Immagine
 Trilingual World Observatory: italiano, english, română. GLOBAL NEWS & more... di Redazione
   
 
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
By Admin (from 08/11/2010 @ 11:00:14, in en - Science and Society, read 1424 times)

For years I just sort of assumed that cells were self-reproducing blobs of protein. Maybe you did too. Turns out they’re way smarter than that. You will be amazed at this video. Dr. Bonnie Bassler from Princeton University presents a beautiful TED talk on how bacteria communicate with each other by forming words out of simple molecules.

She also explains…

  • How bacteria strategize together on how to ‘take down’ their host
  • Elegant systems of bioluminescence
  • Symbiotic relationships between organisms
  • Cells speak multiple languages

Enjoy this remarkable presentation.

Source: cosmicfingerprints.com

Further Reading: Nature Magazine on the sophisticated community behavior of Myxobacteria

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Passeggiare in montagna è sempre un’esperienza unica, in ogni periodo dell’anno: colori, luci, profumi e suoni sono esperienze che parlano all’anima, difficili da raccontare. In estate, nei pascoli, il tintinnio dei campanacci si unisce al gorgogliare argentino dei torrenti, mentre i fiori alpini e le conifere diffondono nell’aria gli odori della libertà; in inverno la neve crea una coltre silenziosa, che rende i suoni ovattati, e l’unico rumore è il fruscio degli scii sulle piste. Questo accade nella parte settentrionale del Trentino Alto Adige, nella Provincia Autonoma di Bolzano, intorno al comune di San Martino in Badia.

Con 1730 abitanti circa, le stradicciole tortuose e i tetti appuntiti, San Martino in Badia è un grazioso borgo montano, dominato dalla quiete tipica dei paradisi di pace e, allo stesso tempo, dall’ospitalità e la vivacità che si addicono a una rinomata meta turistica. In ogni stagione si assiste alla creazione di scenari straordinari: il paese è sempre un piccolo gioiello, pronto a stupire i visitatori con testimonianze storico-artistiche nascoste nel centro, abbracciato da una natura selvaggia che regala giornate indimenticabili all’insegna del relax o dell’emozione.

Trascorrere una vacanza a San Martino in Badia (St. Martin in Thurn) è un’ottima idea per chi ama l’ambiente, la vita dinamica e le atmosfere rilassanti: benché la stagione più gettonata sia l’inverno, grazie alle piste da sci che si snodano nei dintorni del paese, sarebbe un peccato escludere a priori la bella stagione, con la sua lucentezza e gli itinerari mozzafiato tra i boschi e le montagne. Ad avvolgere un paesaggio magnifico c’è il tipico clima alpino, che regala inverni all’insegna della neve e estati tutte da esplorare: le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di -9°C a una massima di 0°C, mentre in luglio e agosto, i mesi più caldi, si passa dai 9°C ai 21°C. Luglio e agosto, con una media di 102-109 mm di pioggia, sono anche i mesi più colpiti dalle precipitazioni.

Il paradiso di sciatori e snowboarder è Antermoia, la frazione più famosa di San Martino in Badia: è qui che parte la sciovia con cui si possono raggiungere le piste. E’ facile e veloce arrivare alle prime discese, quelle più semplici e adatte ai principianti, mentre a 10 km di distanza si estendono i tracciati dell’area Dolomiti Superski, con la mole imponente del Plan de Corones, e delll’Alta Badia. Alle piste dedicate allo sci classico si affiancano gli spazi per lo slittino e per lo sci di fondo, senza dimenticare le piste da pattinaggio nel cuore del paese.

Quando le temperature iniziano ad alzarsi e le nevi si ritirano, rivelando il verde smeraldino di pascoli e montagne, ci si può avventurare lungo innumerevoli sentieri o fare delle avventurose escursioni a cavallo. Da non perdere l’escursione a piedi lungo i Monti Pallidi, le passeggiate nel Parco Nazionale Puez/Odle o verso il Passo delle Erbe.

E se gli scorci panoramici non vi bastassero, la natura che circonda San Martino vi concede un altro regalo: nel territorio affiorano delle preziose sorgenti termali, note sin dai primi anni dell’Ottocento. L’acqua della zona è classificata come solfato-bicarbonato-alcalino-terroso-fluorurata, è fredda, salata e dal gusto amaro, ed è utilizzata per la cura di malattie reumatiche, cutanee, ginecologiche, vascolari e nervose.

Dopo aver riconosciuto i meriti della natura, che ha saputo creare in Val Badia un paesaggio lussureggiante e maestoso, è il momento di scoprire le piccole opere d’arte realizzate dall’uomo:San Martino in Badia vanta una lunga storia, fatta di tradizioni popolari e usanze vivaci, una gastronomia deliziosa e un’ospitalità che mette tutti a proprio agio. Il paese è spesso definito “la culla della cultura ladina”, ed è infatti sede dell’Istituto Culturale Ladino e del Museum Ladin presso il Ciastel del Tor: qui si possono conoscere da vicino la cultura, la storia, la lingua e i costumi della popolazione più antica e affascinante delle Alpi. Da non perdere la Valle dei Mulini, nella frazione di Longiarù, con un sentiero che per oltre un chilometro si snoda nella campagna e tocca gli otto mulini della zona, tutti ristrutturati e aperti alle visite.

Anche le manifestazioni confermano la ricchezza delle tradizioni locali, e un periodo particolarmente vivace è quello delle feste natalizie. Tra le occasioni più attese c’è il concerto di ottoni che si tiene la sera della vigilia nella chiesa parrocchiale di Longiarù, ma anche il famoso Interski-Show del 29 dicembre, una fiaccolata spettacolare seguita da fuochi d’artificio lungo le piste di Antermoia, che culmina con la degustazione di dolciumi e vin brulé. Un’altra fiaccolata si tiene la sera del 31 dicembre, con partenza al Ciastel del Tor e spettacolo pirotecnico sotto il castello.

Per raggiungere San Martino in Badia ci sono diverse possibilità. Chi viaggia in auto deve prendere l’autostrada del Brennero A22 fino al casello di Bressanone, percorrere la strada statale 49 della Val Pusteria e girare ai bivi per San Lorenzo e Picolino. Chi prende il treno può contare sulla linea ferroviaria Lienz-Fortezza, che tocca varie località della vallata, mentre gli aeroporti più vicini sono quelli di Bolzano, Venezia, Verona e Innsbruck (Austria), rispettivamente a 91 km, 192 km, 236 km e 117 km circa. 

Fonte: ilturista.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 07/11/2010 @ 13:00:46, in ro - Stiinta si Societate, read 1217 times)

 Spre dezamagirea pasionatilor de mistere si a celor care nu cred ca suntem singuri in Univers, cautarile unor eventuale civilizatii extraterestre, incepute de catre savantii americani acum mai bine de trei decenii, in cadrul programului SETI, nu au dus, pana in prezent la nici un rezultat notabil. Absolut tuturor surselor radio receptionate in acest interval li s-a gasit o origine explicabila si niciuna nu a fost clar desemnata ca fiind de origine inteligenta. Desigur, aceasta nu inseamna ca n-ar putea exista, intr-adevar, fiinte extraterestre, cu atat mai mult cu cat premisa aparitiei lor pare sa existe...

Cine spune acest lucru? Chiar specialistii de la Observatorul Astronomic Arecibo, din Puerto Rico, cel mai mare din lume. Saptamana trecuta, ei au anuntat descoperirea, intr-un disc de materie cosmica din jurul unei stele situate la circa 220 ani lumina de Terra, a substantelor chimice care au ajutat la crearea vietii pe planeta albastra. Este pentru prima oara cand aceste „caramizi ale vietii” au fost detectate in afara sistemului nostru solar.

Pulberea respectiva, de culoare rosiatica, a fost detectata de telescopul Hubble in preajma unei stele tinere, numite HR 4796A. Aceasta se gaseste in Centaurus, o constelatie vizibila mai ales din emisfera sudica si are o vechime de doar opt milioane de ani – parand un „bebelus” printre celelalte astre din Univers. Steaua este de 20 de ori mai stralucitoare decat Soarele nostru si se gaseste in ultimele stadii ale formarii sistemului sau planetar.

Viata nu e un „accident” petrecut doar pe Pamant

 Astronomii americani sunt de parere ca pulberea respectiva ar fi fost creata de coliziunile dintre numeroasele comete si asteroizi ce orbiteaza in jurul stelei. O analiza detaliata a relevat ca pulberea contine molecule organice de carbon de mari dimensiuni, numite tholini. Despre acestea se crede ca ar fi existat si pe Pamant, in urma cu miliarde de ani si ar fi creat „biomoleculele” absolut necesare aparitiei formelor primitive de viata. In prezent, tholinii nu se mai formeaza in mod natural pe planeta noastra, intrucat ar fi imediat distrusi de oxigenul din atmosfera.

Totusi, prezenta lor a fost detectata in alte regiuni din sistemul solar, inclusiv pe comete si pe satelitul lui Saturn, Titan, unde dau atmosferei locale o tenta rosiatica. Multi experti afirma ca asteroizii si cometele purtatoare de tholini ar fi semanat semintele vietii pe Pamant, acum patru miliarde de ani si ar putea face acelasi lucru pe planetele in formare, in jurul stelei HR 4796A.

Vorbind la conferinta Societatii Americane de Astronomie, desfasurata la Austin, Texas, dr Christopher Salter, astronom la Observatorul Arecibo, a precizat ca descoperirea demonstreaza faptul ca acele „caramizi ale vietii” ar putea aparea in Univers pe scara mult mai larga decat se credea pana in prezent si ca, prin urmare, viata nu este doar un „accident” petrecut pe planeta Pamant.

„Aceste ingrediente ale vietii par sa fie prezente in cantitati vaste, pe orice stea al carei sistem solar este in formare. Posibilitatea ca ulterior pe acele planete sa ia nastere viata este mai mare decit ne-am putea imagina. Studierea unor sisteme solare precum acesta ne-ar putea oferi noi indicii pentru intelegerea conditiilor in care planetele se formeaza iar viata poate evolua”, spune Salter.

Autor: GABRIEL TUDOR - Revista Magazin

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 07/11/2010 @ 11:00:35, in en - Video Alert, read 2580 times)

J.D. gets assigned an important board member, Jordan Sullivan, as a patient. Elliot is treating Dr. Greenberg, a shrink, who is confined to wearing mouth protection which keeps him from speaking. Elliot talks to him about her problems.

 

Meanwhile, Turk spends the night at Carla's apartment, but her mother, who is visiting, storms the room and yells at Turk because they are not married. Turk tells Carla that he will never spend the night at her house again.

 

Jordan seduces J.D.
 

Dr. Cox is still suspended, which Dr. Kelso finds very amusing. J.D. wants to ask Jordan if she could help out Dr. Cox, but he finds her packing and ready to leave. He gets mad, which Jordan finds very hot, so she tells him to take his pants off. They sleep together. When Elliot wants to talk to Dr. Greenberg again, she finds out that he has been released, which makes her sad. After spending the night at Turk's apartment, Carla gets a call from the hospital that her mother has broken her leg.

 

After sleeping with Jordan, J.D. wants to introduce her to Dr. Cox, but Cox informs him that Jordan is his ex-wife. J.D. feels immediately guilty for sleeping with Jordan, but decides not to tell Dr. Cox what happened. Later, J.D. tells Dr. Cox that Jordan could help him get back from suspension, but he doesn't want that because he hates her. Elliot calls her mom who doesn't really listen to her problems, and Carla is angry at Turk, blaming him for her mother's accident. It is up to Dr. Cox to convince her that it had not been Turk's fault.

 

J.D. asks Jordan if she would help Perry, while Turk tells Elliot that he had once seen a therapist and it had helped him a lot. Then Carla tells Turk that she wants to spend the night at Turk's place because her mother is at the hospital. The board meeting ends with a cheerful Dr. Cox. He was not fired, which Dr. Kelso is not pleased with. At the end, Elliot goes to see Dr. Greenberg as a patient and Dr. Cox thanks J.D. for helping him after all, while looking at old pictures of happy times with his ex-wife.

Read more: http://scrubs.wikia.com/wiki/My_Bad#ixzz13Smt12ny

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 07/11/2010 @ 08:00:02, in it - Scienze e Societa, read 2833 times)

Posta quasi in fondo a quella che gli abitanti chiamano affettuosamente la Valletta ai piedi delle cime del gruppo del Cevedale ed all’interno del Parco nazionale dello Stelvio, dotata di una storica fonte termale, stazione sciistica fin dagli anni sessanta, divisa tra gli abitati di paio Fonti e Peio Paese si presenta come una località di vacanza a tutto tondo dove posso trascorrere un piacevole soggiorno in ogni stagione.

Estate a Peio (Pejo) significa innanzitutto natura la posizione nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio che ne fa base di partenza ideale per escursioni naturalistiche ad osservare la flora e la fauna; gli ambienti vanno dal prato adibito a pascolo fino ai ghiacciai passando per meravigliosi laghetti e malghe. Infatti quando mi muovo per qualche escursione non posso dimenticare di portare con me la macchina fotografi e se possibile anche un buon binocolo e sostare in osservazioni, sicuramente potrò osservare qualche capriolo al pascolo, dei timidi camosci che mangiano l’erbette che crescono tra i sassi, oppure una curiosa marmotta, questi sono solo alcuni esempi degli incontri che si possono fare passeggiando tra i prati e i boschi. Le passeggiate che non si possono assolutamente trascurare sono per chi non vuole camminare tanto è sicuramente una puntata al lago di Pian Palù, si tratta di una camminata di circa mezzora su comodo sentiero che ci porta sulle rive del lago artificiale di Pian Palù, il sentiero che corre lungo la riva è anche interessante perché sono ancora visibili i resti dell’attività mineraria che si svolgeva sul versante nord della valle.

Altra passeggiata facile ma che richiede almeno una giornata è il circuito del rifugio Cevedale-Lago del Careser, si va in macchina fino alla centrane elettrica di Malga Mare e da qui si sale lungo il fianco della Val Venezia, caratterizzata dalla morfologia glaciale e dal panorama mozzafiato verso i ghiacciai del Cevedale, fino ai 2600 metri del rifugio Cevedale, qui si risale ancora per qualche centinaio di metri fino al Lago delle Marmotte e da qui sempre in costa fino al Lago del Careser, si attraversa la diga dando anche uno sguardo al ghiacciaio omonimo e si scende rapidamente fino a Malga Mare. Un'altra escursione che si svolge su sentiero, ma tocca quote piuttosto alte è la salita al Rifugio Mantova al Vioz, dalla stazione a monte della seggiovia del Doss dei Gembri, si percorre un sentiero ben segnalato che girando intorno al picco del Dente del Vioz ci porta agli oltre 3400 metri del Rifugio Mantova, questo itinerario non ha paerticolari difficoltà di tipo alpinistico, ma data la quota elevata bisogna essere ben allenati e sempre attenti alle variazioni del tempo che possono essere particolarmente brusche.

I provetti alpinisti invece non si fanno generalmente mancare, tempo permettendo, la traversata delle tredici cime, questo itinerario da farsi sempre accompagnati da una guida alpina, si svolge tutto sulla cresta che unisce la cime principali del gruppo del Cevedale a quote quasi sempre oltre i 3000 metri in in ambiente unico nelle alpi.

Presso l'ufficio visitatori del Parco Nazionale dello Stelvio è a disposizione materiale illustrativo sulla flora e la fauna del parco, spesso vengono organizzate serate a tema e inoltre le guardie del parco organizzano sia in estate che in inverno interessanti escursioni che ci portano negli angoli più reconditi della valle alla scoperta delle bellezze naturalistiche della montagna.

La stagione invernale di Pejo (Peio) offre ai turisti una buona rete d'impianti e piste che si snodano ai piedi del monte Vioz e sono costituite da una telecabina ad agganciamento automatico, tre seggiovie e una sciovia, più un tapis roulant per i più piccini in località Tarlenta. Le piste quasi tutte di livello medio facile, scendono dai 2300 metri del Doss dei Gembri fino ai 1400 metri di Peio Fonti, anchi gli sciatori esperti trovano comunque due piste nere il Canalone e la Delle Gole sulle quali cimentarsi in strette serpentine. Il futuro di questa località è destinato a nuova luce quando verrà completato il progetto del Funifor che raggiungerà i quasi tremila metri del vecchio rifugio Mantova riaprendo agli sciatori la valle della Mite arrivando ad offrire un dislivello sciabile di oltre 1500 metri, servito solo da due moderni e rapidi impianti.

L'esposizione delle piste sempre al sole è particolarmente gradita alle famiglie che facendo base in uno dei rifugi dell'area trascorrono una giornata sulla neve gradita da sciatori e non sciatori.

Moltissime sono le passeggiate che si possono fare nella stagione invernale calzando un buon paio di “ciaspole”, nelle notti di luna piena spesso vengono organizzate uscite al chiaro di luna accompagnati dalle guardie del parco o dalle guide apine.

Lo sci nordico in valle si pratica a Cogolo dove sono tracciati alcuni anelli nella piana di fondovalle, nei pressi dello skilift Biancaneve.

Capitolo a parte lo meritano le acque della Val di Pejo, infatti sono ben due e fonti più note: la Fonte Alpina oligominerale sfruttata commercialmente e distribuita con buona diffusione sul territorio nazionale e valorizzata dal residuo fisso molto basso e l'Antica Fonte. L'acqua dell'Antica Fonte, effervescente naturale con un contenuto di anidride carbonica e ferro che la rendono particolarmente indicata a risolvere problemi di carenza di ferro. Presso il centro termale sono possibili tutti i tipi di terapia legati alle caratteristiche dell'acqua dell'Antica Fonte, e inoltre che non necessita della terapia ti tipo termale può invece usufruire del centro benessere annesso alle terme dove troverà vasche idromassaggio, una piscina, bagno turco ed un centro massaggi nel quale mani esperte provvederanno a rilassare i muscoli stancati da una giornata di attività all'aria aperta.

Tutta la valle è ricca di fontanini dai quali sgorgano acque generalmente ferrugginose e gasate, ma dal gusto differente dato dall'estrema varietà mineralogica delle rocce del gruppo del Cevedale.

Tutta la val di Peio è dotata di un'ottima ricettività caratterizzata da alberghi di medio piccole dimensioni dove l'ospite viene accolto, viziato e coccolato, nei ristoranti posso gustare l'ottima cucina solandra tra le cui specialità spiccano dopo un ottimo tagliere di affettati della valle, gli strangolapreti, gnocchetti verdi da gustare con burro e salvia e la carne salada, da assaporare cotta o cruda il tutto seguito da una bella coppa di panna montata ai frutti di bosco.

La val di Pejo può essere raggiunta uscendo dall'autostrada del Brennero al casello di San Michele-Mezzocorona e percorrendo il corso del Noce che attraversa la val di Non e la val di Sole, oppure risalendo la val Camonica e valicando il passo del Tonale. Chi invece sceglie il treno utilizzerà la ferrovia del Brennero fino a Trento e da qui salirà sul trenino della ferrovia Trento-Malè che risalendo la valle tra boschi e meleti lo porterà fino alla stazione di Mezzana-Marilleva dove un comodo servizio di autocorriere in coincidenza con il treno completerà gli ultimi dieci chilometri che mancano per giungere a destinazione.

Fonte: ilturista.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 06/11/2010 @ 13:00:42, in ro - Observator Global, read 1535 times)

 Traim intr-un anume timp si loc, descoperim istoria sau o construim (obiectiv ori subiectiv, in functie de interese), atunci cand nu avem informatiile necesare pentru a lega intre ele verigile. Raman insa – si sunt pastrate intr-un anonimat bine controlat – numeroase elemente concrete, pe care nici un om de pe planeta nu le poate explica logic. Nu, cel putin la nivelul perceptiei cu cele (numai) cinci simturi, pe care credem ca le avem in dotare. Numai daca nu cumva aceste simturi sunt mai multe si informatiile, fara indoiala, vor fi fiind mult mai numeroase si mai concludente.

Destinul final al civilizatiilor „gresite” sunt cataclismele

Am in fata o carte scrisa de doi cercetatori romani, despre care am mai amintit in revista „Magazin” – Stefan si Claudiu Sgandar. Sigur, nimeni pe lumea asta nu are acces la informatii complete despre trecutul imemorial al Pamantului. (Sau, poate ca da?) Totusi, un capitol realizat de autorii amintiti incearca sa aduca impreuna fragmente din imaginile unor lumi neverosimil de vechi, despre care insa... avem dovezi. Inexplicabile, desigur! Atlantida a devenit, din pacate, un subiect oarecum demonetizat, tocmai prin vulgarizarea sa; in romane, in filme, in ipoteze fals stiintifice.

Continentul Mu isi pastreaza inca aura de mister. Americanul James Churchward, dupa decenii de cercetari in toata lumea (baza concluziilor sale este manuscrisul mayas numit „Codex Troanus”), crede ca acest teritoriu situat odinioara in fabuloasa zona a Pacificului, unde putem spune ca misterele se tin lant, a fost spulberat fara mila. Cauza, ca si in cazul Atlantidei, ar fi un cataclism colosal, desfasurat extrem de rapid („intr-o singura noapte”), tocmai cand civilizatia respectiva ajunsese la apogeu. De ce?

Exista „un Dumnezeu” care nu ne suporta progresul?

Nu luati intrebarea aceasta ca pe o blasfemie. Daca am fost creati de Divinitatea unica si am fost lasati sa ne dezvoltam – cu bunele si cu (foarte) relele noastre –, atunci de ce tocmai civilizatiile avansate pier, dupa cum se spune, in urma unei pedepse dumnezeiesti? Asta, daca se intampla chiar asa, desigur. De ce-si pun amintitii cercetatori romani asemenea intrebari? Exemple

Pe Insula Pastelui, foarte redusa ca suprafata, s-au gasit morminte acoperite cu platforme datand dintr-o epoca indepartata si continand schelete ale unei populatii disparute, ca si statuile gigantice ori tablitele cu scrierea rongo-rongo, inca nedescifrata. Nu la distante enorme – in Pitcairn, Raivane, Tahiti si Moorea – s-au descoperit statui asemanatoare, insa mai mici. Pe de alta parte, lingvistii sustin ca exista si similitudini intre limbile localnicilor din regiunile respective.

„Opinia noastra este ca aceste asemanari nu pot sa confirme decat cel mult emigrarea populatiei polineziene intr-o epoca relativ apropiata, si nu faptul ca ar reprezenta ramasitele unei culturi unice a continentului disparut.” – afirma Stefan si Claudiu Sgandar. Care sa fie adevarul? Deocamdata, in ciuda unor marturii palpabile (pe care, e drept, nu le putem interpreta, cu tot progresul civilizatiei noastre), „stim ca nu stim nimic”!

Autor: ADRIAN-NICOLAE POPESCU - Sursa: magazin.ro

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 06/11/2010 @ 11:00:05, in en - Video Alert, read 1391 times)

A teenager's parents have arranged a visit from "The Rock" for their son in the hospital, but the boy, Jared, points out that he'd rather see a girl's breasts. J.D. tries to convince Elliot to flash Jared. He then pages Dr. Kelso because a procedure was scheduled for a patient (Mr. Martinez) even though he was already dead.

Dr. Cox becomes mad at J.D. because Mr. Martinez's insurance would have been enough to pay for a procedure scheduled for Mrs. Blitt, who can't afford it. J.D. still thinks he did the right thing, and he is rewarded by Dr. Kelso with an invitation to a round of golf in the afternoon.

 

Elliot shows Jared her breasts
 

Elliot decides to fulfill Jared's wish. She later complains that none of her patients are improving, but then Nurse Roberts enters the break room and tells her that Jared is doing much better. Elliot now believes that seeing her breasts helped Jared. She later flashes a coma patient, which results in a major increase of his heart rate.

Turk wants to buy a pen for Carla, but he doesn't have time to buy one. So he takes one out of the "Lost-and-Found-Box ", wraps it and gives it to Carla. Later, he is shown some X-rays from people who had various objects in their colons. Laverne tells him that there is an "ass-box" where they keep the objects found in patients' colons, but there is no lost-and-found box. Turk realizes that the pen he got for Carla was an "ass pen." He tries to get to Carla before she opens the gift, but he is too late.

 

When J.D. gets to the golf course, he is surprised to find Dr. Cox there as well. Through the course of the game, Dr. Cox tries to convince J.D. that a patient's well-being matters more than the hospital's funds, while Dr. Kelso tries to convince him that the hospital cannot function without money. In the end, J.D. decides that Dr. Cox is right. Dr. Kelso discovers that Dr. Cox lied about Mr. Martinez and suspends him.

 

Later, Dr. Cox has a dying patient and is about to pronounce him when Elliot walks into the room and lifts her shirt up. After a moment of awkward silence, Dr. Cox pronounces the deceased.

 

That night, Turk tells Carla the truth about the pen. She is angry at first, but then realizes that Turk holds openness and honesty over sex, and she takes him to bed.


Read more: http://scrubs.wikia.com/wiki/My_Two_Dads#ixzz13Sm5MmcU

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 06/11/2010 @ 08:00:46, in it - Scienze e Societa, read 2054 times)

Brunico (Bruneck) deve le sue fortune alla sua splendida posizione geografica: già nella protostoria la sua regione presentava testimonianze di insediamenti, con tracce lasciate nell’età del bronzo e del ferro, ma anche in epoca romana la valle Pusteria era attraversata da una importante via di comunicazione.
Brunico si trova infatti nel cuore della Val Pusteria, la valle disegnata dal fiume Rienza, là dove vanno a convergere la Val Badia proveniente dai massicci dolomitici e la val di Tures - Valle Aurina che si apre direttamente sotto la vetta d’Italia. Oggigiorno però l’importanza della sua posizione è accresciuta dalla presenza di Plan de Corones (Kronplatz), una montagna che è diventata uno dei comprensori sciistici più importanti d’Europa e del mondo intero.


Per gli appassionati di sci Brunico è famosa come punto di partenza per salire alle piste di Plan de Corones, Kronpklatz in tedesco. Gli impianti si trovano appena a sud di Brunico, presso la località di Riscone (Reischsch) da dove si può utilizzare due telecabine ciascuna suddivisa in due tratte che conduce ai 2275 m della vetta. Qui si trova la celebre campana Concordia 2000 che batte la sua nuota tutti i mercoledì, i venerdì ed i sabato alla 12:10 in punto, ma che è destinata a battere anche per le eventuali, ed auspicate, notizie di pace provenienti dal mondo.
Plan de Corones oltre a presentare impianti perfettamente tenuti è anche un luogo di grandi panorami ed è molto apprezzato anche da chi non pratica lo sci o lo snowboard, e la cabinovia principale è aperta anche durante la stagione estiva.

Tra le altre attrattive naturali di Brunico segnaliamo il particolare fenomeno delle Piramidi di Terra, delle forme di erosione causate da terreni incoerenti in cui si trovano anche massi di certe dimensioni: la pioggia erode i terreni, ma là dove si trova un sasso più grande si forma una sorta di ombrello naturale che protegge l’erosioe e crea dei pinnacoli di terreno molto suggestivo. Questo fenomeno si può ammirare nei pressi di Brunico in due zone distinte: nel comune di Perca, ad est di Bruneck, con le Piramidi di Plata, e tra Brunico e Bressanone presso il villaggio di Terento.

Un'escursione interessante è quella che conduce al Castello di Chela posto un´altitudine di quasi 1200 a nord-est della città, ora solamente una rovina ma di grande fascino e ricco di storia. Le sue origini sono antiche visto che le fondamenta furono gettate da S. Albuino, poco prima dell’anno 1000. Sempre in zona sono da segnalare i i villaggi di S. Caterina e S. Giorgio, posti praticamente all’imbocco della valle di Tures. Risalendo quest’ultima si arriva c Campo Tures, dominato dal celebre Castello Neumelans. Risalendo ulteriormente la valle si raggiunge la Val Aurina, magicamente incorniciata dai contrafforti dello spartiacque alpino, e la Vetta d’Italia, il punto geografico più a nord del nostro paese, che chiude la sua testata.

Tra gli eventi ricordiamo il famoso Mercatino di Natale di Brunico, luogo dove fare shopping durante il periodo dell’avvento, specie se siete innamorati del magnifico artigianato del sudtirolo e dei manufatti in legno. La manifestazione si svolge presso la Piazza del municipio e nella adiacente via Bastioni. In genere la durata del Mercatino di Natale va da fine novembre fino all’Epifania, con esclusione del giorno di Natale.

Brunico si raggiunge utilizzando l’autostrada del Sole A22. Risalendola a nord di Bolzano si supera l’uscita della Val Gardena e si esce a Bressanone (Brixen). Da qui si seguono le indicazioni per la Pustertal – val Pusteria e in meno di 30 km di ondulato fondovalle si raggiunge il centro di Brunico. In alternativa, per chi proviene dalle parte più orientali del nord-est, si può raggiungere la città risalendo da Tolmezzo a Sappada, superare il passo di Croce Complico e scendere in valle Pusteria presso Dobbiaco (Toblach). Da qui ci sono poco più di 25 km per arrivare fino a Bruneck. In alternativa Brunico può essere raggiunta anche in treno.

Brunico si trova a 838 m sul livello del mare, ed è quindi una località di villeggiatura posta ad una quota intermedia. Per la stagione estiva questa significa una valore di temperature gradevole, mai eccessivamente caldo o troppo fresco, con una bella illuminazione della valle che garantisce tante ore di luce. la regione intorno alla città possiede comunque un clima continentale umido, che in estate è caratterizzato da apporti consistenti di precipitazioni anche se il loro carattere temporalesco concede spazio a schiarite e giornate limpide. Le massime raggiungono i questo periodo valori intorno mediamente ai 20 °C e punte fino a 24-25 °C e rari picchi fino a 28-30 °C.
Il clima continentale rende fredda la stagione invernale anche se più avara di precipitazioni rispetto alle altre stagioni. Le minime in valle scendono a valori decisamente sotto gli zero gradi (-5 / -7 °C) a causa delle frequenti inversioni termiche, e il passaggio delle perturbazioni atmosferiche comportano la caduta di precipitazioni, spesso a carattere nevoso.

Brunico è dominata dal suo Castello che si erge circa una trentina più in alto dell’abitato, in sinistra idrografica del fiume Rienza. Da notare in questa costruzione originaria del tredicesimo-quattordicesimo secolo il bel maschio merlato, e nelle vicinanze un interessante cimitero di guerra nelle vicinanze (waldfriedhof), che accoglie i caduti della Prima Guerra Mondiale.
Il centro è pulito ed ordinato e verte intorno alla via di Città, il cuore del centro storico con case tipiche del sud-tirolo e negozi dove fare shopping. Appena a nord di Brunico, presso la frazione di Teodone si trova l’interessante Museo Provinciale degli Usi e Costumi (Mair am Hof), ambientato in una residenza storica ricostruisce gli ambienti tipici delle attività della val Pusteria, con edifici attrezzi e manufatti di utilizzo domestico.

Fonte: ilturista.info

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 05/11/2010 @ 15:32:44, in ro - TV Network, read 1463 times)

Mircea Badea ne prezinta un sms prin care a fost amenintat, primit de la de la un telespectator care s-a semnat N. Iorga.

Mircea Badea ne prezinta biletelul care anunta soferi din zona sediului CNA de protestul lui.

Mircea Badea despre membrul CNA Dan Grigore care este de parere ca nu este normal ca un realizator tv sa cheme telespectatori la miting.

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
By Admin (from 05/11/2010 @ 13:00:21, in en - Video Alert, read 1305 times)

J.D., Turk and Elliot each get a patient. Statistically, one of these three is going to die. J.D.'s patient is a 74-year old woman, Mrs. Tanner. Turk has to perform surgery on David Morrison, and Elliot's patient, Mrs. Guerrero, only speaks Spanish.

 

All three of them try to get close to their patients and talk to them. Mrs. Tanner at one time leaves the hospital to celebrate her granddaughter's birthday in the park. J.D. goes there and takes her back to the hospital. Turk and David watch a classic football game on TV and Elliot learns some Spanish from Carla to be able to talk to Mrs. Guerrero.

 

In the end, all three of the patients die and the young doctors have their first experience with death. Mrs. Tanner chooses to die because she thinks she is old enough and doesn't want to have dialysis, while Turk's and Elliot's patients died due to their sickness and the doctors couldn't do anything to save them.


Read more: http://scrubs.wikia.com/wiki/My_Old_Lady#ixzz13SkeD2k1

 

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2491 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Titolo
en - Global Observatory (605)
en - Science and Society (594)
en - Video Alert (346)
it - Osservatorio Globale (503)
it - Scienze e Societa (555)
it - Video Alerta (132)
ro - Observator Global (399)
ro - Stiinta si Societate (467)
ro - TV Network (149)
z - Games Giochi Jocuri (68)

Catalogati per mese - Filed by month - Arhivate pe luni:

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti - Last comments - Ultimele comentarii:
Hi, it's Nathan!Pretty much everyone is using voice search with their Siri/Google/Alexa to ask for services and products now, and next year, it'll be EVERYONE of your customers. Imagine what you are ...
15/01/2019 @ 17:58:25
By Nathan
Now Colorado is one love, I'm already packing suitcases;)
14/01/2018 @ 16:07:36
By Napasechnik
Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch since I found it for him smile So let me rephrase that Thank you for lunch! Whenever you ha...
21/11/2016 @ 09:41:39
By Anonimo


Titolo

Latest NEWS @
www.TurismoAssociati.it

Non-Hodgkin lymphoma cured by CANNABIS. The video of Stan and Barb Rutner.

Dr. Joycelyn Elders, U.S. surgeon general: Myths About Medical Marijuana in The Providence Journal, 2004.

Marihuana vindeca CANCERUL: marturii despre uleiul de cocos si canabis.

Yahoo Incorporated Mail. My account recovery information is incorrect. The Password Helper says my password can't be reset online. "First time signing in here?" message.

All information in a video about Donatio Mortis Causa and The Venus Project

What is TOR browser?

China says hopes to reach phased trade pact with U.S. as early as possible

Exclusive: Satellite images reveal China's aircraft carrier 'factory,' analysts say

Pence to urge Turkey to halt Syria offensive as threat of further sanctions loom

Hungary would have to 'use force' to fend off new wave of migrants: PM

Exclusive: Iran-backed militias deployed snipers in Iraq protests - sources

Protest against separatists' sentencing sets Barcelona streets ablaze

Ultimele articole - Antena3.roDrama „5 Minute”, regizata de Dan Chi?u, premiera mondiala astazi la Var?ovia IFF

HOROSCOP. Sufletul tau pereche în func?ie de zodie. Descopera cine este jumatatea ta adevarata

Antonia a fost în club, iar apoi a plecat la o sala de bowling. Fata de 20 de ani a fost umilita ?i violata. Tânara nu a facut fa?a celor petrecute ?i a recurs la un gest extrem

Amalia ar fi putut sa para mama ideala. La 47 de ani, femeia se distra cot la cot cu prietenii fiului sau. În realitate, petrecerile sfâr?eau în dormitorul ei cu partide de amor fierbin?i. Detalii nea?teptate au ie?it la iveala în timpul anchetei

DIETA. Se bea timp de 12 zile ?i te ajuta sa slabe?i 5 kilograme. Cum se prepara elixirul magic

Mihai Fifor: „Iohannis vrea sa va prosteasca atunci când se jura ca pensiile ?i salariile nu vor fi taiate. E o mare pacaleala!”





17/10/2019 @ 10:47:11
script eseguito in 1031 ms