle mafie, è molto difficile scoprire le prove, scoprire le notizie di reato, sapete bene che i reati si dividono tra quelli a copertura totale e quelli a copertura parziale, quelli a copertura totale sono quelli che non si possono nascondere, gli omicidi sono tanti quanti gli omicidi che conosciamo sono tanti quanti quelli che vengono commessi, le rapine che vengono commesse le conosciamo tutte, i furti d’auto li conosciamo tutti, i furti in appartamento li conosciamo tutti, perché? Perché ovviamente la gente per le assicurazioni va a denunciare questi furti subiti, esattamente come gli omicidi ovviamente non possono passare inosservati, mentre invece la corruzione e i rapporti dei politici con la mafia, sono reati invisibili, quindi o parla chi li ha commessi, o parlano i complici di quelli che li hanno commessi, oppure è impossibile scoprirli, eco perché in quei casi occorrono i pentiti cioè i complici che collaborano con la giustizia e parlano oppure le intercettazioni che fanno parlare la gente senza che la gente sappia di essere ascoltata e è proprio per questo che in questi 20 anni, invece di colpire la corruzione e i rapporti di collusione tra mafia e politica, si è tentato in tutti i modi di colpire i due principali strumenti con i quali i magistrati andavano a scoprire questi reati invisibili.
Da un lato si sono colpiti i pentiti con la riforma Fassino – Napolitano che praticamente li ha aboliti per legge, rendendo non più conveniente per un mafioso collaborare con la giustizia, togliendo un sacco di benefici, obbligando i mafiosi che collaborano a raccontare tutto entro 6 mesi, dopodiché qualunque cosa dicono non vale più, lo stesso si è fatto per i “pentiti” dei reati di tangentopoli quando con la riforma dell’Art. 513 del Codice di Procedura Penale, altra porcheria votata dal centro-sinistra quando era maggioranza con la complicità del centro-destra, poi dichiarata incostituzionale e poi addirittura trasformata in legge costituzionale e infilata all’Art. 111 della Costituzione si è stabilito che quando io, complice di una tangente accuso l’altro mio complice, devo ripetere la stessa cosa non basta che la dica davanti al PM, la devo ripetere davanti alle Tribunale e se non la vado a ripetere, non è che mi possono obbligare a ripeterla, semplicemente se non la vado a ripetere, la persona che ho accusato viene assolta per insufficienza di prove perché quello che ho detto davanti al PM, sia che sia vero, sia che sia falso, viene cestinato, non può più essere preso in considerazione dal giudice.
Così hanno tappato la bocca ai complici che avrebbero potuto accusarli, dopodiché hanno cominciato una tale campagna contro le intercettazioni, per cui adesso si è creato un clima politico bipartisan per il quale non solo a destra, ma anche a sinistra si sostiene quasi unanimemente che le intercettazioni devono essere limitate, devono essere ridotte, devono essere ridimensionate, anche se le usiamo in casi semplicemente eccezionali, basti pensare che le persone intercettate in Italia ogni anno sono 6 mila, su 60 milioni di abitanti, lo 0,001%, ancora l’altro giorno il Capo dello Stato in base a non si sa quali dati, sosteneva che bisogna ridurre le intercettazioni, limitarle ai minimi casi indispensabili, il che peraltro è già previsto dalla legge anche se lui probabilmente non lo sa.
Eppure casi di corruzione e di mafiosità sono talmente numerosi, massicci e evidenti che nonostante il continuo tagliare le unghie, le mani, le dita e le braccia ai magistrati, ancora i magistrati ne scoprono un sacco di questi casi, evidentemente perché la forza della realtà è tale che fa saltare tutti i coperchi che sono stati messi in questi anni non sulla corruzione, ma sulle indagini che riguardano la corruzione e quindi lo spettacolo è quello che abbiamo sotto gli occhi, ogni giorno ormai c’è un arresto per quelli che si possono arrestare o una richiesta di arresto per gli intoccabili che senza autorizzazione del Parlamento non si possono arrestare. L’altro giorno nella stessa giornata si è votato alla Camera, pro o contro la richiesta di poter eseguire l’arresto nei confronti dell’On. Alfonso Papa e al Senato si è votato sulla richiesta del G.I.P. di Bari di poter eseguire la cattura del Senatore del PD Alberto Tedesco, Papa accusato di favoreggiamento e rivelazione di segreti e corruzione, Tedesco accusato di concussione, corruzione, abuso, falso e turbativa d’asta, voto segreto alla Camera Papa viene arrestato, o meglio la Camera concede ai magistrati l’autorizzazione a eseguire un mandato di cattura che era già stato emesso dal G.I.P. e quindi di portare questo parlamentare, Papa, magistrato in aspettativa, a Poggio Reale, là dove quando era magistrato a Napoli era solito lui mandare i suoi indagati.
Il Senato invece grazie ai soliti mascalzoni che si nascondono dietro l’anonimato del voto segreto, è stato salvato Tedesco che continuerà tranquillamente a scorrazzare a Palazzo Madama con sulla testa imputazioni di corruzione, concussione, abuso, falso, turbativa d’asta, nei prossimi giorni si esaminerà alla Camera la richiesta di autorizzare, sempre da parte della Procura di Napoli, anzi del G.I.P. di Napoli la cattura di Milanese, ex finanziere della Guardia di Finanza, diventato poi braccio destro di Tremonti, la vera potenza del Ministero dell’economia, quello che faceva le nomine, quello che teneva i rapporti con una delle due bande ai vertici della Guardia di Finanza, perché l’altra banda era invece considerata vicina al Cavaliere e quindi c’erano gli ufficiali vicini a Tremonti e a Milanese, gli ufficiali vicini al Cavaliere e alla sua azienda.
Milanese è accusato di essersi fatto corrompere per anni, più in natura che non con mazzette tradizionali, regali, Ferrari, auto d’epoca, gioielli, di tutto, aveva un tenore di vita tale che gli permetteva di pagare ogni mese l’affitto di un mega-appartamento nel centro di Roma dove abitava senza pagare Tremonti, che evidentemente gli doveva molto, ragion per cui chiudeva non un occhio, ma due occhi su tutte le scorribande di Milanese che da anni ne combinava di cotte e di crude, vedremo cosa deciderà la Camera, se posso fare una previsione tale è lo shock con cui i parlamentari hanno vissuto l’arresto di Papa, di un loro simile, che penso che d’ora in poi faranno quadrato, troveranno sempre il modo con il voto segreto di salvare i loro simili, come già avevano fatto prima di questo caso, perché dal 1994 a oggi, parliamo soltanto della Seconda Repubblica in 17 anni una ventina di volte i magistrati avevano chiesto di poter arrestare dei parlamentari e tutte quante quelle 20 volte la Camera o il Senato avevano risposto picche, spesso con un voto molto trasversale, spesso salvando dal carcere persone che poi sono state regolarmente condannate.
Nella storia della Repubblica italiana, Prima e Seconda Repubblica, dal 1946 a oggi, su decine e decine di richieste di autorizzazioni all’arresto da parte dei magistrati al Parlamento, il Parlamento aveva votato sì soltanto 4 volte, nel caso di Moranino, il partigiano rosso eletto poi in Parlamento con il partito comunista, accusato per avere fatto dei delitti orribili dopo la fine della guerra partigiana, salvato negli anni 60 dall’arresto, per accuse di reati di sangue, poi ci fu Massimo Abatangelo accusato di eversione nera, reati di armi e di banda armata, poi ci fu Toni Negri accusato di banda armata anche lui per l’eversione rossa, sì per Abatangelo, sì per Negri e sì per Sandro Saccucci il Missimo che nel famoso comizio di Sezze Romano si mise a sparare facendo secca una persona, quindi almeno per chi sparava il Parlamento aveva stabilito che si poteva autorizzare l’arresto, ma se un parlamentare non si metteva a sparare, poteva fare qualsiasi cosa e non aveva mai il rischio di finire in galera.

Arresto di Papa: panico in Parlamento.

Ecco perché parlo di shock, perché Papa è stato il primo parlamentare della storia della Repubblica, tra la Prima e la Seconda Repubblica a essere arrestato per una storia non di sangue e non di armi, cioè per un reato contro la pubblica amministrazione, corruzione, rivelazione di segreto, favoreggiamento.
E se pensate che in anni passati furono salvati persino candidati all’arresto per mafia come Giancarlo Cito poi condannato per i suoi rapporti con il clan della Sacra Corona Unita, come Marcello Dell’Utri, poi condannato per false fatturazioni, frode fiscale in via definitiva e in Parlamento e in secondo grado per associazione per delinquere di stampo mafioso in concorso esterno, voi vi rendete conto che forse Papa non è il peggiore dei parlamentari degli ultimi 65 anni, eppure per lui è stata data l’autorizzazione all’arresto, perché? Evidentemente perché la politica in questo momento si sente detestata dall’opinione pubblica e sta cercando, nel suo impazzimento terminale, di dare qualche segnalo in contro tendenza, visto che la rabbia contro la casta monta, se credono di salvarsi la faccia autorizzando l’arresto di Papa e ricominciando a fare i loro porci comodi, naturalmente si sbagliano, anche perché lo stesso giorno il voto per l’arresto di Papa veniva neutralizzato dal voto contro l’arresto di Tedesco che se è possibile è accusato di cose ancora peggiori rispetto a Papa.
A contorno sappiamo che a Milano c’è un’indagine clamorosa sull’enorme buco dell’ospedale San Raffaele, ospedale di questo prete, il Simoniaco che si chiama Don Verzè e che da 40 anni tiene il sacco a Berlusconi fino a quando lo aiutò a far spostare le rotte aeree da Milano 2 con la scusa che bisognava costruire l’ospedale nel bel mezzo della città satellite, che c’è un Ministro romano, Saverio Romano imputato per mafia che non si dimette, che c’è la Procura di Roma che indaga su Finmeccanica e sulla P3 e sugli amici di D’Alema nello scandalo Enac, ne abbiamo parlato due settimane fa, che la Procura di Napoli ha indagini di altissimo livello che quella di Palermo sta indagando su parlamentari ipoteticamente corrotti con i soldi di Don Vito Ciancimino, pizzini, Romano e Cuffaro e che presto il Parlamento dovrà autorizzare o negare l’autorizzazione all’uso delle intercettazioni che riguardano questi parlamentari con il commercialista di Vito Ciancimino, nonché suo prestanome, il Rag. Lapis, a questo punto uno dice va beh, il centro-destra è nella melma fino al collo, lo sapevamo, il Partito fondato da Berlusconi non può che finire con una grande retata, perché? Perché è ovvio che se si mettono tutti a imitare il capo li vanno a prendere con l’accalappiacani, visto quello che va il capo, qualunque cosa facciano i suoi sottoposti, sarà sempre meno grave di quello che ha fatto il capo che ha letteralmente fregato una casa editrice a De Benedetti per mettersela in tasca con una sentenza comprata, si può immaginare qualcosa di più enorme, stiamo parlando di un furto che la Corte d’Appello di Milano ha appena quantificato in 560 milioni di Euro, avete mai visto uno che è riuscito a rubare più di 560 milioni di Euro?
Quindi capite, questa è la maggioranza, maggioranza che naturalmente ha non soltanto i suoi esponenti inquisiti, a cominciare dal capo del governo, ma ha i suoi principali esponenti che o sono inquisiti in proprio, oppure hanno il loro braccio destro, il loro prestanome indagati, Tremonti operava per le mani di Milanese, Gianni Letta operava per le mani di Bisignani, inchiesta P4 anche questa davanti alla Procura di Napoli, il problema è quello che c’è dall’altra parte, quello che non c’è dall’altra parte, che in una situazione come questa è ovvio che le opposizioni ci dovrebbero sguazzare, praterie per correre a guadagnare consensi, invece dall’altra parte, come al solito, c’è chi riesce a pareggiare il conto, c’è chi riesce se non a fare pari e patta, alleno a far dire alla gente che se Atene piange, Sparta non ride o viceversa, se Sparta non ride Atene piange, perché questo? Perché non bastando gli scandali dei finanziatori della fondazione di D’Alema italiani e europei che prendevano e pagavano tangenti come abbiamo raccontato due settimane fa, adesso riesplode una Tangentopoli a Milano tutta rossa, nella vecchia Stalingrado del nord che era Sesto San Giovanni, Sesto San Giovanni, comune operaio, comune rosso, popolato da tanta brava gente che lavora e che ha sempre votato a sinistra e che ha avuto come Sindaco in passato Filippo Penati, il quale poi ha fatto carriera, è diventato per una legislatura Presidente della Provincia di Milano, due anni fa quando Bersani ha preso in mano la segreteria del PD Pennati è diventato il braccio destro ufficiale di Bersani, capo della segreteria politica del segretario nazionale, dopo avere perso le provinciali e quindi avere mancato la riconferma come Presidente della Provincia, Penati quest’anno è stato premiato come tutti i trombati, del resto, con una bella candidatura alla Regione e lì è Vicepresidente del Consiglio regionale da una settimana, almeno che si sappia, poi lo era almeno da prima, da una settimana si sa che Penati è indagato dalla Procura di Monza per concussione, corruzione e finanziamento illecito, concussione vuole dire che è accusato di avere costretto degli imprenditori a pagargli tangenti, con la minaccia di non farli lavorare, cioè di rovinarli, corruzione vuole dire che ci sono degli imprenditori che lo hanno pagato anche senza essere costretti e che lui ha preso i soldi, finanziamento illecito vuole dire che almeno una parte di quei soldi li ha destinati al suo partito, che fino al 2008 si chiamava PS e dal 2008 si chiama PD.
I fatti contestati dalla Procura di Monza arrivano fino al 2010, quindi questa è la prima indagine per finanziamento illecito, non solo a un esponente importantissimo del PD, il pupillo del segretario, ma è la prima indagine che coinvolge direttamente il PD per essersi finanziato illecitamente, a qualcuno di voi potrebbe venire una curiosità e dire: ma i partiti a differenza che nella Prima Repubblica, dove i finanziamenti pubblici non riuscivano a coprire le loro spese, nella seconda si sono regalati tradendo il famoso referendum del 1993, quelli che chiamano i rimborsi elettorali, che sono uno sproposito perché non solo bastano a sostenere tutte le loro spese elettorali, ma coprono il triplo delle loro spese elettorali, che ovviamente sono taroccate, non è neanche necessario giustificarle, quindi navigano nell’oro, che bisogno hanno di integrare, con tangenti.
Infatti in questi ultimi anni è stato rarissimo il caso di una contestazione di finanziamento illecito a partiti, perché quasi sempre si scopriva che in realtà i soldi se li mettevano in tasca i singoli, questo capitava anche nella Prima Repubblica, ma nella Prima Repubblica c’era un sistema di taglieggiamento fisso di una percentuale che gli imprenditori dovevano dare a tutto il sistema dei partiti, spesso anche alle opposizioni perché non si opponessero, che serviva a foraggiare illegalmente i partiti e poi all’interno di quel sistema c’era qualcuno che ci faceva la cresta e che si metteva i soldi in tasca, questa volta non c’è quel sistema generale, sono episodi molto frequenti, per importi anche molto alti, ma senza una sistematicità, infatti per esempio Sesto San Giovanni le accuse riguardano soltanto Penati e il suo entourage, gli altri partiti non sono coinvolti, mentre nella Prima Repubblica c’era sempre un accordo di tutti i partiti di governo e spesso dell’opposizione addomesticata, perché ciascuno avesse la sua parte e nessuno rompesse i coglioni sulle gare d’appalto truccate, quindi questa è la principale differenza, però qui una parte, almeno di questi soldi pare che sia andata prima ai DS e poi al PD, partiamo di importi molto grandi, c’è un imprenditore, costruttore…

Terremoto PD.

Scusate, c'è stata una scossa di terremoto e sono andato nel pallone. Dicevo, delle consulenze a due commissari delle cooperative rosse emiliane, anche ai tempi di Tangentopoli spesso il PC poi PDS si faceva retribuire non con tangenti cash, ma con lavori o consulenze alle cooperative rosse, che poi evidentemente si sdebitavano secondo un altro canale.
Quindi il totale dei soldi che Pasini avrebbe dato a Penati e al PD ex DS sarebbero circa 8 miliardi in 10 anni, poi non c’è solo lui perché come vi ho detto c’è Di Caterina il quale dice di avere pagato ratealmente, mensilmente a volte 100 a volte 20 milioni di lire, ma non solo, adesso salta fuori un altro nome molto rinomato fin dai tempi di Tangentopoli, Bruno Binasco che era il braccio destro l’uomo ombra di Marcellino Gavio, il defunto l’anno scorso, costruttore, uno dei più grossi proprietari di autostrade in Italia, Binasco entrava e usciva di galera nel 1992/1993, poi è stato processato una miriade di volte per una miriade di tangenti, la gran parte delle volte si è salvato per prescrizione, qualche volta è stato anche condannato in via definitiva, una volta è stato condannato insieme a Primo Greganti per avere finanziato Greganti con una finta caparra non tornata indietro, allo scopo, scrivono i giudici di Tortona di finanziare illegalmente l’allora PC, PDS, adesso questo signore che è il plenipotenziare del gruppo Gavio perché Gavio è morto, ritorna fuori, come possibile finanziatore ancora una volta di Penati e questo in tempi molto recenti, tra il 2008 e il 2010 con un meccanismo che spiegano bene Ferrarella e Guastella su Il Corriere della Sera, una tangente presunta naturalmente di 2 milioni di Euro, concordata nel 2008 e pagata nel 2010 e nel 2008 Penati era Presidente della Provincia di Milano e nel 2010 era diventato il capo della segreteria di Bersani, cosa hanno fatto? Hanno finto la vendita di un immobile di proprietà dell’imprenditore Di Caterina al gruppo Gavio retto da Binasco, cosa hanno fatto naturalmente? Di Caterina per i preliminari dell’acquisto, della cessione del suo immobile a Binasco ha avuto una caparra enorme di 2 milioni di Euro e poi dopo due anni Binasco ha rinunciato all’acquisto di quell’immobile, ma gli ha lasciato la caparra, secondo l’accusa erano già d’accordo fin dall’inizio che l’acquisto era falso e che quindi la caparra sarebbe rimasta a Di Caterina e così hanno giustificato un esborso da Binasco a Di Caterina, perché questo? Non perché Binasco dovesse qualcosa a Di Caterina, ma perché Binasco doveva finanziare, questa è l’ipotesi d’accusa, il PD e Penati, Di Caterina avanzava un sacco di soldi che aveva anticipato al PD e a Penati e allora cosa hanno fatto? La triangolazione: Binasco deve finanziare Penati, Di Caterina avanza dei soldi da Penati, invece di Binasco dà i soldi a Penati e Penati li dà a Di Caterina, cosa fanno? Binasco li dà direttamente a Di Caterina e Penati a estinto il suo debito avendo ricevuto soldi prima da Di Caterina, paga Binasco, questa è l’ipotesi di accusa, la triangolazione per camuffare una tangente da caparra.
Credete che questi costruttori facciano questa versamenti importanti in periodi di crisi così per la bella faccia dei politici? Ovviamente no, in cambio vengono favoriti, oppure non vengono ostacolati, in questo caso è tutta una partita di centro-sinistra, è tutta una partita PD a altissimo livello perché sotto Bersani c’è Penati, Penati sta a Bersani come Milanese sta a Tremonti è il suo uomo di fiducia, non sto dicendo che fa le stesse cose, sto dicendo che è il suo uomo di fiducia. A questo punto ai magistrati viene la curiosità di andare a vedere quali sono negli anni i rapporti tra il Gruppo Gavio e Penati, quel gruppo Gavio che era già stato condannato, lo ripeto, nella prima Tangentopoli del 1992/1993 per avere finanziato illegalmente il PC tramite Greganti, quando trattano con Binasco questi signori sanno che è un pregiudicato per avere finanziato il loro partito e continuano a trattarci. Nel 2004 cosa fa l’ottimo Penati da Presidente della Provincia di Milano? Compra le quote della Milano - Serravalle facendo, accollando alla collettività, alla Provincia di Milano un bel pezzo di autostrada, la Milano – Serravalle è quella che collega Milano con Genova, e facendo spendere alla Provincia di Milano una barcata di soldi, una barcata di soldi che poi vanno ovviamente nelle tasche di Gavio e del gruppo Gavio – Binasco e con quei soldi cosa fa il gruppo Gavio? Sostiene la scalata di Unipol alla Banca Nazionale del lavoro, quella di Consorte, quella dei furbetti del quartierino. In un bel libro di Gianni Barbacetto che si intitola “Compagni che sbagliano” sono pubblicate le intercettazioni, intercettazioni nelle quali si dimostra che la Provincia di Milano grazie a Penati, per comprarsi il 15% di azioni della Serravalle da Gavio, ha speso 238 milioni di Euro pagando a azione 8,9 Euro, mentre un anno e mezzo prima, Gavio le aveva pagato 2,9, il che significa che Gavio realizza una plusvalenza di 176 milioni a spese dei milanesi e con quell’enorme tesoretto va a sostenere Consorte che di lì a poco dà la scalata alla Bnl, non ci sarà mica un legame? La cosa più interessante ancora è che nelle telefonate intercettate si scopre, lo ha raccontato Barbacetto in quel libro e su Il Fatto Quotidiano, salta fuori anche il nome di Bersani, perché il 28 giugno 2004 Binasco a Marcellino Gavio dice: il problema non è Penati (Presidente della Provincia) che con lui un accordo si trova, il vero problema è Albertini, cioè il Sindaco di centro-destra. Due giorni dopo entra in scena Bersani, Binasco dice a Il Giornale che con Bersani Gavio ha da sempre un ottimo rapporto, infatti il 30 giugno 2004 Bersani dice a Gavio che ha parlato con Penati e dice a Gavio di cercare Penati per incontrarsi in modo riservato, ora fermiamo tutto e vedrà che tra una decina di giorni, quando vi vedrete troverete un modo. 5 giorni dopo, il 5 luglio 2004 Penati chiama Gavio e gli dice: buongiorno, mi ha dato il suo numero l’On. Bersani e Gavio: sì volevo fare due chiacchiere con lei quando è possibile e Penati: guardi non so, beviamoci un caffè. L’incontro avviene in modo riservato come suggeriva Bersani in un Hotel di Roma, non in una sede istituzionale, non è che il Presidente della Provincia di Milano riceve il costruttore Gavio nella sede della Provincia di Milano davanti a testimoni e poi emette un bel comunicato per dire: abbiamo ricevuto il Commendator Gavio per parlare di questo, questo e questo, riservato su suggerimento di Bersani e quello che succede dopo è naturalmente quell’affarone meraviglioso che riesce a concludere sulla Serravalle il gruppo privato Gavio a spese dei contribuenti milanesi, grazie alla scriteriata scelta di Penati di comprare quel 15% di quote, strapagandole il triplo di quelle che le aveva pagate un anno e mezzo prima il privato.
Allora voi capite che quando i rapporti tra politica e affari sono questi, che ci siano tangenti o che non ci siano tangenti, è già grave di per sé quello che è successo, che non c’è nessuna trasparenza e quando queste opacità sono ai massimi livelli, bisogna interrogarsi su come vengono selezionate anche le classi dirigenti del centro-sinistra, queste intercettazioni sono di 7 anni fa, sono note da almeno 5 anni, dopo che queste intercettazioni sono state rese note, Bersani è diventato Segretario del PD e Penati è diventato il capo della sua segreteria e se non ci fosse l’indagine della Procura di Monza, molto probabilmente, visto il rapporto che c’è tra i due, se il centro-sinistra dovesse vincere le prossime elezioni tra due anni, Penati sarebbe diventato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel posto dove oggi Letta fa il braccio destro di Berlusconi e magari un altro fedelissimo di Bersani, Pronzato, arrestato per le tangenti sui voli, essendo lui consigliere di Bersani al Ministero, responsabile trasporti aerei del PD e consigliere di amministrazione dell’Enac in conflitto di interessi totale, visto il rapporto che ha con Bersani, magari poteva diventare il Ministro dei trasporti, ora uno è in galera, Pronzato e sta patteggiando dopo esserne uscito e l’altro è indagato per corruzione, concussione e finanziamento illecito, c’era bisogno dell’inchiesta per capire che Penati ha un rapporto malato con il mondo degli affari? Cosa ci voleva per mandarlo via se non bastavano quelle intercettazioni con Gavio e quell’affare che ha impoverito la Provincia di Milano, un’istituzione e ha arricchito un privato che poi finanziava il partito come il gruppo Gavio?

Queste sono le domande che dobbiamo cominciare a porre duramente, d’estate i politici girano nei loro collegi, quando incontrate Penati o incontrate Bersani se vi capita fategli queste domande, noi le abbiamo fatte su Il Fatto Quotidiano e speriamo di ricevere risposta, perché questi signori si illudono di raccattare il potere quando Berlusconi se ne andrà, si illudono che gli caschi in mano Palazzo Chigi, non hanno capito quello che noi, mi spiace, autocitarmi ancora ma abbiamo più volte ripetuto e cioè che la casta è fatta così, non sono tutti uguali ma sono complementari e quando cade Berlusconi cadranno anche questi, se prendono qualche volto è perché c’è ancora Berlusconi, quando non ci sarà più Berlusconi uno sarà costretto a guardare in faccia loro, quindi non li voterà più o si inventano dei leader nuovi, una classe dirigente nuova che abbia un altro tipo di rapporto con il mondo degli affari, oppure Berlusconi cadrà, cadranno anche loro e noi avremo un voto politico totale, dentro il quale potranno infilarsi i peggiori avventurieri, esattamente come accade nel 1994 quando ci si infilò il Cavaliere Silvio Berlusconi, passate parola, buona settimana!

Fonte: beppegrillo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Jack Kevorkian might be gone, but his spirit lives on -- well, maybe living isn't the best way to put it...

For the first time ever, this Friday night, a website will run a live broadcast of a terminally ill man ending his life in a case of assisted suicide.

Nikolai Ivanisovich, 62, is terminally ill with brain cancer. He will die before cameras and a worldwide audience at a clinic in Switzerland, with the use of lethal injection administered by a physician.

The filming of his death will be broadcast on BattleCam.com, a 24/7 Reality TV website where live events are regularly cast to a wide range of audiences.
The site is run by billionaire businessman Alki David, who purchased the exclusive rights to broadcast the process.

ALKI DAVID E NIKOLAI IVANISOVICH

ALKI DAVID & NIKOLAI IVANISOVICH

"I am grateful to Mr. David and his team for making this possible," Ivanisovich told Russia Today. "My family will be able to live in prosperity after I pass. May God bless Mr. David for his kindness and generosity.

"Projecting the moral questions that will arise from this event, I would like to add that I find nothing wrong with this at all.

BATTLE CAM

“Death is a fact of life... many governments throughout the western world, including Switzerland, Belgium and Luxembourg, recognize the importance the right to each individual's right to end their life, free of terminal pain."

The controversial event comes at a time the world is in the midst of a debate on assisted suicides: In the United States, it is legal only in the states of Oregon, Montana and Washington.

"This is a breakthrough in consciousness on what we watch,” BattleCam Operations VP Claude Haraser said, “and how we watch it."

Source: radaronline.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

In a paper published in Science, Los Alamos researchers Gang Wu, Christina Johnston, and Piotr Zelenay, joined by researcher Karren More of Oak Ridge National Laboratory, describe the use of a platinum-free catalyst in thecathode of a hydrogen fuel cell. Eliminating platinum—a precious metal more expensive than gold—would solve a significant economic challenge that has thwarted widespread use of large-scale hydrogen fuel cell systems.

 

Polymer-electrolyte hydrogen fuel cells convert hydrogen and oxygen into electricity. The cells can be enlarged and combined in series for high-power applications, including automobiles. Under optimal conditions, the hydrogen fuel cell produces water as a "waste" product and does not emit greenhouse gasses. However, because the use of platinum in catalysts is necessary to facilitate the reactions that produce electricity within a fuel cell, widespread use of fuel cells in common applications has been cost prohibitive. An increase in the demand for platinum-based catalysts could drive up the cost of platinum even higher than its current value of nearly $1,800 an ounce.

The Los Alamos researchers developed non-precious-metal catalysts for the part of the fuel cell that reacts with oxygen. The catalysts—which use carbon (partially derived from polyaniline in a high-temperature process), and inexpensive iron and cobalt instead of platinum—yielded high power output, good efficiency, and promising longevity. The researchers found that fuel cells containing the carbon-iron-cobalt catalyst synthesized by Wu not only generated currents comparable to the output of precious-metal-catalyst fuel cells, but held up favorably when cycled on and off—a condition that can damage inferior catalysts relatively quickly.

Moreover, the carbon-iron-cobalt catalyst fuel cells effectively completed the conversion of hydrogen and oxygen into water, rather than producing large amounts of undesirable hydrogen peroxide. Inefficient conversion of the fuels, which generates hydrogen peroxide, can reduce power output by up to 50 percent, and also has the potential to destroy fuel cell membranes. Fortunately, the carbon- iron-cobalt catalysts synthesized at Los Alamos create extremely small amounts of hydrogen peroxide, even when compared with state-of-the-art platinum-based oxygen-reduction catalysts.

Because of the successful performance of the new catalyst, the Los Alamos researchers have filed a patent for it.

"The encouraging point is that we have found a catalyst with a good durability and life cycle relative to platinum-based catalysts," said Zelenay, corresponding author for the paper. "For all intents and purposes, this is a zero-cost catalyst in comparison to platinum, so it directly addresses one of the main barriers to hydrogen fuel cells."

The next step in the team's research will be to better understand the mechanism underlying the carbon-iron-cobalt catalyst. Micrographic images of portions of the catalyst by researcher More have provided some insight into how it functions, but further work must be done to confirm theories by the research team. Such an understanding could lead to improvements in non-precious-metal catalysts, further increasing their efficiency and lifespan.

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 29/07/2011 @ 11:00:37, in ro - Observator Global, read 549 times)

 Asezat pe malurile raului Liffey, Dublinul este un oras proaspat si tineresc in ciuda vechimii sale si a unei istorii mai putin binevoitoare cu locuitorii sai. Cunoscut din scrierile lui James Joyce, orasul se mandreste cu cele peste 700 de carciumioare – vestitele pubs – cu strada comerciala Grafton, etaland cele mai noi modele de imbracaminte din toata lumea, si cu berea de la Guiness, fabrica avand cel mai mare export din lume.

Capitala a Irlandei, Dublinul este atestat documentar din 291. In 841 este cucerit de normanzi care sunt alungati abia in 1170 cand este cucerit de  englezi care construiesc aici un castel si catedrala Christ Church. In 1591 regina Elisabeta finanteaza infiintarea Univeristatii Trinity College, ca un bastion in lupta impotriva catolicismului. Biblioteca de aici adaposteste manuscrise de mare valoare, printre care o copie dupa Cartea de la Kells, evangheliar din secolul al IX-lea.

Una dintre podoabele orasului este Catedrala Sf. Patrick, catedrala a carei restaurare a fost sponsorizata de fabrica de bere Guiness. Aici a fost decan un alt mare scriitor, Jonathan Swift, autorul cunoscutei carti „Calatoriile lui Gulliver”. Din secolul al XVII-lea, Dublin a devenit centrul unei puternice miscari de eliberare nationala ajungand in aprilie 1916 principalul centru al unei miscari antiengleze. Din 1922 orasul este capitala noului „Stat liber Irlanda”.

Cu toate ca strazile din Dublin sunt inguste si intunecoase, orasul este impunator si elegant. La acest aer de maretie contribuie o multime de constructii printre care Muzeul National cu colonadele sale, Posta Centrala, cladirea fostului parlament irlandez, Catedrala St. Mary, podurile de piatra care traverseaza raul orasului.

Locuitorii sunt prietenosi, gata sa stea de vorba cu strainii si mandri de orasul lor si de oamenii vestiti pe care i-a dat Irlanda. De fapt am putea spune, fara rautate, ca cea mai mare parte dintre scriitorii Marii Britanii sunt de origine irlandeza. In afara marelui Shakespeare – nascut chiar in inima Angliei – literatura britanica mentioneaza nume irlandeze sonore. Este destul sa-i amintim pe Oscar Wilde, Flann O’Brien, Brendan Beham si, in mod deosebit, pe cei trei laureati a Premiului Nobel care s-au nascut aici. Este vorba de William Butler Yeats, George Bernard Show si Sammuel Bekett.

Toti acestia, atat timp cat au ramas in Irlanda, aveau o a doua casa in cate un bar in care se tineau adevarate cenacluri literare. Exista si un muzeu al scriitorilor expunand obiecte legate de viata acestora.

De fapt, cea mai poetica zona a orasului vechi este Temple Bar, fostul cartier hughenot, in care barurile de acest gen sunt completate de teatre si galerii de arta, creandu-se astfel o atmosfera boema, nespus de placuta. Orasul cunoaste si beneficiile vietii moderne. Are aeroport international, industrie navala textila si chimica, institute de cercetari si inca o universitate alaturi de cea din secolul al XVI-lea. Gradina Zoologica, fondata in 1830, ii incanta pe vizitatori, dar cei mai multi dintre ei prefera sa urmareasca pe acei „Oameni din Dublin” ai lui James Joyce, prozator care, desi a parasit Irlanda din 1904, a pastrat toata viata in suflet o dragoste imensa pentru locurile natale.

IRINA STOICA - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 29/07/2011 @ 08:00:36, in it - Osservatorio Globale, read 587 times)

Un asteroide che punta minaccioso verso la Terra e pochi giorni per decidere cosa fare. E' la sceneggiatura di molti film catastrofisti, ma anche un'ipotesi che sta ispirando software per evacuare la popolazione dalle eventuali zone d'impatto. È il caso del progetto di Charlotte Norlund - PhD in astronautica presso l'Università di Southampton - presentato a Bucarest in occasione della International Academy of Astronautics Planetary Defence Conference.

Detail-impatto asteroide

Il programma di simulazione si chiama Near Earth Object Mitigation Support System (Neomiss) e aiuterà i governi ad adottare le migliori strategie per ridurre la perdita di vite umane nel caso di un imminente impatto. Il sistema è in grado di valutare le tipologie di danno che l'asteroide potrebbe causare all'ambiente e alle infrastrutture circostanti il punto di collisione sotto forma di terremoti, onde d'urto e incendi. Unendo questi dati a una precisa valutazione dell'affollamento delle vie di fuga, Neomiss è in grado di indicare tutte le soluzioni per facilitare la fuga.

"L'idea alla base di questo sistema può essere applicata a qualsiasi tipo di calamità naturale"- ha precisato Hugh Lewis, ingegnere aerospaziale e coordinatore della ricerca - “basta disporre in anticipo di alcune previsioni di allerta, come nel caso di uragani, eruzioni vulcaniche, tsunami e impatti di asteroidi. I primi risultati dimostrano che, in caso di emergenza, in diverse aree del mondo si impiegherebbe troppo tempo per mettere in salvo la popolazione”.


Mentre Neomiss suggerisce gli interventi possibili, i telescopi del programma Nasa Spaceguard sorvegliano lo Spazio puntando i loro sensori sulle traiettorie degli asteroidi che sfiorano l'orbita terrestre. Il prossimo sarà 2005 YU55, un gigante del diametro di 400 metri che sfreccerà vicino alla Terra nel novembre 2011.

Fonte: galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Japan-based Teijin Limited has announced that it has established mass production technologies for carbon fiber reinforced plastic (CFRP) that reduces the cycle time for molding automobile frames to less than one minute. In other words, by the time you're done reading this post (or maybe this and another one), Teijin could have made you a lightweight car frame.

Teijin demonstration vehicle

This achievement, the company says, represents one of the most significant breakthroughs in the CFRP industry, calling it a massive step forwards to the adoption of the lightweight, fuel-saving carbon fiber composite in mass-produced vehicles.

To demonstrate its cutting-edge technology, Teijin has developed an electric concept car featuring its thermoplastic CFRP. The concept's frame weighs in at a mere 47 kilograms (104 pounds), which is approximately one fifth the weight of a conventional automobile frame, according to Teijin. The battery-powered four-seater is capable of hitting speeds of up to 37 miles per hour and can cruise along for 62 miles on a full charge. The concept embodies Teijin's ultimate vision of a super-lightweight, CFRP-framed electric city car of the future.

Source: Autoblog Green

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 28/07/2011 @ 11:00:48, in ro - Stiinta si Societate, read 501 times)

 De numele bazileului Alexios III Angelos se leaga unul dintre cele mai negre momente din istoria Imperiului Bizantin – cucerirea Constantinopolelui de catre cruciati, actiune initiata in mare parte din cauza trufiei si dorintei de putere a acestui imparat. Cand in 1885 Isaac Angelos, fratele sau mai mic, a condus o revolta impotriva imparatului legitim, Andronicus I, Alexios i-a stat alaturi.

Dar apropierea de tron – Alexios a primit inaltul titlu de sebastokrator – l-a facut sa fie repede cuprins de betia puterii. In 1195, pe cand Isaac se afla la o vanatoare, in muntii Traciei, Alexios a preluat sceptrul imperial, fiind aclamat de trupele bine recompensate de intriganta lui sotie, Eufrosina Camatera. Isaac a fost capturat la Stagira, in Macedonia si din porunca fratelui mai mare i s-au scos ochii, pentru a-l face nedemn de domnie, fiind tinut intr-un prizonierat de lux. Risipa care a caracterizat regimul lui Alexios isi va pune curand amprenta pe starea Imperiului, cu atat mai mult cu cat acesta era amenintat din toate partile de inamici. In 1202, o noua primejdie, mai mare decat toate, a aparut: adunati la Venetia, nobilii occidentali au lansat cea de-a patra cruciada.

Alexios IV Angelos, fiul lui Isaac, a facut apel la cruciati spre a-l ajuta sa reia tronul. Desi obiectivul expeditiei era Egiptul, cruciatii au hotarat sa-i faca mai intai dreptate tanarului print si in iunie 1203 au fost in fata zidurilor stravechiului Bizant, proclamandu-l pe Alexios IV ca imparat. Alexios III n-a luat nici o masura, convins ca ii va putea mitui usor pe cruciati. Dar acestia, avand perspectiva cuceririi orasului si deci a unor comori mult mai mari, l-au refuzat.

Pe 17 iulie, venetienii, condusi de batranul doge Enrico Dandolo, au luat cu asalt orasul, cucerind o mare parte din el. In acea noapte, Alexios III s-a ascuns in palat si a reusit sa scape, impreuna cu o fiica, Irina, luand cu sine circa 500 kg de aur, cat putuse sa mai salveze din tezaurul imperial si fugind la Develton, in Tracia. In locul sau, Dandolo l-a instalat pe Alexios IV si pe tatal lui, Isaac. Dar domnia lor nu va dura mult si asupra Constantinopolelui se vor abate nenorociri si mai mari...

GABRIEL TUDOR - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Detail-tarantola

Sembra sia questo il meccanismo che permette alla tarantola (famiglia Theraphosidae), ragno dalle grosse dimensioni, di arrampicarsi sulle superfici lisce. A svelarlo, uno studio effettuato su tre specie diverse da alcuni scienziati della Newcastle University (UK), che hanno pubblicato le loro osservazioni sul The Journal of Experimental Biology.

La filiera usata dai ragni per tessere la loro tela si trova di norma sull'addome. Prima di tutto quindi, gli autori della ricerca, guidati da Claire Rind, hanno cercato di capire se l'ipotesi di una possibile filiera nascosta nelle zampe fosse verosimile. Per farlo hanno messo alcuni individui di tarantola rosa cilena (Grammostola rosea) in un terrario, il cui fondo era stato ricoperto di vetrini da microscopio. Capovolgendo e agitando lentamente la teca, gli scienziati hanno potuto constatare che i ragni, come veri scalatori, scivolavano per un attimo ritornando subito al loro posto. L'osservazione dei vetrini utilizzati come base ha poi rivelato la presenza di tracce di seta sulla superficie, e filmando l'operazione da vicino gli scienziati si sono accorti che non appena l'animale perde l'equilibrio, dei filamenti di seta vengono emessi non dall'addome quanto invece dai tarsi (l'ultimo segmento delle zampe).

In un secondo momento, per capire quali strutture delle zampe producessero questi “cavi di sicurezza”, i ricercatori hanno osservato, al microscopio elettronico a scansione (strumento che riesce a visualizzare strutture estremamente piccole), le mute abbandonate di individui appartenenti a tre specie diverse di tarantola (G. rosea, Poecilotheria regalis, Brachypelma auratum). In tutte gli studiosi hanno scoperto l'esistenza di sottili tubicini, rinforzati da cuticola e nascosti tra le setole dei cuscinetti adesivi delle zampe: sarebbero proprio queste strutture a produrre i filamenti di seta.

Dal momento che i gruppi studiati sono distanti tra loro geograficamente - provengono rispettivamente da Cile, India e Messico - e filogeneticamente (sono solo lontanamente imparentate), secondo gli scienziati, è probabile che tutte le specie di tarantola producano simili fili di seta salva-vita dalle zampe. Per questi ragni, infatti, sarebbe altrimenti impossibile e rischioso, a causa del loro peso, arrampicarsi usando semplicemente i cuscinetti adesivi, come avviene comunemente negli altri aracnidi.

Fonte: galileonet.it - Riferimenti:  The Journal of Experimental Biology doi: 10.1242/​jeb.055657

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

< settembre 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
         
             

Titolo
en - Global Observatory (578)
en - Science and Society (562)
en - Video Alert (326)
it - Osservatorio Globale (501)
it - Scienze e Societa (553)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (375)
ro - Stiinta si Societate (456)
ro - TV Network (139)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
DId not know such thing existed ....Interesting, It might be another source to extract properties useful for us. But I would definitely do more research...
12/09/2014 @ 22:32:48
By Lamano Conpelos
It's illegal in Italy.
09/09/2014 @ 12:20:42
By Stefan Danov
Se strang semnaturi si apoi se intampla ce, avand in vedere ca nu e o petitie? De cate semnaturi e nevoie, care sunt pasii de dupa strangerea semnaturilor... cine sunt initiatorii (nu, nu sunt cetaten...
06/09/2014 @ 22:29:56
By Sorin Mihai Bargaoan
Stai linistit ca multinationalele farmaceutice producatori de citostatice exorbitant de scumpe, or sa lupte mereu impotriva legalizarii canabisului in scopuri terapeutice ........
14/08/2014 @ 21:16:00
By Petre Gulie
La cannabis e',la medicina
09/08/2014 @ 20:39:16
By Stefano Ferrari
right on!!
12/07/2014 @ 20:07:45
By Brian Barton
Cannabis is the best medicine in nature. Best everything. But shit, thc is important to!
10/07/2014 @ 13:26:01
By Jason Bond


Titolo




Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.




Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.




Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.







17/09/2014 @ 23.33.44
script eseguito in 1032 ms