Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

 Din ziua cand oamenii au reusit sa se desprinda de Terra si sa porneasca, la bordul unor navete spatiale, spre Cosmos, nimeni nu i-a mai putut opri sa viseze cu ochii deschisi la colonizarea spatiului. Deocamdata, pamantenii au reusit sa ajunga pe Luna si se pregatesc cu ardoare sa plece spre Marte. Unii se tem insa ca asemenea „vizite” nu sunt de bun augur si aduc in sprijinul convingerilor lor faptul ca toate sondele spatiale trimise pana acum spre Planeta Rosie s-au defectat.

Mai mult decat atat, se pare ca prezenta noastra nu este dorita nici in afara Sistemului Solar, dupa cum dovedesc incidentele in care a fost implicata sonda Pioneer 10.

Cine o franeaza pe Pioneer 10?

 Dupa cum se stie, aceasta sonda a fost lansata de NASA pe 2 martie 1972 si, impreuna cu „sora sa geamana”, Pioneer 11, a revolutionat astronomia prin imaginile detaliate ale planetelor Jupiter si Saturn, retransmise spre Pamant. In iunie 1983, Pioneer 10 a trecut de Pluto – pe atunci considerata cea mai indepartata planeta a Sistemului Solar, astazi insa „retrogradata” la rangul de planetoid. Ambele sonde calatoresc si in momentul de fata, cu o viteza de aproape 40.000 km/ora, catre stele pe care le vor intalni probabil peste cateva milioane de ani.

Oamenii de stiinta din cadrul NASA monitorizeaza permanent semnalele primite de la Pioneer 10, aflata acum la peste 15 miliarde kilometri de Terra. Dar datele colectate in ultima vreme si publicate in revista The Psysical Review sugereaza ca viteza sondei s-a redus treptat, in ultimul deceniu, si continua sa se micsoreze, in mod inexplicabil. Initial, s-a suspectat ca de vina pentru aceasta „franare” ar fi gazele scapate din motoarele de racheta de la bordul sondelor sau caldura degajata de microcentralele nucleare care asigura inaintarea in spatiu.

Suntem supusi „cenzurii cosmice”?

Ambele variante au fost insa eliminate si specialistii americani recunosc ca nici o teorie curenta nu poate explica de ce forta de franare care actioneaza asupra lui Pioneer 10 ramane constanta: toate celelalte forte ce ar putea constitui explicatii plauzibile, de la gravitatie la efectul radiatiilor solare, scad treptat, odata cu cresterea distantei fata de Soare. S-a eliminat totodata si posibilitatea ca sonda spatiala sa fie afectata de atractia gravitationala a unor planete necunoscute, aflate dincolo de Sistemul Solar.

Presupunerile specialistilor, ca anomalia ar fi cauzata de o defectiune de la bordul lui Pioneer au fost infirmate, dupa ce s-a descoperit ca si alte doua sonde spatiale, Galileo si Ulysses, sunt afectate de enigmaticul efect de franare. In plus, datele furnizate de aceste doua sonde releva ca forta are aceeasi putere ca si cea semnalata la Pioneer. Dr. Duncan Steel, de la Universitatea Salford, spune ca pana si o forta slaba ar putea avea efecte uriase la scara cosmica. „Ea ar reduce numarul de comete care vin spre Pamant, cu consecinte deosebit de importante pentru viata terestra. De asemenea, pune in discutie tot ceea ce stim pana in prezent despre gravitatie.”

Descoperirea i-a determinat insa pe multi ufologi si cercetatori ai misterelor sa banuiasca faptul ca am putea fi supusi unei „cenzuri cosmice” si ca, la fel ca si in cazul navetelor spatiale trimise spre planeta Marte si defectate in mod inexplicabil, forta care impinge sondele NASA inapoi, spre Sistemul Solar, ar avea nu o origine naturala, ci una artificiala. Cu alte cuvinte, „cineva” vrea sa ne tina legati de Pamant...

Sursa: revistamagazin.ro

WIE VAN DE DRIE

 Katrina 
Bellen | Paola | Katarina
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

... CONTINUES.

5) An inherent obsolescence which creates inferior products immediately due to the need to stay “competitive”. This little recognized attribute of production is another example of the waste which is created in the market system. It is bad enough that multiple companies constantly duplicate each others items in an attempt to make their variations more interesting for the sake of public consumption, but a more wasteful reality is that due to the competitive basis of the system, it is a mathematical certainty that every good produced is immediately inferior the moment it is created, due the need to cut the initial cost basis of production and hence stay “competitive” against another company... which is doing the same thing for the same reason. The old free market adage where producers “create the best possible goods at the lower possible prices” is a needlessly wasteful reality and detrimentally misleading, for it is impossible for a company to use the most efficient material or processes in the productions of anything, for it would be too expensive to maintain a competitive cost basis. They very simply cannot make the “strategically best” physically it is mathematically impossible. If they did, no one would buy it for it would be unaffordable due the values inherent in the higher quality materials and methods. Remember people buy what they can afford to. Every person on this planet has a built in limit of affordability in the monetary system, so it generates a feedback loop of constant waste via inferior production, to meet inferior demand.

In a sustainable society, goods are created to last, with the expansion and updating of certain goods built directly into the design, with recycling strategically accessed as well, limiting waste. You will notice the term “strategic best” was used in a statement above. This qualification means that goods are created with respect to state of affairs of the planetary resources, with the quality of materials used based on an equation taking into acct all relevant attributes, rates of depletion, negative retro-actions and the like. In other words, we would not use TITANIUM for every single computer enclosure made, just because it might be the empirically “strongest” materials for the job. That practice could lead to depletion. Rather, there would be a gradient of material quality which would be accessed through analysis of, again, relevant attributes, such as comparable resources, rates of natural obsolescence for a given item, statical usage in the community, etc. These properties and relationships could be access through programming, with the most strategically viable solution computed and output in real time.

TO BE CONTINUED ...

Author: Peter Joseph ; Source: The Zeitgeist Movement - Newsletter July 1st, 2010

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 09/10/2010 @ 08:00:43, in it - Scienze e Societa, read 1657 times)

Trovare informazioni su Google da oggi sarà ancora più immediato e 'intelligente' grazie a Instant, una nuova infrastruttura tecnologica che permette di risparmiare dai 2 ai 5 secondi di tempo per ogni ricerca. Il tutto grazie a un nuovo meccanismo che 'prevedè in anticipo cosa l'utente sta cercando.

 

Tradotto a livello globale, significa che per ogni secondo speso su Google il nuovo sistema permette di far risparmiare 11 ore di tempo agli utenti di tutto il mondo, o 111 anni per ogni giorno che passa.

 

La tecnologia, presentata oggi in California, consiste in una nuova interfaccia per il motore di ricerca più utilizzato al mondo e di un nuovo algoritmo che 'indovina' in anticipo le ricerche degli utenti, proprio mentre questi stanno digitando quello che cercano: un vero e proprio sistema intelligente, che apre la strada a un nuovo modo di cercare informazioni su internet. Il meccanismo è diverso da quello di Google Suggest (oggi rinominato 'funzione di completamento automatico'), che era stato progettato per suggerire, durante la ricerca, i termini più ricercati dagli altri utenti e che, secondo Google, consentiva già «di ridurre di circa il 50% il tempo necessario per effettuare una ricerca».

Diverse le novità introdotte con Instant: da oggi non è più necessario finire di scrivere il termine di ricerca o premere il tasto invio per accedere ai risultati. Inoltre, i risultati più rilevanti sono visualizzati in modo dinamico mentre si digita la parola, così da poter interagire e cliccare ancor più rapidamente sul contenuto web d'interesse. Infine, sarà possibile scorrere con il cursore lungo i suggerimenti evidenziati dal sistema, e visualizzare parallelamente i singoli risultati di ricerca.

Il colosso di Mountain View stima che «per ogni ricerca media, ora Google mostrerà da 5 a 7 volte più risultati rispetto a prima ed è evidente quindi come Instant rappresenti un'importante sfida per la tecnologia e l'infrastruttura alla base del nostro motore di ricerca. Riuscire ad anticipare le ricerche consente anche di prevedere i risultati ma, prima di poter rendere tutto questo una realtà, il team di Google ha dovuto affrontare una serie di sfide tecniche e di design». Il sistema è disponibile a partire da oggi per tutti sul sito www.google.com (in lingua inglese), e a tutti gli utenti con un account di Francia, Spagna, Italia e Regno Unito. A breve, Instant sarà reso disponibile anche agli utenti russi.

Fonte: leggo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 08/10/2010 @ 13:00:42, in ro - Observator Global, read 1323 times)

... CONTINUA.

Masoneria română nu este un partid
 
Q Magazine: Revenind la laitmotivul acestei discutii, alegerea unui nou Mare Maestru. Care este candidatul cu cele mai mari sanse?

Remus Borza: Ceea ce am omis să precizez încă de la începutul discutiei noastre si vreau să subliniez acum: toate opiniile exprimate sunt strict personale si nu reprezintă punctul de vedere oficial al M.L.N.R., cu atât mai putin al vreunui candidat. Masoneria română, masoneria în general, trebuie reformată pentru a tine pasul cu noile realităti, dinamici si tendinte ale secolului XXI. Desi iarăsi e o contradictie în termeni: masonerie si reformă. Masoneria este o stare de fapt sau mai degrabă o stare de spirit. Puterea masoneriei stă în simbolismul si umanismul pe care îl cultivă de secole. Or, aceste valori nu sunt susceptibile de reformă. Si ele asa vor si rămâne: ingenue, intangibile si imuabile. Reforma nu vizează esenta, fondul masoneriei, ci forma, organizarea si adaptabilitatea la noile realităti, mentalităti si nevoi sociale.

Masoneria română nu este un partid, un sindicat sau un club de socializare. Masoneria română înseamnă mediul academic, universitar, bancar, financiar, politic, cultural, sportiv si chiar confesional. Si iarăsi nu este niciun antagonism. Primul Patriarh al României, Miron Cristea, a fost mason, si nu a fost singurul. Masoneria nu este atee, dar în acelasi timp nu este nici habotnică. Ateismul masonic nu este altceva decât o marotă a ignorantilor care nu cunosc nimic legat de istoria, cutumele si spiritul masonic. Eu as defini masoneria ca pe o religie. O religie a tuturor religiilor. Masoneria primeste în rândurile ei deopotrivă crestini, musulmani, iudaisti, budisti, confucianisti etc. Conditia esentială este ca fiecare candidat să-si mărturisească credinta în existenta Creatorului, indiferent cum s-ar numi el. Asa că nu trebuie să vă surprindă că într-o lojă („Memento Mori" este un exemplu) găsiti evrei, crestini si musulmani trăind intens si în deplină comuniune bucuria fraternitătii, a tolerantei si a dragostei. Nu o să treacă multi ani până când aceste bariere confesionale vor cădea. André Malraux spunea „Secolul XXI va fi un secol religios sau nu va fi deloc". Eu împărtăsesc a doua teză. Indiferent de prozelitismul mai mult decât agresiv al Bisericii Ortodoxe (vezi cazul României) dar si catolice, de fundamentalismul si radicalismul islamist, religiile traditionale îsi cântă prohodul.

Revenind la întrebarea dvs. Sunt opt candidati, dar din punctul meu de vedere confruntarea finală se va da între Radu Bălănescu si Mircea Gheordunescu. Ambii, două personalităti ale vietii profane si masonice. Ideal ar fi să câstige acel candidat care si-a probat atât în viata profană cât si în cea masonică calitătile manageriale. Resursa umană, pe care masoneria română o are din belsug, este poate cel mai greu de manageriat. Masoneria nu si-a propus nici în trecut si cu atât mai putin nu îsi va propune nici în viitor să facă sau să desfacă guverne. Dar ea trebuie să îsi asume un anume activism social, în contextul în care România este lipsită de perspective, de orizonturi. Si atunci, după modelul Clubului de la Roma, va trebui să constituim grupuri de lucru interdisciplinare pe o anumită tematică sau domeniu, care să elaboreze studii de impact, analize exhaustive, proiecte, să propună spre dezbatere publică politici de dezvoltare sectorială, directii, priorităti si programe nationale.
 
„Am onorabilizat sute de bastarzi"
 
Q: Tot vorbeati de activismul civic al masoneriei. De ce vedeti România printr-o perspectivă atât de sumbră?

R.B.: Dati-mi voie să mă explic. Dacă în masoneria română se impune o reformă, în ceea ce priveste instrumentele de lucru, mijloacele de comunicare si pe cei chemati să slefuiască piatra brută, în societatea românească se impune o restauratie. Dar să fiu clar înteles, nu de regim. Am în vedere o restauratie a valorilor si principiilor definitorii poporului român si pe care în 20 de ani de democratie originală le-am abandonat fără regrete si mustrări de constiintă. Ne-am pierdut respectul fată de părinti, fată de dascăli, fată de colegul de serviciu sau vecinul de apartament. Ne-am pierdut onoarea si simtul apartenentei la un popor, la o tară. Am devenit sclavii banului si ai puterii. Ne cerem cu obstinentă drepturile uitând că avem si obligatii. Ne-am dezvoltat o mentalitate de asistat, iar indolenta, delatiunea, frivolitatea, grobianismul si mediocritatea le-am ridicat la rang de virtuti. Trăim o profundă dramă. Drama dezumanizării. Pentru că, ce devine un om fără principii, valori si sentimente decât un animal. Un animal domestic, dar în fond tot un animal. Usor de dresat si de condus. La acest atât de vizibil proces degenerativ ati contribuit si voi cei din presa scrisă sau audio. Pentru că v-ati abandonat menirea de formatori de opinie. Or, ce fel de opinie, ce fel de oameni ati format, câtă vreme 20 de ani, zi de zi ati promovat cu nonsalantă si aproape inconstient nonvaloarea, kitsch-ul, grotescul si promiscuitatea. Si atunci nu trebuie să vă mai surprindă că o pitipoancă ce până mai ieri dansa jucăus pe genunchiul unui potentat al zilei, ajunge deputat, senator, ministru, sau ferească Dumnezeu ce functii îi mai rezervă viitorul. Că un băiat care ieri dădea cu piciorul în minge a ajuns imaginea României, în conditiile în care, în ultimii 20 de ani, si fotbal ne e lene să mai jucăm. De Eminescu, Paulescu, Enescu, Iorga, Titulescu, Hurmuzescu, Teclu, Edeleanu, Karpen, Procopiu, Moisil, Titeica, Coandă, Grigorescu a mai auzit cineva? Încotro ne îndreptăm si cu cine? Brucan spunea că ne trebuie 20 de ani ca să ne schimbăm mentalitatea. Din păcate, nu numai că nu ne-am dezbărat de vechile năravuri, dar am deprins altele noi. Poti muri prin spitale cu zile. Asta reprezintă o dramă individuală. Dar nu poti sacrifica sistemul educational din România. Este echivalent cu o condamnare la moarte colectivă. M-am întors recent din SUA. Nu există casă care să nu aibă arborat steagul tării. Patriotismul la americani nu e unul de fatadă ci unul organic. Nouă ne e rusine si să ne arătăm pasaportul. Si totusi România are o istorie de cel putin 2.000 de ani, comparativ cu cea a Americii, de doar 200 de ani. Si la ce ne foloseste? Unde sunt cei mai viteji si mai drepti dintre traci? Cred că i-au mâncat gotii, vizigotii si fanariotii... Si totusi mai există sperantă.

Sursa: qmagazine.ro - Autor: Floriana Jucan

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

... CONTINUES.

4) A propensity for “Establishments”. Very simply, established corporate/financial orders have a built in tendency to stop new, socially positive advents from coming to fruition, if there is a foreshadowed loss of market share, profit and hence power. It is important to consider the basic nature of a corporation and its inherent need for self perpetuation. If a person starts a company, hires employees, creates a market and becomes profitable, what has thus been created, in part, is the means for survival for a group of people. Since each person in that group typically becomes dependent on their organization for income, a natural, protectionist propensity is created whereas anything that threatens the institution thus threatens the well being of the group/individual. This is the fabric of a “competition” mindset. While people think of free market competition as a battle between two or more companies in a given industry, they often miss the other level - which is the competition against new advents which would make them obsolete, outright. The best way to expand on this point is to simply give an example, such as the US Government and 'Big Oil' collusion to limit the expansion of the fully Electric Car (EV) in the US. This issue was well presented and sourced in the documentary called "Who Killed the Electric Car?". The bottom line here is that the need to preserve an established order for the sake of the well being of those on the pay role, leads to an inherent tendency to stifle progress. A new technology which can make a prior technology obsolete will be met with resistance unless there is a way for the market system to adsorb it in a slow fashion, allowing for a transition for the corporations (IE - the perpetuation of "Hybrid" cars in the US, as opposed to the fully electric ones which could exist now, in abundance.) There are also large amounts of evidence that the FDA has engaged in favoritism/collusion with pharmaceutical companies, to limit/stop the availability of advanced drugs which would void existing/profitable ones.

In a sustainable society, there is nothing to hold back developmental/implementation of anything, once it has been tested thoroughly. There could be no “Established Institutions”. New methods would immediately be implemented into society, with no monetary institution to thwart the change due to their self-preserving nature.

TO BE CONTINUED ...

Author: Peter Joseph ; Source: The Zeitgeist Movement - Newsletter July 1st, 2010

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

"Trăim în România si asta ne ocupă tot timpul" este fraza lansată de Mircea Badea si adoptată de milioane de români din întreaga tară. Oameni care trăiesc într-o lume în care te întâlnesti la tot pasul cu absurdul, nesimtirea si, cel mai adesea, cu indiferenta celorlalti. Este lumea despre care vorbeste în fiecare seară Mircea Badea, în emisiunea În Gura Presei. Este lumea lui Badea.

Atentia lui Mircea Badea a fost captată, marti seară, de un pasaj al unui interviu cu Monica Bârlădeanu. Realizatorul emisiunii "În Gura Presei" a comentat un SMS pe care actrita i l-ar fi trimis unui jurnalist, mesaj care ulterior a si fost publicat.

Se pare că Monica Bărlădeanu l-a întrebat pe jurnalist dacă a citit polemica dintre Tismăneanu si Tamas în jurul marxismului est-european."Eu ceva mai tare n-am citit în viata mea", a spus prezentatorul, făcând referire la SMS-ul expediat de actrită.

Continutul mesajului l-a lăsat cu gura căscată pe Mircea Badea, care a adresat o întrebare retorică: Tu ce ai răspunde dacă Monica Bârlădeanu te-ar întreba dacă ai citit polemica dintre Tismăneanu si Tamas în jurul marxismului est-european?

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 08/10/2010 @ 08:00:57, in it - Scienze e Societa, read 4714 times)

Ascoltavo la Gelmini in conferenza stampa mentre snocciolava le cifre degli insegnanti del suo ministero quando due numeri mi hanno colpito:
settecentomila e duecentoventinovemila. Il primo è il numero relativo agli insegnanti di ruolo e il secondo è il numero dei precari in Italia.


Mariastella Gelmini, insomma, è responsabile di un dicastero che dà lavoro a quasi un milione di insegnanti.

Se il ministero della Pubblica Istruzione avesse come dipendenti solo docenti, sarebbe già la quinta azienda del pianeta dopo Wal-Mart, le ferrovie indiane, la State Grid (l’Enel dell’India) e la China National Petroleum.

Tanto per darvi un’idea la Nestlé ha 250.000 dipendenti, la Microsoft ha circa 100.000 impiegati, l’ENI ne ha circa 80.000 e l’Unicredit 170.000. McDonald’s arriva a 450.000.

Ora immaginate che a dirigere l’Unicredito, l’Eni, la Microsoft, la Nestlé e McDonald’s ci sia una amministratrice delegata che vanti questo impressionante curriculum:

- Avvocato, è specializzata in diritto amministrativo.

- Entrata in Forza Italia sin dal 1994, nel 1998 è stata prima degli eletti al Comune di Desenzano, ricoprendo sino al 2002 la carica di Presidente del Consiglio Comunale.

- Dal 2002 è stata assessore al Territorio della Provincia di Brescia e, dal 2004, assessore all’Agricoltura.

- Prima degli eletti nella circoscrizione di Brescia per Forza Italia, entra nel Consiglio Regionale della Lombardia nell’aprile del 2005.

- Il mese successivo è nominata da Silvio Berlusconi coordinatrice regionale di Forza Italia in Lombardia.

- Nel 2006 è eletta per la prima volta alla Camera dei Deputati per la XV legislatura (biografia fornita dallo staff del ministro).

Questo e’ il curriculum ufficiale del ministro che occupa la poltrona un tempo occupata da personaggi minori come Antonio Segni e Aldo Moro (ministri della pubblica istruzione negli anni’50), Oscar Luigi Scalfaro (1972) o Giovanni Spadolini (1979), un ministro che sta finalmente introducendo meritocrazia, efficienza e rigore nella pubblica istruzione.

A rifletterci bene, pero’, e’ un curriculum ufficiale un po’scarno: che ce ne sia uno occulto?

Fonte: ilfattoquotidiano.it - Autore: Ernesto Salvi

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 07/10/2010 @ 13:00:49, in ro - Observator Global, read 3641 times)

Eterna si fascinanta Românie! Mereu surprinzătoare, mereu în campanie, mereu în alegeri. Anul 2008 - cel al localelor si al legislativelor, 2009 - al europarlamentarelor si al prezidentialelor, 2010 - al masoneriei. Desi pe agenda publică nu figurează o atare campanie, totusi de rezultatul acestor alegeri, într-o măsură mai mare sau mai mică, depinde însusi viitorul României. Masoneria, cu aura ei de mister si discretie, comunică destul de rar si oricum lapidar cu societatea profană, ca să o numim astfel. Dar asta nu înseamnă că nu există si că nu se manifestă plenar în multe domenii vitale pentru destinul nostru colectiv. E greu să găsesti vreun initiat care să vorbească despre masonerie. Dar în contextul apropiatei alegeri din 6 noiembrie 2010 a noului Mare Maestru al Marii Loji Nationale din România, persoana care va conduce masoneria cel putin în următorii trei ani, l-am convins pe reputatul avocat Remus Borza, mason cu state vechi, să purtăm un dialog sincer, necesar si util despre masonerie si România, convergente si divergente.

„În masonerie nu ar trebui să intre oricine"
 
Q Magazine: Când ati devenit mason? Si cum?

Remus Borza: În masonerie nu intră sau nu ar trebui să intre oricine si oricând vrea. Indiferent cât de mare sau de tare esti, trebuie să astepti să fii invitat. Invitatie care s-ar putea să nu o primesti niciodată. Pentru că masoneria adevărată primeste în rândurile ei doar oameni liberi, onesti, respectati si de bune moravuri, oameni care reprezintă ceva prin ei însisi, oameni consacrati în domeniul lor de activitate sau tineri cu un real potential de afirmare. Cu alte cuvinte, masoneria ar trebui să initieze doar bărbati care ar legitima si onora confreria, dându-i un plus de valoare, fortă si credibilitate, si nu oameni care se legitimează prin masonerie. Asta ar fi masoneria ideală, perfectă.

Revenind la întrebarea dvs. Era în primăvara anului 1998, prin aprilie cred, când am fost sunat de un om mai în vârstă, care s-a recomandat a fi scriitorul Aristide Butunoiu, Venerabilul Lojei „Nicolae Bălcescu". Mi-a solicitat o întâlnire pe care am acceptat-o bucuros. La câteva zile, am luat masa la Restaurantul Cina, de lângă Ateneul Român, cu dl. Butunoiu. Mi-a spus că fusesem recomandat de regizorul Cornel Diaconu si că, în urma investigatiilor efectuate, s-a hotărât să înceapă procedurile de initiere dacă nu aveam nimic împotrivă. Evident că am fost onorat de invitatie si în toamna lui 1998 eram primit în Loja „Nicolae Bălcescu". În anul 2001, împreună cu Aristide si alti cinci frati, am fondat Loja „Dreptate si Frătie", al cărei Venerabil am si fost, pentru ca în 2008 să punem temelia unei alte Loji - „Memento Mori", pe care am condus-o până în iunie 2010.

Q: De ce această dinamică? Ce v-a determinat să plecati din „Nicolae Bălcescu" si ulterior din „Dreptate si Frătie"?

R.B.: Loja „Nicolae Bălcescu" era o lojă relativ omogenă din punct de vedere profesional. Era preponderent constituită din medici. Pot să afirm că erau cei mai buni medici din sistemul sanitar. Majoritatea doctori în stiinte medicale, profesori universitari sau directori de spitale. Eu eram singurul avocat, mai erau trei economisti dintre care doi erau presedinti de bancă si unul era presedintele unei multinationale, un inginer - presedintele uneia dintre cele mai vechi si mai mari societăti de constructii din România, Aristide Butunoiu - fost ofiter M.A.P.N. si un deputat - nu mai retin exact ce profesie avea, dar sigur nu era medic. Din cei peste 40 de membri ai Lojei „Nicolae Bălcescu" noi eram o minoritate destul de pestrită si nearticulată. În noua Lojă am vrut ca toate profesiile să fie reprezentate plenar la cel mai înalt nivel. În perioada de glorie 2004-2006, Loja „Dreptate si Frătie" număra peste 120 de oameni, numai unul si unul. Dar si masoneria e făcută tot cu oameni, cu calitătile si defectele lor, cu orgoliile, frustrările si ambitiile atât de comune profanului, dar din nefericire deloc străine nici masonului. Nu de putine ori, în viată o luăm de la început. Cu mai multă sperantă, cu mai multă încredere si determinare. Din acest punct de vedere, Loja „Memento Mori" reprezintă un nou început. Această dinamică, de care vorbeati, trebuie decriptată într-un context mai larg. Este dreptul ancestral si fundamental al masonului de a roi, de a se transfera într-o altă Lojă sau de a forma o nouă Lojă. Fără această migratie nu am fi ajuns astăzi la peste 300 de Loji pornind de la 3 în 1993. În anul reaprinderii luminii erau 19 masoni. Astăzi, peste 8.000. Crearea de noi Loji si cresterea numărului membrilor în această perioadă de tranzitie reprezenta un deziderat în plan intern, iar în plan extern recunoasterea M.L.N.R. de către celelalte mari obediente si în primul rând de către Marea Lojă Unită a Angliei.
 
România este un stat eminamente masonic
 
Q: Înaintea unor alegeri de o asemenea importantă, evident că se face un bilant. Care ar fi realizările si implicit neîmplinirile mandatului Marelui Maestru Eugen Ovidiu Chirovici, care a condus vreme de 7 ani Masoneria Română?

R.B.: Marele Maestru Eugen Ovidiu Chirovici a condus timp de 7 ani destinele masoneriei române. A fost cel mai longeviv în această demnitate, după 1990. Stabilitatea în scaun o perioadă atât de mare a creat premisele unor rezultate remarcabile mai ales în plan extern. În mandatul Marelui Maestru Chirovici s-au obtinut peste 70 din cele 136 de recunoasteri ale marilor obediente regulare, culminând cu recunoasterea Marii Loji Unite a Angliei în cursul anului 2008. În plan intern, masoneria s-a dezvoltat, structurat si consolidat. Evident că sunt si insatisfactii ce provin mai ales de pe palierul intern. Degeaba suntem recunoscuti si respectati în afara tării, dacă suntem ignorati sau contestati în interior. În aparentă suntem multi, chiar foarte multi. Cu toate astea nici pe departe nu suntem o voce auzită, ascultată si urmată. În planul perceptiei publice, masoneria este un fel de ONG cu multiple activităti esoterice, filantropice si culturale. Ceea ce s-a uitat si nici noi nu ne-am ostenit să reamintim este că România este un stat eminamente masonic. Unirea Principatelor de la 1859, ca de altminteri si Marea Unire de la 1918 sunt opere esentialmente masonice. Masoneria Română, de la înfiintarea primei Loji în 1734 la Galati si până în 1937 când s-a autosuspendat, s-a manifestat plenar ca un modelator si moderator social. Aceasta este menirea masoneriei, cu atât mai mult în zilele noastre, când România se confruntă cu o criză economică, socială, politică si în primul rând morală. România este într-o dramatică criză de identitate. Si-a pierdut reperele si valorile. Această lipsă de implicare a masoneriei, de activism public este condamnabilă. Masoneria reprezintă cărămida de temelie a României moderne. Masoneria nu s-a născut în 1993, atunci doar s-au reaprins luminile după 56 de ani de dictatură: Carol al II-lea, Antonescu, Ghe. Gheorghiu-Dej, Ceausescu. Marea Loja Natională a României s-a constituit în 1880 la Bucuresti, dar rădăcinile masoneriei române sunt mult mai vechi.

Q: Masoneria românească actuală mai are forta, autoritatea si credibilitatea masoneriei din trecut, pentru a-si asuma rolul istoric de care vorbiti?

R.B.: Acum nu. Si asta deoarece este prea putin cunoscută si înteleasă. Ne-am autoexilat în interiorul societătii în care trăim. Pentru a sparge aceste bariere va trebui să promovăm o politică de transparentă, deschidere si comunicare cu societatea civilă. Altminteri înseamnă să fim perceputi în continuare paradigmatic ca o organizatie ocultă, atee si antinatională. Paradoxal, nu? Peste tot în lume masoneria tinde să devină publică. În schimb, noi cultivăm o secretomanie sinucigasă. În era internetului si a tehnologiilor de vârf, e inutil să te iluzionezi că poti tine secrete chiar ritualurile sau landmark-urile masonice. Evident, trebuie să protejăm ezoterismul initierilor, al ritualurilor în general, dar dezideratele si actiunile noastre trebuie să fie publice. Masoneria trebuie să stea cu fata la popor, nu cu spatele. Institutia purtătorului de cuvânt este vitală din punctul de vedere al reconcilierii cu societatea civilă. Dacă în profan functia creează organul, în masonerie organul trebuie să legitimeze si să înnobileze functia. Nu am promovat nici în trecut si nici acum un astfel de om. Desi mă îndoiesc că într-o organizatie care se vrea elitistă, numărând peste 8.000 de membri, nu s-ar găsi o personalitate incontestabilă care prin eruditie, condescendentă, amplitudine intelectuală si naturaletea exprimării să se constituie într-o interfată atât de necesară între noi si restul lumii. Ca să fim un interlocutor credibil pentru societate si chiar un far călăuzitor prin lunga noapte a tranzitiei, nu trebuie să ne reinventăm, dar trebuie să ne recredibilizăm. Nu ne putem continuu legitima prin raportare la generatiile de aur ale masoneriei românesti, de mult trecute la orientul etern. Din cei 8.000 de membri, mai mult de două treimi reprezintă incontestabile valori, oameni de o probitate morală si profesională desăvârsită, personalităti de primă mărime ale vietii publice, dar care trăiesc un acut sentiment de frustrare prin asocierea persoanei lor cu niste anonimi fără chemare si fără vocatie masonică. Toamna, gospodinele îsi fac curătenie în cămară. Aleg cu grijă cartofii, cepele, merele putrede dintre cele sănătoase, aruncându-le la gunoi, tocmai pentru a nu le strica si pe cele bune. E timpul să facem si noi curat în cămara noastră.

Din dorinta oarecum legitimă de refacere a efectivelor cu orice pret, după ce fuseseră decimate de o lungă adormire, am deschis prea larg si aproape oricui portile masoneriei. Este îndeobste cunoscut că somnul natiunii si deopotrivă al ratiunii naste monstri. Noi nu am gestat tocmai monstri, dar câteva sute de bastarzi tot am onorabilizat. Dar, din păcate, onorabilizându-i pe ei, ne-am dezonorat pe noi. Din fericire, avem pârghii si institutii care pot imacula masoneria. Doar vointa ne mai trebuie.

VA URMA ...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

... CONTINUES.

3) A disjunct, inefficient industrial complex which wastes tremendous amount of resources and energy. In the world today, with the advent of Globalization, it has become more profitable to import and export both labor and goods across the globe, than to produce locally. We import bananas from Ecuador to the US, bottled water from Fuji Japan, while western companies will go to the 3rd world to exploit cheap labor, etc. Likewise, the process of extraction, to component generation, to assembly, to distribution of a given good might cross through multiple countries for a single final product, simply due to labor and production costs / property costs. This is extreme inefficiency and only justifiable within the market system for the sake of “saving money”. In a sustainable society, the focus would be maximum efficiency. The production process is not dispersed, but made as centralized and fluid as possible, with elements moving the very least amount, saving what would be tremendous amounts of energy and labor, as compared to methods today. Food is grown locally whenever possible (which is most of the time given the flexibility of indoor agriculture technology today) while all extraction, production and distribution is logically organized to use as little labor/transport/space as possible, while producing the *best possible goods. (*see more below) In other words, the system is planned, to maximize efficiently and minimize waste.

TO BE CONTINUED ...

Author: Peter Joseph ; Source: The Zeitgeist Movement - Newsletter July 1st, 2010

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Buongiorno a tutti, anche a beneficio della neurodeliri che prima o poi dovrà intervenire, leggiamo le ultime esternazioni del Presidente del Consiglio dei Ministri Silvio Berlusconi alla festa del Pdl a Milano ieri :“La sovranità è stata trasferita dal popolo ai PM che ci tengono sotto scopa” non si capisce di cosa stia parlando questo Signore, visto che da febbraio i suoi processi sono congelati e non si hanno notizie di nuove indagini che lo riguardino direttamente.

I vecchietti della P3.

A meno che, come spesso avviene, lui non sappia delle cose che noi non sappiamo, al momento si sa che ci sono i processi Mills, Mediaset e Mediatrade che sono bloccati a Milano da legittimo impedimento e che potrebbero sbloccarsi ma non a causa dei PM che tengono sotto scopa la politica, ma a causa dell’incostituzionalità che la Corte Costituzionale il 14 dicembre potrebbe rilevare sul legittimo impedimento e quindi cancellandolo riaprire quei processi che sono già dibattito, quindi il PM non c’entra nulla.
Potrebbe sapere qualcosa in più di quello che sappiamo noi? Sappiamo che c’è un’indagine a Firenze che nasce dalle dichiarazione di Gaspare Spatuzza e altri collaboratori di giustizia che vedi Berlusconi e Dell’Utri di nuovo indagati per strage, l’abbiamo detto questa estate, la Procura di Firenze ha chiesto e ha ottenuto la proroga delle indagini e quindi per un altro anno si va avanti a accertare tutto questo.
Ma Berlusconi non parla di quello, parla dello scandalo della P3 che evidentemente lo preoccupa, lui pubblicamente ha sempre detto: sono 4 vecchietti sfigati, ieri ha ripetuto “quelli della P3 sono 4 vecchietti che vengono tenuti dentro, finché parlano di Berlusconi” e perché dovrebbero parlare di Berlusconi? Quale pazzo tirerebbe in ballo l’uomo più potente d’Italia se non ce ne fosse il motivo? Il problema è che questi signori della P3 erano tutti legatissimi a Silvio Berlusconi, Flavio Carboni stava con lui nella P2, quest’ultimo gli ha venduto la Villa Certosa a Porto Rotondo in Sardegna, Flavio Carboni si agitava insieme a un altro fedelissimo di Berlusconi, Marcello Dell’Utri a un altro fedelissimo di Berlusconi, il coordinatore nazionale del Pdl Denis Verdini, a un altro fedelissimo di Berlusconi, quell’Arcangelo Martino che proprio due estati fa aveva fabbricato una giustificazione posticcia per spiegare l’incredibile rapporto di confidenza tra Berlusconi e la famiglia di Noemi Letizia, dicendo di avere conosciuto il papà di Noemi Letizia all’Hotel Raphael da Craxi in una circostanza in cui c’era anche Berlusconi, notizia che poi è stata ampiamente smentita dai fatti in quanto il rapporto tra Berlusconi e il Signor Letizia, come lo stesso Berlusconi cambiando poi 20 mila versioni o lo stesso Signor Letizia cambiando 20 mila versioni affermarono era risalente a un periodo nettamente successivo.
Infine c’è il famoso Pasqualino Lombardi, il geometra irpino che telefonava a giudici, trafficava con il Csm, trafficava con la Corte Costituzionale, trafficava intorno alla nomina del Presidente della Corte d’Appello di Milano, questi signori quando parlavano al telefono facevano spesso riferimento a un tale Cesare, bene, alcuni di loro, compreso Martino hanno detto che quel Cesare era il nome in codice che usavano tra di loro per designare Berlusconi, Martino ha recentemente anche chiamato in causa Gianni Letta come uno dei referenti delle sue attività.
Berlusconi quindi ha paura che questi signori parlino di lui, ma non mentendo, dicendo la verità perché erano tutti uomini direttamente o indirettamente legatissimi a lui e al suo entourage. Aggiunge il Cavaliere “Se una legge non piace ai PM ricorrono alla Corte costituzionale che è formata, lo sanno tutti, da 11 giudici di sinistra su 15 che sotto la pressione dei PM di sinistra abrogano le leggi” in realtà i PM non c’entrano niente con la Corte costituzionale, perché? Perché sono i tribunali o le Corti d’appello o la Corte di Cassazione, i giudicanti non i pubblici Ministeri, che possono sollevare questioni di incostituzionalità a proposito delle leggi, quindi i PM con la Corte Costituzionale non c’entrano nulla, né i PM di sinistra, né i PM in assoluto, stiamo parlando proprio di un caso di analfabetismo istituzionale che tracima nella psichiatria.
Ma sarà vero che 11 giudici costituzionali su 15 sono della sinistra? Berlusconi spesso ripete che sono 10 i giudici costituzionali della sinistra, adesso evidentemente sono diventati 11 nelle ultime notti anche l’undicesimo ce lo siamo giocato e allora vediamo chi sono questi giudici della Corte Costituzionale, perché lui dice che molti giudici sono di sinistra nella Corte Costituzionale? Perché ce ne è una parte che è di nomina parlamentare in realtà Corte costituzionale e una parte che è di nomina del Presidente della Repubblica e lui sostiene che gli ultimi 3 Presidenti della Repubblica: Scalfaro, Ciampi e Napolitano sono tutti e tre di sinistra, Scalfaro era un democristiano della destra della DC degasperiano, scelbiano, Scelba è quello della celere, secondo lui Scalfaro è di sinistra e quindi nomina giudici di sinistra la Corte Costituzionale, problema: non esistono nella Corte costituzionale giudici nominati da Scalfaro, quest’ultimo ne nominò a suo tempo, poi scaddero e quindi non ce ne sono più di giudici nominati da Scalfaro, ma lui non lo sa, Berlusconi!
Poi ci sono i giudici nominati da Ciampi e da Napolitano, quello nominato da Napolitano è uno, quello nominati da Ciampi sono 4, sono di sinistra? Non si sa come faccia a saperlo Berlusconi se sono di sinistra o di destra, sono dei giuristi di chiara fama che mai hanno manifestato alcuna simpatia da una parte o dall’altra. Ancora più ridicola è l’accusa al giudice nominato da Napolitano, il Giudice Paolo Grossi che è un fiorentino, naturalmente non è un giudice di carriere, i giudici della Corte costituzionale, anche se Berlusconi non lo sa, non sono magistrati, sono professori universitari, avvocati, giuristi, nessuno ha fatto il magistrato, infatti il Prof. Grossi è un giurista, è uno storico del diritto, fiorentino, noto negli ambienti accademici per essere un cattolico di destra, conservatore, lo ha nominato Napolitano e quindi secondo Berlusconi questo cattolico conservatore è diventato comunista pure lui!
In ogni caso se i giudici nominati da Ciampi – e non si vede il perché – e quello nominato da Napolitano non ce ne è prova, anzi c’è prova del contrario, fossero di sinistra, arriveremmo a 5 giudici di sinistra e gli altri 6 per arrivare a 11 come dice Berlusconi, chi sono? Qui siamo veramente nel paranormale, perché i giudici costituzionali sono attualmente così composti: ho nominato dal Consiglio di Stato, uno nominato dalla Corte dei Conti, tre nominati dalla Cassazione, cinque dal Parlamento, come sono stati nominati quelli del Parlamento? Sapete che ci vuole la maggioranza qualificata, di quei 5 nominati dal Parlamento, il centro-destra ne ha nominati due e il centro-destra ne ha nominati tre, quindi facendo finta che quello di destra nominato da Napolitano siano diventato comunista, che i 4 nominati da Ciampi siano tutti comunisti e non ce ne è traccia di queste loro simpatie politiche, avremmo 4 più uno cinque, più i due nominati dal Parlamento in quota centro-sinistra e arriveremmo a 7, e questi 11 di cui parla questo chi sono? Da dove vengono? Come fa a saperlo, cosa dice il Presidente del Consiglio a proposito della più alta istanza giuridica nazionale che è quella che deve valutare la congruità delle leggi rispetto alla Costituzione.
A questo punto il Cavaliere annuncia che è nostro dovere (suo immagino) chiedere l’istituzione di una Commissione parlamentare che indaghi sui poteri dei PM e su tanti fatti accaduti e su questo si verificherà la lealtà dell’alleato Fini perché se non vota tutto quello che dice lui, è sleale, naturalmente Fini ha già detto che nel programma elettorale non c’è traccia di questa Commissione parlamentare, come non c’è traccia dei lodi etc. e quindi i suoi hanno già annunciato che non la voteranno.
Ma è interessante vedere cosa ha in mente il Cavaliere, una Commissione parlamentare che con i poteri della Magistratura indaghi sulla Magistratura per fare ciò che non può fare ovviamente, perché il potere parlamentare, legislativo non può indagare su un altro potere, sul giudiziario, perché? Perché altrimenti ne calpesterebbe le prerogative di indipendenza e di autonomia, quindi sarebbe una Commissione parlamentare di inchiesta incostituzionale.
Su quali fatti dovrebbe indagare? Sui poteri dei PM e su tanti fatti accaduti, i poteri dei PM sono regolati dalla Costituzione, quindi se a Berlusconi non piacciono i poteri che hanno i PM in base alla Costituzione può cambiare la Costituzione se ci riesce, se ha ancora uno straccetto di maggioranza, c’è da dubitarne, allora cosa fa? Non potendo cambiare la Costituzione, fa una bella Commissione parlamentare, pensate che lui voglia veramente accertare dei fatti o accertare i poteri dei PM? No, lui vuole fare un gran casino, vuole buttarla in caciara, perché? Perché deve ottenere alla svelta due obiettivi: 1) un lasciapassare del Parlamento a una legge che lo salva dai processi, ormai mancano poco più di due mesi alla decisione della Corte Costituzionale sul legittimo impedimento, ha bisogno di qualcosa di rapido, di urgente, non sa come fare, il lodo costituzionale l’abbiamo detto non gli serve a nulla perché ci vuole un anno e mezzo per approvarlo, poi il referendum, nel frattempo faranno in tempo a giudicarlo in tutti e tre i processi che ha aperti a Milano, almeno in primo grado, quindi cosa fa? Fa quello che ha sempre fatto, minaccia di scassare tutto e i soliti paraculi andranno da lui in processione a implorarlo di non scassare tutto, di stare buono, gli chiederanno cosa vuole per stare buono, lui dirà: voglio il lodo come i bambini capricciosi pesterà i piedi e così gli danno il loro, questo è quello che lui auspica, perché lo auspica? Perché ha sempre fatto così e finora ha sempre ottenuto quello che voleva, non solo dai suoi alleati, ma anche da presunti oppositori o da presunti istituzioni di garanzia, non dimentichiamo quando ottenne il lodo Schifani minacciando di scassare tutto alla vigilia della presidenza europea semestrale dell’Italia.

Il CSM di Berlusconi.

Il lodo Alfano, quando minacciò di scassare tutto con il processo breve, grazie anche alla benevolenza del Presidente Napolitano e alla paraculaggine del PD, a febbraio addirittura il legittimo impedimento gliel’ha scritto l’Udc, Vietti, quel bell’esemplare che poi è stato premiato con i voti del PD per diventare Vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, infatti ieri cosa fa Vietti?
Dimenticandosi della sua carica e del suo dovere di riserbo, dice che ci vuole un lodo Alfano costituzionale in fretta e non si capisce bene perché il Vicepresidente del Csm debba auspicare un lodo Alfano in fretta, chi lo manda? E’ interessante perché lui è il vice del Presidente del Csm che è Napolitano, ci sono di nuovo manovre per salvare le chiappe al Cavaliere in nome del quieto vivere? Ecco perché lui minaccia di scassare tutto, commissioni di inchiesta, attacchi, urla, strepiti, stracciamenti di vesti, perché sta aspettando i soliti sherpa che vadano a offrirgli qualcosa in cambio della tregua, così lui ottiene esattamente quello che vuole, che non è la Commissione di inchiesta, la Commissione di inchiesta è la pistola carica, messa sul tavolo del Capo dello Stato e delle opposizioni per far sapere “se volete stare tranquilli mi date quello che voglio, altrimenti comincio a sparare” e nel frattempo comincia a sparare, sperando che qualcuno vada a chiedergli: cosa vuoi per smettere di sparare? E’ il solito racket in certe zone del sud si chiama racket, a Roma si chiama dialogo!
Tra i vari fatti che lui vorrebbe verificare in questa Commissione parlamentare di inchiesta ci sono quelli che secondo lui avrebbe commesso un Magistrato a caso, su 10 mila magistrati, Fabio De Pasquale, ma guarda un po’, è proprio il Pubblico Ministero dei processi Mills, Mediaset e Mediatrade, e lui vuole verificare, vuole verificare delle cose che peraltro lui è già sicuro che sono avvenute e infatti dice che il famigerato Fabio De Pasquale, è quello che si è inventato di tutto per evitare la prescrizione – si riferisce alla sua di prescrizione nel caso Mills – e è lo stesso che disse a Gabriele Cagliari che lo avrebbe liberato il giorno dopo e poi è andato in vacanza mentre Cagliari si è suicidato.
Aggiunge poi il Cavaliere, ecco perché è il caso di segnalare agli esperti in psichiatria che De Pasquale è quello che ha attaccato Craxi, in realtà De Pasquale non ha attaccato Craxi, De Pasquale ha fatto indagini su Craxi nello scandalo dell’Eni - Sai, tangenti pagate da Ligresti tramite l’Assicurazione Sai al Partito Socialista per avere i contratti assicurativi nel gruppo Eni, presieduto dal craxiano Cagliari, tangenti che sono andate a Cagliari e a Craxi, infatti sia Ligresti, sia Cagliari sono stati condannati in via definitiva grazie al processo istruito da De Pasquale, condannati non da De Pasquale, condannati dal Tribunale di Milano, dalla Corte d’Appello di Milano e dalla Corte Suprema di Cassazione, fu la prima condanna che ebbe Craxi, infatti scappo all’estero per non finire in galera in seguito a quella condanna e poi alle altre che sono seguite.
De Pasquale ha il torto di averci visto giusto, di avere fatto un processo che è stato poi confermato in tutti i gradi di giudizio, Cagliari non è stato condannato perché si è suicidato in carcere, era un ladro anche lui, prendeva le tangenti anche lui, la vedova dopo i funerali andò in Svizzera, svuotò il conto che aveva aperto Cagliari e riportò in Italia 9 miliardi di lire di refurtiva, quindi stiamo parlando di un tangentaro Gabriele Cagliari, De Pasquale dovrebbe vergognarsi per avere fatto processare e condannare i colpevoli di quella megatangente Eni – Sai, aggiunge Berlusconi perché è grande “De Pasquale visto che il processo Mills – dice lui – sta arrivando una prescrizione, si è inventato la seguente storia: il reato di corruzione c’è quando il corruttore dà i soldi al corrotto” pensate che invenzione questa di De Pasquale, cosa si è inventato? Che la corruzione scatta quando il corruttore dà i soldi al corrotto, ma va? pensate che fantasia, che bizzarrie vengono in mente a questo De Pasquale, ci vuole una Commissione parlamentare di inchiesta per appurare come è possibile che un magistrato si sia sognato che la corruzione scatta quando il corruttore dà i soldi al corrotto!
Aggiunge il povero ometto un’altra prova regina del complotto della magistratura ai suoi danni e cioè che spesso capita che la stessa sentenza viene confermata in primo, in secondo grado in appello e in Cassazione, secondo lui il secondo grado e l’appello sono due cose diverse, ma la prova del complotto è che a volte ci sono delle sentenze che vengono confermate in primo grado in Appello e in Cassazione e a lui non viene il dubbio che vengano confermate perché sono giuste? Gli viene il dubbio che se vengono confermate è la prova del complotto! Il problema sapete qual è? E’ che in Italia ci sono ormai 65 mila detenuti, dei quali 45 mila più o meno, sono lì per scontare pene definitive e sapete perché scontano pene definitive? Perché le loro condanne sono state confermate in primo grado, in appello e in Cassazione, quindi se il fatto che una condanna in primo grado, in appello e in Cassazione è una prova del complotto, vorrebbe dire che tutte le persone che stanno in carcere in questo momento per omicidio, mafia, traffico di droga, stupro, molestie, estorsioni, rapine, furti, scippi, spaccio di droga etc., sono tutte vittime di complotti, sono tutte perseguitate dalla Magistratura, quindi abbiamo trovato il sistema per sfoltire il sovraffollamento carcerario, si aprono le porte del carcere e si fanno uscire tutti i condannati definitivi perché se uno viene condannato in via definitiva, questa è la prova che c’è un complotto contro di lui, se non ci fosse il complotto ovviamente la condanna non verrebbe mai confermata in via definitiva.
Quindi non è possibile che ci sia mai un colpevole, perché se uno è colpevole, pensavamo noi, la sua condanna viene confermata in primo, secondo e terzo grado, ma secondo Berlusconi questa è la prova che uno non è colpevole, perché? Perché se uno viene condannato in primo, secondo e terzo grado è un perseguitato! Quindi è impossibile accertare la colpevolezza di un imputato, pensate cosa deve passare in quella testolina quando dice queste cose e pensate che quello che dice queste cose è il Presidente del Consiglio, segnalo alla neurodeliri per eventuali interventi d’urgenza, esiste anche il trattamento sanitario obbligatorio anche se per i parlamentari bisogna chiedere prima il permesso alle Camere.
Ma attenzione perché la Commissione parlamentare di inchiesta che dovrebbe accertare, tra le varie porcate fatte dai magistrati anche quelle del famigerato De Pasquale, in realtà dovrebbe occuparsi di fatti che sono già stati accertati non una volta, ma a proposito di De Pasquale, 6 volte e per 6 volte tutti quelli che hanno indagato sul caso del suicidio di Gabriele Cagliari e sul ruolo di Fabio De Pasquale che era il PM di quell’indagine, hanno stabilito che De Pasquale non ha fatto niente di male, allora vediamo, ve lo dico non per andare a rinvangare vecchie storie, il caso di Cagliari che addirittura è morto, il caso di Craxi che addirittura è morto, no, perché questo attacco a De Pasquale è il segnale che Berlusconi dà il segnale convenuto ai suoi killer sparsi nelle televisioni e nei suoi giornali, ma non solo nei suoi, purtroppo, perché partano all’attacco di questo magistrato, perché? Perché bisogna creare quella cagnara, casino, canea che è necessario per ottenere la forzatura dell’ennesimo lodo e spacciarla per una norma di legittima difesa nei confronti di un Presidente del Consiglio perseguitato da un Magistrato talmente fuori di testa che ha addirittura indotto al suicidio Gabriele Cagliari, infatti non lo chiamano più lodo:
Questo bell’elemento del Vicepresidente del Csm della Magistratura non dice: ci vuole il lodo, dice: “è importante mettere in sicurezza il Presidente del Consiglio” come si fa per gli edifici a rischio per la 626, mettere in sicurezza le prese della corrente di un magazzino, Berlusconi viene trattato come un edificio da mettere in sicurezza, in realtà non si tratta di metterlo in sicurezza, si tratta di salvargli le chiappe dai processi che lo riguardano non in quanto Presidente del Consiglio, ma in quanto padrone di Mediaset, fondi neri e corruzione del testimone Mills, la messa in sicurezza, cambiano le parole, state attenti ogni volta che usano queste parole è per fregare la gente, la messa in sicurezza!

Il caso Cagliari.

I fatti dunque del caso Cagliari che verranno buttati addosso a questo Magistrato nei prossimi mesi e quindi è bene che quando sentiamo parlare di De Pasquale, il famigerato che ha portato al suicidio Cagliari, sappiamo di cosa si sta parlando, sappiamo che non è vero niente.
Mi aiuto con il libro “Mani Pulite” che abbiamo scritto insieme a Gianni Barbacetto e a Peter Gomez, siamo nel 1993 Fabio De Pasquale apre un’indagine sui rapporti tra l’Eni e la compagnia di assicurazioni di Salvatore Ligresti, la Sai. Dopo avere escluso l’Ina, un’altra concorrente per ottenere l’appalto per assicurare l’Eni, l’Eni di Gabriele Cagliari socialista craxiano si accorda con la Sai per creare una società mista alla quale affidare tutti i contratti assicurativi dei dipendenti dell’ente petrolifero, quindi immaginate che affare, dietro l’accordo si cela un’enorme tangente, la Sai ha sbaragliato i concorrenti, pagando 17 miliardi di lire, De Pasquale lo scopre nell’aprile 1993, leggendo delle carte sequestrate durante una perquisizione nello studio di un commercialista, un certo Aldo Molino.
Interroga l’amministratore delegato della Sai Rapisarda, poi De Pasquale ascolta Gabriele Cagliari, lui dice di non sapere niente della mazzetta, ma le indagini proseguono, si trovano altre prove di questa tangente e il 26 maggio 1993 il G.I.P. Grigo firma 4 mandati di cattura e arresta: Cagliari, il direttore finanziario dell’Eni Ferranti, Rapisarda e il commercialista perquisito Molino.
Rapisarda e Molino non si fanno trovare e si danno alla fuga, Cagliari invece non può fuggire, perché? Perché è già in carcere per un’altra inchiesta del pool Mani Pulite di Milano del quale Fabio De Pasquale non faceva parte del pool tradizionale, quello che aveva iniziato a occuparsi di Mario Chiesa e poi dei fascicoli successivi.
Era lì perché doveva rispondere Cagliari di un’altra tangente che gli contestava il pool, quindi il mandato di cattura lo raggiunge già in carcere e quindi la carcerazione disposta per conto del pool Mani Pulite si assomma a quella nuova disposta dal G.I.P. Grigo su richiesta di De Pasquale per lo scandalo Eni – Sai.
Il 5 luglio viene arrestato Salvatore Ligresti dopo qualche giorno di irreperibilità e ammette di avere trattato personalmente l’accordo tra Eni e la Sai, definendolo con Craxi, Citarristi (Segretario amministrativo della DC) e Cagliari.
L’Avvocato di Cagliari, Vittorio D’Aiello, un grande Avvocato milanese recentemente scomparso, legge i giornali e scopre che i Ligresti ha confessano, allora chiede un nuovo interrogatorio per Cagliari che fino a quel momento aveva negato e così il 15 luglio Cagliari davanti al suo Avvocato e a De Pasquale viene di nuovo interrogato in carcere e adesso cambia registro dice: sì ho parlato con Craxi dell’operazione Eni – Sai e ho dato il via libera a Ligresti, ma continua a negare di sapere qualcosa delle mazzette.
De Pasquale spiega che non lo può scarcerare, perché? Perché per scarcerare un indagato bisogna che vengano meno le esigenze cautelari, se uno collabora è chiaro che vengono meno le esigenze cautelari perché? Perché una volta che fornisce le prove su sé stesso non può più inquinarle ovviamente, ma può anche decidere di non collaborare e con un’espressione un po’ rude, scherzosa aggiunge: l’indagato che confessa lo mette in culo all’accusa, nel senso che quando confessi vinci sull’accusa, perché? Perché a quel punto se non è il PM a chiedere la tua scarcerazione, verrai comunque scarcerato dal G.I.P. o dal Tribunale del riesame e dalla Cassazione, difficile trovare un indagato che collabora che venga tenuto dentro se si scopre che ha detto tutto.
L’interrogatorio va avanti nel tentativo di far dire a Cagliari qualcosa di più preciso su quell’accordo che ammette di avere avuto, ma Cagliari si ferma lì e Aiello alla fine dell’interrogativo dice ai giornalisti di essere fiducioso che Cagliari che ormai rimane dentro solo per lo scandalo Eni – Sai per le altre vicende di Mani Pulite è già stato revocato il mandato di cattura, possa ottenere almeno gli arresti domiciliari. Il giorno un però De Pasquale va a trovare Enrico Ferranti, il direttore finanziario dell’Eni e gli legge le dichiarazioni di Cagliari, allora Ferranti dice: non ho mai saputo di intese sottostanti di carattere corruttivo all’accordo Eni – Sai, se Cagliari era informato dell’esistenza di accordi in sede politica, tali per cui la definizione del progetto era affidata al commercialista Molino, in quanto delegato a riscuotere una consistente erogazione di denaro proveniente da Ligresti, allora devo dire che si sono sentito turlopinato, De Pasquale esce dalla stanza e entra in quella di fianco dove lo sta aspettando Cagliari per un altro interrogatorio.
Dice a Cagliari: guardi che da quello che mi dice Ferranti continuo a pensare e ne ho elementi anche in più che lei non mi stia dicendo la verità e quindi non credo che ci siano i presupposti perché lei venga scarcerato, se lei mi sta inquinando le prove addirittura negli interrogatori, come faccio io a dare il parere favorevole alla scarcerazione? E la sera fa il parere negativo al G.I.P. sulla richiesta di scarcerazione avanzata dai difensori anche perché rileggendosi un po’ gli atti non solo si è convinto che Cagliari sta mentendo, il che è legittimo per un indagato, ma naturalmente è un elemento a favore del fatto che è bene tenerlo dentro, ma addirittura che stia tentando di pilotare l’atteggiamento processuale dei suoi coimputati.
De Pasquale ritiene che Cagliari sta inquinando le prove e ha visto giusto perché il tentativo di depistaggio c’è, in seguito sia Ferranti, sia un altro commercialista prestanome di Craxi, Pompeo Locatelli ammetteranno che Cagliari stava depistando dal carcere.
L’Ing. Cagliari – racconterà Locatelli più avanti – mi mandò più volte a dire, quando ero detenuto di non parlare assolutamente delle questioni che riguardavano i rapporti economici intervenuti tra me e lui, in quanto egli aveva deciso di limitarsi a ammettere puramente e semplicemente i fatti che gli venivano contestati, quello che non poteva negare, il Cagliari pertanto mi richiedeva di comportarmi anche io in tale modo.
Nell’interrogatorio Locatelli dà anche la chiave ai giudici per scoprire le banche e le fiduciarie svizzere dove era stato depositato il tesoro personale di Cagliari e di sua moglie Bruna che infatti di ritorno poi dalla Svizzera dopo il suicidio del marito restituirà 12 miliardi di lire, frutto di tangenti e fondi neri sul conto del marito.
A questo punto, 17 luglio 1993 il G.I.P. Maurizio Grigori riceve il parere negativo di De Pasquale alla scarcerazione e esamina il caso, perché poi è lui che decide, mica è De Pasquale!
Ha 5 giorni a disposizione Grigo per esaminare la pratica Cagliari, ma il 20 luglio, 3 giorni dopo Cagliari viene trovato morto a San Vittore, soffocato da un sacchetto di plastica che si era calato o che qualcuno gli ha calato sul capo e stretto intorno al collo, Borrelli sconvolto, Di Pietro attacca il suo collega, perché? Perché aveva saputo che aveva promesso la scarcerazione e poi l’aveva invece negata, non sapendo che nel frattempo De Pasquale aveva scoperto che Cagliari stava depistando e quindi aveva scoperto un elemento in più rispetto a quello che c’era prima e quindi non lo poteva scarcerare, se depistava da dentro il carcere, figuratevi da fuori!
De Pasquale viene dunque additato anche dall’Avvocato di Cagliari come il responsabile diretto di quella morte tragica per avere promesso la scarcerazione a Cagliari e di essere partito per le vacanze, rimangiandosi la parola. De Pasquale parte per le vacanze, perché? Perché ormai quello che doveva fare lui l’ha fatto, adesso la decisione spetta al G.I.P. ovviamente e nel caso in cui qualcuno lo richiamasse per cambiare versione è ovvio che ci sarebbero altri magistrati se non lui di ritorno che potrebbero raccogliere eventuali nuove dichiarazioni.
Basta però leggere le lettere e il testamento scritti da Cagliari e gli ultimi giorni in carcere prima di togliersi la vita per capire che Cagliari non si è suicidato a causa dell’aspettativa di uscire poi venuta meno con il no del Pubblico Ministero alla sua scarcerazione, risulta da quello che scrive Cagliari che la decisione di uccidersi l’aveva presa almeno 11 giorni prima dell’ultimo interrogatorio davanti a De Pasquale quando neanche ancora si parlava del sì o del no alla scarcerazione, in un espresso datato 3 luglio che Cagliari ha inviato ai familiari chiedendo di non aprirlo subito si legge “Carissimi sto per darvi un nuovo grandissimo dolore, ho riflettuto intensamente e ho deciso che non posso più sopportare a lungo questa vergogna” il giorno dopo, 4 luglio un altro bigliettino inequivocabile “io sottoscritto Gabriele Cagliari nella mia piena facoltà di intendere e di volere dichiaro di volere che il mio corpo dopo la morte venga cremato e che le ceneri siano consegnate a mia moglie Bruna”, 10 luglio altra lettera alla moglie “carissima Bruna la settimana scorsa ti ho scritto l’espresso che ora avrai ricevuto e che ormai devi aprire, vi troverai le ragioni di questa mia decisione amara fino a essere insopportabile ma senza alternativa siamo agli epigoni di un sistema sconfitto, un sistema che non ho certamente contribuito a instaurare, ma che purtroppo ho accettato” e qui oltre a un preannuncio di suicidio c’è anche una chiara ammissione di corresponsabilità ho accettato, ho fatto parte di quel sistema che sta morendo e poi c’è una lettera per il suo Avvocato D’Aiello che si chiude così: la vergogna del mio stato attuale che consegue al repentino modificarsi della situazione generale del paese è la ragione di fondo di questa decisione, ho preso l’unica soluzione che la dignità e l’orgoglio mi impongono” si scatena il putiferio contro De Pasquale, il Ministro della Giustizia Conso, qui c’era ancora il governo Amato, ultimo governo della Prima Repubblica, manda gli ispettori a Milano, Dinacci e Nardi fanno l’indagine ispettive sul comportamento di De Pasquale e di Grigo e concludono: nessun rilievo può muoversi al G.I.P. Dott. Grigo in ordine alla materia in esame.

Il PM più odiato dai criminali.

Quanto a De Pasquale, a parte rimproverargli quell’espressione “l’indagato confessa lo mette in culo all’accusa” quindi dicono che era un’espressione non consona al linguaggio di un magistrato, scemate, trasmettono gli atti al Procuratore generale presso la Cassazione, Vittorio Sgroi, titolare dell’azione disciplinare perché decidesse se aprire o non aprire il procedimento disciplinare davanti al Csm.

E il Procuratore generale Sgroi decide di non aprire l’azione disciplinare e archivia il procedimento, anche perché gli ispettori Dinacci e Nardi gli hanno scritto: “appare assai difficile collegare il suicidio del Cagliari ai comportamenti del Dott. De Pasquale, in quanto va tenuto conto delle numerose lettere indirizzate ai familiari che egli ha lasciato scritte dal 3 luglio in poi” quelle che vi ho letto prima.
Ma non è mica finita, perché contro De Pasquale che è inviso alla classe politica prima e seconda repubblica, è quello che ha fatto condannare Craxi per la prima volta, non dimentichiamolo e è quello che ha fatto arrestare e condannare Ligresti, grande costruttore, palazzinaro, assicuratore, padrone di giornali, di mezza Milano e di mezza Italia, continua l’accanimento contro De Pasquale, non contenti della prima ispezione che era finita a suo favore, il governo Berlusconi, anzi il Ministro Mancuso che è nel Governo Dini nel 1995 e che però è praticamente una sorta di avamposto berlusconiano dentro il governo Dini, decide una nuova ispezione sui magistrati di Milano, che naturalmente finisce nel nulla e poi c’è anche un processo penale contro De Pasquale che viene denunciato a Brescia per abuso d’ufficio e addirittura omicidio colposo e naturalmente anche questo viene archiviato dal G.I.P. Giuseppe Ondei con questa motivazione “si deve senza dubbio ritenere che nella condotta tenuta dal De Pasquale nella vicenda in oggetto non sia ravvisabile alcuna ipotesi di reato”.
Ma non basta, perché come scrive Ferrarella su Il Corriere di oggi: non c’è solo l’ispezione ministeriale che non ravvisa alcun illecito disciplinare, non c’è soltanto il Ministro Conso e il Procuratore Generale Sgroi che decidono di non accusare De Pasquale perché non è successo nulla di scorretto, non solo c’è la denuncia di Mancuso per abuso d’ufficio e l’omicidio colposo a Brescia finita in archiviazione, ma c’è addirittura una causa che gli eredi di Craxi fanno alla Corte Europea dei diritti dell’uomo per denunciare i magistrati che avevano fatto condannare Craxi nel processo Eni – Sai sostenendo che si erano violati i diritti dell’uomo Craxi, ma anche in questo caso la Corte di Strasburgo non ravvisa alcun tipo di censura, di più, c’è il solito Sgarbi che va a Domenica In a dire che De Pasquale è assassino, bene l’hanno condannato in appello per diffamazione a 2 mesi e a 100 milioni di lire di risarcimento al PM, poi in Cassazione si è salvato grazie all’insindacabilità, si è detto che quando dava dell’assassino al Magistrato a Domenica In, parlava esprimendo legittime opinioni insindacabili in quanto parlamentare.
Così 6 istanze diverse hanno stabilito che il famigerato Magistrato Fabio De Pasquale è un galantuomo e che nella vicenda Cagliari non ha fatto nulla di cui debba pentirsi e se sia minimamente collegabile al suicidio di Gabriele Cagliari. Ultimo punto, Berlusconi vuole accertare nella Commissione parlamentare di inchiesta gli abusi di potere della Magistratura milanese dai tempi di Mani Pulite e il colpo di stato ordito dal pool Mani Pulite di intesa con Scalfaro, che dice Berlusconi: chiamò Bossi e lo invitò a scaricare il Primo governo Berlusconi, siamo nel novembre – dicembre del 1994 dopo il famoso invito a comparire che Berlusconi aveva ricevuto in seguito al suo coinvolgimento nelle tangenti Fininvest alla Guardia di Finanza.
Forse qualcuno dirà: possibile che a 16 anni di distanza si debba ancora accertare cosa avvenne in quel novembre – dicembre del 1994 tra l’invito a comparire del 21 novembre e la caduta del governi Berlusconi il 22 dicembre? No, non è possibile, infatti è stato già tutto chiarito anche quello in varie sedi, chi lo ha chiarito? Intanto gli ispettori ministeriali che prima Berlusconi e poi Mancuso mandarono al pool di Milano e cosa hanno stabilito di quei presunti abusi dei magistrati? Hanno stabilito che il pool Mani Pulite e tutta la Procura avevano dedicato il massimo impegno e i risultati conseguiti grazie alla serietà, alla specifica professionalità, allo spirito di sacrificio dei magistrati del pool e alla profonda armonia tra i sostituti e la dirigenza, avevano dato vita a un’indagine che praticamente definivano una pietra miliare nella storia della magistratura, poi sottolineavano l’assoluta regolarità delle vicende processuali che il governo Berlusconi chiedeva di verificare, le indagini in casa Fininvest, il Dott. Confalonieri sembra desumere dal solo fatto che sono state promosse indagini a carico di persone in qualche modo collegate alla Fininvest un fumus persecutionis a prescindere da concrete censure al comportamento degli inquisiti.
Su Tele + gli inquirenti hanno fornito risposte esaurienti e documentate su tutte le questioni sollevate, pressioni su indagati per incastrare Berlusconi? Ne parla ancora adesso, dice che li tengono dentro perché facciano il suo nome, ugualmente gratuita è l’affermazione secondo cui si sarebbero pretese, per evidenti scopi politici, chiamate di correità calunniosa nei confronti del Presidente del Consiglio, accanimento contro Berlusconi e la Fininvest? Il lamentato accanimento investigativo, espressione di una pretesa strumentalizzazione politica del potere giudiziario, non ha trovato alcun riscontro nelle attività di indagine della Procura di Milano.
In conclusione le doglianze del Dott. Berlusconi appaiono prive di qualsiasi pregio, le censure e i magistrati del pool mosse dal Dott. Berlusconi alla fine degli accertamenti esperiti sono risultate pretestuose, manette facili? Nessun rilievo sotto questo aspetto può essere mosso ai magistrati milanesi, i quali non paiono avere esorbitato dai limiti imposti dalla legge, i provvedimenti custodiali, tra l’altro, sono stati spesso ulteriormente suffragati dall’ulteriore e decisiva prova della confessione dell’indagato e confermati dai G.I.P., dai tribunali del riesame e dalla Cassazione e neanche il risultato – scrivono ancora gli ispettori mandati da Berlusconi dentro la Procura di Milano – che le confessioni siano state in seguito ritrattate perché rese sotto minaccia di ulteriore protrarsi della detenzione e chi lo dice come Sgarbi dice falso, scrivono gli ispettori, non è possibile ascrivere quelle confessioni alle condizioni fisiche disumane nelle quali si sarebbero venuti a trovare molti indagati, alcuni dei quali suicidatesi, non è stata mai segnalata l’applicazione di regimi detentivi differenziati invece inaspriti rispetto alla generalità dei casi.
Conclusione, gli ispettori mandati da Berlusconi esaltano gli enormi meriti di un’inchiesta che rimarrà una pietra miliare nella storia giudiziaria del nostro paese, essendo servita a recuperare legalità e trasparenza nelle istituzioni e nella politica, meriti che i presenti accertamenti fugando ombre e dubbi prospettati in ordine a determinate vicende di cui alcune avevano colpito l’opinione pubblica, evidenziando la sostanziale correttezza dei magistrati del pool mani pulite con l’esclusione di qualsiasi anomalia o comunque di aspetti suscettivi di rilievo disciplinare, hanno finito con il rimarcare ulteriormente.

Questo è quello che ha già stabilito l’ispettorato del Ministero, l’autorità politica che ha investigato sulla correttezza dei magistrati di Milano e ha già fatto il suo dovere, oggi, 16 anni dopo, si vuole riscrivere quella storia confidando forse che qualcuno si dimentichi che quella storia è già scritta e quella storia è stata definita una pietra miliare nella storia giudiziaria di questo paese.

Il fatto che a proporla di riscriverla sia un noto imputato che sta cercando ancora una volta di salvarsi le chiappe, mi pare che si commenti da sé, passate parola!

Ps. Alcuni amici che hanno seguito il Passaparola di ieri (lunedi - n.d.Red. TA) mi fanno notare che, nel video diffuso da repubblica.it Silvio Berlusconi non dice che il pm De Pasquale “si è inventato la seguente storia: il reato di corruzione c’è quando il corruttore dà in soldi al corrotto”, ma lo critica per avere sostenuto che la prescrizione va calcolata dal momento in cui il corrotto spende i soldi della tangente, e non nel momento in cui li riceve. E questi amici hanno ragione: purtroppo mi ero fidato di una trascrizione del quotidiano la Repubblica (1° ottobre, pagina 6) che, rivedendo il video, appare scorretta. Già che ci sono, faccio notare che, anche dicendo la seconda cosa (e non la prima frase che erroneamente la Repubblica e poi il sottoscritto gli abbiamo attribuito), il premier riesce a pronunciare una castroneria. Infatti non è vero che la tesi del pm De Pasquale sia stata confermata in primo, secondo e terzo grado. E non è nemmeno vero che quella riferita da Berlusconi fosse la tesi del pm. Questi aveva sostenuto che i famosi 600 mila dollari della tangente a Mills furono messi a disposizione dell’avvocato inglese alla fine del 1999, ma entrarono nella sua disponibilità soltanto nel febbraio del 2000, in un tourbillon di conti, fondi e società estere che non sto qui a riepilogare (lo fa diffusamente il libro di Gomez e Mascali “Il regalo di Berlusconi”, ed. Chiarelettere). In primo e in secondo grado quel calcolo fu condiviso dai giudici del tribunale e della Corte d’appello, mentre la Cassazione, il 26 febbraio scorso, retrodatò la consumazione del reato al novembre 1999, e dunque la prescrizione al novembre 2009. E’ dunque falso quanto sostenuto dal premier, che vede nella conferma delle tesi del pm in primo, secondo e terzo grado la prova dell’”accordo fra i giudici di sinistra per sovvertire il risultato elettorale.

Fonte: BeppeGrillo.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 700 persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Huawei CFO's arrest at airport to be focus of Vancouver hearing

British travel firm Thomas Cook collapses, leaving hundreds of thousands stranded

Thomas Cook's collapse strands about 50,000 in Greece, hotels fret

Turkey could miss out on 700,000 tourists a year after Thomas Cook collapse: hotel federation

The cool new thing in French haute cuisine? Madagascar caviar

U.S. FAA head set to explain Boeing 737 MAX progress to divided world regulators

Ultimele articole - Antena3.roUn copil de noua ani se zbate între via?a ?i moarte. O poarta metalica de fotbal a cazut peste el

Imagini exclusive cu ma?ina folosita la rapirea Adrianei, feti?a de 11 ani ucisa de un ceta?ean olandez

Experien?a tragica pentru o familie! A plecat din Londra din cauza cre?terii criminalita?ii, dar a ajuns sa regrete decizia la scurt timp

E incredibil ce i s-a întâmplat unei femei dupa ce a fost la salon sa-?i faca manichiura. „Ar fi putut sa-?i piarda degetul sau chiar bra?ul”

Feti?a ucisa în Dâmbovi?a. Primarul comunei Gura ?u?ii: Putea sa fie oricare alt copil în locul Adrianei

Român de 42 de ani, batut ?i incendiat în Italia. Barbatul a murit în chinuri groaznice





23/09/2019 @ 13:28:29
script eseguito in 875 ms