Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 17/11/2010 @ 13:00:16, in ro - Stiinta si Societate, read 1468 times)

 Aventurieri sau arheologi? La drept vorbind, aceasta alaturare de pasiuni constituie reteta perfecta pentru succese cinematografice de top mondial. Totusi, sedusi de dinamica actiunii filmului, nici macar nu ne mai intrebam daca poate exista macar un sambure de adevar in imaginile de pe ecran. Ei, bine, va putem spune ca Indiana Jones nu numai ca are el insusi un model real, ci si ca a fost probabil „clonat” dupa modelul mai multor pseudo-bunici ai sai intr-ale arheo-aventurii, care au facut cu-adevarat descoperiri epocale. Sa facem prezentarile!

„Rusul” Schliemann a vazut Troia cu ochii lui

Legendele nu sunt ce par a fi. O senzationala demonstratie in acest sens o constituie destinul lui Heinrich Schliemann, fiul unui pastor german sarac. Copil fiind, si-a imaginat ca legendara cetate Troia nu e o fantasma si ca urmele ei vor fi fost pastrate undeva. Anii au trecut, el a invatat mai multe limbi straine, s-a stabilit in Rusia, unde a facut o avere considerabila, dupa care a pornit catre aventura considerata de multi omeni de stiinta o utopie, ceva numai bun de luat in deradere. Schliemann a reusit insa, dupa un tur al lumii, sa gaseasca in Turcia locul visat: Troia.

Si nu s-a oprit aici. Alta legenda, alta aventura: regele Agamemnon si Micene. Probabil o intuitie providentiala, bazata pe citirea si interpretarea corecta a multor scrieri, l-a purtat catre estul Peloponesului, in apropiere de celebra „poarta a leilor”. S-a produs aici un alt miracol – descoperirea unor morminte din epoca miceniana, pline de bijuterii, masti de aur si alte asemenea obiecte nepretuite.

Vanatorul de fluturi verzi pe pereti

Naturalistul francez Henri Mouhot a pornit in primavara lui 1858 catre regatul Siam (Thailanda de azi), cu misiunea de a studia bazinul fluviului Mekong. Intr-un lung si obositor drum prin jungla umeda si plina de pericole, a auzit vorbindu-se despre ruinele misterioase numite de indigeni Onco. Pe jumatate sceptic, intrucat mai cunoscuse asemenea legende ce se dovedisera ulterior false, a pastrat totusi un sambure de speranta intr-o descoperire importanta si in 1860 s-a petrecut miracolul.

Insotit de un misionar si de hamali cambodgieni, a ajuns intr-o zona cu hatisuri populate de maimute, pasari exotice, tigri, serpi. Dar toate pericolele au pierit ca prin farmec cand, ajuns pe o inaltime a reliefului, peisajul s-a deschis, infatisandu-i o incredibila intindere pietroasa, pe suprafata careia trona o veritabila padure de monumente napadite de vegetatie. Erau zidurile celebrului Angkor, capitala imperiului khmer, ale carui urme se pierdusera, dupa ce fusese abandonata cu aproape o jumatate de mileniu in urma. Trei saptamani avea sa cerceteze Mouhot templele decorate cu basoreliefuri fascinante, apoi a pornit pe drumul de intoarcere, ducand cu el numeroase relicve si schite. Drum care nu i-a mai oferit prilej de revenire, intrucat naturalistul a murit in scurt timp, inca tanar, bolnav de malarie.

Cetatea plina-ochi cu extraterestri

Multi ani calator in Orient, stabilit ca avocat in New York, in 1836, John Lloyd Stephen ramasese totusi bantuit de magia aventurii, asa ca s-a lasat sedus de ideea aproape de neconceput, ca jungla tropicala din sudul Mexicului gazduise candva o civilizatie extraordinara, informatie preluata de la un ofiter spaniol pe nume Del Rio. Insotit de un foarte bun desenator si arhitect englez, Frederick Catherwood, avocatul-aventurier a angajat mai multi ghizi si hamali si a patruns in infernul verde, in care vesmintele nu ajungeau sa li se mai usuce, din pricina atmosferei tropicale extrem de umede.

Dar tenacitatea le-a fost rasplatita din plin. In inima padurii salbatice, in fata lor a aparut deodata fatada unui impozant edificiu de piatra, incarcat de o adevarata bogatie de basoreliefuri. Era Palenque, una dintre cele mai puternice si mai bogate cetati ale mayasilor. Intre altele, aici s-a descoperit incredibila imagine a unui aparat de zbor complex, pilotat de un personaj necunoscut. O „fotografie” in piatra realizata cu mai mult de un mileniu in urma! Inca un mister, pe care astazi doar Indiana Jones mai stie sa-l dezlege. Prin tertipuri cinematografice, fireste...

Autor: ADRIAN-NICOLAE POPESCU - Sursa: magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

... CONTINUES.

The Heliocentric Theory of the solar system was first publicly suggested by Copernicus in 1543, the year he died (Hewitt 20). For a period of two millenia prior, Aristotle’s theory that the Earth was the center of the universe, and that all other things moved about it had been the commonly accepted viewpoint, with strong backing from the Church. With trepidation, and at the urging of his closest contemporaries, Copernicus presented his findings, which were based on observation and critical analysis. The methods he used to discern the difference and the general concepts that both the Sun and the Earth were distinct bodies, at least one of which was able to move, were not new. Copernicus used both the observational methods of the time and the concept of heavenly bodies in motion to arrive at his conclusion, making a connection, using these pre-existing ideas. While his findings were contradictory to the accepted norms of the time, they weren’t new as much as they were different. Consider also the dual wave and particle nature of light defined by Einstein’s photon. Einstein combined the wave theory of Huygens with the quantum theory advanced by Planck, mathematically proving that light has properties of both waves and particles dependent on what it interacts with (Hewitt 560). At the same time, he made another scientific discovery, the Special Theory of Relativity, modifying and combining the findings of Newton and Maxwell (Hewitt 635). Each of these discoveries, while novel in presented form, is simply a combination of previous ideas. Since the time of Copernicus, who was the precursor to and inspiration for Galileo’s scientific method, Man has made scientific discoveries based on the findings and methods of those who came before them (Hewitt 21).

Whether they contradict, combine, or expand accepted knowledge, scientific discoveries are not original thought. This serves to illuminate a concept which, in my opinion, is worthy of celebration: any student of the scientific method could be the next Copernicus, Galileo, Newton, or Einstein. While it is highly improbable that a person will invent a truly novel idea, it is quite probable, and even likely that future scientists will expand, combine, or contradict previously accepted scientific knowledge. I say this due to the great volume of scientists who have contributed in such a way over the past 2000 years and in ever-increasing numbers within the past century. As science leads human beings directly to technology, the main contributor to improved quality of life, this distinction can hardly be viewed negatively. Sir Isaac Newton was not ashamed that his discoveries had benefited from the work of his predecessors. If anything, his words paint him as proud to be a part of the bigger picture; the ongoing pursuit of knowledge, and the celebration inherent in discovery. In this light, so-called “intellectual materialism”, or ownership of ideas, especially those scientific in nature, is an affront to the enormous body of work leading to each nuance that is discovered about our universe and its properties through the scientific method. The US Patent and Trademark Office claims to “promote the progress of science and the useful arts by securing for limited times to inventors the exclusive right to their respective discoveries” (USPTO). To whom, then, go the rights? Scientific discoveries, being not original to any one person or team, cannot be attributed to any one person or team. They must be attributed to the entire body of scientists who provided the background research that made the discoveries possible. So states the old proverb, “Credit where credit is due.”

Science is a tool meant to help us gain knowledge for the benefit of all people, and is the result of the work of many contributors. Each contributor along the way must remember that the distance of their vision comes from the lofty perch they have attained by standing on the shoulders of those who have come before them, and that they too will provide such a place for future contributors to stand and gaze into the unknown.

Bellis, Mary. “The Invention of the Wheel.” about.com. The New York Times Company, 2010. Web. 27 Feb. 2010.

Hewitt, Paul G. Conceptual Physics. 8th Ed. Reading: Addison Wesley, 1998. Print.

“The USPTO: Who We Are.” uspto.gov. United States Patent and Trademark Office, 30 Dec. 2009. Web. 8 Mar. 2010.

Source: thezeitgeistmovement.com

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 17/11/2010 @ 08:00:04, in it - Scienze e Societa, read 2147 times)

Nell'arco alpino sono oramai rimasti in pochi i paesi di montagna che hanno mantenuto negli anni intatto il loro fascino, uno di questi è Alagna. Qui la speculazione edilizia, che ha portato alla realizzazione di troppe seconde case, non è mai arrivata, così che il centro abitato non ha perso la sua identità walser, che è ancora evidente nell'architettura delle case.

I Walser sono i discendenti di tribu' germaniche che nel XIII secolo abbandonarono le loro terre per stabilirsi in alcune valli alpine, tra le quali appunto la parte alta della Valsesia, queste popolazioni hanno mantenuto nel tempo le loro tradizioni, i loro costumi e la loro lingua, le cui tracce sono ancora presenti nel dialetto Walser. Intorno alla metà del secolo scorso sono state costruite le tre funivie che raggiungevano i 3260 metri di Punta Indren, panoramicissima cresta sul versante sud del Monte Rosa.

Il primo tronco saliva dal pease fino al bordo degli alpeggi di Zaroltu, il secondo invece arrivava fino alla Bocchetta delle Pisse, stretto intaglio nella montagna che costituiva il centro nevralgico dell'offerta sciistica dell'epoca, infatti da qui partiva un terzo ed assai ardito tronco di funivia che arrivava appunto fino al bordo dei ghiacciai del Monte Rosa, consentendo anche la pratica dello sci estivo, sui due ghiacciai di Indren e di Bors, proprio sulle nevi di quest'ultimo aveva inizio una delle discese più entusiasmanti di tutto l'arco alpino, la Balma.

Questa pista percorreva tutto il vallone omonimo, per oltre sette chilometri, attraversando un paesaggio unico. Al ternime della discesa una caratteristica cestovia riportava gli sciatori alla Bocchetta, permettendo ai più allenati un’ immediata ripetizione della pista. Oggi le prime due funivie sono state sostituite da una moderna telecabina ad agganciamento automatico e da una seggiovia biposto fino alla Bocchetta. Purtroppo da un paio di stagioni la funivia di punta Indren ha raggiunto i limiti della pensione e quindi la discesa della Balma è diventata territorio riservato agli scialpinisti, ma basta avere ancora solo un altro inverno di pazienza per poterla nuovamente percorrere in tutta la sua lunghezza, sempre comunque come itinerario fuoripista segnalato.

Questa sarà possibile sfruttando i nuovi impianti di cui si è dotata Alagna per collegarsi con il confinante comprensorio del Monterosaski, infatti a Pianalunga all'arrivo della telecabina che sale dal paese è stato costruito un importante funifor (funivia bifune di nuova concezione, particolarmente stabile al vento), che sale fino al passo dei Salati. Dal passo posso ridiscendere a Pianalunga lungo il pistone medio-difficile che percorre il vallone d'Olen, oppure scendere in territorio valdostano e percorrere tutte le magnifiche piste del Monterosaski, ma tra una stagione un nuovo funifor ancora in costruzione raggiungerà i pressi di Punta Indren dando nuovamente accesso alla Balma ed all'infinità di canaloni che caratterizzano la zona.

Infatti Alagna oltre ad offrire ottime piste per gli sciatori normali, è diventata una stazione di richiamo internazionale per gli appassionati del freeride. Le guide alpine sono a disposizione per offire pacchetti di offerte che vanno dalla giornata di freeride accompagnati, fino al corso di più giornate.

Ovviamente qui non mancano le possibilità per gli sciatori meno esperti infatti in fondovalle in frazione Wold, sono presenti due ottimi campi scuola attrezzati da un valido impianto d'innevamento artificiale. In quota invece dal passo dei Salati una comoda pista blu, arriva fino a Cimalegna, dove è posizionata la stazione intermedia del funifor che sale al passo dei Salati.

Nel corso dell'ultima estate sono stati condotti degli importanti lavori di estensione dell'impianto d'innevamento programmato, portanto i cannoni a servire la pista dell'Olen in tutta la sua lunghezza, così in stagioni particolarmente avare di precipitazioni nevose, qui ad Alagna si potrà sciare su di un dislivello di 1800 metri arrivando fino in paese, si tratta di uno dei maggiori dislivelli coperti da innevamento artificiale di tutte le alpi.

Chi non pratica lo sci da discesa troverà un anello di dieci chilometri perfettamente tracciato e dotato anche questo d'innevamento artificiale in località Balma, chi invece vuole provare qualche brivido in più si può fare accompagnare da una guida alpina e cimentarsi nell'arrampicata su ghiaccio in una delle numerose cascate che scendono dalle pareti del Monte Rosa.

Le strutture ricettive di Alagna sono in numero limitato, ma di sicuro affidamento, tutte ristrutturate di recente ed alcune dotate anche di piscina e centro benessere, sono ovviamente disponibili appartamenti da affittare, alcuni anche di particolare fascino perchè ricavati nelle tipiche case Walser. Il vero appassionato qui può anche regalarsi un periodo di full immersion nella montagna, infatti in quota alcuni rifugi offrono la possibilità di pernottare, in camere che offrono comunque tutti i confort.

Alagna si raggiunge comodamente uscendo dall'autostrada A26 al casello di Romagnano Sesia, da qui mancano ancora circa 60 chilometri di comode strade. La vicinanza alla pianura ed agli aeroporti del nord Italia la rendono una meta ambita anche dai turisti stranieri, che cercano una vancanza di qualità in un ambiete tranquillo e rilassante.

Fonte: ilturista.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

PORT-AU-PRINCE. Diverse persone sono rimaste ferite ieri a Cap-Haitian, seconda città di Haiti, dove un consistente gruppo di persone ha manifestato contro il contingente nepalese dei caschi blu dell'Onu, considerato da alcune fonti responsabile dell'epidemia di colera che ha già ucciso un migliaio di persone in tutto il paese.

 Proprio ieri, le Nazioni Unite hanno d'altra parte fatto sapere di attendersi un "aumento significativo" dei morti - 917 secondo gli ultimi dati del governo - a causa del colera. Citando esperti in epidemie, il rappresentante aggiunto Onu a Port-au-Prince, Nigel Fisher, ha detto a New York che l'epidemia "durerà sicuramente dei mesi", senza escludere che possa protrarsi "per anni". Casi della malattia, ha aggiunto, "sono ormai stati riscontrati in tutti i dieci dipartimenti nei quali é suddiviso il paese". A rendere note le manifestazioni di ieri sono state in particolare le emittenti locali.
Secondo Radio Metropole, a Cap-Haitien "migliaia di persone si sono riversate nelle strade, criticando la gestione dell'epidemia da parte delle autorità e chiedendo la partenza dei soldati della missione dell'Onu". Proprio a causa dei disordini, la città è rimasta "paralizzata", ha aggiunto l'emittente, precisando che i manifestanti "hanno lanciato sassi e bruciato pneumatici".

A intervenire, bloccando le proteste, sono stati poi gli uomini della polizia e della Minustah, la missione Onu per la stabilizzazione del paese, che hanno lanciato gas lacrimogeni. Ormai da tempo circola nel paese l'ipotesi - sostenuta anche da alcuni studiosi - che i responsabili dell'epidemia possano essere i militari del Nepal che fanno parte del contingente Onu e che sono di stanza nei pressi del fiume Artibonite, nord del paese, l'area dove è cominciata l'epidemia. Nell'isola di Hispaniola da decenni non si registravano casi di colera. La malattia è invece relativamente più presente in Nepal.
Il ministero dell'educazione ha d'altra parte lanciato una campagna di sensibilizzazione sulla malattia in tutto il Paese.
La situazione haitiana viene in particolare seguita attentamente dalla confinante Repubblica Dominicana. La polizia inviata da Port-au-Prince ha oggi bloccato a Dajabon, alla frontiera, l'ingresso nella Repubblica Domenicana di centinaia di haitiani, che come ogni lunedì intendevano attraversare il confine per vendere i propri prodotti nei mercati locali.

Proseguono d'altra parte in tutto il paese i preparativi in vista delle elezioni presidenziali e legislative in programma il 28 novembre. Secondo alcuni esperti, il voto dovrebbe essere rinviato e il governo dovrebbe concentrare i propri sforzi proprio sull'emergenza colera, e sugli aiuti e la ricostruzione del Paese dopo il mega-terremoto dello scorso 12 gennaio, nel quale hanno perso la vita circa 250 mila persone.

Fonte: AmericaOggi.info

The Republic of Haiti is a Caribbean country. It was the first independent nation in Latin America and the first black-led republic in the world. Despite these facts, Haiti is the poorest country in the Western Hemisphere. On January 12, 2010, a 7.0 magnitude earthquake struck Haiti and devastated the capital city of Port-au-Prince. Reportedly, more than 150,000 (source: RussiaToday — 20.02.2010) people were killed and many buildings were destroyed and damaged in the quake.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 16/11/2010 @ 15:00:59, in it - Osservatorio Globale, read 2192 times)

Afghanistan: trent’anni di guerra e di obiettivi geostrategici e politici che sono nettamente diversi da ciò che danno a intendere i discorsi ufficiali. Se sotto il regime talebano la produzione di oppiacei era stata quasi completamente sradicata, oggi raggiunge invece diverse migliaia di tonnellate all’anno, da quando Hamid Karzai presiede al destino del Paese. Un traffico che si misura in miliardi di dollari e il cui controllo, molto lucrativo, si dimostra uno degli “obiettivi nascosti” della guerra. E’ quel che ci ricorda Rimbus, il nostro blogger francese, con questo post che evoca irresistibilmente la favola dell’apprendista stregone incapace di ammaestrare i mostri che ha creato…

Campo di papaveri. Foto: Arthur Chapman, Flickr, sotto licenza CC

Ieri il presidente Hamid Karzai ha protestato energicamente contro un’operazione antidroga condotta in sinergia dall’Alleanza Atlantica e la Russia in Afghanistan, che egli qualifica come una violazione della sovranità.

“Nessuna istituzione è autorizzata a condurre una tale operazione in territorio afghano senza previo consenso del governo”, afferma la presidenza afghana in un comunicato. “Tali operazioni condotte senza la coordinazione sbeffeggiano palesemente lo stato sovrano. L’Afghanistan risponderà con fermezza a qualunque reiterazione di un simile atto.”

Oppio…

L’Afghanistan, primo produttore mondiale di oppio (quasi 7000 tonnellate all’anno), viene preso nella trappola della sua dipendenza da questa droga millenaria. L’oppio è talmente presente negli ingranaggi dell’economia del Paese che le voci fanno del suo presidente un drogato, e i suoi fratelli sono sospettati di essere i primi trafficanti del Paese. In certe province produttrici di papaveri (Badakhshan, in terra Tadjik e soprattutto Helmand, in terra Pashtun), la pasta marrone rimpiazza anche i soldi. L’ONU stima che l’8% della popolazione sia dipendente da oppiacei.

In queste condizioni risulta comprensibile la reazione di Hamid Karzai: attaccare la coltura del papavero porterebbe alla rovina i coltivatori, attaccare il traffico rovinerebbe i negoziati coi capi della guerra che lo controllano, e un caos economico (il mercato dell’oppio rappresenta un terzo del PIL afghano, quasi 3 miliardi di dollari) andrebbe ad aggiungersi alle disgrazie di una popolazione già distrutta da trent’anni di guerra.

Come si è arrivati a tutto questo?

Sequestro di oppio in Afghanistan. Foto: Caporale Sean K. Harp, Forze Aeree USA, pubblico dominio.

L’oppio veniva utilizzato da sempre in Afghanistan, ma in modo moderato e come medicinale, con una produzione locale.

L’invasione sovietica del 1979 ha cambiato le carte in tavola. A quell’epoca la coltura del papavero si è fortemente sviluppata presso i mudjahiddin, a un ritmo che corrispondeva al loro bisogno di armamenti moderni (missili anti-elicottero Stinger).

L’uso dell’oppio per destabilizzare il nemico è un grande classico. La guerra dell’oppio condotta dagli Inglesi per indebolire la Cina all’inizio del XX secolo ne è un esempio. Incitare i contadini afghani a piantare il papavero da oppio aveva un duplice effetto: intossicare i soldati russi e generare miliardi di dollari.

Secondo l’universitario canadese Michel Chossudovsky, l’economia afghana della droga è stato un progetto concepito minuziosamente dalla CIA, con l’assistenza della politica estera americana e nel 1995 l’ex direttore delle operazioni della CIA in Afghanistan, Charles Cogan, ha ammesso che la CIA aveva in effetti sacrificato “la guerra alla droga alla Guerra Fredda” (fonte).

Perciò, dopo aver favorito la nascita dell’islamismo, gli apprendisti stregoni dello spionaggio americano avrebbero fatto dell’Afghanistan il primo produttore mondiale di droga.

Come nei peggiori film dell’orrore, spesso i mostri fuggono dai loro creatori. La probabile sconfitta delle truppe della coalizione occidentale non potrà impedire il ritorno al potere dei principali capi della guerra afghani, e l’economia della droga è lontana dall’essere sradicata.

Mentre il regime dittatoriale dei talebani aveva fatto abbassare radicalmente il traffico di oppio nel 2001, l’invasione occidentale ha fatto ripartire la produzione a pieno ritmo.

Non bisogna certo vedere una teoria del complotto dietro questi errori che sono oggi i principali pericoli che minacciano la nostra società (terrorismo islamico e tossicomania), ma piuttosto il segno di una politica incosciente e di una visione a breve termine, che non calcola gli effetti della sua incompetenza.

Il discorso ufficiale che vorrebbe farci credere che i nostri eserciti che aiutano gli Afghani è abbastanza cinico da parte di coloro che hanno completamente distrutto questo Paese. Ciò che questa guerra avrà ottenuto, sarà il reinsediarsi di un narco-regime per mano di un governo fantoccio.

Scritto da Rimbus sul suo blog, 31/10/2010 - Tradotto da Sara Gianfelici. Vedere post originale in francese. Fonte: e-blogs.wikio.it

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 16/11/2010 @ 13:00:43, in ro - Stiinta si Societate, read 1075 times)

Nimeni nu crede ca valoarea si notorietatea sunt doua fete ale aceluiasi taler. Traim azi într-o era a notorietatii, ba chiar unii au ajuns sa spuna ca daca nu ai notorietate nu existi. O idee ridicola pe care, iata, revista „Magazin”, care în acest an a implinit o jumatate de secol de existenta, poate sa o infirme cu lejeritate. Valoarea traieste în umbra anonimatului si doar ochii iscoditori si inteligenti, în cazul revistei „Magazin”, ai cititorilor, o pot descoperi. Ca pe un diamant în mijlocul unui munte de cenusa. Si revista noastra are cititori care o citesc si azi, asa cum o citeau si în 1957. Si ce este asta, daca nu un semn al valorii?

 Cum vedeti, in paginile de remember, „Magazin” a fost si a ramas, si dupa 50 de ani, o revista care aduce în fata omuluiinteligent, dornic de informare reala si consistenta, spectacolul cunoasterii umane. Gratie si sutelor de semnaturi apartinand unor autori de reala suprafata intelectuala (si i-am aminti aici pe Victor Kernbach, Dorel Dorian, Ion Tugui, Coman Sova, Catinca Muscan, Aurel Dragos Munteanu etc.). La care se adauga cei pe care îi cititi în ultimi 10 ani. La jubileul revistei „Magazin”, putem spune ca ei sunt valoarea noastra incontestabila si notorietatea noastra decenta. Speram ca aceleasi cuvinte sa fim în stare sa le rostim si peste alti 50 de ani...

Autor: GEORGE CUSNARENCU - Sursa: magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

... CONTINUES.

Consider, for example, the wheel. Mary Bellis, credited by Forbes Best of the Web for her contribution of information about inventors and inventions, states in an article at about.com that the wheel was very likely first invented in 3500 BC in Mesopotamia (Bellis). Inventions prior to this had, for the most part, been very basic extensions of the human being such as bone, stone, or wooden tools used to carry out tasks the fingernails or arms alone could not. As such, the inventor of the wheel did not have a previous model to work from. As Ricky Gervais says in his comedy special “Animals”, “…it’s not like he saw some on holiday and went ‘that would be good …’ he made it up!” Despite the comedic nature of Gervais’s comments, he makes an astute point about the basis of original thought. A truly novel concept does not draw from previous findings and does not have a parallel in precedent. While the wheel was also “invented” by other civilizations, the precedent had already been set in Mesopotamia, nullifying the novelty in the larger scheme of things. These latter inventors are akin to children, who believe that they are the original creators of ways to get around the rules, in that they perceive themselves to be thinking originally in that respect. In a closed system, certainly they may be thinking quite originally. However, as is often stated by the children’s parents, the concepts are not in and of themselves novel. The phrase used by my parents around my house when I was a child was “I pulled the same stunts at your age; don’t think you’re so smart.”

In considering scientific discovery in the light of these definitions and examples, a marked distinction is made: the difference between the aforementioned concepts, and that of the connection of ideas associated with scientific discovery itself. This process is neither truly original as in the case of the invention of the wheel, nor is it original in perception as in the case of the child’s isolated system. While Merriam-Webster defines discovery as “the act or process of obtaining sight or knowledge of for the first time”, implying that discovery is a process based in originality, I believe this definition to be imprecise when applied to the products of science. I am referring to the body of scientific discoveries which, whether by accident as in the case of chewing gum, or by the fruition of directed and applied research as in the case of the laser, are made by following the scientific method. Merriam-Webster defines this method as “principles and procedures for the systematic pursuit of knowledge involving the recognition and formulation of a problem, the collection of data through observation and experiment, and the formulation and testing of hypotheses”. This definition, along with several examples, will help to further illustrate the difference to which I refer.

TO BE CONTINUED ...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 16/11/2010 @ 08:00:19, in it - Scienze e Societa, read 3141 times)

In posizione spettacolare, dominata dalla imponente parete nord del monte Civetta, Alleghe ridente località dell'Agordino è uno dei centri turistici più importanti delle Dolomiti, forte di una ottima posizione geografica, equidistante tra Cortina, Canazei e San Martino di Castrozza, in grado di soddisfare la voglia di montagna di tutti gli appassionati, sia per l'estate che per la sua offerta di piste ed impianti della stagione invernale. Alleghe si trova a poco meno di mille metri d'altitudine, nella vallata del Torrente Cordevole che proprio in questa parte del suo percorso si allarga a formare un pittoresco lago, formatosi nel lontano 1771 a causa di una catastrofica frana che ostruì il percorso del torrente.

Sicuramente il lago è oggi un motivo di attrazione e richiamo turistico, ma è indubbio che l'11 gennaio del 1771 l'evento franoso fu una vera catastrofe per alleghe che subì gravi danni. La stessa parrocchiale che possiamo ammirare oggi fu ricostruita proprio dopo l'evento franoso del 18° secolo. L'aspetto che colpisce maggiormente il visitatore è comunque il versante nord del Civetta, la “parete delle pareti” come amano chiamarla i locali, e non stupisce che la tradizione più radicata di Alleghe sia proprio l'alpinismo, e il primo sviluppo turistico della città fu proprio con la creazione degli alberghi con vista lago, che accoglievano gli appassionati di montagna che volevano cimentarsi con la grande parete nord del Civetta.

La parete nord della montagna chiamata la Zuita, in dialetto locale, è una cascata verticale di roccia che compie un balzo di oltre un chilometro di altezza ed un fronte di circa 4.000 metri. Fu conquistata verso la metà dell'800 ed è attraversata da alcune vie famose ed impegnative che richiamano numerosi appassionati di montagna. Se la parete nord è pane per gli alpinisti più esperti, l'ascesa pur impegnativa, può essere compiuta sul lato orientale e la ferrata degli Alleghesi è una di queste, che conduce con un percorso attrezzato fino alla cima della montagna posta a 3.220 di altitudine. Da qui passa anche l' Alta via delle Dolomiti n°1 e non distante dalla vetta si trova il rifugio Torrani posto a 2.984 metri di quota.

Se d'estate Alleghe è il regno degli alpinisti e degli amanti del trekking, in inverno arrivano gli appassionati della neve che qui trovano il Comprensorio Sciistico del Civetta, con una offerta di quasi 100 km di piste che collegano le località di Alleghe con Zoldo Alto, e le altre località della Valzoldana- Val Fiorentina con Selva di Cadore e Palafavera e. Il centro sciistico è collegato al Dolomiti Superski e l'offerta comprende 27 impianti di risalita, con ottime portate orarie e quindi con ridotto problema di code ed affollamento agli impianti. Le piste vanno da una quota minima di 1.000 metri fino ai 2100 metri del monte Fernazza. Da Alleghe si sale sui Piani di Pezze e poi da li ci si collega alle altre piste del comprensorio. Presso la cima La Tiezza si trova uno Snow Park. Alleghe comunque non rimane distante da Arabba e ci collega quindi facilmente al celebre Sella Ronda Tour.

Il centro città offre un dopo sci con un parecchie possibilità. Molto noto è il Palaghiaccio di Alleghe, in riva al lago, dove trascorrere serate pattinando, oppure assistendo agli spettacolari incontri di hockey su ghiaccio, o partecipare alle escursioni notturne in motoslitta con cena in rifugio. Ovviamente, se non sapete rinunciare allo sci anche nel dopo cena, il comprensorio offre 5 km di pista perfettamente illuminate fino alle 23.

Appuntamenti e manifestazioni ad Alleghe.
Alcuni eventi sportivi richiamano numerosi visitatori durante la stagione estiva: sono la Transcivetta, una competizione di corsa in montagna con un dislivello totale di 1.950 m, che la rende davvero impegnativa. Ad essa, per gli appassionati di mountain bike si è aggiunta la gran fondo internazionale della Civetta Superbike, che si tiene ad agosto, con un percorso di 45 km, ridotti a 21 nella pedalata non competitiva.

Alleghe, clima e meteorologia.
L'inverno ad Alleghe presenta temperature rigide, e non stupisce che il lago si presenti ghiacciato. La temperatura media tra dicembre e febbraio rimane sempre negativa, e le minime più basse si raggiungono a gennaio, con una media di -9 °C. In primavera si ha un rapido recupero delle temperature che a fine aprile raggiungono già valori massimi prossimi ai 15 °C. L'apeci del caldo si ha in estate ed in particolare nel mese di luglio con massime intorno ai 24 °C e minime comprese tra i 10-11 °C. L'estate è il periodo più piovoso, anche se le piogge abbondanti si concentrano in episodi temporaleschi in genere di breve durata. Anche l'autunno è abbastanza piovoso, con peggioramenti in genere di più lunga durata.

E' facile e veloce arrivare ad Alleghe, se si proviene da sud basta seguire l'autostrada A27 che collega Venezia a Belluno. Arrivati a Ponte nelle Alpi si esce per il capoluogo di provincia e per la strada regionale 204 in direzione di Agordo. Una volta raggiunta la valle del Cordevole si segue la SR 203 in direzione nord oltrepassando Agordo e Ciancenighe, arrivando quindi ad Alleghe. Un percorso alternativo è quello che si segue dall'autostrada del Brennero A22, seguendo poi per la Val di Fassa. Da Moena, il percorso più rapido, si utilizza il passo S. Pellegrino, da Canazei si sale sul passo Fedaia (Marmolada) e si scende ad Arabba, Caprile (Colle Santa Lucia) fino ad arrivare ad Alleghe. Per chi proviene da Cortina d'Ampezzo il percorso più diretto è dato dal passo di Giau, in alternativa si può utilizzare il passo Falzarego.

Fonte: ilturista.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Multi cunoscuti ne-au întrebat, pe mine si pe Mircea Badea, ce am urmărit prin organizarea de nebuni, fără suport logistic ori sustinere institutională, a mitingului de protest împotriva CNA si, mai ales, la finalul manifestatiei, dacă ne-am atins scopul. Ce-am urmărit e simplu: să arătăm că, dacă altii nu dau o para chioară pe libertatea de exprimare si (în general) pe democratie, nouă ne pasă. Pentru că, desi suntem dezamăgiti, n-am murit sufleteste. Am vrută să se vadă si să se simtă că, într-o tară din ce în ce mai inertă, unde drepturile si libertătile cetătenesti (recâstigate cu sânge prin Revolutia din Decembrie ’89) sunt tratate ca un moft, avem puterea să strigăm pentru ele, să ni le apărăm când le simtim amenintate si, pe deasupra, că suntem în stare să mai si mobilizăm alti oameni. Nu neapărat pentru noi, fiindcă suntem băieti mari si am demonstrat că stim să ne descurcăm cu succes în jungla care a devenit mass-media, ci mai ales pentru ei. Fiindcă la dreptul lor de a-si alege emisiunile si realizatorii preferati atentează CNA. For care, asa cum se apără vinovat, într-adevăr, nu cenzurează direct; deocamdată, fiindcă nu are încă instrumentul legal. Dar care a încercat (slavă Domnului, fără succes) să desfiinteze, pe cale administrativă, o televiziune si îneacă în amenzi nesimtite, întru sufocare financiară si intimidare, posturile tv care nu se prosternează în fata puterii portocalii.

N-avem valente de lideri politici, nici măcar intentii de a ne îndrepta către acea lume. Dacă am fi vrut asta, ne plictiseam, amândoi, demult, prin Casa Poporului ascultând cuvântările căznit responsabile ale presedintelui Băsescu si numărând în paralel cu fenomenul mondial al matematicii Alma-Roberta voturile absentilor. Dar, asa nepriceputi în ale aglomerărilor cum suntem noi, considerăm o realizare faptul că o mare de oameni (în nici un caz 500, asa cum eficient a lansat în media propaganda pixelului albastru, care, în căutarea drogurilor din subsoluri, a descoperit autocare cu pensionari si elevi) a demonstrat, în Piata Constitutiei, că nu suntem în integralitate un popor de oi, că nu se poate scrie cu toti oamenii din tara asta, în tarcuri bine izolate, “Trăiască Băsescu”. Si, da, din punctul ăsta de vedere, ne-am atins scopul. Fiindcă am reusit să mobilizăm, în mijlocul săptămânii, la orele prânzului, într-o perioadă mohorâtă din punct de vedere social, la o adunare populară curată, unde nu s-au avansat revendicări salariale si nu s-au împărtit cupoane de mici si bere, ci s-a strigat anti-cenzură si pentru libertate, oameni frumosi. Multi său putini? Depinde de baza de raportare. Noi zicem că măcar atâtia câti aducea cu autocarele Mantog, pe bani si zile libere, de la complexurile energetice, la mitingurile electorale ale candidatului Băsescu.

Pentru prima oară după intrarea-n democratie, lumea s-a strâns într-un loc public exclusiv pentru apărarea unor drepturi si principii, nu mânată de vreo revendicare de natură economico-socială concretă. A fost civism, a fost decentă, a fost curătenie, s-a respectat legea, iar autoritătile s-au comportat asa cum ar trebui să o facă de obicei: discret si eficient. Cei care dau măcar două parale pe cuplul Badea-Ciutacu s-au manifestat exact asa cum ne-am dorit: impecabil, ireprosabil. Motiv pentru care facem o reverentă publică în fata lor si le multumim pentru că au făcut ca, măcar o zi, să ne simtim bine în tara noastră.

Sursa: VictorCiutacu.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 15/11/2010 @ 15:00:21, in it - Osservatorio Globale, read 1784 times)

maurizio-gasparri

C’è qualcosa di incredibile, dal punto di vista logico e culturale, nella reazione di Gasparri e di altri allo spot che chiede la legalizzazione dell’eutanasia.

Leggetele bene, le dichiarazioni originali, su un sito che non possono certo smentire, quello del loro partito. Dice Gasparri che vuole «un intervento immediato per sospendere la messa in onda in Italia dello spot» in quanto «l’eutanasia nel nostro paese é un reato». Gli fa eco l’onorevole Bertolini che pure vuole proibire la diffusione del video perché «non si puo’ propagandare quello che in Italia é vietato dalla legge».

Attenzione, perché è una logica allucinante. Lo spot chiede appunto che sia cambiata la legge. Non invita a praticare di nascosto l’eutanasia, a compiere un reato: lancia una campagna pubblica per cambiare una legge.

Con la logica di Gasparri e Bertolini, dovrebbe essere proibita qualsiasi campagna per modificare una legge. Se è vietata la fecondazione eterologa, ad esempio, con questa logica non si può fare uno spot per la liberalizzazione delle fecondazione eterologa, perché la fecondazione eterologa è reato.

In pratica, si confonde il divieto all’azione (l’eutanasia) con il divieto a chiedere una modifica legislativa che renda legale l’azione.

Silenziare e censurare chi vuole cambiare una legge è semplicemente, banalmente, fascista.

Fonte: gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it

Per concludere vi lasciamo con queste parole di Bertold Brecht:

"Prima di tutto vennero a prendere gli zingari e fui contento perchè rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto perchè mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali e fui sollevato perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti ed io non dissi niente perchè non ero comunista.

Un giorno vennero a prendere me e non c’era rimasto nessuno a protestare."

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 1109 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

Warren vows to 'fix' racial inequality as Democrats vie for black support

Handful of Hong Kong protesters surrender as university siege staggers on

U.S. warships sail in disputed South China Sea amid tensions

China urges United States to stop provocative acts in South China Sea

Shifting asylum 'burden,' U.S. sends Guatemala first Honduran migrant

Microsoft granted license to export 'mass-market' software to Huawei

Ultimele articole - Antena3.roHOROSCOP. Sfatul Arhanghelului Mihail pentru zodii 22 noiembrie. Gemenii sunt creativi, Sagetatorii trebuie sa înve?e sa râda

HOROSCOP 22 NOIEMBRIE. Scorpionii se simt debusola?i, Gemenii î?i fac planuri de viitor

CALENDAR ORTODOX 22 NOIEMBRIE. Ce sfin?i sunt sarbatori?i astazi

Eleva din Bacau a primit într-o zi un mesaj ciudat pe o re?ea de socializare. A decis sa raspunda. A fost momentul când pentru ea avea sa înceapa co?marul

Secretarul general al PNL, despre Iohannis: Este un om al carui destin a fost scris de Dumnezeu! Mircea Badea: Nimeni nu vede monstruozitatea asta?

HOROSCOP. Ele sunt zodiile cu care te potrive?ti cel mai bine pentru o partida de amor





22/11/2019 @ 03:46:54
script eseguito in 966 ms