Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
 
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Their work will help engineers develop a new generation of high-performance, energy-efficient lighting that could replace incandescent and fluorescent bulbs.

"Identifying the root cause of the problem is an indispensable first step toward devising solutions," says Chris Van de Walle, a professor in the Materials Department at UC Santa Barbara who heads the research group that carried out the work.

Van de Walle and his colleagues are working to improve the performance of nitride-based LEDs, which are efficient, non-toxic and long-lasting light sources. They investigated a phenomenon referred to as "droop"?the drop in efficiency that occurs in these LEDs when they're operating at the high powers required to illuminate a room. The cause of this decline has been the subject of considerable debate, but the UC Santa Barbara researchers say they've figured out the mechanism responsible for the effect by performing quantum-mechanical calculations.

LED droop, they conclude, can be attributed to Auger recombination, a process that occurs in semiconductors, in which three charge-carriers interact without giving off light. The researchers also discovered that indirect Auger effects, which involve a scattering mechanism, are significant?a finding that accounts for the discrepancy between the observed degree of droop and that predicted by other theoretical studies, which only accounted for direct Auger processes.

In nitride LEDs, "These indirect processes form the dominant contribution to the Auger recombination rate," says Emmanouil Kioupakis, a postdoctoral researcher at UC Santa Barbara and lead author of a paper published online April 19 in Applied Physics Letters. The other authors are Van de Walle, Patrick Rinke, now with the Fritz Haber Institute in Germany, and Kris Delaney, a project scientist at UC Santa Barbara.

LED droop can't be eliminated because Auger effects are intrinsic, but it could be minimized, the researchers say, by using thicker quantum wells in LEDs or growing devices along non-polar or semi-polar growth directions in order to keep carrier density low.

"With Auger recombination now established as the culprit, we can focus on creative approaches to suppress or circumvent this loss mechanism," Van de Walle says.
 
Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 16/07/2011 @ 08:00:08, in ro - Stiinta si Societate, read 572 times)

 Visele ne ajuta sa ne rezolvam problemele emotionale din timpul zilei, transformandu-ne in veritabili psihologi. De asemenea, o alta concluzie importanta a cercetatorilor se refera la interpretarea viselor. Psihologii subliniaza faptul ca simbolurile din vis au o puternica amprenta personala si in consecinta interpretarea universala a diverselor imagini nu mai este de actualitate. La aproximativ o suta de ani dupa ce Sigmund Freud a lansat primele ipoteze in privinta analizei viselor, cercetatorii decodifica azi visele studiind modul biologic in care iau nastere.

Dr. Eric Nofzinger, implicat in Programul de cercetare a scanarii neurologice a somnului, realizat de Universitatea din Pittsburg, a detectat sursa viselor in sistemul limbic, o parte primitiva a creierului care controleaza emotiile. In timpul visului sistemul limbic explodeaza ca un foc de artificii, facandu-ne sa participam afectiv la vis. „Asa se explica faptul ca multe vise sunt episoade emotionale in care fugim de un pericol sau ne confruntam cu o situatie nelinistitoare. Partea din creier care controleaza visele gestioneaza si instinctele, pornirile, comportamentul sexual si reactia de fuga sau riposta in fata unui pericol”, arata dr. Nofzinger. In acelasi timp, lobii frontali ai creierului, care controleaza logica, sunt inactivi, explicand de ce visele sunt combinatii ciudate de evenimente si persoane.

Azi, pentru decodificarea mesajelor din vise, psihologii folosesc tehnologia moderna. Cercetatorul Robert Hoss utilizeaza o metoda computerizata pentru interpretarea culorilor din vise. Mai mult de 80% dintre oameni viseaza in culori, desi doar un sfert dintre ei isi amintesc a doua zi visele. Pentru a strange datele necesare, Hoss a analizat 24.000 de vise, catalogate in doua baze de date pastrate la Universitatea California, din Santa Cruz. Studiul sugereaza faptul ca anumite culori reprezinta anumite sentimente. Astfel, rosu defineste actiunea, entuziasmul, dorinta. Albastrul semnifica armonia, calmul, linistea, iar negrul tradeaza teama, nelinistea, intimidarea. Problema este ca fiecare subiect foloseste o paleta de culori diferita, care reflecta asocierile sale proprii. „Folosirea culorilor este modul prin care creierul traduce sentimentele in interiorul visului”, spune Hoss.

La randul sau psihologul Gayle Delaney, presedinta Asociatiei Internationale pentru Studierea Viselor crede ca cei care viseaza sunt cei mai avizati sa-si interpreteze propriile experiente din timpul somnului. Ca „noaptea este un sfetnic bun” o stim de mult, dar interesant ar fi, pentru oamenii cu diverse probleme, sa afle in vis solutia optima. Psihologul Deirdre Barrett (de la Universitatea Harvard) ii sfatuieste pe subiecti sa isi puna o serie de intrebari inainte de a adormi, lasand subconstientul sa ofere raspunsurile „Am cunoscut artisti care cautau subiecte de inspiratie si care, pur si simplu, au visat o expozitie cu lucrari de-ale lor, trezindu-se cu o multime de idei noi”, povesteste Barrett.

ECATERINA BATRANEANU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dacă tot ce vedem nu este decât o punere în scenă în vederea unui alt scop, care ne scapă la prima privire? Este un scenariu pe care din ce mai multi greci par dispusi să-l îmbrătiseze – atât oameni simpli, cât si oameni de afaceri sau politicieni. Însusi prim-ministrul tării, George Papandreou, făcea anul trecut unele declaratii care duceau cu gândul la o astfel de ipoteză. „Acesta este un atac asupra zonei euro dus de alte interese politice si financiare (...). Noi suntem tinta, dar scopul este altul“, a declarat Papandreou, citat de „The Economist“, în mai 2010, când a avut loc prima criză a datoriilor Greciei care a reizbucnit si mai puternic anul acesta.

Foto Guliver/AFP 

Sunt întemeiate aceste credinte sau ilustrează doar tentatia umană de a da vina pe altii pentru propriile greseli? Exact în zilele în care Parlamentul elen vota al doilea plan de austeritate pentru Grecia, MONEY EXPRESS s-a întâlnit cu trei oameni de afaceri si diplomati greci din România care au vorbit deschis despre cum interpretează ei criza prin care trece tara lor.

„NU PLĂTIM!“ „Datoriile acestea nu pot fi justificate si nu ar trebui să fie plătite“, o spune relaxat, într-o română cu accent elen, Athanase Dakas, în timp ce rotocoalele de fum din trabucul său proaspăt aprins se înaltă usor către tavanul sălii de conferinte a hotelului Hilton din Capitală.
Omul de afaceri grec rosteste cu nonsalantă o idee care cu sigurantă le-ar da fiori reci pe sira spinării tuturor bancherilor din Europa de Vest. În principiu, oricine ia bani cu împrumut trebuie să-i plătească înapoi, dar Dakas crede că nu este moral ca poporul grec să plătească niste datorii făcute de politicieni corupti care au cedat lobby-ului international făcut de marile institutii financiare.

Dakas sustine că tările dezvoltate au avut tot interesul să finanteze excesiv această tară pentru că banii dati cu împrumut se întorceau în ultimă instantă înapoi. „Dacă o guvernare grecească a acceptat un împrumut de câteva miliarde de euro de la Germania, iar din acesti bani o parte au fost cheltuiti pe avioane militare si fregate achizitionate de la marile companii producătoare de arme din Germania, ceva nu este în regulă aici. De ce să vină acum Germania la mine să-mi ceară bani?“, se întreabă retoric Dakas.

Cu studii la Bucuresti si în SUA, Dakas (56 de ani) este un grec autentic căruia îi plac si businessul, si filosofia pentru că „în orice se întâmplă există o filosofie, nu-i asa?!“, spune el zâmbind. Potrivit propriilor declaratii, are investitii de circa 10 milioane de euro în România, fiind actionar la mai multe firme – Analko Invest (vopseluri), Novoplast (mase plastice), Sacconi Invest (real estate) sau Ana Aslan (medicină) –, iar recent a mai început o investitie, de 20 de milioane de euro, într-o fabrică de hârtie si detergenti la Jilava.

Nu îi este deloc teamă să-si expună ideile, oricât de radicale ar părea. „Germanii ne-au pus să vindem toată Grecia, să tăiem cheltuielile de sănătate si de educatie, dar dacă puteti să vă imaginati, niciodată nu au spus să tăiem nici un euro din bugetul de achizitii militare pentru că aici au interese mari fabricile din Germania“, afirmă el. Poate că afirmatiile sale sunt exagerate, dar un sâmbure de adevăr tot pare să existe.

TEORII SI TEORII. Grecia cheltuieste pe armament aproximativ 3,6% din PIB, mai mult decât orice altă tară din Uniunea Europeană, mai ales din cauza tensiunilor cu vecinul său mai mare, Turcia. Dar tot Dakas spune: noi de fapt nu avem nici o problemă cu Turcia. Cu toate acestea, un stat cu o populatie de aproximativ 11 milioane de locuitori, Grecia a fost cel de-al cincilea mare importator de arme al lumii între 2005 si 2009, potrivit Stockholm International Peace Research Institute (SPIRI). Chiar si în 2009, în toiul crizei financiare mondiale, bugetul de apărare al Greciei a crescut nominal de la 5,81 miliarde de euro la 6,24 miliarde de euro.

Cu aceste cifre în fată, se ridică o întrebare legitimă: cât de corect este ca populatia Greciei să sufere pentru a plăti datoriile făcute de statul elen pentru achizitia de arme? Dakas propune înfiintarea unei comisii internationale care să auditeze toate împrumuturile contractate de Grecia în ultimii 30 de ani, iar sumele cheltuite pe achizitia de bunuri inutile – precum echipamentele militare – să fie sterse din valoarea totală a datoriei. „Poporul grec nu are nici o vină. Ce putem să facem? Să murim toti ca să plătim datoria?“, exclamă Dakas, foarte intrigat de faptul că Grecia este practic fortată să renunte la suveranitatea sa fiscală.

Sursa: money.ro - Autori: Georgiana Stavarache, Mimi Noel

VA URMA ...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Detail-computer_network

Nelle sembianze, nell’intelligenza, nell’emotività. Volendo, anche nella suscettibilità ad alcune malattie. Sulla rivista scientifica Biological Psychiatry, è apparso un articolo che racconta dell’ultimo successo delle neuroscienze e dell’ informatica: un gruppo di ricercatori americani ha dato vita a un computer  schizofrenico, che presenta gli stessi sintomi di un cervello umano affetto dallo stesso disturbo, cioè ha problemi di personalità e inventa storie irreali.

Secondo una delle teorie più accreditate per spiegare l’origine della schizofrenia, un cervello colpito da questa disfunzione è un cervello che apprende troppo. La causa di ciò è un rilascio esagerato del neurotrasmettitore dopamina, che non gli permetterebbe di discernere tra le numerose informazioni provenienti dall’esterno. Il risultato è che ogni cosa diventa estremamente importante e quindi degna di essere memorizzata. Ma se ci sono troppe informazioni, è difficile stabilire tra loro connessioni coerenti. Da qui, la tendenza a inventare storie senza alcun senso logico.

Per ricreare questo cortocircuito cerebrale in un computer, ricercatori dell’ Università del Texas ad Austin e della Yale University, negli Stati Uniti, hanno costruito Discern, una rete neurale artificiale capace di apprendere il linguaggio naturale. Gli hanno quindi raccontato delle semplici storie, dandogli la possibilità di memorizzarle così come fa un cervello umano: creando connessioni statistiche tra parole e frasi. A questo punto, i ricercatori hanno modificato uno dei parametri che controllavano l’elaborazione dell’informazioni in modo da simulare un iper-apprendimento. In altre parole, hanno impedito al computer di dimenticare, così come accade in un cervello stimolato da troppa dopamina.

Cosa è successo? Che il computer ha cominciato a inventare storie improbabili, mostrando segni di megalomania. In un caso, per esempio, ha rivendicato la paternità di un attentato terroristico. In un altro, ha risposto a una domanda relativa a uno specifico ricordo del passato in modo sconnesso, facendo improvvise digressioni e passando di continuo dalla prima alla terza persona. Come una persona schizofrenica, quindi. Se l’esperimento sembra provare che l’ipotesi dell’iper-apprendimento è corretta, i ricercatori non si sbilanciano e chiedono altro tempo per continuare le indagini. Ma sono consapevoli della potenzialità delle reti neurali artificiali per lo studio del cervello umano.

“Il processamento delle informazioni nelle reti neurali artificiali è simile a quello che avviene nel cervello umano”, ha detto Uli Grasemann, uno degli autori. “ Quindi, è probabile che entrambi si rompano nello stesso modo. E dal momento che possiamo controllare meglio una rete artificiale di un uomo, speriamo che questo tipo di studi possa aiutare anche la ricerca clinica”.

Fonte: galileonet.it - Via Wired.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Several of Japan's nuclear power plants, especially the Fukushima Naiishi plant in northeastern Japan, are experiencing serious problems in the wake of earthquake and tsunami. If you've been following the news, you've seen some pretty alarming stuff going on at this plant--terms like "explosion," "partial meltdown," "evacuation," and "radiation exposure." With details sparse from the chaotic scene, here's what you need to know to understand and make sense of the news unfolding in Japan.

Fukushima Dai-ichi Nuclear Plant, March 14, 2011 - DigitalGlobe via Getty Images

What Is a Nuclear Reaction?

A nuclear reaction is at its most basic nothing more than a reaction process that occurs in an atomic nucleus. They typically take place when a nucleus of an atom gets smacked by either a subatomic particle (usually a "free neutron," a short-lived neutron not bound to an existing nucleus) or another nucleus. That reaction produces atomic and subatomic products different from either of the original two particles. To make the kind of nuclear reaction we want, a fission reaction (in which the nucleus splits apart), those two original particles have to be of a certain type: One has to be a very heavy elemental isotope, typically some form of uranium or plutonium, and the other has to be a very light "free neutron." The uranium or plutonium isotopes are referred to as "fissile," which means we can use them to induce fission by bombarding them with free neutrons.

In a fission reaction, the light particle (the free neutron) collides with the heavy particle (the uranium or plutonium isotope) which splits into two or three pieces. That fission produces a ton of energy in the form of both kinetic energy and electromagnetic radiation. Those new pieces include two new nuclei (byproducts), some photons (gamma rays), but also some more free neutrons, which is the key that makes nuclear fission a good candidate to generate energy. Those newly produced free neutrons zoom around and smack into more uranium or plutonium isotopes, which in turn produces more energy and more free neutrons, and the whole thing keeps going that way--a nuclear fission chain reaction.

Nuclear fission produces insane amounts of energy, largely in the form of heat--we're talking several million times more energy than you'd get from a similar mass of a more everyday fuel like gasoline.

Getting Usable Energy From Fission

There are several types of nuclear fission reactors in Japan, but we're going to focus on the Fukushima Naiishi plant, the most hard-hit facility in the country. Fukushima, run by the Tokyo Electric Power Company (TEPCO), has six separate reactor units, although numbers 4, 5, and 6 were shut down for maintenance at the time of the earthquake (and more importantly, the subsequent tsunami). Numbers 1, 2, and 3 are all "boiling water reactors," made by General Electric in the early- to mid-1970s. A boiling water reactor, or BWR, is the second-most-common reactor type in the world.

A BWR contains thousands of thin, straw-like tubes 12 feet in length, known as fuel rods, that in the case of Fukushima are made of a zirconium alloy. Inside those fuel rods is sealed the actual fuel, little ceramic pellets of uranium oxide. The fuel rods are bundled together in the core of the reactor. During a nuclear fission chain reaction, the tubes heat up to extremely high temperatures, and the way to keep them safe turns out to also be the way to extract useful energy from them. The rods are kept submerged in demineralized water, which serves as a coolant. The water is kept in a pressurized containment vessel, so it has a boiling point of around 550 °F. Even at such a high boiling point, the burning hot fuel rods produce large amounts of steam, which is actually what we want from this whole complicated arrangement—the high-pressure steam is used to turn the turbines on dynamos, producing electricity.

Boiling Water Reactor Schematic: 1. Reactor pressure vessel (RPV) 2. Nuclear fuel element 3. Control rods 4. Circulation pumps 5. Engine control rods 6. Steam 7. Feedwater 8. High pressure turbine (HPT) 9. Low pressure turbine 10. Generator 11. Exciter 12. Condenser 13. Coolant 14. Pre-heater 15. Feedwater pump 16. Cold water pump 17. Concrete enclosure 18. Mains connection Nicolas Lardot - Wikimedia Commons

Safety

Since lots of heat is being produced, as well as the production and use of lots of pretty nasty radioactive materials, nuclear plants employ a variety several safety efforts beyond simply the use of the cooling water (which itself is backed up by redundant diesel generators--more on that later). The plant's core, the fuel rods and the water, is encased in a steel reactor vessel. That reactor vessel is in turn encased in a giant reinforced concrete shell, which is designed to prevent any radioactive gases from escaping.

Isn't There an "Off" Switch?

Sure! But needless to say, safely shutting down and controlling a nuclear reactor is not at all as simple as unplugging a rogue kitchen appliance. This is due to the extreme heat still present well after fission has subsided--mostly due to chemical reactions inherent in the fission reaction.

A functioning fission plant employs a system of control rods, essentially structures that limit the rate of fission inside the fuel rods by absorbing roaming free neutrons. The rate of fission can be controlled--even stopped--by inserting and removing the control rods in the reactor. At the time of the quake, the Fukushima reactors' control rods functioned normally, shutting down the fission reaction. But even with the fission reaction stopped, the fuel rods remain at extremely high temperatures and require constant cooling.

Which isn't typically a problem, so long as the cooling system (and, failing that, its diesel-powered backup) is still intact. But after losing main power in the quake, the subsequent tsunami wave also destroyed Fukushima's diesel backup generators. Which is a serious problem; even though the fission had stopped, coolant is still very much required to keep the plant safe.

That's due to the heat that remains in the nuclear core, both from the recently-disabled but still-hot fuel rods and from the various byproducts of the fission process. Those byproducts include radioactive iodine and caesium, both of which produce what's called "decay heat"--residual heat that is very slow to dissipate. If the core isn't continuously cooled, there's still more than enough heat to cause a meltdown long after it's been "turned off."

In the case of the Fukushima plant, with both the main and backup coolant systems down for the count, TEPCO was forced to rig a method to flood the core with seawater laced with boric acid (the boric acid to stave off another fission reaction if one were to restart due to a meltdown--more on that below). That's a bad sign--it's a last-ditch effort to prevent catastrophe, as the salt in the seawater will corrode the machinery. It's also a temporary fix: TEPCO will need to pump thousands of gallons of seawater into the core every day, until they can get the coolant system back online. Without it, the seawater method might have to go on for weeks, even up to a year, as the decay heat slowly subsides.

The Dreaded Meltdown

First of all, a "meltdown" is not a precisely defined term, which makes it fairly useless as an indicator of what's going on. Even the terms "full meltdown" and "partial meltdown" are pretty unhelpful, which is partly why we've written this guide--you'll be able to understand what's actually happening without relying on spurious terms that the experts themselves are often loathe to use.

Anyway, let's start at some of the less severe (though still unsettling) things that can happen when the coolant liquid is no longer present in the core. When the fuel rods are left uncovered by water, they'll get far too hot--we're talking thousands of degrees Celsius here--and begin to oxidize, or rust. That oxidation will react with the water that's left, producing highly explosive hydrogen gas. This has already happened in reactor No. 1 at Fukushima (see the video below). The hydrogen gas can be vented in smallish doses into the containment building, but if they can't vent it fast enough, it'll explode, which is exactly what happened at reactor No. 1. Keep in mind, this is not a nuclear reaction, but a simple chemical explosion that often (as in this case) results in little or no radioactive material being leaked into the outside world.

TEPCO has announced that after the explosion, radiation levels in the area around the plant were still within "normal" parameters. This is an important distinction--not to say that a hydrogen explosion at a nuclear plant is particularly fun news, but it is not nearly as panic-inducing as a meltdown.

What people mean when they say "meltdown" can refer to several different things, all likely coming after a hydrogen explosion. A "full meltdown" has a more generally accepted definition than, say, a "partial meltdown." A full meltdown is a worst-case scenario: The zirconium alloy fuel rods and the fuel itself, along with whatever machinery is left in the nuclear core, will melt into a lava-like material known as corium. Corium is deeply nasty stuff, capable of burning right through the concrete containment vessel thanks to its prodigious heat and chemical force, and when all that supercharged nuclear matter gets together, it can actually restart the fission process, except at a totally uncontrollable rate. A breach of the containment vessel could lead to the release of all the awful radioactive junk the containment vessel was built to contain in the first place, which could lead to your basic Chernobyl-style destruction.

The problem with a full meltdown is that it's usually the end result of a whole boatload of other chaos--explosions, fires, general destruction. Even at Chernobyl, which (unbelievably, in retrospect) had no containment building at all, the damage was caused mostly by the destruction of the plant by explosion and a graphite fire which allowed the corium to escape to the outside world, not the physical melting of the nuclear core.

Over the weekend, Chief Cabinet Secretary Yukio Edano somewhat hesitatingly confirmed a "partial" meltdown. What does that mean? Nobody knows! The New York Times notes that a "partial" meltdown doesn't actually need to have any melting involved to qualify it as such--it could simply mean the fuel rods have been un-cooled long enough to corrode and crack, which given the hydrogen explosion, we know has already happened. But we'd advise against putting too much stock in any term relating to "meltdown"--it'll be much more informative to find out what's actually going on, rather than relying on a vague blanket term.

As TEPCO grapples with the damage the earthquake and tsunami did to the nuclear system, there's going to be lots of news--there could be more explosions, mass evacuations, and more "meltdowns" of one kind or another. All we can do is learn about what's going on, think calmly about the situation, and hope that TEPCO can eventually regain control of the plants

Source: PoPSci

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 15/07/2011 @ 08:00:11, in ro - TV Network, read 1418 times)

 Pentru iubitorii de cultura si arta, cand spui Modigliani vrei de fapt sa definesti suferinta si autodistrugerea – atitudine de fronda împotriva mortii care te pandeste de dupa draperie. Cand te nasti sarac si bolnavicios, dar ai suflet de artist, fiecare clipa a vietii pare un echilibru fragil între luciditate si traire în visare – indusa uneori, vai!, de alcool si droguri. Iar Modigliani si-a sfidat conditia existentiala precara prin tot ce a facut, chiar daca în tinerete (daca se poate spune asa despre un om care nu a împlinit treizeci si sase de ani) citea si cita din „Asa grait-a Zaratustra”. Dar Supraomul lui Nietzsche n-a fost nici macar o fata morgana pentru el.

Copilul preferat si debil al unei mame iubitoare, de origine evreiasca, Amedeo Clemente Modigliani (1884-1920) s-a nascut la Livorno (Toscana), iar cariera si-a desfasurat-o la Paris. Mai mereu bolnav, „Dedo” (pentru apropiati) si „Mode” („Blestematul”, pentru anturajul largit) se exprima exceptional prin desen si apetenta pentru clasicii italieni a fost uriasa – mai apoi admira impresionistii.

Pe de alta parte, daca pana sa „aterizeze” la Paris voia sa para un artistocrat, primul an de viata boema în Montmartre l-a transformat într-un visator care-si duce viata de pe o zi pe alta, dintr-un local în altul, de la o iubire la alta iubire, poate din ce în ce mai serioasa. Existenta în ultrapauperul „Vapor al Spalatoreselor” (Le Bateau-Lavoir) i-a metamorfozat studioul de creatie într-un haos indescriptibil, iar hasisul si absintul îl tineau mereu departe de realitate, de fapt departe de o luciditate insuportabila. Se pare ca, avizat asupra scurtimii vietii sale afectate de meningita, autodistrugerea a devenit un modus vivendi.

Dar, barbat chipes si înalt, atragea femeile si avea permanent farmecul irezistibil al omului care traieste vulcanic orice clipa, ca pe un cadou al destinului. Desi l-a întalnit pe Brancusi în 1909, Modigliani nu s-a putut dedica prea mult sculpturii din cauza debilitatii. Pictura, în special nudurile sale stilizate, cu influente asiatice si egiptene, au ramas drept cele mai semnificative opere ale sale.

Prin inima acestui boem incurabil au trecut mai multe femei interesante, fiecare dandu-i speranta marii iubiri. Ana Akmatova, desi maritata, a trait cu el un an (1910). Dedo credea ca reprezinta idealul estetic al nudului. De pictorita engleza Nina Hamnett s-a îndragostit într-o cafenea si i s-a prezentat: „Modigliani, pictor si evreu!” (1914). Dar marea dragoste a fost studenta Jeanne Hébuterne, care provenea dintr-o familie catolica de burghezi ce-l refuzau pe Dedo.

Dar au trait împreuna pana cand neantul i-a despartit. Certurile lor publice nu mai deranjau pe nimeni. În acea perioada, el are prima si ultima expozitie individuala, pe care politia l-a obligat s-o închida dupa numai cateva ore, din cauza „obscenitatilor”. Tot mai bolnav, agitatul cuplu se muta la Nice, unde Jeanne naste o fetita (numita tot Jeanne, care va fi adoptata de sora lui Modigliani si care a trait pana-n 1984). Era anul 1918 si saracia îsi spune tot mai pregnant cuvantul. Artistul vinde la preturi modice lucrarile sale si poate ca s-ar fi îmbogatit daca ar fi renuntat la vicii.

În 1919, Dedo si Jeanne se întorc la Paris. Ea era din nou însarcinata, însa Modigliani bea foarte mult si, dupa o stare deliranta moare la 24 ianuarie 1920. Jeanne se sinucide dupa doua zile, aruncandu-se de la etajul cinci... Au fost vaste ceremonii funerare în Montmartre si Montparnasse, însa Dedo mai auzea doar linistea vesniciei.

PAUL IOAN - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

But we're fighting back, and winning! We played a key role in stopping Murdoch's grab for media control in the UK. Now we're taking our red-hot UK campaign global, to roll back the Murdoch menace everywhere with campaigns, investigations and legal action.

Hacking murdered children's phones, paying off police, destroying evidence of crimes, threatening politicians -- UK leaders say Rupert Murdoch's empire has "entered the criminal underworld". For decades, Murdoch has ruled with impunity -- making and breaking governments with his vast media holdings and scaring opponents into silence, but we're fighting back, and winning!

 File:Rupert Murdoch.jpg

Murdoch at the World Economic Forum Annual Meeting in 2009.

Through almost 1 million actions, 7 campaigns, 30,000 phone calls, investigations and countless stunts and legal tactics, we've played a lead role and stopped Murdoch from buying over 50% of UK commercial media! Now we're taking our red-hot UK campaign global, to roll back the Murdoch menace everywhere.

Here's the plan: together we can a) hire investigators to expose Murdoch's corrupt tactics beyond the UK b) organize prominent voices to break the cycle of fear and speak out on this issue and c) mobilise people in key countries behind new laws and legal actions that stop Murdoch and clean up our media for good.

Avaaz members live in every country where Murdoch works, making our movement the only one that can truly take a campaign against his global empire and win. The time is now -- If just 20,000 of us donate a small amount each, we can seize this once-in-a-generation chance. Click below to chip in:

https://secure.avaaz.org/en/stop_rupert_murdoch_donate/?vl

For weeks, nearly daily revelations have uncovered the extent of Murdoch media's corruption in the UK. His operatives hacked the phones of thousands of people, including grieving widows and soldiers who died in Iraq, stole a Prime Minister's bank information and harassed him for 10 years, paid huge sums to police officers, and Rupert's son, James Murdoch, himself authorized hush money to victims.

But this is the tip of the iceberg -- Murdoch is a global problem. He's famous for dictating editorial positions to his papers. He corrupts and controls democracies by pushing politicians to back his extremist ideas on war, torture and a host of other planetary ills, and destroying the careers of politicians with smear campaigns unless they do his bidding. In the US, he helped elect George W. Bush and has most of the Republican presidential candidates actually on his payroll (see sources below). His Fox News Network spread lies to promote the war in Iraq, pushed resentment of Muslims and immigrants and spawned the right-wing tea party. Maybe worst of all, he has helped block critical global action on climate change.

Murdoch's reign of fear is breaking down, and many are on the edge of speaking out against his tactics. The dam is about to break in the US, Australia and elsewhere, but we need to give it an urgent push by investigating Murdoch further, organising high profile opposition, and making sure that our politicians pass laws that will clean up our media for good. Let's make it happen together:

https://secure.avaaz.org/en/stop_rupert_murdoch_donate/?vl

Our community kept campaigning on this issue when almost everyone else in the UK gave up hope. Because we're people-powered, we don't have the same fear of Murdoch that almost everyone else does. It's part of the promise that people power has for change in the world. Today, hope is breaking out in the UK -- let's take it global.

With determination,

Ricken, Emma, Maria Paz, Giulia, Luis, Alice, Brianna and the rest of the Avaaz team

SOURCES:

Decision on BSkyB takeover could take weeks after surge in online campaigning (Huffington Post)
http://www.huffingtonpost.co.uk/2011/07/07/decision-on-bskyb-takeove_n_892244.html

BSkyB bid final clearance unlikely to be given before September (The Guardian)
Culture Secretary Jeremy Hunt will take 'several weeks' to review 100,000-plus submissions on News Corp/BSkyB takeover
http://www.guardian.co.uk/media/2011/jul/07/bskyb-bid-final-celarance-september

Murdoch maimed by social media (The Scotsman)
http://thescotsman.scotsman.com/opinion/Lesley-Riddoch-Murdoch-maimed-by.6799263.jp?articlepage=1

Who is Rupert Murdoch? (Center for American Progess)
http://www.americanprogress.org/issues/2004/07/b122948.html

The global reach of Murdoch's News Corp (BBC)
http://www.bbc.co.uk/news/world-14104349

Rebekah Brooks must go over Milly 'hacking' - Miliband (BBC)
http://www.bbc.co.uk/news/uk-politics-14027879

Latest Updates on British Phone Hacking Scandal (New York Times)
http://thelede.blogs.nytimes.com/2011/07/12/latest-updates-on-british-phone-hacking-scandal/

Fox News 2012? Nearly All Potential GOP Presidential Candidates On FNC Payroll (Huffington Post)
http://www.huffingtonpost.com/2010/09/27/fox-news-has-nearly-all-p_n_740070.html

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Buongiorno a tutti, siamo nella relazione de Il Fatto Quotidiano perché questo passaparola viene registrato, oggi è venerdì pomeriggio e quindi viene registrato 3 giorni prima che vada on line il consueto lunedì, è la settimana di Tremonti che prima senza fare nulla per nascondersi dà del cretino al suo collega di governo Brunetta, interpretando un sentimento vastamente diffuso nel paese e credo anche nel mondo politico, poi viene travolto contemporaneamente dal disastro giudiziario che coinvolge colui che è stato a lungo il suo braccio destro e il suo consigliere politico Marco Milanese, un ex ufficiale della Guardia di Finanza che poi, come spesso avviene, è passato alla politica.

Tremonti: finanza e orologi.

Questo Milanese ospitava Tremonti in un gigantesco appartamento a Roma per il quale pagava la bellezza di 8500 Euro di affitto al mese e quindi le disavventure di Milanese e indirettamente di Tremonti coinvolgono e trascinano le condizioni finanziarie dell’Italia di cui Tremonti dovrebbe essere il responsabile in un gorgo di speculazione di cui non conosciamo ancora, mentre vi sto parlando, gli sviluppi del momento delicatissimo in cui l’Italia deve rendersi minimamente credibile di fronte all’Europa con una manovra finanziaria che cominci a rimettere in sesto quei conti pubblici che per anni ci è stato assicurato che erano assolutamente a posto e che invece non lo erano.
Per Milanese c’è una richiesta di autorizzazione all’esecuzione di un mandato di cattura di un ordine di custodia cautelare a cui il Parlamento dovrà rispondere sì o no e come sempre è avvenuto in questi ultimi 20 anni è prevedibile che il Parlamento dirà no, Parlamento che tra l’altro continua a fare melina su altre due richieste di autorizzazione all’esecuzione dell’arresto nei confronti di un parlamentare del PD, il Sen. Alberto Tedesco e di un altro parlamentare del Pdl, il Magistrato in aspettativa Alfonso Papa. Diciamo che sta andando a finire questa seconda Repubblica come abbiamo più volte vaticinato in una gigantesca retata, stanno emergendo in questo crepuscolo dell’impero tutte le ruberie che in questi anni erano rimaste nascoste, mentre come alla fine di ogni impero, adesso è saltato il tappo e quindi da quel tappo, qua del vaso di Pandora sta uscendo di tutto e di più, stiamo assistendo anche a episodi di piccola meschineria, appartamenti, case, auto, regali, regalini, cose miserevoli, non giganteschi furti, poi certo ci sono anche i giganteschi furti come quelli degli appalti della cricca della protezione civile che invece ci sono costati un sacco di soldi e questa è la ragione per cui non abbiamo, nonostante le promesse visto approvare la legge anticorruzione, non abbiamo mai visto neanche discutere la legge sull’incandidabilità dei condannati, legge di iniziativa popolare su cui al V-day avevamo raccolto insieme a Beppe Grillo e a tanti altri, raccolto decine di centinaia di migliaia di firme.

Sono anche questi, però i giorni in cui si commemora una ricorrenza, una ricorrenza di un’intervista, pensate la forza di quell’intervista che viene ancora ricordata proprio a 30 anni di distanza, è l’intervista che il 28 luglio 1981 in pieno scandalo P2 l’allora Segretario del Partito Comunista Enrico Berlinguer rilascio a Eugenio Scalfari, nella quale Berlinguer non puntava il dito tanto sulle corruzioni, sulle concussioni, sui reati, quanto proprio sulla trasformazione, sull’involuzione del sistema dei partiti che da organizzatori del consenso, da intermediari tra noi cittadini e le istituzioni, erano diventati ciò che già lui aveva individuato 30 anni fa e ciò che oggi tutti abbiamo sotto gli occhi e cioè bande, clan dediti, prima ancora che all’appropriazione di denaro pubblico, all’opposizione dello Stato e di tutti gli spazi che sono pubblici e che quindi non dovrebbero essere occupati da associazioni private, quali sono i partiti in Italia.
Infatti Berlinguer diceva: le conclusioni, le conclusioni, le ruberie devono essere denunciate e perseguite, chi le commette deve essere messo in galera, ma qui il problema è anche a monte, anche chi non ruba comunque sta abusando del proprio potere perché occupa lo Stato, le istituzioni, gli enti locali, gli enti di previdenza, le banche, le aziende pubbliche, gli ospedali, le università, la RAI, alcuni giornali, questo diceva Berlinguer, la questione morale non si esaurisce nel fatto che essendoci dei corrotti nelle alte sfere della pubblica funzione bisogna scovarli, denunciarli e metterli in galera, la questione morale fa tutt’uno con l’occupazione dello Stato da parte dei partiti governativi e delle loro correnti, partiti che sono diventati macchine di potere e di clientela scarsa o mistificata conoscenza della vita e dei problemi della società, idee, ideali, programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione civile zero!
Poi all’interno di questa occupazione che è formalmente legale perché non è proibita dal Codice penale ma è costituzionalmente illegale perché la Costituzione riconosce l’esistenza dei partiti come una delle tante forme attraverso le quali si può fare politica, ma non come l’Unica e soprattutto li riconosce come gli enti privati che non hanno quindi alcun diritto di mettere le mani su ciò che è nostro, la RAI, gli ospedali le fondazioni bancarie, le A.S.L., i giornali e tutto ciò che hanno occupato nel frattempo i partiti, pensate soltanto alle Authority indipendenti che sono diventate anche esse dei terreni di caccia per la lottizzazione dei partiti. L’intervista sulla questione morale di Berlinguer non è attuale soltanto per ricorrere i 30 anni di quell’intervista, ma è attuale perché vediamo cosa sono diventati i partiti, per quale motivo l’emendamento Di Pietro dell’altro giorno che prevedeva l’abrogazione delle province è stato bocciato da una maggioranza trasversale che va dal Pdl, alla Lega, al PD, hanno votato a favore soltanto quelli che non presiedono Province e cioè i finiani di FLI e i casiniani dell’Udc , ma perché non hanno posti da difendere nelle presidenze delle Province.
La bocciatura è avvenuta perché i partiti si ritengono i proprietari anche delle province, oltre che dei comuni e delle regioni, province dove devono scaricare una parte del loro ceto dirigente facendolo pagare a noi, anche se le Province sono notoriamente inutili perché dall’inizio degli anni 70, quando furono create le regioni, si stabilì che le regioni arrivavano a sostituire le province, adesso poi ci sono in arrivo e già in cantiere le aree metropolitane, quindi abbiamo una serie di enti territoriali che rendono assolutamente inutili le province, le province che ci costano 17 miliardi l’anno, 17 miliardi l’anno non vuole dire che se venissero abolite risparmieremmo 17 miliardi l’anno, ne risparmieremmo una decina perché poi è ovvio che il personale in parte andrebbe ridistribuito negli altri enti sostitutivi e che comunque ci sono delle spese che continuerebbero a esserci perché le province gestiscono le scuole, le strade e quindi qualcun altro lo dovrebbe fare al loro posto, ma il calcolo del risparmio che avremmo ogni anno è di una decina di miliardi di Euro, stiamo parlando di 1/4 della manovra finanziaria che naturalmente non sarebbe un taglio una tantum, quello delle province, ma sarebbe un taglio strutturale perché scomparirebbero e quindi ogni anno risparmieremmo quei 10 miliardi e ne avremmo quindi per fare ciò che serve naturalmente non al ceto politico, ma ai cittadini, questa proposta è stata bocciata dai 3 maggiori partiti che ci sono in Parlamento e che sono: Lega, Pdl (i partiti di governo) e poi il PD il principale partito che chiamiamo convenzionalmente di opposizione anche se poi l’opposizione è una parola grossa!

L'opposizione delle fondazioni.

Altro fatto, l’opposizione che non c’è, l’opposizione di carta velina nel momento in cui il governo è talmente sputtanato che ormai i Ministri si sputano in faccia e si danno del cretino l’uno con l’altro in pubblico, dov’è l’opposizione?
Perché non produce un’immagine di alternativa credibile? Per la semplice ragione che evidentemente non se lo può permettere, quante volte ce lo siamo detto? Ancora una volta in questi giorni grazie alle indagini giudiziarie veniamo a scoprire dei particolari di una situazione, di un sistema che tutti conoscevano benissimo e cioè non solo il ritorno di tangentopoli che non è ritornata perché non se ne era mai andata, ma il ritorno a certe pratiche che accomunano ambienti e politici di centro-sinistra e di centro-destra rendendoli quasi indistinguibili, l’unica cosa che li distingue è che nel centro-destra ci sono personaggi che riescono a rubare molto di più di quello che non riescono a rubare esponenti del centro-destra, in particolare in questi giorni, proprio a proposito dell’invadenza ormai piovresca della partitocrazia, si parla di fondazioni, in particolare si parla di una fondazione, ma se ci fate caso e andate a controllate su Internet, quasi tutti i politici i leader o quelli che si credono leader, quelli che hanno un minimo di potere all’interno dei partiti di centro-destra e di centro-sinistra, hanno dietro di sé una fondazione, ce l’hanno davanti a sé come schermo, la fondazione per chi capisce di diritto molto meglio di me, è una società di un certo tipo che consente di raccogliere dei fondi per alcuni nobili scopi come quello di sviluppare un dibattito sulla politica, sull’economia, sulla società di fare ricerca, di organizzare convegni, di promuovere riviste, di pubblicare libri di editare i giornali etc. e naturalmente queste fondazioni raccolgono contributi in forma agevolata per chi li dà e per chi li riceve e soprattutto veniamo a scoprire, ma lo vediamo tra un attimo, che trincerandosi dietro la legge sulla privacy, le fondazioni che hanno dentro di sé nella loro presidenza, nel loro vertice uomini politici importanti, non rendicontano i finanziatori e i finanziamenti perché sostengono che i loro nomi sono coperti dalla privacy. Non ho gli strumenti giuridici per dire che questa scusa della privacy non ha un fondamento, può essere che la legge sulla privacy l’abbiano scritta così male, da proteggere addirittura i finanziatori di una fondazione attraverso la quale poi un politico svolge la sua attività politica, penso che se l’hanno fatta così male la dovrebbero cambiare per una ragione molto semplice che la privacy significa la tutela della vita privata di una persona, non la tutela del segreto sull’attività pubblica di una persona o di un’azienda, anche perché in Italia per legge i politici, singoli e i partiti, hanno l’obbligo per legge di dichiarare in un elenco che è pubblico alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica i nomi dei loro finanziatori e gli importi dei finanziamenti che ricevono, quindi se voi andate una Camera e chiedete l’elenco di quelli che finanziano il PD, Pdl, la Lega, l’Udc , l’Italia dei Valori etc., ve lo devono dare.
Possibile mai se se un politico crea una fondazione e quella fondazione riceve dei finanziamenti da aziende private, i finanziatori della fondazione del politico non devono essere resi noti perché coperti da privacy? ma io non voglio sapere con chi sono fidanzati questi signori, non voglio sapere chi sono le loro mogli, i loro figli, le loro cartelle cliniche, non mi interessa, quella è privacy, voglio sapere chi li finanzia e quello è un fatto anche mio, mio in qualità di elettore, mio in qualità di cittadino, se voto per quel partito o per quel politico, almeno quando si poteva votare per quello o per quell’altro politico, voglio sapere da chi è finanziato, perché abbiamo detto tante volte, se è ambientalista e è finanziato dai costruttori di inceneritori o di altri marchingegni inquinanti, lo voglio sapere se fa le battaglie per la questione morale e è finanziato da condannati o da delinquenti lo voglio sapere, se fa il pacifista e poi è finanziato dalle aziende che poi producono armi lo voglio sapere e anche se è finanziato da persone in assoluta trasparenza onestà lo voglio sapere lo stesso perché mi piace votare per qualcuno che è finanziato da gente coerente con il progetto di quel qualcuno.
Dico questo perché è venuta d’attualità una di queste fondazioni, mi concentro su questa perché è ai disonori delle cronache in questi giorni, ma il problema della trasparenza di queste fondazioni, riguarda tutte le fondazioni che hanno dentro di sé o dietro di sé dei politici, degli eletti, delle persone che devono rendere conto a noi di tutto quello che fanno in qualità di politici, tenete presente che in Inghilterra dove peraltro i politici guadagnano 1/3 di quello che guadagnano i nostri, hanno pensioni irrisorie rispetto a quelle dei nostri, i politici non solo mettono sul sito della Camera dei Comuni l’elenco dei loro finanziatori, cosa che devono fare anche i nostri, ma addirittura le pezze d’appoggio delle note spese che accollato allo Stato, dopo che è successo quel popò di scandalo su coloro che ricevevano rimborsi pubblici per delle spese un po’ allegre e molto poco documentate anche se stiamo parlando di importi irrisori di poche migliaia di sterline o di poche decine di migliaia di sterline, curiosamente da noi i finanziatori di queste fondazioni non sono noti, a meno che non vengano coinvolti in un’indagine, infatti abbiamo appreso i nomi e i cognomi di due dei finanziatori della fondazione di D’Alema e di Giuliano Amato italiani e europei proprio perché sono finiti in carcere, uno si chiama Paganelli e è un imprenditore che possiede degli aeroplani, è un’azienda aeronautica che si chiama Rotcof e che aspirava a gestire con questa sua azienda la linea aerea tra Firenze, Pisa e l’Isola d’Elba per dare modo a chi va o viene dall’Isola d’Elba di evitare di prendere il traghetto, ma di potersi prendere il suo aereo.
Paganelli, Paganelli padre e Paganelli figlio, il padre si chiama Viscardo ed il figlio si chiama Riccardo, questa Rotcof è risultata finanziare la Fondazione italiani e europei perché? Perché è finita sottoinchiesta e i Paganelli sono finiti in carcere, adesso tra un attimo vi dico perché sono finiti in carcere. L’altro finanziatore italiani e europei che abbiamo appreso grazie a un’indagine giudiziaria è un certo Pio Piccini, Pio Piccini è il fratello di Sergio Piccini, chi era Sergio Piccini? Era un signore, nel frattempo defunto che lavorava con Tanzi alla Parmalat e Tanzi ha raccontato che Piccini era quello che portava i soldi ai politici, Sergio Piccini, poi Sergio Piccini è morto e i soldi ai politici li ha portati un altro elemosiniere di Tanzi Romano Bernardoni.
Sergio Piccini portava i soldi per conto di Tanzi ai politici e poi è morto. Il fratello invece è vivo, si chiama Pio e è amministratore della Omega, ricordate lo scandalo Omega, Eutelia, quelle società, quelle scatole cinesi che arrivavano a Londra, se ne era occupato Annozero, se ne è occupato Report, se ne sono occupati i giornali, il risultato qual è? E’ che 6 mila lavoratori di Omega sono finiti senza lavoro sul lastrico e quanti articoli abbiamo dedicato allo scandalo Eutelia, allo scandalo Omega etc.. Piccini è l’amministratore di questo bel castello di carte, ma è anche un finanziatore della Fondazione Italiani europei perché Paganelli della Rotcof Aviation Italia e perché Piccini della Omega facevano pubblicità o finanziavano italiani e europei che è anche una rivista mensile, credo, perché gli piaceva la rivista? Perché pensavano che la rivista fosse molto letta? E’ una rivista sicuramente di livello, è una rivista molto di elite, perché finanziavano questa rivista della Fondazione Italiani e europei? Perché dicono loro o fanno capire loro, tenersi buoni gli uomini di D’Alema poteva servire loro per avere dei favori nelle gare e negli appalti.
Uno dei due, Piccini aspirava a aggiudicarsi l’appalto dalla Finmeccanica per la gestione delle intercettazioni giudiziarie, un amico di D’Alema, quello che raccoglieva i fondi della Fondazione italiani e europei, tale Vincenzo Morichini, ex amministratore delle agenzie Inas Italia, che era quello che si era dato da fare a proposito di una barca, la Icarus 2 di D’Alema, tant’è che alcuni hanno scritto che la barca di D’Alema la usava D’Alema ma era intestata a questo Morichini e a un altro amico di D’Alema che si chiama De Santis, questo Morichini che raccoglieva i finanziamenti per gli italiani e europei, amico decennale di D’Alema era intervenuto per aiutare Piccini a ottenere dalla Finmeccanica di Guarguaglini l’appalto per la gestione delle intercettazioni giudiziarie che, come sapete, vengono fatte fuori, vengono date in appalto a società terze perché lo Stato non se ne accolla i costi e la responsabilità, pensate in quali mani stava andando a finire il settore delle intercettazioni, grazie agli amici di D’Alema, a questo Piccini amministratore di Omega che naturalmente è stato arrestato per la bancarotta fraudolenta di Omega e arrestato per quella ha raccontato tra le altre cose, di avere finanziato italiani, europei con 30 mila Euro.
Perché? Perché serviva per introdursi in un certo ambiente e ottenere favori, l’altro Paganelli, quello della Rotcof Aviation voleva gestire la tratta aerea Firenze – Pisa – Elba, tratta aerea che poi non si è mai fatta, è stata bloccata proprio per i traffici di questi e per le inchieste che ne sono conseguite, quindi se oggi per andare all’Elba dovete ancora prendervi il traghetto come più o meno avveniva nel Medioevo, lo dovete a questi signori che hanno pasticciato e hanno fatto casino anche con tangenti, infatti il Paganelli con la sua Rotcof per avere il collegamento aereo tra la Toscana e l’Elba si era rivolto a chi? Anche lui a Morichini, quello che raccoglie i finanziari per italiani e europei e gli aveva chiesto una mano e Morichini cosa aveva fatto? Da un lato si era preso un finanziamento di 30 mila Euro anche da Paganelli per italiani e europei, dall’altro era andato a raccomandare Paganelli da un consigliere dell’Enac che è l’ente di controllo sui voli che era un certo Franco Pronzato che è uno del PD, era consigliere di Bersani quando Bersani era Ministro delle attività produttive e era membro del Consiglio di Amministrazione dell’Enac e era il responsabile per i trasporti del PD, uno che fa contemporaneamente il Consiglio di Amministrazione dell’Enac, l’ente di controllo sui voli e è anche responsabile trasporti del Partito Democratico, pensate il conflitto di interessi com’è vasto, ramificato e trasversale, Pronzato dall’Enac si dà da fare per aiutare questo Paganelli che Morichini gli ha raccomandato, naturalmente nessuno fa niente per niente, per amicizia e quindi Paganelli paga 40 mila Euro a Morichini, il quale divide la tangente, metà se la tiene, 20 mila e metà la gira a Pronzato e poi da Paganelli c’è pure il finanziamento alla rivista Italiani e europei per 30 mila Euro.

 

Tutti dentro i finanziatori di D'Alema.

Com’è finita questa storia? Morichini è indagano per corruzione e false fatture, Paganelli quello degli aerei è stato arrestato per corruzione, Pronzato, responsabile PD per i trasporti e consigliere di amministrazione dell’Enac è stato arrestato per corruzione, Paganelli che ha pagato la tangente è stato arrestato per corruzione, Piccini era già stato arrestato per il crac di Omega, questo è il quadro complessivo.
Su Il Fatto Quotidiano ci siamo permessi, mi sono permesso io, di fare qualche domanda a D’Alema, 5 domande a partire dal fatto che questi episodi non sono episodi sporadici perché dal 1993, cioè da Mani Polite, che ogni volta che scoppia uno scandalo prima o dopo, più prima che dopo, salta fuori il nome o di D’Alema o di uno dei suoi amici, nel 1993 la prima volta fu quando il pool di Mani Pulite mandò un avviso di garanzia a un certo Cesare De Piccoli che era un parlamentare Veneto, dell’allora Pds, i magistrati scrissero che aveva ricevuto una tangente, un finanziamento illecito dalla FIAT Enginering di 300 o 200 milioni di lire nel 1992 per finanziare la corrente, facente capo a livello nazionale a Massimo D’Alema, D’Alema protestò, De Piccoli disse che era innocente, dopodiché ha preso la prescrizione e l’ha portata a casa perché il reato è stato accertato dal G.I.P. che ha negato a De Piccoli il proscioglimento nel merito e gli ha dato la prescrizione, lui non è che ha rinunciato per essere assolto nel merito dall’accusa addirittura di avere preso dei soldi dalla FIAT in Svizzera, lui ex comunista, no, ha preso la prescrizione e è andato a casa.
Nel 1995 ci fu lo scandalo di Affittopoli, scatenato da Il Giornale di Feltri per ragioni se volete strumentali, può darsi, però intanto D’Alema lasciò la casa che aveva da un ente previdenziale a un affitto irrisorio e ne prese un’altra, poi nel 1994/1995 ci fu anche l’inchiesta della Procura di Bari che un imprenditore malavitoso che poi ha patteggiato addirittura per concorso esterno in associazione mafiosa con la Sacra Corona Unita, Francesco Cavallari che aveva un sacco di cliniche private in Puglia, aveva raccontato di avere finanziato politici invece di sinistra tra i quali D’Alema cui aveva dato brevi manu una busta con 20 milioni dentro a metà degli anni 80, fortuna per D’Alema che era passato troppo tempo anche in quel caso il G.I.P. di Bari dichiarò la prescrizione, ma non disse che non si sapeva se il reato c’era o non c’era, disse che il finanziamento illecito era stato accertato, ma che non si poteva procedere oltre per prescrizione, anche perché D’Alema si guardò bene anche lui dal rinunciarvi.
Poi nel 2004 ci fu lo scandalo Parmalat, il crac più enorme della storia d’Europa con Tanzi che racconta le attività frenetiche dei suoi due elemosinieri, prima Piccini e poi Bernardoni e tra l’altro dice: Bernardoni si è occupato della sponsorizzazione della fondazione italiani e europei che non ho seguito direttamente, D’Alema attraverso Minniti altro deputato dalemiano DS è stato invece finanziato da Piccini, quindi Bernardoni dà i soldi alla Fondazione italiani e europei, Piccini, dice Tanzi, finanzia D’Alema tramite l’On. Minniti, chissà se è vero, io se dicessero a me, di me ho preso dei soldi dalla Parmalat, denuncerei per calunnia Tanzi che l’ha detto, invece D’Alema e credo neanche Minniti non denunciato Tanzi per calunnia, negano semplicemente che i finanziamenti siano veri, è la loro parola contro quella di Tanzi naturalmente anche perché nel frattempo Piccini è morto.
D’Alema però non può negare le sponsorizzazioni della Parmalat a questa rivista italiani e europei che doveva essere veramente appetitosissima visto che anche la Parmalat la finanziava, infatti dice a verbale, al magistrato che lo sente come testimone che la Parmalat aveva fatto dei contratti con italiani e europei per comprare delle pagine pubblicitarie e che tra l’altro non le aveva pagate neanche tutte perché le aveva fatte per 3 anni e le aveva pagate soltanto per un anno, per il 2002, tant’è che fondazione italiani e europei si era insinuata nel passivo della Parmalat.
Nel 2006 lo scandalo delle scalate bancarie dei furbetti del quartierino D’Alema c’è anche lì con le sue telefonate entusiastiche a Consorte e quando la Clementina Forleo, il G.I.P. di Milano chiede al Parlamento europeo, prima italiano e poi europeo l’autorizzazione a utilizzare anche nei confronti di D’Alema per eventuali concorsi nell’aggiotaggio contestato a Consorte, il Parlamento italiano, manda tutto al Parlamento europeo, il Parlamento europeo destra e sinistra insieme tutti amorevolmente affratellati vota l’immunità e cioè dice ai magistrati che non possono utilizzare le telefonate in cui D’Alema parla a Consorte di una scalata occulta e ritenuta illegale dai magistrati.
Nel 2009/2010 tutti gli scandali pugliesi coinvolgono persone che sono considerate molto vicine a D’Alema, dall’ex Assessore alla sanità Tedesco, al Vicepresidente della Giunta Vendola Frisullo, Frisullo finisce in galera, Tedesco lo mandano in Parlamento poco prima che i giudici decidano di mandarlo in galera e poi ci sono gli scandali degli ultimi giorni, dai quali oltre a quei finanziamenti strani di 30 mila Euro da Piccini e di 30 mila Euro da Paganelli alla fondazione c’è pure un’altra notizia e cioè che Paganelli tramite Morichini aveva prestato i suoi aerei per far volare D’Alema, D’Alema non li ha pagati quei voli e uno di quei voli, almeno 1 è servito a D’Alema per fare campagna elettorale, capite che se uno fa la campagna elettorale si deve pagare l’aereo e un altro fa campagna elettorale e non si deve pagare l’aereo, quello che non si deve pagare l’aereo è avvantaggiato, perché? Perché è un modo comunque per finanziare una campagna elettorale quello di regalarti i voli aerei.
D’Alema ci ha risposto dicendo che gli aerei li aveva pagati Morichini, il suo amico che raccoglieva i finanziamenti per la Fondazione, il problema è che non li ha pagati D’Alema e non li ha pagati il PD e quindi c’è evidentemente un avvantaggiarsi di un volo gratis e bisognerebbe anche domandarsi perché Paganelli dà i voli gratis a D’Alema e poi finanzia la Fondazione italiani e europei e poi paga Morichini e Pronzato per avere i loro favori per ottenere la gara sulla tratta dell’Isola d’Elba, bisognerebbe domandarsi per quale motivo c’è questa fiumana di persone che decidono di finanziare ambienti vicini a D’Alema così per spirito missionario o perché in cambio avevano un tornaconto.
Su tutte queste vicende abbiamo posto 5 domande, 5 “dalemmi” li abbiamo chiamati a D’Alema buttandoli così, come si fa con i messaggi in bottiglia perché i politici italiani di solito non ti rispondono oppure ti insultano, oppure ti denunciato: 1) come ha potuto la Fondazione italiani e europei accettare contributi da un personaggio o già chiacchierato come Piccini, poi arrestato per bancarotta dopo avere gettato sul lastrico 6 mila lavoratori di Omega? 2) Piccini e Paganelli dicono di avere finanziato italiani e europei per essere favoriti in gare e appalti, non crede Presidente D’Alema di dover restituire quei contributi prima che la accusino di fare politica con soldi sporchi? 3) Francesco Cossiga dopo avere volato gratis con la Parmatour, la compagnia aerea della Parmalat quando venne fuori restituì alla Parmalat l’importo dei viaggi, non dovrebbe farlo anche lei con i voli gratuiti dei passaggi aerei da Paganelli e Morichini? Perché? Perché ogni passaggio aereo aveva un valore di 6 mila Euro, per 5 fa 30 mila Euro, sarebbero dei soldi che lui avrebbe dovuto pagare per quei viaggi se avesse pagato. 4) lo sa che mentre lei vola sul bimotore di Paganelli gli elbani continuano a viaggiare in traghetto perché i maneggi sull’appalto Enac hanno bloccato la linea aerea Firenze – Pisa – Isola d’Elba? 5) posto che i parlamentari devono dichiarare le loro fonti di finanziamento, posto che lei svolge la sua attività politica tramite la fondazione italiani e europei, posto che le indagini ne hanno svelato 3 finanziatori di quella fondazione: Tanzi, Piccini e Paganelli, tutti regolarmente finiti in galera, non è il caso di rendere pubblica la lista concreta dei finanziatori di italiani e europei, così magari nell’eventualità viene fuori pure qualche incensurato? Queste erano le domande che avevo posto incredibilmente e lodevolmente D’Alema ci ha risposto, la risposta la trovate su Il fatto Quotidiano, come trovate anche le obiezioni che gli abbiamo fatto accompagnate da un invito a venirci a trovare in redazione per un bel forum al quale possono partecipare non soltanto il sottoscritto, ma anche gli altri colleghi come Ferruccio Sansa, Marco Lillo, Antonio Massari che stanno seguendo le indagini nelle quali sono coinvolti uomini molto vicini a Massimo D’Alema.

Credo che proprio per questa ragione l’intervista di Berlinguer sulla questione morale è particolarmente attuale e quindi anche questa sul nostro sito de Il Fatto Quotidiano, ma anche Beppe Grillo l’ha pubblicata sul suo blog qualche mese fa, va riletta integralmente e soprattutto va domandato agli esponenti politici e ciascuno di noi qualcuno lo incontra a convegni etc., com’è stato possibile che Berlinguer 30 anni fa avesse capito tutto, avesse denunciato tutto e poi i suoi eredi invece di raccogliere la sua eredità l’abbiano dispersa preferendo l’eredità di Craxi? Telese l’altro giorno in un bell’articolo ha ricordato che tutti gli ultimi leader del Partito Democratico hanno fatto capire o dichiarato esplicitamente che Berlinguer rappresentava il vecchio, mentre Craxi rappresentava il nuovo, sarà un caso ma il partito di Craxi è morto e sepolto, mentre il partito di Berlinguer di cui loro continuano a beneficiare, sia pure per ragioni di memoria e abusivamente, è tutt’ora vivo e vegeto, l’ex PC oggi si chiama Partito Democratico con l’aggiunta di qualche democristiano, mentre l’ex Psi non esiste più, è stato raso al suolo, il che già dimostra che il vecchio era Craxi e il nuovo con tutti i suoi difetti, i suoi errori politici, ma non morali, era Berlinguer e in ogni caso se il nuovo è Craxi, io personalmente preferisco il vecchio e cioè Berlinguer e penso che se Berlinguer fosse il Segretario del Partito Democratico, molto probabilmente l’altro giorno avrebbe fatto votare i suoi per l’abrogazione delle Province e oggi pubblicherebbe su Internet i finanziatori della fondazione italiani e europei, passate parola!

Fonte: BeppeGrillo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Dupa victoria lui Lucian Bute în fata francezului Jean-Paul Mendy, se vorbeste din ce în ce mai mult de viitorul adversar al romanului, Kelly Pavlik. Intr-un articol publicat pe boxingnews24.com, un cunoscut site din SUA dedicat boxului, Dan Ambrose este sigur ca Bute nu va putea trece de Pavlik, în noiembrie. Intitulat "Pavlik îl va învinge prin KO pe Bute, în noiembrie", Ambrose scrie: "Nu m-a impresionat niciodata Pavlik, dar am vazut destul ca sa pot spune ca-l va învinge pe Bute în noiembrie". "Bute n-are nici puterea, nici viteza necesara pentru a învinge un sportiv precum Pavlik.

In imagine, Brinkley si Bute.

Singurul punct forte al lui Bute e mana stanga, în rest nimic. De cand a pus mana pe centura, romanul da piept numai cu oponenti slab cotati", a scris acesta. Despre un posibil meci cu Andre Ward sau Carl Froch, jurnalistul american nici nu pune problema învingatorului. "Ward si Froch îl vor bate cu siguranta. Au o clasa peste el", a mai spus acesta.

Kelly Pavlik
Global ID 15844
suspensions
 
report
sex male
birth date 1982-04-04 / age 29
manager/agent Cameron Dunkin
register
division super middleweight
rating
 
5 / 867
 
2 / 186
stance orthodox
height 6′ 1″   /   185cm
reach 75″   /   191cm
 
US ID 058134
alias The Ghost
country United States
residence Youngstown, Ohio, United States
birth place Youngstown, Ohio, United States
birth name Kelly Robert Pavlik
won 37 (KO 32) + lost 2 (KO 0) + drawn 0 = 39
rounds boxed 175 KO% 82.05

 

Lucian Bute îl va întalni, aproape sigur, pe Kelly Pavlik în luna noiembrie, într-o lupta în care îsi va apara pentru a noua oara titlul mondial IBF la categoria supermijlocie. Americanul, insa, trebuie mai intai sa il invinga pe Darryl Cunningham pe 6 august.

Site-urile din Canada nu cred ca Pavlik ii va putea face fata lui Bute. Din contra, canadienii scriu ca romanul ar putea accepta fara griji si o lupta in America, la Atlantic City sau Las Vegas! Un asemenea meci ar face aproape cert un duel impotriva castigatorului din Super Six. Finala este programata pe 29 octombrie, intre Carl Froch si Andre Ward. Presedintele Interbox, Jean Benard, va face oferte la trei pugilisti in cazul in care varianta Pavlik pica.

Acestia sunt:

Arthur Abraham - timp de patru ani a fost campion IBF, avand 10 meciuri in care si-a aparat cu succes titlul! Are un palmares de 32 de victorii si trei infrangeri, acestea venind, insa, in ultimele patru meciuri! 26 de victorii au rezultat prin KO.

Andre Dirrell - are doar o infrangere in cariera, in fata lui Carl Froch, si este castigatorul medaliei de bronz la Olimpiada din 2004 de la Atena.

Glen Johnson - este veteranul de pe lista, cu 68 de lupte pana acum! Ajuns la 42 de ani, jamaicanul a fost cel care l-a inlocuit pe Mikkel Kessler in Super-Six dupa accidentarea acestuia. Johnson a pierdut acum o luna in fata lui Carl Froch, in semifinale, la decizie. 51 de victorii, 35 prin KO si 15 infrangeri, asa arata palmaresul lui.

Adversarul lui Lucian Bute va fi anuntat cel mai devreme la jumatatea lui august, iar cel mai probabil lupta va avea loc in toamna.

Sursa: sport.bzi.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 14/07/2011 @ 14:00:43, in ro - TV Network, read 683 times)

 Varfurile inzapezite ale masivului Kilimandjaro, craterul din Ngorongoro sau campiile nesfarsite din Serengeti confera Tanzaniei un statut aparte in peisajul lumii. Aici traiesc in perfecta armonie aproape 130 de triburi, printre care si tribul masai, care se regaseste si in Kenya. Imbracati cu o tunica de culoare rosie, cu parul vopsit in ocru-rosu, adesea impletit, membrii populatiei masai fac parte integranta din peisajele – savanele – din nordul Tanzaniei. Sunt vazuti adesea in preajma turmelor care constituie marea lor bogatie, in satele lor, in pietele de la marginea drumurilor. Viata lor e marcata de reguli foarte precise.

Dupa varsta de 6 ani, baietii se alatura barbatilor iar fetele raman sub aripa materna. Baietii vor primi in dar capre sau un vitel, animale ce vor reprezenta simbolic pastorii care vor deveni la un moment dat. Si fetele vor primi daruri simbolice, bratari sau coliere din perle. Baietii vor invata cum sa pazeasca animalele, fetele sa coasa, sa se picteze cu ocru, sa mulga, sa contribuie la toate treburile gospodaresti. O alta etapa in viata unul masai o constituie trecerea de la copilarie la „maturitate”.

Tinerii trebuie sa treaca printr-o serie de probe de vitejie, cum ar fi, de pilda, doborarea unui tauras cu mainile goale. Daca izbutesc, acestia sunt circumscrisi, urmand sa devina razboinici (morani) care vor trai in grup, impreuna cu tovarasii lor de aceeasi varsta, dobandind dreptul de a purta sulita si un scut, pe care le vor folosi la vanatoare.

Sunt cantonati in satul razboinicilor care va reuni cateva sute de viitori luptatori veniti din toata regiunea. Vor locui timp de cativa ani la distanta de restul comunitatii, in locuinte asezate circular, construite de mamele lor, din lut, balega, crengi. Dupa practicile de initiere in arta razboiului, tinerii masai se vor intoarce in satele lor dar nu ca „soldati” ci ca... pastori. (In alte timpuri, confruntarile cu triburile dusmane erau frecvente, impotriva celor care le furau vitele, oile si caprele sau diverse bunuri ale comunitatii sau a celor care ii atacau. Acum vitejia lor de razboinici e utila in fata atacurilor animalelor salbatice sau in timpul vanatorii.)

Vor evolua apoi in cadrul unor ceremonii, denumite eunoto, care dureaza 4 zile. Prima zi e consacrata revederii rudelor si desfasurarii paradelor. Razboinicii nu vor mai purta lancea, spada traditionala ci un bat lung, simbol al conditiei lor de sefi de familie si de pastori. Cei mai curajosi, care au la activ, de pilda, uciderea unui leu, poarta pe cap coama acestuia. Cu totii poarta coliere, bratari, cercei. In cea de-a doua zi, se retrag intr-o cariera de creta, considerata sfanta, unde se „vopsesc” cu creta alba, un simbol al pacii. In ziua a treia, mamele rad parul fiului lor acoperindu-l cu ocru si grasime. Cea de-a patra zi este consacrata discursurilor, binecuvantarilor si sfaturilor practice ale varstnicilor.

DORIN MARAN - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

< agosto 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Titolo
en - Global Observatory (569)
en - Science and Society (556)
en - Video Alert (323)
it - Osservatorio Globale (500)
it - Scienze e Societa (552)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (362)
ro - Stiinta si Societate (447)
ro - TV Network (132)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
right on!!
12/07/2014 @ 20:07:45
By Brian Barton
Cannabis is the best medicine in nature. Best everything. But shit, thc is important to!
10/07/2014 @ 13:26:01
By Jason Bond
Keys
06/07/2014 @ 02:59:37
By Altan
Thanks I was just looking for a recipe - gotta love the way the Spirit moves
04/07/2014 @ 19:06:54
By Ginamarie Pezzi
unfortunately that is a reality these days - we humans - especially in the west - only want to hear "a" truth that fits our own limited perspective rather than one that is open & is truth in many ...
04/07/2014 @ 18:57:31
By Ginamarie Pezzi
CON L'UMANITŕ COSě MESSA CI MANCANO LE DROGHE ?
03/07/2014 @ 08:48:35
By Anna Forte
Mmmmm candy
02/07/2014 @ 12:26:50
By Drizzy Dre


Titolo




Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.




Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.




Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.



Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Autoflowering (or automatic) cannabis seeds flower under any light circumstances, and stay relatively short. ORDER HERE.

Growth products: Here you'll find various products to assist in germinating seeds, to nurture the fragile roots and help you grow strong, healthy plants.

A unique collection of seeds gathered from all corners of the globe, ranging from ephedra to morning glory seeds (Ayahuasca included).

These psychoactive plants and cacti are not only fun to cultivate, they can also provide you with a great psychedelic gift as a reward for the challenge. Mother Nature at her finest!

Azarius offers regular kanna herb as well as a variety of more potent kanna extracts.

These extracts of well-known herbs contain a higher concentration of the active substances which makes their effects stronger than the herbs themselves.

Israel looks for missing soldier; Hamas says he may have been killed

Factory blast in east China kills at least 65: state TV

U.S. House passes border-security funding bill to speed deportations

Obama says that after 9/11, 'we tortured some folks'

African leaders agree steps to fight runaway Ebola outbreak

Argentina debt talks must continue after default: U.S. Judge

Ultimele articole - Antena3.roEmisiunea din data de Sambata, 02 August 2014

Emisiunea din data de Sambata, 02 August 2014

Emisiunea din data de Sambata, 02 August 2014

Emisiunea din data de Sambata, 02 August 2014

Emisiunea din data de Sambata, 02 August 2014

Emisiunea din data de Sambata, 02 August 2014





02/08/2014 @ 6.27.48
script eseguito in 969 ms