Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
 
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Non è fantascienza, ma quello che avviene quando le formiche carpentiere (Camponotus leonardi) ingeriscono le spore del fungo Ophiocordyceps unilateralis e iniziano a comportarsi come zombie. Una nuova ricerca della Penn State University (Pennsylvania, USA), pubblicata su BMC Ecology, spiega il meccanismo responsabile di queste manifestazioni.

Le formiche carpentiere vivono di norma sui rami alti delle foreste e, come fanno tutte le formiche, si spostano seguendo la scia lasciata dagli altri individui della colonia. Tuttavia, quando questi insetti vengono infettati dal parassita, iniziano a vagare in modo erratico, cadono al suolo o si spostano nella parte più bassa degli alberi, a pochi centimetri da terra. Qui, poco prima di morire, serrano le mandibole attorno alla venatura principale di una foglia, rimanendovi agganciate anche dopo la morte.

Per capire cosa provochi questi comportamenti, un gruppo di scienziati ha studiato le formiche carpentiere delle foreste tailandesi. Osservando al microscopio l’interno del corpo di alcuni individui parassitati, i ricercatori hanno capito che il fungo cresce nel corpo dell’ospite, provocando alterazioni al sistema nervoso (causa di convulsioni e dell’andamento erratico) e a quello muscolare. In questo secondo caso, in particolare, gli scienziati hanno notato che la proliferazione delle cellule del fungo nella testa dell’animale causa l’atrofia e il distaccamento dei muscoli mandibolari. In questo modo le mandibole non sono più in grado di muoversi e, una volte chiuse intorno alla vena fogliare, rimangono strette in quello che viene chiamato il “morso della morte”.

Analizzando meglio questo comportamento, gli scienziati hanno inoltre osservato che il morso e la morte non sopraggiungono in un momento qualsiasi della giornata, ma solo quando il sole è allo zenit. Alcuni giorni dopo la morte della formica inizia la crescita del fungo, che si ramifica all’esterno della testa dell’insetto, formando un gambo e poi il frutto con le nuove spore.

Il comportamento pre-morso della formica, quindi, ha la funzione di condurre l’ospite in un ambiente che sia ottimale alla crescita e alla riproduzione del parassita. Infatti, come spiegano i ricercatori nello studio, “il termine zombie indica che anche se l’individuo manipolato ha le sembianze di una formica, esso rappresenta il genoma del fungo che esprime un comportamento del parassita attraverso il corpo della formica.”

Fonte: galileonet.it - Riferimenti: BMC Ecology doi:10.1186/1472-6785-11-13

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The researchers’ work has implications for future quantum devices that require smoothly-guided matter waves, such as atom interferometers which need to sensitively measure the earth’s gravitational field for geo-exploration. Their paper is published today in Nature Communications.

“In an optical fibre, many modes of light can be conducted simultaneously, and they can interfere to produce a speckled pattern of light,” said team member Professor Ken Baldwin from the ARC Centre of Excellence for Quantum-Atom Optics at ANU.

“We have shown that when atoms in a vacuum chamber are guided inside a laser light beam, they too can create a speckle pattern - an image of which we have captured for the first time”.

 

Artist's impression of the speckle pattern created by a multimode light beam (top, red), and the image measured in this experiment created by a multimode beam of atoms (top, blue). Source: Dr Tim Wetherell, ANU.

The team trapped a cloud of cold helium atoms at the focus of an intense laser beam pointed downwards at the imaging system, and then gradually turned down the laser intensity until the speckled image appeared. The work was done with PhD students Sean Hodgman and Andrew Manning.

“We then made the atoms even colder,” says team leader Dr Andrew Truscott, “until they behaved more like waves than particles, forming a single quantum wave called a Bose-Einstein condensate (BEC).  When the BEC was loaded into the guide, the speckle pattern disappeared, showing that just one mode was being transmitted – the single quantum wave.”

The physicists demonstrated that by measuring the arrival time of the atoms on the imaging system, they were able to distinguish between the multimode (speckled image) guiding, and the single-mode (smooth image) guiding.

“Measurements for the multi-mode beam showed the atoms arriving in groups as a result of their interference – so-called atom bunching,” said team member Dr Robert Dall. “However, the BEC represents just a single quantum mode with no interference, so when we guided the BEC - we saw no bunching.”

The guiding behaviour agreed with a theoretical model developed by team member Mattias Johnsson.  “We have shown that atoms can be guided in a laser beam of light, with the same properties as light guided in an optical fibre made of glass,” said Dr Johnsson.

Source: PhysOrg

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 21/07/2011 @ 14:00:05, in ro - Stiinta si Societate, read 463 times)

 Nimeni nu poate sa dea un raspuns pe de-a-ntregul satisfacator la o intrebare aparent simpla: de ce ar dori omul sa traiasca vesnic, sau macar sa nu imbatraneasca niciodata, in timpul unei vieti cat mai lungi posibil. Totusi, cel putin sub al doilea aspect se pare ca sperantele de implinire a acestei dorinte prind contururi din ce in ce mai clare. O spun oamenii de stiinta care se implica in dezlegarea misterelor imbatranirii si, evident, in definirea unor mijloace de a intarzia fenomenul.

Un dar „otravit”?

 Vorbim astazi despre flageluri care biciuiesc organismul uman, despre fenomene distructive (incalzirea globala, seisme, amenintari venite din Cosmos etc.) si despre alte pericole majore (foamete, razboaie, boli devastatoare), dar in acelasi timp cercetatorii cei mai optimisti ne asigura ca, la sfarsitul secolului 21, omul va trai 120 de ani, fara vreo problema de sanatate. Totusi, cu cateva rezerve, caci imbatranirea inca ramane o enigma. Exista tot atatea moduri de a imbatrani, cate specii animale: de la hidra care se regenereaza permanent, pana la somonul care moare brusc, in puterea varstei, cum s-ar zice, imediat dupa terminarea sarcinilor reproductive.

La nivel celular, apar imbatranirea replicativa (dar o celula nu se poate reinnoi la nesfarsit) si cea metabolica (corespunde alterarii functiilor celulare, deoarece nu exista diviziune). Medicina face eforturi sustinute pentru prelungirea sperantei de viata, insa in alte medii se pune o problema cel putin cinica: perfect, e bine ca omul sa traiasca pana la varste cat mai inaintate, dar asta inseamna multiple maladii (caracteristica a senectutii) si deci cheltuieli sociale mult mai mari!

Arhipelagul centenarilor

Oamenii de stiinta cunosc peste 300 de teorii legate de imbatranire. Realitatea are si ea mai multe fete. Cate-un centenar reperat de mass-media dezvaluie „secretul” varstei sale: ba traiul in aer liber, fara excese, ba hrana naturala bazata pe legume, fructe si lactate, ba miscarea cat mai multa, chiar si consumul necenzurat de... alcool, tigari si sex! Tocmai asemenea „varietati” impun ideea ca nu exista reguli generale. Anumite repere de luat in seama apar in schimb cand vorbim despre comunitati unde se depasesc in mod curent varste respectabile, de 90-100 de ani.

Astfel, de pilda, locuitorii arhipelagului nipon Okinawa practica obiceiul „hora hachi-bu”, de hranire, ridicandu-se de la masa cand s-au saturat in proportie de circa 80%. Ei folosesc preponderent alimente cu continut scazut de zaharuri rafinate si bogate in nutrimenti esentiali. Persoanele de 65 de ani au speranta de a mai trai inca 24,1 ani (femeile) si 18,5 ani (barbatii), fata de restul Japoniei (22,5/17,6 ani) sau de SUA (19,3/16,2 ani). „Miracolul” e sporit si de faptul ca in 2003 Okinawa numara 43 de centenari la 100.000 de locuitori, fata de numai 10-20/100.000, in tarile industrializate. De asemenea, copiii centenarilor au sanse sa atinga 90 de ani – de 2,5 ori mai mari fetele si de 5,4 ori baietii, fata de restul Japoniei.

Detinem reteta miraculoasa

 Nu e deloc o gluma, avem aproape toate mijloacele necesare sa ne prelungim viata in mod considerabil. Totusi: usor de zis, greu de facut. Pe scurt, ar trebui sa mancam mai putin, sa gandim mai mult si sa ne miscam, sa fim cat se poate de dinamici. Dar... Societatea de consum a transformat verbul a se hrani in dogma unei veritabile religii, astfel ca numerosi semeni nu mai mananca pentru a trai, ci mai degraba invers. Or, supraalimentarea afecteaza mitocondriile – centralele energetice ale celulelor – favorizand producerea radicalilor liberi, elemente toxice cunoscute pentru efectul lor de imbatranire.

In schimb, mancand mai putin, se activeaza sistemul generarii de noi mitocondrii si optimizarea functiei lor si de aceea se recomanda consumul de alimente slabe caloric (vegetale si lactate), si nu al celor bogate in grasimi saturate, dar cu un randament energetic mediocru (mezeluri, fast-food, produse de cofetarie, bauturi sintetice etc.). Apoi, stimularea creierului incetineste declinul cognitiv, determinand ADN-ul sa multiplice conexiunile neuronale. Cat despre miscare, e bine stiut faptul ca ea determina regenerarea celulelor musculare, astfel „franand” imbatranirea fizica. Prin urmare, stim precis doar ca sfarsitul va veni intr-o zi, inevitabil. Macar din acest motiv, o atitudine simpla, sanatoasa, deschisa, fata de tot ce inseamna viata, ne-ar indreptati sa aspiram la a trai cat mai multi ani.

ADRIAN-NICOLAE POPESCU - magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Una soluzione al problema potrebbe arrivare da un nuovo tipo di cuffiette che gli ingegneri della AsiusTechnologies di Longmont (Usa), guidati da Stephen Ambrose, hanno presentato a Londra sabato 14 maggio 2011, in occasione della 130ma convention della AudioEngineering Society. La nuova tecnologia promette di ridurre tutte le sollecitazioni sonore sgradevoli per i timpani grazie a un semplice palloncino.

Detail-auricolari-adel

Gli studiosi hanno realizzato diversi modelli teorici dimostrando che, nello spazio chiuso tra la cuffia e il timpano, le onde sonore producono una pressione oscillante che mette a dura prova i piccoli muscoli alla base del 'riflesso acustico'. Grazie a questo meccanismo di difesa, l'orecchio scherma i suoni riducendoli di circa 50 decibel prima di trasmetterli dal timpano alla coclea. L'effetto che ne risulta causa una percezione ridotta del suono, che induce ad alzare il volume della musica. Lo sforzo dei muscoli di difesa aumenta vertiginosamente tanto da far sì che i sintomi di 'listener fatigue' si manifestino sotto forma di un fastidio più o meno pronunciato.

Per contrastare questo effetto, Ambrose e il suo team hanno pensato di realizzare un auricolare dotato di un cuscinetto esterno per frenare l'impatto delle onde sonore dirette verso il timpano. Il nuovo sistema – Ambrose Diaphonic Ear Lens (Adel) – si serve di una minuscola pompa che sfrutta la pressione generata dalle onde sonore per gonfiare una membrana protettiva all'interno dell'orecchio. Questo palloncino, a base di un polimero elastico, agisce come un secondo timpano in grado di dissipare l'eccesso di onde sonore senza il bisogno di stressare i muscoli del riflesso acustico. Oltre a migliorare la qualità audio, gli auricolari Adel ridurrebbero sensibilmente la 'listener fatigue'.

L'idea della Asius è stata valutata positivamente dalla National Science Foundation (Nsf), che ha deciso di finanziarla. “I dispositivi di Ambrose hanno subito attirato la nostra attenzione” - ha dichiarato Juan Figueroa, responsabile del programma di sviluppo tecnologico dell'Nsf – “le possibilità che offrono nel filtrare le onde sonore per i dispositivi audio rappresentano un avanzamento tecnologico in grado di migliorare il  benessere della società”.

Fonte: galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Imagine you're driving your own new car - or a rental car - and you need to park in a commercial garage. Maybe you're going to work, visiting a mall or attending an event at a sports stadium, and you're in a rush. Limited and small available spots and concrete pillars make parking a challenge. And it happens that day: you slightly misjudge a corner and you can hear the squeal as you scratch the side of your car--small scratches, but large anticipated repair costs.

Now imagine that that you can repair these unsightly scratches yourself--quickly, easily and inexpensively... or that you can go through a car wash that can detect these and other more minor scratches and fix them as the car goes through the washing garage. Fantasy? Not exactly. Not anymore. Not according to a new discovery detailed in the April 21 issue of the journal Nature, and depicted in a short video interview and simulation:

A team of researchers in the United States and Switzerland have developed a polymer-based material that can heal itself with the help of a widely used type of lighting. Called "metallo-supramolecular polymers," the material is capable of becoming a supple liquid that fills crevasses and gaps left by scrapes and scuffs when placed under ultraviolet light for less than a minute and then resolidifying.

"This is ingenious and transformative materials research," said Andrew Lovinger, polymers program director in NSF's Division of Materials Research. "It demonstrates the versatility and power of novel polymeric materials to address technological issues and serve society while creating broadly applicable scientific concepts."

The team involves researchers at Case Western Reserve University in Cleveland, Ohio, led by Stuart J. Rowan; the Adolphe Merkle Institute of the University of Fribourg in Switzerland, led by Christoph Weder; and the Army Research Laboratory at Aberdeen Proving Ground in Maryland, led by Rick Beyer.

The scientists envision widespread uses in the not-so-distant future for re-healable materials like theirs, primarily as coatings for consumer goods such as automobiles, floors and furniture. While their polymers are not yet ready for commercial use, they acknowledge, they now have proved that the concept works. And with that, what happens next is up to the market place. Necessity, the mother of invention, will expand the possibilities for commercial applications.

"These polymers have a Napoleon Complex," explains lead author Stuart Rowan, a professor of macromolecular engineering and science and director of the Institute for Advanced Materials at Case Western Reserve University. "In reality they're pretty small but are designed to behave like they're big by taking advantage of specific weak molecular interactions."

"Our study is really a fundamental research study," said Christoph Weder, a professor of polymer chemistry and materials and the director of the Adolphe Merkle Institute. "We tried to create materials that have a unique property matrix, that have unique functionality and that in principle could be very useful."

Specifically, the new materials were created by a mechanism known as supramolecular assembly. Unlike conventional polymers, which consist of long, chain-like molecules with thousands of atoms, these materials are composed of smaller molecules, which were assembled into longer, polymer-like chains using metal ions as "molecular glue" to create the metallo-supramolecular polymers.

While these metallo-supramolecular polymers behave in many ways like normal polymers, when irradiated with intense ultraviolet light the assembled structures become temporarily unglued. This transforms the originally solid material into a liquid that flows easily. When the light is switched off, the material re-assembles and solidifies again; its original properties are restored.

Using lamps such as those dentists use to cure fillings, the researchers repaired scratches in their polymers. Wherever they waved the light beam, the scratches filled up and disappeared, much like a cut that heals and leaves no trace on skin. While skin's healing process can be represented by time-lapse photography that spans several days or weeks, self-healing polymers heal in just seconds.

In addition, unlike the human body, durability of the material does not seem to be compromised by repeated injuries. Tests showed the researchers could repeatedly scratch and heal their materials in the same location.

Further, while heat has provided a means to heal materials for a long time, the use of light provides distinct advantages, says Mark Burnworth, a graduate student at Case Western Reserve University. "By using light, we have more control as it allows us to target only the defect and leave the rest of the material untouched."

The researchers systematically investigated several new polymers to find an optimal combination of mechanical properties and healing ability. They found that metal ions that drive the assembly process via weaker chemical interactions serve best as the light-switchable molecular glue.

Schematic of optically healing polymers. The specially designed polymer molecules that make up the solid item can be disassembled by the UV light so that they flow and fill in the cracks. When the light is turned off, the molecules reassemble themselves and the filled cracks become rigid again. (Credit: Zina Deretsky, National Science Foundation, after Burnworth et al., Nature, April 21, 2011)

They also found the materials that assembled in the most orderly microstructures had the best mechanical properties. But, healing efficiency improved as structural order decreased.

"Understanding these relationships is critical for allowing us improve the lifetime of coatings tailored to specific applications, like windows in abrasive environments" Beyer said.

And what's next? According to Rowan, "One of our next steps is to use the concepts we have shown here to design a coating that would be more applicable in an industrial setting."

Film director and art curator Aaron Rose was at least partially right when he said, "In the right light, at the right time, everything is extraordinary." Self-healing polymers certainly are extraordinary.

The research was funded by the Army Research Office of the U.S. Army Research Laboratory, the U.S. National Science Foundation, and the Adolphe Merkle Foundation.

Source: Science Daily

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Buongiorno a tutti, anche questo passaparola è registrato qualche giorno prima di oggi quando va in onda e per la precisione è registrato mercoledì scorso, non so quello che è successo nel frattempo da oggi, mercoledì mentre vi parlo a oggi lunedì mentre vado in onda.

G8: dieci anni dopo.

Ma gli scandali che lambiscano, toccano i vertici della Guardia di Finanza e portano a parlare di un fatto che credo sia di grande attualità anche in vista del decimo anniversario dei fatti di Genova che si commemora proprio in questi giorni, fatti di Genova che portarono all’evento luttuoso dell’uccisione di Carlo Giuliani durante il G8 famigerato del luglio 2001, ma anche a altri fatti che avrebbero potuto essere luttuosi e che non lo furono soltanto perché i feriti anche gravi delle violenze a Bolzaneto e alla scuola Diaz, avrebbero potuto anche finire peggio di come già non sono finiti.

Il tema quindi è l’affidabilità e l’imparzialità delle forze dell’ordine, non tanto della truppa, conosco personalmente credo e salvo smentite fattuali la stragrandissima maggioranza dei poliziotti, Carabinieri, finanzieri siano servitori dello Stato, spesso malpagati e lavorano anche al prezzo di sacrifici importanti, ma che purtroppo a mano a mano che ci si avvicina ai vertici della Polizia di Stato, dell’arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di Finanza, gli inquinamenti aumentano a dismisura e non sempre chi dovrebbe provvedere a fare pulizia la fa, spesso prevale il corporativismo un po’ mafioso per cui una mano lava l’altra.
In questi giorni abbiamo pubblicato su Il Fatto Quotidiano un articolo di Ferruccio Sansa che ricorda come uno dei personaggi più negativi di quei giorni a Genova di 10 anni fa e cioè il Dott. Giacomo Toccafondi medico in tuta mimetica a Bolzaneto, ritenuto responsabile anche se poi il reato si è prescritto, di un comportamento di particolare crudeltà, scrivono i giudici, è stato promosso, premiato all’A.S.L., è soltanto uno dei casi, perché delle decine di uomini delle forze dell’ ordine che si sono resi responsabili di pestaggi, sevizie gratuite su personaggi di solito poco pericolosi o per nulla pericolosi o addirittura inermi e innocenti in quella feroce repressione sono stati prima ritenuti colpevoli dalla magistratura e poi nel frattempo promossi dalla Polizia di Stato, per esempio Vincenzo Canterini condannato a 4 anni in primo grado per la mattanza alla Scuola Diaz, è stato promosso Questore e ufficiale di collegamento dell'Interpol a Bucarest , Michelangelo Fournier condannato a 2 anni in primo grado è finito al vertice della direzione centrale antidroga, Alessandro Perugini, famoso perché tra l’altro prese a calci in faccia un quindicenne e più condannato in primo grado a due anni e 4 mesi per le sevizie a Bolzaneto e a altri due anni e 3 mesi per vari arresti illegali, è diventato il capo del personale alla Questura di Genova e poi dirigente alla Questura di Alessandria e poi abbiamo questo medico.
Leggo alcuni stralci dell’articolo di Ferruccio Sansa su Il Fatto Quotidiano “è il medico in mimetica ricordato da tanti ragazzi rinchiusi nella caserma di Bolzaneto, è uno dei durante tori chiamati a rispondere civilmente per gli orrori del G8 ma per lui nessuna sanzione, anzi la sua A.S.L. ha deciso di premiarlo, Genova il 23 luglio ricorderà le giornate più buie della sua storia recente, 10 anni fa si teneva il G8 segnato dalla morte di Carlo Giuliani, dalle violenze inaugurate nelle strade della città nella scuola Diaz e nella caserma di Bolzaneto, la città vuole chiudere le ferite etc.”, il Dott. Giacomo Toccafondi a 10 anni dal G8 il medico genovese non ha subito alcuna conseguenza, eppure è uno dei 4 dottori che secondo i magistrati avrebbero partecipato alle violenze di Bolzaneto, il processo penale con decine di testimonianze, ha ricostruito nei dettagli le violenze nella caserma alle porte di Genova, furono ore di delirio, sopraffazione, umiliazioni, libero sfogo alle peggiori inclinazioni di alcuni poliziotti e agenti penitenziari, è perfino difficile riuscire a leggere le parole dei testimoni, i magistrati nella sentenza parlano di un inferno, ricordano che lo shock di questa esperienza fu tale che a molte donne iniziò il ciclo mestruale prima del ritmo naturale. Il Dott. Toccafondi – scrive Sansa – è uscito indenne dal processo e ha ottenuto la prescrizione anche se dovrà rispondere civilmente, per la Corte d’Appello di Genova è stato un medico “che anziché lenire la sofferenza delle vittime di altri reati, la aggravò agendo con particolare crudeltà su chi, inerme e ferito non era in grado di opporre alcuna difesa, subendo in profondità sia il danno fisico che determina il dolore, sia quello psicologico dell’umiliazione causato dal rito dei suoi aguzzini”. Toccafondi è il dottore che visitava – scrive Sansa – in mimetica ricordato da tanti ragazzi ospiti di Bolzaneto, ma neanche l’ombra di una sanzione è arrivata da parte del suo ordine professionale, è ora di abolirli questi ordini professionali.
Già non sono state soltanto le forze dell’ ordine a fare muro per difendere i loro appartenenti, dall’ordine dei medici non è arrivato alcun provvedimento per Toccafondi, ma il medico di Bolzaneto oltre a non essere punito, è stato anche premiato, oggi è un dirigente medico dell’A.S.L. 3 genovese, la più importante della Liguria e una delle maggiori l’Italia , non solo nel 2004 è stato invitato proprio dalla sua azienda sanitaria locale a fare il capo del medical service in Kosovo al seguito dell’esercito, un onore cui molti medici aspirano. Adesso però ecco l’ultima sorpresa, nel 2010 lo stesso anno della sentenza l’A.S.L. 3 oltre a riconoscergli lo stipendio, gli ha attribuito la cosiddetta retribuzione di risultato, ossia il premio per il conseguimento degli obiettivi, così Toccafondi ha intascato 4.548 Euro, una decisione contro cui Sel, Sinistra e libertà ha presentato un ordine del giorno al Consiglio regionale della Liguria, scrive Simone Leoncini coordinatore di Sel , esprimiamo sdegno per questa decisione. Alessandro Benzi capogruppo della Federazione della Sinistra aggiunge: il Dott. Toccafondi ha chiaramente violato le norme etiche alla base della sua professione, quelle norme che sarebbe stato normale considerare prima di assegnargli un riconoscimento e poi ci sono altri esponenti politici da Ferrando del PD, a Rossi di Sel che sono ancora più duri e chiedono al governatore Burlando di verificare al più presto se il comportamento di Toccafondi non si configuri come incompatibile con l’esercizio della professione medica in una struttura pubblica.
Pensare che la sentenza d’appello per le violenze di Bolzaneto dove passarono 252 ragazzi fermati dopo gli scontri in piazza, era stata particolarmente severa, tutti colpevoli, 44 imputati tra funzionari, agenti, ufficiali dell’arma, generali, guardie carcerarie, militari, medici, pochi o nessuno pagherà, la Commissione parlamentare di inchiesta non è stata fatta e questo non è che sia un grande danno perché le commissioni parlamentari di inchiesta sono fatte a posta per confondere le acque anche di quel poco che la Magistratura è riuscita a accertare.
La quasi totalità dei reati, calunnie, lesioni non gravi, abusi gravi contestati ai poliziotti della Diaz così agli imputati di Bolzaneto sono stati spazzati dalla prescrizione, restano in piedi le lesioni gravi che però vanno in prescrizione dopo 10 anni e 6 mesi nel gennaio dell’anno prossimo e i falsi che di anni ne prevedono 12,5, gennaio 2014. A 10 anni dal G8 si celebreranno all’insegna dell’impunità, così diversa dal perdono invocato da molti. Questo medico non era un esponente delle forze dell’ ordine, ma l’imparzialità delle forze dell’ ordine è in discussione, soprattutto in questi giorni in cui si torna a parlare dei vertici della Guardia di Finanza, se ne parla per due inchieste, l’inchiesta sulla P4 e l’inchiesta sullo scandalo Milanese – Tremonti, in entrambe le indagini è indagato Milanese, Milanese è un deputato del Pdl, ex ufficiale della Guardia di Finanza che poi si è dato alla politica e da 10 anni è il consigliere più ascoltato, è la persona più vicina a Tremonti, questo Signor Milanese, Marco Milanese ha una richiesta di arresto che il Parlamento deve esaminare in questi giorni, non una richiesta di arresto, un ordine di cattura del magistrato che per essere eseguito necessita dell’autorizzazione della Camera, esattamente come l’ex Magistrato Alfonso Papa in attesa di un responso della Camera sulla richiesta di autorizzazione a eseguire l’arresto nei suoi confronti.
Cosa sta avvenendo fuori ancora una volta? Che ai vertici della Guardia di Finanza si bada molto alle guerre per bande politiche e molto poco alla missione che deve avere la Guardia di Finanza che è un corpo armato dello Stato, incaricata di combattere l’evasione fiscale, di scoprire gli evasori fiscali, di denunciarli e insieme a tutti i vari organismi fiscali, agenzia delle entrate etc., far pagare le tasse a chi non le paga, quindi stiamo parlando di una funzione delicatissima e cioè uno dei capisaldi della democrazia, quanto corrispondono i contribuenti per le esigenze dello Stato, più evasori ci sono, meno mezzi ci sono per dare servizi ai cittadini, più i cittadini onesti devono pagare al posto di quelli disonesti che non pagano, l’imparzialità di chi deve sorvegliare questo settore è fondamentale, perché? Perché la Guardia di Finanza viene a conoscenza, grazie ai suoi poteri investigativi, di dati sensibili, i redditi delle persone, i contributi fiscali delle persone e delle aziende e quindi dato che non può controllare tutti, ma deve controllare a campione, come viene deciso quel campione? Chi decide i bersagli delle ispezioni fiscali, delle visite fiscali, delle verifiche fiscali e chi no? Quando arriva la verifica fiscale è a sorpresa o è programmata come le interrogazioni a scuola? Perché la verifica fiscale deve essere a sorpresa, se ti avverto arrivo a fare la verifica, quelli mettono a posto le carte, distruggono i documenti, impapocchiano le prove, quindi la verifica deve essere a sorpresa, se invece avverti che stai arrivando, dai modo all’evasore potenziale di mettere al sicuro le prove della sua evasione.
Ecco perché ai vertici di questo organo militare, militarizzato dello Stato, dovrebbero esserci persone di assoluta imparzialità, di assoluta onestà e di assoluta un avvicinabilità, nessuno dovrebbe poterli chiamare, nessuno dovrebbe avere neanche i loro numeri di telefono, dovrebbero essere persone che vivono nell’isolamento più totale, almeno rispetto a quegli ambienti sui quali devono esercitare un controllo così intrusivo e così delicato.

I finanzieri e il Corruttore.

Invece da almeno 30 anni a questa parte, se non di più, spesso e volentieri capita che le indagini evidenzino che ai vertici della Guardia di Finanza ci sono degli ufficiali o degli alti ufficiali infedeli, non imparziali, partigiani, con rapporti pericolosi con i poteri forti che sono naturalmente quelli che dal punto di vista fiscale devono di più e che quindi se evadono fanno più danni
Da quando poi in politica c’è il conflitto di interessi e quindi ci sono soggetti economici e finanziari dentro la politica, le amicizie politiche possono condizionare anche direttamente l’attività della Guardia di Finanza perché comunque la Guardia di Finanza dipende dal governo, dipende dal Ministero delle Finanze, così come i Carabinieri dipendono dal Ministero della Difesa e la Polizia di Stato dipende dal Ministero dell’Interno.
La prima indagine che mi viene in mente che evidenziò gravissime collusioni ai vertici della Guardia di Finanza era lo scandalo dei petroli N. 2, quello scoperto a Torino da giudici come Mario Vaudano, si scoprì che i petrolieri godevano di protezioni da parte della Guardia di Finanza che guarda caso in quel periodo aveva ai suoi vertici dei generali affiliati alla loggia P2, per cui il vertice della Guardia di Finanza nel 1981 fu azzerato praticamente dall’inchiesta P2 perché si scoprì che i vertici dei servizi segreti anche della Guardia di Finanza era pieno di piduisti. Qualche anno prima un finanziere insieme a due colleghi si era recato a ispezionare nel 1979 i cantieri di Milano 2 , cantieri gestiti dalla Edilnord di Silvio Berlusconi, uno proprietario, incontrarono i finanzieri questo signore che si aggirava nei capanni del cantiere, gli chiesero se fosse il proprietario e se conoscesse Berlusconi, lui disse: sì sono Berlusconi, ma sono soltanto il progettista, un consulente incaricato della progettazione, quelli si bevvero la superballa, Berlusconi ha sempre mentito fino da quando andava all’asilo, mentì quel giorno alla Finanza, era facilissimo verificare che stava mentendo, si sono presi per buona quella balla e hanno chiuso in quattro e quattr’otto l’ispezione anche se avevano riscontrato delle anomalie di tipo valutario.
Chiusa l’ispezione dopo un po’ uno dei tre finanzieri, si chiamava Gallo e fu scoperto nelle liste della P2 , un altro dei finanzieri si chiamava Massimo Maria Berruti e lasciò dopo poco la Guardia di Finanza per diventare Avvocato e per andare a lavorare nel comparto estero del gruppo Fininvest per il Milan e per alcune società estere del gruppo Fininvest. Il fatto che fosse stato nella Guardia di Finanza, naturalmente, faceva sì che diventasse molto utile per il gruppo Berlusconi, che aveva una particolare predilezione per gli ex finanzieri, perché a capo dei servizi fiscali del gruppo Fininvest, Berlusconi aveva nominato un altro ex finanziere, un certo Salvatore Sciascia, l’ex Finanziere Sciascia e l’ex finanziere Berruti li ritroviamo nel 1994 nell’indagine di Mani pulite che è un po’ l’ultima grande indagine del pool Mani Pulite, dopo due anni dall’inizio dell’inchiesta su Tangentopoli, quando all’inizio del 1994 si scoprì grazie alla confessione, alla denuncia di un giovane sottufficiale che non voleva farsi corrompere, che a Milano sotto lo sguardo del Comandante, il Gen. Cercello ufficiali e sottufficiali della Guardia di Finanza erano soliti addomesticare le verifiche fiscali prendendo tangenti dalle aziende, dall’una all’altra confessione si scoprì, grazie a Di Pietro, Davigo, Colombo, Greco e Ielo che componenti il pool Mani Pulite che ben 500 aziende, alcune tra le maggiori esistenti sul mercato borsistico, corrompevano i finanzieri affinché chiudessero un occhio o due nelle verifiche fiscali, fingessero di non vedere le irregolarità o i reati fiscali commessi da quelle aziende, pensate il danno per l’erario, 500 aziende che corrompono la Guardia di Finanza, furono arrestati quasi 100 finanzieri a cominciare dal loro capo, il Gen. Cercello che poi è stato condannato a pene altissime perché faceva la cresta su tutte le tangenti che prendevano i suoi sottoposti, una percentuale andava a lui, 4 di quelle aziende Tele +, Mediolanum, Video Time e Mondadori appartenevano all’allora Presidente del Consiglio che è anche l’attuale Presidente del Consiglio, che evidentemente aveva delle cose da nascondere, evasioni fiscali, fondi neri all’estero e giri di prestanomi per far arrivare i soldi a quei prestanomi a cui lui aveva intestato le sue quote di Tele + che aveva dovuto cedere almeno pro forma per non incappare nelle sanzioni previste dalla Legge Mammì che già gli consentiva di possedere tre reti televisive nazionali in chiaro, a patto che non possedesse giornali e Il Giornale l’aveva passato a suo fratello e a patto che non possedesse pay tv e le aveva girate a questi prestanomi, questo avrebbero potuto scoprire i finanzieri se avessero fatto delle serie ispezioni, invece al termine di quelle ispezioni venivano corrotti regolarmente da chi? Da Salvatore Sciascia che aveva ottimi addentellati e quando scoppiò l’inchiesta chi si incaricò per conto del gruppo Fininvest di depistare le indagini, suggerendo la strategia del silenzio ai finanzieri che stavano per essere arrestati? L’altro ex finanziere che lavorava per Berlusconi, l’Avvocato Berruti, Berruti alla fine è stato condannato a 8 mesi per favoreggiamento e è stato immediatamente promosso in Parlamento dove siede tutt’ora, pregiudicato.
Sciascia è stato pure lui condannato perché pagava materialmente le tangenti per conto della Fininvest ai finanzieri, non solo non l’hanno cacciato dalla Fininvest, anche lui 3 anni fa è stato promosso parlamentare, quindi siede anche lui in Parlamento, un pregiudicato corruttore. Nei diari di Umberto Cicconi, fotografo, amico intimo di Craxi, c’è un documento che Craxi conservava, vi lascio immaginare perché, che era una letterina che gli aveva scritto nel 1980 Berlusconi che in quegli anni era letteralmente terrorizzato dalla Guardia di Finanza, era il 1980, quindi l’anno dopo della missione interrotta in quel bel modo da Berruti e di nuovo la finanza minacciava di andare a visitare le sue aziende, allora Berlusconi scrisse un appunto a Craxi che diceva “Caro Bettino come ti ho accennato verbalmente Radio Fante, cioè le voci militari che lui aveva raccolto, evidentemente tramite i suoi amichetti ex finanzieri, ha annunciato che la Polizia tributaria si interesserà a me – se uno non ha niente da nascondere che problema c’è? Invece lui aveva molto da nascondere, tant’è che si rivolgeva a Craxi che all’epoca era uno dei politici più importanti d’Italia e gli diceva – ti ringrazio per quello che crederai sia giusto fare” cioè? Evidentemente bloccare o pilotare la nuova ispezione della Guardia di Finanza dalle parti di Berlusconi che già controllava tramite Craxi la finanza prima ancora di entrare in politica, anche perché Berlusconi stava nella P2 insieme ai vertici della Guardia di Finanza, eppure non gli bastava e ha bisogno anche di un appoggio politico, il che vuole dire che Berlusconi sapeva che Craxi poteva intervenire per bloccare o addomesticare o ammorbidire verifiche fiscali, poi ci meravigliamo se abbiamo un’evasione fiscale che ormai tocca i 140 miliardi di Euro l’anno, è grazie a queste cose, è grazie a questi comportamenti qua!
Adesso la Guardia di Finanza è di nuovo nell’occhio del ciclone perché nel caso P4 sono indagati due altissimi ufficiali della Guardia di Finanza sospettati di avere passato notizie su indagini che stavano facendo loro e i magistrati, a chi? A Alfonso Papa, ex magistrato deputato Pdl, sulla cui testa pende la richiesta di autorizzazione all’esecuzione di un arresto che è già stato disposto dal G.I.P. di Napoli, chi sono questi signori? Il più importante di loro, indagato con quel sospetto è il Gen. Michele Adinolfi, Capo di Stato Maggiore della Guardia di Finanza, indagato per rivelazione di segreti e favoreggiamento, secondo il PM avrebbe informato Bisignani e il suo giro di cui faceva parte anche Papa di indagini che interessavano a questi signori, i quali poi facevano mercato di queste notizie riservate sulle indagini.
Il nome di Adinolfi è emerso in un territorio del deputato Milanese, è anche lui ex ufficiale della Guardia di Finanza, braccio destro di Tremonti, il Capo di Stato Maggiore è accusato di avere avvertito Bisignani di alcune notizie relative all’inchiesta sulla P4 non direttamente, per far arrivare le informazioni si sarebbe servito di un intermediario pure lui indagato e chi passava ne notizie a Adinolfi? Secondo il PM avrebbe potuto essere e infatti è stato indagato pure lui, il Comandante interregionale della Guardia di Finanza per l’Italia meridionale, Gen. Vito Bardi che è in servizio a Napoli, ma non basta, non basta perché proprio in questi giorni emerge che il vizio di pilotare le verifiche fiscali non si era fermato agli anni 70/80, anzi pare, lo racconta sempre Milanese, braccio destro di Tremonti perché ormai l’hanno preso con le mani nel sacco regali, Ferrari, gioielli, arricchimenti incredibili, la casa da 8500 Euro di affitto al mese prestata gratis a Tremonti etc., Milanese cosa racconta? Senza scusate non è Milanese, Milanese che fa il nome di chi potrebbe raccontarlo che è un altro ufficiale della Guardia di Finanza e questo racconta che la Mediolanum fu avvertita di un imminente verifiche fiscale, cos’è la Mediolanum? La Mediolanum è una società quotata in borsa che capitalizza 2 miliardi e passa, di cui 2/3 appartengono a Ennio Doris, quello che fa la pubblicità disegnando cerchi nel deserto e 1/3 appartiene a Berlusconi, è una banca – assicurazione.
L’Agenzia delle entrate ha contestato a Mediolanum in questi anni, accertamenti per 250 milioni per il passato sul fronte assicurativo e altri 150 milioni di Euro sul fronte bancario per gli anni dal 2005 al 2009, l’aliquota di tassazione reale, scrive Marco Lillo su Il Fatto del gruppo di banca - assicurazione, sarebbe particolarmente bassa, il 18%, grazie alla domiciliazione in Irlanda delle holding. Allora il Gen. Adinolfi è indagato per favoreggiamento di Bisignani per avergli passato quelle notizie, è nei guai per questa presunta soffiata a Mediolanum, in quanto Adinolfi è considerato molto vicino al gruppo Fininvest, è un vecchio amico di Adriano Galliani fino a quando Galliani era Presidente di una società di calcio a Monza e Adinolfi era Comandante dei Carabinieri a Monza, pare che sia molto legato anche a Gianni Letta e a Marcello Dell’Utri e in terzo luogo Adinolfi è nell’occhio del ciclone perché è tirato pesantemente in ballo da Milanese, l’uomo di Tremonti, come uno di coloro che di intesa con Berlusconi, dava una mano a sputtanare Tremonti per stroncargli la carriera politica nel momento in cui Berlusconi che ormai è ossessionato dal nemico interno, dopo aver fatto fuori Casini e Fini, adesso vuole far fuori Tremonti considerandolo un traditore.

Anche per Tremonti il "metodo Boffo".

Come fa? Lo fa come fa sempre, raccogliendo dossier, non sappiamo se sia vero, ma quello che raccontano Milanese e un po’ più sfumato Tremonti e i magistrati di Napoli è che c’è stato uno scazzo furibondo tra i due, tra Tremonti e Berlusconi e Tremonti a un certo punto ha detto a Berlusconi “contro di me il metodo Boffo non attacca!” e Milanese racconta molto di più e cioè che Tremonti sosteneva di essere pedinato e dossierato.
A me personalmente delle sorti di Tremonti come di quelle di Berlusconi, come di tutti i politici non importa un fico secco, ma il fatto che ci possa essere la finanza dietro manovre per fregare qualcuno e salvare qualcos’altro sì, quello mi interessa molto e deve interessare tutti noi, perché l’imparzialità dei vertici della Guardia di Finanza è fondamentale per garantire un sistema democratico e anche un sistema fiscale equo, nelle guerre per bande c’è da avere paura perché o si appartiene alla banda vincente, oppure? Oppure ti possono massacrare, perché? Perché è un corpo armato dello Stato che può decidere di perseguitare tizio e di salvare caio, di far apparire tizio core un evasore e caio come un santo mentre magari la verità è il contrario! Si può decidere di usare la Guardia di Finanza come arma di ricatto, se non fai il bravo ti mando la finanza, come arma di rappresaglia, non hai fatto il bravo, ti mando la finanza!
Dice Milanese a verbale: ho visto il Ministro Tremonti qualche giorno fa - stiamo parlando del mese scorso, sono verbali e fatti avvenuti poche settimane fa, a giugno – e mi ha detto che ha avuto uno sfogo con il Presidente del Consiglio Berlusconi, perché aveva saputo che lui, il Ministro Tremonti, era seguito, o comunque negli ambienti politici si dice che stanno attuando il metodo Boffo anche nei confronti di Tremonti, anche utilizzando intercettazioni fatte nei miei confronti per le mie vicissitudini giudiziarie” Milanese è stato indirettamente intercettato, direttamente non si può perché è parlamentare, mentre parlava con altri della P4 etc., è indagato da mesi, quelle telefonate non sono venute fuori per usarle bisogna aspettare l’autorizzazione della Camera per usarle almeno nei confronti di Milanese, ma è ovvio che se le indagini le fa la Guardia di Finanza e ai vertici della finanza ci sono ufficiali infedeli, usano quelle telefonate come arma di ricatto per fare dossier, non per fare indagini.
“I miei problemi giudiziari vengono usati per contrastare la scesa politica del Ministro Tremonti – aggiunge Milanese – Tremonti mi ha ribadito che ha riferito a Berlusconi che stanno cercando cose per metterlo in difficoltà dal punto di vista politico”, Tremonti poi ci è cascato con tutti e due i piedi perché avrebbe dovuto quantomeno lasciare la casa che gentilmente gli metteva a disposizione Milanese, visto che sapeva da dicembre che Milanese era sotto indagine per avere speso il nome di Tremonti e fatto affari in cambio di nomine e si era fatto regalare un sacco di roba in cambio di nomine e favori veri o millantati, invece Tremonti è rimasto in quella casa fino alla settimana scorsa, quindi se sapeva che c’era un complotto contro di lui, come al solito con il suo comportamento ha collaborato al complotto, perché ha aiutato coloro che lo volevano sputtanare, se avesse lasciato la casa che gli metteva a disposizione Milanese quando seppe che Milanese era sotto indagine per quelle brutte storie che coinvolgevano anche la sua persona, avrebbe fatto un figurone, invece si è fatto prendere come tutti con il sorcio in bocca!
“Ho capito – aggiunge Milanese – che Tremonti faceva riferimento anche alla finanza e al Gen. Adinolfi come partecipanti a questo piano ordito nei suoi confronti, Berlusconi ha negato che ciò potesse essere vero e che nessuno stata ordendo piani nei suoi confronti. Ma il Ministro è convinto che tutto ciò sia vero e che nella questione ci sia anche la nomina del futuro Comandante generale della Guardia di Finanza, dove si contrastavano due correnti: gli amici di Adinolfi e dietro Gianni Letta e Berlusconi e dall’altra parte gli amici di Tremonti e cioè il Gen. Spaziante. Ricordo – dice ancora Milanese – che sono molto stretti i rapporti tra la Presidenza del Consiglio e Adinolfi, c’è un filo diretto con il Dott. Letta, l’anno scorso alla festa del compleanno di Adinolfi, Letta verso mezzanotte lo chiamò al telefono direttamente per fargli gli e Adinolfi era a cena con chi? Con la Ministro Gelmini accompagnata dal marito, Adriano Galliani Milan, Lasco responsabile sicurezza di Terna, anche egli ex ufficiale di Finanza, Stefano Grassi delle Poste, l’Avvocato Fischetti, il Prof. Cognetti, Lello Pagnozzi del Coni, Colaninno padre, pensate imprenditori, finanzieri, che fanno a festeggiare il compleanno del Capo di Stato Maggiore della Guardia di Finanza che ogni tanto dovrebbe anche controllare se pagano le tasse, pensate che cena da conflitto di interessi, a un certo punto chiama Letta per fargli gli auguri.
Se è vero quello che viene raccontato in questi verbali e cioè che la Guardia di Finanza viene utilizzata per pedinare o per screditare o per cercare cose su un Ministro, figuratevi come può stare tranquillo un cittadino normale che non ha neanche la protezione di una delle due bande che sovrintendono ai vertici della Finanza, ma si ritrova inerme e con quale fiducia potrà ricevere i finanzieri in casa sua, nella sua aziendina anche se i finanzieri che vanno lì per i 9 casi su 10, sono persone oneste che fanno soltanto il loro lavoro? E’ così che a poco a poco se ne va lo Stato, lo Stato se ne va quando non c’è più la garanzia dell’imparzialità delle figure istituzionali, quando tu sospetti che la multa per divieto di sosta te l’abbiano fatta non perché hai parcheggiato in divieto di sosta, ma perché i Vigili Urbani ce l’hanno con te. Di solito è un sospetto assurdo, però quando si leggono queste cose, non sulle multe per divieto di sosta, ma per cose ben più delicate come il ruolo della Guardia di Finanza, qualcuno sarà autorizzato a sentirsi vittima di una persecuzione anche se magari non lo è, perché comunque questi intrallazzi che minano l’imparzialità delle Fiamme Gialle, ormai sono sotto gli occhi di tutti, intercettazioni e verbali, se ne parla tranquillamente, attualmente al Governo abbiamo un Ministro dell’economia, il cui braccio destro sostiene che è stato pedinato e dossierato con la collaborazione del Presidente del Consiglio e dei suoi amici e del Capo di Stato Maggiore della Guardia di Finanza e nello stesso Governo continuano a rimanere seduti allo stesso tavolo il pedinato e l’ipotetico pedinatore, quello che usa il metodo Boffo è quello che doveva esserne la vittima.

Poi ci meravigliamo se l’affidabilità dei nostri titoli di Stato è sottozero, poi ci meravigliamo se gli speculatori hanno individuato l’Italia come il nuovo ventre molle da colpire, il problema non è se l’opposizione collabora o meno con il governo, il problema è che un governo del genere e istituzioni del genere sono talmente sputtanate da diventare un po’ come Tremonti con la casa, i migliori alleati di chi vuole speculare e complottare contro l’Italia, il problema non è se l’opposizione aiuta o non aiuta il governo, il problema è il governo che per rendere credibilità al nostro paese se ne dovrebbe andare al più presto, passate parola!

Fonte: BeppeGrillo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The study has just been published online in the latest edition of the top international journal Development and Psychopathology.

Common stressful events included financial and relationship problems, difficult pregnancy, job loss and issues with other children and major life stressors were events such as a death in the family.

Lead author, Registered Psychologist Dr Monique Robinson, said while previous studies have shown a link between stress and poorer outcomes, this study goes further by analysing the timing, amount and kinds of events that lead to poorer outcomes.

"What we have found is that it is the overall number of stresses that is most related to child behaviour outcomes," Dr Robinson said. "Two or fewer stresses during pregnancy are not associated with poor child behavioural development, but as the number of stresses increase to three or more, then the risks of more difficult child behaviour increase."

Dr Robinson said the actual type of stress experienced was of less importance than the number of stresses, and there was no specific risk associated with the timing of these stress events – early or late – in the pregnancy.

The analysis was undertaken on data from Western Australia's long-term cohort Raine Study, which recruited nearly 3000 pregnant women and recorded life stress events experienced at 18 and 34 weeks of pregnancy, as well as collecting sociodemographic data. The mother's experience of life stress events and child behavioural assessments were also recorded when the children were followed-up ages 2, 5, 8, 10, and 14 years using a questionnaire called the Child Behaviour Checklist.

The percentage of women with more than two stress events was 37.2%, while the percentage with six or more was 7.6%.

Dr Robinson said the study should not make pregnant women stress further about the stress in their lives.

"These types of analyses look at overall population risk, and of course individuals can have very differing responses," Dr Robinson said.

"Regardless of exposure to stress in the womb, a nurturing environment after birth can provide the child with enormous potential to change their course of development. This is known as "developmental plasticity", which means that the brain can adapt and change as the child grows with a positive environment.

"The important message here is in how we as a community support pregnant women. If we think about people who lead stressful lives, they are most often linked with socioeconomic disadvantage. This research shows we should be targeting these women with support programs to ensure the stress does not negatively affect the unborn child."

Dr Robinson said further research is needed to understand the mechanisms behind how stress in pregnancy affects the developing baby, including the impact of maternal stress hormones, attachment and parenting issues and socioeconomic factors.

Provided by Research Australia

Source: MedicalXpress.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 20/07/2011 @ 11:00:53, in ro - Stiinta si Societate, read 521 times)

 La cateva decenii de la dramaticul incident care a curmat viata primului pamantean ajuns in spatiul extraterestru – Iuri Gagarin – disparitia sa este inca invaluita in mister. Asa se face ca astazi, toata lumea stie ca Gagarin a fost cel dintai cosmonaut dar nimeni nu cunoaste motivul exact al mortii sale. Concluziile comitetului guvernamental, insarcinat la data respectiva de conducerea Uniunii Sovietice sa analizeze circumstantele in care Gagarin si-a pierdut viata nu au fost date nici acum publicitatii.

Prabusirea

 Acest comitet a fost infiintat pe data de 28 martie 1968, la doar o zi dupa producerea tragediei. La patru decenii de atunci, toate documentele legate de investigatie sunt inca mentinute secrete, in arhivele rusesti. Pe de alta parte, comitetul si-a incetat de mult activitatea si nici unul dintre membri sai nu mai traieste. Singurul act oficial legat de moartea lui Iuri Gagarin este necrologul, publicat in toate ziarele sovietice ale vremii, in care se scrie, sec, „decesul s-a produs ca urmare a unui accident, in timpul unui zbor de antrenament.” Semnatarii acestui necrolog au fost membrii Biroului Politic al Partidului Comunist din URSS, dar nicaieri nu se precizeaza despre ce accident a putut fi vorba...

Pe 27 martie, Iuri Gagarin si copilotul sau, Sereghin, s-au urcat in carlinga unui MIG-15 cu reactie, pentru un zbor de rutina. Dupa putin timp, aeronava, grea de cinci tone, avea sa se zdrobeasca la contactul cu solul, provocand decesul instantaneu al celor doi aviatori. Imediat, trupe speciale ale KGB au fost aduse, incercuind o zona de 12 km patrati in jurul locului impactului. Specialistii au reusit sa adune peste 90% din corpul avionului, un lucru surprinzator, deoarece in cazul unor asemenea accidente nu se pot recupera mai mult de 40-60% din componentele aparatului de zbor.

Un temerar stanjenitor pentru Brejnev

 Locul accidentului n-a fost gasit imediat. Echipe de piloti au decolat, pentru a cauta, din aer, parasutele albe ale lui Gagarin si Sereghin. Toata lumea spera, la acel moment, ca pilotii reusisera sa se catapulteze. Dar nici o parasuta n-a fost gasita. Craterul produs de impact a fost descoperit, peste sase ore, intr-o padure. Expertii care au ajuns la fata locului in primele ore ale diminetii de 28 martie au fost socati sa descopere ca echipamentele de zbor ale celor doi aviatori nu contineau deloc parasute. Ei au gasit doar corzile parasutelor, taiate, dupa toate aparentele, cu cutitul!

Dupa aceasta descoperire, s-a speculat ca la mijloc fusese un act terorist. Cineva taiase corzile pentru a nu le mai permite pilotilor sa se catapulteze, ca si cum ar fi vrut sa se asigure ca Gagarin si Sereghin n-ar avea nici o sansa, in caz de accident. Imediat au inceput speculatiile, legate de o presupusa implicare a lui Leonid Brejnev, liderul sovietic, in disparitia lui Gagarin. Se stia de altfel ca Brejnev era foarte invidios pe faima lui Gagarin si manifestarile curajoase ale acestuia il enervasera si mai tare. Totusi, doar cativa oameni au stiut, in toti acesti ani, ca ofiterii KGB au reusit sa dea de urma parasutelor la trei zile dupa accident, intr-un sat din apropiere. Niste tarani, care auzisera bubuitura produsa de impact, au mers imediat la locul accidentului si au taiat parasutele, sperand sa-si faca imbracaminte din matasea lor, de o calitate deosebita.

Sa fie de vina bautura?

 Membrii comitetului de ancheta au gasit o pasare moarta, o gaita, in crater, si au presupus ca avionul lui Gagarin intrase in coliziune cu ea si se prabusise. Ornitologii care au studiat cadavrul pasarii au precizat insa ca pasarea nu fusese motivul accidentului, reusind chiar sa stabileasca faptul ca ea fusese ucisa de un soim. O versiune pe care s-a batut moneda, mai ales in ultima vreme, a fost ca pilotii erau, la momentul accidentului, mahmuri, dupa o betie crancena, petrecuta in urma cu doua zile.

Intr-adevar, exista marturii ca pe 25 martie, Gagarin si Sereghin au participat la o petrecere stropita din belsug cu vodca, dar in ziua urmatoare, deci cea premergatoare zborului, ei nu s-au mai atins de bautura. Trebuie precizat ca, dupa deosebita sa performanta, obtinuta in aprilie 1961, cand a devenit primul om care a iesit in spatiu, Gagarin daduse, incet-incet, in patima alcoolului. Tanarul aviator era mai mereu invitat la receptii si dineuri si toti oficialii voiau sa ciocneasca un paharel cu el. Si totusi, medicii sunt de parere ca, si in eventualitatea in care bause foarte mult, cu doua zile inainte de accident, alcoolul nu poate fi considerat drept o cauza directa a acestuia.

Lantul slabiciunilor

 Tot mai multe voci inclina insa sa creada ca a fost vorba pur si simplu de o defectiune tehnica, insotita de erori umane. Aparatul cu care zburau cei doi era unul vechi si uzat moral. De asemenea, meteorologii nu verificasera daca vremea permite un zbor fara probleme iar radarul insarcinat cu observarea altitudinii de zbor al aparatului de vanatoare era defect, in acea zi. Unul dintre cei mai apreciati investigatori ai tragediei, generalul Serghei Beloterkovski, era sigur ca MIG-ul fusese atras intr-un vartej cauzat de un alt avion, de dimensiuni mai mari, iar cosmonautul Gherman Titov avansa ipoteza ciocnirii accidentale cu un balon meteorologic – in zona existau zeci de asemenea dispozitive, multe dintre ele foarte vechi.

GABRIEL TUDOR - Revista Magazin

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Il compleanno di Amnesty International, che si è celebrato il 28 maggio 2011, è l’occasione per fare il punto sulla situazione dei diritti umani nel mondo. Il rapporto annuale 2011, presentato e pubblicato in Italia da Fandango Libri, racconta di cambiamenti storici nella lotta alle oppressioni, messi in moto dalle comunità più colpite dalle violazioni e resi possibili grazie anche all’uso delle nuove tecnologie e dei social media. Ma la repressione delle rivolte è sempre dietro l’angolo, e c’è ancora molta strada da fare per garantire le libertà e i diritti nel mondo.

Detail-11

Il segnale più forte è quello che viene dal Medio Oriente e dall’Africa del Nord. Il vento di libertà e giustizia partito dal basso offre un’opportunità senza precedenti per i diritti umani, mette in evidenza Amnesty, ma si tratta di un cambiamento che corre sul filo del rasoio. “La gente sfida la paura. Persone coraggiose, guidate soprattutto dai giovani, scendono in strada e prendono la parola nonostante le pallottole, le percosse, i gas lacrimogeni e i carri armati”, spiega Christine Weise, presidente della sezione italiana dell’organizzazione. “Questo coraggio, insieme alle nuove tecnologie che aiutano le attiviste e gli attivisti ad aggirare e denunciare la soppressione della libertà di parola e la violenta repressione delle proteste pacifiche, sta dicendo ai governi repressivi che i loro giorni sono contati”. I governi di Libia, Siria, Yemen e Bahrein hanno dimostrato però di voler restare al potere, a costo di soffocare nel sangue le proteste pacifiche, mentre è forte anche la battaglia per il controllo dell’informazione e i tentativi di limitare l’accesso ai mezzi di comunicazione e alle nuove tecnologie della rete, come avvenuto in Egitto e Tunisia. In questo clima, quindi, il sostegno alle rivolte e alla successiva ricostruzione degli stati sarà il banco di prova per tutta la comunità internazionale, dice Amnesty.

Ma veniamo ai dati. Il rapporto, che illustra la situazione dei diritti umani in 157 paesi e territori nel 2010, documenta restrizioni alla libertà di parola in 89 paesi (erano 96 nel 2009), casi di prigionieri di coscienza in almeno 48 paesi, torture e altri maltrattamenti in almeno 98 paesi (111 nel 2009) e riferisce di processi iniqui in almeno 54 paesi. In 23 paesi ci sono state esecuzioni capitali (18 nel 2009), in 67 paesi sono state emesse condanne a morte (56 nel 2009) e due terzi della popolazione mondiale non ha avuto possibilità di accesso alla giustizia a causa di sistemi giudiziari assenti, corrotti o discriminatori. Nel corso del 2010, inoltre, è peggiorata la situazione dei diritti umani in vari paesi, con ripercussioni sull’azione degli attivisti in Bielorussia, Kirghizistan e Ucraina; c’è stata la spirale di violenza in Nigeria e l’escalation della crisi causata dall’insurrezione armata dei maoisti nell’India centrale e nordorientale; e le crescenti minacce nei confronti dei popoli nativi delle Americhe. Non si possono dimenticare i conflitti che hanno provocato distruzione in Ciad, Colombia, Iraq, Israele e Territori Palestinesi Occupati, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo, la regione nord caucasica della Russia, Somalia, Sri Lanka e Sudan, dove i civili sono stati spesso presi di mira da gruppi armati e forze governative. Amnesty documenta anche il peggioramento della situazione legale per le donne che scelgono d’indossare il velo integrale in Europa e l’aumentata propensione, sempre nel Vecchio Continente, a rinviare persone verso paesi dove rischiano la persecuzione.

E l’Italia? Secondo il rapporto, i richiedenti asilo e i migranti non hanno potuto accedere a procedure efficaci per ottenere protezione internazionale. I diritti dei rom hanno continuato a essere violati e gli sgomberi forzati hanno contribuito a spingere sempre più nella povertà e nell’emarginazione le persone colpite. I commenti dispregiativi e discriminatori di alcuni politici hanno alimentato un clima di crescente intolleranza nei confronti di rom, migranti e persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender. Infine, l’Italia ha rifiutato di introdurre il reato di tortura nella legislazione nazionale e Amnesty è preoccupata circa le segnalazioni di maltrattamenti da parte delle forze di polizia o di sicurezza e l’accuratezza delle indagini sui decessi in carcere e sui presunti maltrattamenti.

Fonte: galileonet.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 19/07/2011 @ 14:00:17, in en - Global Observatory, read 536 times)

Modeling crowd behavior can help engineers design buildings and other public spaces so as to prevent deaths and injuries during emergencies. But it is hard to design virtual crowds that realistically mimic real ones.

European researchers have now shown that a simple model based on one cognitive factor—vision—can predict pedestrian behavior in various types of crowds. It represents significant progress in a field that has been trying to move away from purely physics-based models.

"There's no clear way to describe the cognitive processes of each individual, but with this vision-based approach, it's actually very simple," says Dirk Helbing, of the Swiss Federal Institute of Technology in Zurich, who carried out the work with Mehdi Moussaïd and Guy Theraulaz, of Université Paul Sabatier in Toulouse, France.

The study, which appears in this week's issue of Proceedings of the National Academy of Sciences, was inspired by previous research that used eye-tracking data to determine how people predict the trajectory of an airborne ball in order to catch it. Numerous other studies have suggested that walking, like catching a ball, is primarily governed by vision. So the researchers hypothesized that using visual factors, mainly line of sight and visibility, would allow them to better model crowd behavior.

The researchers gave virtual crowd members the ability to "see" their surroundings and navigate accordingly. They found that their vision-based model predicted pedestrian behavior surprisingly well for both small and large crowds as long as the physical influence of the crowd as a whole was also considered. They suggest that the model could help avert such crowd disasters as the Love Parade incident that killed 19 concertgoers in Germany last summer, by providing designers with new information about how pedestrians will attempt to move quickly through a specific space.

The model primarily indicates how vision affects pedestrians' direction and speed—two forces that often compete when a person is navigating pedestrian traffic. The researchers predicted pedestrian trajectories using the model and then compared their predictions with data from real-life pedestrian scenarios. They found the trajectories matched up almost exactly.

To model crowd disasters, though, they had to consider involuntary as well as voluntary behaviors. What the pedestrian can see remains important, but sometimes the push and pull of the crowd can be even more so. "When the crowd becomes high-density, the simple model isn't enough," says Theraulaz. "You have to take into account the rules of physical contact."

Adding a physical-force component to the vision-based model allowed the study authors to predict pedestrian behavior in different types of overcrowding situations, such as a bottleneck around a blocked exit or a pileup that forms behind a fallen pedestrian.

When the study authors applied their modified model to a real-world bottleneck disaster, they were able to predict the location of the highest-risk areas and map out how pedestrian collisions would spread once the situation became critical. "This is the most dangerous type of case," says Helbing. "You can do video analysis afterward, but even then it's hard to see exactly what's going on, because people are hardly moving."

One of the biggest advantages of the vision-based model is its versatility, says Michael Batty, an urban planning researcher at University College London, who studies crowd modeling. "It's relevant to a whole range of pedestrian situations, and that's what makes it more testable," he says. The study authors suggest that the model could also be used to analyze crowd disasters in low-visibility cases, such as fires, and could help improve the design of crowd-navigating robots.

Source: Technology Review

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

< agosto 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             

Titolo
en - Global Observatory (572)
en - Science and Society (557)
en - Video Alert (323)
it - Osservatorio Globale (500)
it - Scienze e Societa (552)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (369)
ro - Stiinta si Societate (453)
ro - TV Network (137)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Stai linistit ca multinationalele farmaceutice producatori de citostatice exorbitant de scumpe, or sa lupte mereu impotriva legalizarii canabisului in scopuri terapeutice ........
14/08/2014 @ 21:16:00
By Petre Gulie
La cannabis e',la medicina
09/08/2014 @ 20:39:16
By Stefano Ferrari
right on!!
12/07/2014 @ 20:07:45
By Brian Barton
Cannabis is the best medicine in nature. Best everything. But shit, thc is important to!
10/07/2014 @ 13:26:01
By Jason Bond
Keys
06/07/2014 @ 02:59:37
By Altan
Thanks I was just looking for a recipe - gotta love the way the Spirit moves
04/07/2014 @ 19:06:54
By Ginamarie Pezzi
unfortunately that is a reality these days - we humans - especially in the west - only want to hear "a" truth that fits our own limited perspective rather than one that is open & is truth in many ...
04/07/2014 @ 18:57:31
By Ginamarie Pezzi


Titolo




Publishes and comments on leaked documents alleging government and corporate misconduct.




Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.


TurismoAssociati.it & Facebook

notizie globali, global news, stiri globale, reti sociali, social networks, retele sociale


Atlas City Project 4 All Of Us Radio The Ecova Project Backyard AQUAPONICS - Bringing food production home EuropeanOrganizationforSustainability The New Z-Land Project Pangea Organization - United towards a sustainable future Resource Based Economy Foundation


TurismoAssociati. it FEED Reader


CURRENT MOON

Trilingual World Observatory: italiano, english, romana. GLOBAL NEWS- If you want to make information and not suffer it, become a CITIZEN JOURNALIST.




Prenotazioni hotel, voli, offerte viaggi e vacanze, case vacanze, voli low cost, noleggio auto, offerte speciali.







21/08/2014 @ 21.58.43
script eseguito in 1000 ms