Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 24/10/2010 @ 08:00:42, in it - Scienze e Societa, read 1903 times)

E’ risaputo che la libertà d’informazione passa attraverso una pluralità di vedute cui venga concessa una concreta possibilità di esprimersi. Ne abbiamo avuto un esempio con la tanto discussa ed esecrata "legge bavaglio" che ha scatenato il (meritato) vespaio mediatico.

 

Di recente tuttavia a picconare questa pluralità di vedute hanno contribuito altri due sassi lanciati in una piccionaia ahinoi rimasta pressoché inerte.

 

Ci riferiamo ai recenti danni subiti dalla piccola editoria indipendente, i cui prodotti spesso contribuiscono a immettere nel panorama culturale  – così solerte a promuovere letture “usa e getta” – buoni elementi di riflessione. Il primo di questi sassi lo ha lanciato quatto quatto la scorsa primavera il decreto interministeriale che sopprime le tariffe agevolate per l'editoria (eccezion fatta per le onlus, la cui sorte è tuttavia ancora incerta ).

 

Questo significa che i piccoli editori – i quali non possono avvalersi di un sistema di distribuzione capillare ed esclusivo – sono costretti a mettere in conto un aumento non proprio irrisorio delle spese di spedizione, a danno loro, del lettore e dell’offerta in generale.

Il secondo sasso è una pasticciata "legge sul prezzo del libro" (il cui primo firmatario è, guarda caso, colui che già nel precedente governo vagheggiava di bavagli ), che ufficialmente avrebbe lo scopo di contribuire allo sviluppo della lettura e della cultura libraria nel Paese, ma che di fatto allo stato attuale liberalizza le campagne promozionali del prodotto-libro a vantaggio dei grandi gruppi editoriali (con annesse catene) e a detrimento di piccoli editori e librai indipendenti (che non possono permettersi una perenne promozione), arrecando in ultima analisi un danno anche al lettore, che pur beneficiando di promozioni per undici mesi all’anno, correrà il rischio di veder minato l’accesso a una varietà culturale già sofferente.

 

Spiega infatti una libraia indipendente: “Il problema ovviamente non è solo quello degli sconti, gli sconti illudono il lettore di potersi avvicinare ai libri — e in parte è così – ma il dramma è che i lettori in questo modo si avvicinano in realtà solo ai libri che decidono gli editori“.

 

La proposta di legge verrà discussa in Senato il prossimo 21 settembre.

 

Fonte: minitrue.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

... CONTINUES.

Hitchens asked Ramadan, who has said that terrorism is never justified but that he could understand how, in certain circumstances, people could be led to commit terror, “who has the authority to issue fatwas?” Not to be misunderstood, Hitchens pointed out, “I’m certainly not going to criticize Islam for not having a pope. The Christian world is full of pope-types.” But, he told Ramadan, “in cities from Sweden to Spain” Muslims are calling for inclusion into a restored Caliphate. “That’s why you’re in the position you’re in.”

Ramadan admitted there was a “crisis of authority” in Islam, but told Hitchens that he could not “reduce” Islamic leaders who espouse suicide bombing, to that position alone. “I read what is said and I try to be selective,” Ramadan said. “We need to have a particular debate.”

“You seem to want to have that a little bit both ways,” Hitchens said, before rounding on the biggest applause line of the night, “If you want diversity, you need a secular state with a godless constitution. Secularism is the only guarantee of religious freedom.”

Returning to the evening’s assignment, Hitchens said Islam requires the belief that the prophet Muhammad was “a perfect human being” and that the Koran is “a perfect book.” “These are categories that do not exist,” Hitchens said. “Yet any challenge to them is heresy. The demands that you believe these imperatives do not lead to peaceful outcomes.”

In the evening’s one stirring moment, Hitchens pointed out that the Jews had “decided about the second messiah what they had decided about the first.” There was a note of despair in his voice when he asked, “Will they ever be forgiven for either?”

Having defined jihad as a “resistance to reform the world for the better and blamed “political instrumentalization” for the misunderstanding of Islam, Ramadan did not respond. Later, when Hitchens remarked that “Syria does fund the murder gang Hezbollah,” Ramadan reacted, with some relief, as if he’d scored his biggest point of the night. “You agree on the instrumentalization of religion,” he said. “That’s good enough for me.”

After the debate a viewer said of Ramadan, “He was very articulate, but it sounded like he was talking around what would have gotten him in trouble.” This quality was apparent several times in the evening, not least when the moderator, Laurie Goldstein of the New York Times, asked Ramadan if he really meant to say that Turkey was becoming “more progressive” as its government became increasingly Islamic.

Ramadan, who had said Turkey was “progressing” and “moving to become more democratic,” responded by saying, “We don’t know what to call the leaders now. Islamists? Ex-Islamists? They have new thoughts on the rule of law promoting what they are trying to promote.”

But he never said what new thoughts either the Islamist or ex-Islamists had in mind.

By now Hitchens, who had arrived on stage in a trim blue suit with a clipboard and a bottle of water (and, incongruously, a massive Flashman collection), was no longer taking notes. Ramadan, whose voice rises when he slips into jargon such as “Islam says your dignity is in your freedom,” went on to say “don’t reduce Turkey to levels… there are dynamics… Turkish women everywhere are promoting a better kind of Islam. This is what I promote.”

At the end of the debate, Hitchens was rolling his pen in the fingers of one hand and looking over his shoulder offstage. After shaking hands with his opponent, he stood and waited for Ramadan to leave the stage before he turned to leave on his own.

Source: VanityFair.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

The U.S. government will "vigorously enforce" federal laws against marijuana even if voters next month make California the first state to legalize pot, Attorney General Eric Holder says.

Holder's warning, contained in a letter to ex-federal drug enforcement chiefs, was his most direct statement yet against Proposition 19, and it sets up another showdown with California over marijuana if the measure passes.

With Prop 19 leading in the polls, the letter also raised questions about the extent to which federal drug agents would go into communities across the state to catch small-time users and dealers, or whether they even had the resources to do it.

If the ballot measure passes, the state would regulate recreational pot use. Adults could possess up to one ounce of the drug and grow small gardens on private property. Local governments would decide whether to allow and tax sales of the drug.

But Holder stressed that the Justice Department remains committed to enforcing the Controlled Substances Act in all states.

"We will vigorously enforce the CSA against those individuals and organizations that possess, manufacture or distribute marijuana for recreational use, even if such activities are permitted under state law," he wrote.

The letter was dated Wednesday and was obtained by The Associated Press.

Medical marijuana users and experts were skeptical, saying there was little the federal government could do to slow the march to legalization.

"This will be the new industry," said Chris Nelson, 24, who smokes pot to ease recurring back pain and was lined up outside a San Francisco dispensary. "It's taxable new income. So many tourists will flock here like they go to Napa. This will become the new Amsterdam."

Holder also said legalizing recreational marijuana would be a "significant impediment" to the government's joint efforts with state and local law enforcement to target drug traffickers, who often distribute pot alongside cocaine and other drugs.

The attorney general said the ballot measure's passage would "significantly undermine" efforts to keep California cites and towns safe.

Officials in Los Angeles County, where authorities have aggressively moved to tamp down on an explosion of medical marijuana dispensaries, vowed that they would still assist the federal government in drug investigations.

County Sheriff Lee Baca and District Attorney Steve Cooley said at a news conference that the law would be unenforceable because it is trumped by federal laws that prohibit marijuana cultivation and possession.

"We will continue as we are today regardless of whether it passes or doesn't pass," Baca said. His deputies don't and won't go after users in their homes, but public use of the drug will be targeted, he said.

Both gubernatorial candidates - Democrat Jerry Brown and Republican Meg Whitman - oppose Prop 19 and declined comment Friday.

The ex-Drug Enforcement Administration chiefs sent a letter to Holder in August calling on the Obama administration to sue California if Prop 19 passes.

If California prevents police from enforcing the stricter federal ban on marijuana, the Supreme Court has ruled that the federal government cannot order local law enforcement to act, he said.

It "is a very tough-sounding statement that the attorney general has issued, but it's more bark than bite," said Robert Mikos, a Vanderbilt University law professor who studies the conflicts between state and federal marijuana laws.

"The same factors that limited the federal government's influence over medical marijuana would probably have an even bigger influence over its impact on recreational marijuana," Mikos said, citing not enough agents to focus on small-time violators.

Federal drug agents have long concentrated on big-time drug traffickers and left street-level dealers and users to local and state law enforcement. As police departments began enforcing California's medical marijuana law, the DEA only sporadically jumped in to bust medical users and sellers that local law enforcement was no longer targeting.

 

Allen Hopper, a drug law reform expert at the American Civil Liberties Union in Northern California, predicted that federal agents would selectively crack down on marijuana growers and merchants instead of going after every Californian who uses pot.

"They don't have the resources to flood the state with DEA agents to be drug cops," he said.

Nearly all arrests for marijuana crimes are made at the state level. Of more than 847,000 marijuana-related arrests nationwide in 2008, for example, just over 6,300 suspects were booked by federal law enforcement, or fewer than 1 percent.

Consequently, the fight over legalization may end up the same way medical marijuana did, experts said.

When Californians approved their first-in-the-nation medical marijuana law in 1996, Clinton administration officials vowed a harsh crackdown. But nearly 15 years later, California's billion-dollar medical marijuana industry is thriving.

During the Bush administration, retail pot dispensaries across the state faced regular raids from federal anti-drug agents. Their owners were sometimes sentenced to decades in prison for drug trafficking. Yet the medical marijuana industry still grew.

Besides California, 13 other states and the District of Columbia have legalized medical marijuana in recent years.

At the San Francisco Medical Cannabis Club, where you can buy marijuana-filled carrot cake and lollipops, manager James Kyne said the federal government would just be continuing "an endless cycle" with little positive effect.

Holder "is opening a bigger can of worms," Kyne said.

---

Associated Press writers Pete Yost in Washington, Terry Collins and Lisa Leff in San Francisco, Samantha Young in Sacramento and Robert Jablon in Monterey Park, Calif., contributed to this report.

Author: MARCUS WOHLSEN - Source: washinghtonpost.com

 

WIE VAN DE DRIE

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Wikileaks colpisce ancora: dopo i documenti sulla guerra in Afghanistan arriva una nuova ondata di report riguardanti il conflitto in Iraq, dettagliato su warlogs.wikileaks.org attraverso 391.832 diari di guerra riguardanti il periodo tra il 1 gennaio 2004 e il 31 dicembre 2009, a eccezione dei mesi di maggio 2004 e marzo 2009. I log riguardano lo svolgersi di eventi così come vissuti dalle truppe USA e rappresentano la prima vera documentazione ufficiale su un conflitto più che controverso.

Nei documenti vengono riportate 109.032 morti composte da 66.081 definiti civili, 23.984 nemici, 15.196 delle forze irachene, 3.771 della coalizione internazionale. Non siamo qui per analizzare i dati, ma come riporta la stessa pagina di WikiLeaks appare terrificante il numero di morti di persone civili, pari a oltre il 60% del totale e a 31 morti avvenute ogni giorno nel corso del periodo documentato. Niente a che vedere con le circa 20.000 morti totali dei documenti afghani, avvenute durante lo stesso lasso di tempo documentato da WikiLeaks.

La pubblicazione dei documenti ha scatenato un vero e proprio terremoto in giro per la rete e non, con Daniel Ellsberg del Pentagono che è intervenuto immediatamente per commentare la notizia nel video che vedete qui sopra, mentre altri siti come quello di Al Jazeera iniziano a riportare gravi fatti che sarebbero emersi proprio dall’analisi dei documenti. Nel frattempo tutte le principali autorità USA hanno chiesto l’immediata chiusura di WikiLeaks: ma questa appare proprio l’operazione più impossibile, in quanto bisognerebbe prima di tutto convincere l’hosting svedese della piattaforma a tirarlo giù, per poi combattere tutta la serie di mirror sparsi per il globo preparati da Julian Assange e il resto del suo staff.

Nel frattempo da una fonte anonima interna a WikiLeaks si è venuto a sapere di un attacco ai danni dell’infrastruttura, effettuato proprio pochi giorni prima della “bomba” sganciata coi documenti in Iraq. L’attacco sarebbe stato effettuato da “hacker con grandi capacità”, probabilmente interessati a fare in modo che il nuovo materiale non finisse online.

Via | News.cnet.com - Fonte: downloadblog.it


The whistleblowing group WikiLeaks is preparing to release up to 400,000 U.S. intelligence reports on the Iraq War. The disclosure would comprise the biggest leak in U.S. history, far more than the 91,000 Afghanistan war logs WikiLeaks released this summer. We speak to the nation's most famous whistleblower, Daniel Ellsberg, who leaked the secret history of the Vietnam War in 1971. For a complete transcript or the podcast, visit www.DemocracyNow.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Fino all'1 novembre, una missione del Fondo monetario internazionale si trova a Bucarest per esaminare il livello degli impegni assunti negli accordi con le istituzioni finanziarie internazionali. Si contempla un deficit del 6,8% del pil per il 2010 e saranno delineate le linee del bilancio per il prossimo anno. Il Governo si è impegnato ad assicurare nel 2011 una crescita economica dell’1,5 % e un deficit del 4,4% del pil. Il capo missione Jeffrey Franks ha spiegato che le stime sull’economia romena potrebbero essere riviste, ma non in modo sostanzioso. Anche le nuove leggi della retribuzione unitaria e delle pensioni sono contemplate dal Fmi che sembra non gradire le misure sociali prese. Si tratta di proposte giunte da parte del premier Emil Boc, tra cui l’aumento del salario minimo e la riduzione della flat tax.

I responsabili del del Fondo affermano che simili proposte vanno esaminate attentamente per vedere se non fanno più male che bene, dal momento che le eventuali misure di previdenza sociale aumenterebbero il deficit. Si svolgono anche negoziati preliminari per la firma di nuove intese. Il nuovo accordo che la Romania intende firmare con il Fmi, avrà, il più probabilmente, un valore inferiore al presente prestito che tocca i 13 miliardi di dollari, ed è di tipo preventivo. La visita della delegazione Fmi a Bucarest si svolge in un contesto agitato dal punto di vista politico e sociale, segnato da proteste dei pubblici dipendenti, scontenti per i redditi ridotti in seguito alle dure misure di austerità adottate dal governo.

Misure sociali, molto attese dalla popolazione, sono state adottate questa settimana dal Parlamento di Bucarest: la riduzione dell’Iva per gli alimenti di base al 5% e la detassazione delle pensioni inferiori ai 2.000 lei (circa 470 euro). Accolte con gioia dalle persone con redditi bassi, ma anche dall’opposizione, le misure sono state adottate “per errore” dicono i rappresentanti della maggioranza, spiegando ora che l’applicazione delle misure non è possibile, in quanto costerebbero troppo il budget di crisi e hanno già avviato passi per rimediare la situazione. Parallelamente, l’opposizione tenta di rimuovere il governo presieduto da Emil Boc, che accusano della situazione in cui si trova il Paese. I socialdemocratici, i liberali e i conservatori hanno inoltrato una mozione di sfiducia e affermano che, se il governo sarà sfiduciato, negozieranno gli impegni convenuti dalla Romania nell’accordo di prestito con il Fmi, la Banca mondiale e l’Ue, rivedranno le politiche economiche e sociali che il governo Boc vuole applicare dal 1 gennaio 2011 e torneranno sulla misura di ridurre del 25% gli stipendi degli statali. I firmatari della sfiducia sostengono che provvederanno alla detassazione delle pensioni inferiori ai 1.000 lei, e si impegneranno per contrastare la corruzione. In più, i prestiti saranno orientati, in modo prioritario, verso gli investimenti, aumenterà il livello di impiego dei fondi strutturali, grazie alla semplificazione delle procedure di accesso. Il voto sulla sfiducia si terrà il 27 ottobre, giorno in cui i pubblici dipendenti si preparano a scendere in piazza per un grande comizio.

L’Ungheria, attualmente confine dello spazio Schengen e che assumerà dal 1 gennaio prossimo la presidenza di turno dell’Ue, può aiutare molto la Romania. Lo ha dichiarato a Bucarest il capo dello stato ungherese, Pal Schmitt, assicurando che il suo Paese sosterrà l'ingresso della aderire allo spazio Schengen a marzo 2011, come previsto, il che sarà una cosa positiva per i romeni e gli ungheresi della Transilvania. In riferimento all’autonomia, Pal Schmitt ha ricordato che il presidente romeno Traian Basescu e altri politici romeni sono d’accordo con l’applicazione del principio della sussidiarietà.

Anche la Spagna sostiene l’ingresso della Romania a Schengen e apprezza i progressi tecnici compiuti in tal senso dalle autorità di Bucarest. E' quanto è emerso durante la visita del capo della diplomazia romena Teodor Baconschi a Madrid, dove è stato firmato anche un accordo di collaborazione che regola il funzionamento dell’Istituto Culturale Romeno di Madrid e dell’Istituto Cervantes di Bucarest. Inoltre sono state gettate le basi di un partenariato strategico tra la Spagna e la Romania che sarà firmato all’inizio del prossimo anno.

Fonte: rri.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 23/10/2010 @ 13:00:53, in ro - Stiinta si Societate, read 2017 times)

 Un fel de muschi al mintii: astfel poate fi considerat creierul – altfel, definit drept „centrul de comanda” al organismului nostru. Ideea ar fi ca el trebuie antrenat permanent, pentru a-l mentine in forma. Totusi, exista si acel mit potrivit caruia nu utilizam decat in foarte mica masura capacitatile materiei cenusii ce ne-a fost data. Oare chiar asa sa fie?

Doar 10%?

Cu aproximatie, acesta ar fi procentul folosirii creierului de catre om, parere in mod frecvent vehiculata si pe marginea careia s-a tesut o intreaga poveste, totusi neargumentata logic, dupa cum vom incerca sa aratam mai jos. Daca ar fi chiar asa, ar insemna ca ne aflam in posesia unei puteri absolut redutabile, care insa sta mereu... ascunsa. Iar printre cei ce au propagat aceasta teorie se afla si un savant al carui (re)nume ar trebui sa se afle mai presus de orice suspiciune: Albert Einstein.

Adevarul este ca, totusi, noi nu utilizam capacitatile creierului nostru in proportie de 100%. Problema trebuie analizata insa intr-un fel aparte. Pentru tipuri de activitati diferite, intra in functiune parti diferite ale creierului. Aceasta inseamna, intr-adevar, ca la un moment dat ne folosim de o parte asa-zicand redusa din materia cenusie, dar legand intre ele infinitele, practic, tipuri de activitati cu care ne confruntam pe parcursul vietii, vom constata ca – asa cum au dovedit si tehnicile de imagerie moderne – practic noi ne folosim toti neuronii, dar nu pe toti in acelasi timp.

Argumente de necontestat

Legenda celor zece procente se crede ca vine de la frenologii secolului XIX. Totusi, pentru a ne convinge ca lucrurile nu stau astfel, ni se propune sa ne raportam la cazurile medicale in care este implicat creierul (indiferent de gravitatea lor) si care rareori raman fara consecinte. Or, daca numai 10% ar fi activ, majoritatea victimelor unui accident vascular cerebral ori ale unui traumatism cranian nici macar nu si-ar da seama de suferinta respectiva!

De asemenea, in cazul maladiilor neurodegenerative, chiar si daca exista doar o slaba afectare a creierului (10-20% pierderi de neuroni), consecintele sunt dramatice. In fine, oamenii de stiinta vin si cu un alt argument logic. Din punct de vedere evolutiv, o specie precum cea umana nu ar fi motivata sa aiba un organ atat de voluminos si de „gurmand” (creierul nostru consuma, singur, o cincime din oxigenul si din glucoza de care are nevoie organismul), doar ca sa lase 90% din el in voia sortii. Sa nu uitam ca omul, la nastere, este singura primata venita pe lume prematur, incapabila sa mearga si sa aiba grija de propria fiinta.

Invatam... dormind

Oricine a trecut (serios) prin scoala stie bine ca e mai usor sa inveti in ajunul unui examen, decat chiar in ziua probei respective. S-ar zice asadar ca in timpul somnului se „digera” ceea ce am invatat. Acesta este un lucru demonstrat pe baza imageriei cerebrale: in timpul somnului paradoxal, regiunile creierului implicate in procesul de invatare sunt puse la treaba. Fapt ce pare sa indice ca informatiile inregistrate inainte sa ne culcam sunt din nou trecute in revista in timpul noptii. Beneficiile somnului asupra facultatilor amnezice nu sunt insa rezervate doar omului. In cazul pasarilor, de exemplu, in timp ce dorm se realizeaza un gen de perfectionare a cantecului.

Dar nu numai somnul ajuta memoria, ci si perspicacitatea si creativitatea. S-a demonstrat destul de simplu acest lucru, aratandu-se ca o problema data spre rezolvare mai multor voluntari, care nu fusese rezolvata intr-o zi oarecare, a fost solutionata dupa o noapte de somn bun. Iar la acest capitol exista si alte exemple celebre: Mendeleev se pare ca si-a conceput binecunoscutul tabel periodic dupa o noapte de odihna sanatoasa; la fel, R.L. Stevenson a gasit in acelasi mod „reteta” faimosului sau roman despre Dr. Jekyll si Mr. Hyde. Evident, toate cele aratate mai sus nu se doresc a fi un indemn la a dormi tot timpul...

Autor: Adrian-Nicolae Popescu ; Sursa: magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

On the day a Federal District Court judge told the would-be Times Square bomber that she hoped he would spend his life sentence thinking about whether “the Koran wants you to kill lots of people,” Christopher Hitchens and Tariq Ramadan took the stage at the 92nd Street Y to debate the question, “Is Islam a religion of peace?”

Neither man liked the question.

“This is not the right question to ask,” Ramadan said in his opening remarks. “It doesn’t mean anything.” It didn’t mean anything when George W. Bush called Islam a religion of peace, said the Swiss scholar, barred by the Bush administration from entering the United States on anti-terrorism grounds in 2004.

The right question, he said is “do we have something helping us toward peace?” Ramadan seemed to be saying that Islam served that purpose, though he never said so outright. “The Koran is the word of God,” he said. “The problem is not the book. The problem is the reader.”

In his rebuttal, Hitchens would agree with Ramadan about the perils of reading, but said that the fault did not always lie with the reader. “In reading the Koran,” Hitchens said, “I can’t tell if it’s the word of god, but I can hope it’s a sign of god having a bad day.”

Ramadan argued that religion was “instrumentalized” (he used the word five times) by bad actors who distorted it. With a penchant for becoming emphatic when stating the obvious, Ramadan said, “Islam is a religion for human beings. But we are not peaceful human beings.” The “diversity” within Islam—“Maimonides spoke Arabic better than me,” he said—led to the risk of “lots of wars.” Turning to Hitchens, a former Trotskyist and trade union organizer, Ramadan said, “You see what some did with Marx. Is therefore all Marx bad? No.”

(When he spoke next, Hitchens seemed to pause as he considered how far to take the bait about Marx, and then declined to do so at all.)

“You don’t give the people all the interpretation,” Ramadan told Hitchens. “It’s not serious to say all Muslims are acting in the same way. Don’t tell me you didn’t hear the Muslim condemnation of September 11.”

But Ramadan went on to complain that in fact Muslim appeals for reason do go unheard. Speaking of himself, he said, “When what he’s saying is good, he’s alone. When they don’t like what I say, it’s, `He has a huge following.’“

But he did not think that history should be any guide to reform. “Don’t rely on history,” he said. “With history you prove whatever you want.” He then drew a parallel between Islamist terror as a distortion of Islam and the American campaigns in Iraq and Afghanistan. “In the name of human rights we kill innocent people,” he said, his soft, French-inflected voice rising as he leaned over the podium. “The blood of an Iraqi or an Afghan is as good as American blood.”

In his rebuttal, Hitchens pointed out that though he didn’t think “the motion was a particularly good one, I knew about it as long as Professor Ramadan did, and I agreed to speak to it. Not to make it a point of self-pity.”

After rebuking Ramadan for his remark about American and Middle Eastern blood, Hitchens asked, “What has the United States done in Iraq that was as criminal as the blowing up of the Golden Mosque in Samarra? Deliberately intending to start a civil war, which it did. Where is the Sunni outrage? Where is the Sunni fatwa against this conduct? I missed it. And so, apparently, did the followers of the prophet.”

TO BE CONTINUED ...

WIE VAN DE DRIE

Barbra  
Barbra | Satin | Aria
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Al giorno d’oggi la somministrazione di farmaci psicoattivi (psicofarmaci) ai bambini (6-17), è troppo comune e cresce con una cadenza allarmante.

Questi farmaci spesso causano l’effetto opposto a quanto si era inteso, e condannano il bambino ad una vita infelice e alla malattia.

 

La loro prescrizione servirebbe a trattare gli “squilibri chimici” che, si dice, siano la causa di ADHD (Disturbo di Attenzione), depressione e disturbo bipolare, ma in realtà è proprio l'uso improprio di questi farmaci a causare diversi squilibri chimici, che a loro volta provocano disturbi mentali, molti dei quali sono sia permanenti che debilitanti.

 

In aggiunta è ormai evidente che stiamo di fatto diagnosticando come disturbi mentali il normale comportamento di bambini e adolescenti (ma i bambini non dovrebbero essere pieni di energia? e non è normale per un adolescente essere lunatico e distaccato?).

 

Questa diagnosi non si basa solo su questa concezione di "squilibri chimici", ma anche su un’idea generale e pervasiva che ogni comportamento non accettabile sia dovuto ad una malattia mentale. E per ultimo, ma certamente non meno importante, la prescrizione di questi farmaci da parte dei medici è basata su informazione fornita dalle autorità e dall’industria farmaceutica, informazione spesso sostenuta da studi fraudolenti, il cui fine è solo quello di fare soldi sulle teste dei nostri figli.

 

In una recente conferenza, il rispettabile giornalista, scrittore e candidato al Premio Nobel, Robert Whitaker (PBS, Boston, 15 giugno 2010) ha evidenziato non solo la non scientificità della metodologia utilizzata nello sviluppo, prescrizione e uso di psicofarmaci nei bambini in età scolare, ma anche come siano irrimediabilmente corrotti e fallimentari i sistemi che dovrebbero regolamentare la sicurezza dei medicinali in questo paese (USA).

 

Inevitabilmente, le aziende farmaceutiche esistono per creare profitto. Il loro successo non si basa dunque sull'utilità di un farmaco o la sicurezza dei suoi prodotti.

Il percorso per aumentare i profitti è semplice: trovare nuovi impieghi per i loro vecchi farmaci, inventarne di nuovi e trovare nuovi mercati per entrambi i farmaci - vecchi e nuovi. Purtroppo, i bambini sono il nuovo mercato di oggi.

Le autorità, per approvare un nuovo farmaco, richiedono uno studio che ne provi l’efficacia e la non pericolosità. "Studio" è spesso un termine improprio, dato che la parola implica una qualche imparzialità e un risultato a priori sconosciuto.

Questi "studi" spesso sono più simili ad un procedere a tentativi: in uno di questi, corruzione e disonestà sono stati la regola. I bambini che hanno risposto al placebo sono stati rimossi dai dati, considerandoli come se avessero risposto negativamente al farmaco vero e proprio.

Ciò significava che gli unici bambini che sono rimasti nel gruppo di studio sono stati i cosiddetti "positivi alla reazione." E, per di più, i ricercatori il cui “fondo di ricerca” era finanziato dal produttore del farmaco, decidevano quali fossero i soggetti che rispondevano ‘positivamente’ al trattamento.

Questo, naturalmente, è un enorme conflitto di interessi in quanto ricercatori e industria farmaceutica hanno come unico obiettivo l’approvazione del farmaco da parte dell’autorità.

In un articolo pubblicato nel 2004, forse la più prestigiosa rivista medica britannica, Lancet ha detto che gli studi utilizzati per fornire la prova dell’utilità di molti farmaci anti-depressivi nei bambini erano "niente altro che frodi." In seguito a tale valutazione, l'uso su bambini di questi anti-depressivi è stato vietato in Gran Bretagna.

 

Il danno reale causato dall'uso di farmaci anti-depressivi conosciuti come SSRI (Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina - Prozac, Zoloft, Seroxat ecc.) su bambini in età scolare si trova solo in studi legittimi e più lunghi come quelli che continuano dai 17 mesi ai sei anni.

 

In uno di questi studi, il 25 per cento dei bambini “bi-polari” che erano stati trattati con SSRI per tre anni, sono stati riesaminati e diagnosticati con un disturbo ben più grave della malattia Bi-polare.

Questo numero è aumentato a 50 per cento dopo sei anni di uso del farmaco SSRI.

L'uso a lungo termine di nuovi anti-psicotici può portare a problemi molto più gravi rispetto alla malattia iniziale; diabete, obesità e morte prematura sono stati tutti legati all'uso di questi farmaci.

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani consiglia di informarsi attentamente sugli effetti dei farmaci antidepressivi.

 

Avvertenze su questi ed altri psicofarmaci sia per adulti che per bambini è possibile trovarli anche consultando il sito dell'Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA).

 

Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani onlus

Tel 0236510685

Email:info@ccdu.org

www.ccdu.org

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 22/10/2010 @ 13:00:30, in ro - Stiinta si Societate, read 1922 times)

 Posibilitatea ca tainele mintii umane sa fie descifrate nu mai este, in conditiile descoperirilor de ultima ora realizate in domeniul investigatiilor cerebrale, la fel de indepartata precum pareau in urma cu cateva decenii. Si aceasta pentru ca proiecte care nu demult constituiau apanajul literaturii science-fiction, incep sa prinda viata. Un asemenea proiect se refera la o tehnica revolutionara de citire a gandurilor, prin intermediul computerului, tehnica imaginata de o echipa de cercetatori americani.

Aparent, metoda este cat se poate de simpla: scanarea creierului se face prin intermediul rezonantei magnetice, dupa care un computer analizeaza imaginile reflectand activitatea scoartei cerebrale si poate releva la ce anume se gandea persoana supusa experimentului, in acele momente. Subiectilor li s-a cerut sa se uite pe un set de fotografii alb-negru iar computerul a fost capabil sa identifice corect, in proportie de 90%, imaginile privite, la un moment dat, de oameni. Aceasta in timp ce tentativele similare de identificare, facute prin metoda intuitiei, de un alt lot de participanti la experiment, a avut o acuratete de doar 8 reusite din 1000 de incercari!

Visele si amintirile, descarcate din creier ca dintr-un computer!

„Rezultatele pe care le-am obtinut sugereaza ca vom putea reconstrui imagini din experienta vizuala a unei persoane, precum si scene din memoria sau chiar visele ei, prin simpla masurare a activitatii cerebrale. Imaginati-va un dispozitiv de citire totala a creierului, care poate reconstrui fragmente din experienta vizuala a unui subiect, in orice moment”, spune conducatorul echipei de cercetatori implicati in acest proiect senzational, dr. Jack Gallant, de la Universitatea Berkeley, California.

Desigur, o asemenea abordare a generat temerea ca mintea suspectilor ar putea fi „citita” impotriva vointei acestora, nascandu-se astfel perspectiva terifianta a unor interogatorii pentru „crime de constiinta”. Savantii californieni spun insa ca aceasta perspectiva tine, cel putin deocamdata, de taramul fanteziei, intrucat tehnica pusa la punct de ei nu poate fi aplicata decat unor imagini pe care subiectii le privesc, nu la imagini din memoria acestora. Pe de alta parte, „decodorul” software utilizat trebuie sa fie adaptat pentru fiecare individ, pe o durata de cel putin o ora, cat timp subiectul este „scanat” cu rezonanta magnetica.

Dar tot cercetatorii americani au avertizat asupra potentialelor riscuri in viitor, cand tehnicile de scanare se vor imbunatati. „Este posibil ca decodarea activitatii cerebrale sa aiba serioase implicatii etice, si acest lucru se va produce poate in cel mult 30-50 de ani. Ne pronuntam cu hotarare impotriva oricaror posibile activitati de citire a gandurilor impotriva vointei subiectilor”, spune Gallant. Specialistul american apreciaza ca metoda va deschide porti nebanuite pentru stiintele medicale, sustinand ca e posibil ca in viitor sa se poata dezvolta tehnologii pentru vizualizarea amintirilor si viselor.

„Probabil ca gandurile sunt stocate in creier asemenea unor informatii pe hardul unui computer, si pot fi, ca si acestea, descarcate si vizualizate. Daca vom reusi sa gasim cheia acestei probleme vom fi capabili sa reconstruim imaginile din vis”. Pe de alta parte, savantii interesati, de asemenea, de aceasta problematica apreciaza performanta colegilor americani ca fiind un imens progres. „Este un rezultat impresionant, care va ajuta la decodificarea activitatii cerebrale si poate chiar la intelegerea starilor mentale ale persoanelor aflate in coma”, apreciaza dr. Steven Laureys de la Universitatea Liege, Belgia.

Autor: Gabriel Tudor ; Sursa: Magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

“Il Governo degli Stati Uniti sosterrà l'applicazione delle vigenti leggi contro il consumo della marijuana anche in caso di approvazione della Proposition 19”. Così Eric Holder,Ministro della Giustizia,si suppone con l'approvazione del Presidente.

In altre parole per l'Amministrazione Obama i risultati del referendum sono irrilevanti rispetto alle norme federali sull'uso della marijuana.

La proposition 19,che sarà votata il prossimo 2 novembre,se approvata consentirà in California ai maggiori di 21 anni di condividere e portare con se fino ad un massimo di un'oncia (28,35 gr.) di marijuana per uso personale,ed a coltivare fino ad un max di 25 piedi quadrati (circa 3 metri quadrati) su terreno di loro proprietà. Comuni e Contee (provincie) emetteranno le autorizzazioni e fisseranno la tassazione sulle vendite.

In pratica  la marijuana,purchè coltivata entro piccoli appezzamenti privati,può essere prodotta e venduta come le mele.

“Questa diverrebbe una nuova industria ,con un reddito tassabile,e con un incremento del turismo in California” sostiene un consumatore per motivi terapeutici (permesso) in coda davanti ad un dispensario di San Francisco.(QUI 1)

E' l'argomento che ha fatto in un certo qual modo pendere Schwarzenegger in favore della proposition 19, affermando che lui “avrebbe accettato il risultato del referendum” senza opposizioni. Pur di rimpinguare le disastrate casse della California con un buco di 42 miliardi di dollari il Governatore ha aperto alla possibilita’ di legalizzare la marijuana anche per uso ‘ricreativo’, oltre che per fini terapeutici.

Lui,repubblicano,non poteva dire che era d'accordo tout court,ma che lo faceva per amore della California,questo sì. Ma questo quando i sondaggi davano il sì quasi sicuro.

Invece secondo un ultimo sondaggio riportato dal LA Times il giorno 20 ottobre (QUI),si registra una inversione della tendenza rispetto a settembre col 49% di no ed il 44% di sì. Chissà,forse la posizione di Obama sta avendo il suo peso,almeno su questo punto.

Fonte: nytimes.com - fainotizia.it - Autore: Hérisson

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 1069 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Shifting asylum 'burden,' U.S. sends Guatemala first Honduran migrant

Microsoft granted license to export 'mass-market' software to Huawei

U.S. judge rebukes Epstein estate for keeping accusers in dark about settlement

Former Baltimore mayor pleads guilty to charges related to book sales

U.S. charges Chinese national with stealing trade secrets: Justice Department

Colombian protests end with tear gas, curfew in city of Cali

Ultimele articole - Antena3.roHOROSCOP. Sfatul Arhanghelului Mihail pentru zodii 22 noiembrie. Gemenii sunt creativi, Sagetatorii trebuie sa înve?e sa râda

HOROSCOP 22 NOIEMBRIE. Scorpionii se simt debusola?i, Gemenii î?i fac planuri de viitor

CALENDAR ORTODOX 22 NOIEMBRIE. Ce sfin?i sunt sarbatori?i astazi

Eleva din Bacau a primit într-o zi un mesaj ciudat pe o re?ea de socializare. A decis sa raspunda. A fost momentul când pentru ea avea sa înceapa co?marul

Secretarul general al PNL, despre Iohannis: Este un om al carui destin a fost scris de Dumnezeu! Mircea Badea: Nimeni nu vede monstruozitatea asta?

HOROSCOP. Ele sunt zodiile cu care te potrive?ti cel mai bine pentru o partida de amor





22/11/2019 @ 03:19:31
script eseguito in 919 ms